RISCHIO BIOLOGICO CONCETTI GENERALI E RIFERIMENTI NORMATIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISCHIO BIOLOGICO CONCETTI GENERALI E RIFERIMENTI NORMATIVI"

Transcript

1 RISCHIO BIOLOGICO CONCETTI GENERALI E RIFERIMENTI NORMATIVI Carlo Nava Medico del lavoro Dipartimento di Medicina del Lavoro Milano

2 IL RISCHIO BIOLOGICO TITOLO VIII - D.Lgs626/94 Campo di applicazione (art.73) Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni (art. 74) agente biologico: qualsiasi microrganismo anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni; microrganismo: qualsiasi entità microbiologica, cellulare o meno, in grado di riprodursi o trasferire materiale genetico; coltura cellulare: il risultato della crescita in vitro di cellule derivate da organismi pluricellulari.

3 IL RISCHIO BIOLOGICO TITOLO VIII - D.Lgs626/94 In base a quanto stabilito nel D.Lgs 626/94, per esposizione ad agenti microbiologici, si deve intendere l esposizione per ingestione, contatto o inalazione a: Qualsiasi microrganismo, anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie ed intossicazioni

4 Tabella delle lavorazioni per le quali vige l'obbligo delle visite mediche preventive e periodiche (art. 33 del Decreto) Causa del rischio 54. Anchilostomiasi 55. Carbonchio e Morva 56. Leptospirosi 57. Tubercolosi, Sifilide ed altre malattie trasmissibili Lavorazioni o categorie di lavoratori Lavori nelle gallerie, nelle fornaci di laterizi Lavoratori addetti: a) alle infermerie per animali; b) ai macelli; c) alle sardigne; d) alla concia delle pelli; e) alla lavorazione del crine; f) alla raccolta e alla lavorazione dei residui animali per la fabbricazione di concimi, di colla e di altri prodotti industriali. a) Lavori nelle fogne e nei canali; b) lavori di bonifica in terreni paludosi. Soffiatura del vetro con mezzi non meccanici (in quanto implichi l'uso di canne promiscue). Periodo visite Annuale e quando l'operaio denunci o presenti sintomi sospetti di infezione Annuale e quando l'operaio denunci o presenti sintomi sospetti di infezione. Annuale e immediata quando l'operaio denunci o presenti sintomi sospetti di infezione Ogni 15 giorni ed ogni volta che l'operaio riprenda il lavoro dopo una assenza superiore a 5 giorni

5 PUNTI QUALIFICANTI D.Lgs. 626/1994 TITOLO VIII Classificazione analitica dei microrganismi in base alla loro pericolosità per l uomo (art. 74 e art. 75) Distinzione tra esposizione potenziale a microrganismi ed utilizzo deliberato di agenti biologici nell ambito dei processi lavorativi (art. 78)

6 USO DELIBERATO Isolamento, coltura o trattamento di agenti microbiologici a scopi diagnostici (Laboratorio di microbiologia) POTENZIALE ESPOSIZIONE Presenza di microrganismi, senza la deliberata intenzione di farne oggetto di attività lavorativa (Rischio TRASVERSALE anche se con diversa intensità) La differenza tra ESPOSIZIONE POTENZIALE ed UTILIZZO DELIBERATO condiziona la frequenza e l entità dell esposizione e conseguentemente l entità del rischio

7 SETTORI LAVORATIVI CON USO DELIBERATO DI AGENTI BIOLOGICI Università e Centri di ricerca Ricerca e sperimentazione di nuovi materiali e processi utilizzanti agenti biologici Laboratori di microbiologia Sanità Ricerca e sperimentazione di nuovi metodi diagnostici Farmaci contenenti agenti biologici (uso e sperimentazione) Laboratori di microbiologia Prove biologiche (su animali e su cellule) Zootecnica e Veterinaria Industria delle biotecnologie come sopra Produzione di microrganismi selezionati

8 SETTORI LAVORATIVI CON USO DELIBERATO DI AGENTI BIOLOGICI Farmaceutica Ricerca e produzione di vaccini Ricerca e produzione di farmaci Processi di biotrasformazione Fasi di separazione, concentrazione, centrifugazione e produzione di sostanze derivate Ricerca e produzione kit diagnostici Prove biologiche (su animali e su cellule) Alimentare Produzione per la biotrasformazione (vino, birra, formaggi, zuccheri, ecc.) Produzione di microrganismi selezionati Laboratori di microbiologia per prove di saggio (ricerca patogeni) Chimica Produzione per biotrasformazione di composti vari (ad es. detersivi, prodotti per la concia del cuoio

9 Industria alimentare Agricoltura Operatori cimiteriali ESEMPIO DI ATTIVITÀ CHE POTENZIALMENTE ESPONGONO AD AGENTI BIOLOGICI Contatto con animali e/o con prodotti di origine animale Servizi sanitari (compresi isolamento e post-mortem) Laboratori clinici, veterinari e diagnostici (esclusi i laboratori di microbiologia) Impianti di smaltimento di rifiuti e raccolta di rifiuti speciali potenzialmente infetti Impianti di depurazione delle acque reflue

10 Decreto Legislativo del Governo n 626 del 19/09/1994 ALLEGATO XI Elenco degli agenti biologici classificati 1. Agente che presenta poche probabilità di causare malattie nell uomo 2. Agente con scarsa probabilità di diffusione, la malattia è curabile con efficaci terapie. 3. Agente con possibilità di diffusione, può causare malattie gravi nell uomo; di norma sono disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche. 4. Agente con elevato rischio di propagazione, può provocare malattie gravi nell uomo; non sono disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche. Allegato XI D.Lgs 626/94

11 BATTERI Elenco non esaustivo Actinomyces pyogenes 2 Bacillus anthracis 3 Bordetella pertussis 2, V Brucella abortus 3 Brucella canis 3 Brucella melitensis 3 Brucella suis 3 Campylobacter spp 2 Chlamydia psittaci (ceppi aviari) 3 Clostridium botulinum 2, T Clostridium tetani 2, T, V Corynebacterium diphth. 2, T, V Escherichia coli (ad eccezione dei ceppi non patogeni) 2 Haemophilus influenzae 2 Klebsiella pneumoniae 2 Legionella pneumophila 2 Leptospira interrogans (tutti i serotipi) 2 Mycobacterium tuberculosis 3, V Neisseria gonorrhoeae 2 Neisseria meningitidis 2, V Pseudomonas aeruginosa 2 Rickettsia prowazekii 3 Salmonella paratyphi A, B, C 2, V Salmonella typhi 3 (*), V Shigella dysenteriae (Tipo 1) 3 (*), T Staphylococcus aureus 2 Streptococcus pyogenes 2 Treponema pallidum 2 Vibrio cholerae (incluso El Tor) 2 Yersinia pestis 3, V

12 VIRUS Elenco non esaustivo Adenoviridae 2 Virus Lassa 4 Virus Machupo 4 Virus Ebola 4 Virus di Marburgo 4 Virus dell'epatite C 3 (**), D Febbre gialla 3, V Virus dell'epatite B 3 (**), V, D Virus dell'epatite D (Delta) 3 (**), V,D Cytomegalovirus 2 Virus d'epstein-barr 2 Herpes simplex virus tipi 1 e 2 2 Herpesvirus varicella-zoster 2 Virus influenzale tipi A, B e C 2, V Virus del morbillo 2, V Virus parainfluenzali tipi Parvovirus dell'uomo (B 19) 2 Virus Coxsackie 2 Virus Echo 2 Virus dell'epatite A 2, V Virus della poliomielite 2, V Rhinovirus 2 Virus del nodulo dei mungitori 2 Molluscum contagiosum virus 2 Variola (major & minor) virus 4, V Rotavirus umano 2 Virus della S. di immunodeficienza umana (AIDS) 3, D Virus di leucemie umane e cellule T (HTLV) tipi 1 e 2 3, D Virus della rabbia 3 (**), V Malattia di Creutzfeldt-Jakob 3 (**), D

13 PARASSITI Elenco non esaustivo Ancylostoma duodenale 2 Ascaris lumbricoides 2, A Ascaris suum 2, A Balantidium coli 2 Cryptosporidium parvum 2 Cryptosporidium spp 2 Echinococcus granulosus 3 Echinococcus multilocularis 3 Echinococcus vogeli 3 Entamoeba histolytica 2 Fasciola gigantica 2 Giardia lamblia (Giardia intestinalis) 2 Leishmania brasiliensis 3 Leishmania donovani 3 Leishmania major 2 Leishmania spp 2 Necator americanus 2 Plasmodium falciparum 3 Schistosoma haematobium 2 Schistosoma mekongi 2 Strongyloides stercoralis 2 Strongyloides spp 2 Taenia saginata 2 Taenia solium 3 Toxocara canis 2 Toxoplasma gondii 2 Trypanosoma brucei brucei 2 Trypanosoma cruzi 3 Wuchereria bancrofti 2

14 MICETI Aspergillus fumigatus 2, A Blastomyces dermatitidis (Ajellomyces dermatitidis) 3 Candida albicans 2, A Coccidioides immitis 3, A Cryptococcus neoformans var. neoformans (Filobasidiella neoformans var. neoformans) 2, A Cryptococcus neoformans var. gattii (Filobasidiella bacillispora) 2, A Emmonsia parva var. parva 2 Emmonsia parva var. crescens 2 Epidermophyton floccosum 2, A Fonsecaea compacta 2 Fonsecaea pedrosoi 2 Histoplasma capsulatum var. capsulatum (Ajellomyces capsulatus) 3 Histoplasma capsulatum duboisii 3 Madurella grisea 2 Madurella mycetomatis Microsporum spp 2, A Neotestudina rosatii 2 Paracoccidioides brasiliensis 3 Penicillium marneffei 2, A Sporothrix schenckii 2 Trichophyton rubrum 2 Trichophyton spp 2

15 Titolo VIII del D.L.vo 626/94: Allegato XII Misure di contenimento Livelli di contenimento Zona di lavoro separata da qualsiasi altra attività nello stesso edificio No Raccomandato Si Ultrafiltrazione aria in entrata e in uscita No Sull aria estratta Sull aria immessa ed estratta Accesso limitato alle persone autorizzate Raccomandato Si Si, attraverso camera di compensazione

16 Titolo VIII del D.L.vo 626/94: Allegato XII Misure di contenimento Livelli di contenimento Zona di lavoro chiusa a tenuta per disinfezione No Raccomandato Si 5. Specifiche procedure di disinfezione Si Si Si 6. Zona di lavoro a pressione negativa rispetto a quella atmosferica No Raccomandato Si

17 Titolo VIII del D.L.vo 626/94: Allegato XII Misure di contenimento Livelli di contenimento Controllo dei vettori Raccomandato Si Si 8. Superfici idrorepellenti e di facile pulitura Si, per il banco di lavoro Si, per banco di lavoro, arredo e pavimento Si, per banco di lavoro, arredo, muri, pavimento e soffitto 9. Superfici resistenti ad acidi, alcali, solventi, disinfettanti Raccomandato Si Si

18 Titolo VIII del D.L.vo 626/94: Allegato XII Misure di contenimento Livelli di contenimento Deposito sicuro per agenti biologici Si Si Si 11. Finestra di ispezione o dispositivo che permetta di vedere gli occupanti Raccomandato Raccomandato Si 12. I laboratori devono contenere l attrezzatura necessaria No Raccomandato Si

19 Titolo VIII del D.L.vo 626/94: Allegato XII Misure di contenimento Livelli di contenimento I materiali infetti, compresi i materiali, devono essere manipolati in cabine di sicurezza, isolatori o altri adeguati contenitori Ove opportuno Si, quando l infezione è veicolata dall aria Si 14. Inceneritori per eliminare le carcasse di animali Raccomandato Si (se disponibile) Si, sul posto 15. Mezzi e procedure per il trattamento dei rifiuti Si Si Si, con sterilizzazione 16. Trattamento delle acque reflue Si Si Si, con sterilizzazione

20 Per gli agenti biologici - A differenza di quanto si osserva in ambito tossicologico per ciò che attiene agli effetti graduati di tipo deterministico. (esiste una proporzionalità tra l entità dell effetto e la dose) - In analogia a quanto si osserva (sempre( in ambito tossicologico) ) per gli effetti stocastici di tipo probabilistico. (in questo caso non esiste una proporzionalità tra dose e frequenza di comparsa dell effetto) SI REGISTRA LA MANCANZA DI DOSE-SOGLIA SOGLIA PER L INSORGENZA L DI EFFETTI AVVERSI NEI CONFRONTI DELLA SALUTE UMANA

21 Queste difficoltà oggettive possono portare ad effettuare la valutazione di questo rischio utilizzando il criterio di tipo PRESUNTIVO, ovvero considerare il rischio biologico ubiquitario per definizione. Questa logica può essere superata con l utilizzo di un criterio, che possiamo definire di tipo DESCRITTIVO, che consiste nella raccolta e successiva analisi, mediante apposita scheda, di una serie di informazioni correlate al rischio biologico; informazioni che permettono di formulare una stima dell esposizione esposizione e del danno potenziale.

22 La scheda dovrebbe prevedere un percorso ragionato che guida alla raccolta, mediante un sopralluogointervista, di una serie di informazioni specifiche allo scopo di caratterizzare i seguenti punti critici: Andamento del fenomeno infortunistico a rischio biologico. Adesione alla vaccinoprofilassi contro il tetano, epatite virale tipo A e B, ecc. Dotazione di Dispositivi di Protezione Individuale. Informazione e Formazione dei lavoratori addetti. Presenza e verifica delle procedure scritte per la tutela del rischio biologico.

23 Si può quindi esprimere una stima semiquantitativa del rischio raggruppando le informazioni raccolte nelle seguenti categorie caratterizzate da valenze diverse: Procedure di lavoro codificate Dotazione e uso di DPI Informazione e formazione Adesione alla vaccinoprofilassi

24 IL RISCHIO BIOLOGICO - Titolo VIII D.Lgs 626/1994 Informazione e formazione (art. 85): Obbligatoria in tutte le attività con rischio per la salute dei lavoratori e comprende informazioni, istruzioni e formazione concernenti: i rischi per la salute dovuti agli agenti biologici utilizzati; e precauzioni da prendere per evitare l'esposizione; le misure igieniche da osservare; la funzione degli indumenti di lavoro e protettivi e dei dispositivi di protezione individuale ed il loro corretto impiego; le procedure da seguire per la manipolazione di agenti biologici del gruppo 4; il modo di prevenire il verificarsi di infortuni e le misure da adottare per ridurne al minimo le conseguenze.

25 IL RISCHIO BIOLOGICO TITOLO VIII D.Lgs 626/94 Sorveglianza sanitaria (art. 86) A. Obbligatoria in tutte le attività con rischio per la salute dei lavoratori. B. Il DDL, su parere del MC, adotta misure preventive particolari fra cui: Messa a disposizione di vaccini efficaci; Allontanamento temporaneo del lavoratore (ex art. 8 D.L.vo 277/91). La funzione degli indumenti di lavoro e protettivi e dei dispositivi di protezione individuale ed il loro corretto impiego. La revisione della Valutazione dei rischi in caso di anomalie riscontrate negli accertamenti sanitari. C. Il MC informa i lavoratori sulla necessità di sottoporsi a controllo anche dopo la cessazione della esposizione, e sui vantaggi e inconvenienti della vaccinazione e della non vaccinazione

26 IL RISCHIO BIOLOGICO TITOLO VIII D.Lgs 626/94 Registri degli esposti e degli eventi accidentali (art. 87) Il RE è obbligatorio in tutte le attività con esposizione ad agenti dei gruppi 3 e 4. E istituito dal DDL e tenuto dal MC. RSPP e RLS hanno accesso al RE. E consegnato in copia dal DDL all ISPESL e all ISS. Il DDL, alla cessazione del rapporto di lavoro, effettua comunicazione all OdV e all ISPESL, cui consegna le cartelle sanitarie (obbligo di conservazione per 10 o 40 anni). In caso di cessazione dell azienda il DDL consegna copia del RE all Odv e all ISS. In caso di assunzione di lavoratori già esposti il DDL chiede all ISPESL copia delle annotazioni del RE e della cartella sanitaria. Il DDL Comunica ai lavoratori, tramite il MC, le annotazioni individuali e al RLS i dati collettivi anonimi.

27 EPIDEMIOLOGIA GENERALE E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE Nava Carlo - Servizio medico competnte

28 EZIOLOGIA DELLE MALATTIE INFETTIVE Le malattie infettive sono contraddistinte dal fatto di essere determinate da cause naturali (microrganismi patogeni) e di essere determinate ognuna da uno specifico agente biologico

29 VIE DI TRASMISSIONE Il passaggio del microrganismo dalla sorgente di infezione al soggetto sano può avvenire secondo due modalità principali: Malato o portatore sano Malato o portatore ambiente esterno sano

30 MODALITA di INGRESSO dei MICRORGANISMI L ingresso degli agenti patogeni nell organismo può avvenire per via: Connatale Mucosa Cutanea Umorale Attraverso l ingresso placentare (Malattie gruppo T.O.R.C.) Più importante via di accesso dei microrganismi patogeni nell organismo. Le mucose più implicate sono quelle dell apparato respiratorio e digerente; oltre alla mucosa genito-urinaria e congiuntivale. Se integra costituisce una barriera insormontabile per i microrganismi; bastano però lesioni, anche minime, perché l ingresso possa avvenire. Ingresso diretto degli agenti patogeni nel torrente circolatorio attraverso ferite accidentali, morsicature di insetti e/o animali infetti.

31 VIE DI ELIMINAZIONE I microrganismi patogeni sono eliminati tramite secrezioni ed escrezioni. La conoscenza puntuale ed approfondita di questi meccanismi è essenziale ai fini della prevenzione. Le vie di eliminazione degli agenti biologici possono essere molteplici: Cutanea Intestinale Respiratoria Genito-urinaria Buccale Congiuntivale

32 L uomo è continuamente esposto ai microrganismi presenti nell aria: l incontro con i microrganismi potenzialmente patogeni è quindi un evento molto probabile Lo sviluppo di una malattia dipende, invece, da molti fattori: la suscettibilità dell ospite; la vitalità e la virulenza dei microrganismi; il contatto di un numero adeguato di agenti infettivi.

33 NOZIONI GENERALI di PREVENZIONE delle MALATTIE INFETTIVE PREVENZIONE PRIMARIA L obiettivo della prevenzione primaria è quello di impedire l insorgenza di nuovi casi di malattia nelle persone sane, agendo sulle cause e sui fattori di rischio delle malattie stesse. Di seguito si dettagliano i possibili procedimenti di intervento: 1. INATTIVAZIONE O RIMOZIONE DELL'AGENTE CAUSALE 2. RISANAMENTO E PROTEZIONE AMBIENTALE 3. AUMENTO DELLE DIFESE INDIVIDUALI E ADOZIONE DI UNO STILE DI VITA FAVOREVOLE AL MANTENIMENTO DELLA SALUTE

34 La prevenzione delle malattie contagiose può essere attuata con metodi diretti e indiretti METODI DIRETTI Attività rivolte ad aumentare le difese dell individuo nei confronti delle infezioni: vaccinazioni, prevenzione con sieri immuni o immunoglobuline, prevenzione farmacologica Attività organizzate per riconoscere gli agenti patogeni nei singoli individui e nella popolazione ed a ostacolarne la diffusione: ricerca e bonifica dei portatori, notifica dei casi di malattia, accertamento diagnostico e misure contumaciali

35 Attività di bonifica ambientale rappresentate da: STERILIZZAZIONE Elimina qualsiasi forma vivente, sia gli agenti patogeni, che i saprofiti Questa caratteristica rende la sterilizzazione il metodo di scelta per tutti i casi nei quali è necessaria la massima sicurezza: I materiali e gli strumenti chirurgici I farmaci iniettabili Le colture di germi patogeni e i rifiuti infetti che devono essere eliminati.

36 I procedimenti utilizzati per sterilizzare possono essere di tipo: FISICO calore - impiegato per l incenerimento, oppure utilizzato sotto forma secca - stufe -o umidaautoclave - e dalle radiazioni ionizzanti e ultraviolette. CHIMICO ossido di etilene e aldeide glutarica. MECCANICO filtrazione.

37 Attività di bonifica ambientale rappresentate da: DISINFEZIONE Pratica che ha come fine la distruzione della flora batterica patogena in un determinato ambiente o substrato, essa può essere attuata con: Mezzi naturali luce solare, essiccamento, temperatura, concorrenza vitale, diluizione, batteriofagia Mezzi chimici acidi, alcali, ossidanti, cloro, cloroderivati, iodio e derivati, alcoli, aldeidi, composti tensioattivi, clorexidina, sali di ammonio quaternario

38 Disinfezione Fattori limitanti l attività di un disinfettante Resistenza microbica Eccessiva carica microbica Temperatura, concentrazione e ph d uso Interazioni negative con altre sostanze chimiche Tempo di contatto

39 Attività di bonifica ambientale rappresentate da: DISINFESTAZIONE Pratica che ha come fine la distruzione dei vettori I mezzi di cui disponiamo per l attuazione di tale metodica sono numerosi e possono essere distinti in 4 categorie: FISICI, CHIMICI, BIOLOGICI e MECCANICI Qui ci occuperemo dei primi 2 gruppi: DISINFESTANTI INTEGRALI agiscono sia contro gli insetti che contro i ratti: Anidride solforosa e Acido cianidrico. INSETTICIDI Piretrine, composti clorurati organici, composti organofosforici. RATTICIDI Alfa-naftil-tiourea, e preparati Anticumarinici.

40 METODI INDIRETTI Comprendono tutta una serie di provvedimenti indirizzati: al risanamento e al miglioramento degli ambienti di vita e di lavoro; al controllo della qualità dell acqua, degli alimenti, delle bevande; al miglioramento delle condizioni di salute individuali e collettive.

41 QUALI MICRORGANISMI IN QUALI ATTIVITA Nava Carlo - Servizio medico competnte

42 PRINCIPALI MICRORGANISMI A CUI SONO ESPOSTIGLI GLI OPERATORI SANITARI E GLI ADDETTI AI LABORATORI MALATTIA AGENTE COINVOLTO SORGENTI SERBATOI TRASMISSIONE ESPOSTI Ep. virale B HBV uomo parenterale 1, 2, 3, 4 Ep. virale C HCV uomo parenterale 1, 2, 3, 4 Ep. virale A HAV uomo oro-fecale 2, 4 AIDS Virus HIV uomo parenterale 1, 2, 3, 4 Tubercolosi Micobacter. Bovis, Avium, Tuberculosis uomo, volatili, mammiferi domestici contatto indiretto e aerea 1, 2, 3, 4 Salmonellosi Salmonella typhi uomo oro-fecale 2, 3, 4 Infezioni da E. Coli Escherichia Coli uomo e tutte le specie animali oro-fecale 2, 4 Influenza virale Orthomixovir. A, B e C uomo contatto diretto e aerea 1, 2, 4 Brucellosi Brucella mammiferi contatto diretto e indiretto 3 SEGUE

43 PRINCIPALI MICRORGANISMI A CUI SONO ESPOSTIGLI GLI OPERATORI SANITARI E GLI ADDETTI AI LABORATORI MALATTIA AGENTE COINVOLTO SORGENTI SERBATOI TRASMISSIONE ESPOSTI Rosolia Varicella Virus rubeolico Virus varicella zoster uomo uomo aerea contatto diretto e aerea 1, 2, 4 1, 2, 3, 4 Raffreddore Adenovirus uomo aerea 1, 2, 4 Morbillo Morbillivirus uomo contatto diretto e aerea 1, 2, 4 Streptococcosi Streptococco gruppo A uomo contatto diretto 1, 2, 3 Parotite Paramixovirus uomo aerea 1, 2 Pertosse Difterite B. pertussis C. diphteriae uomo uomo aerea contatto indiretto, aerea 1, 2, 3, 4 1, 2, 3, 4 Sifilide Treponema pallidum Uomo, mammiferi Contatto diretto e indiretto 3 LEGENDA 1= Medici 2= Infermieri 3= tecnici laboratorio 4= Ausiliari

44 PRINCIPALI MICRORGANISMI A CUI SONO POTENZIALMENTE ESPOSTI GLI GLI ADDETTI ALLA RACCOLTA RIFIUTI, DEPURAZIONE ACQUE REFLUE URBANE E MANUTENZIONE DELLE RETI FOGNARIE MALATTIA AGENTE COINVOLTO SORGENTI SERBATOI TRASMISSIONE Poliomielite Poliovirus uomo oro-fecale Tetano Clostridium tetani mammiferi (erbivori) Contatto diretto Ep. virale A HAV uomo oro-fecale Ep. virale B HBV uomo parenterale Ep. virale C HCV uomo parenterale Leptospirosi Leptospira roditori Contatto diretto ed indiretto Infezioni da E. Coli Escherichia Coli uomo e tutte le specie animali oro-fecale SEGUE

45 MALATTIA Shigellosi PRINCIPALI MICRORGANISMI A CUI SONO POTENZIALMENTE ESPOSTI GLI GLI ADDETTI ALLA RACCOLTA RIFIUTI, DEPURAZIONE ACQUE REFLUE URBANE E MANUTENZIONE DELLE RETI FOGNARIE AGENTE COINVOLTO Shigella SORGENTI SERBATOI uomo, bovini TRASMISSIONE oro-fecale Colera Vibrio cholerae uomo oro-fecale Giardiasi Giardia lamblia animali domestici mammiferi oro-fecale da contatto indiretto Amebiasi Entamoeba histolytica uomo Contatto indiretto Anchilostomiasi Anchilostoma duodenalis Necator americanus uomo Contatto diretto

46 PRINCIPALI MICRORGANISMI A CUI SONO POTENZIALMENTE ESPOSTI GLI ADDETTI AL SETTORE ZOOTECNICO E AGRICOLO Malattia Agente responsabile Principale serbatoio animale Modo di trasmissione Operatori esposti Brucellosi Brucella abortus, Brucella melitensis Bovini, ovicaprini, suini Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM; ALP; CONS Leptospirosi Leptospira interrogans Tutte le specie di mammiferi Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM; ALP Febbre Q Coxiella burnetii Bovini, ovicaprini Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM; ALP Tetano Clostridium tetani Tutte le specie di mammiferi Contaminazione ferite AL; VET; AM; ALP Psittacosi Ornitosi Chlamidia pittaci Volatili, pecore, bovini Contatto diretto AL; VET; AM Segue

47 PRINCIPALI MICRORGANISMI A CUI SONO POTENZIALMENTE ESPOSTI GLI ADDETTI AL SETTORE ZOOTECNICO E AGRICOLO Malattia Agente responsabile Principale serbatoio animale Modo di trasmissione Operatori esposti Tubercolosi Mycobacterium bovis, tuberculosis e avium Bovini, suini, ovicaprini, volatili Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM; ALP; CONS Salmonellosi Salmonella spp. Tutte le specie animali Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM; ALP; CONS Campilobatteriosi Campylobacter spp Bovini, ovini, suini, volatili Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM; ALP; CONS Infezioni da E. Coli E. coli Tutte le specie animali Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM; ALP; CONS Helicobatteriosi Helycobacter spp. Suini, altri mammiferi Contatto diretto AL; VET; AM Mal Rosso Erysipelothrix rhusiopathiae Suini, volatili, pesci Contatto diretto AL; VET; AM; ALP; CONS Segue

48 PRINCIPALI MICRORGANISMI A CUI SONO POTENZIALMENTE ESPOSTI GLI ADDETTI AL SETTORE ZOOTECNICO E AGRICOLO Malattia Agente responsabile Principale serbatoio animale Modo di trasmissione Operatori esposti Stafilococcosi Staphylococcus spp Varie specie animali Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM Streptococcosi Streptococcus suis Suini Contatto diretto AL; VET; AM Listeriosi Listeria monocytogenes Bovini, ovicaprini, suini, pesci, volatili Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM; ALP; CONS Carbonchio Bacillus anthracis Bovini, ovicaprini, suini, equini Contatto diretto AL; VET; AM; ALP Tularemia Francisella tularensis Lagomorfi, animali selvatici Contatto diretto AL; VET; AM; ALP; CONS Malattia Di Lyme Borrelia burgdorferi Bovini, ovicaprini, equini Contatto diretto AL; VET Segue

49 PRINCIPALI MICRORGANISMI A CUI SONO POTENZIALMENTE ESPOSTI GLI ADDETTI AL SETTORE ZOOTECNICO E AGRICOLO Malattia Agente responsabile Principale serbatoio animale Modo di trasmissione Operatori esposti Toxoplasmosi Toxoplasma gondii Ovini, lagomorfi, gatti Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM; ALP; CONS Echinococcosi idatidosi Echinococcus granulosus Ospiti defin.: cani e canidi selvatici. Ospiti interm.: bovini, ovicaprini, suini Contatto diretto e indiretto AL Dermatofitosi Tricophyton spp Microsporum Bovini,cani, gatti Contatto diretto e indiretto AL; VET; AM Influenza virale Orthomyxovirus tipo A Volatili, suini Contatto diretto AL; VET Malattia Di Newcastle Paramyxovirus 1 volatili Contatto diretto * AL; VET Segue

50 PRINCIPALI MICRORGANISMI A CUI SONO POTENZIALMENTE ESPOSTI GLI ADDETTI AL SETTORE ZOOTECNICO E AGRICOLO Malattia Agente responsabile Principale serbatoio animale Modo di trasmissione Operatori esposti Stomatite papulosa Parapoxvirus bovini Contatto diretto AL; VET Ectima contagioso Parapoxvirus ovicaprini Contatto diretto* AL; VET AL = allevatori e addetti alla custodia e cura degli animali AM = addetti alla macellazione degli animali ALP = addetti alla lavorazione dei prodotti di origine animale CONS = consumatori VET = veterinari del servizio pubblico e liberi professionisti Contatto diretto = contatto con gli animali attraverso vettori (ectoparassiti ed insetti), alimenti contaminati, superfici imbrattate da feci, ecc. * Sia per contatto con gli animali, sia possibilità di infezione nel corso di operazioni di vaccinazione con vaccini a virus vivo attenuato.

51 VACCINOPROFILASSI Nava Carlo - Servizio medico competnte

52 LINEE GUIDA SIMLII RISCHIO BIOLOGICO Vaccini attualmente disponibili

53 SCHEMI VACCINALI Elenco delle vaccinazioni, obbligatorie o raccomandate,a cui sottoporre gli operatori esposti a rischio biologico in relazione alla tipologia di attività lavorativa svolta VACCINAZIONE NORMATIVE DI RIFERIMENTO SCHEMA VACCINALE RICHIAMI VACCINAZIONE ANTI EPATITE TIPO B Circolare Ministeriale n. 19/2000 esplicativa del D.M CICLO PRIMARIO 0, 1, 6 mesi Dopo 1 mese controllo HBsAb se negativo somministrare 4 a dose se dopo 1 mese HBsAb ancora negativo soggetto NON RESPONDER suscettibile di infezione NON PREVISTI VACCINAZIONE ANTIROSOLIA Circolare Ministeriale del 13 luglio 1999, n. 12 Dose unica da iniettare per via sottocutanea e costituita da 0,5 ml di vaccino contenente stipiti di virus vivente attenuato. NON PREVISTI

54 SCHEMI VACCINALI VACCINAZIONE NORMATIVE DI RIFERIMENTO SCHEMA VACCINALE RICHIAMI VACCINAZIONE ANTI TUBERCOLARE Legge Finanziaria 2001 D.P.R. 7 Novembre 2001 n. 465 La vaccinazione antitubercolare è obbligatoria per il personale sanitario, studenti in medicina, allievi infermieri e chiunque, a qualunque titolo, con test tubercolinico negativo, operi in ambienti sanitari ad alto rischio di esposizione a ceppi multifarmacoresistenti, oppure che operi in ambienti ad alto rischio e non possa, in caso di cuticonversione, essere sottoposto a terapia preventiva, perché presenta controindicazioni cliniche all uso di farmaci specifici. Dose unica da iniettare costituita da 0,1 ml del vaccino ricostituito allo stato liquido, contenete da a 1 milione di batteri vivi. NON PREVISTI VACCINAZIONE ANTI TIFICA Legge 30 aprile 1962, n. 283 D.P.R. 26 marzo 1980, n.327 Vaccino orale costituito da germi uccisi. Somministrare per via orale a digiuno e non ingerire cibo per almeno 1 ora dopo l assunzione. 3 dosi per os a giorni alterni (1, 3, 5 giorni). DA RIPETERE OGNI 2-3 ANNI

55 SCHEMI VACCINALI VACCINAZIONE NORMATIVE DI RIFERIMENTO SCHEMA VACCINALE RICHIAMI VACCINAZIONE ANTI TETANICA Legge marzo 1963 D.P.R. 7 novembre 2001, n. 464 CICLO PRIMARIO - Tempo 0 1 a DOSE - Dopo 6 8 settimane 2 a DOSE - Dopo 6 12 mesi 3 a DOSE Dopo 5 anni dalla vaccinazione basale 1 DOSE DI RICHIAMO Le successive DOSI da effettuarsi a 10 anni dell ultima dose di richiamo VACCINAZIONE ANTI EPATITE TIPO A Circolare Ministeriale n marzo 1998 Vaccino a virus inattivato; il ciclo completo è costituito da 2 dosi (la seconda deve essere somministrata a distanza di 6-12 mesi dalla prima). Dopo un ciclo completo la durata della risposta immune è superiore a 10 anni, forse 25 anni NON PREVISTI

56 SCHEMI VACCINALI VACCINAZIONE NORMATIVE DI RIFERIMENTO SCHEMA VACCINALE RICHIAMI VACCINAZIONE ANTI VARICELLA Circolare Ministeriale n. 8 del 10 marzo 1992 E raccomandata la somministrazione di 2 dosi per via sottocutanea. Si è dimostrato in grado di fornire il 70% di protezione contro l infezione e circa il 95% di protezione contro la forma severa della malattia per 7-10 anni Dopo 5-10 anni Qualora si evidenzi la scomparsa del titolo anticorpale VACCINAZIONE ANTI MORBILLO e PAROTITE Circolare Ministeriale n. 12 del 13 luglio 1999 Vaccino combinato da somministrare in dose singola per via sottocutanea NON PREVISTI VACCINAZIONE ANTI INFLUENZALE Circolare Ministeriale n. 8 del 31 maggio 2001 Una singola dose somministrata per via intramuscolare annualmente. L efficacia protettiva è stimata intorno al 75% dei vaccinati

57 CONTROINDICAZIONI ALLE VACCINAZIONI Individuo con malattia in atto o convalescente Controindicazioni assolute Gravidanza nei primi 3 mesi e negli ultimi 2 Nefropatie e cardiopatie scompensate o malattie circolatorie gravi Leucemie e neoplasie

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative

Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative Edizione 2011 Pubblicazione realizzata da INAIL Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione (CONTARP) a cura di Liliana Frusteri

Dettagli

Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative

Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2011 Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative Edizione 2011 Pubblicazione

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Circolare n 4 del 13 marzo 1998 Protocollo 400.3/26/1189 MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Provvedimenti da adottare nei confronti di soggetti affetti da alcune malattie infettive e

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] Proposta operativa nell

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

626 Agenti Biologici e Sicurezza Lavoro nelle attività sanitarie, ospedaliere e di laboratorio

626 Agenti Biologici e Sicurezza Lavoro nelle attività sanitarie, ospedaliere e di laboratorio 626 Agenti Biologici e Sicurezza Lavoro nelle attività sanitarie, ospedaliere e di laboratorio ALLEGATI: 1. Programma del corso 4 Ore di cui: 2 Relazioni 1 ore e 45 minuti 4 Esperto Risponde 1 ora e 15

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl.

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 4. SANITA E IGIENE Busta 6 (1960 1961), fascc. 2 4.1 1960, s.fascc. 5 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 1) 1. Comunicazioni del sindaco relative alle prescrizioni di medicinali e cure

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

RISCHIO DA AGENTI BIOLOGICI NELLE AZIENDE DI PULIMENTO. Sandro Sanna Agostino Messineo SPRESAL ASL RM H

RISCHIO DA AGENTI BIOLOGICI NELLE AZIENDE DI PULIMENTO. Sandro Sanna Agostino Messineo SPRESAL ASL RM H RISCHIO DA AGENTI BIOLOGICI NELLE AZIENDE DI PULIMENTO Sandro Sanna Agostino Messineo SPRESAL ASL RM H DEFINIZIONE DI AGENTE BIOLOGICO QUALSIASI MICROORGANISMO ANCHE SE GENETICAMENTE MODIFICATO, COLTURA

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Definizione di Dispositivo Medico

Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico Vs Cosmetico Vs prodotto farmaceutico Vs Biocida Vs DPI Definizione di dispositivo medico Qualsiasi strumento,apparecchio, impianto, sostanza od altro prodotto, utilizzato

Dettagli

Il pacchetto igiene dell UE

Il pacchetto igiene dell UE Il pacchetto igiene dell UE Il primo gennaio 2006 è entrato in vigore il cosiddetto pacchetto igiene dell Unione Europea, mettendo finalmente ordine nella normativa sull igiene alimentare che, fino a quel

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA

IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA DECRETO N. 11748 DEL 22.5.2001 Oggetto: Revisione delle Direttive e linee guida in ordine alla classificazione, relativa codifica C.E.R. e modalità di gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie,

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Il servizio di disinfezione e disinfestazione sarà eseguito dal Comune con personale assunto

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI

MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI Edizione in lingua italiana Terza edizione Supplemento di Prevenzione Oggi numero 2 anno 2005 - Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale 70% - DCB - Roma

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Sistema Silancolor Plus. Protezione e decorazione delle murature. Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe

Sistema Silancolor Plus. Protezione e decorazione delle murature. Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe Sistema Silancolor Plus Protezione e decorazione delle murature Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe Sistema Silancolor Plus Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna

Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna Assessorato Politiche per la Salute Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna Aggiornamento al 21 In questo rapporto sono presentati i dati del sistema di sorveglianza dell Emilia-Romagna

Dettagli

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso Aggiornamento: 20 Ottobre 2014 Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso 1. Introduzione Il presente aggiornamento tecnico

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli