Ipotesi di piattaforma di secondo livello Gruppo A2A Territori Milano e Sondrio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ipotesi di piattaforma di secondo livello. 2010-2012 Gruppo A2A Territori Milano e Sondrio"

Transcript

1 Ipotesi di piattaforma di secondo livello Premessa Gruppo A2A Territori Milano e Sondrio Lo scenario all interno del quale collochiamo la piattaforma rivendicativa di secondo livello è inedito. Quando affrontammo lo scorso appuntamento di rinnovo della contrattazione di aziendale lo facemmo con lo spirito di costruire un ponte tra le storie negoziali esistenti (ex Aem e ex Asm) per costruire una futuro contrattazione per il Gruppo A2A. La piattaforma presentata nel 2007 segnava già le due direttrici: qualificare la storia contrattuale dell allora Aem e definire un percorso che facesse della contrattazione per tutto il Gruppo A2A la prospettiva dell'azione del sindacato confederale. L esito di quel percorso negoziale fu soddisfacente, anche se quel che ne seguì successivamente non ci permise di praticare un salto di qualità nel senso della contrattazione di Gruppo. L accordo di secondo livello del 19 dicembre 2007 prevedeva alcuni elementi di innovazione (in particolare sugli strumenti relazionali), una serie di rimandi a tavoli di verifica (alcuni tradotti in verbali di accordo, altri no), il rinnovo di accordi economici nella forma diretta ed indiretta (premio di risultato e/o Craem), la scadenza per il 31 dicembre Successivamente, il 21 dicembre 2007, fu firmato l accordo relativo alla fusione tra Aem ed Asm. In particolare veniva confermato il complesso degli accordi vigenti su base degli ex perimetri aziendali e si guardava alla necessità di dotarsi di un unico protocollo di relazioni industriali nel Gruppo A2A. Dal primo gennaio 2008, con la nascita di A2A, si è avviato un progressivo processo di riorganizzazione societario e aziendale. Questo processo ha conosciuto fasi alterne, alle volte anche di conflitto interno al sistema di governo aziendale. Ancora oggi non ha dispiegato la sua completa configurazione. Diverse, nel frattempo, sono state le società del Gruppo A2A che si sono fuse, anche se non è del tutto consolidato il processo di riorganizzazione societaria. Infatti solo ora si affacciano gli appuntamenti di progressiva integrazione di Amsa ed Ecodeco in A2A. In questa fase di riorganizzazione si ripresentano tutte le questioni alle quali far corrispondere la necessaria risposta sindacale: modifica dei processi lavorativi e dell organizzazione del lavoro, indebite pressioni sui lavoratori che deteriorano il clima aziendale, riduzione dei livelli occupazionali, nuove realtà investite da lavoro precario e aumento del ricorso al lavoro in appalto. Questi ed altri sono i temi sui quali la piattaforma di secondo livello deve fornire risposte cominciando dalla necessità di avviare un confronto sul bilancio di sostenibilità del Gruppo A2A. Come già detto, il 31 dicembre 2009 scade il contratto integrativo ex-aem e si impone la necessità di avviarne la fase di rinnovo per evitare periodi di vacanza contrattuale. E una scelta la cui complessità non deve sfuggire. Questo rinnovo si colloca in uno scenario dove il cambiamento è ancora in atto, dove ancora non si è determinato un unico sistema di relazioni industriali, dove ancora sopravvive la vecchia storia contrattuale delle ex aziende che compongono il Gruppo A2A. La piattaforma rivendicativa tiene conto degli accordi in vigore, di quanto a nostro avviso non ha trovato compiuta e corretta applicazione, della necessità di recuperare alcuni rimandi relativi alla passata contrattazione oltre a punti non affrontati nell esperienza aziendale. Siamo consapevoli che, in questo rinnovo della contrattazione di secondo livello, si può determinare la possibilità che su alcuni aspetti l ambito del negoziato abbia la dimensione di Gruppo come quella naturale: saremo attenti nel cogliere, e se necessario anche nel promuovere, questa eventualità. Ancora una volta agiamo in divenire. Relazioni industriali Fermo restando la necessità di avviare un confronto sul piano industriale di tutto il Gruppo A2A, l attuale sistema di relazioni industriali deve conoscere una fase di consolidamento anche in un ottica di promozione di forme di partecipazione alla vita dell impresa. E necessario valorizzare il ruolo delle RSU qualificando il sistema degli incontri sulle singole società/unità produttive consolidando e sistematizzando le parziali esperienze fino ad ora fatte. 1

2 Puntiamo a una conferma dell attuale sistema di relazioni rafforzando e puntualizzando alcuni aspetti già oggi esistenti. In particolare bisogna: inserire nel sistema di relazioni industriali un livello di confronto articolato sul bilancio di sostenibilità del Gruppo; definire la sistematicità, il formato e la frequenza delle informazioni sul personale da fornire alle RSU/RLS e alle organizzazioni sindacali (livelli occupazionali, tipologie dei rapporti di lavoro, straordinari, politiche retributive aziendali, ecc.); prevedere specifiche sessioni di confronto con le RSU/RLS su formazione, sicurezza salute e ambiente, pari opportunità; definire le procedure di informazione e confronto preventivo, rivolte alle RSU, su ordini di servizio e disposizioni organizzative relative alla società/unità produttiva di pertinenza. Formazione L esperienza dell osservatorio sulla formazione fatta fino ad oggi è, seppur buona, un esperienza da migliorare. Bisogna qualificare il ruolo dell osservatorio sviluppandone la potenzialità di un luogo di discussione utile ad affermare il diritto alla formazione per tutti i lavoratori superando la pratica degli interventi formativi rivolti prevalentemente alle alte professionalità. Proponiamo che l esperienza dell osservatorio sia arricchita dalla possibilità che lo stesso diventi uno strumento che agisca nella dimensione di tutto il Gruppo A2A, superando così la sua natura territoriale. Inoltre riteniamo che si debba: declinare secondo l organizzazione del lavoro esistente l informazione sui programmi formativi rivolgendola sia all osservatorio (in una dimensione generale) sia alle RSU (in funzione del perimetro di riferimento); prevedere almeno un incontro annuale congiunto tra singola RSU, direzione aziendale e osservatorio con lo scopo di approfondire il confronto sulle specifiche iniziative formative e qualificare l individuazione del bisogno formativo; rendere sistematica l informazione, sia all osservatorio sia alle RSU, relativa all applicazione/evoluzione dei programmi formativi; pianificare l istituzione del libretto formativo individuale per ciascun lavoratore; pubblicare i verbali delle riunioni dell osservatorio. Pari Opportunità Forte è il ritardo, in Aem prima e in A2A poi, sul tema delle pari opportunità. Solo di recente, infatti, è stata istituita una specifica Commissione. E prematuro fare una valutazione di questa giovane esperienza che ha il compito di trattare antiche questioni. Pensiamo che la Commissione Pari Opportunità debba, in prospettiva, assumere una dimensione di Gruppo. Al fine di qualificare le attività della Commissione proponiamo che: si preveda la definizione di linee guida per la promozione di comportamenti virtuosi contro qualsiasi forma di discriminazione; si verbalizzi l attività della Commissione rendendola pubblica; si esegua sistematicamente il monitoraggio e la pubblicazione (oltre le previsioni di legge) del rapporto sui generi nei luoghi di lavoro; si preveda almeno un incontro annuale congiunto tra singola RSU, direzione aziendale e Commissione con lo scopo di approfondire il confronto sulle specifiche iniziative nelle singole società/unità produttive in materia di Pari Opportunità. Inoltre si ripresenta l esigenza di: fare uno specifico protocollo che renda esigibili le richieste di part-time, con particolare riferimento alle situazioni familiari, evitando forme di discriminazione rispetto ai percorsi di carriera; studiare la possibilità di realizzare un asilo nido aziendale; prevedere, in materia di congedi parentali, la possibilità di rendere il più effettivo possibile l usufrutto degli stessi (ad esempio orari di lavoro particolari e/o trasferimenti presso altra sede di lavoro con lo scopo di ridurre il pendolarismo). Ambiente e sicurezza Nel corso degli ultimi due anni è nato l osservatorio e, nel tempo, si sono meglio individuate le sue competenze. Oltre a confermare l utilità dell osservatorio riteniamo si debba consolidare questa esperienza qualificandone ulteriormente il ruolo. Proponiamo che l esperienza dell osservatorio sia arricchita dalla previsione che diventi uno strumento che agisca nella dimensione di tutto il Gruppo A2A. Fermo restando la distinzione tra il ruolo dell osservatorio e quello degli RLS, proponiamo: il riconoscimento di un coordinamento RLS su tutto quanto concerne le problematiche di interesse comune a più Società/Unità produttive in materia di salute, sicurezza e ambiente; uno o più incontri annuali congiunti tra tutti gli RLS e tutti gli RSPP; il riconoscimento delle competenze RLS in materia di ambiente con riferimento anche al rapporto con il territorio soprattutto laddove ci sono siti produttivi; 2

3 l estensione della possibilità di ispezione e segnalazione anche presso i cantieri con riferimento ai lavoratori delle ditte che lavorano in appalto e subappalto; prevedere almeno un incontro annuale congiunto tra singola RLS, direzione aziendale e osservatorio con lo scopo di approfondire come le indicazioni promosse dai lavori dell osservatorio si traducono nelle singole società/unità produttive. Inoltre relativamente al ruolo dell osservatorio proponiamo che abbia competenze su: analisi delle politiche del Gruppo per la definizione di linee guida condivise che, valorizzando le migliori pratiche (soprattutto se riferite alla prevenzione), servano da indicazione alle società/unità produttive; definizione di un Codice del Gruppo A2A su prevenzione e tutela della salute e monitoraggio della sua applicazione in A2A, nelle imprese dell appalto e del subappalto; analisi del clima relazionale aziendale al fine evitare fenomeni discriminatori e/o vessatori; diritto di informazione ed analisi sull intervento degli assistenti sociali; la pubblicazione dei verbali delle riunioni dell osservatorio; la definizione di uno specifico intervento sul fenomeno delle dipendenze a partire dalle linee guida definite nello specifico protocollo tra CGIL-CISL-UIL e ASL Città di Milano. Appalti Il ricorso al lavoro in appalto, se semplicemente sostitutivo del lavoro interno, impoverisce il profilo industriale del Gruppo. E nostro obbiettivo difendere i livelli occupazionali all interno del Gruppo A2A e attraverso di essi affermare un profilo industriale per le diverse società/unità produttive del Gruppo. Per questa ragione riteniamo strategico aprire un confronto in sede aziendale che, partendo anche dalle previsioni dei CCNL, affronti il tema del lavoro definendo un protocollo che individui e distingua le cosiddette attività primarie (quelle tipiche del ciclo produttivo), che non sono appaltabili, da quelle cosiddette secondarie che, fermo restando il presidio delle conoscenze, possono essere appaltate. Inoltre, spesso accade che nel sistema degli appalti e dei subappalti si annidino forme di dumping sociale se non, in alcuni casi, addirittura di illegalità. Conseguentemente assume particolare rilevanza la verifica della idoneità delle diverse imprese che operano negli appalti e nei subappalti per il Gruppo A2A. E necessario imprimere una spinta di natura etica che, oltre al rispetto del sistema legislativo, superi la logica del massimo ribasso per l aggiudicazione degli appalti. Bisogna prevedere per le imprese degli appalti e dei subappalti il vincolo al rispetto del Codice del Gruppo A2A su prevenzione e tutela della salute, evitando così che il ricorso al lavoro in appalto diventi anche una forma di esternalizzazione del rischio. Proponiamo che, partendo dal protocollo tra sindacato confederale e istituzioni sull expo 2015, venga definito uno specifico protocollo di Gruppo che preveda: la rivisitazione delle procedure aziendali per la verifica di idoneità delle imprese che possono operare per il Gruppo A2A; la pubblicazione della lista delle imprese che operano in regime di appalto e subappalto per il Gruppo A2A; inserimento nelle gare d appalto di specifici riferimenti al rispetto delle procedure di sicurezza del Gruppo A2A; la possibilità per gli RLS di A2A di accedere a tutte le informazioni per svolgere il loro ruolo anche relativamente alle imprese dell appalto e del subappalto; l estensione alle imprese dell appalto e del subappalto del vincolo di adesione al Codice del Gruppo A2A su prevenzione e tutela della salute ; l esclusione dalla lista delle imprese dell appalto e del subappalto che operano per il Gruppo A2A di tutte quelle che, oltre a non rispettare il sistema di regole vigenti, si distinguano per violazioni delle norme in materia di sicurezza. Permane la necessità di proseguire il confronto sul tema dell organizzazione del lavoro e sui carichi di lavoro delle figure professionali dedicate al presidio delle imprese; in particolare facciamo riferimento a CSE/CSP ed alla necessità di definire un adeguato sistema di tutele loro dedicato. Organizzazione del lavoro, classificazione del personale e politiche retributive E necessario, soprattutto nella fase del cambiamento, porre al centro del confronto tra sindacato e azienda il tema dell organizzazione del lavoro e dei livelli occupazionali. Sul tema della classificazione del personale, in diverse realtà, ci sono accordi per la definizione del corretto inquadramento in relazione al lavoro e alle figure professionali. Questo percorso, per quanto importante, è ancora oggi troppo parziale. Ancora molte sono le aree aziendali dove non si sono definiti, sulla base dell organizzazione del lavoro, accordi sindacali sulla classificazione del personale. Bisogna proseguire e generalizzare il percorso avviato da alcune RSU per la costruzione di accordi sindacali che definiscano le regole per l attribuzione del corretto inquadramento professionale in relazione all organizzazione del lavoro dei diversi reparti/uffici. L obbiettivo è quello di ricondurre l inquadramento professionale, dall uso distorto che spesso ne è stato fatto, a diritto esigibile per ogni singolo lavoratore. Permane la necessità di rendere trasparenti le politiche retributive aziendali distinguendole dall inquadramento professionale. Quindi, rispetto all attuale accordo, bisogna prevedere: 3

4 confronti specifici, a livello di RSU, sull organizzazione del lavoro dei diversi reparti/uffici, con riferimento alle figure professionali esistenti, che abbiano carattere preventivo a fronte di possibili evoluzioni dei processi lavorativi; la definizione di un sistema di conciliazione in sede sindacale, fermo restando il diritto individuale di adire le vie legali, per tutte le forme di vertenzialità individuale con l assistenza delle RSU; confronti preventivi sui criteri delle politiche retributive aziendali; la sistematizzazione delle informazioni, a consuntivo, dei provvedimenti di politica retributiva aziendale effettuati suddivisi per tipologia. Mercato del lavoro Il sindacalismo confederale considera il rapporto di lavoro a tempo indeterminato il normale rapporto di lavoro, rimane quindi di primaria importanza la battaglia contro le diverse forme di precarietà per la stabilizzazione dei rapporti di lavoro. Un lavoro stabile corrisponde non solo a una condizione giusta per il singolo lavoratore, ma consente anche la valorizzazione della qualità del lavoro espresso dall organizzazione del lavoro aziendale e quindi anche una migliore qualità del servizio agli utenti. Il ricorso a forme del lavoro atipico non è oggi un fenomeno particolarmente esteso se visto nella sua complessità, però è concentrato in alcune realtà aziendali. La recente estensione ai reparti operativi del ricorso a rapporti di lavoro interinali rappresenta un pessimo indice di degrado del profilo industriale del Gruppo, soprattutto se associato ad una costante riduzione degli organici attraverso il blocco del turn-over. Di conseguenza rimane la necessità costruire, tramite accordi sindacali, percorsi per la stabilizzazione di tutti i rapporti di lavoro in tempi certi, garantendo nel frattempo anche a questi lavoratori adeguati percorsi formativi e pari diritti degli altri lavoratori (inquadramento professionale, Craem, premio di risultato, ecc.). Va migliorato e consolidato il sistema di informazione su tutte le tipologie di rapporto di lavoro presenti in azienda (stage, interinale, tempo determinato, apprendistato, inserimento, co.co.pro., ecc.) Istituti sociali Il capitolo degli istituti sociali rappresenta, soprattutto nella fase della costruzione concreta del Gruppo A2A, un punto di particolare importanza. La valorizzazione della positiva gestione del Craem passa anche attraverso la negoziazione di aspetti, economici e non, che diventano gli strumenti e il modo per offrire un servizio sempre migliore e più completo ai soci. Proprio attorno al Craem e agli altri Circoli si possono determinare le condizioni per offrire ai soci la possibilità di poter usufruire di un welfare contrattuale di carattere universale sul versante della socialità, delle attività ricreative, culturali, commerciali, turistiche e dell integrazione delle prestazioni sanitarie. E necessario non limitarsi a rivendicare un indistinta continuità di gestione del Circolo. Bisogna puntare a consolidare, rafforzare e valorizzare l esperienza milanese del Craem proseguendo nella messa in rete delle opportunità e delle diverse iniziative con l obbiettivo, in prospettiva, di arrivare a costituire un unico Circolo per tutto il Gruppo A2A. Quindi, a favore del Craem, bisogna: rinnovare l accordo sulle colonie per i figli dei dipendenti prevedendo una diversa modulazione dell età, dei periodi di godimento e un aumento del contributo aziendale per bambino; rinnovare l accordo sui contributi per il pagamento del personale del Craem garantendo un adeguamento delle risorse stanziate e la certezza dei flussi di cassa a favore del Craem; verificare e confermare i comodati d uso delle strutture assegnate in gestione al Craem; prevedere che per i lavoratori a CCNL Commercio, e comunque per tutti quelli sprovvisti di analogo istituto, sia prevista l adesione al Craem con la qualifica di socio effettivo; rendere unica ed uniforme la contribuzione A2A per i soci effettivi portandola a 110 euro all anno, sussidi sanitari esclusi, a dipendente; prevedere uno stanziamento di risorse economiche da parte di A2A per l istituzione di un fondo dedicato a prestiti a tasso agevolato per i soci effettivi del Craem; migliorare la funzionalità operativa delle attività di servizio del Craem con riferimento alle dotazioni informatiche periferiche per l accesso all intranet e ai servizi del Craem; mettere a disposizione locali adeguati per specifiche iniziative; consolidare il sistema di agibilità sindacali per confermare il carattere di autonomia gestionale del servizio rivolto ai soci da parte dei componenti il CD del Craem. Previdenza complementare: aumentare il contributo a carico dell azienda per Pegaso. Politiche per l ambiente L esperienza fin qui fatta sui sistemi di incentivazione dell utilizzo dei mezzi pubblici è positiva seppur parziale. L accordo sindacale dei mesi passati, che ha stimolato il convenzionamento con Atm, è un passo importante che coniuga l esigenza di vivere in un territorio meno inquinato con forme di tutela del reddito dei lavoratori. Con questo spirito abbiamo definito uno specifico capitolo che prendesse in esame strutturalmente questa possibilità. 4

5 Proponiamo: il consolidamento dell accordo sindacale, oggi rivolto ad Atm, sui contributi a carico di A2A per favorire gli abbonamenti per i mezzi pubblici prevedendone l integrazione anche con altri mezzi di trasporto pubblico; la definizione di un progetto pilota per l introduzione del car pooling nelle sedi più disagiate; il convenzionamento con Atm per il servizio di bike sharing; la costruzione, in una o più sedi di lavoro, di una Casa dell acqua ; lo studio di un progetto che, a partire dall introduzione di auto elettriche, faccia di A2A una realtà virtuosa nel campo del rispetto dell ambiente; Rimborsi spese e ticket I cambiamenti in atto e la nuova dimensione di A2A impongono la necessità di aprire una riflessione sulle diverse caratteristiche che può assumere la prestazione lavorativa. Alla necessità del rinnovo dei trattamenti sostitutivi della mensa (ticket, indennità pacchetto, piccola trasferta) si aggiunge la necessità di definire un complesso di trattamenti che tengano in debita considerazione la maggiore frequenza con la quale si possono determinare attività lavorative in trasferta. Proponiamo: un aumento del valore facciale dei ticket a 11 euro; un aumento proporzionale dei trattamenti sostitutivi a forfait (indennità pacchetto/piccola trasferta); un adeguamento dei massimali per i rimborsi a piè di lista per il lavoro in trasferta; un adeguamento delle tariffe di rimborso chilometrico; la definizione di procedure per le attività in trasferta Italia/estero; la definizione di indennità di trasferta Italia e estero. Premio di risultato Al momento, gli obbiettivi che ci siamo posti in questi ultimi anni sulla crescita premio di risultato, come fattore di redistribuzione della ricchezza, sono stati raggiunti. Riteniamo necessario riportare nella sfera negoziale anche quelle risorse economiche oggi utilizzate unilateralmente dall azienda. Le priorità sul premio di risultato sono: portare tutte le società nel perimetro di applicazione dell accordo sul premio integrando strutturalmente anche quelle di nuova definizione. raggiungere a regime un montante al 100% teorico del premio di 2000 euro a parametro medio; definire una quota aggiuntiva di premio di 500 euro da negoziare a livello di RSU su obbiettivi specifici di società/unità produttiva; confermare, come nell accordo in vigore, modalità di erogazione del premio che determinano una parametrazione delle erogazioni diversa dalle scale parametriche contrattuali. Varie Ci sono una serie di pendenze che riguardano rimandi della contrattazione aziendale del passato che, poiché non hanno visto soluzione, trovano spazio nell ambito di questa piattaforma. In particolare proponiamo di: regolamentare con accordo sindacale la cosiddetta indisposizione ; rinegoziare, sia in termini normativi sia in termini economici, il trattamento delle aree direttive; negoziare un sistema complessivo di tutele per tutti quei lavoratori che, per via della condizione lavorativa sul territorio, sono esposti a possibili violazioni del codice della strada. In particolare ci riferiamo a: copertura multe, rischio punti patente, indennità guida; ridefinire l accordo RSU/RLS, anche alla luce della recente esperienza del territorio di Brescia, per poterne garantire il rinnovo entro la loro naturale scadenza, che avverrà nei primi mesi del 2010, e l insediamento anche nelle realtà di nuova costituzione del Gruppo; introdurre la bacheca elettronica aziendale per le comunicazioni sindacali; costituire un fondo di sostegno a favore di quelle famiglie che, almeno temporaneamente, non sono nella condizione di poter far fronte al pagamento delle bollette. Approvata all unanimità dall attivo dei delegati. Milano, 24 novembre

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 di rinnovo del CCNL delle Attività Ferroviarie del 16 aprile 2003 1 PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO.

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO. una sintesi del CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO DATA DI SOTTOSCRIZIONE: 27 DATA DI ENTRATA IN VIGORE: 1 GENNAIO 2014 Pagina 1 di 32

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA DOCUMENTI 12 RAPPORTO LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA ROMA, GENNAIO 2002 Il Rapporto è stato curato dall Ufficio per l Informazione con la collaborazione di Monitor Lavoro.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

TESTO COORDINATO DELLE NORME CONTRATTUALI VIGENTI (dal Ccnl 1994-1997 al Ccnl 2002-2005)

TESTO COORDINATO DELLE NORME CONTRATTUALI VIGENTI (dal Ccnl 1994-1997 al Ccnl 2002-2005) ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI TESTO COORDINATO DELLE NORME CONTRATTUALI VIGENTI (dal Ccnl 1994-1997 al Ccnl 2002-2005) Le parti in corsivo sono le integrazioni o le modifi che apportate al CCNL 1994/1997

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI

ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI Segreteria Nazionale UIL Pubblica Amministrazione Ufficio studi e formazione NORME CONTRATTUALI DEL COMPARTO ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI aggiornate con le novità introdotte dal CCNL 2008-2009 UIL Pubblica

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO.

LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO. LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO. 1 GESTIONI INDIRETTE DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI SISTEMI CONTRATTUALI CONCESSIONE APPALTO CONVENZIONE ( ONLUS,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO per il settore gas-acqua 10 Febbraio 2011 Testo Unico a cura delle Associazioni datoriali ANFIDA ANIGAS CONFINDUSTRIA ENERGIA ASSOGAS FEDERESTRATTIVA CONTRATTO

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali.

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. INFORMATIVA PAGHE N. 1/14 Assago, 23 Gennaio 2014 Alle Aziende Clienti Settore Metalmeccanico Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. Riferimenti: CCNL Metalmeccanico Aziende

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Ordinamento del personale degli enti locali

Ordinamento del personale degli enti locali Questionario n. 2 Ordinamento del personale degli enti locali 1) Qual è la differenza tra rapporto organico e rapporto di servizio? A) Il rapporto organico non ha natura giuridica, il rapporto di servizio

Dettagli