Quando l inferno scese sulla terra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quando l inferno scese sulla terra"

Transcript

1 1 Lavoro tratto dalla Tesina per l Esame di Stato 2004/2005 di Giacomo Romanelli (III liceo Istituto Arici) riguardante la bomba atomica, coinvolgendo le discipline Fisica-Storia Hiroshima - 6 agosto 1945, ore Nagasaki - 9 agosto 1945 Quando l inferno scese sulla terra Da un Boeing B.29 vennero sganciate le prime (e finora uniche) bombe atomiche utilizzate in operazioni di guerra in quella limpida mattina d estate la sirena dell allarme antiaereo non entrò in funzione: l esperienza insegnava infatti che gli aerei isolati erano quasi sempre dei ricognitori. Ma quell unico B-29 dalla figura snella ed argentea alle ore si alleggerì del suo carico di poco più di chili e dopo 45 secondi una luce fortissima riempì l aeroplano pareva che il sole fosse calato d improvviso sulla terra, per poi risalire la città era nascosta da quella nuvola orribile, ribollente, a forma di fungo, terribile e incredibilmente alta. Era iniziata la guerra atomica E da quel momento ognuno dimenticò quello che si era proposto, tutti paralizzati di fronte alla potenza dell esplosione. Solo alla mente balenò un passo del Bhagavadgita, canto sacro indù: se la luce di mille soli erompesse d un tratto nel cielo nello stesso momento essa sarebbe pari allo splendore di questo Magnifico ma tornarono subito alla mente i versi di una ballata indiana: io sono la morte che tutto rapisce, sommovitrice dei mondi. In un milionesimo di secondo un nuovo sole si accese nel cielo persone ad Hiroshima e a Nagasaki arsero vive in questo secondo, l uomo che Dio aveva creato a propria immagine e somiglianza, aveva compiuto, con l aiuto della scienza, il primo tentativo per annientare se stesso. Dal 1934 fino al 1945 la maggior parte dei fisici mondiali concentrò tutti gli sforzi per riuscire a ottenere la fissione dell atomo. Questa è stata una delle più importanti scoperte

2 2 scientifiche del XX secolo in quanto ha fornito le chiavi d accesso a enormi quantità d energia potenzialmente utilizzabili. Si deve a Bohr il primo tentativo di formulare nuove leggi della meccanica quantistica 1 valida nel campo dei fenomeni atomici, dopo che Plank e Einstein diedero la definizione di quanto ad un corpuscolo elementare puramente energetico, non ulteriormente divisibile che affianca altre unità fondamentali della fisica come elettroni e ioni. Il primo contributo alla fissione dell atomo fu italiano: il fisico romano Enrico Fermi 2, nel 1934, ebbe la fortuna di dedicarsi a esperimenti pratici adottando, al posto dei raggi alfa 3 (usati da Rutherford nel 1919), il nuovo e più potente proiettile: il neutrone: una piccolissima particella elementare che essendo elettricamente neutra e non venendo, quindi, respinta, può penetrare nel nucleo dell atomo bombardato con una scarica elettromagnetica di milioni di Volt. Bombardando sistematicamente i primi otto elementi uno dopo l altro con i neutroni, non si ebbe nessun risultato. Solo con il nono, il fluoro, il contatore Geiger cominciò a ticchettare: si era prodotta artificialmente della radioattività. Poiché l irradiazione della radioattività artificialmente prodotta durava, in alcuni elementi pochi secondi, Fermi doveva.. spesso volare come un podista fino alla stanza degli strumenti di misurazione. Usando, quindi, come filtro sostanze ricche di idrogeno, come acqua, paraffina o grafite, la velocità dei neutroni diminuiva e la radioattività prodotta 1 Per riassumere le differenze tra la teoria classica e quella quantistica si può ricorrere al confronto tra le grandezze che in ognuna delle due teorie vengono considerate cioè: quelle continue della teoria classica e quelle discrete della teoria quantistica. Si definisce continua una grandezza che non può essere espressa da un numero intero, ma solo da un numero reale (esempio la distanza tra due punti). Si definisce discreta una grandezza che può essere espressa per mezzo di un numero intero naturale positivo negativo (esempio il numero degli abitanti di una città che ogni giorno nascono o muoiono). Secondo la fisica classica alcune grandezze come ad esempio l emissione e l assorbimento di radiazioni da parte della materia appartenevano al gruppo di quelle continue, mentre secondo le teorie quantistiche queste grandezze sono determinate a salti a determinati valori ossia in multiplo del quanto elementare di energia. Con la teoria quantistica si è passati quindi ad interpretare il mondo non solo in modo continuo, ma anche discreto. 2 Nato a Roma nel 1901 studiò alla Scuola Normale di Pisa dove si laureò nel 1922 con una tesi sperimentale sulla diffusione di Raggi X. Dopo laureato si recò a Gottingen dove formulò le prime ipotesi della meccanica quantistica. La sua attività di ricerca può essere suddivisa in tre periodi: il primo che va dalla laurea al 1933 in cui si occupò di elettrodinamica, di fisica atomica e molecolare e di un nuovo modello di atomo ancora oggi utilizzato in astrofisica. Il secondo che va dal1934 a 1939 in cui si dedicò alle applicazioni delle sue teorie in particolare a quella della disintegrazione dei nuclei radioattivi. In questo periodo compì vari viaggi negli U.S.A. dove si trasferì definitivamente nel1938 a causa delle leggi razziali. Fu il primo a rendersi conto della possibilità e dell utilità della reazione a catena. Nel 1942 entrò nel Manhattan Engineer District (MED) e costruì la prima pila nucleare; in seguito a Los Alamos fece parte del team per costruire la bomba atomica. Il terzo periodo va dal 1950 al 1954 e fu caratterizzato dallo studio della proprietà dei mesoni ottenendo risultati fondamentali per lo studio applicativo dell energia atomica. Morì a Chicago nel1954. Tra le note biografiche è importante di ricordare le sue doti di maestro dotato di grande umanità e semplicità. Nel 1929 fu insignito del premio Nobel per la fisica. 3 Radiazioni α: nuclei di 2 He 4 carichi positivamente con scarso potere penetrante emesse da nuclei di metalli pesanti

3 3 aumentava (teoria dei neutroni lenti). Con questi esperimenti Fermi non aveva creato nuovi elementi transuranici ma aveva scisso l atomo di uranio senza comprendere totalmente l importanza di tale scoperta. Il secondo contributo fu dei fisici tedeschi Hahn e Strassmann, che nel 1938, utilizzando la teoria dei neutroni lenti di Enrico Fermi, bombardarono l atomo di uranio scindendolo in due e facendo così sprigionare una grandissima energia (*) : è la prima fissione nucleare della storia! I fisici tedeschi capirono le enormi possibilità della scoperta: giungere teoricamente alla reazione a catena. Questa era già stata intuita nel 1933 da Szilard. Però egli non aveva trovato l elemento da bombardare con i neutroni, ma aveva intuito due cose: la prima che l elemento in breve tempo sarebbe stato trovato, la seconda la previsione, con terrificante chiarezza, della possibilità di utilizzare tale immensa fonte energetica per fini bellici e quindi una corsa agli armamenti atomici con la conseguente fine del mondo. Per questo motivo chiese nel 1935 a tutti gli scienziati di non pubblicare eventuali risultati di esperimenti atomici. La notizia della fissione nucleare non venne comunicata al regime nazista per paura di una rincorsa all armamento atomico, ma venne comunicata al fisico danese Bohr che stava partendo per gli U.S.A. che a sua volta la comunicò ad Einstein. Nell autunno del 1938 spiravano forti venti di guerra. Le notizie provenienti dalla Germania nazista erano allarmanti. Quasi tutti gli scienziati di origine ebrea erano fuggiti privando la Germania di un patrimonio scientifico straordinario. I vertici militari nazisti non avevano, comunque, compreso l uso dell energia atomica a fini bellici; al massimo avevano ipotizzato l uso dell energia nucleare a fini propulsivi (altri storici pensano che Hitler avrebbe sbagliato nella scelta delle priorità sottovalutando la terrificante potenza dell atomica) e, cosa ben più importante, gli scienziati tedeschi che continuarono da allora e per tutto il periodo della guerra gli studi in questo settore, boicottarono volontariamente le loro stesse ricerche per impedire all industria bellica di capire il nesso tra scissione dell atomo e bomba atomica. In questa pesante atmosfera i fisici ebrei Szilard 4 e Teller, rifugiati in 4 Nell estate del 1939 Szilard si era recato da Einstein perché convincesse il governo costruire preventivamente la bomba atomica. Nel 1944 di nuovo si rivolse a Einstein, gli illustrò il completo cambiamento della situazione mondiale e gli prospettò la possibilità di una corsa agli armamenti atomica iniziata dagli USA. Ancora una volta Einstein firmò una lettera indirizzata al presidente Roosevelt. Quest ultima lettera di Einstein e il monito di Szilard contro l impiego della bomba non giunsero più a Roosevelt; ambedue giacevano ancora inevase sulla sua scrivania quando improvvisamente egli morì: era il 12/4/1945. Il ministro Stimson informò il neo presidente Truman del segretissimo progetto della bomba atomica. Le riflessioni di Szilard risuonarono eccessive (a J. Byrnes futuro Ministro degli Esteri) ma, alla fine di quello stesso mese il ministro della guerra Stimson, chiese e ottenne dal neo presidente Truman una commissione di esperti affinché si pronunciasse sull uso controverso dell energia atomica in campo bellico. Questa commissione si trovò questo problema impostato dal capo di stato maggiore Marshall e nel 1945 Szilard così racconta per tutto il 1943 e una parte del 44 la nostra più grande preoccupazione era che i Tedeschi potessero produrre l atomica prima dello sbarco in Europa ma nel1945 quando cessammo di preoccuparci di quello che i Tedeschi ci avrebbero potuto fare, cominciammo a domandarci con apprensione che cosa il governo USA avrebbe fatto ad altri paesi.

4 4 America, si incontrano nel 1939 con Einstein per convincerlo a scrivere una lettera a Roosevelt proponendo il progetto Manhattan. Sono loro a spiegare al grande fisico le implicazioni della scoperta della fissione nucleare. Einstein avverte subito il pericolo che la Germania arrivi a costruire l atomica per prima, e nell agosto del 1939 accetta di firmare la lettera di Szilard. Il terzo contributo venne dallo stesso presidente americano Roosevelt che, soltanto quando nel 1941 i servizi segreti inglesi confermeranno che la Germania stava lavorando all atomica, avviò il progetto Manhattan in collaborazione con il governo britannico (solo nel 1944 dalla documentazione scoperta dalle truppe alleate a Strasburgo queste teorie vennero dimostrate infondate. Qui la celebre frase di Einstein se avessi saputo non avrei alzato un dito ). Questo progetto, vista la sua delicatezza, si svolse nella massima segretezza, e per garantirla vennero prese le seguenti iniziative di protezione: 1) il 17/9/1942 il generale Lesile R. Groves 5 venne nominato responsabile del Manhattan Engineer District (MED) affiancato da V. Bush e James B. Conant già consiglieri scientifici del presidente con il compito di vigilare sulla segretezza dell operazione. 2) Robert Oppenheimer, direttore e organizzatore generale delle ricerche di fisica atomica, indicò insieme al generale Groves, nella località di Los Alamos il luogo per la realizzazione del famoso centro dove si realizzò la bomba atomica 6 5 Il generale Groves non aveva il minimo dubbio che appena fosse stata pronta la bomba sarebbe stata impiegata nella guerra e propose, al capo di stato maggiore G. Marshall che si passasse a studiare piani dettagliati per l impiego dell arma, affidandone l elaborazione ad alti ufficiali competenti. Marshall soddisfatto del lavoro del generale rispose: non potrebbe prendere in mano tutto lei stesso? Questa non era una domanda ma un ordine ed il generale lo accolse anche troppo volentieri. Egli si considerava quasi fisico nucleare pratico, un diplomatico (contro la politica britannica), stratega (per l eccezionale importanza politica dell impiego della bomba) Centocinquanta mila uomini lavoravano attorno a un arma che aveva richiesto una spesa di due miliardi di dollari e che aveva permesso migliaia di nuove invenzioni con tanto di brevetto nel corso dei lavori. Come era possibile non utilizzarla? non utilizzarla era follia! Groves era tormentato da un'unica grande paura che la guerra finisse prima che fosse pronta la sua bomba. 6 Già nella primavera del 1945 nel progetto MED fu costituito un gruppo di scienziati (matematici, fisici teorici, specialisti di balistica e metereologi) fra cui spiccava Robert Oppenheimer, che giunse alla conclusione che gli obiettivi di questa bomba dovevano avere le seguenti caratteristiche (secondo il rapporto del MED in edizione limitata) : a) essendo prevedibile che i danni maggiori sarebbero stati provocati dall esplosione e poi dal fuoco, gli obbiettivi dovevano avere una grande percentuale di edifici in legno addossati l uno all altro e comprendere altre costruzioni su cui lo spostamento d aria e il fuoco potessero provocare il massimo danno b) gli effetti principali dell esplosione della bomba, secondo i calcoli, si sarebbero estesi per una zona di circa un miglio di raggio. Perciò gli obiettivi scelti dovevano abbracciare una zona, densamente costruita, di almeno questo raggio. c) gli obiettivi scelti dovevano avere una grande importanza strategico militare d) il primo obiettivo doveva essere quanto più possibile non danneggiato da precedenti bombardamenti, in modo che si potesse stabilire con precisione l effetto di una singola bomba. Per questo nei mesi successivi quattro città nipponiche vennero risparmiate dalle formazioni dei bombardieri americani che dal1945 potevano ormai attaccare qualsiasi punto del Giappone senza quasi incontrare resistenza. Fu risparmiati la città tempio Kjoto per l interessamento del professor Reischauer studioso del Giappone e che lavorava in un reparto di informazione dell esercito il quale riuscì a ottenere dal ministro della guerra Stimons la cancellazione dalla lista nera.

5 5 3) il documento segreto dell organigramma evidenzia come la struttura del MED fosse controllata da una catena di comando centralizzata e rigidamente gerarchica. 4) ogni riferimento alle tre località nel New Messico (Los Alamos, Hanford, Oak Ridge) furono cancellate dalle carte topografiche. 5) venne vietato traffico aereo civile e militare nelle zone interessate dal progetto 6) nome in codice del progetto MED Iniziò così l asservimento della sperimentazione a scopi bellici. Alcuni scienziati (Szlirad, Fermi, Bohr) preoccupati del probabile utilizzo militare cercarono di tenere segreti i risultati delle loro ricerche, ma la costruzione dell atomica fu richiesta dai fisici stessi preoccupati che i tedeschi potessero realizzare la bomba per primi. L uomo che preoccupava di più era Heisenberg il quale fece di tutto per salvare la fisica tedesca dicendo che era possibile la costruzione di un arma nucleare, ma non realizzabile date le condizione dei tempi e della guerra (resistenza passiva). Lo scopo del progetto Manhattan era assicurare le condizioni indispensabili per la produzione di energia dal processo di fissione nucleare (divisione dell atomo): 1) il materiale fissile doveva essere in quantità sufficiente (2 mezzi chili teorizzati da J.Perrin) e disposto secondo un adeguata geometria 2) i neutroni impiegati dovevano essere lenti (dotati di velocità idonea a dare vita alla reazione) 3) il flusso di neutroni doveva essere regolato per controllare la fissione 4) l energia scaturita doveva essere utilizzabile. Per soddisfare queste condizioni si fece ricorso all uranio 235 perché il suo nucleo è facilmente scindibile con neutroni lenti dal momento che la sezione d urto, cioè la possibilità di divedere il nucleo risulta inversamente proporzionale alla velocità dei neutroni. L uranio 238 invece, non è fissile ma fertile, vale a dire che cattura un neutrone per diventare un elemento fissile: il plutonio 239 che non esiste in natura. Per rallentare i neutroni venne impiegato un elemento moderatore capace di generare una riduzione di velocità nell urto senza perdite o assorbimento (acqua, grafite). Per regolare l attività di un reattore nucleare, si ricorse a barre di controllo mobili all interno del reattore costituite da sostanze in grado di assorbire fortemente i neutroni e rallentare il processo di reazione a catena fino a fermarlo. I laboratori di fisica delle università di Berkeley, Chicago, Columbia furono coinvolti nel progetto MED e furono costruiti il laboratorio di Los Alamos, gli impianti Oak Ridge e quello di Hanford. Con l entrata in guerra degli USA i tempi per realizzare l atomica subirono una grande accelerazione dovuta ai grandi interessi economici che si nascondevano dietro un progetto che richiedeva fondi illimitati. Lo scopo fu raggiunto in tappe successive; a) il il fisico italiano Fermi, che entrò a fare parte del MED fin dall inizio del 1942, ottenne all università di Chigaco la prima reazione a catena controllata utilizzando l uranio che costò circa un milione di dollari. La possibilità di realizzare l atomica era diventata realtà. Fermi realizzò la macchina con cui si produsse per la prima volta una fissione nucleare, caratterizzata da una reazione a catena controllata e capace di automantenersi -

6 6 la famosa pila atomica (un cubo)- che era un reattore a uranio e grafite sovrapposti in pila, eretto su un campo da gioco e sostenuto da una struttura in mattoni. Utilizzò uranio 235 perché era fissile (spontaneamente avviene fissione). La grafite aveva il compito di rallentare i neutroni emessi dagli atomi di uranio fissi in modo tale da renderli adatti a colpire e scindere altri atomi di uranio dando così vita a una reazione a catena. Il controllo del sistema era tramite barre di cadmio, sostanza capace di assorbire i neutroni liberati, immerse nella massa; estraendo le sbarre si sarebbe innescata la reazione, inserendole la si sarebbe rallentata fino farla fermare. Tutto sarebbe partito dal raggiungimento di una massa critica. Szilard, responsabile con Fermi dell esperimento, lo definì un giorno che sarebbe passato alla storia come un giornata nera. Il primo passo era compiuto, per il progetto Manhattan rimaneva da risolvere la disponibilità del materiale fissile occorrente per tentare l esperimento di reazione a catena non frenata: la bomba atomica. Il fisico danese Bohr si adoperò affinché USA e URSS organizzassero il controllo internazionale, informando i rispettivi governi dell arretratezza della Germania in proposito; lo sforzo non ebbe risultati perché il primo ministro Churchill impedì l accordo USA-URSS b) nel l943 l Inghilterra raggiunse un accordo con gli USA per l embargo totale dell uranio e delle informazioni atomiche (accordo del Quebec). c) nel 1945 dopo la sconfitta tedesca si creò un comitato 7 presieduto da J.Byrnes e coadiuvato da tre premi nobel: Fermi, Compton, Lawrence e dal responsabile fisico del centro. Tale comitato doveva decidere se effettuare una dimostrazione per valutare gli effetti od utilizzare subito la bomba atomica per far finire prima la guerra. Szilard ed i 7 L 11/5/1945 sette scienziati di Chicago inviarono al ministro della guerra una petizione in cui dicevano di essere gli unici, oltre ad un piccolo gruppo di cittadini, a sapere della minaccia di un pericolo che il resto dell umanità non sospettava minimamente e che non vedevano la possibilità di proteggersi efficacemente dalle nuove armi che superavano per potenza distruttiva ogni arma fino allora conosciuta. Seguiva la previsione esatta della corsa al riarmo e della necessità di provveder immediatamente a instaurare un controllo sulla potenza della nuova arma. I sette fisici ammonivano: i vantaggi militari e il risparmio di vite americane sarebbero potute essere annullati dalla conseguente perdita di fiducia e da un ondata di orrori e opposizione che si sarebbe diffusa nel mondo e che avrebbe scisso perfino l opinione pubblica in Patria. Si suggeriva di mostrare la potenza della nuova arma ai rappresentanti di tutte le nazioni in un deserto o in un isola disabitata. L america avrebbe potuto dire al mondo. vedete che arma era in nostro possesso eppure non l abbiamo usata siamo disposti a non impiegarla nemmeno in futuro se le altre nazioni aderiscono alla nostra proposta e acconsentono all instaurazione di un efficace controllo internazionale. J. Franck in persona si recò a Washington e consegnò la petizione a J. Harrison. L alta considerazione di cui godevano i sette membri della commissione Franck (Franck, Hughes, Szilard, Hogness, Rabinowitch, Seaborg, Nickson) indusse il ministro della guerra Stimson a sottoporre subito il documento alla sotto commissione specializzata di fisici atomici (Oppenheimer, Fermi, Lawrence, Compton ) che già si era riunita due settimane prima. Essa si riunì di nuovo il a Los Alamos ed Oppenheimer così racconta: la nostra qualità di scienziati non ci rende idonei a rispondere alla questione se le bombe debbano essere usate o no; l opinione tra noi è divisa. Noi pensammo che le due considerazioni preponderanti fossero il risparmio di vite umane nella guerra e l effetto che la nostra superirotà avrebbe avuto sulla nostra situazione interna come sulla stabilità del mondo del dopoguerra. L iniziativa dei sette di Chicago venne respinta e con essa cadde la speranza di impedire il lancio della bomba sul Giappone ridotto oramai alle corde.

7 7 principali scienziati di Chicago auspicarono e caldeggiarono una dimostrazione da effettuare in zona disabitata. d) il avvenne ad Almogrado il Trinity test nel deserto del new Messico.Gli effetti furono devastanti al di là di ogni previsione. La reazione a catena non controllata generò una luce maggiore di quella solare e un vento tempestoso, stravolgente seguito da un tuono possente tale da evocare ai testimoni situati a 15 km di distanza l apocalisse. Questo non servì a bloccare l utilizzo bellico dell atonica ed circa un mese dopo furono sganciate le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki le prime due immani catastrofi della storia umana. Non venne neppure proposta la questione se la nuova bomba, con tutto quello che avrebbe comportato, dovesse venire usata, ma esclusivamente come dovesse essere usata. Questo fece si che i quattro scienziati atomici non ebbero modo di appoggiare la richiesta di rinuncia all impiego della bomba atomica né personalmente né come portatori della voce dei colleghi. In quella commissione non fu, neppure per un momento, messo in dubbio l impiego dell atomica. Perciò si deliberò che: 1) la bomba venisse usata contro il Giappone al più presto 2) la bomba doveva essere utilizzata esclusivamente contro una base militare od un deposito di armamenti o in una zona circondata da abitazioni civili e altri edifici danneggiabili 3) la bomba doveva essere impiegata senza preavviso e senza dire della sua speciale natura Solo Ralph-Bard, rappresentante della marina, rifiutò la sua adesione considerando il terzo punto estremamente sleale ed anti umanitario. L iniziativa dei sette di Chicago venne respinta e con essa cadde la speranza di impedire il lancio della bomba sul Giappone ridotto oramai alle corde. IL 6 AGOSOSTO ed il 9 AGOSTO 1945 da un Boeing B.29 vennero sganciate le prime (e finora uniche) bombe atomiche utilizzate in operazioni di guerra in quella limpida mattina d estate la sirena dell allarme antiaereo non entrò in funzione: l esperienza insegnava infatti che gli aerei isolati erano quasi sempre dei ricognitori. Ma quell unico B-29 dalla figura snella ed argentea alle ore si alleggerì del suo carico di poco più di chili e dopo 45 secondi su Hiroshima pareva che il sole fosse calato d improvviso sulla terra, per poi risalire la città era nascosta da quella nuvola orribile, ribollente, a forma di fungo, terribile e incredibilmente alta. In questo contesto devono essere inquadrati i pensieri e le azioni di un fisico teorico il cui nome, alla fine degli anni 50, figurò al centro di un grosso affare spionistico: Klaus Fuchs 8. Questi passò le informazioni in suo possesso ai Russi per ristabilire un contrappeso come deterrente all uso delle bombe atomiche. 8 Klaus Fuchs (gennaio, 1950) all agente sovietico Raymond (alias Harris Gold) : quelli parlano, sperano, aspettano e restano sempre delusi, ma io agisco. Chissà che non impedisca la prossima guerra

8 8 Perché fu bombardato il Giappone La supremazia politica ed economica dell america fu il principale motivo per cui l atomica venne sganciata sul Giappone che già era pronto alla resa anche se non incondizionata. Aver anticipato di qualche giorno la fine della guerra non ridusse, come aveva invece previsto lo Stato Maggiore americano, il numero dei morti. Hiroshima rappresentava una città tipo perché aveva tutte le caratteristiche indicate dalla commissione per calcolare tutti i danni, sia umani sia materiali, provocati dallo scoppio dell atomica. Il non aver avvertito delle possibili tragiche future conseguenze le autorità Giapponesi fu un atto sleale, ma soprattutto anti umanitario. E vero che i Giapponesi non avevano voluto firmare la resa incondizionata, ma non erano a conoscenza che gli Americani avessero realmente la bomba atomica; se ne fossero stati a conoscenza forse avrebbero subito firmato la resa. Il governo americano volle far credere di avere un arsenale pronto a sfornare bombe a volontà, tanto da scoraggiare la Russia o altri paesi ad una corsa al riarmo atomico. Un ulteriore motivo che indusse l utilizzo bellico della bomba atomica fu l impossibilità di tornare indietro: la rinuncia a sganciare la bomba avrebbe richiesto un notevole coraggio civile agli uomini politici e agli strateghi militari. Il Manhatam progect aveva inghiottito quasi due miliardi di dollari, sarebbe stato considerato uno spreco insensato di denaro ed avrebbe portato derisioni e rimproveri alle varie autorità politico-militari che avevano data l avallo all inizio dei lavori. Inoltre correva voce che fra scienziati e militari non ci fosse molta sintonia: il generale Lesile R. Groves così ebbe ad esprimersi in fin dei conti molti dei nostri giovani continuano a morire nella lotta contro il Giappone. Per quello che possa sapere nessuno degli scienziati contrari al lancio della bomba aveva parenti al fronte e perciò potevano permettersi di essere - molli -. C era anche il problema URSS: gli americani con lo sgancio della bomba avrebbero prevenuto un probabile intervento Russo nella guerra contro il Giappone. 9 Si può con questo concludere che tutti quelli che lavorarono alla realizzazione della bomba atomica - scienziati, politici, militari - erano convinti, nel proprio intimo, di fare il proprio dovere come affermato nel libro Gli apprendisti Stregoni di Robert Jungk del 1958 dove nelle ultime pagine scrive: ma la somma di singole azioni di estrema coscienziosità, fini con il condurre ad un atto di incoscienza collettiva di dimensioni spaventose. 9 Così ha cercato di dimostrare nel 1948 il premio Nobel A.S. Blake nel suo libro Miltary and political of atomic energy. Motivazione, questa, ripresa nel 1955 dall editore americano N. Cusin il quale scrisse nella rivista Saturday Review of letterature : se si vede così vuol dire che la guerra fredda era cominciata prima che finisse la guerra calda. E gli abitanti di Hiroshima non furono le ultime vittime della seconda guerra mondiale, ma le prime vittime della supremazia tra USA ed URSS

9 9 - Riflessioni - In un argomento così complesso ed ancora relativamente recente penso sia opportuno riportare e fare proprie alcuni pensieri di illustri scienziati e scrittori: Wolfangen Pauli dietro la scienza dell età moderna, per secoli c è stato il superbo desiderio di dominare la natura un atteggiamento che ha trovato la sua espressione in Francesco Bacone: knowledge is power - la conoscenza é potere - oggi a tale affermazione si aggiunge purtroppo Studiando il mondo dell atomo i fisici teorici sono giunti alla nozione della limitatezza della facoltà di osservazione e di giudizio dell uomo: inquietudine intellettuale e commozione spirituale hanno dimostrato che l uomo è tanto spettatore, quanto attore nel grande dramma dell esistenza. Einstein e Pirandello ci mostrano la relatività del tutto per cui il progresso dell umanità non può essere identificato solo con il progresso tecnico, ma anche con quello spirituale ed intellettivo. L uomo ha cercato e cercherà sempre di scoprire cosa nasconde la natura nel suo profondo; oramai sa che la terra non è che un microscopico punto dell universo, ma la sua ricerca non si fermerà mai perché essa è rivolta a cercare le sue stesse radici nell infinito nella luce verbo che ha originato il tutto. Il grande scienziato Ernest Rurhford, già nel 1932 così definì la ricerca atomica: gli uomini che hanno condotto questi esperimenti non ricercavano una nuova fonte di energia o la produzione di elementi preziosi. Ciò che li muoveva era qualcosa che ha a che fare con quell istintiva forza d attrazione che emana dalla ricerca su uno dei più profondi misteri della natura l atomo.

10 10 APPENDICE n. 1 Note di Fisica *) Questa è la dimostrazione pratica della famosissima formula di Einstein per cui il difetto di massa provocato dalla reazione nucleare si trasforma in energia: E=mc 2. Questa formula è una conseguenza della teoria della relatività ristretta di Einstein pubblicata nel Con questa scoperta si sono ribaltate i postulati della fisica classica (newtoniana e galileiana) che si basavano sui principi di spazio e di tempo. Fu Galilei a introdurre, come base del suo metodo scientifico, i postulati di spazio e di tempo. Infatti ogni esperimento, unico modo per studiare e conoscere i fenomeni fisici, si riduce in definitiva a misure di spazio e di tempo. Per misurare la posizione di un oggetto nello spazio occorre un sistema di riferimento e per misurare il tempo che trascorre tra un evento e l altro occorre un orologio. Un sistema di riferimento potrebbe essere determinato dall insieme di tre spigoli in una stanza. Rispetto ad un tale sistema la posizione di un punto nella stanza può essere determinata dai tre numeri che si ottengono mandando le rette perpendicolari ai tre spigoli suddetti e misurando le distanze fra l origine ed i tre punti così ottenuti. Fra tutti i sistemi di riferimento possibili ve ne sono di particolari. Questi speciali sistemi sono assolutamente equivalenti nel descrivere le leggi della fisica: i sistemi inerziali (qualsiasi corpo che si muove di moto rettilineo uniforme senza subire alcuna modificazione). Il fatto che tutte le leggi della fisica siano identiche in tutti i sistemi inerziali è il cosiddetto Principio di relatività galileiana. In un sistema inerziale un corpo in moto rettilineo uniforme (o in quiete) rimane nel suo stato di moto finché non intervenga una causa esterna (forza) a modificarne il moto. Questo è il primo principio della dinamica. In natura non esiste un sistema inerziale perché ci sono attriti, urti, attrazioni gravitazionali che non possono essere eliminati totalmente. Quello che si può fare è ridurre questi disturbi e, con le dovute approssimazioni, considerare in natura l esistenza di sistemi inerziali. Immaginiamo due sistemi di riferimento inerziali in moto rettilineo uniforme e ammettiamo che: 1. K 1 si muova rispetto a K di velocità uniforme V 2. gli assi x 1 e x sono sovrapposti 3. entrambi i sistemi hanno un orologio ne deriva che le lunghezze dei segmenti e gli intervalli di tempo misurano la stessa quantità nei due sistemi di riferimento mentre la velocità è vista aumentata della velocità fra K e K 1. In particolare il tempo sembra scorrere ugualmente nei due sistemi, sembra essere una entità assoluta. Per quanto riguarda i corpi in movimento accelerato, le loro accelerazioni vengono viste identiche nei due sistemi di riferimento K e K 1 Le cose cambiano se si prende in considerazione la luce. Infatti circa a metà dell ottocento, Maxwell riuscì a descrivere tutti o fenomeni elettromagnetici in sole quattro equazioni. Da esse risultò che la luce e ogni altro tipo di radiazione elettromagnetica si propaga nel vuoto ad una velocità pari a circa m/s. Consideriamo allora un raggio di luce

11 11 emesso da K 1 nella direzione parallela al verso positivo dell asse x. Rispetto a K 1 la luce viaggia a velocità c mentre rispetto a K la stessa luce dovrebbe viaggiare a c+v. Se la luce venisse emessa nel verso contrario al precedente, la velocità della luce dovrebbe essere c-v. Questa supposizione appare ovvia nell ambito delle idee di spazio, di tempo e movimento che si sono formati nella vita pratica. In effetti, essendo la velocità della luce estremamente alta rispetto alle velocità usuali dell esperienza quotidiana, c+v è praticamente uguale a c per cui non riusciamo a cogliere la differenza fra c, c+v, c-v. Solo con esperimenti molto accurati si può valutar queste differenze e verso la fine dell 800 ne fu fatto uno particolarmente accurato (l esperimento Michelson e Morolev del 1881) che non portò ad alcun risultato. La velocità della luce appare la stessa in tutti i sistemi di riferimento inerziali e non si verifica nessun aumento o diminuzione della medesima. La luce si comporta in modo contrario alle usuali idee di movimento e di questo bisogna prenderne atto. Siamo di fronte nuovo principio naturale: il principio della costanza della velocità della luce. Questo principio può apparire assurdo secondo le nostre idee comuni ma nessun esperimento è riuscito mai a contraddirlo. Alla luce di questo ci rimane solo che correggere, modificare le nostre idee di spazio,di tempo e di movimento. Per questo,secondo Einstein, non si deve più considerare lo spazio ed il tempo come entità assolute, separate. Al contrario, spazio e tempo fanno parte di una unica realtà, lo spazio-tempo 4-dimensionale. Passando da un sistema di riferimento inerziale ad un altro,lo spazio e il tempo cambiano di conseguenza. In particolare i due orologi di K e K 1 non seguono più lo stesso tempo, bensì ognuno il proprio. Un punto, quindi,rispetto a K può essere descritto da quattro numeri (coordinate): x,y,z che ne determinano la posizione nello spazio e t che ne determina la posizione nel tempo (sempre rispetto all orologio solidale con K). Analogamente il punto P avrà rispetto al punto K 1 le coordinate x 1,y 1,z 1,t 1,dove t è diverso da t 1 Un punto in movimento descrive nello spazio-tempo 4-dimensionale una linea continua detta linea d universo. Le relazioni matematiche che legano le coordinate in K e K 1 alla luce della RR (relatività ristretta) si chiamano trasformate di Lorentz. Le trasformate di Lorentz portano ad alcuni risultati assolutamente imprevedibili e rivoluzionari rispetto ai precedenti concetti fisici: un segmento in quiete rispetto a K 1 viene visto da K accorciato di una quantità legata alla velocità relativa tra K e K 1. La contrazione degli intervalli e la dilatazione dei tempi sono la principale conseguenza della RR. Da essa si deduce anche il fatto che la velocità della luce non può essere superata,essa rappresenta la velocità limite della natura. Dalla RR si deduce anche che le velocità non si sommano semplicemente,ma lo si fa con una formula tale per cui combinando c con V si ottiene semplicemente c come deve essere secondo il principio di costanza della velocità della luce. La dilatazione relativistica del tempo ci porta ad alcune considerazioni:consideriamo un semplice esperimento ideale. Ci sono due gemelli (li chiameremo K e K 1 sono equivalenti perché inerziali). K 1 intraprende un viaggio spaziale a velocità prossima a c. Supponiamo che K 1 il viaggio duri più di un anno. Per K,invece, a causa della dilatazione dei tempi(che per le velocità vicine a c viene sempre aumentata) il viaggio di K 1 viene visto durare dieci anni. Quando K 1 ritorna da K,lo vedrà invecchiato di nove anni rispetto a se stesso. Questo potrebbe portare ad un paradosso,il cosiddetto paradosso dei gemelli,perché invertendo il ragionamento (K e K 1 sono equivalenti perché inerziali) alla fine del viaggio K dovrebbe vedere K 1 invecchiato dello stesso numero di anni.

12 12 Il paradosso potrebbe essere usato per constatare che K e K 1 non sono equivalenti, poiché i due gemelli non sono invecchiati allo stesso modo, per cui potrebbe contraddire il principio della RR. Analizzando meglio questo esperimento ideale si vede però che esso è mal posto, contiene un errore fondamentale di impostazione K ek 1 non possono essere entrambi sistemi inerziali, dovendo subire K 1 forti accelerazioni per partire e poi tornare. Considerando K inerziale K 1 non lo è. Non avendo a che fare con sistemi di riferimento inerziali il paradosso dei gemelli non può mettere in crisi la RR che si occupa esclusivamente di sistemi di riferimento inerziali.

13 13 APPENDICE n. 2 Le applicazioni più recenti dell energia nucleare: le ricerche di Carlo Rubbia Il motore nucleare ideato da Carlo Rubbia è una delle numerosi applicazioni pratiche di un esperimento, Il TARC, nato con finalità di ricerca pura. E una delle tante dimostrazioni dell importanza della ricerca di base, non solo per migliorare le conoscenze scientifiche, ma anche per produrre risultati pratici spesso inaspettati. L esperimento TARS è stato avviato nel 1996 al Ps, il Sicrotone a protoni Cern (nel laboratorio europeo per la fisica delle particelle) di Ginevra. Scopo dell esperimento era studiare il comportamento di alcuni particolari atomi nelle reazioni di fissioni nucleare. Da questo esperimento lo scienziato italiano è riuscito a ricavare numerosi applicazioni pratiche, ancora in fase di sviluppo quali: 1) eliminazione delle scorie radioattive 2) la possibilità di ottenere energia pulita, sicura a basso costo 3) esplorare lo spazio. Inoltre il progetto di Rubbia è stato impegnato per fornire materiale radioattivo alla medicina sia per scopi diagnostici che terapeutici. A questo riguardo Rubbia ha affermato: lo scopo della scienza è quello di migliorare la qualità di vita dell uomo ed in questo obiettivo è molto importante la ricerca di base. Purtroppo le scelte finali spettano sempre ai politici. Come il progetto è stato impiegato per l eliminazione delle scorie radioattive Il problema dell eliminazione delle scorie radioattive è oramai diventato un gravissimo problema su scala mondiale per il gran numero di prodotti generati dalle centrali nucleari e ora ci sono anche le testate nucleari da smantellare in seguito agli accordi sul disarmo. Fin ora l unica soluzione era accumularne in caverne sotterranee magari vetrificate in blocchi, ma i depositi non possono essere continuamente sorvegliati e tenuti in particolari condizioni. Inoltre bisogna tener presente dei pericoli a lungo termine come le dispersioni nell atmosfera e soprattutto il calore generato dal decadimento radioattivo. Inoltre il plutonio anche dopo anni è attivo per fabbricare bombe nucleari e quindi può essere oggetto di attenzione di malintenzionati. Infine l immagazzinare questo materiale ha un costo non trascurabile: circa dollari al chilogrammo. L idea di Rubbia è stata quella di provocare una trasformazione delle scorie radioattive, una trasmutazione, bombardando con neutroni che si ottengono sparando protoni nel piombo fuso. Così, uranio e plutonio diventano sostanze diverse che non emettono più radiazioni e devono essere contenuti per un periodo ben più breve, non oltre anni. Al Cern sono stati condotti già esperimenti per verificare questa nuova idea ed il sistema ha ben funzionato.

14 14 Per sparare i protoni si utilizza un acceleratore di particelle come quello che normalmente si utilizza per lo studio della materia. La maggior difficoltà tecnica è quella dell impiego del piombo fuso, ma in tale campo i Russi possono essere d aiuto in quanto hanno sviluppato, con successo, questa tecnologia per scopi militari. Come il progetto è stato impiegato per generare energia pulita La macchina di Rubbia nasce anche con l obiettivo di generare energia, con un vantaggio sui generatori finora costruiti: essere molto più sicuro, allontanando così lo spettro di Chernobyl. Il progetto si basa sull utilizza del torio, che si trova naturalmente nella crosta terrestre, è circa tre volte più abbondante dell uranio e soprattutto si elimina quasi completamente abolendo così le scorie radioattive in particolare il temibile plutonio. Inoltre, a tenere acceso il reattore, ci pensa l iniettore di protoni e quindi, se dovesse esserci un problema, lo si può inattivare istantaneamente così come chiudere l interruttore della luce. Tale apparecchiatura chiamata l amplificatore di energia e soprannominato reattore Rubbia funziona sparando, con un acceleratore di particelle, protoni all interno di un contenitore con piombo liquido. Dal piombo escono così neutroni che colpiscono le barre di torio innescando la fissione nucleare, la reazione a catena. In questo modo si genera calore che viene raccolto e convogliato a sistemi turbina per generare energia. Per spegnere il reattore, come detto basta fermare l iniettore a protoni. Inoltre se al posto del torio si sistemano scorie radioattive queste, bombardate da neutroni, vengono trasformate in elementi con emivita molto breve od addirittura spenti e non emettono così più radiazioni. Come il progetto è stato impiegato per esplorare lo spazio Il tempo necessario a raggiungere Marte si poterebbe ridurre solo ad un mese se venisse utilizzato l innovativo motore a frammenti di fissazione ideato da Rubbia. Gli attuali veicoli spaziali si muovono bruciando combustibili chimici (ossigeno, idrogeno, cherosene) i quali hanno però una resa energetica molto bassa e perciò occorrerebbero smisurate quantità di carburante per sviluppare l accelerazione necessaria a raggiungere pianeti distanti milioni di chilometri. Per tali motivi alla NASA si sta studiando come ridurre la durata della missione su Marte utilizzando traiettorie più propizie (corte). Entra quindi in gioco l idea di Rubbia che utilizza un sistema completamente diverso. Già nel 1963 fu avviato nei laboratori americani di Los Alamos sulla base di un reattore nucleare a graffite, che comunque non dava sicurezze. La soluzione di Rubbia è quella di utilizzare direttamente i frammenti sparati dagli atomi durante la fissione nucleare, che producono un enorme energia controllabile. La

15 propulsione, generata dal moto stesso dei frammenti degli atomi, permette di utilizzare circa il 90% dell energia complessiva del processo di fissione nucleare. Altro vantaggio è quello di avere a disposizione un flusso di combustibile continuo per tutta la durata della missione e non alla sola fase di lancio. Il tipo di atomo che meglio si presterebbe a quato impiego è l americio 242: una pellicola d americio spessa un millesimo di millimetro è in grado di raggiungere immediatamente le condizioni adatte alla fissione arrivando a temperature di oltre 500 mila gradi. Con solo qualche chilogrammo di questa sostanza si potrebbe raggiungere Marte in circa un mese (attualmente occorrono tre mesi) ed arrivare in meno di un mese a Giove o Saturno. Inoltre la radioattività non nuocerebbe all equipaggio che sarebbe protetto da schermi di un composto di boro e carbonio e sarebbe comunque inferiore a quella prodotta dalle particelle di vento solare nello spazio interplanetario. 15

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Il fotone. Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine

Il fotone. Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine Il fotone Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine Interpretazione di Einstein dell effetto fotoelettrico Esistono «particelle»* di luce: i fotoni! La luce è composta da quantità indivisibili di energia

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi Alle sei di mattina del 7 agosto 1912 da un campo presso la città austriaca di Aussig si levò in volo un pallone che trasportava tre uomini, uno di

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Enrico Fermi e la Fisica Italiana ( )

Enrico Fermi e la Fisica Italiana ( ) Enrico Fermi e la Fisica Italiana ( ) Franco Rasetti Nel breve tempo a mia disposizione non sarebbe possibile sia pure per sommi capi descrivere l opera multiforme di Enrico Fermi come scienziato e come

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli