Capitolo 1. Problemi di macroeconomia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 1. Problemi di macroeconomia"

Transcript

1 Capitolo 1 Problemi di macroeconomia Nella macroeconomia si studiano i problemi di un sistema economico a livello aggregato; nell ambito del corso si evidenziano, in particolare, le cause che possono influenzare l andamento del reddito, il pieno impiego delle risorse e la determinazione del livello generale dei prezzi. A seconda delle diverse interpretazioni teoriche è possibile ipotizzare interventi diretti a modificare l andamento previsto e a migliorare le performance del sistema e, possibilmente, la situazione economica degli operatori. 1.1 PIL e tasso di crescita. Il PIL, Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali, prodotti da un sistema economico in un determinato periodo di tempo. Si tratta di una misura di flusso che indica la variazione di valore nel tempo, in genere nell anno solare; il sistema economico si riferisce ovviamente all ambito territoriale che può essere più o meno ampio, la regione Calabria il Mezzogiorno l Italia i paesi dell Unione Europea etc.; si considerano solo beni e servizi finali per evitare sopravvalutazioni che si potrebbero verificare considerando prodotti che entrano nella produzione di altri beni, come ad es. il frumento la farina e la pasta; si misura in termini di valore cioè di quantità per i relativi prezzi; per evitare che la crescita del PIL nominale, determinata da un eccessivo aumento dei prezzi, possa

2 2 Mario Oteri essere scambiata per una crescita reale della quantità dei beni prodotti, si fa riferimento a serie misurate a prezzi costanti Il PIL nel lungo periodo. Il PIL, e specificamente il suo tasso di crescita, è considerato un indicatore del livello di benessere di un sistema economico, visto che misura un aumento della quantità di beni e servizi a disposizione dei consumatori per soddisfare i loro bisogni. Ad esempio in Italia il PIL reale è aumentato di oltre quattro volte fra il 1960 e il 2001, passando da circa ,00 miliardi di euro a più di un ,00 di miliardi di euro; un incremento notevole che dà una misura sintetica, anche se molto approssimativa, della grande trasformazione che il paese ha avuto in questo periodo. Crescita evidenziata dall aumento di tre volte della produttività del lavoro ( da a euro) nonostante una consistente contrazione dell orario di lavoro, e da un analogo aumento del prodotto pro-capite (da a euro). Tab Prodotto Interno Lordo. Italia (Composizione percentuale. Vari Anni) Settore Agricoltura Silvicoltura Industria e costruzioni 12, , Servizi e P.A. 48, Totale

3 Problemi di macroeconomia 3 Ovviamente l aumento non è solo quantitativo ma è anche qualitativo, pensiamo all insieme dei beni che oggi esistono e che quarant anni fa, nel 1960, non esistevano come il personal computer ed internet, ma anche la grande disponibilità di prodotti alimentari, di abitazioni, di servizi sanitari, scolastici etc.. Nel complesso una grande trasformazione del sistema economico che si è attuato in un arco temporale che possiamo chiamare lungo periodo. Questo grande incremento della quantità prodotta si è basato su profonde trasformazioni del sistema produttivo. Per limitarci alla composizione del Pil si può osservare che è sensibilmente cambiato il peso dei diversi settori produttivi, agricoltura industria e servizi. Ancora nel 1960 il 12,50% del prodotto era realizzato dal settore dell agricoltura, il 38% dal settore industriale, e il 48% dal settore dei servizi e della pubblica amministrazione. Una struttura produttiva in via di trasformazione che ha visto il settore agricolo pesare sempre meno: dal 12,50% nel 1960, al 6% nel 1971, al 3% del Pil nel 2001, al 2% nel Questo non significa che la produzione del settore agricolo si sia ridotta, al contrario la produzione agricola è cresciuta in valore assoluto così come è aumentato l insieme delle produzioni degli altri settori, e soddisfa ampiamente le esigenze di alimentazione della popolazione nazionale. Anche il settore industriale pesa sempre meno, la produzione di beni manufatti è andata riducendosi in termini percentuali sulla produzione nazionale, passando dal 38,6% nel 1960 al 34% nel 1971 al 29% nel 2001, al 27% nel 2008, mentre è aumentata la produzione di servizi, che comprende anche la pubblica amministrazione, i servizi bancari e assicurativi, che sono passati dal 48,9% nel 1960 al 60% nel 1971, al 68% nel 2001, al 71% nel Una grande trasformazione del nostro paese che è passato da una struttura produttiva basata sull agricoltura, ad una incentrata sull industria per arrivare infine ad una struttura produttiva essenzialmente di servizi.

4 4 Mario Oteri Se in cinquant anni l economia italiana ha fatto registrare nel complesso una crescita consistente del PIL, con un analisi più attenta si possono evidenziare andamenti diversi nei vari periodi. Infatti se, pur nell ambito dello stesso lungo periodo, si considerano periodi di tempo più brevi si può notare una costante diminuzione dei tassi medi di crescita del PIL sino ad un livello prossimo alla stagnazione. Consideriamo in particolare quattro periodi : il primo rappresenta il periodo della ricostruzione e del boom dell economia italiana; il secondo rappresenta il periodo della grande crisi internazionale determinata dall aumento del prezzo del petrolio; il terzo periodo rappresenta un periodo di grande trasformazione nell economia internazionale con la crescente integrazione dei mercati, la liberalizzazione dei mercati finanziari e monetari, la ricerca di nuovi assetti nel sistema monetario internazionale; l ultimo periodo si riferisce alla attivazione dell Unione Economica e Monetaria fra i paesi europei, alla globalizzazione dei mercati e al sorgere della Cina e dell India come nuove potenze economiche. Nel primo periodo, , il tasso medio annuo di crescita è stato del 5,3%; nel periodo ha sempre continuato a crescere ma in misura inferiore pari al 3,2%. Fra il 1983 e il 2000, il tasso di crescita è ulteriormente diminuito e si è collocato in media al 1,6%. Tra il 2001 e il 2008 del tasso di crescita del PIL in Italia è stato in media dello 0,94%. L incremento del prodotto che è stato particolarmente rilevante nell arco di quarant anni, ha fatto registrare in effetti, nel tempo, tassi medi di crescita sempre più bassi. Anzi alcuni autori hanno parlato con riferimento agli anni più recenti, dagli anni '90 in poi, di declino dell economia italiana, che non avrebbe più la forza di crescere e di tenere il passo con gli altri paesi industriali.il fatto che il tasso di crescita del PIL in Italia sia andato diminuendo, ha anche delle spiegazioni ovvie, sia con riferimento al periodo che nel confronto con gli altri paesi. Infatti se consideriamo il tasso di crescita medio dal 1951, il primo anno che segna la ripresa dopo la fine della seconda

5 Problemi di macroeconomia 5 guerra mondiale, al 1972 possiamo notare che i tassi di crescita più elevati si sono verificati proprio nei paesi che hanno perso la guerra, il tasso più elevato è quello del Giappone 9,4% e subito dopo quello della Germania 5,7%, l Italia 5,3%, la Francia 5%, gli Stati uniti 3,9% e il Regno unito il 2,8%. 6 PIL Italia tassi medi periodi Come mai questi paesi hanno avuto i tassi d incremento dal reddito più elevati? Una prima spiegazione è meramente quantitativa. Questi paesi che per motivi bellici hanno subito distruzioni rilevanti ed hanno avuto un crollo dell attività produttiva sono partiti da zero o da valori negativi del tasso di crescita, di conseguenza un piccolo aumento di produzione ha significato un incremento particolarmente rilevante in termini percentuali; mentre economie come quelle degli Stati Uniti, che alla fine della seconda guerra mondiale erano economie dal punto di vista produttivo non solo integre ma a pieno regime, avevano il problema della riconversione, cioè di passare da una economia di guerra a una economia di pace. Gli Stati Uniti producevano infatti armi, materiale bellico, viveri e mezzi, sostenendo anche lo sforzo bellico dei loro alleati, con un grande impegno

6 6 Mario Oteri produttivo: per essi il problema era quello di tornare ad un economia di pace senza fare crollare l attività produttiva. L altra spiegazione, che non va dimenticata, è che in questo secondo dopoguerra la scelta economica del paese vincitore, del paese economicamente dominante che erano ovviamente gli Stati Uniti, fu una scelta opposta a quella dei paesi vincitori del primo conflitto mondiale. Nel primo dopoguerra i paesi vincitori imposero alla Germania il pagamento in oro delle sanzioni di guerra, cioè il pagamento delle spese di guerra, contribuendo, da un lato, al depauperamento economico del paese, alla grande inflazione e al sorgere del nazismo in Germania e ponendo, allo stesso tempo, grossi limiti alla riconversione produttiva e alla ripresa dei paesi vincitori. Nel secondo dopoguerra la posizione degli Stati Uniti,invece, fu quella di sostenere il reddito dei paesi che avevano partecipato alla guerra, compresi quelli che l avevano persa. Si mise in piedi un piano di aiuti internazionali, per quanto riguarda l Europa il Piano Marshall, che, nella logica delle teorie keynesiane, si basava sui crediti che gli Stati Uniti facevano agli altri paesi per acquistare prodotti americani. Quindi, allo stesso tempo gli Stati Uniti prestavano i fondi e vendevano i prodotti, cioè mettevano a disposizione i mezzi per acquistare i loro prodotti. Questo meccanismo ha permesso agli altri paesi di ricostruire le loro economie e di rimettere in moto l attività economica, portando ad un periodo di grande crescita per l economia mondiale, o perlomeno una parte dell economia mondiale. Va anche precisato che chi costruisce nuove attività, nuovi impianti, può adottare le tecniche più produttive, i ritrovati e i prodotti più recenti, e quindi può avere tassi di crescita iniziali molto elevati, produttività molto elevata. Questo può contribuire a spiegare il forte incremento del tasso di produzione dell Italia e degli altri paesi che avevano perso la guerra o che, come la Francia, erano stati territorio di belligeranza. Negli anni seguenti a partire dal 1973 i tassi di crescita del PIL cominciano a diminuire. In quell anno si verifica la prima crisi

7 Problemi di macroeconomia 7 petrolifera: il prezzo del petrolio cresce bruscamente mettendo in crisi l economia dei paesi industriali che utilizzavano, e continuano a utilizzare, il petrolio come materia prima; questi paesi si trovano improvvisamente a pagare una tassa petrolifera, una tassa che va al di fuori del paese verso i paesi produttori. Questi paesi produttori, come l Arabia Saudita o gli emirati arabi, possono spendere solo una parte di questi fondi per acquistare prodotti dai paesi industriali, perché sono piccoli paesi, con livelli di popolazione poco consistenti, strutture sociali ed economiche poco sviluppate. Questa grande ricchezza, che si trasferisce dai paesi industriali ai paesi produttori di petrolio, non ritorna in termini di domanda di prodotti, ma piuttosto in termini di strumenti finanziari, di capitali che a livello internazionale cominciano a muoversi, a fare prestiti, ad acquistare imprese, cambia la distribuzione della ricchezza e la sua utilizzazione a livello internazionale. La prima reazione dei paesi industriali alla crisi petrolifera è quella di far pagare gli altri, cercando di esportare di più per pagare le importazioni di petrolio; ma non è possibile esportare tutti di più!! Alla fine nessuno riesce a farlo e i prezzi dei prodotti in competizione finiscono con il crollare con danno per tutti. In questo periodo i tassi di crescita del PIL dei paesi industriali diminuiscono rapidamente e arrivano anche per alcuni di essi, fra i quali l Italia, a valori negativi. Dopo il secondo shock petrolifero del 1980, la situazione cambia. Negli Stati Uniti c è la presidenza Reagan, il dollaro è forte, il prezzo del petrolio cala, si cominciano a globalizzare i mercati, si determina una consistente liberalizzazione nel movimento dei capitali. In questo periodo si rimette in moto l economia americana mentre il tasso di crescita del PIL in Italia si riduce ulteriormente. Negli anni novanta l andamento dell economia degli Stati Uniti e del Regno Unito comincia a differenziarsi rispetto a quello dell economia tedesca, dei paesi europei e del Giappone. Il tasso di crescita degli Stati Uniti segna una media annua del 3,2% e nel Regno unito del 2,7% media annua, mentre in Italia è dell 1,6%, in Germania dell 1,3% e in Giappone dell 1%. In questi anni gli Stati Uniti vivono

8 8 Mario Oteri una grande trasformazione legata alla nuova economia dell informazione: l informatica che agli inizi degli anni 80 era usata principalmente per scopi bellici, viene applicata alla produzione civile, viene utilizzata dalle famiglie. Allo stesso tempo negli Stati Uniti e nel Regno Unito si realizza una forte liberalizzazione dei mercati, e specificamente del mercato del lavoro. I paesi europei, e specificamente l'economia tedesca ( che deve affrontare il costo della riunificazione), e l'economia giapponese fanno registrare invece in questi anni tassi di crescita più bassi. Le spiegazioni del rallentamento nei tassi di crescita sono diverse per i singoli paesi, ma hanno in comune una scarsa flessibilità del mercato del lavoro che, per garantire lo stato sociale, finirebbe con il sacrificare la crescita economica e l'occupazione. In questo contesto di rallentamento dei tassi di crescita del PIL che interessa tutti i paesi dell'unione, l'italia si distingue per avere avuto a partire dal 1992 tassi di crescita inferiori alla media europea. In effetti il tasso di crescita dell'economia italiana si presenta inferiore non solo rispetto a quelli di paesi come la Spagna, il Portogallo, l Irlanda, che partendo da livelli di reddito bassi hanno avuto in questi anni grandi incrementi nei tassi di crescita, ma anche nei confronti di paesi come la Germania e la Francia che dopo anni di crisi, sembrano avere imboccato la via della ripresa. L'andamento degli anni novanta dipende innanzitutto dalle scelte e dagli impegni assunti dai singoli paesi europei per aderire all'unione Economica e Monetaria, che hanno portato all'adozione di politiche restrittive necessarie per rientrare nei parametri di Maastricht. Allo stesso tempo i paesi europei si sono trovati a competere in un mondo globalizzato dove stanno emergendo nuove realtà economiche, come la Cina e l'india, che hanno un costo del lavoro molto minore. In questo contesto le economie più dinamiche competono in termini di produttività, in termini di qualità dei servizi, quindi si spostano in settori all avanguardia, realizzano grandi innovazioni nei processi produttivi, adottano tecniche nuove per poter competere. L'economia italiana, invece, stenta ad abbandonare i "vecchi" modelli di produzione basati su tecnologie intermedie e bassi

9 Problemi di macroeconomia 9 costi del lavoro e ad inoltrarsi nei nuovi settori produttivi. Da ciò l'ipotesi di un "declino" dell'economia italiana che alcuni economisti hanno sostenuto in questi anni Il PIL nel breve periodo. Mentre nel lungo periodo il PIL si presenta nel complesso crescente, quando consideriamo periodi di tempo più brevi l'andamento economico si presenta molto più articolato: a fasi di ripresa e di boom si susseguono fasi di recessione e di crisi che possono essere più o meno accentuate e avere una durata più o meno ampia. Questo susseguirsi di fasi di espansione e recessione è noto come ciclo economico che viene descritto in modo stilizzato in relazione all andamento del tasso di crescita (g) : A) si ha una fase di ripresa quando l economia inizia a riprendersi dopo una fase di stagnazione e il tasso di crescita, che ha fatto registrare valori negativi, comincia a crescere; B) si determina una fase di boom, o di espansione, quando si verifica un utilizzazione molto accentuata delle risorse e il sistema si avvicina al pieno impiego. Il tasso di crescita aumenta a tassi crescenti. Figura Andamento congiunturale g g potenziale B C D g effettivo A Tempo

10 10 Mario Oteri C) quando le risorse sono pienamente impiegate e il livello di reddito raggiunge il massimo, l attività produttiva comincia a rallentare e il tasso di crescita aumenta a tassi decrescenti e tende a zero. Siamo in fase di rallentamento: il livello di produzione ha raggiunto l espansione massima. D) con la recessione e la crisi il tasso di crescita del PIL diventa negativo: le imprese cominciano a ridurre la produzione e l utilizzazione delle risorse fermando gli impianti e licenziando lavoratori Nella realtà le fasi del ciclo economico sono molto diverse per durata e dimensioni. Come si può vedere dalla figura il tasso di crescita del PIL in Italia, fra il 1983 e il 2009, presenta un andamento discontinuo con fasi di ampiezza più o meno grande e con tassi di crescita che possono variare sostanzialmente raggiungendo anche livelli negativi. In particolare il tasso di crescita si presenta prossimo allo zero nel 1997 e nel 2002 e negativo nel 1983 e, specialmente, nel 1993 quando la lira fu sottoposta a un forte attacco speculativo. Ma il crollo più rilevante si registra a partire dal 2008, con una caduta prossima al 6%. Questo andamento fluttuante è l andamento normale del ciclo economico, che può avere punte di crisi particolarmente rilevanti e avvitarsi su se stesso, come è successo con la grande depressione del In un contesto di crisi si riduce la produzione, aumenta la disoccupazione e si creano tensioni sociali. Nel boom si possono avere altri tipi di tensione, come un forte aumento del livello generale dei prezzi, l'inflazione, che può generare distorsioni nel funzionamento del sistema dei prezzi e nella distribuzione dei redditi. Gli economisti ritengono che l'andamento del tasso di crescita della produzione, nel breve periodo, dipenda essenzialmente da variazioni nella crescita

11 Problemi di macroeconomia 11 della domanda aggregata, cioè della spesa che gli operatori fanno per acquisire beni e servizi sul mercato. Se infatti si determina un aumento della spesa le imprese saranno indotte ad accrescere la produzione e, quindi, l'impiego delle risorse. (Figura 1.1.2) Tasso di crescita del PIL in Italia Analogamente se si verifica un calo della domanda aggregata le imprese si troveranno con un aumento nella quantità di prodotti invenduti, il c.d. aumento delle scorte, e sono indotte a ridurre l'impiego delle risorse per ridimensionare la produzione in eccesso. Nel breve periodo, quindi, il livello di produzione si muove nella stessa direzione della domanda aggregata. Tuttavia un continuo incremento della domanda aggregata non può portare ad un aumento continuo della produzione: se non si accresce la capacità produttiva del

12 12 Mario Oteri sistema, aumentando le risorse impiegate o accrescendo la produttività di quelle esistenti, il sistema economico non sarà in grado di accrescere il prodotto in termini reali oltre un certo limite, definito prodotto potenziale, che indica la capacità massima di produzione realizzabile con l'impiego delle risorse disponibili. Gli economisti distinguono fra crescita effettiva e crescita potenziale indicando, con la prima, il tasso di crescita effettivamente realizzato in un sistema economico e, con la seconda definizione, il tasso di crescita massimo che si può ottenere con il pieno impiego delle risorse esistenti. Se il tasso di crescita effettivo è al di sotto di quello potenziale è chiaro che nel sistema economico vi saranno risorse produttive non utilizzate è sarà, quindi, possibile accrescere il loro impiego con un incremento della domanda aggregata. Al contrario se il tasso di crescita effettivo è uguale al tasso potenziale tutte le risorse produttive saranno impiegate e si potrà accrescere la produzione soltanto accrescendo la capacità produttiva. Un aumento della capacità produttiva dipende da un aumento nella dotazione delle risorse disponibili o da un aumento della loro produttività. Il livello di produzione dipende innanzitutto dallo stock di capitale esistente, cioè dalla quantità di beni ( impianti, macchinari etc. ) che servono a produrre altri beni e servizi. In effetti nelle moderne economie industriali esiste un rapporto abbastanza stabile fra capitale e prodotto ( k = K/Y ): in genere la quantità di capitale necessaria, in media, a produrre una unità di prodotto è pari a 4. Questo vuol dire che occorrono quattro unità di nuovo capitale per ottenere un unità aggiuntiva di prodotto. Per accrescere il capitale occorre, d altra parte, destinare una parte del reddito agli investimenti piuttosto che ai consumi; se si dovesse investire il 20% del PIL (i) per accrescere lo stock di capitale si potrebbe avere una crescita percentuale del prodotto finale molto inferiore. Con un rapporto capitale/prodotto (k) pari a 4 si determinerebbe una crescita pari al 5% del PIL e valori di crescita tanto minori quanto maggiore è il rapporto (k). In simboli

13 Problemi di macroeconomia g = i/k 13 Ferma restando la produttività del lavoro è chiaro che occorre un aumento di occupazione per accrescere la capacità produttiva. Una volta raggiunto il pieno impiego un aumento di occupazione dipende essenzialmente dall accrescimento dell offerta di lavoro che può essere conseguenza di un aumento della popolazione attiva, cioè della popolazione che, avendo i requisiti di età, è disposta a lavorare, come accade ad es. quando anche le donne con figli si presentano sul mercato del lavoro ovvero quando si verificano consistenti afflussi di immigrati. Al contrario un aumento della popolazione totale è ininfluente sull offerta attuale di lavoro quando è costituita da nuove nascite, mentre può avere effetti negativi quando è determinata da una maggiore longevità. La disponibilità di risorse naturali può avere un influenza relativa sull aumento del prodotto potenziale di un paese sviluppato. Il peso molto ridotto della produzione agricola renderebbe, infatti, poco rilevante l aumento della superficie coltivabile, mentre la scoperta di nuovi giacimenti, ad es. fonti energetiche, può portare ad un incremento del prodotto potenziale sino a quando il tasso di estrazione cresce. Quando il tasso di estrazione raggiunge il livello massimo la crescita economica cessa. In effetti i maggiori incrementi nel tasso di crescita dei paesi sviluppati sono legati sia agli incrementi di produttività del capitale che il progresso tecnico, cioè l applicazione della ricerca scientifica ai processi produttivi, ha permesso di incorporare nei nuovi beni capitali, sia agli incrementi di produttività del lavoro che l organizzazione del lavoro più efficiente e lo sviluppo di nuove abilità dei lavoratori, in seguito ai cambiamenti nel settore dell istruzione e della formazione oltre che al sostanziale miglioramento delle condizioni sanitarie, hanno permesso di realizzare. L'andamento economico congiunturale è al centro dell'analisi economica di breve periodo: semplificando si possono evidenziare due impostazioni teoriche contrapposte che danno spiegazioni diverse

14 14 Mario Oteri sul funzionamento del sistema economico e indicazioni diverse sull'opportunità di intervenire nell'economia di mercato. Un'impostazione ritiene che il mercato non sia in grado di evitare l andamento ciclico del sistema, che può portare a situazioni di depressione e di crisi o coinvolgere in una spirale inflazionistica, ed è pertanto necessario l'intervento del governo o dell'autorità monetaria per evitare gli eccessi del ciclo economico e garantire una crescita stabile. Per l'altra impostazione, invece, il mercato lasciato a se stesso è in grado di assicurare sempre un equilibrio di pieno impiego mentre le distorsioni del mercato e l'andamento ciclico della produzione dipendono essenzialmente dall'intervento del governo: la migliore ricetta di politica economica è quella di "lasciar fare" al mercato.

15 Problemi di macroeconomia 1.2 Disoccupazione e mercato del lavoro Alcune definizioni. La disoccupazione è uno dei problemi economici più rilevanti non solo dal punto di vista economico ma anche sociale, per le conseguenze che comporta sul piano personale e collettivo. Occorre innanzi tutto precisare il significato di disoccupazione e delle altre grandezze che interessano il mercato del lavoro. Come si evidenzia nella tabella la popolazione totale di un sistema economico, come quello italiano, è suddivisa in popolazione attiva, che rappresenta le persone occupate e quelle in cerca di occupazione, e popolazione non attiva, costituita da quanti per età o per scelta non sono in cerca di occupazione. Di norma nelle economie più avanzate la legislazione a tutela dell infanzia vieta il lavoro a quanti hanno meno di quindici anni, mentre i sistemi di sicurezza sociale garantiscono la pensione a quanti hanno compiuto sessantacinque anni; per convenzione fa parte della popolazione attiva solo chi ha più di 15 anni. D altra parte fra le persone che hanno l età richiesta non tutti vogliono lavorare, ovvero cercano attivamente un lavoro, come ad esempio gli studenti universitari che hanno scelto di approfondire la loro formazione prima di presentarsi sul mercato del lavoro, ovvero i frati e le monache che hanno compiuto una diversa scelta di vita, o ancora quelli che hanno tanti soldi e si possono permettere di non lavorare per vivere. Bisogna tuttavia evidenziare che alcuni non si presentano sul mercato del lavoro perché non trovano lavoro, è la cosiddetta occupazione scoraggiata: la mancanza di opportunità di lavoro riduce l offerta di lavoro facendo diminuire paradossalmente anche il tasso di disoccupazione. Coloro che formano la popolazione attiva, possono essere occupati o in cerca di occupazione, ovvero persone che pur cercando attivamente un lavoro ed essendo disposte a lavorare al salario di mercato sono disoccupate; sono compresi sia coloro che sono in cerca di prima occupazione che quanti invece, pur avendo già lavorato, stanno cercando una nuova occupazione.

16 16 Mario Oteri Tabella Popolazione attiva = persone con più di 15 anni che risultano occupate, disoccupate, in cerca di 1^occupazione, momentaneamente impedite a lavorare Popolazione non attiva = persone con più di 15 anni che non cercano attivamente un lavoro o che sono impedite a lavorare Tasso di occupazione = occupati / popolazione Tasso specifico di occupazione = occupati anni / Popolazione15-64 anni Tasso di disoccupazione = persone in cerca di lavoro/ popolazione Tasso di attività = popolazione attiva / popolazione con più di 15 anni Si fa poi riferimento a una serie di rapporti, cioè di tassi, indicativi della situazione economica: il tasso di attività, che misura il rapporto fra popolazione attiva e popolazione con più di 15 anni, indica quante persone sarebbero disposte a lavorare sulla popolazione in età da lavoro. Il tasso di occupazione che misura il rapporto fra occupati e popolazione indipendentemente dal fatto che lavorino o siano disoccupati per scelta o per mancanza di opportunità.. Si considera anche il tasso specifico di occupazione che si limita a confrontare occupati e popolazione da 15 a 64 anni. Il tasso di disoccupazione, che misura il rapporto fra disoccupati e popolazione, cioè indica

17 Problemi di macroeconomia 17 quante persone non trovano occupazione pur essendo attivamente alla ricerca di un posto di lavoro Nella Tabella si evidenzia che il tasso di disoccupazione in Italia ha raggiunto il punto di minimo nel 1963 e si è mantenuto intorno al 4%, che può essere considerato un livello molto basso, sino alla crisi del Si tratta di un periodo di crescita del sistema economico italiano, quando lo sviluppo industriale ha attirato nelle grandi città del nord milioni di lavoratori che hanno abbandonato le campagne, in specie meridionali, per trovare occupazione nelle fabbriche e nel settore dei servizi del triangolo industriale. Con la crisi petrolifera il tasso di disoccupazione è cominciato ad aumentare e si è attestato al di sopra del 10% fra la fine degli anni ottanta e gli anni novanta. Dopo una prima fase, nella quale avevano cercato di far fronte alla crescente stagnazione legata all aumento dei costi delle materie prime, di fronte ad un tasso di inflazione sempre più elevato, i governi avevano dovuto abbandonare le politiche dirette al sostegno dell occupazione lasciando alle imprese e al mercato il compito di affrontare la crisi. La risposta delle imprese fu legata essenzialmente alla riorganizzazione produttiva che portò ad un ridimensionamento dell occupazione nelle grandi imprese e a un forte decentramento della produzione verso le piccole imprese o nei paesi con costi del lavoro minori. Con la fine degli anni ottanta il tasso di disoccupazione ritorna per un breve periodo al di sotto del 10%, ma ricomincia a crescere per tutto il decennio in concomitanza al periodo di sensibile stagnazione delle principali economie europee, Germania e Francia in primo luogo, ed alle politiche decisamente deflazionistiche adottate dai governi italiani per abbattere l inflazione e pilotare il paese nell Unione Economica e Monetaria.

18 18 Mario Oteri Tabella Dalla fine degli anni novanta con l'approvazione di alcune riforme del mercato del lavoro, che hanno accresciuto la flessibilità nella utilizzazione della forza lavoro, come il lavoro a tempo determinato, i contratti di formazione etc, il tasso di disoccupazione si è ridotto mantenendosi attorno all'8%. La crisi attuale si è abbattuta sul mercato del lavoro facendo crescere il tasso di disoccupazione oltre il 10% e, specialmente, accrescendo enormemente la precarietà del lavoro Mercato del lavoro e disoccupazione nel breve periodo.

19 Problemi di macroeconomia 19 Il mercato del lavoro a livello aggregato si può rappresentare indicando il livello del salario in ordinata e il numero di lavoratori impiegati in ascissa; in genere si fa riferimento al salario reale piuttosto che al salario nominale, visto che ai lavoratori interessa il potere d'acquisto del loro reddito piuttosto che il suo valore nominale. Di norma le imprese concordano con i lavoratori un salario nominale per un determinato periodo di tempo: quando i lavoratori andranno ad acquistare beni e servizi sul mercato per soddisfare i loro bisogni, in relazione all'andamento dei prezzi si renderanno conto se il potere d'acquisto del loro reddito si è mantenuto costante o è diminuito. Dato un certo salario nominale se il livello dei prezzi aumenta il salario reale, cioè il potere d acquisto, diminuisce e viceversa. W/p Figura Equilibrio sul mercato del lavoro S W 1 /p W*/p E D L 1 L* L 2

20 20 Mario Oteri La domanda di lavoro si presenta decrescente da sinistra verso destra ad indicare che le imprese assumono un maggior numero di lavoratori al diminuire del salario reale. Alle imprese, infatti, non interessa sapere quanto pagano ciascun lavoratore ma quanto viene a costare la singola unità di prodotto, perciò devono ripartire il costo per lavoratore sulle unità di prodotto realizzato. La spesa sostenuta per assumere lavoratori deve essere, quindi, commisurata alla produttività marginale del lavoro: poiché la produttività marginale decresce mano a mano che si assume un maggior numero di lavoratori, siamo nel breve periodo, l impresa potrà assumere un maggior numero di lavoratori solo se il salario diminuisce. L offerta di lavoro ha un andamento crescente ad indicare che i lavoratori sono disposti a lavorare di più solo se il reddito percepito, cioè il salario, aumenta. Dato un vincolo temporale determinato dalla necessità di soddisfare le esigenze primarie (dormire, mangiare etc.) l'offerta di lavoro deriva dalla scelta che gli operatori compiono fra tempo da impegnare in attività lavorativa e tempo da dedicare allo svago ("tempo libero") : il "tempo libero" è piacevole e dà soddisfazione mentre il "lavoro" comporta penosità, sacrifici. Gli operatori sono disposti a lavorare, e a rinunziare al "tempo libero", solo se possono ottenere in cambio un reddito che gli permette di soddisfare i loro bisogni. Quanto maggiore il reddito che si può percepire tanto più grande sarà l impegno lavorativo. Il concetto è evidente per i lavoratori autonomi, come i professionisti, che possono commisurare la loro attività lavorativa ad un maggiore guadagno; ma anche i lavoratori dipendenti quando accettano il lavoro "straordinario" si dimostrano disponibili a lavorare oltre il "normale" orario se percepiscono una remunerazione maggiore. Ovviamente sull'offerta di lavoro gioca anche una sorta di utilità marginale decrescente: a un certo punto l'operatore considera l'ulteriore incremento di reddito insufficiente a compensarlo per la rinunzia al "tempo libero" e comincia a ridurre l'offerta di lavoro.

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Capitolo 3. Teorie alternative dell equilibrio economico

Capitolo 3. Teorie alternative dell equilibrio economico Capitolo 3 Teorie alternative dell equilibrio economico Il sistema economico è in equilibrio quando l offerta trova sul mercato una domanda uguale e corrispondente: in questo caso le imprese riescono a

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Macroeconomia I a parte

Macroeconomia I a parte Macroeconomia I a parte Prof. Ing.. Giovanni Perrone Production Engineering Research WorkGROUP Agenda Perché studiare macroeconomia ; Risparmio ed Investimento; La determinazione del Reddito; # 2 1 Perché

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

7. Il mercato della moneta

7. Il mercato della moneta 7. Il mercato della moneta 7.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta un flusso

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi Il sistema monetario internazionale e le istituzioni di Bretton Woods: 1944-1971 Argomenti 1. Cambi, finanziamento, politiche economiche 2. La caduta del sistema di cambi fissi di Bretton 1 Ancor prima

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI settembre 2013 1. Il quadro macroeconomico In questa nota si procede all aggiornamento del quadro macroeconomico e si fornisce anche una nuova

Dettagli

CAP 11 LA GRANDE CRISI

CAP 11 LA GRANDE CRISI CAP 11 LA GRANDE CRISI Alcuni richiami teorici Alla fine degli anni Venti si sviluppa nei paesi capitalistici occidentali una crisi di proporzioni mai viste rispetto alla quale esistono tre scuole di pensiero

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 la moneta Moneta come mezzo di pagamento strumento che agevola gli scambi A seconda dei diversi gradi di minimizzazione dei costi di detenzione e di trasferimento si hanno:

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta

Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta 7.1 I rapporti con il resto del mondo Il commercio internazionale rappresenta il complesso degli scambi di beni e servizi tra diversi paesi. Un sistema economico

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti Nel primo dopoguerra l'economia degli Stati Uniti ebbe un forte incremento, trainata soprattutto dal settore automobilistico. Infatti, in America dal 1922 al 1929, la produzione industriale aumentò del

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta

Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta 7.1 I rapporti con il resto del mondo Il commercio internazionale rappresenta il complesso degli scambi di beni e servizi tra diversi paesi. Un sistema economico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (seconda parte del programma), 04.12.2015.

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione Università di Roma Tre Anno accademico 2013/2014. Corso di laurea in Formazione e sviluppo delle risorse umane

Facoltà di Scienze della Formazione Università di Roma Tre Anno accademico 2013/2014. Corso di laurea in Formazione e sviluppo delle risorse umane Facoltà di Scienze della Formazione Università di Roma Tre Anno accademico 2013/2014 Corso di laurea in Formazione e sviluppo delle risorse umane Insegnamento Politica economica e gestione delle risorse

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 Il quadro programmatico per l economia italiana qui presentato

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500. Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia

Dettagli

Ancora sui falsi miti del Divorzio tra Banca Italia e Ministero del Tesoro del Luglio 1981. (edizione Filippo Abbate, revisione Marco Cavedon)

Ancora sui falsi miti del Divorzio tra Banca Italia e Ministero del Tesoro del Luglio 1981. (edizione Filippo Abbate, revisione Marco Cavedon) Ancora sui falsi miti del Divorzio tra Banca Italia e Ministero del Tesoro del Luglio 1981. (edizione Filippo Abbate, revisione Marco Cavedon) Come già abbiamo ribadito varie volte nel corso dei nostri

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Facoltà di Scienze della Comunicazione

Facoltà di Scienze della Comunicazione Lezione 10 L integrazione monetaria e aree valutarie ottime Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione Integrazione europea Dichiarazione di Schuman: CECA (1952)

Dettagli

I due dopoguerra: similarità e differenze 1/2. I due dopoguerra: similarità e differenze 2/2

I due dopoguerra: similarità e differenze 1/2. I due dopoguerra: similarità e differenze 2/2 I due dopoguerra: similarità e differenze 1/2 I due dopoguerra: depressione versus crescita, perché? Tre fattori causali: L entità degli shock Il grado di cooperazione internazionale: gli aiuti scambiati

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ECONOMIA INTERNAZIONALE Esonero del 19/12/2003 (moduli A, B e C) COGNOME NOME MATRICOLA Corso di Laurea

Università di Bari Facoltà di Economia ECONOMIA INTERNAZIONALE Esonero del 19/12/2003 (moduli A, B e C) COGNOME NOME MATRICOLA Corso di Laurea Università di Bari Facoltà di Economia ECONOMIA INTERNAZIONALE Esonero del 19/12/2003 (moduli A, B e C) COGNOME NOME MATRICOLA Corso di Laurea ISTRUZIONI 1. Riempire i campi relativi a nome, cognome, matricola

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Caso 1 La politica monetaria negli USA Prof. Gianmaria Martini La congiuntura degli USA Il Sole-24 Ore utilizza frequentemente

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani CONVEGNO NAZIONALE Crisi economica e mercato del credito:

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN. Sommario. Sommario. Introduzione. Conclusioni

COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN. Sommario. Sommario. Introduzione. Conclusioni COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN 4 1 Il modello di Heckscher-Ohlin 2 Gli effetti del commercio sui prezzi dei fattori 3 Estensioni del modello di Heckscher-Ohlin 4 Conclusioni Sommario

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina UN Po DI TEORIA Daniela fantozzi fantozzi@istat.it 1 Il Prodotto interno lordo (PIL) misura la produzione finale di beni e servizi, prodotta nell anno su un determinato territorio Il PIL è definito ai

Dettagli