L immagine di copertina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L immagine di copertina"

Transcript

1 Capitolo 14 L immagine di copertina A termine di questa guida proponiamo un tutorial che porta alla realizzazione dell immagine di copertina, dalla prima riga fino al rendering finale. In questo modo riassumeremo parte dei temi affrontati fino a questo punto con un obiettivo pratico. Per prima cosa è necessario disporre di una pianta in AutoCAD da importare. Modellazione In questo capitolo Modellazione I materiali Le impostazioni di rendering Luci La base Come già visto è possibile utilizzare i disegni bidimensionali di AutoCAD sia in pianta sia in sezione o prospetto. In questo caso utilizziamo entrambi. Iniziamo dalla pianta. Per prima cosa è bene partire da un disegno univoco, da cui si estrapolano tramite Wblock tutti i vari pezzi necessari alle estrusioni. L utilizzo di un unico file sorgente di AutoCAD garantisce sempre il corretto posizionamento dei pezzi e l omogeneità di scala. Per ottenere migliori risultati è bene che tutto ciò che si importa in 3ds Studio Max sia sotto forma di poligonale chiusa. Per ottenere ciò è molto utile il comando, all interno di AutoCAD, chiamato Boundary. Una volta create le poligonali necessarie, si esportano con il comando Wblock lasciando tutte le impostazioni di default. Quando il file è pronto è possibile importarlo all interno di 3ds Max con il comando Import (non Legacy Import). Nella scelta delle opzioni di Import si possono prendere due strade che dipendono dalla natura delle polilinee da importare: se è necessario che le polilinee siano accorpate in un unico oggetto, è consigliabile l opzione Layer, Blocks as Node Hierarchy, che importa gli oggetti derivandoli dai layer (da cui eriditano il nome), altrimenti se è utile tenere le poli-

2 386 Capitolo 14 linee separate, si consiglia Entity, Blocks as Node Hierarchy. Sappiate in ogni caso che con il comando Edit Spline all interno di 3ds Max è possibile estrapolare delle poligonali da un sistema di entità raggruppate con Extract Spline o all inverso unire più entità separate con il comando Attach o Attach Multiple. Dopo l importazione il profilo appare come nella Figura 14.1 ed è pronto per l estrusione. Dopo aver selezionato l oggetto, andate nel pannello Modify e selezionate il modificatore Extrude. Inserite il valore di estrusione, in questo caso 0.5 metri. Figura14.1 La polilinea importata da AutoCAD. Figura 14.2 Cambiare il colore agli oggetti congelati. È utile avere a disposizione una traccia della pianta come riferimento per la modellazione. Poiché in 3ds Max non esiste il Lock, ovvero la possibilità di bloccare un layer pur mantenendolo visibile, un metodo pratico consiste nell importare la pianta da utilizzare come riferimento e poi congelarla con il comando Freeze (dopo aver selezionato gli oggetti, con il tasto destro del mouse fate clic su Freeze Selection). Nel caso in cui le linee sparissero a seguito del congelamento, assicuratevi che non sia attiva l opzione Hide Frozen Objecs all interno del pannello Display/Hide. Per poter vedere bene le linee congelate è opportuno cambiarne il colore: andate in Customize/Customize User Interface quindi in Color/ Geometry/Freeze e scegliete un colore che risalti maggiormente rispetto al grigio di default (Figura 14.2). A seguito dell applicazione di Freeze sarà possibile vedere gli oggetti per riferimento ma non selezionarli. I pilastri Per disegnare i pilastri, che hanno forma e dimensione diversa alla base rispetto al colmo, utilizzeremo un semplice cilindro. Andate in Create/Standard Object/Cylinder e impostate l altezza, riducendo

3 L immagine di copertina 387 gli Heigth Segments inutilmente impostati a 5 e incrementando il parametro Sides a 36. Una volta creato il cilindro che serve da base per i pilastri, applichiamo il modificatore FDD (CYL). All interno del modificatore riduciamo il numero di punti necessari per le manipolazioni immettendo nella casella Set Number Of Points i valori 6 Side, 2 Radial, 2 Height. In questo modo abbiamo un cilindro fantasma su cui poter effettuare modifiche attraverso dei control point. Le modifiche effettuate sul cilindro fantasma si ripercuotono sull oggetto a cui è applicato il modificatore. Per ottenere l effetto voluto agiamo solo sui control point dell estremità superiore della colonna imprimendo delle modifiche di scala e di posizione. Il risultato delle modifiche è visibile in pianta nella Figura 14.3 e in vista frontale nella Figura Figura 14.3 Il pilastro in pianta. Una volta soddisfatti della forma della colonna, è consigliabile trasformarla in editable poly attraverso il tasto destro del mouse, in Convert To/Convert To Editable Poly. Questa operazione non è indispensabile ma alleggerisce i compiti del programma, soprattutto in corrispondenza di molte copie dell oggetto. Dopo aver dato forma alla colonna, è opportuno copiarla, seguendo come schema il disegno che appare dalla pianta congelata. Il parapetto Dopo aver disegnato la base e i pilastri, passiamo al disegno del parapetto. Per il parapetto utilizziamo il comodo comando Railing. Per prima cosa è necessario estrapolare dalla pianta il bordo che servirà da percorso per il parapetto. Per far ciò clonate l oggetto base ed eliminate il modificatore Extrude dalla copia. All interno Figura 14.4 Il pilastro in vista laterale.

4 388 Capitolo 14 della modifica di Edit Spline selezionate solo i segmenti necessari al percorso del parapetto. Invertite ora la selezione tramite Edit/ Select Invert (Ctrl+I) e successivamente con il tasto Canc eliminate tutti i segmenti superflui. Rinominate l oggetto in modo chiaro per riconoscerlo nelle operazioni successive. Create ora un nuovo railing partendo dalla finestra Top. Selezionate Create/Aec Object Extended/Railing. Non badate alla forma o alla posizione del railing poiché tutto ciò che fate trascinando a video andrà modificato tramite il pannello Modify. Dal pannello Modify è ora necessario impostare i corretti valori del parapetto. Per prima cosa definiamo il Top Rail. Il Top Rail è il corrimano del parapetto, la linea orizzontale più in alto e maggiormente visibile. Le opzioni sono rettangolare (Square) e tonda (Round). Nel caso in cui vogliate un altro profilo è opportuno aggiungere un corrimano modellato con Sweep, utilizzando lo stesso percorso del parapetto. In questo esercizio il modello Round può andare bene e diamo quindi i valori di 0.05 (5 centimetri) di altezza per 8 centimetri di larghezza (avrà forma ovale) e di un metro di altezza globale del parapetto. Con il parametro Lower Rail diamo corpo alla parte inferiore del parapetto impostando un profilo rettangolare di 2 per 2 centimetri. Per evitare che il Lower Rail tocchi direttamente per terra è possibile entrare nella sezione Lower Rail Spacing ( ) e impostare il valore Start Offset a 0.1 metri. Questa operazione pone la traversina bassa del parapetto a dieci centimetri da terra. Con il parametro Post si definiscono gli elementi verticali del parapetto. Per averli tutti alla stessa distanza è necessario entrare in Post Spacing ( ) e definire il numero di ripetizioni attraverso Count o in alternativa la distanza tra elementi verticali attraverso Spacing. Qui scegliamo una distanza fissa tra elementi verticali e la impostiamo a quattro metri. È ora necessario definire il riempimento del parapetto stesso, in questo caso un pannello di vetro. All interno di Type di Fencing, scegliete Solid Fill. I parametri da impostare sono lo spessore del vetro (0.01) e l eventuale distacco dal corrimano e dalla linea di attacco al suolo. Scegliete 5 centimetri di distanza da terra, per coerenza con il Lower Rail impostato a questa altezza, e 5 centimetri di distanza dal corrimano. Dopo aver definito tutti i parametri del parapetto è sufficiente fargli seguire il percorso precedentemente preparato dal perimetro di base. Per fare ciò, fate clic sul pulsante Pick Railing Path e scegliete la spline necessaria. Adeguate il numero di segmenti in modo da rendere il percorso il più possibile fedele alla spline di origine e attivate l opzione Respect Corners. In questo caso il valore 9 è stato sufficiente a garantire l aderenza tra railing e spline. Per introdurre altri parapetti dello stesso stile ma con forme diverse all interno della stessa scena sarà sufficiente copiare l oggetto e cambiare semplicemente il per-

5 L immagine di copertina 389 corso con Pick Railing Path. In questo modo dopo aver definito il primo parapetto si possono ottenere copie articolate su differenti percorsi con un numero molto esiguo di operazioni. Il risultato del parapetto è visibile nella Figura 14.5, insieme alla base e ai pilastri posizionati in modo corretto. Figura 14.5 Il parapetto con Railing. I piani superiori Con il comando Sweep passiamo ora a definire i piani superiori. Da AutoCAD effettuiamo una nuova importazione ma questa volta non di elementi in pianta ma in sezione. È inoltre utile in questo caso che tutti gli elementi siano riuniti in un unica spline al termine del processo di importazione. Per questo motivo utilizzeremo il sistema di importazione Layer, Blocks as Node Hierarchy. Dopo aver importato la sezione importiamo, questa volta in pianta, la polilinea che serve da percorso di estrusione per la sezione. È preferibile definire il numero di punti della polilinea di percorso, per evitare che ci siano delle sfaccettature in curva. Per fare questo è possibile intervenire sul parametro Interpolation all interno di Line. È bene aumentare questo valore in caso di curve viste da distanza ridotta. Dopo aver posizionato correttamente la spline di percorso, è possibile applicare il modificatore Sweep. All interno di Sweep, nella sezione Section Type, scegliete Use Custom Section e tramite il pulsante Pick, selezionate la sezione recentemente importata. Il risultato è un solido composto di tutte le parti della sezione (in questo caso brise soleil, controsoffitti, solai, carter e così via). Con questo metodo è quindi possibile ottenere dei modelli dettagliati molto rapidamente. Il risultato è visibile nella Figura A questo punto è sufficiente completare l oggetto con i due elementi terminali (che possono essere importati da AutoCAD o disegnati direttamente in 3ds Max con l ausilio degli snap. L ultimo dettaglio mancante per arricchire il volume sospeso è l introdu-

6 390 Capitolo 14 Figura 14.6 Una sezione complessa con Sweep. zione di elementi verticali inclinati da supporto per i brise soleil. Questi elementi devono essere inclinati e devono seguire esattamente la curva del solido a intervalli regolari. Il modo migliore per realizzarli è la creazione di un elemento singolo, da copiare poi con lo Spacing Tool, utilizzando lo stesso profilo generatore di Sweep. Vediamo come. 1. Copiate l oggetto Sweep (non Instance ma copia semplice) e rimuovete dalla copia il modificatore Sweep per avere solo la linea di percorso. 2. Realizzate un box delle dimensioni adeguate per ottenere i profili verticali che fungano da struttura per i brise soleil. 3. Posizionate all inizio del percorso il profilo appena creato senza necessariamente orientarlo correttamente rispetto al percorso. 4. Dopo aver selezionato il box utilizzate lo strumento Tools/ Spacing Tool per copiarlo correttamente lungo il percorso. 5. Utilizzate il numero di ripetizioni (Count) per stabilire la corretta distanza tra gli elementi. 6. Utilizzate la casella Follow per imporre all oggetto di orientarsi secondo l asse di riferimento utilizzato da Pick Path. 7. Nella casella Type Of Object è necessario selezionare la casella Instance. In questo modo le modifiche effettuate su un qualsiasi oggetto della serie si ripercuoteranno su tutti gli altri oggetti. A questo punto dovreste avere un oggetto (contrassegnato nella Figura 14.7 con la lettera A) e una serie di ripetizioni dell oggetto lungo la spline. Per spostare tutti gli oggetti correttamente secondo il loro asse è necessario impostare gli assi del Reference Coordinate System su Local. In questo modo è possibile spostare contemporaneamente tutti gli oggetti in modo che ognuno conservi la stessa distanza dalla spline di riferimento. Per impostare gli assi correttamente

7 L immagine di copertina 391 Figura 14.7 L oggetto da copiare (A) lungo la spline. utilizzate l elenco che si trova accanto al modificatore di scala e che normalmente è impostato sul valore View. Selezionate ora tutte le ripetizioni e l oggetto di origine con il trasformatore Move (assicurandovi di avere gli assi su Local). Trascinate uno qualsiasi degli oggetti fino a portarlo nella posizione corretta. Tutti gli altri oggetti si posizioneranno automaticamente lungo il percorso. Con il modificatore Edit Poly e gli assi questa volta su Gimbal, selezionate uno solo degli elementi verticali e spostatene i vertici superiori (o inferiori) in modo da assecondare il profilo svasato dell edificio. Anche in questo caso, poiché le copie dell oggetto sono delle istanze, la modifica sui vertici di un elemento verticale viene distribuita su tutti gli elementi di copia, rendendo molto agevole la modellazione degli elementi seriali. Nella Figura 14.8 seguente è possibile vedere gli elementi verticali correttamente posizionati e orientati. Figura 14.8 Il posizionamento dei montanti verticali.

8 392 Capitolo 14 I corpi scale Per i corpi scale si procede in modo molto semplice: si estrude la scatola degli ascensori (rappresentata sempre da una poligonale chiusa importata da AutoCAD con il sistema del Boundary e Wblock) e intorno si costruisce la scala con la funzione Create/ Stairs. In questo caso scegliamo il modello a U. Dopo aver approssimato la scala con il trascinamento, è necessario definirla correttamente tramite Modify. Si definiscono quindi la larghezza della rampa con Width, Lenght1 e Lenght2 che determinano la lunghezza di ogni rampa, e il valore Offeset che stabilisce la distanza tra le due rampe parallele della scala a U. Tenendo fissa l altezza della scala e quindi il dislivello da superare, interveniamo sugli altri parametri a disposizione: numero di gradini (Riser Ct) e dimensione dell alzata (Riser Ht). L ultima operazione da effettuare è quella di far preparare a Stair il percorso per parapetto ma non il corrimano stesso. Per fare ciò all interno di Geometry attivate le caselle di Rail Path e disattivate quelle di Handrail. L effetto è una coppia di linee che serviranno in seguito per generare il parapetto. Per il parapetto sarà quindi sufficiente riciclarne uno qualsiasi della scena, copiarlo e, attraverso Pick Path, assegnare il nuovo percorso costituito dalle linee appena create. Il risultato è visibile nella Figura Figura 14.9 Il corpo scale con AEC Stairs. Le facciate di vetro Per completare la scena inseriamo degli edifici i cui prospetti sono formati da pareti di vetro. Per realizzare questi edifici il procedimento è semplicissimo: basta una polilinea chiusa. Con la stessa polilinea, infatti, realizziamo il pavimento tramite una estrusione e il soffitto con una copia del pavimento. Con la stessa polilinea generiamo inoltre le facciate di vetro con il comando Railing. Questo sistema è molto pratico poiché consente di realizzare varie facciate semplicemente copiando il railing e modificandone il

9 L immagine di copertina 393 percorso con Pick Path. Definiti i contorni delle scatole (la cosa più semplice è di importarle da AutoCAD) si procede rapidamente con le estrusioni del pavimento e soffitto e successivamente si crea un railing con Solid Fill. In tutto e per tutto simile a un parapetto di cristallo, questo oggetto può simulare complesse superfici vetrate con un solo clic. È necessario scegliere la forma e dimensionare il Top Rail e il Lower Rail che diventeranno la parte superiore e quella inferiore dell infisso. È anche possibile inserire delle partizioni orizzontali semplicemente aggiungendo Lower Rail con il parametro Lower Rail Spacing. La posizione delle eventuali partizioni orizzontali è completamente configurabile all interno di Lower Rail Spacing: per dividere la vetrata in parti uguali sarà sufficiente agire sul parametro Count, altrimenti bisognerà stabilire la distanza dalla base e dal colmo rispettivamente con Start Offset ed End Offset. Per inserire le partizioni verticali sarà necessario invece utilizzare il parametro Post. In modo analogo a quanto visto finora, si procede con forma e dimensionamento del profilo e successivamente, attraverso Post Spacing, si determina l intervallo degli elementi verticali e in che modo distribuirli. Nella Figura sono illustrate le facciate esclusivamente realizzate con questo sistema. Figura Facciate vetrate con Railing. Il contesto Per modellare il contesto facciamo riferimento al solito disegno AutoCAD: per prima cosa importiamo delle poligonali chiuse per estrudere le strade. Per la realizzazione delle rampe applichiamo il modificatore Edit Poly all oggetto estruso per modificare sull asse Z i punti necessari a formare le pendenze. Per gli edifici di fondo il sistema è molto semplice: si ricavano dalla planimetria e si trasformano in poligonali chiuse. Si assegnano le linee a layer diversi a seconda dell altezza delle estrusioni. In questo modo in un layer ci saranno tutti gli edifici a un piano, in un altro quelli a due e così

10 394 Capitolo 14 via. Dopo aver importato gli edifici con il sistema Layer, Blocks as Node Hierarchy, avrete degli oggetti composti da estrudere direttamente dell altezza necessaria. Per arricchire il disegno inseriamo uno specchio d acqua nel piano inferiore dell edificio. Per la sua realizzazione si procede in maniera molto semplice: per prima cosa si disegna la sezione del bordo della piscina in AutoCAD con eventuali smussi, pendenze e quant altro. Dopo aver importato la sezione all interno di 3ds Max, è necessario disporre di un rettangolo che delimita il bordo della piscina e a cui va applicato il modificatore Sweep. Per l acqua utilizziamo invece un semplice piano, senza applicare nessun disturbo o modifica all oggetto. È utile inoltre inserire dei manichini all interno del modello per avere il senso delle proporzioni. Se il modello delle persone non fosse accurato o soddisfacente, si può ricorrere al fotoritocco per inserire le figure con foto scontornate. In ogni caso il posizionamento di oggetti dall ingombro simile agli essere umani agevola il corretto posizionamento in prospettiva delle immagini nel programma di fotoritocco. I materiali È il momento di assegnare i materiali agli oggetti modellati; partiamo dai nuovi materiali di mental ray, che sono un ottima base di partenza per le ambientazioni di architettura. Cemento Partiamo dall oggetto di base, che isoliamo con la funzione Isolation Mode (Alt+Q) per lavorare più agevolmente. Come base per l oggetto utilizziamo il materiale che si chiama Polished Concrete, accessibile nel pannello dei materiali in Get Material/New/Arch & Design (Mi). Ricordiamo che questi materiali sono attivi solo se mental ray è impostato come motore di rendering predefinito. Questo materiale è molto interessante poiché usa una combinazione di due diverse mappe all interno dello slot Diffuse. Una delle due mappe è un immagine, che come sempre accade ha il problema delle ripetizioni, e l altra mappa è un Noise che si occupa di mitigare le ripetizioni. Le mappe sono combinate fra di loro attraverso la mappa Rgb Multiply. È opportuno modificare alcuni parametri per calibrare meglio il materiale: per prima cosa la riflessione è molto elevata anche per un cemento tirato a lucido e quindi è bene ridurre il parametro Reflectivity, portandolo per un materiale quasi opaco a Un altra modifica opportuna è quella di tarare la mappa Noise che si trova all interno di RGB Multiply. La dimensione del

11 L immagine di copertina 395 Noise dipende dalla scala del modello e quindi può essere necessario modificarla. In questo caso portiamo il valore da 50 a 20. Inoltre la differenza tra le due celle di Noise (bianco e grigio chiaro) è molto tenue e quindi si benificia poco dell azione della mappa. Per avere effetti più marcati è bene scurire il grigio. Per attribuire un po di rugosità al materiale è possibile aggiungere una mappa Noise nello slot di Bump (contenuto in Special Purpose Map). In questo caso è bene mettere il tipo di Noise su Fractal e impostare la dimensione (Size) a Come esercizio aggiungiamo ora delle macchie che simulano delle zone bagnate. La caratteristica principale delle zone bagnate è di apparire più riflettenti e lisce. La struttura del nuovo materiale prevede quindi un cemento opaco e chiaro per le zone asciutte e uno privo di bump e riflettente nelle zone bagnate. Per stabilire dove appare una e dove appare l altra si possono utilizzare varie mappe: Smoke, Noise, Bitmap o anche Vertex Color. In questo caso, per decidere esattamente la forma e la posizione delle parti bagnate utilizziamo una mappa Bitmap. La prima cosa da fare per posizionare correttamente le mappe è preparare un Render To Texture. Vediamo come. 1. Selezionate l oggetto e andate in Render/Render To Texture. 2. Definite il file di destinazione dell immagine con Output all interno di General Settings. 3. Nella scheda Output fate clic sul pulsante Add per aggiungere la mappa Diffuse e portate la dimensione di mappa a 1024 punti. 4. Nella casella Target Map selezionate lo slot Diffuse Color Map. 5. All interno di Baked Material selezionate Output into Source. È necessario ora attivare il pulsante Render per iniziare il calcolo e avere l immagine salvata sul disco. In questo modo la mappa di rendering verrà applicata direttamente nello slot Diffuse con dimensione e posizione corrette. Questa operazione serve per avere una base su cui lavorare per la distribuzione delle aree bagnate. Aprendo la mappa appena creata con un programma di fotoritocco quale Photoshop è possibile creare un nuovo layer e segnare in bianco le zone asciutte e in nero quelle bagnate. Non è importante rispettare i bordi dell oggetto poiché la mappa viene applicata automaticamente da 3ds Max. L ultima operazione da effettuare è di inserire il materiale composto appena creato all interno di un materiale Top/Bottom. In questo modo si evitano le striature lungo i bordi dell oggetto. Nella parte superiore del materiale Top/Bottom si trascina il materiale Blend che contiene i materiali asciutto/bagnato, mentre nella parte inferiore si inserisce il materiale da attribuire ai bordi. Il risultato di questa operazione è visibile nella Figura

12 396 Capitolo 14 Figura Le macchie riflettenti simulano il bagnato. Intonaco Il materiale dei pilastri è un semplice bianco di intonaco. Per simulare questo materiale scegliamo un materiale della libreria di mental ray, sempre Arch & Design (Mi), scegliendo però il preset Matte Finish che conferisce una colorazione diffusa priva di bagliori. Per arricchire il materiale possiamo aggiungere una mappa di tipo Stucco all interno della mappa Diffuse. La dimensione di tale mappa dovrebbe essere portata a 0.02 e la differenza tra i due colori all interno di Stucco dovrebbe essere blanda. L aggiunta di questa mappa serve solo a dare un poco di vibrazione e di grana al bianco, che altrimenti apparirebbe eccessivamente piatto. Metalli Anche per i metalli utilizzeremo un preset dei materiali Arch & Design (Mi) di mental ray. In questo caso l effetto voluto è di metallo satinato e il preset Satined Metal è piuttosto efficace. Per dare un poco di rugosità al materiale, influenzandone anche il riflesso, aggiungiamo una mappa Dent all interno dello slot Bump. I valori da inserire sono: Bump 0.1 e, all interno di Dent, il valore Size=0.02 e Strenght=10 (Figura 14.12). Figura Il metallo di Arch & Design.

13 L immagine di copertina 397 Vetri I vetri di mental ray sono veramente una novità che fa risparmiare molto tempo. All interno dei template dei materiali per l architettura di mental ray sono presenti infatti vetri per lastre, vetri solidi per oggetti e vetri traslucidi. I vetri per lastre (Thin) sono davvero ottimi e possono essere usati così come sono. Un accortezza: se nel calcolo del rendering dovessero apparire artifici quali del nero nei punti di sovrapposizione delle lastre, è bene ritoccare il valore di estrusione e portarlo a zero. In questo modo viene corretto l errore che appare nella Figura Altrimenti per ovviare al difetto è necessario attivare la casella Back Face Culling contenuta all interno di Advanced Transparency Options nel Material Editor. Figura La correzione dell errore di Thin Glass. Acqua L acqua è un materiale che pone sempre qualche difficoltà. Normalmente i risultati migliori si ottengono con la sinergia di un oggetto modellato con un qualche increspatura e un buon materiale di supporto. In realtà con i nuovi materiali di mental ray anche le difficoltà relative alla modellazione e al rendering dell acqua sono notevolmente diminuite. Con il materiale contenuto all interno degli oramai ben noti materiali per l architettura di mental ray si possono ottenere dei risultati ottimi in breve tempo. Anche se il materiale appare subito soddisfacente, è bene apportare alcune modifiche. Per prima cosa è necessario selezionare il materiale Water, Reflective Surface all interno dei materiali per l architettura. Questo materiale non è trasparente e pertanto è utile aggiungere trasparenza all oggetto semplicemente agendo sul parametro Transparency all interno di Refraction, portandolo da 0 a Una modifica ulteriore riguarda la scala delle onde che si trova all interno dello slot Bump, con il nome di Ocean (Lume). Per avere buoni

14 398 Capitolo 14 risultati è opportuno ridurre drasticamente la scala delle onde e portare la lunghezza maggiore delle onde (largest) da 20 a 0.5 (le grandi), e da 1 a 0.05 (le piccole). Il parametro Quantity regola il numero di onde e per gli specchi d acqua è bene tenersi su valori bassi: 1.5 può essere un buon compromesso. Nella Figura che segue è possibile vedere la differenza tra un acqua con valore Quantity 1 (a sinistra) e 10 (a destra). Figura Diversi valori di Quantity: 1 a sinistra, 10 a destra. Nell immagine notturna di cui parleremo in seguito sarà opportuno dare un poco di illuminazione artificiale al materiale dell acqua. Sarà necessario quindi intervenire sul parametro Self Illumination (Glow) del materiale. Le impostazioni di rendering Per questo rendering, il cui scopo è dimostrare come sia semplice e rapido ottenere delle immagini di buona qualità con 3ds Max e gli ausili di mental ray, utilizzeremo delle impostazioni che consentono di contenere significativamente i tempi di calcolo. Per prima cosa, è superfluo dirlo, è necessario impostare mental ray come motore di rendering. Successivamente, all interno della scheda di Indirect Illumination sceglieremo il solo Final Gather, tramite il pulsante Enable Final Gather. All interno della voce Preset scegliete le impostazioni Low, che offrono comunque una buona qualità. Volendo è possibile aumentare la qualità di Final Gather, tenendo presente che ciò comporta un aumento dei tempi di calcolo. Un ulteriore settaggio da modificare è il tipo di filtro, all interno di Render/Renderer. Il filtro è normalmente impostato su Box, mentre un filtro Mitchell 4 4 offre risultati certamente migliori. Un ulteriore parametro da tenere sotto controllo è Samples per Pixel. Questo parametro condiziona fortemente i tempi di rendering. Un buon compromesso è quello che prevede un minimo di 1 campione per ogni pixel come valore minimo e di 4 campioni per pixel come valore massimo. Un consiglio è di contenere al minimo i Samples per Pixel nelle immagini di prova e di incrementare questo valore solo nei reder definitivi.

15 L immagine di copertina 399 Luci Per l illuminazione prevediamo due distinte ambientazioni: una illuminazione naturale per l immagine diurna e un set di luci artificiali per l immagine notturna. La prima è più semplice in termini di risorse e di impostazioni, mentre la seconda richiede un tempo di calcolo e di settaggio più elevato. Luce naturale Nell ambientazione che esaminiamo, un esterno con luce naturale, utilizziamo il setup più semplice e immediato: mrsky+mrsun. Per prima cosa localizziamo l edificio tramite la funzione Create/ Systems/Daylight. Con il pulsante Get Location indicate nella mappa la posizione geografica dell intervento. Di seguito inserite trascinando la rosa dei venti in una posizione qualsiasi della finestra Top. A questo punto viene creato un assembly composto da un oggetto luce e da un oggetto cielo. La posizione dei due elementi solidali può essere variata tramite il pulsante Setup, impostando ora e data, oppure manualmente tramite il pulsante Manual. All interno del pannello Modify, dopo aver selezionato la luce appena creata, attuate le seguenti modifiche: in Daylight Parameters, all interno della tendina scegliete la voce mrsun; all interno di Skylight scegliete mrsky. Dopo aver impostato il cielo come mr- Sky, viene solitamente visualizzato un messaggio di avviso in cui si chiede se al cielo mrsky si vuole abbinare automaticamente la mappa ambientale Mr Physical Sky. Rispondete positivamente al messaggio di avviso. Ora è possibile spostare il congiunto sole e cielo manualmente o tramite il pannello di modifica di data e ora. La modifica della posizione del sole altera l aspetto generale della scena, non solo nella quantità di luce ma anche nella colorazione data dalla luce ambiente. Le ombre da far portare al sole sono di tipo raytrace, poiché garantiscono accuratezza e definizione senza essere troppo pesanti in termini di calcolo. Prima di lanciare il rendering bisogna essere sicuri di aver impostato il controllo dell esposizione, senza il quale è complicato tarare la corretta illuminazione. Per impostare l Exposure Control bisogna andare in Render/Environment/Exposure Control e impostare Mr Photographic Exposure Control. Al suo interno impostate il preset Physically Based Lighting, Outdoor Daylight, Clear Sky. Se necessario, abbassate il valore Exposure Value (EV) per bilanciare la corretta illuminazione, aiutandovi con il pulsante Preview. L utilizzo di mrsun e mrsky, in congiunzione con l illuminazione indiretta di Final Gather e del controllo fotografico dell esposizio-

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open IMPORTAZIONE DA AUTOCAD A ILLUSTRATOR Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open Impostare come Tipo file Autocad drawing.dwg L importazione di file.dwg permette di definire la scala di rappresentazione

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA. CAD Solutions. Ver. 1.

Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA. CAD Solutions. Ver. 1. DOCFA Plug-in Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA CAD Solutions www.progecad.com Ver. 1.0 P a g i n a 2 P a g i n a 3 Indice Indice...

Dettagli

Corso di Gioielleria con

Corso di Gioielleria con Corso di Gioielleria con Modellazione Anello Polpo con Aurelio Perugini Modellazione anello Polpo Pag. 1 Modellazione Anello Polpo Chi utilizza Rhinoceros da qualche tempo si sarà reso conto che, nonostante

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Un nuovo metodo di elaborazione per rappresentazioni tecniche del modello ancora più realistiche

Un nuovo metodo di elaborazione per rappresentazioni tecniche del modello ancora più realistiche Visualizzazione: immagini con linee nascoste e ombre Un nuovo metodo di elaborazione per rappresentazioni tecniche del modello ancora più realistiche Sempre più spesso i committenti e i responsabili del

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012

Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012 Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012 Indice 1 Introduzione... 5 1.1 Campi di applicazione... 6 1.2 Caratteristiche principali... 6 2 Informazione tecnica... 7 2.1 Requisisti raccomandati... 8 2.2 Scheda

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza 6 CAPITOLO 6 Colore e trasparenza... Fireworks offre un'ampia gamma di opzioni per la scelta dei colori di un grafico. Si possono usare i campioni di colore predefiniti per conservare quanto più possibile

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

3.0 DATA CENTER. PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi. www.sigmasport.com

3.0 DATA CENTER. PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi. www.sigmasport.com DATA CENTER PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi 3.0 Indice 1 Premessa...3 2 DATA CENTER 3...4 2.1 Utilizzo dei dispositivi SIGMA con DATA CENTER 3....4 2.2 Requisiti di sistema....4 2.2.1 Computer

Dettagli

1.1 Guida rapida. Collegamento del PC a Vivo 30/40 con cavi. [ Quick guide Vivo 30/40 PC Software Help v4.01]

1.1 Guida rapida. Collegamento del PC a Vivo 30/40 con cavi. [ Quick guide Vivo 30/40 PC Software Help v4.01] [ Quick guide Vivo 30/40 PC Software Help v4.01] 1.1 Guida rapida Il software per PC di Vivo 30/40 è uno strumento di supporto per l'utilizzo del ventilatore Breas Vivo 30/40 e il follow-up del trattamento

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

ADOBE PREMIERE ELEMENTS. Guida ed esercitazioni

ADOBE PREMIERE ELEMENTS. Guida ed esercitazioni ADOBE PREMIERE ELEMENTS Guida ed esercitazioni Novità Novità di Adobe Premiere Elements 13 Adobe Premiere Elements 13 offre nuove funzioni e miglioramenti che facilitano la creazione di filmati d impatto.

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

MANUALE. GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8

MANUALE. GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8 MANUALE GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8 GW64-8 consente in modo molto semplice e veloce di definire il Livello prestazionale

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Oscurare le facce nei video:

Oscurare le facce nei video: Oscurare le facce nei video: Maschere Questo mini howto e' stato scritto per preservare l'anonimato delle persone durante le manifestazioni. Questo tipo di documentazione viene prodotta in seguito ad svariate

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro ElEvata sicurezza - Catenaccio laterale

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli