La ricerca scientifica alza la guardia contro le frodi nel settore ittico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La ricerca scientifica alza la guardia contro le frodi nel settore ittico"

Transcript

1 La ricerca scientifica alza la guardia contro le frodi nel settore ittico Elena Bozzetta SC Istopatologia e Test rapidi FRODI ALIMENTARI: la sanità pubblica in campo per la tutela dei cittadini Torino, 8 Maggio 2014

2 Indagini di Eurofishmarket Un po di numeri Il 74% dei filetti dichiarati di platessa è risultato appartenente ad altre specie ittiche, principalmente alla specie Limanda limanda. Il 15% dei filetti di cernia venduti è risultato in realtà essere di altre specie. Attività della Capitaneria di porto % di illeciti su controlli effettuati tra grossisti, mercati ittici, grande distribuzione, ristorazione, pescherie e ambulanti. Tra le irregolarità: prodotti con date di scadenza false o in cattivo stato di conservazione

3 PERCHÉ? Approvvigionamento insufficiente... Consumo di pesce al massimo storico: 18.8 kg a persona nel 2011 FAO 2012 Movimentazione derrate alimentari Richiesta di varietà

4 SOSTITUZIONE DI SPECIE (aliud pro alio) Frode commerciale (sogliola/passera/platessa) Implicazioni sulla conservazione della specie Implicazioni di tipo sanitario Specie tossiche (coda di rospo/pesce palla) Specie provenienti da aree o Paesi da cui è vietata l importazione per motivi igienico-sanitari Specie che possono provocare allergie Specie a basso valore nutritivo

5 Perché l IDENTIFICAZIONE GENETICA di specie? Notevole esperienza per il riconoscimento morfologico Riconoscimento morfologico di porzioni o lavorati Presenza sul mercato di nuove specie Alimenti trattati termicamente Sinergia tra metodi classici e identificazione genetica

6 Metodi 1/5 FINS Forensically Informative Nucleotide Sequencing: tecnica che combina il sequenziamento del DNA e l analisi filogenetica basata su sequenze nucleotidiche informative But how?

7 Campione ignoto Estrazione mdna Sequenziamento Confronto sequenza consenso con quelle depositate nel database (GenBank) Sequenza di interesse Marcatore candidato: cytochrome b gene (cytb)

8 BarcodeofLife Il consorzio del Barcoding of Life si pone l obiettivo, ambizioso, di raccogliere le sequenze del gene COI di tutte le forme di vita animale Si stanno raccogliendo in un database i barcode di almeno 5 soggetti/specie, che rappresentino le specie ittiche più importanti. Ricerca Finalizzata 2008: Valutazione di marker genetici per identificazione di specie, per la loro applicabilità nel controllo delle frodi alimentari. cytb COI x5 55 specie

9 Validazione 1/2 cytb COI 56 pesci di mare 13 cefalopodi 7 crostacei 7 pesci di acqua dolce 6 Molluschi Eduli Lamellibranchi 89 specie 206 campioni 112 freschi 62 congelati/decongelati 3 sott olio 6 affumicati 3 sotto sale 21 lavorati

10 Validazione 2/2 Predisposizione di un registro, per mettere in relazione la specie con la capacità discriminatoria del marcatore (cytb o il COI) specificità: 100% per almeno uno dei due marcatori variabilità intraspecifica: < 3% sensibilità analitica: prove di diluizioni ripetibilità stretta ed intermedia: K = 1 (i.c. 95% 0.61) applicabilità su tutte le matrici prova accreditata: marchio ACCREDIA

11 Attività di analisi su campo 6 anni di attività 252 campioni ittici analizzati campioni conformi campioni non conformi apr-14 ANNO campioni NON CONFORMI campioni CONFORMI totale specie ittiche analizzate

12 Alcuni esempi 1/3 Discriminazione di specie tra Aphia minuta (rossetto) e Sardina pilchardus (bianchetto) per Capitaneria di Porto di La Spezia Analisi microscopica della morfologia delle vertebre congiuntamente all analisi del DNA Si prevede evoluzione di questo tipo di indagine per discriminazione del Pesce ghiaccio (Neosalanx tangkahkeii)

13 Alcuni esempi 2/3 Regolamento (UE) N. 500/2012 concernente un piano pluriennale di ricostituzione del tonno rosso (Thunnus thynnus) nell Atlantico orientale e nel Mediterraneo T.obesus venduto come tonno rosso o salmone o pinne gialle Tonno rosso senza documentazione Tonno pinne gialle invece di pesce spada Tonnetto invece di tonno

14 Alcuni esempi 3/3 Moscardini (Eledone cirrhosa) e polpo messicano (Octopus maya) per polpo comune (Octopus vulgaris) Pollack d Alaska (Theragra spp.) e eglefino (Melanogrammus eglefino) per merluzzo bianco (Gadus morhua) Pangasio (Pangasius spp.) per gallinella (Chelidonichthys lucernus) e cernia (Acanthistius brasilianus) Persico del Nilo (Lates niloticus) per pesce persico (Perca fluviatilis) Prodotti ittici esotici provenienti dall Estremo Oriente, talvolta venduti come nostrani specie poco conosciute dal punto di vista genetico

15 Conclusioni Attività di routine in crescita: nel corso degli anni trend sempre positivo di campioni sospetti inviati al laboratorio. Media del 22% di non conformità: importanza dei controlli. Necessità di confrontarsi con chi opera sul campo per sviluppare metodiche finalizzate ad affrontare specifiche necessità od emergenze.

16

17 CAFODOS molto usato perché economico finalità: sbiancante, conservante, battericida è una miscela di acido citrico, citrato di sodio e perossido d idrogeno è possibile rintracciare l acido citrico ed i suoi sali ma non il perossido d idrogeno!

18 vs congelato PERCHÉ? La dichiarazione del metodo di conservazione nel prodotto ittico assume un'enorme importanza nella percezione della qualità da parte del consumatore finale. Codice Penale Frodi commerciali: Art 515 e segg. Frodi Sanitarie: Art 439 e segg. D.lgs 109/2002 Legge 4 /2011

19 La dichiarazione mendace dello stato di conservazione fresco/congelato configura oltre che una FRODE COMMERCIALE una FRODE SANITARIA Prodotti congelati dichiarati freschi Superamento TMC Aumento carica microbica Prodotto da consumarsi crudo non sottoposto a bonifica RISCHIO PARASSITOSI

20 L ACQUARIO NEL PIATTO, TORINO, 2 DICEMBRE 2013

21 Situazione Anisakis nel mediterraneo

22 RC Ministeriale: Trasmissione zoonotica di nematodi anisakidi dai prodotti della pesca all'uomo: utilizzo di GIS ed epidemiologia molecolare nella valutazione del rischio Specie MAR LIGURE soggetti Positivi anisakidae anisakis hysterot. coinfezion e larve anisakidae anisakis hysterot. misto acciughe sardine cefalopodi TOTALE MAR LIGURE Specie prevalenza abbondanza intensità media tot anisakis hysterot. coinfezioni anisakis hysterot. misto 56,53 31,52 39,13 14,12 3,94 0,89 1,33 acciughe 16,11 4,85 12,11 0,85 1,32 0,05 0,16 sardine 5,52 0,57 5,33 0,29 1,26 0,01 0,06 cefalopodi 2,56 0,49 2,20 0,12 1,24 0,0049 0,03

23 Attività di ricerca Metodi rapidi basati sulla spettroscopia (fluorescenza ed infrarosso) per differenziare pesce fresco e pesce decongelato e loro utilizzo ai fini del controllo ufficiale (Progetto di ricerca ministeriale 2008) SCOPO Valutazione delle prestazioni delle metodiche NIRS, FFFS e istologico per l identificazione dello stato di freschezza/congelamento del pesce

24 RISULTATI METODO ISTOLOGICO

25 S.C. Istopatologia e Test Rapidi PROCEDURA OPERATIVA STANDARD 10DG136 ESAME ISTOLOGICO DIMUSCOLO DIPESCE PER IL RILIEVO DIALTERAZIONI MICROSCOPICHE RIFERITE A CONGELAMENTO TUTTE LE SPECIE DIPESCE Sensibilità: 90,70% (IC95%: 82,49% 95,90%) Specificità: 92,59% (IC95%: 75,71% 99,09%) Riproducibilità intralaboratorio: K-combined = 0.66 (IC95%: ) PESCE SPADA Sensibilità: % (IC95%: 94,94% - 100,00%) Specificità: 100% (IC95%: 94,94% - 100,00%) Riproducibilità interlaboratorio: SPADA_K-combined = 0.95 (IC95%: )

26 IZSTO S.C. Istopatologia e Test Rapidi A Sezione di tessuto muscolare di Sparus aurata-orata. A: prodotto fresco; B: prodotto congelato B

27 Proposta operativa PIANO EPIDEMIOLOGICAMENTE STRUTTURATO PER STIMARE LA PRESENZA DEI PROBLEMI SUL TERRITORIO NAZIONALE Corretta dicitura per lo stato di conservazione del pesce (GDO-Dettaglio) Verificare l effettuazione dell abbattimento termico (Ristorazione)

28 Istituto Zooprofilattico Sperimentale del del Piemonte, PIANO di MONITORAGGIO (1/2) 1.CAMPIONAMENTO PESCI DA CONSUMARSI PREVIA COTTURA Mescolamento pesce fresco e congelato (prevalenza attesa 80%) CAMPIONAMENTO DI PESCE DI GRANDI DIMENSIONI (SPADA/TONNO)

29 PIANO di MONITORAGGIO (2/2) 2. CAMPIONAMENTO PER VERIFICARE L'AVVENUTO CONGELAMENTO SANITARIO prevalenza attesa del trattamento del 99% *A causa dei valori di sensibilità e specificità anche campionando tutti i soggetti della partita e trovandoli tutti sospetti non si raggiungerebbero i valori di accuratezza richiesti

30 INDAGINI NEL TORINESE Numero progressivo Denominazione esposta in fase di vendita Smeriglio Salmone Persico Pangasio Tonno Pangasio Persico Salmone Salmone Merluzzo Persico Tonnetto Tonno Salmone Pangasio Persico Branzino Sarago Tonnetto Salmone Pangasio Persico Stato di conservazione dichiarato Congelato Tipologia di esercizio commerciale Area mercatale 1 (mercato ittico coperto) Area mercatale 2 Area mercatale 3 GDO 1 GDO 2 GDO 3 23 Tonno Congelato Ristorante Salmone Tonno Tonnetto Congelato Congelato Ristorante 2 Ristorante 3

31 RISULTATI Numero progressivo Specie dichiarata Specie identificata Stato di conservazione dichiarato Stato di conservazione effettivo Smeriglio Salmone Persico Pangasio Isurus oxyrinchus Salmo salar Lates niloticus* Pangasius spp Congelato Congelato Congelato* Tonno Pangasio Persico Salmone Thunnus albacares* Pangasius spp Lates niloticus* Salmo salar Salmone Merluzzo Persico Salmo salar Theragra chalcogramma* Lates niloticus* Congelato* Tonnetto Tonno Salmone Pangasio Persico Branzino Euthynnus alletteratus Thunnus thynnus Salmo salar Pangasius spp. Perca fluviatilis Dicentrarchus labrax Congelato* Congelato* Sarago Tonnetto Salmone Pangasio Persico Diplodus vulgaris Euthynnus alletteratus Salmo salar Pangasius spp Perca fluviatilis Congelato* 23* Tonno Thunnus obesus* Congelato * Salmone Tonno Salmo salar Thunnus thynnus Congelato Congelato Congelato Congelato 26 Tonnetto Euthynnus alletteratus Congelato* Per il 27%dei campioni èstata riscontrata una non conformitàdello stato di conservazione

32 INDAGINI NELLA REGIONE LIGURIA PESCE DA CONSUMARSI CRUDO ID Dichiarato congelato c nc c nc nc 2 congelato c c c c c 3 congelato nc nc f nc nc 4 congelato f nc f nc nc 5 congelato nc c c c c 6 congelato c c c c c 7 congelato c c c c c 8 congelato nc nc f nc nc 9 congelato c c c c c 10 congelato c c c c c 11 congelato f f f f f 12 congelato nc nc nc f nc 13 congelato f f nc nc f 14 congelato f nc nc f f 15 congelato c c c c c 16 congelato c c c c c 17 congelato f f f f f 18 congelato f nc f f f 19 congelato nc nc nc nc nc 5 CAMPIONI/ PARTITA L ESAME ISTOLOGICO HA RILEVATO IL 26 % DI PARTITE NON CONFORMI

33 Prevalenza positività di Diphyllobotrium latum nei maggiori laghi italiani Totale N Campioni N Positivi Prevalenza (%) Lago Maggiore ,26 Lago di Como ,69 Lago d'iseo ,73 Lago di Garda 212 0

34 S.C. Istopatologia e Test Rapidi IL METODO ISTOLOGICO NELLA VALUTAZIONE FRESCO/CONGELATO DEL PESCE D ACQUA DOLCE ) 20 trote fresche allevate in condizioni controllate prelievo del tessuto muscolare per l esame istologico protocollo applicato non ha comportato modifiche a quello in uso 20 trote allevate in condizioni controllate congelamento delle trote intere a -20 C per almeno 24 h (non più di 48 h) scongelamento a +4 C per circa 24 h prelievo del tessuto muscolare per l esame istologico (lettura in cieco) TROTA IRIDEA (Oncorhyncus mykiss

35 TESSUTO MUSCOLARE DITROTA FRESCA (EE) TESSUTO MUSCOLARE DITROTA SCONGELATA (EE) Sensibilità:100%, IC 95%(78-100%); Specificità 100%, IC 95% (83-100%)

36 Ricerca corrente 11C3 Sorveglianza sulle frodi sanitarie ittiche relative alla dichiarazione dello stato di conservazione Previa valutazione dell idoneità del metodo, indagini nel salmone affumicato Il 69% dei campioni di salmone affumicato sono risultati provenire da pesce fresco. Id campione 1 * Esito istologico 2 Non conclusivo 3 * 4 Congelato 5 * 6 * 7 Non conclusivo 8 * 9 Congelato 10 * 11 * 12 Congelato 13 * 14 * 15 *

37 Cambiando i tempi di processazione...(4 specie diverse) Modificando i tempi di processazione la validità del test non cambia: I valori di Se e Sp rimangono gli stessi TEMPI DI PROCESSAZIONE Se I.C. 95% SP I.C. 95% 24 ORE 100% 92.5% - 100% 100% 91.8% - 100% 12 ORE 100% 92.5% - 100% 100% 91% - 100% 6 ORE 100% 92.5% - 100% 100% 90% - 100% Aumenta l'ampiezza degli intervalli di confidenza perche aumenta la probabilità (non statisticamente significativa) di ottenere risultati non conclusivi. TEMPO DI PROCESSAZIONE ODDS RATIO I.C. 95% 12 ore 1, ore 2, Ricerca corrente 11C3 Sorveglianza sulle frodi sanitarie ittiche relative alla dichiarazione dello stato di conservazione I risultati non sono influenzati dalla specie ittica esaminata

38 Numero di soggetti campionati INDAGINE ISTOLOGICA PRELIMINARE IN MOLLUSCHI CEFALOPODI Ricerca corrente 11C3 Sorveglianza sulle frodi sanitarie ittiche relative alla dichiarazione dello stato di conservazione Denominazione esposta in fase di vendita Stato di conservazione Luogo 3 sezioni longitudinali 3 trasversali in ciascun soggetto in corrispondenza di 5 Totano di Porto S. Stefano Illex coindetii Area mercatale A (mercato ittico coperto) 3 Totano atlantico Illex argentinus Congelato Area mercatale A (mercato ittico coperto) Polpo Octopus vulgaris Polpo Octopus vulgaris Polpo Octopus vulgaris Polpo Octopus vulgaris Congelato Congelato Area mercatale A (mercato ittico coperto) Area mercatale B (mercato ittico coperto) GDO C GDO C A: Mercato ittico di Milano; B: Mercato ittico di Savona; C: Ipermercato di Torino.

39 RISULTATI PRELIMINARI TESSUTO MUSCOLARE, SEZIONE TRASVERSALE TENTACOLO DI POLPO (EE) CAMPIONE FRESCO CAMPIONE CONGELATO

40 La proteomica a supporto della sicurezza alimentare La proteomica è la scienza che si occupa di studiare il proteoma l intero complesso di proteine espresse da un genoma Il proteoma èdinamico e muta nel tempo in base a differenti processi fisiologici, patologici o in risposta a sostanze o stimoli ambientali. Lo studio del proteoma si realizza mediante tecniche molto sofisticate che consentono di separare le proteine presenti in miscele complesse e di caratterizzarle (elettroforesi bidimensionale, spettrometria di massa, microarray)

41 La proteomicaa supporto della sicurezza alimentare Monitoraggio dei processi proteolitici legati alle modalità di conservazione degli alimenti di origine animale, quali il pesce fresco Valutazione espressione proteica tra campioni di polpo fresco e congelato Materiali: analisi di campioni di polpo fresco e dopo 72 ore di congelamento a -20 C Metodologia 1.Estrazione e separazione proteine mediante analisi di elettroforesi bidimensionale (2D); 2.Colorazione della mappe proteiche; 3.Analisi di confronto con apposito software delle mappe proteiche ottenute dai due gruppi di campioni Risultati Evidenziata una diversa espressione proteica tra i campioni di polpo fresco e quello decongelato Applicazioni future: Sviluppo metodo per altre specie ittiche (moscardini e gamberi) e altre matrici (carni avicole)

42

43 Ringraziamenti Dr. Stefano Gili, ASL TO1; Dr. Renato Malandra, Responsabile Mercato Ittico Milano; Dr.ssa Elena Teneggi, Sezione di Genova; Dott. Marino Prearo, S.S. Laboratorio specialistico di Ittiopatologia; Dr Pierluigi Acutis e Maria Vittoria Riina, S.S. di Genetica; Dr.ssa Maria Mazza, S.S. Immunobiochimica; Dr.ssa Elisa Baioni e Cristiana Maurella, S.S. BEAR e tutto il team dell Istopatologia!

44 CONTATTI: Elena BOZZETTA SC Istopatologia e Test Rapidi Tel

45

46 STACCO DOPO GIACENZE

47

48 RISULTATI FRESCO Xiphias gladius CONGELATO

49 La dichiarazione mendace dello stato di conservazione fresco/congelato configura oltre che una FRODE COMMERCIALE una FRODE SANITARIA Prodotti congelati dichiarati freschi Superamento TMC Aumento carica microbica Prodotto da consumarsi crudo non sottoposto a bonifica RISCHIO ANISAKIS

50 POS 10DG136 ESAME ISTOLOGICO DIMUSCOLO DIPESCE PER IL RILIEVO DIALTERAZIONI MICROSCOPICHE RIFERITE A CONGELAMENTO PARAMETRI DI VALIDAZIONE VALIDAZIONE METODO TUTTE LE SPECIE Sensibilità: 90,70% (IC95%: 82,49% 95,90%) Specificità: 92,59% (IC95%: 75,71% 99,09%) Riproducibilità intralaboratorio: K-combined = 0.66 (IC95%: ) PESCE SPADA Sensibilità: % (IC95%: 94,94% - 100,00%) Specificità: 100% (IC95%: 94,94% - 100,00%) Riproducibilità interlaboratorio: SPADA_K-combined = 0.95 (IC95%: )

51 INDAGINE ISTOLOGICA PRELIMINARE IN MOLLUSCHI Numero di soggetti campionati 5 Denominazione esposta in fase di vendita Totano di Porto S. Stefano Illex coindetii Stato di conservazione dichiarato CEFALOPODI Luogo Area mercatale A (mercato ittico coperto) 3 sezioni longitudinali 3 trasversali in ciascun soggetto in corrispondenza di 3 Totano atlantico Illex argentinus Congelato Area mercatale A (mercato ittico coperto) Polpo Octopus vulgaris Polpo Octopus vulgaris Polpo Octopus vulgaris Polpo Octopus vulgaris Congelato Congelato Area mercatale A (mercato ittico coperto) Area mercatale B (mercato ittico coperto) GDO C GDO C A: Mercato ittico di Milano; B: Mercato ittico di Savona; C: Ipermercato di Torino.

52 Regolamento CE 853/2004 allegato III, sezione VIII, capitolo III, paragrafo D i prodotti ittici di seguito elencati devono essere congelati ad una temperatura non superiore a -20 C in ogni parte della massa per almeno 24 ore: a) I prodotti ittici da consumarsi crudi b) I prodotti della pesca sottoposti ad affumicatura a freddo con procedimento < 60 C (aringhe, sgombri, spratti, salmone) c) Prodotti della pesca marinati o salati Regolamento UE 1276/2011 [ ] a) i prodotti della pesca che vanno consumati crudi o praticamente crudi; oppure b) i prodotti della pesca marinati, salati [ ] siano sottoposti ad un trattamento di congelamento che uccide i parassiti [ ] 2. Per i parassiti diversi dai trematodi il congelamento deve consistere in un abbassamento della temperatura in ogni parte della massa del prodotto fino ad almeno: a) 20 C, per almeno 24 ore; oppure b) 35 C, per almeno 15 ore.

53 Visti i risultati incoraggianti ottenuti con l istologia abbiamo validato il metodo istologico in 35 specie differenti

54 TANTO SUSHI E Non si può definire più come una moda tanto è diffuso il consumo di pesce crudo ed il sorgere spontaneo in ogni parte d Italia di sushi bar o simili. In effetti l abitudine di tanti italiani di mangiare pesce e molluschi non cotti non è un marchio tipico d importazione giapponese, anche perché nel Nostro Paese è consuetudine consumarne da sempre, così come da sempre si dimenticano i rischi connessi dovuti spesso alla carenza d informazione.

55 Reg. 1379/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio Articolo 35 Informazioni obbligatorie [...] d) se il prodotto è stato scongelato; Il requisito di cui alla lettera d) non si applica: a) agli ingredienti presenti nel prodotto finito; b) agli alimenti per i quali il congelamento costituisce una fase tecnologicamente necessaria del processo di produzione; c) ai prodotti della pesca e dell'acquacoltura precedentemente congelati per ragioni di sicurezza sanitaria, conformemente all'allegato III, sezione VIII, del regolamento (CE) n. 853/2004; d) ai prodotti della pesca e dell'acquacoltura che sono stati scongelati prima di essere sottoposti ad affumicatura, salatura, cottura, marinatura, essiccatura o ad una combinazione di uno di questi processi.

56 Valutazione metodo istologico in preparazioni di pesce Guia Valutare l applicabilità dei parametri istologici adottati per identificare lo stato di conservazione del pesce ai prodotti sottoposti a trattamento di marinatura/affumicatura

57 RISULTATI PRELIMINARI TESSUTO MUSCOLARE, SEZIONE TRASVERSALE TENTACOLO DI POLPO (EE) Qual è il fresco?... Tutti e due questo è congelato.

58 PARASSITI PRESENTI NEI PESCI D ACQUA DOLCE Il numero di persone affette da parassitosi da trematodi associate al consumo di prodotti della pesca supera (WHO, 1995), ma le persone a rischio, incluse quelle dei paesi in via di sviluppo non è quantificabile (WHO, 2004) Nel 2010 il numero di persone affette da parassitosi da trematodi associate al consumo di prodotti della pesca supera Consumo di pesci d acqua dolce crudi o poco cotti La maggior prevalenza nell Asia sud-orientale Aumenta il numero di infezioni in paesi considerati non endemici (globalizzazione del commercio) L ACQUARIO NEL PIATTO, TORINO, 2 DICEMBRE 2013

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

EcctJ perché mang1 pesce sicurtj

EcctJ perché mang1 pesce sicurtj EcctJ perché mang1 pesce sicurtj ~). MINISTERO DELLA SALUTE ~ Viale Giorgio Ribatta 5-00144 Roma, ltaly.j!il"'"'.,t,«; ~,t::"' T el. +39 06 5994.1 - email: urpminsalute@sanita.it ISTITUTO ZOOPROFILATTICO

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità sommario prepararsi all acqvisto 4 passi per compilare la lista della spesa 1 ~ Individuare

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di ricerca in Disciplina nazionale ed europea sulla produzione ed il controllo degli alimenti Ciclo XXIII Efficacia del trattamento con HPP (High Pressure Processing)

Dettagli

La contraffazione alimentare

La contraffazione alimentare disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 1 La contraffazione alimentare Vademecum per il consumatore Conoscere il problema per affrontarlo meglio disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 2 Le due tipologie

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti.

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Nel calcolo del costo delle merci relative ad un singolo piatto non si possono ignorare le percentuali di scarto degli ingredienti. Se

Dettagli

jui-sì Ingredienti Marchio Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate Jui-sì Ean code Glassatura Dimensione cartone

jui-sì Ingredienti Marchio Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate Jui-sì Ean code Glassatura Dimensione cartone spiedini di mazzancolle tropicali impanate 4x1 kg Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate 8001179011424 280 x 130 x 390 270 x 190 x 50 spiedini di calamari e mazzancolle

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Metilmercurio nei prodotti della pesca

Metilmercurio nei prodotti della pesca Gli attuali orientamenti della CE e di alcuni Paesi Terzi sul Metilmercurio nei prodotti della pesca per determinate categorie di persone a maggior rischio Contributi pratici Giorgio Orlandi ASL Modena

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

manuale di buone pratiche di igiene

manuale di buone pratiche di igiene ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE Istituto Zooprofilattico Sperimentale DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA della Lombardia e dell Emilia BRUNO UBERTINI Romagna Bruno Ubertini ENTE SANITARIO DI DIRITTO

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI (i prodotti DOP e IGP che l OEA è tenuto ad offrire sono evidenziati in grassetto e sottolineati) REQUISITI QUALITATIVI DI CARATTERE GENERALE

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

Il pacchetto igiene dell UE

Il pacchetto igiene dell UE Il pacchetto igiene dell UE Il primo gennaio 2006 è entrato in vigore il cosiddetto pacchetto igiene dell Unione Europea, mettendo finalmente ordine nella normativa sull igiene alimentare che, fino a quel

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli