Allegato a) di IO FOC 001 rev.0 Pagina 1 di 60

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato a) di IO FOC 001 rev.0 Pagina 1 di 60"

Transcript

1 Dipartimento Direttore Danilo Massai Via Oberdan / Sovigliana/Vinci Telefono Fax Pagina di 0

2 INDICE PRESENTAZIONE... LINEE STRATEGICHE ED OBIETTIVI FORMATIVI AZIENDALI... 5 Settori dell organizzazione aziendale...5 Obiettivi formativi strategici e indicatori di valutazione... ANALISI FABBISOGNI FORMATIVI... 9 CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL PERSONALE... PERSONALE DA COINVOLGERE NELLA FORMAZIONE... SOLUZIONI INNOVATIVE DEL PROGRAMMA... La struttura formativa... Gli Attori...5 AZIONI DI FORMAZIONE PROGRAMMATA PER IL PERSONALE DIPENDENTE... 7 Sicurezza...8 ai sensi del Decreto del Presidente della Giunta Regionale 4//00 n. /R...9 Direzione Generale...0 Dipartimento Amministrativo... Dipartimento Chirurgico... Dipartimento Diagnostica...5 Dipartimento Emergenza Urgenza... Dipartimento Interaziendale per la Continuità nell Assistenza...9 Dipartimento Materno Infantile...0 Dipartimento Medico... Dipartimento Prevenzione...4 Dipartimento Professioni Sanitarie...9 Dipartimento Salute Mentale...45 Dipartimento Specialistica...49 Dipartimento Tecnico...50 Dipartimento Territorio Fragilità...5 AZIONI DI FORMAZIONE PROGRAMMATA PER IL PERSONALE CONVENZIONATO... 5 di na Generale...54 Continuità Assistenziale...55 Pediatri di Libera Scelta...55 AZIONI DI FORMAZIONE A CATALOGO... 5 EVENTI E CONVEGNI RISORSE FINANZIARIE Comparto...58 Dirigenza Sanitaria Tecnica - Professionale - Amministrativa...58 Dirigenza Medica e Veterinaria...59 VERIFICA STATO DI REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA... 0 Pagina di 0

3 PRESENTAZIONE Il 9 aprile 0 è stato approvato l'accordo Stato-Regioni n.0 sull'ecm, Il nuovo sistema di formazione continua in medicina - Linee guida per i Manuali di accreditamento dei provider, albo nazionale dei provider, crediti formativi triennio 0/0, federazioni, ordini, collegi e associazioni professionali, sistema di verifiche, controlli e monitoraggio della qualità, liberi professionisti. In base a questo accordo e al conseguente atto regionale n. 599/ si rende necessaria una riflessione sulla formazione ECM e sulle modalità di gestione e valutazione della stessa. Nelle linee di indirizzo declinate nell accordo e riprese dall atto regionale vengono declinate 7 aree tematiche che saranno prioritarie per la formazione nella sanità e che riportiamo qui di seguito: Le 7 aree tematiche, che si propongono di migliorare i sistemi sanitari nel loro complesso, sono riferite a tutti gli operatori sanitari e fanno riferimento a: - il soddisfacimento dei bisogni formativi nel campo specifico delle proprie conoscenze e competenze tecnico professionali relative alle attività svolte; - la capacità di collaborazione e integrazione tra strutture, tra attività e tra professionisti; - il trasferimento nelle pratiche preventive e clinico assistenziali, delle conoscenze e delle innovazioni tecnico scientifiche, organizzative e gestionali, con le relative valutazioni di impatto; - la cultura e la pratica della sistematica valutazione della qualità dei processi, degli esiti, della qualità percepita delle attività rese attraverso programmi educazionali finalizzati ad un uso esperto delle tecniche di audit, di revisione tra pari, di seminari di autovalutazione dando così impulso al circuito del miglioramento continuo; - la sistematica attività di diffusione dei principi, degli strumenti e delle procedure idonee ed efficaci al radicamento delle buone pratiche professionali in particolare l'adesione, l'adattamento, l'applicazione e la valutazione di impatto di linee guida, raccomandazioni, protocolli diagnostico-terapeutici, percorsi di cura ed assistenza; - la cultura della sicurezza delle cure attraverso programmi di formazione per la prevenzione, la rilevazione e la gestione degli errori nei sistemi e nelle procedure tecnico professionali; - la cultura dei valori etici e civili del nostro sistema di tutela della salute, in particolare la centralità del cittadino-paziente nei servizi perseguendo gli obiettivi di una comunicazione efficace per una migliore gestione del consenso informato e delle plurime relazioni interprofessionali, di umanizzazione dei luoghi, dei processi e delle relazioni di cura, di utilizzo efficace, efficiente (management) ed appropriato delle risorse, anche attraverso una sistematica attività di informazione e formazione sui codici deontologici professionali. Oltre a queste sette aree, nel PAAF 0 vengono riportati tutti gli obiettivi nazionali dall Accordo Stato-Regioni n. 9 del 009 declinati nelle tre aree: competenze tecnico specialistiche, competenze di processo relazionali/comunicative e competenze sistema, organizzativo/gestionale e situazionali di ruolo. La delibera regionale, inoltre, declina come ambiti di particolare rilievo: - umanizzazione delle cure, nell'ambito del quale viene sottolineato il trattamento del dolore acuto e cronico; - qualità dei sistemi e dei processi clinico assistenziali, nell'ambito del quale vengono sottolineati l'applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle procedure dell'evidence Pagina di 0

4 based practice, l'appropriatezza delle prestazioni nei LEA, i sistemi di valutazione verifica e miglioramento dell'efficienza e dell'efficacia e gli aspetti relazionali; - contenuti tecnico-professionali specifici di ciascuna professione. La formazione quindi diventa lo strumento fondamentale per supportare le indicazioni nazionali e regionali e mantenere continuamente aggiornate le competenze dei professionisti del SSR e SSN. Pagina 4 di 0

5 LINEE STRATEGICHE ED OBIETTIVI FORMATIVI AZIENDALI L Agenzia per la predispone il Programma Annuale delle Attività Formative (PAAF), come previsto dal Piano Pluriennale della 0 05, sulla base dei fabbisogni formativi rilevati e nel rispetto di quanto previsto nei C.C.I.A. Settori dell organizzazione aziendale Le attività formative descritte nel programma accompagnano la realizzazione degli obiettivi strategici per l anno 0 ed in particolare impattano sulle seguenti aree:. Rete Ospedaliera ed intensità di cura Completare il processo di assistenza per intensità di cura Ridisegnare la giornata di ricovero scandita sugli orari del paziente Elaborare i piani di attività e di assistenza. Sistema Emergenza Urgenza Garantire la funzionalità del DEU. Rete Territoriale e sanità d iniziativa Sviluppare modelli multiprofessionali riconducendo i professionisti del territorio in strutture di riferimento per l erogazione dell assistenza primaria Strutturare percorsi alternativi e preventivi alla ospedalizzazione Estendere la sanità di iniziativa 4. Prevenzione Rimodulare l attività di prevenzione in linea con le indicazioni e gli obiettivi regionali 5. Qualità e Sicurezza Implementare i processi di accreditamento, di certificazione ISO 900:008 e di certificazione all eccellenza Implementare il modello di gestione e controllo ex D. Lgs /0 Predisporre i piani di sviluppo individuali Implementare il sistema di sicurezza aziendale. Sociale Promuovere azioni di sostegno alla fragilità del singolo/famiglie Implementare il percorso di accreditamento nei servizi sociali 7. Management sanitario Mantenere i livelli di garanzie e di diritti per i cittadini ricollocando le risorse sulla base della funzione e dei volumi di attività Ridefinire gli assetti amministrativi in funzione della semplificazione delle procedure per il cittadino Sostenere lo sviluppo di un sistema organizzativo orientato alla centralità del cittadino utente Garantire il mantenimento e lo sviluppo di modelli operativi integrati ed efficienti Migliorare la comunicazione sia interna che esterna Pagina 5 di 0

6 8. na penitenziaria Sviluppare un sistema di servizi per il recupero e il reinserimento sociale dei malati psichici Garantire l attuazione degli obiettivi strategici della Regione Toscana relativi alla gestione di casi di malattie infettive (hiv, tbc ed epatite) in carcere Obiettivi formativi strategici e indicatori di valutazione L azienda mira ad implementare un sistema attraverso il quale attuare e promuovere un'organizzazione flessibile, dinamica, basata su un approccio olistico, in grado di rispondere ai bisogni e ai problemi del cittadino, inserito nei percorsi della rete integrata di servizi efficaci ed efficienti, attivati in relazione all'intensità e alla complessità assistenziale. Partendo da queste premesse sono stati ripresi dal Piano Pluriennale di gli obiettivi formativi e sono stati correlati alla competenza che contribuiscono a sviluppare. Competenze tecnico specialistiche OBIETTIVI PAAF Epidemiologia, prevenzione e promozione della. salute Argomenti di carattere generale: informatica e lingua inglese scientifica di livello avanzato.. Normativa in materia sanitaria: i principi etici e civili del SSN/SSR Contenuti tecnico-professionali (conoscenze e. competenze) specifici di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica. Malattie rare ne non convenzionali: valutazione 4. dell efficacia in ragione degli esiti e degli ambiti di complementarietà Processi di innovazione organizzativa all interno dell Azienda X CORRELAZIONI Obiettivi di programmazione regionale X X X Analisi aziendale dei fabbisogni formativi 5. Trattamento del dolore acuto e cronico. Palliazione X X. Fragilità (minori, anziani, tossicodipendenti, salute mentale): tutela degli aspetti assistenziali e socio assistenziali X X X 7. Sicurezza alimentare e/o patologie correlate X X 8. Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro e/o patologie correlate 9. Sanità veterinaria X Farmacoepidemiologia, farmacoeconomia, 0. farmacovigilanza Implementazione della cultura e della sicurezza in. materia di donazione-trapianto Innovazione tecnologica: valutazione, miglioramento dei processi di gestione delle. tecnologie biomediche e dei dispositivi medici. Technology assessment Tematiche speciali del SSN e SSR ed a carattere urgente e/o straordinario individuate dalla. Commissione Nazionale ECM e dalle Regioni/Province Autonome per far fronte a specifiche emergenze sanitarie X X X X X X X X X X X X X Pagina di 0

7 Competenze di processo relazionali/comunicative OBIETTIVI PAAF Documentazione clinica. Percorsi clinico 4. assistenziali diagnostici riabilitativi, profili di assistenza-profili di cura Appropriatezza prestazioni sanitarie nei LEA. 5. Sistemi di valutazione, verifica e miglioramento dell efficienza ed efficacia Integrazione interprofessionale e. multiprofessionale, interistituzionale Integrazione tra assistenza territoriale e 7. ospedaliera Management sanitario. Innovazione gestionale e 8. sperimentazione di modelli organizzativi e gestionali Aspetti relazionali (comunicazione interna, esterna, 9. con paziente) e umanizzazione cure La comunicazione efficace, privacy, consenso 0. informato Metodologia e tecniche di comunicazione sociali per. lo sviluppo dei programmi nazionali e regionali di prevenzione primaria Multiculturalità e cultura dell accoglienza. nell attività sanitaria Tematiche speciali del SSN e SSR ed a carattere urgente e/o straordinario individuate dalla. Commissione Nazionale ECM e dalle Regioni/Province Autonome per far fronte a specifiche emergenze sanitarie Processi di innovazione organizzativa all interno dell Azienda CORRELAZIONI Obiettivi posti dalla programmazion e regionale Analisi aziendale dei fabbisogni formativi X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Competenze di sistema, organizzativo/gestionale e situazionali di ruolo OBIETTIVI PAAF Processi di innovazione organizzativa all interno dell Azienda CORRELAZIONI Obiettivi posti dalla programmazione regionale Analisi aziendale dei fabbisogni formativi Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e 4. delle procedure dell evidence based practice (ebmebn-ebp) X X 5. Linee guida, protocolli e procedure X X Principi, procedure e strumenti per il governo. clinico delle attività sanitarie X X X 7. La sicurezza del paziente risk management X X X 8. Etica, bioetica e deontologia X Argomenti di carattere generale: informatica e lingua inglese scientifica di livello avanzato. 9. Normativa in materia sanitaria: i principi etici e civili del SSN/SSR X X Gli indicatori che consentono all azienda di valutare la propria attività formativa sono: - Gli obiettivi formativi declinati nei progetti di dettaglio risultano coerenti con gli obiettivi strategici aziendali. - Realizzazione dell 80% degli eventi programmati. - Coinvolgimento di almeno l 80% del personale per attività formative. - Almeno il 50% degli eventi formativi realizzati presenta il carattere multidisciplinare - Il 90% delle attività formative accreditabili risultano accreditate ECM Pagina 7 di 0

8 - Implementazione dati nel sistema AFR per le attività formative accreditate ECM e realizzate. - Le valutazioni di apprendimento risultano positive per almeno il 90% dei partecipanti. Pagina 8 di 0

9 ANALISI FABBISOGNI FORMATIVI Il Programma Annuale Attività Formative (PAAF) del 0 deriva dal Piano Pluriennale di (PPF) Un analisi preliminare delle necessità formative emerge dallo stato di avanzamento dei progetti presenti sul PFT 008/0 e dalla percentuale dei corsi realizzati su quelli programmati per i vari Dipartimenti. Inoltre il Dipartimento Agenzia per la, con i propri professionisti, ha programmato e svolto gli incontri con i Dipartimenti in modo da valutare lo stato dell arte dei percorsi programmati per l anno in corso e la programmazione per il 0, verificando la coerenza degli obiettivi proposti dai singoli Dipartimenti con il contesto organizzativo e strategico nel quale ci stiamo muovendo. L analisi dei bisogni risulta comunque una fase molto delicata nel processo e deve essere condotta parallelamente, rispetto al complesso contesto di relazioni organizzative che fa da sfondo all attività di formazione. Tale percorso, anche se inserito all inizio dell intero processo, in realtà può essere ritrovato in svariati altri momenti, dato che il processo è caratterizzato dalla circolarità e dal miglioramento continuo. Il Dipartimento Agenzia per la ha affiancato e supportato, con i propri formatori, la dirigenza nelle riunioni dei Dipartimenti e durante l intero processo, non circoscrivendo la propria attività solo alla fase iniziale. Inoltre il sistema di bisogni è fortemente vincolato dall appartenenza organizzativa, ed i bisogni di formazione, se pure costituiscono un elemento molto specifico, non possono essere considerati come estranei ai processi aziendali, di area vasta, regionali e nazionali. I bisogni di formazione, essendo parte del sistema di bisogni degli individui, ne vengono in vario modo influenzati, quindi non sono altro che ciò che di volta in volta emerge proprio dall incontro tra la definizione che ne dà l organizzazione e quella che danno gli individui (Bennis W.G., 974). Risulta pertanto necessario analizzare risorse e vincoli presenti nell azienda per effettuare una corretta analisi dei bisogni. Per tale scopo esistono varie metodologie da scegliere in base al contesto e al fine. Per la costruzione del PAAF 0, le metodologie utilizzate sono state: riunioni aziendali e focus group di seguito descritte più in dettaglio. Inoltre, la strutturazione aziendale di un sistema di mappatura delle posizioni lavorative (job desdcription) permetterà di misurare lo scarto tra quanto richiesto dall azienda per le varie posizioni e quanto posseduto dal singolo professionista, in modo da tarare percorsi formativi professionalizzanti ad hoc, con la logica della formazione modulare descritta nel paragrafo dedicato alle metodologie. Dopo il percorso che ha portato alle creazione della figura dei Referenti Assicurazione Qualità (RAQ), il sistema aziendale e della formazione dispone di varie figure di supporto per l analisi dei bisogni formativi: Formatori, Animatori di (AdF) e RAQ. Il passo successivo sarà quello di sviluppare il dossier del professionista che contenga le competenze acquisite con i vari percorsi formativi e consenta all azienda di avere un cruscotto per la gestione del capitale umano. Pagina 9 di 0

10 RIUNIONI AZIENDALI: Vista la creazione di una nuova architettura formativa per la costruzione e lo sviluppo delle attività per i professionisti dell Azienda USL, sono stati svolti incontri con la Direzione Aziendale, con i formatori e con ogni Dipartimento, al fine di presentare un nuovo modello di gestione della formazione e di analisi dei fabbisogni. Ogni Dipartimento ha valutato la necessità di effettuare incontri interni per condividere le proprie strategie formative per il 0. Le riunioni sono state autogestite dai vari Dipartimenti/UU.OO. con il supporto diretto dei formatori di riferimento del Dipartimento della e dagli AdF dello specifico Dipartimento FOCUS GROUP: L idea che sta alla base di questa metodologia, come di altre che si basano sull interazione di gruppo, è che, se diversi osservatori che analizzano un fenomeno lo descrivono nello stesso modo, è molto probabile che tale osservazione risultati attendibile. Il focus group è un intervista di gruppo guidata da un moderatore che stimola la discussione e riporta i partecipanti al problema nel caso di divagazioni. Gli incontri sono stati gestiti in collaborazione con i formatori dell Agenzia per la e gli AdF ed effettuati per tutti i Dipartimenti. Durante i comitati di Dipartimento sono state discusse le necessità emerse dalle varie UU.OO. Le richieste dei Direttori sono state valutate ed integrate con le necessità rilevate dagli animatori nei vari settori. Gli incontri hanno avuto una durata variabile. Dall incrocio tra le necessità emerse dalla Direzione e quelle emerse dagli animatori, e quindi dal personale, sono state stilate le proposte di dettaglio per l attivazione dei percorsi che sono confluiti nel PAAF 0. Bertin in L. Stagi Il focus group come tecnica di valutazione in Rassegna Italiana di Valutazione n.0 ott-dic. 000 Pagina 0 di 0

11 CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL PERSONALE Le iniziative di formazione riguardano tutto il personale a tempo indeterminato, il personale dirigente e il personale con contratto superiore ad un anno. Il Dipartimento Agenzia per la può, altresì, autorizzare il personale a tempo determinato a partecipare ad iniziative di formazione per nuovi assunti o con ricaduta nel breve periodo. Nel periodo 0 05 si prevede di offrire opportunità formative a tutto il personale dipendente e convenzionato dell azienda. Per il personale del ruolo sanitario l opportunità formativa sarà orientata a massimizzare l acquisizione dei crediti ECM così come previsto dalla normativa. La formazione è garantita anche a coloro che sono esonerati dall obbligo dei crediti. Per formazione non si intende solo i corsi d aggiornamento strutturati, attuati sia in sede sia fuori sede, in forma obbligatoria che facoltativa, ma anche formazione sul campo, audit e riunioni di struttura a scopo. PERSONALE DA COINVOLGERE NELLA FORMAZIONE RUOLO SANITARIO Professionisti con obbligo ECM QUALIFICA N. Assistente sanitario 0 Biologo 0 Chimico Dietista 4 Dirigente sanitario Educatore 5 Farmacista 0 Fisioterapista 55 Infermiere 87 Logopedista 5 Medico 87 Odontotecnico Ortottista Ostetrica 59 Ottico Psicologo Tecnico audiometrista Tecnico di neurofisiopatologia 4 Tecnico prevenzione 0 Terapista neuropsicomotricista Terapista occupazionale 4 TSLB 54 TSRM 49 Veterinario 5 TOTALE 8 Pagina di 0

12 Professionisti esclusi dall obbligo ECM QUALIFICA N. Infermiere generico 7 Massofisioterapista 4 Puericultrice TOTALE RUOLO AMMINISTRATIVO QUALIFICA N. Assistente amministrativo 95 Coadiutore amministrativo 04 Collaboratore amministrativo 98 Commesso Dirigente amministrativo 0 RUOLO TECNICO TOTALE QUALIFICA N. Assistente sociale 8 Assistente tecnico 5 Ausiliario 5 Collaboratore tecnico professionale 5 Dirigente sanitario Operatore socio sanitario 5 Operatore tecnico 4 OTAA 0 RUOLO PROFESSIONALE TOTALE 47 QUALIFICA N. Avvocato Ingegnere CONVENZIONATI Professionisti con obbligo ECM TOTALE 7 TIPOLOGIA N. na Generale 7 Pediatri Libera Scelta Emergenza Sanitaria Territoriale 9 Continuità Assistenziale 4 Specialisti Ambulatoriali 45 TOTALE Pagina di 0

13 SOLUZIONI INNOVATIVE DEL PROGRAMMA La struttura formativa La costruzione del piano pluriennale, al fine di ottimizzare le risorse economiche e garantire la formazione al personale, seguirà una logica di progettazione modulare. Di conseguenza, il PAAF 0 si basa sulla stessa logica. Il primo anno verrà mantenuta sia la logica per Dipartimenti sia quella per aree con l obiettivo di avvicinarsi sempre più, nell arco dei cinque anni, ad una gestione degli eventi formativi per aree. L obiettivo è quello di creare percorsi formativi ad hoc per i professionisti tramite la frequenza a moduli formativi predefiniti. Tale struttura si basa su due pilastri fondamentali: l architettura intesa come insieme delle aree tematiche e dei moduli formativi e il percorso del singolo professionista personalizzato in base ai suoi bisogni formativi. Ogni modulo vedrà la partecipazione di vari professionisti al fine di implementare sempre più la logica multidisciplinare. Architettura moduli aree tematiche aree tematiche aree tematiche aree tematiche aree tematiche Il professionista segue il proprio piano di sviluppo entrando e uscendo da questi moduli. L «entrata» in ogni modulo è definita dall autovalutazione/valutazione del professionista sulle competenze associate alla propria job description (rilevazione gap ) e dal conseguente piano di sviluppo individuale, elaborato e/o approvato dal diretto superiore. Pagina di 0

14 Percorso moduli aree tematiche aree tematiche aree tematiche aree tematiche aree tematiche CREDITI ECM DOSSIER FORMATIVO Un architettura formativa di questo tipo permette di creare una struttura flessibile e quindi integrabile con nuove linee di sviluppo in base a indicazioni nazionali, regionali ed aziendali che possono pervenire in un arco di tempo relativamente lungo (0 05). Questo nuovo sistema, orientato ad una forte integrazione tra formazione e obiettivi strategici aziendali, di area vasta e del SSR/SSN, consente inoltre economie di scala ma soprattutto è orientato allo sviluppo di competenze (job description) attraverso piani di sviluppo personalizzati e attraverso attività formativa integrata multiprofessionale. Facilita la tracciabilità ed il monitoraggio dei percorsi formativi e di sviluppo dei singoli professionisti (dossier ) ed offre maggiori possibilità di rilevare le ricadute della formazione. Per il periodo 0-05 sono state individuate le seguenti aree di sviluppo; per ogni area vengono identificati alcuni moduli che saranno sviluppati nei vari programmi annuali. INTENSITA DI CURA: organizzazione per intensità di cura, infermiere referente, medico tutor, linee guida e percorsi DTAR, continuità clinico assistenziale, processo di budgeting e controllo di gestione, sistema in, formazione formatori, dolore e palliazione. SANITA D INIZIATIVA: Expanded chronic care model (ECCM), strumenti di gestione, linee guida e percorsi DTAR, continuità clinico assistenziale, telemedicina, politica e management, counselling e self management, sistema in, infermiere di comunità, dolore e palliazione. QUALITA : i sistemi di accreditamento, accreditamento istituzionale, procedure e metodologie per l accreditamento, diffusione e informazione, accreditamento all eccellenza, auditing, reporting, sistema integrato per la sicurezza e la qualità. SICUREZZA AZIENDALE: RLS, Dirigenza, Rischi specifici, preposti alla sicurezza, informazioni sulla sicurezza, RSPP/ASP, pronto soccorso, antincendio, sistema gestione rischio clinico, sistema di gestione per la sicurezza. COMUNICAZIONE: comunicazione interna, comunicazione e benessere organizzativo, empowerment, comunicazione esterna, bioetica, comunicazione difficile, comunicazione organizzativa, comunicazione integrata, comunicazione pubblica. MANAGEMENT: gestione capitale umano, Health Technology Assessment (HTA), project management, processo di budgeting e controllo di gestione, la gestione per processi, l appropriatezza. Pagina 4 di 0

15 SVILUPPO AZIENDALE: sviluppo sistema controllo di gestione, analisi scostamenti e flussi informativi, sviluppo sistema qualità, formazione e innovazione, sviluppo progettazione e attuazione percorsi formativi, supervisione dell'attività formativa pratica e di tirocinio clinico. FABBISOGNI SPECIFICI DI CONTESTO: in questa area rientrano i percorsi formativi specifici per ogni Dipartimento/ professionale, ad esempio l emergenza-urgenza, la prevenzione, la medicina penitenziaria, il sociale, l area materno infantile, la salute mentale, l area chirurgica, l area medica, l area diagnostica, la formazione.. Gli Attori Collegio di direzione e Comitato tecnico scientifico L organismo preposto alla validazione del Programma Formativo (PAAF) a livello scientifico è costituito dal collegio di direzione, il quale si avvale del comitato tecnico scientifico presieduto dal Direttore Sanitario, che lo presiede anche mediante delegato e composto da: - Direttore Dipartimento Professioni Sanitarie. - Un membro individuato dal Consiglio dei Sanitari. - Due membri individuati dai componenti del Collegio di Direzione. Il comitato tecnico scientifico individua e nomina il coordinatore scientifico e i responsabili scientifici per ogni programma o di norma identificati nei Direttori di Dipartimento. Il comitato tecnico scientifico assicura il monitoraggio generale degli eventi per quanto riguarda la qualità scientifica e i risultati delle valutazioni. Il Programma Annuale delle Attività Formative (PAAF) viene approvato e deliberato dalla Direzione Aziendale. Comitato di Dipartimento Il comitato di Dipartimento formula le proposte formative in base ai bisogni raccolti ed elaborati dagli Animatori, dai Formatori e dai RAQ di riferimento. Il formatore Il formatore è un professionista che, per il ruolo professionale che ricopre, deve interfacciarsi con diversi stakeholder: con il management aziendale, gli animatori, i docenti e i discenti, i professionisti del corso di laurea al fine di interpretare e declinare, con una conseguente azione formativa, conoscenze, capacità, nuovi atteggiamenti e colmare i singoli gap cognitivi o comportamentali dei professionisti della sanità. Il Formatore sa integrare adeguatamente le proprie competenze personali e professionali con le esigenze del percorso. Si occupa principalmente del soggetto che apprende, dei suoi bisogni e di tutte le problematiche connesse a tale apprendimento inteso dal teaching al learning. Secondo la definizione di AIF (Associazione Italiana Formatori) Il formatore conosce il processo nelle sue variabili sistemiche ed i principi di gestione organizzativa. Presidia inoltre le modalità di progettazione, realizzazione e valutazione delle unità didattiche e le variabili d'aula relative alla dinamica di gruppo ed ai rapporti interpersonali. Il formatore è in grado di agire autonomamente per acquisire le informazioni rispetto al compito affidato e raggiungere gli obiettivi formativi assegnati attraverso un'adeguata progettazione, realizzazione e monitoraggio del proprio intervento. E' inoltre in grado di orientare l'attenzione e la motivazione dei partecipanti/destinatari, gestendo adeguatamente il clima d'aula e Pagina 5 di 0

16 favorendo la partecipazione e l'interazione. Rielabora ed integra, quindi, i contenuti in funzione dei destinatari con chiarezza e proprietà di linguaggio, utilizzando i supporti ed i sussidi d'aula tradizionali ed avanzati e rispettando la programmazione didattica nei tempi e nei contenuti. L Animatore della (AdF) Secondo l allegato A della DGRT n. 0 del 0 Ottobre 000 l animatore è "un professionista che, oltre a svolgere il suo ruolo professionale specifico collabora alla promozione, realizzazione e verifica delle attività formative in particolare nel proprio settore operativo di appartenenza ed indica la struttura organizzativa funzionale quale ambito per l'individuazione. Tale figura non opera quindi a tempo pieno per la gestione delle attività formative ma integra queste attività nell'ambito delle funzioni professionali normalmente svolte, dedicando a tale compito una quota parte del proprio orario di servizio da determinarsi caso per caso in sede aziendale. Il modello in cui si colloca la figura dell'animatore di formazione deve integrare la cura di processi di formazione continua delle singole professionalità con il ruolo strategico della formazione professionale come strumento fondamentale dell'azienda per la gestione delle risorse umane rispetto agli obiettivi di miglioramento qualitativo dell'assistenza. L'animatore quindi esprime la cultura professionale di un singolo profilo o di più profili professionali collocati in un ambito operativo omogeneo di cui deve garantire la costante evoluzione in termini di capacità e competenze, ma, nello stesso tempo, deve anche realizzare, tramite lo strumento, le strategie aziendali di miglioramento dei livelli qualitativi della struttura di riferimento. Il ruolo dell'animatore si svolge all'interno dell'attività di linea e non di staff, come invece la struttura aziendale preposta alla formazione, anche se il rapporto di collaborazione fra i due livelli nelle varie fasi dell'attività di formazione, implica inevitabilmente che l'attività dell'animatore di formazione si intrecci anche con le attività svolta dalla struttura preposta alla formazione del personale a livello di staff. L Animatore di è, quindi, una figura centrale nella promozione della formazione dei professionisti sanitari in quanto riesce a incentivare e sostenere programmi di sviluppo e strategie aziendali mirati ed essenziali in termini di aggiornamento professionale, tenendo conto del cambiamento culturale che la multiprofessionalità comporta. La competenza dell AdF, esperto nel campo della metodologia andragogica e dell organizzazione delle attività formative, spazia fino alla valutazione dell in termini di ricadute ed efficacia e non solo di qualità dell apprendimento. L Istruttore BLSD e BLSD Pediatrico Annualmente questa Azienda USL organizza circa 70 corsi di rianimazione cardipolmonare di base tra adulto, pediatrico e retraining ed una delle figure di prioritaria importanza per la realizzazione di questi percorsi è l istruttore. Secondo il regolamento unificato dei corsi di formazione base IRC l istruttore è un professionista, medico od infermiere, che ha seguito un percorso ad hoc composto da una parte teorica e da almeno affiancamenti durante i corsi base. Per mantenere lo status di istruttore è obbligatorio partecipare ad almeno corsi l anno e seguire un percorso di ricertificazione ogni 4 anni. Vista l attività di formazione prevista si rende necessario formare per l anno 0 almeno 0 nuovi istruttori. I potenziali candidati dovranno essere individuati durante i corsi base dagli istruttori presenti e dal Direttore del corso e successivamente seguiranno lo specifico percorso. Pagina di 0

17 AZIONI DI FORMAZIONE PROGRAMMATA PER IL PERSONALE DIPENDENTE Pagina 7 di 0

18 Sicurezza Budget disponibile.000,00 Sicurezza aziendale 8 Sicurezza aziendale 8 Sicurezza aziendale 8 art. 7 D. Lgs. 8/008 per preposti art. 7 D. Lgs. 8/008 per dirigenti Aggiornamento Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Destinatari N. Totale 8 Corso Preposti aziendali 0 0 Corso Dirigenti aziendali Corso RLS aziendali Sicurezza aziendale 8 Sicurezza aziendale 8 addetti antincendio art. 8 comma D. Lgs. 8/008 addetti antincendio art. 8 comma D. Lgs. 8/008 4 Corso Profili vari Corso Profili vari Sicurezza aziendale 8 Rischi specifici 50 Corso Profili vari Sicurezza aziendale 8 Aggiornamento obbligatorio Sistema Sicurezza Aziendale e D. Lgs. 8/08 FAD + aula Profili vari Sicurezza aziendale 8 neoassunti e neo-inseriti 0 Corso Profili vari Sicurezza aziendale 8 Aggiornamento obbligatorio RSPP e ASPP 4 Corso 5 5 Pagina 8 di 0

19 ai sensi del Decreto del Presidente della Giunta Regionale 4//00 n. /R Allegato A - Sezione A - Requisiti organizzativi generali - Gestione risorse umane Budget disponibile 49.90,00 Destinatari N. Totale contesto: emergenza - urgenza 4 BLSD 8 5 Corso Altre professioni sanitarie contesto: emergenza - urgenza 4 PBLSD 8 8 Corso Altre professioni sanitarie contesto: emergenza - urgenza 4 Retraining BLSD 4 7 Corso Altre professioni sanitarie 5 7 Pagina 9 di 0

20 Direzione Generale Budget disponibile 0.4,40 critica prevenzione La donazione di tessuti nell ASL 4 0 Seminario Prevenzione e controllo delle infezioni ospedaliere 5 Corso Management - 8 Animatore di formazione 8 Corso Fabbisogno specifico di contesto: emergenza urgenza Fabbisogno specifico di contesto: emergenza urgenza Fabbisogno specifico di contesto: emergenza urgenza Fabbisogno specifico di contesto: emergenza urgenza OSS Animatori di nuova nomina - AVC Infermiere certificato See and Treat 80 Corso tutor in See and Treat 4 Corso 4 4 Formare formatori in See and Treat 8 Corso 4-5 Il triage 50 Corso 0 0 Comunicazione 8 comitato etico locale 5 Giornata di studio 0 4 Finanziamento regionale Finanziamento regionale Finanziamento regionale Finanziamento regionale Finanziamento regionale Finanziamento regionale Finanziamento regionale Componenti CEL ,00 Intensità di cura Il tutor clinico Corso ,00 Qualità e sicurezza 7 Il piano aziendale per la gestione delle maxiemergenze 4 Seminario ,00 Management 8 To be expert 4 Corso Amministrativi ,00 Management - 8 Attività formativa inerente modifiche organizzative / assistenziali, cambiamenti legislativi ed innovazioni in genere Percorso soggetto a valutazione d impatto Pagina 0 di 0

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO Nuovo triennio 2014-2016 : il principio della qualità nella formazione ECM La formazione ECM è un processo in continuo divenire che si struttura

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico IL PERCORSO FORMATIVO INDIVIDUALE DEI MEDICI: RUOLO E COMPITI DEL CO.GE.A.P.S. Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico Lucia Livatino Settore di Staff Formazione

Dettagli

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI Obiettivi formativi: Abstract/Razionale del corso/convegno: in conformità all obiettivo generale (da individuare un obiettivo tra quelli contenuti nella tabella allegata (allegato 1)) individuato nell

Dettagli

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 ANALISI STATISTICA DEI DATI Campione di n 387 operatori ASL Cagliari Fermo restando che ad ogni Struttura aziendale che ha partecipato con i

Dettagli

D I C H I A R A. Di aver svolto attività di ricerca non pianificate da un Provider ma che hanno dato esito a pubblicazione scientifica.

D I C H I A R A. Di aver svolto attività di ricerca non pianificate da un Provider ma che hanno dato esito a pubblicazione scientifica. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (ai sensi dell art. 47 D.P.R. 28/12/2000, n. 445) Per il riconoscimento dei crediti ECM per attività formative individuali per Pubblicazioni Scientifiche

Dettagli

GUIDA AL DOSSIER FORMATIVO

GUIDA AL DOSSIER FORMATIVO NOTIZIARIO DI MEDICINA NUCLEARE ED IMAGING MOLECOLARE 4 giugno 2014 Iscritto al n. 813/05 del registro stampa del Tribunale di Milano, modif. con ordinanza del 24.10.2005 dello stesso Tribunale Direttore

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE FORMAZIONE INTERDIPARTIMENTALE Economico-Finanziario Tecnologico Emergenza Anestesia e Rianimazione Ortopedia Immagini, Patologia Clinica, Medicina,

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - 008- SEDE PIETRA LIGURE. FORMAZIONE UNIVERSITARIA L attività riguardante la Formazione Universitaria prevede principalmente che il Centro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Struttura Complessa AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE. Progetto formativo N

Struttura Complessa AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE. Progetto formativo N Struttura Complessa AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE Sistema Qualità Certificata ISO 9001:2000 per i campi di attività elencati nel certificato RINA N. 10813/04/S Progetto formativo N REFERENTE PER LA S.C. AGGIORNAMENTO

Dettagli

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Art. 1 Finalità e compiti. Capo I - Finalità e compiti. 1) L'assistenza Psicologica si occupa degli aspetti psicologici attinenti la domanda

Dettagli

Raccolta dati: Aprile Maggio 2014

Raccolta dati: Aprile Maggio 2014 Analisi Fabbisogni Formativi Raccolta dati: Aprile Maggio 2014 Con l'obiettivo di effettuare un continuo monitoraggio i sui bisogni formativi, abbiamo chiesto a tutte le categorie operanti in sanità in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2016

PROGRAMMA FORMATIVO 2016 PROGRAMMA FORMATIVO 2016 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it U.O. POLITICHE PER

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2012 FORMAZIONE STRATEGICA TRASVERSALE OBIETTIVO: A) AREA MANAGERIALE-GESTIONALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2012 FORMAZIONE STRATEGICA TRASVERSALE OBIETTIVO: A) AREA MANAGERIALE-GESTIONALE OBIETTIVO: A) AREA MANAGERIALE-GESTIONALE Prevenzione e gestione sinistri (in collaborazione con ASL 1 Imperiese) 180 vari profili tra Direttori e Coordinatori di S.C./Dipartimento 2.500,00 Durata: 6 ore

Dettagli

AREA CLINICO - ASSISTENZIALE

AREA CLINICO - ASSISTENZIALE FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA Corsi per aziende del Settore Ospedalità Privata Enti formativi erogatori: ASSOSERVIZI e ISTUD Referente per Assoservizi: Gianluca Manzo

Dettagli

PIANO FORMATIVO STRATEGICO ANNO 2015

PIANO FORMATIVO STRATEGICO ANNO 2015 MANAGEMENT ORGANIZZAZIONE E NUOVA CULTURA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ARGOMENTO (TITOLO DEL PROGETTO FORMATIVO) IL MANAGEMENT ORGANIZZATIVO COME PROGETTARE E SOSTENERE IL CAMBIAMENTO: 1 11 TUTTE LE

Dettagli

1SPP13 Corso di 4 ore 6 ed. Antincendio 1 semestre Esine 110 operatori Squadra antincendio D.Lgs 81/2008 e successive integrazioni

1SPP13 Corso di 4 ore 6 ed. Antincendio 1 semestre Esine 110 operatori Squadra antincendio D.Lgs 81/2008 e successive integrazioni Pag. 1 di 7 1.BREVE PREMESSA Il Piano di Formazione è lo strumento per la programmazione delle attività formative e pertanto definisce tutte le attività di formazione che verranno attuate nel 201 3 sia

Dettagli

Té xçwt báñxwtä xüt w cxüâz t

Té xçwt báñxwtä xüt w cxüâz t Té xçwt báñxwtä xüt w cxüâz t Direzione Formazione, Qualità, URP Edificio A Ospedale S.M. Misericordia Perugia - tel. segreteria generale 075 578 6121 - segreteria corsi 075 578 6128 fax 075 578 6135 email:

Dettagli

Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b "assegnazione crediti alle attivita' ECM".

Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b assegnazione crediti alle attivita' ECM. REGIONE PIEMONTE BU17 30/04/2015 Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b "assegnazione crediti alle attivita' ECM". Visto il decreto legislativo

Dettagli

www.lacrisalide.it 1

www.lacrisalide.it 1 www.lacrisalide.it 1 CHI SIAMO La Crisalide srl si occupa di formazione in ambito sanitario secondo il progetto ECM (Educazione Continua in Medicina) promosso e reso obbligatorio per tutti gli operatori

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA)

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) Art. 1 Istituzione del Master di primo livello per le funzioni di coordinamento

Dettagli

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria Data del DM di approvazione

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie

Corso di Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie Corso di Laurea Magistrale in Scienz delle professioni sanitarie Il corso di Laurea Magistrale in Scienze della Riabilitazione comprende unità didattiche in numero non inferiore a 0 crediti. Sono ammessi

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

2011 ordinato per mese

2011 ordinato per mese Servizio Qualità, Formazione e Rischio Clinico REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Catalogo corsi residenziali 2011 ordinato per mese Aggiornato al 21 ottobre 2011 Note per il corretto utilizzo del catalogo

Dettagli

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIRCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI SPIAZZO II^ EDIZIONE

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIRCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI SPIAZZO II^ EDIZIONE Provincia Autonoma di Trento Programma quadro per l integrazione e lo sviluppo delle sperimentazioni in materia di tirocini formativi inseriti in processi di mobilità geografica Formulario per la presentazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 008/009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA PREMESSA CARATTERISTICHE E FINALITA DEL CORSO Il di Laurea in Infermieristica Pediatrica, appartenente alla Classe delle

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

O S S E R V A T O R I O

O S S E R V A T O R I O Direzione Generale della Sanità Servizio programmazione sanitaria e economico finanziaria e controllo di gestione Settore gestione del personale delle aziende sanitarie, programmazione della formazione

Dettagli

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Medicina d attesa Medicina d opportunità Medicina d Iniziativa Campagne di sensibilizzazione e di prevenzione Dr. Maurizio Pozzi Modelli Generali delle Cure Primarie

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Rilevazione posti vacanti ed eccedenze ASP Agrigento. Disciplina di inquadramento / Profilo gestionale 1/16. Posti previsti in Dotazione Organica

Rilevazione posti vacanti ed eccedenze ASP Agrigento. Disciplina di inquadramento / Profilo gestionale 1/16. Posti previsti in Dotazione Organica Rilevazione posti vacanti ed eccedenze ASP Agrigento 201 3.667 771 - Medico 940 313 I003 Cardiologia 65 33 I005 Ematologia 4 3 I012 Malattie infettive 6 6 I013 Medicina e Chirurgia di accettazione e di

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in OSTETRICIA

Dettagli

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIROCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI PINZOLO

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIROCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI PINZOLO Provincia Autonoma di Trento Programma quadro per l integrazione e lo sviluppo delle sperimentazioni in materia di tirocini formativi inseriti in processi di mobilità geografica Modello 1 Formulario per

Dettagli

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie ANNO 2010 Bandi Delibera D.G. n. 1534 del 13/04/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie triennali per assunzioni a tempo determinato di Dirigente Medico di : 1. Anatomia Patologica

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

PROFESSIONI SANITARIE

PROFESSIONI SANITARIE PROFESSIONI SANITARIE Le Professioni Sanitarie e le Arti Ausiliarie riconosciute dal Ministero della Salute. Farmacista Medico chirurgo Odontoiatra Veterinario Altri riferimenti normativi: D. Lgs. 08.08.1991,

Dettagli

DOTAZIONE ORGANICA ASL AL

DOTAZIONE ORGANICA ASL AL DOTAZIONE ORGANICA ASL AL DIRIGENZA DIRIGENTE MEDICO CON INCARICO S.C. MEDICO S.C. ANATOMIA PATOLOGICA 1 MEDICO S.C. ANESTESIA E RIANIMAZIONE 2 MEDICO S.C. CARDIOLOGIA 2 MEDICO S.C. CHIRURGIA GENERALE

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ SERVIZI ALLA FORMAZIONE Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ FORMATORE Area di attività Analisi dei fabbisogni formativi; Progettazione interventi formativi; Erogazione azioni formative; Valutazione esiti apprendimento;

Dettagli

ALLEGATO E FABBISOGNO DELL ISTITUTO PER LA SICUREZZA SOCIALE (ISS)

ALLEGATO E FABBISOGNO DELL ISTITUTO PER LA SICUREZZA SOCIALE (ISS) ALLEGATO E FABBISOGNO DELL ISTITUTO PER LA SICUREZZA SOCIALE (ISS) TITOLO I STAFF E SERVIZI COMUNI CAPO I Ufficio Controllo di Gestione Servizio Informativo 1 Esperto Tecnico (ESPTEC) CAPO II Ufficio Informatico

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

Professioni sanitarie della prevenzione

Professioni sanitarie della prevenzione Professioni sanitarie della prevenzione Bergamo, 14 aprile 2014 Mario Poloni mpoloni@asl.bergamo.it Monica Brembilla, Antonia Crippa, Lucia Fontana L evoluzione delle Professioni Sanitarie Legge 42/99

Dettagli

Giuseppe Perri. Il contributo dei SIAN nelle attività di formazione in sicurezza alimentare e nutrizionale

Giuseppe Perri. Il contributo dei SIAN nelle attività di formazione in sicurezza alimentare e nutrizionale Il contributo dei SIAN nelle attività di formazione in sicurezza alimentare e nutrizionale Giuseppe Perri Dirigente Medico SIAN Lamezia Terme ASP Catanzaro formazione plasmare + formazione = + qualità

Dettagli

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio ALLEGATO 2 1. Scheda Presidio Istruzioni per la compilazione Al punto 1.1 è riportato il fac simile della scheda; al punto 1.2 sono riportate le tabelle da utilizzare per la compilazione delle voci,,.

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 4 - STRUMENTI DI GESTIONE Art. 26 - Pianificazione strategica e controllo strategico Art. 27 - Sistema di budget Art. 28.1 - Bilancio

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B ALLEGATO 1 TABELLE 1. Tipologie di presidi B1.a TIPOLOGIA PRESIDIO Presidi ambulatoriali: prestazioni di specialistica e diagnostica - classe 1 (extraospedaliero) B1.b Presidi ambulatoriali: prestazioni

Dettagli

Mediterraneo in Sanità

Mediterraneo in Sanità Forum 2012 Mediterraneo in Sanità SOSTENIBILITÀ E DIRITTO ALLA SALUTE SICUREZZA EQUITÀ APPROPRIATEZZA 6 7 8 giugno Palermo - Teatro Politeama Piazza Ruggero Settimo, 15 LA PIAZZA DELLA SALUTE Modalità

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Curriculum vitae Europass

Curriculum vitae Europass Curriculum vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome(i) / Cognome(i) GIROTTO CHIARA ] Indirizzo Telefono casa 0425/27721 Telefono ufficio 0442/622016 Telefono mobile 3472966653 Fax 0442622721 E-mail Viale

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18 METODI, STRUMENTI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ Padova, 2006 IL MOBBING E LE MOLESTIE NEI LUOGHI DI LAVORO Padova, 20 e 21 aprile 2006 Euro 250* Crediti ECM: 20 LA GESTIONE

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA Allegato B Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA ORGANIGRAMMA GENERALE Direttore Generale SC Legale SC Servizio Prevenzione Protezione dei Percorsi cardio respiratori dei

Dettagli

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BOLOGNA SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria Data del DM di approvazione

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie All.2 P2-FORM Titolo: LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE E CAREGIVER NELLE TERAPIE INTESIVE APERTE 1^ EDIZIONE TRAINING

Dettagli