134 Circolo Didattico "Annibale Tona" Relazione conclusiva. I bambini sono come le ortensie, noi possiamo aiutarli e far brillare il loro arcobaleno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "134 Circolo Didattico "Annibale Tona" Relazione conclusiva. I bambini sono come le ortensie, noi possiamo aiutarli e far brillare il loro arcobaleno"

Transcript

1 Il colore dei fiori dell'ortensia è influenzato dalla reazione del terreno. Le varietà a fiori rosa diventano azzurre se vengono coltivate in terreni acidi mentre le varietà a fiori azzurri diventano rosa in terreni alcalini. Nei valori intermedi il colore assumerà colorazioni intermedie dal blu intenso, al blu chiaro, all'azzurro, al rosa, al rosa intenso. I bambini sono come le ortensie, noi possiamo aiutarli e far brillare il loro arcobaleno 134 Circolo Didattico "Annibale Tona" Relazione conclusiva i

2 La realizzazione del POF e di tutto il servizio scolastico sono il risultato dell impegno di tutte le diverse componenti della comunità scolastica, per cui si ringraziano tutti i Docenti, il personale ATA, i Genitori e soprattutto tutti i bambini e le bambine del circolo. COLLABORATORI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO M. VOZZO (Collaboratore Vicario) A. DI BIASE COORDINATORI DIDATTICI Scuola dell Infanzia Via E. MACRO: L. COLOSIMO Via A. GIAQUINTO: D. RUSSO DOCENTI INCARICATI DELLO SVOLGIMENTO DI FUNZIONI STRUMENTALI DI GENOVA ANTONELLA: Gestione del Piano dell Offerta Formativa SMEDILE MARIA: Attività a sostegno dei docenti per l integrazione degli alunni diversamente abili CASAVECCHIA MONICA Autovalutazione di Istituto BOCCOLI ANNA RITA DI CARLO DONATELLA GALIÈ NADIA Progetto motoria, ambiente e intercultura VINCIONI DONATELLA: Progetto lingua PERSONALE ATA Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi: A. FRONGIA Assistenti Amministrativi: (num. 4) P. CORBISIERO, M.C. FESTA, C. TALLARICO, M.G. VALERIO Collaboratori Scolastici Sc. Elem.re A. Tona: G. D ANTONIO, S. BISEGNA, A. BUMBACA, R. PICA, Collaboratori Scolastici Sc. Elem.re De Sanctis: F. DANTINI-T. RIZZICA Collaboratori Scolastici Sc. dell Infanzia Via Macro: M. DI SANTO, M. RIZZO. Collaboratori Scolastici Sc. dell Infanzia Via Giaquinto: R. NARDONI RESPONSABILI DI PROGETTO PROGETTO ACCOGLIENZA: L. COLOSIMO A. DI BIASE PROGETTO ATTIVITÀ MOTORIE: D. DI CARLO PROGETTO AMBIENTE: A. BOCCOLI PROGETTO BIBLIOTECA - ISOLA DELLE FIABE: L. COLOSIMO (Infanzia Tona) PROGETTO BIBLIOTECA - ISOLA DELLE FIABE: M. CASAVECCHIA (Primaria Tona) PROGETTO BIBLIOTECA - ISOLA DELLE FIABE: D. RUSSO (Infanzia De Sanctis) PROGETTO BIBLIOTECA - ISOLA DELLE FIABE: A. DI BIASE (Primaria De Sanctis) PROGETTO CONTINUITÀ INFANZIA/PRIMARIA: D. RUSSO PROGETTO CONTINUITÀ PRIMARIA/MEDIA: M. VOZZO PROGETTO EDUCAZIONE ALLA SALUTE CINEFORUM - EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ: M. VOZZO PROGETTO DIVERSAMENTE ABILI: M. G. SMEDILE PROGETTO INTERCULTURA: N.GALIÈ PROGETTO INVALSI E VALUTAZIONE. M. CASAVECCHIA PROGETTO GENITORI: DIRIGENTE SCOLASTICO L. BELLANOVA PROGETTO UNIVERSITÀ: DIRIGENTE SCOLASTICO L. BELLANOVA INCARICHI Attività didattiche T.U.81/ 09 - A. Tona: M. Casavecchia Attività didattiche T.U.81/ 09- F. De Sanctis: A. Di Nardo Aula Informatica De Sanctis: A. Di Biase Aula Informatica Tona: B. Calogiuri Biblioteca,: E. Cossu Sussidi e mat. De Sanctis Di Biase E. Biblioteca e Sussidi e materiali Tona: M. Ghisu L. Mosca Sussidi e materiali materna Via Giaquinto: D.Russo Commissione acquisti: Di Biase E. RAPPRESENTANTI SINDACALI ELETTI NELLE RSU M. CASAVECCHIA, M.C. FESTA, M.VOZZO. Un particolare ringraziamento si esprime alla dott.ssa Maria Vozzo, Collaboratrice del Dirigente con funzioni vicarie, per la collaborazione espressa con equilibrio e competenza. Roma, 30 agosto 2011 Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Laura Bellanova ii

3 Indice Relazione finale del Dirigente Scolastico Pagg Valutazione d Istituto Report risposte genitori alunni scuole primaria Pagg Valutazione d Istituto Report risposte genitori alunni scuola dell Infanzia Pagg Valutazione d Istituto Report risposte genitori bambini e bambine delle Sezioni Primavera Pagg Valutazione d Istituto Report risposte personale ATA Pagg Valutazione d Istituto Report e analisi delle risposte del personale Docente Pagg Considerazioni sulle risposte rese dagli alunni Pagg iii

4 Relazione Finale del Dirigente Scolastico A.S. 2010/2011 I recenti anni scolastici si sono caratterizzati come anni di profonde trasformazioni e quotidianamente le scuole hanno dovuto coniugare le responsabilità dell autonomia con le sfide derivanti dai mutati scenari politici, sociali e culturali. Tutto il contesto della zona di Torrespaccata (VIII Municipio delle Torri), solcato da profondi processi di integrazione e di interculturalità, richiede una scuola funzionante con un tempo scuola esteso, aperta al territorio, capace di interloquire con più soggetti, attenta ai bisogni educativi speciali, capace di attivare processi di inclusione sociale, integrazione scolastica, multiculturalità reale. La richiesta di un sistema pedagogico a tempo pieno e integrato va inteso in questo contesto anche come sistema di educazione permanente e ricorrente, sostenuto dalla contemporanea presenza di una serie di elementi che connotano come privilegiato un modello formativo integrato: complessità del tessuto sociale e culturale rilevazione costante di un disagio psicologico, sociale e comportamentale degli alunni inserimento rilevante di alunni diversamente abili inclusione sociale di alunni nomadi (rom e sinti) aumento iscrizioni di alunni stranieri anche non italofoni esigenza di migliorare il rapporto tra gli adulti educatori 1

5 costruire occasioni di apprendimento permanente e ricorrente. Il POF della scuola cerca dunque di rispondere alle esigenze derivanti da tale scenario: valorizzando prioritariamente l esigenza di sostenere i saperi essenziali e le strumentalità di base, utilizzando il laboratorio come modalità metodologica e approccio didattico elaborando un Progetto Integrato in cui la scuola diventi il luogo dell apprendimento teso a promuovere positive relazioni sociali, offrendo una valida risorsa formativa personalizzata, culturale e interculturale. garantendo il Servizio psicopedagogico e lo sportello di ascolto. Lo sportello si pone come spazio dell incontro, del dialogo, dell informazione e del confronto con la scuola, spazio in cui la psicopedagogista opera come mediatore per affrontare dubbi e problemi legati: - alla crescita, allo sviluppo e all evoluzione dei figli (per i genitori) e degli alunni (per i docenti) - al clima relazionale della/e classe/i (tra alunni, tra docenti, tra docenti ed alunni, tra genitori e docenti) - all integrazione dei bambini in situazione di disagio economico e/o sociale, ivi compresi stranieri e nomadi, collaborando attivamente e positivamente con le famiglie Questa attività è ritenuta da anni una modalità essenziale di lavoro, sia per le problematiche relazionali che per quelle più squisitamente didattiche ed educative, che vengono di volta in volta affrontate, sia per i percorsi di 2

6 soluzione proposti al fine di promuovere il disagio familiare, scolastico e sociale. Per il sostegno del disagio economico e sociale la psicopedagogista: - effettua il primo colloquio con la famiglia o con i soggetti istituzionali preposti - fornisce informazioni sull organizzazione della scuola - raccoglie informazioni sul contesto familiare e sociale dell alunno/a - realizza una vera e propria mediazione culturale tra scuola/famiglia/ambiente di riferimento - segue il percorso scolastico dell alunno/a, favorisce i contatti tra i diversi soggetti istituzionali coinvolti (Scuole dei diversi ordini, Asl, Comune, Cooperativa Hermes, S.Egidio.) - favorisce un inserimento positivo nel gruppo classe, insieme al team docente, prestando attenzione ai momenti di aggregazione e socializzazione del bambino/a con i compagni - effettua colloqui in itinere con la famiglia, per valutare l inserimento del bambino - offre consulenza ai docenti per la elaborazione dei Piani di Studi Personalizzati e la progettazione dei Curricola individuali - garantisce una flessibilità molto estesa per i tempi di incontro con le diverse componenti scolastiche - realizza numerosi incontri individuali (a richiesta degli interessati) per la gestione dei casi problematici (sociali, familiari, psicologici, didattici) La gestione dello sportello di ascolto nella scuola dell infanzia assume dimensioni pervasive in quanto coinvolge - con diverse sfumature - tutte le figure che operano nella scuola dell infanzia; l intervento della psicopedagogista si concretizza in tutte quelle situazioni 3

7 specifiche e particolari che richiedono conoscenze e competenze specifiche. Va precisato che lo sportello di ascolto è aperto oltre che ai genitori e ai docenti, anche agli alunni delle ultime classi della scuola primaria e al personale non docente e si caratterizza per flessibilità operativa e individualizzazione di tutti gli intervento. ************ Il Collegio dei Docenti dopo aver analizzato tutte le variabili di contesto e condiviso indirizzi e criteri di lavoro - ha elaborato le Progettazioni Curriculari per i diversi livelli di classe, individuando i traguardi di sviluppo delle competenze, le finalità formative, gli obiettivi di apprendimento e i criteri di verifica e valutazione al fine di valorizzare le potenzialità, le capacità, le aspirazioni di tutti, personalizzando la proposta formativa, sempre considerando prioritari gli interessi e i bisogni educativi speciali di ogni alunno e di ogni alunna. Il 134 circolo fin dagli anni 2000 ha individuato con il competente contributo dei diversi organi collegiali un nucleo fondante l'attività didattica dell'anno scolastico, costruendo di anno in anno un Progetto Integrato intorno al quale costruire e indirizzare i diversi processi educativi e i progetti didattici. 4

8 -Per genitori, alunni e docenti -Personalizzazione dell orario -Flessibilità del curriculum Incontri di formazione informazione su temi e problemi di specifico interesse -Angolo dell ascolto -Isola delle Fiabe -Biblioteca -Mini Olimpiadi -Bimbintrici e Amicinbici Progetto Progetto Biblioteca Biblioteca Isola delle Isola delle fiabe fiabe Progetto Progetto Educazione Educazione motoria motoria Progetto Progetto Accoglienza Accoglienza Progetto Progetto genitori genitori Progetto Progetto Università Università Roma Tre Roma Tre La Sapienza La Sapienza Attività di tirocinio per gli studenti di Scienze della Formazione e ricerca-azione Dal gesto corporeo Con le mani divento un mago alla comunicazione multimediale Nel computer c è tutto un mondo per te -Cineforum -Educazione all affettività Progetto Progetto Educazione Educazione alla alla salute salute Progetto Progetto Lingue Lingue Progetto Progetto Integrato Integrato Progetto Progetto diversamente diversamente abili abili Progetto Progetto Sezione Sezione Primavera Primavera Servizio educativo e formativo per bambini dai 24 ai 36 mesi -Insegnamento L2 Inglese bambini 5 anni Sc.Infanzia, -Certificazione di competenza Trinity (alunni classi 4 e 5) Progetto Progetto Formazione Formazione Progetto Progetto Intercultura Intercultura Progetto Progetto Ambiente Ambiente e e territorio territorio -Progetti con AMA Legambiente -Difesa del territorio naturalistico -Storia del territorio arte e cultura Le strade di Roma Piano delle Iniziative Culturali Aperte al Territorio -Formazione collegiale, individuale, disciplinare e/o di area Corso sulla sicurezza Corso sulla Privacy Corso Docenti in anno di Prova Aggiornamento su educazione musicale nella scuola dell infanzia Aggiornamento personale ATA: TFR Posizioni economiche e cedolino unico - Richiamo corsi personale addetto alle emergenze -Coro interculturale Coro dell Unità d Italia -Laboratori artigianali -Manufatti originali -Incontri interculturali 1 L attuale anno scolastico ha posto la scuola di fronte ad uno dei più grandi avvenimenti degli ultimi tempi: Il 150 anniversario dell Unità d Italia e tale ricorrenza ha costituito la struttura delle diverse attività e dei diversi progetti. Le Indicazioni Nazionali per la scuola primaria hanno inteso proporre lo studio della nostra storia approfondendo alcune importanti tappe del cammino dell uomo e lasciando la prosecuzione del percorso conoscitivo agli altri ordini di scuola. Si è reso pertanto 5

9 necessario presentare agli alunni le fasi principali che hanno determinato la formazione dello Stato italiano, promuovendo in tal modo la comprensione degli eventi celebrativi che hanno caratterizzato l anno La conoscenza degli avvenimenti anche drammatici alla base del processo unitario ha teso a formare negli alunni il sentimento di appartenenza, l identità nazionale e l amore per la nostra Patria. L'altro grande filone di ricerca e approfondimento - consegueente all'approvazione del DL ha previsto, fin dall'anno scolastico 2009/2010, nuove modalità di valutazione; la valutazione degli apprendimenti e del comportamento degli alunni è stato infatti tradotto in un voto numerico espresso in decimi. I Docenti sono da sempre impegnati in una valutazione formativa (quella quotidiana, che valuta il processo di apprendimento e di maturazione dell alunno) e in una valutazione certificativa (che valuta i risultati di apprendimento e di comportamento), che viene riportata sugli attestati di fine quadrimestre e di fine anno; inoltre il sistema di autovalutazione va confrontato e comparato con il sistema di valutazione nazionale e internazionale al fine di consentire ai nostri alunni, cittadini del mondo, il raggiungimento consapevole di traguardi formativi condivisi anche in diversi contesti. Il Collegio dei Docenti del 134 Circolo, ha assunto prima una deliberazione relativa alla corrispondenza tra voto in decimi e giudizio sintetico e ha concordato poi le modalità di attribuzione dei voti in decimi sia nella didattica ordinaria che di fine quadrimestre. Il giudizio analitico sul livello globale di maturazione raggiunto è stato infine collegialmente elaborato in fase di valutazione di fine quadrimestre e di fine anno. Nel caso di alunni che seguono programmazioni personalizzate, i 6

10 criteri sono stati evidentemente applicati con riferimento allo specifico Piano Educativo Individualizzato. Voto in decimi Giudizio sintetico Legenda 1-3 Gravemente carente e insufficiente NV (non valutabile) 4 Gravemente insufficiente (non NV valutabile) 5 Non sufficiente NS 6 Sufficiente S 7 Buono B 8 Distinto D 9-10 Ottimo O Negli attestati di valutazione per tutte le discipline, le attività di arricchimento dell'offerta formativa e il comportamento, il Collegio ha inoltre analiticamente descritto competenze e abilità da raggiungere. Per quanto riguarda i bambini e le bambine della scuola dell'infanzia, le docenti hanno effettuato le osservazioni sistematiche con le modalità collegialmente previste e riportate sul registro di sezione, per i bambini di cinque anni è stato elaborato anche il dossier informativo che - unitamente ai colloqui diretti tra insegnanti dei due ordini di scuola e genitori degli alunni, costituisce un importante fonte di informazione e documentazione del percorso scolastico di ogni alunno. La scuola dell infanzia e la scuola primaria tenendo conto della proprie specificità hanno quindi assicurato ai bambini e alle bambine del nostro circolo una scuola attenta ai bisogni, sensibile alle esigenze, radicata nel territorio e nella storia, proiettata in un futuro da costruire per cui sono state assunte una serie di deliberazioni che si sono ispirate ai principi della continuità, della gradualità, della valorizzazione delle risorse professionali ed umane disponibili. 7

11 Il Collegio dei Docenti ha continuato ad impegnarsi per la ricerca delle soluzioni organizzative e didattiche più adeguate utilizzando la flessibilità propria del curriculum; allo stesso modo è stato richiesto un impegno rinnovato di partecipazione e condivisione da parte delle famiglie per garantire ad ogni bambino e ad ogni bambina la scelta di un percorso formativo non solo realmente rispondente alle potenzialità di sviluppo di ognuno di loro, ma il più possibile condiviso tra gli adulti educatori, rispetto alle individuali tappe di sviluppo. Va ricordato peraltro che - in occasione del quarantennale di funzionamento del nostro circolo didattico (A.S. 2007/2008 ) il motto della scuola è stato Quarant anni di passato per costruire il futuro Il quartiere nel quale operano le scuole dell infanzia e primaria "A. Tona" e "De Sanctis" è ubicato ad ovest dell'viii Municipio, di vasta estensione, delimitata dalla via Casilina e dalla via Tuscolana. Ne consegue che Torrespaccata appare come un ambiente urbano di insediamento relativamente recente, a componenti miste, da un ceto popolare ad uno medio-borghese. La vita del quartiere non possiede nessuna caratteristica rionale del piccolo centro, tipica degli anni '50 e '60, con la ricchezza dei rapporti sociali che essa comporta, ma ha assunto sempre più l'aspetto individualistico di un grosso centro urbano. Negli ultimi anni si è verificato poi l'inserimento crescente di nomadi (4,28 %) e di popolazioni multietniche (11,53%) che hanno imposto alla scuola di rivedere i suoi obiettivi e i suoi progetti, nel corso del corrente anno scolastico hanno infatti frequentato le nostre scuole alunni provenienti da 21 paesi. Paese N. Allievi 8

12 Cina 15 Bangladesh 12 Romania 12 Albania 5 Egitto 5 Nigeria 4 Perù 3 Polonia 3 India 2 Iraq 2 Filippine 2 America 1 Afganistan 1 Grecia 1 Irlanda 1 Moldavia 1 Pakistan 1 Russia 1 Tunisia 1 Ucraina 1 Vietnam 3 Totale 75 Alunni nomadi 24 Il Circolo, da sempre ispirato ai principi dell accoglienza e delle pari opportunità, vede inoltre inseriti nelle sue classi alunni diversamente abili nella misura del 4%; un progetto disabili particolarmente qualificante e apprezzato dagli specialisti delle ASL, ha indirizzato verso la nostra scuola bambini con particolari disabilità, sulle quali i docenti hanno investito in anni di formazione a qualificazione professionale: alunni con ritardo mentale medio-grave, alunni autistici, alunni con rare sindromi genetiche anche multifunzionali, alunni con disfunzionalità del comportamento emotivo. 9

13 Le scuole del circolo costituiscono perciò un punto di riferimento reale, un'opportunità di incontro, una valida occasione di promozione culturale e sociale per tutto il territorio. Nel quartiere esistono le seguenti strutture sociali: un asilo nido comunale; un centro polisportivo (via Finardi) la Biblioteca Comunale (via Rugantino); le parrocchie di "S.Bonaventura" e "Regina Mundi"; - 3 Sezioni Primavera (di cui 2 presso 134 circolo) - 4 scuole dell'infanzia statali (via Macro, via Giaquinto, via Rugantino, via Berneri); - 3 scuole elementari (Tona, De Sanctis, Marcati); - 2 scuole medie (Via Rugantino e succursale di via E. Ponti); - 2 scuole secondarie superiori (ITIS G. Falcone e la Succursale del Liceo Scientifico Amaldi); - il 6 Centro Territoriale Permanente per adulti (annesso alla scuola media di Via Rugantino e funzionante presso la succursale di Via Ponti) nelle palestre delle scuole elementari e medie funzionano centri sportivi circoscrizionali; nel quartiere esistono due strutture private per attività sportive; nell'ex abitazione del portiere della scuola "A.Tona" funziona l'associazione musicale B. Bartok; il quartiere è dotato di spazi verdi attrezzati; è stata ultimata la realizzazione della piazza con un mercato rionale, un centro commerciale e un centro servizi. il comitato di quartiere è insediato in via E. C. Mora; sono presenti due Associazioni territoriali: Camminare Insieme e le Broken Tower funziona nel territorio la Cooperativa ISKRA (cooperativa di servizi e di assistenza) e il Centro Diurno per anziani Fragili 10

14 è in corso la realizzazione di un tronco metropolitano per il collegamento dello stesso con il centro nella scuola De Sanctis sono attivi da anni i corsi UPTER La collaborazione con l'amm.ne Comunale (capitolina e municipale) si esplica in diversi ambiti e con diversi risultati - in quest'anno scolastico l'organizzazione congiunta di Campi Scuola con la previsione di un contributo comunale si è verificata solo all'inizio dell'anno scolastico (E.F. 2010), nell'e.f non é stato finanziata alcuna richiesta, con un notevole ridimensionamento dell'attività: le famiglie dei nostri alunni non sono oggettivamente disponibili ad assumersi l'intero onere della spesa. - la realizzazione di visite guidate nell'ambito dei progetti "Città come scuola " è stata invece confermata nella qualità e nella quantità, - i finanziamenti connessi all'esercizio del diritto allo studio in applicazione della L.29, non sono stati a tutt'oggi erogati nonostante la presentazione di progetti specifici. I rapporti sono stati sistematici con l'ufficio Scuola dell'viii Municipio delle Torri: per integrazione alunni disabili, assistenza educativa, rapporti con le Cooperative, rapporti con gli operatori AEC, partecipazione Gruppo di Lavoro per l'handicap - GLH d'istituto Gruppi di lavoro singoli alunni (GLHO) servizio di ristorazione scolastica servizi di trasporto disabili. - Quotidiane le richieste all Ufficio Tecnico per richieste sopralluoghi, interventi, manutenzioni ordinarie e straordinarie nei quattro plessi del circolo. Tutta l'attività di controllo della sicurezza degli edifici ha coinvolto anche il RLS (Rappresentante dei lavoratori per 11

15 la sicurezza) e l'rspp (Responsabile dei servizi di Prevenzione e Protezione). In occasione delle avverse condizioni meteorologiche verificatesi nei mesi invernali sono stati effettuati numerosi sopralluoghi in tutte le scuole del Circolo e sono state verificate infiltrazioni, otturazione dei discendenti, permeabilità degli intonaci, muffe insorgenti, condizioni non ottimali dei giardini delle scuole. La situazione è stata rappresentata quotidianamente agli uffici dell'ente Locale, ma gli interventi efficaci sono stati assai limitati. Molte aule e/o locali della scuola presentano una situazione di vetustà e fatiscenza e i genitori di alcune classi hanno espresso volontariamente (e gratuitamente) la loro collaborazione per realizzare allestimenti più gradevoli dei locali e degli spazi. E essenziale segnalare che nel plesso di Direzione NON sono state superate le barriere architettoniche che impediscono l accesso all edificio a persone con disabilità motorie (o semplicemente ad una mamma con un passeggino); sono state presentate - negli anni decine di richieste in tal senso, ma nonostatnte numerosi sopralluoghi a tutt oggi il problema è irrisolto, tanto che gli alunni con importanti disabilità motoria devono essere indirizzati all altro plesso, con disagi per genitori che già debbono già affrontare altre quotidiane problematiche. Nel corso dell anno scolastico sono state effettuate le previste prove di simulazione delle emergenze (terremoto ) e di evacuazione degli edifici, con la collaborazione dei Vigili Urbani dell VIII gruppo, è stata effettuata la specifica formazione sulla sicurezza sui luoghi di lavoro e sullo stress da lavoro correlato. Con l'ufficio Sport del Municipio sono stati organizzati i Centri Sportivi Circoscrizionali nelle palestre delle scuole A. Tona ove si svolgono le attività delle Ass.ni "Genny Dance" (anche per adulti) e il "G.S.A. Torre Spaccata": attività motoria alunni fascia d età 3/11 anni minivolley e minibasket 12

16 Nel quartiere mancano sale cinematografiche, centri culturali, ambulatori, pronto soccorso, spazi significativi per le aggregazioni giovanili. In questo contesto emergono i mali tipici della periferia delle grandi città: microcriminalità, rischio diffusione stupefacenti, situazioni di vita familiare e sociale talvolta complesse, frequenze discontinue e rischio dispersione scolastica; tuttavia tali problematiche sono state contenute - negli ultimi anni - da Progetti inter e multi culturali particolarmente significativi. Una funzione importante viene svolta dai numerosi cortili condominiali esistenti nel nostro quartiere, anche se la vita nel cortile può presentare sfaccettature varie e diverse, rispetto al tipo di utenza presente. In questo contesto è da tempo emersa la richiesta sociale di poter accogliere i bambini più piccoli anche considerando che l unico Asilo Nido del territorio non è oggettivamente in grado di accogliere le richieste di accesso al nido medesimo. Questa Istituzione Scolastica ha pertanto ritenuto essenziale cogliere l opportunità offerta dalla nota ministeriale n. 235 del 21/6/2007 e ha presentato il Progetto per l Istituzione della Sezione Primavera: il Progetto è stato approvato dal MPI e il 31 ottobre 2007 ha avuto inizio questa attività rivolta a 15 bambini di due anni. Dall A.S. 2008/2009 il servizio si è esteso anche all altro plesso con l avvio di una seconda Sezione Primavera. La valutazione degli utenti anche per questo anno scolastico è risultata ampiamente positiva. In tale scenario la scuola emerge come luogo specifico (e per molti alunni unico ) di apprendimento teso a promuovere le relazioni sociali, offrendo una valida risorsa formativa e culturale. 13

17 La scuola inoltre ha un importante tradizione di rete partecipa all'ass.ne delle scuole del XVI Distretto (finalizzata al consolidamento di un Piano dell Offerta Formativa territoriale; alla condivisione di nattività di formazione e aggiornamento, all approfondimento e al confronto su tematiche giuridiche normative, contrattuali sito di riferimento: ) coinvolge sistematicamente - per la realizzazione del Progetto di continuità - n. 10 scuole medie dei quartieri di Torre Spaccata, Torre Maura, Alessandrino e Centocelle. aderisce (tramite la presentazione di Progetti da finanziare) a specifici progetti Ministeriali: Formazione, Ricerca, Valutazione Prove Invalsi (fin dagli anni 2000, prima a livello sperimentale, poi a livello sistematico) gemellaggio con scuole situate nei paesi del Terzo Mondo: per l A.S.2010/2011 il gemellaggio è stato stabilito con una scuola del Togo. : corrispondenza tra alunni, invio di materiale, presentazione di filmati, stand della scuola di Bogou nella festa di fine anno.. Un Protocollo d intesa, stipulato tra l Università Roma Tre e la Direzione Regionale per il Lazio prevede la Convenzione fra la stessa Università e questa Istituzione scolastica accogliente per lo svolgimento delle attività di tirocinio degli studenti del corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. La collaborazione con l Università si esprime anche con: collaborazioni su temi specifici (prevenzione disagio, disabilità, educazione alla salute) con La Sapienza di Roma, con l Università di Tor Vergata (per stage dei laureandi) e con il Sant Orsola Benincasa di Napoli (tirocinio per attività di sostegno) 14

18 La Scuola inoltre ha attivato, ormai da 10 anni, una collaborazione con l UPTER, Università Popolare della terza età di Roma, ente con personalità giuridica che concretizza la propria azione come centro di educazione degli adulti e degli anziani e del Comune di Roma, nonché come osservatorio dei bisogni culturali ed educativi dei cittadini. Nel plesso F. De Sanctis sono stati attivati i corsi di lingua straniera inglese (6 corsi), spagnolo (3 corsi), informatica (2 corsi), Storia dell Arte (3 corsi), yoga (1 corso), pittura di base (4 corsi) e ginnastica posturale (1 corso). Le iscrizioni dell'anno appena decorso hanno fatto registrare un ulteriore incremento e quest'anno sono state registrate circa 240 persone. Nel corso del corrente anno scolastico tutti i Progetti programmati sono stati realizzati in maniera integrata, nella convinzione che uno è il bambino e uno il suo processo formativo. Per semplificare si descrive soltanto l'attività prioritaria del singolo progetto, rimandando al sito della scuola per la lettura integrale delle schede di progetto e del coordinamento tra i diversi progetti che coinvolgono TUTTI gli alunni del Circolo e TUTTO il personale Docente e ATA Progetto Accoglienza: Festa dell accogliernza, personalizzazione inserimenti, flessibilità del curriculum in coordinamento con il Progetto Genitori e il Progetto Intercultura. Progetto Ambiente e territorio Il Progetto Ambiente si è concretizzato in : campagne per la raccolta differenziata e il riciclaggio Lo studio delle energie sostenibili e l adesione al 15

19 Progetto Frutta nelle scuole Il Progetto orto ha tra l altro prodotto l insalata tricolore e anche la Ditta che realizza il servizio di ristorazione Scolastica in regime di autogestione (CNS-Cooperativa Solidarietà e Lavoro) ha organizzato per la festa di fine a n n o i l nenu tricolore - Il rapporto tra territori e alimentazione ha ispirato anche la sfilata di carnevale a tema, durante la quale le classi hanno rappresentato i più famosi prodotti gastronomici regionali 16

20 Il Progetto Territorio che da anni si indirizza alla valorizzazione dell immenso patrimonio cittadino e nazionale, quest anno ha individuato I luoghi dell Unità d Italia.verso Roma Capitale Le Regioni d Italia: storia, geografia, aspetti antropologici, usi, costumi, tradizioni gastronomiche 17

21 Progetto Biblioteca Isola delle Fiabe Progetto di promozione della lettura in un ambiente fantastico appositamente allestito nelle diverse scuole dove La Signora delle Fiabe legge ai più piccoli storie, favole, miti, leggende, che poi si trasformano in rappresentazioni teatrali, teatro dei burattini manufatti, cartelloni, elaborati grafici, cartacei e multimediali. Gli alunni di quinta infine leggono ai bimbi di tre anni., Quest anno nell Isola delle Fiabe sono state lette le fiabe di Italo Calvino che hanno condotto gli alunni in giro per l Italia. Continuità Infanzia-Primaria - in coordinamento con il Progetto Biblioteca: attività di laboratorio tra bambini di 5 anni e alunni di classe prima unità didattiche gestite dai docenti dei due ordini di scuola - quest anno sono stati realizzati quattro incontri 18

22 19

23 Continuità Primaria-Medie : attività di laboratorio tra alunni di 4 e 5 e alunni della scuola media, unità didattiche gestite dai docenti dei due ordini di scuola, visite alle scuole, rappresentazioni teatrali in comune in Italiano e Inglese., visione di film (in coordinamento con il Progetto Cineforum e Intercultura), manufatti artigianali Continuità Scuola Famiglia Territorio: La continuità orizzontale assicura condivisione e coerenza degli interventi, coinvolgimento delle strutture e associazioni del quartiere (Centri Sportivi, Associazioni, Cooperative, Parrocchie ) - I bambini della Sezione Primavera, della Scuola dell Infanzia, della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di primo grado hanno realizzato anche la XX edizione della Sfilata di Carnevale a tema che quest anno era dedicato all Unità d Italia: gli alunni delle diverse classi si sono vestiti, da garibaldini e piemontesi, e sono state rappresentato tutte le Regioni d Italia. (con le loro caratteristiche e i loro prodotti) 20

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli