Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli anni 1920 e l industria dell automobile"

Transcript

1 Gli anni 1920 e l industria dell automobile

2 Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni, soprattutto per articoli di lusso come i tessuti di seta e le automobili. Dal 1923 cominciarono però la ripresa e una lunga fase espansiva che durò fino al 1929 con brevi rallentamenti nel 1924 e nel Si trattò di un boom industriale di nuovi prodotti (automobili, elettrodomestici, radio, ferri da stiro, frigoriferi). Settori più vecchi carbone, cotone, cantieristica, calzature e cuoio subirono invece un declino simile a quello di molti paesi europei, il cui risultato fu la formazione di sacche di disoccupazione.

3 Gli anni 20 e l industria dell automobile Anche il settore agricolo americano fu colpito da una grave depressione negli anni 20. La ripresa del 1921 della produzione agricola europea aveva reso l Europa occidentale più autosufficiente e gli agricoltori americani si trovarono a competere in un mercato saturo in cui i prezzi erano nettamente inferiori ai costi di produzione. Si ebbero così conseguenze particolarmente gravi in quanto molti agricoltori americani si erano indebitati a partire dal 1915 per acquistare terra e attrezzature. Le loro difficoltà finanziarie si ripercuotevano sulle banche rurali da cui avevano ottenuto prestiti ipotecari. Si ebbe un esodo dalle aree rurali: nel corso degli anni 20 la popolazione agricola diminuì mediamente di mezzo milione di unità all anno.

4 Gli anni 20 e l industria dell automobile Tra il 1919 e il 1924 la superficie coltivata scese di oltre 5 milioni di ettari. Il governo americano intervenne inizialmente con una tariffa doganale d emergenza nel 1921 e con una nuova tariffa nel 1922, nonché con il ripristino della War Finance Corporation nel 1921 e con l emanazione di una legge sul credito all agricoltura nel 1923 e una sulla commercializzazione dei prodotti agricoli nel Il basso livello dei prezzi delle derrate alimentari facilitò l espansione industriale, che fu favorita anche dalla diminuzione del prezzo delle materie prime.

5 Gli anni 20 e l industria dell automobile Il perfezionamento delle tecniche produttive introdotte prima della guerra condusse a una maggiore efficienza, e la produttività del lavoro quasi raddoppiò nel corso del decennio. Sul finire degli anni 20, tuttavia, il tasso di crescita del consumo di nuovi prodotti stava cominciando ad affievolirsi, con effetti pesanti sulle industrie. Mentre gli agricoltori americani erano in difficoltà con le loro banche, altri produttori primari si mantennero a galla, alla metà degli anni 20, ricorrendo a prestiti sui mercati di New York e di Londra. Questa fragilità strutturale cominciò a palesarsi alla fine del 1927 per esplodere nella crisi del1929.

6 Gli anni 20 e l industria dell automobile Negli anni 20 cominciò ad avere un grande rilievo l industria dell automobile. L auto era nata e aveva mosso i primi passi tra il 1890 e il Nel primo decennio era rimasta una specie di giocattolo, costoso, difficile a usarsi e costruirsi su misura per i pochi clienti ricchi che potevano permettersi non tanto la spesa iniziale, quanto gli elevati costi di manutenzione e di esercizio, incluso il salario del pressoché indispensabile autista di professione o chauffeur. Le automobili erano soggette a continui guasti, sia per difetti al motore, sia perché i pneumatici non resistevano al logorio a cui li sottoponevano le sospensioni inadeguate e le strade in cattivo stato.

7 Gli anni 20 e l industria dell automobile Non era insolito che si avessero anche 3-4 gomme di ricambio per percorrere più di Km; ma anche in questo caso il materiale per i rattoppi di fortuna era un accessorio indispensabile. La vita del motorista era resa ancora più disagevole dalla mancanza di servizi di assistenza: pochissime le officine di riparazione, quasi introvabili i pezzi di ricambio, con i motoristi costretti ad acquistare i bidoni di benzina presso i negozi di alimentari o di prodotti casalinghi. Le compagnie petrolifere, dal canto loro, prendevano la precauzione di consegnare i propri prodotti ai dettaglianti in carri trainati dai cavalli. In breve, il motorismo era un avventura costosa.

8 Gli anni 20 e l industria dell automobile L automobile offriva due vantaggi che compensavano ampiamente i costi elevati e le scomodità: l emozione della velocità e la libertà di movimento. Nel 1913 circolavano nel Regno Unito, in Francia e in Germania più di autoveicoli nella stragrande maggioranza automobilistici. L espansione su larga scala dell industria automobilistica era appena agli inizi. La via dello sviluppo era indicata dagli Stati Uniti, dove l introduzione della manifattura di precisione, delle parti intercambiabili e della catena di montaggio stavano facendo dell automobile un bene di consumo alla portata degli stessi operai che le costruivano. Il modello T della Ford risale al 1908, e il suo prezzo iniziale era di 1000 dollari: 16 anni dopo, nel 1924, il prezzo era sceso a meno di 300 dollari, e a tutto il 1926 Henry Ford ne aveva venduto 15 milioni. Di conseguenza, nel 1913 circolava negli Stati Uniti circa il triplo delle automobili esistenti nei tre maggiori paesi europei messi insieme; nel 1921, a causa della guerra, il rapporto era salito a 13:1.

9 Gli anni 20 e l industria dell automobile L industria europea fece grandi progressi negli anni fra le due guerre. Anche se, in termini assoluti, la produzione rimase parecchio inferiore a quella americana: circa 10 milioni per i 4 maggiori paesi produttori (Regno Unito, Germania, Francia, Italia) dal 1923 al 1938, rispetto a 57 milioni negli Stati Uniti. L automobile stava cominciando a svolgere un ruolo analogo a quello della ferrovia verso la metà del secolo XIX: era una consumatrice su vastissima scala di prodotti intermedi semilavorati e lavorati (acciaio laminato, legno, vetro e vernici) e di componenti (pneumatici, lampadine elettriche, accumulatori e così via); richiedeva un piccolo esercito di meccanici e di altri addetti per mantenerla in efficienza; diede un impulso fortissimo agli investimenti nelle infrastrutture sociali (strade, ponti, gallerie). Nello stesso tempo, essa poneva nuovi problemi tecnici nella metallurgia, nella chimica organica e nell ingegneria elettrica, sollecitando soluzioni che avevano conseguenze importanti anche in altre industrie. Nel linguaggio della teoria dello sviluppo economico, nessun altro prodotto dava un frutto altrettanto ricco di effetti indotti a monte e a valle.

10 Gli anni 20 e l industria dell automobile L industria automobilistica era la massima consumatrice di macchine utensili, e nessun altra branca manifatturiera offriva un mercato in così rapido sviluppo all industria pesante. Nell industria automobilistica di questi anni alla crescita produttiva si accompagna un significativo progresso tecnologico, che ne è insieme causa ed effetto. L esempio americano era sotto gli occhi di tutti. L adozione di quello che venne definito Fordismo presupponeva cospicui investimenti in impianti fissi e in attrezzature specializzate, e dall altro canto consentiva forti economie di scala: era quindi al di sopra dei mezzi di quasi tutti i costruttori, a eccezione dei più grandi. La dispersione dell industria europea costituiva un ostacolo rilevante. Diversamente dagli Stati Uniti, in Europa non esistevano veri e propri giganti del settore all indomani della prima guerra mondiale. In Gran Bretagna nel 1922 operavano 96 case costruttrici, 150 in Francia nel 1921, più di 200 in Germania nel 1925.

11 Gli anni 20 e l industria dell automobile I requisiti della nuova tecnologia ridussero il numero dei produttori in eccesso; sia in Inghilterra che in Germania questo processo fu anche affrettato dall apertura, negli anni 20, di grossi stabilimenti a catena di montaggio, di proprietà americana. Anche così la produzione era molto meno meccanizzata che negli Stati Uniti: secondo una stima, negli anni 30 il rapporto fra cavalli-vapore installati e addetti era in America 4 o 5 volte più alto rispetto all Inghilterra. La concentrazione fu ancora più veloce in Germania. Nel 1937, i 3 massimi produttori tedeschi si distribuivano il 74% della produzione totale; i 5 massimi produttori quasi il 90% delle automobili e l 81% dei veicoli industriali. Alcuni osservatori nel dopoguerra furono colpiti dalla diversità dei modelli di automobile offerti sul mercato tedesco. La produzione di massa era quasi del tutto assente e i fabbricanti sembravano disposti a provare di tutto. Ne risultava una buona capacità di innovare, ma una lenta diffusione delle novità e una larga sopravvivenza dei vecchi metodi. Tuttavia gli impianti migliori, come i nuovi stabilimenti della Volkswagen, erano davvero eccellenti. In Francia nel 1928 la Renault, la Citroen e Peugeot controllavano il 68% delle vendite totali; nel 1938 la loro quota era salita al 75%.

12 Gli anni 20 e l industria dell automobile A partire dal 1924, vi fu un periodo di grande prosperità per gli Stati europei. Per 5 anni, dal 1924 al 1929, sembrò che si fosse effettivamente tornati alla normalità: la riparazione dei danni materiali era ormai realizzata, i problemi più urgenti del periodo post-bellico erano stati risolti. Con l istituzione della Società delle Nazioni sembrava che si fosse aperta una nuova era nelle relazioni internazionali e molti paesi, in particolare gli Stati Uniti, la Germania e la Francia attraversarono un periodo di grande prosperità. Le basi di questa prosperità erano tuttavia assai fragili, e dipendevano dal continuo afflusso spontaneo di fondi dall America alla Germania.

13 Gli anni 20 e l industria dell automobile Alla fine della prima guerra mondiale tutti i paesi belligeranti europei erano ampiamente impoveriti. I costi della ricostruzione erano enormi. Si partì dal presupposto di attribuire alla Germania la responsabilità della guerra, addossandole di conseguenza i costi della ricostruzione, ma non poteva pagare che una piccola parte di quanto si voleva da lei. Peraltro traeva buona parte dei mezzi di pagamento da prestiti degli Stati Uniti. Francia e Inghilterra dovevano restituire agli Stati Uniti i cosiddetti prestiti di guerra. La Germania doveva pagare loro le riparazioni. Gli Stati Uniti facevano prestiti alla Germania. Era un circolo vizioso.

14 Gli anni 20 e l industria dell automobile L Europa, quindi, priva in gran parte di risparmi, viveva forzatamente al di sopra dei propri mezzi. Negli anni Venti i governanti europei si sforzarono di ripristinare la normalità monetaria. Nel 1925 gli Inglesi riuscirono a tornare al gold standard, con la sterlina alla parità prebellica con il dollaro. Ma l effetto indotto di questo procedimento fu la deflazione sistematica che costò cara all economia in termini di produzione e di pace industriale. La sterlina era infatti leggermente sopravalutata e questo costituì un grave svantaggio per le industrie inglesi.

15 Gli anni 20 e l industria dell automobile La Francia non riuscì a tornare alla parità prebellica con il dollaro: nel 1926, al momento di massimo ribasso, per acquistare un dollaro erano necessari ben 50 franchi, rispetto ai 5 di prima della guerra. La Germania mise fuori corso la vecchia moneta e ripartì da zero. In queste condizioni di grande instabilità monetaria e di squilibrio dei pagamenti il gold standard era ormai sorpassato. Quando venne la depressione dopo il 1929, i pochi paesi che erano riusciti a tornare al tallone aureo furono costretti ad abbandonarlo nuovamente,ma lo fecero in ritardo.

16 La grande espansione degli anni venti. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Le conseguenze delle difficoltà monetarie ebbero effetti rilevanti nella storia europea del periodo tra le due guerre: - distolsero risorse dalle attività produttive e le incanalarono verso la speculazione sui cambi; - rafforzarono i meccanismi protezionistici portando ad adottare alte tariffe doganali. Di conseguenza, il commercio internazionale non si sviluppò con lo stesso ritmo del periodo precedente, né si mantenne al passo con la crescita produttiva prebellica. Soltanto nel 1924 il volume degli scambi tornò al livello del 1913 e per 4 anni ebbe una buona ripresa, con un tasso annuo di crescita pari a circa il 5%, ma negli anni Trenta ebbe un calo disastroso.

17 Gli anni 20 e l industria dell automobile Negli anni Venti le economie europee ebbero notevoli sviluppi, ma in modo ineguale e discontinuo. Nella seconda metà del decennio vennero poste le basi di un vigoroso slancio economico e molti si convinsero che fosse stato scoperto il segreto dell eterna prosperità. Il reddito nazionale salì in Germania, fra il 1925 e il 1929 da 60 a 76 miliardi di Reichmark, con tasso medio annuo del 6%. In Francia il ritmo di crescita fu quasi altrettanto rapido e in Inghilterra solo di poco inferiore. Il paese che ebbe maggiori problemi in questo periodo fu la Gran Bretagna. Nel 1925 Churcill decise per un ritorno della Gran Bretagna al regime aureo alla parità del periodo precedente la guerra. Per mantenere la competitività delle industrie britanniche i prezzi avrebbero dovuto scendere di circa il 10%, il che a sua volta avrebbe richiesto un equivalente diminuzione dei salari. L effetto complessivo fu una redistribuzione del reddito in favore dei possessori di rendite e a spese dei lavoratori. Lo stesso fece in Italia Mussolini con la cosiddetta Quota 90.

18 Gli anni 20 e l industria dell automobile L industria del carbone fu una delle più colpite dalla perdita dei mercati esteri e dalla lievitazione dei costi. I minatori di carbone erano tra i lavoratori britannici più agguerriti e di fronte alla prospettiva di un taglio dei salari il 1 maggio 1926 scesero in sciopero e persuasero molti altri sindacati a unirsi a loro in quello che avrebbe dovuto essere uno sciopero generale, che vide una partecipazione di circa il 40% degli iscritti ai sindacati. Lo sciopero durò 10 giorni e si concluse con una sconfitta del sindacato. Nonostante questi problemi britannici, nei tardi anni Venti la maggior parte dell Europa attraversò un periodo di crescita.

19 Gli anni 20 e l industria dell automobile Ma il periodo di prosperità fu vissuto soprattutto dagli Stati Uniti, che erano usciti dalla guerra più forti che mai. In termini economici, erano passati da un paese debitore netto a paese creditore netto. Con i loro grandi mercati, la popolazione in crescita e il rapido progresso tecnologico sembrava che essi avessero scoperto la ricetta della prosperità perpetua. I critici che denunciavano le condizione degli slums urbani e rurali, o che facevano notare che la nuova prosperità era distribuita in modo estremamente ineguale tra le classi medie urbane da un lato e i lavoratori di fabbrica e gli agricoltori dall altro, erano definiti delatori che rifiutavano il sogno americano. Questo sogno si infranse però bruscamente alla fine degli anni Venti.

20 Gli anni 20 e l industria dell automobile Nell estate del 1928 le banche e gli investitori americani cominciarono a limitare gli acquisti di titoli tedeschi e di altri paesi per investire i propri fondi sul mercato azionario di New York, che iniziò così una spettacolare ascesa. Con questo boom speculativo anche chi aveva redditi modesti fu invogliato ad acquistare titoli. Verso la fine dell estate 1929 iniziarono i primi sintomi di crisi. La produzione di auto era scesa di un terzo, finché il 24 ottobre si ebbe un ondata di vendite per la diffusione del panico nel mercato azionario, che vide il crollo dei titoli.

21 La crisi del 29 La crisi del 29, causata dal crollo della borsa di Wall Street a New Yor, sconvolse l economia mondiale alla fine degli anni 20 e nel decennio successivo. La successiva depressione ebbe effetti recessivi devastanti sia nei paesi industrializzati sia in quelli esportatori di materie prime con un calo generalizzato della domanda e della produzione. Il commercio internazionale diminuì e con esso i redditi dei lavoratori, le entrate fiscali, i prezzi e i profitti. Vi fu un crollo generalizzato dei prezzi che colpì soprattutto i ceti medi, che avevano investito in borsa i propri risparmi e che avevano sostenuto la domanda di beni durevoli.

22 La grande depressione L uscita dal mercato dei ceti medi indeboliva le industrie produttrici di beni di consumo durevole, come quelle dell automobile. Queste industrie smisero di commissionare materiali all indotto, provocando una contrazione a valanga anche nel settore primario di consumo (come l agricoltura). Una volta innescata la crisi, con l aumento della disoccupazione e il parallelo calo dei consumi, la crisi assunse il carattere di sovraproduzione. L eccesso di offerta rispetto alla domanda fece ridimensionare la produzione che scese di quasi il 50% tra il 1929 e il 1932.

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York La crisi del 29 Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York Giovedì 24 Ottobre 1929: crollo della Borsa di New York Provoca crisi economica mondiale Segna trauma epocale che destabilizzerà le

Dettagli

L organizzazione scientifica del lavoro

L organizzazione scientifica del lavoro L organizzazione scientifica del lavoro Con la seconda rivoluzione industriale, le macchine divennero più veloci e più grandi, come tutto l insieme degli impianti di manifattura. La tendenza all ingrandimento,

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti Nel primo dopoguerra l'economia degli Stati Uniti ebbe un forte incremento, trainata soprattutto dal settore automobilistico. Infatti, in America dal 1922 al 1929, la produzione industriale aumentò del

Dettagli

CAP 11 LA GRANDE CRISI

CAP 11 LA GRANDE CRISI CAP 11 LA GRANDE CRISI Alcuni richiami teorici Alla fine degli anni Venti si sviluppa nei paesi capitalistici occidentali una crisi di proporzioni mai viste rispetto alla quale esistono tre scuole di pensiero

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

GLI STATI UNITI. LA COBELLIGERANZA STATUNITENSE NELLA 1a GUERRA MONDIALE

GLI STATI UNITI. LA COBELLIGERANZA STATUNITENSE NELLA 1a GUERRA MONDIALE GLI STATI UNITI tra riconversione post-1a guerra mondiale, Wall Street e Grande Crisi, e secondo dopoguerra slides lezione 12.05.2010 LA COBELLIGERANZA STATUNITENSE NELLA 1a GUERRA MONDIALE GLI USA: sono

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 5. La grande crisi: economia e società negli anni Trenta Alla fine degli anni 20: L Europa e

Dettagli

HENRY FORD (1863-1947) IL DIVINO MECCANICO

HENRY FORD (1863-1947) IL DIVINO MECCANICO HENRY FORD (1863-1947) 1947) IL DIVINO MECCANICO La vera scintilla per la meccanica scoccò quando, a 12 anni, vidi per la prima volta una vettura senza cavalli che marciava con grande speditezza Da quel

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Economia Politica II H-Z Lezione 1b

Economia Politica II H-Z Lezione 1b Economia Politica II H-Z Lezione 1b Sergio Vergalli vergalli@eco.unibs.it Vergalli - Lezione 1 Iperinflazione 4 Zimbabwe: il 12 maggio 2006 il governo ha dichiarato che in aprile l inflazione ha raggiunto

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale La seconda rivoluzione industriale L Inghilterra, che si era industrializzata per prima, rimase per tutto il XIX secolo il principale paese nel commercio internazionale. Dal 1870 in poi, però, l industria

Dettagli

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008 Congiuntura economica in Germania Dr.ssa Simona Bernardini Forum Subfornitura in Europa, 17. - 18.12.2008 1 Congiuntura economica Panorama

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti corso di Storia economica lezione 7.03.2014 L impresa tradizionale e la sua specializzazione Nel mondo preindustriale, conviene ricordarlo, gli affari

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Dalla crisi del 29 ai regime degli anni 30

Dalla crisi del 29 ai regime degli anni 30 Dalla crisi del 29 ai regime degli anni 30 Gli U.S.A. negli anni 20 Gli U.S.A. dopo la guerra sono diventati di fatto il motore dell economia mondiale, per capacità produttive e prestiti (esportatore di

Dettagli

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2 La Russia e il modello standard «modificato» 1/2 La Russia era una delle regioni più arretrate d Europa ancora a metà del Ottocento Lo Zar Alessandro II per modernizzare il paese e stimolare la crescita

Dettagli

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1 NAFTA: Con 17,4 milioni di autoveicoli, la produzione del 2014 rappresenta il terzo miglior risultato dell industria autoveicolistica dell area. Il Messico diventa il settimo maggior produttore del mondo,

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

La nascita della società industriale

La nascita della società industriale La nascita della società industriale L industrializzazione era nata nel 1700 in Inghilterra con la Prima rivoluzione industriale e si era poi diffusa in altre aree europee: L economia era ora dominata

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PAROLE CHIAVE Inghilterra Incremento demografico Macchina a vapore Lavoro a domicilio Carbone Mezzi di trasporto Campagne Cambiamenti sociali nel mondo lavorativo Associazioni

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Gli omnibus a vapore

Gli omnibus a vapore L automobile I trasporti urbani Le strade ferrate non fornivano alle città un efficiente mezzo di trasporto interno. Per questo furono necessari gli omnibus a cavalli e poi i tram, i quali consentirono

Dettagli

le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia

le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia 18 giugno 2013 le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia Alessandra Lanza Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi. MARCEL

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti 2 LA I GUERRA MONDIALE Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le spese dello Stato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Lezioni Lincee di Economia Milano 2 marzo 2015 Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Una volta uno studente chiese a N. Kaldor (un grande economista di Cambridge, ma di origine ungherese) se

Dettagli

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE Il declino della Gran Bretagna Anche il first mover pur avendo grandi vantaggi non li riesce a mantenere

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

2 Unità Didattica: I sistemi economici moderni. La nascita dei sistemi economici moderni

2 Unità Didattica: I sistemi economici moderni. La nascita dei sistemi economici moderni 2 Unità Didattica: I sistemi economici moderni La nascita dei sistemi economici moderni Con le rivoluzioni sociali, avvenute tra i secoli XVI e XVIII, venne abolita la schiavitù ed il lavoro servile e

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

SETTORE MACCHINARI MACCHINE UTENSILI

SETTORE MACCHINARI MACCHINE UTENSILI SETTORE MACCHINARI Nel primo semestre del 2010 le importazioni coreane di macchinari e componenti elettromeccanici (V. doganale merceologica 84, 85) hanno totalizzato 52 miliardi USD, con un aumento del

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

La crisi del 1929 e il New Deal

La crisi del 1929 e il New Deal La crisi del 1929 e il New Deal 1919-29 decollo economia USA Tra il 1919 e il 1929 si assiste ad uno straordinario decollo dell economia americana che comporta l aumento del 78% della produzione industriale.

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria. Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Le prime

Dettagli

IL VALORE DELLE 2 RUOTE

IL VALORE DELLE 2 RUOTE Lo scenario dell industria, del mercato e della mobilità EXECUTIVE SUMMARY Aprile 2014 Partner Il futuro oggi Scenario dell industria, del mercato e della mobilità EXECUTIVE SUMMARY 1. Lo scenario internazionale

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Commento di fine anno

Commento di fine anno Commento di fine anno Si è concluso il primo decennio del primo secolo del terzo millennio. Che anno è stato per i metalli non ferrosi? E come sarà quello che sta per entrare? Come più in generale si può

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

26 luglio 2012 NOTIZIE ECONOMICHE DAGLI STATI UNITI

26 luglio 2012 NOTIZIE ECONOMICHE DAGLI STATI UNITI 11 Broadway, Suite 630 New York, NY 10004 Tel (212) 661-0435 Fax (212) 661-0422 d@grosserconsulting.com www.grosserconsulting.com 26 luglio 2012 NOTIZIE ECONOMICHE DAGLI STATI UNITI Per avere successo

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

politica monetaria deflattiva partecipazione al Piano Marshall Lezione 4

politica monetaria deflattiva partecipazione al Piano Marshall Lezione 4 Lezione 4 Governi italiani del dopoguerra NON attuano politiche di piano come nel resto d'europa: prevale orientamento teorico liberista affrontare emergenza disoccupazione e alimentare Disoccupazione

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

La crisi del 1929, la grande depressione degli anni Trenta e il New Deal

La crisi del 1929, la grande depressione degli anni Trenta e il New Deal La crisi del 1929, la grande depressione degli anni Trenta e il New Deal I ruggenti anni Venti. L arricchimento degli Usa con le esportazioni in Europa durante la prima guerra mondiale e gli effetti della

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore La seconda rivoluzione industriale L'industrializzazione fra XIX e XX secolo Lezioni d'autore Industrializzazione e sviluppo economico Il sistema di fabbrica continua a espandersi e cambia il volto di

Dettagli

L economia mondiale a rischio stagnazione secolare. Un mix di politiche per accelerare la crescita

L economia mondiale a rischio stagnazione secolare. Un mix di politiche per accelerare la crescita 04-09-2015 Numero 15-12 NOTA DAL CSC L economia mondiale a rischio stagnazione secolare. Un mix di politiche per accelerare la crescita La crescita mondiale è molto più lenta del passato e delle attese.

Dettagli

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare?

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? di Antonio Misiani Il 19 ottobre 2009 il primo ministro greco, George Papandreou, annunciò che i conti pubblici ellenici erano drammaticamente

Dettagli

MISURE A SOSTEGNO DELLA FILIERA

MISURE A SOSTEGNO DELLA FILIERA Incontro con il Ministro Scajola MISURE A SOSTEGNO DELLA FILIERA Roma, 9 Aprile 2009 1) Introduzione alla filiera automotive 2) Effetti degli Incentivi 3) Andamento Cassa integrazione 4) Misure a sostegno

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Service d information Informationsdienst Servizio informazioni Servetsch d infurmaziun

Dettagli

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte telefono Telegrafo senza fili automobile invenzionii i 1800 Sviluppo Industriale elettricità aereo cinema La 2^ Rivoluzione industriale Italia e altri paesi medicina ferro scoperte progressi petrolio coloranti

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

Il decollo industriale dell Italia

Il decollo industriale dell Italia Il decollo industriale dell Italia Nel XVIII secolo il primato dell Italia era ormai un ricordo. La penisola appariva prevalentemente agricola, arretrata e con tutti i segnali del sottosviluppo. Dal XVI

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli