ATOMIC FORCE MICROSCOPY (AFM)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATOMIC FORCE MICROSCOPY (AFM)"

Transcript

1 ATOMIC FORCE MICROSCOPY (AFM)

2 Scanning probe microscopy Strumenti basati sulla interazione a corto raggio Costruiscono un immagine del campione in osservazione attraverso l interazione di una sonda con gli strati atomici superficiali microscopia di superficie Scanning Tunneling microscopy (STM) Atomic Force Microscopy (AFM) Binnig and Rohrer 1982 Binnig, Quate and Gerber (1986) (Nobel prize in 1986)

3 STM Utilizza la corrente di tunnel tra punta e campione conduttore AFM Utilizza la forza di interazione tra gli atomi Metalli Semiconduttori Molecole biologiche (es. DNA) Strutture non periodiche Materiali sia isolanti sia conduttori Alta versatilità Semplicità di utilizzo Alta risoluzione (0.1Å verticale, 1.0Å laterale) Non distruttività Nessuna preparazione del campione

4 FORZE COINVOLTE Forze separazione punta-campione: N N Forze di Van der Waals (di dispersione) Repulsione ionica Forze di attrito Forze di adesione Forze elettrostatiche Forze magnetostatiche Tra due atomi uniti da legame covalente alla distanza di ~0.1 nm agisce una forza di circa 10-9 N Le misure eseguite con l impiego dell AFM non sono distruttive.

5 Un microscopio a forza atomica è costituito da: sensore a fotodiodo registra i movimenti del raggio laser in rapporto a quelli del cantilever sensore a leva (cantilever) risente delle interazioni con il campione Servocontrollo (feedback) regola la distanza tra superficie della punta e campione in base al sistema di acquisizione scanner piezoelettrico che consente di muovere il campione in tutte e tre le direzioni

6 Principio di funzionamento

7 Piezoscanner (PZT) Elettrodi esterni A) B) Elettrodo interno A) Potenziale applicato tra i quattro elettrodi esterni e quello interno B) Potenziale applicato tra due elettrodi esterni e quello interno

8 DETECTOR Posiziona il laser sulla punta Massimizza l intensità del laser

9 PUNTE a) c) b) a) punta normale (normal tip), costituita da una piramide schiacciata alta ~3 µm con raggio di curvatura di ~30 nm b) superpunta (supertip), prodotta mediante bombardamento elettronico di una punta normale. La superpunta è più lunga e sottile di una punta normale ed ha anche un migliore raggio di curvatura c) ultralever, ancora più sottili e lunghe (100 µm) delle superpunte e possono avere raggi di curvatura fino a ~10 nm. Le più diffuse sono la punta standard di nitruro di silicio (Si3N4) e le punte di silicio.

10 PUNTE Punte di nitruro di silicio piramidali o tetraedriche

11 PUNTE La necessità di ricoprire la punta si basa essenzialmente su tre motivi: la punta non ricoperta è ricca di gruppi silanolici liberi che potrebbero adsorbire contaminanti capaci di alterare la composizione della superficie senza copertura la punta è molto più fragile e tende a rovinarsi con un suo uso prolungato impedendo di usare la punta per un elevato numero di analisi poiché la superficie è altamente idrofila essa potrebbe alterare l equilibrio del campione soprattutto in campioni particolarmente delicati come quelli biologici

12 Copertura delle punte Tiolialcani: copertura con cromo seguita da ricopertura in oro funzionalizzato con gruppi alchiltiolici che possono essere variamente modificati. La ricopertura in metallo aumenta notevolmente lo spessore della punta riducendo la risoluzione dello strumento Organosilani: interagiscono direttamente con i gruppi OH con la formazione di un film protettivo costituito da una rete di legami Si-O-Si. Questo metodo protegge la punta senza bisogno di ricorrere alla ricopertura con metalli. Particelle colloidali: Il metodo più diffuso consiste nel ricoprire la punta direttamente con microsfere di silicone

13 CANTILEVERS I cantilevers sono lunghi alcune centinaia di µm La costante elastica (k) dei cantilevers deve essere inferiore a quella di un sistema di atomi in un solido (~ 10 N/m) < K < 10 N/m Essa dipende da forma, dimensioni e materiale Cantilevers più spessi e corti sono più rigidi ed hanno frequenze di risonanza più alte (range Hz)

14 Modalità di lavoro Contact mode-forze repulsive (pochi Å) force mode (punta ad altezza costante) segnale dal piezoelettrico deflection mode (punta ad altezza costante) segnale dal fotodiodo height mode (punta ad oscillazione costante) Non-contact mode-forze attrattive la punta è mantenuta a distanza (tra 5 e 15 nm) dal campione e oscilla secondo forze di attrazione del campione stesso Tapping mode la leva è fatta oscillare vicino a frequenza di risonanza in modo che abbia contatto transiente con la superficie del campione

15 Curva forza-distanza Nel contact mode, la leva è mantenuta a distanza inferiore a pochi angstroms dalla suoerficie del campione e la forza di interazione è di tipo repulsivo. Nel non-contact mode, il cantilever è mantenuto alla distanza di angstroms dal campione e la forza di interazione è di tipo attrattivo. Diagramma dell andamento di energia potenziale tra campione e sonda

16 Contact mode E modalità più utilizzata e richiede cantilever morbidi. FORZE IN GIOCO: Forza repulsiva di Van der Waals Forze capillari attrattive Forza esercitata dal cantilever (dipende da costante di elasticità)

17 Contact mode: altezza costante Distanza mantenuta costante: è misurata la forza necessaria per mantenere la leva ad altezza costante ALTA PROBABILITA DI DANNEGGIAMENTO PUNTA E CAMPIONE

18 Contact mode: oscillazione (o forza) costante Ampiezza di oscillazione mantenuta costante: è misurata la forza necessaria per mantenere costante la deflessione della leva E misurata la forza di interazione tra superficie e punta

19 Lateral force AFM (LFM) Le forze laterali di attrito (frizione) determinano torsione della punta

20 Contact Mode AFM Vantaggi: - Alta velocità di scansione - risoluzione atomica - facilità di scansione di campioni con molti cambiamenti nella topografia verticale Svantaggi: - Forze laterali possono distorcere l immagine - Forze capillari dovute ad uno strato fluido possono causare notevoli impedimenti alla interazione sonda-campione - La combinazione di queste forze riduce la risoluzione spaziale e può causare danno di campioni più morbidi

21 Non-contact mode Forze misurate più deboli di quelle misurate in modalità contact Distanza punta-campione Å Alla punta viene applicata una piccola oscillazione vicina a frequenza di risonanza khz Oscillazione del cantilever dipende da frequenza di risonanza, da costante elastica e da forza di repulsione Le deboli forze in gioco vengono misurate analizzando i cambiamenti in ampiezza, fase e frequenza delle oscillazioni della punta.

22 Non-contact Mode AFM Vantaggi: -Sulla superficie del campione è esercitata una debole forza e non è recato danno ai campioni più morbidi -Ideale per lo studio di materiali elastici -Vengono eliminate le forze di attrito Svantaggi: - Bassa risoluzione laterale, limitata dalla separazione punta-campione - Velocità di scansione più bassa per evitare il contatto con lo strato fluido - Solitamente applicabile a campioni estremamente idrofobici, ricoperti da un minimo strato fluido

23 Tapping mode E una specializzazione del non-contact mode: Modalità complementare fra Contact AFM e Non-Contact AFM La punta oscilla entrando anche in contatto con la superficie del campione

24 Tapping mode

25 Tapping mode Diverso materiale

26 Tappping Mode AFM Vantaggi: - Elevata risoluzione laterale (1 nm to 5 nm). - Bassa forza di interazione e minore danno a campioni morbidi in aria. - Assenza di forze laterali Svantaggi: - Velocità di scansione più bassa rispetto al contact mode

27

28 APPLICAZIONI Studio di superfici cellulari Struttura di aggregati proteici Studio di legami ligando-recettore Struttura di acidi nucleici

29 Voltaggio di deflessione cantilever FORZE ADESIVE DI CONTATTO 3 2 surface 4 Approach Retract 1 ADHESION or pull-off force Distanza di separazione 1) a larghe distanze tra punta e campione non ci sono interazioni tra i due 3 1 Lontano dalla superficie 2) muovendo il campione verso la punta si evidenziano interazioni tra i due che si riflettono nel movimento della leva e della punta Attrazione alla 2 superficie 3) avvicinando ulteriormente il campione la leva si flette Cantilever si flette 4) allontanando il campione dalla punta la leva si deflette a causa delle forze di adesione tra i due fino al distacco 4 Rilascio

30 Se non sussistono interazioni di adesione tra campione e punta all avvicinarsi del campione alla punta non si registrano forze di adesione e si assiste solo alla flessione della leva dovuta alla semplice pressione del campione sulla punta ma non si verifica nessun fenomeno di flessione della leva allontanando il campione.

31 A B Superficie di spore dormienti (A) e germinative (B) di Aspergillus Oryzae Saccharomyces cerevisiae 50 nm 50 nm Superficie di spore di Aspergillus nidulans Superficie di conidi di Ceratocystis fimbriata 200nm

32 Funzionalizzazione di punte anticorpi recettori enzimi La deflessione misura la forza di legame

33 Biotinylated proteins were separated by electrophoresis and fixed with crosslinking chemicals on the gel, followed by direct force measurement between the biotinylated proteins on the gel and a streptavidin-modified tip of an AFM cantilever.

34 Funzionalizzazione con streptavidina della punta AFM ricoperta d oro utilizzando PEG come cross-linker PEG cross-linking Thiol solution Streptavidin derivatization

35 BSA Immagine di sezione di gel colorato con Coomassie Brillant Blue 500ng di BSA-Strept sono stati applicati in SDS PAGE

36 Curve di forza contr no-inter Calibrazione dello strumento adesione singola forza di attrazione multipla forza di attrazione

37 Results Force curves analyzed on the various conditions of gel surfaces; on gels containing biotinylated BSA (A),on gels containing biotinylated BSA ininhibition condition (B), on gels containing normal BSA (C), and on normal gels (D). Approach and release curves are shown in gray and black color,respectively.

38 Results Comparison of unbinding force distribution. Histogram of unbinding force on normal gel (graydashedlines), on the gel containing BSA (graylines) and on the gel containing biotinylated-bsa (blacklines). Specified amounts of proteins were applied for gel electrophoresis, such as 500ng for (A) and (B), 500 pg for (C) and 5pg for (D). As a negative control experiment, free biotin was added in the experimental buffer for force measurement to make the histogram of (B).

39 Results Comparison of the detection limit of proteins with different methods. Scanned images and optical density profiles of CBB and silver stained electrophoresis gel (A), and stained dot-blot (B). The f 100 ratio values in our proposed method (C). The frequency to obtain an interaction force larger than 100pN was divided by the total frequency to obtain an interaction force to get f 100 ratio values.

40 Le proteine Munc-18-1, SH3 e PX sono state ottenute come fusione con GST Le punte ed il supporto sono derivatizzati con GSH Phox homology domain (PX)

41

MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM)

MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM) MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM) Binnig and Rohrer (1982, STM, Nobel prize in 1986) Binnig, Quate and Gerber (1986, AFM) Anno 2001-2002 1 Principio di funzionamento di un AFM A B C D Rivelatore Specchio

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

Microscopia alla nanoscala

Microscopia alla nanoscala Microscopia alla nanoscala Guido Paolicelli lli Centro S3, Modena Microscopio ottico Scanning Probe Microscopy, SPM AFM Microscopi elettronici TEM SEM STM Scanning Probe Microscopy, SPM? Immagine microscopica

Dettagli

Microscopia alla nanoscala

Microscopia alla nanoscala Microscopia alla nanoscala Guido Paolicelli lli Centro S3, Modena Microscopio ottico Microscopi elettronici TEM SEM Scanning Probe Microscopy, SPM STM AFM Scanning Probe Microscopy, SPM? Un insieme di

Dettagli

Microscopie a Sonda Scanning Probe Microscopies (SPM)

Microscopie a Sonda Scanning Probe Microscopies (SPM) Microscopie a Sonda Scanning Probe Microscopies (SPM) ampia classe di tecniche per l analisi microscopica delle superfici eseguono una mappatura della superficie del campione grazie alle interazioni fra

Dettagli

L utilizzo della microscopia a sonda in ambito biomedico: dallo studio cellulare a quello tissutale.

L utilizzo della microscopia a sonda in ambito biomedico: dallo studio cellulare a quello tissutale. Università degli studi di Trieste L utilizzo della microscopia a sonda in ambito biomedico: dallo studio cellulare a quello tissutale. 5 marzo 2010 Michele Carraro e Cristina Zennaro Università degli Studi

Dettagli

GRUPPO VII. Alessio Federico Bracco Luca Franco Andrea Midolo Leonardo Pedrazzo Francesco

GRUPPO VII. Alessio Federico Bracco Luca Franco Andrea Midolo Leonardo Pedrazzo Francesco UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI SCIENZE M.F.N. Corso di Laurea Specialistica in Fisica delle Tecnologie Avanzate Laboratorio di Tecnologie Avanzate Anno Accademico 2005-2006 GRUPPO VII Alessio

Dettagli

AFM : Atomic Force Microscopy Microscopia a forza atomica

AFM : Atomic Force Microscopy Microscopia a forza atomica AFM : Atomic Force Microscopy Microscopia a forza atomica Tecniche di scanning probe (SPT) (sonda a scansione) Controllo piezoelettrico (risoluzione dell ängstrom) Punta Atomi di superficie Principio generale:

Dettagli

AFM nello studio di strutture nanometriche di acidi nucleici di interesse biologico e nanobiotecnologico

AFM nello studio di strutture nanometriche di acidi nucleici di interesse biologico e nanobiotecnologico AFM nello studio di strutture nanometriche di acidi nucleici di interesse biologico e nanobiotecnologico Con l avvento delle microscopie elettroniche e a sonda è stato possibile negli ultimi decenni acquisire

Dettagli

materia: qualche applicazione

materia: qualche applicazione Proprietà quantistiche della Marco Anni Dipartimento di Ingegneria dell Innovazione Università del Salento, Lecce materia: qualche applicazione Proprietà ondulatorie della materia: microscopia elettronica

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

RIVELATORI A SEMICONDUTTORE. Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in :

RIVELATORI A SEMICONDUTTORE. Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in : Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in : (a) Metalli: banda di valenza (BV) e banda di conduzione (BC) sono sovrapposte (E g = 0 ev) (b) Semiconduttori:

Dettagli

Tecniche di microscopia

Tecniche di microscopia Tecniche di microscopia I microscopi permettono di vedere l estremamente piccolo I microscopi ottici utilizzano lenti di vetro in grado di deflettere e focalizzare i raggi luminosi per riprodurre le immagini

Dettagli

Appunti & trasparenze - Parte 10

Appunti & trasparenze - Parte 10 CdL Scienza dei Materiali - Fisica delle Nanotecnologie - a.a. 2004/5 Appunti & trasparenze - Parte 10 Versione 3, Dicembre 2004 Francesco Fuso, tel 0502214305, 0502214293 - fuso@df.unipi.it http://www.df.unipi.it/~fuso/dida

Dettagli

SFM : Microscopia a Scansione di Forza

SFM : Microscopia a Scansione di Forza 1 SFM : Microscopia a Scansione di Forza Giacomo Torzo ICTIMA (Istituto di Chimica e Tecnologie Materiali Avanzati)- CNR e INFM (Istituto Nazionale di Fisica della Materia) Dipartimento di Fisica dell

Dettagli

La soluzione ideale per estendere la Microscopia alla nanoscala in campo Biologico.

La soluzione ideale per estendere la Microscopia alla nanoscala in campo Biologico. La soluzione ideale per estendere la Microscopia alla nanoscala in campo Biologico. Il Bioscope Catalyst è il nuovo AFM sviluppato da Veeco per la ricerca in campo biologico. Fin dall introduzione da parte

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

I fosfolipidi. Figura 3: tipica struttura di un fosfolipide. Schema 1. Struttura del fosfolipide POPE.

I fosfolipidi. Figura 3: tipica struttura di un fosfolipide. Schema 1. Struttura del fosfolipide POPE. Proprietà chimico-fisiche di modelli di sistemi biologici Materiale didattico per lo stage presso il laboratorio NanoBioLab Abstract L attività è basata sull utilizzo di tecniche sperimentali avanzate

Dettagli

FE SEM LEO 1525 ZEISS. A. Di Michele

FE SEM LEO 1525 ZEISS. A. Di Michele Microscopio Elettronico a Scansione FE SEM LEO 1525 ZEISS A. Di Michele Materiali Nanostrutturati - Dipartimento di Fisica 20 Aprile 2012 Laboratorio LUNA Laboratorio Universitario NAnomateriali Acquistato

Dettagli

Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici

Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici La corrente che attraversa una singola molecola deve essere necessariamente misurabile. Il fatto che una corrente di 1 na potesse attraversare

Dettagli

gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo

gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo Dipartimento di Chimica, Università di Bari Aldo Moro CAMPUS, via Orabona 4, 70126 Bari pietro.favia@uniba.it, gerardo.palazzo@uniba.it

Dettagli

Sviluppo di biosensori per la determinazione delle micotossine

Sviluppo di biosensori per la determinazione delle micotossine Sviluppo di biosensori per la determinazione delle micotossine Sviluppo di un biosensore a tecnologia QCM (Quartz Crystal Microbalance) Lucia Mosiello, Katia Spinella, Fabio Vitali Unita Tecnica Sviluppo

Dettagli

STUDIO AFM DI FILM MICROMETRICI DI WO 3

STUDIO AFM DI FILM MICROMETRICI DI WO 3 A L L E G A TO 4 1 STUDIO AFM DI FILM MICROMETRICI DI WO 3 Introduzione Il triossido di tungsteno (WO 3 ) presenta caratteristiche di conduzione peculiari, perché associa ad una discreta conducibilità

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

La microscopia a forza atomica

La microscopia a forza atomica a microscopia a forza atomica a possibilità di produrre immagini con risoluzione atomica è piuttosto affascinante, ma rimase un miraggio fino al 1981, quando Binnig, Rohrer, Gerber, and Weibel inventarono

Dettagli

Nanostrutture auto-organizzate:

Nanostrutture auto-organizzate: Nanostrutture auto-organizzate: entropia, monostrati e macchine molecolari Valentina De Renzi 8 novembre 2011 Perche nano? perche le proprieta della materia a questa scala sono speciali e interessanti

Dettagli

Microscopio a forza atomica: principio di funzionamento e applicazioni in sistemi biologici

Microscopio a forza atomica: principio di funzionamento e applicazioni in sistemi biologici CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN BIOTECNOLOGIE MEDICHE Microscopio a forza atomica: principio di funzionamento e applicazioni in sistemi biologici Corso di Prof. Marcello Alecci Studente Di Pietro Simone

Dettagli

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3.1 Prova di trazione 3.1.3 Estensimetri La precisione e la sensibilità dello strumento variano a seconda dello scopo cui esso è destinato. Nella prova di trazione

Dettagli

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta)

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) E il termine generico che indica una serie di tecniche di separazione di molecole simili in

Dettagli

Scanning Probe Microscopy: STM, AFM and Co.

Scanning Probe Microscopy: STM, AFM and Co. Scanning Probe Microscopy: STM, AFM and Co. Eliana Quartarone Dipartimento di Chimica Fisica M. Rolla Università di Pavia Introduzione Microscopia ottica ed elettronica Ingrandimenti: ~ 1000 e ~100000

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 2

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 2 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Lezione 2 Versatilità del carbonio nel formare legami covalenti La chimica degli organismi viventi è organizzata intorno al

Dettagli

Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione?

Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione? Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione? 2006-2015: dieci anni di SPAIS 2015 Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce IX Edizione Il Sole. La nostra stella e/è

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

Gruppo di ricerca Fluidi complessi ed interfasi

Gruppo di ricerca Fluidi complessi ed interfasi Gruppo di ricerca Fluidi complessi ed interfasi Lab. 20 21 22 Dipartimento di Fisica Sviluppo di microscopia a scansione di sonda su film di idratazione Proteine e stati aggregati in soluzione Ricercatori

Dettagli

Modellizzazione e Controllo di un Microscopio a Forza Atomica Tesi laurea triennale in Ingegneria dell Informazione

Modellizzazione e Controllo di un Microscopio a Forza Atomica Tesi laurea triennale in Ingegneria dell Informazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Modellizzazione e Controllo di un Microscopio a Forza Atomica Tesi laurea triennale in Ingegneria dell Informazione Autore: Davide Cotterle Relatore: prof. Luca Schenato

Dettagli

Sviluppo di Innovazione tecnologica e biotecnologica

Sviluppo di Innovazione tecnologica e biotecnologica Sviluppo di Innovazione tecnologica e biotecnologica Ospitata presso l Incubatore dell Università degli Studi di Torino 2i3T - Società per la gestione dell Incubatore di Imprese e per il Trasferimento

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

LE FORZE INTERMOLECOLARI

LE FORZE INTERMOLECOLARI LE FORZE INTERMOLECOLARI Le forze intermolecolari sono forze che si instaurano tra le molecole e sono decisive nel determinarne le proprietà chimico fisiche Non c è alcun dubbio che il nome di Van der

Dettagli

Caratterizzazione superficiale

Caratterizzazione superficiale www.parkafm.com è una società sud coreana, produttrice di microscopi a forza atomica (AFM) fondata nel 1997 dal Dr. Sang-il Park, denominata PSIA (Park Scientific Instruments Advanced) fino all aprile

Dettagli

Veloci, Economiche, Scalabili: Tecnologie Magnetiche per l Automazione

Veloci, Economiche, Scalabili: Tecnologie Magnetiche per l Automazione TECHNICAL ARTICLE Veloci, Economiche, Scalabili: Tecnologie Magnetiche per l Automazione La famiglia degli attuatori magnetici diretti include motori lineari e voice coil e offre dei vantaggi rispetto

Dettagli

LE MICROSCOPIE A SONDA

LE MICROSCOPIE A SONDA LE MICROSCOPIE A SONDA Scanning Probe Microscopies (SPM) Una nuova classe di tecniche di microscopia per l analisi delle superfici e degli oggetti su esse deposti Sono basate su di una sonda microscopica

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

Microscopica Elettronica a Scansione (SEM)

Microscopica Elettronica a Scansione (SEM) Microscopica Elettronica a Scansione (SEM) risoluzione microscopia ottica (LM) 200 Å (0.02 µm) microscopia elettronica (EM) 2 Å (0.2 10-3 µm) TEM 0.1 nm SEM 5 nm vantaggi SEM: immagini di campioni massivi

Dettagli

MICROSCOPIO ad EFFETTO TUNNEL. Scanning Tunneling Microscope

MICROSCOPIO ad EFFETTO TUNNEL. Scanning Tunneling Microscope MICROSCOPIA: dal microscopio ottico al microscopio a risoluzione atomica GRAFITE 1cm Occhio umano 10µm microscopio ottico 0.1µm microscopio elettronico. 0.1nm 1nm microscopio a scansione MICROSCOPIO ad

Dettagli

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita.

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. Elettroforesi Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. A qualunque ph diverso dal pi le proteine hanno una carica netta quindi,

Dettagli

Membrane Biologiche preservano l individualità della cellula hanno permeabilità altamente selettiva pompe confine attivo canali controllano il flusso di informazione recettori specifici movimento verso

Dettagli

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8 Coefficiente τ di trasmissione del rumore di una parete τ = W W t = Potere fonoisolante R di una parete i potenza sonora trasmessa al di là della parete potenza sonora incidente sulla parete R = livello

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

Lezione n. 2 OLTRE LA MICROSCOPIA OTTICA: Le nuove nano -scopie (Parte II)

Lezione n. 2 OLTRE LA MICROSCOPIA OTTICA: Le nuove nano -scopie (Parte II) Lezione n. 2 OLTRE LA MICROSCOPIA OTTICA: Le nuove nano -scopie (Parte II) Sandro Carrara Corso di NanoBioTecnologie I microscopi ci fanno vedere le cose micro Microbi Cellule I circuiti della microelettronica

Dettagli

Fenomeni magnetici. VII secolo: magnetite (FeO.Fe 2 O 3 ) attira limatura di ferro:

Fenomeni magnetici. VII secolo: magnetite (FeO.Fe 2 O 3 ) attira limatura di ferro: Fenomeni magnetici VII secolo: magnetite (FeO.Fe 2 O 3 ) attira limatura di ferro: proprietà non uniforme nel materiale; si manifesta in determinate parti. campioni cilindrici (magneti) nei quali tale

Dettagli

Giornata di studio Problematiche di misura della pressione: Sensori e trasduttori di misura della pressione

Giornata di studio Problematiche di misura della pressione: Sensori e trasduttori di misura della pressione Giornata di studio Problematiche di misura della pressione: Sensori e trasduttori di misura della pressione Prof. Marco Dell Isola Dipartimento di Meccanica Strutture Ambiente e Territorio Università degli

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Lezione 3 Le proprietà fisiche dell acqua Concetti chiave: Le molecole d'acqua, che sono polari, possono formare legami idrogeno

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

wafer (100) wafer (110) wafer (111) y x

wafer (100) wafer (110) wafer (111) y x wafer (100) wafer (110) wafer (111) z z z y y y x x x Scanning Electron Microscope (SEM) image - Processi di deposizione di strati sottili di materiali i) Physical Vapor Deposition ii) sputtering A) PROCESSI

Dettagli

SCIENZA DEI MATERIALI STUDIO DI BAGNABILITA DELL OSSIDO DI GRAFENE

SCIENZA DEI MATERIALI STUDIO DI BAGNABILITA DELL OSSIDO DI GRAFENE UNIVERSITÀ DEGLISTUDIDIPADOVA Dipartimento di Scienze Chimiche Dipartimento di Fisica ed Astronomia Galileo Galilei Laurea specialistica in SCIENZA DEI MATERIALI STUDIO DI BAGNABILITA DELL OSSIDO DI GRAFENE

Dettagli

Fonoassorbimento: materiali e sistemi assorbenti

Fonoassorbimento: materiali e sistemi assorbenti SISTEMI FONOASSORBENTI Fonoassorbimento: materiali e sistemi assorbenti Per assorbire l energia sonora presente in un ambiente si ricorre all utilizzo di sistemi fonoassorbenti; ovvero dei sistemi con

Dettagli

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI.

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. I GAS Tutti i gas sono accomunati dalle seguenti proprietà: I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. L aria compressa occupa un volume minore rispetto a quello occupato dall aria non compressa (Es. gomme dell auto

Dettagli

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto Contenuto o legame chimico C C - legame covalente, energia di legame - struttura tetragonale dei quattro legami del carbonio reazioni di polimerizzazione - poliaddizione, esempi - policondensazione, esempi

Dettagli

determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D

determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D Metodi di studio delle proteine : determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D Spettrofotometro cuvetta monocromatore rivelatore

Dettagli

Spettrometria di massa

Spettrometria di massa Tecniche di monitoraggio ambientale di tipo fisico Spettrometria di massa (J. B. Fenn, K. Tanaka, K. Wüthrich, premio nobel per la chimica nel 2002) Analisi chimica dell aerosol Riconoscimento di inquinanti

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

LEGAME CHIMICO In natura solo i gas nobili si ritrovano allo stato monoatomico. Gli altri atomi tendono a legarsi spontaneamente fra di loro per formare delle MOLECOLE, raggiungendo una condizione di MAGGIORE

Dettagli

Applicazioni biomediche e biotecnologiche di biomolecole: I Biosensori

Applicazioni biomediche e biotecnologiche di biomolecole: I Biosensori Applicazioni biomediche e biotecnologiche di biomolecole: I Biosensori I Biosensori Sono strumenti analitici in grado di fornire informazioni quantitative o semiquantitative utilizzando un elemento di

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

NUCLEOTIDI e ACIDI NUCLEICI

NUCLEOTIDI e ACIDI NUCLEICI NUCLEOTIDI e ACIDI NUCLEICI Struttura dei nucleotidi Il gruppo fosfato conferisce carica negativa e proprietà acide FUNZIONI DEI NUCLEOTIDI MOLECOLE DI RISERVA DI ENERGIA L idrolisi dei nucleosidi trifosfato

Dettagli

Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali

Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali September, 2012 Nel vasto mondo degli alimentatori possiamo identificare due principali categorie: a Tensione Costante ed

Dettagli

Fenomeni di superficie nei liquidi

Fenomeni di superficie nei liquidi Fenomeni di superficie nei liquidi Interno di un liquido R=0 Superficie di un liquido r R 0 Forze di coesione. Interazioni attrattive o repulsive anche con molecole di altre sostanze Alcuni effetti della

Dettagli

Scanning Probe Microscopy

Scanning Probe Microscopy Università degli Studi di Salerno Scanning Probe Microscopy A world of Surface Science Techniques Prof. Annamaria Cucolo CNR-INFM Laboratorio Regionale SUPERMAT Outline Optical Microscope Electron Microscopes

Dettagli

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Gli strumenti per la misura di temperatura negli impianti industriali sono soggetti

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare Progetto Luce Come catturare l energia della luce solare Luce - Energia Tutta l energia disponibile sulla terra ci proviene dal sole Il sole emette energia come un corpo nero Solo una parte di questa energia

Dettagli

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE TecnoBody Rehabilitation Systems TM ISOMOVE L Isocinetica elastica In natura sappiamo che il movimento isocinetico non esiste ma è stato costruito in laboratorio per ottimizzare il processo di recupero.

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO COME FUNZIONA UNA CELLA FOTOVOLTAICA EFFETTO FOTOVOLTAICO: Un flusso luminoso che incide su un materiale semiconduttore opportunamente

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 7: Generalità à sul RIA D. Cecchin, F. Bui Diverse tipologie di RIA? 1) DOSAGGIO

Dettagli

Cos è il nastro autoadesivo?

Cos è il nastro autoadesivo? Cos è il nastro autoadesivo? Per nastro autoadesivo si intende una striscia di materiale che può aderire con la semplice pressione su varie superfici senza la necessità di calore, umettatura od altro.

Dettagli

Microscopia metodi, limiti, possibilità

Microscopia metodi, limiti, possibilità Microscopia metodi, limiti, possibilità Incrementando di un fattore 10 la potenza dell occhio umano tramite il suo telescopio, Galileo Galilei è riuscito a studiare la superficie della Luna e scoprire

Dettagli

03/11/15. Metodi vigorosi

03/11/15. Metodi vigorosi Metodi blandi Lisi cellulare con detergenti Metodi vigorosi 1 1. Centrifugazione preparativa Centrifugazione preparativa permette di separare i vari elementi di un omogenato cellulare 2. Ultracentrifugazione

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93 INDICE CAPITOLO 25 CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 25.1 Elettromagnetismo: presentazione 591 25.2 Carica elettrica 592 25.3 Conduttori e isolanti 595 25.4 Legge di Coulomb 597 25.5 Distribuzioni

Dettagli

Stazione di ricarica per il robot Tobor

Stazione di ricarica per il robot Tobor UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dellʼinformazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

Microscopia a scansione di sonda a correnti inferiori al pa.

Microscopia a scansione di sonda a correnti inferiori al pa. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento di Fisica Scuola di Dottorato in Scienze Dottorato di Ricerca in Fisica - ciclo XXI settore scientifico disciplinare - FIS/03 Microscopia a scansione di sonda

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi.

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi. Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE Facoltà di Scienze della Formazione Scienze della Formazione Primaria Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale

Dettagli

INFORMATIVA N. 7/2011. Tecnologia Plasma a pressione atmosferica Made in Italy

INFORMATIVA N. 7/2011. Tecnologia Plasma a pressione atmosferica Made in Italy INFORMATIVA N. 7/2011 Tecnologia Plasma a pressione atmosferica Made in Italy Lo sviluppo della tecnologia Plasma a livello industriale è, da anni, argomento di studio di molti centri di ricerca a livello

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

La barriera di potenziale: effetto tunnel

La barriera di potenziale: effetto tunnel La barriera di potenziale: effetto tunnel 1 Barriera di potenziale: caso classico V v V v 0 per a Enrico > x > a Silva - proprietà intellettuale v non ceduta V(x) = 0 Non per x è permessa, > a in particolare,

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli

Tintura. Tintura in botte

Tintura. Tintura in botte Tintura 1 Tintura Si conferisce a tutta la pelle nella sua sezione, la colorazione di base che poi sarà raggiunta in maniera definitiva con la fase di finissaggio (rifinizione) Tintura in botte 2 Le materie

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

XRF SEM Micro-Raman. Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker. Analisi elementale qualitativa e quantitativa

XRF SEM Micro-Raman. Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker. Analisi elementale qualitativa e quantitativa XRF SEM Micro-Raman Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker Analisi elementale qualitativa e quantitativa Non distruttiva Campioni solidi, liquidi o in polvere Multielementale Veloce Limite di

Dettagli

Durante la propagazione di un onda non c è trasporto di materia, ma propagazione di energia.

Durante la propagazione di un onda non c è trasporto di materia, ma propagazione di energia. ONDE Durante la propagazione di un onda non c è trasporto di materia, ma propagazione di energia. ONDE ELASTICHE Un onda elastica è una perturbazione che si propaga in un mezzo senza movimento di materia

Dettagli

International Textil Education. Machinery Division. Manuale per la stampa a trasferimento termico

International Textil Education. Machinery Division. Manuale per la stampa a trasferimento termico Machinery Division Manuale per la stampa a trasferimento termico Manuale per la stampa a trasferimento termico STAMPA A TRASFERIMENTO TERMICO.....4 Principio di funzionamento.4 SRUTTURA INTERNA...5 Testina

Dettagli

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia.

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Lo stato di aggregazione di un sistema è determinato dalla energia cinetica delle particelle e dall energia potenziale dovuta alle forze di coesione fra le

Dettagli

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI NORME GENERALI L imballaggio deve essere sufficientemente ROBUSTO. Il materiale utilizzato per l imballaggio deve essere scelto in base al tipo di merce che deve

Dettagli

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Aniello (Daniele) Mennella Dipartimento di Fisica Secondo modulo Parte prima (fondamenti di elettromagnetismo) Lezione 1 Carica elettrica, legge

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO

METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO SPETTROFOTOMETRIA DI ASSORBIMENTO TURBIDIMETRIA/NEFELOMETRIA FLUORIMETRIA SPETTROFOTOMETRIA DI ASSORBIMENTO ATOMICO FOTOMETRIA DI EMISSIONE A FIAMMA RIFLETTANZA

Dettagli