Consensus Conference

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consensus Conference"

Transcript

1 Consensus Conference Diverticolosi e Malattia Diverticolare IV Congresso Nazionale SIUCP Mestre, maggio 2008 A cura di: Giuliano Reboa, Marco Gipponi & Danilo Tarroni Definizione Epidemiologia Etiologia e Patogenesi Storia Naturale Manifestazioni cliniche Diagnosi Trattamento Diverticolosi Diverticolite acuta non complicata Diverticolite acuta complicata Diverticolite cronica complicata Diverticolite recidivante Emorragia diverticolare Tipi di intervento chirurgico Definizione 1 Diverticolosi: erniazione della mucosa attraverso la parete muscolare del colon, spesso associata ad ispessimento della parete muscolare del viscere, elastosi delle tenie del colon e accentuazione delle pliche mucose. Malattia diverticolare: diverticolite non complicata: peridiverticolite diverticolite complicata: ascesso, perforazione libera con peritonite purulenta o stercoracea, ostruzione, fistola emorragia diverticolare

2 Epidemiologia 30% in età > 60 anni, fino al 50-65% oltre 80 anni 2 predominanza nel sesso femminile 3 nel mondo occidentale si localizza tipicamente al sigma mentre nei Paesi dell Est Asiatico al colon destro o in modo bilaterale 4-5 Eziologia e Patogenesi Fattori di rischio: 1, 6 dieta povera in fibre scarsa attività sportiva invecchiamento, con progressiva riduzione delle resistenza allo stiramento delle fibre collagene e muscolari malattie ereditarie (rene policistico, sindrome di Marfan) immunodepressione (soprattutto in pz. trapiantati) assunzione di steroidi e FANS (riduzione del turnover cellulare delle mucosa da inibizione delle prostaglandine o inibizione della funzione leucocitaria con inefficace circoscrizione del processo infettivo) toilette a tazza anziché alla turca che comportano un maggior aumento della pressione endoaddominale all atto dell evacuazione L erniazione della mucosa avviene sulla superficie antimesenterica dell intestino, in corrispondenza del punto di ingresso dei vasi retti nella parete del viscere, nel contesto del grasso pericolico e delle appendici epiploiche; i diverticoli sono rivestiti da muscolatura longitudinale estremamente sottile e da sierosa 7. Evoluzione patogenetica: la flogosi diverticolare spesso è conseguenza di ostruzione del diverticolo da parte di coproliti, con associata reazione iperplastica del tessuto linfoide limitrofo. L area di flogosi interessa tipicamente l apice del diverticolo e, raramente, si estende alla mucosa prossimale rispetto al colletto diverticolare. Data la sottigliezza della parete diverticolare, la flogosi tende ad estendersi rapidamente al grasso pericolico e mesenterico, con formazione di un flemmone e, a seguire, ascesso, perforazione e peritonite circoscritta o diffusa. Talora si forma una massa flogistica, con minima formazione di pus, che tende ad estendersi agli organi pelvici con formazione di fistole (vescicali, vaginali, enterocutanee). L emorragia diverticolare non è tipicamente associata alla diverticolite; spesso, infatti, il diverticolo non è infiammato e l emorragia dipende da una lacerazione del vaso retto a livello del colletto diverticolare 8-9. Storia Naturale Il 10-40% dei pazienti con diverticolosi risulta sintomatico: nel follow-up di 503 pz. ambulatoriali, il 10% ha manifestato diverticolite a 5 anni, il 25% entro 6-10 anni e il 37% entro anni 10 La maggior parte dei pazienti con diverticolosi che manifesta segni di diverticolite spesso ha un unico episodio; in due studi osservazionali si è avuta una frequenza di manifestazioni diverticolitiche nel 10-17% dei pazienti. Di questi, 55% hanno riportato un unico episodio, 22% due episodi e 23% tre o più episodi Dei pazienti che manifestano un primo attacco acuto di diverticolite, circa il 20-30% viene sottoposto ad intervento chirurgico che, nel 50% dei casi, viene effettuato in urgenza; dei pazienti operati, il 15-40% ha meno di 50 anni. La mortalità degli interventi in urgenza è compresa tra il 10% e il 20% mentre, in elezione, è inferiore al 2% 12.

3 Nei pazienti operati si osserva un incidenza del 4-7% di diverticolite ricorrente correlata ad errata interpretazione diagnostica dell episodio primitivo (IBS o IBD) o da erronea tecnica chirurgica (anastomosi colo-sigmoidea anziché colo-rettale) 12. Dei pz. sottoposti a terapia medica per diverticolite, circa il 25% recidiva entro 5 anni (il 50% di questi recidiva entro il primo anno mentre, dopo il primo anno, il rischio di recidiva è pari al 3% all anno) 13. Nell esperienza di Parks 3, di 317 pazienti sottoposti a terapia medica per diverticolite al primo episodio, il 25% (n = 78 pz) ha avuto un secondo attacco, il 4% (n = 17 pz) un terzo e l 1,6% (n = 8 pz) un quarto attacco. La mortalità è salita dal 4,7% al primo episodio fino al 7,8% nei successivi episodi. Una chirurgia profilattica o intervallare eseguita dopo il secondo episodio avrebbe permesso di evitare 17 riammissioni al prezzo di 61 interventi inutili, con un tasso di mortalità postoperatoria riportata in questa esperienza pari all 11% (!). Il dato frequentemente attribuito a Parks di una relativa inefficacia del trattamento medico dopo il primo attacco, che si ridurrebbe dal 70% al 6% nel secondo attacco, è inesatto 14. Nello studio di Ambrosetti 15, di 300 pazienti seguiti dopo un primo episodio di diverticolite trattato con terapia medica, 60 sono recidivati e nel 95% (n = 57) si è ottenuta una risposta favorevole alla terapia medica. Nei pazienti d età < 50 anni il decorso clinico dopo terapia conservativa tende ad essere gravato da una maggior morbilità 16. La complicanza emorragica non è tipica della diverticolite; l incidenza di emorragie gravi è stimata nell ordine dell 1-6%; dopo un primo episodio il rischio di recidive è del 20-25%, e passa al 50% dopo il secondo episodio emorragico 12. Manifestazioni cliniche 17 A) Classificazione clinica 1. Diverticolosi: condizione per lo più asintomatica o, nel 10-30% dei casi, si manifesta con la sintomatologia tipica della sindrome del colon irritabile (IBS). 2. Malattia diverticolare: 2. 1 Diverticolite Diverticolite acuta non complicata Diverticolite acuta complicata: flemmone, ascesso, perforazione, peritonite purulenta o stercoracea, occlusione Diverticolite cronica complicata: fistola, occlusione da stenosi diverticolare (con eventuale dubbio neoplastico) o da sindrome aderenziale Diverticolite recidivante

4 2.2 Emorragia diverticolare Diverticolite acuta - Quadro clinico 8, 12 La maggior parte dei pazienti con perforazione diverticolare spesso risulta asintomatica nelle ore precedenti l insorgenza delle manifestazioni cliniche, con il 50% del tutto asintomatico nel mese precedente e il 75% asintomatico nell anno precedente Sintomatologia: dolore addominale ad insorgenza acuta in fossa iliaca sinistra; turbe dell alvo (ileo, meno frequentemente episodi di diarrea) febbre, leucocitosi Stadiazione clinica sec. Hinchey della diverticolite Stadio I: ascesso pericolico Stadio IIa: ascesso a distanza (p.e., pelvico, retroperitoneale) Stadio IIb: ascesso complesso, con o senza fistola Stadio III: peritonite purulenta Stadio IV: peritonite stercoracea

5 Diagnosi 1. Diverticolite acuta non complicata: esami ematochimici e Rx addome, riservando Rx clisma e/o colonscopia (per d.d. adk, M. Crohn, colite, ) alla risoluzione dell episodio acuto 2. Diverticolite acuta complicata: TC e, se non disponibile, clisma con gastrografin a bassa pressione (mai bario per rischio di peritonite da bario, con mortalità > del 50%, ed interferenza con altre procedure di imaging). La TC, oltre che ai fini diagnostici e di valutazione della gravità del quadro, consente anche di drenare un ascesso per via percutanea 15. Il 70-90% dei pz. sottoposti a drenaggio percutaneo TC-guidato possono essere così efficacemente trattati 1. ETG < sensibilità diagnostica Vs TC (84-98% Vs 90-95%: esame operatoredipendente). Segni ETG di diverticolite: ispessimento della parete (> 4 mm), flogosi diverticolare, edema del grasso pericolico, massa infiammatoria intramurale o pericolica, fistole intramurali (almeno due segni devono essere presenti per essere diagnostici) 18. Rx clisma con gastrografin, in caso di sospetta ostruzione diverticolare Colonscopia: assolutamente controindicata in fase acuta per rischio di perforazione! 3. Diverticolite cronica complicata: Rx clisma con gastrografin, in caso di sospetta stenosi diverticolare Cistografia, in caso di sospetta fistola colo-vescicale 4. Diverticolite recidivante eleggibile a trattamento chirurgico: clisma TC, colonscopia, Rx clisma d.c. (valutazione estensione topografica, della severità della malattia diverticolare, ricerca ev. patologie associate) 5. Complicanza emorragica: colonscopia, scintigrafia con emazia marcate, angiografia Livello di evidenza III, Raccomandazione A 15,19

6 Addendum 1: Ruolo diagnostico e prognostico della TC nella malattia diverticolare: valore predittivo nella risposta alla terapia medica Valore diagnostico nella diverticolite rispetto al clisma con gastrografin ha una sensibilità tre volte superiore (su 343 pazienti, il clisma ha evidenziato una diverticolite severa in 36 (10%) Vs. 106 (30%) diagnosticati dalla TC). La sensibilità del clisma TC viene costantemente riportata > 90%. 2. Predittività della risposta alla terapia medica I pz. con quadro TC severo hanno una probabilità di insuccesso alla terapia medica del 30% Vs. 4% dei pazienti con quadro moderato 3. Predittività del rischio di complicanze secondarie dopo trattamento medico efficace Follow-up di 300 pz. trattati con successo con terapia medica: 60 (20%) hanno avuto complicanze secondarie. I pz. con quadro TC severo iniziale hanno rappresentato il 44% (28/60) dei pz. con complicanze secondarie rispetto al 19% (44/236) dei pz. senza complicanze successive. In altri termini, circa la metà dei pz. che manifestano complicanze diverticolitiche dopo un trattamento medico efficace aveva un quadro TC iniziale severo. Criteri radiologici per valutare la severità della diverticolite 20 Diverticolite moderata Diverticolite severa TC ispessimento circoscritto del viscere (> 5 mm) Oltre al precedente: infiammazione del grasso pericolico - ascesso - presenza di aria extraluminale - diffusione extraluminale del mdc Clisma con stenosi segmentaria gastrografin scarsa distensibilità della parete +/- effetto massa

7 Trattamento 1. Diverticolosi Trattandosi per lo più di un riscontro occasionale in paziente asintomatico (p.e., colonscopia di screening delle neoplasie colo-rettali) o sintomatico con un quadro tipico della IBS (sindrome del colon irritabile), non è necessaria una terapia specifica ma possono essere utili norme igienicodietetiche, con dieta ricca in fibre (frutta e vegetali più efficaci dei cereali) e abbondante idratazione (1,5-2 l. acqua/die) Diverticolite acuta Diverticolite acuta non complicata: trattamento medico conservativo con antibioticoterapia, efficace su aerobi e anaerobi, dieta liquida, e terapia infusionale. Sono trattabili a domicilio i pz. che sono in grado di seguire un adeguato regime dietetico, senza sintomatologia sistemica, senza segni di irritazione peritoneale, con temperatura ascellare < 38 C, che possano contare su un supporto familiare adeguato. Vanno certamente esclusi al trattamento in regime domiciliare i pz. immunodepressi o in trattamento cronico a base di FANS o steroidi. Con la risoluzione dell evento acuto può essere ripresa una dieta ricca in fibre e procedere agli accertamenti Rx o endoscopici. Nei casi che non presentano un miglioramento clinico entro ore dall inizio della terapia è necessario approfondire con TC, per valutare necessità di drenaggio per cutaneo, laparoscopico o chirurgia d urgenza. Livello di evidenza III, Raccomandazione B 19 Fattori che suggeriscono d eseguire un intervento in elezione dopo il primo attacco: giovane età (< anni), con segmento interessato lungo e stenotico, con alterazioni severe 9, sebbene l argomento sia ancora controverso terapia steroidea o immunosoppressiva, pz. immunodepressi (pz. trapiantati, con insuff. renale, HIV) 1 sospetta neoplasia 9 diverticolite destra 8

8 Diverticolite acuta complicata: Hinchey 1 (> 2 cm di diametro) e Hinchey 2: oltre al trattamento medico conservativo (v. sopra) è utile ricorrere al drenaggio percutaneo TC-guidato o laparoscopico che, oltre ad accelerare la risposta all antibioticoterapia, grazie alla possibilità di impostare un antibioticoterapia mirata, permette di evitare l intervento d urgenza che, in questi casi, spesso richiederebbe un intervento in due tempi (resezione-anastomosi e successivo intervento di ricanalizzazione). In caso di risposta favorevole si può così ricorrere in elezione, dopo 3-4 settimane, ad un intervento di resezione-anastomosi in un unico tempo. In questi casi, l intervento è consigliabile considerato il rischio elevato di grave sepsi recidiva (41%) 24. Livello di evidenza III, Raccomandazione B 19 Hinchey 1-2 (non responsivi al trattamento medico conservativo e all eventuale drenaggio percutaneo TC-guidato o laparoscopico) e Hinchey 3-4: chirurgia d urgenza. Livello di evidenza III, Raccomandazione B 19, Diverticolite cronica complicata Fistola (colo-vescicale, colo-vaginale, enterocutanea): intervento di resezione-anastomosi con riparazione consensuale dell organo contiguo 8 Stenosi diverticolare (con eventuale dubbio neoplastico): intervento di resezione-anastomosi in un unico tempo Livello di evidenza III, Raccomandazione B 19, 21

9 4. Diverticolite recidivante Principi generali Ruolo della resezione colica intervallare o profilattica La sigmoidectomia profilattica o intervallare non è indicata nel pz. asintomatico, in assenza di episodi di diverticolite recidivante 17 Non è indicata nei pz. con pregressi episodi di diverticolite al solo fine di prevenire complicanze successive ma devono sussistere criteri ben precisi per la selezione dei pz. 17 Nella valutazione del rapporto costo-beneficio, la prevenzione delle complicanze deve essere soppesata considerando le condizioni cliniche del pz. in esame (età biologica, comorbidità) 17 Nei pazienti d età < 50 anni il decorso clinico dopo terapia conservativa tende ad essere gravato da una maggior morbilità e rischio di complicanze secondarie, che sembra dipendere essenzialmente da un maggior indice cumulativo di rischio di diverticolite recidiva Il criterio di avviare semplicemente all intervento i pz. con almeno due episodi di diverticolite, basato sull osservazione che i pz. con episodi di diverticolite recidivante hanno un rischio del 60% di complicazioni e che l efficacia della terapia medica scende dal 70% al primo episodio al 6% al terzo episodio, non è più accettabile. In realtà, la percentuale di pz. che recidiva dopo un primo episodio di diverticolite trattato con successo con terapia medica è assai inferiore; il dato relativo al 60% di recidiva è stato riportato in un unica esperienza da un unico autore e non è mai stata riconfermata 26. Nell esperienza di Haglund 13, su 295 pz. seguiti in follow-up per 2-12 anni, circa il 25% è recidivato entro 5 anni (il 50% di questi pz. recidiva entro il primo anno mentre, dopo il primo anno, il rischio di recidiva è pari al 3% all anno). Nell esperienza di Parks 27, condotta su 317 pz. sottoposti con successo a terapia medica al primo episodio di diverticolite e seguiti in follow-up per 1-16 anni, la percentuale complessiva di recidive è stata del 30% (25% con II attacco, 4% con III attacco, 1,6% con IV attacco). Nell esperienza di Makela 28, condotta su 366 pz seguiti in follow-up per 10 anni, le recidive dopo il primo episodio sono state ancora inferiori (=16%): 8% II attacco, 5% III attacco e 3% IV attacco. Per quanto riguarda invece la riduzione di efficacia della terapia medica dopo il primo attacco, l esperienza di Ambrosetti 15 non conferma questo dato in quanto, di 300 pazienti seguiti dopo un primo episodio di diverticolite trattato con terapia medica, 60 (20%) sono recidivati e nel 95% (n = 57) si è ottenuta una risposta favorevole alla terapia medica. Accettando l affermazione che la chirurgia è indicata dopo il secondo attacco, dai dati disponibili in letteratura verrebbero eseguiti circa il 50-80% di interventi inutili poiché, di fatto, solo il 20-50% dei pz. con un II attacco di diverticolite, trattati con terapia medica, ha poi sviluppato un ulteriore manifestazione di malattia 2-3, 25, 29. L intervento chirurgico profilattico non sempre rappresenta la soluzione definitiva ai problemi dei pz. in quanto: 1-10,4% dei pz. presenta episodi di diverticolite recidiva;

10 nel 3% dei casi è necessario un ulteriore intervento; nel 27-33% dei pz si manifestano sintomi addominali persistenti 30, La chirurgia di elezione è certamente gravata da una minor mortalità postoperatoria (< 2%) rispetto all intervento d urgenza (12-36%) 14. Servono quindi parametri più affidabili per poter selezionare pz. con diverticolite trattata con successo al primo episodio con terapia medica, candidati ad intervento chirurgico di elezione. Nell esperienza di Ambrosetti 16, condotta su 300 pz. seguiti in follow-up dopo trattamento medico, sono stati rilevati tre parametri in grado di predire il rischio di complicanze secondarie: pz. di sesso maschile < 50 anni (P =.0006); quadro severo di diverticolite alla TC iniziale (P =.0001); presenza di ascesso pelvico associato (P =.006). I dati della letteratura, nel complesso, suggeriscono l intervento di resezione colica profilattica o intervallare nei seguenti casi: pz. di sesso maschile < 50 anni con segni TC severi; pz. > 50 anni con almeno due episodi di diverticolite e segni TC severi 32 ; pz. in terapia cronica a base di steroidi/fans; pz. immunodepressi (HIV, trapiantati, affetti da emolinfopatie associate a deficit immunitario); i pz. asintomatici, con quadro moderato TC, sono eleggibili all intervento chirurgico solo in caso di recidive multiple di malattia e dopo opportuna valutazione delle condizioni cliniche individuali. Sulla base di queste evidenze e del criterio di soggettività che talvolta condiziona l indicazione all intervento chirurgico profilattico, è stato elaborato a cura della U.O. di Chirurgia Generale, Malattie Colon-Retto-Ano, e della U.O.C. di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva dell Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino di Genova uno score per la selezione dei pazienti affetti da diverticolite recidivante non complicata. Va sottolineato che questo score non si applica ai pz. affetti da diverticolite complicata (al primo episodio o ai successivi) che seguono invece il percorso clinico tradizionale sopra esposto per le forme complicate. Lo stesso vale in caso di complicanze croniche della malattia diverticolare (stenosi, fistola colo-vescicale, colo-vaginale, enterocutanea).

11 Score per la selezione dei pazienti con diverticolite recidivante non complicata. FATTORI DISCRIMINATI SCORE SEVERITÀ DEL PREGRESSO QUADRO TC (DEL PRIMO EPISODIO O DEI SUCCESSIVI) Quadro moderato TC= ispessimento parietale > 5 mm con infiamm. grasso pericolico +1 Quadro severo TC = ispessimento parietale > 5 mm associato a: - ascesso o piccola raccolta fluida e/o gassosa periviscerale +1 - versamento +1 SCORE ENDOSCOPICO NELLA MALATTIA DIVERTICOLARE Segni indiretti di periviscerite (difficoltosa intubazione del sigma) +1 Segni associati: - Sub-stenosi del sigma (impossibile superamento del sigma) +1 - Segni di perforazione coperta +1 ETÀ < 50 ANNI +1 IMMUNODEPRESSIONE (HIV, PZ. TRAPIANTATI O AFFETTI DA EMOLINFOPATIE) +1 PZ. IN TRATTAMENTO CRONICO CON STEROIDI O FANS +1 ASA = 2 ASA = ETÀ > 75 ANNI -1 I pazienti saranno candidati all intervento in caso di score > 4; gli altri pazienti verranno mantenuti in follow-up, valutando nel tempo il contributo discriminante dei singoli fattori.

12 5. Emorragia diverticolare E la causa di circa il 40% dei casi di emorragia del tratto digestivo inferiore Nel 3-5% dei pz. con diverticolosi vengono riportati casi di enterorragia grave Spesso l esordio del sanguinamento è del tutto indolore, con emissione di sangue rosso vivo, meno frequentemente con le caratteristiche della melena L iter diagnostico può prevedere una gastroscopia iniziale, poiché in circa il 10-15% dei pz. con enterorragia si identifica una lesione a livello gastro-esofageo; il passo successivo dovrebbe prevedere la colonscopia, preceduta da rapida preparazione intestinale per os; in caso di fallimento si può ricorrere ad altre metodiche diagnostiche non invasive (scintigrafia con emazia marcate: sensibilità per il sanguinamento fino al limite inferore di 0,1 ml/min) o invasive (angiografia: sensibilità per il sanguinamento fino al limite inferiore di 0,5 ml/min) 17 In circa il 70% dei casi l emorragia si arresta con trattamento medico (trasfusioni, sostegno circolo). L intervento si decide in base all entità dell emorragia, alla stabilità del quadro emodinamico del pz. e alla quantità di sacche trasfuse. In caso di emorragia massiva, senza precisa localizzazione della sede del sanguinamento, è stata proposta sia l emicolectomia destra 33 sia la colectomia subtotale Tipi di intervento chirurgico 8 1. Paziente in buone condizioni generali (in elezione) o con un quadro moderatamente severo stabilizzato grazie a drenaggio percutaneo: Note: Sigmoidectomia senza stomia di protezione non è necessario rimuovere tutto il colon diverticolare: il margine di resezione distale deve essere subito oltre il giunto retto-sigmoideo, dove le tenie coli sfumano sulle pareti del retto superiore. Resezioni più limitate espongono ad un maggior rischio di recidiva (recidive dopo resezione sul sigma distale o sul retto: 12,7% Vs. 6%) 35. Per quanto riguarda il margine prossimale, il dato è controverso ma si tende a suggerire l asportazione di tutto il viscere ipertrofico e ispessito 1. Si raccomanda l asportazione di un pezzo operatorio > 20 cm 36. L intervento di esclusivo drenaggio della peritonite purulenta o stercoracea è da proscrivere poiché gravato da elevata mortalità postoperatoria (drenaggio e raffia della perforazione Vs. drenaggio e stomia: mortalità 28% Vs. 12%) 1. Nei pz. sottoposti ad int. di Hartmann, una ricanalizzazione ottimale si riesce ad ottenere in non più del 60% dei pz. 37.

13 2. Paziente non responsivo a terapia medica (in urgenza): Procedura in due tempi: Hartmann con affondamento moncone rettale o confezionamento di fistola mucosa dopo 3-6 mesi: ricanalizzazione Mortalità = 1-12% 3. Paziente in gravi condizioni generali, con coinvolgimento di strutture vitali (grossi vasi, uretere): Procedura in tre tempi: trasversostomia e drenaggio dopo 2-8 sett.: resezione-anastomosi dopo 2-4 sett.: ricanalizzazione Mortalità = 12-32% 4. Trattamento in urgenza dell occlusione da stenosi diverticolare (10% dei pz. con stenosi dimostrata radiologicamente) 38 Intervento di Hartmann 1 Lavaggio intraoperatorio del colon con intervento di resezione-anastomosi Resezioni laparoscopiche Indicazione all intervento laparoscopio per forme Hinchey I e casi selezionati Hinchey II 40 Tasso di conversione laparotomica = 30% 41 Vantaggi: ridotte perdite ematiche, ripresa più precoce dell alimentazione, riduzione della degenza 42

14 Bibliografia 1) Standard Task Force The American Society of Colon and Rectal Surgeons - Diagnosis and treatment of diverticular disease. Results of a consensus development conference. Surg Endoscopy 1999; 13: ) Parks TG: Natural history of diverticular disease of the colon 1975; 4: ) Parks TG: Natural history of diverticular disease of the colon. A review of 521 cases. Brit Med J 1969; 4: ) Manousos o, Day NE, Tzonou A, et al: Diet and other factors in the aetiology of diverticulosis. An epidemiological study in Greece. Gut 1985; 26: ) Lo CY, Chu KW: Acute diverticulitis of the right colon. Am J Surg 1996; 171: ) Sirikow BA: Etiology and pathogenesis of diverticulosis coli: a new approach. Med Hypotheses 1988; 26: ) Morson BC: Pathology of diverticular disease of the colon. Clin Gastroenterol 1975; 4: ) Freeman SR, McNally PR: Diverticulitis. Med Clin North Am 1993; 77 (5): ) Hulten L, Haboubi NY, Schofield PF: Diverticular disease. Colorectal Dis 1999; 1: ) Horner JL: Natural history of diverticulosis of the colon. Am J Dig Dis 1958; 3: ) Zollinger RW: The prognosis in diverticulitis of the colon. Arch Surg 1968; 97: ) Binda GA, Prandi M: Storia naturale della diverticolite del colon. UCP News 1999; 3 (S1): ) Haglund U, Hellberg R, Johnsen C, Hulten L: Complicated diverticular disease of the sigmoid colon. Ann Chir Gynaecol 1979; 68: ) Janes S, Meagher A, Frizelle FA: Elective surgery after acute diverticulitis. Br J Surg 2005; 92: ) Ambrosetti P: Diverticulitis of the left colon. Recent Adv Surg 2003; ) Ambrosetti P, Robert J, Witzig JA et al: Acute left colonic diverticulitis in young patients. J Am Coll Surg 1994; 179: ) E.A.E.S Consensus Statement Diagnosis and treatment of diverticular disease. Surg Endosc 1999; 13: ) Wilson SR, Toi A: The value of sonography in the diagnosis of acute diverticulitis of the colon. Am J Roentgenol 1990; 154: ) Rafferty J, Shellito P, Hyman NH, Buie WD: Practice parameters for sigmoid diverticulitis. Dis Colon Rectum 2006; 49: ) Ambrosetti P, Jenny A, Becker C, Terrier TF, Morel P. Acute left colonic diverticulitis - compared performance of computed tomography and water-soluble contrast enema: prospective evaluation of 420 patients. Dis Colon Rectum. 2000; 43: ) Stollman N, Raskin JB: Diverticular disease of the colon. Lancet 2004; 363: ) Spivak H, Weinrauch S, Harvey JC, et al: Acute colonic diverticulitis in the young. Dis Colon Rectum 1995; 38: ) Vignati PV, Welch JP, Cohen JL: Long-term management of diverticulitis in young patients. Dis Colon Rectum 1997; 40:

15 24) Kaiser AM, Kiang JK, Lake JP, et al: The management of complicated diverticulitis and the role of computed tomography. Am J Gastroenterol 2005; 100: ) Hinchey EJ, Schaal PG, Richards GK: Treatment of perforated diverticular disease of the colon. Adv Surg 1978, 12: ) Faramakis N, Tudor RG, Keighley MRB: The 5-year natural history of complicated diverticular disease. Br J Surg 1994; 81: ) Parks TG, Connel AM: The outcome of 455 patients admitted for treatment of diverticular disease of the colon. Br J Surg 1970; 57: ) Makela J, Vuolio S, Kiviniemi H, Laitinen S: Natural history of diverticular disease: when to operate? Dis Colon Rectum 1998; 41: ) Ambrosetti P, Robert J, Witzig JA, et al: Incidence, outcome, and proposed management of isolated abscesses complicating acute left-sided colonic diverticulitis. A prospective study of 140 patients. Dis Colon Rectum 1992; 35: ) Benn PL, Wolff BG, Ilstrup DM: Level of anastomosis and recurrent colonic diverticulitis. Am J Surg 1986; 151: ) Munson KD, Hensein MA, Jacob LN, Robinson AM, Liston WA: Diverticulitis. A comprehensive follow-up. South Med J 1975; 68: ) Robert PL: Alternatives in surgery for diverticulitis. Semin Colon Rectal Surg 1990; 1: ) Milewski PJ, Schoefield PF: Massive colonic haemorrhage: the case for right hemicolectomy. Ann R Coll Surg Engl 1989; 71: ) Slack WW. Surgery for massive haemorrhage from large intestine. In: Rob and Smith s Operative Surgery, Colon, Rectum and Anus, 4 th Ed. (Eds. Todd IP, Fielding LP); Butterworth, London 1983: ) Benn PL, Wolff BG, Ilstrup DM: The level of anastomosis and recurrent colonic diverticulitis. Am J Surg 1980; 151: ) Bergamaschi R, Arnaud J: Anastomosis level and specimen length in surgery for uncomplicated diverticulitis of the sigmoid. Surg Endosc 1998; 12: ) Navarra G, Occhionorelli S. Marcello D, Bresadola V, Santini M, Rubbini M: Gasless video-assisted reversal of Hartmann s procedure. Surg Endosc 1995; 9: ) Mayo C, Delaney LT: Diverticula of the sigmoid. Ann Surg 1956; 92: ) Murray JJ, Schoetz DJ Jr, Coller JA, Roberts PL, Veidenheimer MC: Intraoperative colonic lavage and primary anastomosis in nonelective colon resection. Dis Colon Rectum 1991; 34: ) Sher ME, Agacha F, Bortul M, Noguers JJ, Weiss EG, Wexner SD: Laparoscopic surgery for diverticulitis. Surg Endosc 1997; 11: ) Joo JS, Agachan F, Wener S: Laparocopic surgery for low gastrointestinal fistulas. Surg Endosc 1997; 11: ) Liberman MA, Phillips EH, Carrol BJ, Fallas M, Rothenthal R: Laparoscopic colectomy vs traditional colectomy for diverticulitis. Surg Endosc 1996; 10:

MALATTIA DIVERTICOLARE ASPETTI CHIRURGICI TEORICI E TECNICI

MALATTIA DIVERTICOLARE ASPETTI CHIRURGICI TEORICI E TECNICI MALATTIA DIVERTICOLARE ASPETTI CHIRURGICI TEORICI E TECNICI www.fisiokinesiterapia.biz MALATTIA DIVERTICOLARE La malattia diverticolare si presenta con un ampio spettro di sintomi e di livelli di gravità.

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA

INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA Riunione SIED LA COLONSCOPIA DI QUALITA Asti, 8 Novembre 2013 INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA Dr. Enrico MORELLO S.C. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva ASL TO4 * * The European Panel on Appropriateness

Dettagli

GERIATRIC EMERGENCY MEDICINE Verona, 17 maggio 2014

GERIATRIC EMERGENCY MEDICINE Verona, 17 maggio 2014 GERIATRIC EMERGENCY MEDICINE Verona, 17 maggio 2014 DOLORE ADDOMINALE ACUTO NELL ANZIANO: UTILIZZO RAGIONATO DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Libero Barozzi Direttore Ospedale Maggiore e Area Nord-Ovest

Dettagli

Appropriatezza delle indicazioni alla colonscopia in una Unita di Endoscopia Digestiva con accesso diretto

Appropriatezza delle indicazioni alla colonscopia in una Unita di Endoscopia Digestiva con accesso diretto Appropriatezza delle indicazioni alla colonscopia in una Unita di Endoscopia Digestiva con accesso diretto Dr.D.Mazzucco SC Gastroenterologia P.O.Rivoli Aumento esponenziale delle richieste di colonscopie

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione Il recente aumento di diagnosi di tumori benigni (leiomiomi e GIST) dell esofago è dovuto in

Dettagli

Pezzi operatori. Immagini colonscopia

Pezzi operatori. Immagini colonscopia UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA CLINICA DI GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA Direttore: Prof. Antonio Morelli GASTROENTEROLOGIA ed EPATOLOGIA: POLIPI e CANCRO del COLON RETTO Dott. Danilo Castellani Polipo

Dettagli

Imagine of the colon f r. izzello rizzello

Imagine of the colon f r. izzello rizzello Imagine of the colon f. rizzello 1 passo: quadro clinico Sintomi funzionali Stipsi Sintomi regionali dolore da rallentato transito organica da defecazione ostruita Diarrea acuta (< 2-3 sett) cronica (>

Dettagli

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE S. SPINI MD, PhD; F. APICELLA MD, FCCP; P. CAPPELLINI MD, L. MAGGI MD Azienda Sanitaria Firenze Nuovo Ospedale S. Giovanni di

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLO SCREENING DEL CANCRO DEL COLON-RETTO. Angelo Tersidio

RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLO SCREENING DEL CANCRO DEL COLON-RETTO. Angelo Tersidio RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLO SCREENING DEL CANCRO DEL COLON-RETTO Angelo Tersidio ATTORE PROTAGONISTA: IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ( e non è la solita frase di circostanza!) CANCRO DEL

Dettagli

Colonscopia Virtuale e Malattia diverticolare

Colonscopia Virtuale e Malattia diverticolare Colonscopia Virtuale e Malattia diverticolare Roberto Rizzati Dipartimento di Radiologia (Dir.Giorgio Benea) Ospedale di Lagosanto (Fe) - Azienda USL Ferrara Colonscopia Virtuale CV: introdotta nel 1994

Dettagli

Che cos'è la malattia di Crohn?

Che cos'è la malattia di Crohn? Che cos'è la malattia di Crohn? La malattia di Crohn è un'infiammazione cronica che può colpire teoricamente tutto il canale alimentare, dalla bocca all'ano, ma che si localizza prevalentemente nell'ultima

Dettagli

LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA. Siena - 26 Maggio 2010

LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA. Siena - 26 Maggio 2010 LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA Prof. Alessandro Piccolomini AOUS - CHIRURGIA 2 Siena - 26 Maggio 2010 Il dolore come espressione di patologia

Dettagli

GYMNASIUM DI ECOGRAFIA 112 Congresso Nazionale SIMI Roma, 23 ottobre 2011. L ecografia dell addome in un caso di anemia sideropenica

GYMNASIUM DI ECOGRAFIA 112 Congresso Nazionale SIMI Roma, 23 ottobre 2011. L ecografia dell addome in un caso di anemia sideropenica GYMNASIUM DI ECOGRAFIA 112 Congresso Nazionale SIMI Roma, 23 ottobre 2011 L ecografia dell addome in un caso di anemia sideropenica Gabriella Carnevale Maffè Clinica Medica I - Fondazione I.R.C.C.S. Policlinico

Dettagli

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Pesaro, 20 Marzo 2015 Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Dott. Andrea Lisotti UOC Gastroenterologia

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA Informazioni generali e indicazioni sulla malattia www.idrosadenitesuppurativa.ch Per ulteriori informazioni sull idrosadenite suppurativa. Con il sostegno di Indice

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz GASTROENTEROLOGIA ENDOCRINOLOGIA MALATTIE DEL METABOLISMO Malattie infiammatorie croniche intestinali e Malattia diverticolare del colon www.fisiokinesiterapia.biz ANATOMIA ANATOMIA ANATOMIA VASCOLARIZZAZIONE

Dettagli

Dr.ssa Mara Fornasarig

Dr.ssa Mara Fornasarig I TUMORI RARI GIST: Percorso diagnostico-terapeutico 5 novembre 2015 Dr.ssa Mara Fornasarig S.O.C. Gastroenterologia Oncologica CRO - ISTITUTO NAZIONALE TUMORI IRCCS - AVIANO GIST GENERALITA I GIST appartengono

Dettagli

L IMAGING DELLE VIE BILIARI. Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006

L IMAGING DELLE VIE BILIARI. Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006 L IMAGING DELLE VIE BILIARI Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006 Imaging vie biliari 1900 1970 : Rx,Laparotomia 1970 : PTC, ERCP

Dettagli

IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE

IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE Dott. E. De Masi Specialista in Chirurgia Generale Specialista in Malattie dell Apparato Digerente Primario Gastroenterologo Ospedale San Carlo IDI

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

UNA STRANA MASSA ADDOMINALE

UNA STRANA MASSA ADDOMINALE UNA STRANA MASSA ADDOMINALE Uomo di 50 anni Altezza 1,70m Peso 88 kg Professione impiegato Coniugato Due figli Anamnesi patologica remota 1997 Ernioplastica ombelicale Obesita Ipertensione arteriosa bolderline

Dettagli

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA!

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina e Chirurgia DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Andrea Mangiagalli Medico di Medicina Generale Specialista in Microchirurgia e Chirurgia Sperimentale DOTTORE,

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del colon Il mio comportamento Diagnosi del cancro del colon - clisma Tc - coloscopia con biopsia - T-PET - markers tumorali Cea Ca 19.9 Ca

Dettagli

TRATTAMENTO LAPAROSCOPICO DEL CARCINOMA DELL UTERO. Anna Myriam Perrone. myriam.perrone@aosp.bo.it

TRATTAMENTO LAPAROSCOPICO DEL CARCINOMA DELL UTERO. Anna Myriam Perrone. myriam.perrone@aosp.bo.it TRATTAMENTO LAPAROSCOPICO DEL CARCINOMA DELL UTERO Anna Myriam Perrone myriam.perrone@aosp.bo.it SSD Oncologia Ginecologica Responsabile dr. P. DE IACO Azienda ospedaliero-universitaria S. Orsola Malpighi

Dettagli

-------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------- UNIVERSITA degli STUDI di CATANIA FACOLTA di MEDICINA e CHIRURGIA DIPARTIMENTO di CHIRURGIA - U.O. C. di CLINICA CHIRURGICA (Direttore Prof. Salvatore Berretta) ------------------------------------------

Dettagli

FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE?

FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE? FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE? Dott. Chiara Medini Unità Operativa di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare Arcispedale S. Anna Ferrara Direttore Dott. F. Mascoli La diagnostica non invasiva della

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

Due coliche renali come tante

Due coliche renali come tante Near miss diagnosis Due coliche renali come tante TORTORE Andrea Medicina d urgenza e Pronto Soccorso Il primo caso clinico Uomo di 43 anni, accesso DEA per dolore al fianco sinistro, trattato come colica

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV -

COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV - COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV - La TC spirale multistrato consente di ottenere un volume di dati dell intero addome in una unica

Dettagli

Tumori della vescica e della via urinaria.

Tumori della vescica e della via urinaria. Tumori della vescica e della via urinaria. Il quadro clinico delle neoplasie dell urotelio è in genere dominato dall ematuria macroscopica (presenza nelle urine di sangue visibile ad occhio nudo) nel 75%

Dettagli

Il Dolore Addominale. A.Agnolucci U.O. Gastroenterologia AUSL 8 Arezzo

Il Dolore Addominale. A.Agnolucci U.O. Gastroenterologia AUSL 8 Arezzo Il Dolore Addominale A.Agnolucci U.O. Gastroenterologia AUSL 8 Arezzo SINTOMI ASSOCIATI con la STIPSI DEFECAZIONE 1. Evacuazioni non frequenti 2. Non urgenza 3. Feci evacuate con difficoltà (piccole o

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto. Gianna Regis

Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto. Gianna Regis Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto Gianna Regis L intestino L intestino è un organo dell apparato gastro-enterico L intestino L intestino si divide

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

ONE TROCAR VIDEO-ASSISTED APPENDECTOMY

ONE TROCAR VIDEO-ASSISTED APPENDECTOMY OSPEDALE S.BORTOLO VICENZA U.O. DI CHIRURGIA PEDIATRICA Direttore dott. L.Musi ONE TROCAR VIDEO-ASSISTED APPENDECTOMY Dott. S.F. Chiarenza ONE TROCAR APPENDECTOMY INDICAZIONI e LIMITI Strettamente legati

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Prevenire il tumore del colon retto

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Prevenire il tumore del colon retto Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Prevenire il tumore del colon retto INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 21-0 05/09/2012 INDICE Prevenire il tumore del colon. 4 Come si esegue

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

L ECOGRAFIA TRANSRETTALE NELLA PATOLOGIA ANO-RETTALE G. Panzironi, M. De Vargas Macciucca, A. Casale

L ECOGRAFIA TRANSRETTALE NELLA PATOLOGIA ANO-RETTALE G. Panzironi, M. De Vargas Macciucca, A. Casale L ECOGRAFIA TRANSRETTALE NELLA PATOLOGIA ANO-RETTALE G. Panzironi, M. De Vargas Macciucca, A. Casale L ecografia transrettale è una metodica che permette, attraverso l impiego di ultrasuoni, la diagnosi

Dettagli

Il morbo di Crohn Introduzione Segni e sintomi Cause Fattori di rischio Screening e diagnosi Attività e complicanze Terapia Conclusione Introduzione

Il morbo di Crohn Introduzione Segni e sintomi Cause Fattori di rischio Screening e diagnosi Attività e complicanze Terapia Conclusione Introduzione Il morbo di Crohn o Introduzione o Segni e sintomi o Cause o Fattori di rischio o Screening e diagnosi o Attività e complicanze o Terapia o Conclusione Introduzione La malattia di Crohn è una malattia

Dettagli

VATS e tumore del polmone

VATS e tumore del polmone VATS e tumore del polmone Utilizzo della vats nella diagnosi, stadiazione e trattamento del tumore del polmone VATS Linfonodi mediastinici Versamento pleurico e pericardico Nodulo polmonare Exeresi VATS

Dettagli

DEFINIZIONE EPIDEMIOLOGIA

DEFINIZIONE EPIDEMIOLOGIA DEFINIZIONE Il Varicocele è la dilatazione varicosa delle vene nello scroto. I testicoli ricevono il sangue dall'arteria testicolare che è situata all'interno dell'addome; il sangue viene quindi trasportato

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 227/2015 ADOTTATA IN DATA 12/02/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 227/2015 ADOTTATA IN DATA 12/02/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 227/2015 ADOTTATA IN DATA 12/02/2015 OGGETTO: Integrazione del bando di ricerca contributi da privati n. 16 con il progetto P16-03.23 Follow-up clinico ed endoscopico nei pazienti con

Dettagli

Approvate dalla Commissione Linee Guida della Federazione delle Malattie Digestive il 9.04.2000 LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DELL ECOGRAFIA ADDOMINALE IN GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA PREMESSA Un

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore dell ovaio Adele Caldarella Tumore dell ovaio in Italia 9 tumore più frequente nel sesso femminile 2.9% delle diagnosi tumorali

Dettagli

CORSO INTENSIVO PER SPECIALIZZANDI

CORSO INTENSIVO PER SPECIALIZZANDI CORSO INTENSIVO PER SPECIALIZZANDI Selected Topics In Radiologia Addominale Gastroenterologica Nemi 23-25 Ottobre 2014 RESPONSABILI SCIENTIFICI DR.SSA PAOLA CERRO- DR. ROBERTO DI MIZIO 1 CASO CLINICO Pz

Dettagli

Cosa è il cancro colorettale

Cosa è il cancro colorettale Cosa è il cancro colorettale La maggioranza dei cancri colorettali si sviluppa da un ingrossamento non-maligno nel grosso intestino conosciuta come adenoma. Nelle prime fasi, gli adenomi assomigliano a

Dettagli

UN ENDOSCOPIA PER LA VITA. Quando e perché effettuare un endoscopia per prevenire il cancro del tubo digerente. A cura di Con e

UN ENDOSCOPIA PER LA VITA. Quando e perché effettuare un endoscopia per prevenire il cancro del tubo digerente. A cura di Con e UN ENDOSCOPIA PER LA VITA Quando e perché effettuare un endoscopia per prevenire il cancro del tubo digerente A cura di Con e editorial BoarD L. BURI V. CENNAMO M. DEL PIANO E. DI GIULIO L. FAMILIARI F.

Dettagli

Zaccoletti Riccardo MD

Zaccoletti Riccardo MD Zaccoletti Riccardo MD www.endogynaeteam.com www.cdcpederzoli.it U.O. Ostetricia e Ginecologia Clinica Polispecialistica Pederzoli Peschiera del Garda (Verona) Il ruolo della chirurgia: da dove partiamo?

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

LA PANCREATITE ACUTA

LA PANCREATITE ACUTA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2010/2013. PATOLOGIA DEL PANCREAS LA PANCREATITE ACUTA Elisabetta Ascari Fabio Bassi Medicina III Gastroenterologia Azienda Ospedaliera

Dettagli

La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione

La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione GISCI Riunione operativa gruppo di lavoro di 2 livello Napoli 11 dicembre 2006 ADOLESCENTI

Dettagli

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria La comunicazione con l assistito nel percorso di screening per i MAP 01 giugno 2013 e 16 novembre 2013

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Definizione. Dal greco στοµα bocca

Definizione. Dal greco στοµα bocca Definizione La stomia o stoma è l'abboccamento temporaneo o definitivo di un viscere alla superficie cutanea con l'obiettivo di: permettere la fuoriuscita del contenuto viscerale introdurre sostanze a

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è il colon irritabile INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 22-0 05/09/2012 INDICE Sindrome dell'intestino irritabile 4 Che cosa è la

Dettagli

Informazioni e consenso trattamento chirurgico dell endometriosi

Informazioni e consenso trattamento chirurgico dell endometriosi " Informazioni e consenso trattamento chirurgico dell endometriosi La cura dell endometriosi ha come scopo o finalità 1) terapia del dolore 2) terapia della sterilità 3) esame istologico delle dei noduli

Dettagli

INTERVENTI PREVENTIVI INTERVENTI CURATIVI

INTERVENTI PREVENTIVI INTERVENTI CURATIVI INTERVENTI PREVENTIVI ICV Ischemia Cerebro Vascolare ICM Insufficienza Celiaco Mesenterica IR Insufficienza Renale INTERVENTI CURATIVI OAI Ostruzione Aorto-iliaca OFP Ostruzione Femoro-Poplitea INSUFFICIENZA

Dettagli

ENDOSURGERY: ASPORTAZIONE TRANSPARIETALE DI GIST GASTRICO PER VIA ENDOSCOPICA

ENDOSURGERY: ASPORTAZIONE TRANSPARIETALE DI GIST GASTRICO PER VIA ENDOSCOPICA ENDOSURGERY: ASPORTAZIONE TRANSPARIETALE DI GIST GASTRICO PER VIA ENDOSCOPICA Marco Bisello, Luca Antoniello, Paola Pregnolato, Mauro Frego UODip di Endoscopia Digestiva Chirurgia Generale Azienda ULSS

Dettagli

Il pz viene quindi sottoposto ad intervento di emorroidectomia ma persiste astenia ed anemia.

Il pz viene quindi sottoposto ad intervento di emorroidectomia ma persiste astenia ed anemia. Clinica Chirurgica 09/05/03 Dott.Romano Sbob da Perego-Scicchitano K COLON-RETTO Caso clinico -Maschio, 65 anni -In anamnesi : BPCO, Ipertensione arteriosa, Ulcera duodenale. -Anamnesi farmacologia: FANS,

Dettagli

L approccio chirurgico

L approccio chirurgico Università degli Studi di Genova Cattedra e Scuola di Specializzazione di Cardiochirurgia Direttore Prof. G.C. Passerone Insufficienza Mitralica L approccio chirurgico Tommaso Regesta Insufficienza mitralica

Dettagli

Occlusione intestinale

Occlusione intestinale AE1 Occlusione intestinale Giacinto Marrocco UOC Chirurgia ed Urologia Pediatrica Az. Osp. San. Camillo Forlanini Diapositiva 1 AE1 ADA ESPOSITO; 19/01/2000 Dolore addominale acuto Definizione Dolore insorto

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE Marco Boniardi RUOLO CENTRALE DELLA CHIRURGIA Assenza di terapie complementari efficaci ai fini della guarigione Prognosi più severa rispetto ai tumori differenziati tiroidei

Dettagli

Indagini Radiologiche

Indagini Radiologiche Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Bergamo, 7-8 marzo 2014 Endometriosi Patologia, clinica ed impatto sociale Indagini Radiologiche Paolo BRAMBILLA, Alessandra CASIRAGHI, Giovanna PERUGINI, Bruno

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

Sindrome della congestione pelvica Roberto Galeotti

Sindrome della congestione pelvica Roberto Galeotti Ferrara, Ferrara, Sabato Sabato 15 15 dicembre dicembre 2012 2012 Aula Aula Magna, Magna, Nuovo Nuovo Ospedale Ospedale Sant Anna Sant Anna Cona Cona Trattamento Trattamento multidisciplinare multidisciplinare

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

Regione Puglia PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA

Regione Puglia PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA Regione Puglia ALLEGATO E PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA (ai sensi della Legge 138/2004 e dell Intesa Stato-Regioni e Province Autonome

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI CARLO TOLONE Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Caserta 02/02/2012 DAR Definizione bambini di età compresa fra 4 e 16 anni -con dolori addominali ricorrenti

Dettagli

PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE

PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE COMPARSA 40/50 a.rapp.2/1 Femmine Maschi CALCOLOSI BILIARE(35/65%) / ERCP/ INTERVENTI / TRAUMI ALCOLISMO CRONICO(30%)

Dettagli

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano ECOGRAFIA OMBELICALE Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano PATOLOGIE OMBELICALI Le patologie della regione ombelicale sono relativamente diffuse nelle prime quattro settimane di vita. Non sempre

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

Il trattamento laser HeLP delle emorroidi: indicazioni e note di tecnica. Dott. Alessandro MASTROMARINO

Il trattamento laser HeLP delle emorroidi: indicazioni e note di tecnica. Dott. Alessandro MASTROMARINO WORKSHOP IL LASER NELLE EMORROIDI E VARICI DEGLI ARTI INFERIORI. UNA SOLUZIONE MODERNA PER UN ANTICO PROBLEMA. Il trattamento laser HeLP delle emorroidi: indicazioni e note di tecnica Dott. Alessandro

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea UOC CHIRURGIA TORACICA Università degli Studi di Padova Ruolo della chirurgia nel PDTA del tumore polmonare DIAGNOSTICO TERAPEUTICO Interventi Diagnostici Se possibile

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI ADENOTONSILLECTOMIA

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI ADENOTONSILLECTOMIA UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI OTORINOLARINGOIATRIA Direttore: Carlo Alicandri Ciufelli NOTA ORL 02 Revisione 1 del 09.09.2010 Pagina 1 di 4 INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI ADENOTONSILLECTOMIA

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma)

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Markers tumorali Colon CEA Ca199 Mammella Ca15.3 CEA Polmone CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Marcatori classici Problemi di interpretazione Bassa sensibilità Marcatore negativo

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Dipartimento di Scienze Chirurgiche Istituto di Patologia Chirurgica

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Dipartimento di Scienze Chirurgiche Istituto di Patologia Chirurgica UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Dipartimento di Scienze Chirurgiche Istituto di Patologia Chirurgica MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CHIRURGIA

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione Telefono dell Ufficio Fax dell Ufficio E-mail istituzionale DI CAMILLO MAURO msdicamillo@hotmail.com Nazionalità Italiana

Dettagli

GRUPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA

GRUPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA GRPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA ECOGRAFIA ADDOME SPERIORE NELL ADLTO 3 gg Colica reno-ureterale. Macroematuria Colica biliare con

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

MARTEDI DELL ORDINE ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA

MARTEDI DELL ORDINE ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA 1 PRESENTAZIONE Luigi Roncoroni Direttore SC Clinica Chirurgica e Terapia Chirurgica, Francesco Ceccarelli Direttore

Dettagli