ITM srl - Informatica Telematica Meridionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITM srl - Informatica Telematica Meridionale"

Transcript

1 ITM srl - Informatica Telematica Meridionale Programma Operativo Regionale (POR) Misura 3.17 ITM Sistema Informatico, di supporto per la valutazione dell impatto ambientale preventivo sulla qualità dell aria regionale da parte di nuovi insediamenti produttivi o di servizio Direzione Scientifica: Prof. G. Barone Progettazione Esecutiva, Direzione Tecnica, Coordinamento Operativo: Ing. M. Gallo ATS: ITM Dipartimento di Chimica Federico II

2 ITM srl Informatica Telematica Meridionale STAFF SVILUPPO & TEST: - Luca Di Liberto (Dedicato) - Salvio Torina (Dedicato) - Ciro Cennamo - Valerio Vassallucci SISTEMISTI : - Massimo Brandi - Adele Licandro - Enzo Sepe GESTIONE OPERATIVA: - Vincenzo Di Carlo - Anna Maria Filomena - Enrico Nasti Collaborazioni Esterne SVILUPPO SOFTWARE: - GENIOMAN (Roma) - GEOTEC (Nocera) RILEVAZIONI MOBILI: - CERTITEC - SISTEMA SERVIZI LIBRERIE HW: - SMART SERVER IBM: - ITC GESTIONE AMMINISTRATIVA: - Rossana De Cicco 2 di 30

3 Descrizione del Progetto Dimostrazione della concreta capacità di simulare le conseguenze delle emissioni complessive o per settori definiti (industria, servizi, traffico) oppure per l installazione di nuovi impianti (emissione, trasformazione e ricaduta al suolo di inquinanti da sorgenti locali puntiformi). È sufficiente modificare, con opportuni coefficienti, alcuni o tutti i parametri i dati di emissione forniti dal modulo reale EMEP per valutare i benefici (o i peggioramenti) che si otterrebbero da dette variazioni. E possibile esplicitare l andamento quantitativo di un gran numero di inquinanti a concentrazioni molto più basse di quelli delle sostanze che sono state considerate esplicitamente nel corso di questo studio. E già possibile attualmente calcolare le concentrazioni di altri inquinanti non presi in considerazioni nelle simulazioni effettuate (benzene, BTX, SO2, ecc). 3 di 30

4 Output Output Programma Operativo Regionale Misura 3.17 Workflow delle applicazioni del progetto Modello Meteo Regionale Applicato alla Regione Campania Realizzazione di un sistema numerico a mesoscala per le previsioni climatiche. Con script ad Hoc di configurazione e automazione per l elaborazione. Modello di Dispersione e Reazione degli inquinanti Scenari di simulazione Realizzazione di un sistema a multiscala configurato per la simulazione di scenari di dispersione e reazione degli inquinanti. Sistema di Rendering Visualizzazione grafica dei risultati Realizzazione di un sistema di rendering per la visualizzazione dei dati scientifici terrestri ottenuti dalla simulazione. 4 di 30

5 Modulo 1: Modello Meteo Regionale applicato sulla Regione Campania INPUT: Dati Meteo forniti da dss.ucar.edu Script ad Hoc di configurazione e aggregazione dati di input Script di automazione ad Hoc per l esecuzione sequenziale dei moduli di pre-elaborazione e di elaborazione previsti dal modello. Domini di simulazione elaborati: Dominio 1: EUROPA Dominio 2: ITALIA Dominio 3: CAMPANIA OUTPUT: File Meteo prodotti dal Modello. Uno per ogni dominio di simulazione 5 di 30

6 Modulo 1: Download dei dati Meteo INPUT: Dati Meteo forniti da dss.ucar.edu FILTRI DI RICERCA Script di automazione ad Hoc per il recupero dei dati con autoimpostazione dei filtri sul database per i dati meteo regionali Registrazione e Log sul sito Impostazione filtri sul Database relativi allo scenario da simulare Recupero dello script Perl per il download dei dati 6 di 30

7 Modulo 1: Conversione dei dati scaricati Script ad Hoc di conversione formato per i dati di input Dati in formato FNL Dati in formato GFS Conversione Il formato originale scaricato direttamente dal database dss attraverso lo script di recupero dati. Il formato di input necessario al Modello Meteo per le elaborazioni. 7 di 30

8 Modulo 1: Esecuzione del Modello Meteo Dati Meteo in formato GFS Pacchetto con i moduli Software relativi al Modello Meteo Regionale Script di automazione ad Hoc per l esecuzione sequenziale dei moduli di pre-elaborazione e di elaborazione previsti dal modello. Elaborazione Elaborazione dei moduli: Data di inizio simulazione e numero di ore totali Coordinate della regione e dei domini di interesse (Default) Parametri di configurazione dei singoli moduli (Default) Moduli di Pre-Elaborazione Moduli di Elaborazione File Meteo Dominio Campania File Meteo Dominio Italia File Meteo Dominio Europa 8 di 30

9 Modulo 1: Esempi di File Meteo Prodotti Archivio File Meteo Dimensione File Meteo: Dominio 1 -> 11 Gb Circa Dominio 2 -> 10.5 Gb Circa Dominio 3 -> 6 Gb Circa NB: Le singole elaborazioni a 3 domini (D1, D2, D3), calcolano un numero di giorni variabile. Tipicamente ogni simulazione rappresenta 1 settimana. 9 di 30

10 OUTPUT Programma Operativo Regionale Misura 3.17 Modulo 2: Modello di Dispersione e Reazione degli inquinanti File Meteo Prodotti dal Modello Meteo Regionale Dati di INPUT Strumento ad Hoc per l inserimento dei dati EMEP Dati degli inventari di emissione dell EMEP Modello di Dispersione e Reazione degli inquinanti Configurazione della domain list: Europa Italia Campania Elaborazione Simulazione dello scenario di dispersione e reazione degli inquinanti nei 3 domini di interesse. File di emissione in formato: NETCDF 10 di 30

11 Modulo 2: Download dei dati di emissione Emep Download dei dati di emissioni degli inquinanti liberamente accessibili direttamente dagli inventari dell EMEP Sito ufficiale: FILTRI DI RICERCA Accesso agli inventari emission data Selezione dei dati attreverso vari filtraggi sul database. Download del file list relativo ai dati di emissione richiesti 11 di 30

12 Modulo 2: Strumenti per la configurazione dei dati per il Modello File List di Emissioni EMEP Eventuale alterazione dei dati EMEP Script di Pre-Elaborazione dei dati per il caricamento degli inquinanti nel Modello Pre-elaborazione dei dati per predisporli all elaborazione Extract NOx... Extract PM10... Extract O3... Extract CO... Ecc 12 di 30

13 Modulo 2: Alterazione delle emissioni Input alterati permettono di ottenere risultati alterati (non reali) File di Emissioni EMEP Script per l alterazione dei File di Emissioni I valori di tutti gli inquinanti vengono alterati per un fattore moltiplicativo costante, in modo da ottenere scenari di inquinamento particolari (non reali) per un confronto e un ulteriore analisi dei risultati. Resto della procedura 13 di 30

14 Modulo 2: Definizione della Domain List Lista di definizione dei domini di elaborazione per il Modello Domain List Lista dei domini Scelta della risoluzione spaziale dei singoli domini Dominio 1: EUROPA Maglia circa 40x40 Km Dominio 2: ITALIA Maglia circa 15x15 Km Dominio 3: CAMPANIA Maglia circa 4x4 Km Domain NX NY DX DY XMIN YMIN L L L di 30

15 Modulo 2: Strumenti per l inserimento dei dati nel Modello Domain List Coordinate dei domini File di emissione Nel formato Pre-Elaborato Script di inserimento degli inquinanti nel Modello Dominio 1 Dominio 2 Dominio 3 Un esecuzione per ogni dominio specificato nella Domain List Directory contenete i 3 file di output, uno per ciascun dominio. 15 di 30

16 Modulo 2: Elaborazione scenari di inquinamento File di configurazione: Tipo di input Giorni da elaborare Selezione dei domini Modello di Dispersione e Reazione degli inquinanti Elaborazione: Dominio 1 NESTING Dominio 2 NESTING Dominio 3 Ogni dominio elaborato permette di definire le condizioni a contorno del dominio successivo File Output: NETCDF Dominio 1 NETCDF Dominio 2 NETCDF Dominio 3 16 di 30

17 Modulo 2: File di Output Nomenclatura File Output: Data di Inizio Scenario Data di Fine Scenario Dominio AAAAMMDD AAAAMMDD Organizzazione della directory contenente i file di output. Archivio Simulazioni Per Ogni simulazione: out.datainizio_datafine_01.nc out.datainizio_datafine_02.nc out.datainizio_datafine_03.nc 2,5 Gb 1,5 Gb 1,5 Gb 17 di 30

18 Modulo 2: Tipologia delle simulazioni elaborate Attraverso l alterazione dei parametri degli inquinanti nei file EMEP, è stato possibile ottenere scenari di simulazione alternativi a quelli del caso reale Archivio PAR 0 Risultati ottenuti con fattore moltiplicativo prossimo allo zero (valori di inquinamento trascurabili) Archivio Dati Reali Archivio PAR 2 Risultati ottenuti con fattore moltiplicativo pari a 2 (valori di inquinamento raddoppiati) NB: A causa delle reazioni chimiche tra gli inquinanti, valori di input alterati portano a risultati grafici completamente diversi 18 di 30

19 Modulo 2: Esempi di Scenari Prodotti Archivio Par 0 Archivio Dati Reali Archivio Par 2 Scenari prodotti hanno una durata variabile (in giorni) Spesso lo stesso Scenario è stato prodotto sia con Dati Reali, sia Par 0 Par 2 19 di 30

20 Tempi di esecuzione Esecuzione Modello per la produzione dei file Meteo Modello Meteo Regionale Applicato alla Regione Campania Esecuzione Modello per la produzione di Scenari Modello di Dispersione e Reazione degli inquinanti Scenari di simulazione 6 8 Giorni simulati sui 3 Domini Per ogni Scenario di 6 8 Giorni prodotto: 6 8 Giorni di simulati sui 3 Domini Ore Ore di Elaborazione Ore 20 di 30

21 OUTPUT Visualizzati Programma Operativo Regionale Misura 3.17 Modulo 3: Sistema cartografico e Rendering delle simulazioni NETCDF Script per la conversione del formato NetCDF Realizzazione dei file immagine con cadenza oraria Script per il Rendering dei Risultati Filtro Data e N Giorni Filtro inquinante Filtro Dominio Sistema di Rendering dei dati di simulazione OUTPUT Archiviati Script per la realizzazione dell archivio cartografico 21 di 30

22 Modulo 3: Conversione NetCDF Il Sistema di Rendering necessita in input che i dati NetCDF delle simulazioni rispettino uno specifico template Formato Output.nc NETCDF Script per la conversione del formato NetCDF Formato Input.grads NETCDF Formato output del Modello di Dispersione e Reazione degli inquinanti Conversione del Template Formato output compatibile per la Visualizzazione Grafica Generazione archivio: Directory dei dati disponibili alla produzione delle mappe. 22 di 30

23 Modulo 3: Rendering dei dati delle simulazioni I filtri è possibile configurarli tramite l editing diretto dello script, in caso contrario verranno usati valori di default. Inserimento dei valori temporali (tra quelli disponibili nell archivio) e del numero di giorni Script per il Rendering dei Risultati Gli strumenti messi a disposizione dal Sistema di Rendering, sono stati completamente integrati nello script, wrappando le funzionalità Immagini relative a CO Sistema di Rendering dei dati di simulazione Immagini relative a PM10 Immagini relative a O 3 Immagini relative a NO Immagini relative a NO 2 23 di 30

24 Modulo 3: Realizzazione del archivio cartografico Simulazione 1 Necessità di una banca dati in cui archiviare ed organizzare i dati delle simulazione effettuate nel tempo Rendering Immagini Script per la realizzazione del sistema cartografico Archiviazione Banca Dati Rendering Rendering Simulazione 2 Simulazione 3, 4, ecc Simulazione 24 di 30

25 Modulo 3: Struttura del Sistema cartografico (1 di 3) Script per la realizzazione del sistema cartografico Banca Dati Per ridurre lo spazio occupato, si è scelto di archiviare solo le immagini relative al terzo dominio di simulazione (Campania). Data di Inizio Simulazione Data di Fine Simulazione File Immagine (.JPEG) Dominio Inquinante Layer Day Hour AAAAMMDD AAAAMMDD CO PM10 NO NO2 O3 L1 L2 L3 XX XX 25 di 30

26 Modulo 3: Struttura del Sistema cartografico (2 di 3) Attraverso l alterazione dei parametri degli inquinanti nei file EMEP, è stato possibile ottenere scenari di simulazione alternativi a quelli del caso reale Banca Dati PAR 0 Banca Dati Dati Reali Banca Dati PAR 2 Data la enorme varietà dei grafici che è possibile ottenere, sono state effettuate scelte di archiviazione precise: Sono stati archiviati solo i file immagine relativi al Layer 1, quello più vicino al suolo (quasi livello del mare). Sono stati archiviati solo i File immagine relativi agli inquinanti: CO, NO, NO2, O3, PM di 30

27 Modulo 3: Struttura del Sistema cartografico (3 di 3) Banca Dati Sistema Cartografico strutturato a 2 livelli Sim 1 Sim 2 Sim 3 Sim 27 di 30

28 Materiale prodotto Sono state prodotte, per analisi e testing, mappe relative a 16 scenari con valori di inquinamento non alterati. Ogni scenario ha una durata media di 5 giorni di simulazione per un totale di 80 giorni simulati pari a 2000 ore. Per ogni giorno sono state prodotte mappe a cadenza oraria (24 mappe per giorno) relative a 5 inquinanti selezionati (CO, NO, NO2, O3, PM10). Tenendo in considerazione tutte le simulazioni dei vari scenari effettuate e le versioni con i valori di inquinamento alterati, è stato ottenuto come risultato, un numero di circa mappe grafiche prodotte. 28 di 30

29 Analisi effettuate Dalle analisi effettuate, si può ritenere che i dati forniti dagli Scenari sviluppati con le Metodologie e i Programmi presentati in questo Progetto, siano del tutto coerenti con le aspettative. Gli Scenari per altro mostrano l esistenza di dati di inquinamento spesso più accentuati di quelli misurati nelle città e che si presentano in particolare nelle aree della Regione dove non vi sono strumentazioni per il monitoraggio continuo dell inquinamento. Gli Scenari forniscono un quadro delle emissioni molto più dettagliato, non solo spaziale, ma anche nella sua evoluzione oraria nel corso delle singole giornate. Gli scenari infine tengono ben conto delle condizioni meteorologiche per cui i massimi più accentuati vengono riscontrati nei periodi secchi o poco ventosi, mentre tendono ad abbassarsi, nei giorni di pioggia e nelle ore più piovose. 29 di 30

30 Utilizzazioni possibili Considerando l attuale situazione carente della R.R, le Metodologie presentate in questo progetto, possono esercitare un valido ruolo di supplenza, purchè siano gestiti da personale a conoscenza del know-how necessario. Il sistema è inoltre facilmente configurabile per simulare scenari di inquinamento su qualsiasi zona geografica. Un altra capacità di analisi è rappresentata dalla possibilità di calcolare l inquinamento da polveri sottili e da sostanze gassose, previste dalle Normative di Legge, anche in aree non coperte dalla Rete Regionale di Centraline fisse, oltre alla possibilità di arricchirne le corrispondenti Banche dati a disposizione delle Autorità locali o di potenziali utenti. E possibile in principio non limitarsi a fare delle previsioni sull andamento degli inquinanti, anche locali, come è possibile già oggi, ma utilizzare gli strumenti anche per effettuare delle previsioni realistiche a breve termine (oggi/domani/dopodomani) sullo stato dell inquinamento atmosferico e della Qualità dell aria. 30 di 30

31 Esempi di Rendering prodotto (1 di 6) Inquinante: NO2 Data: 30/12/2010 Orario: Parametri Reali Parametri Alterati con fattore 2

32 Esempi di Rendering prodotto (2 di 6) Inquinante: NO2 Data: 30/12/2010 Orario: Parametri Reali Parametri Alterati con fattore 2

33 Esempi di Rendering prodotto (3 di 6) Inquinante: NO2 Data: 30/12/2010 Orario: Parametri Reali Parametri Alterati con fattore 2

34 Esempi di Rendering prodotto (4 di 6) Inquinante: CO Data: 17/12/2010 Orario: Parametri Reali Parametri Alterati con fattore 2

35 Esempi di Rendering prodotto (5 di 6) Inquinante: CO Data: 17/12/2010 Orario: Parametri Reali Parametri Alterati con fattore 2

36 Esempi di Rendering prodotto (6 di 6) Inquinante: CO Data: 17/12/2010 Orario: Parametri Reali Parametri Alterati con fattore 2

Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria

Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria La qualità dell'aria nell'agglomerato Torinese, Situazione e Prospettive, Torino 30 novembre 2011 ARPA Piemonte, su incarico del competente Settore

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Ing. Fabio Nussio STA

Ing. Fabio Nussio STA Il progetto HEAVEN, suoi risultati e sviluppi della catena Traffico-Ambiente a Roma Ing. Fabio Nussio STA La S.T.A. S.p.A. ha partecipato in qualità di co-ordinatore e in collaborazione con il Dip. X del

Dettagli

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Le attività svolte dai tre partners italiani del progetto CESAPO, l Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna 10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna Michele Stortini, Giovanni Bonafè, Marco Deserti, Simona Maccaferri, Enrico Minguzzi, Antonella Morgillo Centro Tematico Regionale

Dettagli

INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO:

INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO: INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO: CONFRONTO SIMULAZIONI/OSSERVAZIONI PER DIVERSE CONFIGURAZIONI DEL SISTEMA MODELLISTICO AMS-MINNI Massimo D Isidoro, Gino Briganti, Andrea Cappelletti, Mihaela Mircea ENEA

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana Contratto di Ricerca tra Comune di Brescia e Dipartimento di Elettronica per l Automazione (Università degli Studi di Brescia) Responsabile scientifico: prof. Giovanna Finzi Emissioni dei veicoli in autostrada

Dettagli

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale Il monitoraggio ambientale Qualità dell aria Obiettivo primario: garantire a tutto il territorio livelli di qualità dell aria compatibili con la salute umana e dell ambiente Il monitoraggio della qualità

Dettagli

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE Alessandro Bertello Rossella Prandi Sommario 1. Finalità dello studio 2. Aggiornamento inventario delle emissioni 3. Gli scenari emissivi

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

CALWin Gestione dei modelli CALMET CALPUFF

CALWin Gestione dei modelli CALMET CALPUFF CALWin Gestione dei modelli CALMET CALWin è un sistema di gestione modellistica, realizzato per ambiente MS Windows (da Windows 2000) e scritto interamente in italiano, che permette la gestione integrata

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Sistemi di analisi e previsione della qualità dell aria con la modellistica: esperienze in campo diagnostico e prognostico

Sistemi di analisi e previsione della qualità dell aria con la modellistica: esperienze in campo diagnostico e prognostico Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti Vercelli 24-27 Marzo 2009 Sistemi di analisi e previsione della qualità dell aria con la modellistica: esperienze in

Dettagli

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI 8 Congresso Nazionale CIRIAF Perugia, 5 aprile 2008 ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI Rossella Prandi A. Bertello, E. Bracco,

Dettagli

Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it. MMS Calpuff.

Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it. MMS Calpuff. Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it MMS Calpuff Manuale utente Aggiornamento 26/03/2015 Sommario 1. Introduzione... 4 1.1. Novità

Dettagli

Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore. Cireddu-Barbato

Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore. Cireddu-Barbato Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore Cireddu-Barbato Ruolo della modellista nella valutazione Cos è un modello degli impatti odorigeni Modelli matematici: Deterministici:

Dettagli

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente Aggiornamento 20/05/2013 Cod. SWUM_01029_it Sommario 1. Introduzione... 3 1.1. Il modello di calcolo applicato... 3 2. Requisiti

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl SOMMARIO 1 Premessa...3 2 Inquadramento dell area ed elaborazione dei dati orografici...5 3 Caratterizzazione meteorologica dell area ed elabo-razione dei dati meteo...8 4 Situazione di progetto... 12

Dettagli

Il sistema modellistico MINNI/GAINS-Italia a supporto della strategia nazionale per la qualità dell aria

Il sistema modellistico MINNI/GAINS-Italia a supporto della strategia nazionale per la qualità dell aria Il sistema modellistico MINNI/GAINS-Italia a supporto della strategia nazionale per la qualità dell aria Gabriele Zanini*, Alessandra Ciucci, Ilaria D Elia *ENEA, Responsabile Unità Tecnica Modelli, Metodi

Dettagli

Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari

Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari Autori P.Radice, T.Pittini, G.Calori, G.Tinarelli Riferimento ARIANET R2006.07 Febbraio 2006 ARIANET s.r.l. via Gilino,

Dettagli

Ecomondo Rimini Giovedì 6 novembre 2014. Relatore Valentina Zangrando StudioSMA Srl valentina@studiosma.it

Ecomondo Rimini Giovedì 6 novembre 2014. Relatore Valentina Zangrando StudioSMA Srl valentina@studiosma.it Mappatura delle emissioni odorigene: studio delle ricadute al suolo delle sostanze odorigene emesse presso lo stabilimento adibito alla produzione di Acetoncianidrina di Arkema Srl sito in Porto Marghera

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Pagina 1 di 286 INDICE INTRODUZIONE... 3 WP1 - PROGETTAZIONE DIREZIONE E COORDINAMENTO... 8 WP2 - SVILUPPO SISTEMA CALCOLO... 27 WP3 - IMPLEMENTAZIONE MODELLI... 35 WP4 -

Dettagli

16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE

16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE 16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE Ing. Elena Barbato Dott. Giacomo Cireddu RUOLO DELLA MODELLISTICA NELLA

Dettagli

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive ARPAT - Regionale Tutela Qualità dell Aria Dott.ssa Chiara Collaveri Dati IRSE 2007 Che cos è un inventario

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8

SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8 PROF. ARCH. EMANUELE SANTINI MARZO

Dettagli

Il Sistema INEMAR. Alessandro Marongiu

Il Sistema INEMAR. Alessandro Marongiu Il Sistema INEMAR Alessandro Marongiu ARPA Lombardia Settore Monitoraggi Ambientali Modellistica qualità dell'aria e inventari inemar@arpalombardia.it Obiettivi di questa sezione Inventari delle emissioni

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Smart IDEA Monitoraggio ambientale

Smart IDEA Monitoraggio ambientale Smart IDEA Monitoraggio ambientale Nel FabLab Frosinone Officine Giardino nasce Smart IDEA, un progetto di monitoraggio ambientale per poter creare una rete pubblica informata (Open Data) a tutela attiva

Dettagli

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS Scheda informativa Il Turbogas (ciclo combinato a gas) è la miglior tecnologia disponibile per produrre energia elettrica da combustibili fossili, ha alta efficienza e basso impatto ambientale. PRECISAZIONI

Dettagli

Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività.

Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività. Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività. La prima catena modellistica: SAFE_AIR II Nell'ambito di un progetto di

Dettagli

Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento atmosferico prodotto da attività portuali a Genova. e in altre città del Mediterraneo.

Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento atmosferico prodotto da attività portuali a Genova. e in altre città del Mediterraneo. Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento atmosferico prodotto da attività portuali a Genova e in altre città del Mediterraneo. Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento

Dettagli

2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico

2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico 2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico 2.1 Lo scenario emissivo BASE per il Nord Italia e l Emilia - Romagna I dati di emissione utilizzati come dati

Dettagli

ATTIVITA 5 Modellistica

ATTIVITA 5 Modellistica ATTIVITA 5 Modellistica qualità dell aria Giuseppe Maffeis Giampiero Malvasi consulenti ARPAV-ORAR ATTIVITA' 1 Stima delle emissioni in atmosfera ATTIVITA' 5 Modellistica qualità dell'aria ATTIVITA' 4

Dettagli

Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010. M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria

Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010. M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010 M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria Qualità dell Aria Inventario delle emissioni Inventario delle

Dettagli

Visualizzatore GIS delle emissioni in atmosfera

Visualizzatore GIS delle emissioni in atmosfera Visualizzatore GIS delle emissioni in atmosfera IREA Piemonte Il visualizzatore nasce nell'ambito del progetto finanziato nell ambito del programma "ALps COopertation TRAns-frontier. Obiettivo primario

Dettagli

Manuale utente ECS Web

Manuale utente ECS Web Manuale utente ECS Web Informazioni sul documento: Tipo documento: Redazione: Manuale utente Team Power S.r.l ECS-Manuale_utente.doc Pagina 1 di 60 INDICE 1. Avvio dell applicazione... 3 2. Autenticazione...

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE DI CAGLIARI CARBONIA-IGLESIAS MEDIO-CAMPIDANO

RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE DI CAGLIARI CARBONIA-IGLESIAS MEDIO-CAMPIDANO AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione Tecnico Scientifica Servizio Valutazione, Controlli e Monitoraggio Ambientale RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO URP on line MarketPlace del Lavoro RIUSO CAPITOLATO TECNICO R.U.P. Il SEGRETARIO GENERALE

COMUNE DI AVELLINO URP on line MarketPlace del Lavoro RIUSO CAPITOLATO TECNICO R.U.P. Il SEGRETARIO GENERALE COMUNE DI AVELLINO Procedura negoziata per la realizzazione delle personalizzazioni e dei servizi relativi agli applicativi di URP on line: Servizi per il Cittadino - MarketPlace del Lavoro: Servizi per

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO SVILUPPATO PER SIMULARE LA DISPERSIONE IN ATMOSFERA DI AERIFORMI, E PER LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI IN TERMINI DI TOSSICITA, INFIAMMABILITA E IMPATTO ODORIGENO.

Dettagli

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7.1 LA RETE REGIONALE ESISTENTE La Regione Emilia Romagna ha iniziato le attività di rilevamento sistematico della qualità dell aria nella prima metà degli

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI O INFIAMMABILI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI O INFIAMMABILI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO PER L ANALISI DELLE CONSEGUENZE IN ATMOSFERA DI RILASCI TOSSICI O INFIAMMABILI. È DOTATO DI UN INTERFACCIA GRAFICA CHE PERMETTE ALL UTENTE DI PREDISPORRE ED

Dettagli

Il modello DIMULA, sviluppato dall'enea (Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente), è inserito nei rapporti ISTISAN 90/32 ("Modelli per

Il modello DIMULA, sviluppato dall'enea (Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente), è inserito nei rapporti ISTISAN 90/32 (Modelli per IL MODELLO DIMULA Il modello DIMULA, sviluppato dall'enea (Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente), è inserito nei rapporti ISTISAN 90/32 ("Modelli per la progettazione e valutazione di una

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino Torino, 29 marzo 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia

Dettagli

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti al fine di individuarne

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DEL PARTICOLATO PM10 IN PROSSIMITA DELL AREA DI CANTIERE DELLA STAZIONE ALTA VELOCITA DI VIA DE CARRACCI BOLOGNA

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DEL PARTICOLATO PM10 IN PROSSIMITA DELL AREA DI CANTIERE DELLA STAZIONE ALTA VELOCITA DI VIA DE CARRACCI BOLOGNA Sezione Provinciale di Bologna Via F.Roccchi, 19 40138 Bologna Tel. 051/396211 Fax 051/342642 E-mail: sez@bo.arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Area S.O. Monitoraggio e Valutazione Aria CAMPAGNA DI

Dettagli

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014 Progetto: MODELLAZIONE PROGNOSTICA DEL TRASPORTO AEREO E DISPERSIONE INQUINANTI DALLE EMISSIONI Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15

Dettagli

Manuale Utente per le aziende

Manuale Utente per le aziende Pilotaggio dell'irrigazione a Scala Aziendale e Consortile Assistito da Satellite-IRRISAT PSR Campania 2007/2013 MISURA 124 Manuale Utente per le aziende www.irrisat.it progetto realizzato con il co-finanziamento

Dettagli

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Elisabetta Angelino U.O. Modellistica Atmosferica

Dettagli

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008)

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008) STRUTTURA COMPLESSA 11 DIPARTIMENTO DI NOVARA Struttura Semplice SS 11.2 Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 28) Redazione

Dettagli

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente della tutela del

Dettagli

Criteri per l elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia elettrica a biomasse. D.G.R. n. 362 del 26 marzo 2012

Criteri per l elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia elettrica a biomasse. D.G.R. n. 362 del 26 marzo 2012 Criteri per l elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia elettrica a biomasse D.G.R. n. 362 del 26 marzo 2012 Katia Raffaelli Regione Emilia-Romagna Servizio Risanamento

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

Per dimostrare i benefici della citylogistics in presenza di condizioni favorevoli per farla decollare, abbiamo deciso di costruire un modello di

Per dimostrare i benefici della citylogistics in presenza di condizioni favorevoli per farla decollare, abbiamo deciso di costruire un modello di Per dimostrare i benefici della citylogistics in presenza di condizioni favorevoli per farla decollare, abbiamo deciso di costruire un modello di simulazione con l aiuto della società Flexcon di Torino

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

Comitato di pilotaggio Genova, 04 03 2011

Comitato di pilotaggio Genova, 04 03 2011 Programma di cooperazione transfrontaliera Italia /Francia Marittimo Programma cofinanziato con il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2009-2013 Università degli Studi di Genova DICAT Comitato di pilotaggio

Dettagli

Dipartimento Provinciale ARPAV di Padova Via Ospedale, 22 35121 Padova Italy Tel. +39 049 8227801 Fax +39 049 8227810 e-mail: dappd@arpa.veneto.

Dipartimento Provinciale ARPAV di Padova Via Ospedale, 22 35121 Padova Italy Tel. +39 049 8227801 Fax +39 049 8227810 e-mail: dappd@arpa.veneto. Dipartimento Provinciale ARPAV di Padova Via Ospedale, 22 35121 Padova Italy Tel. +39 49 822781 Fax +39 49 822781 e-mail: dappd@arpa.veneto.it Servizio Osservatorio Aria Via Lissa, 6 3171 Venezia Mestre

Dettagli

Antonio Piersanti, Alessandro Nanni, Camillo Silibello, Paola Radice ARIANET s.r.l. - Milano. XIV Expert Panel Traffico Stradale Venezia, 16-10-2008

Antonio Piersanti, Alessandro Nanni, Camillo Silibello, Paola Radice ARIANET s.r.l. - Milano. XIV Expert Panel Traffico Stradale Venezia, 16-10-2008 Calcolo di emissioni da traffico e simulazione di dispersione degli inquinanti in atmosfera nell ambito delle attività di monitoraggio del Passante di Mestre Antonio Piersanti, Alessandro Nanni, Camillo

Dettagli

Il Sistema Informativo Territoriale del Comune di Siena

Il Sistema Informativo Territoriale del Comune di Siena Il Sistema Informativo Territoriale del Comune di Siena Osservatorio della mobilità: registrazione e statistica incidenti 1 IL SIT DEL COMUNE DI SIENA assolve alle seguenti funzioni: 1. gestisce, nell

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando

L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando in questo modo origine al fenomeno dell inquinamento

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro MobilityManager La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti

Dettagli

Presentazione del software

Presentazione del software Presentazione del software Giuseppe Maffeis, Daniele Roncolato, Roberta Gianfreda, Giorgio Fedeli via M. Gioia 132, 20125 Milano tel: 02.8708.5650, fax: 02.9737.6569 Sito: www.co20.it, E-mail: co20@terraria.com

Dettagli

Introduzione allo studio sulla pericolosità meteorologica a scala nazionale: la sensibilità del mercato assicurativo ai

Introduzione allo studio sulla pericolosità meteorologica a scala nazionale: la sensibilità del mercato assicurativo ai Introduzione allo studio sulla pericolosità meteorologica a scala nazionale: la sensibilità del mercato assicurativo ai danni da eventi atmosferici Ronchi Romina Milano, 1 Giugno 2011 CONTENUTI Lo studio

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Verona Via Massalongo Periodo di attuazione: 06/09/2010 20/09/2010 RELAZIONE TECNICA 1 Realizzato a cura di: A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale

Dettagli

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1 I Sistemi Informativi Geografici Laboratorio GIS 1 Sistema Informativo Geografico Strumento computerizzato che permette di posizionare ed analizzare oggetti ed eventi che esistono e si verificano sulla

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Regione Liguria Dipartimento Ambiente Patrizia Costi Settore aria clima e ciclo integrato dei rifiuti INDICE Accesso alle informazioni

Dettagli

3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D

3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D 3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D La base di partenza per la creazione del mondo virtuale è l aerofotogrammetria e/o I rilievi fotografici con scansioni laser. Il prodotto così ottenuto, è lo

Dettagli

Realizzazione di un prototipo di un software web based per la gestione di un inventario comunale

Realizzazione di un prototipo di un software web based per la gestione di un inventario comunale tesi di laurea inventario comunale Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ch.mo Ing. Luigi Pontillo candidato Michele Vitelli Matr. 534 2170 Redazione dell Inventario

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Briefing Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Luglio 2009 I leader del G8 a L Aquila hanno l opportunità di dare impulso all economia e all occupazione

Dettagli

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica APPLICAZIONE DI UN MODELLO GAUSSIANO IBRIDO AD UN SITO INDUSTRIALE CARATTERIZZATO DA OROGRAFIA COMPLESSA. Bruno Bove, Anna Maria Crisci, Lucia Mangiamele, Mario Scarciolla, Lucilla Ticconi Italia Agenzia

Dettagli

Architetture software per la diagnostica remota

Architetture software per la diagnostica remota Architetture software per la diagnostica remota Convegno A.I.MAN. 16 marzo 2005 CASC Banca d Italia, Roma a cura di: Federico Gulletta -1- Monitoraggio e Diagnostica Remota Fattori Chiave a breve termine:

Dettagli

ANALISI UTILIZZO D USO DEL PORTALE SMART

ANALISI UTILIZZO D USO DEL PORTALE SMART Data stesura: 29.11.2 Ultimo aggiornamento :..2 Statistiche aggiornate al: 3..2 Redatto da: Paolo Perugini (p.perugini@provincia.livorno.it) Ufficio: S.I.T. Provincia di Livorno ANALISI UTILIZZO D USO

Dettagli

Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione

Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione Stefano Zauli Sajani, Stefano Marchesi Centro Tematico Regionale Ambiente e Salute ARPA Emilia- Romagna Applicazione di modelli Nell ambito

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

OpenStreetMap. la mappa libera. @EduardNatale #OpenStreetMap #LinuxDay2014

OpenStreetMap. la mappa libera. @EduardNatale #OpenStreetMap #LinuxDay2014 OpenStreetMap la mappa libera @EduardNatale #OpenStreetMap #LinuxDay2014 2 3 4 Una mappa, non un layer Semplice, uso Google Maps! Creo una mappa Posiziono i marker La condivido In realtà non ho creato

Dettagli

ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO LOTTO 3

ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO LOTTO 3 - Direzione Amministrativa - Direzione Tecnico Scientifica Settore N. 7 Tecnico Scientifico ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO LOTTO 3 PROCEDURA APERTA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE PER LA RETE

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

Software sviluppati dal Centro Funzionale per la gestione, l archiviazione e l elaborazione dei prodotti utilizzati

Software sviluppati dal Centro Funzionale per la gestione, l archiviazione e l elaborazione dei prodotti utilizzati CEntro funzionale per la previsione meteorologica e il monitoraggio MeteoPluvioIDrometrico e delle frane Settore Programmazione Interventi di Protezione Civile sul Territorio Regione Campania Software

Dettagli

SmsMeteo. Sistema per la gestione di allarmi dall'analisi dei dati delle precipitazioni meteorologiche. Bolzano, 6 ottobre 2006

SmsMeteo. Sistema per la gestione di allarmi dall'analisi dei dati delle precipitazioni meteorologiche. Bolzano, 6 ottobre 2006 SmsMeteo Sistema per la gestione di allarmi dall'analisi dei dati delle precipitazioni meteorologiche Bolzano, 6 ottobre 2006 Guido Brugnara Markus Neteler La nostra sede presso il Polo tecnologico di

Dettagli