Coordinamento tra le Associazioni della disabilità, dei consumatori, delle imprese nel Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coordinamento tra le Associazioni della disabilità, dei consumatori, delle imprese nel Veneto"

Transcript

1 piattaforma propositiva UNA POSSIBILE RIORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA PROTESICA I processi di acquisizione, gestione ed erogazione dell'assistenza protesica sono profondamente interrelati tra loro e con l'organizzazione dell'intero sistema socio-sanitario, per rispondere concretamente all obiettivo di rendere centrale la persona. Per una razionalizzazione efficace e che al contempo salvaguardi l'appropriatezza sono indispensabili una visione strategica complessiva, una collaborazione sinergica con tutti gli attori coinvolti, azioni di informazione/formazione e di monitoraggio. Le competenze e le esperienze maturate in Veneto e nelle altre Regioni possono costituire valide basi per avviare una fattiva collaborazione pubblico-privata con approccio socio-sanitario integrato di sostegno al progetto di autonomia della persona con disabilità. In tal senso, elementi chiave sono: centralità ed empowerment del cittadino-paziente, con il reale riconoscimento del suo diritto all'autonomia e alla libera scelta, alla riabilitazione, alla valorizzazione del potenziale produttivo e sociale residuo, (obiettivo di Efficacia-Appropriatezza), continuità della presa in carico del cittadino-paziente lungo tutto il percorso terapeutico-riabilitativo-assistenziale, a partire da una Valutazione Multidimensionale e fino alla definizione di un progetto di autonomia con le soluzioni assistive adeguate, tenendo conto dei costi sociali delle tecnologie assistive. (obiettivo di Efficienza- Razionalizzazione e di Efficacia-Appropriatezza), visione della spesa socio-sanitaria e in questo caso ortoprotesica - anche come investimento di politica economica chilometri zero del territorio (obiettivo di Efficienza- Razionalizzazione), qualificazione ed accreditamento ad hoc degli erogatori di prestazioni protesiche e ausili (obiettivo di Efficacia e di Efficienza), snellimento, informatizzazione e controllo delle procedure, (obiettivo di Efficienza- Razionalizzazione) che consenta anche minor margine di errore e maggiore appropriatezza. creazione di una rete formativa-informativa per i professionisti e gli operatori (obiettivo di Efficacia-Appropriatezza) APPROVVIGIONAMENTO E CATENA DEL VALORE: In merito alla funzione di approvvigionamento, sarebbe importante orientare maggiormente alla catena del valore i sistemi, superando approcci meramente volti al risparmio di breve termine. La domanda pubblica, infatti, potrebbe svolgere un ruolo determinante di gestione e stimolo del sistema di fornitura, soprattutto locale, con l utilizzo di modalità di acquisto innovative mirate a coniugare l'efficienza economica con l appropriatezza del prodotto-servizio. E necessario un approfondimento tra domanda pubblica e offerta privata su: Ampiezza della fornitura. Con i sistemi di acquisizione digitalizzata e la logistica

2 integrata non può essere ancora il principio delle economie di scala a guidare gli acquisti sanitari. L'appropriatezza può essere meglio garantita attraverso una risposta decentrata e in tempo reale. Il sistema attuale tende viceversa a favorire le grandi organizzazioni commerciali e un sistema di subfornitura, con minor controllo sulla qualità del prodotto servizio e sull'assistenza. Omogeneità delle forniture. Risulta opportuna una differenziazione dei lotti di prodotti omogenei che possono venire forniti direttamente dal produttore. Durata della fornitura. Maggiore è la durata, meno si stimola e consente l'innovazione tecnologica, la competitività del sistema e l'adeguatezza al mutevole contesto organizzativo e della domanda. Qualità della fornitura. E opportuno un processo di valutazione con preselezione sulle soglie minime di valore e feedback sulle successive acquisizioni. Adeguamento del capitolato alla norma tecnica o sua prevalenza in caso di richiesta difforme (es. spessore/tipologie materiali, ecc.). Principio di economicità secondo il Codice degli Appalti che possa essere subordinato a criteri da prevedere nel bando- ispirati a esigenze sociali, nonché alla tutela della salute e dell ambiente e alla promozione dello sviluppo sostenibile. Superamento l'aggiudicatario unico. Esso comporta il rischio di rendite di posizione che sul medio periodo diminuiscono l'economicità e bloccano la concorrenza. Il far emergere prezzi massimi di riferimento per la fornitura consentirebbe un certo grado di concorrenza sul mercato ma soprattutto la garanzia della gamma. AZIONI DI MONITORAGGIO Sul prodotto servizio. Il Veneto è caratterizzato dalla presenza di una rete specializzata di imprese dell ortoprotesica, nonché di aziende di produzione e distribuzione specializzata di ausili tecnici per disabili. Agisce però anche una concorrenza sleale, con fornitura di prodotti con modesti requisiti tecnico-qualitativi e relativa prestazionalità, che talora nemmeno rispettano i requisiti essenziali richiesti dalla norma. Sono pertanto necessarie azioni di monitoraggio, vigilanza e controllo. Questo non solo per quanto riguarda le procedure di acquisizione. Occorre effettuare la verifica qualitativa delle forniture e la rilevazione dell'efficacia dei dispositivi acquisiti. Si tratta infatti di garantire salute e sicurezza del cittadino-utente e nel contempo rispetto delle regole della concorrenza, prevedendo la partecipazione al monitoraggio dei diversi soggetti direttamente coinvolti. Una partecipazione attiva al monitoraggio potrà contribuire a contrastare ogni forma di abusivismo e di pratica illegale, ma anche ad attivare protocolli condivisi per rilevare la qualità percepita degli utenti rispetto al prodotto/servizio. Nell'ambito delle procedure pubbliche di acquisto. Si riscontrano sul territorio notevoli difformità di procedure amministrative tra ASL e ASL; nel processo di gara si evidenziano burocratizzazioni gravose ed onerose, un sistema di valutazione non sempre trasparente e ben scarso controllo sulla qualità del prodotto a fornitura in corso ed avvenuta.

3 Tutto ciò può essere superato, attraverso un monitoraggio della PA in collaborazione tra utenti, professionisti e operatori. Sui tempi di pagamento. In Italia e nel Veneto, i ritardati tempi di pagamento da parte della sanità pubblica costituiscono un'anomalia rispetto alla situazione europea. Questa criticità pesa fortemente sulla sostenibilità del sistema, sottraendo alle imprese private le risorse finanziarie per innovare, per offrire prodotti qualitativamente migliori, per competere sui mercati creando occupazione e nuovo valore nel territorio. Non si tratta solo di praticare una etica economica che l'attore pubblico in primis dovrebbe garantire e promuovere. Si tratta anche di una misura dell efficienza della PA stessa. Anche su questo fronte potrebbero avere impatto positivo azioni condivise di monitoraggio. AZIONI DI SPERIMENTAZIONE IN AMBITO REGIONALE Per garantire un servizio di assistenza protesica che risponda a criteri di qualità e sostenibilità economica e nel contempo punti a valorizzare il territorio ed il suo tessuto economico, è prospettabile un modello sperimentale di assistenza protesica a livello regionale basato su elementi fortemente caratterizzanti, puntando ad azioni di: - innovazione nell'erogazione del prodotto/servizio, - ottimizzazione e razionalizzazione, - semplificazione delle procedure, - coinvolgimento delle parti interessate. Valorizzazione e specializzazione della rete di imprese sul territorio Il concetto di specializzazione applicato alla rete delle imprese del settore si riferisce al riconoscimento della necessità di alcuni importanti requisiti: - presenza reale ed operativa sul territorio, con adeguata capacità di accoglienza e assistenza dell'utente; - adeguate competenze professionali applicate per la personalizzazione del prodotto e per l'informazione/formazione sul suo corretto funzionamento. Particolare attenzione occorrerà per la definizione dei requisiti di accreditamento delle aziende erogatrici dell'assistenza protesica, riconoscendo al contempo il valore dell esperienza e competenza delle imprese erogatrici dell assistenza protesica nel territorio regionale, attraverso un percorso semplificato di accreditamento istituzionale. Gli interventi di regolamentazione potranno essere finalizzati: - alla definizione di requisiti generali e specifici per l'accreditamento, per garantire qualità e sicurezza delle prestazioni erogate e il rispetto delle esigenze del paziente in termini di accessibilità, riservatezza e comfort ambientale; - alla definizione di elementi minimi di qualità dei prodotti erogati, specie quando prevista l'erogazione di servizi connessi (es.: formazione/informazione al paziente, manutenzione ed assistenza tecnica); - alla garanzia di presenza in ogni sede operativa accreditata, per le fasce orarie di apertura al pubblico, delle figure professionali abilitate per la progettazione e realizzazione del dispositivo su misura, nonché qualificate per la guida dei pazienti alla scelta e alla personalizzazione dell'ausilio. Libera scelta da parte dell'assistito e Repertorio degli ausili tecnici

4 La libera scelta, oltre ad essere un diritto, è anche come buon indicatore della qualità percepita dal paziente. Il principio di libera scelta dovrebbe garantire la possibilità di fornire, per uno stesso codice di dispositivo, prodotti di diverse marche e modelli, idonei a soddisfare le specifiche esigenze dell'assistito. Solo in presenza di una gamma di prodotti l'utilizzatore, adeguatamente assistito, potrà scegliere quello che meglio soddisfa le sue esigenze. Ai fini di una adeguata informazione comparativa sugli ausili, l'utilizzo del Repertorio degli ausili, potrà offrire guida alla scelta di prodotti attraverso: - fascicolo documentale di prodotto: documenti obbligatori (quali scheda dei requisiti essenziali, certificazione CE, manuale d'uso, etc) e altra documentazione qualificante (quali rapporti scientifici, referti di prove e test di laboratorio, etc.); - fascicolo documentale di servizio alla vendita. Tali documentazioni sono a disposizione nel Repertorio degli ausili già attivo su portale SIVA. In attività di sperimentazione, inoltre, il Repertorio potrà essere integrato per offrire documentazione su: - esperienze d'uso sul campo di prodotti: nell'ottica del monitoraggio della qualità percepita verranno raccolte anche valutazioni dell'utilizzatore; - evidenze teoriche, metodologiche, sperimentali su singoli prodotti o categorie di prodotti; - valutazioni di prestazionalità, di performance e di durabilità (coerenza con il ciclo di vita dichiarato) del prodotto. Definendo tempi e modalità implementazione e aggiornamento del Repertorio e di monitoraggio sui requisiti di prodotto, il Repertorio degli ausili potrà essere strumento di sistema in funzione di garanzia e trasparenza: solo i prodotti registrati sotto ciascuna tipologia inclusa nel nomenclatore potrà essere effettivamente erogato, impedendo l'accesso a dispositivi che non possiedono i requisiti funzionali prescritti. Appropriatezza, procedure e prezzi di fornitura degli ausili tecnici Per assicurare l'appropriatezza degli ausili di serie, vanno distinte le tipologie di: a) dispositivi specialistici, per cui è necessario un percorso di individuazione, adattamento e personalizzazione a cura di professionisti sanitari abilitati (tecnici ortopedici); b) dispositivi che possono essere erogati attraverso canali distribuitivi pertinenti, senza richiedere necessariamente il coinvolgimento di un professionista sanitario abilitato. Per gli ausili di cui alla lettera b), la determinazione del miglior prezzo di fornitura a parità di caratteristiche tecnico-qualitative degli ausili potrebbe portare ad un positivo superamento delle procedure di gara per l'aggiudicazione delle forniture. Le caratteristiche tecnico-qualitative dei dispositivi dovrebbero rispondere a criteri di qualità definiti e applicati nel Repertorio degli ausili; tutti gli operatori accreditati del territorio sarebbero abilitati alla fornitura, accettando il prezzo determinato; in tal modo sarebbe appieno garantita la libera scelta dell'utilizzatore. Per gli ausili di serie specialistici di cui alla lettera a), e con il supporto informativo del Repertorio, si dovrebbero determinare i prezzi di riferimento e rimborso per l'utente, che sarebbe abilitato ad una reale libera scelta, pagando l'eventuale differenza tra il prezzo dell'ausilio prescelto ed il prezzo di rimborso determinato. A titolo sperimentale, si potrà prevedere una fascia elenco di ausili ad impatto tecnologico ed economico rilevante. per i quali procedere ad una valutazione scientifica dell'incidenza dei costi sociali diretti e succedanei nelle ipotesi di utilizzo o di non utilizzo dell'ausilio da parte dell'utente.

5 Snellimento, informatizzazione procedure in ottica km zero Il coniugare correttamente gli obiettivi di efficienza e razionalizzazione può consentire anche maggiore appropriatezza e snellimento delle procedure, con la garanzia di un più facile accesso al prodotto-servizio nel caso di accertata appropriatezza. A tal fine potrebbe essere applicato a titolo sperimentale in determinate aree un modello procedurale semplificato che consenta ad esempio l autorizzazione all erogazione dell ausilio rilasciata direttamente dal proscrittore abilitato (cfr. Regione Lombardia). Inoltre risulterebbe un investimento di politica economica verso il sistema del territorio lo sviluppo di un sistema web finalizzato a snellire le pratiche di richiesta nuovi ausili; esso sarebbe fruibile dalle persone con disabilità della regione bisognose di ausili protesici, in possesso di requisiti prefissati. Incentivi all innovazione in logica living lab I Living Lab possono essere considerati veri e propri percorsi di open innovation, con una forte caratterizzazione di partecipazione di cittadini e di imprese, specie le piccole-medie imprese, e della pubblica amministrazione; l'unione europea ne ha ha promosso lo sviluppo ed ha favorito la creazione di un "network" di Living Lab per lo scambio delle esperienze. Attraverso metodi di ricerca sul campo che hanno al centro l utilizzatore, si studiano e si sviluppano prototipi nel mondo reale e si valutano diverse soluzioni. Il settore dell ortoprotesica nel Veneto ben si presterebbe ad un percorso sperimentale in tal senso, per sviluppare un dialogo funzionale tra produttori, utilizzatori, pubblica amministrazione. In particolare, il confronto di approfondimento potrebbe svilupparsi sulle tematiche dell ergonomia e dell usability del dispositivo medico, con particolare riferimento alla caratterizzazione del prodotto nelle specializzazioni su base territoriale. Coerentemente a ciò, andrebbero previsti incentivi premiali per i prodotti che concorrono maggiormente al raggiungimento degli obiettivi in logica Living Lab. Appropriatezza, sistemi tariffari e prospettive di compartecipazione alla spesa Il costo della fornitura, che include costi di produzione, del servizio e/o degli atti professionali necessari e della distribuzione, non può prescindere da una valutazione qualità/prezzo. Nel recente documento di proposta delle Regioni per il Patto della salute , si prevede tra l altro che andrebbero previste forme specifiche di contribuzione in relazione all erogazione di protesi...con l intento di privilegiare interventi che garantiscono il doppio effetto, ovvero che all introito diretto assommino un effetto di contenimento della domanda, possibilmente quella impropria. Andrebbero selezionate le aree in cui la totale gratuità favorisce il consumo improprio. Per identificare nel caso tali aree effettuando le corrette rilevazioni e valutazioni, è indispensabile un azione sperimentale con il coinvolgimento diretto delle parti interessate. Tale azione andrebbe finalizzata a: - valutare e comparare costi diretti e indiretti nell'erogazione dell'assistenza protesica in determinate aree; - fornire correttamente agli utenti tutti gli elementi di informazione atti a garantire la libera scelta anche attraverso le valutazioni di compatibilità economica; - definire linee per un modello a regime per l'assistenza protesica in ambito regionale.

Maria Teresa Agati, presidente C.S.R.

Maria Teresa Agati, presidente C.S.R. Maria Teresa Agati, presidente C.S.R. 4/27/2015 1 Il C.S.R. ha lo scopo statutario di studiare i sistemi istituzionali di erogazione di ausili, destinati a facilitare l assistenza domiciliare, aumentare

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

CARTA DEI SERVIZI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CARTA DEI SERVIZI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Approvata dalla Sede Operativa sita in Latina via Mario Siciliano n.1 in data 26 giugno 2009 Uffici S.O.: presso I.P.A.A.S. San Benedetto - Latina, via

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014 CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali Milano, 13 Novembre 2014 Gentilissimi tutti e Gentilissimo Dott. Lamborghini, mi spiace molto non

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE

IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE di REGIONE LOMBARDIA BOZZA documento da sottoporre all Assemblea dei Sindaci Ambito Valle Brembana per l inoltro in Regione Lombardia Regione Lombardia imposta tutta la sua

Dettagli

Revisione del D.M.332/99, Regolamento per l assistenza protesica.

Revisione del D.M.332/99, Regolamento per l assistenza protesica. Roma, 02 ottobre 2014 Senato della Repubblica XII Commissione: Igiene e sanità "Indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale, con particolare riferimento alla garanzia dei

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali 18-19 lezione - 3 novembre 2011 La Guida ai Servizi realizzata da molte Pubbliche Amministrazioni rappresenta uno degli strumenti cartacei più tradizionali

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Comune di Vigevano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 266 del 6 dicembre 2012 Indice: Premessa....3 1. Trasparenza, integrità

Dettagli

La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi.

La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi. La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi. Il concetto di qualità in sanità è stato introdotto in Italia con il D. Lgs. 502 del 30 dicembre 1992, Riordino della

Dettagli

http://amicoweb.iss.it/

http://amicoweb.iss.it/ Istituto Superiore di Sanità http://amicoweb.iss.it/ Direttiva del Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione per la riduzione dei siti web delle pubbliche amministrazioni e per il miglioramento

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi

Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi Dott.ssa Maria Pia Giovannini Responsabile dell Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse umane e finanziarie e

Dettagli

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende Software Servizi Progetti per la Pubblica Amministrazione e le Aziende SOLUZIONI AD ELEVATO VALORE AGGIUNTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LE AZIENDE Maggioli Informatica unitamente ai suoi marchi Cedaf,

Dettagli

collaborativo. Quando parlo di processo collaborativo faccio riferimento a un sistema di confronto e dialogo molto forte con il sistema regionale,

collaborativo. Quando parlo di processo collaborativo faccio riferimento a un sistema di confronto e dialogo molto forte con il sistema regionale, Lorenzo Broccoli Vista l ora, non voglio fare come Maramaldo e uccidere un uomo morto, quindi teniamo sullo schermo la slide numero 1 con il titolo, così ogni tanto destandovi vedrete di cosa sto parlando.

Dettagli

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) - assistenza in materia di protesi ed ausili.

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) - assistenza in materia di protesi ed ausili. Milano, 02-03-2015 Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) - assistenza in materia di protesi ed ausili. Osservazioni L analisi dei documenti relativi alla revisione, appena presentata dal

Dettagli

ESPERIENZE A CONFRONTO: ASL DI MANTOVA

ESPERIENZE A CONFRONTO: ASL DI MANTOVA LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ESPERIENZE A CONFRONTO: ASL DI MANTOVA A cura di Germana Tommasini Direttore Sociale Azienda Sanitaria Locale

Dettagli

LINEE GUIDA DI ACCREDITAMENTO PER LO SVILUPPO DELLA MEDICINA DI LABORATORIO

LINEE GUIDA DI ACCREDITAMENTO PER LO SVILUPPO DELLA MEDICINA DI LABORATORIO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 524 del 15 aprile 2014 pag. 1/9 AREA SANITA E SOCIALE Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria LINEE GUIDA DI ACCREDITAMENTO PER LO SVILUPPO DELLA

Dettagli

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE Anna Allodi Rappresentante pro tempore del Cluster Alisei e Direttore Generale CIRM Le Scienze della vita (1/2) Il settore "Scienze

Dettagli

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA Linee guida per LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA 1. Quadro normativo di riferimento Le azioni previste dalle presenti linee guida

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

Dalla Conferenza, gli elementi essenziali di una proposta condivisa.

Dalla Conferenza, gli elementi essenziali di una proposta condivisa. Dalla Conferenza, gli elementi essenziali di una proposta condivisa. La conferenza, promossa dalla Commissione Diritti Umani del Senato e dal C.S.R., Centro studi e ricerche per gli ausili per persone

Dettagli

PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASLSanluri 1 Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità Indice pag. 2 Premessa pag. 3 Funzioni dell amministrazione pag. 3 Mission Aziendale

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338 16056 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338 Atto di indirizzo e nomina Commissione di studio per la elaborazione di un progetto di legge regionale di riordino della normativa in

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

*********************************************************************** REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE

*********************************************************************** REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE *********************************************************************** CITTA' DI AOSTA VILLE D'AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE REPUBBLICA ITALIANA REPUBLIQUE ITALIENNE

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA A S S E S S O R A T O A L L E P O L I T I C H E S O C I A L I E A L L O S P O R T DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE E DELL ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI EROGATORI

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

2. Il contesto regionale: lo sviluppo degli sportelli sociali dalla sperimentazione alle linee guide attuative del PSSR 2008-2010

2. Il contesto regionale: lo sviluppo degli sportelli sociali dalla sperimentazione alle linee guide attuative del PSSR 2008-2010 "L'accesso sociale: il nuovo sportello sociale" La sperimentazione della Regione Emilia-Romagna e l esperienza della Provincia di Bologna Maura Forni - Regione Emilia-Romagna Servizio Politiche familiari,

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con delibera di G.P. n. 252 del 21/12/2010 1 INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art. 2 - Istituzione dell Albo

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010. Roma, 25 gennaio 2011

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010. Roma, 25 gennaio 2011 Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010 Roma, 25 gennaio 2011 Indice 1. Il nuovo CAD da oggi in vigore 2. Principi ispiratori 3. L e Gov diventa un diritto 4. Nuovi

Dettagli

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è STARE PIU VICINI AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE MIGLIORARE L EFFICIENZA DEI SERVIZI RIDURRE I COSTI PROCESSO CRITICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE E LINEE DI INDIRIZZO STRATEGICO DEL CIV 1)

Dettagli

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

FSEr: il percorso della Regione del Veneto

FSEr: il percorso della Regione del Veneto FSEr: il percorso della Regione del Veneto D R. S S A N A D I A R A C C A N E L L O S E Z I O N E C O N T R O L L I G O V E R N O E P E R S O N A L E S S R S E T T O R E S I S T E M A I N F O R M A T I

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

Centralizzazione degli acquisti: l impatto sul settore Service per Tessuto Non Tessuto sterile per sala operatoria.

Centralizzazione degli acquisti: l impatto sul settore Service per Tessuto Non Tessuto sterile per sala operatoria. Associazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature medicali, servizi e telemedicina La posizione associativa in tema di Centralizzazione degli acquisti: l impatto sul settore

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

STUDIO SULLE DINAMICHE DI SPESA DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DEL LAZIO

STUDIO SULLE DINAMICHE DI SPESA DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DEL LAZIO 0 STUDIO SULLE DINAMICHE DI SPESA DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DEL LAZIO SINTESI RAPPORTO UNINDUSTRIA-DELOITTE A fronte della grave e perdurante situazione finanziaria della sanità del Lazio, Unindustria

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Forum Green City Energy MED Bari, 12-13 novembre 2012

Forum Green City Energy MED Bari, 12-13 novembre 2012 Forum Green City Energy MED Bari, 12-13 novembre 2012 Il sistema digitale regionale al servizio delle comunità interconnesse: Edoc@work3.0 e Prisma due possibilità di azione. Sabrina Sansonetti Presidente

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Premessa: Considerato che: 1. le attuali funzionalità e requisiti connessi alle piattaforme web della Pubblica

Dettagli

Allegato A 1. Finalità e oggetto dell azione Generazione Web Lombardia

Allegato A 1. Finalità e oggetto dell azione Generazione Web Lombardia Allegato A AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA PER L ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA)

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) Milano, 12-02-2015 Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) Analisi dei documenti di presentazione e della bozza di DPCM; osservazioni e posizione del C.S.R. I testi pubblicati in questi

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO V Linee guida per progetti di sperimentazione inerenti Modalità organizzative per

Dettagli

Modelli di gestione. Confederazione Generale Italiana del Lavoro. 3 Sessione. Comunicazione di: Daniela Cappelli. Segreteria regionale Cgil Toscana

Modelli di gestione. Confederazione Generale Italiana del Lavoro. 3 Sessione. Comunicazione di: Daniela Cappelli. Segreteria regionale Cgil Toscana 3 Sessione Modelli di gestione Comunicazione di: Daniela Cappelli Segreteria regionale Cgil Toscana Anche la CGIL Regionale Toscana, in collegamento con la piattaforma della CGIL Nazionale Per il diritto

Dettagli

Comune di AVELLA. Relazione del 18 novembre 2010. Il Responsabile dell Area Amministrativa Dr Pellegrino Gaglione

Comune di AVELLA. Relazione del 18 novembre 2010. Il Responsabile dell Area Amministrativa Dr Pellegrino Gaglione Provincia di Avellino Relazione del 18 novembre 2010 Il Responsabile dell Area Amministrativa Dr Pellegrino Gaglione 1 1. Contesto normativo e strategico 2. La progettazione dell albo pretorio elettronico

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

LUCIANO SARTORI CONSULTING&MANAGEMENT SOCIETÀ DI CONSULENZA DIREZIONALE. www.lscm.it ALLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE

LUCIANO SARTORI CONSULTING&MANAGEMENT SOCIETÀ DI CONSULENZA DIREZIONALE. www.lscm.it ALLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE LUCIANO SARTORI CONSULTING&MANAGEMENT COMPANY PROFILE SOCIETÀ DI CONSULENZA DIREZIONALE ALLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE Canaletto - Il Canal Grande visto da Palazzo Balbi (Ca Rezzonico - Venezia)

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

Città di Fabriano. Aggiornamento Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità - PTTI 2015 2017

Città di Fabriano. Aggiornamento Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità - PTTI 2015 2017 Città di Fabriano Aggiornamento Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità - PTTI 2015 2017 INDICE 1. Premessa 3 2. Stato di attuazione del Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 LA RETE TERRITORIALE DEI LABORATORI AZIENDALI PER GLI AUSILI DELLA REGIONE TOSCANA Marco Tagliaferri ISTITUZIONE, ATTIVAZIONE E SVILUPPO Settore Servizi alla Persona sul Territorio PSR 1999 2001 le aziende

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

10 novembre 2015. L equazione di Meridiano Sanità: Prevenzione + Innovazione = Valore. Comunicato Stampa

10 novembre 2015. L equazione di Meridiano Sanità: Prevenzione + Innovazione = Valore. Comunicato Stampa 10 novembre 2015 L equazione di Meridiano Sanità: Prevenzione + Innovazione = Valore Comunicato Stampa Roma (Palazzo Rospigliosi) 10 novembre 2015 - Oggi si è svolta la decima edizione del Forum Meridiano

Dettagli

Carta dei Servizi. FDE srl. Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde.

Carta dei Servizi. FDE srl. Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde. 2010 Carta dei Servizi FDE srl Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde.it CARTA DEI SERVIZI Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO:

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: CARTA DEI SERVIZI Azienda convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale 7 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: - invalidi civili, di guerra e per servizio

Dettagli

Governo dei progetti IT in una grande organizzazione

Governo dei progetti IT in una grande organizzazione Governo dei progetti IT in una grande organizzazione Alessandra Sbezzi Direttore Finanza Pubblica Roma 20 gennaio 2011 Alessandra Sbezzi Consip S.p.A. Dal 1998 in Consip o Direttore dei Sistemi Informativi

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Provincia di Mantova Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 INDICE Premessa 1. Rendicontazione dell attività prevista nel programma triennale della trasparenza e dell integrità

Dettagli

Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2015

Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2015 Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2015 La programmazione della comunicazione per il 2015, anche a seguito della Valutazione del Piano precedente,

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative Disegno di legge n. 41/9^ Norme per il sostegno delle persone non autosufficienti. Fondo per la non autosufficienza Proponente: Giunta regionale Depositato presso la Segreteria Assemblea del Consiglio

Dettagli

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia ing. Vito Bavaro email: v.bavaro@regione.puglia.it Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi Servizio Accreditamento

Dettagli

LA SPESA PUBBLICA E IL RUOLO DELLA CONSIP

LA SPESA PUBBLICA E IL RUOLO DELLA CONSIP LA SPESA PUBBLICA E IL RUOLO DELLA CONSIP Milano, 16 dicembre 2005 Rosario Calandruccio www.acquistinretepa.it La Consip e il Programma Consip è una S.p.A. totalmente partecipata e controllata dal Ministero

Dettagli

DIPARTIMENTO PROMOZIONE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA SALUTE. Direzione

DIPARTIMENTO PROMOZIONE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA SALUTE. Direzione DIPARTIMENTO PROMOZIONE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA SALUTE Direzione Schema di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Capitolina OGGETTO: Approvazione progetto di riorganizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L AGGIORNAMENTO DEL SITO WEB DELL AZIENDA ULSS 21 DI LEGNAGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L AGGIORNAMENTO DEL SITO WEB DELL AZIENDA ULSS 21 DI LEGNAGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L AGGIORNAMENTO DEL SITO WEB DELL AZIENDA ULSS 21 DI LEGNAGO Allegato A I N D I C E CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sito Internet dell Azienda Ulss 21: denominazione e gestione

Dettagli

permanenza dei siti web anche dopo la chiusura del progetto/iniziativa; riconoscibilità non immediata della natura, pubblica o privata, del sito web;

permanenza dei siti web anche dopo la chiusura del progetto/iniziativa; riconoscibilità non immediata della natura, pubblica o privata, del sito web; Presidenza del Consiglio dei Ministri DFP 0050123 P del 26/11/2009 UIII II~III I 4362491 DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Alle Amministrazioni pubbliche di cui all'art. 1, comma 2, del d.lgs. D. 165

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI PREMESSO che il D Lgs 502/1992 all art. 14 stabilisce il principio del costante adeguamento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO Lean Production Lean Thinking Volume sul Sistema Toyota Caccia e lotta agli sprechi KAIZEN LAB Accreditamento Fondi Interprofessionali Provider ECM Intesa Listino Corsi accreditati ECM FORMAZIONE ECM Corsi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014 Oggetto: Definizione degli ambiti prioritari di intervento ed attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema normativo e amministrativo regionale in favore del tessuto imprenditoriale sardo.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PALOMA 2000 Cooperativa sociale di assistenza a.r.l. Viale Tunisia, 10 20124 Milano tel. 02/29536073-4 fax. 02/29536075 www.paloma200.it - e-mail: info@paloma2000.it DOCUMENTO 04 CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA

Dettagli

Riprogettazione del sito web del Consiglio regionale dell Umbria.

Riprogettazione del sito web del Consiglio regionale dell Umbria. Riprogettazione del sito web del Consiglio regionale dell Umbria. La necessità di riprogettare il sito web del Consiglio regionale dell Umbria nasce dall ormai sempre più evidente inadeguatezza dell attuale

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

C A R T A d e i S E R V I Z I S A N I T A R I

C A R T A d e i S E R V I Z I S A N I T A R I C A R T A d e i S E R V I Z I S A N I T A R I CEMES srl Centro Medico Specialistico Contrà Porta Santa Croce, 45/49 Contrà Porta Santa Croce, 26/28 Tel. 0444 324967 Fax. 0444 528274 36100 Vicenza SOCIETÀ

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli