PRESCRIZIONI TECNICHE OPERE ELETTRICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESCRIZIONI TECNICHE OPERE ELETTRICHE"

Transcript

1 PRESCRIZIONI TECNICHE OPERE ELETTRICHE Tutte le opere di seguito elencate s intendono eseguite a corpo chiavi in mano. S intendono compresi, anche se non espressamente citati, tutti gli accessori necessari per la messa in funzione dell impianto e delle apparecchiature, quali: alimentatori, scatole di derivazione, tasselli, morsetti, capicorda, tasselli, ecc. L energia elettrica sarà fornita dalla cabina di bassa tensione più gruppo elettrogeno del Presidio per quanto concerne la distribuzione FM normale; dal gruppo elettrogeno per la distribuzione privilegiata. Tensione d esercizio: 230/400V Frequenza: 50 Hz Fasi TRIFASE +neutro Tipo d alimentazione: SISTEMA TN-S Cabina di trasformazione 1000KVA Corrente di corto circuito 28,9 KA Cadute di tensione ammissibili: 4% Corrente di guasto a Terra: 300 Tempo d intervento dell Ente Distributore: min:0,6 Corrente corto circuito al punto d allacciamento 6KA trifase, 4,5 KA monofase; Sono totalmente a carico della Ditta Appaltatrice le opere edili: tracce per incasso tubazioni, scatole portafrutti, e altro, compreso i successivi ripristini. Dovranno essere forniti e posate lampade al neon ad alta efficienza, tipo Philips../840. I collegamenti delle lampade dovranno essere eseguiti con tubazioni in PVC accuratamente staffate (con appositi tasselli) al soffitto. Nessun cavo o flessibile, anche se in doppio isolamento dovrà poggiare sul pannello della controsoffittatura. Detto flessibile dovrà arrivare dall alto ed entrare con apposito bloccatubo (PG) nel corpo illuminante. Anche i cavi a doppio isolamento dovranno essere infilati in tubazioni. Tutte le linee elettriche in partenza dal quadro/i elettrici dovranno avere il bloccatubo tipo (PG). Il Presidio avrà in futuro centrale per controllo lampade d emergenza a batteria tampone del tipo indirizzato, marca O.V.A.. La Ditta Appaltatrice (in tutti i locali in seguito descritti), dovrà procedere alla fornitura e posa di corpi illuminanti a batteria tampone, installando plafoniere OVA del tipo indirizzato 24W autonomia 3 ore (modello e caratteristiche simile al materiale già presente nei reparti ristrutturati: Farmacia. SERT, 2 piano, Nuovo Pronto Soccorso. Nei locali con controsoffittatura le lampada d emergenza dovranno essere incassate (con apposita scatola) nel pannello del controsoffitto. (lavoro eseguito chiavi in mano dalla ditta appaltatrice) 47

2 Al termine dei lavori dovrà essere eseguito rilievo e passaggio disegni/schemi su CAD e certificazione TOTALE (fatta da Tecnico abilitato: p.i. o ingegnere), dell intero impianto elettrico (luce, F.M. segnali), prova int. differenziali, misura resistenza di terra dei nodi equipotenziali, prove illuminotecniche (di tutti i locali, compresi servizi igienici e depositi), prova e misura resistenza di terra dispersori di Presidio (cabine elettriche e cortili). DOVRA ESSERE RIFATTO ED AGGIORNATO LO SCHEMA ELETTRICO DELLA CABINA DI BASSA TENSIONE DEL PRESIDIO. (Aggiornamento s intende totale, e dovrà essere fornita copia da affiggere sottovetro delle dim. minime come l esistente). In particolare dovranno essere eseguiti rilievi particolareggiati e realizzazione di schemi di distribuzione, almeno scala 1: 100. Dovranno essere realizzate tavole per: Circuito LUCE ordinaria Lampade emergenza, videocitofono. Circuito F.M. Antincendio rilevazione fumi Quadro/i elettrico/i di reparto. Impianto di terra e nodi equipotenziali Eventuali scatole di derivazione complesse (giunti/derivazioni guardiola portineria) Schema elettrico cabina di b.t. e locale UPS: TUTTE LE TAVOLE OLTRE CHE SU SUPPORTO CARTACEO, DA CONSEGNARE IN 4 COPIE ORIGINALI (compreso quadro elettrico), DOVRANNO ESSERE anche SU SUPPORTO MAGNETICO (AUTOCAD). L IMPIANTO ELETTRICO DOVRA ESSERE REALIZZATO IN ESECUZIONE DA ESTERNO ALL INTERNO DELLA CONTROSOFFITTATURA E DA INCASSO SOTTOTRACCIA AL DI SOTTO DELLA CONTROSOFFITTATURA. Sarà compito della Ditta Appaltatrice procedere allo smontaggio del quadro elettrico generale, all allontanamento del reparto per procedere alla posa di sottofondi e pavimenti, e successivamente il riposizionamento (da incasso) nella zona corridoio/ingresso in apposita nicchia da realizzare all interno del corridoio. Il nuovo impianto che si andrò a realizzare sarà da incasso sottotraccia, realizzato con tubazioni in pvc. NB: E ESPRESSAMENTE RICHIESTO L USO DI TUBAZIONI IN P.V.C. Distribuzione F.M dal quadretto di stanza diam. Tubazione 25mmq.Tubazione distinta per ogni gruppo presa.diametro minimo in generale non inferiore a 20 mmq. EVENTUALE USO DI FLESSIBILI (ad esclusione dei dell alimentazione dei punti luce) DOVRà ESSERE PREVENTIVAMENTE RICHIESTO ED AUTORIZZATO DALLA DIREZIONE SANITARIA E COMUNQUE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER PUNTI CRITICI CON DIVERSE CURVE E/O PASSAGGI OBBLIGATI. 48

3 I locali dovranno essere controsoffittati, pertanto la parte orizzontale dell impianto, al di sopra della controsoffittatura, dovrà essere realizzata a vista, con canalina zincata e con tubazioni in pvc staffati (con tasselli) alle pareti. I lavori in generale possono così essere riassunti: 1. Smontaggio e Modifiche al quadro elettrico generale di reparto, e successivi collegamenti. 2. Fornitura e posa, per tutta la lunghezza dei locali, al di sopra della controsoffittatura,di canalina in acciaio zincato a diversi scomparti, che dovrà contenere le dorsali elettriche, il sistema BUS per controllo lampade d emergenza e sistema rilevazione fumi, nonché la trasmissione dati. 3. Rifacimento linee elettriche di dorsali di distribuzione, a valle del rispettivo interruttore generale e distribuite per i vari locali. Come specificato nei capitoli successivi e dagli elaborati grafici allegati. 4. Nuovo impianto elettrico per ogni locale, realizzato in esecuzione da esterno all interno della controsoffittatura e da incasso sottotraccia al disotto della stessa. 5. Formazione di punti luce e fornitura e posa di nuovi corpi illuminanti. 6. Creazione di punti luce e fornitura e posa di lampade d emergenza a batteria tampone del tipo indirizzato che dovrà dialogare con la centralina del Presidio marca O.V.A.. 7. Rilevazione fumi per tutti i locali, del tipo a BUS INDIRIZZATO marca NOTIFIER, escluso la centrale poiché già presente centralizzata c/o la guardiola portineria del Presidio. 8. Videocitofono tra la porta d ingresso e i locali più avanti specificati. 9. Predisposizione per impianto interfonico fra i vari locali. 10. Predisposizione per impianto di trasmissione dati fonia.. Sono comprese le tubazioni e le scatole portafrutti (tubazioni e scatole da incasso), compreso le opere edili necessarie. Sono esclusi tutti gli apparati attivi. DESCRIZIONE DELLE OPERE 1. SMONTAGGI/ SMANTELLAMENTI Lo smantellamento s intende completo: Smontaggio completo degli attuali corpi illuminanti Smontaggio completo delle lampade d emergenza autoalimentate a batteria tampone; Smantellamento completo delle vecchie dorsali d alimentazione. Circuito Luce, Luce d emergenza, Forza Motrice. COMPRESO LO SFILAGGIO DEI CONDUTTORI. Smontaggio centralini modulari e organi di comando, e vecchie canalizzazioni. Tutto il materiale, non recuperabile (secondo ordini impartiti dalla Direzione Lavori), dovrà essere, a totale carico della Ditta appaltatrice, portato alle Pubbliche discariche e in ogni caso trattato secondo i termini di legge sui rifiuti non assimilabili agli urbani. 49

4 2. DORSALI ELETTRICHE E INTERRUTTORI MAGNETOTERMICI DI PROTEZIONE Saranno riutilizzate le attuali dorsali di alimentazione in partenza ognuna dal rispettivo interruttore magnetotermico di protezione, all interno del quadro elettrico di distribuzione, cabina elettrica di Presidio, al piano seminterrato. Le due linee saranno suddivise in linea elettrica normale e linea elettrica privilegiata. In particolare: 2.1. F.M. Normale: La linea esistente tipo a CAVO FG7 sezione 35 mmq- 3 fasi, neutro, terra è derivata dalla cabina elettrica di Presidio, a valle del rispettivo interruttore magnetotermico F.M. PRIVILEGIATA: Linea tipo a CAVO FG7 sezione 25 mmq- 3 fasi, neutro, terra. Attualmente è derivata, come la linea FM Normale dal quadro elettrico di bassa tensione. Dovrà essere scollegata e allacciata al Quadro UPS Laboratorio Analisi Vecchia Cabina elettrica piano seminterrato. Dovrà essere fornito e posato il relativo interruttore magnetotermico di protezione. Da installare nel quadro elettrico in uscita dal Gruppo di continuità Laboratorio Analisi Calibro 125 A Tetrapolare. (con taratura In 63 A ) 3. QUADRO ELETTRICO DI ZONA E LINEE DI DISTRIBUZIONE Il quadro elettrico esistente dovrà essere recuperato. Sono a carico della Ditta Appaltatrice le opere relative allo smontaggio del suddetto quadro, per permettere i lavori edili. Le modifiche necessarie come da schema specifico allegato. Il quadro elettrico dovrà essere diviso in due zone: f.m. normale e f.m. privilegiata. La prima con linea elettrica in arrivo dal quadro b.t cabina elettrica di Presidio, la seconda dall UPS all interno del locale vecchia cabina b.t.. Il successivo riposizionamento e collegamento delle varie dorsali in partenza dallo stesso. Dal quadro dovranno partire, le linee elettriche, tutte in cavo tipo FG7, che saranno distribuite all interno della canalizzazione a sua volta fornita e posata nella controsoffittatura del corridoio. La parte in verticale uscita quadro fino alla controsoffittatura dovrà essere realizzata da incasso con tubazioni e/o canalizzazioni con il 50 % di riserva, il sistema dovrà essere da incasso, ma comunque facilmente ispezionabile per controlli o future aggiunte di linee elettriche. 3.1 ELENCO LINEE ELETTRICHE E INTERRUTTORI MAGNETOTERMICI Nel corridoio (a perimetro), all interno della controsoffittatura, dovrà essere fornita e posata canalina in PVC/zincato tipo Forato della dimensione minima di mm500 con coperchio, con setti separatori per ottenere più scomparti. La canalina dovrà essere installata per tutto il perimetro del corridoio, lato dx e sx. in doppia canalizzazione distinta per F.M. e per segnali: trasmissione dati, antincendio. 50

5 All interno della canalizzazione di cui sopra, dovranno essere fornite e posate nuove dorsali elettriche di distribuzione, LUCE, FORZA MOTRICE,, ANTINCENDIO rilevazione fumi e successivamente FONIA/TRASMISSIONE DATI. A) SEZIONE NORMALE ELENCO LINEE DA FORNIRE ACCESSORI COMPRESI) POSARE (COLLEGAMENTI E 1. CAVO FG7 4X16mmq F.M. NORMALE LINEA DX (interruttore magnetotermico differenziale di protezione presente nel quadro elettrico 4x25A Id 0,5A). 2. CAVO FG7 4X16mmq F.M. NORMALE LINEA SX (interruttore magnetotermico differenziale di protezione presente nel quadro elettrico 4x25A Id 0,5A). 3. CAVO FG7 4X16mmq F.M. LINEA CDZ ARIA (interruttore magnetotermico differenziale di protezione presente nel quadro elettrico 4x25A Id 0,03A). 4. CAVO FG7 4X6mmq SALA PRELIEVI (interruttore magnetotermico differenziale di protezione presente nel quadro elettrico 4x25A Id 0,5A). 5. CAVO FG7 2X2,5 mmq LUCE CORRIDOIO 1 (interruttore magnet. Differenziale Bipolare In 10A - 10KA presente nel quadro elettrico) con comando a relè da ingresso. 6. CAVO FG7 2X2,5 mmq LUCE CORRIDOIO 2 (interruttore magnet. Bip. 10A - 10KA presente nel quadro elettrico) con comando a relè da ingresso. 7. CAVO FG7 2X2,5 mmq LAMPADE EMERGENZA compreso interruttore magnet. Bipolare In 10A - 10KA presente nel quadro elettrico. 8. CAVO FG7 2X2,5 mmq VIDEOCITOFONO (Interruttore magnetotermico differenziale bipolare In 10A Id 0,03A. presente nel quadro elettrico). 9. CAVO FG7 3X4 mmq SERVIZI IGIENICI (Interruttore magnetotermico differenziale bipolare In 10A Id 0,03A. Presente nel quadro elettrico). 10. CAVO FG7 3X4 mmq DEPOSITI E VANI TECNICI (Interruttore magnetotermico differenziale bipolare In 10A Id 0,03A. presente nel quadro elettrico). 11. CORDINA 25mmq da posare all interno della canalina zincata per tutto il perimetro di distribuzione. B) SEZIONE PRIVILEGIATA 12. CAVO FG7 4X10mmq - F.M. privilegiata DX (interruttore magnetotermico di protezione presente nel quadro elettrico 4x250A. 13. CAVO FG7 4X10mmq F.M. PRIVILEGIATA SX (interruttore magnetotermico di protezione presente nel quadro elettrico 4x25A. 3.2 CORRIDOIO ILLUMINAZIONE Dovranno essere realizzate nuove dorsali elettriche in partenza dal rispettivo interruttore di protezione (quadro di piano del reparto), posate all interno, della canalizzazione di cui al punto precedente. S intendono comprese le opere edili con successivi ripristini necessari 51

6 Elenco dorsali elettriche da fornire e posare: ILLUMINAZIONE ORDINARIA 1 LAMPADE D EMERGENZA - Dovranno essere realizzati i seguenti punti luce: CORRIDOIO n 7 punti luce per ILLUMINAZIONE ORDINARIA 1 con fornitura e posa di n 7 corpi illuminati 4x18 W lamellare tipo Disano 777. n 7 punti luce per LAMPADE D EMERGENZA (+sistema BUS) plafoniere tipo OVA indirizzate. Le due plafoniere nella zona ingresso uscita di sicurezza dovranno essere con serigrafia che indichi Uscita e Uscita di Sicurezza. 3.3) PULSANTE D EMERGENZA INTERRUZIONE ENERGIA ELETTRICA Dovranno essere forniti e posati n 2 pulsanti da incasso per sgancio d emergenza impianto elettrico, da installare nelle adiacenze delle n 2 uscite (normale e di sicurezza, e comunque all interno della zona filtro antincendio, compreso sistema di controllo presenza tensione, per controllo VV.FF. I pulsanti d emergenza, dovranno aprire gli interruttori generale del Reparto situati nella cabina di B.T. del Presidio, e nel locale UPS di cui al punto precedente. Si intende a carico della Ditta Appaltatrice la f. e posa di idonee bobine di sgancio da installare nell interruttore generale b.t., e nel locale UPS compreso tutte le opere necessarie: cavi elettrici di collegamento pulsanti bobine di sgancio, corsetterie, ecc. Dovrà essere predisposto il materiale e l impianto necessario (bobina di sgancio sull interruttore generale cdz aria situato nel locale cabina elettrica), per far si che il pulsante d emergenza interrompi l erogazione di energia elettrica. 4. IMPIANTO ELETTRICO LOCALI: SHOW-ROOM AUSILI BOX PRELIEVI AMBULATORI 1, 2, 3- PALESTRA CUCINA LOCALE INFORMATICA Gli OTTO locali sopra elencati s intendono AMBULATORIO/SALA VISITE e rispetto alla CEI CEI 64/8-7 sono classificabili come locali Adibiti ad Uso medico con parti applicate, (Ambulatorio di tipo A cui alle excei 64-4). Dovranno pertanto essere realizzati nodo equipotenziale di terra, e protezione con interruttore differenziale ad alta sensibilità Id:0,03A - 10 KA. Per ognuno dei locali si dovrà prevedere: 52

7 Nuovo impianto elettrico realizzato in esterno al di sopra della controsoffitatura e da incasso al di sotto a vista. Fornitura e posa di quadretto modulare 24 moduli con portella contenente: Interruttore magnetotermico differenziale bipolare GENERALE F.M NORMALE Id:0,03A In25A. 10 KA. Interruttore magnetotermico bipolare In 6A, plafoniere d emergenza; Interruttore magnetotermico bipolare In 10A, CIRCUITO LUCE; Interruttore magnetotermico bipolare In 15A, CIRCUITO F.M.; Interruttore magnetotermico differenziale bipolare circuito F.M. privilegiata 15A, Id: 0,03A - 10 KA. Fornitura e posa di n 1 plafoniere d emergenza autoalimentate a batterie tampone, 1x24w autonomia tre ore OVA tipo indirizzato. compreso la formazione di punto luce, protetto da interruttore magnetotermico, Posa di n 3 gruppi prese, contenenti ognuno n 3 prese universali protette da interruttore magnetotermico+ n 3 Gruppi con ognuno n 3 biprese, comprensivo, (per ognuno), di linea elettrica in partenza dal rispettivo interruttore magnetotermico all interno del quadretto elettrico del locale. Fornitura e posa N 2 Presa CEE interbloccata 15A 2P, con fusibili compreso formazione punto presa dal relativo interruttore differenziale di protezione. Come specificato nell elaborato grafico allegato, formazione di punti luce con la fornitura e posa di plafoniere 4x18W al neon lamellare speculare tipo Disano 773 elettronica, complete di tubo fluorescente ad alta resa (Philips ---/840), con n 2 accensioni indipendenti, e comandabili da due punti. L accensione delle plafoniere dovrà essere possibile sia nelle adiacenze dell ingresso locale, sia da una delle due pareti (con sistema deviato o a relè), in modo da poter comandare l accensione lampade da due punti distinti del locale. Gli organi di comando dovranno essere del tipo già presente nei locali ristrutturati del Presidio (Nuovo Pronto soccorso, 3 piano ambulatori, ortottica, SERT ecc), del tipo GEWISS PLAYBUS (colore placche da definire successivamente da questa stazione appaltante). Come specificato dell elaborato grafico allegato, fornitura e posa di rilevatori fumi sistema a BUS centralizzato, doppio rilevatore uno nel locale e uno all interno della controsoffittatura con led di segnalazione. Linee elettriche da derivare dalle dorsali F.M. normale e Privilegiata distribuite nel corridoio all interno della controsoffittatura, compresa la fornitura di idonea canalizzazione. Tutti i locali avranno all interno lavabo con leva clinica. Oltre alla messa a terra attraverso nodo equipotenziali, per ognuno di essi dovrà essere predisposto, da incasso, punto presa linea F.M. attestata dentro scatola di derivazione da incasso IP65, per allacciamento rubinetto con fotocellula. TRASMISSIONE DATI/FONIA:Fornitura e posa, per ogni locale, di n 3 scatole tipo 503 da incasso ognuno con proprio tubazione diam 25 mm da incasso. Ognuna delle tre tubazioni dovrà essere collegata alla canalizzazione zincata del corridoio nello scomparto trasmissione dati. Successivamente saranno posati le linee trasmissione dati. IMPIANTO INTERFONICO: Fornitura e posa per ogni locale (nella zona adiacente al quadretto del locale, o comunque secondo ordini impartiti dalla Direzione Lavori all atto dell esecuzione lavori), di scatola tipo 503 da incasso con tubazione collegata (da incasso) alla canalina di distribuzione corridoio, 4.1. IMPIANTO ELETTRICO LOCALE CUCINA 53

8 In aggiunta a quanto segnalato per i locali di cui al punto 5, per i locale cucina si dovrà prevedere: Interruttore magnetotermico differenziale tetrapolaree circuito F.M. normale 40A, Id: 0,03A - 10 KA. Fornitura e posa N 1 Presa CEE interbloccata 32A 4P, con fusibili compreso formazione punto presa dal relativo interruttore differenziale di protezione. 5. SERVIZI IGIENICI L impianto elettrico nei servizi igienici dovrà essere realizzato da incasso, con grado di protezione almeno IP55, sono totale carico della ditta Appaltatrice le opere edili e i successivi ripristini. PER OGNUNO DEI 3 GRUPPI DI SERVIZI IGIENICI: Fornitura e posa all interno del quadro elettrico generale di interruttore magnetotermico differenziale bipolare LUCE Id:0,03A In 10A - 10 KA. Formazione di punti luce con la fornitura e posa di plafoniere da incasso, con protezione almeno IP44. Organi di comando tipo GEWISS PLAYBUS (colore placche da definire successivamente da questa stazione appaltante), in parallelo agli stessi dovranno essere installati sensori di movimento per comando lampade. Formazione di punto presa, compreso attacco per eventuale rubinetto con comando elettrico. Il punto presa dovrà essere nelle adiacenze dei due lavabi e dei 2 WC, con scatole 503 con coperchio stagno IP65. Formazione di n 1 punto presa con presa interbloccata con fusibili 15A. Fornitura e posa di n 3 plafoniere d emergenza autoalimentate a batterie tampone, 1x24w autonomia tre ore OVA tipo indirizzato. compreso la formazione di punto luce, protetto da interruttore magnetotermico. Sistema di chiamata in emergenza a tirante, compreso la fornitura e posa del relativo impianto: trasformatore, pulsante a tirante, linea elettrica, relè, pulsanti di sgancio, lampada di segnalazione esterno camera, il tutto in esecuzione stagna IP SPOGLIATOIO UTENTI Fornitura e posa di quadretto modulare da parete 12 moduli con portella IP 55 contenente: Interruttore magnetotermico differenziale bipolare LUCE Id:0,03A In 10A - 10 KA. Formazione di n 1 punti luce con la fornitura e posa n 3 plafoniere 4X18W da incasso.i corpi illuminanti dovranno essere complete di tubo fluorescente ad alta resa (Philips..840). Organi di comando tipo GEWISS PLAYBUS (colore placche da definire successivamente da questa stazione appaltante), in parallelo agli stessi dovranno essere installati sensori di movimento per comando lampade. Formazione di n 2 punto presa, compreso attacco per eventuale rubinetto con comando elettrico. Il punto presa dovrà essere nelle adiacenze dei due lavabi e dei 2 WC, con scatole 503 con coperchio stagno IP65. Formazione di n 1 punto presa con presa interbloccata con fusibili 15A. 54

9 Fornitura e posa di n 1plafoniere d emergenza autoalimentate a batterie tampone, 1x24w autonomia tre ore OVA tipo indirizzato. compreso la formazione di punto luce, protetto da interruttore magnetotermico. Sistema di chiamata in emergenza a tirante, compreso la fornitura e posa del relativo impianto: trasformatore, pulsante a tirante, linea elettrica, relè, pulsanti di sgancio, lampada di segnalazione esterno camera, il tutto in esecuzione stagna 7. SALA ATTESA IPOVEDENTI E SALA ATTESA LABORATORIO Per ognuno dei 2 locali: Fornitura e posa di quadretto modulare da parete 12 moduli con portella IP 55 contenente: Interruttore magnetotermico differenziale bipolare LUCE Id:0,03A In 10A - 10 KA. Interruttore magnetotermico differenziale bipolare F.M. Id:0,03A In 15A - 10 KA. Formazione di n 6 punti luce con la fornitura e posa n 10 plafoniere 2x36W (o 4x18W)da parete o da incasso (secondo ordini impartiti dalla Direzione Lavori). I corpi illuminanti dovranno essere complete di tubo fluorescente ad alta resa (Philips 58/840). Organi di comando tipo GEWISS PLAYBUS (colore placche da definire successivamente da questa stazione appaltante). Formazione di n 2 punto presa con 2 biprese per ogni scatola 503. Formazione di n 1 punto presa con presa interbloccata con fusibili 15A. Linee elettriche da derivare dalle dorsali F.M. normale e Privilegiata distribuite nel corridoio all interno della controsoffittatura, compresa la fornitura di idonea canalizzazione. Fornitura e posa di n 4 plafoniere d emergenza autoalimentate a batterie tampone, 1x24w autonomia tre ore OVA tipo indirizzato. compreso la formazione di punto luce, protetto da interruttore magnetotermico. 8. VIDEOCITOFONO Dovrà essere posato n 1 sistema videocitofonico, tipo TICINO: 1 POSTO ESTERNO in versione stagna IP55- Ingresso principale 1 POSTI INTERNO ELETTROSERRATURA PER MANIGLIONE ANTIPANICO RIPORTO N 2 SUONERIA (1 CORRIDOIO INTERNO, 1 SALA SOSTA PERSONALE) ALIMENTATORE CON CENTRALINO PER SISTEMA VIDEOCITOFONICO Il sistema videocitofonico dovrà essere posato chiavi in mano, comprese le opere edili e di fabbro. S intendono compresi la fornitura e posa di tutto quanto occorrente per la messa in funzione dell impianto, compreso: Alimentatori installati su scatola a parete con portello, con potenza idonea sia per il sistema videocitofono che per alimentare l elettroserratura sulle porte d ingresso. 55

10 Elettroserrature idonea per porta con maniglione antipanico (n 2: porta ingresso reparto REI, e porta filtro in alluminio anodizzato. Riporto suoneria/ronzatore videocitofono corridoio. Cavi, canalina, tubazioni e accessori vari occorrenti per la messa in funzione chiavi in mano. 9. IMPIANTO INTERFONICO/INTERCOMUNICANTE L appalto prevede la SOLA PREDISPOSIZIONE, con fornitura delle tubazioni e scatole da incasso. Per ognuno dei locali (tutti con la sola esclusione ei servizi igienici e depositi) dovrà essere (nella zona adiacente al quadretto del locale, o comunque secondo ordini impartiti dalla Direzione Lavori all atto dell esecuzione lavori), di scatola tipo 503 da incasso con tubazione (diam. 25 mmq) collegata (da incasso) alla canalina di distribuzione corridoio 10. TRASMISSIONE DATI - TELEFONIA L appalto prevede la SOLA PREDISPOSIZIONE, con fornitura delle tubazioni e scatole da incasso. La tubazione dovrà avere diametro minimo 25 mm. Le tubazioni dovranno essere raccordate alla canalina zincata del corridoio nello comprato relativo alla trasmissione dati/fonia. Pertanto sia nella canalina di dorsale, che nella distribuzione in tutti i locali, dovrà esserci la separazione tra i cavi di energia elettrica, soprattutto nei vari passaggi fra le murature e le derivazioni varie. Tutte le tubazioni dovranno essere attestate da scatola tipo 503 con placca cieca, per futura installazione di presa trasmissione dati. L impianto sarà ultimato successivamente con il passaggio cavi e gli apparati attivi. 11. RILEVAZIONE FUMI TUTTI I LOCALI DEL NUOVO CENTRO IPOVEDENTI DOVRANNO ESSERE CONTROLLATI DA RIVELATORI FUMI. Ad esclusione della CENTRALE DI RIVELAZIONE FUMI fornita da Questa Stazione Appaltante, sono a totale carico della Ditta Appaltatrice la fornitura chiavi in mano della linea di distribuzione BUS DOPPIA LINEA (dalla guardiola portineria al locale), dei rivelatori di incendio, dei moduli di ingresso, i moduli di comando, i pulsanti manuali di allarme incendio, le targhe ottico acustiche, i magneti di ritenuta per le porte tagliafuoco (TUTTE LE PORTE DEL SERVIZIO). Dette apparecchiature dovranno essere idonee al funzionamento con la centrale fornita da questa Stazione Appaltante, pertanto tutti NOTIFIER. 56

11 LA DITTA DOVRA COMUNQUE METTERE IN FUNZIONE OPERATIVO TUTTO IL SISTEMA. S INTENDE FORNITO, ANCHE SE NON ESPRESSAMENTE CITATO TUTTO IL MATERIALE OCCORRENTE (EVENTUALI ALIMENTATORE SCHEDE INTERFACCE ECC), L ASSISTENZA LE PROVE DI FUNZIONAMENTO. L Appalto prevede la formazione dei loop (doppio loop) cui faranno capo i rivelatori di incendio, i moduli di ingresso, i moduli comando, i pulsanti manuali di allarme incendio, le targhe ottiche acustiche per l'evacuazione ed i magneti di ritenuta per le porte tagliafuoco. Sono totalmente a carico della Ditta Appaltatrice la fornitura (anche se non espressamente dettagliato, di tutto quanto richiesto per la messa in funzione chiavi in mano canalina zincata, canalina in PVC, quadretti modulari, tubazioni, scatole di derivazione, tasselli, morsetti, ecc. Compreso collegamenti elettrici e eventuali modifiche dei quadri di piano. IL numero dei vari rilevatori, delle targhe ottico acustiche, dei magneti di tenuta sono rilevabili dal disegno di progetto specifico allegato al presente capitolato. L'impianto sarà realizzato con la tecnica degli impianti per posa a vista entro controsoffitto, oppure incassato (o in canalina, analogamente all impianto elettrico), laddove non presente il controsoffitto. Si dovrà tenere conto di proteggere anche l interno del controsoffitto, costituito da pannelli 600x600, con la posa di rivelatori saranno inseriti all interno della controsoffittatura, con appositi segnalatori posti all esterno in modo da evidenziare eventuali allarmi. Tutte le porte tagliafuoco del piano dovranno essere dotate di magnete di ritenuta con pulsante di sblocco posto in prossimità (specificamente segnalato), in esecuzione da incasso, per lo sblocco della stessa. S intendono a totale carico della ditta Appaltatrice le opere da fabbro per il fissaggio dell elettromagnete e della placca (ed eventuale staffa) di tenuta. Le opere edili per la scatola da incasso (tipo 503 Ticino) le tubazioni occorrenti (fra il pulsante e il magnete e fra il magnete e la dorsale di distribuzione del BUS ), tutte in esecuzione da incasso (o a parete con canalina, secondo quanto previsto per l impianto elettrico). Compresi i successivi ripristini e le tinteggiature, nonché le opere elettriche d alimentazione magneti. I pulsanti allarme incendio indirizzati, sottovetro frangibile antinfortunistico di colore rosso, dovranno essere forniti, posati e collegati, completi di cartello indicatore, martelletto rottura vetro e accessori di montaggio. I magneti per ritenuta porte tagliafuoco con grado REI 120, forza di ritenuta > 500kg per singolo battente, tensione di alimentazione 24 V c.c., dovranno essere forniti, posati e collegati, completi di accessori di montaggio, compreso la fornitura e posa di linea elettrica d alimentazione in partenza dal rispettivo quadri di reparto. Dovrà essere previsto un modulo di isolamento, da incorporare o negli zoccoli dei rivelatori e/o nei pulsanti manuali di incendio, nelle quantità di un modulo ogni 30 punti controllati, o comunque tutti gli accessori indispensabili per la messa in funzione chiavi in mano del dispositivo NOTIFIER. Le scatole di derivazione dovranno essere IP 54 in PVC autoestinguente, o in pressofusione Le tubazioni dovranno essere in PVC autoestinguente, anche di tipo flessibile, completa di accessori di montaggio e staffaggio diametro mm, atte a contenere i conduttori 57

12 I cavi dovranno essere installati a distanza appropriata da linee di altro tipo (220/380 Vac) che potrebbero causare disturbi (es.: linee del sistema di condizionamento, motori e saldatrici elettriche, forni elettrici, ascensori e montacarichi, linee per la radiocomunicazione, ecc.) Lo schermo dovrà essere uniforme e continuo per tutta la lunghezza della linea. Il collegamento a terra dovrà essere effettuato possibilmente fuori dell'armadio della centrale. Dovrà inoltre essere prevista la fornitura e posa di opportune camere di analisi per condotte CDZ, completo di elemento sensibile e tubo di campionamento, laddove presente l impianto canalizzato di trattamento aria. DOVRA ESSERE PREVISTA L INTERRUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALL IMPIANTO DI CDZ ARIA ED EVENTUALMENTE ALL INTERO REPARTO DI ALLARME INCENDIO La Ditta Appaltatrice dovrà pertanto fornire e posare tutti gli accessori (interfacce, attuatori, bobine di sgancio e altro), necessari per quanto sopra. Per i dispositivi periferici (Sensori, Moduli ecc.) dovrà essere fornito: - Manuale di installazione che comprenda sia l'installazione meccanica sia lo schema di collegamento con la centrale - Manuale con le norme da seguire per l'eventuale manutenzione. 58

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 Cap. XI IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 11.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte installatrici del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, comprensivi di: materiali,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006)

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) COMUNE DI IMPRUNETA Provincia di Firenze CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) ALLEGATO Interventi sugli impianti elettrici Il Responsabile

Dettagli

LIBRETTO DELLE MISURE

LIBRETTO DELLE MISURE COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di Lodi pag. 1 LIBRETTO DELLE MISURE OGGETTO: ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DELLA CASERMA DEI CARABINIERI SITA IN VIA MAZZINI, 40 - ORIO LITTA ALLE NORME VIGENTI COMMITTENTE:

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 3 DESCRIZIONE DELLE STRUTTURE E CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO... 5 4 CRITERI DI SICUREZZA ADOTTATI... 6 4.1 PROTEZIONE CONTRO SOVRACCARICHI

Dettagli

VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE TECNICA

VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE TECNICA CAPO 1 DESCRIZIONE GENERALE DELL APPALTO...2 Art. 1 - Oggetto dell appalto...2 Art. 2 Descrizione sommaria delle opere in variante...2 CAPO 2 CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DA REALIZZARE...2

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via Anzani n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE ELETTRICHE E CABLAGGI Il progettista Agosto 2011 1 1 QUADRI ELETTRICI

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

Computo metrico estimativo I.S.I.I."G.Marconi" Adeguamento alle normative vigenti degli impianti elettrici

Computo metrico estimativo I.S.I.I.G.Marconi Adeguamento alle normative vigenti degli impianti elettrici I.S.I.I. "G. MARCONI" QUADRI ELETTRICI 1 a1 Fornitura e posa in opera di un quadro elettrico generale (QGN), da porsi nel locale accanto all'autoclcave, in carpenteria metallica verniciata, per apparecchiature

Dettagli

LISTA DELLE LAVORAZIONI E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'OPERA O DEI LAVORI

LISTA DELLE LAVORAZIONI E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'OPERA O DEI LAVORI Comune di Firenze Provincia di Firenze pag. 1 LISTA DELLE LAVORAZIONI E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'OPERA O DEI LAVORI OGGETTO: Messa a norma autorimessa Via Orcagna, 36 IMPIANTO ANTINCENDIO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA 1. Premessai Dal sopralluogo effettuato si è stabilito che l'impianto elettrico del piano primo risulta di recente rifacimento ed a norma,

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato

Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato ELENCO PREZZI UNITARI IMPIANTO ELETTRICO LUGLIO 2007 descrizione Pagina 1 di 1 A1.1 - QUADRO GENERALE ESTERNO QGE Quadro di tipo prefabbricato in materiale

Dettagli

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA PROGETTO/DIMENSIONAMENTO E VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO A SERVIZIO DELL EDIFICIO COMUNALE DA DESTINARE AD ASILO NIDO -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania LAVORI DI BONIFICA, DISINFESTAZIONE E SPOLVERATURA DEL PATRIMONIO LIBRARIO E DELLA SCAFFALATURA

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA Ing. ARMANDO FERRAIOLI P. I. ANTONIO CROCETTA Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 84013-CAVA DE TIRRENI (SA) 81020-S. NICOLA LA STRADA (CE) ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA

Dettagli

COMPUTO METRICO PREMESSA

COMPUTO METRICO PREMESSA Consorzio Granatieri di Sardegna Edificio 5 Edificio ad uso Commerciale Artigianale Direzionale Impianti Elettrici - Capitolato Speciale di Appalto Norme tecniche PREMESSA I prezzi esposti in elenco devono

Dettagli

Computo metrico impianto elettrico

Computo metrico impianto elettrico Documento: Computo metrico impianto elettrico Oggetto: Progetto impianti elettrici locale CED piano interrato, bagni disabili piano terra e primo, ampliamento ufficio polizia locale piano terra, impianti

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente . ing. Marina Ivano Corso Garibaldi, 42/C 87050 Piane Crati Tel. 0984 422789 Studio Professionale COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente PROGRAMMA STRAORDINARIO STRALCIO DI INTERVENTI

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di Orbassano Provincia di Torino

COMPUTO METRICO. Comune di Orbassano Provincia di Torino Comune di Orbassano Provincia di Torino pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Rifacimento impianto elettrico presso centro diurno per disabili sito in via Fratelli Rosselli 36 - Orbassano COMMITTENTE: C.I. di

Dettagli

Impianto di illuminazione e forza motrice di Buraccio

Impianto di illuminazione e forza motrice di Buraccio sezione: IMPIANTI ELETTRICI titolo e contenuto della tavola: Computo metrico estimativo Studio Associato di Ingegneria NEW ENERGY di Ing. Mancini e Ing. Mannucci Viale Marconi, 117A 56028 San Miniato (PI)

Dettagli

ANALISI DEI PREZZI. Comune di Provincia di OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 26/06/2013 IL TECNICO. pag. 1

ANALISI DEI PREZZI. Comune di Provincia di OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 26/06/2013 IL TECNICO. pag. 1 Comune di Provincia di pag. 1 OGGETTO: Data, 26/06/2013 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright ACCA software S.p.A. pag. 2 R I P O R T O Nr. 1 A 02.04.80 Fornitura e collocazione di cavo 4x0,50

Dettagli

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI CAPITOLO N 1 IMPIANTI CIVILI AVVERTENZE Nel presente capitolo si è tenuto conto dei seguenti requisiti minimi: Nelle abitazioni e negli edifici residenziali in genere,

Dettagli

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI PREMESSA La presente relazione riguarda la realizzazione dell impianto elettrico e di trasmissione dati per l allestimento dell aula informatica della scuola G.

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE 1) CONFORMITA ALLE NORME Tutti i componenti elettrici utilizzati devono essere a regola d arte ed idonei all ambiente di installazione. Il materiale elettrico soggetto

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA BB3 / D E REL / 0 1 7 Committente REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO Commessa OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE Progetto IMPIANTI ELETTRICI Fase PROGETTO DEFINITIVO Documento Originale:

Dettagli

LISTINO UNITEK ITALIA

LISTINO UNITEK ITALIA LISTINO UNITEK ITALIA Ed. 01/2011 CODICE ANTIFURTO CONTATTI MAGNETICI DA INCASSO UTKCI01 Contatto magnetico da incasso plastico - IMQ 1 Livello 10 3,90 UTKCI01C1 Contatto magnetico da incasso plastico

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI PREMESSA La Presente relazione tecnica di progetto definitivo intende illustrare la metodologia seguita nella progettazione e descrivere le principali caratteristiche

Dettagli

715_1 ASILO NIDO ARCOBALENO _ MONTE SAN VITO Computo INTERVENTI PREVENZIONE INCENDI Capitolo: PROTEZIONI PASSIVE

715_1 ASILO NIDO ARCOBALENO _ MONTE SAN VITO Computo INTERVENTI PREVENZIONE INCENDI Capitolo: PROTEZIONI PASSIVE Capitolo: PROTEZIONI PASSIVE 07.03.013 Controsoffitto per protezione antincendio di solaio. 1 07.03.013 001 Fornitura e posa in opera di controsoffitto per protezione antincendio di solaio, con resistenza

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI Committente: TREVIGLIO FUTURA S.p.a. Societa' Trasformazione Urbana Piazza Manara, 1-24047 Treviglio (BG) Progetto: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI 00 REVISIONE Emissione disegno

Dettagli

AREA LAVORI PUBBLICI Servizio Edilizia Pubblica 22/12/2014 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE PREZZO

AREA LAVORI PUBBLICI Servizio Edilizia Pubblica 22/12/2014 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE PREZZO Q.01.01.01 Edile Impianti 1 a lotto assistenza impianti Totale 1 457,00 457,00 Q.02.010.05 CANALE PLASTICO 2 b oltre 500 fino a 1500 mm.q Calate all'interno dei mobili 6*5+3+3+3+3+15 57,00 Calate pannelli

Dettagli

RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA

RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA 1 Premessa La presente relazione riguarda l impianto elettrico da realizzarsi nel complesso edilizio

Dettagli

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante Dott. Ing. Andrea Muzio Via Dante 72 Sestri Levante (GE) tel. 018541082 - fax. 0185482916 cell. 3357849106 e-mail: andrea@muzioing.it Realizzazione autorimessa Via della pace nel mondo Sestri Levante Opere

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

Dati di progetto. Descrizione delle opere.

Dati di progetto. Descrizione delle opere. Dati di progetto. La relazione tecnica in oggetto è parte integrante del progetto ed ha lo scopo di fornire una descrizione delle opere inerenti la realizzazione dell impianto elettrico, posto a servizio

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE DI CALCOLO Cabina MT/BT Ex Regina Elena viale Regina Elena n 291 Roma Pag. 1 RELAZIONE DI CALCOLO INTRODUZIONE Oggetto della Relazione di calcolo è la descrizione dei metodi e dei criteri adottati per la progettazione,

Dettagli

INSIEL S.p.A. LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica OGGETTO. Shelter Prefabbricato. Integrazioni: 27 marzo 2009. Data: 28 marzo 2007 GGETTO:

INSIEL S.p.A. LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica OGGETTO. Shelter Prefabbricato. Integrazioni: 27 marzo 2009. Data: 28 marzo 2007 GGETTO: LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica Data: 28 marzo 2007 OGGETTO GGETTO: Shelter Prefabbricato Integrazioni: 27 marzo 2009 Riferimento: INSIEL_ST_SHELTER_09 INDICE Indice... 2 Indice delle figure...

Dettagli

Caratteristiche previste per gli elevatori pag. 3. Norme di prevenzione incendi per ascensori pag. 3. Ascensori per nuovi edifici residenziali pag.

Caratteristiche previste per gli elevatori pag. 3. Norme di prevenzione incendi per ascensori pag. 3. Ascensori per nuovi edifici residenziali pag. 1/30 INDICE CATALOGO PROGETTAZIONE SEZ.: ELEVATORI OLEODINAMICI Introduzione al catalogo progettazione pag. 3 Caratteristiche previste per gli elevatori pag. 3 Riferimenti normativi pag. 3 Norme di prevenzione

Dettagli

IE 080 Uffici Novembre 2015

IE 080 Uffici Novembre 2015 IE 080 Uffici Novembre 2015 L impianto elettrico negli uffici deve essere molto flessibile al fine di consentire l allacciamento di nuovi utilizzatori o servire nuovi impianti. La flessibilità dipende

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

schema a blocchi sala 500 e sala cinema

schema a blocchi sala 500 e sala cinema LEGENDA Risto Corpo G Corpo A sez. 10 mmq sez. 10 mmq schema a blocchi sala 500 e sala cinema schema a blocchi area esterna dispersore a croce in acciaio zinzato l=min.1,5 m G.E. 250 kva QE Power Box CDZ

Dettagli

LAVORI - 07I05 - IST. GALLI (BG) COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

LAVORI - 07I05 - IST. GALLI (BG) COMPUTO METRICO ESTIMATIVO LAVORI - 07I05 - IST. GALLI (BG) COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Quadri di bassa tensione 1 IE.01 Quadro di bassa tensione di consegna (BOX IN PREFABBRICATO O MURATURA INCLUSO) Totale a corpo 1,00 99,40 99,40

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

F.lli DISPENSIERI Snc VIA BRUNO BUOZZI,3 REGGELLO. Autore. Sergio Sani

F.lli DISPENSIERI Snc VIA BRUNO BUOZZI,3 REGGELLO. Autore. Sergio Sani VIA BRUNO BUOZZI,3 REGGELLO Oggetto EDIFICIO COMMERCIALE IMPIANTO ILLUMINAZIONE E FORZA MOTRICE EDIFICIO COMMERCIALE Zona Lavori PONTASSIEVE L'offerta è stata redatta per avere uno standard di qualità

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 19,04 Kwp Sede Andria via Guido Rossa 21

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 19,04 Kwp Sede Andria via Guido Rossa 21 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 19,04 Kwp Sede Andria via Guido Rossa 21 Art. Descrizione U.M. Q,tà Prezzo unitario Totale A.1.01 B.1.01 B.1.02 B.1.03 SISTEMI DI MONTAGGIO

Dettagli

I.N.P.S. ELENCO PREZZI. DIREZIONE REGIONALE per l'umbria OGGETTO: INPS - DIREZIONE REGIONALE PER L'UMBRIA via M. Angeloni, 90 PERUGIA

I.N.P.S. ELENCO PREZZI. DIREZIONE REGIONALE per l'umbria OGGETTO: INPS - DIREZIONE REGIONALE PER L'UMBRIA via M. Angeloni, 90 PERUGIA I.N.P.S. DIREZIONE REGIONALE per l'umbria OGGETTO: ELENCO PREZZI PREZZI DESUNTI DAL BOLLETTINO UFFICIALE N. 58 DEL 30 DICEMBRE 2013 - REGIONE UMBRIA, SALVO CHE PER GLI ARTICOLI RIFERITI DAL N. 11 AL N.

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

Relazione tecnica Impianti elettrici

Relazione tecnica Impianti elettrici Relazione tecnica Impianti elettrici GENERALITA La presente relazione tecnica definisce i requisiti a cui dovranno rispondere i materiali, le apparecchiature che costituiscono l impianto elettrico, nonché

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA - PARMA SERVIZIO MANUTENZIONE

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA - PARMA SERVIZIO MANUTENZIONE AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA - PARMA SERVIZIO MANUTENZIONE INTERVENTI DI PRONTO INTERVENTO, MANUTENZIONE ORDINARIA/STRAORDINARIA RIPRISTINO ALLOGGI ELENCO PREZZI UNITARI PER OPERE DA ELETTRICISTA E ANTENNISTA

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO (Decreto n. 37 del 22 Gennaio 2008) Pagina 1 di 9 INDICE 1. OGGETTO...3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 3. DESCRIZIONE LAVORO....4 3.1.ALIMENTAZIONE IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1)

REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1) REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1) (1) http://leotardi.no-ip.com/html/impiantoelettrico/impiantoappar.htm Fasi di esecuzione (impianto sottotraccia) Cronologicamente si hanno

Dettagli

A M M I N I S T R A Z I O N E C O M U N A L E

A M M I N I S T R A Z I O N E C O M U N A L E File: 09046_ Sett. 13 Rev: 00 Pag. 1 INDICE 1 - Premessa - stato di fatto... 2 2 - Requisiti di rispondenza a norme, leggi e regolamenti... 3 3 - Normativa di riferimento... 4 4 - Distribuzione dell energia

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI Comune di Collegno Provincia di Torino pag. 1 OGGETTO: I.I.S. CURIE di Grugliasco, Sezione staccata di Collegno Ristrutturazione Villa 6 - Parco Certosa OG11 - IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI COMMITTENTE:

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA TERMOMECCANICA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E TELECOMUNICAZIONI IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO PROFESSORE:

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CALABRIA COMUNE DI SANT ANDREA SULLO IONIO PROVINCIA DI CATANZARO COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO DI BENI STORICO- ARTISTICI DELLA CHIESA DI SANT ANDREA APOSTOLO (POR CALABRIA 2007/2013

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

Studio Tecnico di Ingegneria Scalzi Dott. Ing. Alessandro pag. 2. DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

Studio Tecnico di Ingegneria Scalzi Dott. Ing. Alessandro pag. 2. DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE Scalzi Dott. Ing. Alessandro pag. 2 R I P O R T O LAVORI A CORPO Impianto Elettrico - Distretto 1 (SpCat 1) Quadri elettrici (Cat 1) 1 Fornitura e posa in opera di armadio elettrico per posa a 176-EL pavimento,

Dettagli

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri.

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 2001 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di una

Dettagli

Su una area a forma rettangolare i cui lati misurano rispettivamente 180 e 90m si deve realizzare un complesso residenziale composto da:

Su una area a forma rettangolare i cui lati misurano rispettivamente 180 e 90m si deve realizzare un complesso residenziale composto da: ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 1999 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Su una area a forma rettangolare i cui lati

Dettagli

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO Direzione Pregettazioni, Manutenzioni, Viabilità, Frana, Protezione Civile e Sicurezza. (Edilizia Scolastica ed Asili Nido) Progetto per l'ampliamento

Dettagli

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA verifica e riparazione programmata o a guasto compresi materiali di consumo.

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA verifica e riparazione programmata o a guasto compresi materiali di consumo. IMPIANTI ELETTRICI, AUTOMAZIONI E ALLARMI Le operazioni sono volte a mantenere in efficienza le parti elettriche degli immobili comunali e comprendono sia gli interventi di manutenzione ordinaria, come

Dettagli

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento La lavorazione dell impianto elettrico nell appartamento si sussegue con una scansione temporale che deve tener conto dei tempi e dei modi tipici

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

STUDIO TECNICO ROCCA - BACCI

STUDIO TECNICO ROCCA - BACCI INDICE INDICE... 2 1 FINALITÀ DELL INTERVENTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 3 3 DESCRIZIONE SOMMARIA DELL INTERVENTO... 4 3.1 DEFINIZIONE DELLE OPERE... 4 3.2 MODALITÀ DI ATTUAZIONE E TEMPISTICA DI

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

34-23 apparecchi di illuminazione (p.2) apparecchi fissi per uso generale 64-8 impianti elettrici utilizzatori con Vn c.a.<1000v e Vn c.c.

34-23 apparecchi di illuminazione (p.2) apparecchi fissi per uso generale 64-8 impianti elettrici utilizzatori con Vn c.a.<1000v e Vn c.c. 1. Specifiche Tecniche per la realizzazione degli impianti elettrici 1.1. Rispondenza a norme, leggi e regolamenti Gli impianti elettrici devono essere realizzati a regola d'arte, secondo quanto prescritto

Dettagli

- INDICE - 0 PREMESSA...6 1 PARTE PRIMA DESCRIZIONE DELLE LAVORAZIONI...12

- INDICE - 0 PREMESSA...6 1 PARTE PRIMA DESCRIZIONE DELLE LAVORAZIONI...12 BUONOMO Ing. ROBERTO 2 - INDICE - 0 PREMESSA...6 0.1 OGGETTO DELL'APPALTO:...6 0.2 CONSISTENZA DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO RELATIVO AGLI IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI...6 0.3 RIFERIMENTO

Dettagli

Installazione del quadro di distribuzione

Installazione del quadro di distribuzione 10 Installazione del quadro di distribuzione Dopo aver realizzato l intero impianto, si conosce il numero di circuiti e dei punti di utilizzo. Questo permette di determinare il numero dei dispositivi di

Dettagli

Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo II Lotto, I Stralcio funzionale. (Blocco spogliatoi).

Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo II Lotto, I Stralcio funzionale. (Blocco spogliatoi). R E L A Z I O N E I M P I A N T I S T I C A Resa ai sensi della ex L. 46/90, così come modificata dalla L. 37/09 e succ. mod e integr. Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE LOCALITA : ORBASSANO (TO) INDIRIZZO: Via Fratelli Rosselli 37 DESTINAZIONE D USO: Centro diurno per disabili PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE Data: marzo 2012 Il tecnico: dott. ing.

Dettagli

PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA

PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA Dott. ing. Sergio BERNO 10144 TORINO Via Treviso, 12 Cod. fisc. BRN SRG 41H23 L219N Tel. (011) 77.14.066 (4 linee r.a.) Fax (011) 75.19.59 - e mail: engineering@elsrl.it Partita I.V.A. 01222390013 PROGETTO

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

LAVORAZIONI DA ESEGUIRE

LAVORAZIONI DA ESEGUIRE Tipologia 1 (Altezza massima montaggio lampada: 3 metri) (Numero lampade da montare:75) rimozione apparec. Illuminanti cad 75 P.O. di corpo illuminante civile/ind. 2x36 W cad 75 Tipologia 1 Tipologia 2

Dettagli

Sommario 1. PREMESSA 2. DESCRISIONE IMPIANTO CDZ E PARAMETRI DI PROGETTO

Sommario 1. PREMESSA 2. DESCRISIONE IMPIANTO CDZ E PARAMETRI DI PROGETTO Sommario 1. PREMESSA... 1 2. DESCRISIONE IMPIANTO CDZ E PARAMETRI DI PROGETTO... 1 3. Quadri elettrico... 3 4. Rispondenze normative... 4 5. Selettività... 4 6. Linee e canalizzazioni principali... 4 7.

Dettagli

Provincia di Piacenza Servizio Edilizia-Coordinamento Grandi Opere

Provincia di Piacenza Servizio Edilizia-Coordinamento Grandi Opere N.Ord. Codice Descrizione Articoli U.M. Prezzo Unitario QUADRI ELETTRICI 1 a1 Fornitura e posa in opera di un quadro elettrico generale(qgn), da porsi nel locale accanto all'autoclave, in carpenteria metallica

Dettagli

Manutenzione straordinaria e adeguamento normativo immobile FIP in Bologna ELE - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO rev 01

Manutenzione straordinaria e adeguamento normativo immobile FIP in Bologna ELE - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO rev 01 Sommario Premessa 3 1. DESCRIZIONE GENERALE 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 3 3. ALIMENTAZIONE 4 3.1 DATI TECNICI DI RIFERIMENTO 4 4. QUADRO GENERALE 4 5. QUADRO UFFICIO CED (Q01) 4 6. QUADRO CED (Q02) 4

Dettagli

SETTORE ELETTRICISTI. Settore elettricisti

SETTORE ELETTRICISTI. Settore elettricisti SETTORE ELETTRICISTI Settore elettricisti Manodopera pag. 132 Lavori ed opere compiuti per piccole entità 132 Impianto elettrico interno 133 Lavori ed opere compiuti in stabili di media entità 135 Impianti

Dettagli

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato.

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato. In questo numero riportiamo uno svolgimento possibile al quesito posto dal Ministero per l esame di stato di abilitazione all esercizio della libera professione di perito industriale della sessione 2008.

Dettagli

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02.01 Cavo unipolare tipo RG7R 0,6/1kV o FG7R 0,6/1 kv isolato in EPR sotto guaina di PVC (norme CEI 20-13, CEI 20-22II, CEI 20-35). Sono compresi:

Dettagli

titolo e contenuto della tavola: ELETTRICO CDZ STUDIO ING. MICHELE DESIATI

titolo e contenuto della tavola: ELETTRICO CDZ STUDIO ING. MICHELE DESIATI sezione: ELETTRICO CDZ titolo e contenuto della tavola: VERBALE DI REGOLARE ESECUZIONE IMPIANTO CLIMATIZZAZIONE IMPIANTO ELETTRICO STUDIO ING. MICHELE DESIATI - Energia - Sicurezza luoghi lavoro - Acustica

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI ELETTRICI INDICE A) GENERALITA PAG 2 B) DESCRIZIONE IMPIANTO PAG 3 C) DATI DI PROGETTO PAG 3 D) CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI PAG 3 E) CATEGORIA DELL IMPIANTO PAG 3 F) ANALISI

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

,1',&( 35,1&,3,,1)250$725, 1.1. OGGETTO...3 1.2. CRITERI DI PROGETTO...3 1.3. PARAMETRI ELETTRICI...3 '(6&5,=,21('(*/,,03,$17,

,1',&( 35,1&,3,,1)250$725, 1.1. OGGETTO...3 1.2. CRITERI DI PROGETTO...3 1.3. PARAMETRI ELETTRICI...3 '(6&5,=,21('(*/,,03,$17, ,1',&( 35,1&,3,,1)250$725, 1.1. OGGETTO...3 1.2. CRITERI DI PROGETTO...3 1.3. PARAMETRI ELETTRICI...3 '(6&5,=,21('(*/,,03,$17, 2.1. ALIMENTAZIONI...4 2.2. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PIAZZOLA DI ATTERRAGGIO...5

Dettagli

ANALISI PREZZI PER LA VOCE IN ELENCO

ANALISI PREZZI PER LA VOCE IN ELENCO PA.1 Lastra antincendio di gesso rivestito, spessore mm. 25, per applicazione su pareti o solai in c.a. atta a garantire una resistenza al fuoco REI 120. Fornito e posto in opera inclusi materiali di fissaggio,

Dettagli