PROCEDURA APERTA (AI SENSI DEL D.LGS.163/2006 E S.M.I.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA APERTA (AI SENSI DEL D.LGS.163/2006 E S.M.I.)"

Transcript

1 REGIONE BASILICATA PROCEDURA APERTA (AI SENSI DEL D.LGS.163/2006 E S.M.I.) PER L ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO EVOLUTIVO E DI ASSISTENZA SPECIALISTICA DEL SISTEMA INFORMATIVO LAVORO BASIL DELLA REGIONE BASILICATA P.O. FSE Basilicata CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO C

2 Indice Indice PREMESSA Documentazione allegata Definizioni ed acronimi IL SISTEMA INFORMATIVO LAVORO BASIL Descrizione del sistema BASIL Coordinatore Regionale I SIL Provinciali: BASIL PZ e BASIL MT Il portale del lavoro La banca dati Interoperabilità applicativa Gli utenti del servizio Standard tecnologici Ambiente tecnologico generale Architetture di riferimento Applicazioni Web Interoperabilità delle applicazioni Architettura di rete L interfaccia e la logica di funzionamento DBMS Struttura del Database OGGETTO DELLA GARA Linea1: manutenzione correttiva, adeguativa e migliorativa e servizio di supporto operativo Manutenzione correttiva, adeguativa e migliorativa (MAC) Servizio di supporto operativo (SO) Linea2: manutenzione evolutiva e consulenza specialistica Manutenzione evolutiva (MEV) Servizio di consulenza specialistica (SC) MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI Linea1: MAC e SO MAC: Attivazione MAC: Chiusura MAC: Rendicontazione SO: Attivazione SO: Chiusura SO: Rendicontazione Linea2: MEV e SC pag. 2

3 4.2.1 MEV: Attivazione MEV: Chiusura MEV: Rendicontazione SC: Attivazione SC: Chiusura SC: Rendicontazione LIVELLI DI SERVIZIO MODALITÀ DI CONDUZIONE DELLE ATTIVITÀ Pianificazione e Rendicontazione delle Attività Gestione della documentazione e dei sorgenti del software BASIL Strumento Automatico di Gestione dei Servizi di Assistenza MODELLO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL CONTRATTO Gruppo di lavoro della DA Risorse Professionali pag. 3

4 1. PREMESSA La Regione Basilicata ha avviato su tutto il territorio regionale, a partire da Novembre 2005, il sistema Informativo Lavoro BASIL per la gestione integrata dei servizi per l impiego, erogando servizi innovativi all utenza del territorio e fornendo costantemente importanti informazioni sul mercato del lavoro locale. Nel corso di questi anni, la Regione Basilicata ha avviato attività di potenziamento del sistema informativo, aggiornandolo costantemente alle normative regionali e nazionali in tema di mercato e servizi per il lavoro. Con la presente procedura aperta si intende garantire l'evoluzione del Sistema Informativo Lavoro BASIL sulla base delle modifiche normative in atto, nonché disporre delle figure specialistiche consulenziali atte a coadiuvare il Dipartimento Lavoro della Regione nello studio, nella progettazione e nella realizzazione degli interventi evolutivi sia dei sistemi di erogazione sia dei servizi per il lavoro. 1.1 Documentazione allegata La Regione Basilicata ha nel tempo costruito un ambiente tecnologico ed innovativo che rappresenta un investimento da tutelare, infatti per una armoniosa gestione dei sistemi tecnologici e delle piattaforme applicative l Ufficio SIRS della Regione Basilicata adotta e fa adottare ai fornitori di servizi ICT delle linee guida, delle regole tecniche e degli standard tecnologici. La DA dovrà pertanto attenersi, nello svolgimento delle attività oggetto del presente capitolato tecnico, all osservanza di quanto descritto nei seguenti documenti tecnici ivi allegati: C/1: SLA; C/2: Community Network Regione Basilicata; C/3: Standard Tecnologici; C/4: GSA; C/5: Basil Documento Tecnico v. 1.5; C/6: Basil Profili Utente v. 1.2; C/7: IMS Documento di Visione; C/8: IMS Modellazione dei casi uso; C/9: IMS Identity Management documento di integrazione v.1.5; 1.2 Definizioni ed acronimi Di seguito vengono elencate le definizioni e gli acronimi contenuti nel presente capitolato tecnico: - DA: Ditta appaltatrice; - SA: Stazione Appaltante; - PA: Pubblica Amministrazione; - SIL: Sistema Informativo del Lavoro; - BASIL: Sistema Informativo del Lavoro della Regione Basilicata; - CNIPA: Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (ora DigitPA); pag. 4

5 - SPC: Sistema Pubblico di Connettività; - SPCoop: Sistema Pubblico di Cooperazione; - ICAR: Interoperabilità e Cooperazione Applicativa fra le Regioni; - CG-SICA: Centro di Gestione dei Servizi di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa; - IMS: Identity Management System; - MAC: Manutenzione correttiva, adeguativa e migliorativa; - SO: Servizio di supporto operativo; - MEV: Manutenzione evolutiva; - SC: Servizio di consulenza specialistica; pag. 5

6 2. IL SISTEMA INFORMATIVO LAVORO BASIL 2.1 Descrizione del sistema BASIL Basil è il Sistema Informativo Lavoro della Regione Basilicata, un applicazione web per la gestione integrata dei servizi pubblici rivolti al mercato del lavoro e supporta operativamente le attività di competenza delle Province di Matera e Potenza. Tale sistema informativo persegue pertanto quattro linee d intervento: distribuire il servizio sul territorio, facilitando l accesso agli operatori, ai cittadini e alle imprese; centralizzare i dati trattati attraverso un sistema di unificazione del database pubblico; velocizzare le comunicazioni tra Ente, Aziende e cittadini con notevole risparmio economico e di tempo. stabilire l interoperabilità con i sistemi informativi in ambito nazionale e con la Borsa Continua Nazionale del Lavoro, secondo quanto previsto dal task AP4 del progetto ICAR rif.: 0e. Dal punto di vista delle funzionalità, Basil consente la gestione delle pratiche amministrative dei back office e di front office dei Centri per l Impiego, così come evidenziato dal seguente elenco non esaustivo: Gestione degli adempimenti amministrativi: o iscrizione nelle liste di disoccupazione (D. Lgs. 181/00 297/02, lista di mobilità, L. 68/99) o stampa di certificati o inserimento comunicazioni aziendali di assunzione, cessazione, proroga, trasformazione Graduatorie per l avviamento presso Enti Pubblici (art. 16 L. 56/87, LSU): o Iscrizione dei lavoratori alla graduatoria o Composizione automatica della graduatoria o Gestione della procedura di avvio a selezione Collocamento obbligatorio (L. 68/99): o Creazione della graduatoria annuale dei lavoratori inseriti in lista o Gestione automatica delle richieste di autorizzazione all assunzione (nulla-osta) da parte delle aziende o Report per la verifica dei prospetti annuali sui lavoratori disabili in forza o Gestione automatica delle convenzioni stipulate fra la Provincia e le aziende per l assunzione di lavoratori disabili Incontro domanda/offerta di lavoro: pag. 6

7 o o o Registrazione della scheda anagrafico-professionale del lavoratore Ricerca dei profili corrispondenti alle richieste aziendali tramite una procedura di matching Segnalazione dei nominativi all azienda Interventi di politica attiva: o Registrazione dei colloqui avuti dal lavoratore presso il CPI o Gestione del Piano d Azione stipulato con il lavoratore e degli interventi concordati Obbligo formativo: o Gestione delle anagrafiche dei giovani soggetti all obbligo o Gestione degli interventi di accoglienza, orientamento e tutoraggio erogati dai CPI Statistiche: o Report periodici quantitativi sulla banca dati (iscrizioni, assunzioni, etc.) o Creazione di query sulla banca dati personalizzate con i parametri inseriti dall utente Comunicazioni aziendali obbligatorie (invio telematico): Dal 22 luglio 2008, con l attivazione del Nodo di Coordinamento Regionale autonomo che dialoga e scambia comunicazioni con il Ministero del Lavoro e le altre regioni italiane secondo gli standard tecnologici definiti dal Decreto Interministeriale del Ministero del Lavoro del , Basil costituisce il Sistema Informatico CO della Regione Basilicata, con flussi stimati di circa comunicazioni obbligatorie all anno. Tale sistema consente: o Invio on-line delle comunicazioni di assunzione, cessazione, proroga, trasformazione dei rapporti di lavoro secondo quanto definito dal DM o Invio on-line del prospetto informativo dei lavoratori disabili in forza (L. 68/99) Incontro domanda/offerta di lavoro: o Inserimento delle richieste di figure professionali o Visualizzazione dell elenco dei nominativi segnalati dal CPI a seguito di una richiesta o Indicazione degli esiti dei colloqui dei lavoratori presso le aziende Basil rappresenta quindi la rete territoriale che unisce tutti i soggetti attivi che operano nel mercato del lavoro: Centri per l Impiego, comuni, cittadini, aziende, consulenti del lavoro, scuole, ecc. BASIL è in grado di collegarsi anche alla Borsa Continua Nazionale del Lavoro e di scambiare informazioni amministrative, con indubbi vantaggi in termini di efficienza e trasparenza del servizio sia verso i cittadini che usufruiscono dei servizi informatizzati del Centri per l Impiego provinciali, sia per le aziende, le agenzie di somministrazione e i consulenti del lavoro che possono gestire le comunicazioni on line abbandonando definitivamente i moduli cartacei. BASIL si compone, attraverso una struttura di tipo federato, di diversi strumenti che nel loro insieme costituiscono l infrastruttura tecnologica in grado di connettere tutti i soggetti pubblici e privati presenti sul Mercato del Lavoro regionale, con i seguenti obiettivi: Informatizzare i servizi, al fine di snellire le procedure e ridurre le comunicazioni cartacee. Realizzare l integrazione fra i servizi pubblici per l impiego a livello regionale al fine di ottimizzare l utilizzo delle risorse. Supportare la Regione nel suo ruolo di supervisione, monitoraggio e indirizzamento degli interventi di politica attiva. Garantire la cooperazione applicativa con altri sistemi informativi, in maniera tale da partecipare in maniera attiva alla Rete dei Servizi per il Lavoro in corso di realizzazione da parte del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. pag. 7

8 Vengono di seguito descritti i differenti moduli applicativi del SIL, che possiamo riassumere in: Il Coordinatore Regionale; I SIL Provinciali e relativi sistemi informatici Comunicazioni Obbligatorie: BASIL PZ e BASIL MT; Il portale del lavoro Figura 1: Schema logico del sistema BASIL pag. 8

9 2.1.1 Coordinatore Regionale Il Nodo di Coordinamento Regionale è costituito dall infrastruttura software atta a garantire il corretto flusso informativo delle Comunicazioni Obbligatorie regionali e nazionali. Tale sistema ha il compito di: Comunicare con il sistema nazionale, gli altri sistemi regionali, i sistemi provinciali, gli enti previdenziali / assicurativi (INPS, INAIL, ecc.) e con gli altri soggetti appartenenti alla Rete dei Servizi del Lavoro interessati allo scambio dati; Gestire le comunicazioni con i sistemi regionali e nazionali sulla base delle competenze territoriali e istituzionali a garanzia del corretto aggiornamento dei sistemi informativi coinvolti. Il nodo Coordinatore Regionale per le Comunicazioni Obbligatorie è finalizzato così a consentire il flusso delle comunicazioni aziendali inviate per via telematica, nei due sensi, fra i sistemi provinciali ed il Nodo di Coordinamento Nazionale (NCN) gestito dal Ministero del Lavoro, attraverso la Porta di Dominio regionale. Costituisce pertanto il punto di collegamento fra i domini provinciali ed il nodo di coordinamento nazionale, necessario per garantire alle aziende l invio per via telematica delle comunicazioni aziendali, ed il loro re-inoltro ai soggetti competenti (INPS, INAIL, Prefettura) ed al Ministero del Lavoro stesso. Il sistema Coordinatore Regionale ha pertanto un architettura atta a garantire le seguenti funzionalità: Presa in carico delle comunicazioni: interfacce per la ricezione di messaggi tramite web services: o o Dai sistemi provinciali al Coordinatore Regionale; Dal sistema nazionale per la gestione delle comunicazioni obbligatorie tramite la Porta di dominio regionale al Coordinatore Regionale. Smistamento delle comunicazioni tra i sistemi coinvolti (SIL Provinciali, NCN); Interfacce per l invio di messaggi: Content-based routing, cioè il corretto smistamento dei messaggi a seconda delle competenze contenute nella Comunicazioni Obbligatorie: o Dal Coordinatore Regionale ai sistemi provinciali; o Dal Coordinatore Regionale al sistema nazionale per la gestione delle comunicazioni obbligatorie tramite Porta di dominio regionale. Sistema di tracciamento del traffico dei messaggi a scopi diagnostici e di controllo; Indice regionale delle Comunicazioni Obbligatorie; Interfaccia utente: o Gestione dell autenticazione e la profilazione degli utenti; o Statistiche e ricerca filtrata dei messaggi con la possibilità di visionarne il dettaglio e la ricevuta; o Statistiche e ricerca filtrata sull indice regionale delle Comunicazioni Obbligatorie con la possibilità di visionarne il dettaglio e la ricevuta; o Diagnostica della ricezione e smistamento dei messaggi e gestione manuale dell inoltro di eventuali messaggi non giunti correttamente al destinatario e di eventuali altre anomalie; A livello tecnologico il Coordinatore regionale è sviluppato con strumenti appartenenti alla pag. 9

10 tecnologia Microsoft, e in particolare il sistema operativo Windows 2003 Server, il Microsoft.NET Framework 2.0, e il Database Management System SQL Server I SIL Provinciali: BASIL PZ e BASIL MT I SIL Provinciali: BASIL si compone dei Sistemi Informativi Lavoro di Potenza e Matera che, in modo autonomo, gestiscono le seguenti funzionalità, sopra esplicitate: Gestione degli adempimenti amministrativi; Graduatorie per l avviamento presso Enti Pubblici (art. 16 L. 56/87, LSU); Collocamento obbligatorio (L. 68/99); Incontro domanda/offerta di lavoro; Interventi di politica attiva; Obbligo formativo; Statistiche; Comunicazioni aziendali obbligatorie (invio telematico); Incontro domanda/offerta di lavoro. Il sistema informatico C.O.: Con l entrata in vigore del Decreto Interministeriale del 30/10/2007 relativo alle Comunicazioni Obbligatorie telematiche, l Amministrazione ha attivato il Sistema informatico C.O regionale, che consente ai soggetti obbligati e abilitati di effettuare l invio delle comunicazioni in modalità telematica previsto dalla normativa, e tramite strumenti di cooperazione applicativa consente alla Regione Basilicata di disporre di un proprio nodo integrato all interno del Sistema Informatico C.O. nazionale. Nel rispetto dell autonomia delle Province, il sistema è basato su una logica federata, i SIL provinciali di Matera e Potenza, autonomi e indipendenti, erogano il servizio C.O. ai soggetti obbligati e abilitati a seguito di accreditamento. Grazie al Nodo Coordinatore Regionale le C.O. vengono smistate dai SIL provinciali al nodo nazionale e viceversa Il portale del lavoro Il portale del lavoro della Regione Basilicata è raggiungibile all indirizzo internet: Il portale ospita i contenuti relativi alle tematiche del lavoro, i servizi per l impiego e le informazioni sul Sistema Informativo Lavoro BASIL. Il portale è gestito tramite un sistema di CMS - Content Management System che consente l aggiornamento in tempo reale delle sezioni dinamiche del portale quali news, Faq (Frequently Asked Questions), normativa, link utili, etc. Tramite gli strumenti di back office è possibile inoltre gestire e pubblicare on line le offerte di lavoro presenti in entrambi i Sistemi Informativi Lavoro provinciali di Matera e Potenza (Bacheca on line). 2.2 La banca dati La banca dati di Basil è costituita su due livelli: pag. 10

11 - 2 DB provinciali - 1 DB regionale Complessivamente sono gestite oltre posizioni di cittadini ed aziende domiciliate sul territorio della Regione, nonché oltre comunicazioni obbligatorie. A livello tecnologico, è utilizzato il DataBase Management System SQL Server Interoperabilità applicativa Tramite strumenti di web services Basil interopera con i sistemi informativi di Enti pubblici e privati che concorrono alla gestione del mercato del lavoro e della formazione. In particolare BASIL consente la cooperazione applicativa con: Il Nodo di Coordinamento Nazionale del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, e quindi con i sistemi informativi delle amministrazioni Regionali, degli enti previdenziali e assistenziali, attraverso gli strumenti di interoperabilità applicativa implementati dal Coordinatore Regionale rispondenti agli standard tecnici del già citato Decreto Interm Con la banca dati delle Camere di Commercio (servizio PARIX), attraverso opportuni web services integrati al sistema. Con la Borsa Continua del Lavoro, attraverso web services rispondenti alle specifiche tecnico-funzionali della Busta di e-government, ossia il modello con cui si realizza la composizione di un messaggio per il trasferimento delle informazioni all interno del Sistema Pubblico di Connettività (SPC). Sarà onere della DA relazionarsi con il Centro di Gestione dei Servizi di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa (CG-SICA) della Regione Basilicata che segue i temi della cooperazione applicativa e ne detta le regole di ingaggio. La DA dovrà pertanto effettuare tutti gli adeguamenti minimi per la cooperazione applicativa dettati dal CG-SICA della Regione Basilicata. 2.4 Gli utenti del servizio Il Sistema Informativo Lavoro Basil è attualmente utilizzato da circa 342 operatori dei 14 Centri e sub-centri per l Impiego presenti nelle province di Matera (5 sedi) e Potenza (9 sedi), tutti collegati in rete e con un unica base dati centralizzata e condivisa. Inoltre, attraverso il Sistema Informatico CO, BASIL eroga servizio a oltre utenti accreditati al sistema (datori di lavoro e soggetti abilitati) 2.5 Standard tecnologici Ambiente tecnologico generale Il servizio oggetto del presente bando di gara dovrà essere effettuato utilizzando ambienti software in linea con quanto descritto e dettato nei documenti tecnici allegati, vedi paragrafo 1.1. In particolare il sistema BASIL dovrà: pag. 11

12 attenersi in maniera stringente a quanto previsto nei documenti tecnici che descrivono gli standard tecnologici della Regione Basilicata, vedi allegati paragrafo 1.1. Nel caso l architettura applicativa del sistema BASIL presentasse degli scostamenti tecnologici, la DA si impegna all aggiornamento del sistema BASIL al fine di osservare il rispetto di tali standard; essere integrato con il sistema di autenticazione applicativa unica della Regione Basilicata (IMS) in conformità a quanto descritto negli allegati paragrafo 1.1. prevedere, in alternativa al sistema di autenticazione unica della Regione Basilicata IMS, la possibilità di autenticazione con la Carta Nazionale dei Servizi (CNS); I sistemi che costituiscono il SIL Regionale sono sviluppati con strumenti appartenenti alla tecnologia Microsoft, e in particolare il sistema operativo Windows 2003 Server, il Microsoft.NET Framework 2.0, ASP 3.0 e il Database Management System SQL Server Architetture di riferimento Le architetture di riferimento sono state individuate in coerenza con l obiettivo prioritario di passare ad un approccio applicativo per componenti, in cui l integrazione tra i sistemi e/o servizi è realizzata mediante l'adozione di standard metodologici e/o tecnologici tali da garantire l indipendenza dagli specifici produttori e/e dalle soluzioni realizzate ad hoc. Nel disegnare le varie componenti ci si è quindi attenuti ai seguenti principi fondamentali: Conformità agli open standard; Portabilità delle soluzioni su piattaforme diverse (Microsoft, Unix, Linux), tale che una soluzione possa essere installata su prodotti commerciali o open source diversi, con il minimo costo di porting, di deploy e di modifiche strutturali; Scalabilità, attraverso la adozione di soluzioni milti-tier, potenzialmente distribuite su più layer fisici distinti ed interoperanti mediante open standard; Concetto di Sfilabilità, per cui le strutture dati delle applicazioni Java/.Net devono essere indipendenti da specifici DB attraverso il ricorso ad appositi strumenti. Tecnologia Microsoft.Net: la tecnologia presente nel Data Center è quella Microsoft.Net che consente l utilizzo di un architettura ad n-livelli che permette lo sviluppo di applicazioni (webbased, servizi web) riusabili, manutenibili, estensibili e modulari. L utilizzo di pattern architetturali ed application block specifici, tutti riconducibili al M.V.C. consente di ottenere un elevato livello di astrazione e disaccoppiamento tra i vari strati software che andranno a comporre le applicazioni, offrendo inoltre: capacità di elaborazione distribuita e transazionale di tipo enterprise; forte scalabilità, cioè la possibilità di poter ampliare il numero di utenti dell applicazione intervenendo solo sul lato hardware; possibilità di realizzare processi di riuso del software come auspicato dai piani di e-gov; facilità di interoperabilità con altre applicazioni sulla base di protocolli legati ad XML (extensible markup language). Le tecnologie di base per lo sviluppo di tali applicazioni saranno tutte garantite dalla presenza del.net Framework. pag. 12

13 2.5.3 Applicazioni Web Ai fini della realizzazione dei sistemi informativi dipartimentali e/o trasversali è stata individuata quale architettura per la implementazione quella web based e si sono definite implementazioni di tale architettura che prevedono: utilizzo di standard aperti; capacità di elaborazione distribuita e transazionale di tipo enterprise; forte scalabilità; possibilità di realizzare processi di riuso del software ; facilità di interoperabilità con altre applicazioni sulla base di protocolli XML (extensible markup language). L architettura di riferimento per lo sviluppo di applicazioni web è fondato sul pattern architetturale MVC (Model View Control) con particolare attenzione anche allo strato persistente che dovrà essere quanto più indipendente possibile dai data base utilizzati (di cui di seguito è esposto uno schema esemplificativo). Figura 2: Architettura di riferimento Interoperabilità delle applicazioni L architettura adottata quale standard per lo sviluppo di applicazioni interoperabili, è orientata all Architettura Service Oriented (SOA) dedicata al mondo delle tecnologie e standard Web, dove un Web Service è una risorsa computazionale erogata da un particolare service provider che espone la sua rappresentazione univoca e standardizzata tramite il linguaggio WSDL (Web Service Description Language). In base a questa interfaccia, il servizio può essere richiesto anche dinamicamente da un client ad hoc senza vincoli sulle tecnologie impiegate. La comunicazione può avvenire secondo standard basati su XML che riveste i canali reali di comunicazione in rete (HTTP, HTTPS, SMTP, FTP). pag. 13

14 Figura 3: Schema logico di riferimento Architettura di rete L architettura della rete regionale è implementata su livelli differenti, come di seguito schematizzato: Figura 4: Architettura di rete Dove, le LAN del Datacenter Regionale sono protette da sistemi Firewall, in varia architettura e configurazione che suddividono l ambiente operativo in diverse LAN a diversi livelli di sicurezza. pag. 14

15 A livello logico si possono sempre individuare la rete internet, una LAN di front-end (DMZ), una LAN interna dei server (MZ), la LAN delle stazioni di lavoro della Regione (Intranet). Indipendentemente dalla tipologia dei sistemi Firewall in uso, in fase di progettazione di un applicazione devono essere tenuti in considerazioni i seguenti principi base: se un servizio non è ospitato, o mediato da un server in DMZ non è accessibile da Internet (o comunque dall esterno); se un servizio non è esplicitamente abilitato sul firewall non sarà comunque accessibile; di norma sono abilitati all accesso dalla rete esterna alla DMZ solo applicazioni che utilizzano protocolli TCP-based (quindi utilizzanti una porta nota); le stazioni di lavoro ed i server sulla LAN interna possono accedere tutti i server in DMZ e nella LAN interna tramite svariati protocolli, ma verso l'esterno possono usare tendenzialmente solo http/https e solo mediante il tramite di un http-proxy posto in DMZ L interfaccia e la logica di funzionamento Per interfaccia dell applicativo si intende la veste grafica del sistema web qui proposto, inteso come insieme delle maschere di imputazione dati, insieme degli strumenti grafici adottati per la presentazione delle informazioni, ecc. Per logica di funzionamento si intende invece l insieme delle regole e delle procedure atte a verificare il corretto funzionamento dell applicativo stesso, sia per quanto riguarda l inserimento che la visualizzazione e modifica dei dati. Ricadono in questa sezione i seguenti controlli: Gestione e verifica dei dati obbligatori, ovvero dell insieme minimo di informazioni necessarie per la gestione di ogni modulo. Verifica e controllo della congruenza dei dati, ovvero verifica incrociata sui dati inseriti/modificati e congruenza degli stessi in riferimento ai dati dizionario. Algoritmi di calcolo automatico (Es: formule finanziarie, ripartizione automatiche su assi/misure di finanziamento, ecc.). Algoritmi di transazione (per il passaggio da uno stato logico/funzionale ad un altro, logica di funzionamento per il passaggio da un form di inserimento ad un altro, ecc.) Le tecnologie impiegate nella realizzazione del sistema informativo sono le seguenti: Tecnologia Server Side: l applicazione è sviluppata utilizzando la tecnologia Microsoft ASP e ASP.NET, ed utilizza quindi l ambiente Microsoft.NET Framework 2.0. Si tratta di una delle più versatili piattaforme di sviluppo software con cui è possibile creare praticamente qualsiasi tipo di applicazione. La sua caratteristica peculiare è di essere indipendente dalla versione operativa di Windows su cui è installata, e di includere molte funzionalità progettate espressamente per integrarsi in ambiente internet e garantire il massimo grado di sicurezza e integrità dei dati. Utilizza in modo esteso il concetto di modularità dei componenti software (Component Oriented Programming), proponendosi così come evoluzione dell'esistente modello COM (Component Object Model). La CLI (Common Language Infrastructure) è una macchina virtuale che, insieme alla classe di librerie di base denominata CLR (Common Language Runtime), è progettata per poter funzionare con qualsiasi sistema operativo. La macchina virtuale esegue un codice assembly denominato CIL (Common Intermediate Language). È inoltre possibile: o accedere a componenti scritti in altri linguaggi; pag. 15

16 o o quando il sistema operativo sottostante è Microsoft Windows, accedere ai suoi servizi e alle sue API; accedere ai Servizi Web utilizzando il protocollo SOAP (Simple Object Access Protocol). Web Server: Le applicazioni Web server side si appoggiano a servizi che le interpretano ed elaborano, interfacciandosi con il browser dei client. Il web server è l insieme dei servizi che permette l esecuzione delle applicazioni e la gestione del colloquio con i client utilizzando lo standard per la trasmissione delle informazioni nel cosiddetto World Wide Web, il protocollo HTTP (Hypertext Transfer Protocol). Il già citato Web Server integrato negli attuali sistemi Microsoft si chiama IIS, acronimo di Internet Information Services; permette di ospitare siti Web interattivi ad elevate prestazioni, considerato che il core del sistema operativo è nato anche in funzione di tale servizio; la sua facilità di utilizzo ne rende immediata la configurazione e la sua integrazione con il sistema operativo permette lo sviluppo di applicazioni complesse in tempi rapidi. Database: Il supporto della connessione alle principali basi dati è garantito dallo sfruttamento delle potenzialità di ADO (ActiveX Data Objects) ed ODBC (Open Data Base Connection) possibile grazie alla versatilità di ASP nell utilizzo della già citata tecnologia COM. ADO ActiveX Data Objects: ADO è un insieme di funzioni che permettono un efficiente accesso a differenti basi dati strutturandola in oggetti direttamente utilizzabili dall applicazione sviluppata. Grazie ad ADO è possibile gestire basi dati eterogenee utilizzando lo stesso set di istruzioni all interno dell applicazione. ADO utilizza le librerie a basso livello installate nel sistema per connettersi ed interpretare la struttura ed il contenuto delle basi dati. ODBC Open Data Base Connection: ODBC è uno standard per l accesso a basi di dati sviluppato da Microsoft, che permette l interfacciamento delle applicazioni alle basi dati che ne forniscono il supporto. I fornitori di piattaforme per basi dati tipicamente offrono insieme ad un sistema di gestione proprietario, la compatibilità con ODBC che si frappone tra la base dati e l applicazione. Configurando a livello di sistema operativo le connessioni che si desidera utilizzare, qualunque applicazione supporti ODBC è in grado di connettersi utilizzando una semplice stringa che identifica la connessione. Nel servizio web qui proposto lo standard adottato per il colloquio bidirezionale con la banca dati sarà ODBC, in maniera tale da garantirne la compatibilità anche nelle modifiche evolutive oggetto della presente offerta. Database relazionale Microsoft SQL Server 2005 o successivi per la gestione della base di dati nella quale verranno archiviate le informazioni necessarie per la gestione del servizio. 2.6 DBMS Il DBMS utilizzato dal servizio Link è un database Microsoft SQL Server 2005, ma offre pieno supporto, qualora ve ne fosse necessità, anche alle versioni successive, come Microsoft SQL Server Di seguito sono elencate e brevemente descritte le sezioni principali. pag. 16

17 2.6.1 Struttura del Database Utenti: sezione per la gestione degli accessi al sistema. La tabella principale è DAT_Utenti, che contiene le informazioni associate a ciascun utente del sistema: Profilo d accesso: login, password, tipologia, eventuale sede di azienda o CPI di appartenenza Informazioni anagrafiche: nome e cognome, breve descrizione Le tipologie attualmente disponibili sono contenute in X_TipiUtenti. Lavoratore: sezione per la gestione dei dati dei lavoratori. Le tabelle principali sono DAT_Lavoratori e DAT_StatiLavoratori, che contengono rispettivamente i dati anagrafici del lavoratore e gli stati delle iscrizioni, aggiornate alla situazione attuale. Aziende: sezione per la gestione delle schede anagrafiche di aziende, sedi legali e operative ed altri dati associati. IDO: sezione per la gestione dell incrocio delle domande ed offerte di lavoro e per la gestione delle chiamate pubbliche (Art. 16). Adempimenti Aziendali: sezione per la gestione degli adempimenti aziendali, cioè dei contratti di assunzione, proroga, trasformazione e cessazione e dei dati correlati. Altre sezioni: il sistema prevede inoltre numerose altre tabelle per: gestione delle iscrizioni e delle graduatorie a chiamate per enti pubblici; gestione della mobilità; gestione del patto con il cittadino (gestioni degli impieghi temporanei, degli interventi, dei colloqui, dei piani d azione, dell agenda appuntamenti ecc.); gestione del prospetto informativo per i lavoratori disabili; gestione degli stampati; gestione degli eventi (movimenti) del lavoratore; gestione degli accessi al sistema. Tabelle: Le tabelle sono riconducibili a tipologie standard, facilmente deducibili dal prefisso del nome: X_xxx: tabelle che contengono dati statici cioè disponibili già all avvio dell applicazione e tendenzialmente immutabili (ad es. X_Qualifiche). Le tabelle sono state successivamente integrate ed aggiornate dove necessario. Tipicamente, le tabelle contengono voci caratterizzate da un codice ed una descrizione, e sono strutturate in modo da consentire la gestione automatica delle voci obsolete. DAT_xxx: tabelle che contengono dati dinamici cioè dati che vengono inseriti, modificati ed eliminati durante l impiego dell applicazione dagli degli utenti ordinari del sistema (ad es. DAT_Utenti). BK_DAT_xxx: tabelle di backup. Ne è prevista una per ogni tabella DAT_xxx; in essa vengono registrati i record prima di una modifica, in modo tale da poter tenere traccia dell evoluzione completa del dato e dell autore della modifica. TMP_xxx: tabelle temporanee. Stored procedure, funzioni, trigger: Il sistema utilizza numerose stored procedures, funzioni e trigger proprietari, di cui si dà breve descrizione nel seguito. pag. 17

18 Stored procedure: Le stored procedures sono utilizzate principalmente per: gestione degli eventi di aggiornamento automatico degli stati del lavoratore, in corrispondenza dei movimenti delle iscrizioni, degli adempimenti aziendali, delle azioni previste dal patto con il lavoratore ecc; gestione del protocollo automatico; gestione dell art. 16; esecuzione di query per l estrazione e l aggiornamento di dati. Funzioni: le funzioni sono utilizzate per calcoli di varia natura, ad esempio per la gestione delle graduatorie e dei rapporti di lavoro. Trigger: sono utilizzati trigger per: gestione degli eventi di aggiornamento automatico degli stati del lavoratore, in accopiata con le stored procedures sopra descritte gestione degli adempimenti aziendali, in particolare per l aggiornamento dei rapporti di lavoro in seguito ad assunzioni, proroghe, trasformazioni, cessazioni. gestione delle stampe gestione dell integrità dei dati, per impedire modifiche che violano l'integrità dei dati pag. 18

19 3. OGGETTO DELLA GARA I servizi si assistenza e sviluppo specialistico del Sistema Informativo Lavoro BASIL della Regione Basilicata richiesti dalla presente gara sono riconducibili a due principali linee di intervento: Linea1: manutenzione correttiva, adeguativa e migliorativa (MAC) e supporto operativo (SO) al sistema per la gestione del Sistema Informativo Lavoro BASIL. Tale linea si rende necessaria per garantire la continuità operativa ed il corretto funzionamento dell intero sistema in funzione, ed a seguito degli aggiornamenti evolutivi voluti con le MEV sviluppate dalla Linea2, nonché il costante supporto agli operatori provinciali e regionali che hanno accesso al SIL. Linea2: manutenzione evolutiva (MEV) e di consulenza specialistica (SC) per la gestione del Sistema Informativo Lavoro BASIL. Tale linea di intervento è considerata strategica e prioritaria, perché consentirà al Sistema Informativo Lavoro della Regione Basilicata di essere costantemente aggiornato sulla base dell evoluzione della Rete dei Servizi per il Lavoro, e della cooperazione applicativa erogando servizi ad utenti e cittadini della regione sempre più efficaci ed efficienti. Di seguito vengono descritte le attività che riguardano i servizi che la DA dovrà erogare in modalità continuativa per tutta la durata del contratto ed in rispetto degli SLA definiti nel capitolo 5. Il Candidato dovrà redigere un progetto integrato relativo alle attività oggetto di gara nel rispetto dei dettami del presente capitolato. L erogazione dei servizi di assistenza e sviluppo specialistico (Linea1 e Linea2) del Sistema Informativo Lavoro BASIL della Regione Basilicata saranno erogarti dalla DA mediante help desk ed attraverso l utilizzo del sistema informatico di gestione dei servizi di assistenza (GSA/PROJECT) in uso presso l Amministrazione. Per i dettagli sulle modalità di conduzione delle attività vedi capitolo 6. Non sono oggetto della presente fornitura tutti i servizi comunemente definiti di attività di conduzione sistemistica che rimangono nella completa gestione dell'ufficio SIRS presso la Regione Basilicata. In via generale e non esaustiva le attività sistemistiche in carico all Ufficio SIRS e controllate direttamente dai responsabili dell Amministrazione sono: Gestione Hosting Gestione dei Sistemi Operativi (Patch management, NLB, clustering, ecc.) Gestione della Sicurezza (sistema Antivirus e relativi aggiornamenti, hardening, security) Gestione del Network (configurazione, firewall, switch, ecc.) Gestione sistemistica e sicurezza dei database Gestione dei backup La DA si impegnerà a garantire il necessario supporto tecnico operativo a fronte di attività sistemistiche che l Ufficio SIRS, per particolare importanza e/o criticità, assegnerà alla DA in coconduzione con lo staff tecnico d ufficio. pag. 19

20 3.1 Linea1: manutenzione correttiva, adeguativa e migliorativa e servizio di supporto operativo Gli obiettivi della Linea1 di intervento sono così individuati: Manutenzione correttiva, adeguativa, migliorativa (MAC) di tutte le componenti software applicative che costituiscono del Sistema, anche a seguito delle attività di MEV definite nella Linea2. Servizio di supporto operativo (SO). Attraverso il presente appalto l Amministrazione, si propone così di avviare un servizio di gestione delle applicazioni che costituiscono BASIL, in modo da garantire la continuità operativa ed il corretto funzionamento dell intero sistema in funzione delle MEV sviluppate dalla Linea2, nonché il costante supporto agli operatori provinciali e regionali che hanno accesso al SIL. L obiettivo è pertanto quello di garantire il corretto e costante funzionamento di tutte le componenti del sistema, nonché l adeguamento dello stesso alle evoluzioni della normativa e degli standard tecnici, l ottimizzazione delle procedure e delle funzionalità sulla base delle esigenze che si manifesteranno Manutenzione correttiva, adeguativa e migliorativa (MAC) L Amministrazione richiede di sottoporre a manutenzione, in modo trasversale, i moduli software applicativi del Sistema Informativo Lavoro BASIL, conservandone l integrità. Eventuali modifiche correttive, adeguative e migliorative possono essere effettuate allo scopo di: Ripristinare le caratteristiche dei moduli applicativi venute meno a seguito di malfunzionamenti non evidenziati in fase di rilascio delle MEV (manutenzione correttiva). Mantenere le caratteristiche presenti a fronte di innovazioni dell ambiente tecnico, adeguamento agli standard tecnologici dettati dalle normative vigenti (manutenzione adeguativa). Migliorare le prestazioni, la facilità d uso, la robustezza e la sicurezza a parità di funzioni svolte (manutenzione migliorativa). Il servizio ha anche lo scopo di assicurare il costante, efficace e tempestivo aggiornamento delle funzionalità del software per esigenze derivanti da variazioni organizzative e/o operative, che non comprenda la reingegnerizzazione del sistema o di parte di esso (in tal caso l attività è da considerarsi una MEV). La manutenzione include, se necessario, le attività di dismissione e migrazione del prodotto software. pag. 20

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO art. 11, comma 1 lett. a) e comma 5 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Invio della domanda on line ai sensi

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Dizionario delle Forniture ICT

Dizionario delle Forniture ICT Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale operativo Dizionario delle Forniture ICT Classe di Fornitura Gestione

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli