TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI"

Transcript

1 TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI Dalle linee guida alla pratica clinica: tra evidenze e incertezze LECCO, 5 maggio 2009

2 EBM Migliori evidenze scientifiche: ricerca clinica Esperienza clinica (patientoriented vs disease-oriented evidence) Preferenze del paziente Utilizzo razionale delle risorse BEST PRACTICE

3 CLASSIFICAZIONE DELLE EVIDENZE Forza-Importanza Qualità-Validità

4 Linee guida Quale operatore? Quale contesto? Quale popolazione? Quale quadro clinico? Quale terapia? Quale proveneniza? Quale trasferibilità?

5 Linee guida per Audit interno (Protocollo operativo) Migliorare la pratica assistenziale (EBM vs approccio empirico) Garantire appropriatezza/efficacia Informare/educare Ridefinire ruoli e mansioni Diminuire la prescrizione di ATB Perseguire obiettivi specifici (costi, resistenza batterica, etc)

6 Limiti delle linee guida Focus sugli aspetti terapeutci Scarsa enfasi all approccio diagnostico e assistenziale Riferite a popolazioni particolari: paziente giovane-adulto (uomini e donne), donne in gravidanza, paziente cateterizzato Riferite a quadri clinici particolari: Batteriuria asintomatica Cistite acuta non complicata e complicata Cistite ricorrente IVU nel portatore di catetere vescicale Difficile trasferibilità al contesto dell anziano istituzionalizzato

7 Infezioni delle vie urinarie Più comune causa di batteriemia e infezioni sistemiche nell anziano istituzionalizzato La probabilità di sviluppare batteriemia è 40 volte maggiore nell anziano cateterizzato La batteriemia aumenta il rischio di morbidità e mortalità nel paziente anziano istituzionalizzato La diagnosi di IVU nell anziano è particolarmente difficile. Estrema variabilità nei criteri diagnostici e terapeutici Eccessivo uso di antibiotici Nicolle, 2005

8 L anziano fragile

9 Infezioni delle vie urinarie nell anziano Int J Nursing Practice 2002; 8: 2-7

10 Infezioni delle vie urinarie nell anziano Int J Nursing Practice 2002; 8: 2-7

11 Infezioni delle vie urinarie nell anziano Int J Nursing Practice 2002; 8: 2-7

12 INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Forma non complicata: infezione in un individuo con vie urinarie strutturalmente e funzionalmente normali Forma complicata: infezione in un paziente che presenta una patologia o una condizione che favorisce l infezione

13 Infezioni delle vie urinarie nell anziano: aree di consenso Le IVU sono le infezioni nosocomiali più comuni nelle residenze geriatriche Gli anziani istituzionalizzati sono a rischio per mancata o tardiva diagnosi Il riscontro di batteriuria deve essere valutato con maggiore cautela e criticità, soprattutto nel paziente con deficit cognitivo e funzionale Una batteriuria significativa, anche in presenza di piuria, non è un criterio sufficiente per la diagnosi di IVU e del trattamento con antibiotici Midthum, 2004

14 Infezioni delle vie urinarie nell anziano: aree di consenso continua: Non vi è consenso univoco sulla definizione e sul trattamento delle IVU nell anziano istituzionalizzato I tre criteri guida per la diagnosi: batteriuria, piuria presenza dei sintomi clinici Eccessivo uso di antibiotici Il personale infermieristico ha un ruolo chiave nella prevenzione, diagnosi e gestione delle IVU nelle istituzioni geriatriche Midthum, 2004

15 Infezioni delle vie urinarie nell anziano: Diagnosi Diagnosi clinica di IVU (batteriuria + sintomi) Esame con stick di dubbio valore Campione di urine per tutti i pazienti che si intendono trattare (da prelevare prima dell inizio della terapia) Raccolta sterile delle urine Carica batterica dell urinocoltura Piuria di scarso significato per differenziare IVU asintomatica vs sintomtica Midthum, 2004

16 Diagnosi di IVU sintomatiche Criteri clinico-diagnostici Guerini F. 2007

17 IVU sintomatiche Infect Control Hosp Epidemiol 2008; 29: 446-9

18 Patogeni responsabili di IVU Patogeni: età e tipo Pazienti giovani, raro nell anziano - Staphylcoccus, saprophyticus (gram pos.): 10-15% Anziani diabetici Klebsiella species (gram neg.): più comune Anziani istituzionalizzati E. coli ~ 30% Proteus species (flora batterica del trattogi ) ~ 30% Staphylcoccus aureus, Klebsiella, Pseudomonas (gram neg.) and Enterococcus (gram pos.) ~ 40% Swart, Soler & Holman, 2004

19 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE IVU Revisione delle EAU Guidelines (2009) e delle IDSA Guidelines (2005) Guerini F. 2007

20 PIANO TERAPEUTICO Obiettivo prevenire le infezioni sistemiche e la batteriemia L avvio di ATB è raccomandato per i casi con diagnosi clinica di IVU. Eventuale aggiustamento della terapia ATB sulla base dei riscontri degli esami colturali Selezione dell antibiotico individualizzata sulla base: Profilo di benefico/rischio Costi Resistenza batterica Compliance (convenienza, poche pillole/giorno compliance) Presenza/assenza di insufficienza renale Rischio di ADR e/o interazioni nell anziano (politerapie, co-morbidità). Osborne, 2004 Swart et al. 2004

21 Terapie non framacologiche nella prevenzione/trattamento delle IVU Nutrizione Idratazione Frequenza della minzione (non trattenere le urine) Minzione prima del sonno Igiene corretta del paziente Igiene delle mani e igiene ambientale Counselling Gestione corretta del cateterismo vescicale Monitoraggio delle situazioni critiche e comorbidità Midthum, 2004

22 Mirtillo Studi Greenberg et al. (2005) Jepson et al (2004) McHarg et al. (2005) Multiple studies Evidenze Boston pilot-study on 5 subjects. Some evidence of anti-adherence activity using dried cranberry consumption. Small study Cochrane Database 2004 Reviews Some evidence from RCT s to show cranberries (juice & capsules) can prevent recurrent infections in women (especially older women). No significant difference between juice or capsules. Safe & well-tolerated May alter or even prevent formation of calcium oxalate kidney stones vs. just water consumption (upper UT) Pilot, double-blind crossover design, prospective, RCT s. All support a moderately preventive role for cranberry juice or capsule concentrates against UTI No significant findings or support in treatment of bacteriuria

23 Prevenzione & trattamento Raccomandazioni/Considerazioni/Prevenzione Cateterismo vescicale Se possibile da evitare Il metodo più efficace di prevenzione delle IVU è limitare l uso cronico del catetere vescicale. Rimuovere il catetere appena possible Wagenlehner et al. 2005

24 Principali quadri clinici Batteriuria asintomatica Piuria IVU non complicata basse vie urinarie IVU non complicata alte urinarie IVU non complicata ricorrente IVU complicate IVU associate a cateterismo vescicale

25 BATTERIURIA ASINTOMATICA IDSA, 2005

26 BATTERIURIA ASINTOMATICA Fattori complicanti Nella maggior parte dei casi nell anziano è associata a fattori complicanti: Ormonali: Anatomici: Funzionali: Metabolici: Immunologici: Strumentali: donne post-menopausa ostruzione prostatica nell uomo, cistocele nella donna CNS, i.e., P.D. e demenza diabete mediatori infiammazione (citochine, proteine fase acuta) catetere sempre batteriuria Wagenlehner, Naber & Weidner, 2005

27 BATTERIURIA ASINTOMATICA Batteriuria polimicrobica La contaminazione è la causa più frequente di infezioni polimicrobiche 25-33% delle batteriurie in istituzioni geriatriche può essere polimicrobica in seguito a: fistole ritenzione urinaria calcolosi cateterismo vescicale Midthum, 2004

28 BATTERIURIA ASINTOMATICA TRATTAMENTO Batteriuria asintomatica assenza di sintomi Nell anziano la batteriuria asintomatica è considerata una condizione benigna e transitoria che non richiede trattamento con antibiotici: Evolve molto raramente in infezioni sintomatiche Non è causa di insufficienza renale o ipertensione Non aumenta la mortalità Midthum, 2004

29 Batteriuria asintomatica assenza di sintomi Il trattamento con antibiotici: Non riduce morbilità/mortalità Non è efficace per mantenere sterili le urine Aumenta il rischio di reazioni avverse Aumenta l incidenza di reinfezioni e ceppi resistenti La tipologia di pazienti anziani con batteriuria asintomatica è molto variabile, ma non esistono studi validi che hanno valutato l efficacia del trattamento nei diversi sottogruppi BATTERIURIA ASINTOMATICA TRATTAMENTO Midthum, 2004

30 BATTERIURIA ASINTOMATICA TRATTAMENTO Casi particolari: Batteriuria asintomatica assenza di sintomi Usare cautela Batteriuria da Proteus e Pseudomonas Elevata carica di E. Coli (>10 6 cfu/ml) Pazienti che devono essere sottoposti a manovre strumentali urologiche Pazienti con anomalie delle vie urinarie Pazienti con diabete, deficit cognitivo, immunosoppressione, protesi o patologie cardiache valvolari Possibilità di litiasi Motivo Elevato rischio di morbidità e mortalità Valutare l opportunità di un trattamento prima delle manovre Valutare l opportunità di un trattamento Anche se gli studi non hanno mostrato alcun beneficio dal trattamento, monitorare ogni singolo caso Midthum, 2004

31 BATTERIURIA ASINTOMATICA TRATTAMENTO Batteriuria asintomatica assenza di sintomi Sebbene possa provocare un incremento del rischio di IVU sintomatica, il trattamento della forma asintomatica non riduce la frequenza delle infezioni sintomatiche né migliora gli outcome. Negli anziani fragili, cognitivamente compromessi o con gravi problemi di comunicazione, parlare di sintomaticità delle IVU è particolarmente difficile. Ne consegue che il rilievo di una urinocoltura positiva in questi soggetti non può sempre essere semplicisticamente inquadrato come batteriuria asintomatica. Midthum, 2004

32 PIURIA Associata alla presenza di IVU sintomatica e asintomatica nell anziano Comune nei soggeti con batteriuria: 32% giovani donne, 30-70% donne gravide 70% donne diabetiche 60-90% anziani istituzionalizzati % soggetti con catetere a lunga dimora Grado di piuria in caso di infezioni da gram negativi La maggior parte degli studi ritengono che, essendo così comune nell anziano, è di scarso significato per la diagnosi di IVU e come indicatore per il trattamento in assenza di sintomi/segni clinici Midthun, 2004 Juthani-Mehta,, 2005

33 IVU NON COMPLICATA BASSE VIE URINARIE Si associa in genere a uno o più dei seguenti segni e sintomi Dolore alla minzione (stranguria) Urgenza minzionale Frequenza minzionale Dolore sovrapubico (non associato alla minzione) Ematuria Analisi urinaria Piuria, ematuria, nitrati Diagnosi definitiva è data da batteriuria > 10 5 cfu/ml Urinocoltura non indicata BMJ, 2006; EAU 2009

34 IVU NON COMPLICATA BASSE VIE URINARIE DA QUALI GERMI E PROVOCATA E. coli: è il germe isolato più frequentemente (75-90% dei casi) e sulla sua sensibilità agli antibiotici si basa la scelta della terapia empirica. Staph. saprophyticus: isolato nel 5-15% dei casi, quasi esclusivamente nelle donne piùgiovani; la sua frequenza è molto variabile a seconda delle casistiche esaminate. Proteus spp e Klebsiella spp: 5-10%.

35 IVU NON COMPLICATA BASSE VIE URINARIE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE IVU Revisione delle EAU Guidelines (2009) e delle IDSA Guidelines (2005) Qualsiasi terapia empirica prevede la conoscenza dello spettro dei patogeni e eventuale antibiotico resistenza Guerini F. 2007

36 IVU NON COMPLICATA BASSE VIE URINARIE Note: I chinoloni a diffusione NON sistemica sono efficaci quanto quelli a diffusione sistemica. Fosfomicina: utilizzo non supportato da studi di adeguata metodologia. Nitrofurantoina: efficacia supportata solo da studi di piccole dimensioni che valutano gli effetti di 7 o più giorni di terapia. IDSA 2005; EAU 2009

37 IVU NON COMPLICATA ALTE VIE URINARIE Si associa a uno o più dei seguenti segni e sintomi Febbre Brividi Dolore lombare o tensione angolo sottocostale Nausea o vomito Con o senza segni di cistite Analisi urinaria Piuria, ematuria Batteriuria: sufficiente carica batterica > 10 5 cfu/ml Ecografia tratto urinario superiore Urinocoltura: Evidenze discordanti come routine Indicata se persiste febbre oltre 72 ore IDSA 2005; EAU 2009

38 IVU NON COMPLICATA ALTE VIE URINARIE ** Switch x os ore dopo remissione febbre, proseguire x 14 giorni. IDSA 2005; EAU 2009

39 IVU NON COMPLICATA RICORRENTE CHE COS E Una IVU che si presenta almeno 3 volte in un anno, o 2 episodi negli ultimi 6 mesi. Nella maggioranza dei casi si manifesta in assenza di alterazioni anatomiche e/o funzionali delle vie urinarie. DA COSA È FAVORITA Precedente storia di infezioni delle vie urinarie. Uretrite e vaginite atrofica da carenza di estrogeni. IDSA 2005; EAU 2009

40 IVU NON COMPLICATA RICORRENTE DA QUALI GERMI E PROVOCATA L eziologia è complicata. sovrapponibile a quella della cistite acuta non L 85-90% delle infezioni ricorrenti è dovuto a reinfezioni (nuovo ceppo). Se l infezione viene trattata in modo corretto, le urine sono sterili tra un episodio ed il successivo. Il rimanente 10-15% dei casi è dovuto a ricadute (stesso ceppo). IDSA 2005; EAU 2009

41 IVU NON COMPLICATA RICORRENTE CAUSE PRINCIPALI DI RICADUTA: - trattamento antibiotico inadeguato dell episodio precedente (per scelta del farmaco o durata del trattamento), - interessamento del parenchima renale, - nefrolitiasi, - prostatite cronica. L infezione si ripresenta solitamente entro 2 settimane dalla fine del trattamento antibiotico. INTERVENTI PREVENTIVI: Profilassi prolungata (6-12 mesi) La profilassi antibiotica diminuisce il numero di episodi ma non sembra modificare la storia naturale delle IVU ricorrenti. IDSA 2005; EAU 2009

42 IVU NON COMPLICATA RICORRENTE INTERVENTI PREVENTIVI DI DUBBIA EFFICACIA Estrogeni per via topica La somministrazione intravaginale di estrogeni di (estrioloestriolo o estradiolo) sembra ridurre l incidenza di IVU ricorrenti nella donna in post-menopausa (studi di scarsa validità). Mirtillo Una recente revisione della Cochrane ha confrontato l efficacia dei prodotti a base di mirtillo (succo o capsule in vari dosaggi e per tempi variabili) verso placebo nella prevenzione di episodi ricorrenti. Gli autori concludono che non ci sono prove sufficienti a dimostrare l efficacia di tale approccio. Modificazione ph urinario La prassi diffusa di ridurre il ph urinario a scopo profilattico non è sostenuta da alcuna evidenza.

43 IVU COMPLICATE Condizioni/fattori che posono far ritenere complicata l IVU Gravidanza Anomalie anatomiche e/o funzionali delle vie urinarie Recente diagnostica strumentale urologica Dimissione dall ospedale o casa di riposo nelle ultime 2 settimane Cateterismo vescicale recente o in atto Uomini in particolare se < 15 o > 50 anni Menopausa Recente uso di antibiotici o immunosoppressione Uropatia ostruttiva (urolitiasi, ipertrofia prostatica, neoplasie urogenitali) Sintomatologia persistente da più di 7 giorni nonostante la terapia di antibiotica Sintomatologia caratterizzata da dolore addominale, nausea o vomito, o T.C. > 38 C Ematuria macroscopica Diabete mellito Infezione delle vie urinarie nelle ultime 2 settimane IDSA 2005; EAU 2009

44 IVU COMPLICATE DA QUALI GERMI E PROVOCATA L E. coli è responsabile di circa il 55% delle infezioni. Sono stati tuttavia isolati anche Klebsiella spp, Proteus spp, altre Enterobacteriacee, Enterococchi, Staph. aureus, Pseudomonas aer.ecc. E frequente l isolamento di germi multiresistenti nei pazienti con recente diagnostica urologia invasiva, in quelli residenti in case di riposo e nei portatori di catetere vescicale. In caso di nefrolitiasi è più frequente l isolamento di Proteus e Klebsiella spp. La Candida viene isolata soprattutto nei diabetici, nei portatori di viene catetere vescicale per lunghi periodi e in caso di recente trattamento con antibiotici IDSA 2005; EAU 2009

45 ACCERTAMENTI DIAGNOSTICI: IVU COMPLICATE La probabilità di individuare in modo empirico l agente patogeno e/o la sua sensibilità è bassa La sensibilità agli antibiotici dei germi responsabili della cistite acuta complicata è variabile in rapporto alla situazione clinica. Approccio consigliato: quando possibile e prima di iniziare qualsiasi terapia antibiotica, prelevare un campione di urine per eseguire una urinocoltura iniziare comunque il trattamento antibiotico empirico in caso di mancata risposta clinica, modificare l antibiotico scelto in base al risultato dell antibiogramma in caso di impossibilità ad eseguire l urinocoltura prima del trattamento, potrebbe essere utile eseguirla 1 2 settimane dopo la sospensione dell antibiotico per verificare l efficacia del trattamento stesso, una scelta mirata della terapia antibiotica aumenta la probabilità di successo della terapia stessa. IDSA 2005; EAU 2009

46 IVU COMPLICATE IDSA 2005; EAU 2009

47 IVU COMPLICATE PRINCIPI GENERALI DI TERAPIA Esiste unanime accordo sulla necessità di trattare subito tutte le IVU batteriche quando sintomatiche, senza attendere l eventuale risultato dell urinocultura. Il trattamento iniziale sarà necessariamente empirico, in base a una serie di elementi clinico-anamnestici. La scelta dell antibiotico dovrà essere fatta caso per caso, considerando tutti i possibili elementi, e potrà andare da un semplice disinfettante urinario a un chinolone a diffusione sistemica per os, fino ad uno o più antibiotici iniettivi, nel caso di sospetta infezione da germe ospedaliero multiresistente. La dose impiegata sarà quella studiata/registrata per quella specifica quella indicazione. Gli antibiotici da utilizzare dovrebbero coprire gli agenti eziologici più frequenti, tenendo conto della eterogeneità dei singoli quadri clinici. IDSA 2005; EAU 2009

48 IVU COMPLICATE QUAL È LA DURATA OTTIMALE DELLA TERAPIA? La durata dei trattamenti negli studi clinici va da un minimo di 7 ad un massimo di 14 giorni nei casi più gravi o in caso di recidiva dell infezione. Nella terapia della IVU complicata dell anziano istituzionalizzato non esistono prove dell efficacia di un trattamento antibiotico breve (1-3 giorni). Mancanza di chiare evidenze. IDSA 2005; EAU 2009

49 IVU COMPLICATE ** Switch x os ore dopo remissione febbre, proseguire x 14 giorni. IDSA 2005; EAU 2009

50 IVU associate a cateterismo QUANTO SONO FREQUENTI vescicale Circa il 40% di tutte le infezioni nosocomiali riguarda le vie urinarie (l 80% delle quali si verifica nei portatori di catetere vescicale I pazienti con catetere vescicale sviluppano batteriuria, con un incidenza che va dal 3% al 10% per ogni giorno di permanenza in situ del catetere; pertanto dopo un mese di cateterizzazione la quasi totalità dei pazienti presenta batteriuria. Entro il 5 giorno: 27 % dei pazienti Tra il 7 e l 8 giorno Dopo il 30 giorno 50 % dei pazienti % dei pazienti 5-10% pazienti in lungo degenze sono cateterizzati

51 IVU in portatore di catetere vescicale Misure preventive Limitazione all uso del catetere vescicale: Insorgenza di batteriuria direttamente correlata alla presenza e alla durata Metodi alternativi con minor incidenza di batteriuria (cateterizzazione intermittente, uso di condom o pannoloni, cateterizzazione sovrapubica) Il CV favorisce la formazione di un biofilm interno Maggiore probabilità di polimicrobismo

52 IVU in portatore di catetere vescicale Misure preventive Prevenzione della batteiuria Inserimento con tecnica asettica, sistemi di drenaggio a circuito chiuso, rigoroso mantenimento del ciclo chiuso I cateteri medicati non sono superiori a quelli tradizionali Inefficaci: disinfezione quotidiana del meato uretrale con soluzioni o pomate ATB, aggiunta di ATB nella sacca di raccolta urine lavaggi vescicali (efficaci solo in pz a elevato rischio di ostruzione del sistema di drenaggio)

53 IVU in portatore di catetere vescicale Misure preventive NO profilassi ATB (all inserimento o al cambio) Efficace solo nel ritardare l insorgenza di batteriuria e non nel prevenirla Aumenta il rischio di infezione da ceppi resistenti La probabilità di individuare in modo empirico una profilassi efficace è bassa (spesso la batteriuria è da flora polimicrobica multiresistente)

54 IVU in portatore di catetere vescicale Infezioni asintomatiche Accertamenti diagnostici Monitoraggio periodico della batteriuria In assenza di sintomi (esame con stick, esame urine, urinocoltura) di scarsa utilità diagnostica Infezioni sintomatiche Febbre, confusione, dolore al fianco, nausea e vomito Se possibile, urinocoltura prima di iniziare il trattamento empirico GLI ACCERTAMENTI DIAGNOSTICI POSSONO INFLUENZARE LA SCELTA DEL TRATTAMENTO? Per le condizioni cliniche tipiche dei portatori di catetere vescicale la diagnosi differenziale fra infezione sintomatica e batteriuria asintomatica spesso difficile. In particolare, nei cateterizzati a lungo termine la sintomatologia sfumata o assente e a volte fuorviante. Di scarsa utilità esame con stick o esame urine; urinocoltura solo nei casi sintomatici)

55 IVU in portatore di catetere vescicale Infezioni asintomatiche Trattamento Il trattamento ATB non modifica gli esiti clinici (numero episodi di batteriuria asintomatica e di infezioni sintomatiche Eccezioni: pz ad elevato rischio di complicanze infettive (neutropenici, trapiantati, etc.), pz che devono sottoporsi a chirurgia urologica o di altro tipo La candiduria asintomatica che permane alla rimozione del catetere andrebbe trattata solo nei pz neutropenici o trapiantati (la rimozione del catetere o la sua sostituzione comportano la scomparsa nel 40% e 20% dei casi)

56 IVU in portatore di catetere vescicale Infezioni sintomatiche Trattamento L infezione sintomatica nei portatori di catetere può essere considerata una IVU complicata e come tale va trattata Utile iniziare subito il trattamento empirico nei confronti del/i microrganismo/i più probabile/i Un recente studio randomizzato di piccole dimensioni eseguito su anziani residenti in case di riposo sottoposti a cateterizzazione di lungo periodo, ha dimostrato che la sostituzione del catetere prima del trattamento dell infezione sintomatica può migliorare gli esiti microbiologici e clinici dell infezione.

57 PER CONCLUDERE Messaggi chiave

58 La batteriuria non è una malattia Messaggi chiave Importanza della flora batterica E comune negli anziani istituzionalizzati e nei portatori cronici di catere vescicale I test per batteriuria o piuria non stabiliscono la diagnosi di IVU La diagnosi di IVU si basa principalmente su sintomi e segni clinici I test che documentano la presenza di batteri o GB nelle urine raramente hanno importanti implicazioni diagnostiche La batteriuria da sola raramente è una indicazione al trattamento ATB Negli anziani l uso di ATB è più dannoso che benefico Il valore principale dell esame colturale è identificare i batteri e la loro sensibilità agli antibiotici Gli indicatori indiretti di batteriuria (es. nitrati) hanno meno valore che l urinocoltura. Rischio di falsi positivi nei test per diagnosi di batteriuria Il gold standard è l urinocultura ottenuta mediante puntura vescicale Tutte le altre tecniche aumentano il rischio di contamiazione

59 Messaggi chiave Prevenzione Stato nutrizionale e cura della comorbidità Esame urine e urinocolture di screening non raccomandate Trattamento dell incontinenza urinaria Uso appropriato del cateterismo vescicale (indicazioni, posizionamento e rimozione) Profilassi ATB prima di manovre/procedure invasive urologiche

60 Messaggi chiave: piano terapeutico Obiettivo prevenire le infezioni sistemiche e la batteriemia L avvio di ATB è raccomandato per i casi con diagnosi clinica di IVU. Eventuale aggiustamento della terapia antibiotica sulla base dei riscontri degli esami colturali Selezione dell antibiotico individualizzata sulla base: Profilo di benefico/rischio Costi Resistenza batterica Compliance (convenienza, poche pillole/giorno compliance) Presenza/assenza di insufficienza renale Rischio di ADR e/o interazioni nell anziano (politerapie, co-morbidità). Osborne, 2004 Swart et al. 2004

61 Messaggi chiave: piano terapeutico ATB per almeno 10 giorni per gli anziani istituzionalizzati, poiché la terapia di breve durata potrebbe risultare inefficace gg, se indicato, per le IVU complicate. (raccommandato per gli uomini) Normalmente si raccomanda un trattamento della durata di 7-10 giorni. Evitare le terapie croniche Evercare, 2004 Wagenlehner et al. 2005

62 Messaggi chiave: piano terapeutico Trattamento IVU complicate Frequenti nell anziano istituzionalizzato Associate a ostruzioni o cateterismo Possono portare a batteremia, infezioni sistemiche gravi Terapia ATB per EV (considerare funzionalità renale ed epatica) Cefalosporine di 3 a generazione (Ceftriaxone) 1 gram EV ogni 24 ore O se fluorochinoloni (Levofloxacin) mg IV ogni 24 ore Continuare finchè apiretico, minimo di 48 ore, quindi avviare una terapia orale e con fluidi x 14 giorni. Mahan-Buttaro et al., 2006

63 Grazie per l attenzione. Domande. Discussione.

64 TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ESERCITAZIONI

65 Gestione e cura del paziente con IVU istituzionalizato Esiste un protocollo operativo di reparto? Se sì. Data prima stesura, data ultimo aggiornamento Fonti utilizzate per la stesura (LG, esperto/specialista, lavori scientifici originali, etc.) Come è stato redatto (lavoro di un singolo, approccio multidisciplinare) È stato contestualizzato Come è stato implementato (consegna al personale, formazione/training specifico, audit) Con quale/i obiettivo/i Si è effettuata o è prevista una verifica dei risultati

66 Gestione e cura del paziente con IVU istituzionalizato Esiste un protocollo operativo di reparto? Se no. Perchè Si ritiene importante la sua stesura Quali fonti si ritiene importante utilizzare per la stesura (LG, esperto/specialista, lavori scientifici originali, etc.) Quali modalità di stesura si ritengono più utili (lavoro di un singolo, approccio multidisciplinare) Come si pensa di contestualizzarlo Come si pensa di implementarlo (consegna al personale, formazione/training specifico, audit) Con quale/i obiettivo/i Si ritiene importante effettuare una verifica dei risultati

67 Gestione e cura del paziente con IVU istituzionalizato In cartella clinica/infermieristica è prevista una scheda/sezione specifica sulle IVU? Se sì. Cosa è richiesto/registrato Da chi è compilata Sono riportati i principali criteri diagnostici Sono riportati i principali criteri per la scelta della terapia Sono riportati i principali criteri per la gestione del paziente a rischio di IVU Sono riportati i principali criteri di gestione del catetere vescicale

68 Gestione e cura del paziente con IVU istituzionalizato In cartella clinica/infermieristica è prevista una scheda/sezione specifica sulle IVU? Se no. Perchè Cosa sarebbe importante richiedere/registrare Da chi dovrebbe essere compilata Si ritiene importante riportare i principali criteri diagnostici Si ritiene importante riportare i principali criteri per la scelta della terapia Si ritiene importante riportare i principali criteri per la gestione del paziente a rischio di IVU Si ritiene importante riportare i principali criteri di gestione del catetere vescicale

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE (DICEMBRE 2002) A cura di: SIMONA GASTALDI Ortopedia II, LAURA

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino

Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino Con il termine patologia delle basse vie urinarie (FLUTD) si indica un

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Linee Guida sull Incontinenza

Linee Guida sull Incontinenza 4ª Consultazione Internazionale sull Incontinenza Linee Guida sull Incontinenza Raccomandazioni ICI 2009 Traduzione in lingua italiana A cura di Roberto Carone Linee Guida sull Incontinenza Prefazione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC]

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] Comitato Tecnico Aziendale per il Controllo e la Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere [C.I.O.] Elaborata il:

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli