per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno"

Transcript

1 per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto Dall'Iter alle Reti: Implementazione Sportello Unico INTERNAZIONALIZZARSI Ottobre 2007 a cura di Angelo Negri Si ringrazia per la collaborazione Francesca Eremita Ruscica

2 INDICE Introduzione Origini del processo d internazionalizzazione La globalizzazione dei mercati e i fattori critici di successo Perché internazionalizzarsi? Il percorso d internazionalizzazione Individuazione del fabbisogno della PMI Ricerca e raccolta delle informazioni Analisi e scelta del mercato e del paese estero Verifica delle risorse interne Strategie e modalità d ingresso nei mercati esteri Ricerca delle opportunità Ricerca ed individuazione dei partner d affari esteri Redazione di uno studio di fattibilità Partecipazione ad eventi Lobbying e scouting...43 Conclusioni

3 Introduzione Il Focus di approfondimento sull internazionalizzazione pubblicato nel mese di luglio 2007 a cura dell Osservatorio del sistema camerale dell Unioncamere, Area Servizi Finanziari, Infrastrutture e Internazionalizzazione, ha messo in evidenza che i principali servizi di consulenza in materia di internazionalizzazione richiesti dalle imprese sono legati all informazione e all orientamento come riportato nel grafico sottostante. Si evince che le imprese italiane hanno ancora una forte necessità di acquisire informazioni, spesso di base, sui processi d internazionalizzazione e di essere orientati tra le molteplici iniziative e canali istituzionali e non in Italia e all estero. Questa guida nasce, quindi, dalla volontà di offrire alle imprese un breve vademecum sui percorsi d internazionalizzazione, una panoramica degli strumenti che portano all individuazione di una strategia competitiva d ingresso nei mercati internazionali. L iter proposto parte dall individuazione del fabbisogno dell impresa e si snoda attraverso la ricerca e la raccolta delle informazioni, l analisi e la scelta del mercato estero, la verifica delle risorse interne, le strategie e le modalità d ingresso nei mercati esteri, la ricerca delle opportunità, la ricerca dei partner d affari per concludersi con 3

4 l individuazione di attività promozionali, comunicative e di accreditamento e la stesura di un dettagliato studio di fattibilità. La guida non vuole avere un carattere esaustivo ma si propone l obiettivo di far nascere nel lettore l interesse e la consapevolezza della necessità di internazionalizzarsi. 4

5 1 Origini del processo d internazionalizzazione L internazionalizzazione è un processo mediante cui le imprese ricorrono all instaurazione di rapporti commerciali e/o produttivi con l estero ed è strettamente legato al processo di globalizzazione ovvero di integrazione tra le economie mondiali. E possibile individuare tre fasi storiche del processo di internazionalizzazione: 1. fase fordista (anni 70): solo le grandi imprese ricorrevano a forme di internazionalizzazione commerciale e di penetrazione nei mercati esteri; 2. fase post-fordista (anni 80): l internazionalizzazione diviene un fenomeno molto diffuso in quanto le imprese ricercano sul mercato internazionale le condizioni di produzione più efficienti (in particolare basso costo del lavoro e vicinanza ai mercati di sbocco); 3. fase attuale: adozione di un percorso più complesso di internazionalizzazione che coniuga i tradizionali aspetti commerciali e produttivi con l incremento degli investimenti diretti all estero e con la costituzione della cosiddetta impresa a rete mediante cui ogni impresa, appartenente a un network solitamente transnazionale, si specializza nello svolgimento di una fase produttiva. L evoluzione storica del processo ha promosso anche un contestuale cambiamento delle modalità di internazionalizzazione. Originariamente si ricorreva all esportazione di materie prime o manufatti (internazionalizzazione commerciale). Successivamente è emersa l internazionalizzazione produttiva: le imprese hanno iniziato ad effettuare degli investimenti diretti all estero per acquisire o creare stabilimenti produttivi (costituzione di joint-venture con società estere o investimenti in impianti o in stabilimenti produttivi). Si sono poi sviluppate delle forme più evolute di internazionalizzazione: accordi di cooperazione produttiva e tecnologica, partecipazioni in imprese (costituzione di filiali commerciali e/o produttive, creazione di centri servizi). Infine, molte imprese hanno deciso di adottare una strategia commerciale e produttiva 5

6 prevalentemente orientata ai mercati esteri mediante la costituzione di interi apparati aziendali (produzione, commercializzazione e distribuzione) fuori del territorio nazionale. 6

7 2 La globalizzazione dei mercati e i fattori critici di successo La globalizzazione dei mercati rappresenta la forte interrelazione esistente tra le imprese, dislocate in diverse parti del mondo, dal punto di vista produttivo, finanziario, commerciale e distributivo. La collaborazione produttiva tra imprese all interno di un network, solitamente transnazionale, risponde ad una primaria esigenza di contenimento dei costi produttivi. Solitamente le grandi imprese transnazionali mantengono il controllo del core business (decisioni strategiche, ricerca e sviluppo, scelte finanziarie) mentre esternalizzano i processi a minor valore aggiunto (principalmente lavorazioni dei manufatti). Le sinergie finanziarie sono un altro aspetto della globalizzazione dei mercati: molti aziende beneficiano di ingenti investimenti finanziari provenienti dall estero. Si tratta spesso di investimenti reddituali, cioè finalizzati all ottenimento di un profitto sottoforma di dividendi o, e ciò accade sempre più spesso, per assicurarsi progressivamente il controllo dell azienda. La globalizzazione commerciale è un altro fattore distintivo del processo: molte aziende sfruttano la potenza del loro brand (marchio di prodotto) per veicolare la diffusione dei loro beni e servizi in tutto il pianeta. Da ultimo si assiste anche al fenomeno delle sinergie distributive: molte aziende orientate a penetrare nei mercati esteri ricorrono a alleanze strategiche con operatori straneri (spesso localizzati negli stessi mercati esteri) per assicurarsi un posizionamento più rapido e efficace sui mercati esteri. I fattori critici di successo per la globalizzazione dei mercati sono: 1. competitività di mercato: il mercato globale seleziona i produttori più efficienti 2. competitività di costo: riduzione dell incidenza dei costi fissi di produzione (impianti, magazzino); 3. competitività ambientale: creazione di un ambiente favorevole all efficienza produttiva (contenimento degli sprechi); 7

8 4. economie di scala: diminuzione del costo medio unitario di produzione connesso all aumentare della produzione; 5. economie di scopo: risparmio derivante dalla produzione congiunta di prodotti diversi per il soddisfacimento di un medesimo bisogno; 6. economie di apprendimento: riduzione dei costi medi unitari di produzione generata dall apprendimento delle dinamiche migliorative del processo produttivo; 7. economie di flessibilità: variazione dei livelli produttivi connessa all andamento del ciclo economico. 8

9 3 Perché internazionalizzarsi? Il ricorso all internazionalizzazione è incentivato da pluralità di fattori di natura endogena e esogena. Il percorso di internazionalizzazione è connesso, in primo luogo, al superamento di una serie di criticità caratterizzanti la quasi totalità dei mercati occidentali: in particolare la saturazione dei mercati nazionali e il sovradimensionamento produttivo. Nei paesi occidentali il mercato interno non sembra più in grado di assorbire il volume dei beni/servizi prodotti in quanto il consumatore medio si sente appagato nei suoi bisogni secondari (strettamente connessi ad un tenore di vita mediamente accettabile). L eccessiva produzione rappresenta un altro freno per la collocazione dei beni/servizi prodotti nei mercati interni: la ricerca di nuovi mercati di sbocco diviene una scelta strategica non solo per le grandi imprese ma anche per le medie e piccole imprese (soprattutto qualora quest ultime appartengano a network). I fattori esterni che inducono a promuovere percorsi di internazionalizzazione sono essenzialmente tre: i fattori strutturali, la ricerca di risorse a basso costo e l ampliamento del proprio business. I fattori strutturali sono un insieme di facilitazioni che rendono agevole l interazione tra i vari soggetti sul mercato globale: la riduzione dei costi dei trasporto, lo sviluppo delle tecnologie di comunicazione e il progressivo abbattimento delle barriere ai commerci internazionali. La ricerca di risorse a basso costo (soprattutto manodopera) sta divenendo progressivamente una scelta strategica (delocalizzazione) per molte imprese orientate a promuovere percorsi di internazionalizzazione: l esigenza di contenere i costi da lavoro induce molte aziende ad esternalizzare nei PVS (soprattutto asiatici e/o dell Europa orientale) i processi di trasformazione dei manufatti. L ampliamento del business aziendale dovrebbe essere la leva determinante per ricercare la penetrazione nei mercati esteri. Nei mercati esteri (in particolare nei paesi emergenti ossia nei paesi ad alto tasso di 9

10 crescita annuo del PIL) emergono delle nicchie di mercato interessanti per i prodotti occidentali: si tratta di un ceto ristretto di consumatori ad alta disponibilità di reddito che sono disponibili ad acquistare prodotti caratterizzati da particolari asset immateriali (marchio, qualità, design). L ampliamento del business è poi connesso a una serie di fattori indiretti : principalmente il sostegno (sottoforma di sgravi alle importazioni) dei governi esteri alla penetrazione, nel mercato nazionale, di prodotti stranieri e lo sfruttamento di localizzazioni all estero per promuovere l approdo sui mercati limitrofi. Per quanto detto, l internazionalizzazione si sostanzia nella volontà di ampliamento del business, delle linee di business, non solo quelle legate a vecchi prodotti e vecchi mercati ma all apertura a nuovi prodotti e nuovi mercati cercando di creare un portafoglio prodotti/mercato più ampio, valutando la capacità di risorse a disposizione. Le principali motivazioni che spingono le PMI ad internazionalizzarsi possono ricondursi a un surplus produttivo, strettamente connesso all aumento dell offerta, in particolar modo rispetto a quella che è l esigenza nazionale, e alla fine del monopolio sulla domanda del mercato di riferimento che risulta minacciata da una concorrenza agguerrita che può prestare prezzi più contenuti, avendo costi decisamente più limitati alla produzione. Puntare su una maggiore efficienza delle aziende ed una crescente capacità di costruzione di sinergie, rappresentano due fattori imprescindibili per accedere ai mercati internazionali. L internazionalizzazione in questi ultimi anni rappresenta una esigenza, una necessità, un modo per non essere tagliati fuori dal sistema produttivo e competitivo. Lo scenario competitivo nel quale le imprese sono sempre più frequentemente chiamate ad operare, è toccato da cambiamenti pervasivi e di struttura che richiedono grandi capacità di adattamento. Uno dei fattori che caratterizza queste fasi è l internazionalizzazione dei mercati. Sono soprattutto le medie aziende a concorrere sul mercato internazionale, generalmente con buoni livelli di successo. L adattamento ai mercati internazionali necessita di livelli di concorrenza sempre maggiori determinati dai costi e dalla qualità. Lo sviluppo di una concorrenza centrata sulla produttività delle aziende e la loro organizzazione rappresenta la chiave di volta per la penetrazione sui mercati esteri e si configura come componente principale di una nuova strategia di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese. 10

11 Gli imprenditori hanno bisogno del supporto di un insieme di strumenti capaci di indirizzarli verso l estero tenendo, però, in grande considerazione da una parte le reali possibilità offerte dai mercati e dall altra le inclinazioni e le aspettative degli imprenditori Da queste motivazioni scaturiscono i possibili orientamenti della strategia a supporto dell internazionalizzazione delle PMI e, di conseguenza, le modalità di internazionalizzazione che, nel loro contesto esplorativo verso l estero, rappresentano il cosiddetto Piano d internazionalizzazione. Nell individuazione dei fattori di internazionalizzazione e delle modalità di attuazione del processo è necessario definire quali sono le principali risorse che le PMI devono possedere o acquisire per intraprendere questo percorso. Una PMI che vuole affacciarsi sui mercati internazionali deve possedere due risorse fondamentali: una buona conoscenza dei mercati d internazionalizzazione (conoscenza dell attrattività e dei principali fattori competitivi insistenti), ed un ottima dimestichezza con la capacità di attivazione dei finanziamenti/agevolazioni pubbliche e private, con l organizzazione delle risorse in loco produttive e logistiche, con la capacità di acquisizione dei materiali, delle materie prime, con la formazione delle risorse umane, in termini di competenze, sviluppo delle capacità, per l organizzazione efficace ed efficiente delle Aree Gestionali sia in visione export che per la delocalizzazione dell azienda. In questo contesto un ruolo importante è giocato dallo sviluppo degli aspetti commerciali e di marketing che insistono sui territori di internazionalizzazione e sono ascrivibili a quelle che sono le possibilità di fiere, di missioni, di scambi, di livelli di conoscenza del mercato indigeno nonché approfondimento di tutti gli aspetti fiscali, legali e doganali fondamentali per poter mantenere il controllo delle attività nel paese prescelto. Questo know-how, racchiuso in un pacchetto integrato di competenze, è necessario per individuare il tasso di sviluppo dei vari settori, procedere alla segmentazione della domanda e a capire la consistenza dell offerta per individuare i fattori critici di successo e, quindi, identificare quali sono i fattori competitivi che bisogna acquisire per operare su quel mercato. Il processo operativo dell internazionalizzazione si sostanzia nello studio, definizione, realizzazione di accordi, alleanze con i portatori di interesse e i referenti istituzionali A tale aspetto è da ricondursi l attività di networking con le associazioni, con le Camere di 11

12 Commercio, con gli istituti che drenano l internazionalizzazione, con i Ministeri e con le varie associazioni di categoria all estero. 12

13 4 Il percorso d internazionalizzazione Una PMI che vuole avviare un percorso d internazionalizzazione deve costruire una strategia di individuazione e pianificazione delle attività ben strutturata e dettagliata che metta in evidenza step by step gli input e gli output. Le principali fasi di un percorso di internazionalizzazione possono essere ricondotte alle seguenti: 1. individuazione del fabbisogno della PMI 2. ricerca e raccolta delle informazioni (attori e facilitatori) 3. analisi e scelta del mercato e del paese estero 4. verifica delle risorse interne 5. strategie e modalità d ingresso nei mercati esteri 6. ricerca delle opportunità 7. ricerca ed individuazione partner d affari esteri 8. redazione di uno studio di fattibilità 9. partecipazione ad eventi 10. lobbying e scouting Le attività sopra indicate possono essere sintetizzate in tre obiettivi fondamentali: approfondire la conoscenza dei settore d interesse delle PMI e dei paesi prescelti favorire l interscambio commerciale e lo sviluppo di relazioni d affari tra le PMI promuovere sul territorio estero l attività delle PMI interessate ad internazionalizzarsi 13

14 Il primo obiettivo si sostanzia nelle realizzazione di ricerche di mercato sui comparti produttivi prescelti e sul mercato dei relativi prodotti nel pease/paesi individuati e in un analisi puntuale dei settori e dei mercati di riferimento, nonché dei futuri prevedibili trend di tali settori /mercati, con raccomandazioni per la definizione delle più appropriate strategie di penetrazione commerciale e produttiva da parte delle imprese. La base informativa e di dati per la definizione delle strategie sarà data dalle fasi precedentemente descritte. Il secondo obiettivo si sostanzia nella ricerca e nell individuazione di potenziali partner d affari nel paese/paesi esteri attraverso indagini perlustrative e missioni conoscitive e d approfondimento che si concretizzeranno in studi di fattibilità per preparare alle aziende un terreno fertile dove esportare le proprie competenze e il proprio know-how. Infine il terzo obiettivo si specifica nella realizzazione di iniziative di carattere promozionale, quali materiale informativo, partecipazione ad eventi fieristici, creazione di network e di attività di lobbying che offriranno alle aziende la possibilità di una piena e totale visibilità. 14

15 4.1 Individuazione del fabbisogno della PMI Un azienda che si trova ad operare in un mercato ormai saturo e pervaso da forti effetti competitivi scaturiti dalla nuova concorrenza internazionale con graduale perdita del monopolio sulla domanda domestica e l impossibilità di reggere il confronto a livello di politica di prezzo deve necessariamente per sopravvivere aprire nuovi sbocchi e orientarsi verso nuovi mercati. L internazionalizzazione offre alle aziende alcuni vantaggi che le permettono di uscire fuori dall impasse generata dal mercato locale quali l aumento del giro d affari, l aumento dei profitti, la creazione di economie di scala, la diversificazione del rischio, l aumento della competitività sul mercato interno e la possibilità di costruire delle barriere nei confronti della concorrenza. Prendere coscienza delle limitazioni del mercato domestico e intraprendere un percorso d internazionalizzazione significa, quindi, per una azienda dare una concreta risposta alla crescente globalizzazione dei mercati e costruire una strategia proattiva di rilancio. 15

16 4.2 Ricerca e raccolta delle informazioni Per intraprendere un percorso d internazionalizzazione e per poter operare qualsiasi scelta l impresa deve prima acquisire una serie di informazioni attraverso fonti primarie e secondarie. Le fonti primarie sono indubbiamente quelle più costose in quanto producono informazioni e ricerche svolte sul campo elaborate ad hoc per l azienda. Le fonti secondari invece sono rappresentate da tutti i dati che alcuni organismi mettono a disposizione degli interessati. Tra le fonti secondarie per il reperimento di dati e informazioni utili ad una analisi preliminare dei mercati esteri e delle modalità d accesso si citano a livello internazionale: le Nazioni Unite (www.unido.org ), l Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo (www.oecd.org ), la Banca Mondiale (www.worldbank.org), il Fondo monetario internazionale (www.imf.org ), l Organizzazione mondiale per il commercio (www.wto.org), gli Eurosportelli (www.europa.eu/int/business/it/advice/eics/it/html); a livello nazionale i Ministeri, gli Istituti nazionali di statistica e di studi economici, gli uffici commerciali delle ambasciate e dei consolati italiani all estero ed esteri in Italia, le camere di commercio, le agenzie speciali delle camere di commercio, i centri regionali per il commercio estero, le camere di commercio italiane all estero, le camere di commercio estere in Italia, l Istituto per il commercio estero, gli sportelli regionali per l internazionalizzazione, la Simest - finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese italiane all estero, la Sace - servizi assicurativi del Commercio estero, le banche ed altre istituzioni finanziarie, le associazioni di categoria e i consorzi d imprese, le banche dati internazionali, le riviste specializzate. L Istituto nazionale per il commercio estero, ICE, ha il compito di promuovere, agevolare e sviluppare il commercio con l estero e svolge attività di informazione, assistenza, promozione,formazione e cooperazione per le aziende italiane interessate ai mercati esteri. L Istituto offre servizi gratuiti e a pagamento, sul sito internet dell ICE si possono trovare dati macroeconomici, dati sugli scambi commerciali, dati sugli investimenti diretti esteri, rapporti congiunti ICE-Ministero Sviluppo Economico, ICE-Istat, individuazione delle opportunità d affari, organizzazione partecipazioni a fiere internazionali. La Simest,, promuove e sostiene le attività all estero delle imprese italiane, in particolare fornisce assistenza e consulenza in tutte le fasi di avvio e realizzazione di investimenti 16

17 all estero, eroga finanziamenti per studi di fattibilità e assistenza tecnica, finanzia la realizzazione di strutture commerciali permanenti. La Sace offre servizi assicurativi e finanziari a favore dell internazionalizzazione delle imprese italiane, assicura i rischi politici e commerciali ai quali sono esposte le aziende, sostiene le esportazioni facilitando l accesso alle garanzie assicurative. L Assocamerestero è l'associazione delle Camere di Commercio Italiane nel Mondo, stringe collaborazioni ed alleanze con soggetti ed enti pubblici italiani ed internazionale svolge funzioni di rappresentanza istituzionale e raccordo del network delle CCIE, ricerca di collaborazioni con altri soggetti pubblici e privati per favorire la conoscenza e l'utilizzo della rete dei CCIE, sintesi delle esperienze e del know-how acquisito dalle CCIE e predisposizione della costituzione di network con altri sistemi bicamerali europei. Gli Sportelli regionali per l internazionalizzazione, SPRINT, assistono le PMI sulle modalità di accesso e di utilizzo degli strumenti promozionali, finanziari e assicurativi utilizzabili a livello sia nazionale che regionale, forniscono consulenza in materia legale, fiscale e amministrativa e offrono un supporto e una guida nella selezione dei mercati esteri, nella scelta di partner in progetti di investimento. Gli Sportelli forniscono supporto allo sviluppo dei progetti di internazionalizzazione e di promozione export della Regione, agevolano l'accesso delle PMI e degli operatori economici ai servizi per il sostegno all'internazionalizzazione e all'export. Gli Sportelli promuovono e coordinano l'utilizzo degli strumenti comunitari, nazionali e regionali per l'internazionalizzazione, forniscono assistenza e supporto alla conoscenza e selezione dei mercati esteri, alla ricerca di opportunità di investimento e/o partner esteri adeguati allo sviluppo del proprio specifico progetto di internazionalizzazione. Inoltre favoriscono le iniziative sostenute dai soggetti con maggior presenza sul territorio regionale: Associazioni di categoria, Sistema bancario, Fiere, Enti Locali. Le Camere di commercio organizzano missioni all estero, partecipazioni collettive ad alcune fiere, stipulano convenzioni con strutture estere, organizzano convegni sulle principali tematiche dell internazionalizzazione e seminari sui mercati esteri, offrono supporto in materia di contrattualistica internazionale, forniscono assistenza sulla normativa europea e sulle opportunità di finanziamento. Per quanto riguarda le banche dati si citano le Pagine Gialle Europee 17

18 (www.europages.com ), il data base Kompass (www.kompass.com ), il Thomas Global Register (www.tgreurope.com ), Business International, European Forecasting. Infine, un valido aiuto può essere offerto dalle società specializzate nella realizzazione di servizi di assistenza e supporto ai processi d internazionalizzazione e da consulenti esperti nelle tematiche d internazionalizzazione. 18

19 4.3 Analisi e scelta del mercato e del paese estero L individuazione del paese costituisce un elemento rilevante in quanto alla base dell intero processo di definizione della strategia di sviluppo internazionale. Spesso la scelta del paese segue dei criteri e delle valutazioni poco razionali, dettate spesso da reazioni a sollecitazioni esterne o stimoli occasionali, dalla distanza fisica e culturale tra i paesi o dall effetto sciame per imitazione di concorrenti che l anno gia fatto. La scelta, invece, dovrebbe seguire una strategia che metta in evidenza gli obiettivi prefissati, le caratteristiche del mercato, la posizione competitiva a cui aspira l azienda e il fabbisogno e la disponibilità di risorse e competenze. I fattori da tenere in considerazione sono l attrattività del paese e l accessibilità del paese che permettono di classificare i paesi in funzione delle priorità d ingresso: mercati ad elevata priorità, mercati strategici e mercati marginali. L attrattività di un paese è data dall analisi di un insieme di variabili macro ambientali quali: variabili fisico-geografiche, variabili demografiche, variabili economiche, variabili tecnologiche, variabili socioculturali, altre. L accessibilità è data dalla stima delle barriere naturali, dalle barriere artificiali e dall ambiente competitivo che caratterizza il paese. Lo studio di queste variabili permette di effettuare un primo screening per la scelta del paese. Le variabili fisico-geografiche sono da iscriversi all ambiente fisico-climatico, caratteristiche topografiche, dotazione di risorse naturali e infrastrutture; le variabili economiche alla numerosità della popolazione, densità della popolazione, tasso di sviluppo demografico, grado di mobilità della popolazione, la distribuzione della popolazione per fasce d età; le variabili economiche, al prodotto nazionale lordo, prodotto interno lordo, ammontare del reddito pro capite, distribuzione del reddito, propensione al consumo; variabili tecnologiche livello di sviluppo tecnologico, ciclo di vita del prodotto, condizione d uso del prodotto; variabili socioculturali all organizzazione sociale, religione, gruppi etnici, livello d istruzione, frammentazione linguistica, sistema politico; altre variabili legate alle priorità assegnate al settore, ai piani d investimento relativi alle infrastrutture. Una volta definita l attrattività del mercato si passerà ad individuarne il grado si accessibilità attraverso l analisi delle barriere artificiali e dell ambiente competitivo. 19

20 Le barriere artificiali sono divise in barriere di carattere tariffario e barriere di carattere non tariffario. Tra le prime abbiamo i dazi doganali (imposta indiretta che colpisce la circolazione dei beni da uno stato nazionale a un altro e che viene accertata e riscossa nel momento in cui la merce entra nel territorio doganale dello stato), i diritti integrativi di confine (insieme di tributi e spese imposti dalle autorità doganali) quali: imposta sul valore aggiunto, imposta di fabbricazione, diritti di monopolio, tasse addizionali, diritti di magazzinaggio e facchinaggio, tasse di sbarco e imbarco, tasse di ispezione della merce, tasse per le statistiche. Tra le seconde abbiamo le limitazioni quantitative al commercio con l estero (contingenti assoluti, i contingenti doganali, le restrizioni all export, gli embarghi e i divieti di esportazione), le regole tecniche e gli standard di prodotto (barriere tecniche al commercio internazionale), le norme e le procedure doganali (i calendari d importazione, la classificazione e la valutazione dei prodotti), le misure di carattere finanziario e valutario (controlli statali sui cambi delle valute, autorizzazione governativa per l acquisto della valuta, restrizioni sulla convertibilità della moneta, le restrizioni creditizie, l imposizione di prezzi minimi). Per quanto riguarda, infine, l ambiente competitivo esso influenza l ingresso in un mercato in quanto potrebbe costituire una forte barriera all entrata. La concorrenza può essere rappresentata da imprese internazionali e da imprese locali. L analisi della concorrenza deve quindi tener conto della strategia perseguita dai concorrenti, dalle risorse e le competenze di cui dispongono e dei loro obiettivi. Per approfondire la conoscenza del settore d interesse e dei paese target dovranno essere realizzati due tipi di ricerche di mercato. Le indagini da condurre saranno incentrate sulla raccolta di elementi di diretta utilità operativa per le imprese e saranno strutturate in due fasi, una prima fase più generale con informazioni sui Paesi e sui settori d interesse e una seconda, più specifica, che metterà l accento sui settori d intervento propri delle PMI evidenziandone stato ed opportunità. Indagine preliminare a livello di paese e settore Questa prima ricerca avrà l obiettivo di fornire alle aziende un primo quadro generale sui settori e sui paesi prescelti. Questa ricerca dovrà essere realizzata per mezzo di un analisi 20

21 dell'ambiente locale, economico-finanziario, politico, legale e del rischio paese che si snoderà attraverso l esame del: Quadro macroeconomico; Rischio politico; Rischio economico; Rischio finanziario /bancario; Prospettive future. Per quanto riguarda l indagine a livello di settore la ricerca dovrà avere come punto di partenza l analisi dell ambiente interno dei comparti che si sostanzierà nell analisi della domanda attraverso: l identificazione e segmentazione del business del settore le aree d affari; i fattori critici di successo del settore; le linee di sviluppo agevolative nazionali, comunitarie, e internazionali, attuali e prospettiche del settore e nell analisi dell offerta attraverso: le principali aziende locali del settore dimensione e localizzazione; le principali aziende locali del settore produzione, fatturato e quote di mercato. Indagine specifica: opportunità nei settori per le imprese Una seconda fase di analisi più approfondita dovrà avere l obiettivo di far emergere delle opportunità specifiche d affari e verterà su: analisi della concorrenza, concorrenti diretti e indiretti, strategie e posizionamento competitivo valutazione dei vari prodotti finiti; 21

22 piani di investimento e sviluppo dei produttori; studio di distretti industriali e individuazione delle più opportune aree di insediamento industriale in alcune regioni definite; valutazione delle opportunità di investimento (costi di produzione, materie prime, aspetti legali); strategia di sistema per offrire un orientamento qualificato alle aziende su tutti i temi inerenti la commercializzazione e gli investimenti produttivi (proprietà industriale, marchi, certificazione di qualità, accesso al credito, trasporti, dogane, contrattualistica). Analisi dei fattori incentivanti/frenanti, normativa e finanziamenti, incentivi a carattere internazionale e locale 22

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli