Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]"

Transcript

1 Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema da diversi punti di vista. Modalità 1) Realizziamo l'applicativo usando gli scriplet: Pagina index.jsp contenttype="text/html"%> pageencoding="utf-8"%> <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.01 Transitional//EN" " <html> <head> <meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=utf-8"> <title>jsp Page</title> </head> <body> <h3>calcolo del fattoriale</h3> <form name="provafrm" action="${request.requesturi"> Dammi un numero intero <input type="text" name="numbertxt" value=""/> <input type="submit" name="inviabtn" value="invia"/> </form> <% // se è stato premuto il pulsante if (request.getparameter("inviabtn")!=null) { // acquisisco il valore stringa della casella testuale String numberstr = request.getparameter("numbertxt"); try { // converto la stringa in un numero intero "grande" long number = Long.parseLong(numberStr); // cambio il segno se il numero è negativo if (number < 0) number = -number; // trovo il fattoriale col classico algoritmo iterativo long fatt = 1; for (int i = 1; i <= number; i++) fatt = fatt * i; fattoriale.pdf Pag. 1/12 Cozzetto

2 // visualizzo il risultato out.println("<br/><br/>il fattoriale di "+number+ " è "+fatt); catch(numberformatexception e) { out.println("<br/><br/>attenzione! Controlla il valore inserito"); catch(exception e) { out.println("<br/><br/>errore generico. Messaggio: "+e.getmessage()); // fine if %> </body> </html> Nel codice precedente, abbiamo anche gestito l'eccezione che si può verificare se l'utente immette una sequenza qualsiasi di caratteri invece che un numero intero (non possiamo infatti calcolare il fattoriale di una stringa). Questo approccio che consiste nell'inserire tutta la logica (la cosiddetta business logic) nella pagina web index.jsp non è consigliabile in quanto, se vogliamo riutilizzare l'algoritmo, siamo costretti a fare un copia-incolla del codice. Modalità 2) Decidiamo ora di inserire il codice in una classe java molto semplice, che possiamo riutilizzare tutte le volte che è necessario e in contesti differenti. Ad esempio, riutilizzando la classe, possiamo progettare un'applicazione GUI (lo sviluppo è lasciato come esercizio): fattoriale.pdf Pag. 2/12 Cozzetto

3 o un'applicazione console : La classe cioè può essere considerata un componente riutilizzabile. /* * Fattoriale.java * */ package fattpkg; /** * maurizio */ public class Fattoriale { private long number; /** Creates a new instance of Fattoriale */ public Fattoriale() { number=1; // getter public long getnumber() { return number; // setter public void setnumber(long number) { this.number = number; // metodo che restituisce il fattoriale di number public long getfattoriale() { // trovo il fattoriale col classico algoritmo iterativo long fatt = 1; fattoriale.pdf Pag. 3/12 Cozzetto

4 for (int i = 1; i <= number; i++) fatt = fatt * i; return fatt; // fine metodo getfattoriale // fine classe Fattoriale Questa volta l'algoritmo non si trova più nella pagina web ma è cablato nella classe Fattoriale. Quello che noi dobbiamo fare è utilizzare la classe, istanziando un oggetto di tipo Fattoriale. Pagina index2.jsp contenttype="text/html"%> pageencoding="utf-8"%> <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.01 Transitional//EN" " <html> <head> <meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=utf-8"> <title>jsp Page</title> </head> <body> <h3>calcolo del fattoriale</h3> <form name="provafrm" action="${request.requesturi"> Dammi un numero intero <input type="text" name="numbertxt" value=""/> <input type="submit" name="inviabtn" value="invia"/> </form> <% // se è stato premuto il pulsante if (request.getparameter("inviabtn")!=null) { // acquisisco il valore stringa della casella testuale String numberstr = request.getparameter("numbertxt"); try { // converto in un numero intero "grande" long number = Long.parseLong(numberStr); // cambio il segno se l'utente introduce un valore negativo if (number < 0) number = -number; // istanzio l'oggetto fatt che mi servirà per calcolare il fattoriale fattpkg.fattoriale fatt = new fattpkg.fattoriale(); // "settiamo" il valore su cui calcolare il fattoriale fattoriale.pdf Pag. 4/12 Cozzetto

5 // (è quello inserito nella casella testuale) fatt.setnumber(number); // visualizzo il risultato out.println("<br/><br/>il fattoriale di "+number+ " è "+fatt.getfattoriale()); catch (NumberFormatException e) { out.println("<br/><br/>errore! Ricontrolla i dati inseriti."); catch (Exception e) { out.println("<br/><br/>errore generico. Messaggio: "+e.getmessage()); // fine if %> </body> </html> Il vantaggio di questo approccio è quello di svincolare la logica dalla parte di presentazione affidata alla pagina jsp. Modalità 3) Non vi sono sostanziali differenze rispetto all'approccio precedente. Utilizziamo l'azione standard <jsp:usebean> che equivale a istanziare un oggetto. Impostiamo successivamente la proprietà (variabile attributo) number al valore inserito nella casella testuale (dato di input). Pagina index3.jsp contenttype="text/html"%> pageencoding="utf-8"%> <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.01 Transitional//EN" " <html> <head> <meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=utf-8"> <title>jsp Page</title> </head> <body> <h3>calcolo del fattoriale</h3> <form name="provafrm" action="${request.requesturi"> Dammi un numero intero <input type="text" name="numbertxt" value=""/> <input type="submit" name="inviabtn" value="invia"/> </form> fattoriale.pdf Pag. 5/12 Cozzetto

6 <% // se è stato premuto il pulsante if (request.getparameter("inviabtn")!=null) { // acquisisco il valore stringa della casella testuale String numberstr = request.getparameter("numbertxt"); try { // converto la stringa in un numero intero long number = Long.parseLong(numberStr); %> %>" /> // cambio il segno se l'utente introduce un valore negativo if (number < 0) number = -number; <jsp:usebean id="fatt" class="fattpkg.fattoriale"/> <jsp:setproperty name="fatt" property="number" value="<%=number <% // visualizzo il risultato out.println("<br/><br/>il fattoriale di "+number+ " è "+fatt.getfattoriale()); catch (NumberFormatException e) { out.println("<br/><br/>errore! Ricontrolla i dati inseriti."); catch (Exception e) { out.println("<br/><br/>errore generico. Messaggio: "+e.getmessage()); // fine if %> </body> </html> Lo svantaggio di questo approccio è che mescolando HTML e scriplet rendiamo poco leggibile e mantenibile nel tempo il codice (lo stesso problema affligge anche Php) Modalità 4) Questa volta invece di alternare codice java (scriplet) e codice HTML (testo template) nella pagina web, decidiamo di usare le azioni disponibili nel framework JSTL (JavaServer Pages Standard Tag Library). Ricordiamoci di inserire nel progetto tali librerie (tasto destro del mouse su nome del progetto > Properties > Libraries > Compile > Add Libraries > JSTL 1.1). Pagina index4.jsp contenttype="text/html"%> pageencoding="utf-8"%> uri=" prefix="c"%> fattoriale.pdf Pag. 6/12 Cozzetto

7 <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.01 Transitional//EN" " <html> <head> <meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=utf-8"> <title>jsp Page</title> </head> <body> <h3>calcolo del fattoriale</h3> <form name="provafrm" action="${request.requesturi"> Dammi un numero intero <input type="text" name="numbertxt" value=""/> <input type="submit" name="inviabtn" value="invia"/> </form> <c:if test="${!empty param.inviabtn"> <c:set var="number" value="${param.numbertxt"/> <c:catch var="e"> <c:if test="${empty number"> <c:set var="number" value="1"/> </c:if> <c:if test="${number<0"> <c:set var="number" value="${-number"/> </c:if> <jsp:usebean id="fatt" class="fattpkg.fattoriale"/> <jsp:setproperty name="fatt" property="number" value="${number" /> <br/><br/>il fattoriale di ${number è <c:out value="${fatt.fattoriale"/> </c:catch> <c:if test="${!empty e"> <br/><br/>errore: ricontrolla i dati inseriti </c:if> </c:if> </body> </html> fattoriale.pdf Pag. 7/12 Cozzetto

8 Modalità 5) In quest'ultimo esempio, introduciamo la nuova classe StringValidation.java. Essa conterrà una serie di metodi statici che ci consentiranno ad esempio di validare un numero intero (come nel nostro caso), indirizzi di posta elettronica, codici di avviamento postale, ssn (social security number) ecc mediante l'utilizzo delle cosiddette regular expression (espressioni regolari). /* * StringValidation.java */ package fattorialepkg; import java.util.regex.matcher; import java.util.regex.pattern; /** maurizio */ public class StringValidation { /** Creates a new instance of StringValidation */ public StringValidation() { public static boolean isnumeric(string number){ boolean isvalid = false; // denota una sequenza di caratteri String expression = "[0-9]*"; CharSequence inputstr = number; // una breve e utile guida sulle espressioni regolari si trova all'indirizzo // Pattern pattern = Pattern.compile(expression); Matcher matcher = pattern.matcher(inputstr); if(matcher.matches()){ isvalid = true; return isvalid; // fine metodo isnumeric // altri metodi di validazione // fine classe StringValidation fattoriale.pdf Pag. 8/12 Cozzetto

9 Riscriviamo inoltre la classe Fattoriale introducendo alcune modifiche dettate da motivi di opportunità (sostanzialmente cambiamo il tipo della variabile attributo da long a String) e scegliamo un valore minimo e un valore massimo per il calcolo del fattoriale. Per distinguere questa nuova classe dalla precedente, la inseriamo in un altro package e le assegnamo il nuovo nome FattorialeBean. /* * FattorialeBean.java * * Created on 31 gennaio 2008, 4.34 * * */ package fattorialepkg; import java.util.regex.matcher; import java.util.regex.pattern; /** * maurizio */ public class FattorialeBean implements java.io.serializable { private String number; private final static int MIN=0; private final static int MAX=20; /** Creates a new instance of FattorialeBean */ public FattorialeBean() { number="1"; // setter di number public void setnumber(string number) { this.number=number; // getter di number public String getnumber() { return number; // metodo per il calcolo del fattoriale public long getfattoriale() { long f=1; for (int i=1; i<=long.parselong(number); i++) f=f*i; return f; fattoriale.pdf Pag. 9/12 Cozzetto

10 // metodo per controllare la validità di un numero intero public boolean isvalidnumber() { boolean isvalid=false; if (StringValidation.isNumeric(number) && Long.parseLong(number)>=MIN && Long.parseLong(number)<=MAX) isvalid=true; return isvalid; // fine metodo isvalidnumber // fine classe FattorialeBean File index5.jsp contenttype="text/html"%> pageencoding="utf-8"%> uri=" prefix="c"%> <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.01 Transitional//EN" " <html> <head> <meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=utf-8"> <title>calcolo del fattoriale di un numero</title> </head> <body> <h3>calcolo del fattoriale mediante javabean</h3> <form name="provafrm" action="${request.requesturi" method="post"> Introduci un valore intero <input type="text" name="number" value="$ {fatt.number" /> <input type="submit" name="submit" value="invia" /> </form> <c:if test="${!empty param.submit"> <jsp:usebean id="fatt" class="fattorialepkg.fattorialebean"/> <jsp:setproperty name="fatt" property="*"/> <c:choose> <c:when test="${fatt.validnumber"> <br/>il fattoriale è ${fatt.fattoriale </c:when> <c:otherwise> <br/>attenzione! Ricontrolla il valore inserito. Deve essere compreso tra 1 e 20. </c:otherwise> </c:choose> </c:if> </body> </html> fattoriale.pdf Pag. 10/12 Cozzetto

11 Proviamo a introdurre un valore non previsto dal sistema fattoriale.pdf Pag. 11/12 Cozzetto

12 Il valore 21 non è infatti consentito e appare quindi un messaggio di avviso. Anche l'inserimento di un valore negativo o di una stringa, produce lo stesso effetto. fattoriale.pdf Pag. 12/12 Cozzetto

Laboratorio di sistemi Prima Web Application JSP [Java]

Laboratorio di sistemi Prima Web Application JSP [Java] Vogliamo scrivere la nostra prima web application che legga da tastiera il nostro nome e fornisca un messaggio di saluto. Per costruire la nostra applicazione creiamo con NetBeans un nuovo progetto. File

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Autenticazione utente mediante MySQL Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Autenticazione utente mediante MySQL Jsp [Java] Per la comprensione del presente articolo, occorre aver assimilato i concetti esposti nell'articolo Prototipo autenticazione utente (file autenticazione_2.pdf). (Tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera)

Dettagli

Laboratorio di sistemi MVC versione 2 Jsp (NetBeans)

Laboratorio di sistemi MVC versione 2 Jsp (NetBeans) Definizione Adattato da "http://it.wikipedia.org/wiki/model-view-controller" Model-View-Controller (MVC, talvolta tradotto in italiano Modello-Vista-Controllore) è il nome di un design pattern fondamentale

Dettagli

1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet

1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet 1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet Controllo dell utente connesso al sito tramite JSP, Java Beans e Servlet. Ciò che ci proponiamo di fare è l accesso

Dettagli

Laboratorio di sistemi SELECT e checkbox Jsp [Java]

Laboratorio di sistemi SELECT e checkbox Jsp [Java] Fig. 1 - Vogliamo visualizzare book_id, autore e titolo dalla tabella books del database shop Fig. 2 - Tabella books select_checkbox.pdf Pag. 1/5 Cozzetto Fig. 3 - Abbiamo due record in output File index_1.jsp

Dettagli

Trasformare una Java (Console) Application in una Web Application (con utilizzo di un database MySQL)

Trasformare una Java (Console) Application in una Web Application (con utilizzo di un database MySQL) Pag. 1/12 Trasformare una Java (Console) Application in una Web Application (con utilizzo di un database MySQL) Prendiamo in esame un qualsiasi progetto NetBeans tra quelli studiati che fa uso di un database

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fondamenti di JSTL (parte 1) Java (JSTL)

Laboratorio di Sistemi Fondamenti di JSTL (parte 1) Java (JSTL) Adattamento da Wikipedia XML L'XML, acronimo di extensible Markup Language, ovvero Linguaggio di marcatura estensibile è un metalinguaggio creato e gestito dal World Wide Web Consortium (W3C). È una semplificazione

Dettagli

Laboratorio di sistemi Web Application in Php5 Php

Laboratorio di sistemi Web Application in Php5 Php Applicazioni web con Xampp, Php5 e NetBeans 6.5 (Windows) Vogliamo ora riscrivere a titolo di prova un'applicazione web precedentemente scritta in Java (si legga l'articolo all'indirizzo http://www.mauriziocozzetto.net/pdf/dao_mysql.pdf).

Dettagli

<html> <head> <meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=utf-8"> <title>jsp Page</title> </head> <body>

<html> <head> <meta http-equiv=content-type content=text/html; charset=utf-8> <title>jsp Page</title> </head> <body> itext è una libreria (ottimizzata per l uso in java) per generare pdf al volo ideata da Bruno Lowagie e Paolo Soares. Per poter sviluppare un applicazione con NetBeans, dobbiamo intanto scaricare il file

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Autenticazione utente mediante MySQL Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Autenticazione utente mediante MySQL Jsp [Java] Per la comprensione del presente articolo, occorre aver assimilato i concetti esposti nell'articolo Prototipo autenticazione utente (file autenticazione_2.pdf). (Tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera)

Dettagli

Le JavaServer Pages - Lezione 7 I JavaBean

Le JavaServer Pages - Lezione 7 I JavaBean Le JavaServer Pages - Lezione 7 I JavaBean A cura di Giuseppe De Pietro (depietro_giuseppe@yahoo.it) Contenuti Nelle lezioni precedenti abbiamo visto gli elementi principali delle Java Server Pages, come

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Prototipo autenticazione utente Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Prototipo autenticazione utente Jsp [Java] Vogliamo realizzare un prototipo di applicativo web che consenta a un gruppo di utenti di autenticarsi. In prima istanza, carichiamo in memoria tutti gli utenti ammessi ad accedere al sistema, in seconda

Dettagli

Introduzione a JSP (Java Server Pages) MC 2005

Introduzione a JSP (Java Server Pages) MC 2005 Introduzione a JSP (Java Server Pages) MC 2005 Cosa è JSP JSP è una tecnologia per lo sviluppo di pagine web con contenuti dinamici Miglioramento rispetto alle CGI (modello multithread) Indipendenza dalla

Dettagli

PHP: Professional Hypertext Preprocessor

PHP: Professional Hypertext Preprocessor PHP: Professional Hypertext Preprocessor Corso di Base Lezione 4 Dal Form al PHP Docente Prof. Antonio Curci 1 Capitolo 4 Dal Form al PHP Una prima forma di interattività sul web è costituita dall uso

Dettagli

Applicazioni web. Sommario. Parte 7 Java Server Pages. Applicazioni web - JSP. Alberto Ferrari 1 JSP. JavaBeans JSTL. Architettura e sintassi di base

Applicazioni web. Sommario. Parte 7 Java Server Pages. Applicazioni web - JSP. Alberto Ferrari 1 JSP. JavaBeans JSTL. Architettura e sintassi di base Applicazioni web Parte 7 Java Server Pages Alberto Ferrari 1 Sommario JSP JavaBeans JSTL Architettura e sintassi di base Concetti fondamentali Beans in pagine JSP Linguaggio di espressione Azioni principali

Dettagli

1 http://desvino.altervista.org JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages

1 http://desvino.altervista.org JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages 1 http://desvino.altervista.org JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages Le JSP DynPages sono un utile strumento, fornito da SAP Netweaver, per una gestione più evoluta di event handling e session

Dettagli

Interazione con l utente : i moduli.

Interazione con l utente : i moduli. Interazione con l utente : i moduli. Nelle lezioni fin qui riportate, non abbiamo mai trattato l input di utente. Nelle applicazioni web, l input dell utente si acquisisce tramite i moduli (o FORM) HTML.

Dettagli

Marco Faella Il paradigma Model-View-Controller. Il pattern Strategy.

Marco Faella Il paradigma Model-View-Controller. Il pattern Strategy. Marco Faella Il paradigma Model-View-Controller. Il pattern Strategy. 10 Lezione n. Parole chiave: Java Corso di Laurea: Informatica Insegnamento: Linguaggi di Programmazione II Email Docente: faella.didattica@gmail.com

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7. JSP parte A

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7. JSP parte A Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7 JSP parte A Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e

Dettagli

1 Applicazione J2EE sul SAP WAS con SAP NWDS http://desvino.altervista.org

1 Applicazione J2EE sul SAP WAS con SAP NWDS http://desvino.altervista.org 1 Applicazione J2EE sul SAP WAS con SAP NWDS http://desvino.altervista.org Applicazione J2EE sul SAP WAS con SAP NWDS. Il SAP Web Application Server fornisce un framework integrato per lo sviluppo e l

Dettagli

Laboratorio di reti II: Java Server Pages

Laboratorio di reti II: Java Server Pages Laboratorio di reti II: Java Server Pages Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 6 aprile, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Java Server Pages 6 aprile, 2009 1 / 34 JSP - Java Server Pages Le

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Programmare in Php con NetBeans Php. Programmare in Php con Xampp e NetBeans IDE

Laboratorio di Sistemi Programmare in Php con NetBeans Php. Programmare in Php con Xampp e NetBeans IDE Programmare in Php con Xampp e NetBeans IDE NetBeans è un IDE ben noto ai programmatori Java. Con esso si possono infatti costruire applicazioni desktop professionali dotate di interfaccia grafica, applicazioni

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SUL SITO DELLA PALESTRA. Anno scolastico 2013-2014. Alunno: Davide martinicca. Pagina 1

RELAZIONE TECNICA SUL SITO DELLA PALESTRA. Anno scolastico 2013-2014. Alunno: Davide martinicca. Pagina 1 RELAZIONE TECNICA SUL SITO DELLA PALESTRA Anno scolastico 2013-2014 Alunno: Davide martinicca Pagina 1 INDICE: Pag. 2 Pag. 3 Traccia del programma Tabella delle variabili, Sorgente HTML Pag. 4, 5, 6 Sorgente

Dettagli

JUG Ancona Italy. JSP 2.0: Tag Library. Matteo Piccinini Web Developer

JUG Ancona Italy. JSP 2.0: Tag Library. Matteo Piccinini Web Developer JUG Ancona Italy JSP 2.0: Tag Library Matteo Piccinini Web Developer Servlet Codice Java che viene eseguito nel server per produrre un contenuto Logica applicativa del programmatore Gestione grafica passa

Dettagli

Introduzione al Model-View-Controller (MVC)

Introduzione al Model-View-Controller (MVC) Introduzione al Model-View-Controller (MVC) Maurizio Cozzetto 9 Luglio 2009 Indice 1 Model-View-Controller 1 1.1 Definizione.................................................. 1 1.2 Soluzione...................................................

Dettagli

Test di unità con JUnit4

Test di unità con JUnit4 Test di unità con JUnit4 Richiamo sul test di unità Il test d unità è una metodologia che permette di verificare il corretto funzionamento di singole unità di codice in determinate condizioni. Nel caso

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni La volta scorsa Abbiamo avuto un primo assaggio! Abbiamo visto come usare l editor per scrivere un programma Java. Abbiamo analizzato riga per

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi:

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi: JAVASCRIPT Introduzione Con l HTML siamo in grado di realizzare pagine web statiche. Con il linguaggio Javascript, invece, possiamo interagire modificando il contenuto della pagina. Il linguaggio javascript

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Esercitazione n 4. Obiettivi

Esercitazione n 4. Obiettivi Esercitazione n 4 Obiettivi Progettare e implementare per intero un componente software in Java Linguaggio Java: Classi astratte Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Polimorfismo Esempio guida:

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 3-04-2014 1 Reti per la distribuzione

Dettagli

Tipi fondamentali di documenti web

Tipi fondamentali di documenti web Tipi fondamentali di documenti web Statici. File associati al web server il cui contenuto non cambia. Tutte le richieste di accesso conducano alla visualizzazione della stessa informazione. Dinamici. Non

Dettagli

Corso su LINQ Lezione 16. Introduzione

Corso su LINQ Lezione 16. Introduzione LINQ to SQL Introduzione Con questa lezione introduciamo il flavor LINQ to SQL. Dopo aver visto quindi tutte le funzionalità e gli operatori di LINQ to Object, affronteremo ora la tematica riguardante

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Soluzione 1: controller per la pagina di dettaglio delle categorie

Soluzione 1: controller per la pagina di dettaglio delle categorie Soluzione 1: controller per la pagina di dettaglio delle categorie @WebServlet("/category") public class CategoryDetailsServlet extends HttpServlet { public void doget( HttpServletRequest request, HttpServletResponse

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_4 V1.7. JSP parte D

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_4 V1.7. JSP parte D Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B6_4 V1.7 JSP parte D Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e

Dettagli

PHP E MYSQL CREAZIONE DI UN NUOVO DATABASE DAL PHPMYADMIN

PHP E MYSQL CREAZIONE DI UN NUOVO DATABASE DAL PHPMYADMIN PHP E MYSQL CREAZIONE DI UN NUOVO DATABASE DAL PHPMYADMIN Il metodo migliore per creare nuovi DB è quello di usare l interfaccia del PHPMYADMIN (che viene installata automaticamente con il pacchetto easy

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

10.1. Un indirizzo IP viene rappresentato in Java come un'istanza della classe InetAddress.

10.1. Un indirizzo IP viene rappresentato in Java come un'istanza della classe InetAddress. ESERCIZIARIO Risposte ai quesiti: 10.1. Un indirizzo IP viene rappresentato in Java come un'istanza della classe InetAddress. 10.2. Un numero intero in Java è compreso nell'intervallo ( 2 31 ) e (2 31

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

PYTHON Inviare dati con i form A cura di Silvio Bonechi [sabandini_at_tiscali_dot_it] per http://www.pctrio.com

PYTHON Inviare dati con i form A cura di Silvio Bonechi [sabandini_at_tiscali_dot_it] per http://www.pctrio.com PYTHON Inviare dati con i form A cura di Silvio Bonechi [sabandini_at_tiscali_dot_it] per http://www.pctrio.com 10.07.2006 Ver. 1.0 In questo articolo vedremo come gestire con un FORM l invio di dati ad

Dettagli

Accesso Web a Data Base

Accesso Web a Data Base Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Accesso Web a Data Base Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei -

Dettagli

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 30 maggio 2014 Introduzione Un programma diviso in sezioni distinte Un approccio alla

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "Ciao"; protected int n; public General() { n = 1; public

Dettagli

MODEL-VIEW-CONTROLLER PROBLEMA

MODEL-VIEW-CONTROLLER PROBLEMA MODEL VIEW CONTROLLER DESIGN PATTERN MODEL-VIEW-CONTROLLER INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2013 2014 rcardin@math.unipd.it

Dettagli

Svantaggi delle servlet

Svantaggi delle servlet Svantaggi delle servlet Le servlet sono la tecnologia principale di J2EE per comunicare con i browser dei client. Tuttavia ci sono degli inconvenienti per gli sviluppatori di applicazioni web: le servlet

Dettagli

HTML5 and Next RIA Apps. Le API per HTML5 Forms

HTML5 and Next RIA Apps. Le API per HTML5 Forms HTML5 and Next RIA Apps Le API per HTML5 Forms Le API per HTML5 Forms Nella precedente lezione abbiamo visto i principali nuov tag di HTML5, un esempio di progetto base con Initializr http://www.initializr.com/

Dettagli

Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans

Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 Limiti dell approccio SEVLET UNICA La servlet svolge tre tipi di funzioni distinte: Interazione con

Dettagli

Liberamente adattato da Java dai fondamenti alla programmazione avanzata JS2E versione 1.5 di Karsten Samaschke, Apogeo editrice

Liberamente adattato da Java dai fondamenti alla programmazione avanzata JS2E versione 1.5 di Karsten Samaschke, Apogeo editrice Liberamente adattato da Java dai fondamenti alla programmazione avanzata JS2E versione 1.5 di Karsten Samaschke, Apogeo editrice Vogliamo realizzare un'applicazione di tipo CRUD (Create, Read, Update,

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE 1. JAVA 1.1 Introduzione a Java Introduzione Cosa è Java 1.2 Sintassi e programmazione strutturata variabili e metodi tipi di dati, array operatori

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Giovedì 16-04-2015 1 Confronto architetture C/S e

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "ciao"; protected int n; public General() { n = 3; public

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Architettura MVC-2: i JavaBeans

Architettura MVC-2: i JavaBeans Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans Alberto Belussi anno accademico 2008/2009 Limiti dell approccio SEVLET UNICA La servlet svolge tre tipi di funzioni distinte: Interazione con

Dettagli

Servlet e JDBC. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Richieste. Servlet. Servlet:

Servlet e JDBC. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Richieste. Servlet. Servlet: e JDBC Programmazione in Rete e Laboratorio Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino C.so Svizzera, 185 I-10149 Torino e : estensioni del Java API permettono di scrivere

Dettagli

Portal e Portlet ClassLoader. Mancini Marco

Portal e Portlet ClassLoader. Mancini Marco Portal e Portlet ClassLoader Mancini Marco Project Manager, 3F Consulting s.r.l. Classloading in liferay Tre differenti classpath: Global classpath, tutte le librerie presenti nella nostra JVM, e nelle

Dettagli

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE IDROID 86 LAB pagg 12-13 23-04-2007 14:57 Pagina 12 I-D01 LAB UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE PROGRAMMAZIONE Alcuni comportamenti predefiniti attivabili su I-Droid01 sono facilmente riproducibili

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 8 Java Server Pages Java Server Pages è essenzialmente un modo più comodo per il programmatore dell applicazione web di scrivere una Servlet.

Dettagli

Uso di JUnit. Fondamenti di informatica Oggetti e Java. JUnit. Luca Cabibbo. ottobre 2012

Uso di JUnit. Fondamenti di informatica Oggetti e Java. JUnit. Luca Cabibbo. ottobre 2012 Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2012 1 JUnit JUnit è uno strumento per assistere il programmatore Java nel testing JUnit consente di scrivere test di oggetti e classi Java i test sono

Dettagli

Dott.ssa Adriana Pietramala. Dott.ssa Maria Vittoria Avolio

Dott.ssa Adriana Pietramala. Dott.ssa Maria Vittoria Avolio Corso di Informatica Laurea Triennale - Comunicazione&Dams Dott.ssa Adriana Pietramala a.pietramala@mat.unical.it Dott.ssa Maria Vittoria Avolio avoliomv@unical.it Funzioni predefinite substr(stringa,

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

Java Server Pages (JSP) JSP o Servlet? Java Server Pages (JSP) Java Server Pages Costituiscono un estensione della tecnologia delle servlet

Java Server Pages (JSP) JSP o Servlet? Java Server Pages (JSP) Java Server Pages Costituiscono un estensione della tecnologia delle servlet Java Server Pages (JSP) Introduzione alle JSP Linguaggio di scripting lato server HTML-embedded Una pagina JSP contiene sia HTML sia codice Il client effettua la richiesta per la pagina JSP La parte HTML

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Dynamic Data Module. Give a name to your information. Mariuzzo Mauro. LIFERAY BOOT-CAMP Reloaded Milano. Liferay Architect

Dynamic Data Module. Give a name to your information. Mariuzzo Mauro. LIFERAY BOOT-CAMP Reloaded Milano. Liferay Architect LIFERAY BOOT-CAMP Reloaded Milano Come sfruttare al meglio le API del CMS di Liferay Portal 6.2 12 Giugno 2014 Dynamic Data Module Give a name to your information Mariuzzo Mauro Liferay Architect I Agenda

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ E necessario chiarire inizialmente alcuni concetti. La compilazione Il dispositivo del computer addetto all esecuzione dei programmi è la CPU La CPU

Dettagli

Corso di Esercitazioni di Programmazione

Corso di Esercitazioni di Programmazione Corso di Esercitazioni di Programmazione Introduzione Dott.ssa Sabina Rossi Informazioni Pagina web del corso: News Orari Mailing list Lezioni Esercitazioni Date esami Risultati esami.. http://www.dsi.unive.it/~prog1

Dettagli

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Java Server Pages Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Java Server Pages (JSP) Java Server

Dettagli

JSP - Caso di studio 1 Una galleria di immagini

JSP - Caso di studio 1 Una galleria di immagini JSP - Caso di studio 1 Una galleria di immagini Le classi dell applicazione Il file di configurazione La pagina indice Il caricamento di una nuova immagine Eliminazione di un immagine Visualizzazione di

Dettagli

JavaServer Pages: Introduzione

JavaServer Pages: Introduzione JavaServer Pages: Introduzione Gianluca Moro gianluca.moro@unibo.it Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università di Bologna Sistemi reali in JSP!! ofoto.com: stampa e gestisce foto

Dettagli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli Un esercizio d esame e note sulla gestione dei dati Flavio De Paoli Il testo (Appello 22 ottobre 2001) Una stazione di servizio dispone di n distributori di benzina. I clienti si presentano a uno dei distributori

Dettagli

Breve riepilogo della puntata precedente:

Breve riepilogo della puntata precedente: Breve riepilogo della puntata precedente: 1. In C, il passaggio dei parametri alle funzioni avviene sempre per copia, ovvero il valore del parametro viene copiato all'interno della variabile che rappresenta

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA

CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA Corso di Programmazione Java Standard Edition ( MODULO A) OBIETTIVI ll corso ha come obiettivo quello di introdurre la programmazione a oggetti (OOP) e di fornire solide basi

Dettagli

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Moreno Marzolla marzolla@cs.unibo.it 18 marzo 2011 Problema basato su 10.5 del libro di testo La CINA (Compagnia Italiana per il Noleggio di Automobili) dispone di

Dettagli

MOBILE WEB DESIGN TUTORIAL ANDROID METAIO AUGMENTED REALITY

MOBILE WEB DESIGN TUTORIAL ANDROID METAIO AUGMENTED REALITY MOBILE WEB DESIGN TUTORIAL ANDROID METAIO AUGMENTED REALITY 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. GET METAIO... 4 2.1. PREREQUISITI... 4 2.2. INTALLAZIONE... 4 2.3. PROGETTI ESEMPLIFICATIVI... 4 3. USARE

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Discipline Informatiche

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Discipline Informatiche PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE Monte ore annuo 99 Libro di Testo Barbero, Vaschetto - Corso di Informatica - terzo anno Ed. Pearson SETTEMBRE OTTOBRE Modulo 0 : CODIFICA INFORMAZIONI Rappresentazione

Dettagli

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca)

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it

Dettagli

Processi BPEL. Obiettivi

Processi BPEL. Obiettivi Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Processi BPEL Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci Anno accademico 2009/10 Email: sd@chmod.it Obiettivi Esercitazione pratica su:

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Realizzare il layout di un sito web senza utilizzare frame e tabelle

Realizzare il layout di un sito web senza utilizzare frame e tabelle Realizzare il layout di un sito web senza utilizzare frame e tabelle Questa guida descrive in maniera semplice e essenziale i passi necessari alla realizzazione di una pagina web strutturata in maniera

Dettagli

Introduzione ad AJAX

Introduzione ad AJAX Introduzione ad AJAX Asynchronous Javascript And XML (PWLS 6.9, 6.10) Complementi di Tecnologie Web A.A. 2011-2012 M.Franceschet, V.Della Mea e I.Scagnetto - 1 Limitazioni delle applicazioni web tradizionali

Dettagli

Tomcat & Servlet. Contenuti. Programmazione in Ambienti Distribuiti. Tomcat Applicazioni Web. Servlet JSP Uso delle sessioni

Tomcat & Servlet. Contenuti. Programmazione in Ambienti Distribuiti. Tomcat Applicazioni Web. Servlet JSP Uso delle sessioni Tomcat & Servlet Programmazione in Ambienti Distribuiti V 1.2 Marco Torchiano 2005 Contenuti Tomcat Applicazioni Web Struttura Sviluppo Deployment Servlet JSP Uso delle sessioni 1 Tomcat Tomcat è un contenitore

Dettagli

Verso l architettura MVC-2 Java Server Pages (JSP)

Verso l architettura MVC-2 Java Server Pages (JSP) Verso l architettura MVC-2 Java Server Pages (JSP) 1 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 JSP Una pagina JSP può essere vista come uno schema di pagina Web dove: le

Dettagli

L applicazione di MVC alla simulazione di ascensore I COMPONENTI DELLE INTERFACCE UTENTE GRAFICHE: PARTE II 1

L applicazione di MVC alla simulazione di ascensore I COMPONENTI DELLE INTERFACCE UTENTE GRAFICHE: PARTE II 1 I COMPONENTI DELLE INTERFACCE UTENTE GRAFICHE: PARTE II 1 3.13 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: Modello-Vista-Controllore I design pattern descrivono strategie efficaci per costruire sistemi

Dettagli

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma Eclipse Avviare un progetto e compilare un semplice programma Descrizione di Eclipse Eclipse è un ambiente di sviluppo che facilita la scrittura ed il debug di programmi java Permette di: Scrivere il codice

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

Introduzione a Classi e Oggetti

Introduzione a Classi e Oggetti Introduzione a Classi e Oggetti Oggetto: concetto astratto Entità di un programma dotata di tre proprietà caratteristiche stato informazioni conservate nell oggetto condizionano il comportamento dell oggetto

Dettagli

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1 Osservazioni Nell esempio della precedente lezione del contatore di accessi persistente il nome del file in cui memorizzare il numero di hit ed il valore iniziale del contatore sono codificati direttamente

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 3 Window Builder

Corso Eclipse. Prerequisiti. 3 Window Builder Corso Eclipse 3 Window Builder 1 Prerequisiti Conoscenza elementare ambiente Eclipse Conoscere la nomenclatura dei componenti delle interfacce grafiche Conoscere attributi e metodi dei principali componenti

Dettagli

Corso Programmazione Java Android. Programma

Corso Programmazione Java Android. Programma Corso Programmazione Java Android Programma 1.1 Obiettivo e modalità di fruizione L obiettivo del corso è di fornire le conoscenze tecniche e metodologiche per svolgere la professione di Programmatore

Dettagli