anno VIII - numero 36 - febbraio / marzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anno VIII - numero 36 - febbraio / marzo 2014 - www.rivistapaginauno.it"

Transcript

1 anno VIII - numero 36 - febbraio / marzo anno VIII - numero 39 - ottobre / novembre

2

3 DIRETTORE EDITORIALE Giovanna Cracco GLI AUTORI DI QUESTO NUMERO Iacopo Adami Matteo Luca Andriola Giovanna Baer Felice Bonalumi Raffaella Brioschi Augusto Q. Bruni Sabrina Campolongo Giuseppe Ciarallo Andrea Cocci Davide Corbetta Domenico Corrado Giovanna Cracco Antonello Cresti Renato Curcio Milton Rogas Chiara Vimercati Le collaborazioni a questa rivista sono a titolo gratuito. Tutti i testi, salvo diversamente indicato, sono soggetti a licenza Creative Commons Attribuzione, Non commerciale, Non opere derivate, 2.5 Italia. I testi proposti per un'eventuale pubblicazione non vengono restituiti e vanno inviati a: IN COPERTINA Illustrazione di Roberto Cracco Chiuso in redazione il 10 settembre anno VIII numero 39 ottobre / novembre 2014 pubblicazione bimestrale (5 numeri annuali) prezzo di copertina 8,00 euro autorizzazione tribunale di Monza n. 1429, registro periodici, del 13/12/1999 SOCIETÀ EDITRICE McNelly s.r.l. Via A. Villa 44 - Vedano al Lambro (MB) DIRETTORE RESPONSABILE Valter Pozzi SEGRETARIA DI REDAZIONE Giusy Mancinelli PROGETTO GRAFICO Paginauno ABBONAMENTO ANNUALE ordinario 35,00 euro sostenitore 50,00 euro c/c postale n intestato Valter Pozzi b/b IBAN: IT 41 V NUMERI ARRETRATI Per ricevere i numeri arretrati scrivere a: STAMPA Finsol s.r.l. via Prenestina Nuova 301/C3, Palestrina (RM) -

4 In questo numero La sinistra e l Unione europea, storia di una resa: dalla netta opposizione all impianto liberista dei trattati istitutivi al definitivo ripudio della propria cultura politica; oggi, che fare? Italia, competitività e salari: i dati scomodi che gli analisti tacciono per far quadrare le loro ricette economiche. Il fallimento della normativa anticorruzione: il caso Mose e l inefficacia della legge quando la dazione ambientale diventa Sistema. Polo industriale brindisino, il ricatto salute-lavoro: inquinamento e tumori in cambio di un salario. Expo 2015 e lavoro gratuito: la campagna di boicottaggio del centro sociale Sos Fornace di Rho. La propaganda del merito : tra tagli e slogan, il cortocircuito degli avanzamenti di carriera nella pubblica amministrazione. La crisi ucraina: il ruolo dei movimenti neofascisti sulle barricate dell Euromaidan. E ancora: la caccia alle streghe del senatore McCarthy nell America della guerra fredda, John Wilkes e la libertà di stampa, recensioni di romanzi, saggi e film, e la copertina di Roberto Cracco. 4

5 SOMMARIO _ RESTITUZIONE PROSPETTICA pag. 6 L'Europa vista da sinistra di Giovanna Cracco _ POLEMOS pag. 12 Il rigore per gli altri di Giovanna Baer _ L'INTERVENTO pag. 18 Polo industriale brindisino: il pane e la morte di Renato Curcio _ INCHIESTA pag. 26 Il caso Mose e il fallimento della normativa anticorruzione di Davide Corbetta _ (DIS)ORIENTAMENTI pag. 36 L'Euromaidan e i camerati nazifascisti di Kiev di Matteo Luca Andriola _ DURA LEX pag. 46 Pubblica amministrazione: il 'merito' tra concorsi, propaganda e tagli di Chiara Vimercati _ A PROPOSITO DI... pag. 50 Galeotto fu lo sguardo comunista di Giuseppe Ciarallo _ FILO-LOGICO pag. 60 John Wilkes di Felice Bonalumi _ INTERVISTA pag. 64 Andrea Papoff e Gianluca Rubini (Centro sociale SOS FORNACE). Expo 2015: boicottare il lavoro gratuito di Domenico Corrado _ BUONE NUOVE pag. 70 La solitudine del sottoproletariato francese Recensione de Il caso Eddy Bellegueule, Édouard Louis di Sabrina Campolongo _ IN LIBRERIA narrativa pag. 76 Come cerchi nell'acqua, William McIlvanney (G. Ciarallo) Dove nessuno ti troverà, Alicia Giménez-Bartlett (R. Brioschi) Paura, Stefan Zweig (Milton Rogas) _ IN LIBRERIA saggistica pag. 77 Democrazia cercasi, Stefano G. Azzarà (A. Cresti) I dannati della metropoli, Andrea Staid (I. Adami) Il pane e la morte, Renato Curcio (G. Cracco) _ LE INSOLITE NOTE pag. 78 Dave Douglas Mountain Passages di Augusto Q. Bruni _ ZONA FRANCA pag. 84 Tetsu, Shinya Tsukamoto Precious, Lee Daniels Scott Pilgrim vs. The World, Edgar Wright di Andrea Cocci 5

6 RESTITUZIONE PROSPETTICA di Giovanna Cracco L Europa vista da sinistra L approccio comunicativo della propaganda europea è divenuto caldo con temi che puntano alla sfera emotiva e irrazionale Quando i toni della propaganda sfiorano, anzi invadono, il campo del ridicolo, ricordando quelli del Cinegiornale Luce al punto da domandarsi chi possa crederci, se il popolo sia davvero così bue o se lo creda tale solo la classe dirigente significa che c è un problema. Talmente serio da far venir meno la consueta sicurezza e lasciar trasparire una insolita coda di paglia: Informare, non influenzare recita la scritta finale degli spot Rai sull Europa in onda da aprile scorso. La costruzione stessa dei video promozionali, l abbondanza di enfasi, i simboli e i valori richiamati, danno la misura di quanto sia temuto il dissenso dei cittadini verso la Ue non perché abbia un potere effettivo, ma perché sapientemente cavalcato da alcuni partiti per ottenere voti alle ultime elezioni europee. C è dunque bisogno di agire sull immaginario collettivo, costruire un mito, una narrazione epica dell Unione, aspetto fino a oggi trascurato dalla classe dominante. Si può dire che se finora l approccio comunicativo della propaganda europea è stato freddo principalmente argomenti economici, volti a sottolineare razionalmente la convenienza, e l ineluttabilità, di una Ue ora è divenuto caldo, con temi che puntano alla sfera emotiva e irrazionale: gli spot evocano i milioni di morti delle due guerre mondiali e legano la nascita dell Unione a sessant anni di prosperità e democrazia ma soprattutto di pace ; richiamano la creazione della Ceca, affermando che non è nata per ragioni economiche ma per mettere in comune le materie prime degli armamenti e rendere materialmente impossibile un altra guerra ; citano l inno che parla di gioia e celebrano l idea straordinaria di due giovani antifascisti al confino nata sulla piccola isola di Ventotene. D altra parte la recessione, la disoccupazione, la troika, la politica neoliberista che sta smantellando il welfare e abbassando il livello della qualità di vita dei cittadini, rendono impossibile utilizzare un messaggio razionale di tipo economico rappresentandolo ancora in termini positivi. Una cosa è certa: una riflessione seria sull Unione europea, sul continuare a farne parte o meno, va fatta. E non può che prendere avvio da un percorso storico, quella storia che sempre la propaganda seleziona, o- mette e riscrive. In una rapida cronistoria, nel marzo 1946 viene ufficialmente dichiarata la guerra fredda, con il discorso di Churchill a Fulton, e un anno dopo prende avvio la dottrina Truman, mentre il Congresso Usa vota una risoluzione che impegna la politica americana ad agire per promuovere la creazione degli Stati Uniti d Europa; a corollario, nel giugno 1947 viene annunciato il Piano Marshall. Il tempo, sessant anni, ci ha perlomeno regalato un po di onestà intellettuale e la fine delle dispute accademiche su questo importante passaggio storico, trovando tutti gli analisti ormai concordi nell affermare che dietro gli aiuti americani spingevano 6

7 forti motivazioni economiche, e non solo ragioni politiche: gli Usa avevano bisogno di creare un mercato dove poter esportare il surplus produttivo di un industria bellica che andava riconvertita, un mercato che fosse stabile (pacificato) e sufficientemente ampio, e all epoca solo l Europa poteva diventarlo. Nell idea originale del Piano, gli aiuti dovevano finanziare un progetto di trasformazione strutturale e integrata dell economia dei diversi Paesi da cui l idea degli Stati Uniti d Europa e non alimentare le differenti politiche nazionali; a tale scopo venne creata nel 1948 l Organizzazione per la cooperazione economica europea (Oece, che nel 1960 si trasformerà nell attuale Ocse), con il compito di controllare la distribuzione dei fondi del Piano Marshall, sviluppare i piani nazionali di ricostruzione e favorire la liberalizzazione degli scambi commerciali intraeuropei. Il passo successivo, nel 1951, fu la creazione della Ceca, la Comunità europea del carbone e dell acciaio, quella che oggi viene identificata come la prima pietra nella costruzione dell Unione europea. Formata da Francia, Germania occidentale, Belgio, Italia, Olanda e Lussemburgo, la Ceca non era altro che un trattato economico che istituiva, tra i sei Paesi aderenti, un unico mercato del carbone e dell acciaio, eliminando sovvenzioni statali alle produzioni, diritti doganali e restrizioni quantitative all import/export. Di fatto, sottraeva ai sei Stati la sovranità nazionale sulla politica economica delle due materie fondamentali per la ricostruzione industriale, trasferendola all Alta Autorità, organo della nuova entità sovranazionale composto da nove membri nominati dai governi dei sei Paesi, che aveva il compito di stabilire le politiche di produzione e circolazione in un regime di libera concorrenza. L ideologia economica alla base di una simile impostazione era chiaramente il liberismo di stampo statunitense: capitalismo privato, libero mercato, lo Stato fuori dall economia. Ciò che oggi più colpisce è la capacità di analisi della sinistra europea dell epoca, che si oppone al trattato neanche a dirlo, il confronto con il pensiero della sinistra di oggi è desolante. Sono i socialisti a sviluppare le critiche più pertinenti e approfondite, arrivando a contestarne l impianto economico; i comunisti, soprattutto il Pci, sono troppo concentrati sulle conseguenze politiche della guerra fredda, e denunciano la nascita dell integrazione europea solo sotto il profilo dei suoi natali made in Usa e della sua funzione, militare e geopolitica, anti-urss e anti-comunismo questioni certamente presenti, visto che nel 1951 la guerra fredda è già ampiamente combattuta e il riarmo dell Europa già all ordine del giorno, ma che escludono dall analisi il piano economico. È il Partito laburista a sviluppare il dibattito più ampio, paradossalmente in una Inghilterra che si considera estranea al processo di unione, per il suo rapporto privilegiato con gli Stati Uniti e per la forza economica del suo impero; la Gran Bretagna non Ciò che oggi più colpisce è la capacità di analisi della sinistra europea dell epoca che si oppone alla nascita della Ceca arrivando a contestarne l impianto economico 7

8 RESTITUZIONE PROSPETTICA Ci si sorprende a volte della lungimiranza di alcune analisi; eppure non si tratta di saper prevedere il futuro, ma di essere capaci di leggere il proprio presente. Bevan sintetizza, con estremo acume, il conflitto che un Unione europea concepita su base liberista è destinata a innescare con le politiche socialdemocratiche già avviate nei singoli Paesi. È il conflitto che ora stiamo vivendo. Alla fine della seconda guerra mondiale, i partiti di sinistra sono predominanti in tutti i fronti antifascisti, e comunisti e socialisti, pur su posizioni differenti, condividono l impostazione secondo cui l economia deve essere pianificata dalla politica. Negli anni immediatamente successivi, i par- Non Bevan è una sintetizza nuova il conflitto forma che di keynesismo: un Unione i soldi europea pubblici non concepita vanno ad su base alimentare liberista è investimenti destinata a innescare statali con ma le finiscono politiche nelle socialdemocratiche già avviate private tasche delle aziende nei singoli generando Paesi: è il conflitto profitti che ora stiamo vivendo accetta infatti l invito ai negoziati, autoescludendosi. Il deputato labour John Strachey afferma in uno dei numerosi confronti pubblici sul tema: la Ceca è lo strumento per porre il controllo dell industria del carbone e dell acciaio europea nelle mani di un consiglio di otto o nove persone, che non rispondono a nessun governo, Parlamento o ad altra istanza democratica. Se questi dittatori dovessero avere il potere potrebbero decidere di chiudere metà delle miniere del South West o le acciaierie di Sheffield ove solo ritenessero che questo darebbe profitto agli azionisti. [ ] Ne avremo molti altri di questo genere di piani, che sotto la maschera dell internazionalismo si propongono di impedire ai popoli di controllare i loro sistemi economici (1). In Germania, Kurt Schumacher, presidente del partito socialdemocratico, al congresso del 1950 della Spd definisce il progetto della Ceca la dittatura dei manager, e l anno successivo pronuncia la frase divenuta poi nota: No all Europa dei sei e delle quattro K: Konservativ, Klerikal, Kapitalist, Kartellist. Nel 1957 gli stessi sei Paesi firmano a Roma il trattato che istituisce la Cee, la Comunità economica europea, che non si limita a estendere il mercato comune a tutti i settori manifatturieri, ma sancisce i quattro pilastri fondamentali della futura Unione, da rendere effettivi in tre fasi successive nello spazio di dodici anni: libera circolazione delle merci, delle persone, dei servizi e dei capitali. È l impianto neoliberista dell attuale Ue. È ancora il Labour inglese a essere il più acuto osservatore di quanto accade. Aneurin Bevan, leader della sinistra del partito, afferma nel momento della firma del trattato: In assenza di una sovranità più vasta, ogni ipotesi di mercato comune significa offrire al mercato lo status di cui oggi godono i Parlamenti europei. È a questo punto che i socialisti diventano sospettosi di cosa si intende fare. Significa lo svuotamento del potere del popolo e la delega del potere alle forze del mercato? Dobbiamo aspettarci di arretrare ora di quasi un secolo, rigettare il socialismo e abbracciare il libero scambio come se fosse la soluzione ai nostri guai sociali? [ ] L ipotesi del Mec è il risultato di un malessere politico che fa seguito all incapacità dei socialisti di usare il potere sovrano dei loro Parlamenti per pianificare la vita economica. Si tratta di una concezione escapista nella quale le forze di mercato prenderanno il posto della responsabilità politica. 1) Cfr. Strachey Papers, cit. in L. Castellina, Cinquant anni d Europa, Utet,

9 L'Europa vista da sinistra titi comunisti legati a doppio filo con l Urss raccolgono consensi crescenti, soprattutto in Italia e in Francia: tra il 45 e il 56 il Pcf francese raggiunge percentuali di voto costanti tra il 26 e il 28%, e alle elezioni del 1948 Pci e Psi, uniti dal Patto di unità di azione, registrano il 31%; alla tornata elettorale successiva, nel 53, il solo Pci arriva al 21%. Gli Usa sono consapevoli della pericolosa presenza di un nemico interno agli Stati dell Europa occidentale, e capiscono che l unico modo per cercare di contenerne l avanzata sul piano del consenso popolare è permettere ai governi nazionali di applicare politiche socialdemocratiche. Nasce qui il welfare state europeo. Gli stessi finanziamenti del Piano Marshall che a dispetto dell idea iniziale finiranno per essere utilizzati in modo autonomo da ogni Paese, a seconda delle diverse necessità immettono liquidità in bilanci nazionali in forte deficit finanziario, consentendo di evitare politiche restrittive e così allontanare il rischio di conflitti sociali. Contemporaneamente, però, gli Usa promuovono la creazione di un libero mercato a livello sovranazionale, e i governi conservatori europei i partiti di sinistra sono soggetti alla conventio ad excludendum che li emargina dalle alleanze governative sottoscrivono i trattati economici che istituiscono la Ceca prima e la Cee poi. Quindi politiche socialdemocratiche nazionali, e politiche liberiste sovranazionali. Due impostazioni antitetiche che sono riuscite a convivere fino agli anni Ottanta. Quando il nemico interno è imploso sotto il crollo dell Urss con la crisi che ne è seguita sul piano ideologico il neoliberismo non ha più avuto, nel pensiero di sinistra, un antagonista, e le politiche socialdemocratiche sono state messe in cantina. Nel 1992 il Trattato di Maastricht ha aggiunto l unione monetaria a quella economica già esistente, sottraendo agli Stati anche la sovranità sulla politica finanziaria, ed è iniziato lo smantellamento del welfare e la fuoriuscita dello Stato dall economia, con la progressiva privatizzazione delle imprese pubbliche. È accaduto quel che paventava Bevan. L Europa quindi nasce come un insieme di trattati economici di impostazione liberista, e tuttora non è nulla più di questo. Occorre tenerlo a mente ed è quello che la propaganda, con i suoi spot, vuole far dimenticare perché è il punto centrale della riflessione se restare o uscire dall Unione: un trattato economico lo si rispetta, o lo si denuncia, a seconda che se ne traggano benefici o danni. L idea straordinaria di due giovani antifascisti al confino nata sulla piccola isola di Ventotene, il Manifesto di Altiero Spinelli e Ernesto Rossi che auspicava la nascita di un Europa federalista, ossia una realtà politica e non solo economica, non solo non si è mai realizzata, ma non è realizzabile. È stata definitivamente affossata a Maastricht, quando vengono assunte le decisioni sull allargamento. Nel 1992 i Paesi aderenti erano dodici, oggi sono ventotto; e hanno presentato domanda di adesione altri sei. È razionalmente non ipotizzabile un unione politica tra ventotto, o trentaquattro, o ancora di più, Paesi. Oltretutto occorre domandarsi che unione sarebbe stata, se mai si fosse concretizzata: con tutta evidenza, una unione nella quale sarebbe stato predominante un progetto politico di destra. Quindi per fortuna le condizioni storiche e politiche non hanno permes- L Europa nasce come un insieme di trattati economici di impostazione liberista e tuttora non è nulla più di questo: il Manifesto di Spinelli e Rossi che auspicava la nascita di un Europa federalista non è realizzabile 9

10 RESTITUZIONE PROSPETTICA Non ha senso alcun discorso sul maggiore livello di democrazia che la Ue dovrebbe raggiungere, è il tranello in cui è caduto il Pci quando ha cominciato a discutere su come modificarla dall interno so la nascita degli Stati Uniti d Europa: è il passaggio mancante che ha consentito ai governi nazionali di mantenere per quarant anni la sovranità sufficiente a mettere in atto politiche socialdemocratiche. Non ha parimenti senso alcun discorso sul maggiore livello di democrazia che la Ue dovrebbe raggiungere. È il tranello in cui sono caduti i partiti comunisti a partire dagli anni Sessanta, il Pci più degli altri, quando, abbandonata la prima fase del rifiuto, si è arreso all esistenza dell Unione e ha cominciato a discutere su come modificarla dall interno, rendendo più democratiche le sue istituzioni e più socialista la sua politica. Quanto il progetto sia fallito è oggi sotto i nostri occhi. La storia del rapporto Pci-Europa è la storia di una resa, di un lento sentiero in discesa percorso perdendo per strada pezzi del proprio pensiero e della propria cultura, fino al dirupo di Maastricht nel quale il neonato Pds si è lanciato senza più alcuna remora, votando a favore: consenso all esistente in cambio della legittimazione a governare. Berlinguer è l ultimo segretario che parla ancora di socialismo: immagina una terza via in cui l Europa non sia solo equidistante dai due blocchi Usa e Urss ma anche realizzatrice di un socialismo diverso da quello sovietico e da quello socialdemocratico, che critica accusandolo di avere abbandonato l obiettivo di trasformare la realtà e di essere divenuto organico al capitalismo, un sistema che non può uscire dalla logica di sfruttamento e imperialismo: per salvare la democrazia occorre superare il capitalismo, afferma Berlinguer. Al Congresso del 1986, il primo dopo la sua morte, non c è più nulla. Occhetto ha appena scritto la prefazione all edizione italiana del Manifesto per una nuova sinistra europea di Peter Glotz, esponente del Comitato esecutivo della Spd tedesca, in cui si afferma che la democrazia sociale può e deve basarsi sul capitalismo; Natta, all epoca segretario, nella sua relazione parla di politica riformatrice e inscrive il Pci tra le forze progressiste ; propone di aprire una nuova fase della nostra politica e di promuovere il rinnovamento ideale, programmatico, organizzativo del nostro partito ; afferma che al Pci non deve essere insegnata l esigenza del mercato [ ]. Noi non dipingiamo per nulla un quadro a fosche tinte dei Paesi capitalistici sviluppati né siamo cosi sciocchi da predicare la possibilità della fine di tutte le contraddizioni. Ma altra cosa è considerare il profitto come un misuratore della efficienza di una impresa, altra cosa è erigerlo a valore assoluto (2): è la fine della critica economica marxiana al capitalismo, che legge il profitto come risultante dello sfruttamento dell uomo. Quando Occhetto arriva alla segreteria, non vengono spazzati via solo gli ultimi elementi residuali del pensiero socialista ma anche di quello socialdemocratico. Nella sua relazione al XVIII Congresso, nel marzo 1989, parla di ecologia, diritti delle donne, giovani; sostituisce il concetto di classe con quello di cittadino : Al centro della nostra attenzione sono l uomo e il cittadino, afferma. Non più 2) Relazione Natta al XVII Congresso del Pci, in L Unità, 10 aprile

11 L'Europa vista da sinistra conflitto Capitale/lavoro ma diritti individuali. Dichiara il suo pieno appoggio al capitalismo ( noi non consideriamo affatto l impresa come qualcosa di ostile a noi o di estraneo al processo di crescita democratica, non si può rinunciare al processo di accumulazione ) e al libero mercato ( il mercato costituisce un metro di misura per l efficienza dell intero sistema economico e un suo insostituibile fattore propulsivo ); sostiene che compito dello Stato non è gestire i processi economici ma regolarli dall esterno, per orientare il mercato secondo finalità umane ed ecologiche, verso uno sviluppo sostenibile (3). Non siamo più alla resa al neoliberismo; siamo all abbraccio volontario. Berlinguer sosteneva che l Unione europea, e la lotta per modificarla in senso socialista, dovevano diventare il punto di riferimento del Pci perché gli Stati, singolarmente, non erano più in grado di contrastare gli effetti sociali prodotti dalla internazionalizzazione del mercato e dei capitali; ciò che non aveva capito è che la Ue non era riformabile, come non lo è il capitalismo. Ma erano gli anni Settanta, e forse ci si poteva ancora illudere. Oggi non è più ammissibile, né giustificabile. Per questo progetti come la Lista Tsipras sono avvilenti. Viene da chiedersi se la riproposizione attuale dei temi della democratizzazione dell Europa e della modifica del suo impianto neoliberista siano figli dell ingenuità, o della medesima incapacità di analisi che la sinistra comunista ha dimostrato in passato. Accettare l Europa, oggi, non significa più rinunciare al socialismo, ma alla socialdemocrazia. Al welfare, ai diritti dei lavoratori. Significa arrendersi alla logica di sfruttamento e al darwinismo sociale; significa creare una società feroce e violenta non c è nulla di più violento del costringere l uomo a impegnare tutto il proprio tempo per cercare di sopravvivere, anziché vivere. Una sinistra che possa ancora definirsi tale, nel senso più ampio del termine, non può che aprire la discussione sulla fuoriuscita dell Italia dall Unione europea. Non è affatto semplice. Le implicazioni sono enormi, al punto di interdipendenza economica e finanziaria a cui siamo arrivati. Per questo occorre un progetto di ampio respiro, che coinvolga persone competenti in economia, finanza, geopolitica, capaci di analizzare le conseguenze e programmare le soluzioni per un uscita da sinistra. Oltretutto, si corre seriamente il rischio di uscire un giorno da destra, visto l identità delle forze politiche che oggi, almeno sulla carta, parlano di fuoriuscita dall euro. Sembra impossibile, ma non lo è: l Europa appare ineludibile solo perché il nostro pensiero è stato colonizzato dalla cultura dominante e non ha più il coraggio e la capacità di immaginare qualcosa di diverso. A questo mirano gli spot sull Unione: a colonizzare, dopo il nostro pensiero, anche le nostre paure la guerra e i nostri sogni l idea straordinaria di due giovani antifascisti. Di notte sogna e vengon fuori i sogni di altri sognatori, cantava Gaber. È forse la cosa peggiore. Quando Occhetto arriva alla segreteria non vengono spazzati via solo gli ultimi elementi residuali del pensiero socialista ma anche di quello socialdemocratico 3) Relazione Occhetto al XVIII Congresso del Pci, in L Unità, 19 marzo

12 POLEMOS IL RIGORE PER GLI ALTRI di Giovanna Baer Agosto è il mese più difficile per l informazione nostrana. Con il campionato di calcio e la politica in vacanza diventa difficile riempire le pagine con qualcosa che assomigli al giornalismo che piace alla gente. Molti media, o almeno quelli considerati seri, puntano allora sull approfondimento (d estate abbiamo tempo perfino per pensare), con conseguenze spesso interessanti, in un senso o nell altro. Capita dunque che Il Sole 24ore pubblichi un commento dal titolo Ma l Unione non sa essere competitiva a firma di Hans-Werner Sinn (1), che è un piccolo capolavoro nel descrivere l aria che tira sulle strategie di gestione dell economia europea, e italiana in particolare. L autore non è uno qualunque: nel 2013 il Frankfurter Allgemeine Zeitung lo ha messo al primo posto nella lista degli economisti tedeschi con la maggiore influenza politica. Classe 1948, Sinn insegna Economia e finanza pubblica all Università di Monaco, ma è conosciuto soprattutto come presidente dell Ifo (Istituto per la ricerca economica), il più importante think tank tedesco sui temi di politica economica, che, fra le altre cose, pubblica mensilmente l indice di fiducia delle imprese. L articolo parte con un affermazione forte: L Italia vive una terza ricaduta recessiva ma non ci è arrivata da sola. È il fallimento dei politici italiani sul fronte della competitività ma è un fallimento generalizzato in Europa. Quando è scoppiata la crisi finanziaria nell ultimo trimestre del 2007, il Pil italiano è precipitato del 7%, si è rialzato del 3%, è risceso del 5%, risalito di un misero 0,1% e, nella seconda metà di quest anno, si è contratto di nuovo, stavolta dello 0,3%. Negli ultimi sette anni la contrazione complessiva del Pil è stata del 9%. Inoltre, la produzione industriale è precipitata di un inquietante 24%. Se il Pil italiano è riuscito a mantenersi costante è stato solo grazie alla sua inflazione tenacemente persistente. Quel che Sinn sostiene nel criptico linguaggio dell economista è semplicemente che la contrazione italiana degli scambi in beni e servizi cioè la recessione è stata in questi anni mascherata dalla crescita dei prezzi, cioè dall inflazione. Dal momento che il Pil è la somma del valore di tutti i beni e servizi scambiati in un Paese in un dato periodo di tempo, esso può 1) Cfr. Hans-Werner Sinn, Ma l Unione non sa essere competitiva, Il Sole 24ore, 22 agosto

13 mantenersi costante anche quando le quantità prodotte e vendute scendono, a patto che i loro prezzi salgano: per esempio un Pil pari a 100 può riferirsi ugualmente a 100 unità di beni che valgono 1, oppure a 50 unità che valgono 2, oppure a 25 unità che valgono 4. Se questi valori fotografassero la situazione economica di un Paese in tre anni successivi, dovremmo concludere che, nonostante il Pil sia rimasto invariato, gli scambi in quel Paese si sono ridotti a un quarto del livello iniziale, mentre i prezzi di beni e servizi sono aumentati del 400%. L articolo continua: La disoccupazione complessiva è salita al 12% mentre il tasso di giovani che non vanno a scuola è salito al 44% (questo dato non ci è chiaro, ma immaginiamo si riferisca alla percentuale dei giovani non occupati fuori dal sistema scolastico, n.d.a.). L Italia si troverebbe dunque nel peggiore degli scenari possibili, quello della stagflazione, in cui crescono sia l inflazione che la disoccupazione. Nella teoria economica keynesiana, a uno scenario recessivo (in cui aumenta la disoccupazione e diminuiscono i salari) si combina per definizione una diminuzione dell inflazione: dal momento che la gente ha meno soldi da spendere, i prezzi dei beni devono diminuire perché diminuiscono i consumi. Ma nella realtà non sempre questo accade, per varie ragioni: shock esterni, vischiosità di prezzi e salari (cioè la loro incapacità di adeguarsi velocemente ai cambiamenti nel livello della domanda e offerta di beni), oppure la presenza di mercati non concorrenziali nei settori delle materie prime e dell energia. In ogni caso, la stagflazione è la situazione da cui è più difficile uscire con le manovre classiche di politica economica: con quelle espansive (cioè aumentando la spesa pubblica e la liquidità immessa nel sistema), perché peggiorano il problema dell inflazione; con quelle restrittive (riduzione della spesa pubblica e della liquidità a disposizione del sistema), perché peggiorano la recessione economica. Prosegue Sinn: L Italia ha cercato di contrastare la contrazione economica aumentando il debito pubblico (la spesa pubblica, n.d.a.). Grazie agli interventi di salvataggio intergovernativi e della Banca centrale europea per mantenere bassi i tassi di interesse, il debito pubblico italiano è aumentato solo di un terzo dalla fine del 2007 alla primavera del Il nuovo premier Matteo Renzi dice di voler stimolare la crescita, ma in realtà intende solo accumulare altro debito. È vero, il debito stimola la domanda, ma è un tipo di domanda artificiale ed effimera. Secondo l economista tedesco, insomma, i politici italiani sarebbero stati davvero fortunati in questo periodo di crisi: non solo l inflazione avrebbe permesso loro di non fare i conti con una conclamata recessione, ma i tassi d interesse bassi avrebbero garantito il contenimento automatico di una spesa pubblica altrimenti fuori controllo. Conclude Sinn: La crescita sostenibile potrà essere raggiunta solo se l economia italiana ritrova la sua competitività e all interno dell eurozona c è solo un modo per farlo: riducendo i prezzi rispetto ai concorrenti dell eurozona. Ciò che l Italia è riuscita a fare svalutando la lira deve essere ora emulato attraverso un vero e proprio deprezzamento. L epoca dei tassi di interesse bassi che è seguita alla decisione di introdurre l euro, nel 1995, ha creato un enorme bolla creditizia nei Paesi meridionali dell eurozona che Dall avvento dell euro a oggi l Italia è diventata più cara del 42% rispetto alla Germania: per massimizzare i profitti l imprenditoria ha fatto cassa sfruttando il cambio 1 euro=1.000 lire invece di 1.936,27 13

14 POLEMOS è perdurata sino alla fine del In quel lasso di tempo, l Italia è diventata più cara del 25% (sulla base del suo deflatore Pil) rispetto ai suoi partner commerciali dell eurozona. [ ] Rispetto alla Germania, l Italia è diventata più cara del 42%, un dato esorbitante. Il problema dell Italia è proprio questo differenziale di prezzo. Il Paese deve correggere questo sbilanciamento attraverso un vero deprezzamento, non c è altra soluzione. Ma è più facile a dirsi che a farsi. Alzare i prezzi non è mai un vero problema, abbassarli o farli aumentare più lentamente rispetto a quelli dei Paesi concorrenti è penoso e fa paura. Bene, Herr Sinn, conclusione condivisibile: bisogna ritrovare competitività, il che vuol dire rendere i propri prodotti più appetibili rispetto a quelli dei concorrenti. Tuttavia ci sono diversi modi per essere Anche prima della crisi i dati confermavano l esistenza di una questione salariale tutta italiana: meno 12 punti rispetto alle retribuzioni spagnole, 29 alle francesi, 43 alle tedesche, 56 a quelle degli Stati Uniti e la metà delle inglesi più appetibili: incorporando nei propri prodotti una maggiore qualità con investimenti intelligenti in ricerca e sviluppo, per esempio (quel che ha fatto negli ultimi vent anni il settore automobilistico tedesco, per citare un caso universalmente noto). L economista tedesco ritiene invece che l unica strada possibile per l Italia (e con qualche ragione, in verità) sia quella di praticare prezzi bassi, perlomeno più bassi di quelli dei partner europei. Citando le storiche manovre di svalutazione della lira, tuttavia, Sinn mostra di non comprendere come esse abbiano sì garantito competitività (alle e- sportazioni), ma una competitività artificiale, mascherando quelli che sono invece i veri problemi dell offerta italiana, e che ora, senza una liretta da svalutare a piacere, sono sotto gli occhi di tutti: incapacità di innovare, di crescere oltre il livello della piccola-media impresa, di creare posti di lavoro, di sfruttare i propri punti di forza, di implementare strategie da grande impresa, e che sono difetti tutti ascrivibili a serie carenze qualitative della nostra classe manageriale (sia pubblica che privata), atrofizzata dall abitudine a operare in un sistema economico viziato dal clientelismo e dal familismo, dal malaffare e dai cartelli, e da un sistema finanziario ugualmente clientelista e provinciale. Come è stato infatti possibile che l Italia dall avvento dell euro a oggi sia diventata più cara del 42% rispetto alla Germania? È molto semplice: l imprenditoria ha fatto cassa, arrotondando i prezzi impunemente (sfruttando dove possibile il famoso cambio 1 a 1: 1 euro=1.000 lire invece di 1.936,27) per massimizzare i profitti, sotto lo sguardo distratto, o complice, delle autorità di vigilanza, e ponendo le basi della stagflazione attuale. Secondo il Comitato contro le speculazioni e per il risparmio (Casper), che riunisce le associazioni Adoc, Codacons, Movimento difesa del cittadino e Unione nazionale consumatori, e che ha condotto un analisi dell andamento dei prezzi nei primi dieci anni dell euro (dal 2001 al 2012), i risultati sono stati sbalorditivi. Prendendo in esame un paniere di 100 voci, includendo sia beni che servizi per un arco temporale standard, i rincari sono sempre a due cifre e raggiungono una media del 53,7%, tenuta alta da prodotti i cui prezzi sono letteralmente schizzati (come il cono gelato, la penna a sfera, il tramezzino al bar, i biscotti, la lavanderia, il caffè o il supplì). Vi è poi tutta una serie di beni e servizi che hanno registrato un raddoppio (o quasi) dei prezzi: dalla pizza Margherita ai jeans, dalla giocata minima del Lotto ai pomodori pelati, al biglietto dell autobus a Milano. E sono raddoppiati anche il balzello da pagare al parcheggiatore abusivo e la mancia al ristorante, aggiunge il Comitato. Evidentemente questo sistema dopato ha funzionato finché l occupazione e il credito al con- 14

15 Il rigore per gli altri sumo finanziato dalle banche hanno tenuto, cioè fino allo scoppio della crisi nel 2007, poi il giocattolo si è rotto. Stagflazione, dunque, e per uscirne bisogna far scendere i prezzi. Ma come? Questa è la domanda centrale, e qui si capisce come mai l intervento di Sinn abbia trovato spazio sul quotidiano di Confindustria: Anche se i sindacati di un Paese permettessero una politica del genere attraverso una moderazione salariale, i debitori si troverebbero in difficoltà, perché avrebbero preso in prestito presumendo che l inflazione si sarebbe mantenuta alta. Molte aziende e molte famiglie andrebbero in bancarotta. Visto che la disinflazione o la deflazione porta a una valle di lacrime prima che la competitività aumenti, c è ragione di dubitare che i politici neoeletti, con il loro orientamento a breve termine, siano capaci di mantenere la rotta. Eccolo qui il mantra degli industriali nostrani e non solo, la ricetta contro tutte le crisi: abbassare i salari! I prezzi salgono troppo, secondo Herr Sinn, non perché in Italia abbiamo un ceto dirigente straccione, ma perché paghiamo troppo operai e impiegati: diminuiamo i salari, i prezzi diminuiranno, la competitività aumenterà e la domanda ricomincerà a salire. Ma è proprio così? Ci spiace svegliare il grand uomo tedesco dal suo sogno, ma purtroppo l unico prezzo che è salito e sale meno dell inflazione in Italia è quello della manodopera. Anche prima della crisi, cioè fino al 2007, i dati sui confronti internazionali confermavano l esistenza di una questione salariale tutta italiana in cui le retribuzioni nette (a parità di potere d acquisto) risultavano inferiori di 12 punti rispetto a quelle spagnole, di 29 punti rispetto a quelle francesi, di ben 43 punti rispetto alle tedesche, di 56 punti rispetto ai salari dei lavoratori degli Stati Uniti, fino ad arrivare a meno della metà di quelle dei lavoratori inglesi (dati Ires- Cgil). Più in dettaglio, tra il 1993 e il 2007 le retribuzioni italiane sono cresciute del 4% (appena 750 euro) contro la crescita reale delle retribuzioni lorde dei lavoratori spagnoli del 10% (1.700 euro), dei lavoratori tedeschi (4.000 euro) e americani (3.400 euro) del 13%, dei francesi del 23% (4.000 euro) e degli inglesi del 29% (8.300 euro). Mario Vavassori, fondatore e amministratore delegato di Od&M, una società che dal 2000 al 2012 ha raccolto ed elaborato i dati relativi a quasi due milioni di profili retributivi italiani, ha dichiarato all Eco di Bergamo che un operaio nel 2002 percepiva euro lordi, nel 2012 ne percepiva , ma l incremento è stato interamente azzerato dall aumento dei prezzi. Lo stesso vale per gli impiegati: il loro stipendio è cresciuto del 22%, ma l inflazione ha eroso il corrispettivo (2). Nel 2013 il potere d acquisto dei salari secondo l Istat è calato ancora del 1,1%, e questo nonostante il reddito disponibile sia salito, in valori correnti, dello 0,3%. Insomma: anche se il livello dei prezzi è aumentato pochissimo (il tasso di inflazione medio è stato del 1,2%), è stato più che abbastanza per erodere quel poco di respiro che le buste paga avevano conquistato. Ma secondo altri osservatori la situazione sarebbe ben peggiore, perché la valutazione dell andamento del potere d acquisto dipende da come si calcola il valore dell inflazione, e molti ritengono che il paniere Istat la sottovaluti. Così il Codacons afferma che dal gennaio 2002 al gennaio 2012 la perdita del potere d acquisto per il ceto medio è stata addirittura pari al 39,7%: in 10 anni una famiglia di quattro persone ha subito una stangata, per aumento dei prezzi, rincari delle tariffe, manovre economiche, caro-affitti, caro-carburanti ecc. di circa euro. Abbassare i redditi avrebbe poi in Italia davvero l effetto di far scendere i prezzi? Se quando i prezzi salgono i redditi rimangono invariati o scendono addirittura, come capita, perché dovremmo prendere per buona la tesi 2) Stipendi, il potere d acquisto ha perso fino al 10 per cento, L Eco di Bergamo, 12 giugno

16 POLEMOS che fra i due esista una correlazione positiva? Perché non pensare di agire su altri fattori per diminuire il prezzo dei prodotti italiani e recuperare competitività? In economia il prezzo di un bene varia al variare sia della domanda che dell offerta: il che significa che Sinn ritiene che per rilanciare la sua economia l Italia deve abbassare i prezzi di merci e servizi abbassando le retribuzioni: diminuiamo i salari i prezzi diminuiranno la competitività aumenterà e la domanda ricomincerà a salire. Ma è proprio così? causare una contrazione della domanda non è l unico modo per far scendere i prezzi. Prezzi, domanda e offerta sono intrinsecamente collegati: in generale a un aumento della domanda corrisponde un aumento del prezzo, mentre viceversa a un aumento dell offerta corrisponde una diminuzione di prezzo. I fattori che influenzano la domanda di un bene sono: il prezzo del bene considerato; il prezzo dei beni complementari e succedanei; il reddito del consumatore; le aspettative soggettive dei consumatori; il costo del denaro; l elasticità o la rigidità della domanda; e i bisogni del consumatore. Non è necessario analizzare nel dettaglio questi fattori, ma in sintesi possiamo affermare che la domanda di un bene aumenta al diminuire del prezzo di quel bene; che aumenta all aumentare del prezzo dei prodotti sostitutivi; che aumenta all aumentare del reddito; che aumenta se la fiducia dei consumatori migliora; e che aumenta se il costo del denaro diminuisce (perché comprare a credito è più conveniente). Invece fra le determinanti dell offerta troviamo: i costi di produzione (fra cui materie prime e manodopera); la tecnologia; il costo del denaro; il prezzo; e le politiche governative. Il costo del lavoro non è dunque l unico fattore su cui un imprenditore può agire per diminuire i prezzi: può recuperare efficienza con una politica oculata degli acquisti di materie prime, per esempio, o nel lungo periodo con investimenti mirati in tecnologia, oppure i governi possono mettere in atto politiche di sostegno alle imprese, e così via. Tuttavia, perché la diminuzione di prezzo si verifichi bisogna che le imprese mantengano costante o abbassino il loro livello di profitto unitario. In questo senso, prezzi e profitti sono inversamente correlati: al scendere dei costi, o in presenza di politiche di sostegno, se i prezzi scendono i profitti unitari non devono aumentare, o almeno non in modo proporzionale. Al contrario, in un ottica di massimizzazione dei profitti, il prezzo può benissimo non scendere, o addirittura salire, anche in uno scenario di costi calanti, ed è quello che capita il più delle volte nei Paesi capitalistici. Tanto più se la curva di domanda di un bene è rigida, cioè se i consumatori ritengono quel bene necessario, e non sono disposti a diminuirne il consumo anche se i prezzi salgono o il loro reddito scende. È il caso tipico dei prodotti che danno dipendenza, come per esempio l alcool o le sigarette, e infatti le politiche fiscali dei governi sfruttano questo meccanismo per ottenere gettiti (o extra-gettiti) facilmente prevedibili. Ma anche la domanda di energia è rigida (benzina, riscaldamento), quella per i farmaci e le cure mediche, quella dei prodotti della cura della persona, perfino quella del caffè o del cappuccino al bar (chi ci rinuncia?), e si sta rivelando tale anche quella per la tecnologia di utilità individuale (smartphone, pc, televisione ecc.): la società dei consumi in effetti aspira a trasformare ogni desiderio in una necessità, e ogni curva di domanda in una domanda rigida. In questi casi, far scendere i prezzi alle imprese non conviene, perché il profitto unitario diminuisce, e quello complessivo non aumenta tanto da giustificare la manovra sul prezzo. Se Sinn si aspetta che un ulteriore riduzione dei salari in Italia causerebbe uno shock tale da far abbassare i prezzi, ha fatto male i suoi conti, 16

17 Il rigore per gli altri o non è mai stato nel Belpaese. I nostri imprenditori continueranno a piangere nei talk show sulle loro avverse sorti, chiederanno e otterranno i soliti aiuti dallo Stato (cassa integrazione e incentivi), e nel frattempo, invece di investire (con la crisi, come si fa?!), continueranno a esportare i loro ricchi capitali all estero. In compenso, una nuova contrazione dei redditi manderebbe di certo in tilt le già provate finanze pubbliche e il sistema del welfare, e precipiterebbe nella povertà milioni di connazionali, certo i meno colpevoli dell attuale status quo. Ma che dire, Herr Sinn, alle purghe ci siamo abituati. 17

18 L'INTERVENTO di Renato Curcio Polo industriale brindisino: il pane e la morte Incontro-dibattito sul libro Il pane e la morte. Lo scambio salute-lavoro nel polo industriale brindisino a cura di Renato Curcio (Quaderni di ricerca sociale, Sensibili alle foglie) presso l Ambulatorio medico popolare (Milano), 5 luglio 2014 Meglio morire di cancro che di fame : è una frase che a Brindisi pronunciano ancora, e ci porta indietro negli anni Sessanta e Settanta, a Marghera, quando molti operai del polo chimico che provenivano da paesi dicevano: Meglio morire con la pancia piena che con la pancia vuota. È una specie di gergo, di razionalizzazione di una situazione di ricatto che le persone vivono e a un certo punto normalizzano. Il tema della salute in relazione al mondo del lavoro è relativamente recente: si inizia a parlarne solo negli anni Settanta, grazie a Giulio Maccacaro, medico e grande ricercatore, che comincia a interessarsi seriamente del problema a Castellanza, dove esiste una forte presenza industriale inquinante: la Montecatini. È un importante cambiamento di prospettiva, perché fino a quel momento la salute era rimasta sempre sullo sfondo, anche sul piano del conflitto sociale, a causa di una grave carenza culturale della storia del movimento operaio italiano, che in tutto il dopoguerra ha immaginato e costruito i suoi percorsi di lotta prevalentemente intorno a temi economici. Eppure già in quegli anni era chiaro che nelle sue strategie produttive lo sviluppo industriale italiano, e quindi la grande industria italiana, aveva messo in conto la morte di moltissimi lavoratori; tant è che la morte era silenziosa, non appariva sul terreno sociale. La Montecatini poi è importante perché tutti i poli industriali, che vennero costruiti intorno agli anni Sessanta, ne hanno raccolto l eredità, ed era un lascito criminale, perché la Montecatini era un industria chimica criminale e uso il termine in senso tecnico, non a effetto politico. Già negli anni Venti operava a Cengio ed era contestata in maniera violentissima dalla popolazione di tutta la valle, non solamente dagli 18

19 operai della fabbrica. Stiamo parlando di un azienda che si alleò con la Farben un industria chimica tedesca nota agli storici perché produceva lo Zyklon B, il gas utilizzato per lo sterminio, e perché fu la prima a trasferire i suoi lavoratori dentro i campi di concentramento la quale impose di applicare in modo rigoroso le leggi razziali del 1938; la Montecatini a quel punto, per affrontare in maniera drastica la situazione, come era d uso fare all epoca rispetto alle lotte operaie, formò dei reparti razziali in cui trasferì anche gli operai sindacalizzati e rivoltosi, persone che poi vennero inviate nei campi di concentramento. La Montecatini era quindi un industria che non indietreggiava di fronte a nulla, e nel dopoguerra mantenne la stessa politica nella costruzione dei poli chimici a Marghera e poi al sud Italia. L espansione nel meridione iniziò nel 1960, quando la politica cominciò a discutere sull industrializzazione del sud una grande bufala, nel senso che fino a quel momento il territorio era stato spogliato di tutte le sue risorse, comprese quelle lavorative e soprattutto quando il conflitto sociale, che a Cengio era continuato anche nel dopoguerra e aveva cominciato a manifestarsi anche a Porto Marghera, iniziò a divenire insostenibile. Si pensò quindi di trasferire nel meridione le lavorazioni nocive, e tra queste ve ne era una di straordinaria importanza per quegli anni: la lavorazione della plastica. Un processo industriale che utilizza il cloruro vinile monomero, una sostanza altamente tossica e tumorale; in altre parole, una sostanza che uccide. Una nocività che nel 1960 era ampiamente nota alla comunità scientifica internazionale, poiché già nel 1949 era stato pubblicato un saggio, prima in Unione sovietica e poi riconosciuto in tutto il mondo, che trattava proprio la questione della pericolosità della lavorazione del cloruro vinile monomero per la salute delle persone. È vero che in Italia il livello culturale della comunità scientifica non era particolarmente brillante, nel senso che quei pochi che indagavano seriamente questi temi all interno dell università erano al servizio della grande industria ed è solo alla fine degli anni Sessanta, primi anni Settanta, che iniziano a uscire dall accademia delle figure che si contrappongono a questo schieramento apertamente di classe; ma è anche vero che alcuni medici di base, interni alla stessa Montecatini, soprattutto nel polo di Livorno dove c era la Solvay, e più di tutti un medico che si chiamava Cesare Maltoni, avevano iniziato a diffondere informazioni sulla nocività di questa sostanza e sulla sua pericolosità per la vita dei lavoratori. Quindi si conosce- 19

20 L'INTERVENTO va la realtà della situazione quando vengono costruiti i poli industriali. Eppure in una città come Brindisi, che dal 1960 è stato uno dei centri più importanti per la lavorazione del cloruro vinile monomero, non è mai stata detta una parola sulla sua nocività. Un cantiere sociale non è un luogo di interviste ma un luogo che parte dall idea, ormai molto trascurata, che i migliori conoscitori di un contesto sono coloro che lo vivono e lo frequentano abitualmente; solo chi vive un problema, in questo caso una situazione tragica perché si confronta con la morte, è anche colui che ne conosce l anima e il senso, l esperienza. Questo cantiere è nato dall incontro con un epidemiologo molto importante che lavora a Brindisi, Maurizio Portaluri, e con alcuni operai di quella generazione che ha iniziato la storia del polo industriale, ancora vivi ma tutti malati di cancro. I vecchi lavoratori sono stati molto importanti perché volevamo ricostruire la storia del polo chimico, non come storia della grande industria che si può leggere su qualche libro ma come storia di chi l ha attraversata, fatta, costruita, e caso mai ci è anche morto; una vecchia generazione che ha vissuto la fabbrica dalla nascita, nel 1960, fino al 1974, persone che erano già organizzate nel Comitato di difesa delle vittime del petrolchimico, che ha costruito relazioni con 300 ex lavoratori, in parte morti e in parte ammalati di tumore. È importante anche la storia di questo comitato, perché è nato dal trauma di uno di loro, un operaio che per tantissimo tempo aveva portato avanti con assoluta tranquillità il paradigma meglio morire di cancro che morire di fame : quando si rompevano i tubi nei reparti del vinile e fuoriusciva una pioggia di polvere bianca che si depositava dappertutto tanto che tra i lavoratori era nato il modo di dire anche oggi ha nevicato lui si proponeva per andare a rattoppare i condotti; non è detto che venga il cancro, diceva, sono tutte storie, casomai mi date un giorno di riposo in più, ho una famiglia da mantenere ecc. Finché un giorno il cancro se l è trovato. Quel giorno, anziché far propria la cultura cittadina, una cultura colonizzata che ha origini molto lontane nella storia europea e italiana e che vuole che la malattia debba essere nascosta, ha deciso di andare a cercare gli ex colleghi, e bussando di casa in casa si è sentito dire che erano morti; da qui è nato il comitato. Abbiamo poi cercato gli operai più giovani, perché a un certo punto la Montedison ha esternalizzato il settore più pericoloso, quello dell intervento di manutenzione sulle tubature, e li abbiamo trovati facilmente perché sono lavoratori molto precari e molto arrabbiati, per la semplice ragione che hanno dei contratti giornalieri. Loro ci hanno spiegato come funziona il sistema: una piccola impresa si propone per l appalto della manutenzione e utilizza lavoratori interinali, assumendoli a condizione che lavorino a chiamata a qualunque ora del giorno e della notte; 20

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Polo industriale brindisino: il pane e la morte di Renato Curcio

Polo industriale brindisino: il pane e la morte di Renato Curcio Polo industriale brindisino: il pane e la morte di Renato Curcio Il ricatto salute-lavoro: inquinamento e tumori in cambio di un salario Meglio morire di cancro che di fame : è una frase che a Brindisi

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Ci sono delle slide che Renzi in occasione dei due anni dall insediamento del suo governo (22 gennaio 2014) non vi farà certamente

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno 203 IBL Focus Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno Di Andrea Giuricin L Italia è sempre stata una potenza nel campo del turismo. Lo si dice spesso, ma purtroppo ciò trova sempre meno riscontro

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Il TdP incontra gli ex esposti all Amianto: una Storia fatta di Persone Oristano 27 maggio 2011 M. FADDA - Asl Oristano Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Mentre costruivo la mia Tesi di Laurea non immaginavo

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

COME LIMITIAMO NOI STESSI

COME LIMITIAMO NOI STESSI COME LIMITIAMO NOI STESSI 1 Il 63 % delle persone crede che il raggiungimento dei propri obiettivi finanziari sia possibile solo attraverso una grossa vincita Non si può ottenere quello che non si riesce

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof.

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof. GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA Prof. Daniel Navas Vega 1 SCHEMA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI? LE CARATTERISTICHE DELLO

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che Premessa «Il denaro è un mezzo e non un ne» si insegnava una volta, quando la scuola primaria si chiamava ancora elementare: ma oggi ha un senso questa frase? Sembrerebbe di no, osservando il nostro maltrattato

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Corso di Economia Politica. ESERCITAZIONE N.1: Equilibrio di mercato 18-04- 2011

Facoltà di Giurisprudenza Corso di Economia Politica. ESERCITAZIONE N.1: Equilibrio di mercato 18-04- 2011 ESERCITAZIONE N.1: Equilibrio di mercato 18042011 1) La seguente tabella mostra i prezzi e le quantità di un ipotetico mercato dei popcorn. Tracciate le curve di domanda e offerta Prezzo Q.tà domandata

Dettagli

Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili?

Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili? 177 idee per il libero mercato Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili? di Andrea Giuricin Le auto blu in Italia ritornano spesso nel dibattito politico. Sono state eseguite differenti stime

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

CAPITOLO 5 PP. 229-281

CAPITOLO 5 PP. 229-281 CAPITOLO 5 PP. 229-281 Il Secondo dopoguerra L Italia esce sconfitta dalla 2ª G.M. ma profondamente rinnovata: Passa da una strategia di sviluppo c.d. ISI, ISI = Industrializzazione Sostitutiva di Importazioni;

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde)

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 861 COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 19 gennaio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

DAILY REPORT 18 Agosto 2014

DAILY REPORT 18 Agosto 2014 DAILY REPORT 18 Agosto 2014 Ecco qua alcune tabelle per valutare il Sistema Italia, in un momento in cui vediamo i nostri Titoli di Stato comprati come non mai, quasi si intravedesse la luce in fondo al

Dettagli

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta 661 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 L intervista al Corriere della Sera Sull entrata di Poste

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU La società e le regole Gruppi e società Dalla vita quotidiana al Diritto e all Economia Il Diritto e l Economia: scienze sociali Origini

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

per una legge regionale sul reddito minimo garantito

per una legge regionale sul reddito minimo garantito per una legge regionale sul reddito minimo garantito YES WE CASH! PER UNA LEGGE REGIONALE SUL REDDITO MINIMO GARANTITO Gli effetti della crisi, sempre più devastanti, sono ormai una realtà per tutti noi;

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Quanto costa il mio fondo pensione?

Quanto costa il mio fondo pensione? Quanto costa il mio fondo pensione? Le differenze con il mercato e i nostri punti di forza Uno dei temi principali su cui il mercato della previdenza complementare si confronta è quello relativo ai costi

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Alcune Caratteristiche del Sistema Economico della Teoria Prout

Alcune Caratteristiche del Sistema Economico della Teoria Prout Alcune Caratteristiche del Sistema Economico della Teoria Prout P.R. Sarkar Ci sono varie specialità nel sistema economico del Prout. Esse includono: La garanzia del fabbisogno minimo, L aumento del potere

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO L OSSERVATORIO 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO 3 Febbraio 2014 E un Europa sospesa tra l essere minaccia e rappresentare

Dettagli

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti (15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti 61 I. L Europa che vogliamo II. III. IV. I valori del Partito popolare europeo L Europa delle libertà L Europa

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Vedano Olona 20 3 2012 "Quando una persona viene al mondo è un albero di possibilità, di tante possibili vite; tanti rami, tanti bivi: di questo

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21

Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Sezione 2: Macroeconomia Capitolo 10: Problemi 1, 2, 4; Capitolo 11: Problemi 4, 5, 9: Capitolo 12: Problemi

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato)

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato) Ecco una idea di valore per i REGALI DI NATALE Natale: solito problema del pensierino! Fortunatamente ormai ognuno di noi ha quasi tutto, quindi regalare qualcosa significa regalare il superfluo o l inutile.

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: SISTEMA ECONOMICO E STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Interpretare il modello di funzionamento del sistema economico attraverso le relazioni tra le categorie di soggetti

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

SEMINARIO DI CULTURA POLITICA PD Milano - Zona 7

SEMINARIO DI CULTURA POLITICA PD Milano - Zona 7 SEMINARIO DI CULTURA POLITICA PD Milano - Zona 7 GLOBALIZZAZIONE PARTITO LAVORO WELFARE IL LAVORO a cura di Paolo Raffaldi & Corrado Angione DAL PASSATO: LA SINISTRA ED IL LAVORO... Secondo quali modalità

Dettagli

LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO

LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO (ANSA) - ROMA, 19 NOV - Le retribuzioni di fatto reali hanno perso tra il 2002 e il 2007, 1.210 euro, ma se a questo aggiungiamo la perdita derivante

Dettagli

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE 43 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE TUTTI I MALI DEI TITOLI DI STATO Editoriale de Il Giornale, 5 marzo 2012 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Passata o quasi

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli