Dipartimento di Biologia evoluzionistica sperimentale dell'università di Bologna. Francesco Zaccanti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Biologia evoluzionistica sperimentale dell'università di Bologna. Francesco Zaccanti"

Transcript

1 Dipartimento di Biologia evoluzionistica sperimentale dell'università di Bologna Francesco Zaccanti Simone Capostagno, Andrea De Paoli, Rosanna Falconi, Francesco Nigro, Giovanni Rossi, Gianluca Zuffi Diagnosi finalizzata al recupero delle popolazioni di Barbo e Cavedano Piano Sperimentale di Campionamento Ittico Relazione Tecnica Intermedia (Primo Semestre) 2009

2 1 Introduzione Nel corso della prima semestralità del progetto: Diagnosi finalizzata al recupero delle popolazioni di Barbo e Cavedano, si è proceduto nel definire il piano sperimentale di campionamento ittico e nell effettuare i primi rilievi in campo. La scelta dei siti è avvenuta coerentemente con i seguenti criteri: creare una rete di stazioni di campionamento sufficiente a fornire un quadro rappresentativo dei popolamenti ittici nel sistema idrografico della Provincia, raccogliere informazioni diffuse sullo stato delle popolazioni di barbo e cavedano, analizzare situazioni di particolare rilievo faunisticoecologico emerse dallo studio della Carta Ittica. Il piano cartografico di intervento è stato quindi costruito considerando, in prima istanza, la natura fisica del territorio: ampiezza e complessità dei bacini, quota sul livello del mare, regimi idrici, presenza di opere di regimazione idraulica, fenomeni termali e scarichi minerari. Sono stati quindi considerati gli aspetti faunistici (con particolare attenzione a quanto rilevato nella Carta ittica) e di gestione del territorio (presenza di aree protette). I sopraluoghi effettuati in campo hanno permesso di verificare l effettiva idoneità e rappresentatività dei siti di campionamento scelti, raccogliere le informazioni sui popolamenti ittici ed effettuare il prelievo delle biopsie per la determinazione molecolare delle specie target. 2 Stazioni di campionamento Sono state individuate 39 stazioni localizzate nei bacini idrografici dei corsi: Ombrone, Albegna, Bruna, Cornia, Fiora, Osa, Pecora, Tevere. Le stazioni, individuate fra i 525m s.l.m. ed i 3m s.l.m., sono per lo più concentrate fra i 100 ed i 300m nella fascia tipica dei ciprinidi reofili. Sono stati individuati 7 siti di campionamento in aree SIR (Val di Farma, Monte Labbro, Alta Valle Albegna, Poggio Moscona), di cui: 3 in aree SIR-pSIC-ZPS (Alto corso del fiume Fiora, Monte Labbro e Alta Valle dell Albegna) e 3 in aree SIR-pSIC (Val di Farma, Poggio Moscona). I punti di campionamento sono evidenziati in Figura 1.e riportati in Tabella 1 con una sigla composta da nome del corso, quota s.l.m., toponimo, bacino di appartenenza e coordinate nel sistema standard UTM WGS (World Geodetic System) 84. 1

3 Figura 1: piano sperimentale di campionamento ittico; le stazioni di campionamento sono evidenziate con colori diversi a seconda del bacino di appartenenza. 2

4 Stazioni di campionamento CORSO STAZIONE QUOTA s.l.m. TOPONIMO BACINO X COORD Y COORD Fiume Albegna Albegna Strada Consortile Sant'Andrea (Marsiliana) Albegna Fiume Albegna Albegna Pian di Bartolo Albegna Fosso Mozzapiede Mozzapiede Ponte SS delle Collacchie Albegna (Pomonte) Fosso Primo Campo Primo Campo 3 P. Voltoncino Albegna Regio Regio 3 Fosso Sanguinaio Sanguinaio Cane al cieco (prossimitó SP Albegna Aquilaia) Fosso Vivaio Vivaio ponte SP di Marciatoio (P. Albegna Poggio Carlino) Torrente Elsa Elsa Ponte SP della Sgrilla Albegna Torrente Fiascone Fiascone C. la Fornacina Albegna Torrente Patrignone Patrignone Magliano in Toscana Albegna Torrente Stellata Stellata Molino del Bagno Albegna Fiume Bruna Bruna C. Santa Chiara Bruna Fiume Bruna Bruna 7 7 Ponte di Macchiascandona Bruna Follonica Folllonica C. Campetti Bruna Torrente Bai Bai Molino Nuovo Bruna Fiume Cornia Cornia Piano di Cornia Cornia Torrente Milia Milia Calzalunga Cornia Fiume Fiora Fiora Confluenza Fosso Cadone Fiora (Santa Fiora) Fiume Fiora Fiora Ponte SP di Sovana (P. San Fiora Vincenzo) Fiume Lente Lente m valle ponte SP Fiora Pitigliano e Sorano (Pi Torrente Rio Rio Maggiore 245 P. Lombardello Fiora Maggiore 245 Fiume Farma Farma Petriolo Ombrone Fiume Merse Merse Fonte di Niccola Ombrone Fiume Merse Merse Bicciardina Ombrone Fiume Merse Merse P. Capanno Ombrone Fiume Ombrone Ombrone Fattoria Grancia Ombrone Fiume Ombrone Ombrone P. Barca Vecchia Ombrone Fiume Orcia Orcia Piano della Birba Ombrone Fosso della Salica Salica Cava di Breccia Ombrone Fosso di Albatrona Albatrona Bicciardina Ombrone Torrente Ente Ente Molino dell' Abbacco Ombrone Torrente Farma Farma Campo Moro Ombrone Torrente Gretano Gretano La Cooperativa Ombrone Torrente Lanzo Lanzo P. il Cantiere Ombrone Torrente Melacce Melacce Il Cavallino Ombrone Torrente Trasubbie Trasubbie Le Trasubbie Ombrone Torrente Vivo Vivo P. Scocchiolungo Ombrone Torrente Zancona Zancona Ponte Zancona Ombrone Fiume Osa Osa P.Boschetto Osa Fiume Pecora Pecora Podere Pecora Pecora Torrente Stridolone Stridolone Ponte SP Pitigliano Santa Fiora (Montorio) Tabella 1: Stazioni di campionamento Tevere

5 3 Campionamenti Le operazioni di campionamento sono state condotte rispettivamente nei mesi di luglio e settembre. Nel corso dei rilevamenti sono stati raccolti dati ambientali (descrizione dei siti, tipizzazione del corso e dei substrati) e faunistici (presenza delle specie, abbondanze relative e successo riproduttivo). La cattura degli animali è stata eseguita mediante utilizzo di elettrostorditori a batteria spallabili (Fig 2A). I pesci sono stati stoccati in apposite vasche a flusso costante d acqua, in attesa delle operazioni di riconoscimento, della raccolta dei parametri morfometrici (Fig. 2B) e dell eventuale biopsia e quindi rilasciati in loco. A questo livello la determinazione delle specie osservate è stata effettuata sulla base di parametri morfologici e morfometrici (Gandolfi et al, 1991; Zerunian, 2002; Banarescu & Bogutskaya, 2003); per quanto riguarda le specie target del progetto, dato l elevato grado di sovrapposizione dei caratteri meristici e la possibile presenza di fenomeni di ibridazione, la definitiva determinazione verrà ottenuta a seguito delle indagini molecolari che verranno svolte nel corso della seconda semestralità. Figura 2. A: elettropesca sul Torrente Patrignone. B: raccolta dei parametri morfometrici. Nel corso dei campionamenti, sono state rilevate 25 specie ittiche riportate in Tabella 2; 14 di queste specie sono risultate autoctone (anguilla, alborella, barbo tiberino, lasca, carpa, cavedano comune, cavedano dell Ombrone, vairone, rovella, cagnetta, ghiozzo di ruscello, muggine calamita, spigola, trota); le restanti 16 specie sono forme alloctone introdotte ex novo in Italia per fini alieutici (barbo europeo, barbo spagnolo, carassio dorato, pseudorasbora, persico sole, persico trota, pesce gatto americano) o esito di transfaunazioni dal distretto Padano-veneto (barbo plebeo, gobione, ghiozzo padano). I rilevamenti hanno anche permesso di individuare la presenza del granchio di fiume, Potamon fluviatile Herbst, 1785, (Figura 5),specie ad elevato interesse conservazionistico, e del gamberetto di fiume Palaemonetes antennarius H. Milne-Edwards,

6 Specie ittiche rilevate Ordine Famiglia Denominazione scientifica Nome comune Anguilliformes Anguillidae Anguilla anguilla Linnaeus, 1758 anguilla Cypriniformes Cyprinidae Alburnus alburnus alborella (De Filippi, 1844) alborella? Cypriniformes Cyprinidae Barbus barbus Linnaeus 1758 barbo europeo** Cypriniformes Cyprinidae Barbus graellsii Steindachner, 1866 barbo spagnolo** Cypriniformes Cyprinidae Barbus plebejus (Bonaparte, 1839) barbo comune* Cypriniformes Cyprinidae Barbus tyberinus (Bonaparte, 1839) barbo tiberino Cypriniformes Cyprinidae Carassius auratus (Linnaeus, 1758) carassio dorato** Cypriniformes Cyprinidae Chondrostoma genei (Bonaparte, 1839) lasca Cypriniformes Cyprinidae Cyprinus carpio Linnaeus, 1758 carpa Cypriniformes Cyprinidae Gobio gobio (Linnaeus, 1758) gobione* Cypriniformes Cyprinidae Leuciscus cephalus (Linnaeus, 1758) cavedano comune Cypriniformes Cyprinidae Leuciscus lucumonis Bianco, 1982 cavedano dell'ombrone Cypriniformes Cyprinidae Leuciscus souffia, Risso 1826 vairone Cypriniformes Cyprinidae Pseudorasbora parva (Schlegel, 1842) pseudorasbora** Cypriniformes Cyprinidae Rutilus rubilio (Bonaparte, 1837) rovella Cyprinodontiformes Poeciliidae Gambusia affinis Baird and Girard, 1853 gambusia** Perciformes Blennidae Salaria fluviatilis ( Asso, 1801) cagetta Perciformes Centrarchidae Lepomis gibbosus (Linnaeus, 1758) persico sole** Perciformes Centrarchidae Micropterus salmoides Lacepède, 1802 perico trota** Perciformes Goobidae Padogobius martensii Gunther, 1861 ghiozzo padano* Perciformes Goobidae Padogobius nigricans (Canestrini, 1867) ghiozzo di ruscello Perciformes Mugilidae Liza ramada Risso, 1826 muggine calamita Perciformes Serranidae Dicentrarchus labrax (Linnaeus, 1758) spigola Salmoniformes Salmonidae Salmo trutta trutta (morpha fario) Linnaeus, 1758 trota fario Siluriformes Ictaluridae Ictalurus punctatus (Rafinescque, 1818) pesce gatto americano** Tabella 2: Specie ittiche rilevate nei corsi della Provincia di Grosseto; ** specie considerate alloctone in Italia; * specie considerate alloctone nel distretto Tusco-laziale,? stato di alloctonia nel distretto Tusco-laziale incerto (Zerunian, 2002; Gandolfi et al, 1991). Figura 3: L introduzione di specie aliene è uno dei fattori principali alla base della progressiva contrazione degli areali delle forme autoctone. Nelle foto alcuni alloctoni rilevati nei corsi della provincia: in alto a sinistra un esemplare di pesce gatto americano, Ictalurus punctatus, catturato lungo il corso del fiume Ombrone, persici trota, Micropterus salmoides, catturati alla confluenza fra Merse e Ombrone, un barbo spagnolo, Barbus graellsi, pescat sul fiume Lanzo. 5

7 Figura 4: In alto a sinistra un giovanissimo esemplare di anguilla, Anguilla anguilla catturata sul fiume Ombrone; a destra una cagnetta, Salaria fluviatilis, catturata sul fiume Osa, in basso un esemplare di barbo tiberino, Barbus tyberinus, catturato sul torrente Gretano. Figura 5: Un granchio di fiume, Potamon fluviatile, catturato sul fiume Pecora. 6

8 4 Bibliografia Provincia di Grosseto (2002): Carta delle vocazioni ittiofaunistiche della Provincia di Grosseto. Gandolfi. G., Zerunian S., Torricelli P., Marconato A. (1991): I Pesci delle acque interne italiane, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma. Zerunian S. (2002): Condannati all estinzione? Biodiversità, biologia, minacce e strategie di conservazione dei Pesci d acqua dolce indigeni in Italia, edizioni Ed agricole. Banarescu P.M., Bogutskaya N.G., (2003): The Freshwater Fishes of Europe, Vol. 5/II, Cyprinidae 2. Part II: Barbus. AULA Verlag. 7

9 Indice 1 Introduzione 1 2 Stazioni di campionamento 1 3 Campionamenti 4 4 Bibliografia 7 8

MONITORAGGI ITTICI Pierfrancesco Gambelli

MONITORAGGI ITTICI Pierfrancesco Gambelli MONITORAGGI ITTICI 20 Pierfrancesco Gambelli PROTOCOLLO OPERATIVO Rilevamento caratteristiche chimico fisiche corpi idrici Rilevamenti ecologici (vegetazione,( rifugi, ombreggiatura) Cattura fauna ittica

Dettagli

1) specie ittiche destinate al ripopolamento delle acque interne, da individuarsi fra tutte quelle autoctone presenti in Emilia-Romagna;

1) specie ittiche destinate al ripopolamento delle acque interne, da individuarsi fra tutte quelle autoctone presenti in Emilia-Romagna; Delibera di Giunta - N.ro 1993/5463 - protocollato il 9/11/1993 Oggetto: L.R. N. 11 DEL 22/02/93, ART. 13. DEFINIZIONE DELLE SPECIE ITTICHE APPARTENENTI ALLA FAUNA LOCALE DI CUI E' CONSENTITO IL RIPOPOLAMENTO,

Dettagli

Zonazione ittica. Zona a ciprinidi reofili _ Tratto Collinare. Zona a ciprinidi limnofili _Tratto Planiziale

Zonazione ittica. Zona a ciprinidi reofili _ Tratto Collinare. Zona a ciprinidi limnofili _Tratto Planiziale Introduzione Nelle acque interne italiane sono presenti 63 taxa indigeni di pesci, di cui 4 appartenenti alla classe dei Ciclostomi e ben 59 alla classe degli Osteitti o Pesci Ossei. Per quanto riguarda

Dettagli

Commissione italo svizzera per la pesca

Commissione italo svizzera per la pesca Commissione italo svizzera per la pesca REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Approvato nella seduta di Commissione del 12 giugno 2009 IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2010 REGOLAMENTO

Dettagli

mammiferi uccelli rettili anfibi pesci insetti molluschi altri invertebrati

mammiferi uccelli rettili anfibi pesci insetti molluschi altri invertebrati 1 2 3 4 1.800.000 4.500 mammiferi 8.700 uccelli 6.300 rettili 3.000 anfibi 23.000 pesci 900.000 insetti 50.000 molluschi 185.000 altri invertebrati 370.000 piante 250.000 funghi protisti e procarioti 110.000.000

Dettagli

ALBORELLA ANGUILLA. Appendice La fauna ittica BARBO. 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151

ALBORELLA ANGUILLA. Appendice La fauna ittica BARBO. 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151 Appendice La fauna ittica ALBORELLA NOME LATINO: Alburnus alburnus alborella (De Filippi 1844) FAMIGLIA: Cyprinidae ORDINE: Cypriniformes

Dettagli

PARCO REGIONALE DEI COLLI EUGANEI PROGETTO FAUNA

PARCO REGIONALE DEI COLLI EUGANEI PROGETTO FAUNA PESCI Il Parco dei Colli Euganei è generalmente considerato, in termini faunistici, essenzialmente come un parco terrestre. In realtà il territorio Euganeo è solcato da un numerosi corsi d acqua che presentano

Dettagli

LAGO DI GHIRLAHIRLA. Tempo teorico di ricambio (anni) 0,1. Torrente Margorabbia Lago maggiore Fiume Ticino Fiume Po

LAGO DI GHIRLAHIRLA. Tempo teorico di ricambio (anni) 0,1. Torrente Margorabbia Lago maggiore Fiume Ticino Fiume Po LAGO DI GHIRLAHIRLA Latitudine ( N): 45 55 Longitudine ( E): 08 49 Altitudine (m s.l.m.) 442 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 1129 Superficie lago (km2) 0,28 Superficie bacino imbrifero naturale

Dettagli

Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria. Alessandro Candiotto. torrente Lemme Voltaggio

Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria. Alessandro Candiotto. torrente Lemme Voltaggio Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria Alessandro Candiotto torrente Lemme Voltaggio L Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2010 "Anno Internazionale della Biodiversità"

Dettagli

IL QUADERNO DEL PESCATORE

IL QUADERNO DEL PESCATORE IL QUADERNO DEL PESCATORE La Riserva Naturale Regionale Nazzano Tevere-Farfa, insieme agli amici pescatori sportivi che frequentano le aree di pesca all interno dell area protetta, hanno intrapreso una

Dettagli

LIFE14 NAT/IT/ River functionality index as planning instrument for a good governance of Sile s ecosystem. Azione A3

LIFE14 NAT/IT/ River functionality index as planning instrument for a good governance of Sile s ecosystem. Azione A3 BIOPROGRAMM S.C. LIFE14 NAT/IT/000809 River functionality index as planning instrument for a good governance of Sile s ecosystem Azione A3 Indagini ittio-faunistiche sul fiume Sile LIFE14 NAT/IT/000809

Dettagli

OSTEITTI (Pesci ossei) Evoluti da oscuri antenati 400 milioni anni fa. Mesozoico milioni di anni fa Taxon più abbondante tra i vertebrati

OSTEITTI (Pesci ossei) Evoluti da oscuri antenati 400 milioni anni fa. Mesozoico milioni di anni fa Taxon più abbondante tra i vertebrati ?????? OSTEITTI (Pesci ossei) Evoluti da oscuri antenati 400 milioni anni fa Mesozoico 250-70 milioni di anni fa Taxon più abbondante tra i vertebrati ACQUE DOLCI ACQUE INTERNE Salinità

Dettagli

I CIPRINIDI ITALIANI

I CIPRINIDI ITALIANI CISBA Corso: La fauna ittica dei corsi d acqua Parco del Ticino 5-95 9 settembre 2005 I CIPRINIDI ITALIANI Biologia ed ecologia Paolo Turin Bioprogramm scrl - Padova I CIPRINIDI IN ITALIA I ciprinidi indigeni

Dettagli

IMPORTANTE. Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall apice del muso all estremità della pinna caudale.

IMPORTANTE. Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall apice del muso all estremità della pinna caudale. NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA IN ACQUE LIBERE ORARI, PERIODI DI PESCA, MISURE E LIMITI DI CATTURA IMPORTANTE - Per le acque gestite da associazioni piscatorie valgono i divieti stabiliti dai relativi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE

REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE in vigore dal 01 gennaio 2016 REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Ai sensi dell art. 16 della

Dettagli

Monitoraggio della fauna ittica nei laghi della Regione Piemonte: risultati e classificazione dello stato ecologico

Monitoraggio della fauna ittica nei laghi della Regione Piemonte: risultati e classificazione dello stato ecologico Monitoraggio della fauna ittica nei laghi della Regione Piemonte: risultati e classificazione dello stato ecologico Pietro Volta CNR Istituto per lo Studio degli Ecosistemi Accordo di Collaborazione Istituzionale

Dettagli

Parte prima definizioni e impatto Parte seconda controllo e gestione Parte terza specie esotiche

Parte prima definizioni e impatto Parte seconda controllo e gestione Parte terza specie esotiche L impatto delle specie aliene sulla fauna indigena Parte prima definizioni e impatto Parte seconda controllo e gestione Parte terza specie esotiche Pontevecchio di Magenta (MI), 22 settembre 2006 Michele

Dettagli

Gestione, conservazione e recupero delle popolazioni di trota fario in Provincia di Pesaro e Urbino

Gestione, conservazione e recupero delle popolazioni di trota fario in Provincia di Pesaro e Urbino Gestione, conservazione e recupero delle popolazioni di trota fario in Provincia di Pesaro e Urbino Dr. Massimo Lorenzoni Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale - Università di Perugia 1 Recupero

Dettagli

SIGNIFICATIVE VARIAZIONI NELLA COMPOSIZIONE DELLE COMUNITA ITTICHE NELLE ACQUE DI PIANURA (ACQUE DI CATEGORIA B ) DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

SIGNIFICATIVE VARIAZIONI NELLA COMPOSIZIONE DELLE COMUNITA ITTICHE NELLE ACQUE DI PIANURA (ACQUE DI CATEGORIA B ) DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA It.J.Fresh.Ichthyol. 2014(1) : 277-281. SIGNIFICATIVE VARIAZIONI NELLA COMPOSIZIONE DELLE COMUNITA ITTICHE NELLE ACQUE DI PIANURA (ACQUE DI CATEGORIA B ) DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA FEDERICO IELLI

Dettagli

Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2010

Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2010 Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2010 Art. 1 Principi generali 1. Ai sensi dell articolo 11 comma 3 lettera a) della Legge 6 dicembre 1991

Dettagli

Massimo Lorenzoni Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale Sezione di Biologia. Università di Perugia

Massimo Lorenzoni Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale Sezione di Biologia. Università di Perugia Massimo Lorenzoni Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale Sezione di Biologia Animale ed Ecologia. Università di Perugia Lucia Ghetti Servizio Programmazione Forestale, Faunistico Venatoria ed

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) Modifica dell 8 novembre 2000 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 24 novembre 1993 1 concernente la legge federale sulla

Dettagli

LE ZONAZIONI ZOOGEOGRAFICHE- ECOLOGICHE E LE COMUNITÀ ATTESE: PROBLEMI APERTI E IPOTESI DI SOLUZIONE

LE ZONAZIONI ZOOGEOGRAFICHE- ECOLOGICHE E LE COMUNITÀ ATTESE: PROBLEMI APERTI E IPOTESI DI SOLUZIONE LE ZONAZIONI ZOOGEOGRAFICHE- ECOLOGICHE E LE COMUNITÀ ATTESE: PROBLEMI APERTI E IPOTESI DI SOLUZIONE Paolo Turin Bioprogramm/CISBA Giornate di Studio PIANI DI MONITORAGGIO AMBIENTALE Strategie, Indicatori,

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale 3544 del ORARI, MISURE MINIME, LIMITI PESCATO.doc Prot. n. (APA/93/D-425AA)

Delibera della Giunta Regionale 3544 del ORARI, MISURE MINIME, LIMITI PESCATO.doc Prot. n. (APA/93/D-425AA) Prot. n. (APA/93/D-425AA) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Premesso che la L.R. n. 22 febbraio 1993 n. 11 "Tutela e sviluppo della fauna ittica e regolazione della pesca in Emilia-Romagna" prevede

Dettagli

COMUNITÀ ITTICA CAPITOLO 13

COMUNITÀ ITTICA CAPITOLO 13 cap 13 ittica 1-03-2004 17:11 Pagina 143 143 CAPITOLO 13 COMUNITÀ ITTICA L a Direttiva 2000/60/CE che istituisce un quadro per l azione comunitaria in materia di acque rapporta le condizioni generali di

Dettagli

I PESCI OSSEI (OSTEICHTHYES) DEL RIO BASINO

I PESCI OSSEI (OSTEICHTHYES) DEL RIO BASINO IL PROGETTO STELLA-BASINO Memorie dell Istituto Italiano di Speleologia s. II, 23, 2010, pp. 213-218 I PESCI OSSEI (OSTEICHTHYES) DEL RIO BASINO Massimiliano Co s t a 1, Da n i e l e Gh e t t i 2 Riassunto

Dettagli

Risultati Tratto Specie Individui peso medio d. s. Lunghezza media d. s. catturati (g) (cm) Abramide Blicca Carpa monte Carassio

Risultati Tratto Specie Individui peso medio d. s. Lunghezza media d. s. catturati (g) (cm) Abramide Blicca Carpa monte Carassio Ferrara, 22-07-2013 Università di Ferrara Provincia di Ferrara Sintesi dei principali risultati del monitoraggio estivo dei popolamenti ittici del Canale Circondariale nel tratto Comacchio-Anita, adibito

Dettagli

ALLEGATO. TABELLA A (Art. 7) Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso. A) Attrezzi consentiti

ALLEGATO. TABELLA A (Art. 7) Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso. A) Attrezzi consentiti ALLEGATO TABELLA A (Art. 7) Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso A) Attrezzi consentiti 1. Nelle acque classificate come salmonicole è consentito soltanto l uso di una sola canna per

Dettagli

ALLEGATO A. Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso. A) Attrezzi consentiti

ALLEGATO A. Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso. A) Attrezzi consentiti ALLEGATO A Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso A) Attrezzi consentiti 1. Nelle acque classificate come salmonicole è consentito soltanto l uso di una sola canna per ogni singolo pescatore,

Dettagli

I pesci delle acque interne del Friuli Venezia Giulia. Morfologia, fisiologia e riconoscimento.

I pesci delle acque interne del Friuli Venezia Giulia. Morfologia, fisiologia e riconoscimento. Al servizio di gente unica Giuseppe-Adriano Moro Laboratorio Regionale di Idrobiologia ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA I pesci delle acque interne del Friuli Venezia Giulia. Morfologia, fisiologia

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE DI MONITORAGGIO PESCI MIGRATORI IN PROVINCIA DI PISA

PROGETTO PRELIMINARE DI MONITORAGGIO PESCI MIGRATORI IN PROVINCIA DI PISA ARCI PESCA FISA COMITATO PROVINCIALE DI PISA SERVIZIO POLITICHE RURALI PROGETTO PRELIMINARE DI MONITORAGGIO PESCI MIGRATORI IN PROVINCIA DI PISA Relazione finale Febbraio 2010 Museo Storia Naturale Sezione

Dettagli

CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI ROVIGO

CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI ROVIGO Provincia di Rovigo Assessorato alla Pesca CARTA ITTICA DELLA PROVINCIA DI ROVIGO ACQUE DOLCI INTERNE Monitoraggio 2007-2010 2010 Gruppo di lavoro ATI: PIANO D INTERVENTOD Carta Ittica Rilievo parametri

Dettagli

Allegato 1 Decreto del Presidente. n. 17 del 11/02/2015. Programma Ittico Annuale 2015 (art. 5 L.R. 11/2012)

Allegato 1 Decreto del Presidente. n. 17 del 11/02/2015. Programma Ittico Annuale 2015 (art. 5 L.R. 11/2012) Allegato 1 Decreto del Presidente. n. 17 del 11/02/2015 Programma Ittico Annuale 2015 (art. 5 L.R. 11/2012) 1 Sommario Introduzione... 3 a) Specie di interesse gestionale presenti nei corsi d acqua della

Dettagli

FAUNA ITTICA. 6a.1. Premessa. 6a.2. Glossario. A cura di Dott. Massimo Lorenzoni

FAUNA ITTICA. 6a.1. Premessa. 6a.2. Glossario. A cura di Dott. Massimo Lorenzoni 6a FAUNA ITTICA A cura di Dott. Massimo Lorenzoni 6a.1. Premessa Tabella 6a.1 Numero di corsi d acqua e stazioni di campionamento della Carta Ittica Unità idrografiche N. corsi d acqua N. stazioni Residuo

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) Modifica del 30 agosto 2006 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 24 novembre 1993 1 concernente la legge federale sulla pesca

Dettagli

La fauna italiana: origine, distribuzione e status dei pesci. Corso di Zoogeografia 1

La fauna italiana: origine, distribuzione e status dei pesci. Corso di Zoogeografia 1 ZOOGEOGRAFIA DEI VERTEBRATI ITALIANI La fauna italiana: origine, distribuzione e status dei pesci. Corso di Zoogeografia 1 Acque dolci BIODIVERSITÀ 3,5%NELLE ACQUE DOLCI I pesci d acqua dolce rappresentano

Dettagli

di rendere operanti a decorrere dalla data di esecutività della presente deliberazione le seguenti disposizioni:

di rendere operanti a decorrere dalla data di esecutività della presente deliberazione le seguenti disposizioni: Delibera di Giunta - N.ro 1993/3544 - protocollato il 27/7/1993 Oggetto: DEFINIZIONE DEGLI ORARI DI ESERCIZIO DI PESCA NELLE ACQUE INTERNE, DELLE MISURE MINIME DEI PESCI, DEI LIMITI GIORNA- LIERI E STAGIONALI

Dettagli

La fauna italiana: origine, distribuzione e status dei pesci. Corso di Zoogeografia 1

La fauna italiana: origine, distribuzione e status dei pesci. Corso di Zoogeografia 1 ZOOGEOGRAFIA DEI VERTEBRATI ITALIANI La fauna italiana: origine, distribuzione e status dei pesci. Corso di Zoogeografia 1 Acque dolci BIODIVERSITÀ 3,5%NELLE ACQUE DOLCI I pesci d acqua dolce rappresentano

Dettagli

Valutazione dello stato ecologico delle comunità ittiche dell area del Parco Regionale dei Colli Euganei

Valutazione dello stato ecologico delle comunità ittiche dell area del Parco Regionale dei Colli Euganei Studi Trent. Sci. Nat., 87 (2010): 89-95 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2010 ISSN 2035-7699 89 Valutazione dello stato ecologico delle comunità ittiche dell area del Parco Regionale dei Colli

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali

DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali 1. MEZZI DI PESCA 1) Bilancia o bilancella o quadrato. L uso della bilancia di cui all art. 8, comma 1, lettera c del Regolamento Regionale 22

Dettagli

Corso per Guardie Giurate Volontarie sulla Pesca

Corso per Guardie Giurate Volontarie sulla Pesca SERVIZIO FAUNISTICO Dott. Marco Aldrigo Corso per Guardie Giurate Volontarie sulla Pesca SPECIE ITTICHE AUTOCTONE. o quasi Bergamo, venerdì 3 febbraio 2012 ELENCO SISTEMATICO DELLE SPECIE TRATTATE Famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEMINE

REGOLAMENTO DELLE SEMINE REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Approvato a Pallanza nella seduta di Commissione del 5 giugno 1996 IN VIGORE DAL 1 SETTEMBRE 1996 REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) Modifica del 22.3.2017 Questo testo è una versione provvisoria. Fa stato unicamente la versione pubblicata nella Raccolta ufficiale. Il Consiglio

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA Servizio Agricoltura, Patrimonio Naturale ed Ittiofaunistico, Gestione Aree Protette

PROVINCIA DI PISTOIA Servizio Agricoltura, Patrimonio Naturale ed Ittiofaunistico, Gestione Aree Protette PROVINCIA DI PISTOIA Servizio Agricoltura, Patrimonio Naturale ed Ittiofaunistico, Gestione Aree Protette Piano Ittico Provinciale 2012-2015 (L.R. 3 gennaio 2005 - N 7) PROGETTO Silvia Masi (Dirigente

Dettagli

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULLE TECNOLOGIE E L IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DELLE PICCOLE SPECIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA Convenzione per l esecuzione di campagne di monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO INTERPROVINCIALE PER LA PESCA SUL FIUME ADDA

REGOLAMENTO INTERPROVINCIALE PER LA PESCA SUL FIUME ADDA REGOLAMENTO INTERPROVINCIALE PER LA PESCA SUL FIUME ADDA ART. 1 TRATTO DEL FIUME ADDA OGGETTO DELL ACCORDO E CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE 1. Il presente regolamento è relativo al tratto di Fiume Adda compreso

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA MEMORANDUM PER I PESCATORI

REGIONE EMILIA ROMAGNA MEMORANDUM PER I PESCATORI REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA MEMORANDUM PER I PESCATORI Tutti i cittadini italiani e stranieri in possesso della licenza, hanno uguale diritto ad esercitare la pesca nelle acque interne

Dettagli

La fauna ittica del bacino dell Arno

La fauna ittica del bacino dell Arno Biologia Ambientale, 21 (2): 97-105, 2007 La fauna ittica del bacino dell Arno Annamaria Nocita Museo di Storia Naturale, Università degli Studi di Firenze, Via Romana 17 50125 Firenze; nocita@unifi.it;

Dettagli

! "# $!! "! % & ' '! "! %

! # $!! ! % & ' '! ! % !"#$!!"!%&' '! "!% DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali (compreso il fiume Adda) 1. MEZZI DI PESCA 1) Bilancia o bilancella o quadrato. L uso della bilancia di cui all art. 8, comma

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FAUNA ITTICA DELLE ZONE UMIDE DELLA PIANA

EVOLUZIONE DELLA FAUNA ITTICA DELLE ZONE UMIDE DELLA PIANA EVOLUZIONE DELLA FAUNA ITTICA DELLE ZONE UMIDE DELLA PIANA Manuela GUALTIERI 1, Massimo MECATTI 1, Roberto BERTI 2 1 Dipartimento di Scienze Zootecniche - Via delle Cascine 5, Firenze 2 Dipartimento di

Dettagli

Ecodiver. La vita nei laghi. Necton. l ambiente di acqua dolce

Ecodiver. La vita nei laghi. Necton. l ambiente di acqua dolce 84 IL POPOLAMENTO ITTICO Il popolamento ittico è spesso il vertice della catena alimentare lacustre, infatti ne costituisce l'anello terminale. I grossi carnivori occupano una posizione sommale nella catena

Dettagli

VOLUME IV GESTIONE DELLA FAUNA ITTICA E DELLA PESCA

VOLUME IV GESTIONE DELLA FAUNA ITTICA E DELLA PESCA Università degli Studi di Siena DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI Sezione di Ecologia Via Mattioli, 4, 53100 Siena, Italy Tel. + 39 0577 232832 Fax. + 39 0577 232930 VOLUME IV GESTIONE DELLA FAUNA ITTICA

Dettagli

Problematiche di conservazione dei Pesci d acqua dolce italiani

Problematiche di conservazione dei Pesci d acqua dolce italiani Biologia Ambientale, 21 (2): 49-55, 2007 Problematiche di conservazione dei Pesci d acqua dolce italiani Sergio Zerunian Laboratorio di Ittiologia delle Acque Dolci - 04010 Maenza (LT); zerunians@virgilio.it

Dettagli

I pesci e i decapodi d acqua dolce della Riserva Naturale Regionale Monterano: alterazioni prodotte, status degli autoctoni e indicazioni gestionali

I pesci e i decapodi d acqua dolce della Riserva Naturale Regionale Monterano: alterazioni prodotte, status degli autoctoni e indicazioni gestionali I pesci e i decapodi d acqua dolce della Riserva Naturale Regionale Monterano: alterazioni prodotte, status degli autoctoni e indicazioni gestionali Pier Giorgio Bianco* ed Emanuela Santoro** * Dipartimento

Dettagli

Indici di struttura ed accrescimento standard per le principali specie ittiche autoctone nel bacino del Fiume Tevere

Indici di struttura ed accrescimento standard per le principali specie ittiche autoctone nel bacino del Fiume Tevere Dottorato di ricerca in Biologia ed Ecologia Università degli Studi di Perugia Dottorato di Ricerca in BIOLOGIA ED ECOLOGIA -XXII ciclo- Indici di struttura ed accrescimento standard per le principali

Dettagli

Aggiornamento CT0402ur13 VOCE T 4.2 LRG/XIII,1 ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO. CACCIA E PESCA R.R. 22 maggio 2003, n.

Aggiornamento CT0402ur13 VOCE T 4.2 LRG/XIII,1 ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO. CACCIA E PESCA R.R. 22 maggio 2003, n. CACCIA E R.R. 22 maggio 2003, n. 9 REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, n. 9 «Attuazione della L.R. 30 luglio 2001 n. 12 Norme per l incremento e la tutela del patrimonio ittico e l esercizio della pesca

Dettagli

VOLUME II STUDIO DELLA FAUNA ITTICA DELLA PROVINCIA DI PISA - RISULTATI

VOLUME II STUDIO DELLA FAUNA ITTICA DELLA PROVINCIA DI PISA - RISULTATI Università degli Studi di Siena DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI Sezione di Ecologia Via Mattioli, 4, 53100 Siena, Italy Tel. + 39 0577 232832 Fax. + 39 0577 232930 VOLUME II STUDIO DELLA FAUNA ITTICA

Dettagli

Verifica dei popolamenti ittici presenti a valle e a monte della scala di risalita adiacente alla diga di Volta Scirocco (fiume Reno)

Verifica dei popolamenti ittici presenti a valle e a monte della scala di risalita adiacente alla diga di Volta Scirocco (fiume Reno) SCUOLA DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Acquacoltura e Igiene delle Produzioni Ittiche Verifica dei popolamenti ittici presenti a valle e a monte della scala di risalita adiacente alla

Dettagli

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Sommario - esigenze della fauna ittica reofila - il valore di un patrimonio straordinario - esigenze dei produttori di energia - le azioni attuali per

Dettagli

SISTEMI DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DEGLI AMBIENTI FLUVIALI ALLEGATO 2

SISTEMI DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DEGLI AMBIENTI FLUVIALI ALLEGATO 2 Sezione Prov. di Reggio Emilia AUTORITÀ DI BACINO DEL FIUME PO Progetto Speciale 5.1. Studi e sperimentazione sul bacino campione Enza di sistemi per l ottimizzazione delle attività di monitoraggio SISTEMI

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI Settore Agricoltura Servizio Tutela Fauna e Flora

PROVINCIA DI VERCELLI Settore Agricoltura Servizio Tutela Fauna e Flora PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO D ATTUAZIONE DELLA PISCICOLTURA AGRICOLA IN RISAIA (art.25, comma 6, Regolamento D.P.G.R. 21/04/2008, N. 6/R) ART.1 NORME GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Indici di struttura ed accrescimento standard per le principali specie ittiche autoctone nel bacino del fiume Tevere

Indici di struttura ed accrescimento standard per le principali specie ittiche autoctone nel bacino del fiume Tevere UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA DOTTORATO DI RICERCA IN BIOLOGIA E ECOLOGIA XXII CICLO settore scientifico disciplinare BIO/07 - ECOLOGIA Indici di struttura ed accrescimento standard per le principali

Dettagli

Inquadramento ittiofaunistico

Inquadramento ittiofaunistico Dicembre 2014 CARATTERIZZAZIONE DELL ITTIOFAUNA E VERIFICA DELLE CONDIZIONI IDROMORFOLOGICHE NECESSARIE PER LA PROGETTAZIONE DI UN PASSAGGIO PER PESCI SU UN OPERA DI PRESA SUL TORRENTE TOSSIET (BACINO

Dettagli

Contributo alla conoscenza della fauna ittica d acqua dolce in aree protette d Italia

Contributo alla conoscenza della fauna ittica d acqua dolce in aree protette d Italia Pier Giorgio Bianco Gabriele de Filippo Editors Contributo alla conoscenza della fauna ittica d acqua dolce in aree protette d Italia Researches on Wildlife Conservation volume 3 IGF Publishing Reference

Dettagli

8. Tratto di alta pianura

8. Tratto di alta pianura Carta Ittica del Fiume Po 8. Tratto di alta pianura 8.1 Ambiente 8.1.1 Figura 19 Caratteristiche generali Da sinistra: Fiume Po a Torino, 30 luglio 2007; Fiume Po a San Mauro Torinese, 25 luglio 2007;

Dettagli

LA PESCA DILETTANTISTICA SPORTIVA IN VENETO. Sezione Innovazione e Sviluppo Veneto Agricoltura

LA PESCA DILETTANTISTICA SPORTIVA IN VENETO. Sezione Innovazione e Sviluppo Veneto Agricoltura In Regione Veneto si stima in circa 83. il numero di pescatori sportivi residenti (dati licenza di pesca 28) Sono stimati in 136. il numero di pescatori sportivi che frequentano le acque interne e costiere

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9

REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9 REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9 Attuazione della l.r. 30 luglio 2001, n. 12 Norme per l'incremento e la tutela del patrimonio ittico e l'esercizio della pesca nelle acque della Regione Lombardia

Dettagli

OASI WWF PARCO FLUVIALE DEL MOLINO GRANDE Osservazioni faunistiche 2016 Testi e foto: Dott. Francesco Nigro

OASI WWF PARCO FLUVIALE DEL MOLINO GRANDE Osservazioni faunistiche 2016 Testi e foto: Dott. Francesco Nigro OASI WWF PARCO FLUVIALE DEL MOLINO GRANDE Osservazioni faunistiche 2016 Testi e foto: Dott. Francesco Nigro Introduzione Sono qui riassunte le informazioni di carattere zoologico raccolte nel corso del

Dettagli

La fauna ittica d acqua dolce della Liguria: composizione attuale e categorie regionali IUCN.

La fauna ittica d acqua dolce della Liguria: composizione attuale e categorie regionali IUCN. Quaderni ETP 34 2006 Journal of Freshwater Biology La fauna ittica d acqua dolce della Liguria: composizione attuale e categorie regionali IUCN. The freshwater fish of Liguria (Northen Italy): check list

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA NEI LAGHI

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA NEI LAGHI REGIONE LAZIO RISERVA NATURALE REGIONALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA NEI LAGHI LEGGE REGIONALE N. 87 DEL 07/12/1990 E SUCCESSSIVE MODIFICHE DELIBERA COMMISSARIALE

Dettagli

Le specie ittiche aliene in Toscana e il caso del Siluro europeo

Le specie ittiche aliene in Toscana e il caso del Siluro europeo 1 / Sez. Divulgativa Le specie ittiche aliene in Toscana e il caso del Siluro europeo Annamaria Nocita *1, Andrea Lenuzza 2 Parole chiave: alloctoni, Toscana, Siluro In Toscana sono presenti nelle acque

Dettagli

DEI GRANDI LAGHI PREALPINI:

DEI GRANDI LAGHI PREALPINI: DEI GRANDI LAGHI PREALPINI: STRUTTURA, BIOLOGIA, TUTELA Prof. Ettore Grimaldi Dott. Alessandra Ippoliti* * G.R.A.I.A. Srl Varano Borghi (VA) Como, Università dell Insubria Giugno 2003 Il popolamento ittico

Dettagli

Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna Quad. Studi Nat. Romagna, 25: 47-64, dicembre 2007 ISSN

Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna Quad. Studi Nat. Romagna, 25: 47-64, dicembre 2007 ISSN Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna Quad. Studi Nat. Romagna, 25: 47-64, dicembre 2007 ISSN 1123-6787 Carlo Ciani CORSI D ACQUA TRIBUTARI DEI TORRENTI ACERRETA, TRAMAZZO E MARZENO

Dettagli

L ITTIOFAUNA DEL FIUME PO. UN ESEMPIO DEGLI EFFETTI DELL ANTROPOCENE SULLA BIODIVERSITA

L ITTIOFAUNA DEL FIUME PO. UN ESEMPIO DEGLI EFFETTI DELL ANTROPOCENE SULLA BIODIVERSITA L ITTIOFAUNA DEL FIUME PO. UN ESEMPIO DEGLI EFFETTI DELL ANTROPOCENE SULLA BIODIVERSITA Giovanni Luca Bisogni - Associazione Analisti Ambientali INTRODUZIONE Il Fiume Po, in ragione della vastità e alla

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA Assessorato alla Pesca. Gestione del gambero rosso in provincia di Venezia

PROVINCIA DI VENEZIA Assessorato alla Pesca. Gestione del gambero rosso in provincia di Venezia PROVINCIA DI VENEZIA Assessorato alla Pesca Gestione del gambero rosso in provincia di Venezia Pordenone, 19 giugno 2014 Carta Ittica della provincia di Venezia L.R. del Veneto n. 19/1998 Regolamento provinciale

Dettagli

OASI WWF PARCO FLUVIALE DEL MOLINO GRANDE Osservazioni faunistiche 2015 Testi e foto: Dott. Francesco Nigro

OASI WWF PARCO FLUVIALE DEL MOLINO GRANDE Osservazioni faunistiche 2015 Testi e foto: Dott. Francesco Nigro OASI WWF PARCO FLUVIALE DEL MOLINO GRANDE Osservazioni faunistiche 2015 Testi e foto: Dott. Francesco Nigro Introduzione Sono qui riassunte le informazioni di carattere zoologico raccolte nel corso del

Dettagli

BACINO IDROGRAFICO DEL FIUME LAMONE Sottobacino idrografico del fiume Marzeno Tramazzo

BACINO IDROGRAFICO DEL FIUME LAMONE Sottobacino idrografico del fiume Marzeno Tramazzo Si comunica che con delibera di Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 2017/360 del 10/3/2017 adottata con numero 287 del 13/03/2017 è stata approvata la proroga delle regolamentazioni locali della pesca

Dettagli

Gestione della pesca e ripopolamenti con trote nelle acque della provincia di Trento

Gestione della pesca e ripopolamenti con trote nelle acque della provincia di Trento Provincia Automa di Trento Servizio Foreste e Fauna Ufficio Faunistico Gestione della pesca e ripopolamenti con trote nelle acque della provincia di Trento ASSOCIAZIONE ITALIANA ITTIOLOGI ACQUE DOLCI Workshop:

Dettagli

ITALCACCIA - ITALPESCA Corpo Agenti Faunistici Ambientali. Prontuario sanzioni pesca Provincia di Firenze e Prato

ITALCACCIA - ITALPESCA Corpo Agenti Faunistici Ambientali. Prontuario sanzioni pesca Provincia di Firenze e Prato ITALCACCIA - ITALPESCA Corpo Agenti Faunistici Ambientali Prontuario sanzioni pesca Provincia di Firenze e Prato Stampato in proprio e agg. marzo 2016 PRONTUARIO PER LA VIGILANZA 3 1) Il presente prontuario

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo Provincia di Bergamo RAPPORTO AMBIENTALE NELL AMBITO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO ITTICO PROVINCIALE BOZZA DELLA SINTESI NON TECNICA Coordinamento: Alberto Cigliano, dirigente del

Dettagli

Deliberazione G.P. n. 1/2 del Riproduzione dell originale firmato digitalmente DELIBERAZIONE GIUNTA PROVINCIALE N. 1/2 DEL

Deliberazione G.P. n. 1/2 del Riproduzione dell originale firmato digitalmente DELIBERAZIONE GIUNTA PROVINCIALE N. 1/2 DEL Deliberazione G.P. n. 1/2 del 18.01.2012 Riproduzione dell originale firmato digitalmente DELIBERAZIONE GIUNTA PROVINCIALE N. 1/2 DEL 18.01.2012 OGGETTO: Approvazione del Progetto: "Promozione e commercializzazione

Dettagli

Fauna Ittica del Lago di Bilancino

Fauna Ittica del Lago di Bilancino ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana AREA PER LA TUTELA DELL'AMBIENTE MARINO, LAGUNARE, LACUSTRE, COSTIERO E DELL'ITTIOFAUNA Via Marradi 114-57126 LIVORNO +39-0586-263495

Dettagli

4 Classificazione delle acque correnti Figura Diagramma di Huet Questa zonazione, basata sulle specie ittiche guida più rappresentative, è stata

4 Classificazione delle acque correnti Figura Diagramma di Huet Questa zonazione, basata sulle specie ittiche guida più rappresentative, è stata Classificazione delle acque correnti Un corso d'acqua può assumere una elevata varietà di tipologie; tutti, ad esempio, sappiamo ben distinguere un piccolo ruscello da un grosso fiume: la dimensione è

Dettagli

Ruolo della fauna ittica nell applicazione della Direttiva Quadro

Ruolo della fauna ittica nell applicazione della Direttiva Quadro Biologia Ambientale, 19 (1): 61-69. Atti del Seminario: Classificazione ecologica delle acque interne. Applicabilità della Direttiva 2000/60/CE. Trento, 12-13 febbraio 2004. G.N. Baldaccini e G. Sansoni

Dettagli

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULLE TECNOLOGIE E L IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DELLE PICCOLE SPECIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA Convenzione per l esecuzione di campagne di monitoraggio

Dettagli

BiOS. Biodiversità Orobica in Valle Seriana. Centro Studi Biologia e Ambiente snc Antonella Anzani Alessandro Marieni

BiOS. Biodiversità Orobica in Valle Seriana. Centro Studi Biologia e Ambiente snc Antonella Anzani Alessandro Marieni BiOS Biodiversità Orobica in Valle Seriana Antonella Anzani Alessandro Marieni Contenimento/eradicazione della fauna ittica immessa nei laghetti alpini ai fini della tutela delle popolazioni di anfibi(piano

Dettagli

4. Prelievi d acqua e rispetto del DMV

4. Prelievi d acqua e rispetto del DMV Allegato Disciplina delle modalità e procedure per la realizzazione di lavori in alveo, programmi, opere e interventi sugli ambienti acquatici ai sensi dell art. 12 della legge regionale n. 37/2006. 1.

Dettagli

INDICE OBIETTIVI DI CARATTERE GENERALE...4 ELENCO E CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE...9

INDICE OBIETTIVI DI CARATTERE GENERALE...4 ELENCO E CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE...9 INDICE OBIETTIVI DI CARATTERE GENERALE...4 TUTELA DELLE SPECIE AUTOCTONE E DEGLI HABITAT ACQ UATICI... 4 GESTIONE DELLE SPECIE ALLOCTONE... 6 IL RUOLO DELL ASSOCIA ZIONISMO PISCATORIO... 6 ELENCO E CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Tecniche e attrezzi della pesca professionale

Tecniche e attrezzi della pesca professionale Bergamo, 4 dicembre 2013 Tecniche e attrezzi della pesca professionale Mauro A. Bardazzi AGHI LOMBARDI TTREZZI PER LA PESCA PROFESSIONALE RETI A MANTELLO Tramaglio: costituito da tre reti strettamente

Dettagli

Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone, Piazza Kennedy 10, 40032 Camugnano (BO), Italia

Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone, Piazza Kennedy 10, 40032 Camugnano (BO), Italia Studi Trent. Sci. Nat., 87 (2010): 197-201 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2010 ISSN 2035-7699 197 Nota breve - Short note Rilevamento e valutazione della fauna ittica dei laghi del Parco

Dettagli

Gilberto FORNERIS, Fabrizio MERATI, Massimo PASCALE e Gian Carlo PEROSINO

Gilberto FORNERIS, Fabrizio MERATI, Massimo PASCALE e Gian Carlo PEROSINO Gilberto FORNERIS, Fabrizio MERATI, Massimo PASCALE e Gian Carlo PEROSINO MATERIALI E METODI PER I CAMPIONAMENTI E MONITORAGGI DELL ITTIOFAUNA Determinazione della qualità delle comunità ittiche: l indice

Dettagli

(ModelloD3 ) Comunicazione variazione dati registrazione/autorizzazione impresa acquacoltura. Denominazione Struttura

(ModelloD3 ) Comunicazione variazione dati registrazione/autorizzazione impresa acquacoltura. Denominazione Struttura (ModelloD3 ) Comunicazione variazione dati registrazione/autorizzazione impresa acquacoltura All' UO Sanità Animale dell Azienda USL di Rimini Oggetto: Comunicazione di Codice aziendale: variazione dati

Dettagli

Botro di Riardo. Carta ittica della provincia di Livorno 101

Botro di Riardo. Carta ittica della provincia di Livorno 101 46 - Botro di Riardo Il corso d acqua si estende per 7 km tutti compresi nel comune di Rosignano Marittimo. È classificato a ciprinidi. È affluente del Torrente Savalano. Botro di Riardo Località: Podere

Dettagli

5.2 Quadro conoscitivo della situazione ittiofaunistica del sito

5.2 Quadro conoscitivo della situazione ittiofaunistica del sito 5.2 Quadro conoscitivo della situazione ittiofaunistica del sito 5.2.1 Indagine Conoscitiva Il sito Lago di Serranella e Colline di Guarenna, di particolare interesse vegetazionale, è ricco di specie rare

Dettagli

Andrea De Paoli, Fabio Navarrini, Giancarlo Capellini. Progetto. Fiume Uso. prima annualità 1

Andrea De Paoli, Fabio Navarrini, Giancarlo Capellini. Progetto. Fiume Uso. prima annualità 1 Andrea De Paoli, Fabio Navarrini, Giancarlo Capellini Progetto Fiume Uso prima annualità 1 Introduzione Il Fiume Uso è un corso d acqua di confine fra le Province di Forlì-Cesena e Rimini. Come spesso

Dettagli

La fauna ittica dei fiumi dell Italia centromeridionale

La fauna ittica dei fiumi dell Italia centromeridionale La fauna ittica dei fiumi dell Italia centromeridionale Massimo Lorenzoni Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale Università di Perugia Workshop: Gli ecosistemi d acqua dolce e di transizione nella

Dettagli

Il Monitoraggio ittiofaunistico di alcuni corsi d acqua del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Il Monitoraggio ittiofaunistico di alcuni corsi d acqua del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Il Monitoraggio ittiofaunistico di alcuni corsi d acqua del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga (Ottobre 2009) AQUAPROGRAM s.r.l. Via Borella, 53 VICENZA Vicenza, Dicembre 2009 Alla presente

Dettagli

Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2012

Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2012 Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2012 Art. 1 Principi generali 1. Ai sensi dell articolo 11 comma 3 lettera a) della Legge 6 dicembre 1991

Dettagli

La Carta Ittica di secondo livello del bacino del fiume Nera: la fauna ittica

La Carta Ittica di secondo livello del bacino del fiume Nera: la fauna ittica La Carta Ittica di secondo livello del bacino del fiume Nera: la fauna ittica Massimo Lorenzoni Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia Università di Perugia La carta ittica del bacino del FNera e

Dettagli

PROPOSTA DI INDICE ITTICO (I.I.) PER IL BACINO OCCIDENTALE DEL PO E PRIME APPLICAZIONI IN PIEMONTE

PROPOSTA DI INDICE ITTICO (I.I.) PER IL BACINO OCCIDENTALE DEL PO E PRIME APPLICAZIONI IN PIEMONTE GILBERTO FORNERIS * - FABRIZIO MERATI ** MASSIMO PASCALE *** - GIAN CARLO PEROSINO *** PROPOSTA DI INDICE ITTICO (I.I.) PER IL BACINO OCCIDENTALE DEL PO E PRIME APPLICAZIONI IN PIEMONTE ABSTRACT - Introduction

Dettagli