THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES"

Transcript

1 THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano Fabiana Screpante 1

2 INDICE Introduzione Nesso di causalità Direzioni di causalità Canali di trasmissione Metodologia Critiche al modello Shock asimmetrici Balance sheet effect Crisi valutarie Quando la crisi bancaria ha effetti peggiori Paesi emergenti vs Paesi sviluppati Altri indicatori Interventi sul canale del credito Conclusioni 2

3 Le crisi bancarie hanno un impatto negativo sul PIL 1) Crisi bancarie ed economiche si verificano spesso nello stesso momento, ma qual è il nesso di causalità? 2) Se le crisi bancarie influenzano l attività economica, in quali circostanze provocano effetti peggiori? Secondo alcuni autori la perdita in termini di output è superiore ai dieci punti percentuali del PIL, secondo altri è nell ordine del 2%. Ciò è dovuto a problemi di misurazione e all endogenità esistente tra crisi bancaria e contrazione del reddito. Per questo è necessario isolare gli episodi di crisi bancarie da altri fattori. 3

4 Misurazioni effettuate da Reinhart e Rogoff sulla durata e le perdite a seguito delle crisi bancarie stimano: Diminuzione dei prezzi delle abitazioni per 6 anni del 35% Diminuzione dei prezzi azionari per 3 anni del 56% Aumento del debito pubblico per 3 anni Aumento della disoccupazione per 4 anni del 7% Ma chi sopporta gli effetti di una crisi bancaria? Stakeholder della banca: azionisti depositanti debitori e creditori Contribuenti 4

5 1. CRISI BANCARIE ED ECONOMICHE SI VERIFICANO SPESSO NELLO STESSO MOMENTO. La letteratura economica, basata su studi empirici, mostra che il credito al settore privato e la produzione aggregata, nei fatti, diminuiscono durante le crisi bancarie. MA QUAL E IL NESSO DI CAUSALITA? Nel legame tra turbolenze nel settore bancario e domanda aggregata esiste un fondamentale problema di identificazione: direzione di causalità meccanismi di propagazione 5

6 Da un lato è possibile che il rallentamento dell attività economica sia indotto dalla crisi bancaria tout court, attraverso una riduzione dell offerta di credito. Dall altro lato, si può anche ipotizzare che il meccanismo causale sia esattamente l inverso, ovvero che sia la riduzione della domanda aggregata a tradursi in una minore domanda di credito. Occorre tuttavia precisare che le crisi bancarie possono esercitare effetti negativi sull attività economica anche attraverso canali diversi dal credito: paralisi del sistema dei pagamenti svalutazione del tasso di cambio. 6

7 IL PROBLEMA DELL'IDENTIFICAZIONE NON SI ESAURISCE NELL INDIVIDUAZIONE DI UNA DIREZIONE UNIVOCA DI CAUSALITÀ. L output e il credito bancario si riducono in corrispondenza di una crisi bancaria anche in assenza di un effetto causale diretto. Gli stessi shock negativi che generano problemi per le banche possono causare il declino della domanda aggregata, inducendo le imprese a ridurre investimenti e quindi la domanda di credito bancario. Questi shock possono aumentare l incertezza e indurre le stesse a rimandare le decisioni di investimento. Intrinseca prociclicità del sistema finanziario che amplifica le fluttuazioni dell attività economica. 7

8 Bank lending channel CANALI DI TRASMISSIONE Questo meccanismo è il canale di trasmissione delle crisi bancarie all economia più tradizionale, in quanto ha come origine la diminuzione delle passività delle banche cui sono connesse le corse agli sportelli. Bank capital channel La caratteristica del maturity mismatch fa sì che un aumento del tasso di interesse si traduca in una perdita per le banche e dunque in un deterioramento del capitale. La quantità di credito erogato deve, dunque, ridursi. Broad credit channel Riguarda gli effetti di shock negativi sulla posizione finanziaria netta dei prenditori di fondi; questi shock aumentano il costo del finanziamento esterno a causa del peggioramento della creditworthiness dei debitori, che comporta un aumento dei rischi di azzardo morale e dei costi di monitoraggio. Da ciò risulta una riduzione della domanda per investimenti da parte dei prenditori di fondi. 8

9 Volendo mostrare che il nesso di causalità ha origine dal settore bancario, per esaminare i suoi effetti sull economia reale, ci limitiamo a identificare gli effetti diretti dovuti al bank lending channel e al bank capital channel. L analisi empirica riguarda 41 paesi nel periodo che va dal 1980 al La metodologia di stima si collega alle verifiche empiriche sul canale creditizio à la Rajan e Zingales denominata difference in difference approach. Tipicamente, se esiste un effetto autonomo del deterioramento del settore bancario sull output, questo farà sì che nei periodi di stress finanziario i settori che dipendono più intensamente dai prestiti bancari mostrino una performance peggiore. 9

10 La dipendenza da fonti esterne può essere misurata in 3 modi: 1) Quota degli investimenti non finanziati da utili non distribuiti (autofinanziamento) 2) Dimensione media delle imprese 3) Apertura verso l estero, ipotizzando che le imprese che esportano maggiormente abbiano più possibilità di reperire fonti di finanziamento. 10

11 I risultati ottenuti mostrano che le crisi bancarie esercitano effetti reali mediante una contrazione nell offerta di credito. Organizzando il campione sulla base della distribuzione della dependance on external finance, emerge che, quando si verifica una crisi, i settori che dipendono maggiormente dal finanziamento esterno registrano una perdita nel tasso di crescita dell'output di oltre l'1% maggiore rispetto ai settori con vincoli di finanziamento inferiore. 11

12 METODOLOGIA Il metodo utilizzato per valutare l effetto di una crisi bancaria sull economia reale consiste nel costruire una regressione tra il livello di dipendenza finanziaria in relazione alla variabile crisi bancaria per determinare la variazione in termini di crescita del valore aggiunto dell impresa. La variabile Crisi Bancaria assume valore 1 nel primo anno di crisi e nei successivi due ipotizzando che gli effetti reali della crisi bancaria siano dissipati dopo 4 anni. 12

13 RISULTATO: Si ottiene è che il valore di α è negativo e significativo al livello 95% indicando che le imprese maggiormente dipendenti da fonti esterne subiscono una perdita maggiore in termini di crescita di valore aggiunto rispetto a quelle che sono meno finanziariamente dipendenti. 13

14 UNA MISURA ALTERNATIVA ALL INDICE DI RAJAN E ZINGALES: LA DIMENSIONE AZIENDALE Le piccole imprese tendono a fare più affidamento sul finanziamento bancario domestico piuttosto che le grandi imprese. Gli autori, non avendo a disposizione un campione di dati adeguato alla valutazione della dimensione, hanno costruito una variabile utilizzando il numero di dipendenti per impresa. Partendo dal presupposto che le imprese con un maggior numero di impiegati per stabilimento sono considerate grandi, esse saranno meno dipendenti dalle banche. I risultati indicano che i settori dominati dalle grandi imprese riescono a contenere meglio la contrazione della produzione. Diversamente dall indice à la Rajan Zingales, che è comune a tutti i paesi, questa misura alternativa permette di cogliere le differenze tra gli Stati. 14

15 CRITICHE AL NESSO DI CAUSALITA SHOCK ASIMMETRICI Tipicamente i settori che dipendono più massicciamente dal finanziamento bancario sono maggiormente rappresentati nel portafoglio delle banche rispetto agli altri. Uno shock asimmetrico che colpisce questi settori potrebbe, quindi, causare sia la crisi bancaria che il rallentamento della crescita. Dall analisi condotta, risulta che, a seguito di una crisi bancaria, settori industriali che rappresentano anche piccole quote del portafoglio bancario hanno avuto performance peggiori nei periodi di crisi. 15

16 CRITICHE AL NESSO DI CAUSALITA BALANCE SHEET EFFECT La critica deriva dal cosiddetto balance sheet effect : la crisi bancaria deriva dalla cattiva salute dei prenditori di fondi piuttosto che da problemi interni delle banche stesse. Recessione economica Valore delle garanzie Prestiti Per vedere se c è effettivamente un effetto legato alla recessione sulla variazione del valore aggiunto il metodo è quello di inserire una nuova variabile all interno del modello di regressione. Il coefficiente α diventa effettivamente più piccolo ma rimane significativo al livello 95%; β invece non è significativo. 16

17 CRITICHE AL NESSO DI CAUSALITA CRISI VALUTARIE Esistono molti episodi svalutazioni del tasso di cambio e crisi bancarie (Twin crises). Le imprese che possiedono molti debiti in valuta estera, a seguito di una svalutazione del cambio, subiscono un forte effetto di bilancio. I debiti esplodono e non riuscendo a ripagarli causano crisi bancarie. Il risultato è molto lontano dalle previsioni: α è sempre negativo e significativo mentre γ è addirittura positivo, tuttavia non è significativo. 17

18 2. DATO CHE LE CRISI BANCARIE INFLUENZANO L ATTIVITÀ ECONOMICA, IN QUALI CIRCOSTANZE PROVOCANO EFFETTI PEGGIORI? Sulla base di studi effettuati, si evidenzia come tra i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo non esistano significative differenze né nelle cause né negli effetti della crisi. Tuttavia, laddove i due sottogruppi di paesi vengono esaminati separatamente, emerge che le crisi bancarie esercitano effetti reali più profondi nelle economie emergenti: questo sulla base delle caratteristiche dell economia e sull importanza del settore bancario all interno di un paese. 18

19 Da un lato, si osserva che la ricaduta occupazionale è più mite, per effetto di maggiore flessibilità dei salari. Dall altro, la contrazione nel reddito risulta più severa, perché questi paesi sono più inclini a subire rapide variazioni nella disponibilità di fonti di finanziamento esterne. Un tessuto industriale che dipende dal finanziamento esterno risente di una crisi bancaria in misura più contenuta se può ricorrere all emissione di titoli, al mercato azionario o ai mercati dei capitali internazionali. La minore incidenza delle nazionalizzazioni di banche in difficoltà nei paesi sviluppati rispetto a quelli meno avanzati, risulta anch essa coerente con quest interpretazione. Nei paesi in via di sviluppo, la via per la sopravvivenza degli istituti bancari consiste, con maggiore frequenza, nell intervento pubblico di salvataggio diretto. 19

20 Scomponendo il coefficiente α, quello che risulta è che per i paesi avanzati tale parametro perde di significatività, mentre per i paesi in via di sviluppo questo è addirittura ancor più significativo di quello globale. Questo perché, nei paesi sviluppati, ad incidere sugli effetti reali, è la recessione piuttosto che la crisi bancaria stessa, mentre nei paesi in via di sviluppo, l incidenza della crisi bancaria è maggiore rispetto agli effetti del ciclo economico a causa della forte dipendenza dell economia dallo stato di salute delle banche. In termini di perdita di valore aggiunto, ciò si traduce in una riduzione di 1,5% tra industrie che dipendono maggiormente da fonti esterne e quelle che ricorrono più all autofinanziamento. 20

21 ALTRI INDICATORI COSTI FISCALI Essi però hanno principalmente un effetto redistributivo della ricchezza. INVESTIMENTI Si registra una crescita degli investimenti, nei settori che non ricorrono a fonti esterne, di 4 punti percentuali maggiore rispetto a quella nei settori dipendenti da fonti di finanziamento esterne. OCCUPAZIONE Si rileva un incremento della stessa più lento nei settori più dipendenti da finanziamenti esterni. Inoltre, l effetto è più pronunciato nei paesi in via di sviluppo. 21

22 CRESCITA DEL NUMERO DI AZIENDE Il vantaggio di considerare questo indicatore si lega alla sua minore sensibilità agli effetti di bilancio in quanto sulle nuove imprese non incidono le passività pregresse. Mentre nelle economie avanzate, questo indicatore non ha particolare significatività, gli effetti della crisi sulla crescita delle imprese sono evidenti nei paesi in via di sviluppo. Infatti, la nascita di nuove imprese in settori che dipendono strutturalmente da fonti esterne è minore dello 0.6% rispetto alla nascita nei settori che ricorrono in misura minore a finanziamenti bancari. 22

23 INTERVENTI SUL CANALE DEL CREDITO Si distinguono sei categorie di interventi: Garanzia dei depositanti (garanzie sia esplicite che implicite, cioè quando il sistema bancario è pubblico); Immissione di liquidità in via continuativa; Interventi di tolleranza di tipo A (quando le banche insolventi o illiquide vengono autorizzate a continuare la loro attività per almeno 12 mesi senza restrizione); Interventi di tolleranza di tipo B (tolleranza sussidiaria alla A in casi particolari); Ripetute ricapitalizzazioni; Iniziative per aziende o privati, prenditori di fondi, sponsorizzate dal governo. 23

24 CONCLUSIONI Nei settori più dipendenti da fonti di finanziamento esterne, il valore aggiunto, gli investimenti e il numero di imprese crescono meno rispetto agli altri settori. Le contrazioni del reddito sono particolarmente significative e raggiungono percentuali a due cifre del livello iniziale di PIL. Le perdite in termini di output, seppur sempre positive e significative, sono più contenute, collocandosi entro il 2%. La discrepanza tra queste due misure, rispettivamente di correlazione e di causalità, è attribuibile a un problema di endogeneità tra crisi bancaria e rallentamenti dell output. In un ottica di lungo periodo, è cruciale mitigare ex-ante la prociclicità del sistema finanziario. Infatti, i salvataggi possono determinare ex-ante incentivi perversi i quali possono essere solo parzialmente mitigati da regolazioni e supervisioni. 24

25 BIBLIOGRAFIA -Dell'Ariccia Giovanni, Detragiache Enrica, Rajan Raghuram, 2008, The real effect of banking crises, Journal of Financial Intermediation, 17(1): Carpinelli Luisa, 2009, Effetti reali delle crisi bancarie: una rassegna della letteratura, Occasional Paper n 55, Banca d'italia 25

26 GRAZIE PER L ATTENZIONE! 26

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie Le crisi bancarie 1 Effetti delle crisi bancarie Interruzione del funzionamento del sistema dei pagamenti; Contrazione del credito erogato al sistema produttivo; Crisi di fiducia dei depositanti; Brusca

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Riprendendo il discorso del credit channel, un discorso a parte viene fatto con

Dettagli

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Alessandro Brusadelli, Giacomo Andreoletti Introduzione Obiettivo: Dimostrare che contesti che implicano l uso di razionalità procedurale

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

Competizione interbancaria e rapporto banca-impresa durante la crisi finanziaria

Competizione interbancaria e rapporto banca-impresa durante la crisi finanziaria Competizione interbancaria e rapporto banca-impresa durante la crisi finanziaria Abstract Questo lavoro analizza empiricamente la relazione tra competizione interbancaria, orientamento bancario e disponibilità

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Nozioni preliminari: la Trappola della Liquidità 2. Un caso del recente passato: la Stagnazione

Dettagli

Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo

Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Conferenza Fedart Roma,1 dicembre 2014 Outline La spirale

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura.

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. La natura del c. ha diverse implicazioni. Due in particolare.

Dettagli

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Imprese femminili e credito Juri Marcucci Banca d Italia Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 I lavori Che Genere di impresa? Differenziali di performance

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller.

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Globalizzazione economica. Docente: Antonio Forte

Globalizzazione economica. Docente: Antonio Forte Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 1 Introduzione al corso Nozioni di base Struttura del corso Lezioni frontali: 36 ore Lavoro di gruppo: 4 ore Strumenti Testi: G. Ferri, V. D Apice,

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta Prof. Gianmaria Martini La domanda aggregata In un economia aperta la domanda

Dettagli

Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore

Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore di Franco Bassanini Prefazione al volume di Chiara Sumiraschi, Ripensare il finanziamento delle infrastrutture:

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Una missione del FMI si è recata in Italia dal 3 al 16 maggio 2012 per la valutazione annuale dello stato dell economia come parte delle

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e il debito estero

La bilancia dei pagamenti e il debito estero La bilancia dei pagamenti e il debito estero LA BILANCIA DEI PAGAMENTI La Bilancia dei Pagamenti è lo schema contabile che registra tutte le transazioni economiche effettuate dai residenti dell'economia

Dettagli

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico Dibattito politica fiscale nel medio/lungo periodo Gli effetti di una politica fiscale espansiva con aumento della spesa pubblica dipendono da

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Significato della bilancia dei pagamenti: registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo le entrate di moneta dall estero sono crediti le

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA STRUTTURA E GOVERNANCE DELLE BANCHE CENTRALI Osserviamo le due autorità più rilevanti: BCE e Federal Reserve (Fed). -La Banca Centrale Europea è inserita nel più

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

ASSIOM Forex. Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco

ASSIOM Forex. Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco ASSIOM Forex Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco Roma, 8 febbraio 2014 La ripresa, i rischi Dalla scorsa estate, all intensificarsi del rafforzamento congiunturale nelle economie

Dettagli

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011 Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane Confindustria, 1 Febbraio 2011 Temi trattati Presenza ed operatività del sistema bancario in Tunisia Struttura e profilo di rischio del sistema

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MARCO FANNO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE TESI DI LAUREA CREDIT CRUNCH E CREDIT RATIONING

Dettagli

Comunicato stampa Informazioni: +41 61 280 8188 press@bis.org www.bis.org

Comunicato stampa Informazioni: +41 61 280 8188 press@bis.org www.bis.org Comunicato stampa Informazioni: +41 61 280 8188 press@bis.org www.bis.org 10 dicembre 2012 Rassegna trimestrale BRI: le misure di policy e il calo dei rischi a breve trainano i mercati Nei tre mesi fino

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

"The U.S. Current Account and the Dollar"

The U.S. Current Account and the Dollar "The U.S. Current Account and the Dollar" Olivier Blanchard, Francesco Giavazzi, Filipa Sa discussione da parte di Giorgio Basevi, Napoli, 24 giugno 2005 June 25, 2005 1 Introduzione Dividerò la mia discussione

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Basilea II, PMI e società cooperative

Basilea II, PMI e società cooperative Basilea II, PMI e società cooperative Massimiliano Marzo Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Forlì Università di Bologna Johns Hopkins Univ., SAIS-BC Barbara Luppi Dipartimento di Scienze

Dettagli

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale - Valore: Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti Esame preliminare

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Le politiche del lavoro e la valutazione del loro impatto

Le politiche del lavoro e la valutazione del loro impatto Le politiche del lavoro e la valutazione del loro impatto Classificazione delle politiche L analisi economica delle politiche del lavoro La valutazione dell efficacia delle politiche del lavoro: Metodologie

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 2 Il prodotto nazionale e la spesa aggregata Obbiettivo della macroeconomia Uno degli obbiettivi più importanti della macroeconomia è quello di spiegare come si determina il PIL e quali sono le cause

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI

LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI 0 In questo capitolo imparerete Le questioni della macroeconomia Gli strumenti della macroeconomia I concetti dell analisi macroeconomica Le domande della macroeconomia

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Gregorio De Felice Chief economist Milano, 25 settembre 2014 Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

PMI, finanza e assicurazione Indice

PMI, finanza e assicurazione Indice . PMI, finanza e assicurazione Indice Indagine internazionale AXA IPSOS 2013 su PMI e autonomi Focus Italia Una luce in fondo al tunnel ma persistono alcuni ostacoli alla crescita Stretta del credito:

Dettagli

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento 1. REGOLAMENTAZIONE, STABILITA E CRESCITA: QUALI PRIORITA? 2. QUALI VINCOLI «ESTERNI» ALL ATTIVITÀ DI EROGAZIONE

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali

La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Giorgio Gobbi - Banca d'italia 25 settembre 2014 La

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal

Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal Francesco Confuorti 1. La disponibilità di capital, il funding e la regolamentazione saranno allo stesso tempo i drivers ed i vincoli alla

Dettagli