Il riformismo di Federico Caffè

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il riformismo di Federico Caffè"

Transcript

1 Banca d Italia Università Roma Tre Celebrazione del centenario della nascita di Federico Caffè (Roma, 12 novembre 2014) Il riformismo di Federico Caffè Ringrazio il Comitato organizzatore che mi ha invitato ad intervenire in questo convegno dedicato a Federico Caffè. Debbo dire che ho accettato, vincendo la mia esitazione, determinata soprattutto dal fatto di avere avuto già altre occasioni di scrivere di lui, da solo o in compagnia 1. Inoltre, poche settimane fa si è svolto a Firenze un Convegno organizzato da Piero Roggi e Monika Poettinger, nel quale molte voci più autorevoli della mia si sono fatte sentire per contribuire alla definizione dell opera scientifica di Caffè. Ho ritenuto però che, a ventisette anni dalla sua scomparsa, soprattutto noi suoi allievi abbiamo il compito di raccontarlo alle nuove generazioni, che non hanno avuto l opportunità di conoscerlo, come professore o pubblicista. In effetti molte iniziative sono state prese in questo lungo periodo per ricordare la sua opera; ricordo soprattutto la Giornata in ricordo di Federico Caffè, svoltasi nel maggio 2012, a cura della Facoltà di Economia e del Dipartimento di Economia e Diritto della Sapienza Università di Roma, con la partecipazione di due dei suoi allievi più noti: Mario Draghi e Ignazio Visco; gli Atti sono finalmente vicini alla pubblicazione. Devo ricordare, inoltre, le Lezioni Federico Caffè che il Dipartimento di Economia e Diritto organizza ogni anno, con il concorso della Banca d Italia, affidandole a prestigiosi studiosi, stranieri e italiani; alcune di tali Lezioni sono state poi pubblicate in un apposita collana della Cambridge University Press. Tra poche settimane sarà nostro ospite alla Sapienza il Professor Jordi Gali, nell ambito di un iniziativa del Dipartimento di Economia e Diritto, insieme alla Facoltà di Economia, che vuole appunto ricordare, come avviene qui oggi, il Centenario della nascita, affiancando alle Lezioni due sessioni di lavoro sui problemi dell Unione europea. 1 Cfr., ad esempio, Tiberi (2001 e 2012); Acocella, Rey, Tiberi (1998) e Acocella, Tiberi (2014).

2 Tornando a questo incontro, mi sono poi convinto che esso fosse la circostanza giusta per riproporre il mio punto di vista su un aspetto, per me importante, del suo profilo di economista ed intellettuale, aggiornandolo alla luce di alcune letture nuove, tra cui ha avuto particolare rilievo il lavoro di completamento antologico degli scritti pubblicistici, svolto in questi anni, con affetto e competenza, da Giuseppe Amari 2. Tale punto di vista considera molto significativa, tra gli scritti di Caffè, la prefazione a una delle sue tradizionali raccolte di lavori, alle quali affidava il desiderio di raggiungere un maggior numero di lettori rispetto a quelli delle pubblicazioni di tipo accademico, nelle quali erano inizialmente apparsi. Ho descritto altrove tale prefazione come il suo testamento culturale 3 : per il suo contenuto breve e pregnante; per l inserimento in un opera con un titolo chiaramente emblematico in un periodo dominato dagli orienatmenti neo-liberisti; per il momento in cui è stata scritta, appena prima che l emergere della sua depressione gli togliesse la voglia e la capacità di scrivere 4. Prima di sviluppare questo punto, desidero, tuttavia, ricordare altri tratti della sua vita. Si è, dunque, parlato spesso di lui come di un grande uomo, sebbene fosse una persona molto piccola, contraddistinta, tuttavia, da un volto straordinariamente espressivo di ingegno, ironia e malinconia. Caffè è stato, invero, un grande uomo, molto generoso, particolarmente con i suoi familiari, nonché con i suoi studenti ed allievi; a questi ultimi chiedeva, allo stesso tempo, rigore, applicazione, capacità di approfondimento, creatività e, soprattutto, il gusto per il dubbio sistematico, in quanto pericolosa, invece, appare la precostituzione di sentieri di indagine obbligati per coloro che siano ai primi passi della ricerca 5. Aggiungo che Caffè non era praticante. In proposito mi sento di ribadire che la sua prodigiosa cultura umanistica trova fondamento, per dirla con Gramsci, in una sorta 2 Cfr. Caffè (2013, 2014). Raccolte precedenti sono contenute in Caffè (1990, 2007). Divulgazione è signorilità ha scritto Luigi Einaudi, come ricordato dallo stesso Caffè, che ha onorato tale affermazione con un estesa attività pubblicistica, svolta con inconsueto disinteresse. In un certo senso, può essere collocato in tale ambito anche l impegno dedicato da Caffè alle traduzioni, quelle sue e quelle nostre, da lui supervisionate. 3 Cfr. Tiberi (1997:137). 4 Cfr. Caffè (1986: 7-11). 5 Cfr. Caffè (1986: 9).

3 di storicismo assoluto, col quale occorre guardare alle cose del mondo, al di fuori di ogni provvidenzialismo o determinismo metafisico 6. Aveva bensì uno stile di vita, definito da qualcuno francescano, così come a lui piaceva richiamare l'immagine evangelica dello spezzare il pane per i discepoli, quando parlava del suo ruolo di docente e divulgatore. D altra parte, non posso escludere l intima ricerca di conforto nella religione in momenti cruciali della sua esistenza. Caffè è stato un grande docente: con le lezioni, preparate scrupolosamente e svolte con seducente voce baritonale, trasmettendo valori e tecniche con molto equilibrio; con gli esami orali, condotti con un inimitabile capacità di confronto con gli interrogati; con la scrupolosa e stimolante attività di relatore di tesi. La sua disponibilità era quasi leggendaria, anche se girerà per il mondo qualcuno degli studenti che ha sperimentato gli scoppi della sua ira, suo incontenibile peccato capitale, come lui stesso affermava, oppure qualche studentessa, che conserva ancora i segni metaforici della sua graffiante ed innegabile misoginia. L'aspetto che più colpiva in questo ininterrotto dialogo di massa era la sua capacita di capire le ragioni degli altri. In ciò l aiutava l'intuizione che non c'e violenza senza sofferenza, nonché il suo sdegno all'idea che un'intera generazione di giovani debba considerare di essere nata in anni sbagliati e debba subire come fatto ineluttabile il suo stato di precarietà occupazionale 7. Caffè è stato un grande economista, avendo contribuito decisamente all affermazione della politica economica come disciplina autonoma, ancorata rigorosamente alla teoria economica; solo allora, infatti, si può affermare una visione del mondo che affida alla responsabilità dell uomo le possibilità del miglioramento sociale 8. Egli è stato, inoltre, un grande intellettuale, non solo per la ricchezza della sua cultura umanistica e musicale, ma perché portatore di una visione complessiva di un più alto tipo di società, mantenendo, allo stesso tempo, la propria insofferenza verso le controversie nominalistiche come quella sul superamento del capitalismo, su cui si 6 Cfr. Tiberi (1997: 133). 7 Cfr. Caffè (1990: 209). 8 Cfr. Caffè (1986: 10).

4 sono da sempre concentrate preziose energie intellettuali e politiche, in Italia e altrove. Del resto non bisogna sentirsi imbarazzati dalla vaghezza che può avere l idea di un più alto tipo di società ; Caffè stesso ci aiuta nel darle concretezza quando ci parla dei contadini del suo Abruzzo che potevano finalmente prendere un autobus per i loro spostamenti e non più camminare a piedi scalzi per risparmiare le scarpe oppure usufruire dei servizi sanitari del nuovo ospedale di Atri 9. Egli era del tutto consapevole della complessità del capitalismo moderno, dominato dalle imprese e dagli intermediari finanziari transnazionali al punto da reclamare, a tutela dei piccoli rispamiatori inesperti un opera informativa che illustri e documenti il carattere ingannevole o fraudolento delle promesse (alle quali essi si trovano esposti) di ingenti guadagni e di rapida moltiplicazione dei loro averi 10 ; di fronte a tale complessità, la sua scelta era peraltro quella dell impenitente tappabuchi rispetto all attesa, forse velleitaria, di molti per una trasformazione radicale del sistema 11. Caffè era dunque portatore di una concezione riformista, i cui punti fermi sono stati: una politica economica che non escluda, tra gli strumenti da essa utilizzabili, i controlli condizionatori delle scelte individuali; che consideri irrinunciabili gli obiettivi di egualitarismo e di assistenza che si riassumono abitualmente nell'espressione dello Stato garante del benessere sociale; che affidi all'intervento pubblico una funzione fondamentale nella condotta economica 12. Caffè, più di altri, ha conseguentemente saputo tenere ferma la direzione di marcia, anche quando il travolgente successo del neo-liberismo, a partire dagli anni ottanta del secolo scorso, ha determinato un forte sbandamento politico e culturale tra le forze riformiste. In quel periodo egli fu tra i pochi, se non il solo, a mettere vigorosamente in evidenza che il neo-liberismo, almeno per quanto riguardava il contributo degli economisti, riproponeva una datata concezione apologetica 9 Cfr. Tarantini (1985: ). In questa rara intervista Caffè non manca di ricordare, in linea con un economista italiano dell 800, come l unica forma di redistribuzione che possiamo fare sono i servizi sociali. 10 Cfr.Amari, Rocchi (2007: 252). 11 Cfr. Caffè (1990: 3). 12 Cfr. Caffè (1986:7).

5 dell istituzione mercato, che l opera di grandi studiosi, nonché l esperienza storica, avevano, secondo lui, definitivamente ridimensionato se non liquidato 13. Anche grazie ai compiti istituzionali di un certo rilievo da lui ricoperti, egli aveva acquisito una conoscenza profonda del capitalismo reale, per il quale, a suo avviso, valeva l illuminante frase di Keynes: l incapacità di provvedere un occupazione piena e la distribuzione arbitraria e iniqua della ricchezza e dei redditi sono i difetti più evidenti della società economica nella quale viviamo 14. Per quanto riguarda la questione dell occupazione il capitalismo storico è diverso da quello ideale, rilevava Caffè, condividendo l affermazione di Joan Robinson, la quale, in sintonia con Kalecki, sottolineava che l'economia moderna si è dimostrata incapace di sviluppare le istituzioni politiche e sociali, sul piano interno come su quello internazionale, che sono necessarie per rendere un durevole pieno impiego compatibile con il capitalismo 15. Più personale è stato il suo impegno sul tema dell equità, per il quale, già in suo breve articolo del 1945, scriveva, in termini di evidente ascendenza pigouviana, che : Mantenere su due piani distinti il problema tecnico della produzione e quello sociale dell equa distribuzione significa praticamente lasciare insoluto questo ultimo, come dimostra il fatto che la libertà dal bisogno, l attenuazione delle disparità economiche individuali, l uguaglianza nelle possibilità sono ancora oggi mete da raggiungere, pur essendo aspirazioni antichissime 16. Gli approfondimenti successivi hanno reso consapevole Caffè che la ricerca dell equità non poteva essere logicamente motivata dall ipotesi della confrontabilità delle utilità individuali, come proposto dall elaborazione di Pigou; essa restava, comunque, un legittimo giudizio di valore ispirativo del lavoro teorico degli economisti. 13 L orientamento chiaramente interventista di Caffè non gli impediva di cogliere i consistenti fallimenti del nonmercato, segnalati tanto dalla teoria economica, quanto dalla sua diretta valutazione dell operato delle istituzioni nazionali e internazionali. 14 Cfr. Keynes (1973: 372). 15 Cfr. Robinson, Wilkinson (1977:13). 16 Cfr. Caffè (2009: 142).L articolo, riprodotto in tale volume, fu scritto da Caffè nel 1945.

6 Tra questi ci sono, intanto, anche coloro che sono stati convinti dall impostazione ordinalista di Pareto, secondo il quale l economista deve concentrare le sue energie analitiche sull efficienza, non potendo farlo sull equità, per la fragilità dell ipotesi della confrontabilità. Ci sono però molti altri economisti che non hanno abbandonato, in dissenso con l esortazione di Pareto, il tema dell equità agli studiosi di altre discipline, ma hanno cercato di approfondire il nesso tra equità ed efficienza. L inevitabile sinteticità di questa nota ci induce a ricordare due immagini metaforiche per contraddistinguere il diffuso punto di vista degli economisti contemporanei, non particolarmente sensibili alla tematica egualitarista. La prima è quella del secchio bucato di Okun che, pur non essendo del tutto indifferente rispetto all esigenza di maggiore equità del sistema economico, ha inteso ammonirci sulla possibile inefficacia di provvedimenti redistributivi che portino ai meno abbienti un secchio vuoto, dopo averlo riempito con l acqua dei più abbienti 17. La seconda è quella dello sgocciolamento (trickle down), che è stata proposta dai più convinti fautori della globalizzazione neo-liberista, iniziata alla fine del secolo scorso; con essa si è inteso descrivere il meccanismo, centrato soprattutto sull operato spontaneo delle forze di mercato, in grado di determinare un grande aumento del reddito prodotto, la cui fetta maggiore può anche essere assorbita da chi ha più potere economico ma che, per la parte residua, sgocciolerà anche a favore delle fasce più povere. E il meccanismo non va inceppato, ricercando una maggiore equità con provvedimenti redistributivi, che potrebbero pregiudicare l obiettivo dell efficienza. In effetti va riconosciuto ai processi di maggiore integrazione internazionale la capacità di avere sottratto milioni di persone dallo stato di povertà assoluta, ma accentuando, in gran parte del mondo, la diseguaglianza complessiva dell assetto distributivo 18. In questo contesto hanno ritrovato credito le posizioni, ripetutamente espresse da Caffè, volte a recuperare il nesso positivo tra equità ed efficienza. Mi limito a 17 Cfr. Okun (1975). 18 Su questo argomento cfr., tra gli altri, Acocella et al. (2004).

7 ricordare due citazioni significative per le fonti da cui provengono; la prima, contenuta in un documento del 2005 della World Bank, una delle principali organizzazioni internazionali, ci ha detto che: Per molti se non per la maggior parte delle persone, l equità è di importanza intrinseca come un obiettivo di sviluppo di per sé. Ma il nostro Report va oltre, col presentare una convincente documentazione che un ampia condivisione di opportunità economiche e politiche è anche strumentale per la crescita e lo sviluppo. Ciò per ragioni economiche, perché una maggiore equità può portare ad un più completo ed efficiente uso delle risorse di una nazione 19. La seconda si può trovare in un recente numero dell Economist, prestigiosa rivista liberale inglese, dove si può leggere che, sulla base di una valida evidenza empirica, negli ultimi anni, la quota del reddito nazionale acquisita dall 1% più ricco, è aumentata in moltissime parti del mondo, con l interessante eccezione di alcuni Paesi dell America Latina. Non solo perché, dopo avere affermato che la crescente ineguaglianza è una delle più grandi sfide sociali, economiche e politiche del nostro tempo, si aggiunge che ricerche svolte da economisti del Fondo Monetario Internazionale suggeriscono che la disuguaglianza dei redditi rallenta lo sviluppo, causa crisi finanziarie e indebolisce la domanda 20. Si ritrovano quindi, condivise al alto livello, valutazioni espresse moli anni prima da Caffè che considerava l obiettivo dell egualitarismo un punto fermo del suo insegnamento e scriveva esplicitamente nel lontano 1974 che: il traguardo che tutti additano della efficienza ha oggi come via obbligata quella della ricerca incessante di soluzioni che attenuino, ora e non in un imprecisato futuro, le disuguaglianze sociali anziché perpetuarle e consolidarle 21. Ciò non significava disconoscere l importanza degli interessi in gioco e delle idee che li alimentano; non a caso, in uno dei suoi articoli più apprezzati, La strategia dell allarmismo economico, egli segnalava la capacità dei ceti dominanti di condizionare la spinta emancipatrice dei ceti più deboli, facendo ricorso a toni 19 Cfr. World Bank (2005: XI). 20 Cfr. Economist (2012: 6). 21 Cfr. Caffè (1990: 115).

8 apocalittici ogniqualvolta si profili il serio tentativo di eliminare gli spigoli più clamorosi in fatto di equità 22. Viene da chiedersi quale sarebbe oggi lo stato d'animo di Caffè, mentre alcuni dei suoi messaggi più significativi non sembrano trovare grande ascolto 23 : l'enfasi da porre più sugli immensi vuoti da colmare che sui limitati eccessi da eliminare nell'operato del Welfare State 24 ; il richiamo alla funzione di occupatore di ultima istanza che il potere pubblico dovrebbe assolvere 25 ; la ferma contrarietà all applicazione di meccanismi selettivi per l accesso all istruzione universitaria 26 ; il rischio, già segnalato da John Kenneth Galbraith, della dissoluzione del sindacato nella economia moderna, nella quale c è, invece, da riconoscere il ruolo fondamentale che le masse operaie organizzate svolgono attualmente a potente sostegno delle isituzioni democratiche in tempi difficili 27 ; problema cruciale dei nostri tempi è proprio quello del superamento della struttura monarchica dell impresa 28 ; oggi ci si trastulla nominalisticamente alla ricerca di un nuovo modello di sviluppo. E si continua ad ignorare che esso. nelle sue ispirazioni ideali, è racchiuso nella Costituzione 29. Qualche consolazione, come gli è capitato durante la vita, potrebbe trarre dagli accenti critici, nei confronti dell'operato del capitalismo reale, che provengono dal solidarismo cristiano, proprio mentre sembra, invece, smarrirsi, nella cultura laica a lui più congeniale, non solo la capacità corrosiva ma le aspirazioni che si 22 Cfr. Caffè (1972). 23 Non posso fare a meno di accompagnare il ricordo di questi frammenti suggeriti da Caffè con la sua raccomandazione rivolta a chi cita Keynes: Non è con il far richiamo ad affermazioni incidentali, dall apparenza particolarmente anticipatrice delle vicende dei nostri tempi, che possono desumersi indicazioni idonee a risolvere i problemi che ci assillano. Cfr. Caffè (1981: 78). Per altri frammenti cfr. Faucci (2002) e Amari (2014). 24 Cfr. Caffè (1990:passim). 25 Cfr. Caffè (1990: 228). 26 Cfr. (Caffè:107). 27 Cfr. Caffè (2014: 96). 28 Cfr. Caffè (2013: 81). Si ritrova qui l eco del rammarico di Caffè, da sempre attento al problema della democrazia industriale, per l insabbiamento del progetto di legge Morandi-D Aragona, per dare riconoscimento ufficiale di numerosi Consigli di Gestione sorti nei primi anni del secondo dopoguerra; ecco una prima occasiione perduta. Cfr. Amari, Rocchi (2007:306). 29 Cfr. Amari, Rocchi (2009: 126).Sento anche personalmente molto illuminante quanto ha scritto Calogero: La più solida democrazia nasce dalla molteplicità delle democrazie. Cfr. Calogero (1945: 60).

9 identificano in quel tanto di socialismo che appare realizzabile nel contesto del capitalismo conflittuale con il quale è tuttora necessario convivere 30. E a questa concezione economico-sociale progressista, come la definisce Caffè stesso, che approda il suo lavoro intellettuale; in essa si realizza una mirabile sintesi di etica, economia e storia, che mi piace definire il riformismo radicale di Caffè. Questa definizione mi permette di individuare letteralmente le radici, appunto, del suo pensiero; valgono per tutti due passaggi di suoi scritti: nel primo, traendo spunto da una frase, scritta da Ferruccio Parri ai suoi collaboratori quando dovette abbandonare la Presidenza del Consiglio, non c è ombra nella vita di chi ha la luce di un ideale, Caffè aggiunge: Il mio non lascia margini di moderatismo opportunistico 31. Nel secondo, invece, per ribadire la sua bussola culturale, insidiata dalle ventate neo-liberiste, da un lato, e da quelle rivoluzionarie, dall altro, egli scrive: Essendo generalmente uomo di buone letture, il riformista conosce perfettamente quali lontane radici abbia l ostilità a ogni intervento mirante a creare istituzioni che possano migliorare le cose 32. Ed è, ispirandosi a tale riformismo di Caffè, e magari a quello di molti altri, che si può ancora, a mio avviso, affrontare il futuro, con l'ottimismo della volonta, per verificare il suo convincimento, si può dire keynesiano, del prevalere inevitabile delle idee sugli interessi costituiti. Resterebbe da compiere l ultimo metro del mio percorso, dichiarando se per me Federico Caffè possa essere considerato un economista di sinistra. Qualcuno prima di me ha affrontato il punto con esiti diversi 33 ; naturalmente ho una mia idea in proposito ma, in una sede accademica come questa, mi sarei sentito in dovere di sostenerla con delle buone carte a cominciare dal conciso e lucido saggio di Bobbio di alcuni anni fa 34. Ciò avrebbe richiesto uno spazio maggiore per il mio intervento; bisognerà dunque attendere un altra occasione. 30 Cfr. Caffè (1990: 139). 31 Cfr. Caffè (2007: 386). 32 Cfr. Caffè (2007:383). Proprio per la forza delle buone letture il riformista non deve avere il timore di assumersi l onere della prova nel sostenere la validità delle proprie proposte. A proposito del riformismo di Caffè, mi piace di ricordare come Ermanno Rea abbia pensato di utilizzare il felice ossimoro riformista rivoluzionario ; cfr. Rea (2014). 33 Cfr. Bovero (1995), Archibugi (1999), Faucci (2002). 34 Cfr. Bobbio (1994).

10 Mario Tiberi Bibliografia Acocella N., Rey G.M., Tiberi M. (a cura di) (1990, 1992,1999), Saggi di politica economica in onore di Federico Caffè, 3 voll., Franco Angeli, Milano. Acocella N., Ciccarone G., Franzini M., Milone L. M., Pizzuti F. R., Tiberi M. (2004), Rapporto su povertà e disuguaglianze negli anni della globalizzazione, Edizioni Colonnese-l ancora del mediterraneo- Pironti, Napoli. Acocella N., Tiberi M. (2014), Federico Caffè: the man, the teaching and the intellectual path, World Economics Associations Newxletter 4(1), February. Amari G. (a cura di) (2014), Parla Federico Caffè. Dialogo immaginario sulla società in cui viviamo, Armando editore, Roma. Amari G., Rocchi N. (a cura di) (2007), Federico Caffè, un economista per gli uomini comuni, Ediesse, Roma. Amari G., Rocchi N. (a cura di) (2009), Federico Caffè, un economista per il nostro tempo, Ediesse, Roma. Archibugi D. (1991), Federico Caffè, solitario Maestro, Micromega, vol. 6, n.2, aprile-maggio: Bobbio N. (1994), Destra e sinistra. Ragioni e significati di una distinzione politica, Donzelli, Roma Bovero M. (1995), Una certa idea di riforma, in Esposto A., Tiberi M. (a cura di), Federico Caffè. Realtà e critica del capitalismo storico, Donzelli, Roma: Caffè F. (1972), La strategia dell allarmismo economico, Giornale degli Economisti, settembre; ristampato in Caffè F. (2007), cit.:

11 Caffè F. (1979), I problemi della moneta europea, in Aa.Vv. Stare in Europa: quali implicazioni per l Italia?, Quaderni Federalisti, n. 29, Roma, luglio; riprodotto in Federico Caffè, un economista per il nostro tempo, cit.: 548 e sgg. Caffè F. (1980), La solitudine del maratoneta, Rassegna Sindacale, 20 novembre, riprodotto in Attualità del pensiero di Federico Caffè alla luce della crisi odierna, cit. Caffè F. (1981), L economia contemporanea. I protagonisti e altri saggi, Edizioni Studium, Roma, ristampato a cura di S. Zamagni (2013). Caffè F. (1986), In dufesa del welfare state. Saggi di politica economica, Rosenberg Sellier, Torino. Caffè F. (1990), La solitudine del riformista, a cura di N. Acocella e M. Franzini, Bollati Boringhieri, Torino. Caffè F. (2007), Scritti quotidiani, a cura di R. Carlini, ilmanifesto-manifestolibri, Roma, Caffè F. (2013), Contro gli incappucciati della finanza, a cura di G. Amari, Castelvecchi, Roma. Caffè F. (2014), La dignità del lavoro, a cura di G. Amari, Castelvecchi, Roma. Calogero G. (1945), In difesa del liberalsocialismo, Atlantica, Roma. Faucci R. (2002), L economia per frammenti di Federico Caffè, Rivista Italiana degli Economisti, anno VII, n. 3, dicembre: Keynes J. M. (!973), The general theory of employment, interest and money (1.a ed: 1936), Macmillan, London: 372. Okun A. M. (1975), Equality and Efficiency, Brookings Institution, Washington (trad. it.: Eguaglianza ed efficienza. Il grande trade-off, Liguori, Napoli, 1990). Robinson J., Wilkinson (1977), What has become of employment policy, Cambridge Journal of Economics, March. Tarantini N. (1985), Dimenticato dall Abruzzo, non dimentica l Abruzzo, Intervista a Federico Caffè in Aa. Vv., C era una volta in Abruzzo. Ricordi abruzzesi di gente famosa, Medium,

12 Pescara. The Economist (2012), For richer, for poorer, Special Report: World economy, October 13 th. Tiberi M. (1997), Ricordo di Federico Caffè, Rivista Italiana degli Economisti, n. 1, aprile: Tiberi M. (2012), Un economista scomodo: Federico Caffè, Rivista dell'associazione "Incontri", anno IV, n. 8, lug.-dic. World Bank (2005), World Development Report Equity and development, Washington.

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private Istruzione. La classifica degli atenei in base alla qualità dell'offerta formativa agli studenti Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private La qualità accademica

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina (adattatto da: http://it.wikipedia.org/wiki/bibliografia, ultimo accesso: 16/9/2013) Caterina Ferrario, 16/9/2013 1. Definizione: Per bibliografia

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli