PROGRAMMA ELETTORALE LISTA FERRARI SINDACO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 25 MAGGIO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA ELETTORALE LISTA FERRARI SINDACO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 25 MAGGIO 2014"

Transcript

1 1 PROGRAMMA ELETTORALE LISTA FERRARI SINDACO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 25 MAGGIO 2014 L Amministrazione che andrà al governo della Città dovrà ispirarsi alla indispensabile attività della Persona: il Lavoro. Lo sviluppo di Finale, come sta avvenendo in tutta Europa, si sta modificando radicalmente e la deindustrializzazione ci vede direttamente interessati, in particolare con la delocalizzazione della Piaggio Aero Industries, azienda che, fino ad ora, ha svolto un ruolo molto importante nell economia della nostra Città. La difesa dell occupazione ci troverà impegnati ad oltranza, come è peraltro avvenuto in questi anni, ma non senza guardare al futuro, in particolare ai giovani e alle nuove opportunità che il nostro fantastico territorio può offrire. L Amministrazione uscente è riuscita a far divenire centrale, un po per tutte le liste, l argomento territorio, sottolineando la decisiva importanza turistica ed economica per quanto attiene la storia, la cultura, il mondo legato all outdoor, l enogastronomia, le spiagge. TURISMO Il Turismo è destinato a divenire sempre più la maggior risorsa della nostra economia e su di esso, dopo le importanti infrastrutture che sono state realizzate in questi anni, occorrerà focalizzare l attenzione ed i necessari investimenti per dare slancio e competitività a tutta la nostra Città. Si dovrà quindi procedere a: Creazione di una Consulta permanente per il Turismo, al fine di favorire il dialogo con l Amministrazione, in particolare, per una tempestiva individuazione e soluzione dei vari problemi riscontrati dalle Categorie; Attività di promozione territoriale, in coordinamento con le varie Associazioni, incentivando la messa in rete e la collaborazione attiva tra i vari soggetti pubblici e privati operanti sul 1

2 2 territorio, al fine di garantire un offerta turistica di qualità, finalizzata ad una moderna e reale cultura dell accoglienza; Sostegno economico e logistico alle molteplici e varie iniziative culturali e sportive, che da tempo rappresentano uno dei più efficaci strumenti per la promozione territoriale; Maggiore attenzione alle esigenze delle attività turistico - ricettive e sostegno allo sviluppo delle nuove forme di ospitalità previste dalla legge regionale, al fine di sfruttare al meglio le potenzialità del capitale immobiliare esistente ai fini turistici; Incentivazione di politiche di coordinamento turistico-economico con i Comuni adiacenti, sulla scorta della positiva esperienza del Progetto Quattro Borghi, con la contestuale individuazione di una specifica figura per il reperimento di fondi regionali, statali ed europei, da destinare alla promozione territoriale, allo sviluppo delle infrastrutture, al miglioramento e riqualificazione delle strutture ricettive, agli investimenti per le attività produttive; Investimenti per la valorizzazione dell entroterra, in particolare delle eccellenze naturalistiche, paesaggistiche e sportive; Maggiori investimenti per favorire il decoro urbano; Potenziamento dell Ufficio Turismo, da intendersi quale portale fisico del Territorio, dei suoi prodotti, delle sue bellezze e dei suoi eventi; Creazione di una rete tra gli Uffici turistici dei Comuni del Comprensorio; Consolidare, attraverso l impiego di risorse pubbliche e private, anche in collaborazione con i Comuni del Comprensorio, la produzione di materiale informativo aggiornato, con indicazione degli orari e delle modalità di trasporto verso i luoghi di interesse; Promozione territoriale digitale a mezzo di Adwords (inserimento di pubblicità all interno di pagine internet), Socialnetworks (forme di comunicazione sociale in rete quali, ad esempio, Facebook, Twitter, MySpace), Newsletter (notiziari scritti o per immagini, diffusi periodicamente per posta elettronica); Valorizzazione dei monumenti, dei siti archeologici e, più in generale, della gloriosa storia e cultura del Territorio del Marchesato del Finale; Favorire, soprattutto durante la stagione estiva, il divertimento serale e notturno per i giovani, attuando una collaborazione con gli esercenti delle attività commerciali e turistiche, attraverso una rivalutazione dei Regolamenti comunali, in armonia con la normativa regionale e nazionale di riferimento. 2

3 3 AREE PIAGGIO I recenti negativi sviluppi del "braccio di ferro" che il management della Piaggio ha voluto imporre ai lavoratori, dovranno essere tenuti nella debita considerazione dalla futura Amministrazione Comunale. La delocalizzazione di Piaggio Aero Industries ed il recupero delle aree attualmente occupate dalla fabbrica, che ha visto fin dall inizio una posizione responsabile dell Amministrazione uscente, è finora stata considerata parte di un operazione industriale, nella quale la valorizzazione delle aree ne costituiva solo uno degli elementi. Qualora, per volontà dell Azienda, dovesse venir meno l obiettivo della salvaguardia occupazionale, la valorizzazione delle aree andrà rivista come una semplice operazione urbanistica, con una riduzione radicale delle destinazioni residenziali, una ridistribuzione della volumetria ed un consistente aumento di aree verdi, aree produttive a basso impatto ambientale, attività turisticoricettive e più in generale, interventi di interesse pubblico. In tutti i casi, dal recupero delle aree Piaggio dovrà attendersi un armonioso completamento della Città, con l indispensabile inserimento di opere ed attività funzionali ai bisogni di Finale. ATTIVITA PRODUTTIVE Tra le attività che la futura Amministrazione dovrà adottare devono considerarsi fondamentali: La creazione di un servizio di consulenza start up per giovani e nuovi imprenditori; La creazione, fatti salvi i compiti istituzionali propri di altri Enti, di una "Centrale Operativa del Lavoro", con il compito di raccogliere le richieste occupazionali direttamente dalle Aziende presenti sul nostro territorio. Contestualmente dovrà essere costituito un archivio telematico, accessibile via Internet, che consentirà di ottimizzare le sinergie tra la domanda e l'offerta lavorativa territoriale; Ulteriore e significativa riduzione della tassazione a sostegno delle Attività Produttive; 3

4 4 Riduzione dei tempi burocratici, attraverso un maggior ricorso a pre audit, web e semplificazione amministrativa; Lotta all abusivismo commerciale; Ricorso alle Società pubbliche che già si occupano della gestione dei finanziamenti comunitari, fornendo assistenza alle Aziende per l'accesso ai fondi comunitari di finanziamento, anche attraverso la FILSE (Finanziaria Ligure per lo Sviluppo Economico); In collaborazione con le Associazioni di categoria, organizzazione di seminari periodici su corsi di aggiornamento, accesso ai finanziamenti e novità normative; Ulteriore diminuzione delle imposte comunali, a sostegno degli investimenti delle Aziende in materia di riduzione dell impatto ambientale, utilizzo di energie alternative, efficienza energetica, incrementi occupazionali e, più in generale, miglioramento dei rispettivi standard qualitativi; Rilancio dei Centri Integrati di Via come unica ed efficiente risposta alla spietata concorrenza di centri e parchi commerciali; Miglioramento dell arredo urbano; Sostegno alle attività artigianali, anche attraverso l organizzazione di corsi professionali per il recupero di antichi mestieri ed attuazione di una politica per incentivare la diffusione del mercato artigianale ; Creazione di una Consulta dell Impresa, che svolga una funzione di indirizzo e supporto tecnico all attività dell Amministrazione; Per l importanza turistica ed occupazionale, incondizionato appoggio alle istanze dei gestori di stabilimenti balneari, poiché solo una stabilità delle concessioni potrà determinare il ritorno ad investimenti nel settore; Incrementare il progetto wi-fi gratuito (connessione ad internet) sul Lungomare, sulle principali piazze e luoghi frequentati, al fine di soddisfare le nuove esigenze di comunicazione. AGRICOLTURA ENOGASTRONOMIA 4

5 5 Consapevoli della strategica importanza che riveste nel nostro Territorio, il Gusto è stato impiegato per promuovere turisticamente le nostre Terre. Il Finalese si qualifica, a pieno titolo, per le prelibate eccellenze Liguri: l Olio Extravergine di Oliva Taggiasca e Finalina (Colombaia), il Chinotto, l Arancia Pernambucco, la Mela Carla (o Finalina), la Prugna Basaricatta, l Albicocca Siccardi (Valleggia), il Rosmarino a fiore bianco di Varigotti, passando per ortaggi, agrumi ed erbe aromatiche varie, arrivando ad alcuni tra i più apprezzati Vini Liguri. Oltre alla produzione, il Finalese può però vantare grandi eccellenze anche nella trasformazione dei prodotti, con specialità uniche come i Chifferi di Finale, le Esse e le Melanzane ripiene di Gorra, le Sfogliatelle di Varigotti, le Acciughe salate del Mar Ligure, insuperabili formaggi e salumi, un invidiata gelateria artigianale, il pesto e la pasta fresca, le pregiate marmellate di chinotto ed arancia pernambucco, i delicati prodotti dell arte bianca, il miele, i distillati e le birre dell Abbazia Benedettina di Finalpia. Un simile patrimonio deve ad ogni costo essere valorizzato, affinché anche il Gusto partecipi con l Arte, la Storia, la Cultura, l Ambiente ed il Clima a permettere che il soggiorno nel Finalese offra un unica ed indimenticabile esperienza, immune da ogni volo low cost nel mondo. Per incentivarne la valorizzazione occorrerà: Mantenere ed incoraggiare tutte le manifestazioni di promozione dei prodotti tipici locali (Salone Agroalimentare, Festa dell Olio Nuovo, Expo della Riviera e le sue Valli, Vini Inquieti, Slow Food Day, Festa Provinciale delle Pro Loco, Serate del Pesto, ed altro); Organizzare nuovi eventi legati ai prodotti tipici locali nei vari Rioni, in collaborazione con le Aziende commerciali ed i pubblici esercizi; Organizzare corsi di degustazione delle varie tipicità, in particolare rivolti ai professionisti della ristorazione, per favorirne la conoscenza e la diffusione; Avvalendosi della misura del PSR 2014/2020 destinata alla Cooperazione, realizzare un applicazione multilingue per Smartphone (La strada del Gusto) che consenta di conoscere la localizzazione sul territorio di tutte le aziende agricole, di trasformazione e ristorazione impegnate nel prodotto tipico locale, con l indicazione di orari e prezzi di vendita, produzioni, specialità, recapiti; Promozione e patrocinio del mercatino agricolo esistente, con esenzione del pagamento del Canone di Occupazione del Suolo Pubblico ed ulteriore riduzione della ex TIA al fine di reperire utili risorse per la dotazione di un omogeneo allestimento dei vari banchi mercato; 5

6 6 Istituzione delle Denominazioni Comunali (DE.CO) e promozione dei relativi prodotti, anche attraverso le specifiche misure contenute nel PSR e dedicate alle Certificazioni Locali; Avvio della procedura di istituzione del Presidio Slow Food, dedicato alla Mela Carla o Mela Finalina e alla cultivar di Olivo Colombaia o Finalina, arancia pernambucco; Stampa, divulgazione e promozione della Pomona Italiana di Giorgio Gallesio. Incentivare le attività didattiche con le scuole per avvicinare gli studenti al mondo agricolo/rurale; Incentivare filiera agroalimentare locale e costruzione nuove relazioni con il sistema turistico ricettivo (ristoranti, alberghi, locande B&B, ecc); OUTDOOR L aumento degli arrivi dell 8,5 % rispetto al 2012, mentre testimonia l impegno dell Amministrazione uscente nello sviluppo delle attività outdoor, traccia il cammino che dovrà essere seguito. Il nostro meraviglioso Territorio ha conquistato migliaia di appassionati, fino a diventare una delle principali mete internazionali per l Arrampicata e la Mountain Bike. Per valorizzare ulteriormente questo importante patrimonio occorrerà: Migliorare il coordinamento delle varie attività svolte sul territorio, dedicando maggiori risorse per la manutenzione dei sentieri e la messa in sicurezza delle vie di arrampicata; Formalizzare il costante rapporto dell Amministrazione con Associazioni, Guide Alpine e Naturalistiche, Shuttle, proprietari, all interno di una Consulta dell Outdoor, cui affidare compiti di indirizzo e gestione; Quale fondamentale esperienza pilota, condurre a compimento il protocollo di intenti già delineato tra Associazioni, Guide ed alcuni proprietari, per giungere all istituzione di un Area Tematica dedicata all Outdoor; Coinvolgere in tutte le attività di regolamento e promozione anche i Comuni limitrofi, al fine di creare un vero sistema dell Outdoor finalese; Sulla base delle esperienze locali fino ad ora accumulate, stimolare una disciplina Regionale partecipata delle attività outdoor; Realizzare il progetto, già presentato al Ministero del Turismo per un cofinanziamento, di una carta multimediale 3D con itinerari certificati, in particolare in ordine al loro regime pubblico, da impiegarsi come unica piattaforma topografica e multimediale. La carta 6

7 7 digitale dovrà essere disponibile via web, ma anche scaricabile come applicazione per smartphone e gps cartografici; L organizzazione di eventi sportivi legati all Outdoor; incentivare l impiego di mezzi pubblici, in particolare il bus quattroborghi, per l accesso alle principali pareti di arrampicata; In collaborazione con le Associazioni e le Guide alpine, individuare un sito adeguato per la creazione di una palestra di arrampicata indoor e conseguente sua realizzazione con risorse pubbliche e private, eventualmente anche attraverso il recupero ed il trasferimento del muro di arrampicata ubicato nell area ex Borgo Sport in idonea struttura nell ambito della Palestra Rivetti; Rendere permanenti, con tutte le relative indicazioni e salvo l accordo con i privati ove necessario, i tracciati della 24 Ore di Mountain Bike, il sentiero trail Ermanno Fossati, alcuni percorsi gravity realizzati nel rispetto dell Ordinanza attualmente in vigore e quanto dovesse emergere in sede della Consulta dell Outdoor; Individuare, in collaborazione con la Consulta, specifici tracciati per il ciclismo su strada, trekking a cavallo, escursionismo (hiking), north walking, archeotrekking;. Valorizzazione dell Outdoor Blu sostenendo l attività del Circolo Nautico del Finale e la Lega Navale (Sentieri Blu, Scuola Vela, Diving, Apnea profonda, Pesca Sportiva, etc.), in particolare con una loro maggior diffusione nelle scuole; In collaborazione con le Associazioni di tutela ambientale, Circolo Nautico, Lega Navale, Pescatori Sportivi e Professionisti, creazione di un Parco Blu nell area Secca delle Stelle - Secca di Marassi. SPORT Le Associazioni Sportive, grazie alle quali nel 2012 Finale è stata insignita del titolo di Città Europea dello Sport, costituiscono uno dei più importanti patrimoni della nostra Comunità. Nell ambito di un programma concordato con la Consulta dello Sport occorrerà: Procedere ad una manutenzione straordinaria di tutti gli impianti sportivi, con un programma triennale; Realizzare un ricovero per attrezzature sportive nell ambito del Palasport di Via Calice; Definire la costruzione di uno Skate Park (come opera a scomputo di oneri di urbanizzazione) innanzi la nuova palestra di Via XXV Aprile; 7

8 8 Acquisire i campi da tennis di Finalpia dalla Regione Liguria, che ne ha ingiustamente disposto l alienazione; Procedere alla realizzazione di un campo da beach volley; Promuovere, per quanto di competenza, il progetto per la realizzazione di un campo di tiro a segno, in area privata al coperto, già identificata; Estendere la competenza dell Ufficio Stampa Comunale a tutte le manifestazioni sportive organizzate nell ambito del territorio; Assicurare alle Associazioni la logistica necessaria all organizzazione dei vari eventi; Sostenere con maggiori risorse le attività sportive svolte nell ambito della scuola, estendendole, altresì, alle principali attività outdoor, in particolare arrampicata e vela; Estendere le competenze della Consulta dello Sport alla predisposizione degli interventi di manutenzione, di realizzazione di nuove opere ed erogazione di contributi; Coinvolgere la Consulta nella progettazione definitiva del nuovo Palazzetto dello Sport, da realizzarsi nell ambito dell operazione urbanistica ex Cava Ghigliazza; Sostenere l organizzazione dei grandi eventi sportivi ed in generale delle iniziative rivolte ai giovani; Sistemazione del campo da basket situato in Via Dante; Procedere, nell ottica di una delocalizzazione dei magazzini comunali di Via Calice, alla realizzazione di un ulteriore palestra in sito. CULTURA I recenti dati sulle presenze turistiche hanno evidenziato che la Città di Finale Ligure, puntando su un offerta che completa quella balneare, è in costante crescita e si propone per i prossimi anni di incrementare ulteriormente il trend positivo. Questo obiettivo si otterrà con l ottimizzazione delle sinergie tra pubblico e privato, indispensabili per una gestione totale di tutti i siti architettonici che la Città di Finale offre. La nostra configurazione rionale, con i suoi numerosi e variegati contenitori culturali di pregio, rappresenta una stimolante opportunità per creare una commistione tra evento culturale e la cornice in cui l evento stesso viene ospitato. Il Complesso Monumentale di Santa Caterina, con il suo ampio utilizzo, rappresenta un importante punto di aggregazione, contribuendo, grazie alle manifestazioni ospitate, a far conoscere Finale per la qualità dei suoi eventi culturali. Questa felice esperienza, che ha favorito la crescita del Borgo, sarà utilizzata come modello di riferimento anche per la Fortezza genovese di Castelfranco, situata a cavallo tra Marina e Pia, 8

9 9 offrendo finalmente la possibilità a questi due Rioni di collegarsi attraverso una serie di manifestazioni condivise. Consentirà, inoltre, per la sua particolare posizione, di soddisfare le numerose richieste che provengono dal mondo giovanile e che sfoceranno in eventi dedicati ai ragazzi. Innovativa ed in linea con l originalità dell offerta finalese, sarà l utilizzo del Teatro Sivori, in via di restauro, che avrà una funzione che non si limiterà a musica e prosa, ma offrirà ai Cittadini finalesi ed ai loro ospiti, la straordinaria occasione di dotarsi di un cinema comunale inserito in un contesto così prestigioso e unico nel panorama nazionale. Il Teatro Aycardi, ormai prossimo al restauro integrale, sarà un ideale sede per consentire, alle tante Associazioni culturali, di poter realizzare ed esprimere le proprie creatività, poiché in questi anni il mondo culturale finalese è cresciuto in maniera esponenziale e questa vivace realtà deve essere ulteriormente stimolata con l utilizzo del Teatro stesso. Si è concluso un periodo in cui Finale, con la Festa dell Inquietudine ha ricevuto la Medaglia di Rappresentanza dal Presidente della Repubblica, ha ottenuto al MEI di Faenza un importante riconoscimento Nazionale per la promozione e il sostegno alla Musica Indipendente e rassegne quali Percorsi Sonori e Viaggio nel Medioevo sono stati premiati al Festival Mare di Sanremo, quali migliori manifestazioni nella Provincia di Savona. Questi successi saranno, quindi, un importante punto di partenza per individuare sistemi per la ricerca dei contributi e la gestione dei beni monumentali e sviluppare ancor di più l offerta culturale della Città, con la promessa e la consapevolezza di un impegno crescente volto a qualificare Finale Ligure come punto di riferimento culturale della Riviera. AMBIENTE - TERRITORIO I principi fondamentali, sui quali si basa il nostro programma in materia ambientale, sono volti al mantenimento e miglioramento dell alto livello di vivibilità presente sul Territorio. Operare per la tutela e la valorizzazione dell ambiente, del paesaggio, del verde pubblico, del nostro straordinario patrimonio storico-artistico è uno dei nostri primari obiettivi. L azione amministrativa dovrà essere diretta alla salvaguardia dell ambiente, concepito come valorizzazione dell habitat in cui viviamo e non come consumo sconsiderato del suolo. L attenzione sarà rivolta al conseguimento della migliore fruizione del territorio, andando a rendere maggiormente agevole la viabilità rurale, la rete sentieristica e l utilizzo a scopi turistici e ricreativi delle aree oggi abbandonate, incentivando iniziative che creino sviluppo ed occupazione, al fine di generare un valore aggiunto e duraturo nel tempo. 9

10 10 A tutela del territorio si dovrà provvedere a: Redazione di un progetto integrato di valorizzazione del Finalese, attraverso il recupero del paesaggio e del suo patrimonio storico-artistico; Mantenimento della Certificazione Ambientale e miglioramento degli obiettivi; Potenziamento della raccolta differenziata, attraverso campagne di sensibilizzazione, progetti di educazione ambientale in particolare nell ambito della Scuola Primaria e Secondaria; Miglioramento delle prestazioni di efficienza energetica degli edifici, incremento e sviluppo delle fonti di energia rinnovabile, ulteriore collocazione di pannelli fotovoltaici sugli edifici comunali, impianti sportivi e scuole; Ricerca dei finanziamenti necessari alla realizzazione, per lotti funzionali, delle opere previste dal concorso di progettazione per la protezione degli arenili ed, in tale contesto, adottare una politica di semplificazione per ottenere le autorizzazioni necessarie al ripascimento delle spiagge; Affinamento del piano di spazzamento e del piano del verde, con la definitiva adozione della Carta dei Servizi; Gestione del Territorio quale risorsa all interno di un sistema condiviso di presidio e sviluppo, che non può essere il Parco Regionale del Finalese, in quanto strumento superato e fonte di nuovi pesanti vincoli, in particolare sull attività venatoria e l agricoltura. URBANISTICA Pianificare vuol dire dare impulso allo sviluppo sociale ed economico della Città. Il Piano Urbanistico Comunale, pur se approvato nel 2007, ha avuto un elaborazione iniziata oltre dieci anni prima ed un lungo e travagliato iter di approvazione che lo ha reso superato dai tempi. L aggiornamento del PUC non è, quindi, rimandabile. Il tema della pianificazione urbanistica deve tener conto dei fabbisogni delle persone, con particolare riguardo alla prima casa per le giovani coppie e mirare a sviluppare un aggiornamento che guardi alle aspettative generali e rispecchi le necessità dell oggi. L obiettivo del minor consumo del suolo è attualmente il tema dominante nella pianificazione. La Regione sta riscrivendo il Piano Territoriale Regionale sulla base di più rispetto per l ambiente, semplificazione delle procedure, e costruire sul costruito. 10

11 11 Quindi, il nuovo Piano dovrà puntare sulla rigenerazione dei volumi esistenti, favorendone il riutilizzo e la sostituzione, soprattutto per quegli edifici strutturalmente, funzionalmente ed energeticamente obsoleti. Un altro obiettivo sarà quello di incentivare, nella nuova versione dello strumento urbanistico, il recupero dei terreni agricoli e l uso produttivo del bosco, in considerazione anche del nuovo Piano di Sviluppo Rurale 2014/2020. Si dovrà quindi informare la revisione del Piano Urbanistico Comunale a: Incentivo ulteriore verso una politica per la Prima Casa ; Sviluppo eco-compatibile del territorio; Incentivazione al recupero del patrimonio edilizio esistente; Sostegno alle azioni volte alla riqualificazione edilizia ed alla rigenerazione urbana a salvaguardia dell economia locale. Realizzazione di nuovi collegamenti (viari e no). Ad esempio, collegamento Finalpia San Bernardino; collegamento meccanizzato tra Via Aurelia e Castelfranco; Mantenimento e recupero delle zone a vocazione agricola. Per quanto attiene il rapporto tra l Ufficio Urbanistica e l utenza, si attueranno le soluzioni già individuate, volte a determinare chiarezza ed uniformità nell interpretazione delle norme urbanistiche e paesaggistiche, ad un elaborazione di un archivio accessibile on line sui pareri e sulle interpretazioni di maggior rilievo, oltre a riunioni periodiche con i Tecnici comunali per risolvere le eventuali problematiche riscontrate dai Professionisti incaricati dai Cittadini. LAVORI PUBBLICI Nonostante negli ultimi dieci anni siano stati investiti in lavori pubblici di manutenzione dell acquedotto e delle fognature oltre 16 milioni di Euro (su un totale di circa 50 milioni di Euro per opere pubbliche), ancora numerosi sono gli interventi da realizzare. La nostra Amministrazione proporrà un programma pluriennale degli investimenti, rispondendo alle esigenze primarie dei cittadini, impegnandosi pertanto al reperimento di fondi al fine di attuare le opere di cui la Città ha bisogno e che dipenderà strettamente dalle risorse di bilancio, dal reperimento di fondi europei, statali e regionali, dalla rigidità del patto di stabilità, dall evoluzione degli Ambiti Territoriali Ottimali, dall andamento delle entrate tributarie ed extra tributarie e dai trasferimenti dallo Stato. L'obbiettivo della salvaguardia dell'economia locale sarà fondamentale per la nostra attività amministrativa e sarà attuato attraverso l'incremento della presenza negli appalti di imprese locali 11

12 12 mediante procedure di semplificazione per l'affidamento dei LL.PP. Con l'obbiettivo dichiarato di avere ricadute sul sistema economico locale e sul suo indotto. E' fondamentale in questi momenti di particolare crisi economica e sociale che l'amministrazione adotti strumenti che possano costituire un concreto volano di sviluppo locale. Per questo motivo sarà avviato un regolamento, come già sperimentato in altre enti della nostra provincia, di procedure di affidamento che incoraggino un'alta percentuale di presenza di imprese locali rispetto alle altre, vietando ovviamente qualsiasi esclusiva, al fine della tutela dell'economia e dell'occupazione locale. Nel corso dei prossimi anni l Amministrazione dovrà provvedere a: - Completamento del Teatro Sivori e del Teatro Aycardi, grazie ai fondi regionali già stanziati; - Manutenzione del Complesso di Santa Caterina; - Rifacimento della facciata di Palazzo Ricci; - Delocalizzazione dell immobile ex acque minerali da Finalborgo con sistemazione e valorizzazione della porta Romana e dello storico lavatoio; - Completamento dell iter di acquisizione di Castel San Giovanni, iniziato nel 2011; - Manutenzione strade e giardini con la possibilità di affidare a soggetti esterni la manutenzione delle aree verdi al di fuori della Passeggiata Migliorini, che rimarrebbe invece di gestione comunale; - Realizzazione di una pista ciclabile in Viale Dante Alighieri; - Manutenzione straordinaria degli edifici scolastici, reperimento fondi per l acquisizione, eventualmente anche a scomputo d oneri, dell area già individuata per la costruzione della nuova scuola di Finalborgo; - Realizzazione, a scomputo d oneri, della pavimentazione ed illuminazione del tratto di passeggiata tra Capo San Donato e Varigotti; - Manutenzione straordinaria dei marciapiedi; - Reperimento dei fondi per la realizzazione del terzo lotto dei lavori per il recupero di Castel Govone; - Ulteriore allestimento e manutenzione dei parchi giochi per bambini; - Particolare attenzione dovrà essere rivolta alla percorribilità per tutti delle strade della Città, con l eliminazione di ogni barriera fisica che limiti la libertà di movimento della Persona, dando così attuazione allo studio effettuato dalla Commissione Invalidi Civili istituita presso il Comune di Finale Ligure. 12

13 13 FINALPIA: - Nuovo studio, realizzazione ed armonizzazione dell arredo urbano del Rione; - Rifacimento e riqualificazione di Piazza Abbazia; - Miglioramento della circolazione pedonale, soprattutto mediante rifacimento dei marciapiedi e creazione di centri di aggregazione, anche attraverso l istituzione di sensi unici, zone a traffico limitate ed aree pedonali, in ogni caso attraverso una progettazione partecipata con gli abitanti, i commercianti e gli esercenti del Rione; - Manutenzione straordinaria del Lungomare nel tratto a ponente del Molo di Finalpia, con rifacimento, a scomputo d oneri, del tratto di passeggiata dal Molo al Boncardo e annessi sottoservizi; - Realizzazione di un nuovo pozzo nell ambito del Rione; - Dismissione della vecchia tubazione insistente su Via Castelletto Inferiore e Superiore; - Prosecuzione delle condotte di adduzione e distribuzione al futuro serbatoio da costruirsi in Loc. Belvedere; - Realizzazione di aree destinate alla sosta dei residenti; - Sostituzione tubazione di distribuzione di Via P. Cappa. CALVISIO VERZI: - Completamento delle percorrenze pedonali-ciclabili verso mare; - Realizzazione canalizzazione acque bianche in Via Bedina Via N. Lamboglia. - Realizzazione canalizzazione acque bianche Vico Drago - Metanizzazione della Frazione Verzi e delle zone ancora sprovviste del servizio; Valorizzazione della Val Ponci. FINALBORGO / VIA DANTE - VIA BRUNENGHI - Sistemazione dell area pedonale - carrabile a Porta Testa, a seguito della realizzazione della nuova rotonda e verifica nuova viabilità; - Completamento della sostituzione delle tubazioni principali tra il campo pozzi di Via Nievo e la vasca di Via della Pineta; - Opere di manutenzione straordinaria della vasca di Via della Pineta; - Costruzione di un nuovo pozzo presso il parco giochi di Via Nievo; - Sostituzione tubazione principale sita tra Via Nievo e Via Arnaldi e tra Porta Testa e il Ponte nuovo sul Torrente Pora; 13

14 14 - Sostituzione della tubazione tra la stazione di rilancio di Via Manzoni e la strada di Monticello, con contestuale abbassamento della stazione di rilancio per l appoggio sulla rete bassa di Marina; - Sostituzione della tubazione di Via S. Michele (parte restante) e Via Oddone Pascale; - Ripristino marciapiedi in Via Brunenghi e nuove piantumazioni; - Rifacimento marciapiedi in Via Dante; - Rifacimento marciapiedi in Via Manzoni; - Nuova pavimentazione in Via dell Annunziata; - Realizzazione marciapiedi a raso nella strettoia di Via Brunenghi, tra Via Manzoni e Via Fiume; - Manutenzione muri a delimitazione del tratto Comunale di Via Cavasola; Manutenzione straordinaria Piazza della Serenità. FINALMARINA: - Manutenzione ordinaria e straordinaria del Lungomare e delle aree verdi; - Incentivazione dell illuminazione pubblica a risparmio energetico; - Sistemazione pavimentazione vie del centro storico; - Rifacimento marciapiedi di via Unità d'italia e via Mameli; - Rifacimento marciapiedi di via Nievo; - Rifacimento marciapiedi Via Aurelia. Preso atto che è iniziata l installazione delle telecamere ad alta definizione per la videosorveglianza, l impegno sarà di proseguire nell esecuzione del progetto mediante il finanziamento del secondo lotto, finalizzato a completare l intero sistema. VARIGOTTI - Completamento del Lungomare nel tratto compreso tra l Hotel del Golfo e l inizio dell abitato; - Progettazione della pista ciclabile lato mare, con studio di fattibilità e successiva realizzazione delle cabine degli stabilimenti balneari al di sotto della stessa; - Sistemazione della passeggiata esistente con sostituzione dei vasi a delimitazione della Via Aurelia, parti della pavimentazione e panchine; - Sistemazione di alcuni tratti della pavimentazione del Borgo vecchio; - Completamento del nuovo locale tecnico con la parte idraulica e gli automatismi di rete necessari anche all eliminazione del troppo pieno alla vasca di Varigotti; 14

15 15 - Realizzazione delle nuove condotte principali di adduzione e distribuzione; - Metanizzazione delle aree ancora sprovviste del servizio; - Realizzazione di nuove condotte di distribuzione per Loc. Giardino, Cà dei Mori, Strada del Pino e Strada degli Arenzi; - Completamento della procedura di acquisizione dal Demanio di Punta Crena; Completamento della progettazione partecipata con gli abitanti e gli esercenti per la sistemazione delle aree ex FF.SS. ed esecuzione lavori. GORRA OLLE: - Completamento e potenziamento dell acquedotto; - Completamento della rete fognaria Valgelata Bottassano; - Avvio dei lavori, già finanziati, del completamento del cimitero; - Realizzazione di parcheggi pubblici anche attraverso il contributo determinato da interventi privati.; - Realizzazione, per le zone di Bracciale Vecchio e Castellino-Cantini, di 2 booster di sovrapressione al fine di sfruttare le tubazioni dedicate per tali località già posate con un recente appalto; - Realizzazione di una nuova tubazione per la distribuzione idrica alle abitazioni site lungo la strada di accesso alla Loc. Cantini dalla SP490 del Melogno; - Sostituzione della rete idrico-potabile esistente nel tratto Cimitero di Gorra Piazza della Chiesa di Olle; - Completamento dei lavori di realizzazione di nuova condotta di adduzione alla vasca di Cà del Moro attraverso il collegamento alla vasca di Olle Inferiore, con contestuale creazione di stazione di rilancio presso quest ultima (lavori a scomputo ex ristorante Cà del Moro); - Sostituzione della tubazione portante di Valgelata in arrivo alla vasca di Castellino; - Metanizzazione della frazione Olle e delle aree ancora sprovviste; - Muri strada Bottassano Gorra; - Collegamento stradale Gorra Bottassano Borgio; - Studio per la realizzazione, in collaborazione con gli altri Enti proposti e Società Autostrade, di una rotonda o diversa soluzione per eliminare il pericolo dell intersezione tra la S.P. 490 e lo svincolo dell Autostrada; - Allargamento dell innesto tra la S.P. 490 e Via Olle Superiore. - MONTE ISASCO MANIE SAN DONATO: 15

16 16 - Manutenzione generale degli spazi pubblici; - Realizzazione della fognatura in località San Donato; - Realizzazione condotta fognaria in Località Le Manie; - Intervento sulla stazione di rilancio dell acquedotto in Loc. Monte; Studio di fattibilità e interessamento presso gli Enti preposti per interventi di adeguamento della viabilità della Provinciale. MONTICELLO SAN BERNARDINO - Miglioramento della viabilità lungo Via della Pineta mediante allargamenti in alcuni punti; - Realizzazione del collegamento alternativo Monticello San Bernardino utilizzabile in caso di emergenza; - Metanizzazione della Frazione Monticello; - Progetto per un nuovo collegamento veicolare alla frazione San Bernardino, anche attraverso sistemi alternativi; - Finanziamento del progetto già approvato per la sistemazione della frana nei pressi del Cimitero di Monticello; Nuova pavimentazione Piazza della Chiesa di Monticello. PERTI: - Creazione di un centro sociale e di un nuovo seggio elettorale per la Frazione nell area ex maneggio Ippica; - Sostituzione integrale della rete di distribuzione di Via Calice nel tratto San Sebastiano Loc. Mordeglia; - Realizzazione di nuovo pozzo in Loc. San Sebastiano, con contestuale creazione di locale interrato per i quadri elettrici; - Realizzazione di nuova vasca di accumulo nella zona ex cava Rocca di Perti; - Nuova pavimentazione piazza Perti Alto; - Metanizzazione delle aree ancora sprovviste del servizio. ILLUMINAZIONE PUBBLICA - Rifacimento completo della pubblica illuminazione in Via Forti di Legnino; 16

17 17 - Rifacimento completo della pubblica illuminazione presso il Parcheggio adiacente al Condominio delle Mura in Finalborgo; - Sostituzione delle armature delle luci: lato mare passeggiata Finalmarina,, Strada della Selva, Strada Bracciale, Via Aquila 2, Via Calice, tratto vecchio, Parco Gatti; - Sostituzione armature delle luci e pali in Via dell Edera e adiacente campetto di calcio; - Completamento della sostituzione dei punti luce Enel Sole; - Completamento della sostituzione delle vecchie armature non a led dell illuminazione pubblica comunale; - Sostituzione luci e solenoidi della fontana a spruzzi di Finalmarina. - Potenziamento luci Vico Ditta (Aquila); GIARDINI - Rifacimento muretti aiuole lato mare Finalmarina Varigotti; - Rifacimento aiuole via Cadana; - Rifacimento aiuola via Dante (curva); -Sistemare aiuole Monumento ai Caduti Finalborgo / Marina; - Rifacimento aiuole piazza Montale; - Riseminare aiuole parcheggio adiacente il Condominio delle Mura in Finalborgo; - Rifacimento aiuole svincolo Piaggio; - Risistemazione aree verdi presso la Scalinata di Castelfranco. PORTO Dopo il lungo e travagliato iter del Piano Particolareggiato, si dovrà provvedere al completamento delle aree a terra, già previsto nel progetto esecutivo, eventualmente attraverso la realizzazione di più lotti funzionali, con priorità alla realizzazione dei nuovi servizi igienici. Al fine di evitare il periodico insabbiamento del passo di accesso e la fastidiosa rifrazione del moto ondoso all interno dello specchio acqueo, si dovrà procedere alla progettazione definitiva ed alla successiva realizzazione delle opere di risagomatura della diga di sovraflutto o, comunque, delle soluzioni tecniche individuate in sede progettuale. Entro l anno corrente dovrà essere approvato il nuovo Regolamento di gestione che semplifichi le varie procedure previste, adeguandole all essenziale carattere turistico del Porto di Capo San Donato. 17

18 18 Nell ambito delle operazioni Piaggio e Ghigliazza, si dovrà individuare un area per la creazione di un Porto Secco, con la conseguente liberazione delle aree oggi previste nell ambito del Porto, da destinarsi ad area lavori e rimessaggio. Al fine di agevolare la nautica per tutti si dovrà dotare almeno una banchina o pontile con attrezzature idonee all imbarco e sbarco di persone con difficoltà motorie. In particolare per l importanza economica e turistica del settore nautico, in questa sede si assume l impegno a non procedere, per tutta la durata del mandato, ad alcun aumento delle tariffe di ormeggio e dei servizi, che eccedano l eventuale adeguamento ISTAT. FONDO SOCIALE COMUNALE PER LAVORI SOCIALMENTE UTILI Uno sbocco alla disoccupazione. Su questo problema, in continua crescita, vogliamo intervenire, non solo utilizzando i fondi Istituzionali già presenti, ma avvalendoci di un apporto finanziario comunale, così come abbiamo fatto in questi anni sul contributo agli affitti. E' un'esperienza temporanea di lavoro presso la Pubblica Amministrazione per svolgere lavori utili alla collettività. I Lavori Socialmente Utili possono essere di tre tipi: 1) Lavori di pubblica utilità 2) Prestazioni di attività socialmente utili 3) Lavori socialmente utili mirati. Questi progetti possono prevedere l utilizzo di: lavoratori in cerca di prima occupazione, o disoccupati iscritti da più di 2 anni nelle liste di collocamento lavoratori iscritti nelle liste di mobilità, non percettori dell'indennità di mobilità o di altro trattamento speciale di disoccupazione lavoratori iscritti nelle liste di mobilità e percettori dell'indennità di mobilità o di altro trattamento speciale di disoccupazione lavoratori che godono del trattamento straordinario di integrazione salariale, sospesi a zero ore gruppi di lavoratori espressamente individuati in accordi per la gestione di esuberi nel contesto di crisi aziendali, di settore e di area. 18

19 19 Le attività saranno finalizzate a : cura e conservazione dell'ambiente urbano e rurale; supporto logistico agli eventi, manifestazioni e mostre che promuovono e molteplici risorse storiche, culturali e paesaggistiche della Città; collaborazione e supporto al riordino di archivi e recupero di lavori arretrati di tipo tecnico e amministrativo; custodia e vigilanza di impianti e attrezzature sportive, di centri sociali, di centri socioassistenziali, educativi e culturali in collaborazione con gli Enti gestori; servizi ausiliari di tutela e sostegno alla persone in situazione di fragilità e bisogno sociale, da svolgersi in collaborazione con i servizi sociali. AGENZIA SOCIALE PER LA CASA L alto livello dei prezzi degli alloggi in locazione nel territorio finalese, situazione che ha reso sempre più rigido il mercato immobiliare locale, rende problematico l accesso all affitto ad un numero sempre maggiore di persone che non riescono a rispondere all offerta abitativa in locazione. Il cosiddetto ceto medio si assottiglia sempre più e la vulnerabilità dimostrata dalla crisi evidenzia quanto il bene casa subito dopo il tema del lavoro- sia l elemento chiave di tenuta o di cedimento delle famiglie negli ultimi anni. I proprietari si trovano invece ad affrontare nuove norme sulla fiscalità e si sono trovati impreparati a trovare soluzioni alternative alla locazione estiva; locazione di rifugio per la zona costiera che oggi non ha più le certezze e le rendite del passato. In continuità amministrativa vogliamo proseguire l azione di utilizzo del Fondo Regionale per la costituzione dell Agenzia per la Casa, al quale l amministrazione uscente aveva aderito insieme alla Città di Albenga. Principalmente l Agenzia intende favorire la ricerca di un alloggio privato in affitto da parte delle famiglie che si trovano in condizione di disagio abitativo, e fruiscono di un reddito certo. L Agenzia dovrà diventare un soggetto capace di aggregare e coordinare, nell ambito locale, interessi, azioni e attori diversi coinvolgendoli in una nuova politica di abitare sociale, fornendo strumenti di garanzia a tutela del pagamento del canone di locazione ai proprietari. Un compito sarà anche garantire il pagamento di 12 mensilità, contestualmente all attivazione della messa in mora da parte del proprietario, per mezzo del Fondo di Garanzia istituito dalla Regione Liguria attraverso la finanziaria FILSE. Si potranno istituire polizze assicurative che garantiscano al proprietario il ristoro dagli eventuali danni provocati dall inquilino che abbia rilasciato l immobile; svolgere una serie di attività funzionali alla selezione ed individuazione dei proprietari e dei conduttori; svolgere 19

20 20 attività di orientamento ed accompagnamento dei potenziali conduttori verso una gestione responsabile della casa (dall allacciamento delle utenze, alla manutenzione ordinaria). SERVIZI SOCIO-SANITARI DISTRETTUALI E COMUNALI La Città di Finale Ligure ha il compito di presiedere le politiche sociosanitarie distrettuali in quanto Comune capofila, in un ottica ormai consolidata di associazionismo tra comuni. I servizi alla persona creati in questi anni ed oramai istituzionalizzati sono molteplici, ma molte volte sconosciuti all utenza. Nonostante il Distretto Finalese sia stato nel 2009 tra i primi in Regione Liguria a creare e distribuire ai suoi cittadini la Carta dei Servizi e ad inserirla nei siti comunali in modo da essere aggiornata e consultata, rimane un obiettiva difficoltà ad informare il cittadino. Offriamo, vogliamo continuare ad offrire e vogliamo potenziare in futuro: Sportello di Cittadinanza e Sportello Sociosanitario integrato Servizi per la Famiglia (Consulenza legale-mediazione familiare-consulenza psicologica) Servizi per la Prima Infanzia (Servizio Primavera-Sostegno educativo- Affido familiare ed educativo- Campi solari-centri di aggregazione per ragazzi-asili nido) Servizi per l autonomia delle persone disabili (Sportello informazioni-sportello ANMIC) Invecchiamento Attivo (Buon vicinato e anziani socialmente utili-centri ricreativi per Anziani-Soggiorni estivi- Trasporto sociale Ginnastica dolce per anziani) Servizio per la non autosufficienza Servizi domiciliari (assistenza domiciliare- Telesoccorso- Pasti caldi a Domicilio) Servizi di sostegno economico (Assegno di maternità-assegno al nucleo familiare numeroso- Contributo sugli Affitti-Interventi per il sostegno al reddito) Servizi per persone con problemi di Salute Mentale o dipendenze Sportello sociosanitario sul Gioco d Azzardo Sportello di sostegno psicologico per malattie croniche e oncologiche E necessario conferire continuità ai servizi finora erogati in campo sociale coinvolgendo sempre di più il settore del volontariato, in particolare la sua Consulta Finalese che l amministrazione uscente ha fortemente voluto e che ha permesso un integrazione ed un rafforzamento dei rapporti tra le istituzioni e i volontari, senza i quali ogni progetto non avrebbe avuto e non avrà la stessa energia e la stessa diffusione. Attraverso la loro collaborazione ed utilizzando metodi informativi non solo informatici, ma anche cartacei a diffusione periodica, 20

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento FINALITÀ Destagionalizzazione dei flussi turistici RISORSE DISPONIBILI Euro 15 milioni BENEFICIARI Grande impresa

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole 5.3.3.1 MISURE INTESE A DIVERSIFICARE L ECONOMIA RURALE 5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Riferimenti normativi Articolo 53 del Regolamento CE n.1698/05. Articolo 35 del

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione:

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: GAL Riviera dei fiori. Asse 4 Leader del Programma regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013. Misura 421 Cooperazione. Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: 1) Valorizzazione

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI AGRICOLTURA COMMERCIO TURISMO ARTIGIANATO In questi anni l Amministrazione Comunale ha portato avanti l azione

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Operazione b: REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE RICREATIVE CON SERVIZI DI PICCOLA RICETTIVITA

Operazione b: REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE RICREATIVE CON SERVIZI DI PICCOLA RICETTIVITA FEASR ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento PSR 2007-2013 Regione Piemonte GAL Escartons e Valli Valdesi Programma di Sviluppo locale Fare impresa, fare sistema nel territorio delle

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità

Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità E stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, dopo un attesa di ben 2 settimane e tante modifiche, il Decreto Sblocca Italia, D.L. 133/2014. Dall analisi

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) 1. Generalità Avviso pubblico La regione dell Umbria, con DGR 7 aprile 2013, n. 281, ha approvato l avviso per la presentazione

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA SETTORE LAVORI PUBBLICI - VIABILITA' E MOBILITA' Protocollo n. 0032126/2013 Spinea, lì 24/10/2013 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO DI PREINFORMAZIONE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Cosa faremo. Programma legislatura 2010-2015 TURISMO

Cosa faremo. Programma legislatura 2010-2015 TURISMO Cosa faremo Programma legislatura 2010-2015 TURISMO INFRASTRUTTURE Utilizzo e valorizzazione delle infrastrutture già in opera, studio di fattibilità per adeguamento e abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile DOCUMENTO del gruppo La città accessibile TITOLO DELLA PROPOSTA: Bella e accessibile Follonica /problemi di ieri e di oggi Fino al 1836 poco più di uno stradello collegava il primo forno fusorio, Forno

Dettagli

Comune di Valentano Provincia (VT) Scheda riepilogativa dei Lavori Pubblici per Categoria

Comune di Valentano Provincia (VT) Scheda riepilogativa dei Lavori Pubblici per Categoria per Categoria Altra edilizia pubblica 5 - Completamento museo 420.000,00 0,00 0,00 8 - Museo, messa a norma e antincendio 0,00 103.550,00 0,00 22 - Museo, riscaldamento 0,00 0,00 60.000,00 37 - Ristrutturazione

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Premessa L Amministrazione Comunale di Matino ha incaricato il sottoscritto Arch. Daniele Cataldo a redigere il seguente progetto definitivo-esecutivo (al fine della realizzazione

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 Presentazione Programma Amministrativo Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI DELLA LISTA N.1 INSIEME PER DIANO - al servizio della

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Patti Territoriali della Provincia di Torino

Patti Territoriali della Provincia di Torino Patti Territoriali della Provincia di Torino Progetti infrastrutturali Area Attività produttive Progetti infrastrutturali dei Patti della Provincia di Torino I Patti Territoriali possono essere valutati

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI

SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI LAINO CASTELLO Piazza I Maggio n 18

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Elenco per priorità generale

Elenco per priorità generale Comune di Isola Delle Femmine Elenco per priorità generale Triennio di riferimento 2009-2011 Reti distribuzione energia elettrica e gas Interventi volti all'autoproduzione energetica per i seguenti edifici

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune.

Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune. SCUOLA CULTURA SPORT ASSOCIAZIONISMO VOLONTARIATO Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune. L Amministrazione intenderà: garantire spazi sicuri, curati e funzionali

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 74 Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio 75 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA tra

PROTOCOLLO DI INTESA tra PROTOCOLLO DI INTESA tra Comune di Bologna, con sede legale in Piazza Liber Paradisus n. 10, Bologna, nella persona di Virginio Merola in qualità di Sindaco della Città di Bologna; Asppi, con sede legale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO ARTICOLO 2- FINALITA'

Dettagli

Il bando Liguria/unioni di Comuni

Il bando Liguria/unioni di Comuni Il bando Liguria/unioni di Comuni Contributi alle nuove Unioni di Comuni Amministrazione Erogatrice Regione Liguria Istituzionale Normativa Dlgs 18 agosto 2000 n.267, articolo 32 Dl 31 maggio 2010 n.78/2010,

Dettagli

OFFERTA IMMOBILIARE Settore turistico

OFFERTA IMMOBILIARE Settore turistico OFFERTA IMMOBILIARE Settore turistico Villaggio turistico in vendita in Molise - Campomarino (CB) Villaggio turistico in vendita in Molise oggetto: COMPLESSO TURISTICO IN VENDITA A CAMPOMARINO (CB) Lo

Dettagli

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4 Il distretto Turistico: un opportunità per turisti ed imprenditori. Destinazioni ed itinerari per l allungamento della stagione e un maggior utilizzo delle strutture ricettive. Jesolo, 13 febbraio 2006

Dettagli

1. INTERVENTI ECONOMICI

1. INTERVENTI ECONOMICI PIANO DEGLI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI DEL COMUNE DI TIONE DI TRENTO PER L ANNO 2016 PREMESSA La Provincia Autonoma di Trento ha approvato in data 10 luglio 2009 il Libro Bianco sulle

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità 1 Bologna, 4 maggio 2012 Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità UNCEM Green Communities Cofinanziamento: Produzione: 2 Obiettivi Generali di progetto Promuovere lo sviluppo sostenibile come

Dettagli

Nell ottica dei nuovi bisogni rilevati in una società in accelerata trasformazione e continuo mutamento, abbiamo riscontrato la necessità e la

Nell ottica dei nuovi bisogni rilevati in una società in accelerata trasformazione e continuo mutamento, abbiamo riscontrato la necessità e la A TUTTO SPORT! Azioni sportive per una comunità in movimento PREMESSA Lo sport è un veicolo per le relazioni e, allo stesso tempo, un promotore di impegno e identità attivi; un punto di partenza dal quale

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Il Bio Distretto Cilento, nella Regione Campania Salvatore Basile, AIAB

Il Bio Distretto Cilento, nella Regione Campania Salvatore Basile, AIAB Lo stato dell arte della programmazione e dell attuazione delle misure rilevanti per l agricoltura biologica nei PSR regionali. Prime valutazioni e riflessioni. c) Le esperienze di alcune regioni italiane

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni

COMUNE DI PRATO. Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni COMUNE DI PRATO Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni Gruppo di lavoro per l elaborazione del Piano per l Accessibilità Urbana Coordinatore Gruppo Arch.

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Premessa

RELAZIONE GENERALE. Premessa RELAZIONE GENERALE Premessa La scuola dell infanzia con il Nido Integrato persegue la formazione integrale di bambini dai 12 ai 36 mesi offrendo opportunità per il raggiungimento di capacità e competenze

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli