Ipotesi di piattaforma di secondo livello Gruppo A2A Territori Milano e Sondrio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ipotesi di piattaforma di secondo livello. 2010-2012 Gruppo A2A Territori Milano e Sondrio"

Transcript

1 Ipotesi di piattaforma di secondo livello Premessa Gruppo A2A Territori Milano e Sondrio Lo scenario all interno del quale collochiamo la piattaforma rivendicativa di secondo livello è inedito. Quando affrontammo lo scorso appuntamento di rinnovo della contrattazione di aziendale lo facemmo con lo spirito di costruire un ponte tra le storie negoziali esistenti (ex Aem e ex Asm) per costruire una futuro contrattazione per il Gruppo A2A. La piattaforma presentata nel 2007 segnava già le due direttrici: qualificare la storia contrattuale dell allora Aem e definire un percorso che facesse della contrattazione per tutto il Gruppo A2A la prospettiva dell'azione del sindacato confederale. L esito di quel percorso negoziale fu soddisfacente, anche se quel che ne seguì successivamente non ci permise di praticare un salto di qualità nel senso della contrattazione di Gruppo. L accordo di secondo livello del 19 dicembre 2007 prevedeva alcuni elementi di innovazione (in particolare sugli strumenti relazionali), una serie di rimandi a tavoli di verifica (alcuni tradotti in verbali di accordo, altri no), il rinnovo di accordi economici nella forma diretta ed indiretta (premio di risultato e/o Craem), la scadenza per il 31 dicembre Successivamente, il 21 dicembre 2007, fu firmato l accordo relativo alla fusione tra Aem ed Asm. In particolare veniva confermato il complesso degli accordi vigenti su base degli ex perimetri aziendali e si guardava alla necessità di dotarsi di un unico protocollo di relazioni industriali nel Gruppo A2A. Dal primo gennaio 2008, con la nascita di A2A, si è avviato un progressivo processo di riorganizzazione societario e aziendale. Questo processo ha conosciuto fasi alterne, alle volte anche di conflitto interno al sistema di governo aziendale. Ancora oggi non ha dispiegato la sua completa configurazione. Diverse, nel frattempo, sono state le società del Gruppo A2A che si sono fuse, anche se non è del tutto consolidato il processo di riorganizzazione societaria. Infatti solo ora si affacciano gli appuntamenti di progressiva integrazione di Amsa ed Ecodeco in A2A. In questa fase di riorganizzazione si ripresentano tutte le questioni alle quali far corrispondere la necessaria risposta sindacale: modifica dei processi lavorativi e dell organizzazione del lavoro, indebite pressioni sui lavoratori che deteriorano il clima aziendale, riduzione dei livelli occupazionali, nuove realtà investite da lavoro precario e aumento del ricorso al lavoro in appalto. Questi ed altri sono i temi sui quali la piattaforma di secondo livello deve fornire risposte cominciando dalla necessità di avviare un confronto sul bilancio di sostenibilità del Gruppo A2A. Come già detto, il 31 dicembre 2009 scade il contratto integrativo ex-aem e si impone la necessità di avviarne la fase di rinnovo per evitare periodi di vacanza contrattuale. E una scelta la cui complessità non deve sfuggire. Questo rinnovo si colloca in uno scenario dove il cambiamento è ancora in atto, dove ancora non si è determinato un unico sistema di relazioni industriali, dove ancora sopravvive la vecchia storia contrattuale delle ex aziende che compongono il Gruppo A2A. La piattaforma rivendicativa tiene conto degli accordi in vigore, di quanto a nostro avviso non ha trovato compiuta e corretta applicazione, della necessità di recuperare alcuni rimandi relativi alla passata contrattazione oltre a punti non affrontati nell esperienza aziendale. Siamo consapevoli che, in questo rinnovo della contrattazione di secondo livello, si può determinare la possibilità che su alcuni aspetti l ambito del negoziato abbia la dimensione di Gruppo come quella naturale: saremo attenti nel cogliere, e se necessario anche nel promuovere, questa eventualità. Ancora una volta agiamo in divenire. Relazioni industriali Fermo restando la necessità di avviare un confronto sul piano industriale di tutto il Gruppo A2A, l attuale sistema di relazioni industriali deve conoscere una fase di consolidamento anche in un ottica di promozione di forme di partecipazione alla vita dell impresa. E necessario valorizzare il ruolo delle RSU qualificando il sistema degli incontri sulle singole società/unità produttive consolidando e sistematizzando le parziali esperienze fino ad ora fatte. 1

2 Puntiamo a una conferma dell attuale sistema di relazioni rafforzando e puntualizzando alcuni aspetti già oggi esistenti. In particolare bisogna: inserire nel sistema di relazioni industriali un livello di confronto articolato sul bilancio di sostenibilità del Gruppo; definire la sistematicità, il formato e la frequenza delle informazioni sul personale da fornire alle RSU/RLS e alle organizzazioni sindacali (livelli occupazionali, tipologie dei rapporti di lavoro, straordinari, politiche retributive aziendali, ecc.); prevedere specifiche sessioni di confronto con le RSU/RLS su formazione, sicurezza salute e ambiente, pari opportunità; definire le procedure di informazione e confronto preventivo, rivolte alle RSU, su ordini di servizio e disposizioni organizzative relative alla società/unità produttiva di pertinenza. Formazione L esperienza dell osservatorio sulla formazione fatta fino ad oggi è, seppur buona, un esperienza da migliorare. Bisogna qualificare il ruolo dell osservatorio sviluppandone la potenzialità di un luogo di discussione utile ad affermare il diritto alla formazione per tutti i lavoratori superando la pratica degli interventi formativi rivolti prevalentemente alle alte professionalità. Proponiamo che l esperienza dell osservatorio sia arricchita dalla possibilità che lo stesso diventi uno strumento che agisca nella dimensione di tutto il Gruppo A2A, superando così la sua natura territoriale. Inoltre riteniamo che si debba: declinare secondo l organizzazione del lavoro esistente l informazione sui programmi formativi rivolgendola sia all osservatorio (in una dimensione generale) sia alle RSU (in funzione del perimetro di riferimento); prevedere almeno un incontro annuale congiunto tra singola RSU, direzione aziendale e osservatorio con lo scopo di approfondire il confronto sulle specifiche iniziative formative e qualificare l individuazione del bisogno formativo; rendere sistematica l informazione, sia all osservatorio sia alle RSU, relativa all applicazione/evoluzione dei programmi formativi; pianificare l istituzione del libretto formativo individuale per ciascun lavoratore; pubblicare i verbali delle riunioni dell osservatorio. Pari Opportunità Forte è il ritardo, in Aem prima e in A2A poi, sul tema delle pari opportunità. Solo di recente, infatti, è stata istituita una specifica Commissione. E prematuro fare una valutazione di questa giovane esperienza che ha il compito di trattare antiche questioni. Pensiamo che la Commissione Pari Opportunità debba, in prospettiva, assumere una dimensione di Gruppo. Al fine di qualificare le attività della Commissione proponiamo che: si preveda la definizione di linee guida per la promozione di comportamenti virtuosi contro qualsiasi forma di discriminazione; si verbalizzi l attività della Commissione rendendola pubblica; si esegua sistematicamente il monitoraggio e la pubblicazione (oltre le previsioni di legge) del rapporto sui generi nei luoghi di lavoro; si preveda almeno un incontro annuale congiunto tra singola RSU, direzione aziendale e Commissione con lo scopo di approfondire il confronto sulle specifiche iniziative nelle singole società/unità produttive in materia di Pari Opportunità. Inoltre si ripresenta l esigenza di: fare uno specifico protocollo che renda esigibili le richieste di part-time, con particolare riferimento alle situazioni familiari, evitando forme di discriminazione rispetto ai percorsi di carriera; studiare la possibilità di realizzare un asilo nido aziendale; prevedere, in materia di congedi parentali, la possibilità di rendere il più effettivo possibile l usufrutto degli stessi (ad esempio orari di lavoro particolari e/o trasferimenti presso altra sede di lavoro con lo scopo di ridurre il pendolarismo). Ambiente e sicurezza Nel corso degli ultimi due anni è nato l osservatorio e, nel tempo, si sono meglio individuate le sue competenze. Oltre a confermare l utilità dell osservatorio riteniamo si debba consolidare questa esperienza qualificandone ulteriormente il ruolo. Proponiamo che l esperienza dell osservatorio sia arricchita dalla previsione che diventi uno strumento che agisca nella dimensione di tutto il Gruppo A2A. Fermo restando la distinzione tra il ruolo dell osservatorio e quello degli RLS, proponiamo: il riconoscimento di un coordinamento RLS su tutto quanto concerne le problematiche di interesse comune a più Società/Unità produttive in materia di salute, sicurezza e ambiente; uno o più incontri annuali congiunti tra tutti gli RLS e tutti gli RSPP; il riconoscimento delle competenze RLS in materia di ambiente con riferimento anche al rapporto con il territorio soprattutto laddove ci sono siti produttivi; 2

3 l estensione della possibilità di ispezione e segnalazione anche presso i cantieri con riferimento ai lavoratori delle ditte che lavorano in appalto e subappalto; prevedere almeno un incontro annuale congiunto tra singola RLS, direzione aziendale e osservatorio con lo scopo di approfondire come le indicazioni promosse dai lavori dell osservatorio si traducono nelle singole società/unità produttive. Inoltre relativamente al ruolo dell osservatorio proponiamo che abbia competenze su: analisi delle politiche del Gruppo per la definizione di linee guida condivise che, valorizzando le migliori pratiche (soprattutto se riferite alla prevenzione), servano da indicazione alle società/unità produttive; definizione di un Codice del Gruppo A2A su prevenzione e tutela della salute e monitoraggio della sua applicazione in A2A, nelle imprese dell appalto e del subappalto; analisi del clima relazionale aziendale al fine evitare fenomeni discriminatori e/o vessatori; diritto di informazione ed analisi sull intervento degli assistenti sociali; la pubblicazione dei verbali delle riunioni dell osservatorio; la definizione di uno specifico intervento sul fenomeno delle dipendenze a partire dalle linee guida definite nello specifico protocollo tra CGIL-CISL-UIL e ASL Città di Milano. Appalti Il ricorso al lavoro in appalto, se semplicemente sostitutivo del lavoro interno, impoverisce il profilo industriale del Gruppo. E nostro obbiettivo difendere i livelli occupazionali all interno del Gruppo A2A e attraverso di essi affermare un profilo industriale per le diverse società/unità produttive del Gruppo. Per questa ragione riteniamo strategico aprire un confronto in sede aziendale che, partendo anche dalle previsioni dei CCNL, affronti il tema del lavoro definendo un protocollo che individui e distingua le cosiddette attività primarie (quelle tipiche del ciclo produttivo), che non sono appaltabili, da quelle cosiddette secondarie che, fermo restando il presidio delle conoscenze, possono essere appaltate. Inoltre, spesso accade che nel sistema degli appalti e dei subappalti si annidino forme di dumping sociale se non, in alcuni casi, addirittura di illegalità. Conseguentemente assume particolare rilevanza la verifica della idoneità delle diverse imprese che operano negli appalti e nei subappalti per il Gruppo A2A. E necessario imprimere una spinta di natura etica che, oltre al rispetto del sistema legislativo, superi la logica del massimo ribasso per l aggiudicazione degli appalti. Bisogna prevedere per le imprese degli appalti e dei subappalti il vincolo al rispetto del Codice del Gruppo A2A su prevenzione e tutela della salute, evitando così che il ricorso al lavoro in appalto diventi anche una forma di esternalizzazione del rischio. Proponiamo che, partendo dal protocollo tra sindacato confederale e istituzioni sull expo 2015, venga definito uno specifico protocollo di Gruppo che preveda: la rivisitazione delle procedure aziendali per la verifica di idoneità delle imprese che possono operare per il Gruppo A2A; la pubblicazione della lista delle imprese che operano in regime di appalto e subappalto per il Gruppo A2A; inserimento nelle gare d appalto di specifici riferimenti al rispetto delle procedure di sicurezza del Gruppo A2A; la possibilità per gli RLS di A2A di accedere a tutte le informazioni per svolgere il loro ruolo anche relativamente alle imprese dell appalto e del subappalto; l estensione alle imprese dell appalto e del subappalto del vincolo di adesione al Codice del Gruppo A2A su prevenzione e tutela della salute ; l esclusione dalla lista delle imprese dell appalto e del subappalto che operano per il Gruppo A2A di tutte quelle che, oltre a non rispettare il sistema di regole vigenti, si distinguano per violazioni delle norme in materia di sicurezza. Permane la necessità di proseguire il confronto sul tema dell organizzazione del lavoro e sui carichi di lavoro delle figure professionali dedicate al presidio delle imprese; in particolare facciamo riferimento a CSE/CSP ed alla necessità di definire un adeguato sistema di tutele loro dedicato. Organizzazione del lavoro, classificazione del personale e politiche retributive E necessario, soprattutto nella fase del cambiamento, porre al centro del confronto tra sindacato e azienda il tema dell organizzazione del lavoro e dei livelli occupazionali. Sul tema della classificazione del personale, in diverse realtà, ci sono accordi per la definizione del corretto inquadramento in relazione al lavoro e alle figure professionali. Questo percorso, per quanto importante, è ancora oggi troppo parziale. Ancora molte sono le aree aziendali dove non si sono definiti, sulla base dell organizzazione del lavoro, accordi sindacali sulla classificazione del personale. Bisogna proseguire e generalizzare il percorso avviato da alcune RSU per la costruzione di accordi sindacali che definiscano le regole per l attribuzione del corretto inquadramento professionale in relazione all organizzazione del lavoro dei diversi reparti/uffici. L obbiettivo è quello di ricondurre l inquadramento professionale, dall uso distorto che spesso ne è stato fatto, a diritto esigibile per ogni singolo lavoratore. Permane la necessità di rendere trasparenti le politiche retributive aziendali distinguendole dall inquadramento professionale. Quindi, rispetto all attuale accordo, bisogna prevedere: 3

4 confronti specifici, a livello di RSU, sull organizzazione del lavoro dei diversi reparti/uffici, con riferimento alle figure professionali esistenti, che abbiano carattere preventivo a fronte di possibili evoluzioni dei processi lavorativi; la definizione di un sistema di conciliazione in sede sindacale, fermo restando il diritto individuale di adire le vie legali, per tutte le forme di vertenzialità individuale con l assistenza delle RSU; confronti preventivi sui criteri delle politiche retributive aziendali; la sistematizzazione delle informazioni, a consuntivo, dei provvedimenti di politica retributiva aziendale effettuati suddivisi per tipologia. Mercato del lavoro Il sindacalismo confederale considera il rapporto di lavoro a tempo indeterminato il normale rapporto di lavoro, rimane quindi di primaria importanza la battaglia contro le diverse forme di precarietà per la stabilizzazione dei rapporti di lavoro. Un lavoro stabile corrisponde non solo a una condizione giusta per il singolo lavoratore, ma consente anche la valorizzazione della qualità del lavoro espresso dall organizzazione del lavoro aziendale e quindi anche una migliore qualità del servizio agli utenti. Il ricorso a forme del lavoro atipico non è oggi un fenomeno particolarmente esteso se visto nella sua complessità, però è concentrato in alcune realtà aziendali. La recente estensione ai reparti operativi del ricorso a rapporti di lavoro interinali rappresenta un pessimo indice di degrado del profilo industriale del Gruppo, soprattutto se associato ad una costante riduzione degli organici attraverso il blocco del turn-over. Di conseguenza rimane la necessità costruire, tramite accordi sindacali, percorsi per la stabilizzazione di tutti i rapporti di lavoro in tempi certi, garantendo nel frattempo anche a questi lavoratori adeguati percorsi formativi e pari diritti degli altri lavoratori (inquadramento professionale, Craem, premio di risultato, ecc.). Va migliorato e consolidato il sistema di informazione su tutte le tipologie di rapporto di lavoro presenti in azienda (stage, interinale, tempo determinato, apprendistato, inserimento, co.co.pro., ecc.) Istituti sociali Il capitolo degli istituti sociali rappresenta, soprattutto nella fase della costruzione concreta del Gruppo A2A, un punto di particolare importanza. La valorizzazione della positiva gestione del Craem passa anche attraverso la negoziazione di aspetti, economici e non, che diventano gli strumenti e il modo per offrire un servizio sempre migliore e più completo ai soci. Proprio attorno al Craem e agli altri Circoli si possono determinare le condizioni per offrire ai soci la possibilità di poter usufruire di un welfare contrattuale di carattere universale sul versante della socialità, delle attività ricreative, culturali, commerciali, turistiche e dell integrazione delle prestazioni sanitarie. E necessario non limitarsi a rivendicare un indistinta continuità di gestione del Circolo. Bisogna puntare a consolidare, rafforzare e valorizzare l esperienza milanese del Craem proseguendo nella messa in rete delle opportunità e delle diverse iniziative con l obbiettivo, in prospettiva, di arrivare a costituire un unico Circolo per tutto il Gruppo A2A. Quindi, a favore del Craem, bisogna: rinnovare l accordo sulle colonie per i figli dei dipendenti prevedendo una diversa modulazione dell età, dei periodi di godimento e un aumento del contributo aziendale per bambino; rinnovare l accordo sui contributi per il pagamento del personale del Craem garantendo un adeguamento delle risorse stanziate e la certezza dei flussi di cassa a favore del Craem; verificare e confermare i comodati d uso delle strutture assegnate in gestione al Craem; prevedere che per i lavoratori a CCNL Commercio, e comunque per tutti quelli sprovvisti di analogo istituto, sia prevista l adesione al Craem con la qualifica di socio effettivo; rendere unica ed uniforme la contribuzione A2A per i soci effettivi portandola a 110 euro all anno, sussidi sanitari esclusi, a dipendente; prevedere uno stanziamento di risorse economiche da parte di A2A per l istituzione di un fondo dedicato a prestiti a tasso agevolato per i soci effettivi del Craem; migliorare la funzionalità operativa delle attività di servizio del Craem con riferimento alle dotazioni informatiche periferiche per l accesso all intranet e ai servizi del Craem; mettere a disposizione locali adeguati per specifiche iniziative; consolidare il sistema di agibilità sindacali per confermare il carattere di autonomia gestionale del servizio rivolto ai soci da parte dei componenti il CD del Craem. Previdenza complementare: aumentare il contributo a carico dell azienda per Pegaso. Politiche per l ambiente L esperienza fin qui fatta sui sistemi di incentivazione dell utilizzo dei mezzi pubblici è positiva seppur parziale. L accordo sindacale dei mesi passati, che ha stimolato il convenzionamento con Atm, è un passo importante che coniuga l esigenza di vivere in un territorio meno inquinato con forme di tutela del reddito dei lavoratori. Con questo spirito abbiamo definito uno specifico capitolo che prendesse in esame strutturalmente questa possibilità. 4

5 Proponiamo: il consolidamento dell accordo sindacale, oggi rivolto ad Atm, sui contributi a carico di A2A per favorire gli abbonamenti per i mezzi pubblici prevedendone l integrazione anche con altri mezzi di trasporto pubblico; la definizione di un progetto pilota per l introduzione del car pooling nelle sedi più disagiate; il convenzionamento con Atm per il servizio di bike sharing; la costruzione, in una o più sedi di lavoro, di una Casa dell acqua ; lo studio di un progetto che, a partire dall introduzione di auto elettriche, faccia di A2A una realtà virtuosa nel campo del rispetto dell ambiente; Rimborsi spese e ticket I cambiamenti in atto e la nuova dimensione di A2A impongono la necessità di aprire una riflessione sulle diverse caratteristiche che può assumere la prestazione lavorativa. Alla necessità del rinnovo dei trattamenti sostitutivi della mensa (ticket, indennità pacchetto, piccola trasferta) si aggiunge la necessità di definire un complesso di trattamenti che tengano in debita considerazione la maggiore frequenza con la quale si possono determinare attività lavorative in trasferta. Proponiamo: un aumento del valore facciale dei ticket a 11 euro; un aumento proporzionale dei trattamenti sostitutivi a forfait (indennità pacchetto/piccola trasferta); un adeguamento dei massimali per i rimborsi a piè di lista per il lavoro in trasferta; un adeguamento delle tariffe di rimborso chilometrico; la definizione di procedure per le attività in trasferta Italia/estero; la definizione di indennità di trasferta Italia e estero. Premio di risultato Al momento, gli obbiettivi che ci siamo posti in questi ultimi anni sulla crescita premio di risultato, come fattore di redistribuzione della ricchezza, sono stati raggiunti. Riteniamo necessario riportare nella sfera negoziale anche quelle risorse economiche oggi utilizzate unilateralmente dall azienda. Le priorità sul premio di risultato sono: portare tutte le società nel perimetro di applicazione dell accordo sul premio integrando strutturalmente anche quelle di nuova definizione. raggiungere a regime un montante al 100% teorico del premio di 2000 euro a parametro medio; definire una quota aggiuntiva di premio di 500 euro da negoziare a livello di RSU su obbiettivi specifici di società/unità produttiva; confermare, come nell accordo in vigore, modalità di erogazione del premio che determinano una parametrazione delle erogazioni diversa dalle scale parametriche contrattuali. Varie Ci sono una serie di pendenze che riguardano rimandi della contrattazione aziendale del passato che, poiché non hanno visto soluzione, trovano spazio nell ambito di questa piattaforma. In particolare proponiamo di: regolamentare con accordo sindacale la cosiddetta indisposizione ; rinegoziare, sia in termini normativi sia in termini economici, il trattamento delle aree direttive; negoziare un sistema complessivo di tutele per tutti quei lavoratori che, per via della condizione lavorativa sul territorio, sono esposti a possibili violazioni del codice della strada. In particolare ci riferiamo a: copertura multe, rischio punti patente, indennità guida; ridefinire l accordo RSU/RLS, anche alla luce della recente esperienza del territorio di Brescia, per poterne garantire il rinnovo entro la loro naturale scadenza, che avverrà nei primi mesi del 2010, e l insediamento anche nelle realtà di nuova costituzione del Gruppo; introdurre la bacheca elettronica aziendale per le comunicazioni sindacali; costituire un fondo di sostegno a favore di quelle famiglie che, almeno temporaneamente, non sono nella condizione di poter far fronte al pagamento delle bollette. Approvata all unanimità dall attivo dei delegati. Milano, 24 novembre

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI PREMESSA Nel sottolineare l importanza del ruolo che il Contratto Collettivo Nazionale e gli accordi vigenti assegnano alla contrattazione di secondo

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI (Lavanderie Industriali) Premessa Il contesto nel quale

Dettagli

Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia

Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia Art. 1 SFERA DI APPLICAZIONE Il Contratto Integrativo deve essere applicato a tutti i Dipendenti di tutte le sedi di ALTRAN

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE AZIENDE ARTIGIANE

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE AZIENDE ARTIGIANE UNIONE ITALIANA LAVORATORI TESSILI ABBIGLIAMENTO PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE AZIENDE ARTIGIANE Area TESSILE MODA Premessa Nell attuale fase di crisi finanziaria

Dettagli

CGIL CISL UIL. Gli Enti Bilaterali emanazione delle parti sociali (alle quali resta la competenza delle politiche. 00198 Roma Corso d Italia, 25

CGIL CISL UIL. Gli Enti Bilaterali emanazione delle parti sociali (alle quali resta la competenza delle politiche. 00198 Roma Corso d Italia, 25 Particolare rilievo è posto alla questione della formazione professionale continua che si evidenzia come un importante strumento per il rafforzamento del patrimonio di conoscenze dei lavoratori, per il

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA TRIENNIO 2010-2012 L attuale crisi finanziaria ed economica mondiale trae origine dalla bolla immobiliare che ha maggiormente coinvolto paesi

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL SEGRETERIE NAZIONALI Corso Trieste, 36-00198 - Roma - Tel. +39 06 852621 IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL definita dalle Segreterie nazionali Fim, Fiom, Uilm il 12

Dettagli

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro.

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. Il settore della Vigilanza Privata italiana, in tempi recenti, ha conosciuto delle innovazioni di matrice normativa

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO AZIENDALE. DI BANCA FIDEURAM S.p.A.

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO AZIENDALE. DI BANCA FIDEURAM S.p.A. FABI / FIBA-CISL / FISAC-CGIL / SINDIRIGENTICREDITO / SINFUB / UIL.CA IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO AZIENDALE DI BANCA FIDEURAM S.p.A. Ottobre 2000 PREMESSA Sottoponiamo a colleghe

Dettagli

Segreterie Nazionali

Segreterie Nazionali Segreterie Nazionali Roma 8 luglio 2015 Spett.le Europcar Italia SpA Spett.le Aniasa Prot. n. 193/SU/NOL/df Oggetto: Piattaforma contrattazione di 2 livello 2015-2017 Vi inviamo la Piattaforma per la contrattazione

Dettagli

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA La UIL nell assumere tra i suoi obiettivi prioritari per l'anno in corso il superamento del blocco della contrattazione

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sanità nel welfare che cambia Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sostenibilità del sistema Spesa pubblica per

Dettagli

Anffas Onlus di. Varese Busto A. Ticino Luino

Anffas Onlus di. Varese Busto A. Ticino Luino Anffas Onlus di Varese Busto A. Ticino Luino Associazione Famiglie di Disabili Intellettivi e/o Relazionali Sito Internet Nazionale:www.anffas.net Oggetto : iniziativa Anffas Varese, Busto Arsizio, Somma

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 13 giugno 2014 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Che cos è Agenquadri

Che cos è Agenquadri 1 Che cos è Agenquadri Agenquadri intende rappresentare con autonomia politica, giuridica, amministrativa e di iniziativa, in forma organizzata, quadri, dirigenti e lavoratori di alta professionalità,

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE CHE PRODUCONO OCCHIALI E ARTICOLI INERENTI L OCCHIALERIA

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE CHE PRODUCONO OCCHIALI E ARTICOLI INERENTI L OCCHIALERIA PIATTAFORMA PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE CHE PRODUCONO OCCHIALI E ARTICOLI INERENTI L OCCHIALERIA 2015 Premessa Il rinnovo del Contratto Nazionale dell occhialeria avviene

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

Premessa. Relazioni Industriali

Premessa. Relazioni Industriali Piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL Trasporti e Onoranze Funebri private (FENIOF) 2012 2014 1 Premessa Il settore delle imprese esercenti attività di servizi e trasporto funebre composto da

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Rinnovo del CCNL 18.7.2006 del settore elettrico

Rinnovo del CCNL 18.7.2006 del settore elettrico Rinnovo del CCNL 18.7.2006 del settore elettrico In data 5 Marzo 2010 è stato sottoscritto con Cgil-Filcem. Cisl-Flaei, Uil Uilcem, il rinnovo del CCNL 18.luglio 2006 scaduto il 30 giugno 2009. Il rinnovato

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

PIATTAFORMA CONTRATTO INTEGRATIVO BANCA DELL'ARTIGIANATO E DELL'INDUSTRIA

PIATTAFORMA CONTRATTO INTEGRATIVO BANCA DELL'ARTIGIANATO E DELL'INDUSTRIA Maggio 2009 PIATTAFORMA CONTRATTO INTEGRATIVO BANCA DELL'ARTIGIANATO E DELL'INDUSTRIA PREMIO AZIENDALE (EX V.A.P.) Viene richiesto con decorrenza 1/1/2008 erogazione 2009 un premio aziendale secondo i

Dettagli

PREMESSA. Il settore delle costruzioni, come ha già fatto in altri momenti, potrebbe giocare un

PREMESSA. Il settore delle costruzioni, come ha già fatto in altri momenti, potrebbe giocare un PREMESSA Il settore delle costruzioni, come ha già fatto in altri momenti, potrebbe giocare un ruolo fondamentale nel percorso di ripresa dell economia della nostra Regione. È per questo motivo che riteniamo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

IPOTESI PIATTAFORMA DI RINNOVO CIA BMPS

IPOTESI PIATTAFORMA DI RINNOVO CIA BMPS per Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi Siena Spa IPOTESI PIATTAFORMA DI RINNOVO CIA BMPS Premessa La presentazione di una Ipotesi di Piattaforma di rinnovo del CIA di Banca Monte dei Paschi, ha il

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

Spett. Alleanza Assicurazioni S.p.A. Servizio del Personale SEDE

Spett. Alleanza Assicurazioni S.p.A. Servizio del Personale SEDE Spett. Alleanza Assicurazioni S.p.A. Servizio del Personale SEDE Vi trasmettiamo in allegato la piattaforma per il rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale dei lavoratori dell Alleanza Assicurazioni,

Dettagli

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Cervia 16 Maggio 2008 UNA NUOVA FASE DI CONTRATTAZIONE La contrattazione collettiva di tutti gli aspetti

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA

Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA Libero / Falcri Fiba Cisl Fisac Cgil Uilca Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA PREMESSA La struttura del Gruppo è costituita da una Capogruppo,

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE E WELFARE AZIENDALE:

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE E WELFARE AZIENDALE: LA RESPONSABILITÀ SOCIALE E WELFARE AZIENDALE: un modello di crescita sostenibile per mantenere competitività A cura di Nicoletta Saccon Brescia, 12 dicembre 2012 L attenzione per un nuovo modello di impresa:

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Tavola di confronto delle piattaforme sindacali

Tavola di confronto delle piattaforme sindacali www.bollettinoadapt.it, 16 aprile 2013 Tavola di confronto delle piattaforme sindacali a cura di Sabrina Chiarelli, Cecilia Porro, Giulia Rosolen Argomenti FeLSA Cisl NIdiL Cgil UILTem.p@ Le premesse Diritti

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Nota informativa: Il Programma Ponte Generazionale in Lombardia

Dettagli

COMUNICATO. Nella tarda serata del 18 giugno si è conclusa la trattativa raggiungendo una intesa sull ipotesi di rinnovo.

COMUNICATO. Nella tarda serata del 18 giugno si è conclusa la trattativa raggiungendo una intesa sull ipotesi di rinnovo. COMUNICATO Il giorno 17 giugno è ripresa la trattativa per il rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale del Gruppo Allianz ed è proseguita il giorno successivo con l intento di giungere ad una fase finale.

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND La riforma del sistema pensionistico determinata dalla legge 335/1995 e successive modificazioni ha modificato il sistema di rogazione

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA. della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10 luglio 1987

COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA. della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10 luglio 1987 COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA - COMUNE DI PERUGIA E - le seguenti Associazioni dei Consumatori e degli utenti iscritte all Albo della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10

Dettagli

RINNOVO CCNL GAS-ACQUA

RINNOVO CCNL GAS-ACQUA RINNOVO CCNL GAS-ACQUA INTRODUZIONE Il prossimo 31 dicembre 2009 scade il contratto di lavoro per gli addetti al settore gasacqua. Gli scenari in cui ci si appresta a rinnovare il contratto vedono, sempre

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO 2013-2015

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO 2013-2015 Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO 2013-2015 (art. 9, comma 7, del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179 convertito con legge n. 221 del 17 dicembre

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

Ente Nazionale Bilaterale per la Formazione

Ente Nazionale Bilaterale per la Formazione Ente Nazionale Bilaterale per la Formazione Contatti Indirizzo: Via Casal Bertone, 171-00159 Roma Tel./Fax: 06.83771862 Mobile: 333.7755585 info@enbiform.it - enbiform@pec.it www.enbiform.it COS È UN ENTE

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

Documento di registrazione

Documento di registrazione /allegato B 1 / 5 Il giorno 29 aprile 2013 si è tenuta la prima visita di sorveglianza da parte dell Organismo di Certificazione ABS Quality Evaluations e sono emersi i seguenti suggerimenti: a) 3.4 -

Dettagli

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE NEI LUOGHI DI LAVORO E LEGALITA NELLA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA RESIDENZA UNIVERSITARIA IN PISA Protocollo di intesa a programmare, ferme restando

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D.P.C.M. 30 marzo 2001: ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO SUI SISTEMI DI AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ALLA PERSONA PREVISTI DALL ART. 5 DELLA LEGGE 8 novembre 2000, n. 328 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Dettagli

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 Mediazione Civile Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 dicembre 2009 A cura della Commissione Arbitrato e Conciliazione Presidente Flavia Silla Componenti

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO E CALZATURIERO INDUSTRIA

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO E CALZATURIERO INDUSTRIA PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO E CALZATURIERO INDUSTRIA 1 Premessa Il rinnovo del Contratto Nazionale del Tessile Abbigliamento e Calzaturiero

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso

VERBALE DI ACCORDO. premesso VERBALE DI ACCORDO Tra la Banca Monte dei Paschi di Siena Spa, e le Organizzazioni Sindacali Aziendali, che: premesso l Accordo del 12.11.2009 c.d. di armonizzazione ad esito della procedura sindacale

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

VERBALE DI INCONTRO. L Azienda premette che:

VERBALE DI INCONTRO. L Azienda premette che: VERBALE DI INCONTRO L Azienda premette che: il collocamento di prodotti e servizi offerti alla clientela richiede processi di formazione e aggiornamento continuo per le figure di rete commerciale, a tale

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca

Apprendistato di alta formazione e ricerca Apprendistato di alta formazione e ricerca Irene Crimaldi IMT Istituto Alti Studi Lucca Irene Crimaldi (IMT Lucca) Apprendistato di alta formazione e ricerca 24/01/2014 1 / 17 Finalità - Promuovere la

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

Perchè abbiamo promosso questa raccolta di firme.

Perchè abbiamo promosso questa raccolta di firme. A seguito della riunione del 18 Giugno 2008 delle segreterie dei Circoli di lavoro del PD era in fase di predisposizione il modulo per la raccolta delle firme. Prendendo atto con grande soddisfazione della

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA Il giorno 27 04 2004, presso l Assessorato del Lavoro, si è svolto un

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Commissione istruttoria per le politiche del lavoro e dei sistemi produttivi (II) Osservazioni e proposte I servizi di gestione degli immobili: il facility

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

RELAZIONI INDUSTRIALI

RELAZIONI INDUSTRIALI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I LAVORATORI DIPENDENTI DA AZIENDE COOPERATIVE DI TRASFORMAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ZOOTECNICHE E LAVORAZIONE PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli