Piano di Emergenza Provinciale Rischio Idraulico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Emergenza Provinciale Rischio Idraulico"

Transcript

1 PROVINCIA DI BERGAMO Approvato con Delibera del Consiglio Provinciale n. 74 del 24/10/2006

2 PROVINCIA DI BERGAMO Via T. Tasso, BERGAMO tel fax e.mail: sito: Presidente Valerio Bettoni Assessore alla Viabilità e Protezione Civile Valter Milesi Valeria Radaelli Dirigente Franco Sonzogni Responsabile Servizio Protezione Civile Davide Chiodi - Funzionario Ferruccio Agazzi - Funzionario PIANO DI EMERGENZA PROVINCIALE - RISCHIO IDRAULICO Gruppo di Lavoro Comitato Provinciale di Protezione Civile Provincia di Bergamo Prefettura di Bergamo - Area Protezione civile, difesa civile e coordinamento del soccorso pubblico Regione Lombardia Protezione Civile Regione Lombardia Sede Territoriale di Bergamo Struttura Sviluppo del Territorio Rappresentante dei Comuni Rappresentante delle Comunità Montane Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Bergamo Corpo Forestale dello Stato S.S.U.Em. 118 di Bergamo AIPO Sede di Bergamo Ordine dei Geologi della Lombardia Rappresentante Volontariato di Protezione Civile Redazione Operativa Ing. Mario Stevanin Via Pitagora, Lissone (MI) Studio Via F.lli Cairoli, 7/b Lissone (MI) Telefono e Fax 039/ Collaborazione nella redazione operativa Ing. Massimiliano Colletta Ing. Chiara Della Rossa Pian. Terr. Roberta Martinelli Versione 1.0 Luglio 2006

3 PRESENTAZIONE Il rischio idraulico rappresenta per il territorio bergamasco uno degli eventi calamitosi più temuti poiché sempre più spesso precipitazioni particolarmente abbondanti ma non certo straordinarie causano situazioni di sofferenza idraulica che spesso interessano contemporaneamente una larga parte del territorio stesso. Inoltre sono ancora vivi, nella memoria dei bergamaschi, i tragici eventi alluvionali del luglio 1987, eventi non del tutto scongiurati da particolari opere idrauliche o da un più oculato uso del territorio. Al contrario una sempre crescente urbanizzazione, non accompagnata da una necessaria consapevolezza del possibile danno al territorio sotto il profilo idraulico ha portato ad una antropizzazione dello stesso oggi difficilmente reversibile. La normativa relativa alla protezione idrogeologica sembra contenere una certa rigidità e staticità ed evocare un atteggiamento vincolistico, fatto perlopiù di divieti, che è, in definitiva, l atteggiamento comune alle numerose leggi, in tema di tutela e salvaguardia ambientale, attualmente vigenti nel nostro Paese. L origine di questo tipo di approccio può essere ricercata in un uso sconsiderato delle risorse e, dunque, nel confronto tra lo stato attuale delle diverse utilizzazioni territoriali e la loro compatibilità con il carattere fisico dell ambiente naturale. Tale confronto chiarisce, ma certo non giustifica, una politica ambientale permeata sostanzialmente da passività e scarsa flessibilità, che si è tradotta, nel corso degli ultimi anni, in sterili perimetrazione di aree rigidamente vincolate. Lo sforzo, fortemente voluto da questa Amministrazione Provinciale di Bergamo, è volto alla realizzazione di un Piano caratterizzato invece da un approccio attivo di mitigazione e prevenzione del rischio legato alle dinamiche ambientali naturali/antropiche. Un lavoro, pertanto, che pur restando nell ambito di una attività di analisi delle problematiche, fornisce preziosi elementi necessari alla predisposizione dei successivi piani di emergenza, siano essi comunali o meglio sovracomunali, oltre che ad una corretta pianificazione territoriale. Una riflessione sulla sostanza delle azioni di protezione idrogeologica conduce così a ritenere che queste oggi debbano essere orientate prevalentemente alla elaborazione di proposte che contengano, insieme alla ovvia identificazione delle cause e degli effetti del dissesto idrogeologico e alla perimetrazione delle aree effettivamente e/o potenzialmente soggette a tale dissesto, anche e soprattutto gli elementi necessari per la previsione e prevenzione degli eventi calamitosi, tali da consentire di progettare il piano non come modello, bensì come processo. L Assessore alla viabilità e Protezione Civile Valter Milesi Il Presidente Valerio Bettoni Versione 1.0 Luglio 2006

4 Versione 1.0 Luglio 2006

5 INDICE Allegati (Consultabili solo sul CD ipertestuale)... IV Allegati Cartografici... IV Appendici (Consultabili solo sul CD ipertestuale)... VI 1 PREMESSA FINALITÀ RAPPORTI DI COLLABORAZIONE CON GLI ENTI NELLA STESURA DEL PIANO GRUPPO DI LAVORO DEL COMITATO DI PROTEZIONE CIVILE RISCHIO IDRAULICO COORDINAMENTO CON ALTRI PIANI DI EMERGENZA DEFINIZIONI E ASPETTI METODOLOGICI DEFINIZIONE DI RISCHIO IDRAULICO Introduzione alle analisi del rischio idraulico La valutazione del termine "Pericolosità" La valutazione del termine "Danno - Esposizione al danneggiamento" La valutazione del "Rischio" INQUADRAMENTO TERRITORIALE INTRODUZIONE BACINI MONTANI Determinazione del reticolo idrografico e dei bacini sottesi Caratterizzazione dei bacini montani CORSI D'ACQUA PRINCIPALI Il Fiume Adda Il Fiume Brembo Il Fiume Serio Il Fiume Oglio Il Torrente Cherio LAGHI Inquadramento geomorfologico Inquadramento amministrativo Inquadramento idrologico Regolazione del Lago d Iseo Regolazione del Lago d'endine SCHEMATIZZAZIONE DEL SISTEMA IDROGRAFICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO RISCHIO IDRAULICO - BACINI MONTANI INTRODUZIONE CARATTERIZZAZIONE DEI BACINI IDROGRAFICI MONTANI CARTA DI PERICOLOSITÀ Individuazione di un indicatore di sintesi della pericolosità Analisi storica RISCHIO IDRAULICO - CORSI D ACQUA PRINCIPALI INTRODUZIONE CARTA DELLA PERICOLOSITÀ Autorità di Bacino del Fiume Po - perimetrazione delle fasce fluviali (PAI) Comunità Montana della Valle Brembana - Perimetrazione delle aree inondate durante l alluvione del 1987 lungo l asta del Brembo CNR I.R.P.I. - I.R.E.R.: individuazione delle zone potenzialmente inondabili dal punto di vista storico e geomorfologico ai fini urbanistici del Fiume Serio (Val Seriana) Studio Dizeta - Fasce di perimetrazione aree a rischio esondazione del fiume Serio nel tratto Villa d Ogna Nembro fino a monte della confluenza con il torrente Luio Versione 1.0 Luglio 2006 I

6 5.2.5 Sintesi degli studi disponibili CARTA DELLA ESPOSIZIONE TERRITORIALE CARTA DEL RISCHIO RISCHIO IDRAULICO - LAGO D ISEO INTRODUZIONE CARTA DELLA PERICOLOSITÀ Delimitazione delle aree inondabili: metodo storico-documentale Delimitazione delle aree inondabili: metodo analitico Sintesi dei dati CARTA DELL ESPOSIZIONE AL DANNEGGIAMENTO Individuazione degli elementi a rischio Esposizione al danneggiamento CARTA DEL RISCHIO MODELLO DI INTERVENTO INTRODUZIONE IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO LA PROCEDURA DI ALLERTAMENTO DELLA REGIONE LOMBARDIA AREE DI ALLERTAMENTO LIVELLI DI ALLERTAMENTO - ATTIVAZIONE Bacini montani Corsi d acqua principali Lago d Iseo IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO I FLUSSI INFORMATIVI IN EMERGENZA Bacini montani Corsi d acqua principali Lago d Iseo RUOLI E RESPONSABILITÀ DI ISTITUZIONI, ENTI E ORGANIZZAZIONI IL RUOLO DELLA POPOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE SCENARI DI RISCHIO - SCENARI DI EVENTO Bacini montani Corsi d acqua principali Lago d Iseo LOGISTICA DELL EMERGENZA Lago d Iseo STRUTTURE STRATEGICHE PER L EMERGENZA INDIVIDUAZIONE DELLE S.A.R. SUL TERRITORIO Lago d Iseo MODELLO OPERATIVO D INTERVENTO CARTE OPERATIVE DI SINTESI CORSI D ACQUA PRINCIPALI Identificazione delle aree oggetto di pianificazione Sopralluoghi Carte del modello di intervento LAGO D ISEO IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEL TERRITORIO INTRODUZIONE METODOLOGIA DI CREAZIONE DEL DATABASE Raccolta delle informazioni esistenti Informatizzazione dei dati Validazione e aggiornamento Analisi dei dati raccolti INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI DI COMPETENZA DELLE CENTRALINE IDROPLUVIOMETRICHE Versione 1.0 Luglio 2006 II

7 9.3.1 Ambiti di competenza degli idrometri Ambiti di competenza dei pluviometri (topoieti) IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEL LAGO D ISEO PROPOSTA DI INTEGRAZIONE Integrazione della rete idrometrica Integrazione della rete pluviometrica fiduciale TABELLA AGGIUNTE E VARIANTI Versione 1.0 Luglio 2006 III

8 Allegati (Consultabili solo sul CD ipertestuale) BACINI MONTANI Database dei bacini idrografici della Provincia di Bergamo Schede monografiche dei bacini idrografici della Provincia di Bergamo Database eventi alluvionali CORSI D'ACQUA PRINCIPALI Portate dei fiumi principali della Provincia di Bergamo Analisi idrologica dell evento alluvionale del Novembre 2002 Dati idrologici dell'evento alluvionale del Novembre 2002 (omesso) Modello di intervento - Cancelli LAGHI Dati idrologici (omesso) Modello di intervento - Cancelli RETI DI MONITORAGGIO Schede monografiche dei sistemi di monitoraggio della Provincia di Bergamo Database dei sistemi di monitoraggio della Provincia di Bergamo Allegati Cartografici IDROGRAFIA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO TIdr 1/9 Reticolo idrografico funzione idraulica (scala 1: ) TIdr 7/9 Schema idrologico Fiume Adda Brembo TIdr 8/9 Schema idrologico Fiume Oglio TIdr 9/9 Schema idrologico Fiume Serio BACINI MONTANI TIdr 6/9 Individuazione dei bacini montani (scala 1: ) PIdr 3/3 Carta della pericolosità (scala 1: ) CORSI D'ACQUA PRINCIPALI Pericolosità PIdr 1a/3 Carta della pericolosità (scala 1: ) Foglio a PIdr 1b/3 Carta della pericolosità (scala 1: ) Foglio b PIdr 1c/3 Carta della pericolosità (scala 1: ) Foglio c Rischio RIdr 1a/3 Carta del rischio (scala 1: ) Foglio a RIdr 1b/3 Carta del rischio (scala 1: ) Foglio b RIdr 1c/3 Carta del rischio (scala 1: ) Foglio c Versione 1.0 Luglio 2006 IV

9 Modello di intervento MIdr 0 Carta di identificazione delle aree di interesse (scala 1: ) MIdr A Carta di sintesi del modello di intervento del bacino del Fiume Brembo e dell Adda (scala 1: ) MIdr B Carta di sintesi del modello di intervento del bacino del Fiume Serio (scala 1: ) MIdr C Carta di sintesi del modello di intervento del bacino del Fiume Oglio (scala 1: ) Modello di intervento Scenari di rischio e di evento MIdr 1 Area 1 Lenna: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 2 Area 2 S. Giovanni Bianco: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 3 Area 3 S. Pellegrino T.: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 4 Area 4 Zogno: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 5 Area 5 Villa d Almè: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 6 Area 6 Brembate Sopra: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 7 Area 7 Canonica d Adda: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 8 Area 8 Fara Gera d Adda: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 9 Area 9 Cene: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 10 Area 10 Villa di Serio: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 11 Area 11 Seriate: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 12 Area 12 Ghisalba: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 13 Area13 Costa Volpino: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 14 Area 14 Palosco: carta del modello di intervento (scala 1: ) MIdr 15 Area 15 Calcio: carta del modello di intervento (scala 1: ) LAGO D ISEO PIdr 2/3 Carta della pericolosità (scala 1:10.000) RIdr 2/3 Carta del danno (scala 1:10.000) RIdr 3/3 Carta del rischio (scala 1:10.000) MIdr 16 Carta di sintesi operativa per rischio di esondazione del Lago Sebino (scala 1: ) RETI DI MONITORAGGIO TIdr 2/9 Rete di monitoraggio idro-nivo-pluviometrico (scala 1: ) TIdr 3/9 Bacini di competenza degli idrometri (scala 1: ) TIdr 4/9 Tavola dei topoieti (scala 1: ) TIdr 5/9 Proposta di infittimento della rete idropluviometrica (scala 1: ) Tavola di sintesi per detentore form. A3 Tavola di sintesi per tipologia form. A3 Tavola di sintesi per sensore idropluviometrico form. A3 Tavola di sintesi per sensore idropluviometrico nei bacini di 3 ordine form. A3 Versione 1.0 Luglio 2006 V

10 Appendici (Consultabili solo sul CD ipertestuale) IDROGRAFIA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Reticolo idrico principale DGR n.7/7868 del 25/01/2002 Allegato A BACINI MONTANI Caratterizzazione dei bacini montani Individuazione di un indicatore di sintesi della pericolosità per i bacini montani LAGHI Analisi delle altezze idrometriche del Lago d'iseo RETI DI MONITORAGGIO Detentori dei sistemi di monitoraggio ambientale MODELLO DI INTERVENTO Direttiva regionale per l allertamento per rischio idrogeologico ed idraulico - DRG 7/21205 del Indirizzi operativi per a gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento - Direttiva PCM 27 febbraio 2004 Versione 1.0 Luglio 2006 VI

11 1 PREMESSA Il presente lavoro si inserisce nel quadro della pianificazione di emergenza per eventi di Protezione Civile iniziato dalla Provincia di Bergamo, nell ottobre del 2002 con l emanazione delle Linee Operative Generali. Esso rappresenta la sintesi di un lavoro svolto in due fasi successive indirizzate, la prima ad una analisi specifica del rischio idraulico relativa al territorio della Provincia di Bergamo e la seconda alla definizione di scenari i rischio e di evento ed alla pianificazione della gestione delle emergenze di carattere idraulico. Tale lavoro è stato sviluppato in un periodo di grandi cambiamenti nell organizzazione sistemica del Servizio di Protezione Civile, sia a livello nazionale, che regionale che, infine, provinciale. A livello nazionale si registra infatti una produzione normativa in materia di rischio idraulico-idrogeologico particolarmente ricca, che passa in particolare attraverso l emanazione da parte del Dipartimento della Protezione Civile Presidenza del Consiglio dei Ministri di specifiche Ordinanze e l emanazione di Direttive di indirizzo ed organizzazione. In particolare si ricorda, per gli effetti che la stessa ha avuto sul sistema di monitoraggio, previsione, prevenzione, allertamento e gestione delle emergenze idrogeologiche ed idrauliche, la Direttiva PCM del 27 febbraio A livello regionale, il quadro ordinamentale del sistema di Protezione Civile è stato rinormato con la L.R. n 16 del 22 maggio 2004 Testo unico di Protezione Civile la quale ha delegato alle Provincie un ruolo attivo nella gestione delle emergenze, mentre, sull argomento specifico, appare opportuno segnalare la DGR 7/21205 del 24 marzo 2004 (revoca della DGR 7/20047 del 23 dicembre 2004) di adeguamento alla citata Direttiva PCM A livello provinciale, infine, va segnalato il cambiamento strategico operato nell integrazione del Servizio Protezione Civile nel settore Viabilità. In un quadro ordinamentale e sistemico così dinamico, il presente lavoro, prendendo le mosse dai documenti di riferimento elaborati dalla medesima Provincia di Bergamo (primo tra tutti il Piano Territoriale di Coordinamento del 2003), si pone come un momento di analisi della complessità del sistema idraulico del territorio provinciale proponendo un modello di gestione delle emergenze basato sulla distinzione delle dinamiche esondative dei laghi, dei principali fiumi dell area e corsi d acqua della porzione montana del territorio stesso. Il lavoro è stato strutturato in applicazione alle normative vigenti secondo la sequenza logica ed i contenuti previsti dalle Linee Operative generali del Piano di emergenza Provinciale. Il rispetto delle indicazioni metodologiche previste nelle Linee operative, oltre che nel Programma di Previsione e Prevenzione, approvato con D.G.P. n. 58 dell 8 luglio 2002, consente una organizzazione dei contenuti omogenea e coerente con gli altri Piani Stralcio. 1.1 Finalità Il presente studio, in accordo con le finalità generali espresse nelle Linee Operative Generali, ha come obiettivo la raccolta organizzata ed una prima impostazione sistematica delle informazioni e delle azioni necessarie alla gestione di fenomeni di esondazione dei corsi d acqua e dei laghi presenti all interno del territorio provinciale bergamasco ed alla conseguente inondazione degli stessi territori. A tal fine il lavoro è stato articolato tenendo in considerazione la specificità del rischio idraulico, partendo da una analisi dei sistemi di monitoraggio presenti, per poi passare ad una caratterizzazione sintetica dei bacini minori attraverso l individuazione di alcuni indicatori caratteristici degli stessi, facendo poi confluire le informazioni raccolte in un sistema di individuazione delle principali dinamiche connesse con l evoluzione dei fenomeni di piena nei principali fiumi presenti in provincia di Bergamo. Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 1 di 208

12 Contestualmente si è effettuata una analisi di rischio per i fenomeni di esondazione delle acque, che è stata utilizzata per la creazione di scenari di rischio connessi in particolare con i corsi d acqua principali ed il Lago d Iseo. Si è infine proposto un modello di intervento per i tre sistemi idraulici identificati, il quale, partendo da una base comune, declina poi le attività in funzione delle dinamiche proprie dei medesimi sistemi e della possibile successione temporale dei fenomeni coinvolgenti gli stessi. 1.2 Rapporti di collaborazione con gli enti nella stesura del Piano La raccolta dei dati necessari, sia per quanto riguarda gli eventi alluvionali che le principali caratteristiche fisico-morfologiche dei bacini idrografici, è stata condotta a partire da numerosi documenti che sono stati messi a disposizione da vari enti. In particolare: Prefettura di Bergamo la quale ha fornito informazioni riguardanti la gestione dei bacini regolati da dighe; Regione Lombardia Servizio Territorio che ha messo a disposizione i contenuti dei piani stralcio per l assetto idrogeologico; Regione Lombardia servizio STER di Bergamo con il quale si è sviluppato un rapporto di collaborazione sia per la presenza del coordinatore del gruppo di lavoro per il rischio idraulico, sia per le informazioni pervenute, particolarmente per quanto riguarda i bacini montani; Regione Lombardia servizio Protezione Civile ed ARPA Lombardia con i quali si è provveduto ad implementare il sistema informativo delle centraline di monitoraggio ambientale; AIPO con il quale si sono mantenuti rapporti finalizzati all aggiornamento delle informazioni relative alle perimetrazioni legate alle fasce PAI; Consorzi di regolazione dei laghi d Iseo e di Lecco dai quali si sono avute preziosissime informazioni relative ai regimi idrografici ed alle modalità di regolazione di questi bacini; Consorzi di bonifica che hanno fornito le informazioni necessarie alla comprensione di alcuni fenomeni relativi alla gestione idrica del territorio della pianura bergamasca; Comunità Montane che hanno fornito studi specifici relativi ad alcuni bacini minori ed i propri Piani intercomunali di emergenza predisposti; Professionisti vari che hanno messo a disposizione alcuni dei propri studi di dettaglio relativi ad aree del territorio bergamasco aventi problematiche legate al rischio idraulico. 1.3 Gruppo di lavoro del Comitato di Protezione Civile Rischio Idraulico Il lavoro dei professionisti incaricati si è svolto, soprattutto per la prima porzione, con una stretta e proficua collaborazione con il Gruppo di lavoro. Esso è costituito da rappresentanti di: S.T.E.R., dirigente, coordinatore del gruppo Prefettura di Bergamo Regione Lombardia - Protezione Civile Rappresentante Comunità Montane della Provincia di Bergamo Rappresentante Sindaci della Provincia di Bergamo Vigili del Fuoco Comando Provinciale di Bergamo Corpo Forestale dello Stato S.S.U.Em 118 A.I.P.O. Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 2 di 208

13 A.R.P.A. Lombardia Rappresentante Volontariato di Protezione Civile (ANA) Il gruppo di lavoro si è riunito diverse volte nel corso dello svolgimento del lavoro (circa a cadenza mensile); tale sede ha consentito di discutere le scelte metodologiche adottate e di valutare i risultati che man mano sono scaturiti con l avanzamento dei lavori. Il contributo portato da ciascuno dei partecipanti, in forza del proprio ruolo istituzionale, della propria specifica esperienza e delle peculiari conoscenze territoriali, ha sicuramente consentito di ottenere un prodotto più completo, approfondito e ragionato. 1.4 Coordinamento con altri piani di emergenza Il presente piano di emergenza si inserisce nel sistema della pianificazione di emergenza provinciale elaborata dalla Provincia di Bergamo quale elemento di analisi specifica del rischio idraulico. Esso è stato elaborato coerentemente con quanto definito nelle Linee Operative Generali, partendo dai contenuti del Programma Provinciale di Previsione e Prevenzione della Provincia di Bergamo del Luglio 2002 approfondendone alcuni aspetti di caratterizzazione territoriale dell analisi del rischio. All interno del sistema di pianificazione di emergenza della Provincia di Bergamo, questo piano, nella parte relativa all analisi del rischio idraulico nei bacini montani, integra in particolare il Piano di emergenza per il rischio idrogeologico da frana così come definito con Delibera di Consiglio Provinciale n 8 del 19/02/2004. Il presente lavoro inoltre si integra e fa proprio il Piano di Emergenza Dighe elaborato nell agosto 1997 dalla Prefettura di Bergamo per il proprio territorio di competenza. Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 3 di 208

14 2 DEFINIZIONI E ASPETTI METODOLOGICI Al fine del presente studio, ai sensi della Legge 18 maggio 1989 n 183, si definiscono corso d'acqua: i corsi d'acqua, i fiumi, i torrenti, i canali, i laghi, le lagune, gli altri corpi idrici; bacino idrografico: il territorio dal quale le acque pluviali o di fusione delle nevi e dei ghiacciai, defluendo in superficie, si raccolgono in un determinato corso d'acqua direttamente o a mezzo di affluenti, nonché il territorio che può essere allagato dalle acque del medesimo corso d'acqua, ivi compresi i suoi rami terminali con le foci in mare ed il litorale marittimo prospiciente; qualora un territorio possa essere allagato dalle acque di più corsi di acqua, esso si intende ricadente nel bacino idrografico il cui bacino imbrifero montano ha la superficie maggiore; bacini montani: nel presente studio sono i bacini di pertinenza dei corsi d'acqua individuati nell'allegato A della D.G.R. n VII/7868 del 25 gennaio così come integrato dalla D.G.R. n VII/ del 1 agosto 2003 (cosiddetto "reticolo idrografico maggiore" Vai a Appendice E DGR 7/7868 Individuazione del Reticolo Idrico Maggiore ); corsi d acqua principali: sono rappresentati dai principali corsi d acqua del sistema idrografico superficiali del territorio considerato, i quali prendono il toponimo di fiume ; inondazione: l'invasione ed espansione delle acque su vaste aree, prodotto da una rottura od un sormonto arginale di un corso d acqua; essa è caratteristica dei corsi d'acqua delle aree di pianura, dove i volumi in gioco sono particolarmente significativi ed interessano con limitate velocità di flusso, ed una sostanziale omogeneità di danneggiamento, consistenti porzioni di territorio; esondazione: la fuoriuscita delle acque appartenenti al reticolo idrografico dell'ambiente montano connessa con fenomeni di instabilità delle sponde e di trasporto solido in alveo; i danni prodotti dall'elevata energia della massa d'acqua comportano problematiche molto intense ed interessanti in maniera molto disomogenea porzioni di territorio relativamente limitate; alluvione: è il termine più generale utilizzato per indicare tutti i danni, sia quelli legati all inondazione di territori sia quelli più propriamente connessi con l instabilità delle sponde, l erosione accelerata alla testata del bacino e l instabilità dei versanti, prodotti da un evento di piena di un corso d acqua o di un lago. Nel caso dei laghi si ha esondazione quando viene superato il limite fisico di interfaccia tra l'area costiera antropizzata e lo specchio liquido; essa si verifica quando la quota del pelo libero dell'acqua del lago supera una quota posta a riferimento. 2.1 Definizione di rischio idraulico Si definisce "" il complesso delle interazioni critiche che si verificano tra i fenomeni di tipo esondativo ed alluvionale connessi con le naturali dinamiche proprie di uno o più corsi d'acqua, ed un determinato ambito territoriale. Ufficialmente consolidata è la definizione di rischio così come proposta da Varnes (1984) ed accettata anche dal Dipartimento di Protezione Civile (1995) secondo la quale le aree potenzialmente interessate 1 Deliberazione Giunta Regionale 25 gennaio 2002 n. VII/7868: Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni alla polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore come indicato dall art. 3 comma 114 della l.r.1/2000 Determinazione dei canoni regionali di polizia idraulica 2 Deliberazione Giunta Regionale 1 agosto 2003 n. VII/13950: "Modifica della d.g.r. 25 gennaio 2002, n. VII/7868 Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni alla polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore come indicato dall art. 3 comma 114 della l.r.1/2000 Determinazione dei canoni regionali di polizia idraulica Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 4 di 208

15 da fenomeni di inondazione che potrebbero arrecare danno alle persone e ai beni costituiscono le aree vulnerabili per inondazione. Sotto alcune ipotesi semplificative, che non tolgono comunque di generalità ai risultati ai quali si perviene, si può definire il rischio come ( V E) R T = H D = H dove T è il tempo di ritorno H è la pericolosità naturale (di seguito indicata con P) cioè la probabilità di avere in un periodo di t anni almeno un evento calamitoso, essa è strettamente connessa al periodo di ritorno T, che esprime l intervallo di tempo nel quale l evento si verifica in media una volta, attraverso la relazione: Ht = 1 - (1-1/T)t D indica il danno totale inteso come sommatoria dei danni subiti dai singoli elementi interessati dal fenomeno E indica l entità complessiva degli elementi posti nelle aree a rischio: essa può esprimere il numero di persone che risiedono in un area inondabile o l ammontare del valore economico del beni monetizzabili presenti nell area stessa (infrastrutture di pubblico interesse, insediamenti produttivi, abitazioni, ecc.); il valore di E corrisponde al danno associato alla perdita completa del bene V è la vulnerabilità: essa esprime la suscettibilità dell elemento a rischio a subire danni per effetto dell evento di piena e più precisamente indica qual è l aliquota dell elemento a rischio che viene danneggiata. V varia tra 0 (nessun danno) ed 1 (distruzione, perdita totale) ed è adimensionale. Ad un determinato elemento a rischio possono competere, in funzione delle caratteristiche dell evento, valori diversi sia di E che di V Introduzione alle analisi del rischio idraulico La definizione dei parametri dell'equazione del rischio appare particolarmente difficile, sia perché gli elementi che definiscono la risposta territoriale all'evento (esposizione, vulnerabilità e danno) sono funzione anche di condizioni socio-politiche che ne determinano valutazioni differenti in periodi storici diversi, sia perché le informazioni a disposizione caratterizzanti gli eventi alluvionali (misure di portata, livelli idrici, piovosità ecc.) spesso non esistono e non sono sufficientemente dettagliate comportando l'impossibilità di individuare i parametri statistici (probabilità e tempi di ritorno) legati alle ricorrenze degli eventi. In questo senso, se da una parte è possibile ritenere invarianti sul territorio provinciale i parametri relativi alla risposta territoriale all evento (vulnerabilità, esposizione e, quindi, danno), dall'altra il parametro di pericolosità deve tenere conto, oltre che delle dinamiche proprie dei fenomeni, anche dei dati storici a disposizione per la sua valutazione. Nello specifico si rileva che, mentre per i corsi d'acqua principali e per i bacini lacustri esistono serie storiche sufficientemente significative per effettuare elaborazioni statistiche dei parametri che caratterizzano gli eventi critici, lo stesso non si può dire per quanto riguarda la maggior parte dei bacini idrografici minori, dove la mancanza di informazioni idrologiche impone la determinazione degli stessi parametri in maniera indiretta e, in alcuni casi, empirica Bacini montani Per quanto riguarda il rischio idraulico in ambito montano, appare utile, già in questa sede, sottolineare come tale tipologia di rischio sia difficilmente scindibile da quella legata ai fenomeni franosi; in questo caso la locuzione che individua il rischio come idrogeologico appare particolarmente rappresentativa delle interazioni delle dinamiche legate al movimento dell acqua con quelle più propriamente legate al movimento di masse di terra e roccia. Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 5 di 208

16 In questo studio, pur nella consapevolezza del limite insito in tale trattazione, i due fenomeni vengono scissi, e quando ci si riferirà a fenomeni di esondazione si prenderanno in considerazione solo i deflussi idrici legati ai volumi liquidi, non considerando le frazioni solide che solitamente, soprattutto in ambito montano, accompagnano i fenomeni di piena di questi corsi d acqua. Si ritiene utile sottolineare, già in questa premessa, come la significatività dei fenomeni idrogeologici nei bacini montani risulti talmente rilevante, sia in termini di eventi che in termini di danni, da consigliare lo sviluppo della presente pianificazione in un piano di emergenza ad hoc Corsi d'acqua principali Relativamente al rischio idraulico connesso con le dinamiche esondative dei corsi d'acqua principali, appare utile sottolineare come si sia scelto di trattare tale problematica in una apposita sezione pur nella consapevolezza del fatto che i fenomeni critici che interessano i bacini montani, spesso risultano direttamente correlati coi fenomeni di inondazione connessi col passaggio di portate straordinarie nelle sezioni fluviali degli stessi. Nel recente passato, invero, si è assistito al verificarsi di fenomeni che, pur interessando con particolare veemenza i bacini idrografici montani, non hanno prodotto particolari conseguenze in quelli principali citati; al contrario i fenomeni alluvionali del novembre 2002 hanno messo in luce un comportamento del tutto differente, in quanto il regime pluviometrico registrato è stato, per durata ed intensità della pioggia, tale da mandare in crisi il reticolo idrografico principale senza far registrare fenomeni esondativi in quello minore. Ai fini della determinazione delle aree soggette al rischio idraulico si è proceduto all identificazione delle aree potenzialmente soggette ad inondazione attraverso una analisi idrologica consistente e basata su serie storiche di portate e di livelli idrici di notevole durata per ognuno dei corsi d acqua considerati, completata dall utilizzo delle carte del Piano Stralcio per il Rischio Idrogeologico dell Autorità di Bacino del Fiume Po contenenti le perimetrazioni delle cosiddette fasce di pertinenza fluviale. L incrocio tra queste carte e quelle del danno derivate dalla mosaicatura degli strumenti di gestione dei territori comunali, ha consentito di determinare delle aree a cui attribuire differenti gradi di rischio. La qualità dell analisi di rischio così svolta è stata condizionata dalle approssimazioni legate in particolare alla scala di dettaglio e di rappresentazione delle informazioni disponibili sia rispetto ai parametri idraulici dei fenomeni di piena, sia rispetto alla consistenza territoriale su cui gli stessi intervengono. A tal fine si è scelto di individuare sul territorio provinciale alcune aree sulle quali sviluppare con maggiore dettaglio (anche a seguito di sopralluoghi mirati) l analisi del rischio; si è potuto così sviluppare scenari di rischio e scenari di evento che risultassero sufficientemente accurati ed aderenti alla realtà del territorio in maniera da consentire lo sviluppo di una pianificazione dell emergenza sufficientemente significativa Laghi Un lago fa sempre parte di un più ampio sistema fluvio-lacustre, al quale appartengono anche i corsi d acqua che immettono acqua nel lago stesso e quelli che la fanno defluire. In altri termini, ogni lago è caratterizzato da un bilancio idrologico, composto dalla somma degli apporti e delle perdite d acqua: gli apporti sono costituiti dagli afflussi dei corsi d acqua tributari, ma anche dal ruscellamento superficiale lungo le sue sponde, dalle piogge che cadono direttamente sulla sua superficie e dagli afflussi per via sotterranea; viceversa le perdite sono date dai deflussi attraverso l'emissario, ma anche dall'evaporazione e dal deflusso sotterraneo. È possibile rappresentare tale caratteristica attraverso l equazione di continuità del laghi la quale assume la seguente forma: dw ( t) p( t) q( t) = dt Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 6 di 208

17 dove p (funzione del tempo t) è la portata affluente nel bacino al tempo t, q(t) è la portata defluente dal bacino nel medesimo istante temporale e W(t) rappresenta il volume invasato nell unità di tempo. In tale equazione le variabili rappresentanti il volume invasato e la portata in deflusso, sono normalmente legate da una equazione che rappresenta i volumi uscenti nell unità di tempo in funzione della quota del tirante idrico misurato rispetto alla quota del fondo dell emissario del lago stesso. Nell ipotesi in cui il legame tra il volume invasato e la portata in deflusso siano linearmente dipendenti tale equazione assume la forma detta dell invaso lineare. Nel momento in cui la portata in afflusso al lago è superiore di quella in deflusso, il bacino lacustre invasa volume e la quota del proprio pelo libero tenderà ad aumentare in maniera sostanzialmente uniforme su tutta la superficie del lago stesso (l ipotesi dell equipotenzialità della superficie libera del lago in realtà non sempre è verificata in quanto condizioni locali legate principalmente ai flussi idrici possono rendere a superficie non completamente piana), nel caso contrario il bacino perderà volumi e le corrispondenti quote del pelo libero dell acqua tenderanno a diminuire. I meccanismi che attengono ai fenomeni esondativi dei laghi sono dunque legati alle dinamiche proprie dei fenomeni connessi con il sistema degli afflussi e con quello dei deflussi e tra loro, attraverso la equazione di continuità. Nel caso dei laghi quindi è possibile affermare che si ha esondazione delle acque quando la capacità di invaso della conca lacustre risulta essere insufficiente per sostenere, senza che le quota del pelo libero dell acqua superi una quota presa a riferimento, la differenza tra i volumi entranti e quelli uscenti dal bacino stesso. Anche per i fenomeni esondativi delle acque dei laghi è possibile individuare i parametri caratteristici dell equazione del rischio in termini di probabilità di superamento di un determinato fenomeno preso a riferimento e di danno ad esso conseguente sulla parte antropizzata del territorio La valutazione del termine "Pericolosità" Il parametro pericolosità per il rischio idraulico rappresenta la probabilità che, in una determinata sezione di un corso d acqua o di un lago, ed in un determinato ambito temporale, si verifichino portate liquide tali da non poter essere contenute all interno degli argini ordinari dello stesso. Tale parametro si esplica, da un punto di vista territoriale, nell individuazione delle porzioni di territorio che, con una determinata probabilità, risulteranno soggette a fenomeni di carattere inondativo o esondativo. A tal fine si fa normalmente riferimento ai dati relativi ai livelli idrometrici o alle portate raggiunti dai corsi d acqua durante un determinato arco temporale, individuando un livello di riferimento ed analizzando la frequenza con cui tale livello viene superato nel medesimo arco temporale. Tali valori però non sempre sono disponibili direttamente: se infatti sui corsi d acqua principali ed in corrispondenza degli sbarramenti di regolazione dei laghi, le serie storiche rilevate dagli idrometri risultano essere significative per determinare le ricorrenze statistiche dei fenomeni critici (la probabilità di accadimento), per quanto riguarda il reticolo idrografico montano, tali rilevazioni non sono, nella maggior parte dei casi, disponibili. Come conseguenza di ciò l analisi di pericolosità segue strade differenti a seconda della tipologia e della consistenza dei dati a disposizione; al fine di chiarire tali differenze negli approcci metodologici, nei successivi paragrafi si riportano sinteticamente le metodologie di analisi utilizzate relativamente agli ambiti territoriali definiti dai bacini montani, dai corsi d acqua principali e dal sistema dei laghi Bacini montani Come già anticipato, nella stragrande maggioranza dei bacini montani, non sono disponibili i valori di altezza idrometrica o di portata idrica ottenuti tramite misurazioni dirette; a tale mancanza di dati si tenta di sopperire attraverso l utilizzo di metodi indiretti di valutazione delle portate che, partendo dalle più Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 7 di 208

18 diffuse serie storiche relative al parametro pluviometrico, consente, attraverso alcune semplificazioni relative alle dinamiche di formazione dei deflussi superficiali, di ottenere una stima dei dati che si sarebbero potuti registrare in corrispondenza delle sezione assunte a riferimento. Partendo dunque dai valori della pioggia ed assumendo che ci sia una correlazione diretta tra le piogge e le portate in alveo, si sono effettuate delle analisi di modellizzazione che fornissero, con le medesime caratteristiche ricorsive, i deflussi in alveo. Il modello utilizzato per esprimere tale legame tra gli afflussi meteorici ed i deflussi fluviali è quello detto Razionale, così come suggerito dalla Direttiva sulla piena di progetto da assumere per le progettazioni e le verifiche di compatibilità idraulica allegata alle Norme di attuazione del Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) ed indicato per bacini di medio piccole dimensioni. Tale metodo considera ciascun bacino idrografico come una singola unità e stima il valore al colmo della portata sulla base delle precipitazioni sottostando ad alcune ipotesi semplificative: La precipitazione è uniformemente distribuita sul bacino La portata stimata in alveo ha lo stesso tempo di ritorno T calcolato per l intensità di pioggia Il tempo di formazione del colmo di piena è pari a quello della fase di riduzione L intensità della pioggia ha una durata pari a quella del tempo di corrivazione t c del bacino. Tali ipotesi appaiono particolarmente forti se si considera che, ad esempio, l assunzione di una pioggia costante ed uniformemente distribuita sul bacino idrografico rappresenta una astrazione che, anche su bacini di piccole dimensioni, di fatto non si verifica mai; inoltre tale ipotesi non consente di tenere conto dei possibili fenomeni di attenuazione o di incremento dei deflussi in funzione del fatto che la perturbazione percorra rispettivamente da valle verso monte o da monte verso valle il bacino interessato. Anche la seconda ipotesi considerata comporta una astrazione molto significativa, in quanto non è necessariamente detto che piogge che si presentano con una intensità corrispondente ad un determinato tempo di ritorno, producano portate con caratteristiche tali da corrispondere a fenomeni aventi il medesimo tempo di ritorno delle piogge. La terza e la quarta ipotesi infine, hanno come conseguenza quella di assimilare la formazione dei deflussi superficiali ad un fenomeno dalle caratteristiche lineari ed indipendenti dallo stato del bacino all inizio della precipitazione; l astrazione effettuata conduce a non considerale l intera dinamica del bacino idrografico, andando a considerare come se il bacino reagisse alla precipitazione in maniera uguale all inizio ed alla fine della stessa. L assunzione che la durata della precipitazione corrisponda al tempo di corrivazione del bacino (cioè al tempo che impiega la particella d acqua caduta nel punto più lontano a passare per una sezione di riferimento), trova ragione proprio nella assunzione che il bacino considerato non modifichi le proprie caratteristiche di formazione dei deflussi nel corso del tempo, per cui la massima portata che si registra in una determinata sezione si verifica quando anche l acqua caduta nel punto più lontano del bacino transita in alveo in corrispondenza di quella sezione. Pur con i limiti testé descritti il metodo razionale descrive con sufficiente approssimazione i fenomeni di formazione dei deflussi di piena per bacini di medio-piccole dimensioni, consentendo nel contempo un approccio sistematico in grado di fornire informazioni relative ai deflussi idrici in alveo che risultano uniformi sul territorio e quindi confrontabili tra loro; modellazioni più raffinate infatti, pur fornendo una maggiore precisione teorica nei calcoli, necessitano di una quantità molto maggiore di informazioni di base rimanendo particolarmente sensibili alla scelta dei parametri utilizzati per rappresentare il comportamento di una parte o di tutto il bacino idrografico. Partendo dalle ipotesi più sopra introdotte, il metodo razionale consiste nella risoluzione della seguente equazione nella quale le portate relative alle sezioni finali dei corsi d acqua sono espresse in [m 3 /s]: Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 8 di 208

19 Q max hcs = Φ t c dove Φ indica il coefficiente di deflusso (ovvero il rapporto tra l acqua precipitata sul bacino e quella che si ritrova effettivamente in alveo), S è la superficie del bacino espressa in km 2, h c è l altezza di precipitazione critica espressa in mm corrispondente al tempo di corrivazione t c del bacino. Quest ultimo, come già anticipato, oltre che come il tempo occorrente perché la particella d acqua caduta nel punto più lontano del bacino raggiunga la sezione di chiusura, è definito anche come l intervallo di tempo dall inizio della precipitazione oltre al quale tutto il bacino contribuisce al deflusso nella sezione terminale; il metodo utilizzato prevede la stima di questo parametro mediante la formula empirica di Giandotti (tempo espresso in ore) per la quale: t c ( 4 S + 1,5 L) = 0,8 ( h h ) in cui S è la superficie del bacino espressa in km 2, L è la lunghezza dell asta principale estesa alla linea di spartiacque espressa in km, h m è l altitudine media del bacino e h 0 è l altitudine della sezione di chiusura del bacino considerato. In considerazione della sensibilità della formula razionale nei confronti del valore del tempo di corrivazione, si è scelto di verificare i dati ottenuti con la citata formula di Giandotti ponendoli a confronto con dati ottenuti attraverso l utilizzo di analoghe formule di calcolo del medesimo valore del tempo di corrivazione dei bacini; in particolare si è utilizzata, per la sua semplicità, la formula di Puglisi (1978) per la quale il tempo di corrivazione è espresso dalla seguente formula m 0 t c 2 3 = 6L ( H H max 0 ) 1 3 in cui L è il percorso idraulicamente più lungo del bacino espresso in km, H max è l altitudine massima del bacino idrografico espressa in metri e H 0 è la quota assoluta della sezione di chiusura considerata. Una volta calcolato il tempo di corrivazione del bacino ed una volta stabilito che lo stesso rappresenta anche la durata di pioggia che risulta essere critica per lo stesso bacino, si è provveduto al calcolo della altezza di pioggia critica attraverso l utilizzo delle informazioni desumibili delle linee segnalatrici di probabilità pluviometrica (L.S.P.P.) le quali sono rappresentate dalla formula: n h c = at c in cui a [mm] ed n sono due parametri caratteristici definiti in funzione del tempo di ritorno considerato. I valori dei due parametri caratteristici delle linee segnalatrici di probabilità pluviometrica sono stati tratti dall Allegato 3 della succitata direttiva del PAI in cui sono forniti in formato tabulare; i valori dei parametri sono stati calcolati in corrispondenza di porzioni di territorio definite secondo una griglia di 2 km di lato; essi sono poi stati confrontati con i dati utilizzati nel Piano Territoriale della Provincia di Bergamo per verificarne la congruità. Nello specifico dell elaborazione, per ogni bacino sono stati considerati dei valori mediati dei parametri per tenere conto della risoluzione spaziale della griglia sulle aree dei singoli bacini. Il metodo è stato applicato ai bacini presi in esame per la stima della portata al colmo di piena in corrispondenza di piogge aventi tempi di ritorno di 20, 100, 200, 500 anni. Per completare il calcolo delle portate con la citata formula razionale è stato necessario stimare anche il valore dei coefficienti di deflusso, ovvero del rapporto tra le portate in alveo e le precipitazioni che le hanno generate, dei diversi bacini idrografici: Φ = Q P Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 9 di 208

20 In assenza di altre informazioni più precise, tale stima è stata effettuata sulla base di una analisi della carta della permeabilità tratta dalle carte geoambientali della Regione Lombardia confrontando poi i valori ottenuti con i coefficienti di altri bacini similari posti nelle vicinanze e dei quali si avevano dati rilevati sia per le precipitazioni che per le portate. Il calcolo delle aree a differente grado di permeabilità è stato effettuato mediante l utilizzo del GIS ESRI Arcview partendo dai dati disponibili all interno della cartografia geoambientale della Regione Lombardia: la cartografia digitale rappresentante la carta della permeabilità è stata processata attraverso l intersezione con quella dei bacini idrografici; il risultato di questa intersezione ha portato ad identificare per ogni bacino le aree a differente grado di permeabilità. È stato quindi attribuito un valore del coefficiente di deflusso Φ pari a 0,15 per i terreni a permeabilità elevata (l acqua si infiltra con maggiore facilità per cui una porzione ridotta di quella precipitata defluisce superficialmente), pari a 0,3 per quelli con permeabilità media e 0,4 per i terreni a bassa permeabilità (dove il flusso sotterraneo è più limitato). Il valore del coefficiente di deflusso attribuito ad ogni bacino è stato poi rideterminato attraverso una media pesata dei valori ottenuti con l operazione di intersezione, rispetto alla percentuale di territorio del bacino a differente grado di permeabilità. Il calcolo eseguito con il metodo razionale ha consentito di individuare le portate critiche di ciascun bacino correlando le stesse con i tempi di ritorno stabiliti per le precipitazioni; al fine dell identificazione della pericolosità è quindi stato effettuato un calcolo che consente di individuare il valore di probabilità di superamento del parametro portata in alveo. Tale elaborazione, pur costituendo un passaggio fondamentale per la determinazione della pericolosità, non può essere utilizzata per la creazione delle cartografie di rischio a causa della assenza di misurazioni relative alla geometria delle sezioni critiche. Appare infatti di fondamentale importanza capire quali siano le possibili conseguenze connesse al raggiungimento delle portate calcolate per ogni corso d acqua; in sintesi è di fondamentale importanza capire, per ciascuno dei bacini considerati, se le portate calcolate sono o meno idraulicamente compatibili con le sezioni d alveo che si possono rilevare lungo il percorso compiuto dal reticolo idrografico in oggetto. La mancanza di dati a disposizione in tal senso, non ha consentito di individuare le aree nelle quali i diversi corsi d acqua generano problematiche di esondazione e, quindi, non ha dato modo di generare una cartografia della pericolosità in grado di evidenziare le zone dove le portate individuate con il metodo razionale, possono creare criticità. Al fine di consentire comunque l individuazione di un indicatore significativo di pericolosità, si è scelto di considerare le informazioni derivanti dai calcoli idrologici effettuati (con le ipotesi più sopra descritte) in corrispondenza di precipitazioni brevi ed intense attribuendo un valore di pericolosità all intero territorio sotteso dal bacino idrografico, utilizzando le seguenti ipotesi di calcolo: il tempo di ritorno considerato è pari a 100 anni in quanto si presuppone che le strutture di Protezione Civile possano ragionevolmente essere attivate anche su fenomeni con caratteristiche anche non eccezionali (T=200 anni appare corretto per le progettazioni di opere idrauliche, ma non rappresentativo dei fenomeni che possono interessare criticamente il territorio) la durata di pioggia critica è pari a 4 ore in quanto dalle analisi comparate dei fenomeni che hanno determinato esondazione in territori consimili a quelli considerati, tale durata è risultata essere quella maggiormente significativa 3. In questo modo si è ritenuto di poter rappresentare significativamente sia gli elementi legati alle dinamiche dei corsi d acqua in termini di tempo di risposta del bacino (un tempo di corrivazione 3 cfr primo programma regionale di previsione e prevenzione Versione 1.0 Luglio 2006 Pagina 10 di 208

Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1

Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1 Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1 Fase 2.1.1 Trasferimento delle esperienze maturate dalla Regione Marche in materia

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto 15 gennaio 2013, c/o Camera di Commercio di Parma Via Verdi, Parma Il rischio idraulico La memoria degli eventi calamitosi

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO Ing. Stefano Allegri Tec.Comunale Sindaco Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Redazione Verifica Approvazione Pag. 1 di 1 1. CONSIDERAZIONI

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE N. 03 DEL 07/06/2007 L anno duemilasette (2007) il giorno sette (7) del mese di giugno alle ore 10,30, presso la sede dell Autorità di Bacino Interregionale del

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano)

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/7374/08 Integrazioni

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Si chiede di iniziare dal punto 3 dell ordine del giorno. I Consiglieri sono d accordo. Illustra l Assessore Diegoli. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: - rientra tra gli obiettivi dell Amministrazione

Dettagli

AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE

AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE REGIONE MARCHE Delibera n. 13 del 30 Aprile 2001 AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE COMITATO ISTITUZIONALE OGGETTO: L. 183/89 L. 267/98 - L. 365/00 - L.R. 13/99 -. Adozione del Progetto di Piano

Dettagli

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO SEZIONE II SCENARI DI RISCHIO DOC 2.1 LIVELLI DI ALLERTA MODELLO DI INTERVENTO, SCENARI DI RISCHIO E INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Sommario Scenari di rischio...2 Metodologia utilizzata...2 Gli scenari

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni

Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni Mappatura della pericolosità e del rischio alluvionale Bacini liguri Cinzia Rossi Regione Liguria - Settore

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 207 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 8.1 Criteri generali di individuazione e valutazione degli interventi Gli

Dettagli

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 189 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 6.1 Premessa Il Sistema Informativo

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015 COMITATO ISTITUZIONALE Oggetto: Direttiva 2007/60/CE D.Lgs.49/2010 Valutazione e gestione dei rischi di alluvioni Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni del distretto idrografico della Regione Autonoma

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell

Dettagli

Dott. Geol. Luana Isella

Dott. Geol. Luana Isella Dott. Geol. Luana Isella RISCHIO Rischio = pericolosità x vulnerabilità x esposizione Probabilità che in un dato periodo di tempo T possa verificarsi un evento La capacità che hanno Edifici e costruzioni

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell ambiente PROVINCIA DI ROMA

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio REGIONANDO 2001 REGIONE LIGURIA Settore Assetto del territorio e Controllo Tecnico ATTIVITÀ REGIONALI PER LA QUALIFICAZIONE E SOSTEGNO DEGLI ENTI LOCALI LIGURI NELLA DIFESA DEL SUOLO E NELLA TUTELA DELLA

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05 AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05 Documento approvato con DGR 1532 del 2.12.2005 - Allegato 2 - ALLEGATO 2

Dettagli

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE COMUNE DI PIAN DI SCÒ PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 AI SENSI AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 25 OTTOBRE 2011 N. 53/R LUNGARNO GUIDO RENI N. 55 52027 SAN GIOVANNI

Dettagli

Aspetti geologici nella pianificazione

Aspetti geologici nella pianificazione Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: PREVENZIONE UN COMPITO

Dettagli

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE Realizzazione del prodotto Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni Revisione Data Oggetto Revisione 1 13/02/2008 Prima emissione INDICE 1. Scopo ed Obiettivi 2. Campo di applicazione

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata MS e CLE: sistemi informativi e diffusione Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata La prevenzione del rischio sismico Dopo il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, lo Stato ha emanato un nuovo

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino

Dettagli

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino distrettuali

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

AnAlisi della Rete idrografica consortile

AnAlisi della Rete idrografica consortile Widespread introduction of constructed wetlands for a wastewater treatment of Agro Pontino life+08 env/it/000406 consorzio di BonificA dell AgRo Pontino AZione 7.2 AnAlisi della Rete idrografica consortile

Dettagli

PREMESSO CHE: Autorità di bacino Alto Adriatico Comitato Istituzionale - delibera n. 4/2010 - Pagina 2

PREMESSO CHE: Autorità di bacino Alto Adriatico Comitato Istituzionale - delibera n. 4/2010 - Pagina 2 DELIBERA N. 4 Seduta del 21 dicembre 2010 OGGETTO: Adozione del Piano stralcio per l assetto idrogeologico del bacino del fiume Livenza. IL COMITATO ISTITUZIONALE VISTO il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

Elementi di Pianificazione di Emergenza comunale: l'identificazione degli scenari di rischio

Elementi di Pianificazione di Emergenza comunale: l'identificazione degli scenari di rischio Elementi di Pianificazione di Emergenza comunale: l'identificazione degli scenari di rischio Eva Trasforini Fondazione CIMA eva.trasforini@cimafoundation.org Vi racconto qualcosa di me Ho un TOT di anni

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI 85 PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI IL

Dettagli

Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale

Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale D. Fossati D.G. Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Valutazione e gestione

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013 111 D.G. Protezione civile, polizia locale e sicurezza D.d.s. 1 marzo 2013 - n. 1734 Esito della ricognizione delle pianificazioni provinciali vigenti in materia di protezione civile IL DIRIGENTE DELLA

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Comune di Luino Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Protezione Civile: le novità LEGGE 100 del 12 luglio 2012 (Riordino Protezione Civile) 3-bis. Il comune approva con deliberazione consiliare,

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

Problematica Idraulica e piani urbanistici

Problematica Idraulica e piani urbanistici Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: UN COMPITO PER LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

Dall esperienza di un alluvione alla programmazione degli interventi di difesa

Dall esperienza di un alluvione alla programmazione degli interventi di difesa Commissario Delegato per l emergenza concernente gli eccezionali eventi metereologici del 26 settembre 2007 che hanno del territorio della Regione Veneto IL GOVERNO DELLE ACQUE NEL VENETO" Rovigo 23 marzo

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Milano, 14 luglio 2015 Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Elaborazione a cura di: Andrea Arcidiacono, Silvia Ronchi, Stefano Salata Il recente Rapporto sul consumo

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Elaborazioni pluviometriche propedeutiche al dimensionamento delle opere idrauliche di smaltimento delle acque meteoriche. Brindisi, 23 maggio 2013

Elaborazioni pluviometriche propedeutiche al dimensionamento delle opere idrauliche di smaltimento delle acque meteoriche. Brindisi, 23 maggio 2013 Elaborazioni pluviometriche propedeutiche al dimensionamento delle opere idrauliche di smaltimento delle acque meteoriche Brindisi, 23 maggio 2013 Presentazione 1998 Laurea in ingegneria civile - Poliba

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale O GG E TTO : Art. 57 LR 36/97 e art. 8 LR 18/99 : Schema di Accordo di Pianificazione per variante PTC della Provincia di Genova in recepimento del Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico del Bacino

Dettagli

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod:

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod: L'Assessore regionale al territorio, ambiente e opere pubbliche, Alberto Cerise, sottopone all'esame della Giunta la trasposizione delle cartografie degli ambiti inedificabili, relative alla delimitazione

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. N. 1449 IN 30/11/2012 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA RICHIAMATI: il

Dettagli