Provincia Autonoma di Trento - Documenti per la Salute n.32. Documenti per la Salute 32

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia Autonoma di Trento - Documenti per la Salute n.32. Documenti per la Salute 32"

Transcript

1 Documenti per la Salute 32

2

3 Il Fisioterapista professione intellettuale tra ideale e reale EDIZIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE Trento 2008

4 copyright Giunta della Provincia Autonoma di Trento, 2008 Collana Documenti per la Salute - 32 Assessorato alle Politiche per la Salute Servizio Organizzazione e qualità delle attività sanitarie tel. 0461/494075, fax 0461/ Il Fisioterapista professione intellettuale tra ideale e reale Atti del Convegno realizzato a Trento il 22 settembre 2007 A cura di Maria Gloria Ferrari Coordinamento editoriale: Vittorio Curzel Impaginazione: Giovanna Forti Il FISIOTERAPISTA : professione intellettuale tra ideale e reale / [a cura di Maria Gloria Ferrari] Trento : Provincia autonoma di Trento. Assessorato alle politiche per la salute, p. ; 24 cm. (Documenti per la salute ; 32) Atti del convegno tenuto a Trento nel Nome del cur. dal verso del front. ISBN Fisioterapisti Professione Congressi Trento I. Ferrari, Maria Gloria

5 Presentazione Nel panorama della sanità trentina questa iniziativa è particolarmente importante. Anch io mi unisco alle espressioni di apprezzamento che sono state rivolte alla dott.ssa Ferrari e a quanti hanno contribuito ad organizzare il convegno perché credo sia importante che si possa discutere delle professioni sanitarie assumendo, come tema centrale, i bisogni, la domanda di salute da parte dei cittadini. In un settore, come quello sanitario, in cui sono rappresentate diverse figure sanitarie - quelle mediche e altre come quella del fisioterapista - vi è un grosso rischio di portare avanti ed esprimere esigenze di carattere settoriale e corporativo, ma in questo Convegno abbiamo avuto la positiva dimostrazione che si può valorizzare e chiedere il riconoscimento della propria professione in un contesto più ampio. La fisioterapia rappresenta una professione in evoluzione; così come viene svolta e presentata è una professione giovane, fresca, che può essere un utile alleato anche per coloro che si trovano a dover gestire, in termini di programmazione, le domande dei bisogni di salute da parte dei cittadini. Noi abbiamo bisogno - la cittadinanza, la nostra comunità ha bisogno - di stringere un patto per governare il cambiamento, che non è una componente straordinaria nell esercizio dell attività, ma è una componente strutturale, costitutiva dell agire nell ambito delle professioni sanitarie. Abbiamo quindi la necessità di adeguare, di modificare i modelli organizzativi oltre che di dare seguito alle sperimentazione e ai risultati della ricerca e le resistenze che troviamo non sono più giustificate: sono ritardi i cui costi sono a carico dei cittadini, soprattutto delle fasce più deboli della popolazione. Mi fa particolarmente piacere il richiamo che è stato fatto oggi in più di un intervento e che è stato, anzi, il filo conduttore di tutta la giornata: questo richiamo alla necessità di pensare, di essere soggetti attivi in un contesto organizzato nel quale ognuno svolge il proprio ruolo e la propria funzione, in cui non vi sono soltanto linee guida e protocolli che informano l attività, ma c è sempre la responsabilità dell operatore nei confronti dei bisogni della persona. Io credo che questo sia particolarmente importante e mi è piaciuta la citazione di Hannah Harendt - il richiamo al pensare per abituarci ad assumere decisioni responsabili perché noi stiamo oggi assistendo, non solo nella sanità, al proliferare di imbonitori che usano tutti gli strumenti per comunicare.

6 Il sistema sanitario trentino è interessato da grandi trasformazioni che, come succede in tutti i processi di cambiamento, stanno provocando inevitabili reazioni. Non ci sono scelte, non ci sono decisioni, non c è cambiamento senza che ci siano anche reazioni a esso. Nel cambiamento c è, necessariamente, una componente di conflitto. In Trentino, questo cambiamento c è: per coloro che operano all interno del servizio sanitario e per coloro che registrano anche attraverso i mezzi di comunicazione questi cambiamenti ma che, nel rappresentare quanto accade spesso danno maggior voce alla parte che resiste alle innovazioni. Le scelte che la politica fa non le fa in solitudine, ma con il dialogo e il confronto e quindi dà corpo e voce agli stimoli, alle sollecitazioni, al contributo che il mondo sanitario esprime. Spesso però questa voce rimane muta di fronte ai frutti dei cambiamenti, di fronte ai risultati e lascia solo chi fa queste scelte sia pure nell interesse generale. Di fronte a questo noi abbiamo bisogno di alleati e intendiamo aprire nuovi spazi e opportunità alle professioni e ai professionisti che, in questo contesto, vogliono essere soggetti che partecipano al cambiamento e che stringono un'alleanza con la Pubblica amministrazione, per gestirlo e per governarlo. Da questo punto di vista c è la nostra piena disponibilità a collaborare con tutti gli operatori delle professioni sanitarie, perché riteniamo che il cambiamento sia gestibile unicamente se c è una parte che assume la sfida del cambiamento, e assieme a noi la porta avanti. Nel corso di questi mesi ci si è impegnati a fondo perché la professione del fisioterapista sia riconosciuta in un contesto integrato, multidisciplinare, multisettoriale. È la richiesta di una categoria che, sta crescendo ed i cui spazi professionali stanno aumentando, che non vuole riservarsi aree protette, ma vuole essere un elemento che partecipa concretamente al soddisfacimento dei bisogni dei cittadini. Nel corso di questi mesi abbiamo affidando all Azienda provinciale per i servizi sanitari un obiettivo, affinché venga applicata la legge n quella della dirigenza delle professioni sanitarie - ed entro l anno o i primi mesi del prossimo anno, noi potremo dispiegare i risultati di questo riconoscimento che vede tutte le professioni sanitarie - non solo quelle mediche - come componenti importanti all interno di un sistema integrato. Il Convegno ha prodotto anche un documento finale, che accolgo volentieri in quanto contributo affinché quanto è stato detto nel Convegno possa essere veicolato anche in altre sedi e in altri momenti. Ringrazio tutti i partecipanti per le relazioni che sono state presentate e per il dibattito che si è sviluppato, che ho trovato molto interessante.

7 Chiudo con un aspetto, che pure è importante: si tratta della nuova denominazione per la sede, in cui si svolgono i corsi delle professioni infermieristiche di polo universitario per le professioni sanitarie, che non vuole essere soltanto un cambiamento di etichetta, ma è il segno e il risultato di un cambiamento, di un impostazione nuova, di un idea e, soprattutto, di un attenzione, di un riconoscimento del ruolo che i fisioterapisti assieme ad altre professioni sanitarie, concretamente sul campo hanno meritato. Remo Andreolli Assessore provinciale alle politiche per la salute

8

9 Introduzione La giornata rappresenta un importante momento di riflessione e confronto sull attuale condizione e sulle prospettive di sviluppo della professione del Fisioterapista nell ambito del territorio provinciale. É un evento celebrativo che prende occasione dal decennale dell istituzione del Corso di formazione universitaria del Fisioterapista, per fare il punto sui cambiamenti avvenuti in questi dieci anni e sui rapporti tra il Fisioterapista e il Servizio Sanitario, sistema complesso e proprio per questo c è la necessità di aprire un dibattito aperto e franco per comprendere dal di dentro le situazioni per poter meglio intervenire. Questo verrà svolto in relazione al ruolo e alla funzione del Fisioterapista, anche alla luce delle prospettive aperte dalla recente istituzione della Laurea Specialistica e dall attuazione dell obiettivo 11 della Provincia Autonoma di Trento assegnato all Azienda Sanitaria per il Il tema è la Revisione dell assetto organizzativo dell assistenza infermieristica, Ostetrica, della Prevenzione, della Riabilitazione e Tecnica per implementare un nuovo assetto organizzativo che tenuto conto dei vincoli e delle opportunità del nostro contesto sanitario trentino sotto il profilo delle relazioni organizzative e del miglioramento continuo della qualità dei servizi erogati - integra, tramite un modello gestionale basato sul costante raccordo tra i diversi ambiti in cui si eroga l assistenza, il complesso sistema degli operatori appartenenti alle Professioni Sanitarie di cui alla legge 251/2000, anche assegnando ai professionisti sanitari nuovi ruoli dirigenziali e di coordinamento, nuove opportunità in linea con le più recenti disposizioni normative e contrattuali e in particolare, con la legge n. 43/2006. Tutto ciò premesso, al fine di migliorare l organizzazione dell assistenza, la continuità delle cure e lo sviluppo professionale, nella ferma convinzione che valorizzare le Professioni Sanitarie è un segno tangibile di innovazione che consente di dare migliori risposte di salute ai cittadini. Maria Gloria Ferrari Presidente AIFI Trentino Alto Adige

10 É veramente con piacere che porto il mio saluto personale e dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento a questa iniziativa, che come ha ricordato la Dott.ssa Ferrari coincide con i 10 anni di questa nuova formazione, per questa professione di Fisioterapista, e l Istituzione della Laurea Specialistica. In Trentino è un momento propizio perché noi abbiamo concluso il lavoro nella previsione della riorganizzazione che tiene conto di due precedenti direttive che richiedono, per quanto attiene la nostra Azienda, una modificazione organizzativa con l istituzione delle dirigenze Infermieristiche, Ostetriche, Riabilitative, Tecniche e della prevenzione. Da questo punto di vista l Assessore quando verrà dirà cose significative, perché ora la palla passa nel campo della politica per le decisioni finali. Io credo che oggi voi avrete modo di riflettere, come vi siete proposti, sulle problematiche attinenti l integrazione tra le varie professioni. É logico che la realtà assistenziale è sempre più complessa. I professionisti prendono in cura le persone che però rimangono persone; purtroppo noi non possiamo spezzettarle. Loro si aspettano un servizio unitario-complessivo e quindi il problema non credo sia solo legato alla precisa definizione di chi si attiva, alle regole formali. Il problema è che cosa succede nella realtà di tutti i giorni e quindi come le professioni si integrano, non è un problema di regole generali, ma è un problema di prassi e credo che questo sia il problema maggiore che avete voi ma che hanno tutte le professioni: i medici, le altre professioni sanitarie. Quindi ben vengano queste occasioni di riflessione soprattutto quando queste occasioni di riflessione mettono attorno allo stesso tavolo persone, professionisti che provengono da diverse aree professionali, che quindi cominciano a trovare quelli spazi di metodologia e di lavoro comune. Carlo Favaretti Direttore Generale dell'azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento

11 Gli atti del Convegno Il Fisioterapista professione intellettuale tra ideale e reale, fanno il punto sulle politiche di sviluppo e sulle tematiche più rilevanti emerse dalle esperienze dei modelli di gestione e di progettazione integrata, mirando a mettere in risalto lo sviluppo professionale del Fisioterapista all interno del sistema sanitario nonché del suo posizionamento nel vasto panorama professionale. Con un quadro giuridico più definito e l individuazione di un percorso formativo unicamente universitario, il Fisioterapista ha assunto un ruolo di rilievo anche a livello delle politiche di sviluppo delle professioni sanitarie. La strategia, alla base della programmazione dello sviluppo professionale, costituisce una scelta molto avanzata, che ha visto l impegno congiunto dei Ministeri, Salute ed Università, delle Regioni e dell Associazione Professionale, nel rapporto di avvicinamento al panorama europeo e mondiale, sia nella definizione di obiettivi e strumenti sia nell articolazione del quadro istituzionale di riferimento. Occorre oggi concentrare gli sforzi verso l integrazione degli interventi professionali e l analisi attenta delle modalità gestionali che garantiscano condizioni adeguate di sostenibilità, di durata e di efficacia dell assistenza riabilitativa, in una cornice di controllo e verifica della qualità. In tale direzione è indirizzato l impegno dell Associazione Professione, attraverso le proprie strutture centrali e periferiche. Lo sviluppo giuridico e scientifico del Fisioterapista, rappresenta ormai un processo irreversibile che continua a guardare lontano. La maturità politica, i fondamenti deontologici, l analisi metodologica e la ricerca scientifica proiettano il Fisioterapista italiano verso un percorso già delineato a livello internazionale, come attore co-protagonista del governo clinico del sistema paziente. Questo Convegno ha rappresentato un opportuno approfondimento per tutti i Soggetti che concorrono al rafforzamento delle politiche sanitarie a favore del cittadino e delle politiche di sviluppo culturale, intese come risorsa per lo sviluppo della Professione. Antonio Bortone Presidente A.I.FI. Associazione Italiana Fisioterapisti

12

13 Indice 9 Introduzione 15 Cap. 1 La professione di fisioterapista oggi Il Corso di Laurea in Fisioterapia compie dieci anni (Giancarlo Tassinari) Il processo di sviluppo della professione (Antonio Bortone) Il Codice deontologico del Fisioterapista: una guida che orienta la responsabilità (Rodriguez Daniele) La documentazione in Fisioterapia: uno strumento per la qualità e la continuità dell'assistenza (Fabio Cembrani) Fisioterapista manager tra clinica e organizzazione (Antonio Bortone) Evidence Based Practice in Physical Therapy (Paolo Pillastrini) Le professioni sanitarie della riabilitazione: alcune considerazioni (Maria Gloria Ferrari) 49 Cap. 2 Tavola rotonda: "Valorizzare il team multidisciplinare nella presa in carico della persona nel bisogno di cura" 75 Appendice 77 - Dichiarazioni di principio e dichiarazioni di presa di posizione Core standards della pratica in fisioterapia

14

15 Capitolo 1 La professione di fisioteraspista oggi 1.1. Il Corso di Laurea in Fisioterapia compie dieci anni Giancarlo Tassinari L Università di Verona da dieci anni, si è assunta l impegno di realizzare il corso di Laurea - in passato corso di Laurea in Fisioterapia - in stretta collaborazione con la Provincia Autonoma di Trento, l Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari e con il coordinamento di Maria Gloria Ferrari. Come è stato già detto, io ho assunto recentemente quest incarico di Presidente, ma sono stato uno dei docenti di questo Corso fin dalla sua istituzione: ho quindi vissuto e testimoniato tutta la sua evoluzione, con una crescita culturale che si è maturata in questi dieci anni. É una crescita che io vedo non tanto nella mia materia d insegnamento - che è al primo anno in cui, purtroppo, dobbiamo ancora confrontarci con la preparazione fornita dalla scuola superiore - ma che si manifesta durante tutti i tre anni del corso. É sorprendente infatti vedere come, al termine del triennio, i giovani raggiungano - sia a Rovereto, sia a Verona e probabilmente in tutto il resto d Italia - un livello di preparazione e di maturazione veramente notevoli. Questo lo verifichiamo nelle tesi di laurea, che motivano un attività di ricerca, sia pure a livelli semplici e per brevi durate, la quale a mio parere stimola e qualifica l attività clinica dei luoghi dove si svolge, nel senso di avvicinare sempre di più quest attività alla medicina, alla fisioterapia, basata sulla evidenza sperimentale. Ad un certo punto di questa maturazione culturale legata all attività di ricerca, la ricerca si rivolge anche all attività didattica stessa: di questo parlerò in pochi minuti, usando dati che sono quelli di una tesi di laurea in corso, di Michele Simoni, che ha studiato i risultati di questo corso nei dieci anni in cui si è svolto finora. Ci sono vari approcci di valutazione della didattica, più o meno centrati ed efficaci, che attengono alla bontà degli insegnamenti, alla funzionalità delle aule e delle strutture didattiche. Questo, invece, è uno studio che riguarda il corso nel suo svolgimento complessivo e nei rapporti con il mondo del lavoro, 15

16 Capitolo i cioè l efficacia del corso nell inserimento del fisioterapista nel mondo del lavoro. E uno studio che ha una discreta validità statistica, anche se non si tatta di una popolazione enorme, ma è la popolazione di tutti i 109 diplomati - e poi laureati - nel corso dei dieci anni presso il Polo di Rovereto dell Università di Verona. Di questi 109 hanno risposto 77; quindi è uno studio fatto su un campione di 77 soggetti: voi sapete che la statistica richiede grandi numeri e che è opinabile un risultato se è riferito ad un numero piccolo ma, quando i numeri sono come questi - cioè dicono, per esempio, che il 100% di 77 intervistati fa il fisioterapista - e se confrontati alle collocazioni disparate e a volte disperate dei laureati in altre materie, essi dimostrano con chiarezza indubitabile l efficacia di questo corso. Per quanto riguarda il tempo che hanno impiegato i fisioterapisti, laureati e diplomati nel decennio, a trovare una prima occupazione, vediamo che il 74% è già collocato in meno di un mese; in ogni caso, entro un anno tutti sono collocati in una posizione di lavoro. Il numero è piccolo ma, ripeto, è estremamente indicativo e questo dato si può confrontare con vari dati delle realtà nazionali. Se analizziamo i dati dei laureati in medicina - che tuttavia quasi sempre dopo la laurea frequentano la specializzazione e quindi l inserimento nel mondo del lavoro è ritardato - vediamo che, secondo lo studio su tutto il campione nazionale di Alma Laurea, trovano occupazione dopo due anni al 26%, al 28% dopo tre e dopo cinque anni, cioè a specializzazione finita, al 56%. Il confronto più appropriato è con le lauree triennali: a questo proposito c è uno studio dell Università di Pisa su un campione di circa venti volte superiore a questo, dal quale risulta che, per i laureati nel 2004, il 72% si colloca entro un anno e mezzo, e si arriva addirittura al 92% nel caso delle lauree sanitarie. Qua siamo al di sopra anche di questo dato. Lo studio di Michele Simoni mostra poi, tra l altro, l evoluzione nel tempo dell occupazione, e mette in evidenza come vi sia una buona stabilità, nel senso che la metà circa di quelli che trovano una collocazione in tempi così brevi la mantiene dopo vari anni, mentre un altra metà la cambia.. La tesi mostra come tale cambio comporta sostanzialmente un passaggio da una collocazione a tempo determinato ad una a tempo indeterminato; all inizio quest ultima percentuale è del 50%, mentre nel corso dei dieci anni aumenta la collocazione a tempo indeterminato rispetto a quella a tempo determinato ed aumenta, come abbiamo anche testimoniato recentemente, il passaggio alla libera professione, al culmine di una maturazione professionale di questi diplomati e laureati. C è una collocazione iniziale prevalente nell ambito delle RSA e dunque dell anziano; questo avviene soprattutto in tempi immediatamente successivi alla laurea ed al diploma ma, nel tempo, l orientamento si rivolge di più al trattamento dell adulto. Nella conclusione di questo studio viene chiesto agli intervistati se rifarebbero 16

17 Capitolo i questo percorso universitario. Il dato che emerge (e che va considerato con tutte le premesse che abbiamo visto fino ad ora, e cioè la disponibilità immediata e la stabilità del posto di lavoro) è che la soddisfazione degli intervistati è notevole: il 92% dichiara che rifarebbe la stessa scelta. Non voglio entrare in dettagli più o meno venali ma devo dire che c è una sostanziale soddisfazione anche per quanto riguarda la retribuzione e nella prospettiva di carriera. La nota critica forse è questa: la soddisfazione del corso, ossia quanto il corso sia stato completamente di gradimento e di utilità nella formazione dell attività di lavoro, chi si accontenta può essere già felice perché la valutazione sufficiente è del 60% circa, mentre quella di buono è espressa da circa 1/3 degli intervistati; poco più del 10% dà invece una valutazione di insufficiente. Bisogna dire tuttavia che lo studio ha considerato anche quanti continuano l attività formativa dopo la laurea ed il diploma, che sono circa il 95%; c è quindi sicuramente un ruolo importantissimo, indispensabile, dell impegno dell autoformazione, che continua dopo il diploma o dopo la laurea. Qualcosa cerchiamo di fare anche noi su questo piano, nel senso che anticipando la riforma del piano didattico in linea con la legge n. 270 del 2004, che ancora attende di essere attuata, abbiamo pensato di modificare la quota della didattica pratica rispetto a quella formale, cioè frontale. In altri termini aumenteremo il periodo di tirocinio. Noi abbiamo anche pensato - e questa è la cosa più importante - di cambiare la proporzione tra gli insegnamenti più accademici (diciamo quelli svolti dai docenti universitari come siamo noi) e quelli invece attribuiti ai professionisti. Già ora c è una quota importante di questi insegnamenti è svolto dai professionisti che si sono diplomati o laureati nel nostro Ateneo Il processo di sviluppo della professione Antonio Bortone In una festa di compleanno si sfogliano album di famiglia, album di ricordi. Tracciare, ricordare, il processo di sviluppo di una professione, fa anche notare un po di cambiamento rispetto alle fotografie di un tempo e rispetto al percorso compiuto, dal momento in cui si è iniziato. L intervento del prof. Tassinari mi ha fatto riflettere perché, nel corso di questo processo di sviluppo mi colpisce qui lo stile di criticare questo percorso stesso, cioè la posizione delle persone insoddisfatte, oppure mi interessa - più che incuriosirmi - il margine di sviluppo che ancora abbiamo davanti: passare da una percezione, da un gradimento buono - sotto il profilo occupazionale - ad un giudizio molto buono, vuol dire consentire alla professione un ulteriore slancio e processo di sviluppo, non basato su una vanità di settore o vanità di categoria, perché guardare in alto significa voler fare meglio le cose e non tanto arrivare in alto. Infatti, se 17

18 Capitolo i non si è preparati, con una conoscenza adeguata, le vertigini incombono. É un percorso, per molti, forse per tutti - anche se la sala ha un estrazione eterogenea dal punto di vista anagrafico - noto, conosciuto. Vediamo che cos è successo in tutti questi anni. La legge 502 ha aperto, sicuramente, un varco importante nel profilo formativo, individuando le professioni sanitarie ma, soprattutto individuando il percorso curricolare. Subito dopo c è stato un passaggio epocale, ossia il profilo professionale del fisioterapista che ha generato tanti dilemmi interiori, culturali perché, passare da un acronimo T.d.R (Terapista della riabilitazione) ad un acronimo F.T, fisioterapista, è costato: è costato ai dinosauri della riabilitazione alla quale io appartengo, in quanto si perdeva - o quanto meno si percepiva la scomparsa - di un segmento, cioè quello della riabilitazione, che non rientrava nel processo terminologico del fisioterapista. Fondamentalmente si stava svolgendo un cambiamento culturale: si passava da una individuazione autoreferenziale in un momento storico ed in un contesto ove ogni categoria cercava di porre paletti, staccionate, ed ergersi a factotum di un ipotetico sistema, ad un interazione tra categorie diverse, ad un progetto interculturale: in una sola parola, ad un azione molto più interdisciplinare, interprofessionale che, effettivamente ha rappresentato il vero cambiamento, soprattutto nel panorama della sanità. La legge n. 42 del a cinque anni di distanza - è stata molto importante; questi anni non sono passati invano perché dal 1994 al 1999 sono accadute molte cose; tra l altro è avvenuta l istituzione del vostro corso di laurea, che oggi festeggiamo. Ma non solo: nel 1995 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il profilo professionale: voi sapete che si fa presto ad approvare le leggi ma, fino a quando non sono pubblicate, c è sempre il rischio che qualcosa si dimentichi nel cassetto. Nel 1996 è stato sottoscritto un protocollo d intesa con la SIMFER che, per antonomasia, rappresenta la contrapposizione della figura professionale del fisioterapista (probabilmente per coloro che si vogliono contrapporre e per coloro che ritengono utile la contrapposizione). In ogni caso, nel 1996 vi fu un atto di intesa con la SIMFER, ora - ahimè - dimenticato, forse da entrambe le parti e che, invece, sarebbe il caso di riprendere. Fu un fatto importante, un segnale non di contrapposizione ma di dialogo. Nel 1997 nasce il corso di laurea e nel 1998 la stesura del nostro primo Codice deontologico. Ne ho voluto fare soltanto un accenno perché dello stesso ne parlerà in maniera più dettagliata il prof. Rodriguez. Nel 1999 venne approvata la legge n. 42 che ha abolito definitivamente ciò che ancora, in alcune parti del nostro Paese, si stenta ad abolire e che, invece, rimane come retaggio culturale, ossia l ausiliarietà. La legge in questione ha abolito il termine, proprio l accezione ausiliaria alla professione, individuando le professioni sanitarie. La legge n. 251 del 2000, ha rappresentato un doppio salto in avanti, ossia 18

19 Capitolo i un apertura verso i settori di dirigenza ed ha scatenato anche reazioni, dermatiti, a chi per tramandatio occupava posti apicali. Tale legge, tuttavia, oltre a riconfermare il contenuto della legge 42, ha sancito l importanza delle procedure di valutazione, affermando che la valutazione funzionale è parte essenziale, fondamentale, di un intervento riabilitativo, attribuendone le responsabilità (ma poi su questo termine il prof. Rodriguez sicuramente si soffermerà spiegandone gli oneri e gli onori) al profilo professionale. Poi è storia molto più recente: nel 2001 sono stati emanati i decreti che individuano le classi delle lauree triennali e specialistiche, per poi arrivare al decreto ministeriale del 29 marzo 2001, che dà ulteriore slancio ed attuazione alla legge n. 251, che trova oggi nel procedimento attuativo della legge n. 43 il suo reale compimento, con le disposizioni in materia di coordinamento. Ultimo provvedimento legislativo l accordo Stato-Regioni del 31 luglio 2007, che da applicazione alle legge n. 43, che lascia un buco in questo panorama evolutivo dal punto di vista delle normative a noi riguardanti, ossia il buco dell istituzione dell Ordine, che è il vero vulnus del nostro percorso di sviluppo, della nostra crescita. Tutto questo non tanto perché la nostra ambizione è di diventare ordine professionale, quanto perché il vero vulnus della nostra crescita culturale e professionale è rappresentato dalle interferenze che avvengono in ambito occupazionale. Anche per questo non siamo giunti al molto buono e, anche per questo, alcuni colleghi - come abbiamo visto - hanno dichiarato che non lo rifarebbero, perché regna ancora un certo caos sotto il profilo della tutela giuridica, in primis nei confronti degli utenti, ossia dei pazienti. Manca un sistema che possa garantire un reale provvedimento contro l esercizio abusivo della professione sanitaria: la nostra professione è quella più ambita e, come tale, un candidato nel momento in cui non riesce a raggiungere il risultato, cerca scorciatoie, bypass e provvedimenti anche illeciti. Io, prima di concludere, vorrei fare un piccolo passo indietro per sottolineare un passaggio importante, epocale, che è sancito dal profilo professionale: l esercizio in via autonoma. L autonomia professionale si appoggia - o meglio, non può non appoggiarsi - al sentimento dell assunzione, e non solo sentimentale, di responsabilità che, a sua volta, trova la base di appoggio nella titolarietà certificata, certa. Chi assume determinati titoli e tenta di usare delle viacard o dei telepass per poter esercitare la nostra professione, ne risponde dal punto di vista legale ad un assenza totale di titolarità e, conseguentemente, non può assumersi responsabilità dei propri atti. Torno sul concetto di autonomia che non solo ci costringe ad affrontare gli aspetti più dolenti della nostra attività occupazionale per confrontarci con altre categorie ma non per dire che noi siamo migliori di altri, ma per dire che noi ci assumiamo la responsabilità (come si direbbe in un altra formula) nella gioia e nel dolore. Questo è un altro approfondimento che lascio al prof. Rodriguez, in quanto dalla condotta del professionista ne può conseguire un danno alla 19

20 Capitolo i persona. Quindi c è nesso di causalità. Di questo non ne parlo perché sarà oggetto di un altra relazione e non vorrei subire il richiamo di Gloria! Del Codice deontologico ne parlerà il prof. Rodriguez. Concludo con questa frase di Tagore: la mia libertà è rappresentata da mille vincoli di gioia, che può riassumere i nostri vincoli di normativa, che viviamo e vediamo attraverso situazioni costringenti, mentre dovrebbero rappresentare delle condizioni di garanzia reciproca Il Codice deontologico del Fisioterapista: una guida che orienta la responsabilità Rodriguez Daniele Sviluppare il discorso sul Codice deontologico lo si può fare in varie chiavi di lettura ed io ho pensato di proporlo, in modo che fosse il più possibile contestualizzato al titolo del convegno che, appunto, è Fisioterapista: professione intellettuale tra ideale e reale. Il concetto di intellettualità è strettamente connesso al concetto di professionista: questo ce lo dice anche il Codice civile (Art Esercizio delle professioni intellettuali) ma, anche se non ci fosse stato il Codice civile, questo è un concetto lampante. Volevo soffermarmi sul percorso che ha avuto in Italia l evoluzione delle professioni sanitarie in rapporto al concetto di intellettualità. Risaliamo al Testo Unico del 1934, che aveva previsto le professioni sanitarie e le aveva suddivise in principali ed ausiliare e, nel contempo, aveva anche previsto arti ausiliarie delle professioni sanitarie secondo un sistema di gerarchizzazione delle attività sanitarie che era organizzato in senso strettamente piramidale. Non dappertutto nel mondo ci sono esempi simili di organizzazione gerarchica, ma questa è la storia del nostro Paese. Alcune professioni - e questo ha inciso profondamente sulla cultura globale - aveva un mansionario, manuale - esecutivo, uno strumento che privava di un rapporto con l intellettualità qualunque tipo di attività sanitaria. Ho già detto prima che non tutte le professioni erano dichiarate professioni sanitarie : Altre non erano neppure professioni, ma arti ausiliarie di professioni sanitarie. Comunque, anche chi aveva la dichiarazione di sanitaria, era professione sanitaria ausiliaria. Dire professionista vuol dire tutti i concetti che ho provato ad esprimere e che penso possiamo condividere; possiamo altresì mettere altre voci oltre a quelle che ho indicato: valutazione, progetto/scelta, attuazione, rivalutazione. Direi che, attraverso tutto questo processo professionale che si compone di alcuni passaggi (valutazione, progetto, scelta (il professionista è un soggetto che deve operare delle scelte spesso difficilissime), attuazione, valutazione e rivalutazione continua che sostanziano quella che definisco responsabilità. 20

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 1 Gruppo di Lavoro Ambiti 5 Iseo Sebino e 13 Vallecamonica Hanno prestato il proprio contributo per questa giornata: Bottichio Federica Calvetti Sara

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Al fine dell iscrizione alle Lauree specialistiche delle professioni sanitarie non è necessario

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli