Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue"

Transcript

1 Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue «Etica e Ricerca per assistere e curare in oncologia» III Congresso Nazionale AIIAO Ancona, Maggio 2014 Carla Pedrazzani Istituto Oncologico della Svizzera Italiana Bellinzona (CH)

2 La mia mente è troppo stanca per fare le cose che ero abituata a fare ( ) e nessuno sembra capire. Non ho neppure l energia per spiegare e i miei pensieri continuano a ronzarmi in testa. Voglio sottrarmi, ma sono costretta nella prigione della gravità e del mio letto. Testimonianza. In Winningham e Barton-Burke, 2002

3 Il sintomo

4 Una definizione Cancer-related fatigue is a distressing, persistent, subjective sense of tiredness or exhaustion related to cancer or cancer treatment that is not proportional to recent activity and interfere with usual functioning. NCCN, 2014

5 Alcune considerazioni iniziali Sintomo comune nei pazienti oncologici Multidimensionale e multifattoriale Caratterizza le diverse fasi dell iter di malattia e la fine dei trattamenti Diagnosi Oltre la fine dei trattamenti NCCN, 2014

6 Le cause Malattia tumorale Altri sintomi Trattamenti Risposta emotiva Decondizionamento fisico Condizioni cliniche

7 Alcune considerazioni iniziali Sintomo comune nei pazienti oncologici Multidimensionale e multifattoriale Caratterizza le diverse fasi dell iter di malattia e la fine dei trattamenti Diagnosi Oltre la fine dei trattamenti NCCN, 2014

8 Astenia e fine dei trattamenti Tumore alla mammella Circa il 30% delle pazienti riferisce astenia nei primi 5 anni dopo la diagnosi Circa il 30% riferisce astenia tra 5 e 10 anni dopo la diagnosi Maggiore nelle pazienti trattate con chemioterapia e radioterapia Astenia persistente nel 20-25% delle pazienti (Bower, 2006) (Reinertsen, 2010)

9 Alcune considerazioni iniziali Percepito come il sintomo più destabilizzante Raramente isolato Insonnia, dolore, depressione Influenza profondamente la Qualità di vita NCCN, 2014

10 Buone pratiche assistenziali: le evidenze

11 La valutazione del sintomo: screening

12 La valutazione multidimensionale

13 Uno strumento: la Brief Fatigue Inventory

14 Dalla valutazione approfondita agli interventi Valutazione e gestione dei potenziali fattori eziologici

15 Interventi: le evidenze Intervento raccomandato per la pratica Esercizio 2007 Due meta-analisi Cinque revisioni sistematiche lavori di revisione (Mitchell, 2007)

16 (Cramp, 2012) 56 RCT N= RCT Ca mammella Meta-analisi 38 RCT N=1461

17 L esercizio fisico Aerobic exercise can be regarded as beneficial for individuals with cancer-related fatigue during and post-cancer therapy, specifically those with solid tumours. Further research is required to determine the optimal type, intensity and timing of an exercise intervention. (Cramp, 2012)

18 Interventi: le evidenze Interventi di probabile efficacia Mantenimento dell energia e coordinamento delle attività Interventi psicoeducativi Cognitive Behavioral Interventions Ottimizzazione della qualità del sonno Rilassamento e immaginazione guidata Massaggio (Mitchell, 2007) (Update, 2011)

19 Interventi psicoeducativi There is limited evidence that psychosocial interventions are effective in reducing fatigue during active treatment in cancer patients. Most promising are psychosocial interventions specifically designed to treat fatigue. In general, during these interventions patients were educated about fatigue were taught in self-care or coping techniques learned to manage their activity Interventions that did not focus on fatigue were rarely effective in reducing fatigue. (Goedendorp, 2009) 27 RCT 7 con riduzione significativa dell astenia

20 Interventi psicoeducativi Terapia cognitiva Rilassamento Counseling Supporto sociale Biofeed-back (Duijts, 2011 )

21 Interventi psicoeducativi Ottimizzazione della qualità del sonno - Controllo dello stimolo del sonno - Restrizione - Igiene del sonno Terapie complementari

22 Interventi: le evidenze Interventi di probabile efficacia Mantenimento dell energia e coordinamento delle attività Interventi psicoeducativi Cognitive Behavioral Interventions Ottimizzazione della qualità del sonno Rilassamento e immaginazione guidata Massaggio Modafinil (Provigil ) (Mitchell, 2007) (Update, 2011)

23 Modafinil (Jean-Pierre, 2010 )

24 Interventi: le evidenze Interventi di efficacia non provata Interventi che combinino l esercizio e interventi psico-educativi Scrittura espressiva Terapia farmacologica con: Metilfenidato (Ritalin ) Sertralina (Zoloft ) Venlaflaxina Terapia mirata anti-citochine (Mitchell, 2007) (Update, 2011)

25 Trattamenti farmacologici There is increasing evidence that psychostimulant trials provide evidence for improvement in CRF at a clinically meaningful level. There is still a requirement for a large scale RCT of methylphenidate to confirm the preliminary results from this review. There is new safety data which indicates that the haemopoietic growth factors are associated with increased adverse outcomes. (Minton, 2010)

26 Buone pratiche assistenziali: la cura

27 Evidenze e cura

28 Evidenze e cura ing-the-gap-between-research-and-practice-exploring-methods/

29 Ho superato il limite della spossatezza ( ) Non riesco a pensare a niente. Tutto mi sembra troppo faticoso. La mia mente divaga. Mi prende l irrequietezza ( ) Al lavoro non riesco a concentrarmi, rischio di riaddormentarmi. Il pensiero di fare qualcosa mi riempie di terrore ( ) I colleghi mi chiedono: Come stai?. Rispondo Bene, nel tono più allegro possibile. Non capirebbero, inoltre ci vorrebbe troppa energia per spiegarlo. Paziente affetta da carcinoma mammario. In Winningham e Barton-Burke, 2002

30 Grazie per la vostra attenzione

31 Bibliografia - Bower JE et al Fatigue in Long-Term Breast Carcinoma Survivors. Cancer. 106 (4): Cramp F, Byron-Daniel J Exercise for the management of cancer-related fatigue in adults. The Cochrane Collaboration. - Jean-Pierr P. et al A phase 3 randomized, placebo-controlled, doubleblind, clinical trial of the effect of modafanil on cancer-related fatigue among 631 pateints receiving chemotherapy: a University of Rochester Cancer Center Community Clinical Oncology Program Research base study. Cancer. 116: Mitchell S.A. et al Putting Evidence Into Practice: Evidence-based Interventions for Fatigue During and Following Cancer and Its Treatment. Clinical Journal of Oncology Nursing, 11 1: National Comprehensive Cancer Network Cancer-Related Fatigue. NCCN Guidelines. In: - Reinertsen KV. Et al Predictors and course of chronic fatigue in longterm breast cancer survivors. Journal of Cancer Survivorship. 4:

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

LA TERAPIA FARMACOLOGICA

LA TERAPIA FARMACOLOGICA FATIGUE: INTERVENTISTI O MINIMALISTI? STATO DELL ARTE SULLE POSSIBILI TERAPIE LA TERAPIA FARMACOLOGICA Fausto Roila S.C. Oncologia, Terni FATIGUE DA CANCRO: DEFINIZIONE (NCCN) Sensazione soggettiva, stressante,

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

L'EFFICACIA DELLE MEDICINE ALTERNATIVE PER IL CONTROLLO DEL DOLORE

L'EFFICACIA DELLE MEDICINE ALTERNATIVE PER IL CONTROLLO DEL DOLORE L'EFFICACIA DELLE MEDICINE ALTERNATIVE PER IL CONTROLLO DEL DOLORE Infermiere Mosci Daniela, Pelagalli Virginia e Brigida Lucia Il mandato consegnato al gruppo è stato quello di ricercare evidenze tali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Verona Effetti della musicoterapia nella gestione del dolore da cancro: revisione della letteratura Relatore:Assunta Biasi Laureanda:

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Più del 20% degli interventi sono ritenuti non soddisfacenti dalle pazienti.

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

Internet e social media per la medicina

Internet e social media per la medicina La letteratura scientifica per la qualità dei Servizi Sanitari Internet e social media per la medicina Eugenio Santoro eugenio.santoro@marionegri.it www.twitter.com/eugeniosantoro Laboratorio di Informatica

Dettagli

Eugenio Santoro. I social media come strumento di promozione della salute

Eugenio Santoro. I social media come strumento di promozione della salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri I social media come strumento di promozione della salute Penetrazione di Internet e dei nuovi media

Dettagli

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

ASTENIA (Fatigue) 1. Definizione e introduzione p. 1 2. Eziologia p. 2 3. Valutazione p. 2 4. Terapia p. 3 5. Conclusioni p. 5 6.

ASTENIA (Fatigue) 1. Definizione e introduzione p. 1 2. Eziologia p. 2 3. Valutazione p. 2 4. Terapia p. 3 5. Conclusioni p. 5 6. IOSI 010/A Servizio Cure Palliative I-CURPAL- SINTOMI: ASTENIA (Fatigue) SOMMARIO 1. Definizione e introduzione p. 1 2. Eziologia p. 2 3. Valutazione p. 2 4. Terapia p. 3 5. Conclusioni p. 5 6. Bibliografia

Dettagli

TERAPIA ORMONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: STATO DELL ARTE 28 APRILE 2009 SEDE

TERAPIA ORMONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: STATO DELL ARTE 28 APRILE 2009 SEDE 28 APRILE 2009 SEDE Hotel Palazzo Carpegna Via Aurelia 481 - Roma Direzione e Segreteria Scientifica Prof. Giuseppe Naso Professore Associato in Oncologia Medica, Università La Sapienza, Policlinico Umberto

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Dipartimento di Medicina di Laboratorio AOU Citta della

Dettagli

The follow up in geriatric patient

The follow up in geriatric patient The follow up in geriatric patient Lucia Fratino Oncologia Medica Centro di Riferimento Oncologico di Aviano Mrs Ginette H. b 1933, 1998 ( 65y) : breast cancer CH + CT+ HT 2014 ( 81y) : relapsed Doctor

Dettagli

Qualità di vita e ICF in pazienti oncologici ICF (International Classification of Functioning Disability and Health)

Qualità di vita e ICF in pazienti oncologici ICF (International Classification of Functioning Disability and Health) Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico-assistenziale Centro Studi EBN Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola - Malpighi Qualità di vita e ICF

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer

Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer FT Anita Birignani ASP Montedomini Firenze Centro Diurno Alzheimer custodia o cura Uno sguardo alla letteratura Criticità La teoria applicata alla

Dettagli

Tendenze normative a livello nazionale ed europeo

Tendenze normative a livello nazionale ed europeo Seminario Comitato etici a confronto Trento 20-21 gennaio 2012 Tendenze normative a livello nazionale ed europeo Dott.ssa Michela Cerzani Segreteria tecnico-scientifica del Comitato Etico per le Sperimentazioni

Dettagli

Carcinoma della prostata: INCIDENZA

Carcinoma della prostata: INCIDENZA Outcomes in Localized Prostate Cancer: National Prostate Cancer Registry of Sweden Follow-up Study JNCI - J Natl Cancer Inst. 2010 Jul 7;102(13):919-20 Trento, 13/11/2010 Di cosa si tratta? E' uno studio

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening o L Adeguamento delle linee-guida dello screening del cervicocarcinoma o I Vaccini anti-hpv e gli Screening o Modelli di interazione tra screening

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Alla ricerca delle prove di efficacia

Alla ricerca delle prove di efficacia Ozzano dell Emilia EBVM e accesso a informazioni evidence-based 14 marzo 2009 Claudio Fabbri Biblioteca Centralizzata Polo Scientifico-Didattico di Rimini Università degli Studi di Bologna Alla ricerca

Dettagli

BTP e dolore procedurale in cure palliative Centro studi e ricerca ANTEA

BTP e dolore procedurale in cure palliative Centro studi e ricerca ANTEA BTP e dolore procedurale in cure palliative Centro studi e ricerca ANTEA 1. Il dolore procedurale (DP) è un fenomeno non trascurabile 2. Non esiste una definizione univoca del DP e pertanto non sono unanimamente

Dettagli

Journal of Family Therapy

Journal of Family Therapy Valutazione della terapia psicologica rivolta alle famiglie - REVIEW DEI PRINCIPALI ARTICOLI DI OUTCOME DELLA PSICOTERAPIA PUBBLICATI SU Journal of Family Therapy Daniela Riotto In Journal of Family Therapy

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI ROBERTO FRANCESCO LABIANCA ESPERIENZA LAVORATIVA E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI ROBERTO FRANCESCO LABIANCA ESPERIENZA LAVORATIVA E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ROBERTO FRANCESCO LABIANCA Telefono +39 035/2673691 +39 035/2673684 Fax +39 035/2674968 E-mail

Dettagli

USARE LE REVISIONI SISTEMATICHE PER MIGLIORARE LA PRATICA ASSISTENZIALE. Alberto Dal Molin

USARE LE REVISIONI SISTEMATICHE PER MIGLIORARE LA PRATICA ASSISTENZIALE. Alberto Dal Molin USARE LE REVISIONI SISTEMATICHE PER MIGLIORARE LA PRATICA ASSISTENZIALE Alberto Dal Molin Revisioni sistematiche Una revisione sistematica è una revisione di un quesito chiaramente formulato la quale usa

Dettagli

IL RUOLO DEI POLI ONCOLOGICI. Lucio Crinò

IL RUOLO DEI POLI ONCOLOGICI. Lucio Crinò Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia IL RUOLO DEI POLI ONCOLOGICI Lucio Crinò Direttore S.C. di Oncologia Medica Azienda Ospedaliera di Perugia Perugia, 30 ottobre 2007 Poli Oncologici Caratteristiche

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

MTC nel paziente oncologico

MTC nel paziente oncologico MTC nel paziente oncologico U.O Medicina Oncologica Ospedale di Carpi Giorgia Razzini La legge della domanda e dell offerta (1) L utilizzo delle Medicine Non Convenzionali subisce un incremento del 30%

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. meleddu carlo Data di nascita 11/12/1950. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0706095274

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. meleddu carlo Data di nascita 11/12/1950. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0706095274 INFORMAZIONI PERSONALI Nome meleddu carlo Data di nascita 11/12/1950 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI Responsabile - Medicina Nucleare 0706095477

Dettagli

Tavola Rotonda Dolore episodico intenso o

Tavola Rotonda Dolore episodico intenso o Tavola Rotonda Dolore episodico intenso o Breakthrough pain: solo cancro? Vittorina Zagonel Coordinatore Tavolo AIOM continuità di cura in oncologia Oncologia Medica 1, Istituto Oncologico Veneto, IRCCS

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Competenze Specialistiche Infermieristiche. Cancer Nursing Curriculum European Oncology Nursing Society (EONS)

Competenze Specialistiche Infermieristiche. Cancer Nursing Curriculum European Oncology Nursing Society (EONS) Competenze Specialistiche Infermieristiche Cancer Nursing Curriculum European Oncology Nursing Society (EONS) Competenze 1. Piena capacità di orientarsi in un determinato campo. 2. Legittimazione normativa

Dettagli

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In L. Notari DVM, MSc La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In Medicina Umana l approccio evidence-based

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

Da THRIVE a HOME SWEET HOME: la videoconferenza da strumento di riabilitazione a strumento di monitoraggio e di inclusione sociale

Da THRIVE a HOME SWEET HOME: la videoconferenza da strumento di riabilitazione a strumento di monitoraggio e di inclusione sociale Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando. Da THRIVE a HOME SWEET HOME: la videoconferenza da strumento di riabilitazione a strumento di monitoraggio e di inclusione

Dettagli

Umanizzazione dell assistenza in Oncologia Dott. Daniele Fagnani Dipartimento di Oncologia D.I.P.O. X A.O. di Desio e Vimercate

Umanizzazione dell assistenza in Oncologia Dott. Daniele Fagnani Dipartimento di Oncologia D.I.P.O. X A.O. di Desio e Vimercate Umanizzazione dell assistenza in Oncologia Dott. Dipartimento di Oncologia D.I.P.O. X A.O. di Desio e Vimercate Cecità: guardare senza vedere Più cieco di chi ha perso i suoi occhi è colui che li tiene

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Farci Daniele Data di nascita 04/06/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI CAGLIARI Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita:

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita: VI Congresso Nazionale AICM: Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cura. Percorso della paziente affetta da cancro della mammella :esperienza lombarda M. Gjeloshi Riccione,25-26

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

Pisa, 29 gennaio 2005. Umberto Veronesi. Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno

Pisa, 29 gennaio 2005. Umberto Veronesi. Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno Pisa, 29 gennaio 2005 Umberto Veronesi Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno Aspetti critici della ricerca biomedica Difficoltà a rinnovare la

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

La rete ospedale-territorio per la lotta al dolore. 23 maggio 2012

La rete ospedale-territorio per la lotta al dolore. 23 maggio 2012 La rete ospedale-territorio per la lotta al dolore. 23 maggio 2012 Quali bisogni in cure palliative pediatriche Individuarli per orientare la risposta assistenziale Dorella Scarponi, Ivanna Gasparini Domain

Dettagli

Dr.ssa Enola Maria Vezzani

Dr.ssa Enola Maria Vezzani III ZOOM Journal Club 2013 NH Hotel Bologna 21 Febbraio 2014 Radioterapia loco-regionale nelle pazienti sottoposte a chemioterapia neoadiuvante Dr.ssa Enola Maria Vezzani U.O Radioterapia Oncologica di

Dettagli

La sessualità e la dimensione corporea: il ruolo dello psicologo. d.ssa Elena Duglio S.S. Valenza Dipartimentale di Oncologia Ospedale Civile Tortona

La sessualità e la dimensione corporea: il ruolo dello psicologo. d.ssa Elena Duglio S.S. Valenza Dipartimentale di Oncologia Ospedale Civile Tortona La sessualità e la dimensione corporea: il ruolo dello psicologo d.ssa Elena Duglio S.S. Valenza Dipartimentale di Oncologia Ospedale Civile Tortona La psiconcologia nella realtà locale Fase diagnostica

Dettagli

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Breast Unit Città della Salute e della Scienza-Torino

Dettagli

ABITARE LA VITA INDAGINE PRELIMINARE

ABITARE LA VITA INDAGINE PRELIMINARE ABITARE LA VITA INDAGINE PRELIMINARE Alessandro Lenzi, C. Di Vanni, S. Belli, A. Lombardi Dip. di Medicina Clinica e Sperimentale Pisa 21 febbraio 2013 SUPPORTED HOUSING DEFINIZIONE Abitazioni (SH) dove

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO. Luigi Saccà, Università Federico II. Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012

L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO. Luigi Saccà, Università Federico II. Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012 L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO Luigi Saccà, Università Federico II Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012 thestudylacksadequatecontrol ClinicalTrial.gov A service ofthe U.S. NIH CHARACTERISTICS

Dettagli

mario.fiumano@aovv.it sanitaria Tirocinio Pratico Ospedaliero Gestione del paziente sanitaria Incarico di Assistente Medico Gestione del paziente

mario.fiumano@aovv.it sanitaria Tirocinio Pratico Ospedaliero Gestione del paziente sanitaria Incarico di Assistente Medico Gestione del paziente CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome FIUMANO MARIO SAVERIO Indirizzo 11, VIA GIULIANI 23100 SONDRIO (SO) ITALY Telefono +39-0342-200427//+39-33-46601//+39-0342-21167 Fax +39-0342-21166 E-mail mario.fiumano@aovv.it

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA. Corso di Laurea in Infermieristica. Tesi di Laurea

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA. Corso di Laurea in Infermieristica. Tesi di Laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica Tesi di Laurea RUOLO DEL PERSONALE INFERMIERISTICO NEL PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DELLA PAZIENTE

Dettagli

LA MEDITAZIONE IN ONCOLOGIA : DESCRIZIONE E SPERIMENTAZIONE DELLA PRATICA UTILIZZATA NELLA A.U.S.L. DI BOLOGNA

LA MEDITAZIONE IN ONCOLOGIA : DESCRIZIONE E SPERIMENTAZIONE DELLA PRATICA UTILIZZATA NELLA A.U.S.L. DI BOLOGNA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO VIII Convegno Internazionale Mindfulness Project WORKSHOP Laboratorio Facilitato LA MEDITAZIONE IN ONCOLOGIA : DESCRIZIONE E SPERIMENTAZIONE DELLA PRATICA UTILIZZATA NELLA A.U.S.L.

Dettagli

Prevalence of Pain in Italian Hospitals: results of a regional cross-sectional survey. Journal of Pain and Symptom management 2002; 23,3: 221-230

Prevalence of Pain in Italian Hospitals: results of a regional cross-sectional survey. Journal of Pain and Symptom management 2002; 23,3: 221-230 Prevalence of Pain in Italian Hospitals: results of a regional cross-sectional survey Costantini M. et al. Journal of Pain and Symptom management 2002; 23,3: 221-230 Distribuzione disomogenea del dolore

Dettagli

Il punto di vista del clinico

Il punto di vista del clinico Il punto di vista del clinico Giulio Metro S.C. Oncologia Medica Ospedale Santa Maria della Misericordia, Azienda Ospedaliera di Perugia Registri di monitoraggio AIFA: stato dell arte ed esperienze a confronto

Dettagli

Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella

Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella Torino, 10 giugno 2014 La donna con il tumore al seno: Assistenza a 360 gradi. Aggiornamento e novità Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella Dott. Maria Rosa STANIZZO Direttore

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

Il Counselling. Padova, 21 marzo 2016. Dr.ssa Stefania ZOVATO Istituto Oncologico Veneto (IOV) IRCCS Padova SSD Unità per i Tumori Ereditari

Il Counselling. Padova, 21 marzo 2016. Dr.ssa Stefania ZOVATO Istituto Oncologico Veneto (IOV) IRCCS Padova SSD Unità per i Tumori Ereditari Il Counselling Padova, 21 marzo 2016 Dr.ssa Stefania ZOVATO Istituto Oncologico Veneto (IOV) IRCCS Padova SSD Unità per i Tumori Ereditari Punti chiave del counselling Significato Scopo e limiti A chi

Dettagli

Idoneità alla guida e sincope *

Idoneità alla guida e sincope * TITOLETTO ARTICOLO Idoneità alla guida e sincope * Introduzione Occorre inizialmente sottolineare come tutti i dati disponibili suggeriscano che lo stato clinico del conducente di un autoveicolo, se si

Dettagli

Definizione di segnale

Definizione di segnale Signal detection Laura Sottosanti Ugo Moretti Definizione di segnale Information that arises from one or multiple sources (including observations and experiments), which suggests a new potentially causal

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based. based

Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based. based Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based Lucio Patoia Medicina Interna e Scienze Oncologiche E Ce.R.P.E.A (Centro regionale per la Promozione dell Efficacia e dell Appropriatezza

Dettagli

Breast Cancer: End of treatment issues and set up of nursing follow up in the Italian Switzerland Breast Unit

Breast Cancer: End of treatment issues and set up of nursing follow up in the Italian Switzerland Breast Unit STUDI E RICERCHE 229 Problematiche delle donne con tumore al seno e attivazione di un programma di follow-up infermieristico presso il Centro di Senologia della Svizzera Italiana Breast Cancer: End of

Dettagli

Astenia. Checklist: Quantificazione dell Astenia

Astenia. Checklist: Quantificazione dell Astenia Checklist: Quantificazione dell Astenia Quando quantificazione dettagliata in pazienti con: Astenia moderata o forte (su una scala da 0 10: 4 6 = moderata, 7 10 = forte astenia) Limitazione di attività

Dettagli

Dai dati disponibili

Dai dati disponibili Gruppi a rischio aumentato: familiarità, genetica, densità, abitudini di vita Dai dati disponibili Daniela Turchetti UO e Cattedra di Genetica Medica Università di Bologna-Policlinico S.Orsola-Malpighi

Dettagli

per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri

per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri La cura oltre il paziente : corsi per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri Chi è il caregiver? Un inchiesta tra i familiari Il caregiver E una donna nel 70% dei casi E un figlia/o nel 47% E il coniuge

Dettagli

I nuovi bisogni del paziente. Francesco De Lorenzo F.A.V.O. Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia

I nuovi bisogni del paziente. Francesco De Lorenzo F.A.V.O. Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia I nuovi bisogni del paziente Francesco De Lorenzo F.A.V.O. Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia F.A.V.O. è l'associazione delle associazioni a servizio dei malati di cancro

Dettagli

DIFFERENZA DI GENERE E MEDICINA

DIFFERENZA DI GENERE E MEDICINA DIFFERENZA DI GENERE E MEDICINA L ONU, l Europa e l OMS raccomandano che il determinante genere sia tenuto presente nella programmazione delle politiche sanitarie. L ONU ha inserito la medicina di genere

Dettagli

Anita Andreano e Antonio Russo

Anita Andreano e Antonio Russo DEFINIZIONE DI UN SET DI INDICATORI DEL PROCESSO DI DIAGNOSI E CURA DEL TUMORE POLMONARE TRAMITE METODO DELPHI-MODIFICATO E PRESENTAZIONE DEGLI INDICATORI CALCOLATI SULLA POPOLAZIONE DI DUE ASL DELLA PROVINCIA

Dettagli

Ambulatorio di terapie simultanee e supporto

Ambulatorio di terapie simultanee e supporto Ambulatorio di terapie simultanee e supporto per i pazienti oncologici in fase avanzata di malattia Renzo Causarano, Responsabile UO Hospice Il Tulipano Affrontare la complessità della malattia oncologica

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo AnnaMaria Parisi Via Radicofani 170, 00138 Roma Italia Telefono 06/8819740 Cellulare: 349/0669416 Fax E-mail annamaria.parisi@gmail.com

Dettagli

CANCRO DEL POLMONE. 1. Epidemiologia 2. Anatomia Patologica 3. Clinica. 4. Diagnostica 5. Stadiazione 6. Tecnica Chirurgica.

CANCRO DEL POLMONE. 1. Epidemiologia 2. Anatomia Patologica 3. Clinica. 4. Diagnostica 5. Stadiazione 6. Tecnica Chirurgica. CANCRO DEL POLMONE Prof. Francesco PUMA CANCRO DEL POLMONE 1. Epidemiologia 2. Anatomia Patologica 3. Clinica 4. Diagnostica 5. Stadiazione 6. Tecnica Chirurgica Iter Diagnostico A Stadiazione Istotipo

Dettagli

La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione

La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione Dott.ssa Barbara Ilari U.O. Medicina dello Sport Ausl Reggio Emilia American Cancer Society Guidelines on Nutrition and Physical Activity for

Dettagli

LE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI: Presente, Problematiche e Prospettive Future. La Centralità del Paziente Oncologico

LE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI: Presente, Problematiche e Prospettive Future. La Centralità del Paziente Oncologico LE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI: Presente, Problematiche e Prospettive Future La Centralità del Paziente Oncologico IL RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI DEI PAZIENTI ONCOLOGICI Elisabetta Iannelli F.A.V.O. F.A.V.O.

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Mobile BORDONARO SEBASTIANO, GIOVANNI VIA TOLMINO, 14-96016 LENTINI (SR), ITALIA 095/7834226 333/7894408 E-mail bordonaro@raosr.it

Dettagli

Il punto di vista del prescrittore

Il punto di vista del prescrittore Workshop Screening spontaneo e organizzato: l integrazione è possibile? 3.a Sessione: Doppio binario o integrazione? Moderatori Stefano Ciatto e Antonio Federici Il punto di vista del prescrittore (medico

Dettagli

Introduzione Obiettivi dello screening Evidenze scientifiche

Introduzione Obiettivi dello screening Evidenze scientifiche 1. Introduzione Il carcinoma della mammella rappresenta ancora oggi il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. La probabilità di ammalarsi aumenta progressivamente

Dettagli

Ruolo organizzativo del coordinatore

Ruolo organizzativo del coordinatore Ruolo organizzativo del coordinatore C orrado De S anctis Direttore Breast Unit, C ittà della salute e della scienza di Torino I CENTRI DI S ENOLOGIA IN RETE: per migliorare la qualità delle cure. Torino,

Dettagli

Correzione della anemia indotta o da malattia

Correzione della anemia indotta o da malattia Correzione della anemia indotta o da malattia Sandro Barni Az.Osp. Treviglio-Caravaggio Grado 0 (normale) Grado 1 (lieve) Grado 2 (moderata) Grado 3 (grave) Grading Anemia Hb Gravità WHO NCI Grado 4 (pericolosa

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli