Corso di Elaborazione numerica dei segnali II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Elaborazione numerica dei segnali II"

Transcript

1 Corso di Elaborazione numerica dei segnali II Ing. Laura Pierucci Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni V.S.Marta Firenze

2 Informazioni sul corso Materiali del corso: Libri: K. R. Rao, Z.S.Bojkovic,D.A.Milovanovic: Multimedia communication Systems: Techniques and Standards and Networks Prentice Hall, T. P. Barnwell III, K. Nayebi, C. H. Richerdson: Speech coding. John Wiley & Sons, T. W. Parsons: Voice and speech processing. Mc Graw- Hill, Appunti (vostri), queste slide in PowerPoint (mie) e articoli relativi alle lezioni Sito WWW : Ricevimento: Martedi ore presso il laboratorio CNIT PIN Prato 2

3 3 Programma del corso: Parte 1: Introduzione alle tecniche di codifica dei segnali PCM, PCM adattativo, PCM non uniforme, algoritmo di Max-Lloyd, DPCM, DPCM adattativo. Parte 2: Codifica di segnali vocali Linear Predictive Coding (LPC), codificatori puramente parametrici, stima e quantizzazione dei parametri LPC, algoritmo di Levinson-Durbin, Long Term Prediction (LTP), codificatori Adaptive Predictive Coding, Noise Feedback Coding, codificatori Analysis-by-Synthesis (MPE,RPE,CELP)

4 4 Programma del corso: Parte 3: Codifica di segnali audio la famiglia di codificatori MPEG audio, modelli psicoacustici, MPEG-2,MPEG-4 Parte 4: Codifica di immagini lo standard JPEG, la trasformata DCT, modalità sequenziale, progressiva, lossless e gerarchica di JPEG.

5 Programma del corso: Parte 5: Codifica di sequenze video: codificatori ibridi, stima e compensazione del moto, lo standard H.261, lo standard MPEG video Parte 6: Cenni al trasporto audio/video su Internet, su reti Wireless, mobili e broadcasting. 5

6 6 Ringraziamenti Questi lucidi sono in parte una selezione di lavori ricavati ed elaborati da..internet.

7 7 Comunicazioni Multimediali Comunicazioni audio (telefonia, audio broadcasting ) Comunicazioni dati, testo,immagini (trasferimento dati, fax ) Comunicazioni Multimediali Comunicazioni video (video-telefonia, TV/HDTV )

8 Multimedia Audio Compressione, Sintesi, Suono 3D Multimedia Testo Linguaggio naturale, traduzione Video/Immagini Compressione, grafici, Database indexing/retrieval 8

9 Multimedia L'integrazione di testo, grafica, immagini fisse, sequenze filmate, animazioni, suoni e ogni altro tipo di informazione mediale che può essere rappresentata, memorizzata, trasmessa e processata digitalmente Le prestazioni raggiunte dagli elaboratori elettronici, unitamente al loro volume ridotto, al basso consumo e al costo modesto dei componenti, consentono di espandere l'interazione uomo-macchina. Dalla tradizionale "interfaccia a carattere", si è quindi passati ad un'interfaccia multisensoriale che presenta l'informazione non solo sotto forma di testi, ma anche con immagini fisse, con filmati video e con commenti audio. L'informazione multimediale deve però essere sottoposta a un processo detto di compressione, attraverso il quale viene ridotto il numero di bit necessario per codificarla. La compressione è necessaria, specialmente nel caso dell'audio, delle immagini e dei video filmati, sia per ridurre l'occupazione di memoria e i tempi di trasferimento tra le diverse unità della stazione ricevente, sia per adeguare la larghezza di banda con quella disponibile sulle reti di telecomunicazione. Un dispositivo quale il CD-ROM, ad esempio, disponendo di una capacità di 648 MByte e, nella versione 1, di un transfer rate di circa 180 KByte/s, è in grado di memorizzare e riprodurre poco più di 60 minuti di audio stereo, campionato a 44.1 KHz con 16 bit di risoluzione (infatti 16 x 44.1 KHz x 2 = 1411 Kbit/s = 176 KByte/s). 9

10 Standard per la compressione dei segnali Audio Voce Video Immagini Criteri soggettivi Criteri oggettivi Tipo di applicazione Tipo di rete 10

11 11 Criteri soggettivi La figura seguente riporta la qualita' soggettiva (indice MOS) dei diversi tipi di codificatori in funzione del bit rate MOS= Mean opinion scores

12 12 Diversamente da quanto accade per il solo testo, il flusso di dati binario generato dalla conversione in digitale dell'audio, delle immagini e ancor più dei filmati video, necessita di ingenti capacità di memoria per essere archiviato, e di una larghezza di banda estremamente elevata sia per il trasferimento tra i diversi componenti della stazione multimediale, sia per la trasmissione su rete di telecomunicazione. Il processo di compressione consente però di ridurre le dimensioni del flusso di dati binario richiesto dall'informazione multimediale. Per quanto riguarda il testo e le immagini, poiché questi media hanno un estensione solo spaziale e non temporale, il vantaggio più immediato introdotto dalla compressione è la riduzione dell'occupazione di memoria. Tuttavia, anche la riduzione dei tempi di attesa necessari per completare il trasferimento di testo e immagini rappresenta un beneficio importante, soprattutto quando queste informazioni sono distribuite su rete di calcolatori. L'interattività, ad esempio diviene possibile solo se testo e immagini sono visualizzati sulla stazione ricevente in tempi quasi istantanei. Diverso è invece il discorso per l'audio e i filmati video: l'audio, infatti ha un estensione temporale, mentre i filmati video hanno un estensione sia spaziale che temporale. In questo caso il tempo di trasferimento diviene un fattore critico. La larghezza di banda della rete di telecomunicazione deve essere tale da poter garantire un trasferimento in "tempo reale". La larghezza di banda disponibile è però, nella stragrande maggioranza dei casi, inferiore a quella necessaria, soprattutto per quanto riguarda le reti di telecomunicazioni. In questo caso, il trasferimento di audio e filmati video in "tempo reale" può avvenire solo se con la compressione il transfer rate viene ridotto a valori minori della larghezza di banda disponibile.

13 COMPRESSIONE Codifica dell'informazione digitale Una generica operazione di codifica è una trasformazione di un flusso di dati binario, chiamato messaggio sorgente, in un nuovo flusso di dati binario, chiamato messaggio codificato. Sia il messaggio sorgente che il messaggio codificato sono rappresentati dai simboli di un opportuno alfabeto. La compressione è una particolare operazione di codifica, nella quale l'obiettivo è quello di generare un messaggio codificato che abbia una dimensione minore del messaggio sorgente. Compressione lossless e compressione lossy. Nel caso in cui dall'informazione compressa (cioè dal messaggio codificato) è possibile ricostruire esattamente l'informazione originale (cioè il messaggio sorgente), la compressione è reversibile e si parla allora di compressione lossless. In caso contrario, ovvero se dall'informazione compressa non è più possibile ricostruire esattamente l'informazione originale, la compressione è irreversibile e si parla allora di compressione lossy. Nella compressione lossy viene codificata una quantità minore di informazioni e questo permette di ottenere rapporti di compressione nettamente maggiori rispetto a quelli che si hanno con la compressione lossless. D'altra parte, la perdita di dettagli che si ha con la compressione lossy può non essere percettibile. 13

14 Codifica del segnale vocale Codificatori Forma d onda Ottima qualità Alto bit -rate (22,33,64 kb/s Parametrici Vocoder intelliggibilità Bit-rate basso (fino a 2kb/s) ibridi Buona qualità Bit-rate basso (5-13 kb/s) 14

15 CODIFICATORI: 15

16 16 PCM-Pulse Code Modulation E essenzialmente un tipo di conversione analogico digitale in cui l informazione contenuta nel campione di un segnale analogico viene quantizzata e rappresentata attraverso parole di codice digitali organizzate in un flusso di dati binari

17 PCM Molto diffusa Circuiteria digitale a basso costo Segnali PCM derivanti da tutti i tipi di sorgenti analogiche possono essere multiplati con sg. dati e essere tx su un unica rete Prestazioni del sistema numerico nei confronti del rumore possono essere superiori a quelle dell analogico Necessità di banda più larga di quella del segnale analogico (svantaggio) 17

18 18 PCM s(t) LP Campiona mento e tenuta s(n) Quantizza zione ^s(n) codificatore canale Decodifi catore ^s(n) LP Canale ideale non introduce errori

19 Campionamento: Campionare un segnale continuo x(t) significa estrarre dal segnale stesso i valori che esso assume a multipli dell intervallo T ( periodo di campionamento) in teoria puo' non introdurre distorsione sul segnale Quantizzazione: Ad ogni campione è associato un livello di quantizzazione (ampiezza) introduce comunque un errore (errore di quantizzazione) Codifica: Il valore di ogni campione quantizzato viene codificato in una parola binaria.il codice Gray viene usato perchè associa parole che differiscono per un bit a livelli di quantizzazione adiacenti 19

20 20 Quantizzazione uniforme Nella quantizzazione uniforme con N livelli gli intervalli di decisione x1 xn+1 hanno tutti la stessa ampiezza, e tutte le uscite dal quantizzatore sono i punti di mezzo di questi intervalli di quantizzazione e sono spaziati uniformemente: si+1 - si = i = 2, 3,..., N-1 Si ^ -Si-1= ^ i=2, N Q. MID-TREAD S(n) ^ 000 /2 /2 Livelli di quant Livellididecisione S(n)

21 21 Il range d ampiezza del segnale è diviso in N intervalli dagli N+1 livelli di decisione (s 1,s 2 s N+1 ). Le possibili uscite del quantiz. (I livelli del quant.) sono denotati ^ ^. S1 SN 1=inf ^ S1 S2 S2 ^ S3 S3 ^ S4 S4 ^ S5 S5 ^ S6 S6 ^ S7 S7 ^ S8 S8 ^ S9=inf Range del quantizzatore

22 22 Quantizzazione non uniforme Se la distribuzione delle ampiezze del segnale non è limitata all'intervallo di quantizzazione, si può avere saturazione del quantizzatore, e il rapporto segnale-rumore, con quantizzazione uniforme, viene a dipendere dalla potenza del segnale da quantizzare. Per ovviare a tale inconveniente, e mantenere costante il rapporto segnale-rumore per un'ampia dinamica del segnale di ingresso, si utilizza una legge di quantizzazione logaritmica, ottenuta ponendo in cascata un dispositivo di compressione ("compander") e un quantizzatore uniforme. In tal modo, si ha una maggior densità di livelli di quantizzazione per valori bassi di potenza del segnale.

23 Quantizzazione 23

24 µ-law e A-law e codifiche µ-law e A-law realizzano le specifiche contenute ella raccomandazione G.711 del Comité Consultatif Internationale de élégraphique et Téléphonique (CCITT).La codifica µ-law è in uso in ord America e Giappone; la codifica A-law è invece in uso in Europa. l tasso di campionamento è di 8000 campioni/sec, che funziona molto ene sulle frequenze della voce (che arrivano a 3-4 khz). La uantizzazione è di natura logaritmica con 8 bit per campione. l bitrate per queste codifiche è di 64 kbps (8000 campioni/sec 8 it/campione ). a quantizzazione logaritmica con 8 bit consente di raggiungere una amma dinamica pari a quella ottenuta con una quantizzazione lineare bit. Infatti, la quantizzazione logaritmica non opera una paziatura uniforme sulla gamma dinamica, ma i campioni di ampiezza ebole vengono quantizzati con maggiore accuratezza dei campioni di mpiezza forte. 24

25 25 Quantizzazione non uniforme Companding PCM

26 26 Quantizzazione ottima (non uniforme)

27 Quantizzazione ottima 27

28 Quantizzazione ottima 28

29 Quantizzazione ottima 29

30 ADAPTIVE PCM/A-PCM Quantizzazione adattativa. La scelta del passo di un quantizzatore uniforme deve soddisfare a due esigenze che sono in conflitto tra loro: da una parte il passo dovrebbe essere sufficientemente elevato perché il quantizzatore sia in grado di seguire le escursioni massimedel segnaledaquantizzare, dall'altradovrebbe essere piccolo in modo da rendere piccolo l'errore di quantizzazione. Un modo di risolvere questo problema è quello di usare un quantizzatore non uniforme che tenga in conto che la potenza del segnale può subire spesso delle variazioni anche forti (ad esempio, il segnale vocale varia notevolmente la sua energia passando da segmenti vocalizzati a segmenti non vocalizzati). Un altro modo possibile di affrontare il problema è quello di fare in modo che il quantizzatore modifichi i suoi parametri così da adeguarsi alle caratteristiche del segnale entrante. Questa è l'idea base della quantizzazione adattativa : di fare in modo che i livelli del quantizzatore si modifichino al variare dell'energia del segnale da quantizzare. 30

31 31 A-PCM ui il quantizzatore è fisso, mentre il sso di quantizzazione è variabile l tempo e si adatta alla forma del gnale. Un modo possibile di operare adattamento è rendere il passo l quantizzatore uniforme oporzionale alla deviazione andard (cioè alla radice quadrata ll'energia) del segnale entrante. E munque necessario effettuare una ima dei parametri del segnale da antizzare, e comunicare questa ima ad un dispositivo che oduce (n).inoltre si deve tx al cevitore (n). FEED-FORWARD ADAPTIVE PCM

32 A-PCM Lo schema del quantizzatore adattativo può essere modificato facendo sì che la stima dell'energia del segnale all'ingresso sia fatta sulla base del segnale già quantizzato. Così facendo si ha il notevole vantaggio che non è più necessario trasmettere (n) perché tale sequenza può essere ricostruita sulla base del segnale ricevuto. In compenso, lo svantaggio di questo schema è che gli errori di trasmissione implicano la presenza di errori sia nei campioni ricevuti che in (n): si ha perciò una maggior sensibilità agli errori di trasmissione. FEEDBACK ADAPTIVE PCM 32

33 33 Differential PCM Quantizzazione predittiva. (DPCM) Nella quantizzazione uniforme l'errore di quantizzazione ha una potenza che cresce con l'energia del segnale da quantizzare. Pertanto, se si riuscisse, tramite un'opportuna trasformazione, di inviare al quantizzatore un segnale che, mantenendo tutta l'informazione del segnale {s(n)}, abbia un'energia inferiore a quella del segnale originario, ci sarebbe da aspettarsi che la potenza del rumore di quantizzazione ne sia diminuita. Per ottenere questo risultato si sfrutta il fatto che sovente (come è il caso del segnale vocale) {s(n)} presenta una forte correlazione tra i campioni adiacenti: questo significa che, in media, il segnale non varia bruscamente il suo livello da un campione a quello successivo, e dunque la differenza tra campioni adiacenti dovrebbe avere una varianza minore che il segnale stesso.

34 34 DPCM (differential PCM) Consiste nel tx con modalità PCM la differenza tra s(n) e una sua previsione A ( z ) P = a z i i= 1 i

35 ADPCM Anche nel caso DPCM si puo rendere adattativo il passo di 35

La compressione audio

La compressione audio Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Compressione del Segnale (Audio)

Compressione del Segnale (Audio) Compressione del Segnale (Audio) Carlo Caini e Alessandro Vanelli Coralli Argomenti della Presentazione Introduzione Perché comprimere Come comprimere Esempi di Algoritmi di compressione Codifiche predittive

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

Codifica Musicale (Standard MPEG)

Codifica Musicale (Standard MPEG) Codifica Musicale (Standard MPEG) Ing. Francesco Benedetto - Prof. Gaetano Giunta Corso di Elaborazione Numerica dei Segnali Dipartimento di Elettronica Applicata Università degli Studi Roma Tre 1 Il segnale

Dettagli

Tecniche per la Comunicazione Multimediale

Tecniche per la Comunicazione Multimediale Tecniche per la Comunicazione Multimediale Dott. C. Micheloni Dipartimento di Matematica ed Informatica Università di Udine INTRODUZIONE AL CORSO Come contattare il docente E-mail: christian.micheloni@dimi.uniud.it

Dettagli

Gli audio suoni sono deti anche segnali acustici e sono quelli udibili dall orecchio umano

Gli audio suoni sono deti anche segnali acustici e sono quelli udibili dall orecchio umano L AUDIO 1. Cos e il suono 2. frequenza 3. Ampitude 4. Percezione del suono e Psicoacustica 5. rappresentazione digitale delle informazioni audio 6. Campionamento e quantizzazione 7. Teorema di Nisquit

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2004/05 Blocco 3 Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Le sorgenti di traffico in una rete di TLC 2 Tipi di flussi di informazione Messaggi

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

Università degli Studi di Palermo. Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica. Informatica per la Storia dell Arte

Università degli Studi di Palermo. Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica. Informatica per la Storia dell Arte Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce La compressione

Dettagli

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare.

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare. Il Suono Digitale Capitolo 3 - Formati e standard digitali dei file audio Il formato Wave, Wave 64, AIFF pag 1 Il Transfert Rate pag 4 Il formato mp3 pag 5 Il trasferimento di file tramite Internet pag

Dettagli

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali 01.02 - streaming Introduzione alla compressione e allo streaming Maurizio Maffi ISTI Informa1on Science and Technology

Dettagli

Lezione 8: La rappresentazione dell informazione Multimediale Suoni e Video Venerdi 6 Novembre 2009

Lezione 8: La rappresentazione dell informazione Multimediale Suoni e Video Venerdi 6 Novembre 2009 Università di Salerno Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Ingegneria Meccanica & Ingegneria Gestionale Mat. Pari Docente : Ing. Secondulfo Giovanni Anno Accademico 2009-2010 Lezione 8: La

Dettagli

Contenuti. Corso di Laboratorio di Multimedialità. Programma del corso. Programma del corso

Contenuti. Corso di Laboratorio di Multimedialità. Programma del corso. Programma del corso Corso di Laboratorio di Multimedialità Anno Accademico 2002-2003 Docente: Claudio Sacchi PARTE 1: INTRODUZIONE AL CORSO E RIEPILOGO DEI CONCETTI DI BASE Contenuti Programma del corso ed articolazione delle

Dettagli

) *!' " * +! #"#, ( -. - ( 0 0 00. - #

) *!'  * +! ##, ( -. - ( 0 0 00. - # ! " $% & ' ( ) *!' " * +! ", ( -. - /. - 0 0( ( ) $% * ++! " * +, ( -. - ( 0 0 00. - / 12! ) 1 1 3 /4**' $% * 3* 0 5 6 0!56" * 7'! "( - $% ' /. - 0560, 8 * 56 *, * 9$, $% 0560 :+; * " 3 *' $% ' /*, '(

Dettagli

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO:

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: nel processo di digitalizzazione che permette di convertire un segnale analogico in modo da poterlo elaborare con dispositivi numerici di calcolo, si operano due

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Compressive Video

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Compressive Video RETI INTERNET MULTIMEDIALI Compressive Video Introduzione I formati di compressione per contenuti audio e video intruducono nuovi elementi per aumentare il rapporto di codifica Codifica nello spazio e

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI

TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI COMPRESSIONE DATI La compressione produce una rappresentazione più compatta delle informazioni è come se si usassero meno parole per dire la stessa cosa in modo diverso. Esistono

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI

CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI Vantaggi delle tecniche di comunicazione digitali Schema a blocchi generale sintetico di un sistema di TLC digitale La codifica di sorgente

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 3 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Le sorgenti di traffico in una rete di TLC 2 Tipi di flussi di informazione

Dettagli

Codifica delle Informazioni

Codifica delle Informazioni Codifica delle Informazioni Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Panoramica Le informazioni gestite dai sistemi di elaborazione devono essere codificate

Dettagli

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14 Componenti multimediali per il Web Modulo 14 Obiettivi Valutare e usare strumenti di utilità e produzione grafica anche animata per inserire e modificare componenti multimediali (immagini, immagini animate,

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Lezione 9: Video(II) Informatica e Produzione Multimediale. Docente: Umberto Castellani

Lezione 9: Video(II) Informatica e Produzione Multimediale. Docente: Umberto Castellani Lezione 9: Video(II) Informatica e Produzione Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione al video Formati video Analogici digitali Il Moving picture Expert group (MPEG) Editing video

Dettagli

Sistemi digitali di telecomunicazioni.

Sistemi digitali di telecomunicazioni. Sistemi digitali di telecomunicazioni. 1. Dall'analogico al digitale I segnali di tipo vocale, che sono stati i primi segnali ad essere utilizzati nei sistemi di telecomunicazioni, sono segnali analogici,

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Compressive Video Motion JPEG, Digital Video, H.261, H.263 Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris e dal Prof. Vittorio

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Testo di rif.to: [Congiu] - 1.2 (pg. 17 22) -1.h Rappresentazione delle informazioni Testi Immagini Suoni Video Testi: : lo standard ASCII 1 American Standard Code for Information Interchange 7 bit, 2

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica Cosa abbiamo visto : Rappresentazione binaria Codifica dei numeri (interi positivi, interi con segno, razionali.) Cosa vedremo oggi: Codifica dei caratteri,codifica delle immagini,compressione

Dettagli

La rappresentazione dell informazione

La rappresentazione dell informazione La rappresentazione dell informazione Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. 2 del testo C (Console, Ribaudo): 2.3, 2.4 Parte II La codifica dei dati multimediali I caratteri alfanumerici non costituiscono

Dettagli

PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN PROTOTIPO PER LA COMUNICAZIONE SICURA ATTRAVERSO IL CANALE GSM-VOCE

PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN PROTOTIPO PER LA COMUNICAZIONE SICURA ATTRAVERSO IL CANALE GSM-VOCE PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN PROTOTIPO PER LA COMUNICAZIONE SICURA ATTRAVERSO IL CANALE GSM-VOCE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea di: Gianluigi Biancucci Relatore:

Dettagli

Codifiche a lunghezza variabile

Codifiche a lunghezza variabile Sistemi Multimediali Codifiche a lunghezza variabile Marco Gribaudo marcog@di.unito.it, gribaudo@elet.polimi.it Assegnazione del codice Come visto in precedenza, per poter memorizzare o trasmettere un

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte

Informatica per la Storia dell Arte Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Rappresentazione

Dettagli

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani Lezione 8: Suono (1) Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione al suono Rappresentazione del suono Elaborazione digitale Standard MIDI Sintesi del suono Parlato (Speech)

Dettagli

Come si misura la memoria di un calcolatore?

Come si misura la memoria di un calcolatore? Come si misura la memoria di un calcolatore? Definizione Il byte è definito come unità di misura di memoria. I multipli del byte sono: KiloByte (KB) - 1 KB = 2 10 byte = 1024 byte MegaByte (MB) - 1 MB

Dettagli

La rappresentazione dell informazione. La codifica dei dati multimediali. Sommario

La rappresentazione dell informazione. La codifica dei dati multimediali. Sommario La rappresentazione dell informazione Su questa parte vi fornirò dispense Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. 2 del testo C (Console, Ribaudo): 2.3, 2.4 Parte II La codifica dei dati multimediali

Dettagli

Software di compressione

Software di compressione Software di compressione di Giulia Giacon 1 Di cosa stiamo parlando? Si tratta di software applicativi in grado di comprimere e di decomprimere un file. 1. La quantità di bit necessari alla rappresentazione

Dettagli

Codifica Video MPEG. Ing. Francesco Benedetto - Prof. Gaetano Giunta. Laboratorio di Telecomunicazioni (COMLAB) Università degli Studi Roma Tre

Codifica Video MPEG. Ing. Francesco Benedetto - Prof. Gaetano Giunta. Laboratorio di Telecomunicazioni (COMLAB) Università degli Studi Roma Tre Codifica Video MPEG Ing. Francesco Benedetto - Prof. Gaetano Giunta Laboratorio di Telecomunicazioni (COMLAB) Università degli Studi Roma Tre 1 Perché comprimere Si supponga di voler trasmettere 30 fotografie

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Lezione 3 Gestione di immagini ed audio

Lezione 3 Gestione di immagini ed audio Lezione 3 Gestione di immagini ed audio Pasquale Savino ISTI - CNR Gestione delle immagini Lezione 3 Gestione immagini ed audio 2 Acquisizione Acquisizione Le immagini possono essere acquisite utilizzando

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Gli esercizi devono essere risolti solo sui fogli dei colori indicati Per esiti e soluzioni si veda il sito web del corso:

Dettagli

Programmazione per il Web

Programmazione per il Web Programmazione per il Web a.a. 2006/2007 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-web/prog-web0607.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Questa dispensa

Dettagli

Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE. Informazione e Codifica. Informazione e Codifica. Regole. Principio di Composizione

Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE. Informazione e Codifica. Informazione e Codifica. Regole. Principio di Composizione 2 Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE Informatica per le Discipline Umanistiche Informazione e Codifica Informazione e Codifica 3 4 il numero dieci I0 10 de il numero dieci de

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

Codifica dei caratteri (ASCII)

Codifica dei caratteri (ASCII) Codifica dei caratteri (ASCII) I caratteri di un testo vengono codificati tramite sequenze di bit, utilizzando un codice di traduzione. Quello più usato è il codice ASCII (American Standard Code for Information

Dettagli

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Davide Quaglia a.a. 2006/2007 1 Sommario Architettura di riferimento Classificazione per funzionalità

Dettagli

Flussi Multimediali. Introduzione

Flussi Multimediali. Introduzione Flussi Multimediali 1 Introduzione Film digitali, video clip e musica stanno diventando un modo sempre più comune di presentare l informazione e l intrattenimento per mezzo del computer I file audio e

Dettagli

VideoStreaming su IP

VideoStreaming su IP VideoStreaming su IP Anno Accademico 2007/2008 Agenda Principi di video Streaming Come prevenire gli errori e come mascherarli Appendice Come si realizza la codifica/decodifca Protocollidirete Overview

Dettagli

ATTIVITÀ DI STAGE PRESSO STMICROELECTRONICS

ATTIVITÀ DI STAGE PRESSO STMICROELECTRONICS ATTIVITÀ DI STAGE PRESSO STMICROELECTRONICS Argomento: Durata: Titolo: Scalable Video Coding 6 mesi Studio e sviluppo di un algoritmo di Constant Bit-Rate Control per la codifica video scalabile secondo

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

Indica la velocità con cui una sorgente numerica emette i bit Per un canale di comunicazione i ne precisa la capacità trasmissiva Si misura in bit/s

Indica la velocità con cui una sorgente numerica emette i bit Per un canale di comunicazione i ne precisa la capacità trasmissiva Si misura in bit/s Precisiamo i innanzitutto it tt DUE NOZIONI 1. Banda a livello 1 2. Bit rate (frequenza di cifra) BANDA (LIVELLO FISICO) È riferita al dominio delle frequenze Si misura in Hz Banda di un segnale Banda

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori ma si stanno diffondendo sempre di più applicazioni che utilizzano ed elaborano anche altri tipi di informazione:

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

TEORIA DEI SEGNALI. Introduzione. La Comunicazione

TEORIA DEI SEGNALI. Introduzione. La Comunicazione TEORIA DEI SEGNALI Introduzione L obiettivo principale di un servizio di telecomunicazione è il trasferimento dell'informazione emessa da una sorgente agli utenti cui è destinata, nell'ambito di una particolare

Dettagli

Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali

Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 263 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/~liberali

Dettagli

Multimedia. Tecnologie di distribuzione. Problemi. Parte VI. Sistemi Multimedia

Multimedia. Tecnologie di distribuzione. Problemi. Parte VI. Sistemi Multimedia Multimedia Parte VI Sistemi Multimedia Materiali multimediali: Letteralmente più di un medium (es. testo e immagini) Tipicamente filmati con audio (digital video) Modalità di distribuzione e fruizione:

Dettagli

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Info Sito del corso: http://home.dei.polimi.it/amigoni/informaticab.html Nicola Basilico, nicola.basilico@gmail.com Problema Abbiamo informazioni

Dettagli

Che cosa è, come funziona: Advanced Video Coding (AVC - H.264): Il prossimo futuro

Che cosa è, come funziona: Advanced Video Coding (AVC - H.264): Il prossimo futuro ing. Marzio Barbero e ing. Natasha Shpuza Che cosa è, come funziona: Advanced Video Coding (AVC - H.264): Il prossimo futuro Parte I Fig. 1 - Il Joint Video Team comprende esperti di MPEG e dell'itu- T

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI Spesso si rende utile utilizzare un applicazione per verificare il tipo di dati video e audio utilizzati per la compressione video o per analizzare il file video se non riusciamo a visualizzarlo nel nostro

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

QUANTIZZAZIONE diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale quantizzazione

QUANTIZZAZIONE diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale quantizzazione QUANTIZZAZIONE Di seguito lo schema che illustra le diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale. Dopo aver trattato la fase di campionamento, occupiamoci ora della quantizzazione.

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Rappresentazione digitale

Rappresentazione digitale I BIT POSSONO RAPPRESENTARE TUTTO Tutta l informazione interna ad un computer è codificata con sequenze di due soli simboli : 0 e 1 è facile realizzare dispositivi elettronici che discriminano fra due

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Elaborazione dei segnali 1 Sommario Elaborazione del segnale Sistemi lineari tempo invarianti (LTI), tempocontinui e tempo-discreti Analisi di Fourier

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI Pag. 1 di 6 Docente: Materia insegnamento: Telecomunicazioni Dipartimento: Elettronica Classe Anno scolastico: 1 Livello di partenza (test di ingresso, livelli rilevati) Verifica formativa attuata nel

Dettagli

C M A P M IONAM A E M NT N O

C M A P M IONAM A E M NT N O IMMAGINE DIGITALE Nelle immagini digitali, il contenuto fotografico (radiometria) viene registrato sotto forma di numeri. Si giunge a tale rappresentazione (RASTER) suddividendo l immagine fotografica

Dettagli

Rappresentazione delle immagini

Rappresentazione delle immagini Rappresentazione delle immagini Le immagini sono informazioni continue in tre dimensioni: due spaziali ed una colorimetrica. Per codificarle occorre operare tre discretizzazioni. Due discretizzazioni spaziali

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Introduzione. Ing. Gianmaria De Tommasi A.A. 2008/09. Controllo Digitale. Introduzione. Sommario. Informazioni sul corso.

Introduzione. Ing. Gianmaria De Tommasi A.A. 2008/09. Controllo Digitale. Introduzione. Sommario. Informazioni sul corso. Controllo Ing. Gianmaria De Tommasi A.A. 2008/09 1 2 di un sistema di controllo digitale Segnali tempo continuo e segnali tempo discreto Metodologie di progetto di sistemi di controllo digitali Alcune

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Informatica. Rappresentazione binaria Per esempio +101010000 diventa +0.10101 10 18/10/2007. Introduzione ai sistemi informatici 1

Informatica. Rappresentazione binaria Per esempio +101010000 diventa +0.10101 10 18/10/2007. Introduzione ai sistemi informatici 1 Informatica Pietro Storniolo storniolo@csai.unipa.it http://www.pa.icar.cnr.it/storniolo/info200708 Numeri razionali Cifre più significative: : sono le cifre associate ai pesi maggiori per i numeri maggiori

Dettagli

TRATTAMENTO E COMPRESSIONE DI DATI MULTIMEDIALI (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, SSD: ING-INF/05, CFU:5) Prof.

TRATTAMENTO E COMPRESSIONE DI DATI MULTIMEDIALI (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, SSD: ING-INF/05, CFU:5) Prof. TRATTAMENTO E COMPRESSIONE DI DATI MULTIMEDIALI (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, SSD: ING-INF/05, CFU:5) Prof. Edoardo Ardizzone Il corso si propone di integrare le conoscenze degli allievi

Dettagli

Claude Shannon. La teoria dell informazione. La comunicazione 22/02/2012. La base dei modelli comunicativi. Claude Shannon e Warren Weaver

Claude Shannon. La teoria dell informazione. La comunicazione 22/02/2012. La base dei modelli comunicativi. Claude Shannon e Warren Weaver Lez. 2 La teoria dell informazione La culla dell informatica La base dei modelli comunicativi Alla base di tutti i modelli della comunicazione ci sono 2 differenti impianti: Shannon e Weaver Roman Jakobson

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA DI UN FILE MEDIANTE ANALISI SPETTROGRAFICA 2D

IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA DI UN FILE MEDIANTE ANALISI SPETTROGRAFICA 2D IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA DI UN FILE MEDIANTE ANALISI SPETTROGRAFICA 2D a cura del Mar. Ord. Giuseppe Finizia - Sezione Telematica - Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Roma versione

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. VoIP (Voice over IP), Videoconferenza. Servizi multimediali e VoIP. Prof.

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. VoIP (Voice over IP), Videoconferenza. Servizi multimediali e VoIP. Prof. Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.5 Voce e Video su IP Prof. Raffaele Bolla Telematica 2 Servizi multimediali e VoIP! I servizi multimediali

Dettagli

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Multimedia Audio Editing. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Multimedia Audio Editing. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Multimedia Audio Editing Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Multimedia Modulo 1 Audio Editing. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Codici di Linea e Sincronizzazione Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/36 Codici di linea - I I segnali in logica

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Disributed Internet Internet Lab - http://www.disit.org/ Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Sistemi di Elaborazione delle Informazioni - Metodologia della Ricerca applicata

Dettagli

Cenni alla compressione delle immagini

Cenni alla compressione delle immagini Cenni alla compressione delle immagini Introduzione Buona parte delle informazione viene veicolata sotto forma di immagini Le immagini vengono gestite dai calcolatori come una matrice di digital picture

Dettagli

I formati dei file immagine

I formati dei file immagine I formati dei file immagine Le immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori I vettori sono segmenti definti da un punto

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

Codifica video. Il video digitale. Sistemi Multimediali. Il video digitale. Il video digitale. Il video digitale.

Codifica video. Il video digitale. Sistemi Multimediali. Il video digitale. Il video digitale. Il video digitale. Sistemi Multimediali Codifica video La definizione di video digitale corrisponde alla codifica numerica di un segnale video. Esso eredita numerosissimi concetti dal video analogico, e li trasporta in digitale.

Dettagli

1 - I segnali analogici e digitali

1 - I segnali analogici e digitali 1 1 - I segnali analogici e digitali Segnali analogici Un segnale analogico può essere rappresentato mediante una funzione del tempo che gode delle seguenti caratteristiche: 1) la funzione è definita per

Dettagli

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA INTRODUZIONE È denominata Architettura di rete un insieme di livelli e protocolli. Le reti sono organizzate gerarchicamente in livelli, ciascuno dei quali interagisce

Dettagli