TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI"

Transcript

1 TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI Dalle linee guida alla pratica clinica: tra evidenze e incertezze LECCO, 5 maggio 2009

2 EBM Migliori evidenze scientifiche: ricerca clinica Esperienza clinica (patientoriented vs disease-oriented evidence) Preferenze del paziente Utilizzo razionale delle risorse BEST PRACTICE

3 CLASSIFICAZIONE DELLE EVIDENZE Forza-Importanza Qualità-Validità

4 Linee guida Quale operatore? Quale contesto? Quale popolazione? Quale quadro clinico? Quale terapia? Quale proveneniza? Quale trasferibilità?

5 Linee guida per Audit interno (Protocollo operativo) Migliorare la pratica assistenziale (EBM vs approccio empirico) Garantire appropriatezza/efficacia Informare/educare Ridefinire ruoli e mansioni Diminuire la prescrizione di ATB Perseguire obiettivi specifici (costi, resistenza batterica, etc)

6 Limiti delle linee guida Focus sugli aspetti terapeutci Scarsa enfasi all approccio diagnostico e assistenziale Riferite a popolazioni particolari: paziente giovane-adulto (uomini e donne), donne in gravidanza, paziente cateterizzato Riferite a quadri clinici particolari: Batteriuria asintomatica Cistite acuta non complicata e complicata Cistite ricorrente IVU nel portatore di catetere vescicale Difficile trasferibilità al contesto dell anziano istituzionalizzato

7 Infezioni delle vie urinarie Più comune causa di batteriemia e infezioni sistemiche nell anziano istituzionalizzato La probabilità di sviluppare batteriemia è 40 volte maggiore nell anziano cateterizzato La batteriemia aumenta il rischio di morbidità e mortalità nel paziente anziano istituzionalizzato La diagnosi di IVU nell anziano è particolarmente difficile. Estrema variabilità nei criteri diagnostici e terapeutici Eccessivo uso di antibiotici Nicolle, 2005

8 L anziano fragile

9 Infezioni delle vie urinarie nell anziano Int J Nursing Practice 2002; 8: 2-7

10 Infezioni delle vie urinarie nell anziano Int J Nursing Practice 2002; 8: 2-7

11 Infezioni delle vie urinarie nell anziano Int J Nursing Practice 2002; 8: 2-7

12 INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Forma non complicata: infezione in un individuo con vie urinarie strutturalmente e funzionalmente normali Forma complicata: infezione in un paziente che presenta una patologia o una condizione che favorisce l infezione

13 Infezioni delle vie urinarie nell anziano: aree di consenso Le IVU sono le infezioni nosocomiali più comuni nelle residenze geriatriche Gli anziani istituzionalizzati sono a rischio per mancata o tardiva diagnosi Il riscontro di batteriuria deve essere valutato con maggiore cautela e criticità, soprattutto nel paziente con deficit cognitivo e funzionale Una batteriuria significativa, anche in presenza di piuria, non è un criterio sufficiente per la diagnosi di IVU e del trattamento con antibiotici Midthum, 2004

14 Infezioni delle vie urinarie nell anziano: aree di consenso continua: Non vi è consenso univoco sulla definizione e sul trattamento delle IVU nell anziano istituzionalizzato I tre criteri guida per la diagnosi: batteriuria, piuria presenza dei sintomi clinici Eccessivo uso di antibiotici Il personale infermieristico ha un ruolo chiave nella prevenzione, diagnosi e gestione delle IVU nelle istituzioni geriatriche Midthum, 2004

15 Infezioni delle vie urinarie nell anziano: Diagnosi Diagnosi clinica di IVU (batteriuria + sintomi) Esame con stick di dubbio valore Campione di urine per tutti i pazienti che si intendono trattare (da prelevare prima dell inizio della terapia) Raccolta sterile delle urine Carica batterica dell urinocoltura Piuria di scarso significato per differenziare IVU asintomatica vs sintomtica Midthum, 2004

16 Diagnosi di IVU sintomatiche Criteri clinico-diagnostici Guerini F. 2007

17 IVU sintomatiche Infect Control Hosp Epidemiol 2008; 29: 446-9

18 Patogeni responsabili di IVU Patogeni: età e tipo Pazienti giovani, raro nell anziano - Staphylcoccus, saprophyticus (gram pos.): 10-15% Anziani diabetici Klebsiella species (gram neg.): più comune Anziani istituzionalizzati E. coli ~ 30% Proteus species (flora batterica del trattogi ) ~ 30% Staphylcoccus aureus, Klebsiella, Pseudomonas (gram neg.) and Enterococcus (gram pos.) ~ 40% Swart, Soler & Holman, 2004

19 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE IVU Revisione delle EAU Guidelines (2009) e delle IDSA Guidelines (2005) Guerini F. 2007

20 PIANO TERAPEUTICO Obiettivo prevenire le infezioni sistemiche e la batteriemia L avvio di ATB è raccomandato per i casi con diagnosi clinica di IVU. Eventuale aggiustamento della terapia ATB sulla base dei riscontri degli esami colturali Selezione dell antibiotico individualizzata sulla base: Profilo di benefico/rischio Costi Resistenza batterica Compliance (convenienza, poche pillole/giorno compliance) Presenza/assenza di insufficienza renale Rischio di ADR e/o interazioni nell anziano (politerapie, co-morbidità). Osborne, 2004 Swart et al. 2004

21 Terapie non framacologiche nella prevenzione/trattamento delle IVU Nutrizione Idratazione Frequenza della minzione (non trattenere le urine) Minzione prima del sonno Igiene corretta del paziente Igiene delle mani e igiene ambientale Counselling Gestione corretta del cateterismo vescicale Monitoraggio delle situazioni critiche e comorbidità Midthum, 2004

22 Mirtillo Studi Greenberg et al. (2005) Jepson et al (2004) McHarg et al. (2005) Multiple studies Evidenze Boston pilot-study on 5 subjects. Some evidence of anti-adherence activity using dried cranberry consumption. Small study Cochrane Database 2004 Reviews Some evidence from RCT s to show cranberries (juice & capsules) can prevent recurrent infections in women (especially older women). No significant difference between juice or capsules. Safe & well-tolerated May alter or even prevent formation of calcium oxalate kidney stones vs. just water consumption (upper UT) Pilot, double-blind crossover design, prospective, RCT s. All support a moderately preventive role for cranberry juice or capsule concentrates against UTI No significant findings or support in treatment of bacteriuria

23 Prevenzione & trattamento Raccomandazioni/Considerazioni/Prevenzione Cateterismo vescicale Se possibile da evitare Il metodo più efficace di prevenzione delle IVU è limitare l uso cronico del catetere vescicale. Rimuovere il catetere appena possible Wagenlehner et al. 2005

24 Principali quadri clinici Batteriuria asintomatica Piuria IVU non complicata basse vie urinarie IVU non complicata alte urinarie IVU non complicata ricorrente IVU complicate IVU associate a cateterismo vescicale

25 BATTERIURIA ASINTOMATICA IDSA, 2005

26 BATTERIURIA ASINTOMATICA Fattori complicanti Nella maggior parte dei casi nell anziano è associata a fattori complicanti: Ormonali: Anatomici: Funzionali: Metabolici: Immunologici: Strumentali: donne post-menopausa ostruzione prostatica nell uomo, cistocele nella donna CNS, i.e., P.D. e demenza diabete mediatori infiammazione (citochine, proteine fase acuta) catetere sempre batteriuria Wagenlehner, Naber & Weidner, 2005

27 BATTERIURIA ASINTOMATICA Batteriuria polimicrobica La contaminazione è la causa più frequente di infezioni polimicrobiche 25-33% delle batteriurie in istituzioni geriatriche può essere polimicrobica in seguito a: fistole ritenzione urinaria calcolosi cateterismo vescicale Midthum, 2004

28 BATTERIURIA ASINTOMATICA TRATTAMENTO Batteriuria asintomatica assenza di sintomi Nell anziano la batteriuria asintomatica è considerata una condizione benigna e transitoria che non richiede trattamento con antibiotici: Evolve molto raramente in infezioni sintomatiche Non è causa di insufficienza renale o ipertensione Non aumenta la mortalità Midthum, 2004

29 Batteriuria asintomatica assenza di sintomi Il trattamento con antibiotici: Non riduce morbilità/mortalità Non è efficace per mantenere sterili le urine Aumenta il rischio di reazioni avverse Aumenta l incidenza di reinfezioni e ceppi resistenti La tipologia di pazienti anziani con batteriuria asintomatica è molto variabile, ma non esistono studi validi che hanno valutato l efficacia del trattamento nei diversi sottogruppi BATTERIURIA ASINTOMATICA TRATTAMENTO Midthum, 2004

30 BATTERIURIA ASINTOMATICA TRATTAMENTO Casi particolari: Batteriuria asintomatica assenza di sintomi Usare cautela Batteriuria da Proteus e Pseudomonas Elevata carica di E. Coli (>10 6 cfu/ml) Pazienti che devono essere sottoposti a manovre strumentali urologiche Pazienti con anomalie delle vie urinarie Pazienti con diabete, deficit cognitivo, immunosoppressione, protesi o patologie cardiache valvolari Possibilità di litiasi Motivo Elevato rischio di morbidità e mortalità Valutare l opportunità di un trattamento prima delle manovre Valutare l opportunità di un trattamento Anche se gli studi non hanno mostrato alcun beneficio dal trattamento, monitorare ogni singolo caso Midthum, 2004

31 BATTERIURIA ASINTOMATICA TRATTAMENTO Batteriuria asintomatica assenza di sintomi Sebbene possa provocare un incremento del rischio di IVU sintomatica, il trattamento della forma asintomatica non riduce la frequenza delle infezioni sintomatiche né migliora gli outcome. Negli anziani fragili, cognitivamente compromessi o con gravi problemi di comunicazione, parlare di sintomaticità delle IVU è particolarmente difficile. Ne consegue che il rilievo di una urinocoltura positiva in questi soggetti non può sempre essere semplicisticamente inquadrato come batteriuria asintomatica. Midthum, 2004

32 PIURIA Associata alla presenza di IVU sintomatica e asintomatica nell anziano Comune nei soggeti con batteriuria: 32% giovani donne, 30-70% donne gravide 70% donne diabetiche 60-90% anziani istituzionalizzati % soggetti con catetere a lunga dimora Grado di piuria in caso di infezioni da gram negativi La maggior parte degli studi ritengono che, essendo così comune nell anziano, è di scarso significato per la diagnosi di IVU e come indicatore per il trattamento in assenza di sintomi/segni clinici Midthun, 2004 Juthani-Mehta,, 2005

33 IVU NON COMPLICATA BASSE VIE URINARIE Si associa in genere a uno o più dei seguenti segni e sintomi Dolore alla minzione (stranguria) Urgenza minzionale Frequenza minzionale Dolore sovrapubico (non associato alla minzione) Ematuria Analisi urinaria Piuria, ematuria, nitrati Diagnosi definitiva è data da batteriuria > 10 5 cfu/ml Urinocoltura non indicata BMJ, 2006; EAU 2009

34 IVU NON COMPLICATA BASSE VIE URINARIE DA QUALI GERMI E PROVOCATA E. coli: è il germe isolato più frequentemente (75-90% dei casi) e sulla sua sensibilità agli antibiotici si basa la scelta della terapia empirica. Staph. saprophyticus: isolato nel 5-15% dei casi, quasi esclusivamente nelle donne piùgiovani; la sua frequenza è molto variabile a seconda delle casistiche esaminate. Proteus spp e Klebsiella spp: 5-10%.

35 IVU NON COMPLICATA BASSE VIE URINARIE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE IVU Revisione delle EAU Guidelines (2009) e delle IDSA Guidelines (2005) Qualsiasi terapia empirica prevede la conoscenza dello spettro dei patogeni e eventuale antibiotico resistenza Guerini F. 2007

36 IVU NON COMPLICATA BASSE VIE URINARIE Note: I chinoloni a diffusione NON sistemica sono efficaci quanto quelli a diffusione sistemica. Fosfomicina: utilizzo non supportato da studi di adeguata metodologia. Nitrofurantoina: efficacia supportata solo da studi di piccole dimensioni che valutano gli effetti di 7 o più giorni di terapia. IDSA 2005; EAU 2009

37 IVU NON COMPLICATA ALTE VIE URINARIE Si associa a uno o più dei seguenti segni e sintomi Febbre Brividi Dolore lombare o tensione angolo sottocostale Nausea o vomito Con o senza segni di cistite Analisi urinaria Piuria, ematuria Batteriuria: sufficiente carica batterica > 10 5 cfu/ml Ecografia tratto urinario superiore Urinocoltura: Evidenze discordanti come routine Indicata se persiste febbre oltre 72 ore IDSA 2005; EAU 2009

38 IVU NON COMPLICATA ALTE VIE URINARIE ** Switch x os ore dopo remissione febbre, proseguire x 14 giorni. IDSA 2005; EAU 2009

39 IVU NON COMPLICATA RICORRENTE CHE COS E Una IVU che si presenta almeno 3 volte in un anno, o 2 episodi negli ultimi 6 mesi. Nella maggioranza dei casi si manifesta in assenza di alterazioni anatomiche e/o funzionali delle vie urinarie. DA COSA È FAVORITA Precedente storia di infezioni delle vie urinarie. Uretrite e vaginite atrofica da carenza di estrogeni. IDSA 2005; EAU 2009

40 IVU NON COMPLICATA RICORRENTE DA QUALI GERMI E PROVOCATA L eziologia è complicata. sovrapponibile a quella della cistite acuta non L 85-90% delle infezioni ricorrenti è dovuto a reinfezioni (nuovo ceppo). Se l infezione viene trattata in modo corretto, le urine sono sterili tra un episodio ed il successivo. Il rimanente 10-15% dei casi è dovuto a ricadute (stesso ceppo). IDSA 2005; EAU 2009

41 IVU NON COMPLICATA RICORRENTE CAUSE PRINCIPALI DI RICADUTA: - trattamento antibiotico inadeguato dell episodio precedente (per scelta del farmaco o durata del trattamento), - interessamento del parenchima renale, - nefrolitiasi, - prostatite cronica. L infezione si ripresenta solitamente entro 2 settimane dalla fine del trattamento antibiotico. INTERVENTI PREVENTIVI: Profilassi prolungata (6-12 mesi) La profilassi antibiotica diminuisce il numero di episodi ma non sembra modificare la storia naturale delle IVU ricorrenti. IDSA 2005; EAU 2009

42 IVU NON COMPLICATA RICORRENTE INTERVENTI PREVENTIVI DI DUBBIA EFFICACIA Estrogeni per via topica La somministrazione intravaginale di estrogeni di (estrioloestriolo o estradiolo) sembra ridurre l incidenza di IVU ricorrenti nella donna in post-menopausa (studi di scarsa validità). Mirtillo Una recente revisione della Cochrane ha confrontato l efficacia dei prodotti a base di mirtillo (succo o capsule in vari dosaggi e per tempi variabili) verso placebo nella prevenzione di episodi ricorrenti. Gli autori concludono che non ci sono prove sufficienti a dimostrare l efficacia di tale approccio. Modificazione ph urinario La prassi diffusa di ridurre il ph urinario a scopo profilattico non è sostenuta da alcuna evidenza.

43 IVU COMPLICATE Condizioni/fattori che posono far ritenere complicata l IVU Gravidanza Anomalie anatomiche e/o funzionali delle vie urinarie Recente diagnostica strumentale urologica Dimissione dall ospedale o casa di riposo nelle ultime 2 settimane Cateterismo vescicale recente o in atto Uomini in particolare se < 15 o > 50 anni Menopausa Recente uso di antibiotici o immunosoppressione Uropatia ostruttiva (urolitiasi, ipertrofia prostatica, neoplasie urogenitali) Sintomatologia persistente da più di 7 giorni nonostante la terapia di antibiotica Sintomatologia caratterizzata da dolore addominale, nausea o vomito, o T.C. > 38 C Ematuria macroscopica Diabete mellito Infezione delle vie urinarie nelle ultime 2 settimane IDSA 2005; EAU 2009

44 IVU COMPLICATE DA QUALI GERMI E PROVOCATA L E. coli è responsabile di circa il 55% delle infezioni. Sono stati tuttavia isolati anche Klebsiella spp, Proteus spp, altre Enterobacteriacee, Enterococchi, Staph. aureus, Pseudomonas aer.ecc. E frequente l isolamento di germi multiresistenti nei pazienti con recente diagnostica urologia invasiva, in quelli residenti in case di riposo e nei portatori di catetere vescicale. In caso di nefrolitiasi è più frequente l isolamento di Proteus e Klebsiella spp. La Candida viene isolata soprattutto nei diabetici, nei portatori di viene catetere vescicale per lunghi periodi e in caso di recente trattamento con antibiotici IDSA 2005; EAU 2009

45 ACCERTAMENTI DIAGNOSTICI: IVU COMPLICATE La probabilità di individuare in modo empirico l agente patogeno e/o la sua sensibilità è bassa La sensibilità agli antibiotici dei germi responsabili della cistite acuta complicata è variabile in rapporto alla situazione clinica. Approccio consigliato: quando possibile e prima di iniziare qualsiasi terapia antibiotica, prelevare un campione di urine per eseguire una urinocoltura iniziare comunque il trattamento antibiotico empirico in caso di mancata risposta clinica, modificare l antibiotico scelto in base al risultato dell antibiogramma in caso di impossibilità ad eseguire l urinocoltura prima del trattamento, potrebbe essere utile eseguirla 1 2 settimane dopo la sospensione dell antibiotico per verificare l efficacia del trattamento stesso, una scelta mirata della terapia antibiotica aumenta la probabilità di successo della terapia stessa. IDSA 2005; EAU 2009

46 IVU COMPLICATE IDSA 2005; EAU 2009

47 IVU COMPLICATE PRINCIPI GENERALI DI TERAPIA Esiste unanime accordo sulla necessità di trattare subito tutte le IVU batteriche quando sintomatiche, senza attendere l eventuale risultato dell urinocultura. Il trattamento iniziale sarà necessariamente empirico, in base a una serie di elementi clinico-anamnestici. La scelta dell antibiotico dovrà essere fatta caso per caso, considerando tutti i possibili elementi, e potrà andare da un semplice disinfettante urinario a un chinolone a diffusione sistemica per os, fino ad uno o più antibiotici iniettivi, nel caso di sospetta infezione da germe ospedaliero multiresistente. La dose impiegata sarà quella studiata/registrata per quella specifica quella indicazione. Gli antibiotici da utilizzare dovrebbero coprire gli agenti eziologici più frequenti, tenendo conto della eterogeneità dei singoli quadri clinici. IDSA 2005; EAU 2009

48 IVU COMPLICATE QUAL È LA DURATA OTTIMALE DELLA TERAPIA? La durata dei trattamenti negli studi clinici va da un minimo di 7 ad un massimo di 14 giorni nei casi più gravi o in caso di recidiva dell infezione. Nella terapia della IVU complicata dell anziano istituzionalizzato non esistono prove dell efficacia di un trattamento antibiotico breve (1-3 giorni). Mancanza di chiare evidenze. IDSA 2005; EAU 2009

49 IVU COMPLICATE ** Switch x os ore dopo remissione febbre, proseguire x 14 giorni. IDSA 2005; EAU 2009

50 IVU associate a cateterismo QUANTO SONO FREQUENTI vescicale Circa il 40% di tutte le infezioni nosocomiali riguarda le vie urinarie (l 80% delle quali si verifica nei portatori di catetere vescicale I pazienti con catetere vescicale sviluppano batteriuria, con un incidenza che va dal 3% al 10% per ogni giorno di permanenza in situ del catetere; pertanto dopo un mese di cateterizzazione la quasi totalità dei pazienti presenta batteriuria. Entro il 5 giorno: 27 % dei pazienti Tra il 7 e l 8 giorno Dopo il 30 giorno 50 % dei pazienti % dei pazienti 5-10% pazienti in lungo degenze sono cateterizzati

51 IVU in portatore di catetere vescicale Misure preventive Limitazione all uso del catetere vescicale: Insorgenza di batteriuria direttamente correlata alla presenza e alla durata Metodi alternativi con minor incidenza di batteriuria (cateterizzazione intermittente, uso di condom o pannoloni, cateterizzazione sovrapubica) Il CV favorisce la formazione di un biofilm interno Maggiore probabilità di polimicrobismo

52 IVU in portatore di catetere vescicale Misure preventive Prevenzione della batteiuria Inserimento con tecnica asettica, sistemi di drenaggio a circuito chiuso, rigoroso mantenimento del ciclo chiuso I cateteri medicati non sono superiori a quelli tradizionali Inefficaci: disinfezione quotidiana del meato uretrale con soluzioni o pomate ATB, aggiunta di ATB nella sacca di raccolta urine lavaggi vescicali (efficaci solo in pz a elevato rischio di ostruzione del sistema di drenaggio)

53 IVU in portatore di catetere vescicale Misure preventive NO profilassi ATB (all inserimento o al cambio) Efficace solo nel ritardare l insorgenza di batteriuria e non nel prevenirla Aumenta il rischio di infezione da ceppi resistenti La probabilità di individuare in modo empirico una profilassi efficace è bassa (spesso la batteriuria è da flora polimicrobica multiresistente)

54 IVU in portatore di catetere vescicale Infezioni asintomatiche Accertamenti diagnostici Monitoraggio periodico della batteriuria In assenza di sintomi (esame con stick, esame urine, urinocoltura) di scarsa utilità diagnostica Infezioni sintomatiche Febbre, confusione, dolore al fianco, nausea e vomito Se possibile, urinocoltura prima di iniziare il trattamento empirico GLI ACCERTAMENTI DIAGNOSTICI POSSONO INFLUENZARE LA SCELTA DEL TRATTAMENTO? Per le condizioni cliniche tipiche dei portatori di catetere vescicale la diagnosi differenziale fra infezione sintomatica e batteriuria asintomatica spesso difficile. In particolare, nei cateterizzati a lungo termine la sintomatologia sfumata o assente e a volte fuorviante. Di scarsa utilità esame con stick o esame urine; urinocoltura solo nei casi sintomatici)

55 IVU in portatore di catetere vescicale Infezioni asintomatiche Trattamento Il trattamento ATB non modifica gli esiti clinici (numero episodi di batteriuria asintomatica e di infezioni sintomatiche Eccezioni: pz ad elevato rischio di complicanze infettive (neutropenici, trapiantati, etc.), pz che devono sottoporsi a chirurgia urologica o di altro tipo La candiduria asintomatica che permane alla rimozione del catetere andrebbe trattata solo nei pz neutropenici o trapiantati (la rimozione del catetere o la sua sostituzione comportano la scomparsa nel 40% e 20% dei casi)

56 IVU in portatore di catetere vescicale Infezioni sintomatiche Trattamento L infezione sintomatica nei portatori di catetere può essere considerata una IVU complicata e come tale va trattata Utile iniziare subito il trattamento empirico nei confronti del/i microrganismo/i più probabile/i Un recente studio randomizzato di piccole dimensioni eseguito su anziani residenti in case di riposo sottoposti a cateterizzazione di lungo periodo, ha dimostrato che la sostituzione del catetere prima del trattamento dell infezione sintomatica può migliorare gli esiti microbiologici e clinici dell infezione.

57 PER CONCLUDERE Messaggi chiave

58 La batteriuria non è una malattia Messaggi chiave Importanza della flora batterica E comune negli anziani istituzionalizzati e nei portatori cronici di catere vescicale I test per batteriuria o piuria non stabiliscono la diagnosi di IVU La diagnosi di IVU si basa principalmente su sintomi e segni clinici I test che documentano la presenza di batteri o GB nelle urine raramente hanno importanti implicazioni diagnostiche La batteriuria da sola raramente è una indicazione al trattamento ATB Negli anziani l uso di ATB è più dannoso che benefico Il valore principale dell esame colturale è identificare i batteri e la loro sensibilità agli antibiotici Gli indicatori indiretti di batteriuria (es. nitrati) hanno meno valore che l urinocoltura. Rischio di falsi positivi nei test per diagnosi di batteriuria Il gold standard è l urinocultura ottenuta mediante puntura vescicale Tutte le altre tecniche aumentano il rischio di contamiazione

59 Messaggi chiave Prevenzione Stato nutrizionale e cura della comorbidità Esame urine e urinocolture di screening non raccomandate Trattamento dell incontinenza urinaria Uso appropriato del cateterismo vescicale (indicazioni, posizionamento e rimozione) Profilassi ATB prima di manovre/procedure invasive urologiche

60 Messaggi chiave: piano terapeutico Obiettivo prevenire le infezioni sistemiche e la batteriemia L avvio di ATB è raccomandato per i casi con diagnosi clinica di IVU. Eventuale aggiustamento della terapia antibiotica sulla base dei riscontri degli esami colturali Selezione dell antibiotico individualizzata sulla base: Profilo di benefico/rischio Costi Resistenza batterica Compliance (convenienza, poche pillole/giorno compliance) Presenza/assenza di insufficienza renale Rischio di ADR e/o interazioni nell anziano (politerapie, co-morbidità). Osborne, 2004 Swart et al. 2004

61 Messaggi chiave: piano terapeutico ATB per almeno 10 giorni per gli anziani istituzionalizzati, poiché la terapia di breve durata potrebbe risultare inefficace gg, se indicato, per le IVU complicate. (raccommandato per gli uomini) Normalmente si raccomanda un trattamento della durata di 7-10 giorni. Evitare le terapie croniche Evercare, 2004 Wagenlehner et al. 2005

62 Messaggi chiave: piano terapeutico Trattamento IVU complicate Frequenti nell anziano istituzionalizzato Associate a ostruzioni o cateterismo Possono portare a batteremia, infezioni sistemiche gravi Terapia ATB per EV (considerare funzionalità renale ed epatica) Cefalosporine di 3 a generazione (Ceftriaxone) 1 gram EV ogni 24 ore O se fluorochinoloni (Levofloxacin) mg IV ogni 24 ore Continuare finchè apiretico, minimo di 48 ore, quindi avviare una terapia orale e con fluidi x 14 giorni. Mahan-Buttaro et al., 2006

63 Grazie per l attenzione. Domande. Discussione.

64 TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ESERCITAZIONI

65 Gestione e cura del paziente con IVU istituzionalizato Esiste un protocollo operativo di reparto? Se sì. Data prima stesura, data ultimo aggiornamento Fonti utilizzate per la stesura (LG, esperto/specialista, lavori scientifici originali, etc.) Come è stato redatto (lavoro di un singolo, approccio multidisciplinare) È stato contestualizzato Come è stato implementato (consegna al personale, formazione/training specifico, audit) Con quale/i obiettivo/i Si è effettuata o è prevista una verifica dei risultati

66 Gestione e cura del paziente con IVU istituzionalizato Esiste un protocollo operativo di reparto? Se no. Perchè Si ritiene importante la sua stesura Quali fonti si ritiene importante utilizzare per la stesura (LG, esperto/specialista, lavori scientifici originali, etc.) Quali modalità di stesura si ritengono più utili (lavoro di un singolo, approccio multidisciplinare) Come si pensa di contestualizzarlo Come si pensa di implementarlo (consegna al personale, formazione/training specifico, audit) Con quale/i obiettivo/i Si ritiene importante effettuare una verifica dei risultati

67 Gestione e cura del paziente con IVU istituzionalizato In cartella clinica/infermieristica è prevista una scheda/sezione specifica sulle IVU? Se sì. Cosa è richiesto/registrato Da chi è compilata Sono riportati i principali criteri diagnostici Sono riportati i principali criteri per la scelta della terapia Sono riportati i principali criteri per la gestione del paziente a rischio di IVU Sono riportati i principali criteri di gestione del catetere vescicale

68 Gestione e cura del paziente con IVU istituzionalizato In cartella clinica/infermieristica è prevista una scheda/sezione specifica sulle IVU? Se no. Perchè Cosa sarebbe importante richiedere/registrare Da chi dovrebbe essere compilata Si ritiene importante riportare i principali criteri diagnostici Si ritiene importante riportare i principali criteri per la scelta della terapia Si ritiene importante riportare i principali criteri per la gestione del paziente a rischio di IVU Si ritiene importante riportare i principali criteri di gestione del catetere vescicale

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE L'urina normale è sterile. L'isolamento di batteri nelle urine è legato alla colonizzazione batterica della mucosa del tratto urinario e/o dei reni. Le infezioni del tratto

Dettagli

Patologia urinaria. IVU complicate pielonefriti. Gianesini dr. Giuseppe S.C. Urologia AO Ospedale di Circolo e Fond. Macchi Varese

Patologia urinaria. IVU complicate pielonefriti. Gianesini dr. Giuseppe S.C. Urologia AO Ospedale di Circolo e Fond. Macchi Varese Patologia urinaria IVU complicate pielonefriti coliche renali Gianesini dr. Giuseppe S.C. Urologia AO Ospedale di Circolo e Fond. Macchi Varese CLASSIFICAZIONE INFEZIONI VIE URINARIE Infezioni delle vie

Dettagli

Infezioni delle vie urinarie

Infezioni delle vie urinarie Infezioni delle vie urinarie DEFINIZIONE Il termine infezione delle vie urinarie (Urinary tract infection UTI ) definisce la presenza di segni e sintomi delle vie urinarie associati a isolamento di microrganismi

Dettagli

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future Marina Picca Milano www.sicupp.org Il caso di Lattante 6 mesi, maschio. Madre riferisce persistenza di urine maleodoranti.

Dettagli

L. Minoli INFEZIONI URINARIE APPROCCIO INTEGRATO PER GRUPPI DI RISCHIO

L. Minoli INFEZIONI URINARIE APPROCCIO INTEGRATO PER GRUPPI DI RISCHIO L. Minoli INFEZIONI URINARIE APPROCCIO INTEGRATO PER GRUPPI DI RISCHIO Prof. Lorenzo Minoli Direttore Istituto di Malattie Infettive Policlinico S. Matteo - Pavia INFEZIONI URINARIE APPROCCIO INTEGRATO

Dettagli

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE MEDICI PER SAN CIRO LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr Ciro Lenti U.O. Nefrologia e Dialisi AUSL 11 Empoli P.O. San Miniato (PI) Le infezioni delle vie urinarie sono infezioni che possono riguardare i

Dettagli

Gli antibiotici nelle infezioni delle basse vie urinarie dell adulto

Gli antibiotici nelle infezioni delle basse vie urinarie dell adulto Gli antibiotici nelle infezioni delle basse vie urinarie dell adulto Da cosa nasce e su cosa si basa questo pacchetto informativo Pacchetto Informativo n 6 Ottobre 2003 Lo scopo di questo documento è di

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

Infezioni delle vie urinarie. Prof. G. Paradiso Galatioto

Infezioni delle vie urinarie. Prof. G. Paradiso Galatioto Infezioni delle vie urinarie Prof. G. Paradiso Galatioto Le IVU sono un importante causa di morbidità nella popolazione generale E stato stimato che circa il 40% delle donne sessualmente attive presenterà

Dettagli

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI BATTERICHE

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI BATTERICHE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI BATTERICHE Fonte : MSD-ITALIA http://www.msd-italia.it/altre/manuale/sez17/2272021.html Normalmente la via urinaria è sterile e molto resistente alla colonizzazione

Dettagli

Ecografia in Geriatria

Ecografia in Geriatria Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione - Catania Ecografia in Geriatria Unità Operativa di Geriatria Direttore: Marcello Romano XVII Congresso Nazionale Siumb e XX Giornate

Dettagli

Nino Guarino. Chirurgo Pediatra. Urologo Pediatra. San Camillo dal 2007. Ospedale Infantile Regina Margherita - Torino 2001-07

Nino Guarino. Chirurgo Pediatra. Urologo Pediatra. San Camillo dal 2007. Ospedale Infantile Regina Margherita - Torino 2001-07 Nino Guarino Chirurgo Pediatra San Camillo dal 2007 Urologo Pediatra Ospedale Infantile Regina Margherita - Torino 2001-07 Svetlana ha febbre e disturbi urinari. Quali le domande e gli accertamenti fondamentali?

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Margherita Vizio Nuoro gennaio 2014 1 Di che cosa parliamo Epidemiologia: frequenza, eziologia, popolazione esposta, tipo di

Dettagli

LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON LUTS. Presentazione di Giuliano Rossi Bibbiena 26 maggio 2012

LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON LUTS. Presentazione di Giuliano Rossi Bibbiena 26 maggio 2012 LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON LUTS Presentazione di Giuliano Rossi Bibbiena 26 maggio 2012 IVU Dott. Giuliano Rossi LUTS Bibbiena 26 maggio 2012 Infezioni delle vie urinarie nell adulto Linea guida regionale

Dettagli

dichiara che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con soggetti portatori di interessi commerciali in campo sanitario

dichiara che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con soggetti portatori di interessi commerciali in campo sanitario Il sottoscritto Valentina Basile ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato-Regione del 5 novembre 2009, dichiara che negli ultimi due anni NON ha

Dettagli

Dott.ssa Paola Carunchio U. O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Scandiano (RE) Infezioni urinarie Dimensioni del problema sono le infezioni più frequenti dopo quelle respiratorie impatto socio-economico

Dettagli

6 Seminario. Infezioni delle vie urinarie. Introduzione FABIO MASCELLA

6 Seminario. Infezioni delle vie urinarie. Introduzione FABIO MASCELLA 6 Seminario Infezioni delle vie urinarie FABIO MASCELLA Introduzione Le infezioni delle vie urinarie rappresentano una delle più comuni cause di morbilità nella popolazione generale, soprattutto nel sesso

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE a cura di Andrea B. Galosi Il catetere vescicale è un dispositivo (tubicino flessibile) che permette il drenaggio continuo dell urina dalla vescica all esterno attraverso

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE PROSTATICHE E DELL APPARATO UROGENITALE MASCHILE

LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE PROSTATICHE E DELL APPARATO UROGENITALE MASCHILE LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE PROSTATICHE E DELL APPARATO UROGENITALE MASCHILE ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA LA PROSTATA: ANATOMIA E FUNZIONE La prostata (o ghiandola

Dettagli

Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative

Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative INFEZIONI DEL TRATTO URINARIO Rappresentano 40% di tutte le ICA Associate a procedure invasive: 75-80% IVU a catetere vescicale 5-10% manipolazioni

Dettagli

INCONTINENZA URINARIA

INCONTINENZA URINARIA INCONTINENZA URINARIA Perdita involontaria di urina in quantità o con frequenza tale da costituire per l individuo un problema sociale o di salute Frequenza: 8-34% degli anziani a domicilio 50% dei pz

Dettagli

VAGINITI & MMG. Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto.

VAGINITI & MMG. Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto. VAGINITI & MMG Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto. La diagnosi e il trattamento spettano in prima istanza al mmg. Fra i miei assistiti le donne in età compresa fra

Dettagli

L EMATURIA (URINE ROSSE). COSA È E COME POSSIAMO GESTIRLA. Collana piùinforma

L EMATURIA (URINE ROSSE). COSA È E COME POSSIAMO GESTIRLA. Collana piùinforma L EMATURIA (URINE ROSSE). COSA È E COME POSSIAMO GESTIRLA. Collana piùinforma COS È L EMATURIA? Con questo termine si definisce la presenza di sangue nelle urine. Si distinguono due tipi di ematuria: la

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO MALATTIE DELL APPARATO URINARIO Diuresi = quantità di urina emessa nelle 24ore (1500 ml) Sintomi e segni legati all apparato urinario: - Ematuria = sangue nelle urine - piuria = pus nelle urine - oliguria

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche UOC di Genetica ed Immunologia Pediatrica Direttore: Prof. Carmelo Salpietro UOSD di Nefrologia e Reumatologia

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI DALMASSO Anna Maria Cuneo Azienda Ospedaliera S.Croce e Carle Cuneo Audit clinico: marzo- giugno 2013 Le ulcere cutanee infette inquadramento diagnostico

Dettagli

INCONTINENZA URINARIA

INCONTINENZA URINARIA INCONTINENZA URINARIA Perdita involontaria di urina in quantità o con frequenza tale da costituire per l individuo un problema sociale o di salute Frequenza: 8-34% degli anziani a domicilio 50% dei pz

Dettagli

Eliminazione.. Calogero Papa Inf. Stomaterapista Fondazione IRCCS S. Matteo - Pavia

Eliminazione.. Calogero Papa Inf. Stomaterapista Fondazione IRCCS S. Matteo - Pavia Eliminazione.. Calogero Papa Inf. Stomaterapista Fondazione IRCCS S. Matteo - Pavia 2 grossi problemi Urinaria Incontinenza Fecale stipsi Cause Traumatiche Post intervento Neuropatie Post Radioterapia

Dettagli

I RISULTATI DELLO STUDIO ICEA1

I RISULTATI DELLO STUDIO ICEA1 Ricerca I RISULTATI DELLO STUDIO ICEA1 ALESSANDRO ROSSI *, VINCENZO ARCORACI **, ACHILLE P. CAPUTI **, GIUSEPPE NICOLETTI ***, GIAN CARLO SCHITO **** * Società Italiana di Medicina Generale; ** Università

Dettagli

Università Vita Salute S. Raffaele - Facoltà di Medicina e Chirurgia INFEZIONI dell APPARATO GENITOURINARIO PROF. Patrizio RIGATTI CATTEDRA di UROLOGIA INFEZIONI dell APP. GENITOURINARIO Le infezioni dell

Dettagli

DEFINIZIONE DI INCONTINENZA URINARIA

DEFINIZIONE DI INCONTINENZA URINARIA DEFINIZIONE DI INCONTINENZA URINARIA Una perdita involontaria di urina, di grado tale da costituire un problema igienico e sociale (vecchia definizione ICS) Qualsiasi perdita involontaria di urina (nuova

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

Metodi e strumenti per l assistenza alla continenza dipendente

Metodi e strumenti per l assistenza alla continenza dipendente SIGG 49 Congresso Nazionale Firenze 3-7 novembre 2004 Metodi e strumenti per l assistenza alla continenza dipendente Bruno Bernardini UO Riabilitazione 2 Dipartimento di Riabilitazione e Lungodegenza EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

Per infezione delle vie urinarie (IVU) si intende un processo infettivo a carico di una

Per infezione delle vie urinarie (IVU) si intende un processo infettivo a carico di una INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Per infezione delle vie urinarie (IVU) si intende un processo infettivo a carico di una parte o tutto l apparato urinario. Eziologia

Dettagli

ANATOMIA RENI, URETERI, VESCICA

ANATOMIA RENI, URETERI, VESCICA ANATOMIA RENI, URETERI, VESCICA ANATOMIA VESCICA E URETRA ANATOMIA PENE E SCROTO FISIOLOGIA DELLA MINZIONE CENTRI NERVOSI DELLA MINZIONE Area Frontale - Centro pontino + + www Anamnesi Esame obiettivo

Dettagli

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Le infezioni microbiologiche in Ostetricia e Ginecologia Bergamo, 27 Maggio 2011 Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Dr.ssa Stefania Rampello USS Area del parto - OORR

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

RESEZIONE TRANS URETRALE DELLA PROSTATA (TUR-P)

RESEZIONE TRANS URETRALE DELLA PROSTATA (TUR-P) AUROlink il collegamento tra medico e paziente Informazioni validate per ottenere un consenso consapevole alle procedure urologiche RESEZIONE TRANS URETRALE DELLA PROSTATA (TUR-P) RESEZIONE TRANS URETRALE

Dettagli

Da: Trattato delle Operazioni Ledran 1774

Da: Trattato delle Operazioni Ledran 1774 CATETERISMO La grande arte di cateterizzare consiste in una specie di intesa tra la mano che tiene il pene e quella che tiene la sonda; perché esse devono per così dire, sintonizzarsi in modo tale che

Dettagli

La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia

La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia PALPAZIONE della regione lombare La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia La palpazione della regione lombare renale deve ricercare

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

IVU DIAGNOSI SEDE BATTERI FATTORI DI RISCHIO COMPLICANZE IPERTENSIONE PROTEINURIA IRC DIAGNOSTICA PER IMMAGINI TRATTAMENTO PROFILASSI TERAPIA

IVU DIAGNOSI SEDE BATTERI FATTORI DI RISCHIO COMPLICANZE IPERTENSIONE PROTEINURIA IRC DIAGNOSTICA PER IMMAGINI TRATTAMENTO PROFILASSI TERAPIA IVU DIAGNOSI SEDE BATTERI FATTORI DI RISCHIO COMPLICANZE IPERTENSIONE PROTEINURIA IRC TRATTAMENTO PROFILASSI TERAPIA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI FATTORI DI RISCHIO virulenza dei batteri brevità dell uretra

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

Traduzione inglese/italiano An economic model. R. Plowman et all, UK

Traduzione inglese/italiano An economic model. R. Plowman et all, UK Un modello economico per valutare il costo beneficio dell uso di routine di cateteri urinari rivestiti di metalli nobili per ridurre il rischio di infezioni del tratto urinario in pazienti cateterizzati

Dettagli

L ematuria in età Pediatrica Giuliana Lama giuliana.lama@unina2.it

L ematuria in età Pediatrica Giuliana Lama giuliana.lama@unina2.it L ematuria in età Pediatrica Giuliana Lama giuliana.lama@unina2.it L ematuria è un segno clinico di frequente riscontro in età pediatrica (prevalenza dello 0,4-4,1 % in base ai criteri utilizzati per la

Dettagli

Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini. Brochure per i Pazienti/Genitori

Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini. Brochure per i Pazienti/Genitori Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini Brochure per i Pazienti/Genitori TM Cos é l RVU? Il vostro bambino è affetto da una patologia nota con il nome di reflusso vescico-ureterale (RVU). Esistono

Dettagli

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT 1 Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

PDT. DavideCroce. Introduzione

PDT. DavideCroce. Introduzione PDT DavideCroce Introduzione..Come evidenziato dalla casistica raccolta nel periodo dal 1 gennaio 2010 al 31 dicembre 2010 esiste una forte disomogeneità relativa non solo alle metodologie di costruzione

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI SOTTOPOSTI A DIALISI. Introduzione 2 Obiettivo dello studio 4 Materiali

Dettagli

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Corso aziendale Uso responsabile degli antibiotici Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Rosario Cultrera Dip. Medico - UOC Malattie Infettive

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

PATOLOGIE UROGINECOLOGICHE

PATOLOGIE UROGINECOLOGICHE PATOLOGIE UROGINECOLOGICHE Gli organi pelvici sono quelli contenuti all interno del bacino e comprendono la vescica e l uretra, la vagina,l utero con annessi e ovaie, e il retto. Essi interagiscono tra

Dettagli

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Programma di accreditamento SIMI Esperienza della Medicina i 3 Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza prof. Paolo Cavallo Perin, prof. Graziella Bruno, Dept. of Medical Sciences, University

Dettagli

emodialisi o dialisi peritoneale

emodialisi o dialisi peritoneale IV Corso teorico-pratico Nefrologia Interventistica Roma 6,8 Maggio 2013 Scelta del tipo di trattamento: emodialisi o dialisi peritoneale A.R. Rocca U.O.C Nefrologia e Dialisi Azienda Policlinico Umberto

Dettagli

Corso di Pediatria Le Infezioni delle vie urinarie in età Pediatrica Giuliana Laqma AA 2007/2008

Corso di Pediatria Le Infezioni delle vie urinarie in età Pediatrica Giuliana Laqma AA 2007/2008 Corso di Pediatria Le Infezioni delle vie urinarie in età Pediatrica Giuliana Laqma AA 2007/2008 L'infezione delle vie urinarie (IVU) è una delle patologie più frequenti del bambino e la sua incidenza,

Dettagli

In quali persone dobbiamo sospettare una nefropatia?

In quali persone dobbiamo sospettare una nefropatia? Stabilire se un paziente è normale o patologico, è sempre un compito arduo per il medico In quali persone dobbiamo sospettare una nefropatia? Nei pazienti affetti da patologie a rischio Nei soggetti, anche

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Introduzione Il lavoro è proseguito con l indicazione di una Esistono diverse Linee Guida che prendono serie di premesse che preludono alle

Dettagli

Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008

Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008 Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008 1 Quali aspetti della menopausa possono essere divulgati come problemi di salute?

Dettagli

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Casi difficili in Patologia Infettiva Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive Azienda Ospedaliero Universitaria -Ferrara Paziente G.F. Donna, trasmissione sessuale

Dettagli

Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi

Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi Prof. Paolo Cadrobbi; Dott. Giovanni Carretta Salmonellosi tifoidee e non tifoidee E fondamentale distinguere tra: febbre tifoide, grave infezione che interessa

Dettagli

PROBLEMATICHE UROLOGICHE IN GRAVIDANZA

PROBLEMATICHE UROLOGICHE IN GRAVIDANZA PROBLEMATICHE UROLOGICHE IN GRAVIDANZA PROBLEMATICHE UROLOGICHE IN GRAVIDANZA LA GRAVIDANZA ED IL PARTO RAPPRESENTANO UN MOMENTO DI IMPORTANTI VARIAZIONI ANATOMICHE E FUNZIONALI DEL TRATTO URINARIO CHE

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

Indicatori territoriali: Risultati

Indicatori territoriali: Risultati Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno Indicatori di Qualità del Servizio Sanitario nella Regione Veneto Indicatori territoriali: Risultati Roberto Turra Mestre, 30-11-2006 Contenuto Definizione

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

Protocollo Medico GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO STERILE

Protocollo Medico GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO STERILE Pagina 1 di 10 INIDICE 1.0 SCOPO... 2 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3.0 ABBREVIAZIONI, DEFINIZIONI E TERMINOLOGIA... 2 4.0 RESPONSABILITA... 3 5.0 MODALITA OPERATIVA / PROCEDURA... 4 Posizionamento Catetere

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

L INCONTINEZA URINARIA NELL ANZIANO

L INCONTINEZA URINARIA NELL ANZIANO Prof. Benvenuti L INCONTINEZA URINARIA NELL ANZIANO L incontinenza urinaria per definizione si può applicare a chi volontariamente sceglie di mingere in un posto che non è adeguato. Chi è che dice che

Dettagli

Incontinenza urinaria nella donna

Incontinenza urinaria nella donna Focus on Incontinenza urinaria nella donna Ritrovare la serenità superando i pregiudizi Bios International Holding La capillare rete di strutture di Bios International opera da anni nel campo della diagnostica

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

CHIUSURA DI FISTOLA VESCICO-GENITALE Fistolectomia cervico-vescicale Fistolectomia vescico-vaginale Fistolectomia utero-vaginale

CHIUSURA DI FISTOLA VESCICO-GENITALE Fistolectomia cervico-vescicale Fistolectomia vescico-vaginale Fistolectomia utero-vaginale AUROlink il collegamento tra medico e paziente Informazioni validate per ottenere un consenso consapevole alle procedure urologiche CHIUSURA DI FISTOLA VESCICO-GENITALE Fistolectomia cervico-vescicale

Dettagli

Fibromi uterini, le soluzioni possibili

Fibromi uterini, le soluzioni possibili Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli ROMA Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente Dipartimento di Bioimmagini e Scienze Radiologiche

Dettagli

La polmonite di origine extraospedaliera

La polmonite di origine extraospedaliera La polmonite di origine extraospedaliera Premessa La polmonite è una infezione acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi di infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del

Dettagli

IL PEDIATRA DI FAMIGLIA INCONTRA LA NEFROLOGIA PEDIATRICA

IL PEDIATRA DI FAMIGLIA INCONTRA LA NEFROLOGIA PEDIATRICA IL PEDIATRA DI FAMIGLIA INCONTRA LA NEFROLOGIA PEDIATRICA Questione di millimetri: L idronefrosi Marco Castagnetti Luisa Murer Lorena Pisanello Dilatazione delle vie urinarie Quadro morfologico dovuto

Dettagli

Introduzione Potente neuro-tossina isolata dal Clostridium Botulinum. Il suo uso in campo urologico rappresenta una esaltante modalità, nel trattamento dell incontinenza urinaria dei soggetti medullolesi,

Dettagli

Carcinoma prostatico

Carcinoma prostatico SIUrO Società Italiana di Urologia Oncologica Alessandro Bertaccini, Sergio Bracarda, Roberta Ceccarelli, Adriana Gelmini Carcinoma prostatico Guida per il paziente e i suoi familiari Introduzione di Giuseppe

Dettagli

Vincenzo Ferarra MD. Patologie della Vescica / 3 INCONTINENZA URINARIA. www.dottorvincenzoferrara.it

Vincenzo Ferarra MD. Patologie della Vescica / 3 INCONTINENZA URINARIA. www.dottorvincenzoferrara.it Patologie della Vescica / 3 INCONTINENZA URINARIA www.dottorvincenzoferrara.it INCONTINENZA URINARIA Qualsiasi perdita involontaria di urina è un problema sociale ed igienico, che rende necessario contattare

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

RELAZIONE TRA DELIRIUM E STATO FUNZIONALE DOPO INTERVENTO PER FRATTURA DI FEMORE

RELAZIONE TRA DELIRIUM E STATO FUNZIONALE DOPO INTERVENTO PER FRATTURA DI FEMORE RELAZIONE TRA DELIRIUM E STATO FUNZIONALE DOPO INTERVENTO PER FRATTURA DI FEMORE Maria Bennardo, Chiara Mussi, Pierluigi Giacobazzi e Luciano Belloi Centro di Valutazione e Ricerca Gerontologica Università

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Menopausa e terapia ormonale sostitutiva S.Cattaneo Definizione menopausa secondo OMS Menopausa Spontanea: Cessazione definitiva

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli