IL Sistema Informativo per il restauro dell affresco L ULTIMA CENA del Ghirlandaio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL Sistema Informativo per il restauro dell affresco L ULTIMA CENA del Ghirlandaio"

Transcript

1 IL Sistema Informativo per il restauro dell affresco L ULTIMA CENA del Ghirlandaio Abbazia di San Michele a Passignano L Ultima Cena del Ghirlandaio Nella grande sala voltata su peducci dell antico refettorio del convento della Badia a Passignano, il restauro delle pitture murali della parete di fondo, raffiguranti L Ultima Cena di Domenico e Davide Ghirlandaio (1476), e le due lunette soprastanti, con la Cacciata dal Paradiso e Uccisione di Abele, affreschi di Bernardo di Stefano Rosselli (1474), si basa su un supporto conoscitivo a largo spettro, corroborato da indagini specialistiche preliminari, realizzate con esami di tipo scientifico che comprendono: -ricerca storica; -documentazione fotografica e filmato prerestauro; -rilievo geometrico e ricostruzione 3D del refettorio e locali limitrofi; -indagine fotografica a fluorescenza da ultravioletti, a infrarosso-falso colore, a luce radente; -indagine termografica; -trasposizione del disegno con discretizzazione delle unità pittoriche; -analisi chimico-fisiche; -indagine del degrado e dello stato di conservazione; -modello numerico della superficie; -sistema informativo contenente tutti i dati elaborati; -monitoraggio nel corso del restauro. Tratto da

2 Obiettivo: Il presente progetto consiste nella costruzione del Sistema Informativo relativo all affresco intitolato L ultima Cena del Ghirlandaio, situato all interno del refettorio dell Abbazia di S.Michele a Passignano (FI). Il lavoro ha previsto il succedersi di alcune fasi operative: 1. Ricostruzione geometrica dell affresco e dei locali limitrofi, al fine di individuare non solo le proprietà fisiche della parete ma anche i processi statico-strutturali in atto, suddivisa nelle seguenti fasi: 1.1. Rilievo topografico della parete e del refettorio; 1.2. Ricostruzione tridimensionale del refettorio; 1.3. Creazione del modello numerico della superficie della parete; 1.4. Ricostruzione tridimensionale della parete affrescata; 1.5. Trasposizione del disegno con discretizzazione delle unità pittoriche (vedi fig. 1); 2. Campagna di indagini per avere un chiaro quadro dello stato attuale dell affresco: 2.1. Indagine fotografica a fluorescenza da ultravioletti; 2.2. Indagine fotografica ad infrarosso-falso colore; 2.3. Indagine fotografica a luce radente; 2.4. Indagine termografica; 2.5. Analisi chimico-fisiche; 2.6. Indagine del degrado e dello stato di conservazione. 3. Effettuazione delle prove di pulitura e preconsolidamento; 4. Esecuzione del vero e proprio restauro dell affresco. L obiettivo del progetto è stato quello di realizzare un Sistema Informativo da inquadrarsi come uno strumento in divenire per la gestione delle informazioni già acquisite, ma anche per l immissione di tutti i dati derivanti dalla fase di restauro. Si è utilizzata l espressione in divenire per evidenziare come i dati immessi inizialmente siano solo una minima parte di quella che si troverà nel DB a fine restauro. Il S.I. ha infatti tripla funzione: 1) Facilita i restauratori a conoscere puntualmente lo stato attuale dell affresco attraverso interrogazioni mirate; 2) Aiuta nel Data Entry delle informazioni derivanti dalle varie fasi del restauro; 3) Archivia tutte le informazioni relative all affresco, anche oltre i semplici dati tabellari (es: fotografie delle singole particelle). Metodologia: Prima di analizzare i dati in nostro possesso, da integrare all interno del S.I., si è costruito il modello logico relativo alle singole particelle dell affresco (vedi fig. A in allegato). Lo schema definito sul rilievo grafico dell affresco è stato l input per la digitalizzazione delle singole particelle. Il file DWG contenente le Region relative ad ogni particella geometrica dell affresco è stato trasformato in shapefile poligonale, suddividendo ogni tema così come indicato dal modello logico stesso.

3 Elementi Architettonici Oggetti Figure Fig. 1 La suddivisione dell affresco in particelle relative alle varie parti geometriche Sulla base del modello sono stati introdotti nel Software GIS i vari domini relativi alle divisioni geometriche, così da evitare di introdurre errori e limitare la necessità di definizioni geometriche durante il caricamento dei dati all interno del S.I.(vedi tab. 1 e tab. 2) Nome campo Descrizione Tipo Nome Dominio * Lunghezza campo LAYER SCENA_OGGETTO id_sc Identificativo della scena integer descr_sc Descrizione della scena text id_og Identificativo oggetto integer nome_og Nome dell oggetto text nome_og 20 autore_pa Autore della singola particella text day_pa Giornata di elaboraz. particella text partiz_og1 Prima divisione degli oggetti text Partiz_OG1 20 partiz_og2 Seconda divisione degli oggetti text Partiz_OG2 (1_comp_TV 2_comp_SU) 50 dist_pa Distacco singola particella text distacchi -- an-ch_pa Anal. chimica singola particella text anal-chim -- supp_pa Materiale del supporto partic. text mater-supp -- Tabella 1 Sezione della descrizione dei vari campi presenti con assegnazione del dominio

4 Nome Dominio Valori Abbreviaz. valori o codice comp_fg partiz_fg1 Testa Aureola Mano destra Mano sinistra Piede destro Piede sinistro Veste Mantello Oggetto Componenti della figura Prima partizione elementi figura Testa Aureola Mano_dx Mano_sx Piede_dx Piede_sx Veste Mantello Oggetto (1_comp_TE) -- 1_comp_TE (2_comp_AU) -- (3_comp_VE) -- (4_comp_MN) -- (5_comp_OGG) -- Componenti testa 1_Capelli 1_Carnato 1_Bocca 1_Occhio destro globo 1_Occhio destro pupilla 1_Occhio sinistro globo 1_Occhio sinistro pupilla 1_Sopracciglia destra 1_Sopracciglia sinistra 1_Barba 1_Capelli 1_Carnato 1_Bocca 1_Occhio_dx_globo 1_Occhio_dx_pupilla 1_Occhio_sx_globo 1_Occhio_sx_pupilla 1_Sopracciglia_dx 1_Sopracciglia_sx 1_Barba Tabella 2 Parte dell elenco dei domini Dopo questa prima fase di analisi e definizione del modello logico e concettuale, si è quindi potuto analizzare i primi dati derivanti dallo studio delle condizioni attuali dell affresco (in figura 2 ne vediamo un esempio), per perfezionare il modello fisico e per procedere con il successivo sviluppo del S.I.. La prima ricostruzione che è stata fatta è il modello digitale tridimensionale della parete, costruito a partire dalle curve di livello con isoipse ad intervallo di 1 mm (vedi fig.2). Il modello 3D è stato costruito al fine di una analisi visiva delle irregolarità della parete e del loro posizionamento in relazione alle varie parti dell affresco (vedi fig.3)

5 Il S.I. per il restauro dell affresco L Ultima Cena del Ghirlandaio Fig. 2 Rilievo dell andamento superficiale della pittura murale (curve di livello) Fig. 3 La scena tridimenzionale (con esagerazione delle deformazioni orizzontali)

6 Per le varie utilità funzionalità previste nel S.I., è stato costruita una semplice Toolbar (vedi fig.4) da cui accedere a tre sezioni principali: a) Utilità per la selezione; b) Utilità per l editazione; c) Utilità per la visualizzazione. Una scelta preliminare è stata quella di separare su due layer distinti le informazioni riguardanti la pellicola pittorica (ovvero i dati riguardanti lo stato dell affresco) da quelle relative alla struttura muraria (ovvero i dati relativi alle analisi dello stato del supporto strutturale retrostante l affresco). Questo è stato fatto poichè le informazioni relative alla struttura muraria sono totalmente diverse da quelle riguardanti la pellicola pittorica ed al fine di mantenere una coerenza geometrica anche nella strutturazione dei dati. Utilità di selezione Utilità di editazione Utilità di visualizzazione a) UTILITA DI SELEZIONE Fig. 4 La nuova toolbar creata Si parte dall analisi delle utilità di selezione, a cui si accede tramite il tasto SELECT situato all estrema sinistra della Toolbar. Una prima finestra (vedi fig.5) chiede se la selezione vuole essere effettuata sulla pellicola pittorica oppure sulla struttura muraria. A seconda della scelta effettuata appaiono due diverde finestre (vedi fig. 6 e 7) e nel display del programma appare il relativo strato geografico.

7 1 2 Figura 5 La finestra per la scelta del tema di selezione 1 Figura 6 Il form per la costruzione della query relativa alla struttura muraria

8 2 Figura 7 La finestra per la scelta del tema di selezione Dalla figura precedente risulta chiaro come è stato risolto il problema della selezione: si è creato una serie di finestre a discesa, ognuna delle quali deve essere attivata a seconda della ricerca che il restauratore sta effettuando; una volta scelta una voce, si attiva una finestra a discesa contenente il dominio relativo all attributo in esame. E importante evidenziare come tali domini siano dinamici poiché permettono l inserimento di nuove voci negli stessi (per il sistema con cui è stata realizzata questa metodologia vedi le pagine successive). Si costruisce perciò una query del tipo: SELECT FROM PELLICOLA PITTORICA WHERE Tecniche di trasferimento = Originale: incisione diretta AND Presenza di lacune = Diffuse. Come si vede ad ogni campo attivato (contenente la relativa voce selezionata), corrisponde una condizione logica di tipo AND. Fra le varie particelle, relative a valori univoci di ogni attributo (e perciò non più coincidenti con le particelle geometriche di figura 1), vengono selezionate dal sistema quelle richieste, aiutando il restauratore a capire la relazione fra le varie parti dell affresco su cui intervenire.

9 b) UTILITA DI EDITAZIONE Per la fase di restauro, si è dovuto creare uno strumento simile, ma con la possibilità di editazione diretta della parte tabellare degli shapefiles. Inoltre non conoscendo ancora i domini di ogni attributo, è stato progettato un metodo per il caricamento dei domini, evitando però la malaugurata possibilità di cancellare o modificare i domini relativi alla prima fase. Sono state create perciò delle maschere in Access, ovvero delle finestre guidate per l immissione di dati, attraverso le quali si possono inserire valori soltanto nei campi presenti, evitando perciò cancellazioni di dati od altri errori. (vedi fig. 8 e 9). Fig. 8 Maschera per l inserimento dei domini relativi alla struttura murale Fig. 9 Maschera per l inserimento dei domini relativi alla pittura murale Lo strumento vero e proprio per l editing viene attivato con un tasto presente nella toolbar (vedi fig. 4) e presenta una serie di finestre (di avviso, se i dati immessi non sono giusti, oppure di richiesta di inserimento di una password, come in figura 10), di seguito rappresentate:

10 OPPURE 1 xxxxxxxx 2 Fig.10 Alcune finestre di avviso e/o di interrogazione che si presentano all utente 1 Fig.11 Il form per l inserimento degli attributi della pellicola pittorica

11 2 2 Fig.12 Il form per l inserimento degli attributi della struttura muraria (con un esempio di messaggio di errore nell editazione e con la finestra per la memorizzazione di alcune note generali)

12 c) UTILITA DI VISUALIZZAZIONE Essi sono di tre tipi: Per la visualizzazione immediata di un singolo layer di base, attivato direttamente da bottone sulla Toolbar (vedi fig.4) (sono stati considerati layer di base quelli relativi alla pellicola pittorica, alla struttura muraria e alla ricostruzione del mosaico fotografico) Per la visualizzazione dei layers relativi ai risultati delle analisi preliminari sullo stato di fatto, tramite una finestra avente un bottone per ogni layers(vedi fig.13) Per la visualizzazione delle zone dove sono state effettuate delle prove di pulitura o di preconsolidamento (vedi fig.14) e degli Hyperlink collegati ad ogni singola prova (vedi fig.15). Fig.13 La finestra per la visualizzazione dei layers relativi all analisi preliminare

13 Fig.14 Visualizzazione delle prove di pulitura Fig.15 Esempio di documentazione collegata alla singola prova

14 DIAGRAMMA DI FLUSSO DISEGNO PREPARATORIO. line RESTAURO PROGETTO. poly In: mdb TEMI dataset DIAGNOSTICA Stato_cons Indagini poly RESTAURO STORICO.. poly intersect PARTICELLE poly ARCGIS ArcView 8.xx In: mdb OGGETTI dataset COMPONENTI poly ELEMENTI_AMB poly RESTAURATORI E ARCHIVIO BENI CULT. editing editing parti.dwg poly architettura.dwg poly

15 MASTER DATA LIST Xxx= chiave esterna

16 ENTITA ATTRIBUTI Quota min Autore Epoca Tipologia (dipinto completo, ciclo reference table) Sinopia (si, no) Disegno preparatorio (si-no) Motivi decorativi (text) Note (text) Supporto (reference table) Decorazioni a rilievo (si-no) Scena (parti) Ambiente (parti) Soggetto PITTURA MURALE (TUTTO) SCENA Parte di PM contiene FIGURE e OGGETTI AMBIENTE Parte di PM contiene amb_arch e amb_nat Pittura-murale_id (tutto) Figure (parti) PRIMITIVA PROCESSI LOCATION POLYGON.SHP Selezionabile In: Xxxx.mdb OGGETTI (dataset) POLYGON.SHP Selezionabile In: Xxxx.mdb OGGETTI (dataset) Come sopra Selezionabile Selezionabile In: Xxxx.mdb OGGETTI (dataset) ARCHITETTONICO Parte di AMBIENTE Composto da ELEMENTI FIGURE Parte di SCENA Composte da COMPONENTI ELEMENTI Parti di AMB_ARCH o AMB_ NAT (TUTTO) Nome Autore Giornata Documentazione Immagini_ole AMBIENTE_id (tutto) ELEMENTI (parti) Nome Autore Giornata Documentazione Immagini_ole Scena_id (tutto) Componenti (parti) Nome Giornata Documentazione_id Ole_id AMB_ARCH_id PARTI (parti) POLYGON.shp POLYGON.shp Interrogazione proprietà varie In: Xxxx.mdb OGGETTI (dataset) In: Xxxx.mdb OGGETTI (dataset) In: Xxxx.mdb OGGETTI (dataset)

17 COMPONENTI LAYER=NOME Id_documentazione Id_ole Pellicola_pitt (tipo di reference table) Scialbatura(tipo di reference table) Arriccio (tipo di reference table) Intonaco (tipo di reference table), Tecnica (pennellata ampia corposa, omogenea text) Decorazione a rilievo (reference table) Import come dwg, editing per creazione topologia In: Xxxx.mdb OGGETTI (dataset) Figure_id PARTICELLE (intersezione di: COMPONENTI OGGETTI ELEMENTI RESTAURO_PROGETTO RESTAURO_STORICO TEMI_DIAGNOSTICI RESTAURO_STORICO RESTAURO_PROGETTO DISEGNO PREPARATORIO ID_PARTICELLA Id_TEMI_DIAGN. Id_restauro_STORICO Id_RESTAURO_PROG. quanto ereditato dalle operazioni di union Epoca Autore Materiale_id (tipo di reference table) Colore_id (tipo di reference table) Stato_cons_id (tipo di reference table) Tecnica_id (tipo di reference table) Protettivi_id (tipo di reference table) Documentazione_id Ole_id Particelle Materiale_id (tipo di reference table) Colore_id (tipo di reference table) Stato_conservazione_id (tipo di reference table) Tecnica_id (tipo di reference table) RESPONSABILE DATA Particelle SUPPORTO (tipo di reference table) TIPO Particelle POLYGON Polygon Geoprocessing: UNION tra vari strati coinvolti, maschera per interrogazioni sulle proprietà!! Estrazione da dwg Estrazione da dwgv In: Xxxx.mdb OGGETTI (dataset) In: Xxxx.mdb TEMI (dataset) In: Xxxx.mdb TEMI (dataset) Line Estrazione da dwg In: Xxxx.mdb TEMI (dataset) TEMI_DIAGNOSTICI Indagine_ultrav_id Indagine_infrarossi_id Indagine_id Descrizione Particelle Polygon Estrazione da dwg In: Xxxx.mdb TEMI (dataset)

18 SUPPORTO_PITTURA_MURALE Reference Table: in:xxxx.mdb Originale in pietra,originale in mattoni, originale misti, non originale SUPPORTO_ Su arriccio, su scialbatura, su intonaco Reference Table: in:xxxx.mdb DISEGNO_PREPARATORIO TIPO_DISEGNO_PREPARATORIO Spolvero, incisione, battitura di fili Reference Table: in:xxxx.mdb TIPOLOGIA PITTURA_MURALE Dipinto completo, parte di un ciclo, dipinto isolato Reference Table: in:xxxx.mdb Tipo_ARRICCIO_INTONACO_SCIA Non visibile, rugoso, liscio Reference Table: in:xxxx.mdb LBATURA COLORI Vedi tabella 1 Reference Table: in:xxxx.mdb DECORAZ_A_RILIEVO Metallizzazione, foglie d oro, doratura, altro Reference Table: in:xxxx.mdb PROTETTIVI Vedi tab2 Reference Table: in:xxxx.mdb PIGMENTI Vedi tab3 Reference Table: in:xxxx.mdb STATO_CONSERVAZIONE Vedi tab4 Reference Table: in:xxxx.mdb PELLICOLA_PITTORICA Affresco, affresco con finiture a secco, tempera, olio, altro Reference Table: in:xxxx.mdb

19 Modello della suddivisione geometrica delle particelle Figura A Modello geometrico dei dati

20 Figure B Ricostruzione tridimensionale del refettorio Il S.I. per il restauro dell affresco L Ultima Cena del Ghirlandaio

Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura LABORATORIO DI RESTAURO (MATERIALI LAPIDEI E DERIVATI)

Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura LABORATORIO DI RESTAURO (MATERIALI LAPIDEI E DERIVATI) PFP 1 Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura LABORATORIO DI RESTAURO (MATERIALI LAPIDEI E DERIVATI) Premessa 1. L insegnamento comprende una parte teorica (svolta con esempi,

Dettagli

SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI. OGGETTO: (Bene culturale - Es. dipinto/cornice; scultura/basamento; dipinto murale/stucco; arredo, ecc.

SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI. OGGETTO: (Bene culturale - Es. dipinto/cornice; scultura/basamento; dipinto murale/stucco; arredo, ecc. SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI LOCALITA : (Provincia, comune, frazione, località) COLLOCAZIONE SPECIFICA: (Edificio, denominazione, indirizzo) PROVENIENZA / COLLOCAZIONE ATTUALE: PROPRIETA' DELL

Dettagli

SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8

SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8 PROF. ARCH. EMANUELE SANTINI MARZO

Dettagli

Università degli studi di Udine Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura Comune di Udine Servizio Edilizia Privata, Ambiente e Sportello Unico

Università degli studi di Udine Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura Comune di Udine Servizio Edilizia Privata, Ambiente e Sportello Unico Università degli studi di Udine Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura Comune di Udine Servizio Edilizia Privata, Ambiente e Sportello Unico Attività di tirocinio: raccolta, organizzazione e

Dettagli

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice Studio di Restauro di Valentina Muzii Dipinti su tela e tavola, pitture murali, cornici, dorature, ceramica, materiale cartaceo, opere in metallo, oggetti lapidei e lignei policromi. Via Cona, 94-64100

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Con il patrocinio di PROGRAMMA DEL CORSO (50 ORE) LEZIONE 1 Sabato 19 novembre 2011 Ore 8:30-10:30 - presentazione del corso - Introduzione

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE P IANO T ER R A VANO 2_21 SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE 2-29 2-27b -4-2-28 2-26 2-18 2-19 2-21 2-25 Ubicazione: Soffitto voltato al primo piano nobile Soggetto: Volta a

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE II EDIZIONE ANNO 2012 Con il patrocinio di Presso la sala conferenze Hotel Dragonara, Via Pietro Nenni 280, 66020 San Giovanni Teatino

Dettagli

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di Lecco Dipartimento di Architettura

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

ArcView 8.3 2- strumenti di editing

ArcView 8.3 2- strumenti di editing ArcView 8.3 2- strumenti di editing Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco@geomatica.como.polimi.it http://geomatica.como.polimi.it - tel +39.031.332.7524 22/10/04 -

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I formati digitali di registrazione dell informazione geografica L informazione geografica digitale può essere archiviata secondo

Dettagli

O SINGOLI ELEMENTI INTERESSATI DAL BANDO PSR BIODIVERSITÀ

O SINGOLI ELEMENTI INTERESSATI DAL BANDO PSR BIODIVERSITÀ MODALITÀ DI UTILIZZO DELL APPLICAZIONE DI LOCALIZZAZIONE DELLE AREE O SINGOLI ELEMENTI INTERESSATI DAL BANDO PSR BIODIVERSITÀ SOMMARIO Modalità di utilizzo dell applicazione di localizzazione delle aree

Dettagli

Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave

Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave 1 ACCESSIBILITA AL SISTEMA 3 2 VISUALIZZAZIONE ED ATTIVAZIONE DEI LIVELLI CARTOGRAFICI 4 2.1 Visualizzazione del singolo livello cartografico 4 2.2 Accensione/spegnimento

Dettagli

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi 1 ACCESS Gli archivi Gli archivi sono un insieme organizzato di informazioni. Aziende Clienti e fornitori Personale Magazzino Enti pubblici

Dettagli

ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi

ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi Introduzione Introduzione... vi Obiettivi del corso... vi Utilizz del manuale... vi Ulteriori risorse... vii Installazione dei dati del corso... vii 1 Workflow del

Dettagli

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services Manuale d'uso Indice generale Visualizzatore GREASE...1 Toolbar...3 FUNZIONI DI BASE...3 Annulla selezione...4 Aggiornamento...4 Stampa...4

Dettagli

ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.

ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi. ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 14/11/2012 digitalizzare una immagine gestione dell'archivio

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia Relazione tecnica Elementi lapidei dell altare L'intervento eseguito é consistito in una prima pulitura delle superfici dell'altare rimuovendo le impurità

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri

Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri CAPITOLO 6 Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri A. Calì, G. Dal Monte 6.1 - Introduzione Le informazioni provenienti

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI IN GEO- LOGIA

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI IN GEO- LOGIA MARIA TERESA MELIS SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI IN GEO- LOGIA titimelis@unica.it ANNO ACCADEMICO 2013/ 2014 LEZIONE 3 INTRODUZIONE AL SW ARCGIS Corso di Sistemi Informativi Geografici in Geologia a cura

Dettagli

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB MODULO 5 DATA BASE MODULO 5 - DATA BASE 1 PROGRAMMA Introduzione: concetti generali di teoria Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB Utilizzo di Access pratica sulla creazione e l utilizzo

Dettagli

Sistema Informativo Geografico:

Sistema Informativo Geografico: Sistemi Informativi Geografici Sistema Informativo Geografico: È un sistema informativo che tratta informazioni spaziali georeferenziate, ne consente la gestione e l'analisi. Informazioni spaziali: dati

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

Appunti sulle basi di dati. Cos è una base base di dati? Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sulle basi di dati. Cos è una base base di dati? Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sulle basi di dati D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è una base di dati? 2 3 Cos è una base base di dati? Cos è una base di dati? Una base di

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

La Progettazione di un Sistema Informativo per il Restauro e la Gestione di un Bene Architettonico.

La Progettazione di un Sistema Informativo per il Restauro e la Gestione di un Bene Architettonico. La Progettazione di un Sistema Informativo per il Restauro e la Gestione di un Bene Architettonico. Nella nostra percezione del mondo reale siamo abituati a osservare le forme e la loro posizione reciproca

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Esercitazioni Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN DATA BASE TOPOGRAFICI rockini@tele2.it Istituto Geografico Militare A.A. 2007-2008 Sommario Vediamo brevemente alcuni aspetti che riguardano i database, con particolare

Dettagli

ArcGIS - ArcView ArcCatalog

ArcGIS - ArcView ArcCatalog ArcGIS - ArcView ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 12/11/08 - v 3.0 ArcCatalog ArcCatalog: strumento

Dettagli

2 GIS Day Ticino 2009. 6 novembre 2009

2 GIS Day Ticino 2009. 6 novembre 2009 6 novembre 2009 MATTINO GIS e CAD: missione impossibile? GIS versus CAD GIS e CAD: come lavorare insieme Dal dato alla cartografia Pausa caffè Mappare il crimine: : ArcGIS e Crime Analyst presso la Polizia

Dettagli

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno 15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno La distanza planimetrica fra due punti di una carta può essere letta direttamente

Dettagli

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata)

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) PREMESSA Il SIstema di MOnitoraggio Ambientale (SIMOA) del bacino idrografico del fiume Basento (attività

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei Introduzione Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei. ESEMPI DI INSIEMI DI DATI DA ORGANIZZARE ED USARE IN MANIERA EFFICIENTE Introduzione Più utenti con

Dettagli

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO DUOMO DI MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO a cura della Veneranda Fabbrica del Duomo, della Soprintendenza e con la collaborazione scientifica di EniTecnologie Il Duomo di Milano, un opera d arte

Dettagli

Access - Lezione 02. Basi di dati. Parte seconda. (Per andare direttamente su un argomento, fare clic con il mouse sul titolo nell indice sottostante)

Access - Lezione 02. Basi di dati. Parte seconda. (Per andare direttamente su un argomento, fare clic con il mouse sul titolo nell indice sottostante) Access - Lezione 02 Basi di dati Parte seconda (Per andare direttamente su un argomento, fare clic con il mouse sul titolo nell indice sottostante) 1.0 Operazioni di base 1.1 Impostare e pianificare un

Dettagli

Dispense Corso Access

Dispense Corso Access Dispense Corso Access Introduzione La dispensa più che affrontare Access, dal punto di vista teorico, propone l implementazione di una completa applicazione Access, mettendo in risalto i punti critici

Dettagli

DECOR A ZIONE PIT TORICA

DECOR A ZIONE PIT TORICA Progettazione Corso Post-Diploma PAAF Perfezionamento d'arte Applicata Firenze Conoscenze dei metodi relativi alla progettazione e alla composizione decorativa; dell evoluzione del concetto di restauro;

Dettagli

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo) Chiara Bettinzoli Conservazione e restauro opere d arte Via Mons. Romero n 5-10022 Carmagnola ( To ) P.I. 08461530019 - Tel. 338/ 6811593 Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato

Dettagli

Il Trattamento della Toponomastica della Cartografia Digitale. Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare ad2prod@geomil.esercito.difesa.

Il Trattamento della Toponomastica della Cartografia Digitale. Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare ad2prod@geomil.esercito.difesa. Il Trattamento della Toponomastica della Cartografia Digitale Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare ad2prod@geomil.esercito.difesa.it Introduzione I toponimi condividono, con i confini, la caratteristica

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus Versione 1 Febbraio 2007 Versione 1 Febbraio 2007 ECDL GIS Programma di certificazione 1. A chi si rivolge La certificazione ECDL

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 01 Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 Premessa Premettiamo da subito che Microsoft Access risulta essere uno degli applicativi della famiglia di Microsoft Office con una curva di apprendimento

Dettagli

Estratto del Report di Analisi Termografica sulla volta della Sala Cambiaso presso Palazzo della Meridiana Genova

Estratto del Report di Analisi Termografica sulla volta della Sala Cambiaso presso Palazzo della Meridiana Genova Estratto del Report di Analisi Termografica sulla volta della Sala Cambiaso presso Palazzo della Meridiana Genova Genova, 3 maggio 2006 diogene snc di Simona Mazzotti e Corrado Poggio Via Greto di Cornigliano,

Dettagli

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Politecnico di Milano, Diap, Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di

Dettagli

ARCSEWER LA GESTIONE DI RETI FOGNARIE IN AMBIENTE ARCGIS

ARCSEWER LA GESTIONE DI RETI FOGNARIE IN AMBIENTE ARCGIS ARCSEWER LA GESTIONE DI RETI FOGNARIE IN AMBIENTE ARCGIS I sistemi GIS sono strumenti indispensabili per gestire correttamente una rete fognaria. A tal fine ogni componente del sistema deve essere ben

Dettagli

Volumi di riferimento

Volumi di riferimento Simulazione seconda prova Esame di Stato Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso Parte prima) Un nuovo centro agroalimentare all'ingrosso intende realizzare una base di dati per l'attività di

Dettagli

La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia

La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia Piergiorgio Cipriano, Sinergis srl, Casalecchio di Reno (Bo) Donata Dal Puppo, Regione Lombardia, D. G. Territorio e Urbanistica Jody Marca,

Dettagli

Acquisizione dei dati: da CAD a Shape

Acquisizione dei dati: da CAD a Shape Corso di Aggiornamento in DB Topografici Acquisizione dei dati: da CAD a Shape Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Sequenza di Operazioni 1. Conversione (eventuale) in formato shape. 2. Cambio

Dettagli

Schedulatore di Job Release 4.0

Schedulatore di Job Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Schedulatore di Job Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright.

Dettagli

Geoemdia. Indice dei Concetti di Base. Claudio Rocchini rockini@tele2.it 2007-2008. Istituto Geografico Militare

Geoemdia. Indice dei Concetti di Base. Claudio Rocchini rockini@tele2.it 2007-2008. Istituto Geografico Militare dei Concetti di Base rockini@tele2.it Istituto Geografico Militare 2007-2008 Sommario Elenchiamo, a mo di glossario, i concetti principali di Geomedia. Questi concetti sono spesso riferiti in inglese e

Dettagli

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale MERIDIANA SOFTWARE TOPOGRAFICO Il software topografico da ufficio professionale Catasto Curve di livello Integrazione GPS e Stazione Totale Compensazione rigorosa Progettazione stradale CAD avanzato Post-processing

Dettagli

Lo S carabocchio un Percorso A rtistico

Lo S carabocchio un Percorso A rtistico Lo S carabocchio un Percorso A rtistico La mia storia Alessandra Corradini è nata a Busto Arsizio - VA - il 26/08/1967. Laureata nel corso di Pittura dell Accademia di Belle Arti di Brera nell ottobre

Dettagli

Guida ai controlli delle forniture Piani di Governo del Territorio Versione 1.3 Giugno 2012

Guida ai controlli delle forniture Piani di Governo del Territorio Versione 1.3 Giugno 2012 Guida ai controlli delle forniture Piani di Governo del Territorio Versione 1.3 Giugno 2012 Pagina 1 di 18 CRONOLOGIA DELLE RELEASE: Numero Data di release emissione Sintesi delle variazioni 1.0.0 16/06/2009

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it e-mail:

Dettagli

Per chi ha la Virtual Machine: avviare Grass da terminale, andando su Applicazioni Accessori Terminale e scrivere grass

Per chi ha la Virtual Machine: avviare Grass da terminale, andando su Applicazioni Accessori Terminale e scrivere grass 0_Iniziare con GRASS Avvio di Grass e creazione della cartella del Database di GRASS Per chi ha la Virtual Machine: avviare Grass da terminale, andando su Applicazioni Accessori Terminale e scrivere grass

Dettagli

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT)

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Versione 8.0 Marzo 2014 CRONOLOGIA DELLE RELEASE: Numero Data di release emissione

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Cartografia, Cartografia Numerica e GIS

Sistemi Informativi Territoriali. Cartografia, Cartografia Numerica e GIS Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Cartografia, Cartografia Numerica e GIS Cod.223 - Vers.E3F 1 Rapporti tra cartografia e GIS 2 Cartografia Numerica 3 Utilizzo della

Dettagli

Introduzione Digitalizzazione Gestione tabella attributi Esercitazione. Dati vettoriali. Digitalizzazione - editing - gestione attributi

Introduzione Digitalizzazione Gestione tabella attributi Esercitazione. Dati vettoriali. Digitalizzazione - editing - gestione attributi Digitalizzazione - editing - gestione attributi Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Introduzione Si entra ora nello specifico dell

Dettagli

M733 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO

M733 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M733 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: PROGRAMMATORI Tema di: INFORMATICA GENERALE

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012 DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO CRISTO CROCIFISSO, Maestro di Camaiore, scultura lignea policroma

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

WEBGIS 1.0. Guida per l utente

WEBGIS 1.0. Guida per l utente WEBGIS 1.0 Guida per l utente SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...3 2 FUNZIONALITA...4 2.1 Strumenti WebGIS... 4 2.1.1 Mappa... 5 2.1.2 Inquadramento mappa... 6 2.1.3 Toolbar... 7 2.1.4 Scala... 9 2.1.5 Legenda...

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE 4 - PARTICELLE Il menu PARTICELLE gestisce la creazione di nuove particelle mediante diversi problemi relativi alla divisione di aree. È possibile impostare l orientamento della dividente, generarla parallela

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Massimo Mazzanti Unità 10 - Selezione di oggetti in base a criteri spaziali Informazioni generali: Prerequisiti Obiettivi

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali Convegno conclusivo Livorno 28 maggio 2013 Webgis Costa Costa Sarda Giovanni Vitale* Claudio Kalb** * Università

Dettagli

scanner multispettrale

scanner multispettrale scanner multispettrale L analisi ad immagine multispettrale nel VIS consente la caratterizzazione spettrale punto per punto di superfici estese e trova applicazione sia nella documentazione dello stato

Dettagli

E8. Il rilievo materico e del degrado

E8. Il rilievo materico e del degrado Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in ingegneria Edile A.A. 2014/2015 E8. Il rilievo materico e del degrado Corso Integrato di CONOSCENZA DEL COSRUITO STORICO Modulo di FONDAMENTI DI RESTAURO

Dettagli

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura)

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) PROFILO GENERALE E COMPETENZE Pittura Al termine del percorso liceale lo studente conoscerà e saprà

Dettagli

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna Geoportale web gis Provincia Regionale di Enna Guida alla consultazione del geoportale della Provincia Regionale di Enna Introduzione Cos è il Geoportale: Il Geoportale della Provincia di Enna ha la finalità

Dettagli

CAPITOLO 8.1 UNA REALIZZAZIONE WEB GIS PER L AGGIORNAMENTO IN RETE DI DATABASE TOPOGRAFICI

CAPITOLO 8.1 UNA REALIZZAZIONE WEB GIS PER L AGGIORNAMENTO IN RETE DI DATABASE TOPOGRAFICI PRIN 2004: I Servizi di posizionamento satellitare per l e-government CAPITOLO 8.1 UNA REALIZZAZIONE WEB GIS PER L AGGIORNAMENTO IN RETE DI DATABASE TOPOGRAFICI Matteo Crozi, Anna Spalla DIET - Dipartimento

Dettagli

Ma d o n n a d e l l at t e e

Ma d o n n a d e l l at t e e Ma d o n n a d e l l at t e e San Benedetto e San Giuseppe Roma Chiesa della Santissima Trinità dei Pellegrini ROMA CHIESA DELLA SANTISSIMA TRINITA DEI PELLEGRINI RESTAURO DEI DIPINTI RAFFIGURANTI LA MADONNA

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS Componenti

Dettagli

L impronta digitale dei Dipinti

L impronta digitale dei Dipinti L impronta digitale dei Dipinti L impronta digitale dei dipinti Bernd Breuckmann - Breuckmann GmbH (Traduzione di UNOCAD Srl) SOMMARIO Normalmente consideriamo i dipinti come oggetti quasi piatti, nei

Dettagli

ArcGIS 10 introduzione. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it

ArcGIS 10 introduzione. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it ArcGIS 10 introduzione Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 19/11/2013 contenuti formati dati geografici il sistema ArcGIS ArcMap 1. proprietà

Dettagli

programma dei corsi 2015-2016

programma dei corsi 2015-2016 programma dei corsi 2015-2016 Restauro di manufatti lignei Restauro mobili corso base Nozioni base di storia del mobile e degli stili. Riconoscimento dei diversi tipi di legno. Studio delle tecniche e

Dettagli

Scheda edificio via S. Sofia 33 - Milano

Scheda edificio via S. Sofia 33 - Milano S. Sofia 33 - Milano Data prestazione: 2000-2001 Committente: Condominio via S. Sofia, 33 - Milano Professionista incaricato: Ing. Roberto Dell Acqua Bellavitis e Ing. Filippo Dell Acqua Bellavitis, via

Dettagli

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement Telerilevamento Esercitazione 1 Esplorare dati EO, image enhancement Aprire ERDAS IMAGINE. Cliccare sull apposita icona per aprire un immagine SPOT5 acquisita il 10 settembre 2006 sulla area della città

Dettagli

2 - Modifica. 2.1 - Annulla. 2.2 - Selezione finestra. S.C.S. - survey CAD system FIGURA 2.1

2 - Modifica. 2.1 - Annulla. 2.2 - Selezione finestra. S.C.S. - survey CAD system FIGURA 2.1 2 - Modifica FIGURA 2.1 Il menu a tendina Modifica contiene il gruppo di comandi relativi alla selezione delle entità del disegno, alla gestione dei layer, alla gestione delle proprietà delle varie entità

Dettagli

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2 Verona 02/11/2007 OGGETTO: RELAZIONE FINALE SUL RESTAURO DI DUE SOFFITTI LIGNEI A CASSETTONI, E DI UN PICCOLO BRANO AFFRESCATO A GROTTESCHE, IN UN APPARTAMENTO IN VIA C.CATTANEO 4 A VERONA Chiameremo i

Dettagli

Guida alla consultazione dei WMS

Guida alla consultazione dei WMS Provincia di Firenze SIT e reti informative Guida alla consultazione dei WMS con la collaborazione di Linea Comune S.p.a. INDICE 1. Che cosa è un WMS...2 2. Consultare i WMS con QuantumGIS...3 3. Consultare

Dettagli

SOSEBI PAPERMAP2 MANUALE DELL UTENTE

SOSEBI PAPERMAP2 MANUALE DELL UTENTE SOSEBI PAPERMAP2 MANUALE DELL UTENTE S O. S E. B I. P R O D O T T I E S E R V I Z I P E R L E B I B L I O T E C H E So.Se.Bi. s.r.l. - via dell Artigianato, 9-09122 Cagliari Tel. 070 / 2110311 - Fax 070

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Francesco Contò Unità 7 - Impaginazione di una carta tematica per la stampa (layout di stampa) Informazioni generali:

Dettagli

Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati

Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati Triangulated Irregular Network Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati raster classiche: sono a

Dettagli

BASILICA DI SANT APOLLINARE

BASILICA DI SANT APOLLINARE BASILICA DI SANT APOLLINARE Progetto di restauro conservativo del dipinto a olio su tela raffigurante San Giovanni Nepomuceno dinanzi alla Vergine con Bambino e angeli Relazione tecnica sullo stato di

Dettagli

9 - DTM - MODELLO DIGITALE DEL TERRENO

9 - DTM - MODELLO DIGITALE DEL TERRENO 9 - DTM - MODELLO DIGITALE DEL TERRENO Per poter utilizzare tutte le fasi del programma relative al calcolo dei volumi e al disegno delle curve di livello e delle sezioni, è fondamentale trasformare l

Dettagli