LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO"

Transcript

1 Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO A cura di Michele Pizzuti, Michele Cimminiello, Angela Bellettieri ed Attilio Olivieri (con la collaborazione di: M.A. Rizzo, S.Manieri, P. Lisanti, M. Autilio) Premessa In questi mesi si sono svolti alcuni incontri per definire delle linee guida sui temi dell emostasi che consentano di uniformare i nostri comportamenti in questo particolare campo della Medicina. Abbiamo iniziato dagli esami di screening cui sottoporre i pazienti che devono affrontare interventi chirurgici o comunque manovre invasive, o che si presentano in emergenza emorragica. Le indicazioni che ne sono risultate saranno trasmesse a tutti i Reparti. Esse non pretendono di essere esaustive e definitive, per cui andranno sottoposte a verifica dopo un primo periodo di utilizzo Esami di primo livello da effettuare prima di intervento chirurgico o di manovra invasiva (in elezione)* PT APTT Fibrinogeno ATIII Emocromo Nei pazienti in cui tali esami risultano normali, ma che hanno anamnesi personale e/o familiare significativa per diatesi emorragica (formazione di ematomi o ecchimosi spontanee, tendenza al sanguinamento prolungato dopo ferite accidentali o chirurgiche, ipermenorrea senza alterazioni organiche), sarà effettuato anche il: PFA

2 Che offre una valutazione della emostasi primaria (fase piastrinica) in vitro e che può sostituire il tempo di emorragia che richiede più tempo, comporta un minimo di invasività e i cui risultati sono legati alla manualità ed alla esperienza dell operatore. Nei pazienti in cui è normale anche il PFA, ma che presentano anamnesi personale significativa per diatesi emorragica (soprattutto con emorragie ritardate rispetto a ferite, estrazioni dentari o interventi chirurgici) si valuterà, tramite consulenza ematologica, l opportunità di dosare il Fattore XIII La cui carenza non è evidenziata dagli esami di screening 1.1-Esami di secondo livello In caso di alterazione degli esami di primo livello, confermata da 2 prelievo eseguito secondo le modalità definite e valutata la presenza di eventuale comorbidità, si richiederà, tramite consulenza ematologica, una fase diagnostica ulteriore al Laboratorio di coagulazione: Se il PT è inferiore al 60% Su richiesta del Reparto di provenienza si effettua ricerca di inibitori, se essi risultano assenti si procede al dosaggio di: Fattori: II V VII X Se l aptt è superiore a 40 secondi (confermato con reagenti differenti, data la diversa sensibilità di ognuno di essi), una volta esclusa (su richiesta del Reparto di provenienza) la presenza di inibitori, si doseranno i Fattori VIII IX XI XII 1.2 Se risultano alterati sia il PT che l aptt si doserà: Fattori II V X Fibrinogeno In caso di sospetta presenza di eparina in circolo o comunque nella provetta (per inadeguatezza del prelievo), oltre alla determinazione dell aptt standard, il laboratorio potrà chiedere la ripetizione del prelievo e valuterà l opportunità di effettuare anche Tempo di Reptilase Che indaga le stesse fasi coagulative dell aptt, ma non è influenzato dalla eventuale presenza di eparina. In caso di alterazione del PFA si procederà ai tests di aggregazione piastrinica in vitro (prenotazione da concordare con il Laboratorio) ed al dosaggio del Fattore Von Willebrand, (valore antigenico quantitativo) e RICOF (attività funzionale) Questi esami permetteranno di discriminare tra la Piastrinopatia di Glanzmann, la malattia di Von Willebrand, la malattia di Bernard Soulier oppure le alterazioni della fase di immagazzinamento o di rilascio delle sostanze aggreganti da parte dei granuli piastrinici (Storage Pool Disease). NB- È molto importante ricordare che questi esami, come tutte le prove che esplorano la fase primaria dell emostasi, devono essere eseguiti a distanza di almeno dieci giorni dall ultima assunzione di antiaggreganti e/o di FANS. Particolare attenzione dovrà essere posta alla assunzione di Aspirina i

3 cui effetti sono particolarmente prolungati nel tempo. 2.0-Provvedimenti in caso di alterazione degli esami di primo o secondo livello In caso intervento chirurgico in paziente con piastrinopenia (con valori normali dei test di coagulazione) Al di sopra di piastrine/mcl non è necessaria terapia sostitutiva Fra 50 e /mcl Non terapia sostitutiva in profilassi, verificare comunque con il Centro Trasfusionale la disponibilità di concentrati piastrinici da somministrare in caso di emorragia durante l intervento Al di sotto di /mcl somministrare concentrati piastrinici prima dell intervento ed eventualmente durante e dopo lo stesso Si ricorda che i concentrati piastrinici possono essere ricavati da un unico donatore mediante separatore cellulare (Aferesi) o ottenuti dalla separazione della sacca di sangue intero (multisacche o concentrati random). Ogni aferesi equivale a 6-8 unità ricavate da sacche intere, espone il paziente a minori rischi, ma è opportuno un accordo preventivo con il Centro Trasfusionale per programmarne la disponibilità. 2.1-Indicazioni terapeutiche in caso di piastrinopenia, al di fuori di emergenze o necessità chirurgiche A prescindere dalla necessità di interventi chirurgici si rammenta che la decisione sulla opportunità di somministrare concentrati piastrinici sarà legata anche alla diagnosi eziopatogenetica della piastrinopenia. In caso di piastrinopenia da mancata produzione (leucemia, mielodisplasia, invasione midollare da linfomi o neoplasie solide) è opportuno somministrare concentrati piastrinici, anche in assenza di manifestazioni emorragiche o di febbre, se le Piastrine del paziente sono < Al di sopra di tale valore c è indicazione all uso dei concentrati piastrinici solo in presenza di febbre, di emorragia o di grave alterazione dei tests coagulativi. E opportuno ricordare che esiste la immunizzazione verso le piastrine trasfuse, per cui l utilità di tale procedura diminuisce con il tempo, fino alla instaurarsi della resistenza. In genere si usa valutare il numero delle piastrine dopo un ora e dopo sei ore dalla somministrazione. Se non c è un incremento significativo, si ritiene inutile continuare con le trasfusioni. Per una adeguata valutazione delle resa di un concentrato piastrinico è necessario che su ogni sacca sia indicato il numero di piastrine contenuto (il concentrato è considerato idoneo se contiene 3-4 per 10 alla 11 ) In caso di Piastrinopenia da distruzione periferica autoimmune * (la più comune è la piastrinopenia idiopatica), l uso dei concentrati piastrinici sarà molto più limitato (gravi emorragie), perché la presenza di anticorpi comporta una efficacia limitata e transitoria. In queste forme si cercherà piuttosto di ottenere un aumento del numero di piastrine con la terapia medica:

4 Prednisone 1 mg/kg, e/o Immunoglobuline ev 400 mg/kg/die per 3 giorni. Le forme resistenti o che richiedono terapia cortisonica prolungata saranno avviati a splenectomia, la cui opportunità è presa in considerazione dopo sei mesi dalla diagnosi e che deve essere preceduta dalle vaccinazioni anti Pneumococco, Haemofilus e meningococco. Esistono terapie mediche alternative: Immunosoppressori, Ig anti Rh o, più recentemente, il Rituximab l anticorpo monoclonale anti CD20, alla dose di 375mg/kg per quattro somministrazioni settimanali. La diagnosi di Piastrinopenia autoimmune è basata su tre Criteri maggiori: 1) Normalità od aumento del numero dei megacariociti nel midollo osseo, 2) Aumento del volume medio piastrinico 3) Esclusione di altre cause (familiarità, microangiopatie) La positività della ricerca di anticorpi antipiastrine (oggi possibile nel nostro Ospedale) è considerata un criterio minore, non essenziale alla diagnosi, ma che sembra avere un valore prognostico. Particolare attenzione deve essere posta alla PIASTRINOPENIA DA EPARINA Riduzione del numero di piastrine (almeno il 50% rispetto al valore iniziale), che si verifica dopo 5-10 giorni di terapia con Eparina, per la formazione di anticorpi che reagiscono contro il complesso Eparina-PF4. Più frequente con l Eparina non frazionata, ma possibile anche con Eparina a basso peso molecolare. Oggi è possibile la diagnosi presso il nostro Ospedale perché, presso il Laboratorio Centrale, si effettua la ricerca degli anticorpi anti Eparina-PF4. Questa particolare forma di piastrinopenia determina rischio trombotico grave, richiede la sospensione immediata dell Eparina ed, eventualmente, l uso di inibitori diretti della Trombina (lepirudina-refludan). I Dicumarolici possono essere usati solo dopo la normalizzazione del numero delle piastrine. E discussa la possibilità di impiego del Fondaparinux (Pentasaccaride inibitore del F-X) Dosaggio di Eparina nei pazienti piastrinopenici A prescindere dalla piastrinopenia da eparina, nei pazienti con piastrinopenia che necessitano di terapia eparinica le attuali indicazioni della Letteratura suggeriscono di: a) non ridurre il dosaggio di eparina al di sopra delle piastrine b) ridurre del 30% fra le 50 e le piastrine c) ridurre del 50% fra le 30 e le piastrine d) sospendere l eparina al di sotto delle piastrine

5 2.2-Provvedimenti terapeutici nel caso di diminuzione dei fattori della coagulazione (E raccomandata la consulenza ematologica per pianificare la strategia terapeutica) Se la diminuzione riguarda più fattori la causa andrà cercata in una diminuita sintesi (epatopatia, deficit di Vit K) o in un consumo (trombosi, CID, Angioma gigante). In caso di diminuzione dei Fattori K dipendenti (Fattori II, V, VII, IX), per diminuito apporto o assorbimento, o per dosi eccessive di anticoagulanti orali, è opportuno somministrare Vit K per os o Ev: la normalizzazione dei fattori è attesa da qualche ora a pochi giorni in base al grado di carenza. In caso di diminuzione multipla di fattori e di necessità di intervento urgente si somministrerà Plasma fresco congelato alla dose di 15 ml/kg eventualmente da ripetere nei giorni successivi in base al PT e PTT. Se si riscontra diminuzione di singoli fattori al di sotto del livello minimo sufficiente (che in genere è di circa il 20%, tranne il Fattore XIII per il quale basta il 5%), ci si comporterà in base al tipo di fattore, alla sua emivita (che va dalle 7 ore del F.VII ai 9 giorni del F XIII) ed alla disponibilità o meno di concentrati specifici. In caso di mancanza di: Fattore II o X- complesso protombinico attivato (Prothomplex) dose u / kg Fattore V o XI- plasma fresco congelato preferibilmente sottoposto a trattamento inattivante sui virus (Octaplas) Fattore VII Emoderivato di F VII (Provertin) dose U kg o, in caso di emergenza Fattore VII attivato (Novoseven) Fattore VIII e Fattore IX vedi indicazioni per emofilia A e B Fattore XIII Emoderivato di F XIII (Fibrogammin) Se i fattori della coagulazione sono diminuiti, ma compresi fra il 20 ed il 40% (dal 5 al 20% per il fattore XIII) dei valori ottimali il paziente potrà affrontare l intervento previa la disponibilità dei concentrati o di Plasma Fresco Congelato, da poter somministrare in caso di emorragia durante la procedura. 2.3Emofilia (a o b) Paziente da sottoporre ad estrazione dentaria: Concentrato del fattore mancante alla dose di 50 u/kg un ora prima dell intervento, e dopo 12, 24 e 48 ore Paziente da sottoporre ad intervento chirurgico maggiore: Concentrato del Fattore mancante alla dose di 100 U/kg un ora prima dell intervento e dopo 12, 24, 36, 48 ore. In seguito ogni 24 ore fino all ottava giornata Nei pazienti con forma di Emofilia non grave può essere utile la somministrazione di DDAVP (Desmopressina Minirin o Emosint) alla dose di 0,3 mcg/kg prima dell intervento, da ripetere ogni ore fino a quattro volte.

6 Le indicazioni esposte sono valide per i pazienti con Emofilia congenita e senza inibitori. Per i pazienti con Inibitori la terapia è più complessa e sarà valutata caso per caso. In emergenza potrà essere opportuno l uso di Fattore VII attivato. 2.4-Malattia di Von Willebrand Alterazione del Fattore VIII Von Willebrand, la cui presenza è importante nella fase primaria dell emostasi, perché interagisce con le piastrine, che può essere diminuito (tipo 1), con alterazioni qualitative (tipo 2, sottotipi a, b, m e n) o assente (tipo 3). Alla diagnosi si arriva dopo lo screening con PFA e con gli esami di fase 2 già citati. La terapia prevede: DDAVP- 0,3 mcg/kg, è in grado di mobilizzare eventuale fattore presente nel sottoendotelio (tipo1), ed aumentarne temporaneamente la concentrazione. Può essere effettuata una somministrazione test, per valutare la risposta, presso il DH dell Ematologia. Dopo somministrazioni ripetute induce tachifilassi. Plasma Fresco congelato- può fornire dosi adeguate di fattore, ma richiede volumi di somministrazioni ingenti Concentrati emoderivati- Il Plasma fresco ed i concentrati sono indispensabili nei tipi 2 e Pazienti con Gravi Piastrinopatie (Malattia di Glanzmann, Bernard Soulier ecc) Questi pazienti, per fortuna rari, saranno trattati secondo una strategia decisa di volta in volta con il consulente ematologo NB- In quasi tutte le coagulopatie, riguardanti sia la fase primaria che la fase plasmatica dell emostasi, può essere utile associare alla terapia specifica un trattamento con Antifibrinolitici (il più usato è l acido Tranexamico), che può essere somministrato sia per os che per infusione endovenosa lenta fino alla dose di 100 mg/kg die. 2.6-Pazienti in terapia Anticoagulante che devono sottoporsi a manovre invasive Pazienti in TAO a basso rischio tromboembolico (fibrillazione atriale non valvolare, trombosi venosa ricorrente, trombosi venosa o arteriosa non recente) Sospendere la TAO quattro giorni prima dell intervento, iniziare dosi profilattiche ( U/die) di Eparina a basso peso molecolare nell immediato post operatorio. Pazienti in TAO ad alto rischio tromboembolico (protesi valvolari meccaniche di vecchia data, portatori di due protesi valvolari, evento tromboembolico venoso o arterioso recente, fibrillazione atriale valvolare, se sottoposti ad inteventi di chirurgia

7 maggiore) Sospendere la TAO quattro giorni prima dell intervento, monitorare l'inr quotidianamente e quando questo è < 2 iniziare la profilassi con dosi piene di Eparina a basso peso molecolare. L'eparina va sospesa 12 ore prima dell'intervento e ripresa 12 ore dopo, in assenza di sanguinamenti maggiori. La TAO può essere ricominciata una volta verificata l'assenza di complicanze emorragiche in atto, mantenendo l'associazione con EBPM fino al raggiungimento di un INR nel range terapeutico per almeno due giorni continui.. Pazienti in Terapia Eparinica Sospendere l infusione con Eparina non frazionata alcune ore prima della manovra (verificare la normalizzazione dell aptt). In caso di anestesia peridurale, rimuovere il catetere alcune ore dopo la sospensione dell Eparina e monitorare il paziente. In caso di trattamento con Eparina a basso peso molecolare Occorre un intervallo di ore tra l ultima dose e la manovra invasiva, la dose successiva dovrebbe essere somministrata 6-8 ore dopo l intervento, in assenza di sanguinamenti maggiori. In caso di anestesia spinale il catetere deve essere rimosso ore dopo l ultima dose NB- sono in corso valutazioni sulla possibilità di utilizzare il Fondaparinux (pentasaccaride- inibitore diretto del fattore Xa) com sostituto dell'eparina a basso peso molecolare. 2.7-Pazienti in terapia Antiaggregante che devono sottoporsi a interventi chirurgici o manovre invasive L uso di antiaggreganti aumenta il rischio di sanguinamento in corso manovre invasive con particolare riguardo alla anestesia spinale. Si suggerisce la sospensione 14 giorni prima per la Ticlopidina e 7 giorni prima per il Clopidogrel. Se possibile andrebbe sospesa almeno una settimana prima anche l Aspirina, mentre I FANS da soli non sembrano aumentare il rischio di sanguinamento. Per quanto riguarda i pazienti sottoposti a coronarografia, con eventuale angioplastica ed impianto di Stent, fare riferimento alla parte specifica. 3.0-Screening dei pazienti in emergenza emorragica e brevi indicazioni di trattamento Le situazioni più frequenti sono: la coagulazione intravascolare disseminata (CID), la sindrome da trasfusione massiva, le epatopatie e l iperdosaggio di anticoagulanti. Gli esami di laboratorio di riferimento saranno in gran parte gli stessi utilizzati per lo screening dei

8 pazienti da sottoporre a manovre invasive, con l aggiunta del dosaggio dell AT III e dei prodotti di degradazione della fibrina (D-Dimero). Questi ultimi hanno sostituito i prodotti di degradazione del Fibrinogeno, perché sono più specifici e perché, essendo dosabili anche sul plasma, sono meno soggetti ad interferenze e non richiedono provette specifiche. Alcuni esami, come il dosaggio dei singoli fattori o l aggregazione piastrinica, pur essendo in teoria utili ad inquadrare la causa dell emorragia, mal si prestano per tempi di esecuzione e per esigenze organizzative allo studio del paziente in emergenza. Molto importante sarà la raccolta di una adeguata anamnesi personale e familiare per l individuazione di quelle diatesi emorragiche (piastrinopatie, malattie di Von Willebrand) la cui diagnosi richiede tempi non brevissimi. Il conteggio delle piastrine è fondamentale perché la piastrinopenia oltre a giustificare di per sé una emergenza emorragica (leucemie acute, piastrinopenia Idiopatica, ecc) può, se di recente insorgenza ed accompagnata da alterazione di PT, aptt e Fibrinogeno e da comparsa dei prodotti di degradazione della Fibrina, essere uno dei punti determinanti per la diagnosi di CID. 3.1-La Sindrome da trasfusione massiva, causata dalla somministrazione imponente di eritrociti senza adeguato apporto di fattori della coagulazione, di piastrine (di cui sia i concentrati eritrocitari che il sangue intero conservato da alcuni giorni sono sprovvisti) e di calcio, si caratterizzerà per una alterazione di PT, aptt, Fibrinogeno e numero di Piastrine, senza aumento significativo dei D.dimeri. 3.2-L iperdosaggio di anticoagulanti orali, è indicato naturalmente dalla anamnesi ed è confermato dalla determinazione dell INR, che è una standardizzazione del PT in base al confronto con il pool di plasma normale e aggiustato in base al reattivo utilizzato. 3.3-L iperdosaggio di Eparina sarà indicato invece da un aumento dell aptt che è l esame utilizzato infatti nel monitoraggio della terapia con eparina non frazionata. Combinando l anamnesi con i tests di più rapida esecuzione è necessario arrivare ad una diagnosi il più accurata possibile in un tempo ragionevole per poter iniziare un trattamento efficace: 3.4-Per la Piastrinopenia attenersi a quanto indicato nel paragrafo specifico 3.5-Il Trattamento della CID (l emergenza più grave) è ancora fonte di dibattito. Le possibili modalità di intervento consistono nel cercare di rimuovere le cause scatenanti (stato settico, patologia ostetrica ecc) e di rimpiazzare i componenti ematici consumati: Plasma Fresco Congelato, ATIII, piastrine. L uso dell Eparina non è raccomandato, perchè essa, pur potendo in teoria contrastare i meccanismi patogenetici della CID, aumenta notevolmente il rischio emorragico. 3.6-La Sindrome da trasfusione massiva può essere trattata con adeguato apporto di Plasma Fresco, di Piastrine e di Calcio. 3.7-L emorragia causata da iperdosaggio di anticoagulanti orali richiede l apporto di plasma fresco congelato o di concentrati protrombinici attivati nei casi più gravi. In caso di alterazione dell INR senza emorragia può bastare la somministrazione di dosi adeguate di vit K, o addirittura la semplice sospensione momentanea della terapia. Comportamento in caso di iperdosaggio di Coumadin: INR < a 5, senza sintomatologia emorragica, omettere una dose e ridurre la dose settimanale

9 INR > 5 ma < 9, senza sintomatologia emorragica, omettere una o due dosi, ricontrollare l INR fino a che non torna nel range, ridurre la dose settimanale Se il paziente presenta particolare rischio emorragico somministrare 1-2,5 mg di Vit K per os, se deve sottoporsi ad intervento chirurgico, somministrare 2-4 mg di Vit k per os. INR >9 senza sintomatologia emorragica, sospendere Coumadin e somministrare Vit K 3-5 mg, riprendere la terapia a dosaggio ridotto dopo il rientro nel range INR >20 e comunque in ogni caso con sintomatologia emorragica sospendere Coumadin, somministrare Vit K 10 mg ev (eventualmente ripetibile ogni 12 ore), somministrare plasma o concentrati di protrombina. 3.8-L emorragia da iperdosaggio di Eparina richiede invece la somministrazione di Solfato di Protamina (1 mg per ogni 1000 u. di eparina in eccesso) Indicazioni sulla modalità di prelievo per la valutazione dei test coagulativi Si rammenta che il trasporto dei campioni per test di coagulazione deve garantire un intervallo di tempo non superiore ai 60 minuti dal prelievo alla esecuzione del test, dal momento che molte variabili possono alterare i risultati dei test ( tempo, temperatura, materiale delle provette.) Variabili preanalitiche: Prelievo di sangue Provetta Anticoagulante Rapporto Anticoagulante/Sangue Emolisi Trasporto del campione Centrifugazione Conservazione del campione PRELIEVO Non si richiede il digiuno (interferenze nella lettura di plasmi lipemici) Prelievo effettuato con la massima cura, da personale esperto, con minima stasi e traumatismo, possibilmente evitando l uso del laccio emostatico I campioni per i test emocoagulativi non dovrebbero essere parte di un campione di sangue maggiore di 25 ml quando si è usato un ago di 21g o di 50 ml quando si usa un ago di 19 g. Il sangue deve essere aggiunto immediatamente all appropriata quantità di anticoagulante e fatto scendere, quando si usa una siringa per il prelievo, attraverso le pareti, mai spinto nella provetta. La miscelazione non deve essere mai vigorosa.

10 MODALITA DI PRELIEVO Sistema sottovuoto: seconda o terza provetta per test di coagulazione Siringa: preferibilmente siringa da 5 o da 10 ml; se il prelievo è di notevole entità deve essere usato il sangue della seconda siringa Calibro dell ago: tra 22 e 19; tra 21 e 23 per pazienti pediatrici Provetta: in plastica o in vetro siliconato Vacutainer con provetta di vetro siliconato: questa è da preferire per evitare numerose variabili ANTICOAGULANTE Per i test di coagulazione si utilizza di norma : CITRATO TRISODICO BIIDRATATO Normalmente le provette per i test coagulativi sono già fornite in vetro siliconato, con un tappo celeste e con una dose precostituita di citrato come anticoagulante pari al 3,2% 0,129 Molare PER OTTENERE IL CORRETTO RAPPORTO ANTICOAGULANTE/SANGUE = 1 : 9 LA PROVETTA DEVE ESSERE RIEMPITA FINO AL LIVELLO INDICATO DALLA ETICHETTA ESTERNA CON LA STRISCIA AZZURRA Tale rapporto ha valore per ematocrito = % Al di sotto o al di sopra di questi valori l esito del test non è sempre attendibile. Non usare altri tipi di anticoagulante per test di emocoagulazione Da scartare i prelievi con eparina, ossalato e EDTA Usare EDTA solo per conta piastrine, dosaggio anticorpi anti-piastrine e BNP APPENDICE QUESTO CAPITOLO E PROVVISORIO E SOGGETTO A MODIFICHE ENTRO LUGLIO Profilassi trombosi venosa profonda ed embolia polmonare in pazienti chirurgici

11 gruppo 1- Basso rischio (chirurgia generale e ginecologica maggiore, con età <a 40 anni, senza fattori di rischio, e pazienti sottoposti a Chirurgia generale o Ginecologica minore di età > 60 anni senza fattori di rischio): Per questo tipo di pazienti, che praticano trattamento chirurgico di breve durata, è sufficiente la deambulazione precoce Gruppo 2- Rischio moderato (chirurgia generale o ginecologica maggiore, in pazienti tra 40 e 60 anni, senza fattori di rischio; chirurgia generale o ginecologica maggiore, in pazienti < 40 anni, in trattamento con estroprogestinici; chirurgia generale o ginecologica minore in pazienti > 60 anni; chirurgia generale o ginecologica minore in pazienti oncologici < 60 anni o con storia di tromboembolismo venoso e/o trombofilia): Eparina a basso peso molecolare ( U/die) ogni 24 ore, iniziando 12 ore prima dell'intervento, più calze elastiche o deambulazione precoce Gruppo 3- Rischio alto: chirurgia generale o ginecologica maggiore in pazienti con > 60 anni, chirurgia generale o ginecologica maggiore in paziente oncologico o con storia di tromboembolismo venoso e/o stato trombofilico a prescindere dall'età, chirurgia ortopedica maggiore arti inferiori: Eparina a basso peso molecolare ( U/die), iniziando dodici ore prima dell'intervento e prseguendo ogni 24 ore

12

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Terapia Trasfusionale

Terapia Trasfusionale Percorso Didattico S.I.M.U.T.I.V Ordine dei medici veterinari della provincia di Ravenna Ravenna, 15 settembre 2014 Pronto Soccorso Terapia Trasfusionale Dott. Paolo Gaglio Ospedale Veterinario Gregorio

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

TEST COAGULATIVI anno 2012

TEST COAGULATIVI anno 2012 17 novembre 2012 1 TEST COAGULATIVI anno 2012 200000 150000 100000 50000 0 savona pietra albenga cairo Presidio esami per DH esami per esterni esami urgenti per interni esami routine per interni INTERNI

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE OSPEDALE A. AJELLO DI MAZARA DEL VALLO SERVIZIO DI PATOLOGIA CLINICA F.C.S.A. N 72 LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE MANUALE PER IL PAZIENTE A cura di Dr. Rosa Rubino Dr. Carla Lombardo P.O. Mazara del Vallo

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Inibitori acquisiti della coagulazione

Inibitori acquisiti della coagulazione Inibitori acquisiti della coagulazione Cristina Legnani UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Bologna, 19 Giugno 2010 Inibitori acquisiti

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico Rischio Emorragico 6 5 4 3 2 1 International Normalized Ratio farma memo scritto è meglio! Rischio Trombotico Campagne regionali per la sicurezza del paziente: La prevenzione degli errori di terapia Un

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

Livelli di interventi del laboratorio

Livelli di interventi del laboratorio Livelli di interventi del laboratorio Anamnesi Esame fisico Esami diagnostici di base Esame obiettivo di laboratorio Esami d urgenza Esami diagnostici di approfondimento DECISIONE CLINICA Esami di monitorggio

Dettagli

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE C è bisogno di te: DONA IL SANGUE IL NOSTRO SANGUE Il sangue, anche se liquido, è un tessuto; Esso circola all interno di arterie, vene e capillari; Rappresenta il 7% del nostro peso corporeo; È costituito

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

La dose complessiva può essere infusa in 15-20 minuti. E' richiesto il Consenso informato come per tutti gli emoderivati.

La dose complessiva può essere infusa in 15-20 minuti. E' richiesto il Consenso informato come per tutti gli emoderivati. PAZIENTI IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE CHE COSA FARE IN CASO DI: emorragia intracranica emorragie maggiori emorragie minori (con o senza eccessiva anticoagulazione) correzione di eccessiva anticoagulazione

Dettagli

L emostasi in scena. Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1. N. Ciavarella M. Petronelli Bari

L emostasi in scena. Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1. N. Ciavarella M. Petronelli Bari L emostasi in scena Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1 N. Ciavarella M. Petronelli Bari 1 La disfida di Barletta 13 febbraio 1503 2 La coagulazione come la disfida di Barletta Fattore XI Fattore

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

La donazione di sangue

La donazione di sangue La donazione di sangue Storia della trasfusione 1616: Scoperta della circolazione del sangue da parte del medico inglese William Harvey. 1665: prima trasfusione di sangue da cane a cane documentata, effettuata

Dettagli

scaricato da sunhope.it

scaricato da sunhope.it Test di secondo livello per la valutazione della coagulazione I test di cui vi parlo oggi sono test di secondo livello, che si fanno quando i test di primo livello sono risultati negativi ma il paziente

Dettagli

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI A LLEGATO V RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI PARTE A A.1 Modalità per la raccolta del sangue intero e degli emocomponenti raccolti mediante aferesi

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it. Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico

Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it. Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico INTEGRITA DEL SISTEMA VASCOLARE PIASTRINE VASI SANGUIGNI FATTORI DELLA COAGULAZIONE Eziologia chiara Trauma,

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO: LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO)

OPUSCOLO INFORMATIVO: LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO) Questa persona sta assumendo una terapia anticoagulante orale (TAO) Nome e cognome.. Nome del farmaco Indicazioni del trattamento.. Range terapeutico INR. Trattamento iniziato il. Durata del trattamento...

Dettagli

Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie.

Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie. 1 Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie. la trasfusione di sangue è stata identificata come una delle 8 funzioni chiave

Dettagli

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Firma per redazione Ermanna Cotti Piccinelli Emesso il: 14-11-2014 Pagina 1 di 5 Firma per approvazione Paolo Cerutti Firma Direttore

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

La Terapia Anticoagulante

La Terapia Anticoagulante La Terapia Anticoagulante La terapia anticoagulante orale (TAO) è una terapie salvavita in Italia per oltre 650.000 persone. Viene usata dai portatori di valvole cardiache, e da coloro che vengono colpiti

Dettagli

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara Valutazione iniziale del paziente con emorragia digestiva

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Microangiopatia Trombotica Definizione Condizione patologica caratterizzata da: anemia emolitica, microangiopatia trombotica, trombocitopenia, manifestazioni polidistrettuali 1) Sindrome emolitico-uremica

Dettagli

Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0

Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0 Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0 2 INDICE Premessa pag. 3 Azioni pag.3 Obiettivo pag.

Dettagli

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE Aula Magna I.I.S.S. O. Notarangelo-G. Rosati Foggia AIL Pazienti Mielodisplasie La trasfusione di sangue: Quando è necessaria e quali rischi comporta 22

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

RAZIONALE DEL PROTOCOLLO

RAZIONALE DEL PROTOCOLLO Protocollo di studio multicentrico prospettico per valutare l efficacia del plasma virus-inattivato con solvente-detergente o con blu di metilene rispetto al PFC o al plasma decriato come liquido sostituente

Dettagli

Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC)

Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC) Allegato A Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC) Al fine di assicurare l'assistenza e la presa in carico dei pazienti

Dettagli

Assumo la TAO: cosa devo sapere?

Assumo la TAO: cosa devo sapere? Assumo la TAO: cosa devo sapere? Milano, 15 novembre 2014 Maddalena Loredana Zighetti Servizio Trasfusionale Azienda Ospedaliera San Paolo Polo Universitario Trombosi Problema importante, complesso e diffusissimo

Dettagli

INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9 4 INDICATORI...9

INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9 4 INDICATORI...9 Prima Stesura Data: 15-02-2014 Redattori: Dott. M. Trenta SIMT POS 030 GESTIONE PAZIENTE ANEMICO PRESSO IL DH TRASFUSIONALE INDICE INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9

Dettagli

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI A.O. S. Giovanni- Addolorata UOC Medicina Immuno- Trasfusionale CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI 1. GENERALITA La presente Carta dei Servizi descrive le attività trasfusionali che costituiscono

Dettagli

ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA

ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA 1 2 Compito laboratori clinici FORNIRE: Informazioni clinicamente utili per la diagnosi,la terapia il monitoraggio e la

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SISTEMI ANALITICI COMPRENDENTI STRUMENTAZIONE, REAGENTI E MATERIALE DI CONSUMO PER L INDAGINE DIAGNOSTICA DI EMOCROMOCITOMETRIA,

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO)

I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO) I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO) Dabigatran (Pradaxa, Apixaban (Eliquis e Rivaroxaban (Xaralta ) sono stati approvati dall'ema (Agenzia Europea dei Medicinali) per la prevenzione dell'ictus e del tromboembolismo

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII Giancarlo Maria Liumbruno Direttore Centro Nazionale Sangue Istituto

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione Anna Maria Marata Area Valutazione del Farmaco ASSR Regione Emilia Romagna 9 Dicembre 2013 October

Dettagli

Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011

Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011 Pagina 1 di 9 Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011 File CPD - ST Data applicazione 23/05/2011 Copia controllata Redazione RQAT Roberta Aonzo Verifica RQAM Angela Perata Approvazione Direttore

Dettagli

CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali

CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali H. Matisse - La danza BARI, 6 MARZO 2015 Sala Convegni Ospedale San Paolo Razionale Scientifico Numerosi farmaci utilizzati

Dettagli

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica 5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica EMOCOMPONENTI: PRODUZIONE E LAVORAZIONI Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale A.O.U. San Luigi Gonzaga-Orbassano EMOCOMPONENTI Emazie concentrate

Dettagli

PTT NORMALE PT ALLUNGATO PT NORMALE ALLUNGATO NORMALE ALLUNGATO Situazione normale Deficit F VII Deficit F VIII Deficit F X, V, II Non si può escludere AutoAnticorpi F IX, XI, XII Fibrinogeno Deficit di

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Varese 19 Dicembre Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Francesco Dentali, Dipartimento di Medicina Clinica Università dell Insubria Varese Manovre Invasive/Interventi Chirurgici Manovre

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione

Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Metodologie utilizzate

Dettagli

WITNESS DIROFILARIA. Dirofilaria immitis.

WITNESS DIROFILARIA. Dirofilaria immitis. WITNESS DIROFILARIA WITNESS DIROFILARIA INFORMAZIONI GENERALI La dirofilariosi cardiaca del cane è una malattia a diffusione mondiale ed è causata da un nematode filariforme denominato Dirofilaria immitis.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO CASTELLI AZIENDA OSPEDALIERA L SACCO POLO UNIVERSITARIO Telefono 02/39041 Fax E-mail Castelli.roberto@hsacco.it

Dettagli

PREPARAZIONE ALLO SCREENING DEL COLON L ADESIONE ALLO SCREENING DEL TUMORE DEL COLON-RETTO

PREPARAZIONE ALLO SCREENING DEL COLON L ADESIONE ALLO SCREENING DEL TUMORE DEL COLON-RETTO PREPARAZIONE ALLO SCREENING DEL COLON L ADESIONE ALLO SCREENING DEL TUMORE DEL COLON-RETTO Marco Ruina Approfondimento diagnostico di Secondo Livello (FOBT+): PERCORSO Colloquio Colonscopia Clisma opaco

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 08

PROTOCOLLO OPERATIVO 08 PAG.1 DI 10 Rev. Data Redatto ed Elaborato Approvato Firma Dr.Giancarlo Casolo Direttore U.O.C. Cardiologia e Responsabile TAO 0 20/06/2011 Dr. Francesco Vivaldi Responsabile centro TAO Dr.Roberto Diodati

Dettagli

Sospetto di endocardite infettiva

Sospetto di endocardite infettiva 213 Capitolo 24 Sospetto di endocardite infettiva Nonostante l introduzione di nuovi e sempre più specifici test diagnostici e l avvento di antibiotici di nuova generazione e tecniche chirurgiche migliori,

Dettagli

I GRUPPI SANGUIGNI Note pratiche ai fini della terapia trasfusionale

I GRUPPI SANGUIGNI Note pratiche ai fini della terapia trasfusionale I GRUPPI SANGUIGNI Note pratiche ai fini della terapia trasfusionale Generalità sugli antigeni gruppo ematici: Gli antigeni gruppo ematici sono presenti sulla superficie dei globuli rossi, a livello di

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

Guida alla terapia anticoagulante orale

Guida alla terapia anticoagulante orale Servizio Sanitario Nazionale Regione Marche Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord Presidio Ospedaliero Santa Croce Viale Veneto, 2-61032 Fano PRONTO SOCCORSO E MEDICINA D URGENZA Direttore Dr.

Dettagli

17) Trombosi e emostasi

17) Trombosi e emostasi 17) Trombosi e emostasi I meccanismi emostatici permettono l arresto delle emorragie mediante la formazione di un tappo emostatico senza che questi trombi si formino spontaneamente nelle vene e nelle arterie.

Dettagli

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE SOPHIE TESTA Centro Emostasi E Trombosi Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche E

Dettagli

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 3 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/7 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti risolvono gli esercizi. Materiale Foglio di esercizio Forma sociale Lavoro individuale

Dettagli

Gestione della terapia trasfusionale

Gestione della terapia trasfusionale Regione Sicilia Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Papardo - Piemonte Gestione della terapia trasfusionale Rev. data Causale della modifica Redatta da Condivisa/Valutata da 00.00 ---------- Stesura Direttore

Dettagli

ICTUS CEREBRALE: PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA. D.ssa Cinzia Roberti ACO San Filippo Neri UOC Neurologia

ICTUS CEREBRALE: PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA. D.ssa Cinzia Roberti ACO San Filippo Neri UOC Neurologia ICTUS CEREBRALE: PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA D.ssa Cinzia Roberti ACO San Filippo Neri UOC Neurologia PROGRAMMA DI PREVENZIONE E SORVEGLIANZA SANITARIA La patologia deve rappresentare per frequenza

Dettagli

PIASTRINOPATIE. Prof AM Vannucchi-AA2009-10

PIASTRINOPATIE. Prof AM Vannucchi-AA2009-10 PIASTRINOPENIE e PIASTRINOPATIE 1 2 Regulation of thrombopoiesis thrombocytopenia Kaushansky K, NEJM 2007,mod TPO MPL 3 DISORDINI PIASTRINICI PORPORE non-emostatiche PIASTRINE ENDOTELIO FATTORI PLASMATICI

Dettagli

trombosi antitrombotici

trombosi antitrombotici trombosi e antitrombotici La medicina è una scienza sociale e la politica non è altro che medicina su larga scala 4000 la lista della spesa 3500 3000 2500 2000 1500 1000 500 0 a b c d e f g h i j k

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia L Aspirato Midollare Informazione per pazienti e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Dott. Francesco Merli - Direttore Cristiana Caffarri - Coordinatore

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

SIMT-POS 054 PROCEDURA OPERATIVA AZIENDALE PER L ATTIVITA DI DONAZIONE PREOPERATORIA DI SANGUE AUTOLOGO DPSA

SIMT-POS 054 PROCEDURA OPERATIVA AZIENDALE PER L ATTIVITA DI DONAZIONE PREOPERATORIA DI SANGUE AUTOLOGO DPSA 1 Prima Stesura Data: 16-12-2015 SIMT-POS 054 PROCEDURA OPERATIVA AZIENDALE PER L ATTIVITA DI DONAZIONE PREOPERATORIA DI SANGUE AUTOLOGO DPSA Indice Pagina 1. Scopo 2 2. Campo di Applicazione 2 3. Destinatari

Dettagli

F.C.S.A. VADEMECUM F.C.S.A. FEDER-A.I.P.A. FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE PAZIENTI ANTICOAGULATI

F.C.S.A. VADEMECUM F.C.S.A. FEDER-A.I.P.A. FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE PAZIENTI ANTICOAGULATI F.C.S.A. FEDER-A.I.P.A. FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE PAZIENTI ANTICOAGULATI F.C.S.A. FEDERAZIONE CENTRI SORVEGLIANZA ANTICOAGULATI VADEMECUM PER IL PAZIENTE IN TRATTAMENTO CON ANTICOAGULANTI

Dettagli

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese.

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. Dr. Gianluigi Devoto Direttore Laboratorio Analisi ASL 4 Chiavarese Introduzione Con l introduzione nella pratica

Dettagli

GESTIONE EVENTI AVVERSI NELLA RACCOLTA DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE

GESTIONE EVENTI AVVERSI NELLA RACCOLTA DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE GESTIONE EVENTI AVVERSI NELLA RACCOLTA DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE DIAGNOSTICO E MEDICINA REDAZIONE,,VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE Claudia Ferocino TSLB; Dott.ssa Francesca Tanzi Responsabile Accreditamento Servizio Immunoematologia e Dott.ssa

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

TROMBOFILIA definizione

TROMBOFILIA definizione 17 novembre 2012 1 TROMBOFILIA definizione 2 i difetti trombofilici non sono malattie 3 TROMBOFILIA 4 TROMBOFILIA EREDITARIA 5 TROMBOFILIA ACQUISITA 6 Negli ultimi anni si è osservata una maggior sensibilità

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo Opera di San Pio da Pietrelcina PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE a cura di: Servizio Trasfusionale e di Immunoematologia Tel.:

Dettagli