Indice Le nuove frontiere dell educazione: la metacognizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice Le nuove frontiere dell educazione: la metacognizione------------------------------------------- 3"

Transcript

1 LEZIONE DALLA COGNIZIONE ALLA METACOGNIZIONE PROF. RICCARDO FRAGNITO

2 Indice 1 Le nuove frontiere dell educazione: la metacognizione Le mappe: cognitive, mentali e concettuali Ausubel: l apprendimento significativo Bibliografia di 22

3 1 Le nuove frontiere dell educazione: la metacognizione La conoscenza dell uomo ha questo di speciale: passa necessariamente attraverso la conoscenza di se stessi. Italo Calvino La comunicazione elettronica ha determinato una globalizzazione economica e socioculturale di notevole complessità tanto che un adeguato processo conoscitivo può svolgersi solo se sostenuto da un processo gestito da una mente metacognitiva. La costruzione di menti libere, aperte, creative e critiche diventa elemento indispensabile per poter gestire la complessità della realtà. Le istituzioni educative, hanno il delicato ruolo di essere il trait d union tra il soggetto e la realtà; a loro spetta il compito di rappresentare e far apprendere in una varietà di modi differenti le rappresentazioni multiple della conoscenza. A tal proposito Wittgenstein sostiene che la conoscenza sia un criss-crossed landscape 1 (attraversamento non lineare e multiprospettico) o meglio essa può essere raggiunta e posseduta solo se viene vissuta da diverse prospettive per cui il raggiungimento di qualsiasi obiettivo educativo deve analizzare e valutare i possibili percorsi conoscitivi. In questo ambito pensiamo alla concettualizzazione come una sorta di costruzione progressiva, di itinerario da percorrere nel tempo, un passaggio dalla capacità di cogliere e di trasformare gli attributi sensibili del contesto in quelli simbolici. «Il cervello impara meglio e fissa molte più cose quando 1 organismo è attivamente impegnato nell esplorazione di luoghi fisici e di materiali e nella formulazione di problemi che desidera realmente risolvere» 2. Si tratta di abituarsi alla percezione di uno schema d azione teso a risolvere un problema, a raggiungere un obiettivo. La concettualizzazione rappresenta il processo di organizzazione della conoscenza inteso come un attività che riduce la complessità del mondo a proporzioni cognitivamente governabili, individuando in esso le informazioni già esistenti, ricorrenti e significative. Ciò consente all individuo di risolvere problemi rendendolo parte, soprattutto attraverso il linguaggio, di un sistema di conoscenze condivise e comunicabili. La nostra «visione del mondo consiste nell insieme di credenze e di valori che plasmano il modo in 1 Wittgenstein L., Ricerche filosofiche, Einaudi, Torino 1999, p Gardner H., Sapere per comprendere, op. cit., p di 22

4 cui consideriamo gli eventi o gli oggetti e anche ciò che ci interessa o che vogliamo apprendere. Essa è formata dai valori e dal coinvolgimento emotivo che associamo agli avvenimenti che sono parte del nostro universo ed è il risultato di tutta una vita di esperienze culturali, religiose, familiari e interpersonali» 3. Possiamo partire dalla considerazione che la mente ha un ruolo attivo nella costruzione del modello di rappresentazione del mondo, ovvero che la comprensione non consiste nella ripetizione dell esperienza o nella riproduzione tout court, nella nostra mente, del mondo esterno. La grande svolta del cognitivismo si potrebbe riassume in una frase di Piaget: «è chiaro che un educazione della scoperta attiva del vero è superiore ad un educazione che consista unicamente nell allenare i soggetti a volere per volontà precostituite e a sapere per verità semplicemente accettate» 4. Non c è niente di meglio per far comprendere qualcosa al bambino che lasciargliela sperimentare in prima persona. Occorre dirigersi verso una cultura metacognitiva della conoscenza, che deve diventare l elemento principale di ogni forma del processo educativo in quanto potenzia la capacità di comprensione e di interpretazione della realtà; una realtà complessa, globale, così come vuole la natura e di cui il cervello ha bisogno per non atrofizzarsi, per non creare patologie, per rimanere lucido, attivo, creativo; un cervello allenato a sfruttare al meglio il mosaico di funzioni e relazioni, potenzialmente incontrollabili e poco ortodosse, di cui dispone. La cultura metacognitiva si avvale dei contributi delle varie teorie della mente ponendosi alla confluenza di una serie di approcci scientifici ed epistemologicamente consolidati, quali: la computer science, la linguistica, la psicologia, la didattica, la sociologia, le neuroscienze. La metacognizione si riferisce in particolare alle idee che il soggetto possiede sul proprio funzionamento cognitivo che viene delineato da Cornoldi 5 con il termine conoscenze metacognitive e che riguardano la consapevolezza da parte di un individuo di non riuscire ad ottenere un determinato risultato in un preciso lasso di tempo come, ad esempio, leggere un romanzo in una serata. Il secondo aspetto riguarda i processi cognitivi che controllano qualsiasi momento del funzionamento cognitivo e che viene definito con il termine processi metacognitivi di controllo ; in questo caso il soggetto dopo aver letto i primi capitoli del romanzo si domanda se 3 Novak J., L apprendimento significativo, Le mappe concettuali per creare e usare la conoscenza, Erickson, Trento 2001, p Piaget J., Psicologia e pedagogia, Loescher, Torino 1973, p Cornoldi C., Metacognizione ed apprendimento, Il Mulino, Bologna di 22

5 tra una settimana riuscirà a ricordarsi tutti i personaggi e conseguentemente stabilisce se è il caso di appuntarsi i nomi dei personaggi secondari ed eventualmente la trama del racconto. È necessario distinguere tra il sapere acquisito e trasferibile in altri contesti e ciò che si è capaci di imparare per facilitare le performaces. Quindi, se da un lato abbiamo le abilità di base che rappresentano il fondamento di acquisizioni più complesse e articolate o più mirate e specifiche: come il saper leggere, il saper scrivere, l acquisizione degli strumenti di spazio e di tempo, ecc.; dall altro lato abbiamo le abilità complesse, che rappresentano dei veri e propri sistemi di padronanza governati dal linguaggio e, quindi, dalla comunicazione. Si tratta di vere e proprie strategie di controllo dei propri processi di costruzione della conoscenza e del sapere, procedure di controllo, dunque, di che cosa si conosce e di come si conosce. Ciò conduce alla metacognizione, e quindi a quelle strategie che lo studente deve conoscere, esprimere e verificare in maniera costante e regolare sia per sviluppare e applicare ciò che conosce, sia per correggere e verificare ciò che ha imparato. La metacognizione si riferisce alla conoscenza che ciascuno ha sui propri processi cognitivi e sui prodotti ad essi connessi. Flavell prospetta anche una schematizzazione di ciò che rientra nella dimensione del metacognitivo. Egli distingue due funzioni metacognitive: quelle afferenti alla sensibilità metacognitiva e quelle relative alla conoscenza dei fattori che presiedono alle prestazioni. Abbiamo, quindi, un primo campo che sovrintende alle capacità di intuito e di comprensione come quelle relative alle operazioni di ricordo, comprensione, spiegazione, argomentazione, comando, divieto. Il secondo aspetto è relativo al controllo delle variabili cognitivo/informazionali che possono influenzare la prestazione individuale. Egli distingue, a loro volta, tali variabili in tre tipi: «a) quelle relative alla persona, che riguardano tutto ciò di cui si diventa consapevoli rispetto a se stessi o agli altri nella interazione cognitiva: si ricordano più i nomi che i visi, non si ricorda un numero telefonico se non lo si scrive, si diffida di chi dichiara di memorizzare indirizzi e recapiti telefonici senza altro ausilio, ecc.); b) quelli relativi al compito, che riguardano la conoscenza differenziale del quoziente di difficoltà connesso ai compiti più difficili da risolvere: si ricordano meglio i testi a più basso livello di organizzazione semantica interna; c) quelle relative alla strategia che includono sia la conoscenza delle operazioni o procedure o azioni che si possono attivare per correggere o amplificare o consolidare una determinata strategia 5 di 22

6 cognitivo/conoscitiva, sia per garantirle il successo auspicato; evitare, ad esempio, di leggere l introduzione di un volume ovvero esaminare un testo annotando strada facendo le parole chiave e memorizzandole o ancora esaminare una sequenza di testi cercandovi consapevolmente solo quanto di inedito c è rispetto a ciò che si sa e che ha spinto la motivazione originaria a leggerlo o usarlo» 6. Flavell aggiunge alla conoscenza metacognitiva e alle esperienze metacognitive altre due componenti: - gli obiettivi metacognitivi; - le strategie metacognitive. Gli obiettivi metacognitivi rappresentano l assestamento delle conoscenze e delle esperienze metacognitive mentre le strategie o azioni metacognitive sono le sequenze riguardanti le procedure di acquisizione di padronanza delle variabili cognitive e che Flavell definisce come cognitive monitoring. La metacognizione è un andare oltre il processo cognitivo; rappresenta la capacità di riflettere sulla attività cognitiva e sul suo farsi esecutivo durante i processi di apprendimento. La metacognizione è, dunque, una consapevolezza generale del pensiero ma anche un controllo operativo dei comportamenti cognitivi. Flavell sostiene che il significato centrale della metacognizione è la «cognizione della cognizione» 7. I concetti di base sulla metacognizione sono l introspezione e l auto-consapevolezza. Una articolazione del pensiero dello studioso ha, inoltre, incluso il controllo sui processi cognitivi e cioè l anticipare, il monitorare, il coordinare e 1 ordinare la realtà. Il costrutto è stato diviso in componenti multiple, che includono la metamemoria (la consapevolezza di imparare comportamenti strategici e sistemi di memoria). Il concetto di metamemoria viene introdotto da Flavell nel 1971 e si riferisce alla conoscenza e consapevolezza che il soggetto possiede del funzionamento della propria memoria o di qualsiasi altro processo riguardante l immagazzinamento ma anche il recupero di notizie e informazioni. Il concetto di metamemoria riguarda, quindi, l agire della mente, ed è per tale motivo che spesso viene sostituito con il termine metacognizione. La autoregolamentazione consiste nel modificare strategie basate sull esperienza passata e monitorare la performance. A tal proposito è possibile evidenziare una stretta correlazione tra abilità di controllo metacognitivo e motivazione, in base a tale processo possiamo definire la 6 Flavell J. H., Miller P.H., Miller A. S., Psicologia dello sviluppo cognitivo, Il Mulino, Bologna 1996, p Ivi, p di 22

7 metacognizione come coscienza del compito e delle caratteristiche di un processo cognitivo e capacità di autoregolamentazione della propria attività cognitiva. La dimensione metacognitiva implica non solo l autocontrollo, ma anche capacità di autovalutazione, di pianificazione e di regolazione del processo cognitivo pianificato. La acquisizione di schemi (sviluppare strategie cognitive che generano la comprensione di una cornice per le informazioni); il trasferimento (applicazione di strategie apprese per compiti differenti), e l attribuzione di stati mentali (capacità di attribuire stati mentali a sé e agli altri). Possiamo definire la metacognizione come un processo mentale il cui oggetto è sia un attività cognitiva che un prodotto mentale di tale attività. L adottare strategie metacognitive prevede: a) essere cosciente delle dinamiche dei processi cognitivi in genere e dei propri in particolare; b) essere in grado di elaborare strategie adeguatamente finalizzate a scopi specifici; c) essere capace di adeguare le strategie agli scopi; d) saper valutare in itinere se le azioni messe in atto siano adeguate allo scopo in relazione ai risultati attesi; e) acquisire come indicatore di efficacia dei propri processi metacognitivi un aumento del senso di autoefficacia, di autostima e della motivazione. 7 di 22

8 2 Le mappe: cognitive, mentali e concettuali Tra le metodologie utilizzate per percorsi di apprendimento metacognitivo, occupano un posto privilegiato le mappe concettuali. Le mappe concettuali possono essere considerate come dei sistemi di rappresentazione metacognitiva della conoscenza, quindi, in qualche modo, rappresentano graficamente la reticolarità delle mappe cognitive interne al soggetto. Esse possono rappresentare il pensiero in tutte le sue attività ovvero nella sua dinamicità, nelle sue associazioni, nella sua attività razionale, deduttiva, induttiva, associativa, immaginativa ripercorrendo e rinforzando processi di pensiero pregressi e arricchendoli di nuovi e più potenti tasselli conoscitivi. Così come accade con il nostro pensiero anche con una mappa possiamo ritornare su un idea di partenza, liberare la fantasia o anche frenarla, complicare o semplificare i percorsi e processi mentali. Negli anni 60 Joseph D. Novak muovendo dalle teorie di David P. Ausubel 8, ha elaborato la metodologia delle conceptual maps ideate al fine di formalizzare la conoscenza strutturata e rappresentare il modo in cui i vari concetti sono correlati tra loro all interno di un determinato dominio conoscitivo. Novak teorizza che lo scopo principale dell educazione è quello di consentire a chi impara di farsi carico della propria personale costruzione di significato. Ogni volta che alunno e docente riescono a concordare e condividere il significato di un unità di conoscenza si verifica, infatti, un apprendimento significativo. «L apprendimento significativo è alla base dell integrazione costruttiva di pensieri, sentimenti e azioni e induce all empowerment finalizzato all impegno e alla responsabilità» 9. 8 Ausubel D. ha favorito il passaggio dai modelli comportamentisti di apprendimento ai modelli cognitivisti che studiano i processi che si attivano nei soggetti nella costruzione di nuovi significati. L apprendimento, secondo i cognitivisti, è un processo conoscitivo che trae origine dal bisogno di costruzione (e di strutturazione) del reale, implicito nell interazione uomo/ambiente, e analizza i cambiamenti che avvengono nelle strutture cognitive del soggetto e nella sua personalità. 9 Ivi, p di 22

9 LE MAPPE CONCETTUALI rappresentano LA CONOSCENZA è per favorire è DIPENDENTE DAL CONTESTO CONCETTI combinati per formare PREPOSIZIONI L INSEGNAMENTO sono COSTANTI PERCEPITE STRUTTURATI possono essere L APPRENDIMENTO EVENTI in OGGETTI è una base GERARCHICAMENTE PAROLE ETICHETTATI con SIMBOLI favoriscono COLLEGAMENTI TRASVERSALI per mostrare INTERRELAZIONI LA CREATIVITÀ in combinati per formare DIFFERENTI SEGMENTI DELLA MAPPA Figura 1: Esempio di mappa concettuale che descrive le idee chiave e i principi per la realizzazione di una buona mappa concettuale 10. Novak e Gowin 11 propongono la costruzione di mappe concettuali attraverso le parole-concetto che rappresentano i nodi della mappa, mentre le parole-legami rappresentano le relazioni che congiungono i vari nodi per poi articolarsi in vari livelli gerarchici. Le mappe concettuali sono dunque rappresentazioni diagrammatiche per la strutturazione e l organizzazione visiva della conoscenza. Le regole per sviluppare mappe concettuali furono illustrate da Novak, con l intento di cogliere le modificazioni nella comprensione dei concetti scientifici da parte dei bambini. Il programma di 10 Novak J., L apprendimento significativo, Le mappe concettuali per creare e usare la conoscenza, op. cit, p Cfr. Novak J. D., Gowin D. B., Imparando ad imparare, SEI, Torino 1989; Novak J., L apprendimento significativo, 9 di 22

10 ricerca si basava sulla teoria dell apprendimento di David Ausubel, un pioniere nello sviluppo della psicologia cognitiva. Secondo l autore, esistono quattro tipi possibili di apprendimento: - per scoperta, quando gli attributi dei concetti sono identificati autonomamente dal discente; - per ricezione, quando gli attributi sono descritti mediante il linguaggio e trasmessi al discente; - meccanico, quando la nuova conoscenza viene acquisita per mezzo della semplice memorizzazione ed è incorporata senza alcuna interazione con la conoscenza preesistente; - significativo, quando le conoscenze primarie interagiscono con le nuove, in questo caso «1 apprendimento significativo corrisponde a un sistema di attività in cui (e con cui) 1 allievo prende coscienza dei sistemi di significati, se ne appropria e li attribuisce agli eventi in funzione delle sue esperienze» 12. È bene sottolineare la differenza tra le mappe concettuali e le mappe mentali ideate da Tony Buzan alla fine degli anni 60. Lo studioso sostiene che «Le mappe mentali sono intimamente connesse alla funzione della mente, e possono essere usate in quasi tutte le attività che coinvolgono il pensiero, il ricordo, la pianificazione o la creatività» 13. Le mappe mentali sono anche conosciute come mappe di parole o di idee. Esse hanno una struttura ad albero o anche radiale costruita a partire da un idea principale (nodo) e sviluppata secondo la rigida struttura gerarchica con l associazione di idee secondarie o discendenti a cui se ne possono associare tante altre 14. Esse si differenziano dalle mappe concettuali per la semplicità della forma, infatti, se da un lato permettono di realizzare compiti molto specifici e con maggiore velocità, dal punto di vista della completezza e dell efficienza, la loro fruizione risulta molto più circoscritta. Le mappe concettuali per creare e usare la conoscenza, Erickson, Trento Ivi, p Buzan T., Usiamo la testa, Frassinelli, Cles 2003, p Cfr. Buzan B., Buzan T., Mappe mentali, NLP Italy, Milano 2003, p di 22

11 Figura 2: Esempio di mappa mentale Le mappe mentali riproducono graficamente dei concetti collegati ad un concetto centrale attraverso relazioni logico-associative, che seguono criteri determinati dalla soggettività e creatività dell autore (modello associazionista). Hanno una struttura gerarchica e le relazioni tra i concetti non vengono precisate da etichette descrittive. Le mappe mentali rappresentano, dunque, adeguati strumenti per presentare in modo sintetico le strutture di pensiero complesse e per assolvere funzioni diagnostiche, ma sono ben lontane dal rappresentare la conoscenza concettuale. Le mappe concettuali, invece, pur essendo simili alle mappe mentali, si differenziano da esse in quanto presentano una strutturazione delle informazioni di tipo reticolare e non gerarchico; la loro matrice cognitiva di riferimento è di tipo connessionista e non associazionista e il legame tra i nodi solitamente viene esplicitato mediante etichette descrittive testuali. Le mappe concettuali mettono in evidenza le connessioni di significato tra i concetti (nodi) che formano le proposizioni (unità semantiche). Una proposizione è rappresentata da una relazione che connette due concetti. Novak sostiene che «Le proposizioni sono la combinazione di due o più parole che formano un affermazione riguardo a un evento, a un oggetto o a un idea» 15. Ora proviamo a dare delle delucidazioni degli elementi che costituiscono una mappa concettuale ed in particolare al significato di concetto. 11 di 22

12 Nell ambito pedagogico ritroviamo Vygotskij, Piaget, Bruner che «parlano di concetti come rapporti logici tra oggetti attribuiti a regole di composizione» 16 ; nell ambito psicologico abbiamo la Rosch e la Nelson che hanno affrontato la formazione dei concetti nell ambito dello sviluppo cognitivo attribuendo loro la funzione di un attività essenzialmente previsionale. I concetti sono «le unità con le quali pensiamo il mondo, ne combiniamo gli elementi e li trasformiamo mentalmente in ordine ai nostri scopi; non sono arredi, ma utensili per dominare l esperienza, anticiparla e promuoverla» 17. I concetti sono organizzati in una scala inclusivo-gerarchica. La Rosch 18 ha individuato tre livelli principali a cui gli elementi della realtà possono essere categorizzati: il livello sovraordinato (il più generale ed astratto); il livello base e il livello subordinato (il più specifico e legato ai dati empirici). La relazione è un altro elemento fondamentale delle mappe concettuali in quanto attraverso di essa si determina la caratteristica del collegamento tra i vari concetti. Esistono vari tipi di relazioni: gerarchica; causa-effetto; spazio/tempo; istanza (esemplificazione di un concetto) e equivalenza/diversità (esprime uguaglianza o differenza). La struttura della mappa è un altro elemento che caratterizza la natura della mappa; in particolare la struttura radiale rimanda al modello associazionista ed è tipico delle mappe mentali. Mentre la struttura verticale-reticolare fa riferimento al modello connessionista ed è tipico delle mappe cognitive e concettuali. Per la costruzione della mappa concettuale Novak fornisce un elenco di passaggi fondamentali 19 che consistono nel: 1. Identificare la tematica o l ambito conoscitivo che si desidera mappare e poi creare una lista dei concetti generali e specifici; 2. Mettere in ordine i vari concetti di ordine superiore e inferiore e individuare le gerarchie; 3. Rivedere la lista e, se necessario, aggiungere altri concetti; 4. Iniziare a costruire la mappa dall alto verso il basso; 5. Sistemare i concetti specifici/subordinati sotto ogni concetto generale; 15 Novak J., L apprendimento significativo, Le mappe concettuali per creare e usare la conoscenza, op. cit., p Damiano E., Insegnare con i concetti, Un modello didattico fra scienza e insegnamento, SEI, Torino 1994, p Ivii, p Rosch E., Principles of Categorization, in «Cognition and Categorization», Rosch E. e Lloyd B. (a cura di), Lawrence Erlbaum Associates, New York di 22

13 6. Creare i legami tra i concetti con link etichettati con parole legame; 7.Rielaborare la struttura della mappa, aggiungendo, sottraendo o cambiando i concetti; 8. Cercare di creare legami trasversali tra i concetti nelle diverse sezioni della mappa e tracciare le linee di collegamento; 9. Applicare ai concetti degli esempi specifici; 10. Inoltre, le mappe possono essere realizzate in modi diversi per lo stesso gruppo di concetti. Infatti se cambia la comprensione delle relazioni tra concetti, cambierà anche la mappa che ne risulta. Ci sembra non irrilevante procedere, in questo contesto, ad illustrare i vantaggi dell utilizzo delle mappe concettuali nelle attività scolastiche. Uno degli aspetti principali nell utilizzo delle mappe è che esse permettono di rivelare, in fase di sviluppo, una eventuale disinformazione e/o mancanza di comprensione da parte degli allievi. Mentre, in fase finale la valutazione di una mappa concettuale è basata sulla verifica dei seguenti elementi: acquisizione di conoscenze, cambiamento concettuale e apprendimento significativo. La realizzazione di una mappa per la sua intrinseca rappresentazione spaziale dei contenuti stimola la percezione visuale e rende più interessante e incisivo l apprendimento migliorando la sedimentazione dei contenuti oggetto di studio. La ricerca ha dimostrato che l apprendimento visuale è uno dei migliori metodi per spronare le abilità del pensiero. Le tecniche basate sull apprendimento visivo come il metodo grafico predispongono gli studenti a pensare con chiarezza, ad elaborare, organizzare e dare una posizione alla nuova informazione secondo una rappresentazione grafica ben strutturata. La caratteristica visiva della mappa attiva la parte destra del cervello e il pensiero laterale, che va ad integrarsi con la parte sinistra dei processi logici-lineari, potenziando la comprensione, l apprendimento, la comunicazione. La dimensione iconico-visuale nel contesto educativo rappresenta il completamento della formazione e quindi della conoscenza in quanto attiva dei processi intellettivi afferenti alla sfera aptico-cinestesica e ancor più rappresenta significati che amplificano e aggiungono nuove prospettive cognitive che il linguaggio verbale non può produrre. A tal proposito studi in campo psicologico e fisiologico hanno accertato che la mente riflette la struttura del cervello: una struttura a moduli fatta di facoltà separate. Gardner, infatti sostiene che «tutto ciò che avviene nella mente sia prodotto dal cervello [...] da un cervello situato in un corpo 19 Novak J., L apprendimento significativo, Le mappe concettuali per creare e usare la conoscenza, op. cit., p di 22

14 umano che si sviluppa in un ambiente umano in perenne cambiamento [...]. Il cervello non si trova in un vuoto. È in un corpo che, a sua volta, vive in una cultura. Il cervello può svilupparsi in un enorme varietà di culture ma una volta che lo sviluppo neurale sia incominciato (e cioè dopo poco il concepimento), la cultura in cui gli accade di vivere diventa una determinante decisiva della sua struttura e della sua organizzazione» 20. L utilizzo delle mappe concettuali nel contesto educativo costituisce, dunque, un approccio razionale, una strategia metacognitiva dell insegnamento, in sintonia con le modalità naturali di lavoro del cervello umano, dove l informazione viene memorizzata, recuperata e riutilizzata per collegamenti diretti nonché reticolari. La realizzazione di mappe concettuali permette un apprendimento significativo che nasce da fattori come la creatività, la collaborazione e la cooperazione. Il singolo discente è incentivato nel processo del venir a conoscenza in modo tale da compiere operazioni mentali complesse come scoprire, selezionare, collegare, gerarchizzare, mettere in relazione e generalizzare le nuove conoscenze ne consegue che questa modalità didattica include diverse forme di apprendimento. Un aspetto fondamentale è anche come il discente viene coinvolto in questo suo percorso, occorre facilitarlo e orientarlo, dunque, crediamo che la risposta migliore sia rappresentata dal costruzionismo di Seymour Papert in quanto, in base a tale orientamento, lo studente diventa il protagonista del suo processo di apprendimento attribuendo così una forte preminenza al pensiero operatorio-concreto rispetto a quello logico-formale. Al di là dell educazione formale, le mappe concettuali sono al servizio dell apprendimento di gruppo, buona parte di esso deriva da interazioni informali all interno del gruppo e dal supporto fornito da colleghi, attraverso quella che Illich 21, diversi anni fa, chiamò rete di apprendimento. «Le mappe diventano, così, una risorsa per trovare delle motivazioni intrinseche ad imparare, perché forniscono il piacere di apprendere e riconoscere l emozione che si prova quando ci si accorge di aver capito di più e meglio. Svolgono una funzione socializzante, favorendo il confronto sui concetti stessi, sulla validità dei legami e delle relazioni [ ]. La discussione fa emergere anche l esistenza di due approcci alle mappe: quello concettuale oggettivo e quello cognitivo più personale soggettivo. Servono agli studenti a riflettere sulla struttura della conoscenza e del suo processo di produzione, aiutandoli ad acquisire un metodo di lavoro e di studio. A livello linguistico abituano a concepire i concetti e le proposizioni in senso gerarchico, con un affermazione principale 20 Gardner H., Sapere per comprendere, op. cit., p Illich I., Descolarizzare la società, Mondadori, Milano di 22

15 e generale ed altre legate ad essa da nessi logici (perché, poiché, quindi, prima di, ecc.) o dai significati inclusivi» 22. Esistono due tipologie di mappe: le mappe cognitive e le mappe concettuali. Le mappe cognitive sono soggettive perché rappresentano la conoscenza individuale, ovvero il proprio modo di pensare e di raffigurare il sapere, fatto di immagini, ricordi, esperienze; inoltre, l analisi della mappa cognitiva permette all insegnante di adattare percorsi formativi adatti al contesto particolare della classe o del singolo soggetto. Tale tipo di mappa può essere sia un prodotto individuale che un prodotto della collaborazione tra soggetti, pertanto sia nell uno che nell altro caso esse possono essere la base per poter avviare una discussione e poter iniziare una dibattito su ciò che può o non può essere un percorso da intraprendere. Introdurre l uso del computer Hardware H e Software ai bambini della scuola primaria le motivazioni riguardano è necessario l istituto attrezzi il laboratorio multimediale di almeno 30 PC riduzione dei rischi inerenti all analfabetismo informatico e al digital divide nel contesto didattico permette di migliorare l offerta formativa sussidi didattici multimediali ricerche in Internet iter da percorrere per recupero fondi Progetto P.O.R. misura 3.1 richiesta al Comune di appartenenza è necessario un team per l elaborazione del progetto In entrambi casi occorre -Poche possibilità -Tempi medio lunghi formulare richiesta all assessore all istruzione -Molte possibilità -Tempi medio lunghi una delibera del Collegio dei docenti Figura 3: Esempio di mappa cognitiva 22 Taurino G., Cremieux E., Mappe cognitive e concettuali al computer, «Informatica&Scuola», Hugony Editore,VI, 3, Milano di 22

16 Le mappe concettuali, invece, sono oggettive e organizzate in modo chiaro e ben definito. Pertanto se le mappe cognitive sono interne e soggettive le mappe concettuali sono esterne e oggettive. Molto importante per l evoluzione dei contenuti da rappresentare in una mappa è il cosiddetto brainstorming o tempesta di cervelli una forma di stimolazione mentale che conduce all esternazione delle pre-conoscenze attraverso libere associazioni. Il principio del brainstorming è la generazione di idee spontanee e senza filtri, in questa fase il giudizio di valore è completamente assente in quanto è essenziale che la fase di generazione delle idee sia separata dalla fase di giudizio del pensiero non perché la fase di giudizio non sia importante ma perché essa potrebbe ostacolare la libertà di esposizione delle conoscenze e potrebbe precludere la possibilità di una piena libertà di pensiero. Il brainstorming raggiunge la sua piena attuazione in gruppo ma non è da sottovalutare quello individuale in quanto i singoli possono esplorare meglio le idee, senza assilli di tempo, senza paura del criticismo e senza essere dominati da altri membri del gruppo. Questa tecnica di gruppo sviluppa le idee più profondamente in quanto le eventuali difficoltà individuali che potrebbero nascere nell elaborazione di un idea, potrebbero essere superate facilmente utilizzando la creatività e l esperienza altrui; ovviamente il contesto di sviluppo e di elaborazione delle conoscenze deve essere adeguatamente supportato e guidato dall insegnante che deve evitare che i soggetti più estroversi possano reprimere i soggetti discreti. Vi è un passaggio graduale che va dal brainstorming che genera una prima mappatura di idee generali alla mappa concettuale; diventa quindi indispensabile selezionare i concetti in base alla loro importanza e pertinenza. Attraverso la mappa concettuale ci rendiamo conto come sia possibile comprendere una quantità di cose nello stesso momento, con lo stesso colpo d occhio. La visione è istantanea e sinottica o meglio si vede tutto nello stesso momento e se ne percepiscono immediatamente la struttura, i nodi e i legami nonché le derivazioni e le relazioni. La didattica metacognitiva deve essere assunta, dunque, come una complessa strategia formativa orientata verso la padronanza da parte dei discenti dei propri stili cognitivo-apprenditivi come quelli descritti da Cornoldi e De Beni: intuitivo-sistematico, impulsivo-riflessivo, globale-analitico, verbale-visuale ecc. Questi stili sono cruciali per far emergere le peculiarità individuali e dimostrano che gli individui ragionano e pensano in modo diverso 23, pertanto è fondamentale una programmazione didattica per mappe concettuali 16 di 22

17 Il valore di una mappa concettuale di per sé non va quindi misurato in riferimento al prodotto finale, ma agli aspetti di rappresentazione dinamica del processo cognitivo che lo ha reso possibile» 24, allora possiamo impostare l uso didattico delle mappe secondo due prospettive ovvero come strumento di indagine e di studio e come strumento di sintesi conoscitiva finale. Nel primo caso la mappa rappresenta le conoscenze pregresse ovvero quanto già si conosce e dunque fornisce la presentazione del percorso di indagine conoscitiva preliminare. Nel secondo caso, la mappa indica ciò che si è appreso e del percorso conoscitivo effettuato in quanto l argomento, che è stato analizzato in tutte le sue parti e aspetti, viene presentato attraverso la mappa in modo più completo ed esauriente, evidenziando legami e concetti che, inizialmente, non erano evidenti o conosciuti 25. Possiamo, alla luce delle riflessioni fin qui elaborate, affermare che esercitarsi nella costruzione di mappe concettuali consente di sviluppare notevolmente quel processo metacognitivo che sempre più si presenta come necessario per poter comprendere la società della complessità tecnocomunicativa. In conclusione possiamo dire che, se vogliamo uno sviluppo armonico del soggetto, vanno privilegiati alcuni di questi canali comunicativi, in particolare quelli che sviluppano prima una struttura cognitiva, il libro ed il computer, e poi una capacità metacognitiva, ovvero la possibilità di vedere e controllare il proprio pensiero. Questo ultimo aspetto richiede un particolare sforzo di concentrazione e di riflessione, non è dato una volta per sempre ma è un continuo esercizio, che può servirsi di strumenti quali le mappe concettuali, e che si rivela determinante per potersi inserire in un contesto di comprensione delle dinamiche culturali complesse e costruire, in tal modo, una mente in grado di governare la conoscenza. 23 Cfr. Cornoldi C., De Beni R., Imparare a studiare, Erickson,Trento Guastavigna M., Mappe per i testi, in «Italiano&oltre», VI, n. 1, 2000, p Cfr. Berritta C., Mappe concettuali e information technology, in «Informatica e Scuola»,VII, 3, Hugony Editore, Milano di 22

18 3 Ausubel: l apprendimento significativo Nell affrontare gli aspetti della teoria dell apprendimento significativo, elaborata da Ausubel, non possiamo dimenticare che è da questa teoria che nasce la logica delle mappe concettuali. Ausubel, si può definire un costruttivista interazionista in quanto ritiene che il soggetto svolge un ruolo attivo ed intenzionale nel processo di costruzione della conoscenza 26. Il costruttivismo ritiene, infatti, che chi apprende deve necessariamente attuare un processo di costruzione dei propri concetti e delle conoscenze. La teoria dell apprendimento significativo di Ausubel appare per la prima volta nel 1962, con il libro A subsumption theory of meaningful learning and retention successivamente approfondita nel libro The psychology of meaningful verbal learning (1963), ma la presentazione più completa si ritrova in Educational Psychology: a cognitive view del 1968, considerata una delle più importanti opere di psicologia dell educazione. Per Ausubel si verifica un apprendimento significativo quanto l esperienza del soggetto che conosce trova una sua collocazione in una struttura cognitiva preesistente altrimenti ci troviamo in presenza di un apprendimento meccanicistico che viene a sovrapporsi e non ad integrarsi e quindi diventa poco significativo. Mentre l apprendimento meccanico avviene quando chi apprende memorizza le nuove informazioni senza collegarle alle conoscenze precedenti, o quando il materiale da studiare non ha alcuna relazione con le conoscenze fin qui acquisite. L apprendimento puramente meccanico e quello altamente significativo rappresentano i due estremi della modalità di apprendimento. Comunque l apprendimento meccanico è la base principale per la successiva fase di apprendimento significativo e rappresenta certamente alcuni essenziali vantaggi, è opportuno, quindi, evidenziare che non tutto l apprendimento meccanico è da ritenere inutile e tanto meno dannoso; vi sono delle conoscenze di base che richiedono necessariamente tale processo come quello legato alla conoscenza di informazioni come numeri, concetti, principi, definizioni, regole, ecc. che non possono essere collegate alle conoscenze presenti nell individuo ed anzi vanno a formare quel nucleo di base intorno al quale costruire un processo di assimilazione significativa e 26 Cfr. Varisco B. M., Costruttivismo socio-culturale. Genesi filosofiche, sviluppi psico-pedagogici, applicazioni didattiche, Carocci, Roma 2002, p di 22

19 devono essere ricordati parola per parola, come anche i nostri comuni numeri telefonici, dove non è permesso un grado o livello di approssimazione; anzi l apprendimento significativo in molti casi può essere del tutto svantaggioso o addirittura dannoso. L apprendimento diventa un processo interattivo di costruzione di conoscenze sulla base di concezioni già esistenti. Questo significa che il soggetto che apprende non è tabula rasa, ma possiede una serie di conoscenze, di idee, di aspettative, dunque una struttura cognitiva capace di elaborare, nella sua interazione con l ambiente esterno, le informazioni che dall ambiente riceve. Si tratta, quindi, di individuare quali sono queste strutture e conoscenze consolidate ed intorno a queste, a livello gerarchico, agganciare le nuove conoscenze. In questo modo esse assumono significato in quanto contestualizzate. Per poter facilmente rappresentare il pensiero di Ausubel possiamo fare ricorso ad un esempio della geometria, insegnare il teorema di Pitagora è impossibile se prima l allievo non conosce il significato di cateto, ipotenusa, triangolo, etc. L apprendimento significativo deve, per Ausubel, essere inteso come partecipazione globale in quanto si chiede un impegno sia sul piano conoscitivo che su quello affettivo ed emozionale. In questo contesto la motivazione ad apprendere non nasce da una sollecitazione esterna ma da un desiderio di conoscere, di capire e di operare presente all interno della persona. Dunque, gli apprendimenti sono significativi se vanno ad integrarsi compiutamente nel quadro complessivo delle esperienze e degli interessi di chi studia; non è sufficiente che il materiale che si trasmette abbia semplicemente una coerenza logica interna quanto piuttosto che nei materiali siano ben presenti i nessi intercorrenti tra i diversi tipi di organizzazione mentale dell allievo e i materiali da apprendere. Tre devono essere le condizioni presenti per definire un apprendimento significativo: - i contenuti da apprendere devono avere una coerenza interna retta da una struttura d insieme non contraddittoria; - il soggetto conoscente deve possedere una struttura cognitiva che contenga delle informazioni che possono entrare in rapporto con le nuove conoscenze; - il soggetto conoscente deve essere motivato a mettere in relazione la sua struttura cognitiva con le nuove informazioni. Le analisi filosofiche che sottendono all impianto pedagogico determinano l approccio didattico utilizzato in classe. Una ontologia realista porta ad un modello di formazione che mira alla selezione per far emergere gli allievi migliori, ovvero quelli per natura sono maggiormente 19 di 22

20 dotati di capacità. Secondo Ausubel, però, gli allievi che otterranno risultati migliori al termine di questo intervento formativo saranno quelli che si accostano all intervento stesso con un bagaglio di conoscenze preliminari già strutturate, sulle quali l intervento formativo va ad innestarsi senza particolari difficoltà. Pensare, quindi, che si sia proceduto ad una selezione che abbia privilegiato chi per natura è stato dotato di maggiori capacità, e quindi si sia privilegiata una metodologia di selezione naturale rappresenta un errore in quanto in realtà si è proceduto a valorizzare potenzialità socialmente acquisite in quanto provenienti da ambienti più stimolanti. Si tratta di ragazzi cresciuti in un contesto culturale più ricco e neurotonico che ha sollecitato e costruito strutture cognitive più reticolari e articolate, quindi questi allievi si trovano in vantaggio ancor prima di iniziare la formazione. Allievi scarsamente stimolati sul piano culturale, abituati a ragionare per soluzioni semplici e stereotipi si troveranno in difficoltà quando si tratterà di assimilare concetti complessi. Quando ci si troverà in presenza di allievi abituati a ragionare per strutture semplici sarà più difficile puntare allo sviluppo del pensiero critico, del pensiero divergente, della creatività e ciò a prescindere dalla qualità dell insegnamento impartito. In questo caso abbiamo una sola possibilità di intervenire, ovvero si rende indispensabile colmare quel gap esistente tra esperienze pregresse, sulle quali innestare l insegnamento, ed il programma che si intende svolgere, solo in questo modo potremmo incidere in modo efficace ovvero significativo, direbbe Ausubel, sulla struttura cognitiva preesistente. Alla luce di queste considerazioni possiamo dedurre che un modello selettivo non favorisce l empowerment del soggetto, ossia lo sviluppo del suo pensiero, ma solo l accettazione di un apprendimento mnemonico e passivo non in grado di essere poi trasferito in altre situazioni dove sarebbe utile fruirne mostrando, in tal modo, di avere sviluppato intelligenza. L apprendimento significativo, deve tendere ad integrare in modo costruttivo pensieri, sentimenti e azioni, finalizzandoli all impegno e alla responsabilità 27. Siamo in presenza di una vera e propria teoria dell educazione. Per consentire un insegnamento efficace bisogna, allora, tener presente che solo l apprendimento significativo può portare ad un progressivo sviluppo della struttura cognitiva e quindi alla reale crescita di un individuo. Attraverso l apprendimento significativo, le nuove informazioni specifiche che riguardano una singola disciplina vengono collegate ed assimilate a concetti 20 di 22

21 generali che sono preesistenti e che formano la struttura logica cognitiva di un soggetto. L apprendimento significativo si verifica quando chi apprende è in grado di mettere in relazione le nuove informazioni con le conoscenze che già possiede. Ausubel evidenzia, in più occasioni, che un aspetto determinante nel processo di apprendimento è relativo alla necessità di sapere, da parte del docente, quali sono le conoscenze pregresse dell allievo e su queste impostare il lavoro di insegnamento. Diventa elemento principale, dunque, la coerenza tra quello che fa già parte del nostro bagaglio culturale e quello che viene su di esso ad innestarsi; ogni elemento deve avere un significato ben specifico e deve essere adeguatamente relazionato con le restanti parti. Possiamo concludere, dunque, affermando che sforzo, scoperta, impegno e ricerca sono le basi che oltre a sviluppare un intuito intellettivo, consentono di catturare perennemente le nuove informazioni apprese significativamente, potendole quindi ricordare per lungo tempo anche nel corso di tutta la nostra esistenza. 27 Novak J. D., L apprendimento significativo, Erickson, Trento 2001, p di 22

22 Bibliografia Berritta C., Mappe concettuali e information technology, in «Informatica e Scuola»,VII, 3, Hugony Editore, Milano Buzan B., Buzan T., Mappe mentali, NLP Italy, Milano Buzan T., Usiamo la testa, Frassinelli, Cles Cornoldi C., De Beni R., Imparare a studiare, Erickson,Trento Cornoldi C., Metacognizione ed apprendimento, Il Mulino, Bologna Damiano E., Insegnare con i concetti, Un modello didattico fra scienza e insegnamento, SEI, Torino Flavell J. H., Miller P.H., Miller A. S., Psicologia dello sviluppo cognitivo, Il Mulino, Bologna. Gardner H., Sapere per comprendere, trad. it., Feltrinelli, Milano Guastavigna M., Mappe per i testi, in «Italiano&oltre», VI, n. 1, Illich I., Descolarizzare la società, Mondadori, Milano Novak J. D., Gowin D. B., Imparando ad imparare, SEI, Torino Novak J., L apprendimento significativo, Le mappe concettuali per creare e usare la conoscenza, Erickson, Trento Piaget J., Psicologia e pedagogia, Loescher, Torino Rosch E., Principles of Categorization, in «Cognition and Categorization», Rosch E. e Lloyd B. (a cura di), Lawrence Erlbaum Associates, New York Taurino G., Cremieux E., Mappe cognitive e concettuali al computer, «Informatica&Scuola», Hugony Editore,VI, 3, Milano Varisco B. M., Costruttivismo socio-culturale. Genesi filosofiche, sviluppi psico-pedagogici, applicazioni didattiche, Carocci, Roma Wittgenstein L., Ricerche filosofiche, Einaudi, Torino di 22

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK Le mappe concettuali sono strumenti per l organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo

Dettagli

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendere significa Comprendere e mantenere nel tempo le conoscenze (memoria) Saper utilizzare

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI. 5) Definizione e individuazione di collegamenti e parole-legame

MAPPE CONCETTUALI. 5) Definizione e individuazione di collegamenti e parole-legame MAPPE CONCETTUALI 1) Definizione e utilità mappe concettuali 2) Tipi di mappe 3) Definizione e individuazione dei concetti 4) Definizione e individuazione delle etichette 5) Definizione e individuazione

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Le mappe concettuali: strumenti di insegnamento/apprendimento 1

Le mappe concettuali: strumenti di insegnamento/apprendimento 1 Pubblicato il: 2009-06-18 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Le TIC nella didattica

Le TIC nella didattica Le TIC nella didattica l importanza dei modelli d uso delle mappe. Enrico Angelo Emili Scienze della Formazione - Università di Bologna Numerosi autori concordano nel ritenere che i ragazzi sono più motivati

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico ALLEGATO1 Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico e storico-sociale. L asse dei linguaggi ha l obiettivo di far acquisire allo studente la padronanza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO Denominazione Conto e confronto Prodotti Tavola pitagorica ad immagini Competenze mirate Comuni/cittadinanza Competenze Chiave Europee La competenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

CE. RI. PE. LA MEDIAZIONE DIDATTICA PER L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE di Anna Maria Schiano Dirigente Tecnico a r.m.p.i.

CE. RI. PE. LA MEDIAZIONE DIDATTICA PER L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE di Anna Maria Schiano Dirigente Tecnico a r.m.p.i. CE. RI. PE. LA MEDIAZIONE DIDATTICA PER L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE di Anna Maria Schiano Dirigente Tecnico a r.m.p.i. I SAPERI DISCIPLINARI I saperi storicamente determinati sono codificati nelle

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Fornisci una breve spiegazione su ciò che si intende per «attribuzione». Elenca i fattori che influiscono sul metodo di studio.

Fornisci una breve spiegazione su ciò che si intende per «attribuzione». Elenca i fattori che influiscono sul metodo di studio. QUARTA PARTE Percorso unico Il successo scolastico e il metodo di studio 1. RISPOSTA APERTA Fornisci una breve spiegazione su ciò che si intende per «attribuzione». Elenca i fattori che influiscono sul

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE E PSICOLOGIA Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici Prof. Antonio Calvani antonio.calvani@unifi.it

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA CLASSE II A ANNO SCOLASTICO 2013/2014 La programmazione del

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

Formatrici: Antonella Sanna Giovanna M. Simula Alghero, 29 gennaio 2015

Formatrici: Antonella Sanna Giovanna M. Simula Alghero, 29 gennaio 2015 I Bisogni Educativi Speciali nell ottica della scuola inclusiva Formatrici: Antonella Sanna Giovanna M. Simula Alghero, 29 gennaio 2015 Programma 15.15 17.45 Attività di warm up/brainstorming Metto in

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

Italiano a classi aperte

Italiano a classi aperte Italiano a classi aperte Liberare molte energie creative Favorire il successo formativo degli alunni Combattere l individualismo Favorire la socializzazione Sperimentare modalità di tutoring nel gruppo

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto SCUOLA CAPOFILA: Istituto Omnicomprensivo Bianchi- Scigliano SCUOLE IN RETE: Istituto

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITA

PROTOCOLLO CONTINUITA PROTOCOLLO CONTINUITA Premessa La continuità educativa e didattica costituisce un valore fondamentale per la formazione e la crescita dei bambini e dei ragazzi. Essa è richiamata più volte dalla normativa

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

3-Organizzazione didattica 1

3-Organizzazione didattica 1 Unità di apprendimento n.1 1-dati identificativi Titolo: SIAMO FATTI COSI Materia : Scienze Docenti impegnati nello sviluppo dell UDA: tutti i docenti di scienze Tempi di sviluppo: Ottobre / Novembre/Dicembre

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

Piano didattico personalizzato DSA

Piano didattico personalizzato DSA Piano didattico personalizzato DSA Anno Scolastico 2014/2015 Indirizzo di studio Classe Sezione Dati dello studente Cognome e nome Data e luogo di nascita Diagnosi specialistica 1 Redatta da Sintesi diagnostica

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

PEI. Annamaria PETITO

PEI. Annamaria PETITO PEI Annamaria PETITO 1 O.C. è un ragazzo di 19 anni, frequenta il 5 anno 5 del liceo socio-psico psico-pedagogico pedagogico di Foggia. E E affetto da una sindrome di Down con ritardo mentale medio-lieve.

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

Progettare esperienze per generare competenze

Progettare esperienze per generare competenze Progettare esperienze per generare competenze L insegnamento della matematica nella prospettiva della ricerca-azione Ins. Facondina Salvatore Premessa (dalle Nuove Indicazioni) Obiettivo della scuola è

Dettagli

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016 Finalità della Scuola del primo ciclo Compito fondamentale della scuola del primo ciclo d istruzione, che comprende la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado, è la promozione del pieno sviluppo

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 Premessa Alla luce dei risultati delle prove Invalsi, tenuto conto dell

Dettagli

Curricolo verticale di matematica

Curricolo verticale di matematica 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale di matematica Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione Tutto il percorso

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

LOGO E ROBOTICA. Tutta la vita è risolvere problemi Karl Popper

LOGO E ROBOTICA. Tutta la vita è risolvere problemi Karl Popper LOGO E ROBOTICA Tutta la vita è risolvere problemi Karl Popper molto spesso lo sforzo che gli uomini compiono per attività che sembrano completamente inutili, risulta essere estremamente importante per

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi Definizione dei profili di apprendimento Architetture Didattiche Tipologia Caratteristiche Quando avvalersene Ricettiva Trasmissione

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

Nievo-Matteotti MUSICA

Nievo-Matteotti MUSICA Scuola media statale Nievo-Matteotti PIANO DI LAVORO DI MUSICA Prof.ssa CALORIO Carla Prof.ssa DONNINI Sonia Prof.ssa PIASTRELLONI Gerardina Prof.ssa SESSO Eleonora Prof. MANTOVANI Lidio PROGRAMMAZIONE

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe Zara

Istituto comprensivo Arbe Zara Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097 Scuola Secondaria di primo grado Falcone Borsellino Viale Sarca, 24 Milano Tel- 02/88448270 A.s 2015 /2016 Progettazione didattica della

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Un orizzonte di senso Ripensare il curricolo alla luce di Cittadinanza e Costituzione Maria Teresa Ingicco ingiccomt@libero.it Torino 2

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Scheda Progetto. Dati generali. Nome progetto. Il mondo intorno a noi. Ordine scolastico. Professionale. Proponenti. Marco Lega

Scheda Progetto. Dati generali. Nome progetto. Il mondo intorno a noi. Ordine scolastico. Professionale. Proponenti. Marco Lega Scheda Progetto Dati generali Nome progetto Il mondo intorno a noi Ordine scolastico Professionale Proponenti Marco Lega Data Inizio 15/01/2015 Data Fine 19/03/2015 Destinatari 27 studenti classe 2N Ipia

Dettagli