Relazione Annuale Integrata 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Annuale Integrata 2013"

Transcript

1 Relazione Annuale Integrata 2013 generali.com 182 anno di attività Hong Kong - Cina

2

3

4

5 Identità unica, prospettive in continuo movimento. Essere se stessi in ogni parte del mondo. Sapersi integrare in diverse realtà, consapevoli dei propri punti di forza e riconoscendo alle questioni etiche e sociali la dovuta attenzione. È l identità di Gruppo il fondamentale perno sul quale si muove la crescita globale di Assicurazioni Generali: un unica visione d insieme che, attraverso un focus principale sullo sviluppo del business in ogni Paese, rispetta le diversità di contesto e mercato, crea sinergia tra responsabilità fi nanziaria e sociale, produce valore per ogni singolo interlocutore. Nel nostro bilancio mettiamo a disposizione di azionisti, clienti, agenti, dipendenti, comunità locale e fi nanziaria i risultati della nostra fi losofi a, un pensiero aziendale moderno e capace di offrire prospettive concrete.

6 generali.com Hong Kong - Cina Rendiconto Integrato 2013 generali.com Hong Kong - Cina 182 anno di attività 182 anno di attività generali.com Hong Kong - Cina 182 anno di attività 4 Assicurazioni Generali - Relazione Annuale Integrata 2013 Informazioni sul Report Secondo l International <IR> Framework, pubblicato dall IIRC a dicembre 2013, un report integrato è una comunicazione sintetica che illustra come la strategia, la governance e le prospettive future di un organizzazione, nel contesto esterno nel quale essa opera, consentono di creare valore nel breve, medio e lungo termine. L International Integrated Reporting Council (IIRC), globalmente composto da organismi di regolamentazione, investitori, aziende, enti normativi, contabili e ONG, mira a promuovere un approccio più coerente ed efficace al reporting aziendale, basato su diversi filoni di reportistica e in grado di illustrare l intera gamma di fattori che influenzano in modo significativo la capacità di un organizzazione di creare valore nel tempo. Conseguentemente, Generali ha deciso di intraprendere questo nuovo approccio al corporate reporting perché rappresenta un modo innovativo ed efficace di comunicare la capacità del Gruppo di creare valore in modo sostenibile nel tempo. Generali partecipa al Pilot Programme promosso dall IIRC dal COME LEGGERE LA NOSTRA RELAZIONE ANNUALE INTEGRATA Questa è la prima Relazione Annuale Integrata per Generali. Coerentemente alle diverse possibilità previste dall International <IR> Framework, il Gruppo ha deciso di preparare e presentare un report integrato che soddisfi le richieste sia di tale Framework che della normativa in vigore. In particolare, tale report è così composto: Rendiconto Integrato 2013 RENDICONTO INTEGRATO RELAZIONE ANNUALE INTEGRATA RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione Annuale Integrata 2013 ULTERIORI INFORMAZIONI GESTIONALI PROSPETTI CONTABILI e NOTE IL CONTENUTO DEL RENDICONTO INTEGRATO Il Rendiconto Integrato soddisfa le richieste dell International <IR> Framework; il seguente diagramma rappresenta la connessione tra le sezioni di tale report e gli Elementi Rilevanti dell <IR>: Sezioni del Rendiconto Integrato Vision, Mission e Values Contesto Esterno IL NOSTRO GRUPPO Governance e Politica Retributiva Strategia Business LA NOSTRA PERFORMANCE PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELLA GESTIONE Elementi Rilevanti dell <IR> Framework THE INTERNATIONAL <IR> FRAMEWORK Overview dell organizzazione e contesto esterno Governance Strategia Performance Outlook Modello di business

7 Informazioni sul Report - Assicurazioni Generali 5 Al fine di aderire ai Principi Guida dell International <IR> Framework relativamente a Materialità e Connettività delle informazioni, Generali ha anche sviluppato il documento in versione e-book che prevede: diversi livelli di gerarchia informativa che soddisfano diverse esigenze informative dei destinatari finali del report ossia un Rendiconto Integrato sintetico che diventa una Relazione Annuale Integrata tenendo in considerazione tutte le informazioni; una migliore connettività tra le diverse sezioni del report. LA RESPONSABILITÀ PER IL RENDICONTO INTEGRATO Il Consiglio di Amministrazione è responsabile per la preparazione di tale report. Il processo di reportistica è stato condotto sotto la sua responsabilità, applicando, per la prima volta, i Principi Guida e gli Elementi Rilevanti previsti dall International <IR> Framework. Nota alla Relazione sulla Gestione (p. 90) È possibile scaricare gratuitamente la app sul proprio cellulare, tablet o pc in modo da vedere la nostra Relazione Annuale Integrata in versione e-book.

8 6 Assicurazioni Generali - Relazione Annuale Integrata 2013 ORGANI SOCIALI in carica al 12 marzo 2014 Società costituita nel 1831 a Trieste. Capitale sociale ,00 interamente versato. Sede legale in Trieste, piazza Duca degli Abruzzi, 2. Codice fiscale e Registro imprese Iscritta al numero dell Albo delle imprese di assicurazione e riassicurazione. Capogruppo del Gruppo Generali, iscritto al numero 026 dell Albo dei gruppi assicurativi. Pec:

9 Organi sociali in carica al 12 marzo Assicurazioni Generali 7 PRESIDENTE Gabriele Galateri di Genola VICEPRESIDENTI Francesco Gaetano Caltagirone Clemente Rebecchini GROUP CEO Amministratore Delegato e Direttore Generale Mario Greco CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE Ornella Barra Alberta Figari Jean-René Fourtou Lorenzo Pellicioli Sabrina Pucci Paola Sapienza Paolo Scaroni COLLEGIO SINDACALE Eugenio Colucci (Presidente) Giuseppe Alessio Verní Gaetano Terrin Maurizio Dattilo (supplente) Francesco Fallacara (supplente) SEGRETARIO DEL CONSIGLIO Antonio Cangeri

10 8 Assicurazioni Generali - Relazione Annuale Integrata 2013 Calendario eventi societari /03/ /05/ /07/ /11/2014 Consiglio di Amministrazione Risultati fine anno Consiglio di Amministrazione Risultati 1 Trim Consiglio di Amministrazione Risultati 1 Sem Consiglio di Amministrazione Risultati 9 Mesi Mar Apr Mag Lug Nov 13/03/ /04/ /05/ /07/ /11/2014 Pubblicazione Risultati fine anno Assemblea degli Azionisti Pubblicazione Risultati 1 Trim Pubblicazione Risultati 1 Sem Pubblicazione Risultati 9 Mesi 19/11/2014 Investor Day

11 Calendario eventi societari Assicurazioni Generali 9 CONTATTI Assicurazioni Generali S.p.A. P.zza Duca degli Abruzzi Trieste, Italia Investor Relations Tel Fax Responsabile: Spencer Horgan Media Relations Tel Fax Responsabile: Giulio Benedetti Shares & Participations Corporate Affairs Management Tel Fax Responsabile: Michele Amendolagine Corporate Social Responsibility Tel Responsabile: Marina Donati

12 10 Assicurazioni Generali - Relazione Annuale Integrata 2013

13 Indice - Assicurazioni Generali 11 Indice 12. Lettera del Presidente e del Group CEO 14. Group highlights e Segment performance 18. Eventi significativi del Il nostro Gruppo 28. Vision, Mission e Values 32. Il contesto esterno 38. La governance e la politica retributiva 38. I nostri azionisti 39. La governance e il management 42. La politica retributiva 44. La strategia 48. Il business 54. Le nostre performance 64. Andamento economico e situazione patrimoniale del Gruppo 65. L andamento economico 69. La situazione patrimoniale e finanziaria 77. Le nostre persone 80. I nostri clienti 81. La nostra forza di vendita 84. L andamento dell azione 85. Rating e indici etici 1. Andamento economico e situazione patrimoniale per segmento 1. Segmento vita 15. Segmento danni 29. Segmento finanziario 86. Prevedibile evoluzione della gestione 89. Allegato alla Relazione sulla Gestione 90. Nota alla Relazione sulla Gestione 1. Nota metodologica sugli indicatori alternativi di performance 92. Glossario XXX. Bilancio Consolidato XXX. Prospetti contabili consolidati XXX. Stato patrimoniale XXX. Conto economico XXX. Conto economico complessivo XXX. Prospetto delle variazioni di patrimonio netto XXX. Rendiconto finanziario (metodo indiretto) XXX. Nota Integrativa XXX. Criteri generali di redazione e di valutazione XXX. Risk Report XXX. Informazioni sullo stato patrimoniale XXX. Informazioni sul conto economico XXX. Altre informazioni XXX. Allegati alle note illustrative XXX. Allegati XXX. Variazioni dell area di consolidamento XXX. Elenco delle società incluse nel consolidamento XXX. Elenco delle partecipazioni in imprese collegate e controllate XXX. Attestazione del bilancio consolidato ai sensi dell art. 154-bis del D. Lgs. 58 del 24 febbraio 1998 e dell art. 81-ter del Regolamento Consob del 14 maggio 1999 Rendiconto Integrato Ulteriori informazioni obbligatorie Si segnala che, a meno che non sia chiaramente specificato, i termini Gruppo Generali, Generali, noi, ci e nostro/a/i/e presenti in questo documento si riferiscono sempre al Gruppo Generali e/o alle sue società nel mondo mentre i termini Assicurazioni Generali, Capogruppo e Società si riferiscono a Assicurazioni Generali S.p.A..

14 12 Assicurazioni Generali - Relazione Annuale Integrata 2013 Lettera del Presidente e del Group CEO Il 2013 è stato un anno di svolta nella storia di Generali. Un anno caratterizzato da importanti cambiamenti e da una nuova strategia attraverso la quale siamo impegnati a riportare il Gruppo in una posizione di leadership internazionale per reddittività e capitalizzazione. All inizio del 2013 abbiamo presentato il nostro piano triennale di turnaround basato su un forte focus sul core business assicurativo, sul rafforzamento della solidità patrimoniale e sull eccellenza tecnica per migliorare l offerta ai clienti. In questi mesi abbiamo lavorato fortemente alla sua esecuzione e abbiamo compiuto significativi progressi. Generali ha già dismesso 2,4 miliardi di asset non-core ad ottimi multipli, raggiungendo il 60% del suo target di 4 miliardi al Abbiamo investito importanti risorse per garantirci il pieno controllo di unità operative in aree strategiche come GPH in Europa centro-orientale, Generali Deutschland Holding in Germania e Generali Asia. In Italia, poi, ha preso avvio la profonda riorganizzazione del business che ci permetterà di consolidare la nostra leadership sul mercato. I risultati che presentiamo ai nostri stakeholder mostrano che siamo sulla strada giusta per far crescere il Gruppo e remunerare sempre meglio gli azionisti. Siamo sempre più fiduciosi e convinti di poter realizzare il processo di turnaround del nostro Gruppo. I grandi cambiamenti che hanno interessato Generali si riflettono anche nel documento di bilancio di quest anno. Per la prima volta ci presentiamo con un bilancio integrato, che restituisce una visione d insieme del processo di creazione di valore, comprensiva della spiegazione del contributo dei suoi principali stakeholder nella loro duplice veste di attori e beneficiari dell attività del Gruppo e non limitata alle sole performance finanziarie. Generali è tra i primi gruppi a realizzare un bilancio integrato, espressione di una nuova cultura aziendale che apre ad un dialogo diverso con tutti gli stakeholder. Un operazione che vuole essere di aiuto alla comprensione e alla migliore comunicazione di ciò che stiamo realizzando. È stata inoltre introdotta una maggiore disciplina finanziaria ed è stata ulteriormente semplificata e migliorata la governance interna completando il Group Management Committee con nuovi manager di standing internazionale e rendendo effettiva una nuova struttura regionale per le nostre attività in tutto il mondo. Gabriele Galateri di Genola Presidente Mario Greco Group CEO Le Generali hanno mostrato nel corso dell anno la forza e la capacità di trasformarsi profondamente e di migliorare i risultati del proprio business. Grazie alla qualità del nostro lavoro, chiudiamo il 2013 con una solida raccolta premi, una performance operativa in crescita, e un risultato netto a quasi 2 miliardi: il migliore degli ultimi 6 anni.

15 Lettera del Presidente e del Group CEO - Assicurazioni Generali 13

16 14 Assicurazioni Generali - Relazione Annuale Integrata 2013 Group highlights PREMI COMPLESSIVI 0% mln 32% Premi segmento danni 68% Premi segmento vita Opera attraverso 480 società in più di 60 Paesi COMPOSIZIONE DEL PORTAFOGLIO

17 Group highlights - Assicurazioni Generali 15 RISULTATO OPERATIVO DI GRUPPO ASSET UNDER MANAGEMENT COMPLESSIVI SOLVENCY I +5,3% mln +5,4% 508 mld 141% dipendenti

18 16 Assicurazioni Generali - Relazione Annuale Integrata 2013 Segment performance Vita PREMI LORDI EMESSI mln (+0,2%) APE mln (-1,0%) Raccolta stabile, forte sviluppo delle polizze unit linked. APE in lieve calo. Performance operativa in aumento per effetto della buona performance tecnica. Premi lordi emessi complessivi per territorio 1% International operations 30% Italia 2% Asia 17% Francia 1% LATAM 13% EMEA 3% Paesi dell Europa centroorientale 33% Germania RISULTATO OPERATIVO mln (+4,3%)

19 Segment performance - Assicurazioni Generali 17 Danni PREMI LORDI EMESSI COR mln (-0,6%) 95,6% (-0,2 p.p.) Raccolta in lieve calo a seguito della contrazione del ramo non auto. COR in miglioramento, in particolare grazie all andamento della sinistralità. Risultato operativo in crescita. Finanziario Premi lordi emessi complessivi per territorio 1% Asia 5% LATAM 20% EMEA 9% Paesi dell Europa centroorientale 5% International operations AUM DI TERZI 30% Italia 13% Francia 17% Germania 104,346 mln (+3,8%) RISULTATO OPERATIVO mln RISULTATO OPERATIVO (+3,5%) 483 mln (+18,4%) Masse gestite in aumento per effetto del positivo sviluppo della raccolta netta. Performance operativa in forte sviluppo. COST-INCOME RATIO 66,1% (-2,9 p.p.)

20 18 Assicurazioni Generali - Relazione Annuale Integrata 2013 Eventi significativi del 2013 Cessione a Banorte delle partecipazioni minoritarie in Messico Accordo GPH concluso Perfezionamento della prima tranche per l acquisizione di GPH Collocamento del 12% di Banca Generali Cessione a SCOR delle attività di riassicurazione vita negli USA Gen Feb Mar Apr Mag Giu Investor Day, Londra Nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione nel corso dell Assemblea degli Azionisiti Pubblicazione della Carta degli Impegni di Sostenibilità Generali a fianco dei suoi assicurati colpiti dalle alluvioni in Europa Completata la definizione del Group Management Committee (GMC) Nascita della Corporate & Commercial unit

21 Eventi significativi del Assicurazioni Generali 19 Cessione a Cattolica di Fata Danni Squeeze-out in Germania Acquisizione del pieno controllo di Generali Asia Approvazione dello squeeze-out da parte degli azionisti di Generali Deutschland Holding Lug Ago Set Ott Nov Dic Generali designata da Financial Stability Board tra le assicurazioni di importanza sistemica (G-SIIs) Nuovo assetto territoriale Investor Day, Londra Nascita di Generali Italia Generali confermata nel FTSE4GOOD Lancio del Group Treasury Project La nostra strategia (p. 44)

22 20 Assicurazioni Generali - Relazione Annuale Integrata 2013 A seguire alcuni dettagli sui principali eventi del Nell ambito della strategia di razionalizzazione del footprint geografico attraverso il rafforzamento della posizione in mercati chiave ad alto potenziale di crescita, il Gruppo Generali ha sottoscritto a gennaio l accordo per l acquisto da PPF Group del 25% della società Generali PPF Holding, prima tranche dell acquisizione dell intera società. Il Gruppo detiene pertanto il 76% di Generali PPF Holding. Contestualmente Generali PPF Holding ha ceduto a PPF Group le attività assicurative in Russia e in altri Paesi della Comunità degli Stati Indipendenti. Il Gruppo avrà la possibilità di acquisire nel 2014 la seconda tranche, pari al restante 24% di Generali PPF Holding. In linea con la strategia del Gruppo di avere il pieno controllo delle attività core, Assicurazioni Generali S.p.A. ha completato in novembre l acquisizione delle quote di minoranza detenute dal gruppo KuoK in Generali Asia, la holding che controlla le operazioni assicurative del Gruppo nelle Filippine, Thailandia e Indonesia, per un controvalore complessivo di 40 milioni. Generali Asia opera in Indonesia nel segmento vita con una strategia distributiva multi-canale. Nelle Filippine è attiva nel segmento vita, soprattutto attraverso il canale di bancassurance. In Thailandia Generali Asia opera sia nel segmento vita che nel segmento danni attraverso il canale diretto e i broker. A conferma della grande potenzialità di questi mercati si evidenzia che i premi totali dei tre mercati sono cresciuti di circa il 44% nel 2013 rispetto all anno precedente. Al fine invece di ottimizzare la presenza del Gruppo nei mercati maturi, in luglio il Gruppo Generali ha raggiunto l accordo per l acquisto del 3% di Generali Deutschland Holding, la seconda compagnia di assicurazione in Germania, precedentemente posseduta al 93%. In seguito a questa transazione il Gruppo ha avviato la procedura di squeeze-out del rimanente 4%, per un ammontare di circa 228 milioni, al fine di ottenere il pieno controllo azionario della società. In considerazione delle sinergie ottenute dalla transazione e dal conseguente delisting, il Gruppo otterrà un ritorno dall investimento in linea con il piano strategico. Contestualmente a tale operazione, Generali ha concluso il collocamento di 15,5 milioni di azioni proprie, pari a circa l 1% del suo capitale azionario. L assemblea degli azionisti di Generali Deutschland Holding ha approvato la procedura di squeeze-out richiesta da Assicurazioni Generali S.p.A. il 4 dicembre In linea con il programma di ristrutturazione organizzativa del Gruppo, con decorrenza 1 novembre il Gruppo Generali ha completato la semplificazione territoriale su sette aree geografiche che consentirà un maggior coordinamento tra i mercati territoriali e l Head Office. La struttura sarà composta dalle business unit dei tre mercati principali - Italia, Francia e Germania e da quattro strutture regionali: CEE (Paesi dell Europa centro-orientale facenti parte dell UE), EMEA (Austria, Belgio, Grecia, Guernsey, Irlanda, Olanda, Portogallo, Spagna, Svizzera, Tunisia, Turchia e Dubai), Asia, e LatAm (Argentina, Brasile, Colombia, Ecuador, Guatemala e Panama). È inoltre continuata la ristrutturazione del business in Italia, mercato che risente della presente situazione economica nazionale ed attualmente soggetto ad un processo di concentrazione e consolidamento da parte di molte compagnie assicurative. In luglio è stato conferito in Ina Assitalia sia il ramo d azienda denominato Direzione per l Italia di Assicurazioni Generali S.p.A., comprensivo delle attività assicurative italiane, che le principali partecipazioni italiane tra cui AlleanzaToro, Genertel, Genertellife, Banca Generali, Generali Properties e Genagricola. In seguito al conferimento, Ina Assitalia ha assunto la denominazione di Generali Italia S.p.A.. A fine 2013 ha avuto luogo la fusione per incorporazione di AlleanzaToro in Generali Italia. Nel contesto di tale operazione è stato conferito da parte di AlleanzaToro ad Alleanza Assicurazioni il ramo d azienda assicurativa denominato Ramo Alleanza. Nel corso del 2013 si è completato il processo di centralizzazione dell acquisto di coperture riassicurative contrattuali di tutte le entità operative presso la Capogruppo. Oltre che un migliore impiego del capitale, tale centralizzazione consente di efficientare ulteriormente i terms and conditions dei programmi di riassicurazione, nonchè la gestione e il controllo del rischio di controparte. Sempre nell ambito della revisione organizzativa e dell ottimizzazione del capitale è in corso la centralizzazione della tesoreria di Gruppo, volta a rafforzare il presidio di questa funzione finanziaria fondamentale per il Gruppo. Sempre in ambito ristrutturazione organizzativa del Gruppo in novembre Assicurazioni Generali ha concluso l accordo con Allianz per l acquisizione del pieno controllo di Citylife, investimento immobiliare sito in Milano, per un valore di circa 109 milioni. L accordo ha previsto inoltre la vendita della Torre Isozaki e di una parte della componente residenziale per 367 milioni. L accordo è soggetto a clausole sospensive. Coerentemente con la strategia di ottimizzazione della propria solidità patrimoniale, il Gruppo in aprile ha concluso con successo il collocamento del 12% di Banca Generali, rafforzando in questo modo anche l indice di Solvency I del Gruppo. Nell ambito dell efficientamento della propria struttura di capitale attraverso l ottimizzazione del debito finanziario, Assicurazioni Generali S.p.A. ha sottoscritto nel mese di maggio una linea di credito revolving per un importo complessivo di 2 miliardi che il Gruppo avrà la facoltà di utilizzare entro un periodo compreso tra 2 e 3 anni. L operazione inciderà sull indebitamento finanziario del Gruppo solo in caso di effettivo utilizzo della linea di credito e consente di migliorare la flessibilità finanziaria per la gestione dei futuri fabbisogni di liquidità. In linea con gli obiettivi di rafforzamento patrimoniale, nel mese di settembre il Gruppo ha concluso un accordo modificativo del patto parasociale relativo a Telco S.p.A. che consentirà un migliore smobilizzo della propria partecipazione nella società e definisce contestualmente le modalità di

23 Eventi significativi del Assicurazioni Generali 21 rimborso del prestito obbligazionario emesso da Telco S.p.A. e detenuto dal Gruppo. Con riferimento alle azioni di disinvestimento di attività non-core e non strategiche, nel mese di ottobre il Gruppo ha completato la cessione delle attività di riassicurazione del segmento vita negli Stati Uniti (per un controvalore di circa 680 milioni) e delle partecipazioni del 49% delle società messicane del Gruppo (per un controvalore di 633 milioni), a seguito dell ottenimento delle autorizzazioni da parte delle autorità competenti. Tali operazioni sono coerenti con la strategia di rafforzare la solidità patrimoniale e hanno comportato un miglioramento dell indice di Solvency I. Sempre in tale ambito e nell ottica dell ottimizzazione del portafoglio investimenti di Private Equity, il Gruppo Generali ha venduto in ottobre la partecipazione in Agorà Investimenti S.p.A., holding che controlla indirettamente la Save S.p.A. per un controvalore di 60 milioni. In novembre il Gruppo ha concluso un accordo per la cessione del 100% di Fata Assicurazioni Danni S.p.A. per un controvalore complessivo lordo di 179 milioni. La transazione ha consentito al Gruppo di rafforzare ulteriormente il suo profilo di liquidità e solidità patrimoniale con un miglioramento dell indice di Solvency I. Il prefezionamento della vendita è subordinato al rilascio delle necessarie autorizzazioni regolamentari. In linea con l obiettivo dell incremento dell attività nel property&casualty il Gruppo ad aprile ha costituito la Global Corporate & Commercial unit, piattaforma che avrà il compito di integrare e sviluppare a livello internazionale il business danni e i servizi assicurativi rivolti alle medie e grandi imprese. Nell ambito del rafforzamento della governance di Gruppo è stato ampliato e rafforzato il Group Management Committee con la nomina di quattro nuovi membri: nel mese di febbraio è entrato a far parte del GMC Nikhil Srinivasan, in qualità di Group Chief Investment Officer; nel mese di aprile Carsten Schildknecht è stato nominato Group Chief Operating Officer; nel mese di ottobre sono entrati a far parte del Group Management Committee Philippe Donnet, in qualità di Country Manager Italia, e Eric Lombard come Country Manager Francia. Calle Alcalà 21, Madrid - Spagna

24 22 Assicurazioni Generali - Relazione Annuale Integrata 2013 Assicurazioni Generali ha emesso il 14 gennaio 2014, un obbligazione senior per un importo complessivo di milioni, rivolta ad investitori istituzionali. L emissione è finalizzata al rifinanziamento di parte del debito senior di Gruppo in scadenza nel 2014, pari complessivamente a milioni, coerentemente alla strategia di funding annunciata durante l Investor Day tenuto a Londra lo scorso 27 Novembre. L emissione ha raccolto un forte interesse da parte degli investitori esteri, che hanno rappresentato circa il 90% della domanda, a conferma del credito di cui gode il Gruppo sui mercati internazionali. Più del 37% della transazione è stata distribuita a investitori inglesi, circa il 18% a società francesi e il 15% a società tedesche. L emissione ha una durata di sei anni e una cedola pari al 2.875% pagabile annualmente ed è quotata sulla borsa del Lussemburgo. Nel corso del quarto trimestre 2013, in considerazione dell imminente introduzione a decorrere dal primo gennaio 2014 della nuova disciplina prudenziale per le banche (c.d. Pacchetto CRD IV ), Generali ha ricevuto da Mediobanca, con riferimento al finanziamento da questa concesso alla Compagnia di 500 milioni, la richiesta di applicazione della clausola contrattuale di costi aggiuntivi. Al fine di valutare la richiesta della banca, Generali ha effettuato una accurata analisi della documentazione contrattuale e in tale contesto è emersa l esistenza di un contratto di opzione che avrebbe consentito ad Assicurazioni Generali di estinguere anticipatamente il finanziamento e che tale contratto non era stato comunicato da parte della Compagnia all Autorità di Vigilanza nel 2008, all epoca dell accensione del finanziamento stesso. Più in particolare, detto contratto di opzione prevedeva la facoltà di Generali, previa autorizzazione dell Autorità di Vigilanza, di riacquistare anticipatamente la predetta passività subordinata a partire dal ventiquattresimo mese successivo alla stipula del contratto di finanziamento. A seguito dell analisi condotta dalla Compagnia è emerso che nella riunione del Consiglio di Amministrazione che ha approvato nel settembre 2008 il suindicato finanziamento era stato accennato alla possibilità di richiederne il rimborso anticipato, con congruo preavviso alla banca erogatrice e subordinatamente al rilascio di apposita autorizzazione da parte dell Autorità di Vigilanza; tuttavia, tale opzione di riacquisto della passività subordinata non era stata comunicata al Consiglio di Amministrazione nella predetta riunione, né era stata oggetto di successiva informativa allo stesso, né era stata resa nota al nuovo management della società. Alla luce di ciò, la Società ha tempestivamente inviato all Autorità tutta la documentazione del caso e, a seguito della comunicazione dell IVASS del 4 febbraio sotto citata, ha informato il Comitato Controllo e Rischi, il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale, avviando contestualmente un esteso audit interno. Su richiesta dell IVASS, Generali ha inoltre eseguito una revisione di tutti i debiti subordinati nell ambito di una completa analisi del capitale e un accurata verifica della documentazione corrisposta con l IVASS negli ultimi anni. Non è stata rilevata alcuna ulteriore carenza informativa all Autorità di Vigilanza ai fini di vigilanza e ai competenti organi della società. La Compagnia sta valutando attentamente i costi di rifinanziamento, legali e reputazionali derivanti da questa situazione. Vienna - Austria

25 Eventi significativi del Assicurazioni Generali 23 Ad esito della propria istruttoria, l IVASS ha disposto in data 4 febbraio la non ammissibilità del finanziamento subordinato di natura ibrida per il computo nel margine di solvibilità, con effetto dalla situazione di solvibilità del 31 dicembre 2013; la non ammissibilità di tale strumento ha un impatto negativo stimato in circa 3 punti percentuali. Poiché Generali intende rimborsare il finanziamento subordinato di natura ibrida usando risorse finanziarie già disponibili e provvederà alla sostituzione del finanziamento con un idoneo strumento di capitale, tale evento non avrà alcun impatto sulla capacità del Gruppo di raggiungere il target di Solvency I del 160% entro il Il 6 febbraio l agenzia di rating Fitch ha confermato l Insurer Financial Strength rating di Assicurazioni Generali ad A- (con outlook negativo), grazie in particolare alla forte performance operativa del 2013 e al focus del nuovo management sul rafforzamento del capitale e la riduzione del debito. L outlook negativo è legato all outlook dell Italia, anch esso negativo. Fitch ha inoltre confermato il rating BBB+ per le emissioni obbligazionarie senior di Generali e BBB- per quelle subordinate. Il 18 febbraio l agenzia di rating Moody s ha migliorato l outlook di Generali da negativo a stabile, che ha beneficiato del medesimo miglioramento dell outlook italiano; ha inoltre confermato l Insurance Strenght rating a Baa1 e il rating Baa2 per le emissioni obbligazionarie senior di Generali. Il rating di Assicurazioni Generali continua ad essere due notch sopra il rating del suo principale Paese di operatività per il fatto che le sue attività si estendono nell Unione Europea ed è leader in termini di quote di mercato in Paesi ad elevato rating come Germania, Francia, Austria e Repubblica Ceca. Questa diversificazione geografica riduce il legame diretto di Generali al rischio sovrano domestico. In data 19 febbraio il Consiglio di Amministrazione di Assicurazioni Generali, su richiesta di IVASS, ha esaminato le valutazioni raggiunte dal Comitato Controllo e Rischi, anche alla luce di fatti e circostanze nuovi, in merito ad alcuni investimenti alternativi effettuati in passato. Sempre su richiesta di IVASS, il Consiglio di Amministrazione ha altresì analizzato le valutazioni del Comitato per la Remunerazione inerenti al trattamento economico riconosciuto sia all ex Amministratore Delegato, Giovanni Perissinotto, sia all ex Direttore Generale, Raffaele Agrusti, nell ambito degli accordi di uscita. Alla luce di quanto sopra, il Consiglio ha deliberato di conferire mandato al Group CEO, Mario Greco, di avviare le idonee azioni risarcitorie e di responsabilità in sede giuslavoristica nei confronti sia di Giovanni Perissinotto sia di Raffaele Agrusti, al fine di tutelare gli interessi patrimoniali della Società. Il 19 febbraio il Consiglio di Amministrazione di Generali España Holding de Entidades de Seguros S.A. ha nominato Santiago Villa nuovo Chief Executive Officer, in sostituzione di Jaime Anchutsegui, che ha assunto la carica di Regional Head per l America Latina. Il Consiglio ha anche cooptato, in qualità di Vicepresidente, Giovanni Liverani, Regional Head per l area EMEA del Gruppo.

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli