Provincia Autonoma di Trento - Documenti per la Salute n.32. Documenti per la Salute 32

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia Autonoma di Trento - Documenti per la Salute n.32. Documenti per la Salute 32"

Transcript

1 Documenti per la Salute 32

2

3 Il Fisioterapista professione intellettuale tra ideale e reale EDIZIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE Trento 2008

4 copyright Giunta della Provincia Autonoma di Trento, 2008 Collana Documenti per la Salute - 32 Assessorato alle Politiche per la Salute Servizio Organizzazione e qualità delle attività sanitarie tel. 0461/494075, fax 0461/ Il Fisioterapista professione intellettuale tra ideale e reale Atti del Convegno realizzato a Trento il 22 settembre 2007 A cura di Maria Gloria Ferrari Coordinamento editoriale: Vittorio Curzel Impaginazione: Giovanna Forti Il FISIOTERAPISTA : professione intellettuale tra ideale e reale / [a cura di Maria Gloria Ferrari] Trento : Provincia autonoma di Trento. Assessorato alle politiche per la salute, p. ; 24 cm. (Documenti per la salute ; 32) Atti del convegno tenuto a Trento nel Nome del cur. dal verso del front. ISBN Fisioterapisti Professione Congressi Trento I. Ferrari, Maria Gloria

5 Presentazione Nel panorama della sanità trentina questa iniziativa è particolarmente importante. Anch io mi unisco alle espressioni di apprezzamento che sono state rivolte alla dott.ssa Ferrari e a quanti hanno contribuito ad organizzare il convegno perché credo sia importante che si possa discutere delle professioni sanitarie assumendo, come tema centrale, i bisogni, la domanda di salute da parte dei cittadini. In un settore, come quello sanitario, in cui sono rappresentate diverse figure sanitarie - quelle mediche e altre come quella del fisioterapista - vi è un grosso rischio di portare avanti ed esprimere esigenze di carattere settoriale e corporativo, ma in questo Convegno abbiamo avuto la positiva dimostrazione che si può valorizzare e chiedere il riconoscimento della propria professione in un contesto più ampio. La fisioterapia rappresenta una professione in evoluzione; così come viene svolta e presentata è una professione giovane, fresca, che può essere un utile alleato anche per coloro che si trovano a dover gestire, in termini di programmazione, le domande dei bisogni di salute da parte dei cittadini. Noi abbiamo bisogno - la cittadinanza, la nostra comunità ha bisogno - di stringere un patto per governare il cambiamento, che non è una componente straordinaria nell esercizio dell attività, ma è una componente strutturale, costitutiva dell agire nell ambito delle professioni sanitarie. Abbiamo quindi la necessità di adeguare, di modificare i modelli organizzativi oltre che di dare seguito alle sperimentazione e ai risultati della ricerca e le resistenze che troviamo non sono più giustificate: sono ritardi i cui costi sono a carico dei cittadini, soprattutto delle fasce più deboli della popolazione. Mi fa particolarmente piacere il richiamo che è stato fatto oggi in più di un intervento e che è stato, anzi, il filo conduttore di tutta la giornata: questo richiamo alla necessità di pensare, di essere soggetti attivi in un contesto organizzato nel quale ognuno svolge il proprio ruolo e la propria funzione, in cui non vi sono soltanto linee guida e protocolli che informano l attività, ma c è sempre la responsabilità dell operatore nei confronti dei bisogni della persona. Io credo che questo sia particolarmente importante e mi è piaciuta la citazione di Hannah Harendt - il richiamo al pensare per abituarci ad assumere decisioni responsabili perché noi stiamo oggi assistendo, non solo nella sanità, al proliferare di imbonitori che usano tutti gli strumenti per comunicare.

6 Il sistema sanitario trentino è interessato da grandi trasformazioni che, come succede in tutti i processi di cambiamento, stanno provocando inevitabili reazioni. Non ci sono scelte, non ci sono decisioni, non c è cambiamento senza che ci siano anche reazioni a esso. Nel cambiamento c è, necessariamente, una componente di conflitto. In Trentino, questo cambiamento c è: per coloro che operano all interno del servizio sanitario e per coloro che registrano anche attraverso i mezzi di comunicazione questi cambiamenti ma che, nel rappresentare quanto accade spesso danno maggior voce alla parte che resiste alle innovazioni. Le scelte che la politica fa non le fa in solitudine, ma con il dialogo e il confronto e quindi dà corpo e voce agli stimoli, alle sollecitazioni, al contributo che il mondo sanitario esprime. Spesso però questa voce rimane muta di fronte ai frutti dei cambiamenti, di fronte ai risultati e lascia solo chi fa queste scelte sia pure nell interesse generale. Di fronte a questo noi abbiamo bisogno di alleati e intendiamo aprire nuovi spazi e opportunità alle professioni e ai professionisti che, in questo contesto, vogliono essere soggetti che partecipano al cambiamento e che stringono un'alleanza con la Pubblica amministrazione, per gestirlo e per governarlo. Da questo punto di vista c è la nostra piena disponibilità a collaborare con tutti gli operatori delle professioni sanitarie, perché riteniamo che il cambiamento sia gestibile unicamente se c è una parte che assume la sfida del cambiamento, e assieme a noi la porta avanti. Nel corso di questi mesi ci si è impegnati a fondo perché la professione del fisioterapista sia riconosciuta in un contesto integrato, multidisciplinare, multisettoriale. È la richiesta di una categoria che, sta crescendo ed i cui spazi professionali stanno aumentando, che non vuole riservarsi aree protette, ma vuole essere un elemento che partecipa concretamente al soddisfacimento dei bisogni dei cittadini. Nel corso di questi mesi abbiamo affidando all Azienda provinciale per i servizi sanitari un obiettivo, affinché venga applicata la legge n quella della dirigenza delle professioni sanitarie - ed entro l anno o i primi mesi del prossimo anno, noi potremo dispiegare i risultati di questo riconoscimento che vede tutte le professioni sanitarie - non solo quelle mediche - come componenti importanti all interno di un sistema integrato. Il Convegno ha prodotto anche un documento finale, che accolgo volentieri in quanto contributo affinché quanto è stato detto nel Convegno possa essere veicolato anche in altre sedi e in altri momenti. Ringrazio tutti i partecipanti per le relazioni che sono state presentate e per il dibattito che si è sviluppato, che ho trovato molto interessante.

7 Chiudo con un aspetto, che pure è importante: si tratta della nuova denominazione per la sede, in cui si svolgono i corsi delle professioni infermieristiche di polo universitario per le professioni sanitarie, che non vuole essere soltanto un cambiamento di etichetta, ma è il segno e il risultato di un cambiamento, di un impostazione nuova, di un idea e, soprattutto, di un attenzione, di un riconoscimento del ruolo che i fisioterapisti assieme ad altre professioni sanitarie, concretamente sul campo hanno meritato. Remo Andreolli Assessore provinciale alle politiche per la salute

8

9 Introduzione La giornata rappresenta un importante momento di riflessione e confronto sull attuale condizione e sulle prospettive di sviluppo della professione del Fisioterapista nell ambito del territorio provinciale. É un evento celebrativo che prende occasione dal decennale dell istituzione del Corso di formazione universitaria del Fisioterapista, per fare il punto sui cambiamenti avvenuti in questi dieci anni e sui rapporti tra il Fisioterapista e il Servizio Sanitario, sistema complesso e proprio per questo c è la necessità di aprire un dibattito aperto e franco per comprendere dal di dentro le situazioni per poter meglio intervenire. Questo verrà svolto in relazione al ruolo e alla funzione del Fisioterapista, anche alla luce delle prospettive aperte dalla recente istituzione della Laurea Specialistica e dall attuazione dell obiettivo 11 della Provincia Autonoma di Trento assegnato all Azienda Sanitaria per il Il tema è la Revisione dell assetto organizzativo dell assistenza infermieristica, Ostetrica, della Prevenzione, della Riabilitazione e Tecnica per implementare un nuovo assetto organizzativo che tenuto conto dei vincoli e delle opportunità del nostro contesto sanitario trentino sotto il profilo delle relazioni organizzative e del miglioramento continuo della qualità dei servizi erogati - integra, tramite un modello gestionale basato sul costante raccordo tra i diversi ambiti in cui si eroga l assistenza, il complesso sistema degli operatori appartenenti alle Professioni Sanitarie di cui alla legge 251/2000, anche assegnando ai professionisti sanitari nuovi ruoli dirigenziali e di coordinamento, nuove opportunità in linea con le più recenti disposizioni normative e contrattuali e in particolare, con la legge n. 43/2006. Tutto ciò premesso, al fine di migliorare l organizzazione dell assistenza, la continuità delle cure e lo sviluppo professionale, nella ferma convinzione che valorizzare le Professioni Sanitarie è un segno tangibile di innovazione che consente di dare migliori risposte di salute ai cittadini. Maria Gloria Ferrari Presidente AIFI Trentino Alto Adige

10 É veramente con piacere che porto il mio saluto personale e dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento a questa iniziativa, che come ha ricordato la Dott.ssa Ferrari coincide con i 10 anni di questa nuova formazione, per questa professione di Fisioterapista, e l Istituzione della Laurea Specialistica. In Trentino è un momento propizio perché noi abbiamo concluso il lavoro nella previsione della riorganizzazione che tiene conto di due precedenti direttive che richiedono, per quanto attiene la nostra Azienda, una modificazione organizzativa con l istituzione delle dirigenze Infermieristiche, Ostetriche, Riabilitative, Tecniche e della prevenzione. Da questo punto di vista l Assessore quando verrà dirà cose significative, perché ora la palla passa nel campo della politica per le decisioni finali. Io credo che oggi voi avrete modo di riflettere, come vi siete proposti, sulle problematiche attinenti l integrazione tra le varie professioni. É logico che la realtà assistenziale è sempre più complessa. I professionisti prendono in cura le persone che però rimangono persone; purtroppo noi non possiamo spezzettarle. Loro si aspettano un servizio unitario-complessivo e quindi il problema non credo sia solo legato alla precisa definizione di chi si attiva, alle regole formali. Il problema è che cosa succede nella realtà di tutti i giorni e quindi come le professioni si integrano, non è un problema di regole generali, ma è un problema di prassi e credo che questo sia il problema maggiore che avete voi ma che hanno tutte le professioni: i medici, le altre professioni sanitarie. Quindi ben vengano queste occasioni di riflessione soprattutto quando queste occasioni di riflessione mettono attorno allo stesso tavolo persone, professionisti che provengono da diverse aree professionali, che quindi cominciano a trovare quelli spazi di metodologia e di lavoro comune. Carlo Favaretti Direttore Generale dell'azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento

11 Gli atti del Convegno Il Fisioterapista professione intellettuale tra ideale e reale, fanno il punto sulle politiche di sviluppo e sulle tematiche più rilevanti emerse dalle esperienze dei modelli di gestione e di progettazione integrata, mirando a mettere in risalto lo sviluppo professionale del Fisioterapista all interno del sistema sanitario nonché del suo posizionamento nel vasto panorama professionale. Con un quadro giuridico più definito e l individuazione di un percorso formativo unicamente universitario, il Fisioterapista ha assunto un ruolo di rilievo anche a livello delle politiche di sviluppo delle professioni sanitarie. La strategia, alla base della programmazione dello sviluppo professionale, costituisce una scelta molto avanzata, che ha visto l impegno congiunto dei Ministeri, Salute ed Università, delle Regioni e dell Associazione Professionale, nel rapporto di avvicinamento al panorama europeo e mondiale, sia nella definizione di obiettivi e strumenti sia nell articolazione del quadro istituzionale di riferimento. Occorre oggi concentrare gli sforzi verso l integrazione degli interventi professionali e l analisi attenta delle modalità gestionali che garantiscano condizioni adeguate di sostenibilità, di durata e di efficacia dell assistenza riabilitativa, in una cornice di controllo e verifica della qualità. In tale direzione è indirizzato l impegno dell Associazione Professione, attraverso le proprie strutture centrali e periferiche. Lo sviluppo giuridico e scientifico del Fisioterapista, rappresenta ormai un processo irreversibile che continua a guardare lontano. La maturità politica, i fondamenti deontologici, l analisi metodologica e la ricerca scientifica proiettano il Fisioterapista italiano verso un percorso già delineato a livello internazionale, come attore co-protagonista del governo clinico del sistema paziente. Questo Convegno ha rappresentato un opportuno approfondimento per tutti i Soggetti che concorrono al rafforzamento delle politiche sanitarie a favore del cittadino e delle politiche di sviluppo culturale, intese come risorsa per lo sviluppo della Professione. Antonio Bortone Presidente A.I.FI. Associazione Italiana Fisioterapisti

12

13 Indice 9 Introduzione 15 Cap. 1 La professione di fisioterapista oggi Il Corso di Laurea in Fisioterapia compie dieci anni (Giancarlo Tassinari) Il processo di sviluppo della professione (Antonio Bortone) Il Codice deontologico del Fisioterapista: una guida che orienta la responsabilità (Rodriguez Daniele) La documentazione in Fisioterapia: uno strumento per la qualità e la continuità dell'assistenza (Fabio Cembrani) Fisioterapista manager tra clinica e organizzazione (Antonio Bortone) Evidence Based Practice in Physical Therapy (Paolo Pillastrini) Le professioni sanitarie della riabilitazione: alcune considerazioni (Maria Gloria Ferrari) 49 Cap. 2 Tavola rotonda: "Valorizzare il team multidisciplinare nella presa in carico della persona nel bisogno di cura" 75 Appendice 77 - Dichiarazioni di principio e dichiarazioni di presa di posizione Core standards della pratica in fisioterapia

14

15 Capitolo 1 La professione di fisioteraspista oggi 1.1. Il Corso di Laurea in Fisioterapia compie dieci anni Giancarlo Tassinari L Università di Verona da dieci anni, si è assunta l impegno di realizzare il corso di Laurea - in passato corso di Laurea in Fisioterapia - in stretta collaborazione con la Provincia Autonoma di Trento, l Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari e con il coordinamento di Maria Gloria Ferrari. Come è stato già detto, io ho assunto recentemente quest incarico di Presidente, ma sono stato uno dei docenti di questo Corso fin dalla sua istituzione: ho quindi vissuto e testimoniato tutta la sua evoluzione, con una crescita culturale che si è maturata in questi dieci anni. É una crescita che io vedo non tanto nella mia materia d insegnamento - che è al primo anno in cui, purtroppo, dobbiamo ancora confrontarci con la preparazione fornita dalla scuola superiore - ma che si manifesta durante tutti i tre anni del corso. É sorprendente infatti vedere come, al termine del triennio, i giovani raggiungano - sia a Rovereto, sia a Verona e probabilmente in tutto il resto d Italia - un livello di preparazione e di maturazione veramente notevoli. Questo lo verifichiamo nelle tesi di laurea, che motivano un attività di ricerca, sia pure a livelli semplici e per brevi durate, la quale a mio parere stimola e qualifica l attività clinica dei luoghi dove si svolge, nel senso di avvicinare sempre di più quest attività alla medicina, alla fisioterapia, basata sulla evidenza sperimentale. Ad un certo punto di questa maturazione culturale legata all attività di ricerca, la ricerca si rivolge anche all attività didattica stessa: di questo parlerò in pochi minuti, usando dati che sono quelli di una tesi di laurea in corso, di Michele Simoni, che ha studiato i risultati di questo corso nei dieci anni in cui si è svolto finora. Ci sono vari approcci di valutazione della didattica, più o meno centrati ed efficaci, che attengono alla bontà degli insegnamenti, alla funzionalità delle aule e delle strutture didattiche. Questo, invece, è uno studio che riguarda il corso nel suo svolgimento complessivo e nei rapporti con il mondo del lavoro, 15

16 Capitolo i cioè l efficacia del corso nell inserimento del fisioterapista nel mondo del lavoro. E uno studio che ha una discreta validità statistica, anche se non si tatta di una popolazione enorme, ma è la popolazione di tutti i 109 diplomati - e poi laureati - nel corso dei dieci anni presso il Polo di Rovereto dell Università di Verona. Di questi 109 hanno risposto 77; quindi è uno studio fatto su un campione di 77 soggetti: voi sapete che la statistica richiede grandi numeri e che è opinabile un risultato se è riferito ad un numero piccolo ma, quando i numeri sono come questi - cioè dicono, per esempio, che il 100% di 77 intervistati fa il fisioterapista - e se confrontati alle collocazioni disparate e a volte disperate dei laureati in altre materie, essi dimostrano con chiarezza indubitabile l efficacia di questo corso. Per quanto riguarda il tempo che hanno impiegato i fisioterapisti, laureati e diplomati nel decennio, a trovare una prima occupazione, vediamo che il 74% è già collocato in meno di un mese; in ogni caso, entro un anno tutti sono collocati in una posizione di lavoro. Il numero è piccolo ma, ripeto, è estremamente indicativo e questo dato si può confrontare con vari dati delle realtà nazionali. Se analizziamo i dati dei laureati in medicina - che tuttavia quasi sempre dopo la laurea frequentano la specializzazione e quindi l inserimento nel mondo del lavoro è ritardato - vediamo che, secondo lo studio su tutto il campione nazionale di Alma Laurea, trovano occupazione dopo due anni al 26%, al 28% dopo tre e dopo cinque anni, cioè a specializzazione finita, al 56%. Il confronto più appropriato è con le lauree triennali: a questo proposito c è uno studio dell Università di Pisa su un campione di circa venti volte superiore a questo, dal quale risulta che, per i laureati nel 2004, il 72% si colloca entro un anno e mezzo, e si arriva addirittura al 92% nel caso delle lauree sanitarie. Qua siamo al di sopra anche di questo dato. Lo studio di Michele Simoni mostra poi, tra l altro, l evoluzione nel tempo dell occupazione, e mette in evidenza come vi sia una buona stabilità, nel senso che la metà circa di quelli che trovano una collocazione in tempi così brevi la mantiene dopo vari anni, mentre un altra metà la cambia.. La tesi mostra come tale cambio comporta sostanzialmente un passaggio da una collocazione a tempo determinato ad una a tempo indeterminato; all inizio quest ultima percentuale è del 50%, mentre nel corso dei dieci anni aumenta la collocazione a tempo indeterminato rispetto a quella a tempo determinato ed aumenta, come abbiamo anche testimoniato recentemente, il passaggio alla libera professione, al culmine di una maturazione professionale di questi diplomati e laureati. C è una collocazione iniziale prevalente nell ambito delle RSA e dunque dell anziano; questo avviene soprattutto in tempi immediatamente successivi alla laurea ed al diploma ma, nel tempo, l orientamento si rivolge di più al trattamento dell adulto. Nella conclusione di questo studio viene chiesto agli intervistati se rifarebbero 16

17 Capitolo i questo percorso universitario. Il dato che emerge (e che va considerato con tutte le premesse che abbiamo visto fino ad ora, e cioè la disponibilità immediata e la stabilità del posto di lavoro) è che la soddisfazione degli intervistati è notevole: il 92% dichiara che rifarebbe la stessa scelta. Non voglio entrare in dettagli più o meno venali ma devo dire che c è una sostanziale soddisfazione anche per quanto riguarda la retribuzione e nella prospettiva di carriera. La nota critica forse è questa: la soddisfazione del corso, ossia quanto il corso sia stato completamente di gradimento e di utilità nella formazione dell attività di lavoro, chi si accontenta può essere già felice perché la valutazione sufficiente è del 60% circa, mentre quella di buono è espressa da circa 1/3 degli intervistati; poco più del 10% dà invece una valutazione di insufficiente. Bisogna dire tuttavia che lo studio ha considerato anche quanti continuano l attività formativa dopo la laurea ed il diploma, che sono circa il 95%; c è quindi sicuramente un ruolo importantissimo, indispensabile, dell impegno dell autoformazione, che continua dopo il diploma o dopo la laurea. Qualcosa cerchiamo di fare anche noi su questo piano, nel senso che anticipando la riforma del piano didattico in linea con la legge n. 270 del 2004, che ancora attende di essere attuata, abbiamo pensato di modificare la quota della didattica pratica rispetto a quella formale, cioè frontale. In altri termini aumenteremo il periodo di tirocinio. Noi abbiamo anche pensato - e questa è la cosa più importante - di cambiare la proporzione tra gli insegnamenti più accademici (diciamo quelli svolti dai docenti universitari come siamo noi) e quelli invece attribuiti ai professionisti. Già ora c è una quota importante di questi insegnamenti è svolto dai professionisti che si sono diplomati o laureati nel nostro Ateneo Il processo di sviluppo della professione Antonio Bortone In una festa di compleanno si sfogliano album di famiglia, album di ricordi. Tracciare, ricordare, il processo di sviluppo di una professione, fa anche notare un po di cambiamento rispetto alle fotografie di un tempo e rispetto al percorso compiuto, dal momento in cui si è iniziato. L intervento del prof. Tassinari mi ha fatto riflettere perché, nel corso di questo processo di sviluppo mi colpisce qui lo stile di criticare questo percorso stesso, cioè la posizione delle persone insoddisfatte, oppure mi interessa - più che incuriosirmi - il margine di sviluppo che ancora abbiamo davanti: passare da una percezione, da un gradimento buono - sotto il profilo occupazionale - ad un giudizio molto buono, vuol dire consentire alla professione un ulteriore slancio e processo di sviluppo, non basato su una vanità di settore o vanità di categoria, perché guardare in alto significa voler fare meglio le cose e non tanto arrivare in alto. Infatti, se 17

18 Capitolo i non si è preparati, con una conoscenza adeguata, le vertigini incombono. É un percorso, per molti, forse per tutti - anche se la sala ha un estrazione eterogenea dal punto di vista anagrafico - noto, conosciuto. Vediamo che cos è successo in tutti questi anni. La legge 502 ha aperto, sicuramente, un varco importante nel profilo formativo, individuando le professioni sanitarie ma, soprattutto individuando il percorso curricolare. Subito dopo c è stato un passaggio epocale, ossia il profilo professionale del fisioterapista che ha generato tanti dilemmi interiori, culturali perché, passare da un acronimo T.d.R (Terapista della riabilitazione) ad un acronimo F.T, fisioterapista, è costato: è costato ai dinosauri della riabilitazione alla quale io appartengo, in quanto si perdeva - o quanto meno si percepiva la scomparsa - di un segmento, cioè quello della riabilitazione, che non rientrava nel processo terminologico del fisioterapista. Fondamentalmente si stava svolgendo un cambiamento culturale: si passava da una individuazione autoreferenziale in un momento storico ed in un contesto ove ogni categoria cercava di porre paletti, staccionate, ed ergersi a factotum di un ipotetico sistema, ad un interazione tra categorie diverse, ad un progetto interculturale: in una sola parola, ad un azione molto più interdisciplinare, interprofessionale che, effettivamente ha rappresentato il vero cambiamento, soprattutto nel panorama della sanità. La legge n. 42 del a cinque anni di distanza - è stata molto importante; questi anni non sono passati invano perché dal 1994 al 1999 sono accadute molte cose; tra l altro è avvenuta l istituzione del vostro corso di laurea, che oggi festeggiamo. Ma non solo: nel 1995 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il profilo professionale: voi sapete che si fa presto ad approvare le leggi ma, fino a quando non sono pubblicate, c è sempre il rischio che qualcosa si dimentichi nel cassetto. Nel 1996 è stato sottoscritto un protocollo d intesa con la SIMFER che, per antonomasia, rappresenta la contrapposizione della figura professionale del fisioterapista (probabilmente per coloro che si vogliono contrapporre e per coloro che ritengono utile la contrapposizione). In ogni caso, nel 1996 vi fu un atto di intesa con la SIMFER, ora - ahimè - dimenticato, forse da entrambe le parti e che, invece, sarebbe il caso di riprendere. Fu un fatto importante, un segnale non di contrapposizione ma di dialogo. Nel 1997 nasce il corso di laurea e nel 1998 la stesura del nostro primo Codice deontologico. Ne ho voluto fare soltanto un accenno perché dello stesso ne parlerà in maniera più dettagliata il prof. Rodriguez. Nel 1999 venne approvata la legge n. 42 che ha abolito definitivamente ciò che ancora, in alcune parti del nostro Paese, si stenta ad abolire e che, invece, rimane come retaggio culturale, ossia l ausiliarietà. La legge in questione ha abolito il termine, proprio l accezione ausiliaria alla professione, individuando le professioni sanitarie. La legge n. 251 del 2000, ha rappresentato un doppio salto in avanti, ossia 18

19 Capitolo i un apertura verso i settori di dirigenza ed ha scatenato anche reazioni, dermatiti, a chi per tramandatio occupava posti apicali. Tale legge, tuttavia, oltre a riconfermare il contenuto della legge 42, ha sancito l importanza delle procedure di valutazione, affermando che la valutazione funzionale è parte essenziale, fondamentale, di un intervento riabilitativo, attribuendone le responsabilità (ma poi su questo termine il prof. Rodriguez sicuramente si soffermerà spiegandone gli oneri e gli onori) al profilo professionale. Poi è storia molto più recente: nel 2001 sono stati emanati i decreti che individuano le classi delle lauree triennali e specialistiche, per poi arrivare al decreto ministeriale del 29 marzo 2001, che dà ulteriore slancio ed attuazione alla legge n. 251, che trova oggi nel procedimento attuativo della legge n. 43 il suo reale compimento, con le disposizioni in materia di coordinamento. Ultimo provvedimento legislativo l accordo Stato-Regioni del 31 luglio 2007, che da applicazione alle legge n. 43, che lascia un buco in questo panorama evolutivo dal punto di vista delle normative a noi riguardanti, ossia il buco dell istituzione dell Ordine, che è il vero vulnus del nostro percorso di sviluppo, della nostra crescita. Tutto questo non tanto perché la nostra ambizione è di diventare ordine professionale, quanto perché il vero vulnus della nostra crescita culturale e professionale è rappresentato dalle interferenze che avvengono in ambito occupazionale. Anche per questo non siamo giunti al molto buono e, anche per questo, alcuni colleghi - come abbiamo visto - hanno dichiarato che non lo rifarebbero, perché regna ancora un certo caos sotto il profilo della tutela giuridica, in primis nei confronti degli utenti, ossia dei pazienti. Manca un sistema che possa garantire un reale provvedimento contro l esercizio abusivo della professione sanitaria: la nostra professione è quella più ambita e, come tale, un candidato nel momento in cui non riesce a raggiungere il risultato, cerca scorciatoie, bypass e provvedimenti anche illeciti. Io, prima di concludere, vorrei fare un piccolo passo indietro per sottolineare un passaggio importante, epocale, che è sancito dal profilo professionale: l esercizio in via autonoma. L autonomia professionale si appoggia - o meglio, non può non appoggiarsi - al sentimento dell assunzione, e non solo sentimentale, di responsabilità che, a sua volta, trova la base di appoggio nella titolarietà certificata, certa. Chi assume determinati titoli e tenta di usare delle viacard o dei telepass per poter esercitare la nostra professione, ne risponde dal punto di vista legale ad un assenza totale di titolarità e, conseguentemente, non può assumersi responsabilità dei propri atti. Torno sul concetto di autonomia che non solo ci costringe ad affrontare gli aspetti più dolenti della nostra attività occupazionale per confrontarci con altre categorie ma non per dire che noi siamo migliori di altri, ma per dire che noi ci assumiamo la responsabilità (come si direbbe in un altra formula) nella gioia e nel dolore. Questo è un altro approfondimento che lascio al prof. Rodriguez, in quanto dalla condotta del professionista ne può conseguire un danno alla 19

20 Capitolo i persona. Quindi c è nesso di causalità. Di questo non ne parlo perché sarà oggetto di un altra relazione e non vorrei subire il richiamo di Gloria! Del Codice deontologico ne parlerà il prof. Rodriguez. Concludo con questa frase di Tagore: la mia libertà è rappresentata da mille vincoli di gioia, che può riassumere i nostri vincoli di normativa, che viviamo e vediamo attraverso situazioni costringenti, mentre dovrebbero rappresentare delle condizioni di garanzia reciproca Il Codice deontologico del Fisioterapista: una guida che orienta la responsabilità Rodriguez Daniele Sviluppare il discorso sul Codice deontologico lo si può fare in varie chiavi di lettura ed io ho pensato di proporlo, in modo che fosse il più possibile contestualizzato al titolo del convegno che, appunto, è Fisioterapista: professione intellettuale tra ideale e reale. Il concetto di intellettualità è strettamente connesso al concetto di professionista: questo ce lo dice anche il Codice civile (Art Esercizio delle professioni intellettuali) ma, anche se non ci fosse stato il Codice civile, questo è un concetto lampante. Volevo soffermarmi sul percorso che ha avuto in Italia l evoluzione delle professioni sanitarie in rapporto al concetto di intellettualità. Risaliamo al Testo Unico del 1934, che aveva previsto le professioni sanitarie e le aveva suddivise in principali ed ausiliare e, nel contempo, aveva anche previsto arti ausiliarie delle professioni sanitarie secondo un sistema di gerarchizzazione delle attività sanitarie che era organizzato in senso strettamente piramidale. Non dappertutto nel mondo ci sono esempi simili di organizzazione gerarchica, ma questa è la storia del nostro Paese. Alcune professioni - e questo ha inciso profondamente sulla cultura globale - aveva un mansionario, manuale - esecutivo, uno strumento che privava di un rapporto con l intellettualità qualunque tipo di attività sanitaria. Ho già detto prima che non tutte le professioni erano dichiarate professioni sanitarie : Altre non erano neppure professioni, ma arti ausiliarie di professioni sanitarie. Comunque, anche chi aveva la dichiarazione di sanitaria, era professione sanitaria ausiliaria. Dire professionista vuol dire tutti i concetti che ho provato ad esprimere e che penso possiamo condividere; possiamo altresì mettere altre voci oltre a quelle che ho indicato: valutazione, progetto/scelta, attuazione, rivalutazione. Direi che, attraverso tutto questo processo professionale che si compone di alcuni passaggi (valutazione, progetto, scelta (il professionista è un soggetto che deve operare delle scelte spesso difficilissime), attuazione, valutazione e rivalutazione continua che sostanziano quella che definisco responsabilità. 20

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO AIFI

CODICE DEONTOLOGICO AIFI CODICE DEONTOLOGICO AIFI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni e campo di applicazione Art. 2 Responsabilità disciplinare TITOLO II DIRITTI FONDAMENTALI DELLA PERSONA UMANA Art. 3 Rispetto

Dettagli

All. C al bando di ammissione pubblicato in data 11 settembre 2013 ART. 1 - TIPOLOGIA L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2013/2014, presso il Dipartimento di Sanità Pubblica, Medicina

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Indice 1. Denominazione pag 2 2. Natura istituzionale e finalità pag 2 3. Personale afferente al Servizio

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

La formazione di base

La formazione di base Formazione La formazione di base LA FORMAZIONE DI BASE PROFESSIONALIZZANTE Per formazione di base si intende la formazione scolastica, professionale, accademica e di riqualificazione che, attuandosi secondo

Dettagli

La formazione accademica

La formazione accademica Perfezionare l istruzione quando si è già infermieri: spunti di riflessione sulla formazione post-base a cura di Carla Noci* La formazione accademica successiva al corso di base è, per gli infermieri come

Dettagli

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Versione 26 dicembre 2013 Questa guida fornisce qualche consiglio di metodo per l impostazione e la stesura della tesi di laurea

Dettagli

LE PROFESSIONI SANITARIE SI PRESENTANO

LE PROFESSIONI SANITARIE SI PRESENTANO www.associazionevenetoesalute.it info@associazionevenetoesalute.it LE PROFESSIONI SANITARIE SI PRESENTANO FABIO MAZZUCATO - CRISTIAN LIUNI CHI SIAMO? costituita per merito di alcuni professionisti della

Dettagli

Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica

Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica BOZZA Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (implementazione delle competenze

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

Schema relazione su rapporto Formedil 2013

Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Questa seconda giornata nazionale della formazione edile inizia con la presentazione del rapporto Formedil 2013, un lavoro impegnativo realizzato come impegno

Dettagli

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.)

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) CODICE DEONTOLOGICO Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) Modificato dal Direttivo A.I.Te.R.P il 15 Dicembre 2012 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERAL I Definizione... 3 TITOLO II COMPITI

Dettagli

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Brescia 31 MAGGIO 2011 Aula MONTINI Azienda Ospedaliera SPEDALI RIUNITI di Brescia Fulvia Pasi 1 Il Processo di riforma delle Professioni Sanitarie: dalla legge 42/99

Dettagli

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena: un approccio integrato a gestione e sviluppo delle HR

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena: un approccio integrato a gestione e sviluppo delle HR 21 GIUGNO 2011 Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena: un approccio integrato a gestione e sviluppo delle HR Maurizio Pirazzoli Direttore Amministrativo Carmen Vandelli Responsabile Servizio Gestione

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale

Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale Cos è il Servizio Sociale? Per Servizio Sociale si intende l area di conoscenza scientificamente fondata, collocata all interno delle scienze sociali, e conseguentemente

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

Progetti di sviluppo delle Lauree Magistrali

Progetti di sviluppo delle Lauree Magistrali Progetti di sviluppo delle Lauree Magistrali Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle professioni Sanitarie Prof Adriano Ferrari Presidente commissione nazionale Lauree in Fisioterapia Orientamenti

Dettagli

Nota per intervento - Convegno ANP Manifesto per la scuola & Codice deontologico per dirigenti e docenti

Nota per intervento - Convegno ANP Manifesto per la scuola & Codice deontologico per dirigenti e docenti Nota per intervento - Convegno ANP Manifesto per la scuola & Codice deontologico per dirigenti e docenti Il manifesto per la scuola che oggi presentate ha un grande valore per la scuola tutta. Richiama

Dettagli

Fare lo Psicologo oggi: guida pratica per studenti e neolaureati in Psicologia

Fare lo Psicologo oggi: guida pratica per studenti e neolaureati in Psicologia Fare lo Psicologo oggi: guida pratica per studenti e neolaureati in Psicologia Il presente e book è stato redatto dal Dott. Edoardo Ercoli, Obiettivo Psicologia srl con la collaborazione della Dott.ssa

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Modifica di Fisioterapista. Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico

Modifica di Fisioterapista. Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA Modifica di Fisioterapista Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico Data del DR di emanazione

Dettagli

LO SVILUPPO PROFESSIONALE DEL PERSONALE

LO SVILUPPO PROFESSIONALE DEL PERSONALE LEZIONE: LO SVILUPPO PROFESSIONALE DEL PERSONALE PROF. DIAMANTE MAROTTA Indice 1 LO SVILUPPO PROFESSIONALE DEL PERSONALE -------------------------------------------------------------- 3 2 STAFF E FIGURE

Dettagli

ALUNNI CON BES. 9 settembre 2014 Alessandra Scabia

ALUNNI CON BES. 9 settembre 2014 Alessandra Scabia ALUNNI CON BES (classificazione, strategie di intervento, indicazioni operative, stesura del PDP, strumenti compensativi e misure dispensative, valutazione) 9 settembre 2014 Alessandra Scabia Il Bisogno

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI

ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Regolamento di Tirocinio per i laureati nel Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (classe L24) e del Corso di Laurea Specialistica (58/S) e Magistrale in Psicologia (classe LM51), anche ai

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

La legislazione in Italia sulle professioni sanitarie: una straordinaria avventura e siamo appena all inizio...

La legislazione in Italia sulle professioni sanitarie: una straordinaria avventura e siamo appena all inizio... legislazione in Italia sulle professioni sanitarie: una straordinaria avventura e siamo appena all inizio... Francesco Saverio Proia Dirigente Ministero Salute 1 Come eravamo: Il Testo unico delle leggi

Dettagli

Dall Università al lavoro Roma, 23 febbraio 2006. Intervento di Salvatore Muratore (Presidente del CNSU)

Dall Università al lavoro Roma, 23 febbraio 2006. Intervento di Salvatore Muratore (Presidente del CNSU) Dall Università al lavoro Roma, 23 febbraio 2006 Intervento di Salvatore Muratore (Presidente del CNSU) L indagine AlmaLaurea ci consente di analizzare l assetto del sistema formativo del nostro Paese

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Dott. Antonio Cannaò - EVOLUZIONE INFERMIERISTICA Assistenza

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Magnifico Rettore UNIBO. "Scuola di Medicina e Chirurgia" Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO Anno Accademico 2014/15

Magnifico Rettore UNIBO. Scuola di Medicina e Chirurgia Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO Anno Accademico 2014/15 Magnifico Rettore UNIBO Prof. Ivano Dionigi "Scuola di Medicina e Chirurgia" Presidente Prof. Luigi Bolondi Coordinatore del Corso Prof. Paolo Pillastrini Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO

Dettagli

Regione Puglia T I T O L I A B I L I T A N T I A L L E S E R C I Z I O D E L L A P R O F E S S I O N E D I F I S I O T E R A P I S T A A cura dell A.I.FI. ASSOCIAZIONE ITALIANA FISIOTERAPISTI REGIONE PUGLIA

Dettagli

A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico

A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico Disposizioni generali Art. 1 - Il Tecnico Sanitario di Laboratorio

Dettagli

IL RUOLO DEL LAUREATO IN SCIENZE MOTORIE

IL RUOLO DEL LAUREATO IN SCIENZE MOTORIE IL RUOLO DEL LAUREATO IN SCIENZE MOTORIE In molti laureati in scienze motorie o diplomati ISEF, all atto della promulgazione della legge 27/06 di conversione del decreto 5 dicembre 2005 n.250, hanno salutato

Dettagli

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Il 26 marzo 2014 con l approvazione della legge regionale : - Disposizioni in materia di esercizio di attività professionale da parte del personale di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici

IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici Il percorso formativo dell infermiere: dalla conoscenza alla competenza Dr. Ciro Carbone Presidente Collegio

Dettagli

3 dicembre 2002 FACOLTA DI FARMACIA. Prof.ssa Maria Chiara Cassone

3 dicembre 2002 FACOLTA DI FARMACIA. Prof.ssa Maria Chiara Cassone 3 dicembre 2002 FACOLTA DI FARMACIA Prof.ssa Maria Chiara Cassone Questo incontro è parte di un ciclo di conferenze svolto in 12 momenti, iniziati ad ottobre e che termineranno ad aprile. Il titolo come

Dettagli

Commissione albo e Comunicazione con gli Iscritti. Commissione Lotta all abusivismo, tutela dei confini della professione e pubblicità

Commissione albo e Comunicazione con gli Iscritti. Commissione Lotta all abusivismo, tutela dei confini della professione e pubblicità Commissione albo e Comunicazione con gli Iscritti - Tenuta dell Albo; - Revisione e aggiornamento Sito Web; - Redazione del Bollettino. Componenti: dott.ssa Colombari (coordinatrice), dott. Raimondi e

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI

CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI Capo I - Principi generali Articolo 1_ Le regole del presente Codice deontologico sono vincolanti per tutti gli iscritti allʼalbo degli psicologi. _Lo psicologo

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Medicina Legale Il dovere di certificare Prof. Bruno Della Pietra 1 La libertà

Dettagli

E QUINDI SANZIONABILE.

E QUINDI SANZIONABILE. Il codice deontologico tra continuità e innovazione Inf. Plebani Simona Segretario Collegio IPASVI Bergamo Significato di deontologia Il termine coniato da J. Bentham nel 1834 deriva da to deon Indica

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 00131/2014 REG.PROV.COLL. N. 00412/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Basilicata (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica

La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica Luca Benci www.lucabenci.it Twitter @Luca_Benci Le competenze specialistiche nei profili Il percorso formativo viene

Dettagli

L e lauree biennali specialistiche per le professioni

L e lauree biennali specialistiche per le professioni editoriale Lauree specialistiche un traguardo importante per la professione Corsa ad ostacoli all italiana per l accesso Giovanni Muttillo, Presidente L e lauree biennali specialistiche per le professioni

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA Lorena Martini 1 Il processo di professionalizzazione dell'infermiere è frutto di un lungo percorso di trasformazione che comincia a delinearsi

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE Il primo testo del Codice Deontologico venne approvato nel febbraio 1999 dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi. Il 17 gennaio 2009 il consiglio Nazionale

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Le politiche professionali della FNC IPASVI per lo sviluppo dei servizi territoriali

Le politiche professionali della FNC IPASVI per lo sviluppo dei servizi territoriali Le politiche professionali della FNC IPASVI per lo sviluppo dei servizi territoriali Ipasvi Perugia 10 settembre 2015 Barbara Mangiacavalli Contesto nel quale collocare la riflessione - Evoluzione dell

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA Terapia della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva (abilitante alla professione sanitaria di Terapista della neuro

Dettagli

C R I M I N O L O G I A 1.

C R I M I N O L O G I A 1. CRIMINOLOGIA 1. COLLANA CRIMINOLOGIA Swiss School of Management Consiglio Direttivo Coordinatore: Prof. Gaetano Pascale Vicecoordinatore: Prof. Vittorio Pedone Comitato scientifico: Prof. Gaetano Pascale

Dettagli

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei Il rispetto della privacy. Cosa comporta la presenza dell altro? Quale altro? Quando vale e per chi il segreto professionale? Cosa introduce nel processo comunicativo? E fuori dal segreto professionale

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE Capitolo 4 LE COMPETENZE La qualità principale che l osteopata professionista deve possedere e applicare nell approccio terapeutico è la competenza, caratteristica fondamentale dell iter formativo, dell

Dettagli

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA Martedì 7 giugno 2005, dalle ore 15 alle ore 20, si è svolto il 3 convegno alla Camera dei Deputati dell Associazione Nazionale ConVoglio Valori (per il 1

Dettagli

Orientamento universitario - LOGOPEDIA

Orientamento universitario - LOGOPEDIA Orientamento universitario - LOGOPEDIA LOG. DR. ANDREA SALVATORI LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI 28/01/2015 PER COMINCIARE Di cosa si occupa la Logopedia? Che cosa fa un logopedista? Con chi lavora? Come

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 27

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 27 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 27

Dettagli

Divisione Didattica e Studenti

Divisione Didattica e Studenti Divisione Didattica e Studenti Settore Alta Formazione Decreto del Rettore Repertorio n. 239/2014 Prot. n. 5051 del 17/04/2014 Tit. III Cl. 5 Oggetto: Istituzione e attivazione della II edizione del Corso

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2012 Aggiornato in data 14 marzo 2013 Ultimo aggiornamento approvato

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI.

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Agli Studenti Unione degli Universitari UDU Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Gentili Studenti di UDU, come sapete, abbiamo iniziato già da qualche tempo

Dettagli

OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia

OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia Premessa Negli ultimi anni le attività di diffusione scacchistica nelle Istituzioni scolastiche si sono moltiplicate in molte regioni italiane, Dirigenti Scolastici

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/13 LAUREA SANITARIA IN TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/13 LAUREA SANITARIA IN TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/13 LAUREA SANITARIA IN TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: SNT/2 Professioni sanitarie

Dettagli

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Comitato per lo Sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica Roma, 8 Ottobre 2010 Premessa Il problema dello sviluppo della cultura Scientifica e Tecnologica

Dettagli

Lista Decoro e dignità professionale

Lista Decoro e dignità professionale Lista Decoro e dignità professionale A) I NOSTRI OBIETTIVI B) COSA E STATO FATTO NEL TRIENNIO 2006/2008. FATTI: NON PAROLE C) LE PROPOSTE PER IL TRIENNIO 2009/2011 D) COMMISSIONE ALBO ODONTOIATRI (C.A.O.)

Dettagli

CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14.

CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14. CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14. (Istituzione delle professioni sanitarie non convenzionali di chiropratico

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

MANUALE DI AUTODIFESA DEL DATORE DI LAVORO

MANUALE DI AUTODIFESA DEL DATORE DI LAVORO Dipartimento di prevenzione SPISAL-Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro MANUALE DI AUTODIFESA DEL DATORE DI LAVORO Capitolo 1.3 Burocrazia e valutazione del rischio (v. 1.0

Dettagli

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RECLUTAMENTO, DEL REGIME GIURIDICO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (D.R. N. 501 del 31.10.2013) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2399 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore DE ANNA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 MAGGIO 1997 Disciplina dell attività

Dettagli

Lo sviluppo delle competenze infermieristiche: quali implicazioni organizzative?

Lo sviluppo delle competenze infermieristiche: quali implicazioni organizzative? Lo sviluppo delle competenze infermieristiche: quali implicazioni organizzative? IPASVI Como 22 febbraio 2013 Barbara Mangiacavalli Segretaria FNC IPASVI Legge 1 febbraio 2006 n.43 Disposizioni in materia

Dettagli

Disciplina organica della professione di Assistente sociale

Disciplina organica della professione di Assistente sociale PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della Senatrice Anna Maria SERAFINI Disciplina organica della professione di Assistente sociale e Assistente sociale Specialista. Onorevoli Colleghi, nel corso degli ultimi

Dettagli

LE ABILITAZIONI PROFESSIONALI DELLA GENTE DI MARE

LE ABILITAZIONI PROFESSIONALI DELLA GENTE DI MARE LE ABILITAZIONI PROFESSIONALI DELLA GENTE DI MARE Il primo riferimento è l attuale CODICE DELLA NAVIGAZIONE, la cui entrata in vigore risale al lontano 1942, completato dal relativo Regolamento di Esecuzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Pubblicato all Albo Ufficiale di Ateneo l 11/12/2006 BANDO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN PSICOPATOLOGIA DELLE DIPENDENZE A.A. 2006/2007 L Università degli Studi di Pavia istituisce per

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Art. 1 Tipologia, durata e denominazione del corso

IL RETTORE DECRETA. Art. 1 Tipologia, durata e denominazione del corso DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 529 Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it Decreto del Rettore Repertorio n. 659/2015 Prot. n. 14599 del 07/10/2015

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 luglio 2014 Modalita' e contenuti della prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale delle professioni sanitarie, per l'anno

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Capo I Disposizioni generali

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Capo I Disposizioni generali PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Capo I Disposizioni generali Art. 1 Responsabile per la prevenzione della corruzione 1. Il Responsabile per la prevenzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA FORMAZIONE POST LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA FORMAZIONE POST LAUREAM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA FORMAZIONE POST LAUREAM GV/mldb Decreto Rettorale del 20/04/2005 Rep. n. 738-2005 Prot. n. 13730 Oggetto: Bando concernente

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Art. 1 Tipologia, durata e denominazione del corso

IL RETTORE DECRETA. Art. 1 Tipologia, durata e denominazione del corso DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 300 Vercelli VC Tel. 06 6 59 Fax 06 0 89 progetti.didattica@uniupo.it Decreto del Rettore Repertorio n. 544/05 Prot. n. 45 del 8/07/05 Titolo III

Dettagli

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena CONVEGNO INTERNAZIONALE Vivere e crescere nella comunicazione Educazione Permanente nei differenti contesti ed età della vita Bressanone, 16-17 dicembre 2011 Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi

Dettagli

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 LEZIONE LA FORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE DOTT.SSA MARIA ANTONIETTA DE LUCA Indice 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 1.1.

Dettagli