BUONRISTORO Vending Group

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BUONRISTORO Vending Group"

Transcript

1 UONRISTORO Vending Group MANUALE DI AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE in conformità al regolamento 852/2004/CE SEDE LEGALE della Capogruppo D.A.EM. S.p.A. Castelmaggiore (O), via onazzi 45 c/d SEDE OPERATIVA Castelmaggiore (O), via onazzi 45 c/d Il presente manuale è costituito da 18 pagine più gli allegati Revisione 3 Emesso in data Firma Responsabile (Ezechiele ernasconi)

2 INDICE INTRODUZIONE... 3 PRIMA PARTE APPLICAZIONE DELLE NORME GENERALI DI CORRETTA PRASSI IGIENICA... 4 DEFINIZIONI ED AREVIAZIONI DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ AZIENDALE I LOCALI E LE ATTREZZATURE FISSE E MOILI IL MAGAZZINO L OFFICINA SERVIZI IGIENICI DEL PERSONALE E AREE COMUNI I MEZZI DI TRASPORTO PIANI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DI LOCALI E ATTREZZATURE PIANI DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IL PERSONALE RUOLI E MANSIONI IGIENE DEL PERSONALE FORMAZIONE IL CICLO LAVORATIVO RICEVIMENTO E DEPOSITO TRASPORTO ALLE POSTAZIONI DEI DA CARICAMENTO E PULIZIA DEI DA DA di bevande calde DA di bevande e prodotti confezionati, panini, gelati METODI DI VERIFICA DELLE PULIZIE DEI DA... 9 SECONDA PARTE STUDIO E APPLICAZIONE DELL AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE IL GRUPPO HACCP PIANO DI AUTOCONTROLLO DESCRIZIONE DEI PRODOTTI DISTRIUITI DIAGRAMMI DI FLUSSO Diagramma di flusso relativo alla distribuzione di bevande calde Diagramma di flusso relativo alla distribuzione di bevande e prodotti alimentari confezionati Diagramma di flusso relativo alla distribuzione di preparazioni alimentari Diagramma di flusso relativo alla distribuzione di gelati APPLICAZIONE DEL SISTEMA HACCP E PIANI DI AUTOCONTROLLO Analisi dei pericoli e Piano di Autocontrollo relativo alla distribuzione di bevande calde Analisi dei pericoli e Piano di Autocontrollo per la distribuzione di bevande e alimenti confezionati Analisi dei pericoli e piano di autocontrollo per la distribuzione di preparazioni alimentari Analisi dei pericoli e Piano di Autocontrollo per la distribuzione di gelati GESTIONE DEI PRODOTTI NON IDONEI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DOCUMENTI DEL SISTEMA E LORO ARCHIVIAZIONE APPROVAZIONE, EMISSIONE E MODIFICA DEI DOCUMENTI ELENCO DEI DOCUMENTI ALLEGATI ALLEGATI M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

3 INTRODUZIONE La redazione di questo manuale aziendale di autocontrollo dell igiene secondo il sistema HACCP, è curata dal Sig. Ezechiele ernasconi in qualità di responsabile dell autocontrollo, nonché amministratore delegato della Capogruppo D.A.EM. S.p.A., al fine di descrivere e definire i metodi adottati dall azienda per produrre alimenti sani, verificando l igiene di tutto il processo produttivo, in ottemperanza alla legislazione vigente. Per la sua compilazione si è fatto riferimento alla terminologia e ai contenuti del Manuale di Corretta Prassi Igienica per la Distribuzione Automatica di alimenti pubblicato da CONFIDA nel mese di aprile Si è fatto inoltre riferimento alle linee guida per la qualificazione delle imprese di gestione associate diffuse da Confida nel corso del Le prescrizioni di questo manuale si riferiscono a tutte le operazioni che si svolgono presso le sedi delle Aziende del Gruppo uonristoro, dal ricevimento delle materie prime fino alla somministrazione di prodotti alimentari e bevande attraverso distributori automatici (DA) gestiti da aziende che fanno parte del Gruppo uonristoro. Normativa: un elenco esaustivo della normativa applicabile per la corretta gestione dell igiene aziendale e degli alimenti è presente alla pagina 10 del suddetto MCPI elaborato da CONFIDA. M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

4 PRIMA PARTE Applicazione Delle Norme Generali Di Corretta Prassi Igienica DEFINIZIONI ED AREVIAZIONI - CO : scheda di controllo che prevede un giudizio sulla modalità di applicazione di una procedura - Cliente : l ente proprietario dei locali-postazione dei DA - DA : distributore automatico - FL : foglio di lavoro che contiene una procedura dettagliata di intervento - MAIA : Manuale di Autocontrollo dell Igiene Aziendale elaborato in azienda e a disposizione delle autorità Sanitarie. - MCPI : Manuale di Corretta Prassi Igienica generalmente elaborato da associazioni di categoria e validato dal Ministero della Sanità - SP : specifiche di prodotto - Terminologia HACCP : vedi MCPI - Definizioni 1 DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ AZIENDALE uonristoro Vending Group Servizi di ristoro per l impresa Organico: Prodotti distribuiti: Capacità produttiva: Area operativa : 750 collaboratori. caffè e bevande calde, acqua minerale, bibite, snack e prodotti da forno, gelati, panini freschi, panini in atmosfera modificata erogazioni annue Oltre distributori installati Oltre clienti serviti Italia uonristoro Vending Group raggruppa aziende che hanno, come oggetto sociale, la gestione di distributori automatici di bevande calde, fredde e prodotti di ristoro monodose. L attività consiste, nel ricercare aziende, scuole, comunità e punti di ristoro in genere in cui installare distributori automatici in grado di soddisfare, in qualsiasi momento, ed in particolare durante le pause di lavoro o di studio, le esigenze dei consumatori. La maggior parte delle aziende che fanno parte del Gruppo sono dotate di un sistema qualità certificato secondo le norme ISO 9001, pertanto anche in questo documento si farà frequente riferimento alla documentazione del Sistema Qualità. M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

5 2 I LOCALI E LE ATTREZZATURE FISSE E MOILI 2.1 Il magazzino I magazzini occupano, normalmente, aree a piano terra, assieme all'officina. Le planimetrie sono archiviate, presso ogni singola sede a cura del responsabile amministrativo. Il magazzino adibito a deposito dei prodotti alimentari è distinto in due zone, la prima dedicata allo stoccaggio e la seconda al prelievo. La pavimentazione è, normalmente, in cemento e le pareti sono imbiancate a tempera lavabile. L'accesso al magazzino avviene attraverso portoni dotati di serranda automatica, normalmente chiusa. Il magazzino è dotato di finestre a vetro normalmente chiuse e dotate di oscuranti frangisole per impedire che le derrate alimentari siano esposte direttamente alla luce. L'area perimetrale è dotata di scaffalature metalliche per lo stoccaggio di bancali (europallet). Per la movimentazione delle merci in magazzino vengono utilizzati un muletto e due transpallet a propulsione elettrica e alcuni transpallet manuali. Per il prelievo delle merci sono invece utilizzati alcuni carrellì. 2.2 L officina Normalmente al piano terra, adiacente al magazzino prodotti, ma separata da una parete e chiusa da tramezzi vetrati. E dedicata alla manutenzione straordinaria dei distributori in uso e all'approntamento dei distributori nuovi. All'interno di quest'area esiste una zona specificamente dedicata alle procedure di lavaggio; qui trovano alloggiamento i bagni di decalcificazione e lavaggio, come anche le apparecchiature per la rigenerazione delle cartucce dei decalcificatori installati nei distributori automatici. Le piccole operazioni di ritocco della verniciatura effettuate in officina, grazie alla presenza di un locale dedicato e a sistemi di aspirazione dell'aria, sono eseguite in modo tale da prevenire in modo certo contaminazioni dei prodotti alimentari sia da parte delle vernici che da vapori di solventi. 2.3 Servizi igienici del personale e aree comuni Le sedi uonristoro sono dotate di servizi igienici conformi alle vigenti disposizioni normative. Esistono anche sale a disposizione del personale per la ristorazione e il deposito di oggetti personali, nonché un locale destinato a spogliatoio a disposizione del personale operativo. 2.4 I mezzi di trasporto Per lo svolgimento della propria attività le aziende uonristoro utilizzano automezzi propri o di proprietà di collaboratori artigiani. Parte degli automezzi è utilizzata per il trasporto di prodotti alimentari destinati al caricamento dei distributori automatici e parte per l'assistenza tecnica agli stessi distributori. Le due attività menzionate sono mantenute volutamente distinte e sono svolte da persone diverse; non è possibile pertanto che i prodotti alimentari vengano, durante il trasporto, a contatto con materiale estraneo. M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

6 2.5 Piani di pulizia e sanificazione di locali e attrezzature Le operazioni di pulizia e sanificazione dei locali vengono eseguite seguendo il piano descritto in tabella. Periodicità Intervento Tipo di mezzo o prodotto Giornaliera Sanificazione servizi igienici Pulizia pavimento magazzino Detergente/sanificante Scopa Settimanale Lavaggio pavimenti area di caricamento Lavapavimento elettrica + detergente Semestrale Pulizia vano di carico automezzi Aspiratore o mezzi manuali Annuale Lavaggio vetri magazzino Eliminazione ragnatele Pulizia zone sopraelevate Detergente Aspiratore Aspiratore Il responsabile dell igiene dei locali è presente presso ogni singola azienda ed esegue controlli periodici dell efficacia del programma applicato, riferendone l esito al Responsabile dell Autocontrollo Aziendale, una volta ogni 12 mesi. 2.6 Piani di disinfestazione e derattizzazione Il programma di disinfestazione e derattizzazione è stato affidato a ditte appaltatrici specializzate. Presso ogni azienda viene conservato un registro che riporta la periodicità degli interventi di controllo (mensile) e i prodotti utilizzati. Tale registro viene archiviato a cura del responsabile Assicurazione Qualità. 2.7 Le postazioni dei DA I DA vengono collocati in spazi concordati con il cliente. La pulizia, la sanificazione, la derattizzazione e la disinfestazione dello spazio circostante il DA sono a carico del cliente, così come lo smaltimento dei rifiuti e materiali di imballaggio (bicchieri, palette, lattine, bottiglie, incarti, ecc.). In conformità con le disposizioni previste dalla Legge 283/62 e dall art. 32 DPR 327/80, al momento della loro installazione vengono osservate le seguenti condizioni: - postazione lontana da sorgenti di calore - sito di erogazione non esposto a insudiciamenti o ad altre contaminazioni - allacciamento alla rete idrica dell acquedotto comunale o impiego di acqua potabile. Dell installazione di ogni DA viene data comunicazione scritta all Autorità Sanitaria competente per territorio. M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

7 3 IL PERSONALE 3.1 Ruoli e mansioni Per tutto quanto attiene all'organigramma aziendale si fa riferimento alla sezione 3 del Manuale Qualità uoonristoro 3.2 Igiene del personale L Igiene del personale viene accuratamente sorvegliata seguendo quanto previsto dal Reg. CE 852/04 (All II, cap 8 e 12). Gli operatori del Vending sono classificati fra il personale a livello di rischio 0. Tutti gli operatori sono provvisti di libretti sanitari, il cui aggiornamento non risulta essere più necessario ai sensi della Legge Regionale 11/2003. Il nostro specifico settore risulta anche esentato dall obbligo di frequentare corsi di formazione specifici. Il personale è informato ed ha cura della pulizia degli indumenti che indossa nello svolgimento delle sue mansioni; normalmente si tratta di divise fornite dall azienda. In caso di malattia gastroenterica, il personale avverte il proprio responsabile che decide se destinare il personale a mansioni non soggette a rischio igienico-sanitario. 3.3 Formazione A tutto il personale operativo e all inizio di ogni nuovo rapporto di collaborazione, viene consegnata una copia del presente Manuale di Autocontrollo. Con cadenza annuale il responsabile qualità, sicurezza e ambiente convoca riunioni con il personale operativo che hanno finalità di formazione e informazione anche sui temi di igiene e sicurezza degli alimenti applicate al Vending e aggiornamenti legislativi applicabili. M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

8 4 IL CICLO LAVORATIVO Descriviamo qui di seguito le varie fasi che costituiscono il nostro processo di lavoro che parte dal ricevimento delle merci nel magazzino e finisce con la distribuzione e somministrazione dei prodotti ai consumatori attraverso DA. 4.1 Ricevimento e deposito I responsabili del magazzino prodotti alimentari sono presenti presso ogni singola sede. Le attività di gestione ad esso correlate sono descritte nelle seguenti procedure del Sistema Qualità uonristoro: PR PR PR PR Gestione degli acquisti; Movimentazione, immagazzinamento, conservazione e prelievo. Identificazione e rintracciabilità del prodotto; Gestione delle non conformità Nella seguente tabella indichiamo i vari tipi di prodotti che acquistiamo ed il loro sistema di stoccaggio in magazzino. Tipo di prodotti Sistema di stoccaggio Durata media di stoccaggio Temperatura di conservazione Materie prime in polvere Pallets 3 mesi Ambiente evande confezionate Pallets 3 mesi Ambiente Snacks Pallets 3 settimane Ambiente La gestione dei prodotti deperibili come panini freschi, frutta, pasti, yogurth e latticini in genere, è affidata interamente alla ditta Frescofast la quale garantisce il rispetto della catena termometrica specifica di ogni prodotto dal ricevimento della merce fino al posizionamento delle singole referenze all interno dei DA dedicati. I gelati non vengono normalmente stoccati nel magazzino aziendale, ma conferiti nei punti di vendita direttamente dal fornitore, in quanto l azienda non possiede automezzi con cella refrigerata a 18 C. 4.2 Trasporto alle postazioni dei DA Dal magazzino la merce viene consegnata al personale addetto che provvede a trasferirla ai DA utilizzando gli appositi mezzi descritti precedentemente. Una volta raggiunta la postazione dei DA, l addetto scarica dal furgone la quantità di prodotti che ritiene necesssaria e la trasferisce in prossimità dei distributori. L operatore quindi inizia le operazioni di caricamento, pulizia e sanificazione che descriviamo più avanti. M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

9 4.3 Caricamento e pulizia dei DA Tutti i DA rispettano i requisiti previsti al Capitolo III dell Allegato II del Regolamento (CE) 852/2004 (requisiti per l apparecchiatura). Le operazioni di pulizia che vengono eseguite per i diversi tipi di DA sono descritte nelle seguenti procedure e istruzioni operative del Sistema Qualità DA.EM.: DA di bevande calde PR PR IO IO Gestione e Controllo del Processo di Caricamento DTA Gestione e Controllo del Processo di Caricamento DTS Caricamento DTA bevande CALDE Intervento tecnico su DT DA di bevande e prodotti confezionati, panini, gelati PR PR IO IO Gestione e Controllo del Processo di Caricamento DTA Gestione e Controllo del Processo di Caricamento DTS Caricamento DTA bevande FREDDE Caricamento DTA prodotti SNACKS Alcune operazioni specifiche legate alla gestione dei prodotti a temperatura controllata sono invece riportate in brevi procedure allegate al presente manuale (FL2 e FL4). 4.4 Metodi di verifica delle pulizie dei DA L attività di ispezione sulla pulizia dei DA è effettuata dai responsabili dei caricatori in base ad un programma annuale che interessa tutti i DA installati presso i clienti. Nel corso di queste visite, ripartite uniformemente nel corso dell anno, tra le altre dovranno essere svolte le seguenti attività: verifica del grado di pulizia interna ed esterna del DA, verifica a campione sul TMC, monitoraggio dello stato degli adesivi aziendali sul DA, registrazione su apposito programma delle attività effettuate, compilazione del questionario informatico sullo stato igienico del DA. M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

10 SECONDA PARTE Studio e Applicazione dell Autocontrollo dell Igiene Aziendale 5 Il GRUPPO HACCP In data 12/09/2008 si è riunito il Gruppo HACCP uonristoro con il compito di aggiornare le modalità di attuazione dell autocontrollo nelle nostre aziende, utilizzando il sistema HACCP e quindi predisporne l applicazione, focalizzandosi in particolar modo sul tema del trattamento di insetti infestanti che possono entrare a contatto con i DA. Gruppo HACCP di uonristoro Vending Group Cognome Nome Luogo e data di nascita Residenza* Funzione ricoperta ernasconi Ezechiele Genova, 01/11/1938 Via onazzi, 45 c/d Castel Maggiore (ologna) Amministratore Delegato D.A.EM. S.p.A. ernasconi Paolo Milano, 14/07/1969 Via onazzi, 45 c/d Castel Maggiore (ologna) Responsabile Commerciale D.A.EM. S.p.A. occhi Carlo Parma, 23/05/1967 Via onazzi, 45 c/d Castel Maggiore (ologna) Responsabile Ambiente e S.I. D.A.EM. S.p.A. Tordini Umberto ologna, 17/14/1974 Via onazzi, 45 c/d Castel Maggiore (ologna) RAQ D.A.EM. S.p.A. Schiavina Nicola ologna, 25/12/1967 Via onazzi, 45 c/d Castel Maggiore (ologna) Responsabile Operatori Esterni D.A.EM. S.p.A. * Per la carica sociale presso D.A.EM. Spa Il responsabile dell Autocontrollo dell Igiene Aziendale è il Sig. Ezechiele ernasconi, che ha curato la redazione di questo manuale per garantire la sicurezza del processo di distribuzione automatica di alimenti e bevande. M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

11 6 PIANO DI AUTOCONTROLLO Il piano di autocontrollo aziendale, così come già in parte descritto, si basa sui seguenti principi dettati dalla legge : - utilizzo di strutture (locali, impianti, attrezzature, mezzi di trasporto ) idonee; - verifica della qualità igienica delle materie prime, sfuse e confezionate, distribuite con i DA; - controllo del corretto funzionamento e dell igiene dei DA; - implementazione di un piano di controllo dell igiene del processo di distribuzione. 6.1 Descrizione dei Prodotti Distribuiti I prodotti distribuiti nel Vending presentano problematiche differenti a seconda della loro composizione, distribuzione e conservazione. Questi prodotti possono essere distinti, a seconda delle criticità che presentano per la sicurezza dei consumatori, in tre categorie: A C prodotti più sicuri prodotti mediamente sicuri prodotti meno sicuri In tabella vengono elencati i prodotti distribuiti, le condizioni termiche di conservazione e/o di erogazione, e le categorie di sicurezza; negli allegati sono descritte le specifiche dei diversi prodotti. Tipo di prodotto T di conservazione e/o erogazione Specifiche del prodotto Categorie di sicurezza evande Calde > 65 C SP1 evande Fredde Confezionate Ambiete / + 4 C SP2 A Snacks Ambiente / + 4 C SP3 A Prodotti linea fresco in atmosfera modificata, latticini + 4 C SP4 C Gelati - 18 C SP5 A Prodotti linea fresco di giornata + 12 C SP6 C M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

12 6.2 Diagrammi di Flusso I diagrammi di flusso per i prodotti distribuiti delle diverse categorie di sicurezza, sono descritti nei paragrafi che seguono Diagramma di flusso relativo alla distribuzione di bevande calde (Categoria di sicurezza ) A Acquisto e consegna materie prime Deposito C Trasporto D Caricamento nei DA E Produzione e distribuzione F Consumo utente finale Diagramma di flusso relativo alla distribuzione di bevande e prodotti alimentari confezionati (Categoria di sicurezza A) A Acquisto e consegna Deposito C Trasporto, caricamento, distribuzione M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

13 6.2.3 Diagramma di flusso relativo alla distribuzione di prodotti linea fresco in atmosfera modificata, latticini e prodotti linea fresco di giornata. (Categoria di sicurezza C) A Acquisto, consegna e caricamento presso il cliente Distribuzione Diagramma di flusso relativo alla distribuzione di gelati (Categoria di sicurezza A) A Acquisto, consegna e deposito presso il cliente Caricamento e distribuzione 6.3 Applicazione del sistema HACCP e Piani di Autocontrollo Le tabelle che seguono rappresentano gli schemi dei Piani di Autocontrollo per le diverse categorie di sicurezza dei prodotti distribuiti, realizzati attraverso l applicazione del sistema HACCP suddiviso nell analisi dei pericoli (HA = Hazard Analysis) e nella definizione dei Punti Critici di Controllo (CCP = Critical Control Point) con il Piano relativo alle azioni di controllo. Il gruppo HACCP, in base ai pericoli identificati, ha valutato la probabilità che gli stessi si realizzino e la loro gravità rispetto alla sicurezza dei prodotti finiti. Il rischio quindi viene definito (A) alto, (M) medio e () basso anche in conseguenza dei controlli già messi in atto da parte dell azienda. I pericoli individuati nelle varie fasi sono di natura principalmente microbiologica. La presenza di sostanze chimiche pericolose nelle bevande calde può derivare sia da materie prime (l assenza è garantita da attestati di conformità), sia da componenti dei DA (l assenza è garantita dalla Ditta costruttrice), sia da residui dei processi di pulizia (l assenza è garantita dalle corrette procedure di pulizie). La presenza di materiali estranei nei prodotti confezionati è un'eventualità che non teniamo in considerazione in quanto l'assenza è prevista negli attestati di conformità. La conformità di tutti i prodotti, alimentari e non, acquistati da D.A.EM. è implicitamente dichiarata da tutti i fornitori; infatti in tutti gli ordini effettuati viene fatto esplicito riferimento alla necessaria conformità ai requisiti di legge del prodotto in ordine. M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

14 6.3.1 Analisi dei pericoli e Piano di Autocontrollo relativo alla distribuzione di bevande calde (categoria di sicurezza ). A C D E FASE DEL PROCESSO ACQUISTI E CONSEGNA MP IN POLVERE DEPOSITO TRASPORTO CARICAMENTO DA PRODUZIONE E DISTRIUZIONE PERICOLI Presenza di germi oltre i limiti consentiti Presenza di sostanze chimiche non consentite Presenza di confezioni difettose o aperte Rottura scatole e confezioni, intervento di insetti o roditori Prolungamento del periodo di immagazzinaggio e non rispetto del FIFO Rottura confezioni Umidificazione per pioggia Insudiciamento confezioni Contaminazione microbica durante il caricamento Pulizia non efficiente Formazione di biofilm su circuito idraulico Acqua di miscelazione contaminata Temperatura inadeguata dell acqua di miscelazione Segnalazione di presenza insetti/roditori VALUTAZIONE DEL RISCHIO M M M M A AZIONI PREVENTIVE Fornitori qualificati e attestati di conformità Fornitori qualificati e attestati di conformità Controlli visivi a campione alla ricezione, PR Corretto posizionamento negli scaffali, piano di disinfestazione programmata PR Mezzi di trasporto idonei Mezzi di trasporto idonei Pulizia periodica mezzi, separazione alimentari da non food IO e PR000705/ FL3 IO e PR IO e PR IO e PR Temperatura bevanda > 65 C Pulizia periodica, installazione di maglia metallica in aperture DA CCP LIMITI MONITORAGGIO AZIONI CORRETTIVE M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18 CCP CCP CCP Presenza di sporco e incrostazioni Temperature della bevanda appena erogata > 65 C Presenza Programma annuale di ispezionamento DA e inserimento esito del controllo in apposito programma Controllo della temperatura della bevanda in occasione della manutenzione periodica: FL1 Posizionamento esche specifiche Pulizia e sanificazione straordinari Richiamo dell operatore Manutenzione straordinaria Revisione del sistema di autocontrollo e formazione del personale addetto Pulizia e sanificazione straordinaria, derattizzazione eseguito da ditta specializzata

15 6.3.2 Analisi dei pericoli e Piano di Autocontrollo per la distribuzione di bevande e alimenti confezionati (categoria di sicurezza A) FASE DEL PROCESSO PERICOLI VALUTAZIONE DEL RISCHIO AZIONI PREVENTIVE CCP LIMITI MONITORAGGIO AZIONI CORRETTIVE Presenza di germi oltre i limiti consentiti Fornitori qualificati e attestati di conformità A ACQUISTI E CONSEGNA Presenza di confezioni difettose o aperte M Controllo visivo a campione, PR DEPOSITO Rottura scatole e confezioni, intervento di insetti o roditori Prolungamento del periodo di immagazzinaggio e non rispetto del FIFO Corretto posizionamento negli scaffali, piano di disinfestazione programmata PR C TRASPORTO CARICAMENTO E DISTRIUZIONE Insudiciamento e rottura confezioni M Mezzi di trasporto idonei Separazione alimentari da non food Pulizia periodica mezzi CCP Assenza di confezioni rotte o danneggiate Registrazione di tutti i prodotti non conformi, secondo PR Ritiro del prodotto; isolamento del prodotto non conforme in un area di non conformità; rivalutazione del fornitore M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

16 6.3.3 Analisi dei pericoli e piano di autocontrollo per la distribuzione di prodotti linea fresco in atmosfera modificata, latticini e linea fresco di giornata (categoria di sicurezza C) FASE DEL PROCESSO PERICOLI VALUTAZIONE DEL RISCHIO AZIONI PREVENTIVE CCP LIMITI MONITORAGGIO AZIONI CORRETTIVE A ACQUISTI E CONSEGNA E CARICAMENTO Presenza di germi oltre i limiti consentiti Temperature di trasporto inadeguate M M Fornitori qualificati e attestati di conformità Contratto con fornitore affidabile e attestati di conformità DISTRIUZIONE Eccessiva permanenza nel distributore (oltre il T.M.C.) Temperatura di conservazione inadeguata M Fornitore qualificato, FL2 Utilizzo di DA specifici, blocco erogazioni in caso di temperature non adeguate; FL2, FL4 CCP1 CCP2 Assenza di panini scaduti Temperatura massima +4 C per prodotti in atm. mod. e latticini C per panini freschi di giornata Controllo visivo ad ogni operazione di caricamento Periodica registrazione da parte tecnici della temperatura rilevata all interno dei DA (FL4), controllo visivo ad ogni operazione di caricamento Ritiro ed eliminazione del prodotto Intervento tecnico, ritiro ed eliminazione del prodotto M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

17 6.3.4 Analisi dei pericoli e Piano di Autocontrollo per la distribuzione di gelati (categoria di sicurezza A) FASE DEL PROCESSO PERICOLI VALUTAZIONE DEL RISCHIO AZIONI PREVENTIVE CCP LIMITI MONITORAGGIO AZIONI CORRETTIVE A ACQUISTI, CONSEGNA E DEPOSITO PRESSO IL CLIENTE Presenza di germi oltre i limiti consentiti Presenza di confezioni difettose o aperte Temperature di trasporto inadeguate M M Fornitori qualificati e attestati di conformità Controllo visivo al momento del caricamento Contratto con fornitore affidabile e attestati di conformità CARICAMENTO E DISTRIUZIONE Temperature di conservazione inadeguate M Utilizzo di DA specifici; blocco erogazioni in caso di temperature inadeguate; FL2 CCP Assenza di gelati molli al caricamento Controllo manuale dell operatore ad ogni visita di ricarica del distributore Ritiro ed eliminazione del prodotto M.A.I.A. uonristoro rev. 03 del /18

18 7 GESTIONE DEI PRODOTTI NON IDONEI La gestione dei prodotti non idonei viene effettuata secondo le seguenti procedure: PR PR Identificazione e rintracciabilità del prodotto Gestione delle non conformità 8 GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE 8.1 Documenti del sistema e loro archiviazione La documentazione del sistema di Autocontrollo è costituita dal MAIA con i suoi allegati e dai manuali dell associazione di categoria a cui si fa riferimento. Una copia di tutti i documenti è archiviata a cura del Responsabile Sistemi Informativi e conservata per un periodo di 5 anni presso ogni singola azienda. Presso i vari Responsabile Assicurazione Qualità uonristoro sono archiviate tutte le procedure del Sistema Qualità a cui si è fatto spesso riferimento nella redazione del presente Manuale. 8.2 Approvazione, emissione e modifica dei documenti Nuova documentazione viene emessa solo su indicazione dell A.S.L. territoriale o del gruppo HACCP. Tutta la documentazione è approvata e firmata dal Responsabile dell Autocontrollo, che è anche Amministratore Delegato. La revisione completa del presente manuale HACCP sarà pianificata entro tre anni e comunque in caso di significative variazioni della legislazione vigente in materia di igiene degli alimenti. 8.3 Elenco dei documenti allegati 1- Elenco delle attività periodiche 2- Scheda di Controllo CO1: ispezione magazzino 3- FL1: controllo temperatura bevanda calda 4- FL2: Corretta gestione dei distributori di gelati e preparazioni alimentari 5- FL3: Modalità di comportamento in caso di indisposizione 6- FL4: Verifica temperature interne DA food 7- Specifiche di prodotto M.A.I.A. rev. 03 del /18

19 1- ELENCO DELLE ATTIVITA PERIODICHE ALLEGATI Questo elenco viene aggiornato con le date di esecuzione delle attività riportate man mano che vengono svolte. Attività Periodicità Iniziata il: Pulizia Magazzino Annuale 20/12/08 Ispezione Mag. (CO1) Annuale 31/05/08 Verifica DA (CO2) Annuale 31/05/08 Riunione HACCP in CQ Semestrale 30/04/08 Pulizia vani di carico Semestrale 01/07/08 Revisione HACCP Ogni 3 anni 31/05/08 M.A.I.A. rev. 03 del

20 2- SCHEDA CONTROLLO CO1: ISPEZIONE MAGAZZINO Pulizia accurata Presenza di ragnatele, muffe, macchie di umidità Temperatura registrata Integrità delle confezioni Date di Scadenza rispettate DATA Giudizio Firma del controllore SI NO SI NO C SI NO SI NO 3- FOGLIO DI LAVORO 1 : CONTROLLO TEMPERATURA EVANDA CALDA SCOPO Il principio che sta alla base della presente procedura è che una temperatura di erogazione delle bevande calde > 65 C garantisca il mantenimento di standard igienici accettabili per il prodotto finale erogato. Lo scopo è pertanto quello di definire delle modalità di controllo del suddetto parametro. APPLICAILITA La presente procedura si applica a tutti i DA di bevande calde e coinvolge il personale di assistenza tecnica esterna. MODALITA ESECUTIVE Il tecnico in occasione degli interventi tecnici di manutenzione programmataita, oltre alle attività contemplate nella Procedura PR e dettagliate nella Istruzione IO070401, esegue le seguenti operazioni: N DESCRIZIONE OPERAZIONI IL TECNICO: 1 Posiziona il termometro sotto l ugello di erogazione della bevanda. 2 Eroga una bevanda calda, se possibile per omogeneità un caffè normale. 3 Effettua la lettura della temperatura. 4 Nel caso che il distributore abbia una seconda caldaia per i solubili, ripete le operazioni 1-3 interessando la seconda caldaia 5 Se T < 65 C il tecnico effettua le regolazioni oppo rtune e ripete le operazioni da 1 a 3, se T > 65 C si passa al punto successivo 6 Riporta l esito della verifica ed eventuali interventi tecnici eseguiti sul programma informatico GEDA POCKET del proprio pen-key Al ritorno in sede il dato registrato viene scaricato dal Pen Key e archiviato, come tutte le altre informazioni sull intervento tecnico effettuato, nel sistema informatico GEDA, a disposizione per successive valutazioni di tipo statistico sulla funzionalità dei distributori. M.A.I.A. rev. 03 del

MANUALE DI AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE

MANUALE DI AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE MANUALE DI AUTOCONTROLLO DELL IGIENE AZIENDALE GRUPPO Buonristoro SEDE LEGALE Capogruppo Castelmaggiore (BO), via Bonazzi 45 c/d SEDE OPERATIVA Castelmaggiore (BO), via Bonazzi 45 c/d Il presente manuale

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP PREDISPOSTO AI SENSI DEL Reg. CE 178/2002 e del Reg. CE 852/2004 Elaborato in data: 19 Novembre 2012 AMITALIA S.r.l VIA COMO, 47 20020 - SOLARO (MI) INDICE

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 LE NON CONFORMITA NON CONFORMITA CRITICA MAGGIORE MINORE DEVIAZIONE Deviazione di importanza

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Tabella 1) Capitolo 1 - Generalità Revisione n.00 Paragrafo 1.1 - Identificazione della struttura Allegati relativi al paragrafo: ALL.01 IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Denominazione: Sede:

Dettagli

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO 0 04/2002 1 di 6 DICHIARAZIONE DEL TITOLARE L Amministrazione della MCS S.r.l. garantisce il livello di Qualità dei suoi prodotti, rispondendo alle richieste ed alle esigenze dei Clienti. La Qualità, secondo

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1 Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n..../2011 Pagina 1 PIAN DI AUTCNTRLL Il Regolamento CE 178/2002 fornisce alcune definizioni che caratterizzano l applicazione della legislazione

Dettagli

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare IL SISTEMA HACCP La sigla HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) identifica un nuovo strumento operativo che tutte le aziende alimentari (anche i ristoranti) devono possedere per legge, avente

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari

Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari Farmacia: Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari Regolamento (CE) n. 852/2004 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Responsabile di questo Manuale di Autocontrollo è il dr titolare

Dettagli

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP Per richiedere un preventivo per la stesura del manuale di corretta prassi igienica è necessario inserire le informazioni richieste nel

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione A cura dei Medici di Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione della ASL di Carbonia: Gian Mauro Vinci, Gabriella Carta, Cesare Gradoli, Gabriella Pitzalis,. Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva

La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva Cremona, 26 ottobre 2007 Clementina Clementi- food technical development 1 La norma internazionale sulla sicurezza alimentare

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A:

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE SALUMI PER LA VENDITA AL CONSUMATORE FINALE PREMESSA

Dettagli

AMBITO VOLONTARIO. normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi

AMBITO VOLONTARIO. normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi AMBITO VOLONTARIO normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi La certificazione è l'insieme delle procedure e delle attività,

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA 1 Introduzione Il protocollo definisce, sulla base dell esperienza

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche. Monitoraggio di parametri di processo ed ambientali

Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche. Monitoraggio di parametri di processo ed ambientali Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche Monitoraggio di parametri di processo ed ambientali Docente: Dott.ssa Francesca Balocco HACCP HACCP è l acronimo di Hazard

Dettagli

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP Autocontrollo alimentare Il sistema HACCP 1 Obiettivi principali dell AUTOCONTROLLO Salvaguardare la SALUTE del CONSUMATORE Produrre, somministrare e vendere alimenti SANI 2 L autocontrollo aziendale prevede

Dettagli

NOTIZIARIO TECNICO. Sistema HACCP. Informativa sul d.l. 155 26.05.1997. Prodotti Tassani che soddisfano i requisiti richiesti

NOTIZIARIO TECNICO. Sistema HACCP. Informativa sul d.l. 155 26.05.1997. Prodotti Tassani che soddisfano i requisiti richiesti NOTIZIARIO TECNICO Sistema HACCP Informativa sul d.l. 155 26.05.1997 Prodotti Tassani che soddisfano i requisiti richiesti 1 Informativa sul D.L. n 155 del 26/05/1997 Sistema HACCP Questo D.L. dà attuazione

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ASL OLBIA (S.I.A.N.) SERVIZIO IGIENE E ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE (S.I.A.O.A.)

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA...

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA... Al Signor Sindaco del Comune di ALPIGNANO UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. /

Dettagli

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini HACCP: La Storia La Storia Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Point) è nato circa 50 anni fa per una esigenza operativa diversa da

Dettagli

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT H.A.C.C.P. HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT 1998 D.Lgs 155/97 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) A CHI E RIVOLTO Aziende di trasformazione degli alimenti (confetture latte verdure in

Dettagli

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità di Marco Bernabè IDEATURISMO S.R.L. Riva del Garda 29.01.2013 Meno imballaggi, stessa igiene Imballaggi e igiene: due facce della stessa

Dettagli

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 IL PIANO DI AUTOCONTROLLO GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE PREDISPONGONO, ATTUANO E MANTENGONO UNA O PIÙ PROCEDURE PERMANENTI, BASATE SUI PRINCIPI DEL SISTEMA

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LA FORMAZIONE: UN SUPPORTO PER LA COMMISSIONE MENSA Paola Rebufatti LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Gestione delle non conformità GESTIONE DELLE NON CONFORMITA

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Gestione delle non conformità GESTIONE DELLE NON CONFORMITA Pag. 1 di 6 GESTIONE DELLE NON CONFORMITA INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo 3 - Documenti di riferimento 4 - Definizioni e abbreviazioni 5 Responsabilità 6 - Modalità Operative 7 Archiviazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE Da presentare in triplice copia al Comune dove si effettua la manifestazione. Copia della presente dovrà essere trattenuta dal richiedente con timbro e data del ricevimento. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli

PRINCIPI DELL'HACCP. 3. Stabilire i limiti critici che devono essere affrontati per assicurare che i CCP siano sotto controllo.

PRINCIPI DELL'HACCP. 3. Stabilire i limiti critici che devono essere affrontati per assicurare che i CCP siano sotto controllo. PRINCIPI DELL'HACCP HACCP è un sistema che identifica specifici rischi e le misure specifiche per il loro controllo. Ogni settore di preparazione alimentare deve, nell ambito delle proprie lavorazioni,

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad ,'- - -~~_._,--~ -_... ~-------;~-----'--'-'~-~_._' --- - - - -), Minislero della Salule 0009028-P-30/03/2009 ( DGSAN, " " \....... _--_._---._.~" '._-"-'.., I -.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

Dettagli

23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE

23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE 23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE 69 Visto il Decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modifiche ed integrazioni; Vista la L.R. n.22 del

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO 07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO Perché Certificarsi Ottemperare agli obblighi di legge Soddisfare le richieste dei clienti Perché

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE

LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE manuale H.A.C.C.P. maggio 2013 rev.0/ pag. 1 LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE dell Istituto agrario G. Penna - Loc. Viatosto, 54-14100- Asti Responsabile H.A.C.C.P e laboratorio Prof.ssa Cantatore

Dettagli

1 Per quanto riguarda il settore della Distribuzione Automatica di prodotti, in quali di queste aree specifiche opera la vostra azienda?

1 Per quanto riguarda il settore della Distribuzione Automatica di prodotti, in quali di queste aree specifiche opera la vostra azienda? G F K E U R I S K O Indagine n. 26280 Studio Settore Vending Gennaio 2011 Sezione a - SCREENING 1 Per quanto riguarda il settore della Distribuzione Automatica di prodotti, in quali di queste aree specifiche

Dettagli

MANUALE di AUTOCONTROLLO. per l attività di trasporto terrestre, deposito e distribuzione fisica. di prodotti alimentari

MANUALE di AUTOCONTROLLO. per l attività di trasporto terrestre, deposito e distribuzione fisica. di prodotti alimentari SOTRAL S.r.l. MANUALE DI OCONTROLLO PIG 01 Pag. 1 di 22 Tipo documento: Procedura di igiene Copia controllata n MANUALE di OCONTROLLO per l attività di trasporto terrestre, deposito e distribuzione fisica

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004) Al Dipartimento di Prevenzione Azienda USL di Frosinone S.S Ispezione degli alimenti di o.a Distretto per il tramite dello SUAP in forma Associata della XIV Comunità Montana Valle di Comino SCIA Segnalazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE Ufficio IX Regioni

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

CONOSCI IL VENDING: LA DISTRIBUZIONE AUTOMATICA, REGOLE E DIRITTI DEI CONSUMATORI

CONOSCI IL VENDING: LA DISTRIBUZIONE AUTOMATICA, REGOLE E DIRITTI DEI CONSUMATORI ADICONSUM Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL CONOSCI IL VENDING: LA DISTRIBUZIONE AUTOMATICA, REGOLE E DIRITTI DEI CONSUMATORI PAG. 2 Sommario Pinetti Giordano Quanti consumatori

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO L attività di audit del Laboratorio Chimico per la ristorazione scolastica LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO e Partner Logistici affidabili

Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO e Partner Logistici affidabili Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO e Partner Logistici affidabili Parma 04 novembre 2010 Hotel Parma e Congressi 1 Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO Kraft Foods mission:

Dettagli

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica CAPITOLATO TECNICO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA nei Locali siti in Viale Causa 13 e Via Opera Pia 13 16145 GENOVA

Dettagli

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius 3.0 Programmi Prerequisito ISO 4.2.1-5.1-5.3 La Direzione si impegna a favore di un sistema di gestione della sicurezza attraverso la politica

Dettagli

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO SCHEDA PER LA CLASFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO Ragione sociale:.... Sede legale: Sede produttiva:....... Telefono: fax:..e-mail:..... Codice fiscale / partita IVA:... Legale rappresentante:...

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AD AZIONE IMMEDIATA (DIA) PER MEZZI DI TRASPORTO DI PRODOTTI ALIMENTARI

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AD AZIONE IMMEDIATA (DIA) PER MEZZI DI TRASPORTO DI PRODOTTI ALIMENTARI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AD AZIONE IMMEDIATA (DIA) PER MEZZI DI TRASPORTO DI PRODOTTI ALIMENTARI Il sottoscritto attiva la procedura ed a tal fine fornisce le seguenti informazioni e dichiarazioni.

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi LA NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO - Regolamento (CE) n. 178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione

Dettagli

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma Gestione del rischio IL DIAGRAMMA DI FLUSSO Tipicamente riporta le seguenti fasi: Fase fredda: ricevimento, salagione, riposo, lavaggio

Dettagli

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L.

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. 'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR Azienda Sede azienda Farmacia Dott. Via Attività svolta Consulenza Farmacia Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. tel 0585/250783

Dettagli

Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) Associazione Nazionale Torrefattori di Caffè (ANT)

Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) Associazione Nazionale Torrefattori di Caffè (ANT) Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) Associazione Nazionale Torrefattori di Caffè (ANT) MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER LA PRODUZIONE ED IL CONFEZIONAMENTO DI CAFFE TORREFATTO

Dettagli

Carta del Servizio di Ristorazione Scolastica

Carta del Servizio di Ristorazione Scolastica COMUNE DI CERIALE Carta del Servizio di Ristorazione Scolastica LA CARTA DEL SERVIZIO La Carta dei Servizi è un atto previsto dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994

Dettagli

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE Gli esercizi di produzione possono iniziare l attività con notifica di Inizio Attività ai sensi dell articolo 6 Regolamento CE 852/2004

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO

ESTRATTO DEL VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. BOTTAZZI - CASARANO (Lecce) Esposta all Albo Il 15 giugno 15 ESTRATTO DEL VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO L anno 2015 addì 13 del mese di giugno

Dettagli

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Il Divulgatore n 6/2006 Aziende agricole in Eco-gestione pagg.26-39 Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Una margherita per identificare un prodotto o un servizio che lungo tutto il suo ciclo di vita

Dettagli

Allegato n. 2 al RMQP CARTA DEI PUBBLICI ESERCIZI SERVIZIO RISTORAZIONE

Allegato n. 2 al RMQP CARTA DEI PUBBLICI ESERCIZI SERVIZIO RISTORAZIONE al RMQP CARTA DEI PUBBLICI Pag. 2 di 12 INDICE 1. ELEMENTI DI AMMISSIBILITÀ:... 3 2. SEZIONE ALIMENTI... 3 2.1 CRITERI OBBLIGATORI... 3 2.2 CRITERI FACOLTATIVI... 4 3. SEZIONE ENERGIA... 4 3.1 CRITERI

Dettagli

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2 Art. 1 REGOLAMENTO CORSI PER ALIMENTARISTI E OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (Decreto D.G. n. 1038 del 23 novembre 2009 Registro Decreti n. 21667 del 1.12.2009) I corsi mirano all istruzione, formazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M. ANGIOY"

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G.M. ANGIOY Via Principessa Mafalda 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; e-mail sstf010007@istruzione.it, sstf010007@pec.istruzione.it angioy@itiangioy.sassari.it www.itiangioy.sassari.it GARA D'APPALTO MEDIANTE

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

Fac-simile esemplificativo di una possibile compilazione di piano haccp

Fac-simile esemplificativo di una possibile compilazione di piano haccp Cercare di compilare, seguendo le sottostanti tracce, un vostro ipotetico piano di autocontrollo. Immaginatevi titolari di una attività pubblica o commerciale di vostro gradimento e procedete di conseguenza.-(non

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

Manuale HACCP Per la Ditta UPEA

Manuale HACCP Per la Ditta UPEA Manuale HACCP Per la Ditta UPEA Capo D Orlando Novembre 2003 Edizione I/ Rev. 0 Indice 1. Premessa pag. 2 2. Presentazione ditta e descrizione locali 4 3. Schema 1 - Documentazione tecnica 6 4. Formazione

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge

Dettagli

食 品 加 工 经 营 者 的 责 任 与 义 务

食 品 加 工 经 营 者 的 责 任 与 义 务 食 品 加 工 经 营 者 的 责 任 与 义 务 Responsabilità degli operatori del settore alimentarer Guangxi University LIU Xiaoling 1 Da dove viene il cibo? dal campo alla tavola Sale processing Desk Breeding Slaughter Transportation

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA VENDITA

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE IN UN AZIENDA DI CARAMELLE DELLA PROVINCIA DI TERAMO

SICUREZZA ALIMENTARE IN UN AZIENDA DI CARAMELLE DELLA PROVINCIA DI TERAMO FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda sede principale nella Provincia di Teramo e sede secondaria nella Provincia di Pescara.

Dettagli

Tecniche di approvvigionamento

Tecniche di approvvigionamento Tecniche di approvvigionamento Scelta del fornitore È certamente opportuno non avere un unica fonte di approvvigionamento, ma più aziende fornitrici (due o tre al massimo) a cui rivolgersi in base all

Dettagli

AREA IGIENICO SANITARIA 40 ORE:

AREA IGIENICO SANITARIA 40 ORE: Programma del corso abilitante all esercizio di somministrazione di alimenti e bevande ed esercizio dell attività commerciale nel settore alimentare (EX REC) 130 ore AREA IGIENICO SANITARIA 40 ORE: Quadro

Dettagli

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate CUCINE PROFESSIONALI Normativa di riferimento in materia di igiene caratteristiche e dotazione delle aree in funzione delle lavorazioni normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali M.C.Valerio -

Dettagli

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE ALLEGATO 1 ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 marzo 2002, n. 282. Modalità di vigilanza in caso di autocontrollo. Formazione del personale alimentarista. Valutazione delle

Dettagli

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Comune di VANZAGO Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Marzo

Dettagli

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA Oltre ai controlli già stabiliti dalla Legge rispetto alla normativa igienico sanitaria, le proposte per un controllo sui pasti della refezione scolastica

Dettagli

BONONI GIAMPAOLO. Loc. Perossi 20 Gropparello (PC)

BONONI GIAMPAOLO. Loc. Perossi 20 Gropparello (PC) Azienda Agricola BONONI GIAMPAOLO Loc. Perossi 20 Gropparello (PC) sanitario basato sui principi della metodologia HACCP e della Rintracciabilità per la vendita diretta presso fiere/ mercati/ manifestazioni/

Dettagli

CIRCOLO VIA N. COMUNE

CIRCOLO VIA N. COMUNE PIANO DI AUTOCONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 26 maggio 1997, n.155: CIRCOLO VIA N. COMUNE Responsabile del piano di autocontrollo: Redazione del: 1 ALCUNE DEFINIZIONI IMPORTANTI 1. pericolo

Dettagli

Sistema di analisi dei rischi e punti di controllo critici (HACCP)

Sistema di analisi dei rischi e punti di controllo critici (HACCP) Sistema di analisi dei rischi e punti di controllo critici (HACCP) 1 Premessa Il sistema HACCP (Hazard Analysis Critical Control Points), che fonda su solide basi scientifiche, definisce i rischi specifici

Dettagli

Principale normativa di riferimento: D. l.vo 109/1992 e Reg. UE 1169/2011 (etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari)

Principale normativa di riferimento: D. l.vo 109/1992 e Reg. UE 1169/2011 (etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari) Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene alimenti e nutrizione Servizio Veterinario - Alimenti di Origine Animale (Area B) CONTROLLO UFFICIALE delle IMPRESE ALIMENTARI CAMPI D ESAME Il controllo ufficiale,

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI Isabella d Adda QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING Arezzo, 28 Settembre 2012 Fatturato di 127 miliardi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ERODOTO Via San Giovanni Evangelista s.n.c. 87064 - Corigliano Calabro Scalo (CS)

Istituto Comprensivo Statale ERODOTO Via San Giovanni Evangelista s.n.c. 87064 - Corigliano Calabro Scalo (CS) ALLEGATO A) Criteri di Valutazione dell Offerta Tecnico-Qualitativa Parametri tecnico qualitativi relativi al Codice di Autodisciplina del Settore DISCIPLINARE TQS VENDING DENOMINAZIONE TQS Vending (Top

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU14 5/4/2012

REGIONE PIEMONTE BU14 5/4/2012 REGIONE PIEMONTE BU14 5/4/2012 Codice DB2017 D.D. 28 marzo 2012, n. 218 Modifiche ed integrazioni tecniche alla D.G.R. n. 27-3145 del 19.12.2011 "Approvazione delle Linee guida per l'applicazione, nell'ambito

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Istituto dell Istituto Istruzione Superiore Marie Curie - Piero Sraffa nella riunione del 17 maggio 2013 CIG 5318685DB2

Approvato dal Consiglio di Istituto dell Istituto Istruzione Superiore Marie Curie - Piero Sraffa nella riunione del 17 maggio 2013 CIG 5318685DB2 BANDO DI GARA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL BAR E DELLA MENSA INTERNI Art 30 DL 163/2006 PRESSO IL CENTRO SCOLASTICO DI VIA F.LLI ZOIA130 MILANO Approvato dal Consiglio di Istituto dell

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

MANUALE DI AUTOCONTROLLO IGIENICO PER LA PRODUZIONE CASEARIA IN ALPEGGIO

MANUALE DI AUTOCONTROLLO IGIENICO PER LA PRODUZIONE CASEARIA IN ALPEGGIO Pagina 1 di 33 Regione Lombardia Associazione Regionale Allevatori della Lombardia S.A.T.A. MANUALE DI PER LA PRODUZIONE CASEARIA IN ALPEGGIO della AZIENDA AGRICOLA.. RESPONSABILE dell Sig.. Pag.Pagina

Dettagli