PROGRAMMA ELETTORALE LISTA FERRARI SINDACO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 25 MAGGIO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA ELETTORALE LISTA FERRARI SINDACO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 25 MAGGIO 2014"

Transcript

1 1 PROGRAMMA ELETTORALE LISTA FERRARI SINDACO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 25 MAGGIO 2014 L Amministrazione che andrà al governo della Città dovrà ispirarsi alla indispensabile attività della Persona: il Lavoro. Lo sviluppo di Finale, come sta avvenendo in tutta Europa, si sta modificando radicalmente e la deindustrializzazione ci vede direttamente interessati, in particolare con la delocalizzazione della Piaggio Aero Industries, azienda che, fino ad ora, ha svolto un ruolo molto importante nell economia della nostra Città. La difesa dell occupazione ci troverà impegnati ad oltranza, come è peraltro avvenuto in questi anni, ma non senza guardare al futuro, in particolare ai giovani e alle nuove opportunità che il nostro fantastico territorio può offrire. L Amministrazione uscente è riuscita a far divenire centrale, un po per tutte le liste, l argomento territorio, sottolineando la decisiva importanza turistica ed economica per quanto attiene la storia, la cultura, il mondo legato all outdoor, l enogastronomia, le spiagge. TURISMO Il Turismo è destinato a divenire sempre più la maggior risorsa della nostra economia e su di esso, dopo le importanti infrastrutture che sono state realizzate in questi anni, occorrerà focalizzare l attenzione ed i necessari investimenti per dare slancio e competitività a tutta la nostra Città. Si dovrà quindi procedere a: Creazione di una Consulta permanente per il Turismo, al fine di favorire il dialogo con l Amministrazione, in particolare, per una tempestiva individuazione e soluzione dei vari problemi riscontrati dalle Categorie; Attività di promozione territoriale, in coordinamento con le varie Associazioni, incentivando la messa in rete e la collaborazione attiva tra i vari soggetti pubblici e privati operanti sul 1

2 2 territorio, al fine di garantire un offerta turistica di qualità, finalizzata ad una moderna e reale cultura dell accoglienza; Sostegno economico e logistico alle molteplici e varie iniziative culturali e sportive, che da tempo rappresentano uno dei più efficaci strumenti per la promozione territoriale; Maggiore attenzione alle esigenze delle attività turistico - ricettive e sostegno allo sviluppo delle nuove forme di ospitalità previste dalla legge regionale, al fine di sfruttare al meglio le potenzialità del capitale immobiliare esistente ai fini turistici; Incentivazione di politiche di coordinamento turistico-economico con i Comuni adiacenti, sulla scorta della positiva esperienza del Progetto Quattro Borghi, con la contestuale individuazione di una specifica figura per il reperimento di fondi regionali, statali ed europei, da destinare alla promozione territoriale, allo sviluppo delle infrastrutture, al miglioramento e riqualificazione delle strutture ricettive, agli investimenti per le attività produttive; Investimenti per la valorizzazione dell entroterra, in particolare delle eccellenze naturalistiche, paesaggistiche e sportive; Maggiori investimenti per favorire il decoro urbano; Potenziamento dell Ufficio Turismo, da intendersi quale portale fisico del Territorio, dei suoi prodotti, delle sue bellezze e dei suoi eventi; Creazione di una rete tra gli Uffici turistici dei Comuni del Comprensorio; Consolidare, attraverso l impiego di risorse pubbliche e private, anche in collaborazione con i Comuni del Comprensorio, la produzione di materiale informativo aggiornato, con indicazione degli orari e delle modalità di trasporto verso i luoghi di interesse; Promozione territoriale digitale a mezzo di Adwords (inserimento di pubblicità all interno di pagine internet), Socialnetworks (forme di comunicazione sociale in rete quali, ad esempio, Facebook, Twitter, MySpace), Newsletter (notiziari scritti o per immagini, diffusi periodicamente per posta elettronica); Valorizzazione dei monumenti, dei siti archeologici e, più in generale, della gloriosa storia e cultura del Territorio del Marchesato del Finale; Favorire, soprattutto durante la stagione estiva, il divertimento serale e notturno per i giovani, attuando una collaborazione con gli esercenti delle attività commerciali e turistiche, attraverso una rivalutazione dei Regolamenti comunali, in armonia con la normativa regionale e nazionale di riferimento. 2

3 3 AREE PIAGGIO I recenti negativi sviluppi del "braccio di ferro" che il management della Piaggio ha voluto imporre ai lavoratori, dovranno essere tenuti nella debita considerazione dalla futura Amministrazione Comunale. La delocalizzazione di Piaggio Aero Industries ed il recupero delle aree attualmente occupate dalla fabbrica, che ha visto fin dall inizio una posizione responsabile dell Amministrazione uscente, è finora stata considerata parte di un operazione industriale, nella quale la valorizzazione delle aree ne costituiva solo uno degli elementi. Qualora, per volontà dell Azienda, dovesse venir meno l obiettivo della salvaguardia occupazionale, la valorizzazione delle aree andrà rivista come una semplice operazione urbanistica, con una riduzione radicale delle destinazioni residenziali, una ridistribuzione della volumetria ed un consistente aumento di aree verdi, aree produttive a basso impatto ambientale, attività turisticoricettive e più in generale, interventi di interesse pubblico. In tutti i casi, dal recupero delle aree Piaggio dovrà attendersi un armonioso completamento della Città, con l indispensabile inserimento di opere ed attività funzionali ai bisogni di Finale. ATTIVITA PRODUTTIVE Tra le attività che la futura Amministrazione dovrà adottare devono considerarsi fondamentali: La creazione di un servizio di consulenza start up per giovani e nuovi imprenditori; La creazione, fatti salvi i compiti istituzionali propri di altri Enti, di una "Centrale Operativa del Lavoro", con il compito di raccogliere le richieste occupazionali direttamente dalle Aziende presenti sul nostro territorio. Contestualmente dovrà essere costituito un archivio telematico, accessibile via Internet, che consentirà di ottimizzare le sinergie tra la domanda e l'offerta lavorativa territoriale; Ulteriore e significativa riduzione della tassazione a sostegno delle Attività Produttive; 3

4 4 Riduzione dei tempi burocratici, attraverso un maggior ricorso a pre audit, web e semplificazione amministrativa; Lotta all abusivismo commerciale; Ricorso alle Società pubbliche che già si occupano della gestione dei finanziamenti comunitari, fornendo assistenza alle Aziende per l'accesso ai fondi comunitari di finanziamento, anche attraverso la FILSE (Finanziaria Ligure per lo Sviluppo Economico); In collaborazione con le Associazioni di categoria, organizzazione di seminari periodici su corsi di aggiornamento, accesso ai finanziamenti e novità normative; Ulteriore diminuzione delle imposte comunali, a sostegno degli investimenti delle Aziende in materia di riduzione dell impatto ambientale, utilizzo di energie alternative, efficienza energetica, incrementi occupazionali e, più in generale, miglioramento dei rispettivi standard qualitativi; Rilancio dei Centri Integrati di Via come unica ed efficiente risposta alla spietata concorrenza di centri e parchi commerciali; Miglioramento dell arredo urbano; Sostegno alle attività artigianali, anche attraverso l organizzazione di corsi professionali per il recupero di antichi mestieri ed attuazione di una politica per incentivare la diffusione del mercato artigianale ; Creazione di una Consulta dell Impresa, che svolga una funzione di indirizzo e supporto tecnico all attività dell Amministrazione; Per l importanza turistica ed occupazionale, incondizionato appoggio alle istanze dei gestori di stabilimenti balneari, poiché solo una stabilità delle concessioni potrà determinare il ritorno ad investimenti nel settore; Incrementare il progetto wi-fi gratuito (connessione ad internet) sul Lungomare, sulle principali piazze e luoghi frequentati, al fine di soddisfare le nuove esigenze di comunicazione. AGRICOLTURA ENOGASTRONOMIA 4

5 5 Consapevoli della strategica importanza che riveste nel nostro Territorio, il Gusto è stato impiegato per promuovere turisticamente le nostre Terre. Il Finalese si qualifica, a pieno titolo, per le prelibate eccellenze Liguri: l Olio Extravergine di Oliva Taggiasca e Finalina (Colombaia), il Chinotto, l Arancia Pernambucco, la Mela Carla (o Finalina), la Prugna Basaricatta, l Albicocca Siccardi (Valleggia), il Rosmarino a fiore bianco di Varigotti, passando per ortaggi, agrumi ed erbe aromatiche varie, arrivando ad alcuni tra i più apprezzati Vini Liguri. Oltre alla produzione, il Finalese può però vantare grandi eccellenze anche nella trasformazione dei prodotti, con specialità uniche come i Chifferi di Finale, le Esse e le Melanzane ripiene di Gorra, le Sfogliatelle di Varigotti, le Acciughe salate del Mar Ligure, insuperabili formaggi e salumi, un invidiata gelateria artigianale, il pesto e la pasta fresca, le pregiate marmellate di chinotto ed arancia pernambucco, i delicati prodotti dell arte bianca, il miele, i distillati e le birre dell Abbazia Benedettina di Finalpia. Un simile patrimonio deve ad ogni costo essere valorizzato, affinché anche il Gusto partecipi con l Arte, la Storia, la Cultura, l Ambiente ed il Clima a permettere che il soggiorno nel Finalese offra un unica ed indimenticabile esperienza, immune da ogni volo low cost nel mondo. Per incentivarne la valorizzazione occorrerà: Mantenere ed incoraggiare tutte le manifestazioni di promozione dei prodotti tipici locali (Salone Agroalimentare, Festa dell Olio Nuovo, Expo della Riviera e le sue Valli, Vini Inquieti, Slow Food Day, Festa Provinciale delle Pro Loco, Serate del Pesto, ed altro); Organizzare nuovi eventi legati ai prodotti tipici locali nei vari Rioni, in collaborazione con le Aziende commerciali ed i pubblici esercizi; Organizzare corsi di degustazione delle varie tipicità, in particolare rivolti ai professionisti della ristorazione, per favorirne la conoscenza e la diffusione; Avvalendosi della misura del PSR 2014/2020 destinata alla Cooperazione, realizzare un applicazione multilingue per Smartphone (La strada del Gusto) che consenta di conoscere la localizzazione sul territorio di tutte le aziende agricole, di trasformazione e ristorazione impegnate nel prodotto tipico locale, con l indicazione di orari e prezzi di vendita, produzioni, specialità, recapiti; Promozione e patrocinio del mercatino agricolo esistente, con esenzione del pagamento del Canone di Occupazione del Suolo Pubblico ed ulteriore riduzione della ex TIA al fine di reperire utili risorse per la dotazione di un omogeneo allestimento dei vari banchi mercato; 5

6 6 Istituzione delle Denominazioni Comunali (DE.CO) e promozione dei relativi prodotti, anche attraverso le specifiche misure contenute nel PSR e dedicate alle Certificazioni Locali; Avvio della procedura di istituzione del Presidio Slow Food, dedicato alla Mela Carla o Mela Finalina e alla cultivar di Olivo Colombaia o Finalina, arancia pernambucco; Stampa, divulgazione e promozione della Pomona Italiana di Giorgio Gallesio. Incentivare le attività didattiche con le scuole per avvicinare gli studenti al mondo agricolo/rurale; Incentivare filiera agroalimentare locale e costruzione nuove relazioni con il sistema turistico ricettivo (ristoranti, alberghi, locande B&B, ecc); OUTDOOR L aumento degli arrivi dell 8,5 % rispetto al 2012, mentre testimonia l impegno dell Amministrazione uscente nello sviluppo delle attività outdoor, traccia il cammino che dovrà essere seguito. Il nostro meraviglioso Territorio ha conquistato migliaia di appassionati, fino a diventare una delle principali mete internazionali per l Arrampicata e la Mountain Bike. Per valorizzare ulteriormente questo importante patrimonio occorrerà: Migliorare il coordinamento delle varie attività svolte sul territorio, dedicando maggiori risorse per la manutenzione dei sentieri e la messa in sicurezza delle vie di arrampicata; Formalizzare il costante rapporto dell Amministrazione con Associazioni, Guide Alpine e Naturalistiche, Shuttle, proprietari, all interno di una Consulta dell Outdoor, cui affidare compiti di indirizzo e gestione; Quale fondamentale esperienza pilota, condurre a compimento il protocollo di intenti già delineato tra Associazioni, Guide ed alcuni proprietari, per giungere all istituzione di un Area Tematica dedicata all Outdoor; Coinvolgere in tutte le attività di regolamento e promozione anche i Comuni limitrofi, al fine di creare un vero sistema dell Outdoor finalese; Sulla base delle esperienze locali fino ad ora accumulate, stimolare una disciplina Regionale partecipata delle attività outdoor; Realizzare il progetto, già presentato al Ministero del Turismo per un cofinanziamento, di una carta multimediale 3D con itinerari certificati, in particolare in ordine al loro regime pubblico, da impiegarsi come unica piattaforma topografica e multimediale. La carta 6

7 7 digitale dovrà essere disponibile via web, ma anche scaricabile come applicazione per smartphone e gps cartografici; L organizzazione di eventi sportivi legati all Outdoor; incentivare l impiego di mezzi pubblici, in particolare il bus quattroborghi, per l accesso alle principali pareti di arrampicata; In collaborazione con le Associazioni e le Guide alpine, individuare un sito adeguato per la creazione di una palestra di arrampicata indoor e conseguente sua realizzazione con risorse pubbliche e private, eventualmente anche attraverso il recupero ed il trasferimento del muro di arrampicata ubicato nell area ex Borgo Sport in idonea struttura nell ambito della Palestra Rivetti; Rendere permanenti, con tutte le relative indicazioni e salvo l accordo con i privati ove necessario, i tracciati della 24 Ore di Mountain Bike, il sentiero trail Ermanno Fossati, alcuni percorsi gravity realizzati nel rispetto dell Ordinanza attualmente in vigore e quanto dovesse emergere in sede della Consulta dell Outdoor; Individuare, in collaborazione con la Consulta, specifici tracciati per il ciclismo su strada, trekking a cavallo, escursionismo (hiking), north walking, archeotrekking;. Valorizzazione dell Outdoor Blu sostenendo l attività del Circolo Nautico del Finale e la Lega Navale (Sentieri Blu, Scuola Vela, Diving, Apnea profonda, Pesca Sportiva, etc.), in particolare con una loro maggior diffusione nelle scuole; In collaborazione con le Associazioni di tutela ambientale, Circolo Nautico, Lega Navale, Pescatori Sportivi e Professionisti, creazione di un Parco Blu nell area Secca delle Stelle - Secca di Marassi. SPORT Le Associazioni Sportive, grazie alle quali nel 2012 Finale è stata insignita del titolo di Città Europea dello Sport, costituiscono uno dei più importanti patrimoni della nostra Comunità. Nell ambito di un programma concordato con la Consulta dello Sport occorrerà: Procedere ad una manutenzione straordinaria di tutti gli impianti sportivi, con un programma triennale; Realizzare un ricovero per attrezzature sportive nell ambito del Palasport di Via Calice; Definire la costruzione di uno Skate Park (come opera a scomputo di oneri di urbanizzazione) innanzi la nuova palestra di Via XXV Aprile; 7

8 8 Acquisire i campi da tennis di Finalpia dalla Regione Liguria, che ne ha ingiustamente disposto l alienazione; Procedere alla realizzazione di un campo da beach volley; Promuovere, per quanto di competenza, il progetto per la realizzazione di un campo di tiro a segno, in area privata al coperto, già identificata; Estendere la competenza dell Ufficio Stampa Comunale a tutte le manifestazioni sportive organizzate nell ambito del territorio; Assicurare alle Associazioni la logistica necessaria all organizzazione dei vari eventi; Sostenere con maggiori risorse le attività sportive svolte nell ambito della scuola, estendendole, altresì, alle principali attività outdoor, in particolare arrampicata e vela; Estendere le competenze della Consulta dello Sport alla predisposizione degli interventi di manutenzione, di realizzazione di nuove opere ed erogazione di contributi; Coinvolgere la Consulta nella progettazione definitiva del nuovo Palazzetto dello Sport, da realizzarsi nell ambito dell operazione urbanistica ex Cava Ghigliazza; Sostenere l organizzazione dei grandi eventi sportivi ed in generale delle iniziative rivolte ai giovani; Sistemazione del campo da basket situato in Via Dante; Procedere, nell ottica di una delocalizzazione dei magazzini comunali di Via Calice, alla realizzazione di un ulteriore palestra in sito. CULTURA I recenti dati sulle presenze turistiche hanno evidenziato che la Città di Finale Ligure, puntando su un offerta che completa quella balneare, è in costante crescita e si propone per i prossimi anni di incrementare ulteriormente il trend positivo. Questo obiettivo si otterrà con l ottimizzazione delle sinergie tra pubblico e privato, indispensabili per una gestione totale di tutti i siti architettonici che la Città di Finale offre. La nostra configurazione rionale, con i suoi numerosi e variegati contenitori culturali di pregio, rappresenta una stimolante opportunità per creare una commistione tra evento culturale e la cornice in cui l evento stesso viene ospitato. Il Complesso Monumentale di Santa Caterina, con il suo ampio utilizzo, rappresenta un importante punto di aggregazione, contribuendo, grazie alle manifestazioni ospitate, a far conoscere Finale per la qualità dei suoi eventi culturali. Questa felice esperienza, che ha favorito la crescita del Borgo, sarà utilizzata come modello di riferimento anche per la Fortezza genovese di Castelfranco, situata a cavallo tra Marina e Pia, 8

9 9 offrendo finalmente la possibilità a questi due Rioni di collegarsi attraverso una serie di manifestazioni condivise. Consentirà, inoltre, per la sua particolare posizione, di soddisfare le numerose richieste che provengono dal mondo giovanile e che sfoceranno in eventi dedicati ai ragazzi. Innovativa ed in linea con l originalità dell offerta finalese, sarà l utilizzo del Teatro Sivori, in via di restauro, che avrà una funzione che non si limiterà a musica e prosa, ma offrirà ai Cittadini finalesi ed ai loro ospiti, la straordinaria occasione di dotarsi di un cinema comunale inserito in un contesto così prestigioso e unico nel panorama nazionale. Il Teatro Aycardi, ormai prossimo al restauro integrale, sarà un ideale sede per consentire, alle tante Associazioni culturali, di poter realizzare ed esprimere le proprie creatività, poiché in questi anni il mondo culturale finalese è cresciuto in maniera esponenziale e questa vivace realtà deve essere ulteriormente stimolata con l utilizzo del Teatro stesso. Si è concluso un periodo in cui Finale, con la Festa dell Inquietudine ha ricevuto la Medaglia di Rappresentanza dal Presidente della Repubblica, ha ottenuto al MEI di Faenza un importante riconoscimento Nazionale per la promozione e il sostegno alla Musica Indipendente e rassegne quali Percorsi Sonori e Viaggio nel Medioevo sono stati premiati al Festival Mare di Sanremo, quali migliori manifestazioni nella Provincia di Savona. Questi successi saranno, quindi, un importante punto di partenza per individuare sistemi per la ricerca dei contributi e la gestione dei beni monumentali e sviluppare ancor di più l offerta culturale della Città, con la promessa e la consapevolezza di un impegno crescente volto a qualificare Finale Ligure come punto di riferimento culturale della Riviera. AMBIENTE - TERRITORIO I principi fondamentali, sui quali si basa il nostro programma in materia ambientale, sono volti al mantenimento e miglioramento dell alto livello di vivibilità presente sul Territorio. Operare per la tutela e la valorizzazione dell ambiente, del paesaggio, del verde pubblico, del nostro straordinario patrimonio storico-artistico è uno dei nostri primari obiettivi. L azione amministrativa dovrà essere diretta alla salvaguardia dell ambiente, concepito come valorizzazione dell habitat in cui viviamo e non come consumo sconsiderato del suolo. L attenzione sarà rivolta al conseguimento della migliore fruizione del territorio, andando a rendere maggiormente agevole la viabilità rurale, la rete sentieristica e l utilizzo a scopi turistici e ricreativi delle aree oggi abbandonate, incentivando iniziative che creino sviluppo ed occupazione, al fine di generare un valore aggiunto e duraturo nel tempo. 9

10 10 A tutela del territorio si dovrà provvedere a: Redazione di un progetto integrato di valorizzazione del Finalese, attraverso il recupero del paesaggio e del suo patrimonio storico-artistico; Mantenimento della Certificazione Ambientale e miglioramento degli obiettivi; Potenziamento della raccolta differenziata, attraverso campagne di sensibilizzazione, progetti di educazione ambientale in particolare nell ambito della Scuola Primaria e Secondaria; Miglioramento delle prestazioni di efficienza energetica degli edifici, incremento e sviluppo delle fonti di energia rinnovabile, ulteriore collocazione di pannelli fotovoltaici sugli edifici comunali, impianti sportivi e scuole; Ricerca dei finanziamenti necessari alla realizzazione, per lotti funzionali, delle opere previste dal concorso di progettazione per la protezione degli arenili ed, in tale contesto, adottare una politica di semplificazione per ottenere le autorizzazioni necessarie al ripascimento delle spiagge; Affinamento del piano di spazzamento e del piano del verde, con la definitiva adozione della Carta dei Servizi; Gestione del Territorio quale risorsa all interno di un sistema condiviso di presidio e sviluppo, che non può essere il Parco Regionale del Finalese, in quanto strumento superato e fonte di nuovi pesanti vincoli, in particolare sull attività venatoria e l agricoltura. URBANISTICA Pianificare vuol dire dare impulso allo sviluppo sociale ed economico della Città. Il Piano Urbanistico Comunale, pur se approvato nel 2007, ha avuto un elaborazione iniziata oltre dieci anni prima ed un lungo e travagliato iter di approvazione che lo ha reso superato dai tempi. L aggiornamento del PUC non è, quindi, rimandabile. Il tema della pianificazione urbanistica deve tener conto dei fabbisogni delle persone, con particolare riguardo alla prima casa per le giovani coppie e mirare a sviluppare un aggiornamento che guardi alle aspettative generali e rispecchi le necessità dell oggi. L obiettivo del minor consumo del suolo è attualmente il tema dominante nella pianificazione. La Regione sta riscrivendo il Piano Territoriale Regionale sulla base di più rispetto per l ambiente, semplificazione delle procedure, e costruire sul costruito. 10

11 11 Quindi, il nuovo Piano dovrà puntare sulla rigenerazione dei volumi esistenti, favorendone il riutilizzo e la sostituzione, soprattutto per quegli edifici strutturalmente, funzionalmente ed energeticamente obsoleti. Un altro obiettivo sarà quello di incentivare, nella nuova versione dello strumento urbanistico, il recupero dei terreni agricoli e l uso produttivo del bosco, in considerazione anche del nuovo Piano di Sviluppo Rurale 2014/2020. Si dovrà quindi informare la revisione del Piano Urbanistico Comunale a: Incentivo ulteriore verso una politica per la Prima Casa ; Sviluppo eco-compatibile del territorio; Incentivazione al recupero del patrimonio edilizio esistente; Sostegno alle azioni volte alla riqualificazione edilizia ed alla rigenerazione urbana a salvaguardia dell economia locale. Realizzazione di nuovi collegamenti (viari e no). Ad esempio, collegamento Finalpia San Bernardino; collegamento meccanizzato tra Via Aurelia e Castelfranco; Mantenimento e recupero delle zone a vocazione agricola. Per quanto attiene il rapporto tra l Ufficio Urbanistica e l utenza, si attueranno le soluzioni già individuate, volte a determinare chiarezza ed uniformità nell interpretazione delle norme urbanistiche e paesaggistiche, ad un elaborazione di un archivio accessibile on line sui pareri e sulle interpretazioni di maggior rilievo, oltre a riunioni periodiche con i Tecnici comunali per risolvere le eventuali problematiche riscontrate dai Professionisti incaricati dai Cittadini. LAVORI PUBBLICI Nonostante negli ultimi dieci anni siano stati investiti in lavori pubblici di manutenzione dell acquedotto e delle fognature oltre 16 milioni di Euro (su un totale di circa 50 milioni di Euro per opere pubbliche), ancora numerosi sono gli interventi da realizzare. La nostra Amministrazione proporrà un programma pluriennale degli investimenti, rispondendo alle esigenze primarie dei cittadini, impegnandosi pertanto al reperimento di fondi al fine di attuare le opere di cui la Città ha bisogno e che dipenderà strettamente dalle risorse di bilancio, dal reperimento di fondi europei, statali e regionali, dalla rigidità del patto di stabilità, dall evoluzione degli Ambiti Territoriali Ottimali, dall andamento delle entrate tributarie ed extra tributarie e dai trasferimenti dallo Stato. L'obbiettivo della salvaguardia dell'economia locale sarà fondamentale per la nostra attività amministrativa e sarà attuato attraverso l'incremento della presenza negli appalti di imprese locali 11

12 12 mediante procedure di semplificazione per l'affidamento dei LL.PP. Con l'obbiettivo dichiarato di avere ricadute sul sistema economico locale e sul suo indotto. E' fondamentale in questi momenti di particolare crisi economica e sociale che l'amministrazione adotti strumenti che possano costituire un concreto volano di sviluppo locale. Per questo motivo sarà avviato un regolamento, come già sperimentato in altre enti della nostra provincia, di procedure di affidamento che incoraggino un'alta percentuale di presenza di imprese locali rispetto alle altre, vietando ovviamente qualsiasi esclusiva, al fine della tutela dell'economia e dell'occupazione locale. Nel corso dei prossimi anni l Amministrazione dovrà provvedere a: - Completamento del Teatro Sivori e del Teatro Aycardi, grazie ai fondi regionali già stanziati; - Manutenzione del Complesso di Santa Caterina; - Rifacimento della facciata di Palazzo Ricci; - Delocalizzazione dell immobile ex acque minerali da Finalborgo con sistemazione e valorizzazione della porta Romana e dello storico lavatoio; - Completamento dell iter di acquisizione di Castel San Giovanni, iniziato nel 2011; - Manutenzione strade e giardini con la possibilità di affidare a soggetti esterni la manutenzione delle aree verdi al di fuori della Passeggiata Migliorini, che rimarrebbe invece di gestione comunale; - Realizzazione di una pista ciclabile in Viale Dante Alighieri; - Manutenzione straordinaria degli edifici scolastici, reperimento fondi per l acquisizione, eventualmente anche a scomputo d oneri, dell area già individuata per la costruzione della nuova scuola di Finalborgo; - Realizzazione, a scomputo d oneri, della pavimentazione ed illuminazione del tratto di passeggiata tra Capo San Donato e Varigotti; - Manutenzione straordinaria dei marciapiedi; - Reperimento dei fondi per la realizzazione del terzo lotto dei lavori per il recupero di Castel Govone; - Ulteriore allestimento e manutenzione dei parchi giochi per bambini; - Particolare attenzione dovrà essere rivolta alla percorribilità per tutti delle strade della Città, con l eliminazione di ogni barriera fisica che limiti la libertà di movimento della Persona, dando così attuazione allo studio effettuato dalla Commissione Invalidi Civili istituita presso il Comune di Finale Ligure. 12

13 13 FINALPIA: - Nuovo studio, realizzazione ed armonizzazione dell arredo urbano del Rione; - Rifacimento e riqualificazione di Piazza Abbazia; - Miglioramento della circolazione pedonale, soprattutto mediante rifacimento dei marciapiedi e creazione di centri di aggregazione, anche attraverso l istituzione di sensi unici, zone a traffico limitate ed aree pedonali, in ogni caso attraverso una progettazione partecipata con gli abitanti, i commercianti e gli esercenti del Rione; - Manutenzione straordinaria del Lungomare nel tratto a ponente del Molo di Finalpia, con rifacimento, a scomputo d oneri, del tratto di passeggiata dal Molo al Boncardo e annessi sottoservizi; - Realizzazione di un nuovo pozzo nell ambito del Rione; - Dismissione della vecchia tubazione insistente su Via Castelletto Inferiore e Superiore; - Prosecuzione delle condotte di adduzione e distribuzione al futuro serbatoio da costruirsi in Loc. Belvedere; - Realizzazione di aree destinate alla sosta dei residenti; - Sostituzione tubazione di distribuzione di Via P. Cappa. CALVISIO VERZI: - Completamento delle percorrenze pedonali-ciclabili verso mare; - Realizzazione canalizzazione acque bianche in Via Bedina Via N. Lamboglia. - Realizzazione canalizzazione acque bianche Vico Drago - Metanizzazione della Frazione Verzi e delle zone ancora sprovviste del servizio; Valorizzazione della Val Ponci. FINALBORGO / VIA DANTE - VIA BRUNENGHI - Sistemazione dell area pedonale - carrabile a Porta Testa, a seguito della realizzazione della nuova rotonda e verifica nuova viabilità; - Completamento della sostituzione delle tubazioni principali tra il campo pozzi di Via Nievo e la vasca di Via della Pineta; - Opere di manutenzione straordinaria della vasca di Via della Pineta; - Costruzione di un nuovo pozzo presso il parco giochi di Via Nievo; - Sostituzione tubazione principale sita tra Via Nievo e Via Arnaldi e tra Porta Testa e il Ponte nuovo sul Torrente Pora; 13

14 14 - Sostituzione della tubazione tra la stazione di rilancio di Via Manzoni e la strada di Monticello, con contestuale abbassamento della stazione di rilancio per l appoggio sulla rete bassa di Marina; - Sostituzione della tubazione di Via S. Michele (parte restante) e Via Oddone Pascale; - Ripristino marciapiedi in Via Brunenghi e nuove piantumazioni; - Rifacimento marciapiedi in Via Dante; - Rifacimento marciapiedi in Via Manzoni; - Nuova pavimentazione in Via dell Annunziata; - Realizzazione marciapiedi a raso nella strettoia di Via Brunenghi, tra Via Manzoni e Via Fiume; - Manutenzione muri a delimitazione del tratto Comunale di Via Cavasola; Manutenzione straordinaria Piazza della Serenità. FINALMARINA: - Manutenzione ordinaria e straordinaria del Lungomare e delle aree verdi; - Incentivazione dell illuminazione pubblica a risparmio energetico; - Sistemazione pavimentazione vie del centro storico; - Rifacimento marciapiedi di via Unità d'italia e via Mameli; - Rifacimento marciapiedi di via Nievo; - Rifacimento marciapiedi Via Aurelia. Preso atto che è iniziata l installazione delle telecamere ad alta definizione per la videosorveglianza, l impegno sarà di proseguire nell esecuzione del progetto mediante il finanziamento del secondo lotto, finalizzato a completare l intero sistema. VARIGOTTI - Completamento del Lungomare nel tratto compreso tra l Hotel del Golfo e l inizio dell abitato; - Progettazione della pista ciclabile lato mare, con studio di fattibilità e successiva realizzazione delle cabine degli stabilimenti balneari al di sotto della stessa; - Sistemazione della passeggiata esistente con sostituzione dei vasi a delimitazione della Via Aurelia, parti della pavimentazione e panchine; - Sistemazione di alcuni tratti della pavimentazione del Borgo vecchio; - Completamento del nuovo locale tecnico con la parte idraulica e gli automatismi di rete necessari anche all eliminazione del troppo pieno alla vasca di Varigotti; 14

15 15 - Realizzazione delle nuove condotte principali di adduzione e distribuzione; - Metanizzazione delle aree ancora sprovviste del servizio; - Realizzazione di nuove condotte di distribuzione per Loc. Giardino, Cà dei Mori, Strada del Pino e Strada degli Arenzi; - Completamento della procedura di acquisizione dal Demanio di Punta Crena; Completamento della progettazione partecipata con gli abitanti e gli esercenti per la sistemazione delle aree ex FF.SS. ed esecuzione lavori. GORRA OLLE: - Completamento e potenziamento dell acquedotto; - Completamento della rete fognaria Valgelata Bottassano; - Avvio dei lavori, già finanziati, del completamento del cimitero; - Realizzazione di parcheggi pubblici anche attraverso il contributo determinato da interventi privati.; - Realizzazione, per le zone di Bracciale Vecchio e Castellino-Cantini, di 2 booster di sovrapressione al fine di sfruttare le tubazioni dedicate per tali località già posate con un recente appalto; - Realizzazione di una nuova tubazione per la distribuzione idrica alle abitazioni site lungo la strada di accesso alla Loc. Cantini dalla SP490 del Melogno; - Sostituzione della rete idrico-potabile esistente nel tratto Cimitero di Gorra Piazza della Chiesa di Olle; - Completamento dei lavori di realizzazione di nuova condotta di adduzione alla vasca di Cà del Moro attraverso il collegamento alla vasca di Olle Inferiore, con contestuale creazione di stazione di rilancio presso quest ultima (lavori a scomputo ex ristorante Cà del Moro); - Sostituzione della tubazione portante di Valgelata in arrivo alla vasca di Castellino; - Metanizzazione della frazione Olle e delle aree ancora sprovviste; - Muri strada Bottassano Gorra; - Collegamento stradale Gorra Bottassano Borgio; - Studio per la realizzazione, in collaborazione con gli altri Enti proposti e Società Autostrade, di una rotonda o diversa soluzione per eliminare il pericolo dell intersezione tra la S.P. 490 e lo svincolo dell Autostrada; - Allargamento dell innesto tra la S.P. 490 e Via Olle Superiore. - MONTE ISASCO MANIE SAN DONATO: 15

16 16 - Manutenzione generale degli spazi pubblici; - Realizzazione della fognatura in località San Donato; - Realizzazione condotta fognaria in Località Le Manie; - Intervento sulla stazione di rilancio dell acquedotto in Loc. Monte; Studio di fattibilità e interessamento presso gli Enti preposti per interventi di adeguamento della viabilità della Provinciale. MONTICELLO SAN BERNARDINO - Miglioramento della viabilità lungo Via della Pineta mediante allargamenti in alcuni punti; - Realizzazione del collegamento alternativo Monticello San Bernardino utilizzabile in caso di emergenza; - Metanizzazione della Frazione Monticello; - Progetto per un nuovo collegamento veicolare alla frazione San Bernardino, anche attraverso sistemi alternativi; - Finanziamento del progetto già approvato per la sistemazione della frana nei pressi del Cimitero di Monticello; Nuova pavimentazione Piazza della Chiesa di Monticello. PERTI: - Creazione di un centro sociale e di un nuovo seggio elettorale per la Frazione nell area ex maneggio Ippica; - Sostituzione integrale della rete di distribuzione di Via Calice nel tratto San Sebastiano Loc. Mordeglia; - Realizzazione di nuovo pozzo in Loc. San Sebastiano, con contestuale creazione di locale interrato per i quadri elettrici; - Realizzazione di nuova vasca di accumulo nella zona ex cava Rocca di Perti; - Nuova pavimentazione piazza Perti Alto; - Metanizzazione delle aree ancora sprovviste del servizio. ILLUMINAZIONE PUBBLICA - Rifacimento completo della pubblica illuminazione in Via Forti di Legnino; 16

17 17 - Rifacimento completo della pubblica illuminazione presso il Parcheggio adiacente al Condominio delle Mura in Finalborgo; - Sostituzione delle armature delle luci: lato mare passeggiata Finalmarina,, Strada della Selva, Strada Bracciale, Via Aquila 2, Via Calice, tratto vecchio, Parco Gatti; - Sostituzione armature delle luci e pali in Via dell Edera e adiacente campetto di calcio; - Completamento della sostituzione dei punti luce Enel Sole; - Completamento della sostituzione delle vecchie armature non a led dell illuminazione pubblica comunale; - Sostituzione luci e solenoidi della fontana a spruzzi di Finalmarina. - Potenziamento luci Vico Ditta (Aquila); GIARDINI - Rifacimento muretti aiuole lato mare Finalmarina Varigotti; - Rifacimento aiuole via Cadana; - Rifacimento aiuola via Dante (curva); -Sistemare aiuole Monumento ai Caduti Finalborgo / Marina; - Rifacimento aiuole piazza Montale; - Riseminare aiuole parcheggio adiacente il Condominio delle Mura in Finalborgo; - Rifacimento aiuole svincolo Piaggio; - Risistemazione aree verdi presso la Scalinata di Castelfranco. PORTO Dopo il lungo e travagliato iter del Piano Particolareggiato, si dovrà provvedere al completamento delle aree a terra, già previsto nel progetto esecutivo, eventualmente attraverso la realizzazione di più lotti funzionali, con priorità alla realizzazione dei nuovi servizi igienici. Al fine di evitare il periodico insabbiamento del passo di accesso e la fastidiosa rifrazione del moto ondoso all interno dello specchio acqueo, si dovrà procedere alla progettazione definitiva ed alla successiva realizzazione delle opere di risagomatura della diga di sovraflutto o, comunque, delle soluzioni tecniche individuate in sede progettuale. Entro l anno corrente dovrà essere approvato il nuovo Regolamento di gestione che semplifichi le varie procedure previste, adeguandole all essenziale carattere turistico del Porto di Capo San Donato. 17

18 18 Nell ambito delle operazioni Piaggio e Ghigliazza, si dovrà individuare un area per la creazione di un Porto Secco, con la conseguente liberazione delle aree oggi previste nell ambito del Porto, da destinarsi ad area lavori e rimessaggio. Al fine di agevolare la nautica per tutti si dovrà dotare almeno una banchina o pontile con attrezzature idonee all imbarco e sbarco di persone con difficoltà motorie. In particolare per l importanza economica e turistica del settore nautico, in questa sede si assume l impegno a non procedere, per tutta la durata del mandato, ad alcun aumento delle tariffe di ormeggio e dei servizi, che eccedano l eventuale adeguamento ISTAT. FONDO SOCIALE COMUNALE PER LAVORI SOCIALMENTE UTILI Uno sbocco alla disoccupazione. Su questo problema, in continua crescita, vogliamo intervenire, non solo utilizzando i fondi Istituzionali già presenti, ma avvalendoci di un apporto finanziario comunale, così come abbiamo fatto in questi anni sul contributo agli affitti. E' un'esperienza temporanea di lavoro presso la Pubblica Amministrazione per svolgere lavori utili alla collettività. I Lavori Socialmente Utili possono essere di tre tipi: 1) Lavori di pubblica utilità 2) Prestazioni di attività socialmente utili 3) Lavori socialmente utili mirati. Questi progetti possono prevedere l utilizzo di: lavoratori in cerca di prima occupazione, o disoccupati iscritti da più di 2 anni nelle liste di collocamento lavoratori iscritti nelle liste di mobilità, non percettori dell'indennità di mobilità o di altro trattamento speciale di disoccupazione lavoratori iscritti nelle liste di mobilità e percettori dell'indennità di mobilità o di altro trattamento speciale di disoccupazione lavoratori che godono del trattamento straordinario di integrazione salariale, sospesi a zero ore gruppi di lavoratori espressamente individuati in accordi per la gestione di esuberi nel contesto di crisi aziendali, di settore e di area. 18

19 19 Le attività saranno finalizzate a : cura e conservazione dell'ambiente urbano e rurale; supporto logistico agli eventi, manifestazioni e mostre che promuovono e molteplici risorse storiche, culturali e paesaggistiche della Città; collaborazione e supporto al riordino di archivi e recupero di lavori arretrati di tipo tecnico e amministrativo; custodia e vigilanza di impianti e attrezzature sportive, di centri sociali, di centri socioassistenziali, educativi e culturali in collaborazione con gli Enti gestori; servizi ausiliari di tutela e sostegno alla persone in situazione di fragilità e bisogno sociale, da svolgersi in collaborazione con i servizi sociali. AGENZIA SOCIALE PER LA CASA L alto livello dei prezzi degli alloggi in locazione nel territorio finalese, situazione che ha reso sempre più rigido il mercato immobiliare locale, rende problematico l accesso all affitto ad un numero sempre maggiore di persone che non riescono a rispondere all offerta abitativa in locazione. Il cosiddetto ceto medio si assottiglia sempre più e la vulnerabilità dimostrata dalla crisi evidenzia quanto il bene casa subito dopo il tema del lavoro- sia l elemento chiave di tenuta o di cedimento delle famiglie negli ultimi anni. I proprietari si trovano invece ad affrontare nuove norme sulla fiscalità e si sono trovati impreparati a trovare soluzioni alternative alla locazione estiva; locazione di rifugio per la zona costiera che oggi non ha più le certezze e le rendite del passato. In continuità amministrativa vogliamo proseguire l azione di utilizzo del Fondo Regionale per la costituzione dell Agenzia per la Casa, al quale l amministrazione uscente aveva aderito insieme alla Città di Albenga. Principalmente l Agenzia intende favorire la ricerca di un alloggio privato in affitto da parte delle famiglie che si trovano in condizione di disagio abitativo, e fruiscono di un reddito certo. L Agenzia dovrà diventare un soggetto capace di aggregare e coordinare, nell ambito locale, interessi, azioni e attori diversi coinvolgendoli in una nuova politica di abitare sociale, fornendo strumenti di garanzia a tutela del pagamento del canone di locazione ai proprietari. Un compito sarà anche garantire il pagamento di 12 mensilità, contestualmente all attivazione della messa in mora da parte del proprietario, per mezzo del Fondo di Garanzia istituito dalla Regione Liguria attraverso la finanziaria FILSE. Si potranno istituire polizze assicurative che garantiscano al proprietario il ristoro dagli eventuali danni provocati dall inquilino che abbia rilasciato l immobile; svolgere una serie di attività funzionali alla selezione ed individuazione dei proprietari e dei conduttori; svolgere 19

20 20 attività di orientamento ed accompagnamento dei potenziali conduttori verso una gestione responsabile della casa (dall allacciamento delle utenze, alla manutenzione ordinaria). SERVIZI SOCIO-SANITARI DISTRETTUALI E COMUNALI La Città di Finale Ligure ha il compito di presiedere le politiche sociosanitarie distrettuali in quanto Comune capofila, in un ottica ormai consolidata di associazionismo tra comuni. I servizi alla persona creati in questi anni ed oramai istituzionalizzati sono molteplici, ma molte volte sconosciuti all utenza. Nonostante il Distretto Finalese sia stato nel 2009 tra i primi in Regione Liguria a creare e distribuire ai suoi cittadini la Carta dei Servizi e ad inserirla nei siti comunali in modo da essere aggiornata e consultata, rimane un obiettiva difficoltà ad informare il cittadino. Offriamo, vogliamo continuare ad offrire e vogliamo potenziare in futuro: Sportello di Cittadinanza e Sportello Sociosanitario integrato Servizi per la Famiglia (Consulenza legale-mediazione familiare-consulenza psicologica) Servizi per la Prima Infanzia (Servizio Primavera-Sostegno educativo- Affido familiare ed educativo- Campi solari-centri di aggregazione per ragazzi-asili nido) Servizi per l autonomia delle persone disabili (Sportello informazioni-sportello ANMIC) Invecchiamento Attivo (Buon vicinato e anziani socialmente utili-centri ricreativi per Anziani-Soggiorni estivi- Trasporto sociale Ginnastica dolce per anziani) Servizio per la non autosufficienza Servizi domiciliari (assistenza domiciliare- Telesoccorso- Pasti caldi a Domicilio) Servizi di sostegno economico (Assegno di maternità-assegno al nucleo familiare numeroso- Contributo sugli Affitti-Interventi per il sostegno al reddito) Servizi per persone con problemi di Salute Mentale o dipendenze Sportello sociosanitario sul Gioco d Azzardo Sportello di sostegno psicologico per malattie croniche e oncologiche E necessario conferire continuità ai servizi finora erogati in campo sociale coinvolgendo sempre di più il settore del volontariato, in particolare la sua Consulta Finalese che l amministrazione uscente ha fortemente voluto e che ha permesso un integrazione ed un rafforzamento dei rapporti tra le istituzioni e i volontari, senza i quali ogni progetto non avrebbe avuto e non avrà la stessa energia e la stessa diffusione. Attraverso la loro collaborazione ed utilizzando metodi informativi non solo informatici, ma anche cartacei a diffusione periodica, 20

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli