Piano di Emergenza Provinciale Rischio Idraulico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Emergenza Provinciale Rischio Idraulico"

Transcript

1 PROVINCIA DI BERGAMO Approvato con Delibera del Consiglio Provinciale n. 74 del 24/10/2006

2 PROVINCIA DI BERGAMO Via T. Tasso, BERGAMO tel fax e.mail: sito: Presidente Valerio Bettoni Assessore alla Viabilità e Protezione Civile Valter Milesi Valeria Radaelli Dirigente Franco Sonzogni Responsabile Servizio Protezione Civile Davide Chiodi - Funzionario Ferruccio Agazzi - Funzionario PIANO DI EMERGENZA PROVINCIALE - RISCHIO IDRAULICO Gruppo di Lavoro Comitato Provinciale di Protezione Civile Provincia di Bergamo Prefettura di Bergamo - Area Protezione civile, difesa civile e coordinamento del soccorso pubblico Regione Lombardia Protezione Civile Regione Lombardia Sede Territoriale di Bergamo Struttura Sviluppo del Territorio Rappresentante dei Comuni Rappresentante delle Comunità Montane Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Bergamo Corpo Forestale dello Stato S.S.U.Em. 118 di Bergamo AIPO Sede di Bergamo Ordine dei Geologi della Lombardia Rappresentante Volontariato di Protezione Civile Redazione Operativa Ing. Mario Stevanin Via Pitagora, Lissone (MI) Studio Via F.lli Cairoli, 7/b Lissone (MI) Telefono e Fax 039/ Collaborazione nella redazione operativa Ing. Massimiliano Colletta Ing. Chiara Della Rossa Pian. Terr. Roberta Martinelli Versione 1.0 Luglio 2006

3 PRESENTAZIONE Il rischio idraulico rappresenta per il territorio bergamasco uno degli eventi calamitosi più temuti poiché sempre più spesso precipitazioni particolarmente abbondanti ma non certo straordinarie causano situazioni di sofferenza idraulica che spesso interessano contemporaneamente una larga parte del territorio stesso. Inoltre sono ancora vivi, nella memoria dei bergamaschi, i tragici eventi alluvionali del luglio 1987, eventi non del tutto scongiurati da particolari opere idrauliche o da un più oculato uso del territorio. Al contrario una sempre crescente urbanizzazione, non accompagnata da una necessaria consapevolezza del possibile danno al territorio sotto il profilo idraulico ha portato ad una antropizzazione dello stesso oggi difficilmente reversibile. La normativa relativa alla protezione idrogeologica sembra contenere una certa rigidità e staticità ed evocare un atteggiamento vincolistico, fatto perlopiù di divieti, che è, in definitiva, l atteggiamento comune alle numerose leggi, in tema di tutela e salvaguardia ambientale, attualmente vigenti nel nostro Paese. L origine di questo tipo di approccio può essere ricercata in un uso sconsiderato delle risorse e, dunque, nel confronto tra lo stato attuale delle diverse utilizzazioni territoriali e la loro compatibilità con il carattere fisico dell ambiente naturale. Tale confronto chiarisce, ma certo non giustifica, una politica ambientale permeata sostanzialmente da passività e scarsa flessibilità, che si è tradotta, nel corso degli ultimi anni, in sterili perimetrazione di aree rigidamente vincolate. Lo sforzo, fortemente voluto da questa Amministrazione Provinciale di Bergamo, è volto alla realizzazione di un Piano caratterizzato invece da un approccio attivo di mitigazione e prevenzione del rischio legato alle dinamiche ambientali naturali/antropiche. Un lavoro, pertanto, che pur restando nell ambito di una attività di analisi delle problematiche, fornisce preziosi elementi necessari alla predisposizione dei successivi piani di emergenza, siano essi comunali o meglio sovracomunali, oltre che ad una corretta pianificazione territoriale. Una riflessione sulla sostanza delle azioni di protezione idrogeologica conduce così a ritenere che queste oggi debbano essere orientate prevalentemente alla elaborazione di proposte che contengano, insieme alla ovvia identificazione delle cause e degli effetti del dissesto idrogeologico e alla perimetrazione delle aree effettivamente e/o potenzialmente soggette a tale dissesto, anche e soprattutto gli elementi necessari per la previsione e prevenzione degli eventi calamitosi, tali da consentire di progettare il piano non come modello, bensì come processo. L Assessore alla viabilità e Protezione Civile Valter Milesi Il Presidente Valerio Bettoni Versione 1.0 Luglio 2006

4 Versione 1.0 Luglio 2006

5 INDICE Allegati (Consultabili solo sul CD ipertestuale)... IV Allegati Cartografici... IV Appendici (Consultabili solo sul CD ipertestuale)... VI 1 PREMESSA FINALITÀ RAPPORTI DI COLLABORAZIONE CON GLI ENTI NELLA STESURA DEL PIANO GRUPPO DI LAVORO DEL COMITATO DI PROTEZIONE CIVILE RISCHIO IDRAULICO COORDINAMENTO CON ALTRI PIANI DI EMERGENZA DEFINIZIONI E ASPETTI METODOLOGICI DEFINIZIONE DI RISCHIO IDRAULICO Introduzione alle analisi del rischio idraulico La valutazione del termine "Pericolosità" La valutazione del termine "Danno - Esposizione al danneggiamento" La valutazione del "Rischio" INQUADRAMENTO TERRITORIALE INTRODUZIONE BACINI MONTANI Determinazione del reticolo idrografico e dei bacini sottesi Caratterizzazione dei bacini montani CORSI D'ACQUA PRINCIPALI Il Fiume Adda Il Fiume Brembo Il Fiume Serio Il Fiume Oglio Il Torrente Cherio LAGHI Inquadramento geomorfologico Inquadramento amministrativo Inquadramento idrologico Regolazione del Lago d Iseo Regolazione del Lago d'endine SCHEMATIZZAZIONE DEL SISTEMA IDROGRAFICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO RISCHIO IDRAULICO - BACINI MONTANI INTRODUZIONE CARATTERIZZAZIONE DEI BACINI IDROGRAFICI MONTANI CARTA DI PERICOLOSITÀ Individuazione di un indicatore di sintesi della pericolosità Analisi storica RISCHIO IDRAULICO - CORSI D ACQUA PRINCIPALI INTRODUZIONE CARTA DELLA PERICOLOSITÀ Autorità di Bacino del Fiume Po - perimetrazione delle fasce fluviali (PAI) Comunità Montana della Valle Brembana - Perimetrazione delle aree inondate durante l alluvione del 1987 lungo l asta del Brembo CNR I.R.P.I. - I.R.E.R.: individuazione delle zone potenzialmente inondabili dal punto di vista storico e geomorfologico ai fini urbanistici del Fiume Serio (Val Seriana) Studio Dizeta - Fasce di perimetrazione aree a rischio esondazione del fiume Serio nel tratto Villa d Ogna Nembro fino a monte della confluenza con il torrente Luio Versione 1.0 Luglio 2006 I

6 5.2.5 Sintesi degli studi disponibili CARTA DELLA ESPOSIZIONE TERRITORIALE CARTA DEL RISCHIO RISCHIO IDRAULICO - LAGO D ISEO INTRODUZIONE CARTA DELLA PERICOLOSITÀ Delimitazione delle aree inondabili: metodo storico-documentale Delimitazione delle aree inondabili: metodo analitico Sintesi dei dati CARTA DELL ESPOSIZIONE AL DANNEGGIAMENTO Individuazione degli elementi a rischio Esposizione al danneggiamento CARTA DEL RISCHIO MODELLO DI INTERVENTO INTRODUZIONE IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO LA PROCEDURA DI ALLERTAMENTO DELLA REGIONE LOMBARDIA AREE DI ALLERTAMENTO LIVELLI DI ALLERTAMENTO - ATTIVAZIONE Bacini montani Corsi d acqua principali Lago d Iseo IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO I FLUSSI INFORMATIVI IN EMERGENZA Bacini montani Corsi d acqua principali Lago d Iseo RUOLI E RESPONSABILITÀ DI ISTITUZIONI, ENTI E ORGANIZZAZIONI IL RUOLO DELLA POPOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE SCENARI DI RISCHIO - SCENARI DI EVENTO Bacini montani Corsi d acqua principali Lago d Iseo LOGISTICA DELL EMERGENZA Lago d Iseo STRUTTURE STRATEGICHE PER L EMERGENZA INDIVIDUAZIONE DELLE S.A.R. SUL TERRITORIO Lago d Iseo MODELLO OPERATIVO D INTERVENTO CARTE OPERATIVE DI SINTESI CORSI D ACQUA PRINCIPALI Identificazione delle aree oggetto di pianificazione Sopralluoghi Carte del modello di intervento LAGO D ISEO IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEL TERRITORIO INTRODUZIONE METODOLOGIA DI CREAZIONE DEL DATABASE Raccolta delle informazioni esistenti Informatizzazione dei dati Validazione e aggiornamento Analisi dei dati raccolti INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI DI COMPETENZA DELLE CENTRALINE IDROPLUVIOMETRICHE Versione 1.0 Luglio 2006 II

7 9.3.1 Ambiti di competenza degli idrometri Ambiti di competenza dei pluviometri (topoieti) IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEL LAGO D ISEO PROPOSTA DI INTEGRAZIONE Integrazione della rete idrometrica Integrazione della rete pluviometrica fiduciale TABELLA AGGIUNTE E VARIANTI Versione 1.0 Luglio 2006 III

8 Allegati (Consultabili solo sul CD ipertestuale) BACINI MONTANI Database dei bacini idrografici della Provincia di Bergamo Schede monografiche dei bacini idrografici della Provincia di Bergamo Database eventi alluvionali CORSI D'ACQUA PRINCIPALI Portate dei fiumi principali della Provincia di Bergamo Analisi idrologica dell evento alluvionale del Novembre 2002 Dati idrologici dell'evento alluvionale del Novembre 2002 (omesso) Modello di intervento - Cancelli LAGHI Dati idrologici (omesso) Modello di intervento - Cancelli RETI DI MONITORAGGIO Schede monografiche dei sistemi di monitoraggio della Provincia di Bergamo Database dei sistemi di monitoraggio della Provincia di Bergamo Allegati Cartografici IDROGRAFIA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO TIdr 1/9 Reticolo idrografico funzione idraulica (scala 1: ) TIdr 7/9 Schema idrologico Fiume Adda Brembo TIdr 8/9 Schema idrologico Fiume Oglio TIdr 9/9 Schema idrologico Fiume Serio BACINI MONTANI TIdr 6/9 Individuazione dei bacini montani (scala 1: ) PIdr 3/3 Carta della pericolosità (scala 1: ) CORSI D'ACQUA PRINCIPALI Pericolosità PIdr 1a/3 Carta della pericolosità (scala 1: ) Foglio a PIdr 1b/3 Carta della pericolosità (scala 1: ) Foglio b PIdr 1c/3 Carta della pericolosità (scala 1: ) Foglio c Rischio RIdr 1a/3 Carta del rischio (scala 1: ) Foglio a RIdr 1b/3 Carta del rischio (scala 1: ) Foglio b RIdr 1c/3 Carta del rischio (scala 1: ) Foglio c Versione 1.0 Luglio 2006 IV

9 Modello di intervento MIdr 0 Carta di identificazione delle aree di interesse (scala 1: ) MIdr A Carta di sintesi del modello di intervento del bacino del Fiume Brembo e dell Adda (scala 1: ) MIdr B Carta di sintesi del modello di intervento del bacino del Fiume Serio (scala 1: ) MIdr C Carta di sintesi del modello di intervento del bacino del Fiume Oglio (scala 1: ) Modello di intervento Scenari di rischio e di evento MIdr 1 Area 1 Lenna: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 2 Area 2 S. Giovanni Bianco: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 3 Area 3 S. Pellegrino T.: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 4 Area 4 Zogno: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 5 Area 5 Villa d Almè: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 6 Area 6 Brembate Sopra: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 7 Area 7 Canonica d Adda: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 8 Area 8 Fara Gera d Adda: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 9 Area 9 Cene: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 10 Area 10 Villa di Serio: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 11 Area 11 Seriate: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 12 Area 12 Ghisalba: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 13 Area13 Costa Volpino: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 14 Area 14 Palosco: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 15 Area 15 Calcio: carta del modello di intervento (scala 1: ) LAGO D ISEO PIdr 2/3 Carta della pericolosità (scala 1:10.000) RIdr 2/3 Carta del danno (scala 1:10.000) RIdr 3/3 Carta del rischio (scala 1:10.000) MIdr 16 Carta di sintesi operativa per rischio di esondazione del Lago Sebino (scala 1: ) RETI DI MONITORAGGIO TIdr 2/9 Rete di monitoraggio idro-nivo-pluviometrico (scala 1: ) TIdr 3/9 Bacini di competenza degli idrometri (scala 1: ) TIdr 4/9 Tavola dei topoieti (scala 1: ) TIdr 5/9 Proposta di infittimento della rete idropluviometrica (scala 1: ) Tavola di sintesi per detentore form. A3 Tavola di sintesi per tipologia form. A3 Tavola di sintesi per sensore idropluviometrico form. A3 Tavola di sintesi per sensore idropluviometrico nei bacini di 3 ordine form. A3 Versione 1.0 Luglio 2006 V

10 Appendici (Consultabili solo sul CD ipertestuale) IDROGRAFIA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Reticolo idrico principale DGR n.7/7868 del 25/01/2002 Allegato A BACINI MONTANI Caratterizzazione dei bacini montani Individuazione di un indicatore di sintesi della pericolosità per i bacini montani LAGHI Analisi delle altezze idrometriche del Lago d'iseo RETI DI MONITORAGGIO Detentori dei sistemi di monitoraggio ambientale MODELLO DI INTERVENTO Direttiva regionale per l allertamento per rischio idrogeologico ed idraulico - DRG 7/21205 del Indirizzi operativi per a gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento - Direttiva PCM 27 febbraio 2004 Versione 1.0 Luglio 2006 VI

11 1 PREMESSA Il presente lavoro si inserisce nel quadro della pianificazione di emergenza per eventi di Protezione Civile iniziato dalla Provincia di Bergamo, nell ottobre del 2002 con l emanazione delle Linee Operative Generali. Esso rappresenta la sintesi di un lavoro svolto in due fasi successive indirizzate, la prima ad una analisi specifica del rischio idraulico relativa al territorio della Provincia di Bergamo e la seconda alla definizione di scenari i rischio e di evento ed alla pianificazione della gestione delle emergenze di carattere idraulico. Tale lavoro è stato sviluppato in un periodo di grandi cambiamenti nell organizzazione sistemica del Servizio di Protezione Civile, sia a livello nazionale, che regionale che, infine, provinciale. A livello nazionale si registra infatti una produzione normativa in materia di rischio idraulico-idrogeologico particolarmente ricca, che passa in particolare attraverso l emanazione da parte del Dipartimento della Protezione Civile Presidenza del Consiglio dei Ministri di specifiche Ordinanze e l emanazione di Direttive di indirizzo ed organizzazione. In particolare si ricorda, per gli effetti che la stessa ha avuto sul sistema di monitoraggio, previsione, prevenzione, allertamento e gestione delle emergenze idrogeologiche ed idrauliche, la Direttiva PCM del 27 febbraio A livello regionale, il quadro ordinamentale del sistema di Protezione Civile è stato rinormato con la L.R. n 16 del 22 maggio 2004 Testo unico di Protezione Civile la quale ha delegato alle Provincie un ruolo attivo nella gestione delle emergenze, mentre, sull argomento specifico, appare opportuno segnalare la DGR 7/21205 del 24 marzo 2004 (revoca della DGR 7/20047 del 23 dicembre 2004) di adeguamento alla citata Direttiva PCM A livello provinciale, infine, va segnalato il cambiamento strategico operato nell integrazione del Servizio Protezione Civile nel settore Viabilità. In un quadro ordinamentale e sistemico così dinamico, il presente lavoro, prendendo le mosse dai documenti di riferimento elaborati dalla medesima Provincia di Bergamo (primo tra tutti il Piano Territoriale di Coordinamento del 2003), si pone come un momento di analisi della complessità del sistema idraulico del territorio provinciale proponendo un modello di gestione delle emergenze basato sulla distinzione delle dinamiche esondative dei laghi, dei principali fiumi dell area e corsi d acqua della porzione montana del territorio stesso. Il lavoro è stato strutturato in applicazione alle normative vigenti secondo la sequenza logica ed i contenuti previsti dalle Linee Operative generali del Piano di emergenza Provinciale. Il rispetto delle indicazioni metodologiche previste nelle Linee operative, oltre che nel Programma di Previsione e Prevenzione, approvato con D.G.P. n. 58 dell 8 luglio 2002, consente una organizzazione dei contenuti omogenea e coerente con gli altri Piani Stralcio. 1.1 Finalità Il presente studio, in accordo con le finalità generali espresse nelle Linee Operative Generali, ha come obiettivo la raccolta organizzata ed una prima impostazione sistematica delle informazioni e delle azioni necessarie alla gestione di fenomeni di esondazione dei corsi d acqua e dei laghi presenti all interno del territorio provinciale bergamasco ed alla conseguente inondazione degli stessi territori. A tal fine il lavoro è stato articolato tenendo in considerazione la specificità del rischio idraulico, partendo da una analisi dei sistemi di monitoraggio presenti, per poi passare ad una caratterizzazione sintetica dei bacini minori attraverso l individuazione di alcuni indicatori caratteristici degli stessi, facendo poi confluire le informazioni raccolte in un sistema di individuazione delle principali dinamiche connesse con l evoluzione dei fenomeni di piena nei principali fiumi presenti in provincia di Bergamo. Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 1 di 208

12 Contestualmente si è effettuata una analisi di rischio per i fenomeni di esondazione delle acque, che è stata utilizzata per la creazione di scenari di rischio connessi in particolare con i corsi d acqua principali ed il Lago d Iseo. Si è infine proposto un modello di intervento per i tre sistemi idraulici identificati, il quale, partendo da una base comune, declina poi le attività in funzione delle dinamiche proprie dei medesimi sistemi e della possibile successione temporale dei fenomeni coinvolgenti gli stessi. 1.2 Rapporti di collaborazione con gli enti nella stesura del Piano La raccolta dei dati necessari, sia per quanto riguarda gli eventi alluvionali che le principali caratteristiche fisico-morfologiche dei bacini idrografici, è stata condotta a partire da numerosi documenti che sono stati messi a disposizione da vari enti. In particolare: Prefettura di Bergamo la quale ha fornito informazioni riguardanti la gestione dei bacini regolati da dighe; Regione Lombardia Servizio Territorio che ha messo a disposizione i contenuti dei piani stralcio per l assetto idrogeologico; Regione Lombardia servizio STER di Bergamo con il quale si è sviluppato un rapporto di collaborazione sia per la presenza del coordinatore del gruppo di lavoro per il rischio idraulico, sia per le informazioni pervenute, particolarmente per quanto riguarda i bacini montani; Regione Lombardia servizio Protezione Civile ed ARPA Lombardia con i quali si è provveduto ad implementare il sistema informativo delle centraline di monitoraggio ambientale; AIPO con il quale si sono mantenuti rapporti finalizzati all aggiornamento delle informazioni relative alle perimetrazioni legate alle fasce PAI; Consorzi di regolazione dei laghi d Iseo e di Lecco dai quali si sono avute preziosissime informazioni relative ai regimi idrografici ed alle modalità di regolazione di questi bacini; Consorzi di bonifica che hanno fornito le informazioni necessarie alla comprensione di alcuni fenomeni relativi alla gestione idrica del territorio della pianura bergamasca; Comunità Montane che hanno fornito studi specifici relativi ad alcuni bacini minori ed i propri Piani intercomunali di emergenza predisposti; Professionisti vari che hanno messo a disposizione alcuni dei propri studi di dettaglio relativi ad aree del territorio bergamasco aventi problematiche legate al rischio idraulico. 1.3 Gruppo di lavoro del Comitato di Protezione Civile Rischio Idraulico Il lavoro dei professionisti incaricati si è svolto, soprattutto per la prima porzione, con una stretta e proficua collaborazione con il Gruppo di lavoro. Esso è costituito da rappresentanti di: S.T.E.R., dirigente, coordinatore del gruppo Prefettura di Bergamo Regione Lombardia - Protezione Civile Rappresentante Comunità Montane della Provincia di Bergamo Rappresentante Sindaci della Provincia di Bergamo Vigili del Fuoco Comando Provinciale di Bergamo Corpo Forestale dello Stato S.S.U.Em 118 A.I.P.O. Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 2 di 208

13 A.R.P.A. Lombardia Rappresentante Volontariato di Protezione Civile (ANA) Il gruppo di lavoro si è riunito diverse volte nel corso dello svolgimento del lavoro (circa a cadenza mensile); tale sede ha consentito di discutere le scelte metodologiche adottate e di valutare i risultati che man mano sono scaturiti con l avanzamento dei lavori. Il contributo portato da ciascuno dei partecipanti, in forza del proprio ruolo istituzionale, della propria specifica esperienza e delle peculiari conoscenze territoriali, ha sicuramente consentito di ottenere un prodotto più completo, approfondito e ragionato. 1.4 Coordinamento con altri piani di emergenza Il presente piano di emergenza si inserisce nel sistema della pianificazione di emergenza provinciale elaborata dalla Provincia di Bergamo quale elemento di analisi specifica del rischio idraulico. Esso è stato elaborato coerentemente con quanto definito nelle Linee Operative Generali, partendo dai contenuti del Programma Provinciale di Previsione e Prevenzione della Provincia di Bergamo del Luglio 2002 approfondendone alcuni aspetti di caratterizzazione territoriale dell analisi del rischio. All interno del sistema di pianificazione di emergenza della Provincia di Bergamo, questo piano, nella parte relativa all analisi del rischio idraulico nei bacini montani, integra in particolare il Piano di emergenza per il rischio idrogeologico da frana così come definito con Delibera di Consiglio Provinciale n 8 del 19/02/2004. Il presente lavoro inoltre si integra e fa proprio il Piano di Emergenza Dighe elaborato nell agosto 1997 dalla Prefettura di Bergamo per il proprio territorio di competenza. Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 3 di 208

14 2 DEFINIZIONI E ASPETTI METODOLOGICI Al fine del presente studio, ai sensi della Legge 18 maggio 1989 n 183, si definiscono corso d'acqua: i corsi d'acqua, i fiumi, i torrenti, i canali, i laghi, le lagune, gli altri corpi idrici; bacino idrografico: il territorio dal quale le acque pluviali o di fusione delle nevi e dei ghiacciai, defluendo in superficie, si raccolgono in un determinato corso d'acqua direttamente o a mezzo di affluenti, nonché il territorio che può essere allagato dalle acque del medesimo corso d'acqua, ivi compresi i suoi rami terminali con le foci in mare ed il litorale marittimo prospiciente; qualora un territorio possa essere allagato dalle acque di più corsi di acqua, esso si intende ricadente nel bacino idrografico il cui bacino imbrifero montano ha la superficie maggiore; bacini montani: nel presente studio sono i bacini di pertinenza dei corsi d'acqua individuati nell'allegato A della D.G.R. n VII/7868 del 25 gennaio così come integrato dalla D.G.R. n VII/ del 1 agosto 2003 (cosiddetto "reticolo idrografico maggiore" Vai a Appendice E DGR 7/7868 Individuazione del Reticolo Idrico Maggiore ); corsi d acqua principali: sono rappresentati dai principali corsi d acqua del sistema idrografico superficiali del territorio considerato, i quali prendono il toponimo di fiume ; inondazione: l'invasione ed espansione delle acque su vaste aree, prodotto da una rottura od un sormonto arginale di un corso d acqua; essa è caratteristica dei corsi d'acqua delle aree di pianura, dove i volumi in gioco sono particolarmente significativi ed interessano con limitate velocità di flusso, ed una sostanziale omogeneità di danneggiamento, consistenti porzioni di territorio; esondazione: la fuoriuscita delle acque appartenenti al reticolo idrografico dell'ambiente montano connessa con fenomeni di instabilità delle sponde e di trasporto solido in alveo; i danni prodotti dall'elevata energia della massa d'acqua comportano problematiche molto intense ed interessanti in maniera molto disomogenea porzioni di territorio relativamente limitate; alluvione: è il termine più generale utilizzato per indicare tutti i danni, sia quelli legati all inondazione di territori sia quelli più propriamente connessi con l instabilità delle sponde, l erosione accelerata alla testata del bacino e l instabilità dei versanti, prodotti da un evento di piena di un corso d acqua o di un lago. Nel caso dei laghi si ha esondazione quando viene superato il limite fisico di interfaccia tra l'area costiera antropizzata e lo specchio liquido; essa si verifica quando la quota del pelo libero dell'acqua del lago supera una quota posta a riferimento. 2.1 Definizione di rischio idraulico Si definisce "" il complesso delle interazioni critiche che si verificano tra i fenomeni di tipo esondativo ed alluvionale connessi con le naturali dinamiche proprie di uno o più corsi d'acqua, ed un determinato ambito territoriale. Ufficialmente consolidata è la definizione di rischio così come proposta da Varnes (1984) ed accettata anche dal Dipartimento di Protezione Civile (1995) secondo la quale le aree potenzialmente interessate 1 Deliberazione Giunta Regionale 25 gennaio 2002 n. VII/7868: Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni alla polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore come indicato dall art. 3 comma 114 della l.r.1/2000 Determinazione dei canoni regionali di polizia idraulica 2 Deliberazione Giunta Regionale 1 agosto 2003 n. VII/13950: "Modifica della d.g.r. 25 gennaio 2002, n. VII/7868 Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni alla polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore come indicato dall art. 3 comma 114 della l.r.1/2000 Determinazione dei canoni regionali di polizia idraulica Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 4 di 208

15 da fenomeni di inondazione che potrebbero arrecare danno alle persone e ai beni costituiscono le aree vulnerabili per inondazione. Sotto alcune ipotesi semplificative, che non tolgono comunque di generalità ai risultati ai quali si perviene, si può definire il rischio come ( V E) R T = H D = H dove T è il tempo di ritorno H è la pericolosità naturale (di seguito indicata con P) cioè la probabilità di avere in un periodo di t anni almeno un evento calamitoso, essa è strettamente connessa al periodo di ritorno T, che esprime l intervallo di tempo nel quale l evento si verifica in media una volta, attraverso la relazione: Ht = 1 - (1-1/T)t D indica il danno totale inteso come sommatoria dei danni subiti dai singoli elementi interessati dal fenomeno E indica l entità complessiva degli elementi posti nelle aree a rischio: essa può esprimere il numero di persone che risiedono in un area inondabile o l ammontare del valore economico del beni monetizzabili presenti nell area stessa (infrastrutture di pubblico interesse, insediamenti produttivi, abitazioni, ecc.); il valore di E corrisponde al danno associato alla perdita completa del bene V è la vulnerabilità: essa esprime la suscettibilità dell elemento a rischio a subire danni per effetto dell evento di piena e più precisamente indica qual è l aliquota dell elemento a rischio che viene danneggiata. V varia tra 0 (nessun danno) ed 1 (distruzione, perdita totale) ed è adimensionale. Ad un determinato elemento a rischio possono competere, in funzione delle caratteristiche dell evento, valori diversi sia di E che di V Introduzione alle analisi del rischio idraulico La definizione dei parametri dell'equazione del rischio appare particolarmente difficile, sia perché gli elementi che definiscono la risposta territoriale all'evento (esposizione, vulnerabilità e danno) sono funzione anche di condizioni socio-politiche che ne determinano valutazioni differenti in periodi storici diversi, sia perché le informazioni a disposizione caratterizzanti gli eventi alluvionali (misure di portata, livelli idrici, piovosità ecc.) spesso non esistono e non sono sufficientemente dettagliate comportando l'impossibilità di individuare i parametri statistici (probabilità e tempi di ritorno) legati alle ricorrenze degli eventi. In questo senso, se da una parte è possibile ritenere invarianti sul territorio provinciale i parametri relativi alla risposta territoriale all evento (vulnerabilità, esposizione e, quindi, danno), dall'altra il parametro di pericolosità deve tenere conto, oltre che delle dinamiche proprie dei fenomeni, anche dei dati storici a disposizione per la sua valutazione. Nello specifico si rileva che, mentre per i corsi d'acqua principali e per i bacini lacustri esistono serie storiche sufficientemente significative per effettuare elaborazioni statistiche dei parametri che caratterizzano gli eventi critici, lo stesso non si può dire per quanto riguarda la maggior parte dei bacini idrografici minori, dove la mancanza di informazioni idrologiche impone la determinazione degli stessi parametri in maniera indiretta e, in alcuni casi, empirica Bacini montani Per quanto riguarda il rischio idraulico in ambito montano, appare utile, già in questa sede, sottolineare come tale tipologia di rischio sia difficilmente scindibile da quella legata ai fenomeni franosi; in questo caso la locuzione che individua il rischio come idrogeologico appare particolarmente rappresentativa delle interazioni delle dinamiche legate al movimento dell acqua con quelle più propriamente legate al movimento di masse di terra e roccia. Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 5 di 208

16 In questo studio, pur nella consapevolezza del limite insito in tale trattazione, i due fenomeni vengono scissi, e quando ci si riferirà a fenomeni di esondazione si prenderanno in considerazione solo i deflussi idrici legati ai volumi liquidi, non considerando le frazioni solide che solitamente, soprattutto in ambito montano, accompagnano i fenomeni di piena di questi corsi d acqua. Si ritiene utile sottolineare, già in questa premessa, come la significatività dei fenomeni idrogeologici nei bacini montani risulti talmente rilevante, sia in termini di eventi che in termini di danni, da consigliare lo sviluppo della presente pianificazione in un piano di emergenza ad hoc Corsi d'acqua principali Relativamente al rischio idraulico connesso con le dinamiche esondative dei corsi d'acqua principali, appare utile sottolineare come si sia scelto di trattare tale problematica in una apposita sezione pur nella consapevolezza del fatto che i fenomeni critici che interessano i bacini montani, spesso risultano direttamente correlati coi fenomeni di inondazione connessi col passaggio di portate straordinarie nelle sezioni fluviali degli stessi. Nel recente passato, invero, si è assistito al verificarsi di fenomeni che, pur interessando con particolare veemenza i bacini idrografici montani, non hanno prodotto particolari conseguenze in quelli principali citati; al contrario i fenomeni alluvionali del novembre 2002 hanno messo in luce un comportamento del tutto differente, in quanto il regime pluviometrico registrato è stato, per durata ed intensità della pioggia, tale da mandare in crisi il reticolo idrografico principale senza far registrare fenomeni esondativi in quello minore. Ai fini della determinazione delle aree soggette al rischio idraulico si è proceduto all identificazione delle aree potenzialmente soggette ad inondazione attraverso una analisi idrologica consistente e basata su serie storiche di portate e di livelli idrici di notevole durata per ognuno dei corsi d acqua considerati, completata dall utilizzo delle carte del Piano Stralcio per il Rischio Idrogeologico dell Autorità di Bacino del Fiume Po contenenti le perimetrazioni delle cosiddette fasce di pertinenza fluviale. L incrocio tra queste carte e quelle del danno derivate dalla mosaicatura degli strumenti di gestione dei territori comunali, ha consentito di determinare delle aree a cui attribuire differenti gradi di rischio. La qualità dell analisi di rischio così svolta è stata condizionata dalle approssimazioni legate in particolare alla scala di dettaglio e di rappresentazione delle informazioni disponibili sia rispetto ai parametri idraulici dei fenomeni di piena, sia rispetto alla consistenza territoriale su cui gli stessi intervengono. A tal fine si è scelto di individuare sul territorio provinciale alcune aree sulle quali sviluppare con maggiore dettaglio (anche a seguito di sopralluoghi mirati) l analisi del rischio; si è potuto così sviluppare scenari di rischio e scenari di evento che risultassero sufficientemente accurati ed aderenti alla realtà del territorio in maniera da consentire lo sviluppo di una pianificazione dell emergenza sufficientemente significativa Laghi Un lago fa sempre parte di un più ampio sistema fluvio-lacustre, al quale appartengono anche i corsi d acqua che immettono acqua nel lago stesso e quelli che la fanno defluire. In altri termini, ogni lago è caratterizzato da un bilancio idrologico, composto dalla somma degli apporti e delle perdite d acqua: gli apporti sono costituiti dagli afflussi dei corsi d acqua tributari, ma anche dal ruscellamento superficiale lungo le sue sponde, dalle piogge che cadono direttamente sulla sua superficie e dagli afflussi per via sotterranea; viceversa le perdite sono date dai deflussi attraverso l'emissario, ma anche dall'evaporazione e dal deflusso sotterraneo. È possibile rappresentare tale caratteristica attraverso l equazione di continuità del laghi la quale assume la seguente forma: dw ( t) p( t) q( t) = dt Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 6 di 208

17 dove p (funzione del tempo t) è la portata affluente nel bacino al tempo t, q(t) è la portata defluente dal bacino nel medesimo istante temporale e W(t) rappresenta il volume invasato nell unità di tempo. In tale equazione le variabili rappresentanti il volume invasato e la portata in deflusso, sono normalmente legate da una equazione che rappresenta i volumi uscenti nell unità di tempo in funzione della quota del tirante idrico misurato rispetto alla quota del fondo dell emissario del lago stesso. Nell ipotesi in cui il legame tra il volume invasato e la portata in deflusso siano linearmente dipendenti tale equazione assume la forma detta dell invaso lineare. Nel momento in cui la portata in afflusso al lago è superiore di quella in deflusso, il bacino lacustre invasa volume e la quota del proprio pelo libero tenderà ad aumentare in maniera sostanzialmente uniforme su tutta la superficie del lago stesso (l ipotesi dell equipotenzialità della superficie libera del lago in realtà non sempre è verificata in quanto condizioni locali legate principalmente ai flussi idrici possono rendere a superficie non completamente piana), nel caso contrario il bacino perderà volumi e le corrispondenti quote del pelo libero dell acqua tenderanno a diminuire. I meccanismi che attengono ai fenomeni esondativi dei laghi sono dunque legati alle dinamiche proprie dei fenomeni connessi con il sistema degli afflussi e con quello dei deflussi e tra loro, attraverso la equazione di continuità. Nel caso dei laghi quindi è possibile affermare che si ha esondazione delle acque quando la capacità di invaso della conca lacustre risulta essere insufficiente per sostenere, senza che le quota del pelo libero dell acqua superi una quota presa a riferimento, la differenza tra i volumi entranti e quelli uscenti dal bacino stesso. Anche per i fenomeni esondativi delle acque dei laghi è possibile individuare i parametri caratteristici dell equazione del rischio in termini di probabilità di superamento di un determinato fenomeno preso a riferimento e di danno ad esso conseguente sulla parte antropizzata del territorio La valutazione del termine "Pericolosità" Il parametro pericolosità per il rischio idraulico rappresenta la probabilità che, in una determinata sezione di un corso d acqua o di un lago, ed in un determinato ambito temporale, si verifichino portate liquide tali da non poter essere contenute all interno degli argini ordinari dello stesso. Tale parametro si esplica, da un punto di vista territoriale, nell individuazione delle porzioni di territorio che, con una determinata probabilità, risulteranno soggette a fenomeni di carattere inondativo o esondativo. A tal fine si fa normalmente riferimento ai dati relativi ai livelli idrometrici o alle portate raggiunti dai corsi d acqua durante un determinato arco temporale, individuando un livello di riferimento ed analizzando la frequenza con cui tale livello viene superato nel medesimo arco temporale. Tali valori però non sempre sono disponibili direttamente: se infatti sui corsi d acqua principali ed in corrispondenza degli sbarramenti di regolazione dei laghi, le serie storiche rilevate dagli idrometri risultano essere significative per determinare le ricorrenze statistiche dei fenomeni critici (la probabilità di accadimento), per quanto riguarda il reticolo idrografico montano, tali rilevazioni non sono, nella maggior parte dei casi, disponibili. Come conseguenza di ciò l analisi di pericolosità segue strade differenti a seconda della tipologia e della consistenza dei dati a disposizione; al fine di chiarire tali differenze negli approcci metodologici, nei successivi paragrafi si riportano sinteticamente le metodologie di analisi utilizzate relativamente agli ambiti territoriali definiti dai bacini montani, dai corsi d acqua principali e dal sistema dei laghi Bacini montani Come già anticipato, nella stragrande maggioranza dei bacini montani, non sono disponibili i valori di altezza idrometrica o di portata idrica ottenuti tramite misurazioni dirette; a tale mancanza di dati si tenta di sopperire attraverso l utilizzo di metodi indiretti di valutazione delle portate che, partendo dalle più Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 7 di 208

18 diffuse serie storiche relative al parametro pluviometrico, consente, attraverso alcune semplificazioni relative alle dinamiche di formazione dei deflussi superficiali, di ottenere una stima dei dati che si sarebbero potuti registrare in corrispondenza delle sezione assunte a riferimento. Partendo dunque dai valori della pioggia ed assumendo che ci sia una correlazione diretta tra le piogge e le portate in alveo, si sono effettuate delle analisi di modellizzazione che fornissero, con le medesime caratteristiche ricorsive, i deflussi in alveo. Il modello utilizzato per esprimere tale legame tra gli afflussi meteorici ed i deflussi fluviali è quello detto Razionale, così come suggerito dalla Direttiva sulla piena di progetto da assumere per le progettazioni e le verifiche di compatibilità idraulica allegata alle Norme di attuazione del Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) ed indicato per bacini di medio piccole dimensioni. Tale metodo considera ciascun bacino idrografico come una singola unità e stima il valore al colmo della portata sulla base delle precipitazioni sottostando ad alcune ipotesi semplificative: La precipitazione è uniformemente distribuita sul bacino La portata stimata in alveo ha lo stesso tempo di ritorno T calcolato per l intensità di pioggia Il tempo di formazione del colmo di piena è pari a quello della fase di riduzione L intensità della pioggia ha una durata pari a quella del tempo di corrivazione t c del bacino. Tali ipotesi appaiono particolarmente forti se si considera che, ad esempio, l assunzione di una pioggia costante ed uniformemente distribuita sul bacino idrografico rappresenta una astrazione che, anche su bacini di piccole dimensioni, di fatto non si verifica mai; inoltre tale ipotesi non consente di tenere conto dei possibili fenomeni di attenuazione o di incremento dei deflussi in funzione del fatto che la perturbazione percorra rispettivamente da valle verso monte o da monte verso valle il bacino interessato. Anche la seconda ipotesi considerata comporta una astrazione molto significativa, in quanto non è necessariamente detto che piogge che si presentano con una intensità corrispondente ad un determinato tempo di ritorno, producano portate con caratteristiche tali da corrispondere a fenomeni aventi il medesimo tempo di ritorno delle piogge. La terza e la quarta ipotesi infine, hanno come conseguenza quella di assimilare la formazione dei deflussi superficiali ad un fenomeno dalle caratteristiche lineari ed indipendenti dallo stato del bacino all inizio della precipitazione; l astrazione effettuata conduce a non considerale l intera dinamica del bacino idrografico, andando a considerare come se il bacino reagisse alla precipitazione in maniera uguale all inizio ed alla fine della stessa. L assunzione che la durata della precipitazione corrisponda al tempo di corrivazione del bacino (cioè al tempo che impiega la particella d acqua caduta nel punto più lontano a passare per una sezione di riferimento), trova ragione proprio nella assunzione che il bacino considerato non modifichi le proprie caratteristiche di formazione dei deflussi nel corso del tempo, per cui la massima portata che si registra in una determinata sezione si verifica quando anche l acqua caduta nel punto più lontano del bacino transita in alveo in corrispondenza di quella sezione. Pur con i limiti testé descritti il metodo razionale descrive con sufficiente approssimazione i fenomeni di formazione dei deflussi di piena per bacini di medio-piccole dimensioni, consentendo nel contempo un approccio sistematico in grado di fornire informazioni relative ai deflussi idrici in alveo che risultano uniformi sul territorio e quindi confrontabili tra loro; modellazioni più raffinate infatti, pur fornendo una maggiore precisione teorica nei calcoli, necessitano di una quantità molto maggiore di informazioni di base rimanendo particolarmente sensibili alla scelta dei parametri utilizzati per rappresentare il comportamento di una parte o di tutto il bacino idrografico. Partendo dalle ipotesi più sopra introdotte, il metodo razionale consiste nella risoluzione della seguente equazione nella quale le portate relative alle sezioni finali dei corsi d acqua sono espresse in [m 3 /s]: Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 8 di 208

19 Q max hcs = Φ t c dove Φ indica il coefficiente di deflusso (ovvero il rapporto tra l acqua precipitata sul bacino e quella che si ritrova effettivamente in alveo), S è la superficie del bacino espressa in km 2, h c è l altezza di precipitazione critica espressa in mm corrispondente al tempo di corrivazione t c del bacino. Quest ultimo, come già anticipato, oltre che come il tempo occorrente perché la particella d acqua caduta nel punto più lontano del bacino raggiunga la sezione di chiusura, è definito anche come l intervallo di tempo dall inizio della precipitazione oltre al quale tutto il bacino contribuisce al deflusso nella sezione terminale; il metodo utilizzato prevede la stima di questo parametro mediante la formula empirica di Giandotti (tempo espresso in ore) per la quale: t c ( 4 S + 1,5 L) = 0,8 ( h h ) in cui S è la superficie del bacino espressa in km 2, L è la lunghezza dell asta principale estesa alla linea di spartiacque espressa in km, h m è l altitudine media del bacino e h 0 è l altitudine della sezione di chiusura del bacino considerato. In considerazione della sensibilità della formula razionale nei confronti del valore del tempo di corrivazione, si è scelto di verificare i dati ottenuti con la citata formula di Giandotti ponendoli a confronto con dati ottenuti attraverso l utilizzo di analoghe formule di calcolo del medesimo valore del tempo di corrivazione dei bacini; in particolare si è utilizzata, per la sua semplicità, la formula di Puglisi (1978) per la quale il tempo di corrivazione è espresso dalla seguente formula m 0 t c 2 3 = 6L ( H H max 0 ) 1 3 in cui L è il percorso idraulicamente più lungo del bacino espresso in km, H max è l altitudine massima del bacino idrografico espressa in metri e H 0 è la quota assoluta della sezione di chiusura considerata. Una volta calcolato il tempo di corrivazione del bacino ed una volta stabilito che lo stesso rappresenta anche la durata di pioggia che risulta essere critica per lo stesso bacino, si è provveduto al calcolo della altezza di pioggia critica attraverso l utilizzo delle informazioni desumibili delle linee segnalatrici di probabilità pluviometrica (L.S.P.P.) le quali sono rappresentate dalla formula: n h c = at c in cui a [mm] ed n sono due parametri caratteristici definiti in funzione del tempo di ritorno considerato. I valori dei due parametri caratteristici delle linee segnalatrici di probabilità pluviometrica sono stati tratti dall Allegato 3 della succitata direttiva del PAI in cui sono forniti in formato tabulare; i valori dei parametri sono stati calcolati in corrispondenza di porzioni di territorio definite secondo una griglia di 2 km di lato; essi sono poi stati confrontati con i dati utilizzati nel Piano Territoriale della Provincia di Bergamo per verificarne la congruità. Nello specifico dell elaborazione, per ogni bacino sono stati considerati dei valori mediati dei parametri per tenere conto della risoluzione spaziale della griglia sulle aree dei singoli bacini. Il metodo è stato applicato ai bacini presi in esame per la stima della portata al colmo di piena in corrispondenza di piogge aventi tempi di ritorno di 20, 100, 200, 500 anni. Per completare il calcolo delle portate con la citata formula razionale è stato necessario stimare anche il valore dei coefficienti di deflusso, ovvero del rapporto tra le portate in alveo e le precipitazioni che le hanno generate, dei diversi bacini idrografici: Φ = Q P Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 9 di 208

20 In assenza di altre informazioni più precise, tale stima è stata effettuata sulla base di una analisi della carta della permeabilità tratta dalle carte geoambientali della Regione Lombardia confrontando poi i valori ottenuti con i coefficienti di altri bacini similari posti nelle vicinanze e dei quali si avevano dati rilevati sia per le precipitazioni che per le portate. Il calcolo delle aree a differente grado di permeabilità è stato effettuato mediante l utilizzo del GIS ESRI Arcview partendo dai dati disponibili all interno della cartografia geoambientale della Regione Lombardia: la cartografia digitale rappresentante la carta della permeabilità è stata processata attraverso l intersezione con quella dei bacini idrografici; il risultato di questa intersezione ha portato ad identificare per ogni bacino le aree a differente grado di permeabilità. È stato quindi attribuito un valore del coefficiente di deflusso Φ pari a 0,15 per i terreni a permeabilità elevata (l acqua si infiltra con maggiore facilità per cui una porzione ridotta di quella precipitata defluisce superficialmente), pari a 0,3 per quelli con permeabilità media e 0,4 per i terreni a bassa permeabilità (dove il flusso sotterraneo è più limitato). Il valore del coefficiente di deflusso attribuito ad ogni bacino è stato poi rideterminato attraverso una media pesata dei valori ottenuti con l operazione di intersezione, rispetto alla percentuale di territorio del bacino a differente grado di permeabilità. Il calcolo eseguito con il metodo razionale ha consentito di individuare le portate critiche di ciascun bacino correlando le stesse con i tempi di ritorno stabiliti per le precipitazioni; al fine dell identificazione della pericolosità è quindi stato effettuato un calcolo che consente di individuare il valore di probabilità di superamento del parametro portata in alveo. Tale elaborazione, pur costituendo un passaggio fondamentale per la determinazione della pericolosità, non può essere utilizzata per la creazione delle cartografie di rischio a causa della assenza di misurazioni relative alla geometria delle sezioni critiche. Appare infatti di fondamentale importanza capire quali siano le possibili conseguenze connesse al raggiungimento delle portate calcolate per ogni corso d acqua; in sintesi è di fondamentale importanza capire, per ciascuno dei bacini considerati, se le portate calcolate sono o meno idraulicamente compatibili con le sezioni d alveo che si possono rilevare lungo il percorso compiuto dal reticolo idrografico in oggetto. La mancanza di dati a disposizione in tal senso, non ha consentito di individuare le aree nelle quali i diversi corsi d acqua generano problematiche di esondazione e, quindi, non ha dato modo di generare una cartografia della pericolosità in grado di evidenziare le zone dove le portate individuate con il metodo razionale, possono creare criticità. Al fine di consentire comunque l individuazione di un indicatore significativo di pericolosità, si è scelto di considerare le informazioni derivanti dai calcoli idrologici effettuati (con le ipotesi più sopra descritte) in corrispondenza di precipitazioni brevi ed intense attribuendo un valore di pericolosità all intero territorio sotteso dal bacino idrografico, utilizzando le seguenti ipotesi di calcolo: il tempo di ritorno considerato è pari a 100 anni in quanto si presuppone che le strutture di Protezione Civile possano ragionevolmente essere attivate anche su fenomeni con caratteristiche anche non eccezionali (T=200 anni appare corretto per le progettazioni di opere idrauliche, ma non rappresentativo dei fenomeni che possono interessare criticamente il territorio) la durata di pioggia critica è pari a 4 ore in quanto dalle analisi comparate dei fenomeni che hanno determinato esondazione in territori consimili a quelli considerati, tale durata è risultata essere quella maggiormente significativa 3. In questo modo si è ritenuto di poter rappresentare significativamente sia gli elementi legati alle dinamiche dei corsi d acqua in termini di tempo di risposta del bacino (un tempo di corrivazione 3 cfr primo programma regionale di previsione e prevenzione Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 10 di 208

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

DIVISIONE STUDI E PROGETTI

DIVISIONE STUDI E PROGETTI PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI MAZZANO DIVISIONE STUDI E PROGETTI COMUNE DI MAZZANO PROVINCIA DI BRESCIA Risorse e Ambiente s.r.l. Divisione Studi e Progetti Via del Sebino, 12 25126 BRESCIA Tel: 0302906550

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008 08.037 Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo del 14 maggio 2008 Onorevoli presidenti e consiglieri, con il presente

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO TAVOLO TECNICO DI COORDINAMENTO delle Provincie della Regione Abruzzo (L.R. n. 28/2011, art. 2, comma 4) c/o Direzione Protezione Civile e Ambiente via Salaria Antica Est 27 67100 L Aquila fax 0862.364615

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

1.01. normativa istituzionale l.r. 15/2015 1

1.01. normativa istituzionale l.r. 15/2015 1 1.01. normativa istituzionale l.r. 15/2015 1 Legge regionale 10 aprile 2015, n. 15 DISPOSIZIONI DI RIORDINO DELLE FUNZIONI CONFERITE ALLE PROVINCE IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 7 APRILE 2014, N. 56 (DISPOSIZIONI

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli