I LAGHI LAGOAGO MAGGIOREAGGIORE. Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago Maggiore

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I LAGHI LAGOAGO MAGGIOREAGGIORE. Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago Maggiore"

Transcript

1 I LAGHI Carta delle vocazioni ittiche - Risultati LAGOAGO MAGGIOREAGGIORE Latitudine ( N): Longitudine ( E): Altitudine (m s.l.m.) 193,8 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) Superficie lago (km 2 ) 212 Superficie bacino imbrifero naturale (km 2 ) Rapporto areale bacino /lago 31 Lunghezza della costa 170 (km) Profondità massima (m) 370 Profondità media (m) 177 Volume d acqua (km 3 ) 37,5 Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago Maggiore Tempo teorico di ricambio (anni) 4,1 Origine Glaciale terminale Emissario Fiume Ticino Fiume Po SVIZZERA PIEMONTE LOMBARDIA (Prov ov. Varese) TOTALE Bacino imbrifero [km 2 ] Bacino lacustre [km 2 ] 42, ,6 79

2 Il Lago Maggiore, noto anche come Verbano, è ubicato sul confine tra Lombardia, Piemonte e territorio svizzero: in particolare è costituito da un area elvetica compresa nel Cantone Ticino e da due zone, separate, in territorio italiano: una, a Est, in provincia di Varese ed una, a Ovest in Piemonte. Assieme al Lago di Como, al Lago di Garda, al Lago di Iseo, al Lago di Lugano e al Lago d Orta il Verbano appartiene ai grandi laghi glaciali terminali prealpini. Il Bacino Imbrifero ricopre una superficie di notevole estensione (6599 km 2 ), equamente ripartita tra Italia e Svizzera, rispettivamente e km 2. Queste elevate superfici determinano un rapporto fra l intero bacino imbrifero e lo specchio lacustre particolarmente elevato (30,05) che è indice evidente dell influenza del territorio sulle caratteristiche idrologiche, chimiche e biologiche del lago. Nelle sue linee generali, il bacino è caratterizzato da rilievi montuosi assai elevati (altitudine massima Punta Dufour m s.l.m.) ubicati in prevalenza nel territorio piemontese e svizzero, mentre l altimetria è contenuta nelle prealpi varesine dove raggiunge la quota massima sul Monte Paglione (1594 m s.l.m.), sul confine con il territorio elvetico. Per quanto riguarda la porzione di bacino imbrifero interna alla Provincia di Varese, essa si estende per circa 700 km 2, corrispondenti a poco più del 10% dell intero bacino imbrifero. All interno dell area varesina scorrono alcuni dei principali immissari di sponda sinistra tra cui si citano: il Torrente Giona, che raccoglie le acque della Val Veddasca, il Fiume Tresa, emissario del Lago di Lugano; il Torrente Margorabbia, che si immette nel Fiume Tresa poco prima della confluenza nel lago, il Torrente Boesio, che raccoglie le acque della Val Cuvia, il Fiume Bardello, emissario del Lago di Varese ed il Torrente Acquanera, emissario del Lago di Monate. L emissario del Lago Maggiore è il Fiume Ticino che segna il confine tra Lombardia e Piemonte fino all ingresso nella provincia di Pavia, per poi immettersi nel Fiume Po. Caratterizzazione chimico-fisica delle acque In questa parte viene analizzato l andamento dei parametri chimico-fisici descritti nella precedente parte metodologica. In particolare, per i parametri d interesse, sono stati costruiti dei grafici che descrivono l andamento temporale lungo la colonna d acqua nel triennio ; i dati di riferimento sono stati desunti dai rapporti dell' Istituto Italiano di Idrobiologia C.N.R: Ricerche sull evoluzione del Lago Maggiore. Aspetti limnologici. Programma quinquennale Campagne Commissione Internazionale per la protezione delle acque italo-svizzere. I grafici rappresentano chiaramente l evoluzione stagionale dei parametri. La stazione di Ghiffa, a cui si riferiscono i valori dei parametri presentati in questa parte, rappresenta il punto più profondo del lago in cui il fondale raggiunge i 370 metri (è localizzata in corrispondenza di Porto Valtravaglia). In Figura 61 è possibile osservare l andamento della temperatura; dal grafico si evince che le acque del lago raggiungano l isotermia alla fine dell inverno, periodo in cui la temperatura è compresa tra i 6,4 ed i 7 C lungo l intera colonna d acqua. Sembrerebbe inoltre che nel triennio rappresentato nel grafico si sia verificato un lieve riscaldamento delle acque ipolimnetiche. Durante l estate avviene invece la stratificazione delle acque lacustri: alla fine dell estate il lago è completamente stratificato e viene raggiunta una temperatura in superficie di 22 C che determina un gradiente tra fondo e strato superficiale di circa 16 C. La stratificazione termica interessa di fatto i primi metri di profondità, al di sotto dei quali la temperatura dell acqua è costantemente compresa tra i 5,5 C i 7 C gradi centigradi. 80

3 In Figura 62 è invece riportato l andamento della percentuale di saturazione dell ossigeno disciolto nel periodo Dal grafico si vede con chiarezza che in superficie permane per tutta l estate uno stato di sovrasaturazione dovuta alla produzione primaria da parte delle alghe; tale fenomeno è particolarmente evidente durante la stagione primaverile in cui si hanno le più importanti fioriture algali. Terminata la produzione primaria, si osserva un consumo d ossigeno nelle acque tra i mesi d agosto ed ottobre che interessa una profondità compresa tra i 20 ed i 40 metri, ma che non determina particolari deficit d ossigeno (la concentrazione si mantiene costantemente superiore ai 6 mg/l). Altro aspetto particolarmente interessante che si evince dal confronto tra temperatura ed ossigeno disciolto sulla colonna, a circolazione invernale terminata (febbraio-marzo), è la profondità massima di mescolamento delle acque del lago (Figura 65). Dal grafico si nota che il completo mescolamento non avviene tutti gli anni: dai dati sperimentali si rileva, infatti, che l ultimo completo mescolamento risale al 1970, mentre negli ultimi anni il rimescolamento delle acque lacustri ha mediamente interessato i primi 150 metri della colonna d acqua. Figura 61: Andamento della temperatura nel periodo (Stazione di Ghiffa) Figura 62: Andamento dell ossigeno disciolto (% di saturazione) nel periodo (Stazione di Ghiffa) 81

4 Figura 63: Andamento del fosforo nel periodo (Stazione di Ghiffa) Figura 64: Andamento della trasparenza nel periodo (Stazione di Ghiffa) Figura 65: Profondità di rimescolamento del Lago Maggiore (periodo ) 82

5 Il fosforo, come per gli altri laghi esaminati in questo studio, rappresenta l elemento che controlla la produzione algale. L andamento storico evidenzia una marcata diminuzione della concentrazione del nutriente nelle acque lacustri; negli ultimi trenta anni si è, infatti, passati da µg/l a valori prossimi a 10 µg/l (Figura 63). Tale netto miglioramento è ascrivibile alla diminuzione del carico di fosforo esterno apportato annualmente al lago che, dal 1979 ad oggi, si è ridotto di oltre il 60 %; si è infatti passati da un carico afferente di 600 tonnellate di P/anno alle attuali 219 (dato relativo al 1997). Per quanto concerne infine la trasparenza, nel Lago Maggiore la massima trasparenza si ha nei mesi invernali (fino a 14 metri), mentre durante le fioriture primaverili o estive il valore del disco di Secchi scende fino a 3 metri. Il Lago Maggiore secondo il Decreto legislativo n 152/1999n La procedura di classificazione proposta dal Testo Unico sulla tutela delle acque dall inquinamento (Dlgs n 152/99) è stata applicata utilizzando i valori riferiti al 1997, campionati presso la stazione di Ghiffa (Fonte dati: Commissione Internazionale per la protezione delle acque italo-svizzere). La valutazione dello stato ecologico del Verbano, secondo la metodologia di classificazione descritta nelle metodologie, lo pone in CLASSE 3. Tale risultato è ascrivibile alla concentrazione massima di clorofilla misurata nelle acque. Lo stato ambientale del Verbano, secondo lo schema illustrato in Figura 66 è SUFFICIENTE. In conclusione, secondo le metodiche proposte dal recente strumento normativo, il Lago Maggiore si trova attualmente in discrete condizioni sia dal punto di vista ambientale che da quello ecologico. Sarà interessante confrontare i risultati appena esposti con quelli emersi in sede di classificazione trofica del lago. Figura 66: Stato ecologico del Lago Maggiore Livello trofico naturale del Lago Maggiore e classificazione delle sue acque È stata calcolata la concentrazione di fosforo naturale secondo le diverse metodiche precedentemente descritte, che fanno uso dell indice morfoedafico; analogamente è stato determinato il livello naturale e la concentrazione obiettivo, seguendo le indicazioni proposte da Piano Regionale di Risanamento delle Acque. I risultati sono riportati in Tabella

6 Per quanto concerne invece l andamento trofico delle acque lacustri negli ultimi anni, sono state applicate le metodiche OECD a valori fissi e probabilistica, utilizzando i dati raccolti dalla Commissione Internazionale per la protezione delle acque italo-svizzere, relativi alle campagne svolte negli anni 1978, 1988 e In Tabella 30 sono riportati i risultati dell applicazione della classificazione a valori fissi secondo le classi riportate nelle metodologie. In Figura 67 è invece riportato il risultato della classificazione probabilistica secondo la concentrazione di fosforo totale. Dall applicazione delle diverse metodiche di classificazione per caratterizzare lo stato trofico del Lago Maggiore emerge quanto segue: La concentrazione naturale di fosforo, calcolata con la metodica MEI, risulta essere compresa tra 3 e 7 µg di P/l, a cui corrisponde un livello trofico naturale di oligotrofia (Tabella 29). La concentrazione naturale di fosforo, calcolata secondo quanto proposto dal PRRA, risulta essere di 7 µg di P/l (oligotrofia); la concentrazione obiettivo finale, stabilita dal PRRA come concentrazione naturale aumentata del 25%, risulta invece di circa 8,7 µg di P/l (Tabella 29). Secondo la classificazione OECD a valori fissi (Tabella 30) eseguita utilizzando tutte le grandezze di riferimento contemplate, il lago risulta attualmente in condizioni di oligo-mesotrofia. Dall andamento temporale dei dati utilizzati per tale classificazione emerge un netto miglioramento del livello trofico delle acque, che risulta particolarmente evidente dall incremento che ha subito la trasparenza, sia nei valori medi che nel minimo annuo. Dalla classificazione probabilistica OECD relativa alla concentrazione media annua di fosforo totale (Figura 67), applicata alle tre annate tipo, si desume che: 1. la probabilità che il lago sia mesotrofo passa dal 65 % nel 1978 al 19 % nel 1997; 2. la probabilità che il lago sia oligotrofo passa dal 19 % nel 1978 al 65 % nel 1997; 3. la probabilità che il lago sia ultraoligotrofo passa dallo zero % nel 1978 al 13 % nel Anche secondo la classificazione probabilistica OECD, in questi anni lo stato del lago è quindi migliorato, tanto da aver raggiunto la concentrazione obiettivo del PRRA, ad un passo dal livello trofico naturale. Tabella 29: Livello trofico naturale secondo l indice MEI DETERMINAZIONE DEL LIVELLO TROFICO NATURALE ATTRAVERSO L INDICE MEI Parametro Valore medio Indice MEI Livello trofico Intervallo di guida misurato [1997] naturale [µg/l][ variazione [µg/l][ Alcalinità 0,75 [meq / l] 0, Conducibilità 144 [µs[ S /cm] 0, ,8 7,1 DETERMINAZIONE DEL LIVELLO TROFICO NATURALE ATTRAVERSO LE INDICAZIONI DEL Valore naturale 7 [µg/l][ Valore obiettivo 8,7 [µg/l][ DEL PRRA 84

7 Tabella 30: Classificazione OECD a valori fissi PARAMETROARAMETRO Fosforo totale Valore [µg/l][ media annua Classe trofica Oligotrofia Clorofilla Valore [µg/l][ 6,7 5 4 media annua Classe trofica Clorofilla Valore [µg/l][ 11,61,6 12 9,5 massimo annuo Classe trofica Trasparenza media annua Trasparenza minimo annuo Valore [m] 5,8 6,5 6,3 Classe trofica Oligotrofia Oligotrofia Valore [m] 2,7 3,3 3,1 Classe trofica Oligotrofia Oligotrofia Figura 67: Classificazione probabilistica OECD attraverso la concentrazione media annua di fosforo. Relazione tra stato trofico e carico di nutrienti In Figura 68 è rappresentata, sul grafico di Vollenweider, la condizione trofica all equilibrio del lago, nel caso in cui il carico entrante resti, costantemente, quello attuale (non si prevedono ulteriori riduzioni degli apporti puntiformi). La metodica di correlazione è stata applicata utilizzando come input una stima del carico in ingresso fatta dalla Commissione internazionale per la protezione delle acque italo-elvetiche (misura del carico di fosforo in ingresso attraverso gli immissari); in particolare sono stati utilizzati i seguenti carichi di fosforo apportato al lago: 600 e 219 tonnellate annue rispettivamente per gli anni 1979 e Il grafico di Vollenweider conferma i risultati emersi nei precedenti paragrafi: il lago sta evolvendo verso una condizione di piena oligotrofia. 85

8 Figura 68: Applicazione del grafico di Vollenweider V per il Lago Maggiore La comunità ittica del lago L attuale composizione della comunità ittica del Lago Maggiore è riassunta dal seguente prospetto, con l indicazione dell abbondanza e della tendenza recente delle specie ittiche che la compongono. Le informazioni che hanno portato alla redazione del prospetto sono desunte da fonti bibliografiche, e dalle notizie fornite dai pescatori di professione. Tabella 31: la comunità ittica del Lago Maggiore Nome comune SALMONIDI Trota fario Trota lacustre Trota marmorata Salmerino alpino Coregone lavarello Coregone bondella Coregone ACIPENSERIDI Storione cobice ANGUILLIDI Anguilla BLENNIDI Cagnetta CENTRARCHIDI Persico trota Persico sole Nome scientifico Abbondanza Tendenza Salmo (trutta) trutta ++ Salmo (trutta) trutta +++ Salmo (trutta) marmoratus + Salvelinus alpinus + Coregonus forma hybrida ++ Coregonus macrophtalmus ++++ Coregonus sp. ++ Acipenser naccarii + Anguilla anguilla ++ Salaria fluviatilis ++ Micropterus salmoides ++ Lepomis gibbosus ++ - continua - 86

9 - segue - Tabella 31 Nome comune CIPRINIDI Vairone Triotto Cavedano Pigo Sanguinerola Scardola Alborella Savetta Gobione Barbo Carassio Carpa Tinca Gardon CLUPEIDI Agone COBITIDI Cobite COTTIDI Scazzone ESOCIDI Luccio GADIDI Bottatrice GOBIDI Ghiozzo padano ICTALURIDI Pesce gatto PERCIDI Pesce persico Lucioperca ca o sandra Nome scientifico Abbondanza Tendenza Leuciscus souffia fia ++ Rutilus erythrophthalmus ++ Leuciscus cephalus +++ Rutilus pigus ++ Phoxinus phoxinus ++ Scardinius erythrophtalmus ++ Alburnus alburnus alborella ++ Chondrostoma soetta +++ Gobio gobio ++ Barbus barbus plebejus ++ Carassius carassius ++ Cyprinus carpio ++ Tinca tinca +++ Rutilus rutilus +++ Alosa fallax lacustris +++ Cobitis taenia ++ Cottus gobio ++ Esox lucius +++ Lota lota +++ Padogobius martensi ++ Ictalurus melas ++ Perca fluviatilis +++ Stizostedion lucioperca ++ La comunità ittica del Lago Maggiore è caratterizzata dalla presenza di molte specie, tra le quali assume un significato particolare il popolamento di coregoni, che rappresenta la componente più abbondante della biomassa ittica del lago. I coregoni, presenti con tre forme, rappresentavano anche la specie di maggior interesse della pesca professionale, prima del divieto di pesca causato dall inquinamento del lago da DDT. Oltre ai coregoni, nell ambito della famiglia dei Salmonidi, è presente la trota lacustre che nel complesso pare in ripresa e che da alcuni anni è oggetto di un importante progetto di recupero avviato dalla Provincia di Varese attraverso ingenti pratiche di ripopolamento attuate con novellame di trota lacustre seminato nel tratto terminale dei principali immissari. La trota lacustre è accompagnata da altre forme o sottospecie di trota: la trota fario, che discende dai tanti torrenti tributari del Verbano e che, una volta ambientatasi in lago, assume anch essa una livrea argentata con pochi segni neri a forma di x, e la trota marmorata, abbondante nel Fiume Toce e presente nel Ticino immissario ed 87

10 emissario e che per contiguità può raggiungere anche il lago, assumendo livrea argentata a macchie nere e mantenendo una certa marmoreggiatura a livello dell opercolo. Ancora nell ambito dei Salmonidi si osserva la presenza di una popolazione di salmerino alpino, di scarsa consistenza. Tra le altre specie di particolare rilievo sono abbondanti le popolazioni di pesce persico, sostenuta anche in questo lago dalla posa di legnaie per favorirne la riproduzione, di agone, che attraversa in questi anni una fase di netta espansione, di lucioperca, presumibilmente disceso dal Ceresio attraverso il Fiume Tresa, che pare, come la specie precedente anch essa in espansione. L anguilla è in calo, impedita nella colonizzazione del lago dalle dighe poste lungo il Ticino, in particolare da quella di Porto della Torre. Tra i Ciprinidi l alborella, che era quasi scomparsa pochi anni addietro, è in fase di ripresa, mentre si mantengono a livelli più o meno costanti cavedano, pigo, savetta e scardola. In espansione è purtroppo una specie esotica proveniente dal Ceresio, il gardon, che viene costantemente pescato in tutto il lago e che sta già colonizzando anche il Ticino emissario. Luccio e tinca mantengono popolazioni di buona consistenza. 88

LAGO DI VARESEARESE. Bacino imbrifero del Lago di Varese

LAGO DI VARESEARESE. Bacino imbrifero del Lago di Varese LAGO DI VARESEARESE Latitudine ( N): 45 48 Longitudine ( E): 08 45 Altitudine (m s.l.m.) 238 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 1226 Superficie lago (km 2 ) 14,8 Superficie bacino imbrifero naturale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE

REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE in vigore dal 01 gennaio 2016 REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Ai sensi dell art. 16 della

Dettagli

LAGO DI LUGANOUGANO. Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago di Lugano

LAGO DI LUGANOUGANO. Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago di Lugano LAGO DI LUGANOUGANO Latitudine ( N): 45 58 Longitudine ( E): 08 59 Altitudine (m s.l.m.) 270 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 2.245 Superficie lago (km 2 ) 48,9 Superficie bacino imbrifero naturale

Dettagli

Bacino imbrifero del Lago di Monate

Bacino imbrifero del Lago di Monate LAGO DI MONATE Latitudine ( N): 45 47 Longitudine ( E): 08 39 Altitudine (m s.l.m.) 266 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 457 Superficie lago (km 2 ) 2,5 Superficie bacino imbrifero naturale (km

Dettagli

IL LAGO D ENDINE CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO - 169 -

IL LAGO D ENDINE CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO - 169 - IL LAGO D ENDINE CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO - 169 - Il Lago d Endine si trova nell alta Val Cavallina, dove si è formato nell era quaternaria in seguito ai fenomeni di escavazione dovuti al movimento

Dettagli

ALBORELLA ANGUILLA. Appendice La fauna ittica BARBO. 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151

ALBORELLA ANGUILLA. Appendice La fauna ittica BARBO. 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151 Appendice La fauna ittica ALBORELLA NOME LATINO: Alburnus alburnus alborella (De Filippi 1844) FAMIGLIA: Cyprinidae ORDINE: Cypriniformes

Dettagli

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Sommario - esigenze della fauna ittica reofila - il valore di un patrimonio straordinario - esigenze dei produttori di energia - le azioni attuali per

Dettagli

DEI GRANDI LAGHI PREALPINI:

DEI GRANDI LAGHI PREALPINI: DEI GRANDI LAGHI PREALPINI: STRUTTURA, BIOLOGIA, TUTELA Prof. Ettore Grimaldi Dott. Alessandra Ippoliti* * G.R.A.I.A. Srl Varano Borghi (VA) Como, Università dell Insubria Giugno 2003 Il popolamento ittico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEMINE

REGOLAMENTO DELLE SEMINE REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Approvato a Pallanza nella seduta di Commissione del 5 giugno 1996 IN VIGORE DAL 1 SETTEMBRE 1996 REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE

Dettagli

LAGO DI COMABBIOOMABBIO

LAGO DI COMABBIOOMABBIO LAGO DI COMABBIOOMABBIO Latitudine ( N): 46 45 Longitudine ( E): 08 41 Altitudine (m s.l.m.) 243 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 471 Superficie lago (km 2 ) 3,57 Superficie bacino imbrifero

Dettagli

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA STATO DI AVANZAMENTO SETTEMBRE 2014 1 Il progetto di Censimento della fauna ittica nei laghi alpini nel territorio

Dettagli

NUOVE NORME INTRODOTTE DAL NUOVO PIANO ITTICO IN VIGORE DAL 26 FEBBRAIO 2012

NUOVE NORME INTRODOTTE DAL NUOVO PIANO ITTICO IN VIGORE DAL 26 FEBBRAIO 2012 PROVINCIA DI BRESCIA Settore Caccia e Pesca NUOVE NORME INTRODOTTE DAL NUOVO PIANO ITTICO IN VIGORE DAL 26 FEBBRAIO 2012 per quanto non espressamente qui contenuto, valgono le disposizioni contenute nell

Dettagli

VADEMECUM DEL PESCATORE

VADEMECUM DEL PESCATORE VADEMECUM DEL PESCATORE Per ottenere per la volta la licenza di pesca dilettantistica (Licenza di pesca di tipo B), ovvero per rinnovare la propria licenza di pesca scaduta (vale 365 giorni la data di

Dettagli

IMPORTANTE. Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall apice del muso all estremità della pinna caudale.

IMPORTANTE. Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall apice del muso all estremità della pinna caudale. NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA IN ACQUE LIBERE ORARI, PERIODI DI PESCA, MISURE E LIMITI DI CATTURA IMPORTANTE - Per le acque gestite da associazioni piscatorie valgono i divieti stabiliti dai relativi

Dettagli

CARTA ITTICA ALLEGATO B. della provincia di lodi. Schede delle Specie Ittiche Censite. Provincia di Lodi

CARTA ITTICA ALLEGATO B. della provincia di lodi. Schede delle Specie Ittiche Censite. Provincia di Lodi Provincia di Lodi CARTA ITTICA della provincia di lodi ALLEGATO B Schede delle Specie Ittiche Censite A cura di: Simone Rossi, Andrea Modesti, Sara Filippini 2009 Provincia di Lodi Coordinamento: Settore

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) Modifica dell 8 novembre 2000 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 24 novembre 1993 1 concernente la legge federale sulla

Dettagli

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULLE TECNOLOGIE E L IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DELLE PICCOLE SPECIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA Convenzione per l esecuzione di campagne di monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO. REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO. Art. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento approvato dalle Province di Bergamo

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) Modifica del 30 agosto 2006 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 24 novembre 1993 1 concernente la legge federale sulla pesca

Dettagli

Tecniche e attrezzi della pesca professionale

Tecniche e attrezzi della pesca professionale Bergamo, 4 dicembre 2013 Tecniche e attrezzi della pesca professionale Mauro A. Bardazzi AGHI LOMBARDI TTREZZI PER LA PESCA PROFESSIONALE RETI A MANTELLO Tramaglio: costituito da tre reti strettamente

Dettagli

Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria. Alessandro Candiotto. torrente Lemme Voltaggio

Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria. Alessandro Candiotto. torrente Lemme Voltaggio Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria Alessandro Candiotto torrente Lemme Voltaggio L Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2010 "Anno Internazionale della Biodiversità"

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO INTERPROVINCIALE DI RACCORDO DELLE AZIONI DI CONTROLLO SELETTIVO DEL CORMORANO NEL TERRITORIO LOMBARDO 2011-2015

DOCUMENTO TECNICO INTERPROVINCIALE DI RACCORDO DELLE AZIONI DI CONTROLLO SELETTIVO DEL CORMORANO NEL TERRITORIO LOMBARDO 2011-2015 DOCUMENTO TECNICO INTERPROVINCIALE DI RACCORDO DELLE AZIONI DI CONTROLLO SELETTIVO DEL CORMORANO NEL TERRITORIO LOMBARDO 2011-2015 OTTOBRE 2011 Sommario 1 Premessa...3 2 I popolamenti ittici delle acque

Dettagli

sullo stato e sull'evoluzione delle acque del Lago Maggiore Anno 2010

sullo stato e sull'evoluzione delle acque del Lago Maggiore Anno 2010 PANNELLO di CONTROLLO sullo stato e sull'evoluzione delle acque del Lago Maggiore Anno 21 Commissione Internazionale per la Protezione delle Acque Italo-Svizzere - Agosto 212 Premessa.. 2 Territorio di

Dettagli

Alborella (Alburnus alburnus alborella)

Alborella (Alburnus alburnus alborella) Agone (Alosa fallax lacustris) L agone è una specie autoctona, appartenente alla famiglia dei Clupeidi, di taglia media che raramente raggiunge i 40 cm di lunghezza. Si tratta di una specie fortemente

Dettagli

Ecodiver. La vita nei laghi. Necton. l ambiente di acqua dolce

Ecodiver. La vita nei laghi. Necton. l ambiente di acqua dolce 84 IL POPOLAMENTO ITTICO Il popolamento ittico è spesso il vertice della catena alimentare lacustre, infatti ne costituisce l'anello terminale. I grossi carnivori occupano una posizione sommale nella catena

Dettagli

Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone, Piazza Kennedy 10, 40032 Camugnano (BO), Italia

Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone, Piazza Kennedy 10, 40032 Camugnano (BO), Italia Studi Trent. Sci. Nat., 87 (2010): 197-201 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2010 ISSN 2035-7699 197 Nota breve - Short note Rilevamento e valutazione della fauna ittica dei laghi del Parco

Dettagli

Monitoraggio della fauna ittica nei laghi della Regione Piemonte: risultati e classificazione dello stato ecologico

Monitoraggio della fauna ittica nei laghi della Regione Piemonte: risultati e classificazione dello stato ecologico Monitoraggio della fauna ittica nei laghi della Regione Piemonte: risultati e classificazione dello stato ecologico Pietro Volta CNR Istituto per lo Studio degli Ecosistemi Accordo di Collaborazione Istituzionale

Dettagli

Tecniche e attrezzi della pesca professionale

Tecniche e attrezzi della pesca professionale Bergamo, 3 Novembre 2015 Tecniche e attrezzi della pesca professionale Mauro A. Bardazzi AGHI LOMBARDI TTREZZI PER LA PESCA PROFESSIONALE RETI A MANTELLO Tramaglio: costituito da tre reti strettamente

Dettagli

I CIPRINIDI ITALIANI

I CIPRINIDI ITALIANI CISBA Corso: La fauna ittica dei corsi d acqua Parco del Ticino 5-95 9 settembre 2005 I CIPRINIDI ITALIANI Biologia ed ecologia Paolo Turin Bioprogramm scrl - Padova I CIPRINIDI IN ITALIA I ciprinidi indigeni

Dettagli

Aggiornamento CT0402ur13 VOCE T 4.2 LRG/XIII,1 ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO. CACCIA E PESCA R.R. 22 maggio 2003, n.

Aggiornamento CT0402ur13 VOCE T 4.2 LRG/XIII,1 ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO. CACCIA E PESCA R.R. 22 maggio 2003, n. CACCIA E R.R. 22 maggio 2003, n. 9 REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, n. 9 «Attuazione della L.R. 30 luglio 2001 n. 12 Norme per l incremento e la tutela del patrimonio ittico e l esercizio della pesca

Dettagli

Caccia e Pesca PESCARE IN PROVINCIA DI BRESCIA

Caccia e Pesca PESCARE IN PROVINCIA DI BRESCIA Caccia e Pesca PESCARE IN PROVINCIA DI BRESCIA 2014 A cura di: Ufficio Pesca Provincia di Brescia Via Milano, 13-25126 BRESCIA Disegni: Enrichetta Descloux, (p. 11 e 29: Alberto Gadola) Cartografia: Graia

Dettagli

23. Panzarolo. Knipowitschia punctatissima. 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite

23. Panzarolo. Knipowitschia punctatissima. 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite 23. Panzarolo Knipowitschia punctatissima 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite Il panzarolo (o ghiozzetto punteggiato), specie endemica del distretto padano, è attualmente considerato in

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9

REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9 REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9 Attuazione della l.r. 30 luglio 2001, n. 12 Norme per l'incremento e la tutela del patrimonio ittico e l'esercizio della pesca nelle acque della Regione Lombardia

Dettagli

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.)

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.) Torrente Marano_ stazione Marano 3 (75 m.s.l.m.) Il Torrente Marano presenta, in questo tratto, caratteristiche ancora iporitrali. La velocità di corrente è moderata ed il fondale è costituito in prevalenza

Dettagli

Carta delle vocazioni ittiche - Schede specie

Carta delle vocazioni ittiche - Schede specie SALMERINO ALPINO Salvelinus alpinus Famiglia: Salmonidi Foto Regione Lombardia Specie di taglia molto variabile, in relazione agli ambienti in cui vive, il salmerino alpino può raggiungere una lunghezza

Dettagli

2.3 IL NAVIGLIO MARTESANA

2.3 IL NAVIGLIO MARTESANA 2.3 IL NAVIGLIO MARTESANA Il Naviglio Martesana è stato realizzato nel XV secolo con lo scopo principale di fornire acqua alle utenze agricole poste nella pianura a est di Milano. Nonostante la principale

Dettagli

Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA

Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA Dr. Edoardo Fusi Luglio 2004 Indagine sulla popolazione di salmerino alpino nel lago Viola 1. introduzione

Dettagli

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco)

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) Classificazione sulla base degli elementi di qualità fisico chimica: LTLeco 100 80 Percentuale 60 40 20 0 2008 2009 2010

Dettagli

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010 Il primo giornale online della provincia di Lecco Merateonline > Cronaca > Lecchese Scritto Giovedì 05 maggio 2011 alle 16:09 Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008.

Dettagli

PROVINCIA DI VARESE SETTORE POLITICHE PER L AGRICOLTURA E GESTIONE FAUNISTICA PIAZZA LIBERTA 01 21100 VARESE

PROVINCIA DI VARESE SETTORE POLITICHE PER L AGRICOLTURA E GESTIONE FAUNISTICA PIAZZA LIBERTA 01 21100 VARESE Cari amici pescatori, la gestione delle specie ittiche di pregio che popolano le acque interne della provincia di Varese è un obiettivo che sta a cuore a tutti noi che, come operatori del settore, ci poniamo

Dettagli

COMUNITÀ ITTICA CAPITOLO 13

COMUNITÀ ITTICA CAPITOLO 13 cap 13 ittica 1-03-2004 17:11 Pagina 143 143 CAPITOLO 13 COMUNITÀ ITTICA L a Direttiva 2000/60/CE che istituisce un quadro per l azione comunitaria in materia di acque rapporta le condizioni generali di

Dettagli

9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI

9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI 9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI 9.1 - Fiume Esino 9.1.1 - Caratteristiche ambientali Codice Nuovo: AN06ESIN06 Bacino Coordinate Geografiche Località

Dettagli

Lago di Varese: gestione attuale e prospettive future. Dott. Pietro Ceccuzzi

Lago di Varese: gestione attuale e prospettive future. Dott. Pietro Ceccuzzi Lago di Varese: gestione attuale e prospettive future Dott. Pietro Ceccuzzi Stato trofico Stato di qualità (2003) Stato di qualità obbiettivo Concentrazione naturale di fosforo Concentrazione attuale di

Dettagli

Biota delle acque dolci

Biota delle acque dolci Dr. Alessandra Ippoliti 13 dicembre 2011 Biota delle acque dolci Le acque dolci continentali si distinguono in: ACQUE LOTICHE (fiumi, torrenti, canali) ACQUE LENTICHE (laghi, stagni, invasi) Ospitano un

Dettagli

Studio della fauna ittica

Studio della fauna ittica Divisione dell'ambiente Ufficio della caccia e della pesca Viale Stefano Franscini 17 6500 Bellinzona Studio della fauna ittica del Lago Ceresio Rapporto definitivo 8 février 2014 Documento realizzato

Dettagli

SEGRINO, ALSERIO, MONTORFANO 3 laghi a confronto l eutrofia le naturali condizioni

SEGRINO, ALSERIO, MONTORFANO 3 laghi a confronto l eutrofia le naturali condizioni UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL AMBIENTEE DEL TERRITORIO SEGRINO, ALSERIO, MONTORFANO 3 laghi a confronto l eutrofia le naturali condizioni LETIZIA GARIBALDI LAGO

Dettagli

Punti fondamentali per la corretta progettazione: Approccio sito-specifico e multidisciplinare: ingegneria ed ittiologia

Punti fondamentali per la corretta progettazione: Approccio sito-specifico e multidisciplinare: ingegneria ed ittiologia INDAGINE SULL ITTIOFAUNA E SULLE BARRIERE FISICHE DEL BACINO DEL TORRENTE PESIO MAURO FISSORE Ente di gestione Parchi e Riserve Naturali Cuneesi Prelievi idrici (dighe, traverse, sbarramenti precari, precari,......))

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) 923.01 del 24 novembre 1993 (Stato 16 gennaio 2001) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 a 6 e 21 della legge federale del 21

Dettagli

COMPOSIZIONE CHIMICA DEL PESCE (g/100 g DI PARTE EDIBILE) Acqua 66-84 Proteine 15-24 Lipidi 0,1-22 Carboidrati < 1 Minerali 1-2 Vitamine <0,5

COMPOSIZIONE CHIMICA DEL PESCE (g/100 g DI PARTE EDIBILE) Acqua 66-84 Proteine 15-24 Lipidi 0,1-22 Carboidrati < 1 Minerali 1-2 Vitamine <0,5 La Lombardia non dispone delle risorse ittiche offerte dall acqua salata, ma la pesca professionale nei suoi grandi laghi prealpini riveste un ruolo molto importante nel sistema economico lombardo, interessando

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it Cause di alterazione delle comunità ittiche VARIAZIONE ARTIFICIALE DEI LIVELLI IDRICI Le variazioni artificiali dei livelli idrici rappresentano uno dei principali problemi a carico delle comunità ittiche

Dettagli

4. Prelievi d acqua e rispetto del DMV

4. Prelievi d acqua e rispetto del DMV Allegato Disciplina delle modalità e procedure per la realizzazione di lavori in alveo, programmi, opere e interventi sugli ambienti acquatici ai sensi dell art. 12 della legge regionale n. 37/2006. 1.

Dettagli

1. Quante specie o sottospecie di pesci vivono allo stato libero in Alto Adige?

1. Quante specie o sottospecie di pesci vivono allo stato libero in Alto Adige? Lista dei quiz per l esame di pesca: Si premette che la prova scritta dell esame di pesca comprende anche il riconoscimento di specie ittiche da materiale fotografico e l indicazione per esse del relativo

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Art. 1 PRINCIPI GENERALI ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamentazione dell'attività di pesca Premessa: Tra le finalità dell'ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito denominato Parco) vi sono degli importanti

Dettagli

Commissariato italiano per la Convenzione italo-svizzera sulla pesca

Commissariato italiano per la Convenzione italo-svizzera sulla pesca ACQUE ITALIANE SOGGETTE ALLA CONVENZIONE ITALO-SVIZZERA SULLA PESCA ORDINANZE E COMUNICATI IN VIGORE DATA N. Argomento ordinanze pag. 09/02/12 02/12 Divieto di pesca dell alborella nei laghi Maggiore e

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s.

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. ANNO 2012 specie prodotta quantità lunghezza media n mm lavarello 1.078.000 10-25 lavarello

Dettagli

Sez. 1 Informazioni generali

Sez. 1 Informazioni generali Sez. 1 Informazioni generali Informazioni di carattere generale sull acqua di balneazione volte a consentirne l'identificazione univoca, l'individuazione rispetto al territorio su cui insiste e la collocazione

Dettagli

Report attività 2009-2011 Lago di Viverone

Report attività 2009-2011 Lago di Viverone Report attività 2009-2011 Lago di Viverone Il Responsabile del Dipartimento di Biella (Ing. Bruno Barbera) Firmato in originale Settembre 2012 A cura di SS 09.02 Biella Autori: Dr.ssa Francesca Vietti

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI Settore Agricoltura Servizio Tutela Fauna e Flora

PROVINCIA DI VERCELLI Settore Agricoltura Servizio Tutela Fauna e Flora PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO D ATTUAZIONE DELLA PISCICOLTURA AGRICOLA IN RISAIA (art.25, comma 6, Regolamento D.P.G.R. 21/04/2008, N. 6/R) ART.1 NORME GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

CARTA DELLE VOCAZIONI ITTICHE E PIANO PROVINCIALE PER LA TUTELA E L'INCREMENTO DELL'ITTIOFAUNA

CARTA DELLE VOCAZIONI ITTICHE E PIANO PROVINCIALE PER LA TUTELA E L'INCREMENTO DELL'ITTIOFAUNA PROVINCIA DI LECCO Piazza L. Lombarda, 4-23900 LECCO tel. 0341-295111 C.F. e P.I.V.A. 92013170136 CARTA DELLE VOCAZIONI ITTICHE E PIANO PROVINCIALE PER LA TUTELA E L'INCREMENTO DELL'ITTIOFAUNA OTTOBRE

Dettagli

PROGETTO VALORIZZAZIONE SOSTENIBILE DEI PRODOTTI ITTICI TRADIZIONALI ED INNOVATIVI DEI LAGHI INSUBRICI

PROGETTO VALORIZZAZIONE SOSTENIBILE DEI PRODOTTI ITTICI TRADIZIONALI ED INNOVATIVI DEI LAGHI INSUBRICI PROGRAMMA OPERATIVO DI COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA ITALIA SVIZZERA 2007-2013 PROGETTO VALORIZZAZIONE SOSTENIBILE DEI PRODOTTI ITTICI TRADIZIONALI ED INNOVATIVI DEI LAGHI INSUBRICI RELAZIONE SCIENTIFICA

Dettagli

Commissariato italiano per la Convenzione italo-svizzera sulla pesca

Commissariato italiano per la Convenzione italo-svizzera sulla pesca ACQUE ITALIANE SOGGETTE ALLA CONVENZIONE ITALO-SVIZZERA SULLA PESCA ORDINANZE E COMUNICATI IN VIGORE DAL 01/01/2015 DATA N. Argomento ordinanze pag. 01/01/15 C1/15 Nuovo Regolamento di Applicazione (R.d.A.

Dettagli

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA L ampliamento della ricerca e l estensione degli studi sui salmonidi italiani, con riferimento

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) 923.01 del 24 novembre 1993 (Stato 3 ottobre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoversi 1 e 2, 5 capoverso 1, 6 capoverso

Dettagli

INDAGINE CHIMICO- FISICA

INDAGINE CHIMICO- FISICA Fiume: Biedano Stazione: Casalone Corpo idrico ricettore: Marta Comune interessato : Vetralla Codice: MA 06 La sesta stazione (F. Biedano) si trova in località Casalone (42 21 04 N, 11 56 33 E), in una

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo Provincia di Bergamo RAPPORTO AMBIENTALE NELL AMBITO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO ITTICO PROVINCIALE BOZZA DELLA SINTESI NON TECNICA Coordinamento: Alberto Cigliano, dirigente del

Dettagli

LE SCALE DI RISALITA PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ITTICO

LE SCALE DI RISALITA PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ITTICO Provincia di Firenze Assessorato Agricoltura, Caccia e Pesca D.I.A.F. Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale LE SCALE DI RISALITA PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ITTICO Progetto di intervento per

Dettagli

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO www.aiutopsicologico.it Dott. Cinzia Colombo L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE La vita, dal punto di vista scientifico, ha avuto origine

Dettagli

Persico trota (Micropterus salmoides)

Persico trota (Micropterus salmoides) 3.2.21 Persico trota (Micropterus salmoides) Specie alloctona di taglia media, raramente superiore a 60 cm di lunghezza e con un peso massimo intorno a 3-4 kg. Originaria del Nord America, la specie è

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli

Bollettino del clima dell anno 2014

Bollettino del clima dell anno 2014 anno 2014 MeteoSvizzera Bollettino del clima dell anno 2014 21 gennaio 2015 L anno 2014 è stato costellato di eventi meteorologici estremi. Dopo la nevicata record di inizio anno al sud, nel primo semestre

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali

DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali 1. MEZZI DI PESCA 1) Bilancia o bilancella o quadrato. L uso della bilancia di cui all art. 8, comma 1, lettera c del Regolamento Regionale 22

Dettagli

Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni

Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni SALOGNI CRISTIAN SEZ. DIAGNOSTICA DI BRESCIA LABORATORIO DI ITTIOPATOLOGIA Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

Le specie di pesci che si possono allevare nel laghetto familiare Al momento di dare acqua al vostro

Le specie di pesci che si possono allevare nel laghetto familiare Al momento di dare acqua al vostro Le specie di pesci che si possono allevare nel laghetto familiare Al momento di dare acqua al vostro laghetto, e di fare quindi la verifica della sua tenuta, dovete avere già in mente quali piante e pesci

Dettagli

Schede specie ittiche

Schede specie ittiche Schede specie ittiche Teleostei Ordine ANGUILLIFORMI Famiglia ANGUILLIDI Anguilla (Anguilla anguilla) Di taglia media, questa specie è l'unico rappresentante per le nostre acque della famiglia degli Anguillidi.

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

Rendiconto idro-pluviometrico delle piogge del 4-5 novembre 2014 sul Varesotto

Rendiconto idro-pluviometrico delle piogge del 4-5 novembre 2014 sul Varesotto Rendiconto idro-pluviometrico delle piogge del 4-5 novembre 2014 sul Varesotto a cura di Paolo Valisa (Centro Geofisico Prealpino) Inquadramento meteorologico. Nella prima metà del mese di novembre sono

Dettagli

variabilità fra gli organismi viventi di ogni

variabilità fra gli organismi viventi di ogni Un approccio di gestione sostenibile per il mantenimento degli stock ittici autoctoni Fabio Borghesan Ittiologo, consulente Veneto Agricoltura Giornate Formative: SALVAGUARDIADELLE RISORSE ITTICHE: ASPETTI

Dettagli

Proposte di gestione per il fiume Adige

Proposte di gestione per il fiume Adige Allegato parte integrante Piano Adige 2012 Associazione pescatori dilettanti della Vallagarina Provincia Autonoma di Trento Servizio Foreste e Fauna Associazione pescatori dilettanti trentini Proposte

Dettagli

L'incubatoio di Bardolino

L'incubatoio di Bardolino PROVINCIA DI VERONA Servizio tutela faunistico ambientale L'incubatoio di Bardolino Nell aprile 2004 è stato inaugurato sul lago di Garda il nuovo centro ittiogenico e sperimentale di Bardolino: l intervento

Dettagli

ANALISI LIMNOLOGICHE DEL LAGO CALAMONE (Reggio Emilia) Manuel Aguzzoli, Lanfranco Corradini, Valeria Datteri, Mirco Marconi, Daniele Galli (1)

ANALISI LIMNOLOGICHE DEL LAGO CALAMONE (Reggio Emilia) Manuel Aguzzoli, Lanfranco Corradini, Valeria Datteri, Mirco Marconi, Daniele Galli (1) ANALISI LIMNOLOGICHE DEL LAGO CALAMONE (Reggio Emilia) Manuel Aguzzoli, Lanfranco Corradini, Valeria Datteri, Mirco Marconi, Daniele Galli (1) Istituto d Istruzione Superiore Antonio Zanelli, Via F.lli

Dettagli

Risultati della prima indagine ittiofaunistica nelle acque correnti della provincia di Crotone

Risultati della prima indagine ittiofaunistica nelle acque correnti della provincia di Crotone Studi Trent. Sci. Nat., Acta Biol., 80 (2003): 31-35 31 Studi Trent. Sci. Nat., Acta Biol., 80 (2003): 31-35 ISSN 0392-0542 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2004 Risultati della prima indagine

Dettagli

20 01 Le Specie Autoctone 21

20 01 Le Specie Autoctone 21 20 Le 21 22 Nessuna misura minima Alborella Alburnus alburnus alborella Alborella Nome comune: Alborella Nome scientifico: Alburnus alburnus alborella (De Filippi, 1844) Famiglia: Cyprinidae Nome dialettale:

Dettagli

David Mazzoni - Paolo Ferrarini LA PESCA SPORTIVA NELLE ACQUE INTERNE

David Mazzoni - Paolo Ferrarini LA PESCA SPORTIVA NELLE ACQUE INTERNE David Mazzoni - Paolo Ferrarini LA PESCA SPORTIVA NELLE ACQUE INTERNE Assessorato alle attività produttive, sviluppo economico e piano telematico Duccio Campagnoli, Assessore Direzione attività produttive,

Dettagli

PRIMI RISULTATI DEL CENSIMENTO DEL 2 MAGGIO

PRIMI RISULTATI DEL CENSIMENTO DEL 2 MAGGIO LIBERAFIUMI 2010 PRIMI RISULTATI DEL CENSIMENTO DEL 2 MAGGIO Lo scopo finale del WWF è fermare e far regredire il degrado dell ambiente naturale del nostro pianeta e contribuire a costruire un futuro in

Dettagli

L.R. 02 Maggio 1995, n. 16

L.R. 02 Maggio 1995, n. 16 L.R. 02 Maggio 1995, n. 16 (Pubblicata nel BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LAZIO n 13 del 12 Maggio 1995) Norme per la tutela del patrimonio ittico e per la disciplina dell'esercizio della pesca nelle

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO (Delibera Commissariale n. 20 del 4 settembre 2008) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA

CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA in vigore dal 1 Aprile 1989 Il GOVERNO ITALIANO ed il CONSIGLIO FEDERALE SVIZZERO al fine di

Dettagli

IL QUADERNO DEL PESCATORE

IL QUADERNO DEL PESCATORE IL QUADERNO DEL PESCATORE La Riserva Naturale Regionale Nazzano Tevere-Farfa, insieme agli amici pescatori sportivi che frequentano le aree di pesca all interno dell area protetta, hanno intrapreso una

Dettagli

3. AMBIENTI ACQUATICI E FAUNA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VARESE

3. AMBIENTI ACQUATICI E FAUNA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VARESE 3. AMBIENTI ACQUATICI E FAUNA ITTICA DELLA PROVINCIA DI VARESE Nell anno 2001 è stata redatta la Carta delle Vocazioni Ittiche della Provincia di Varese, che contiene la caratterizzazione ambientale e

Dettagli

DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO CONSIDERAZIONI SUL BILANCIO IDRICO DEL LAGO DI GARDA

DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO CONSIDERAZIONI SUL BILANCIO IDRICO DEL LAGO DI GARDA DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Alberto Luchetta Progetto e realizzazione Italo Saccardo Gianmario Egiatti (autore) Dipartimento

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO PRODOTTI ITTICI DEL LAGO DI BOLSENA Ottobre 2014 Disposizioni generali Il presente disciplinare, ad integrazione del Regolamento per l'accesso

Dettagli

AGGIORNAMENTO gennaio

AGGIORNAMENTO gennaio VADEMECUM DEL PESCATORE DELLA PROVINCIA DI BIELLA Per ottenere per la licenza di pesca dilettantistica Licenza di pesca di tipo B, licenza per la pesca con canna con o senza mulinello, con uno o più ami,

Dettagli

H. attestato di idoneità all identificazione delle specie fungine

H. attestato di idoneità all identificazione delle specie fungine Si riporta di seguito l elenco di tutte le possibili documentazioni da allegare alle SCIA, ognuna contraddistinta da una sigla alfabetica. Le documentazioni necessarie variano a seconda della linea d attività

Dettagli

0.923.51 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica Italiana per la pesca nelle acque italo-svizzere

0.923.51 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica Italiana per la pesca nelle acque italo-svizzere Testo originale 0.923.51 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica Italiana per la pesca nelle acque italo-svizzere Conclusa il 19 marzo 1986 Entrata in vigore con scambio di note il 1

Dettagli