Quando i brand diventano influential su Twitter: creare brand engagement con strategie di comunicazione virale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quando i brand diventano influential su Twitter: creare brand engagement con strategie di comunicazione virale"

Transcript

1 Quando i brand diventano influential su Twitter: creare brand engagement con strategie di comunicazione virale Guendalina Graffigna, Veronica Ravaglia e Eleonora Brivio Abstract The interactive nature of social networking sites contributes to reinforce the engagement between consumers and brands in terms of cocreation of shared values. In this context, Twitter the most popular microblogging service in the world seems to act as a new frontier for viral marketing strategies and offers great opportunities to promote a brand as reference point and as a trusted partner among his followers. In a social network is possible to identify strategic and central nodes the «influential» nodes able to activate information and influence spread. These nodes could be influential persons as well as influential brands which intend to communicate and interact with their consumers promoting messages consistent with their brand personalities. The ultimate aim of influential brands is to increase brand awareness and brand engagement among their followers. However the conception of Twitter as a tool to promote brand engagement is far from being mature, both in management practices and academic research, and it is not clear how to best take advantage of this new marketing and communication channel. In light of what we have shown up to this point, in this paper we intend to develop a preliminary analysis of dialogic, interactive and relational conditions that turn a brand into an engaging and influential actor on Twitter. More specifically, we explore three main case histories of brands which have considered Twitter as main viral marketing tool. Keywords: viral marketing, Twitter, social media, consumer brand engagement. Guendalina Graffigna, PhD, ricercatrice presso la facoltà di Psicologia all Università Cattolica di Milano, Veronica Ravaglia, laureata in psicologia dei consumi e del marketing presso l Università Cattolica di Milano. Eleonora Brivio, PhD, borsista presso la facoltà di Psicologia all Università Cattolica di Milano. MICRO & MACRO MARKETING / a. XXI, n. 2, agosto

2 1. L electronic word of mouth come leva della comunicazione di marca Il Web 2.0 ha trasformato i consumatori da bersaglio della comunicazione di marca ad attivi produttori e distributori di informazioni: in altri termini la «potenza» del web 2.0 come canale e strumento della comunicazione di marketing sta proprio nel riuscire a creare le condizioni che permettono alle marche di dialogare in modo più libero, co-creativo e sempre nuovo con i suoi consumatori, sfruttando la creatività ed «intelligenza collettiva» spontaneamente posseduta dai consumatori (O Reilly 2005). I consumatori vogliono oggi più che mai giocare un ruolo attivo nel processo di consumo (Bosio 2006). Vogliono co-creare contenuto e valore del brand per costruire le proprie identità, esprimere la creatività, socializzare con gli altri consumatori e vivere un esperienza unica e memorabile (Csikszentmihalyi 1997; Fabris 2003; Calder e Malthouse 2005; Aitken et al. 2008). In questo senso, il brand è a tutto diritto un interlocutore diretto del consumatore, e lo spazio di dialogo che si viene a creare tra brand-consumatore e consumatore-brand-consumatore assume una connotazione di intersoggettività, ovvero una dimensione in cui gli attori si riconoscono reciprocamente e insieme costruiscono significati (Galimberti 2011). I brand, infatti, impiegano oggi molti sforzi nell identificazione di punti di contatto con i consumatori (Brioschi 2005). Lo scopo diventa non solo definirne profili e necessità, ma soprattutto costruire relazioni durature che generino fiducia e alimentino forme creative e collaborative di scambio tra marca e consumatore al fine di costruire brand engagement (Gambetti, Graffigna e Biraghi 2012). Strumenti come Google, Skype, ma anche l ipad o i computer Apple non hanno basato il loro successo su ingenti investimenti in pubblicità, ma su prodotti straordinari di partenza, in grado di entusiasmare le persone e di stimolare naturalmente il passaparola e la co-creazione spontanea di valori attorno al brand (Godes e Mayzlin 2004; Maxham e Netemeyer 2002). La condivisione di informazioni, esperienze e significati, infatti, gioca un ruolo importante nell orientare gli atteggiamenti dei consumatori verso le marche e i prodotti, e quindi verso i comportamenti d acquisto (Brown e Reingen 1987; Mizerski 1982; Mourali et al. 2005). L avvento del Web 2.0 ha profondamente incrementato le possibilità di condividere esperienze ed opinioni e imposto numerosi e significativi mutamenti nei paradigmi della comunicazione (Sun et al. 2006; Hennig-Thurau et al. 2004). Il Web 2.0, dunque, è considerato un potente mezzo di marketing per le aziende che intendono dialogare con i propri consumatori. La possibilità di conversare facilmente e velocemente con un numero sempre maggiore di individui, la sua sostanziale anonimità, e la possibilità 238

3 di diffondere messaggi senza limiti di spazio o di tempo rendono il passa parola online (ewom) un fenomeno di rapidissima crescita e di enorme portata (Litvin et al. 2008). Date queste caratteristiche, l ewom è oggetto di attenzione sempre maggiore per imprese e organizzazioni interessate alla gestione della propria reputazione che si stanno destreggiando nella comprensione di come i processi dell ewom possano influenzare il processo di branding (Goldman 2008). 2. Le potenzialità di Twitter come canale della comunicazione di marca La seconda generazione di applicazioni Internet-based (Web 2.0) o quella che Shih (2009) chiama «la quarta rivoluzione», in cui gli utenti generano e controllano la comunicazione, presenta notevoli opportunità per la costruzione di relazioni non solo peer-to-peer ma anche nelle relazioni consumer-marketer (Harridge-March e Quinton 2009; Riva 2010). La natura interattiva dei siti di social networking, infatti, appare un utile contributo per rafforzare il legame tra il pubblico e il marchio. Wenyu e Krishnamurthy (2007) affermano che una maggior interattività promuove brand awareness e brand engagement, fattori in grado di forgiare legami cognitivi ed emotivi con gli interlocutori di marca (Steenkamp e Geyskens 2006). Esch et al. (2006) ipotizzano che i consumatori si impegnino in relazioni con i brand in modo analogo alle relazioni interpersonali che intraprendono con altri utenti. Le caratteristiche tecnologiche della nuova generazione Web rendono accessibile a chiunque la manipolazione di contenuti e danno vita a una piattaforma ideale per sollecitare la partecipazione degli utenti a processi innovativi (Cova e Dalli 2009). In questo scenario Twitter sembra essere un social network interessante per consentire la costruzione di relazioni con gli utenti e tra utenti in grado di promuovere consumer brand engagement, ma ancora poco sfruttato dalle aziende. Lanciato nell agosto 2006, è diventato in breve tempo uno dei siti web più visitati al mondo. Miller (2008) definisce Twitter «una sorta di incrocio tra social networking, blogging, e messaggi di testo che consente alle persone di tenersi in contatto con gli amici attraverso internet e dispositivi mobili» (pp ). Gli utenti Twitter utilizzano questa piattaforma per aggiornarsi in tempo reale sugli ambiti di loro interesse, comunicare con amici, celebrità o aziende, seguire eventi sportivi ecc. Tutti gli utenti Twitter rispondono alla domanda martellante «What s happening?» in non più di 140 per condividere con i propri follower, anche via dispositivi mobili, quanto sta succedendo. Gli utenti possono decidere di rendere i propri tweet pri- 239

4 vati oppure disponibili all intero Twitterverse. Il Twitterverse include il cyberspace Twitter. Una volta che un utente si iscrive a Twitter decide chi seguire. A differenza di altri siti di social network, seguire utenti su Twitter non è un attività reciproca. Un utente può decidere di seguirne un altro da cui però non è a sua volta seguito. Alcune prerogative strutturali rendono Twitter uno strumento di grande interesse per un brand che intenda avviare processi di cocostruzione con i propri interlocutori: (1) semplicità (Grossman 2009) e frequenza dei post (Java et al. 2007) lo rendono uno strumento immediato che consente interazione in tempo reale; (2) la possibilità di rimando ad altre fonti di informazione più articolate (Johnson 2009) permette l approfondimento di processi in corso che assumono un corso particolarmente interessante; (3) l utilizzo di device mobili per l inoltro di tweet (Farhi 2009) consente la possibilità di interazione costante e in mobilità. Nonostante queste potenzialità, l utilizzo di Twitter come strumento di brand engagement è ancora agli albori sia nella pratica manageriale, sia nella riflessione accademica. Il contributo qui proposto, a partire dall analisi approfondita di tre iniziative di comunicazione di marca che hanno assunto Twitter come principale canale di comunicazione con i consumatori, si propone come una prima mappatura delle condizioni dialogiche, interattive e relazionali che rendono un brand realmente influential e «engaging» via Twitter. 3. Costruire brand engagement con Twitter: l analisi di tre casi pionieristici Come accennato prima, sono ad oggi pochi i brand, soprattutto con riferimento al territorio italiano, che hanno assunto Twitter come canale di comunicazione. Nel presente contributo abbiamo concentrato la nostra analisi in particolare su tre iniziative di comunicazione di marca via Twitter, condotte nel corso degli ultimi due anni e che sono riuscite nel coinvolgimento attivo dei loro in occasione dell edizione 2011, La Gazzetta dello Sport ha deciso, per la prima volta, di raccontare il Giro d Italia online passo per passo tramite un account ufficiale Twitter, affiancandolo al già consolidato profilo Facebook e al sito internet da cui è stato possibile seguire la corsa via streaming. Comunicati stampa, aggiornamenti, materiali multimediali hanno raccontato in tempo reale la corsa aprendo spazio a curiosità, informazioni e dialogo. 240

5 L iniziativa è stata considerata da La Gazzetta dello Sport stessa, esemplare nel favorire l engagement dei propri lettori verso il (stagione moto Gp 2010): nel 2007, Fiat diventa sponsor del team Yamaha Moto Gp. Nasce il Fiat Yamaha Team, un progetto di portata mondiale per un brand orientato sempre più ad un target giovanile. Il progetto prevede la creazione di un format digitale per raccontare il campionato del mondo di Moto Gp che preveda interazione massima con gli appassionati sia attraverso i siti web ufficiali e it/ sia attraverso l attività di social networking tramite i presidi ufficiali Twitter, Facebook, Youtube e Filickr. Il 7 aprile 2010, pochissimi giorni prima dell inizio della stagione Moto Gp, nasce l account Twitter A partite da tale data Fiat con attività costante di live blogging dai circuiti condivide online con i fan le emozioni che si vivono nel paddock e nel circuito ogni weekend di gara in tempo reale, descrivendo così i luoghi, i personaggi, il mondo della Moto (#vodafonesocialhunt) (11-22 luglio 2011). L 11 luglio 2011, Vodafone Lab la comunità virtuale Vodafone compie tre anni e decide di festeggiare con un nuovo concorso a base di enigmi, misteri e, naturalmente, tablet e smartphone: parliamo di Lab Social scrive: «Vodafone lab compie 3 anni! Partecipate alla festa di compleanno per vincere ogni giorno smartphone e tablet #socialhunthttp:// lab.vodafone.it/socialhunt». Su Twitter, tutti i follower sono chiamati ad aiutare un immaginario Sherlock Lab a risolvere i misteri nascosti nella festa di compleanno a cui è stato invitato. Ogni giorno l investigatore propone un enigma e tre indizi da seguire. La soluzione si nasconde sul sito Vodafone.it, sul Lab e sui profili social di Vodafone. La Social Hunt Vodafone è una vera e propria caccia al tesoro sui social media svoltasi a replica del successo ottenuto con la stessa iniziativa nel mese di dicembre Tra tutti coloro che hanno inviato le risposte corrette, giorno per giorno, sono stati estratti i vincitori di numerosi premi giornalieri (1 Vodafone Smart Android e 3 borsoni Vodafone Lab) e un super premio finale (3 Samsung Galaxy Tab 10.1). 4. La metodologia della ricerca La ricerca, di natura qualitativa esplorativa, si è basata sull integrazione delle seguenti tre strategie di analisi (cfr. fig. 1). 1. Un primo modulo di ricerca è stato finalizzato all analisi del punto di vista degli esperti/addetti ai lavori (Brand manager, Product Mana- 241

6 1 Il punto di vista dei manager Approfondimento della brand twitter strategy dal punto di vista dei suoi promotori. Strumento: interviste semi-strutturate in profondità face-to-face ai digital manager dei tre brand considerati. Quali fattoriconsentono ad un brand di diventare influential e engaging su twitter? 3 2 Il punto di vista dei consumatori La twitter experience legata alle iniziative selezionate dal punto di vista degli interlocutori/followers. Strumento: interviste online semi-strutturate agli interlocutori del brand. I tweet Analisi del contenuto e delle strategie argomentative dei tweet delle tre iniziative che hanno reso possibile il dialogo tra i brand e i loro followers. Strumento: computer mediated discourse analysis condotta tramite il software N Vivo Fig. 1. Il disegno della ricerca. gers, Communication managers) che hanno ideato e realizzato le campagne comunicative via Twitter prima descritte. Questa fase di ricerca, basata su 3 interviste motivazionali face-to-face della durata di un ora ai referenti delle tre Twitter Strategy identificate, è stata finalizzata a comprendere la concettualizzazione degli addetti ai lavori del processo di brand engagement e di «influential brand», i goal a tendere che le strategie di comunicazione si sono poste e le «lessons learned» sul campo. 2. Un secondo modulo di ricerca è stato dedicato all analisi del punto di vista dei consumatori, followers dei tre brands su Twitter, al fine di comprendere quali nella loro percezione ed esperienza siano/siano stati gli elementi della comunicazione attivata via Twitter maggiormente capaci di produrre brand awareness e brand engagement. Concretamente sono state condotte 9 interviste qualitative in profondità a partecipanti attivi nelle tre iniziative twitter considerate (3 per iniziativa). 3. Infine un terzo modulo di ricerca è stato finalizzato all analisi dei post Twitter (tweet) attivati dalle tre iniziative di comunicazione e cogenerati da consumatori e azienda (cfr. tab. 1), al fine di cogliere le condizioni (di contenuto, dialogiche ed interattive) che rendono possibile la co-creazione di valore e la costruzione di engagement nel contesto di comunicazione via Twitter. I tweet sono stati sottoposti ad un analisi delle caratteristiche tematiche, retoriche e conversazionali condotta con il supporto del software Atlas.ti. 242

7 Tab. 1. Il campione dei Tweet analizzati per iniziativa Fiat Yamaha Team Giro d Italia Vodafone Social Hunt N. tweet Lo studio, seppur esplorativo, ha permesso una buona triangolazione dell oggetto di indagine e ha prodotto evidenze che posso contribuire alla teoria e alla pratica del marketing virale che adotta Twitter come principale canale di comunicazione. Il paper, infatti, si propone come un primo contributo sistematico all analisi delle potenzialità e dei limiti del canale Twitter come strumento di brand engagement. 5. I risultati 5.1. Il punto di vista dei manager Le interviste ai manager hanno messo in luce due condizioni chiave, ritenute pre-requisito indispensabile per l attivazione di una strategia di branding via Twitter: l «ancoraggio al contesto» e la costruzione di una «relazione dialogica» con gli interlocutori. Secondo i manager intervistati, infatti, una prima «condizione di successo» delle iniziative Twitter promosse da un brand è il loro legame a eventi realmente accaduti nel contesto (on o off line). Twitter va interrogando senza sosta i propri utenti con la domanda «What s happening?»; in questo modo la piattaforma induce tutti gli utenti iscritti a condividere quanto sta succedendo intorno a loro. La discussione di eventi è così all ordine del giorno. Se il contesto invita a parlare di eventi e di situazioni, gli utenti si aspettano che anche i brand assecondino le regole imposte dalla piattaforma a cui tutti fanno riferimento. E tanto più gli eventi saranno capaci di entusiasmare e tenere con il fiato sospeso, tanto più i follower saranno disposti a coinvolgersi nel mondo del brand. In altre parole, la notiziabilità degli eventi del contesto, e la capacità del brand di coglierne l essenza e di diffonderla in tempo reale presso i consumatore/follower appare la conditio sine qua non per l attivazione di una iniziativa di questo tipo. Un vero e proprio caso di successo, una case history particolarmente interessante. In questa occasione l azienda era sponsor per questa squadra. È nato così un progetto digitale in cui si raccontava la stagione sportiva live, pubblicando contenuti sul posto quindi freschi, non come quelli della televisione, quindi cose che puoi trovare sul giornale, ma cose per gli appassionati. 243

8 Una seconda «condizione di successo» riguarda la costruzione di una relazione dialogica con i propri interlocutori: tramite Twitter il brand è chiamato a interagire e interloquire con i suoi consumatori allo scopo di coglierne e soddisfarne le esigenze. Il motivo per cui un brand decide di andare online è la volontà di instaurare un dialogo con la rete così da coglierne le esigenze. Sono di particolare rilievo gli interlocutori più influenti, la soddisfazione di questi significa inoltre l attivazione di importanti flussi di passaparola positivo. [...] andiamo a selezionare gli interlocutori che possono essere fondamentali per determinati temi, abbiamo questi eventi in cui noi li conosciamo, ci facciamo conoscere e in qualche modo instauriamo una relazione con loro. Una relazione dialogica, però, che sembra prendere forme diverse a seconda del ruolo/peso che nella relazione assumono i due principali attori in gioco: consumatore e brand. Gli esperti intervistati, infatti, hanno messo in luce tre possibile forme di relazione che Twitter permette di costruire tra consumatore e brand: una relazione centrata sul brand, dove cioè è l Azienda protagonista e leader del dialogo con i consumatori. In questo caso prevale un uso per lo più unidirezionale del canale Twitter, usato per garantire un aggiornamento continuo al consumatore sul brand e le sue attività, nella logica di un servizio aggiuntivo di relazione e fidelizzazione. I tweet sono una sorta di driver che puntano a tutto quello che viene pubblicato sul nostro sito. È indubbio che ad oggi noi divulghiamo le nostre notizie anche tramite Twitter, a tendere non sarà l unica cosa che potremo fare con Twitter che dovrà essere utilizzato come strumento differente, quindi anche di interazione con gli utenti. una relazione centrata sul consumatore, in cui il brand si propone di dare spazio di parola ai propri interlocutori ascoltandoli e dialogando con loro. Il dialogo attivato è finalizzato a coinvolgere gli interlocutori nel mondo del brand e a creare relazioni sempre più stabili. Su Twitter quello che avviene è la discussione su argomenti; quello che fa un brand per diventare Influential su Twitter è quello di tentare di avere buoni contenuti su un determinato argomento, cavalcarlo bene ed entrare nelle conver- 244

9 sazioni online per essere riconosciuti come punto di riferimento con cui discutere circa un dato argomento. una relazione centrata sullo «scambio» tra consumatore e brand. In questo caso il brand aspira portandosi un passo oltre al mero dialogo a soddisfare le esigenze emergenti di engagement del consumatore. Il concetto di collaborazione e partnership assume massimo rilievo: il brand reputa non solo importante il coinvolgimento dei follower nella relazione ma anche il proprio coinvolgimento. Si chiede ai follower partecipazione e costruzione di valore, ma si riconosce al contempo il ruolo portante del brand in questo processo di cocostruzione, la necessità di premiare questa partecipazione attiva. Il brand si pone sullo stesso piano dei propri interlocutori promuovendo una relazione di scambio reale. Abbiamo quindi deciso di cambiare l identità del brand su Twitter; Twitter diventa non solo un canale di informazione com è stato fino ad ora, ma il Dna fondamentale è quello di fornire un servizio specializzato fornito dagli operatori, che noi abbiamo proprio messo nella pagina profilo con le loro facce, sono persone reali. Dalle interviste emerge come l engagement del consumatore-interlocutore sia l obiettivo primario di tutte le strategie di comunicazione via Twitter, e come le tre forme che la relazione dialogica tra brand e consumatore può assumere di fatto possano essere lette come tre step progressivi di un continuum evolutivo. Costruire e gestire al meglio la relazione con i propri follower significa, per un brand, infatti, fare frequente ricorso a interventi di crisis management. Al presentarsi di eventi critici (sia di carattere positivo come un inaspettato incremento di follower o di carattere negativo come un reclamo o una critica espressa dai followers), il brand è chiamato a fronteggiarli e a gestirli al meglio in tempi molto brevi. Su qualsiasi cosa, qualsiasi evento online possono nascere imprevisti o discussioni non sempre positive e tu devi far capire che stai considerando e gestendo la cosa. Il nostro obiettivo principale rimane comunque la soddisfazione del cliente. Gli eventi critici sono fasi importantissime che ritmano l evolvere della relazione tra il brand e i suoi consumatori in quanto spingono il brand ad una rifocalizzazione dei bisogni e delle aspettative dei consumatori, al fine di riorientare e sintonizzare al meglio le sue strategie di comunicazione. 245

10 5.2. I tweet Le tre iniziative sono state analizzate anche per quanto riguarda il materiale prodotto dai brand sul loro account Twitter. I tweet sono stati analizzati attraverso l applicazione di 21 categorie afferenti a 4 aree diverse, che hanno permesso l individuazione del profilo comunicativo messo in atto dal brand durante l iniziativa. Le prime tre aree di analisi si rifanno a elementi presenti nella Comunicazione Mediata dal Computer (Cilento Ibarra 2010; Abbasi e Chen 2008; Koch et al. 2005): aspetti pragmatici (attraverso l individuazione del tipo di atto linguistico, che permettono di rilevare l intenzione pragmatica di un atto linguistico), aspetti semantici relativi al contenuto del tweet (contenuto), e aspetti sintattici (lingua, uso di emoticons, ecc., che indicano la forma e lo stile della costruzione del tweet). L ultima area si riferisce al tipo di tweet utilizzato, aspetto strutturalmente vincolato dalla piattaforma Twitter stessa: un tweet può essere una produzione originale e spontanea dell utente (tweet_originale), un re-tweet (una replica perfetta di un tweet originale di un altro utente), o un tweet reply (un tweet indirizzato a un utente specifico, segnalato dall uso del simbolo prima dell username dell utente a cui il tweet è rivolto). È stato anche codificato il numero dei retweet effettuati dai follower dei brand come indice di partecipazione all evento: ottengono rispettivamente in media 12,7 e 84,80 retweet da parte degli utenti per ogni tweet trasmesso, VodafoneSocialHunt raggiunge in media 2,5 retweet da parte degli utenti. I retweet degli utenti consistono nell inserimento del tweet del brand nel profilo dell utente e nella sua comunicazione ai follower dell utente stesso. La decisione di retweetare una comunicazione relativa al brand/evento può essere interpretato non solo come una comprensione del messaggio stesso da parte del consumatore ma anche come un indice di partecipazione all evento che viene vissuto e condiviso con il brand in quanto significativo per entrambi. Si può notare dal grafico (fig. 2) che i brand effettuano scelte molto differenti per i loro tweet: sia per quanto riguarda le caratteristiche linguistiche-argomentative che caratterizzano la «forma espositiva» del brand; sia per quanto riguarda i contenuti principalmente veicolati nello scambio via Twitter. Al fine di individuare il profilo comunicativo dei tre brand è stata utilizzata l Analisi delle Corrispondenze 1 (Benzècri et al. 1973). Il risul- 1 Questo tipo di analisi permette di individuare la struttura delle frequenze ottenute e di descrivere come le frequenze delle categorie sono collegate tra loro e con altre informazioni (in questo caso con il tipo di evento/brand) (Blasius e Thiessen 2000). L obiettivo 246

11 Retweet_utenti Tipo di tweet Tweet_reply Tweet_originali Retweet Testo Emoticon Aspetti sintattici Spagnolo Italiano Inglese Intonazione Contrazioni Info_online Aspetti semantici Aspetti pragmatici Info_offline Multimedia Link Espressivi Direttivi Commissivi Assertivi Vodafone Gazzetta Fiat Fig. 2. Le specificità tematiche ed argomentative dei Tweet per iniziativa. tato dell analisi delle corrispondenze (cfr. fig. 3) è mostrato nel piano cartesiano sottostante. Le due dimensioni del piano sembrano rimandare a quelle identificate nelle interviste ai manager come conditio sine qua non per l attivazione di iniziative Twitter di successo: l asse orizzontale della mappa sembra infatti rimandare al tipo di centralità che nella relazione assume l interlocutore/consumatore (cfr. categorie come «retweet utenti», «lingua italiana» «direttivo», «commissivo»); l asse verticale rimanda invece principale di questa analisi è di visualizzare le tabelle di contingenza relative alle frequenze delle categorie in esame su un piano multidimensionale, comunemente chiamato «mappa». Le distanze tra i punti sulla mappa sono date dal valore del chi quadrato; gli assi cartesiani sono dimensioni latenti sottostanti alle frequenze, che sono definiti dalla variabilità dei dati e dal concetto di inerzia: se la categoria sono lontane dal centroide su un determinato asse e hanno un peso d inerzia maggiore, allora quella categoria contribuirà in maniera consistente all orientamento dell asse stesso (ibidem). 247

12 Centralità dell ancoraggio al contesto Dimensione Contrazioni Retweet Twitter come strumento per diffondere contenuti/informare il consumatore Inglese Fiat Twitter come strumento Smile Info_off di ascolto/relazione con Assertivo Intonazione il consumatore Spagnolo Espressivo Tweet_ or it text Tweet_reply Multimedia Giro Retweet_utenti_m Commissivo Direttivo Retweet_utenti Link Vodafone info_on Twitter come strumento Italiano per sintonizzarsi con il consumatore Dimensione 1 Centralità della relazione al consumatore Fig. 3. Il profilo comunicativo dei brand su Twitter: analisi delle corrispondenze elaborata con il software Atlas.ti. all ancoraggio con il contesto («informazione sull offline», «espressivo», «lingua inglese»). Sul piano cartesiano dato da queste dimensioni, possiamo notare che i tre brand si collocano in quadranti diversi, e sembrano identificare tre diverse logiche di utilizzo di Twitter: Il brand Gazzetta si colloca vicino all origine e viene fortemente definito dalla presenza dei retweet degli utenti, l utilizzo di multimedia nei tweet, e l utilizzo di atti linguistici di tipo «espressivi», che testimoniano di un approccio a Twitter come mezzo non solo per informare in tempo reale il consumatore, ma anche per «sintonizzarsi con lui» nella condivisione delle notizie sull evento. Da notare infatti il forte ancoraggio al contesto off line dei tweet veicolati da questo brand. Vodafone invece è nel quadrante speculare a quello il quale delinea un profilo fortemente legato alla lingua italiana, a atti linguistici commissivi e direttivi, che testimoniano di una maggiore centratura del brand sulla relazione/scambio con il consumatore, nel principale obiettivo di accoglierne feedback e segnalazioni e di migliorare la soddisfazione del consumatore nella relazione con il brand. Nel quadrante opposto c è FiatYamahaTeam, associato alle categorie relative alle informazioni online, l uso dell inglese e ai retweet dei messaggi degli utenti. Anche l iniziativa promossa da questo brand appare molto improntata all apertura verso il mondo esterno (questa volta principalmente online) e alla concezione di Twitter come canale di interlocuzione aggior- 248

13 namento del consumatore (si veda ad esempio la ricorrenza di «assertivi» che suggerisce un uso quasi puramente informativo del canale) Il punto di vista dei consumatori Le interviste ai consumatori che hanno attivamente partecipato alle iniziative promosse dai brand via Twitter hanno messo in luce molto entusiasmo ed una generale approvazione dell idea da cui è scaturita l iniziativa. In particolare, le principali potenzialità che i consumatori trasversalmente ai colloqui condotti riconoscono alle iniziative via Twitter, si articolano su tre piani: il piano della relazione con il brand, il piano della relazione con i pari, il piano della progettazione aspirazionale del sé. Vediamole più nel dettaglio. Sul piano della relazione con il brand, i consumatori riconoscono a Twitter la capacità di generare nuove occasioni di interlocuzione con il brand, foriere di benefici sia intangibili sia tangibili per il consumatore. Tra i benefici intangibili c è quello della possibilità di sentirsi «interlocutore esperto» che con i suoi feedback può contribuire alla strategia di marketing dell azienda. Inoltre la possibilità di ricevere continui aggiornamenti sulle iniziative del brand o su quelle da esso sponsorizzate risulta un incentivo importante che mantiene il consumatore «ingaggiato» nel processo comunicativo. Importante inoltre il ritorno «strumentale» che il consumatore ottiene dalla partecipazione al dialogo via Twitter, che si sostanzia in promozioni, sconti e contest dedicati. Mi piace l idea di interagire con il brand, di poter contribuire esprimendo le mie opinioni. Quelli che gestiscono il profilo del brand su Twitter sono sempre molto simpatici e disponibili a rispondere a tutte le domande e curiosità e ti fanno capire che apprezzano la tua partecipazione all iniziativa. È bello essere continuamente aggiornati sull evento promosso dal brand. Uno dei vantaggi di Twitter è proprio quello di fornire una mini cronaca scritta in diretta facile da seguire. Per chi lavora e non può seguirla in tv, Twitter è il medium più adatto per rimanere aggiornato. Interessanti le promozioni riservate ai follower, in futuro me ne aspetto di più. 249

14 Sul piano della relazione con i pari, Twitter apre alla possibilità di entrare in contatto con consumatori simili a sé, che condividono la passione per il brand o per gli eventi sponsorizzati dal brand. Ne consegue che Twitter permette la costruzione di una community elettiva di consumatori, tutti accomunati dalla relazione privilegiata con il brand. Sei messo in contatto con altri che hanno i tuoi interessi. Entri a far parte di un elite che parla con il brand. Infine, sul piano della progettualità aspirazionale del sé, lo scambio dialogico permesso da Twitter, sembra garantire per il consumatore l accesso a «mondi possibili» della marca e del sé (Semprini 2006), altrimenti non fantasticabili. L accesso a informazioni esclusive sul brand e sulle iniziative da esso promosse, l assunzione di un ruolo centrale nella relazione/ scambio con il brand, l inclusione in una elitaria community di appassionati, l accesso a promozioni esclusive... permettono infatti al consumatore di proiettarsi aspirazionalmente in una nuova dimensione della relazione con il brand e di trarre da essa un importante gratificazione. Entri a far parte del mondo del brand e puoi influenzarlo dando il tuo contributo. Ricordo con particolare piacere l iniziativa «Fiat Yamaha Team Box». In occasione dell ultimo Gran Premio di Valencia, il Fiat Yamaha Team ci ha fatto una sorpresa: tutte le nostre facce su un unico cartellone appeso nel paddock. Al di là di questi valori di fondo, le dimensioni cruciali per garantire il successo di un iniziativa di branding via Twitter sono essenzialmente due dal punto di vista dei consumatori: da una parte la freschezza dei contenuti veicolari via Twitter: l aspettativa dei consumatori è infatti quella di ricevere costantemente e in tempo reale news brevi da parte del brand, che li facciano sentire aggiornati e sempre sul pezzo; dall altra parte la continuità della comunicazione del tempo: è importante infatti che il consumatore percepisca la progettualità nel tempo dell iniziativa, sinonimo della potenziale durata della sua relazione esclusiva con il brand. Le aspettative dei consumatori-follower, infatti, vanno nella direzione di una nuova forma di relazione con il brand, che ha una sua continuità e che apre a nuove forme di collaborazione con gli altri consumatori con cui si viene in contatto. La breve durata della Twitter branding strategy appare una delle maggiori cause di iniziative insoddi- 250

15 sfazione dei consumatori verso l iniziativa. La chiusura improvvisa del contratto comunicativo, infatti, genera nel consumatore un senso di abbandono, con il rischio di un rebound negativo sulla relazione privilegiata costituitasi tramite Twitter tra consumatore e brand. Ci vorrebbe un continuo aggiornamento durante l anno, magari con informazioni sulla preparazione, sui prossimi movimenti. È un peccato quando le iniziative via Twitter sono troppo brevi...appena ci prendi gusto sono finite! 6. Discussione La ricerca ha messo in luce come l identificazione di elementi notiziabili del contesto e la focalizzazione delle aspettative dei consumatori-interlocutori con cui dialogare appaiono essere le condizioni indispensabili per l attivazione di un iniziativa di branding tramite Twitter. Dalle iniziative studiate parrebbe possibile tracciare un «percorso evolutivo» delle strategie di branding via Twitter, che si assetta lungo un asse relazionale che prevede ad un estremo uno scambio tendenzialmente unidirezionale dove il brand è il vero protagonista della relazione, all altro estremo un reale scambio partecipativo e di engagement tra brand-interlocutori (cfr. fig. 4). Il primo stadio del processo evolutivo corrisponde a una Brand Twitter Strategy che fa uso del canale principalmente per la diffusione delle informazioni sul brand o sulle iniziative da esso sponsorizzate. In questa prospettiva Twitter è concepito come uno strumento di «servizio» verso i consumatori, per aggiornarli in tempo reale e con notizie fresche ed immediate. Questo primo livello appare per lo più una fase di accesso al mezzo, una fase di passaggio, per via delle necessità sempre più pressanti degli utenti Twitter e della loro volontà di partecipare attivamente alla vita del brand. Esiste infatti uno stadio strategico «intermedio» di engagement comunicativo del consumatore in cui il brand da maggior spazio di parola ai propri interlocutori ascoltandoli e dialogando con loro. Il dialogo attivato è volto a coinvolgere gli interlocutori nel mondo del brand e a creare relazioni stabili, e il canale Twitter è concepito come strumento di ascolto delle esigenze e aspettative dei consumatori e come strumento conoscitivo per il brand. Terzo livello strategico (per lo più aspirazionale) di una comunicazione di branding via twitter è lo stadio ad oggi più evoluto per cui il 251

16 Twitter come driver per diffondere contenuti Twitter come mezzo per ascoltare il consumatore Twitter come luogo di collaborazione e relazione La relazione brand-consumatore via twitter Centratura sul brand Centratura sul consumatore Centratura sulla partnership tra consumatore e brand Fig. 4. Le forme di relazione via Twitter tra brand e consumatore. brand dopo aver raccolto nelle fasi di ascolto e dialogo le esigenze dei clienti grazie a una relazione di scambio e di fiducia, si propone di aprirsi alla collaborazione concreta con i consumatori per soddsifarle. Si tratta della piena realizzazione del concetto di Web 2.0, in cui Twitter diventa canale bidirezionale per la relazione di co-costruzione e partnership tra consumatori e brand. Il passaggio da uno step evolutivo a quello successivo viene promosso da interventi di crisis management. La gestione e risoluzione di questi eventi critici, infatti, forza il brand ad aprirsi al dialogo con i propri interlocutori. Il brand si pone sullo stesso piano dei follower definendo per loro e con loro un percorso comune da seguire; i follower si sentono così partecipi e coinvolti in quello che è il mondo del brand. Gli eventi critici, in altri termini, sono descritti e vissuti dai manager come occasioni di «stop» nella gestione della strategia di branding, che forza il brand ad avvicinarsi al consumatore (secondo il concetto di «brand prossimity» già in altra sede evidenziato come cruciale per la costruzione di consumer brand engagement, cfr. Gambetti, Graffigna e Biraghi 2012) per accoglierne e comprenderne le istanze, e per coinvolgerlo nella ridefinizione della strategia comunicativa. È su questo progressivo avvicinamento e dialogo tra brand e consumatore che si costruisce nel tempo una reale relazione di engagement, e in cui Twitter pare sicuramente costituire uno strumento di avvicinamento importante. Nella prospettiva dei consumatori, Twitter pare potenziare la capacità del brand di dare accesso a mondi valoriali e relazionali che sono oggetto delle progettazioni aspirazionali dei consumatori. Mondi non solo strettamente legati alle promesse valoriali del brand, ma anche allo scenario delle attività/iniziative che il brand promuove, e che spesso sono oggetto della passione dei consumatori (cfr. fig. 5). In altri termini, Twitter si configura come lo scenario relazionale in cui il brand garantisce al consumatore l accesso esclusivo ad informazioni legate non solo all Azienda e alla strategia di branding, ma anche agli eventi del contesto reale (on- o off-line); informazioni privilegiate a cui il consuma- 252

17 Twitter CONTESTO 1 Brand MONDO POSSIBILE 1 Fig. 5. Twitter come canale di accesso a «mondi possibili». tore altrimenti non potrebbe avere accesso e che permettono al consumatore di proiettarsi in uno scenario aspirazionale di relazione elitaria con il brand e con l evento stesso. Nella prospettiva del consumatore, quindi, non solo Twitter diventa canale di «potere» perché permette la condivisione di informazioni riservate ed elitarie, ma esso diventa anche supporto alla progettazione aspirazionale del sé, sia nella relazione con il brand, sia nella propria traiettoria di vita e di consumo. Ne consegue, come risultato, la percezione di un forte avvicinamento emotivo al brand e la costruzione di una reale relazione di engagement verso l Azienda e verso gli altri consumatori entrati a far parte grazie a Twitter di una community elitaria. Si attiva cioè un processo di condivisione non solo delle informazioni, ma anche degli obiettivi a tendere del brand, che apre alla possibilità di una reale partnership nella creazione della promessa (attuale e futura) del brand. 7. Conclusioni La ricerca qui commentata ha previsto un impianto puramente esplorativo e le evidenze emerse sono indiziarie e necessitano di ulteriori approfondimenti e verifiche. Non solo appare opportuno ampliare la gamma di brand e iniziative da analizzare, ma anche approfondire come le specificità e i settori merceologici dei brand considerati possano legarsi a declinazioni specifiche dell uso di Twitter come canale di comunicazione di brand. Inoltre appare prioritario profilare in modo più esteso le caratteristiche dei consumatori potenzialmente coinvolgibili in strategie di comunicazione via Twitter, al fine di coglierne aspettative e bisogni scoperti e di contribuire al migliore orientamento delle Twitter Branding Strategies. Tuttavia, seppur indiziarie, le evidenze commentate in questo contributo appaiono interessanti e sembrano porre le basi per un dibat- 253

18 tito non solo teorico ma soprattutto applicativo circa la proponibilità del canale Twitter come supporto alle strategie di branding. In particolare la ricerca ha messo in luce come Twitter presenti interessanti potenzialità per avvicinare il brand alle aspettative dei suoi consumatori, soprattutto al fine di supportarli nella co-generazione di mondi e di forme di relazione possibili. L utilizzo che ad oggi i brand sembrano fare di Twitter appare ancora limitato alle potenzialità informative e di diffusione di contenuti legati al brand, ma sicuramente più promettenti sembrano i tentativi di costruzione di consumer-brand engagement attraverso un uso flessibile e bidirezionale del canale. Si tratta di una nuova frontiera del marketing virale e della comunicazione di branding ancora tutta da esplorare e determinare nelle sue potenzialità. Riferimenti bibliografici Abbasi A., Ch e n H. (2008). A Design Framework and System for Text Analysis of Computer Mediated Communication. Mis Quarterly, vol. 32, n. 4, pp Aitken R., Gray B., Lawson R. (2008). Advertising Effectiveness from a Consumer Perspective. International Journal of Advertising, vol. 27, n. 2, pp Blasius J., Thiessen V. (2000). Methodological Artifacts in Measures of Political Efficacy and Trust: A Multiple Correspondence Analysis. Political Analysis, vol. 9, n. 1. Benzécri J.-P. et al. (1973). L Analyse des Données. Paris: Dunod. Bosio A.C. (2006). Quando l emergenza diventa normalità. Verso un consumatore neo-concreto. Micro & Macro Marketing, n. 1, pp Bosio A.C. (2008). Esplorando il sentimento del cittadino-consumatore: alla ricerca di una nuova regolazione privata e pubblica del consumo. Micro & Macro Marketing, n. 1, pp Br i o s c h i E.T. (2005). La comunicazione totale d azienda nel contesto internazionale. Comunicazioni Sociali, vol. 1, n. 1, pp Br o w n J.J., Reingen P. (1987). Social Ties and Word-of-Mouth Referral Behavior. Journal of Consumer Research, n. 14, pp Ca l d e r B.J., Ma l t h o u s e E.C. (2005). Managing Media and Advertising Change with Integrated Marketing. Journal of Advertising Research, vol. 45, n. 4, pp Cilento Ibarra F. (2010). Lo stile comunicativo via chat line: Uno strumento per lo studio delle dimensioni sintattica, semantica e pragmatica delle chat in lingua italiana. In D. Cesareni, S. Manca (a cura di), Formazione, innovazione e tecnologie. Napoli: ScriptaWeb. Co v a B., Dalli D. (2009). Working Consumers: The Next Step in Marketing Theory? Marketing Theory, vol. 9, n. 3, pp

19 Csikszentmihalyi M. (1997). Finding Flow: The Psychology of Engagement with Everyday Life. New York: Basic Books. Esch F.-R., La n g n e r T., Sc h m i t t B.H., Geus P. (2006). Are Brands Forever? How Brand Knowledge and Relationships Affect Current and Future Purchases. Journal of Product & Brand Management, vol. 15, n. 2, pp Fabris G. (2003). Il nuovo consumatore: verso il postmoderno. Milano: Franco- Angeli. Fa r h i P. (2009). The Twitter Explosion. American Journalism Review, vol. 31, n. 3, June/July, pp Galimberti C. (2011). Segui il coniglio bianco: La costruzione della soggettività nelle interazioni mediate. In C. Regalia, E. Marta (a cura di), Identità in relazione: le sfide odierne dell essere adulto. Milano: McGraw-Hill. Gambetti R.C., Graffigna G., Bi r a g h i S. (in press). Consumer-Brand Engagement. Ref: Weom-V9-N Wiley Encyclopedia of Management, 3 rd edition, vol. 9, Marketing. Gambetti R.C., Graffigna G., Bi r a g h i S. (in press). Grounded Theory Approach to Consumer-Brand Engagement: Practioners Perspective. International Journal of Marketing Research. Go d e s D., Mayzlin D. (2004). Using Online Conversations to Study Word of Mouth Communication. Marketing Science, vol. 23, n. 4, pp Go l d m a n E. (2008). Onlineword of Mouth and Its Implications for Trademark Law. In G.B. Dinwoodie, M.D. Janis (eds.), Trademark Law and Theo ry a Handbook of Contemporary Research. Cheltenham: Edward Elgar, pp Grossman L. (2009). Iran s Protests: Why Twitter is the Medium of the Movement. Time. Retrieved from June. Harridge March S., Qu i n t o n S. (2009). Virtual Snakes and Ladders: Social Networks and the Relationship Marketing Loyalty Ladder. The Marketing Review, vol. 9, n. 2, pp He n n i g-th u r a u T., Gw i n n e r K.P., Walsh G., Gremler D.D. (2004). Electronic Word-Of-Mouth Via Consumer-Opinion Platform: What Motivates Consumers to Articulate Themselves on Internet? Journal of Interactive Marketing, vol. 18, n. 1, pp Java A., So n g X., Finin T., Ts e n g B. (2007). Why We Twitter: Understanding Microblogging Usage and Communities. Procedings of the Joint 9 th Webkdd and 1st Snakdd Workshop San Jose, Ca. Retrieved from August. Jo h n s o n S. (2009). How Twitter Will Change the Way We Live. Time. Retrieved from June. Ko c h S.C., Mueller B., Kruse L., Zu m b a c h J. (2005). Costructing Gender in Chat Groups. Sex Roles, vol. 53, nn. 1/2. Litvin S., Goldsmith R.E., Pan B. (2008). Electronic Word-of-Mouth in Hospitality and Tourism Management. Tourism Management, vol. 29, n. 3, pp

20 Maxham J.G., Netemeyer R.G. (2002). Modeling Customer Perceptions of Complaint Handling Over Time: The Effects of Perceived Justice on Satisfaction and Intent. Journal of Retailing, vol. 78, n. 4, pp Miller V. (2008). New Media, Networking and Phatic Culture. Convergence: The Journal of Research into New Media Technologies, vol. 14, n. 4, pp Mizerski R.W. (1982). An Attribution Explanation of the Disproportionate Influence of Unfavorable Information. Journal of Consumer Research, vol. 9, December, pp Mourali M., La r o c h e M., Po n s F. (2005). Antecedents of Consumer Relative Preferences For Interpersonal Information Sources in Pre-Purchase Search, Journal of Consumer Behaviour, vol. 4, n. 5, pp O Reilly T. (2005). What is Web 2.0 Design Patterns and Business Models for the Next Generation of Software. Retrieved from web2/archive/what-is-web-20.html. Riva G. (2010). I social network. Bologna: il Mulino. Se m p r i n i A. (2006). La marca postmoderna: potere e fragilità della marca nella società contemporanea. Milano: FrancoAngeli. Sh i h C.C.-W. (2009). The Facebook Era: Tapping Online Social Networks to Build Better Products, Reach New Audiences and Sell More Stuff. Ma: Pearson Education. Steenkamp J.-B.E.M., Geyskens. I. (2006). How Country Characteristis Affect the Perceived Values of Web Sites. Journal of Marketing, vol. 70, n. 3, pp Sun T., Yo u n S., Wu G., Kuntaraporn M. (2006). Online Word-of-Mouth (or Mouse): An Exploration of Its Antecedents and Consequences. Journal of Computer Mediated Communication, vol. 11, 4, pp We n y u D., Kr i s h n a m u r t h y S. (2007). Using Brand Web Sites to Build Brands Online: A Product vs. Service Brand Comparison, Journal of Advertising Research, vol. 47, n. 2, pp

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT Introdurre nuove competenze e applicarle rapidamente al ruolo per ottenere risultati rapidi e tangibili sul business:

Dettagli

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP Per Eppela è importante promuovere la cultura del crowdfunding in Italia, inteso come nuovo strumento di raccolta fondi, alternativo al sistema bancario, oggi in forte crisi.

Dettagli

BENVENUTI! Corso di Web Marketing

BENVENUTI! Corso di Web Marketing BENVENUTI! Corso di Web Marketing PRESENTIAMOCI Chi siamo? I DOCENTI : Barbara Gorlini - Marketing, Communication & Digital PR Fabio Dell Orto - Web Marketing, SEO&SEM E TU? raccontaci. Le tue aspettative

Dettagli

CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA.

CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA. CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA. CHE COS'E' IL CYBER PR? Il CYBER PR è una campagna di promozione discografica digitale il cui scopo è quello di sfruttare

Dettagli

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Abstract La progressiva diffusione dei social network, sia generalisti (quali Twitter, Facebook o Google+, la recente piattaforma messa a punto da Google) sia specializzati

Dettagli

Stefanel Progetto website, ecommerce & social. Stefanel Progetto Website, ecommerce & social. Kettydo Digital, Meaningful

Stefanel Progetto website, ecommerce & social. Stefanel Progetto Website, ecommerce & social. Kettydo Digital, Meaningful Stefanel Progetto website, ecommerce & social Documento di presentazione del progetto Milano, 6 febbraio 2012 Articolazione dei contenuti 1. Cenni sull azienda 2. Cenni sull agenzia 3. Strategia: Seduction

Dettagli

INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING

INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING FIRENZE, 13 APRILE 2013 Nicola Carmignani @nicocarmigna www.nicolacarmignani.it PRESENTAZIONI Nicola Carmignani @nicocarmigna Blog: Uno Spreco di Bit! www.nicolacarmignani.it

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

develon web d.social il potere della conversazione develon.com

develon web d.social il potere della conversazione develon.com develon web d.social il potere della conversazione develon.com Facebook, Twitter, Flickr, YouTube, forum tematici, blog, community... Qualcuno dice che il Web 2.0 ha cambiato il mondo. Qualcun altro, meno

Dettagli

Roma. 10 11 Luglio. Docenti RUDY BANDIERA. Web Marketing Manager e Giornalista RICCARDO SCANDELLARI. Esperto in Strategie di Marketing nei nuovi media

Roma. 10 11 Luglio. Docenti RUDY BANDIERA. Web Marketing Manager e Giornalista RICCARDO SCANDELLARI. Esperto in Strategie di Marketing nei nuovi media Roma 10 11 Luglio 16h di Corso Intensivo Docenti RUDY BANDIERA Web Marketing Manager e Giornalista RICCARDO SCANDELLARI Esperto in Strategie di Marketing nei nuovi media Powered by Il web è conversazione.

Dettagli

Rilancia il tuo business con il web 2.0

Rilancia il tuo business con il web 2.0 Rilancia il tuo business con il web 2.0 Relatore:Andrea Baioni abaioni@andreabaioni.it Qualche anno fa. Media di ieri e di oggi Oggi: fruizione di contenuti senza vincoli 2 Gli old media Generalisti Occasionali

Dettagli

Azienda 2.0. Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi. Stefano Ventura

Azienda 2.0. Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi. Stefano Ventura Azienda 2.0 Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi Stefano Ventura 1. Il nuovo scenario social 2. Necessaria strategia 2.0 3. La nostra esperienza 4. La gestione dei rischi 1.

Dettagli

Lo scenario online del risparmio gestito in Italia

Lo scenario online del risparmio gestito in Italia Il risparmio gestito sul web è poco presente. Sui social network addirittura inesistente. Invece la Rete è un mondo da esplorare da parte delle società come già avviene negli USA. Mauro Panebianco, Associate

Dettagli

UniCredit e i Social Media

UniCredit e i Social Media UniCredit e i Social Media Logiche e strategia di utilizzo dei canali social Sara Iovenci - Social & Digital Branding Group Brand Management Alessandro Appodio - Online Acquisition - Internet & Mobile

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

SCENARIO. Formazione Unindustria Treviso - Business 2.0 LAB

SCENARIO. Formazione Unindustria Treviso - Business 2.0 LAB BUSINESS 2.0 LAB Laboratorio operativo sui nuovi strumenti di Business, Marketing & Reputationper aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende SCENARIO Oggi il percorso di acquisto e informazione

Dettagli

PARTECIPA A #TWITTER4UNI, VINCI UNO STAGE A TWITTER

PARTECIPA A #TWITTER4UNI, VINCI UNO STAGE A TWITTER PARTECIPA A #TWITTER4UNI, VINCI UNO STAGE A TWITTER Benvenuto a #Twitter4Uni, la prima iniziativa di Twitter in Italia dedicata alle Università. Se il mondo dell online ti appassiona, e ti appassiona l

Dettagli

#social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti

#social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti #social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti innovation design training new business strategy be a jedi disclaimer 2 il presente documento è stato

Dettagli

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING Mi Piace! Tutti i segreti del web marketing che le aziende devono conoscere per non perdere terreno nel complesso mondo di internet 2.0 Dario Dossena Che cosa c è dietro un mi piace? Qualsiasi cosa sia,

Dettagli

Service Design Programme

Service Design Programme Service Design Programme SERVICE DESIGN - cosa è Il Service Design è l attività di pianificazione e organizzazione di un servizio, con lo scopo di migliorarne l esperienza in termini di qualità ed interazione

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Luigi Zingone La comunicazione aziendale nell era digitale

Luigi Zingone La comunicazione aziendale nell era digitale A13 Luigi Zingone La comunicazione aziendale nell era digitale Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065

Dettagli

DML è un centro di competenze e di esperienze online, un osservatorio permanente sui temi inerenti al marketing e al business digitale.

DML è un centro di competenze e di esperienze online, un osservatorio permanente sui temi inerenti al marketing e al business digitale. DML - Digital marketing Lab nasce da un idea di Leonardo Bellini e raggruppa un team di professionisti che da anni si occupano di marketing, business e comunicazione in ambito digitale. DML è un centro

Dettagli

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE PRESENTAZIONE N #2 L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE 30 novembre 2015 SOMMARIO #1. LO SCENARIO NELL ERA DIGITALE #2. DALLA RECLAME ALLA WEB REPUTATION #3. DALL OUTBOUND MARKETING ALL

Dettagli

what your brand wants Relazioni Pubbliche

what your brand wants Relazioni Pubbliche Relazioni Pubbliche ottimi motivi per una campagna di RP Progettiamo e sviluppiamo campagne di Relazioni Pubbliche utilizzando in modo strategico ed integrato attività di comunicazione online ed offline

Dettagli

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione.

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione. Verso una Coop 2.0 Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione Agata Meneghelli Obiettivi ricerca Che potenzialità hanno i nuovi media digitali per

Dettagli

CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it

CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it Omar Zampollo INDICE CUSTOMER EXPERIENCE: DA SERVIZIO A ESPERIENZA CEM-CRM: il nuovo modo di intendere l organizzazione aziendale

Dettagli

Indice. Parte I L e-voluzione del marketing: il nuovo approccio al mondo digitale... 1

Indice. Parte I L e-voluzione del marketing: il nuovo approccio al mondo digitale... 1 Premessa Prefazioni... xi... xiii Parte I L e-voluzione del marketing: il nuovo approccio al mondo digitale... 1 Capitolo 1 La trasformazione digitale e la sfida per le organizzazioni... 3 1.1 Premessa...

Dettagli

www.tsmconsulting.it

www.tsmconsulting.it INSTAGRAM: PROMUOVERE EFFICACEMENTE L OFFERTA TURISTICA DEL TERRITORIO ATTRAVERSO LA CONDIVISIONE SOCIAL DELLE FOTOGRAFIE DEGLI OSPITI Federico Belloni Responsabile di TSM Consulting FEDERICO BELLONI I

Dettagli

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT CHE COS È IL MARKETING BRANCA DELL ECONOMIA CHE UNISCE PRODUTTORI CONSUMATORI PER UNO SCAMBIO RECIPROCAMENTE VANTAGGIOSO E IL MARKETING MIX

Dettagli

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI LA TECNOLOGIA POTENZIA L ASSISTENTE MULTITASKING La maggior parte delle assistenti (77%) passa più di 6 ore davanti al pc per lavoro, e almeno 2 3 ore sono dedicate

Dettagli

Federico Ceccarelli Direttore Clienti E3. Engagement tramite i social network: i casi BMW e Bacardi

Federico Ceccarelli Direttore Clienti E3. Engagement tramite i social network: i casi BMW e Bacardi Federico Ceccarelli Direttore Clienti E3 Engagement tramite i social network: i casi BMW e Bacardi Questions&Answers ceccarelli@e3online.it SMS: 338 6936955 www.e3online.it www.facebook.com/e3 2 Il gruppo

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Linkedin IN PILLOLE. rimani aggiornato dal tuo network. Leonardo Bellini

Linkedin IN PILLOLE. rimani aggiornato dal tuo network. Leonardo Bellini Linkedin IN PILLOLE rimani aggiornato dal tuo network Leonardo Bellini Sommario Benvenuto Personalizzare la diffusione delle attività Alla scoperta di Pulse Influencer e autori su LinkedIn I vantaggi di

Dettagli

google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di:

google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di: google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di: DAVVERO GRANDI. INDICE google ADWORDS 4 facebook & TWITTER 8 Il meglio del Web Marketing... GOOGLE AdWOrds

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Luca Conti Cagliari 2012 SOCIAL MEDIA MARKETING

Luca Conti Cagliari 2012 SOCIAL MEDIA MARKETING Luca Conti Cagliari 2012 SOCIAL MEDIA MARKETING 1 Prima parte Scenario sull evoluzione dei media Il Web 2.0: dai blog ai social network Il nuovo consumatore L ascolto delle conversazioni Un nuovo servizio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Corsi di formazione. Ventidue srl - News & Events / corporate@nexthr.it

Corsi di formazione. Ventidue srl - News & Events / corporate@nexthr.it Corsi di formazione 2014 Ventidue srl - News & Events / corporate@nexthr.it 16 ore Social & Antonio INCORVAIA digital STRATEGIES 26-27/2 MI *18/6 MI 8-9/10 Mi *fast edition 38 anni, laureato in Architettura

Dettagli

Social Media Marketing per hotel

Social Media Marketing per hotel Social Media Marketing per hotel Agenda Il Social Media Marketing per hotel Pianificare una strategia social Facebook per strutture ricettive: consigli e suggerimenti Come promuovere un hotel su Google

Dettagli

ALESSANDRO GUERRISI LUCA ZAPPA. Associate Partner TamTamy - Reply. Web Marketing Manager ADVISOR - OFC. l.zappa@reply.it. guerrisi.alessandro@o-fc.

ALESSANDRO GUERRISI LUCA ZAPPA. Associate Partner TamTamy - Reply. Web Marketing Manager ADVISOR - OFC. l.zappa@reply.it. guerrisi.alessandro@o-fc. LUCA ZAPPA Associate Partner TamTamy - Reply ALESSANDRO GUERRISI Web Marketing Manager ADVISOR - OFC & @zaps l.zappa@reply.it @aguerrisi guerrisi.alessandro@o-fc.eu 1 CONTENUTI Finanza, community management

Dettagli

Web e lavoro: il futuro è social?

Web e lavoro: il futuro è social? Web e lavoro: il futuro è social? Come sfruttare i nuovi canali di comunicazione nella ricerca attiva del lavoro A cura di Paolo Vallicelli 28 Maggio 2014 Le possibilità lavorative offerte dai canali NON

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Associazione Documentaristi Emilia Romagna 12 aprile 2012 obiettivi come i nuovi strumenti digitali possono diventare veri e propri alleati per la formazione

Dettagli

Definizioni e Differenze

Definizioni e Differenze Introduzione al Web Marketing e Social Networking Relatore:Andrea Baioni abaioni@andreabaioni.it Definizioni e Differenze 2 Marketing tradizionale Il marketing è buon senso applicato sistematicamente (A.Galgano)

Dettagli

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE Tina Fasulo CRISI DEL MODELLO 1 A MOLTI La moltiplicazione dei contenuti digitali e distribuzione dell attenzione su molteplici canali

Dettagli

IL MIGLIOR MODO PER ANTICIPARE IL FUTURO È CREARLO. Company Pofile

IL MIGLIOR MODO PER ANTICIPARE IL FUTURO È CREARLO. Company Pofile IL MIGLIOR MODO PER ANTICIPARE IL FUTURO È CREARLO Company Pofile 004 Company Profile Propositiv Communication 005 SPECIALISTI DEL MARKETING CREATIVO Propositiv Communication è una società di comunicazione

Dettagli

INSIDER VIEW OF VIRAL MARKETING Approcci di Ricerca Qualitativi e Quantitativi per lo studio del Passaparola Online

INSIDER VIEW OF VIRAL MARKETING Approcci di Ricerca Qualitativi e Quantitativi per lo studio del Passaparola Online Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea in Psicologia delle Organizzazioni e del Marketing INSIDER VIEW OF VIRAL MARKETING Approcci di Ricerca Qualitativi e Quantitativi

Dettagli

Netnografia e PA. Social PA:come se la cava la PA sui social network. Forum PA Roma, 28 Maggio 2012

Netnografia e PA. Social PA:come se la cava la PA sui social network. Forum PA Roma, 28 Maggio 2012 Social PA:come se la cava la PA sui social network Netnografia e PA Forum PA Roma, 28 Maggio 2012 Netnografia, business intelligence & insight discover è un servizio di Viralbeat realizzato in esclusiva

Dettagli

PROGRAMMA. INSTAGRAM Ottimizzazione del proprio account e tecniche per migliorare la diffusione delle proprie foto e video.

PROGRAMMA. INSTAGRAM Ottimizzazione del proprio account e tecniche per migliorare la diffusione delle proprie foto e video. Digital Magics Palermo (via Lincoln 21) Quattro incontri di quattro ore ciascuno (4 e 5 marzo 11 e 12 marzo 2016, venerdì ore 15/19; sabato ore 10/14): 16 ore totali 90 euro (i primi due) + 90 euro opzionali

Dettagli

CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA PROGRAMMI DEI SEMINARI

CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA PROGRAMMI DEI SEMINARI Il Master di Secondo Livello in QR-M&S RICERCA QUALITATIVA PER IL MARKETING E IL SOCIALE Quarta Edizione - A.A. 2012-2013 propone un CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA

Dettagli

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione -

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - Laboratorio operativo sugli strumenti di Business, Marketing & Reputation,per aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende on-line SCENARIO Ogni giorno

Dettagli

TREND ANALYSIS PER IL MODERN TRADE

TREND ANALYSIS PER IL MODERN TRADE TREND ANALYSIS PER IL MODERN TRADE "Non so da dove cominciare disse il Coniglio Bianco. ''Comincia dal principio disse il Re, con aria grave e vai avanti finche' non arrivi alla fine: allora fermati".

Dettagli

presenta Olimpia Ponno Communication & Marketing Consultant, Trainer, Author President MPI Italia

presenta Olimpia Ponno Communication & Marketing Consultant, Trainer, Author President MPI Italia Con il patrocinio di In collaborazione con presenta Olimpia Ponno Communication & Marketing Consultant, Trainer, Author President MPI Italia in collaborazione con Massimo Carpo - BC Today 3 dicembre 2014

Dettagli

Introduzione al Web Marketing e Social Networking

Introduzione al Web Marketing e Social Networking Introduzione al Web Marketing e Social Networking Relatore: Andrea Baioni www.andreabaioni.it abaioni@andreabaioni.it DEFINIZIONI E DIFFERENZE Marketing tradizionale un sistema integrato di attività, organizzato

Dettagli

MEDIA INNOVATION & CHANGE

MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA E DIGITAL COMMUNICATION Programma di sviluppo continuo dell innovazione MEDIA INNOVATION & CHANGE COMUNICAZIONE E CONFUSIONE COMUNICARE OGGI SIGNIFICA POTER SFRUTTARE OPPORTUNITÀ

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

BRANDS & SOCIAL MEDIA

BRANDS & SOCIAL MEDIA BRANDS & SOCIAL MEDIA Osservatorio su 100 aziende e la comunicazione sui social media in Italia a cura di OssCom Centro di Ricerca sui Media e la Comunicazione dell Università Cattolica per Digital PR

Dettagli

community interesse comune bisogni e motivi contenuti e relazioni essere protagonista una community è un sistema complesso persone gruppi comunità

community interesse comune bisogni e motivi contenuti e relazioni essere protagonista una community è un sistema complesso persone gruppi comunità interesse comune bisogni e motivi contenuti e relazioni essere protagonista dinamiche della una è un sistema complesso appartenenza bisogni funzionali socialità persone gruppi comunità frustrazioni soddisfazione

Dettagli

Copyright 2013 - CircleCap. Visione ed esperienze CircleCap sul Turismo 2.0

Copyright 2013 - CircleCap. Visione ed esperienze CircleCap sul Turismo 2.0 Visione ed esperienze CircleCap sul Turismo 2.0 Di cosa parliamo? Una volta compreso, il turismo 2.0 è una fondamentale rivoluzione nel modo di vivere, gestire, organizzare e promuovere il turismo. Porta

Dettagli

KEEP MOVING WITH US. Who we are. Search Engine Optimization..

KEEP MOVING WITH US. Who we are. Search Engine Optimization.. 2 Who we are ARKYS è una ICT AGENCY capace di offrire servizi e soluzioni altamente qualificate, sempre al passo con i tempi. L'azienda fornisce la propria competenza applicando modelli di marketing alle

Dettagli

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG 16 gennaio 2015 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG Introduzione Le attività dei blogger I social influencer

Dettagli

Multichannel Marketing Consultancy

Multichannel Marketing Consultancy Multichannel Marketing Consultancy Circle: un interlocutore qualificato Consulenza Innovazione Integrazione e sinergia Marketing multicanale Circle: un partner per il tuo business Supporto alla crescita

Dettagli

Comunicazione Social per il Non Profit

Comunicazione Social per il Non Profit WEB 2.0 Comunicazione Social per il Non Profit Federica Vangelisti Marzo - Giugno 2014 Cos e` il Web 2.0? E` l insieme delle applicazioni online che permettono un elevato livello di interazione tra l utente,

Dettagli

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO CLIC web searching people social media marketing display adv SEO search engine optimization pay per click analytics DEM Newslettering Web Performance (Pay per Lead, Pay per Sale) social media marketing

Dettagli

PEOPLE HAVE THE POWER

PEOPLE HAVE THE POWER PEOPLE HAVE THE POWER La conoscenza parte dai colleghi Patrizio Regis Head of Group Internal Communications 21 Maggio 2015 IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE INTERNA IN UNICREDIT Oltre alle attività più "classiche"

Dettagli

Case history Miss Broadway

Case history Miss Broadway E giunto il momento per i brand di non preoccuparsi più dei social media, ma solo di goderne i benefici. Case history Miss Broadway Paglieri Sell System Miss Broadway http://www.missbroadway.it/ http://www.facebook.com/miss.broadway.makeup

Dettagli

SURF. La rivoluzione digitale: il ruolo del web nelle campagne di comunicazione sociale ELENA ZANELLA

SURF. La rivoluzione digitale: il ruolo del web nelle campagne di comunicazione sociale ELENA ZANELLA + ELENA ZANELLA La rivoluzione digitale: il ruolo del web nelle campagne di comunicazione sociale COMUNICARE PER CRESCERE PUBBLICITA PROGRESSO FONDAZIONE CARIPLO, 15 APRILE 2015 SURF STARTUPUNITÀRACCOLTAFONDI

Dettagli

GUIDA LINKEDIN. Introduzione all uso di LinkedIn per i business

GUIDA LINKEDIN. Introduzione all uso di LinkedIn per i business GUIDA LINKEDIN Introduzione all uso di LinkedIn per i business INDICE DELLA GUIDA Introduzione LinkedIn in numeri Il profilo e la sua importanza Perchè serve alle aziende Differenze tra pagina e profilo

Dettagli

Manuale Employee Branding

Manuale Employee Branding Manuale Employee Branding Come coinvolgere i colleghi, per una azione di successo sui social media Luglio 2014 1 Indice 1. A COSA SERVE QUESTO MANUALE... 3 2. INSIEME SUI SOCIAL MEDIA... 3 3. INIZIAMO

Dettagli

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 INDICE 1. LA PREMESSA... 3 2. PERCHÈ IMPIEGARE FACEBOOK PER IL PROPRIO BUSINESS?... 4 3. CHE COS È MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL... 6 4.

Dettagli

SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC. Marketing Club, Parma Febbraio 2011

SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC. Marketing Club, Parma Febbraio 2011 SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC Marketing Club, Parma Febbraio 2011 ERREA REPUBLIC Nel 2010 scoppia la moda dei pantaloni Erreà Drake. La linea si evolve in nuovi modelli e in nuovi

Dettagli

SPORT E SOCIAL NETWORK: RICONOSCIAMONE LE POTENZIALITA E IMPARIAMO A USARLI Scuola Regionale dello Sport CONI Marche Ancona, 05 maggio 2014

SPORT E SOCIAL NETWORK: RICONOSCIAMONE LE POTENZIALITA E IMPARIAMO A USARLI Scuola Regionale dello Sport CONI Marche Ancona, 05 maggio 2014 SPORT E SOCIAL NETWORK: RICONOSCIAMONE LE POTENZIALITA E IMPARIAMO A USARLI Scuola Regionale dello Sport CONI Marche Ancona, 05 maggio 2014 dott.giacomo Baldassari LO SPORT, UN FENOMENO SOCIALE Lo sport

Dettagli

Le idee del futuro. Dall ERP ai nuovi media con Socialmailer. Christian Saviane christian.saviane@smeup.com

Le idee del futuro. Dall ERP ai nuovi media con Socialmailer. Christian Saviane christian.saviane@smeup.com Le idee del futuro Dall ERP ai nuovi media con Socialmailer Christian Saviane christian.saviane@smeup.com Oggi, venerdì 3 ottobre 2014 Il mondo è cambiato Siamo bombardati da schermi e almeno uno è sempre

Dettagli

Multichannel Marketing Consultancy. 2014 2015 Copyright CircleSrl

Multichannel Marketing Consultancy. 2014 2015 Copyright CircleSrl Multichannel Marketing Consultancy Circle: un interlocutore qualificato Consulenza Innovazione Integrazione e sinergia Marketing multicanale Circle: un partner per il tuo business Supporto alla crescita

Dettagli

Giocare responsabilmente si può - L impegno di Lottomatica per un gioco responsabile e sicuro

Giocare responsabilmente si può - L impegno di Lottomatica per un gioco responsabile e sicuro Giocare responsabilmente si può - L impegno di Lottomatica per un gioco responsabile e sicuro Lottomatica: il progetto Lottomatica da 7 anni realizza un Programma di Gioco Responsabile attraverso il quale

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

BNL Social Business: Essere Social per Agire Social

BNL Social Business: Essere Social per Agire Social BNL Social Business: Essere Social per Agire Social Lo scenario dell informazione vede un utilizzo sempre più diffuso ed evoluto degli strumenti di Condivisione e Socializzazione Facebook ha raggiunto

Dettagli

ECONOMY WEB SITI RESPONSIVE CREAZIONE SITI WEB VIDEO MARKETING GRAFICA PUBBLICITARIA E-COMMERCE

ECONOMY WEB SITI RESPONSIVE CREAZIONE SITI WEB VIDEO MARKETING GRAFICA PUBBLICITARIA E-COMMERCE ECONOMY WEB CREAZIONE SITI WEB VIDEO MARKETING SITI RESPONSIVE GRAFICA PUBBLICITARIA E-COMMERCE PRESENTAZIONE DELL AGENZIA CHI SIAMO La nostra passione é creare, inventare, stupire e dare emozioni attraverso

Dettagli

NEXTVALUE 2014. Presentazione

NEXTVALUE 2014. Presentazione NEXTVALUE 2014 Presentazione NEXTVALUE 2014 CALENDARIO ATTIVITA E-commerce in Italia. Aziende e Operatori a confronto. End-user Computing in Italia. What s next. Information Security Management in Italia.

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

I Social Media per il Marketing Digitale C H I E F M A R KETING O F F I C ER S P I DW I T

I Social Media per il Marketing Digitale C H I E F M A R KETING O F F I C ER S P I DW I T I Social Media per il Marketing Digitale PAOLA MIRONE C H I E F M A R KETING O F F I C ER S P I DW I T Cos é il marketing Per marketing mix si intende la combinazione (mix) di 4 variabili pianificabili

Dettagli

Strumenti per i Social Media a supporto del Marketing Digitale. 23 Novembre 2015 Antonio Parlato

Strumenti per i Social Media a supporto del Marketing Digitale. 23 Novembre 2015 Antonio Parlato Strumenti per i Social Media a supporto del Marketing Digitale 23 Novembre 2015 Antonio Parlato Contesto Social Convivenza Utenti e Brand Nuovi canali, nuove figure professionali (spesso incomprensibili)

Dettagli

Marketing Advanced Prof. Fabrizio Mosca

Marketing Advanced Prof. Fabrizio Mosca Marketing Advanced Prof. Fabrizio Mosca NUOVI MODELLI DI COMUNICAZIONE NEI SETTORI DEI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO CAMPUS DI MANAGEMENT E DI ECONOMIA Anno Accademico 2014-2015 Tutto il materiale consegnato

Dettagli

social media strategy itaca know how

social media strategy itaca know how social media strategy itaca know how 2.0 media Conoscere meccanismi, potenzialità e linguaggi specifici dei Social Media è diventata una competenza necessaria per le aziende che vogliono comunicare non

Dettagli

3 DICEMBRE 2013. Digital Popularity: della Digital PR all'interno della strategia SEO, editoriale e Social.

3 DICEMBRE 2013. Digital Popularity: della Digital PR all'interno della strategia SEO, editoriale e Social. 3 DICEMBRE 2013 Digital Popularity: sviluppare la popularity dei Brand integrando le logiche della Digital PR all'interno della strategia SEO, editoriale e Social. Mamadigital Search Engine Marketing Online

Dettagli

Guida ai Concorsi a Premio Digital. www.aladino-net.com. pag.

Guida ai Concorsi a Premio Digital. www.aladino-net.com. pag. 1 L obiettivo di questo e-book è quello di creare uno strumento semplice ma molto utile per comprendere quali sono le opportunità per raggiungere e premiare i propri consumatori attraverso i concorsi a

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

Big Data e Customer Engagement

Big Data e Customer Engagement 2013 Big Data e Customer Engagement Una Ricerca di: Novembre 2013 SOMMARIO PRINCIPALI RISULTATI DELLO STUDIO 2 INTRODUZIONE 5 COSA SONO I BIG DATA 5 PERCHÉ I BIG DATA SONO DIVENTATI IMPORTANTI 6 ADOZIONE

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

EXPO2015 SOCIAL MEDIA REPORT EXPO 2015. Report attività social Luglio 2015 30-6-2015

EXPO2015 SOCIAL MEDIA REPORT EXPO 2015. Report attività social Luglio 2015 30-6-2015 EXPO 2015 Report attività social 30-6-2015 EXPO 2015 / A cosa servono i social Gli obiettivi strategici dei social media di Expo 2015 (si vedano i documenti di strategia) sono i seguenti: Generare brand

Dettagli

Comunicazione associativa & Social Media I social network e i social media come supporto alle organizzazioni e alle associazioni

Comunicazione associativa & Social Media I social network e i social media come supporto alle organizzazioni e alle associazioni Comunicazione associativa & Social Media I social network e i social media come supporto alle organizzazioni e alle associazioni Angelo Marra www.ammega.it Ogni organizzazione ha il cruciale problema del

Dettagli

DIGITAL MARKETING 101 EDIZIONE 2014

DIGITAL MARKETING 101 EDIZIONE 2014 DIGITAL MARKETING 101 EDIZIONE 2014 INTRODUZIONE Il corso Digital Marketing 101 ha l obiettivo di fornire ai partecipanti elementi utili per capire le strategie di Digital Marketing & PR e approfondire

Dettagli

Il ruolo del web per le Associazioni

Il ruolo del web per le Associazioni Il ruolo del web per le Associazioni Nuove opportunità di comunicazione e raccolta fondi Francesca De Spirito Responsabile Comunicazione & Ufficio Stampa AISM Parliamo di > La rete AISM on line > Il web

Dettagli

Social media management Social Media Strategy 2 Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social media management Social Media Strategy 2 Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social media management Social Media Strategy 2 Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social Media: Le attività ed i loro impatti DI COSA STIAMO PARLANDO? Ricapitolando I social media:

Dettagli

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012 Elisa Fontana 1 Contenuti Chi siamo CRM, Customer experience, Customer Engagement Il consumatore e i Social Network I social network generano

Dettagli