INDICE INTRODUZIONE 7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE INTRODUZIONE 7"

Transcript

1 INDICE INTRODUZIONE 7 CAPITOLO I L INDUSTRIA DEL GIOCO 1.1: Panoramica dell industria del gioco :L industria del gioco in Australia :L industria del gioco nella Repubblica Ceca :L industria del mercato francese :L industria del mercato tedesco :L industria del gioco a Macao :L industria del mercato spagnolo :L industria del Reno Unito :L industria del gioco negli USA 62 CAPITOLO II L ITALIA 2.0:L Italia :Normative in ambito di gioco d azzardo in Italia :La mappatura del gioco pubblico :Il mercato. L analisi economica :A livello mondiale l Italia guida la classifica della spesa procapite per il gioco legale :Costi sociale, economici e relazionali :Lo scenario futuro in Italia e nel Mondo 94 1

2 CAPITOLO III IL GIOCO ONLINE 3.1:L industria settore online :Il Mobile :descrizione del giocatore medio del casinò online :Il Texas Hold em Poker :Le Videolottery(VLT) :Alcune considerazioni 134 CAPITOLO IV I CASINO 4.0: I Casinò : I casinò italiani(crisi di un modello) - Cenni storici :La situazione ad oggi delle strutture vecchio stile :Alcuni dati :L organizzazione aziendale :Compiti e funzioni dei reparti :Comunicazione d Impresa :Marketing aziendale :La politica del personale :Il Target :Dal vizio alla dipendenza :Dalle motivazioni ai fattori di rischio nel gioco :Dominare il desiderio di dominare il fato 185 2

3 CAPITOLO V SANREMO 5.0:Sanremo :Casinò di Sanremo :Piano degli investimenti :Il prodotto online e il layout del Casinò di Sanremo :Attività Promozionali 200 CONCLUSIONI 207 RINGRAZIAMENTI 211 BIBLIOGRAFIA 213 SITOGRAFIA 215 3

4 4

5 (Coordinamento Nazionale Case da Gioco) IL GIOCO DEL GIOCO D AZZARDO di Gian Piero Bellanca (Centro studi Ugl) 5

6 6

7 Introduzione «Si dice che il minimo battito d ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall altra parte del mondo» Questa metafora naturalista fa intendere perfettamente la situazione in cui si trova la nostra società odierna, mostrandone anche il delicatissimo equilibrio precario che purtroppo sembra essere l unica certezza. Si deduce quindi che tutte le strategie adottabili risultano inefficienti di fronte ad ogni minima variazione percettibile ed a qualunque livello strutturale. Una strategia è la descrizione di un piano d'azione di lungo termine, usato per impostare e successivamente coordinare le azioni tese a raggiungere uno scopo predeterminato. La strategia si applica a tutti i campi in cui, per raggiungere l'obiettivo, sono necessarie una serie di operazioni separate, la cui scelta non è unica e il cui esito è incerto. L evolversi della società, dei mercati, delle mode, della politica e di quel concetto tanto discusso qual é la globalizzazione, rende necessario un attento studio strategico con annesse competenze in ogni settore della realtà economica-commerciale. In un mondo in continuo adattamento ad una situazione di costante incertezza, il singolo soggetto è obbligato a confrontarsi incessantemente con tutti i player che rientrano direttamente ed indirettamente nel suo iter operativo. Ed è proprio da questo concetto di base che si da il via alla costruzione di ogni singolo tassello che darà poi vita alla struttura portante di un attività. Si inizia sempre con una strategia atta a valutare il contesto, in senso ampio del termine, prendendo consapevolezza di se stessi e di ciò che si deve conoscere. 7

8 Il business del gioco, termine che reputo ormai riduttivo per definire un così vasto mercato, rientra in questo scenario in ogni suo elemento. L intenzione di questo elaborato è quella di mettere in luce ad ampio spettro la situazione del gioco d azzardo nelle varie forme in cui si manifesta a livello globale. Saranno trattati i meccanismi che quest industria utilizza per generare l indotto e, attraverso quali soggetti questi meccanismi si compiono, sfruttando logiche politiche ed economiche delicate, con equilibri ben definiti. Il mutamento delle logiche di mercato stanno radicalmente cambiando questo settore, ancor più degli altri, poiché i mezzi e le tecnologie a sua disposizione hanno permesso un ampliamento esponenziale del target. Il gioco, che ha cambiato le proprie caratteristiche di mercato, adeguandosi in maniera completa alle nuove esigenze del mondo, e si propone come business leader nell era dell e-commerce. Si parla infatti di processi che stanno portando inesorabilmente ad un cambiamento funzionale del comparto intero, il quale si prepara ad affrontare il proprio futuro nella web-land. Un passaggio successivo concerne l analisi delle strutture vecchio stile del settore: Le case gioco. Sarà analizzato il comparto a livello internazionale, per osservare i diversi approcci e le diverse strategie adottate per rispondere al cambiamento. Studieremo la situazione in cui si trovano queste tipologie aziendali, considerando la crisi economica di fine decennio, ma soprattutto 8

9 considerando il notevole sforzo gestionale al quale sono chiamate a rispondere. Si contestualizzerà la situazione del mercato italiano con tutte le sue ramificazioni facendo un attenta analisi delle istituzioni e dei soggetti presenti sul territorio. Successivamente alle considerazioni stabilite come premesse, l interesse principale, che ha generato le basi per questo studio, deriva dal desiderio di ricercare strumenti e metodologie risolutive e trasportabili nella realtà sanremese per la propria azienda leader. L obiettivo di questo elaborato è mettere in atto, attraverso un analisi accurata del mercato che si sta affrontando, una valutazione di alcuni strumenti da poter utilizzare all interno della struttura Casinò Municipale di Sanremo S.p.a. Si tiene a precisare che il medesimo scritto è succedaneo ad un testo elaborato nel 2007 titolato Il marketing delle case da gioco. 9

10 10

11 CAPITOLO I L INDUSTRIA DEL GIOCO Panoramica dell industria del gioco nel mondo. Ritengo opportuno fare una panoramica dell industria gioco, nell ottica di andare leggermente più in la rispetto alla normale visione dei mercati nazionali e locali. Il nostro sguardo al mondo del marcato del gioco d azzardo, ha sicuramente l intento di osservare come si muovono e attraverso quali canali si muovono gli altri operatori di settore, ma soprattutto di quantificare l offerta del comparto intero(per quanto sia in mia possibilità). Il minimo comun denominatore che lega tutte le imprese player in questo campo, è l offerta che viene generata (prodotto), ma ciò che differisce in maniera sostanziale, è la capacità di attrattiva che esse hanno intrinseche nel loro brand. Ma quali sono gli strumenti che servono ad accrescere il proprio core value e di conseguenza il proprio brand? Con la panoramica che ci accingiamo ad osservare viene quasi istintivo utilizzare uno degli strumenti più consultati nel marketing odierno: il Benchmarking. Con benchmark, o più spesso e coerentemente definito con il termine inglese "benchmarking", in economia si intende una metodologia basata sul confronto sistematico che permette alle aziende che lo 11

12 applicano di compararsi con le migliori imprese, e soprattutto, di apprendere da queste per migliorare il proprio andamento nel mercato. Infatti, una delle maggiori qualità che un imprenditore deve avere, è quella di osservare ciò che altri imprenditori dello stesso settore (e non) fanno in termini di dinamismo aziendale. Il benchmarking è una delle più innovative attività utilizzate delle aziende multinazionali, perché si basa su una semplice teoria di marketing: Adattare iniziative di successo di altri alla mia azienda Oltre tutto, oggi risulta molto semplice osservare ed ispirarsi ad altre aziende grazie alla facilità di reperimento di dati, informazioni e documenti. La visione ad ampio spettro del mercato di nostro interesse, non può prescindere da un concetto basilare che ormai domina la scena nei conti economici da molti anni. La crisi mondiale che ha investito l economia globale del mondo occidentale, ha distrutto le basi sulle quali si ergevano le previsioni degli anni a seguire. In tutto il mondo si sono rivisti i prospetti e le statistiche aziendali che andavano dal in poi. La crisi economica del , originaria degli Stati Uniti, ha avuto luogo dai primi mesi del 2008 in tutto il mondo, intaccando tutte le economie di scala e conseguentemente tutte quelle filiere esistenti per ragioni sinergiche. Tra i principali fattori della crisi figurano gli alti prezzi delle materie prime, una crisi alimentare mondiale, un'elevata inflazione globale, la minaccia di una recessione in tutto il mondo, così come una crisi creditizia ed una conseguente crisi fiduciaria dei mercati borsistici. 12

13 Nonostante tutto, il mercato del gioco(in senso vasto del termine) ha mantenuto un trend costante, anzi in molti casi è andato leggermente a salire. Questo perché, molto probabilmente, la speranza nella dea bendata ha coinvolto un maggior numero di persone, e la possibilità di risanare la propria situazione economica con un costo relativamente basso, attirava sicuramente di più degli interessi sul conto bancario e le sicurezze che questo generava. Inoltre c è da sottolineare lo sviluppo esponenziale delle tecnologie informatiche del settore, che ad oggi permettono di accedere a qualsiasi tipologia di gioco dal proprio computer di casa. Altro elemento, che diede un plus notevole al comporto, fu anche la massificazione del Texas hold em poker, che ha avuto negli ultimi anni una crescita esponenziale degli sportivi dediti. Ma se questo sembra essere un dipinto roseo del settore, andando leggermente più in profondità, si legge un declino vertiginoso di alcuni comparti, quali le case da gioco e i loro prodotti di punta. Infatti nel mondo del gioco (ma non solo) sono state particolarmente colpite le aziende che hanno esaurito i fondi per completare i progetti in costruzione a causa della crisi. I conti ed i prospetti fatti prima del 2007/2008, che facevano da supporto alle iniziative aziendali, si sono in un breve periodo dimostrati del tutto irrilevanti. Le imprese, che si sono trovate coinvolte a livello finanziario con istituti creditizi, hanno dovuto affrontare notevoli complicazioni, a volte insormontabili e a volte altamente significativi da essere costretti a modificare progetti in fase di attuazione. La soluzione più logica da attuare è stata quella di ridimensionare gli investimenti e restringere la forbice dei costi. 13

14 Tengo a precisare che alcuni dati, vista la loro difficoltà di reperimento, sono relativi al , mentre per altri di più semplice rilevazione risalgono ai giorni nostri. L intento è comunque quello di osservare in quale modo è strutturato il mercato del gioco a livello globale. Saremo molto più attendibili con i dati relativi alle case da gioco nazionali, sulle quali il nostro interesse è particolarmente focalizzato. 14

15 L industria del gioco in Australia Tradizionalmente le principali forme di gioco d'azzardo in Australia sono le corse, le scommesse e le lotterie. Dal 1980 la liberalizzazione del settore ha portato ad una proliferazione dei prodotti del gioco d'azzardo in modo considerevole. Oggi, quest industria può essere raggruppata in due macro categorie: Il gioco d azzardo per danaro( che comprende lotterie, poker, macchine da gioco, i giochi da casino, il Keno e il gioco interattivo) e le scommesse live degli eventi. Le scommesse comprendono scommesse sportive internazionali, che possono essere in o fuori corso, di persona, per telefono o via Internet. Il Racing scommesse comprende scommesse legali sui risultati delle corse dei cavalli (di razza e cablaggio), delle corse dei levrieri, di bookmaker e totalizzatori, sia in corso che fuori corso. Nel Gaming( ossia giochi aleatori) la spesa del gioco d'azzardo pro capite in Australia è aumentato del 0,5% tra il 2005 e il 2007, ed il maggior aumento è stato dovuto principalmente alle slot machines. Nel , le entrate hanno registrato il picco più alto del settore, fermandosi a 120,5 miliardi di dollari, considerando anche il fatto che ai residenti australiani non era consentito l accesso interattivo ai siti di gioco per il Commonwealth. 15

16 Nel 2008 questa tipologia di gioco ha raggiunto i 105,1 miliardi di dollari, sui 153 totali di tutto il mercato di settore australiano. La rapida espansione del settore è stata poi agevolata dall allentamento delle restrizioni di gioco legale, e dagli sviluppi della tecnologia di gioco. Le modifiche normative che hanno permesso l espansione delle macchine da gioco in alberghi e club, ha fornito un notevole impulso al comparto dei giochi, soprattutto di quelli elettromeccanici. Le slot machines, soprattutto i videopoker, hanno registrato l 83% di tutto il movimento dell azzardo legale, per raggiungere i miliardi di dollari nell arco del e mantenendo le stesse cifre tra nonostante la crisi. Lotteria Gli operatori di settore in Australia sono sia di proprietà del governo, sia in forma privata. Gli operatori privati sono Tattersall's a Victoria e Queensland e la Territory Lottery Company nel Territorio del Nord. Nel , la spesa totale per i prodotti della lotteria in Australia è stata di 0,98 miliardi di dollari. Alla fine del 2007 il Governo di Victoria concesse una licenza per i prodotti di gioco aleatorio ad una lotteria estera controllata dalla Intralot,, ma con una premessa che tutte le licenze per le scommesse e giochi a Victoria avrebbero avuto scadenza nel

17 Casinò gaming I giochi da casinò, stimano nel 2008 una fatturato di 3.38 miliardi di dollari, inserendo nel suo complesso anche le piccole strutture nei più ristretti stati, quali Territorio del Nord (2 casinò), Tasmania (2), Townsville (1), Cairns (1) e Canberra (1) che hanno generato un totale ricavi medio per 39 milioni di dollari ciascuna. I casinò con sede in Adelaide, sulla Gold Coast, Perth e Brisbane, hanno generato ricavi per 275 milioni di dollari ciascuno. I casinò di dimensioni comparabili a quelli di livello internazionale, quali il Casinò di Melbourne e quello di Sydney, hanno fatturato oltre 495 milioni di dollari ciascuno. La casa da gioco di Sydney e il Casinò di Melbourne dominano l industria con più del 59% del totale. Scommesse Le scommesse in Australia sono principalmente fondate sulle corse dei purosangue, sulle corse al trotto e sulle gare di levrieri da corsa. Nel , il totale delle entrate di questo mercato è stato di 13,5 miliardi di euro, che costituiva 89% del totale scommesse in Australia. 17

18 Tabella rappresentativa dei giochi permessi nel continente australiano suddiviso per stati: 18

19 L industria del gioco nella Repubblica Ceca Il mercato ceco del gioco d'azzardo è regolato dalla legge n. 202/1990 sulla raccolta delle lotterie e altri giochi simili, che disciplina in maniera uniforme il gioco d'azzardo. Risulta essere una regolamentazione molto rigida, sviluppatasi negli anni 90 per dare un ulteriore impronta legiferante in termini di disciplina di settore.. Le lotterie e i giochi di probabilità similari, che non soddisfano le condizioni previste dalla normativa, non permettono la concessione della licenza. L'atto fu ampliato nel 1993 con una direttiva per le Slot Machines, e nel 1998 ulteriormente modificata con l inserimento del principio di Monitoraggio e Conservazione in direttiva dei Casino, e infine nel 1999 con un ultima direttiva sugli annunci delle competizioni in materia di eventi e lotterie. La legge del 1998 ha dato potere ai comuni locali per disciplinare le zone dove potevano essere collocate le slot machines. Nel frattempo è stata data una maggiore parte dei proventi derivanti da queste alle concessionarie con percentuali lievemente superiori a quelli in vigore. I regolamenti di gioco attuali permettono il gioco d'azzardo solo a coloro che hanno gli indirizzi registrati nel territorio della Repubblica Ceca, e ai quali è stato concesso il rilascio della licenza da parte di un'autorità competente. Se questi giochi sono gestiti dallo Stato, quindi dal Ministero delle Finanze o da un ente di Stato nominato, esse svolgono l attività con facenti veci del titolare della licenza che detiene la totale responsabilità legale. Parte dei profitti di questo mercato devono essere utilizzati per scopi sociali, medici, sportivi, ambientali, culturali o di altri progetti, che comunque sono a vantaggio di attività di interesse pubblico. 19

20 La porzione di profitto utilizzato per questi progetti deve essere almeno del 6%, fino ad un massimo del 20%. La gestione nella Repubblica Ceca per le scommesse all estero (tra cui la vendita dei biglietti della lotteria estera, la partecipazione a scommesse all'estero in cui le scommesse sono pagate all'estero, la collezione di scommesse per i giochi gestite all'estero, o ancora la mediazione di scommesse per i giochi gestiti all'estero) è severamente vietata dalla normativa vigente. Ma il Ministero delle Finanze può, secondo sua discrezione, concedere un esonero da tale divieto, al fine di garantire la reciprocità dell interesse. I dati(relativi purtroppo al ) mostrano come anche nella Repubblica Ceca la maggior quota di mercato di questo settore è ricoperta dalle slot machines con quasi il 53% del fatturato dell intero sistema, seguita dall 11% del settore scommesse e dal 9 % delle case da gioco. Successivamente troviamo le lotterie con un 7 %. Nel 2007, per quanto riguarda la spesa totale, i Cechi hanno speso 3,86 miliardi di euro sulle scommesse, che è di circa in più rispetto al Ciò rappresenta una crescita anno su anno di un tasso del 10,4%. Secondo il Ministero delle Finanze, ogni adulto ceco spende circa 38 al mese sul gioco d azzardo. Mentre in controtendenza, come per tutti gli altri paesi, l importo scommesso nei casinò è diminuito di oltre l 8%. L aumento globale delle giocate, è stato causato dall aumento esponenziale del numero delle slot machines, e nel massimo di scommessa consentita dalle macchine. 20

21 Infatti sono state aggiunte macchine da gioco nella Repubblica Ceca solo nel 2007 (3.511 di queste erano situate nei casinò). In questa tabella si osserva lo sviluppo del comparto gioco dal 2002 al 2007 dei vari settori con l annesso grafico esplicativo. 21

22 Il grafico circolare delle quote di mercato in percentuale. 22

23 Andamento della situazione in profitti delle diverse categorie di mercato al

24 L industria del mercato francese. I Casinò in Francia rappresentano il 14% del mercato del settore gioco. L'industria ha avuto un forte sviluppo nel 1987, quando le slot machines sono state autorizzate a livello nazionale. I Casinò una volta erano ammessi solo in località balneari e termali, ma la legge oggi è diventata molto più flessibile. Ma riamane comunque imprescindibile l'autorizzazione a gestire un casinò da parete del Ministro degli Interni. Nel 2006 la Francia ha attraversato il traguardo di slot machines suddivise nei vari casinò. Nel 2008, le slot machines sono state le responsabili per il 93% dei ricavi delle case da gioco. Con il calo dei giochi da tavolo oggi queste strutture non sono più redditizie come un tempo, e l unica ancora di salvezza rimangono i giochi elettromeccanici. Questo avviene a causa della loro (tradizionale) sensibilità alla variazione della situazione economica e giuridica del paese. La recessione economica ha colpito i casinò della riviera francese con particolare durezza, che si sono trovati negli ultimi anni a contrastare quotidianamente l imminente cessione delle attività. Analizzando l offerta gioco, si nota che la fairoulette è presente in 147 casinò ed è il gioco da tavolo più seguito in Francia, mentre per assurdo la roulette francese ha registrato un notevole calo nei ricavi lordi nel Nel 2007, il Ministero dell'interno ha deciso di consentire il Texas hold'em poker e l apertura dei tavoli per i 24

25 tornei nei casinò francesi, tanto che nel 2008, il gioco del poker ha ricavato Infatti il Texas hold'em, è attualmente il più popolare gioco di poker, che ha maturato significative cifre negli ultimi anni, grazie alla notorietà ottenuta attraverso i tornei di poker televisivo e siti di gioco online. Oggi dagli a per essere giocatori di poker texano. francesi sono segnalati Attraverso movimenti di capitali e di interessi si sono creati i presupposti per fusioni ed acquisizioni delle società di Casinò, che hanno di conseguenza portato alle creazione di un mercato molto concentrato delle case da gioco. Nel 2008, le due principali società, Groupe Lucien Barrière e Groupe Partouche, proprietarie di 80 casinò sui 196 esistenti, che rappresentano oggi circa il 58% del peso del mercato case da gioco, hanno registrato margini progressivamente in calo da diversi anni (gli utili al lordo delle imposte sono scesi del dal 45% del valore aggiunto nel 2001 a circa il 35% nel 2008) che non riescono a colmare e trovandosi obbligati a vendere proprietà intestate alla società per rientrare dai debiti. L'industria dei giochi è fortemente regolato dalle legiferazione francese, ed il rapporto tra l industria del gioco generalizzato ed i casinò è spesso teso. I casinò, come le altre imprese in Francia, hanno un contratto nazionale in specifico accordo con i loro dipendenti. Questo accordo stabilisce in particolare il sistema di pagamento dei dipendenti delle case da gioco, che determina la suddivisione degli introiti tra l azienda ed i dipendenti. 25

26 La crisi che ha investito queste strutture ed il loro inesorabile declino hanno determinato tensioni non indifferenti tra dipendenti ed aziende, delineando una crisi di settore mai vissuta precedentemente. Inoltre, i casinò devono pagare le tasse solitamente come imposta sul reddito, come imposta fondiaria e come l imposta sul valore aggiunto (non deducibile dalle attività di gioco). Altresì sono obbligati a inserire nei costi fissi anche il CRDS fiscale (rimborso dei debiti previdenziali), pari al 3% del valore del volume di gioco dei tavoli, e la tassa CSG (contributo sociale generalizzato), per un importo pari al 9,5% del 68% delle slot machines. Le case da gioco devono restituire almeno l'85% delle poste giocate nelle slot machines a coloro che tentano la fortuna. Cosa, che potrà sembrare anomala è che la legge francese regola tutte le operazioni delle case da gioco, come il numero dei dipendenti per tipo di gioco, l'ammissione dei giocatori, tipi di giochi permessi e la minima restituzione delle tariffe per le slot machines, che come detto in precedenza si attesta anche all 85%. Prima del 2006, i giocatori da tavolo erano tenuti a fare il "check in " mostrando la loro carta d'identità, e versare una quota d iscrizione, mentre l'ingresso per la roulette francese e le slot si era liberi da tali controlli. Nota positiva è l imposta di bollo, una tassa imposta sui documenti che è stata abolita dal 1 maggio 2006, ma i controlli dell identità sono divenuti obbligatori per gli ingressi in tutti i casinò( come in Italia). 26

27 Il decreto nazionale, che proibisce il fumo nelle sale da gioco, entrato in vigore il 1 gennaio 2008, ha avuto un impatto diretto e forte sulla totalità dei giochi da tavolo: rispetto all'anno fiscale 2008, essi hanno registrato una diminuzione del 13% rispetto al La crisi economica non ha risparmiato nessuna delle 196 case da gioco francesi, che hanno tutte visto i loro introiti scivolare drasticamente verso il basso. Anche i ricavi del primo classificato dei casino, l Enghien-les- Bains, è diminuito del 10,4% nell'anno fiscale 2007/2008. Secondo le statistiche i giocatori nei casinò francesi spendono una media di 40 procapite al mese, rispetto agli 80 che spendevano nel 2006, facendo evidenziare, inoltre, anche una minore presenza nelle sale da gioco. I risultati nel 2008 sono stati ancora più preoccupanti come la voce del debito globale delle strutture che è stimato per 1,5 miliardi. Sempre nello stesso anno, le due più grandi aziende del settore, Partouche e Lucien Barrière, hanno dovuto riorganizzarsi, sia finanziariamente che strutturalmente. Recentemente è stato messo in evidenza come il reparto online del mondo gioco in Francia, ha dato rilancio sia ai giochi tradizionali, ma soprattutto ai nuovi skillgames, i quali hanno portato e stanno portando una serie di nuovi clienti (principianti) che si apprestano a diventare i futuri fruitori dei servizi proposti dalle case da gioco(forse). Gli anni successivi alla crisi hanno registrato un ulteriore declino degli introiti, purtroppo non quantificabili da questa ricerca, ma dato l alto numero delle case da gioco presenti nel paese, la 27

28 Francia rimane comunque al primo posto per gli incassi del 2010 con 2,4 miliardi di euro generati dalla totalità delle imprese. Di seguito la tabella rappresentante l iter delle case da gioco francesi in termini di giochi da tavolo sino il In controtendenza le slot machines registrano un aumento continuo e che tutt oggi mantiene il mercato intero. 28

29 Prospetto della ripartizione del mercato case da gioco francesi con la relativa classifica in base agli incassi. 29

30 L industria del mercato tedesco. Il gioco d'azzardo tedesco è un mercato che in gran parte è riconducibile per proprietà allo Stato e alle istituzioni da esso controllate. Questo mercato è cresciuto fino al 2006, principalmente a causa dell'espansione nel settore delle slot machines, per la crescente popolarità delle scommesse sportive e per un aumento del numero di siti di gioco online. A Gennaio 2008, il nuovo Treaty Interstate Gambling (ITG), è entrato in vigore a seguito delle considerazioni e delle decisioni della Corte costituzionale federale (28 Marzo 2006) che richiedono forti protezioni contro la dipendenza dal gioco d'azzardo. Nonostante le pressioni della Commissione Europea per aprire il mercato alla concorrenza e al mercato europeo, la commissione, presieduta per altro da alcuni ministri tedeschi, ha definito tramite la politica interna sul gioco, una solidificazione del monopolio sulle lotterie, sull on-line e sulle scommesse sportive in Germania. L'ITG ha però portato avanti alcune tesi contrastanti. Si sono imposti divieti sulla pubblicità delle lotterie in televisione, internet, attività di telemarketing e promozioni sullo sport privato dei fornitori di scommesse, tutte iniziative che si pongono come obiettivo la protezione del giocatore. Inoltre si è fatta carico di alcune decisioni giudiziarie, che hanno causato una forte incertezza per quanto riguarda il diritto e la sicurezza. 30

31 È da considerare che è intervenuta ampiamente sul controllo del settore online delle stesse lotterie, per mantenere un monopolio non indifferente, disincentivando quindi i privati attraverso normative vincolanti e deterrenti. Ma essa ha anche avuto un impatto finanziario diretto per gli operatori di proprietà statale del settore. Ad esempio la diminuzione di entrate nette, perché non sono più autorizzati a vendere o pubblicizzare i propri biglietti di lotteria via internet, in televisione o via telefono. Queste tabelle rappresentano il trend del mercato tedesco tra il e le quote di mercato dei settori specifici. 31

32 32

33 Tuttavia, il gioco d'azzardo tedesco, è un mercato che offre ancora una grande varietà di prodotti da lotteria, anche se l impronta dell'itg ha causato perdite notevoli sui ricavi. Il leader negli ultimi due anni, è il segmento delle slot machines che è cresciuto fortemente con lo sviluppo tecnologico. Nonostante il campionato del mondo di calcio del 2006 abbia fatto aumentare le scommesse sportive in modo esponenziale, gli anni successivi all evento hanno registrato un calo significativo del comparto. L ultimo dato disponibile del fatturato tedesco stimato risale al 2008 con 15,6 mld di nel globale dell industria gioco che a differenza degli altri paesi, in quegli anni, è andato a diminuire leggermente. Ognuno dei sedici stati federali possiede una delegazione del potere in materia di gioco, così da stabilire le normative di casinò, lotterie e scommesse sportive. Si aggiunge a questo la particolarità che ognuno di essi è libero di determinare la propria aliquota fiscale. Il mercato tradizionale del gioco d'azzardo tedesco è stato, ed è ancora, caratterizzato dalla significativa importanza della lotteria nazionale. 33

34 34

35 È da fare un piccolo excursus sul monopolio della lotteria che in Germania è gestita e monopolizzata, come suddetto, da un ente istituzionale che si definisce DLTB (Deutscher Lotto- und Totoblock). Esso è rappresentato in 16 stati federali tedeschi in merito alle loro lotterie locali, ed è stato in grado di fatturare nel 2008 circa 6,7 mld di euro. Come già preannunciato, la lotteria tedesca offre varie forme di prodotto, ma quella tradizionale rimane di gran lunga quella più popolare, con annesse cifre sostanziose a livello di introiti. 35

36 Bisogna precisare che con questo termine si identificano le lotterie sportive, il bingo, le lotterie di beneficenza e le lotterie regionali (o lotterie locali). Da ciò ne deriva che l indotto della lotteria classica si deve stimare all interno di una cifra molto più ampia che, nel 2008, secondo le stime è stata di circa 4,2 mld di euro. A causa di cambiamenti demografici e della crescente influenza della crisi finanziaria, si è verificata una stagnazione e una riduzione ulteriore degli attesi ricavi con conseguente diminuzione del mercato percentuale. Fino ad oggi l ITG non ha raggiunto gli obiettivi che si era prefissata, e tantomeno è riuscita a garantire i redditi previsti per le lotterie di stato, tralsciando anche delle garanzie che i giocatori dovrebbero avere certe. Anche in questo paese la promozione attraverso i vari canali della comunicazione, e la vendita attraverso i mezzi telematici sono severamente vietate. Quindi in un ottica futura, la perdita di questi strumenti di marketing essenziali, potrebbe aggravare il calo delle vendite, facendo ricadere gli aspetti negativi sui fornitori di prodotto. Prima o poi si potrebbe anche mettere a repentaglio il finanziamento di varie associazioni sportive, progetti sociali ed eventi d'arte. Ci sono quattro categorie di scommesse legali in Germania: due tipi di Toto e due tipi di Oddset (legati al calcio). Il reparto scommesse rimane tradizionalmente molto legato al settore sportivo, che da solo ha generato nel ,5 mld, riscontrando comunque un trend negativo in linea con l andamento generale. 36

37 Per quanto riguarda i casinò, essi ricoprono una percentuale molto bassa dell intero sistema. Il segmento delle case da gioco ha avuto un calo significativo in termini di fatturato dal 2006 in poi, il che identifica un momento di crisi evidente che sembra non trovare una via di uscita. Come per gli altri settori del gioco d'azzardo del mercato tedesco, anche queste aziende vivono una recessione da un punto di vista dello sviluppo di settore, che è stato limitato dalle normative ed in via eccezionale dalle elevate aliquote fiscali. Sui ricavi lordi di queste strutture non c è una regolamentazione che definisca chiaramente il settore a livello nazionale. Ciascuno dei 16 stati federali ha una propria imposta da porre in essere per le aziende sotto la propria giurisdizione, che devono seguire determinati requisiti e riferimenti di localizzazione che vengo sempre delineati dallo Stato federale di rifermento. Solitamente il Ministero degli interni è il responsabile per la delegazione delle licenze e il Ministero dell Economia è il sovraintendente commissionario per il settore finanziario. In più queste licenze hanno una particolare codifica in termini di tempi della durata della concessione, che normalmente va dai 5 ai 15 anni, facendo vivere una sorta di pressione ai detentori della concessione. I casinò tedeschi patiscono in maniera evidente la concorrenza dei casinò online illegali e i nuovi giochi telematici di nuova generazione. Quest ultimi nel 2008 hanno movimentato circa 720 mln di euro. Il settore delle case da gioco è comunque in una crisi davvero determinante, portando gli addetti ai lavori a discutere nel 2008 anche la normativa europea sulla legge antifumo. 37

38 Si sosteneva la tesi che fumo e gioco d azzardo fossero due elementi inscindibili, il che avrebbe portato alla diminuzione drastica della clientela. In questo senso, qualcuno, ha calcolato(in termini probabilistici) la chiusura di tre quinti delle aziende di settore in soli 4 anni. Come nel resto del mondo, le case da gioco stanno vivendo un cambiamento strutturale di dimensioni titaniche, poiché non solo la richiesta di prodotti sta cambiando, ma anche il cliente di riferimento muta notevolmente le sue esigenze. In Germania, il 77% dei ricavi dei Casinò è generato dalle slot machines, e solo un quarto di tutto l indotto è generato dai tavoli da gioco (circa quello che avviene nei Casinò italiani). 38

39 L industria del gioco a Macao Macao, è costituita dalla Macao Penisola, da Taipa e Coloane, e copre 29,2 kmq, circa un sesto della zona di Washington, D. C. Nonostante le sue dimensioni, la città è abitata da appena abitanti. Il reparto gioco oggi ha delle entrate maggiori di Las Vegas e Atlantic City, risulta essere infatti per entrate ed indotto generato dal mercato gioco, la prima industria al mondo. La crescita della città è principalmente attribuibile alla vicinanza di questa alla Repubblica Popolare Cinese, ad un'ora di traghetto da Hong Kong, ma soprattutto per l elevato numero di benestanti che vivono nelle principali città costiere del continente. Si stima che più di 100 milioni di persone risiedono ad una distanza raggiungibile da Macao in tre ore e più di 1 miliardo di persone vivono all'interno di un spazio raggiungibile con un volo aereo di tre ore. Il passaggio alla nuova normativa nei primi anni del 2000, ha permesso l'aumento delle concessioni e di sub-concessioni che hanno dato un imput significativo per lo sviluppo del luogo. Ci sono sei concessioni (di cui tre sub-concessioni), che hanno l autorizzazione a offrire giochi aleatori da casinò. Esse sono: Sociedade de Jogos de Macao (nota come SJM, diretto da Stanley Ho) Galaxy Casino (controllata di Galaxy Entertainment Group di Hong Kong) 39

40 Wynn Resorts (noto come WYNN; Steve Wynn) Las Vegas Sands (noto come LVS; Adelson Sheldon) MGM Grand Macau (una partnership tra MGM Mirage e Pansy Ho, figlia di Stanley Ho) Melco PBL Entertainment (conosciuta come MPEL; un partenariato tra Melco di Hong Kong e tradotti Australia e Broadcasting Limited, ora scissa). Nel primo semestre del 2008, la città Macao ha vissuto il suo più alto livello di crescita economica dopo l'apertura del primo casinò in stile Las Vegas nel Nel corso degli ultimi tre anni, i ricavi del gioco sono aumentati da 7.1 mld di dollari del 2006 ai 10.4 del 2007, ai 13.6 del 2008.Una crescita che ha praticamente raddoppiato l indotto in 2 anni e poco più. Tuttavia, il confronto è in qualche modo distorto dall ingresso nel mercato di società che nel 2007 hanno fatto investimenti e che hanno dato origine a nuove aperture, tra cui il Grand Lisboa (febbraio 2007), Crown Macao (Maggio 2007), Venetian Macao (agosto 2007) e l MGM Grand (dicembre 2007). Va notato comunque che nel 2008 anche nel paradiso dell azzardo è giunta la ventata negativa della crisi sui ricavi dell industria del gioco. I ricavi per ogni trimestre del 2008, a partire dal secondo trimestre, sono stati inferiori rispetto al trimestre precedente. I ricavi di gioco nel secondo trimestre del 2008 sono stati inferiori del 3,1% rispetto 40

41 al primo trimestre 2008 ed i ricavi nel terzo trimestre sono stati del 10% inferiori rispetto al secondo trimestre. Ma nonostante tutto mantengo ad oggi ancora introiti di tutto rispetto. Macao si basa fortemente sui turisti cinesi per sostenere la sua principale industria, tanto che quando Pechino sotto il boom della crisi mondiale, aveva ridotto drasticamente i visti per i residenti della Cina continentale, si era temuto per tutto il sistema sul quale la penisola si basava. Delle indiscrezioni fecero passare questa operazione come un disincentivo da parte delle istituzioni cinesi(da sempre popolazione di giocatori in tutto il mondo) per raffreddare, in parte, l approccio della popolazione alla droga del gioco, ponendo restrizioni rigide ai passaporti e ai permessi per Macao. Altro elemento che venne considerato, fu il fatto che si presupponeva, attraverso questa iniziativa, una forte riduzione dell uscita di danaro privato dal paese, che avrebbe comunque aggravato la situazione della crisi che la Cina sentì e sente tutt ora solo in parte, grazie all ottima politica di contenimento effettuato dall amministrazione. Altre e più veritiere considerazioni, evidenziavano un problema che i giocatori cinesi avevano con gli istituti creditizi, che avrebbero bloccato i prestiti finanziari e quindi generato un incapacità di questi a elargire somme nel gioco aleatorio. Effettivamente la teorizzazione di questo progetto, trovò un riscontro nella realtà, che portò una considerevole diminuzione della crescita di Macao, che però a differenza di molti ha continuato a crescere, di poco, ma a crescere. 41

42 Tutto questo scenario, fin ora descritto, fece in modo di aggravare le situazioni delle strutture legate al mercato del gioco di Macau, compresi i casinò, che si trovarono costretti a fare notevoli tagli nelle spese di gestione, tra le quali anche i dipendenti, per un totale del 27% dell occupazione, pari a persone sulle a quel tempo impiegate. Con il calo degli arrivi anche le strutture ricettive risentirono della situazione e gli investimenti da esse messe in atto registrarono una forte riduzione che lasciò uno strascico di lavoratori edili disoccupati. Ma nonostante tutto Macao reagì con investimenti e notevoli sforzi finanziari per rispondere a questa situazione e tra la fine del 2008 e gli inizi del 2009 si iniziarono ad osservare gli albori di una ripresa generale del settore. Non c'è stata alcuna dichiarazione ufficiale da parte del governo cinese in merito all allentamento delle restrizioni sui visti per Macao, ma alcuni analisti ritengono che le principali politiche di allentamento, siano state dovute ad un incentivo messo in atto per acquisire ulteriori consensi per il neoeletto capo di governo di Macao(ovviamente spinto dalla politica cinese). Per diventare una vera meta turistica la penisola ha ancora bisogno di una più grande varietà di differenti stazioni integrate a formare un cluster in Cotai e di attrarre i giocatori non-hard-core. A partire dal 2010, Macao ha sperimentato una maggiore concorrenza in Estremo Oriente a causa di due aperture a Singapore: la Marina Bay Casino, di LVS, e Resorts World a Isola di Sentosa, da Genting Casinò. In effetti Singapore ha una tassa di gioco più bassa, e i suoi casinò possono offrire maggiori commissioni ai junkets per attirare i clienti VIP. 42

43 L'impatto dei casinò di Singapore per Macao, dovrebbe tuttavia essere limitato, perché l isola sulla punta malesiana è ancora a più quattro ore di volo dalla Cina(disincentivante per i giocatori). Essa per di più non ha alcuna intenzione di trasformare la sua industria primaria in un settore aleatorio, ed ha garantito la costruzione di soli due casinò rispetto ai 31 di Macao. Infine, è ulteriormente più difficile per la popolazione cinese ottenere il visto per Singapore che non per la penisola limitrofa. D'altro canto, il parlamento di Taiwan aveva votato nel 2009 una normativa per legalizzare il gioco d azzardo sulle isole al largo di Kinmen, Matsu e Penghu, con restrizioni che contemplavano due licenze massime con l inserimento obbligatorio di un resort integrato. Questo disegno di legge ha aperto la strada per le amministrazioni locali ad indire un referendum sulla costituzione di casinò. Alcuni analisti credono che la minaccia Taiwan per Macao, potrebbe un giorno essere più grande che la minaccia da Singapore, a causa della vicinanza geografica dell isola, ma la presenza delle strutture resort integrate sono a Taiwan molto distanti a livello di concezione. 43

44 Tabelle riassuntive Macao: 44

45 45

46 46

47 L industria del mercato spagnolo. Il settore dei giochi spagnoli si suddivide in tre sezioni in base al tipo di gestione che li caratterizza: Casinò,Sale Bingo e Sale da gioco su licenza gestite da aziende private; le scommesse e le lotterie sono gestite dall'amministrazione pubblica (LAE); le lotterie popolari, infine, sono gestite, con una speciale autorizzazione dell'once. Sul totale della raccolta effettuata nel 2009 nelle varie regioni del paese, il 60,73% è rappresentato dagli incassi del settore privato, il 32,69% dall'amministrazione statale e il restante 6,58% dall'o.n.c.e. Per il 44,38% primeggiano gli apparecchi da intrattenimento, seguiti con il 18,02% dai giochi passivi (Loterìa Nacional) e 14,68 giochi attivi (Quiniela, Quinigol, Lototurf. Ecc.). Rispetto al 2008, i dati dei tre settori che operano nel mercato del gioco, evidenziano una riduzione del fatturato, sia per quanto riguarda i casinò, il bingo e le slot machines; la situazione si inverte se i dati vengono confrontati con la crescita avvenuta negli ultimi 5 anni: 30,11 mld di euro raccolti rispetto ai 28,336 mld del Con questa relazione, la Spagna può vantare di possedere a livello europeo uno dei mercati di settore più floridi ed importanti. Facendo una panoramica osserviamo che in Spagna, il gioco privato è composto da : AWP, che rappresentano circa il 65% degli importi scommessi; sale Bingo, che rappresentano il circa il 20% degli importi scommessi; Casinò, che rappresentano circa il 15% degli importi scommessi. Il gioco privato sembra aver raggiunto la maturità in Spagna - fatta eccezione per il casinò sottosegmento, in cui la crescita è stata guidata dalla concessione di nuove licenze. 47

48 Le principali società di gioco spagnolo sono: Cirsa: un gruppo di imprese composto da numerose aziende internazionali. Cirsa opera come produttore e operatore di macchine da gioco, bingo e casinò. Due importanti casinò in Spagna (Valencia e Marbella) sono di proprietà di Cirsa. Codere: gruppo internazionale che opera nell industria del gioco, in particolare nel settore slot. Orenes: effettua la vendita, l'acquisto, la gestione e il funzionamento di tutti i tipi di macchine ricreative e di gioco così come il bingo. Sono anche i titolari di alcuni casinò di medie dimensioni in Spagna: Murcia, La Rioja, Extremadura, Isole Canarie e Castellón. Grup Perelada: focalizzata nell'attività di casinò, che agiscono in Catalogna (Casinò di Barcellona, Tarragona e Perelada). Comar: la loro attività è concentrata in tombole, così come un numero significativo di Casinò - La Coruña, Santander, Saragozza, Aranjuez, Minorca, tra gli altri. Grupo Casino di Madrid: la loro attività è concentrata soprattutto sul Gran Casino Madrid e le altre case da gioco di piccole dimensioni. Grupo Nervión: proprietario di casinò di Bilbao e San Sebastian, così come altre attività ludiche. Al 31 dicembre 2007, c'erano 40 casinò attivi in Spagna, secondo la Commissione Nazionale spagnola di gioco, i quali ricavi derivano dalle slot machines di tipo C (che in Spagna sono consentite solo per essere azionate nei casinò). Le case da gioco sono soggette a imposte stabilite da parte dei governi autonomi. In alcuni casi pertanto, l'aliquota fiscale è pari a 60% rispetto alla vincita lorda, su una progressiva scala di valori. 48

49 Questo potrebbe minacciare la continuità delle strutture, soprattutto quelle di dimensioni inferiori, per le quali non sono previste nel prossimo futuro incrementi di reddito esponenziali, e per le quali non ci sono opportunità significative di ridurre i costi. Il settore del gioco privato in Spagna deve affrontare la concorrenza del gioco pubblico, settore che rappresenta il 40% del totale degli importi scommessi nel mercato del gioco spagnolo (dati 2006). Il reparto pubblico dei giochi è composto principalmente da lotterie nazionali, regionali e di beneficenza, che sono diventati sempre più popolari in Spagna e che vengono riprodotti in una vasta varietà di forme. Fondata nel mese di gennaio del 2000, la Lotteria Ente Pública Empresarial Loterías y Apuestas del Estado è la lotteria più grande della Spagna ed è l organizzazione responsabile della Lotteria Nazionale (Loteria Nacional), Lotteria Primitive (Loteria Primitiva), calcio scommesse (Quiniela Futbolística) e Bono-Loto. Per quanto riguarda l'industria del gioco d'azzardo online, si è atteso con il fiato sospeso la regolamentazione del gioco spagnolo per capire se fosse necessario aprire filiali in Spagna o se sarà possibile continuare online operando dai paesi in cui si possiede regolare licenza. Il processo di regolamentazione del settore dei giochi online è in corso dal 2007, quando i legislatori per la prima volta convenirono sul fatto che le legislazioni nazionali fossero necessarie da subito, al fine di regolamentare efficacemente il mercato dei giochi su internet. Tre anni più tardi, dopo un processo lento e straziante, sembra che il governo spagnolo sia finalmente sul punto di legalizzare il gioco d'azzardo online. Pochi mesi fa il Consiglio dei ministri spagnoli ha approvato il progetto di Gambling Act, che è poi stato presentato al Parlamento per avviarne il procedimento di conversione con una procedura d'urgenza. 49

50 La futura legge disciplina le attività di gambling on line (lotterie scommesse e concorsi) fornite sia dalla Spagna che dall'estero, rivolte alle persone che vivono in Spagna. La legge prevede che tali attività possano essere effettuate di persona o per via elettronica, tra cui internet, televisione, radio, cellulari. La legge regola anche la promozione, la pubblicità e la sponsorizzazione di queste attività. Il disegno di legge sul gioco prevede che l'attività di scommesse e l attività del gioco online siano soggette all'ottenimento di una licenza da parte della Commissione nazionale per il Gaming. Questo precisa anche che le autorizzazioni ottenute in altri paesi non saranno valide per operare in Spagna. Attraverso una procedura di gara pubblica, sarà assegnato il primo tipo di licenza, chiamata licenza generale. Questa permettà agli operatori di offrire modalità di gioco differenti, come le lotterie, scommesse e concorsi. Dalla relazione che accompagna il progetto di legge si capisce che il governo prevede che siano almeno 10 gli operatori candidati ad ottenere la concessione, ma che poi alla fine solo cinque riescano nell intento. I cinque operatori che otterranno una licenza generale potranno avere le licenze definite 'uniche'. Si tratta di licenze che possono essere rilasciate per una tipologia specifica di giochi, come ad esempio le scommesse a totalizzatore o a quota fissa, comprese le scommesse ippiche, le lotterie e i concorsi. Il governo stima che per ogni licenza generale ne verranno rilasciate almeno cinque 'uniche'. Con una procedura separata e senza gara pubblica è possibile richiedere l'autorizzazione per organizzare attività di gioco a carattere sporadico e occasionale, per un periodo inferiore a un anno. 50

51 Evoluzione del settore case da gioco 51

52 L industria del Regno Unito Il vento della crisi non soffia sui casinò terrestri britannici. Che pure di turbolenze ne hanno conosciute: basti pensare che un paio di anni fa il governo pianificava la costruzione di un casinò in stile Las Vegas a Manchester, suscitando una serie di polemiche tra gli operatori esistenti e quella stampa, soprattutto di destra, che ammoniva circa i pericoli dell'insorgere di ludopatie e di degenerazione morale in genere. Il piano è presto caduto e non solo. Nonostante l'oscillazione del carico fiscale sui casinò, gli stessi sono in forte espansione, come mostrano le cifre della Gambling Commission. È particolarmente in crescita il numero dei visitatori, che batte nuovi record anno dopo anno nell'ultimo quinquennio. Nel 2009, 16,6 milioni di persone hanno varcato le porte dei 143 casinò britannici, contro i 16,2 del 2008 e i 15,1 del Ma il governo sta pensando di facilitare la vita non solo a quelli fisici, ma anche ai casinò online, in particolare studiando strategie specifiche, così da attrarre anche gli investitori esteri. Il ministro dello sport Gerry Sutcliffe ha anticipato che presto saranno predisposti nuovi requisiti perché gli operatori offshore del gioco d azzardo online possano chiedere una licenza. I dettagli non sono ancora noti, ma pare che il nuovo regime di licenza creerà condizioni di parità per tutti gli operatori, anche sotto il profilo fiscale, che è certamente quello più spinoso e in grado di determinare la maggiore o minore competitività. Tuttavia, la crisi economica, che ha colpito nella seconda metà del 2008, ha continuato a portare una serie di sfide per il settore. Storicamente, il Regno Unito sul mercato dei giochi e delle scommesse è sempre stato più recessivo per il concetto di tempo libero da dedicarvi. 52

53 Tuttavia in questi tempi, soprattutto nel settore online, questa recessione si sta lentamente vanificando, anche grazie alla riduzione dei costi che gli operatori del settore stanno attuando per adeguarsi al piano normativo. Con un ulteriore deregolamentazione delle scommesse e del mercato del gioco in tutto il mondo, attraverso la prospettiva di un mercato più modulabile, il comparto inglese, alla definitiva ripresa dell economia, potrebbe essere in prima linea in quest industria a livello europeo, per ricerca, formazione e gestioni dei problemi relativi al gioco d azzardo. La The Responsibility in Gambling Trust (RIGT) nasce nel 2001 come istituzione indipendente di carità responsabile di sensibilizzazione per affrontare i problemi di gioco d'azzardo nel Regno Unito. La Rigt è stata storicamente finanziata da donazioni volontarie di scommettitori e operatori di gioco, con un finanziamento di 5 mln annui, finanziamenti che negli ultimi anni stentano ad arrivare. Nel gennaio 2009, il governo ha proposto una tassa annuale di legge sull industria pari a 5 milioni di euro, per garantire fondi sufficienti per la ricerca, l'istruzione e il trattamento. Tuttavia, l'industria ha annunciato il suo impegno a elevare l importo nel 2009/2010 e di riunire gli obiettivi di finanziamento per i prossimi tre anni, modificando l iva sui meccanizzati attraverso una differente normativa. Il Gambling Act ha introdotto un nuovo regolatore per il settore nel Regno Unito, il Regno Unito Gambling Commission. La commissione regolamenta il gioco d'azzardo nel pubblico interesse, volto a mantenere il reato di gioco d'azzardo, per garantire che si svolgano in modo corretto e trasparente, per proteggere i bambini e altre persone più vulnerabili, che possano essere danneggiate o sfruttate dal gioco d'azzardo. 53

54 Il Regno Unito Gambling Commission ha annunciato che intraprenderà un indagine nel mercato di riferimento, sondaggio che verrà eseguito per aiutare a capire la natura e la scala del gioco d'azzardo nel Regno Unito, tra cui la prevalenza di gioco problematico, e conseguentemente per comprendere i fattori sociodemografici associati. L Act permette ai clienti di giocare una posta più alta (e vincere premi più elevati) rispetto a quanto fosse possibile con le slot precedenti in rispetto ai sensi della legislazione in vigore in precedenza. L'Associazione britannica Casino (BCA), la maggiore organizzazione dell industria delle case da gioco britanniche, ha perso due dei suoi più grandi membri nel 2008: Gala Coral Group e Rank Group, gli operatori di casinò Gala e Casinò Grosvenor, rispettivamente. Gala Coral, che si è ritirato anche dall'associazione Bingo, ha citato la necessità di una sola associazione per il commercio delle scommesse e dell'industria del gioco. Il senso delle associazioni, infatti, era quello di dare maggior forza politica alla categoria di settore, e dar peso in ambito nazionale alla voce delle proprie richieste. L'industria delle scommesse nel Regno Unito è costituito da circa negozi di scommesse e 579 oncourse bookmakers, con 61 ippodromi e 28 piste da corsa dei levrieri. Insieme, queste partecipazioni hanno generato scommesse per 72,1 miliardi di euro, e il gioco d'azzardo lordo ha avuto un rendimento di 6,81 miliardi di euro nel

55 Il settore delle scommesse è dominato da tre principali operatori, che sono: Ladbrokes, William Hill e Corallo, che posseggono più del 65% dei punti scommessa. Nel 2009 si è registrato un notevole aumento degli operatori online che sono andati a crescere nonostante il non favorevole clima economico, sperando in un investimento che alla lunga potrà dare ragione. La maggior parte delle puntate sono sulle corse dei cavalli, con un crescente interesse per il calcio, a compensare la diminuzione delle giocate sulle scommesse dei levrieri da corsa. La giocata in dettaglio nel Regno Unito è tassata al 15% del prodotto lordo dalla Generale Betting Duty. Come l Over The Counter (OTC), il mercato terziario per le scommesse ippiche, che resta relativamente stabile nel Regno Unito insieme alla crescita delle FOBTs, continua ad essere un importante punto di riferimento per gli operatori, che stanno aumentando la varietà di giochi a disposizione del cliente. Con la stabilità del CTU, anche gli operatori hanno continuato a dare importanza al controllo dei costi. Nel 2007, Turf TV, un nuovo provider di copertura televisiva di corse, è stato istituito come una joint venture tra Alphameric e un consorzio di 31 ippodromi, ponendo fine alla monopolio del satellite Information Services. Nel gennaio 2008, i bookmakers più importanti, compresi Ladbrokes William Hill e Coral, hanno firmato un accordo con Turf TV per trasmettere i suoi contenuti nei loro negozi, costando al settore una spesa aggiuntiva di 98,5 milioni di euro ogni anno. 55

56 Il governo britannico possiede una catena di operatori di scommesse, la Tote, con circa 550 negozi all attivo. Quest ultimo ne ha considerato per molto tempo la vendita, e dopo molti rifiuti di proposte ha annunciato nell'ottobre 2008 che la vendita sarebbe stata sospesa, alla luce del credito illiquido dei mercati e della corrente recessione. Lotteria Ci sono diversi tipi di lotteria nel Regno Unito, ma di gran lunga la più significativa è la Lotteria Nazionale. Inoltre ci sono lotterie di società sia di autorità locali sia della commissione di gioco, (a seconda del livello di vendita dei biglietti). A differenza del gioco d'azzardo, dove l'età minima richiesta è 18 anni, i giocatori sono autorizzati a giocare alle lotterie dai 16 anni di età. Le lotterie inoltre comportano in genere una partecipazione finanziaria inferiore rispetto ad altre forme di scommesse e del gioco. La Lotteria Nazionale è gestita dalla società Camelot, che domina il mercato britannico. I proventi generali delle lotterie ammontano a 170 milioni di euro e coerentemente con l'aumento dei livelli delle scommesse a distanza, la Lotteria Nazionale ha beneficiato di crescenti livelli del settore online, in particolare sull "instant win". Insieme con le vendite di gratta e vinci, il fatturato dei giochi online è aumentato per compensare un leggero calo del fatturato generato dal sorteggio tradizionale settimanale. 56

57 La Lotteria Nazionale opera in base a leggi diverse da quelle che regolano le società di lotterie private, ed è l'unica lotteria autorizzata a trattenere proventi dei biglietti. Per ogni sterlina spesa per la Lotteria Nazionale, il 50% è versato a titolo di premio in denaro, il 28% per il Buono Cause Carità, il 12% al governo (con il dovere della lotteria), il 5% ai rivenditori (come vendite di commissioni), il 4% a copertura di Camelot per i costi operativi, e meno dell'1% trattenuto come utili. Slot machines La British Amusement Catering Trade Association (Bacta) ha stimato che a Marzo 2008, erano presenti sul territorio slot, di cui il 26% erano situati nei pub, il 26% nei centri di intrattenimento per famiglie, il 22% nei centri giochi per adulti e l 11% in negozi di scommesse. Il settore sta vivendo un momento di crisi, poiché i vecchi apparecchi sono ormai obsoleti e sostituiti in buona parte dai centri scommesse e dalle nuove tecnologie, che sono connesse perennemente a un gestionale web(new slot). Inoltre, è un comparto molto diffuso e utilizzato soprattutto nei pub, location caratteristiche della cultura anglosassone, ma con la legge antifumo anch essi hanno avuto un crollo dal punto di vista gioco al loro interno. Le macchine da gioco rientrano nel campo di applicazione dell'iva.. Casinò Nel marzo 2008, vi erano 142 case da gioco operanti nel Regno Unito. Di queste, 25 hanno sede a Londra, 99 in Inghilterra, 13 in Scozia e 5 in Galles. 57

58 Nel febbraio 2008, il governo ha formalmente abbandonato i piani per il"super casino " del Regno Unito, originariamente assegnato alla città di Manchester. La Gambling Act aveva dato disposizione per partire con il progetto, ma esso è stato interrotto dalla House of Lords nel Marzo Tuttavia altre 16 licenze, per grandi e piccole aziende, sono state previste da assegnare, secondo le disposizioni della stessa, che vaglierà minuziosamente le proposte che si presenteranno per aggiudicarsi la licenza. Alcuni operatori sono diventati prudenti circa i rendimenti che potrebbero avere i 16 casinò in progetto, che potrebbero generare una preoccupazione circa l offerta del mercato del Regno Unito. L'industria ha lottato nel corso del 2008 per rispondere alle diverse sfavorevoli condizioni di sviluppo, tra cui il divieto di fumo, un aumento del dazio di gioco (la fascia superiore è aumentata dal 40% al 50%) e il rallentamento della spesa dei consumatori dovuta alla crisi. I tre maggiori operatori del settore case da gioco (Stanley Casinò, Rank e Gala Coral) contano il 74% dell intero mercato del Regno Unito. Il gioco più popolare e giocato all interno delle strutture anglosassoni rimane sempre la fair roulette, che attrae oltre il 50% dei giocatori, seguito dal blackjack con il 18% e la roulette elettronica che conta il 16% delle giocate. Dati del 2008 riportano un aumento percentuale delle visite pari al 7%, ma con una contrazione dei ricavi, dovuto anche ad una serie di notevoli vittorie, pari al 16,4%. Negli ultimi anni il trend è rimasto mediamente stabile secondo alcuni dati generali riportati dalla Gamblig Act riguardo al 58

59 complesso generale del mercato, rispecchiando una capacità gestionale conservatrice e prudente. Bingo Nel marzo 2008, si è stimata la presenza di 675 sale bingo in esercizio, con un decremento nel corso dell'anno dovuto alla chiusura di 37 club. I tre maggiori operatori Gala Corallo, Rank (sotto il marchio Mecca) e Top Ten Holdings - operano per il 45% di settore. L'industria del bingo continua ad essere significativamente influenzata dal divieto del fumo, con circa la metà dei clienti fumatori. L'industria ha lavorato su una soluzione a questa sfida, come i terminali palmari per l'uso all'aperto. Il recente aumento del numero consentito di macchine da gioco in sale bingo da 4 a 8 si è dimostrato sicuramente un impulso positivo per l industria di settore, che a differenza degli altri comparti subisce una doppia imposizione d imposta: gli operatori devono pagare le tasse sull utile lordo del 15% così come l IVA che si avvale di un altrettanto 15%. Il bilancio del bingo ha valutato per l anno 2008 un movimento di scommesse di circa 1,6 mld di sterline, riscontrando una diminuzione dell 11% rispetto al precedente. Tra il 2008 e il 2009 la percentuale di decremento è scesa di altri 7 punti percentuali. Mentre la controtendenza si riscontra nel settore online con il raddoppio dei giocatori(da a ) e con un incremento delle giocate del 39%.(fonte Acros) 59

60 Scommesse online Il mercato delle scommesse online è cresciuto significativamente negli ultimi anni, grazie anche alla migliore accessibilità della banda larga internet per oltre il 50% delle case nel Regno Unito, che consente agli operatori di fornire una maggiore qualità dei contenuti ai propri clienti finali. Ciò ha determinato una cifra che si appresta sui 5,4 milioni di conti attivi a partire da marzo Una sostanziosa parte di questi operatori specializzati nella new tecnology del settore scommesse, ha ottenuto le concessioni e poi spostato le sedi operative all estero, per motivi fiscali e di regolamentazione, trovando degli escamotage per permettere l attività nel Regno Unito attraverso una piccola presenza della società sul territorio. Dal mese di marzo 2008, oltre 300 licenze a distanza erano state rilasciate a più di 160 operatori. 60

61 61

62 L industria del gioco negli USA Il gioco d'azzardo negli Stati Uniti veniva spesso visto positivamente dal pubblico, ma ancora più spesso in maniera negativa. Poiché il crollo della Borsa nel 1929 portò le persone a credere che il gioco d'azzardo autorizzato e regolamentato avrebbe stimolato l'economia, nel 1931 lo stato del Nevada legalizzò definitivamente i casinò e i giochi d'azzardo. Finalmente gli americani avevano un luogo in cui giocare liberamente, con Las Vegas come fulcro dell'attività. Lo scenario cambia negli anni Settanta con la comparsa di casinò nelle sale delle imbarcazioni fluviali e nelle riserve indiane, che offrivano alcune forme di gioco d'azzardo legali in tutti gli stati tranne due, con redditi di gran lunga superiori a quelli provenienti da attività legate a videogiochi, biglietti del cinema, album musicali e parchi a tema messi insieme. Nel corso degli ultimi 20 anni, il mondo del gioco negli Stati Uniti, così come in tutto il mondo, ha subito un notevole periodo di crescita e trasformazione. La recessione, che ha avuto luogo alla fine del 2007, ha fatto si che il 2008 fosse un anno impegnativo per l industria di settore nel suo complesso. A livello nazionale i ricavi scesero ancora (32,54 mld di dollari) con un calo percentuale del 4,7% rispetto al Ovviamente il continente americano ha patito più di tutti gli altri paesi la crisi economica, dato che il crollo finanziario ebbe origine proprio dall economia statunitense. 62

63 Attualmente in tutto la repubblica federale nordamericana, gli stati che hanno legalizzato il gioco d azzardo sono 48, solo l Utah e le Hawaii non hanno concesso licenze per questo tipo d industria. Ma non dobbiamo dimenticare che l America risulta essere anche l America del gioco d azzardo, famoso per le sue città casinò e per la propensione della popolazione a questo tipo di attività, basti pesare che il Texas Hold em ha le sue radici proprio nel neo continente. Analizziamo singolarmente, in maniera consuntiva, le singole forme di business del gioco d azzardo presenti negli USA. Las Vegas. Il luogo di nascita per definizione del gioco d'azzardo legalizzato negli Stati Uniti, è proprio Las Vegas, la location che ha svolto la funzione di faro ed esempio per tutte le altre giurisdizioni che hanno cercato di catturare l immenso patrimonio d intrattenimento che essa ha inventato dopo il famoso 19 marzo 1931(data della legalizzazione del gioco d azzardo). La città del Nevada, dal Golden Nugget alla Wynn Resort, è da sempre una delle maggiori realtà al mondo del settore da noi preso in esame, grazie anche alle sue molteplici forme di offerta sempre altamente aggiornate, e come spesso capita ricoprendo un ruolo primario nelle nuove mode che investono il mercato mondiale. Nel 2008, lungo la celeberrima Strip, i ricavi del gioco d azzardo sono stati pari a 6,1 mld di dollari, facenti parte dell intero incasso del Nevada pari a 11,6 mld. 63

64 64

65 Atlantic City. Dal 1976, quando lo stato del New Jersey legalizzò il gioco d azzardo, si aprirono i battenti dei nuovi casinò, che condizionarono positivamente l economia della cittadina statunitense che si affaccia sull omonimo oceano. Dall'apertura del Resort Hotel e Casino nel 1978, alla Borgata, che ha aperto nel luglio 2003, Atlantic City è la dimostrazione di come 65

66 nonostante premesse poco propositive, si riesca, investendo e facendo politiche serie di sviluppo, a creare un indotto di volare significativo. La cittadina della costa orientale(che conta all incirca abitanti) ha registrato sempre nel 2008 ricavi di oltre 4,5 mld di dollari, con addirittura una perdita dell 8% sull anno precedente. 66

67 New Orleans. Dal momento che i legislatori della Louisiana hanno concesso l approvazione per gli hotel-casinò inizialmente alla città di New Orleans nel giugno del 1992, si è generato un turbinio delle attività legate al gioco nell intero sistema dello stato. Il casinò solitario con sede a New Orleans è attualmente di proprietà di Harrah's Entertainment ed è stato inaugurato nel Nell'anno fiscale 2008, il fatturato lordo di gioco è stato di di dollari. 67

68 Detroit. L approvazione e legalizzazione del gioco d azzardo è arrivata dal legislatore del Michigan nel mese di novembre del 1996, e Detroit è stata l unica città dello stato ad aver afferrato l opportunità di approfittare dell indotto che il settore è in grado di generare. Anch essa, sulle orme di Las Vegas, ha sviluppato il concetto di casinò-hotel come offerta di prodotto turistico, accrescendo così la forza del brand di cui era detentrice. Il mercato dei casinò di Detroit è condiviso con la vicina Windsor, in Ontario, ed insieme hanno generato un comparto formato da 3 casinò-hotel a Detroit e uno con sede a Windsor. Sempre con dati relativi al 2008 queste strutture hanno generato ricavi per 1.3 mln di dollari. 68

69 Altro micro mercato di settore, da considerare nell intero sistema statunitense, è il così detto riverboat gaming, o anche gioco fluviale, basato su strutture molto simili ai casinò terrestri, confezionate per il turismo fluviale. Questa concessione è permessa a 6 stati: Illinois, Indiana, Iowa, Louisiana, Mississippi e Missouri. Nel 2008, i ricavi del gioco riverboat ha superato negli Usa 11,3 miliardi dollari (una diminuzione di oltre 3,4% rispetto al 2007). Leader di settore negli ultimi anni è stato il Mississippi. 69

70 70

71 Industry of America of Gaming 71

72 72

73 73

74 74

75 CAPITOLO II L ITALIA Se i casinò piangono, per il ministero dell Economia e delle Finanze le cose vanno diversamente, infatti, nonostante la crisi economica, sono i vari giochi a rimpinguare le casse dello Stato. Basti pensare che tra il 2003 e il 2009 la raccolta complessiva dei giochi di Stato è passata da 15 a 54,4 miliardi di euro e che nel 2010 ha superato il 3,5 per cento del Pil. Per rendere l idea basta ricordare che in quei sei anni la quota, che si è tenuta l erario, è cresciuta proporzionalmente da 3,5 e 8,8 miliardi che diventano però 9,4 miliardi grazie alle trattenute una tantum inserite in alcuni provvedimenti fiscali. Due dati singolari: le entrate dei giochi in sei anni sono cresciute del 262% mentre quelle fiscali del 151% per quanto riguarda i valori assoluti. Se i quattro casinò italiani hanno mediamente perso dal 4% al 12% di utili nel 2010,(ad oggi anche il16/17), gli altri giochi sono coccolati dal fisco, in particolar modo il superenalotto con i suoi Jackpot stratosferici (su cui grava la più pesante aliquota dell erario che è del 53,6% sulle somme giocate). Se da un lato crollano alcuni giochi come scommesse ippiche, totocalcio e totogol, gli altri giochi vanno a gonfie vele continuando a portare mediamente al fisco 150 milioni di euro ognuno. Su tutti i giochi, oltre al gratta&vinci, tra quelli diventati il vero veicolo trainante, spiccano gli apparecchi legali come slot machines, videolottery e videopoker (oltre ) installati negli 75

76 esercizi commerciali che raccolgono ogni giorno circa 3,5 milioni di euro. Nonostante l Italia stia vivendo una grave crisi economica e sociale, molto spesso accade che una famiglia su tre intacca i propri risparmi (tagliando le spese superflue e i beni essenziali ), destinando parte del budget mensile al gioco, con la speranza di migliorare la propria situazione tentando la fortuna e credendo che il colpo magico risollevi le finanze. Le conclusioni del Rapporto 2011 di Eurispes delinea e rappresenta una situazione nazionale di come cresca la voglia di giocare. Interrogati sulla frequenza di partecipazione al gioco, la ricerca dell Eurispes evidenzia che gli italiani nel 25,8% dei casi dichiarano di giocare raramente, all incirca una volta nell arco dell anno e nel 29,1% di non aver mai tentato la sorte. Di contro vi è un quarto del campione intervistato (25,7%) che sfida la fortuna giocando circa una volta al mese, l 11,2% che gioca con cadenza settimanale e il 6,5% degli italiani più di una volta a settimana. Solo lo 0,7% manifesta segni di dipendenza dal gioco dichiarando di giocare tutti i giorni. I più anziani sono particolarmente legati al gioco e sia tra i 45-64enni (8,8%) che tra gli over 65enni (8,7%) prevalgono coloro i quali giocano più volte a settimana. Con una percentuale pari al 15,7% risultano essere i giovani coloro i quali giocano circa una volta a settimana, seguiti dagli over 65enni (14%). I 35-44enni (28,4%) spiccano tra coloro che giocano circa una volta al mese. I 25-34enni sono i meno attratti e, nel 30,9% dei casi, dichiarano di giocare raramente, ossia all incirca una volta all anno. 76

77 In particolare chi gioca lo fa generalmente perché spera di poter risolvere i propri problemi economici (36,3%) o perché punta ad una grossa vincita sognando di diventare milionario (33,1%). Il 17,7% invece gioca per puro divertimento. Bassa è la percentuale di coloro i quali si dedicano a questa attività per mettere alla prova le proprie abilità, valutando ad esempio la propria capacità di individuare la squadra/combinazione vincente (3,1%). Di poco si discosta il numero di persone che si entusiasma al brivido del gioco (2,8%). Più nobile la motivazione al gioco per il 6,4% del campione che spera, giocando, di vincere una quota consistente da donare a chi ne ha bisogno. Le donne sono più attratte dal gioco per vincere i soldi necessari a far fronte a problemi economici (35% vs 26,2%) e per la possibilità di fare beneficenza (16,3% vs 26,2%); gli uomini invece hanno il desiderio del brivido da gioco (14,1% vs 5,4%) o di mettere alla prova le proprie abilità (8,7% vs 7,3%), ma soprattutto di diventare ricchi (26,8% vs 24.4%). I giocatori tra i 45 e i 64 anni praticano questa attività, in misura maggiore di altri, per vincere una somma milionaria (38,6%). I più anziani trovano nel gioco soprattutto un occasione per fare beneficenza a chi ne ha bisogno (26,9%). Per i 25-34enni è importante la possibilità di mettere alla prova le proprie abilità (13,5%). Tra i giovanissimi prevale la voglia di risolvere i problemi economici (42,1%) ma anche il puro divertimento (42,1%). Spendere poco con la speranza di guadagnare tanto è, con molta probabilità, il sogno di ogni giocatore. A volte però, capita che la spirale del gioco induca il malcapitato a perdere somme cospicue. Questo accade raramente al 6,9% degli italiani, qualche volta al 5,4% e spesso solo allo 0,9%. La 77

78 percentuale più alta di soggetti a cui è capitato di perdere una cifra ingente al gioco si trova tra gli over 65enni, che complessivamente nel 9,8% dei casi hanno perso qualche volta (7,8%) e spesso (2%) molti soldi al gioco, seguita dalla fascia d età dei 25-34enni a cui è capitato nell 8% dei casi (qualche volta 7,4%; spesso 0,6%). Da non sottovalutare il dato relativo ai giovanissimi, a cui è capitato di perdere grosse somme di denaro al gioco, complessivamente nel 4,5% dei casi (3,4% qualche volta; 1,1% spesso). Il vizio del gioco d azzardo interessa circa il 27% degli italiani, che arrivano a giocare più di tre volte alla settimana spendendo oltre 500 euro. Scommesse on-line le più ambite, poi slot-machine, lotto e superenalotto. Quella del gioco d'azzardo e' la quinta industria in Italia dopo Fiat, Telecom, Enel, Ifim. Del resto, la spesa per il gioco d'azzardo degli italiani e' aumentata ben del 19,7% nel 2007 rispetto al 2006, con una raccolta complessiva di 42,2 miliardi di euro (2% del prodotto interno lordo). Sono stati, infatti, 14,3 i miliardi di euro incassati nel 2000, 18 del 2002, 23,1 nel 2004, 28 nel 2005, e 35,2 miliardi di euro nel Un aumento complessivo imputabile soprattutto al raddoppio del fatturato del 'Gratta e Vinci' e all'aumento (del 22%) delle 'macchinette' (18,8 mld di euro la raccolta del 2007 con 2,2 mld di entrate erariali). Ai giocatori va attualmente il 68% della raccolta, con un leggero incremento rispetto all'anno precedente, ovviamente per invogliarli a giocare di più'. 78

79 Il mercato del Gaming Italiano dal 2003 al 2010, secondo i dati riportati da una ricerca effettuata dalla società di consulenza Mag, ed esposte durante un convegno nella prestigiosa sede del Sole 24 Ore a Milano, assiste ad una crescita inarrestabile, di ben il 250% in soli 6 anni. I dati per il 2010 sono eccellenti, con un incremento di introiti pari a 58.7 miliardi (nel 2009 sono stati 54.4 miliardi) e con un aumento previsto del 7.9%. La spesa calcolata secondo lo studio, per l'anno 2010 pro-capite sarà di euro (nel 2009 la spesa pro-capite per maggiorenni è stata pari a euro). Il mercato italiano rappresenta il 9% di quello mondiale. Per spesa pro-capite l'italia ha il primato mondiale e in regioni quali Sicilia, Campania, Sardegna e Abruzzo le famiglie investono in gioco d'azzardo il 6,5% del proprio reddito. In conseguenza la maggior causa di ricorso a debiti e usura in Italia e' da attribuire a questa 'dipendenza'. Il gioco, nella Penisola, coinvolge maggiormente le fasce piu' deboli. Secondo i dati Eurispes 2005 investe di piu' in questa direzione chi ha un reddito inferiore: giocano il 47% degli indigenti, il 56% degli appartenenti al ceto medio-basso, il 66% dei disoccupati. La stragrande maggioranza dei giocatori non ha nessun problema, ma le ricerche internazionali condotte per accertare il numero di giocatori patologici stimano dall'1 al 3% (a seconda che siano calcolati sull'arco della vita o sull'ultimo anno) la popolazione vittima del gioco patologico. In Italia cio' equivale a persone in 'eta' di gioco. 79

80 - Normativa in ambito di Gioco d azzardo in Italia In Italia il tema del gioco d azzardo ha da sempre ricevuto scarsa considerazione sia da parte delle istituzioni sia dal mondo dell informazione. Solo a partire dall ultimo periodo la comunità scientifica mostra di dedicare la dovuta attenzione a quello che è divenuto, in coincidenza con un processo di deregulation normativa avviato a partire dai primi anni del Duemila, un vero e proprio fenomeno di massa. Un evoluzione dalle rilevanti ripercussioni socio-economiche evidenzia gli ambigui paradigmi culturali che inquadrano la nozione e l attività del gioco d azzardo nel nostro Paese. Oggi il termine gioco d azzardo ma meglio sarebbe dire gioco d alea o di sorte sembra aver perduto la sua tradizionale connotazione oleografica per assumere una più suadente e pragmatica definizione di gioco pubblico o lecito, che in quanto tale, proprio perché autorizzato e gestito dallo Stato, è percepito e comunicato come gioco responsabile e gioco sicuro. Nel nostro ordinamento, l unico in Europa e nel mondo occidentale a non essere dotato di una legge organica sul gioco d azzardo, l intera materia è regolata attraverso leggi speciali, ad hoc, quasi sempre sprovviste di un esplicita deroga al codice penale. L unica deroga ha riguardato l istituzione dei casinò di Sanremo, Campione d Italia, Venezia e Saint Vincent. 80

81 Neppure un accenno all eccezionalità è stato invece riservato ai provvedimenti con cui sono stati autorizzati giochi fortemente lucrativi, e a esclusiva componente aleatoria quali lotto, superenalotto, gratta e vinci, slot, etc, audacemente incentivati dalla stessa Autorità. Si è già accennato nell introduzione alla disinvolta e contraddittoria produzione legislativa in materia di gioco di sorte, di cui lo Stato ha riserva esclusiva in un sistema caratterizzato dal modello concessorio. Modello che, a partire dal 1999, è stato aggiornato e ampliato, sia pure solo per alcune tipologie di giochi, ricorrendo forse più del necessario a fonti normative secondarie. L Ente regolatore del mercato è l Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato (Aams), destinata a diventare, sulla base di quanto disposto all art. 40 del Decreto legge n. 159 del 1 ottobre 2007, convertito con modificazioni dalla Legge 29 novembre 2007 n. 222 (collegato alla Finanziaria 2008) recante interventi urgenti in materia economico-finanziaria per lo sviluppo e l equità sociale, «un Agenzia fiscale alla quale sono trasferiti i relativi rapporti giuridici, poteri e competenze, che vengono esercitati secondo la disciplina dell`organizzazione interna dell`agenzia stessa». Questo processo di liberalizzazione ha avuto le sue radici nel Decreto legge 4 luglio 2006 n. 223 (il cosiddetto decreto Bersani- Visco), convertito con modificazioni dalla Legge 4 Agosto 2006 n. 248, con il quale lo Stato ha implementato il processo di riorganizzazione e razionalizzazione del comparto già avviato nella XIV legislatura. 81

82 Un iter non sempre trasparente, sanzionato in sede comunitaria con diverse procedure di infrazione sia per la vocazione protezionistica del dettato normativo, che contravveniva ai principi di libertà di stabilimento e di prestazione di servizi tra i Paesi membri, sia per le modalità dei criteri adottati (attribuzione ad personam e non attraverso bandi di gara pubblica) in alcuni casi specifici come quello ad esempio, per l aggiudicazione del diritto di concessione del superenalotto. Contrasti solo in seguito risolti dal legislatore italiano, costretto ad adeguarsi alla normativa sovranazionale. Il succitato decreto Bersani-Visco ha generato nuove figure di Concessionari, in aggiunta alle tre Sorelle del gaming italiano (Sisal, Snai e Lottomatica), portando a circa un migliaio i soggetti imprenditoriali privati autorizzati alla vendita dei giochi, molti dei quali consentiti anche in versione telematica. Il numero dei concessionari, tuttavia, si riduce a qualche decina di importanti gruppi imprenditoriali (alcuni dei quali quotati in borsa) se si considera la titolarità dei diritti assegnati. I giochi oggetto di concessione sono: scommesse ippiche e sportive, bingo, lotterie istantanee (gratta e vinci), slot-machines, lotto, superenalotto, totocalcio e altri concorsi a pronostico. Alcuni di essi sono gestiti in esclusiva da Sisal (superenalotto) e Lottomatica (lotto e gratta e vinci); Per ciò che riguarda il bingo, l atto istitutivo è da ricercare nel Decreto Ministeriale n. 29 del 31 gennaio 2000, che prevedeva l apertura di 800 sale. Quel provvedimento, rivelatosi un autentico flop a causa degli onerosi adempimenti che gravavano in capo ai gestori, è stato successivamente alleggerito dalle disposizioni del decreto Bersani, che ha autorizzato le sale bingo anche all offerta di slot e alla vendita di lotterie istantanee. 82

83 Infine, per i cosiddetti skill games, ossia i giochi di abilità (tra cui il poker) realizzabili esclusivamente sotto forma di torneo e solo attraverso i canali telematici (internet, telefono cellulare e Tv digitale), il riferimento è ancora una volta il sopraccitato Decreto legge 223/2006 convertito dalla Legge 248/2006, che definisce i giochi di abilità a distanza «quei giochi con vincita in denaro nei quali il risultato dipende, in misura prevalente rispetto all elemento aleatorio, dall abilità dei giocatori», e al Decreto del ministro dell Economia del 17 Settembre 2007 «recante il regolamento per la disciplina dei giochi di abilità a distanza con vincita in denaro». In particolare, il disposto del DL n. 223/2006 è stato integrato dalla Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007), il cui articolo 1, comma 93 così recita: «i giochi di carte di qualsiasi tipo, qualora siano organizzati sotto forma di torneo e nel caso in cui la posta di gioco sia costituita esclusivamente dalla sola quota di iscrizione, sono considerati giochi di abilità». La nuova disciplina, introdotta anche per rispondere alle direttive della Commissione europea, che sollecitava un adeguamento della normativa italiana ai principi comunitari di libertà di prestazione di servizi e di stabilimento, ha di fatto consentito l apertura di ulteriori punti vendita del prodotto gioco, che vanno a sommarsi alle rivendite tradizionali 83

84 La Mappatura del Gioco Pubblico. Questa la mappatura completa dei negozi del gioco pubblico sul Territorio al maggio 2008: punti vendita (sui 17mila previsti nel bando di gara Bersani), tra agenzie e corner, destinati alla raccolta delle scommesse ippiche e sportive, dove sono installate 31mila slot ; 337 sale bingo, che detengono un migliaio di slot; oltre esercizi pubblici, diversi dai punti vendita menzionati, collegati da più tecnologie (Gprs, Adi e Rtg) per la rilevazione dei dati sul funzionamento delle slot. Al maggio 2008 la rete distributiva delle slot abbraccia 59mila bar (169mila macchine); sale giochi (29mila, oltre a slot del tipo comma 7 senza vincita in denaro); ristoranti (5.600); 4mila circoli privati (12.200); 464 alberghi (1.000); 65 stabilimenti balneari (150); 515 banchi lotto. Come si evince dai dati illustrati, l offerta principale è costituita agli apparecchi automatici. Complessivamente le slot presenti sulla rete di Sogei (cioè censite dall organismo di controllo, ma non 84

85 necessariamente funzionanti) ammontano, al maggio 2008, a 286mila unità, il maggior numero in Europa, il quarto al mondo dopo Giappone, Usa e Russia. Superiore anche alla Spagna, dove gran parte delle macchine è però diffusa nei 35 casinò contro i nostri quattro. Se nel 2004 la presenza delle slot era del 16,54% rispetto al totale dei giochi legali, nel primo semestre del 2006 si arrivava a toccare quota 39,75% (dati Snai)». Alle slot autorizzate si deve sommare l`altra consistente fetta dell`intrattenimento automatico, ovvero gli apparecchi abusivi, dove il contrasto al gioco illegale è stato più complesso e dove, come testimoniano i continui fatti di cronaca, il sistema dell`autocertificazione si è di fatto rivelato l`anello debole dell`intero meccanismo delle autorizzazioni. Secondo cifre ufficiose il totale delle macchinette attive nel Paese sarebbero circa di 400mila unità, parte delle quali del tipo videopoker (proibito dal maggio 2004 ma presente massicciamente sul mercato clandestino), e parte, normalmente omologate, che sfuggono al controllo dello Stato, come ha recentemente ammesso un apposita Commissione istituita dall ex sottosegretario alle Finanze. Durante le indagini condotte dalla Guardia di Finanza sul caso Black Slot è emerso che sarebbero circa 40mila le macchinette scollegate, con un fatturato occulto di 43,5 miliardi contro i 15,4 miliardi di quelle regolari. 85

86 Il payout (la percentuale degli introiti restituiti ai clienti) di quest ultime può arrivare massimo al 75%; normalmente le macchine sono tarate per restituire circa il 60-65%%, contro il 92-97% degli apparecchi da casinò. La vistosa differenza è dovuta soprattutto agli aggi trattenuti dai vari operatori che compongono la filiera dell automatico da strada. Per avere un termine di paragone, le circa slot dislocate nei quattro casinò movimentano oltre 3 miliardi di euro, ma restituiscono al giocatore circa 2,7 miliardi: poco più di 300 milioni (circa il 60% degli incassi globali del comparto) restano alla casa. Continuando nell elencazione dell offerta, ai menzionati esercizi che intercettano solo il gioco fisico, sono da aggiungere ancora le sale da gioco virtuali abilitate all offerta, oltre che delle versioni telematiche di alcuni giochi autorizzati (scommesse, concorsi pronostici a totalizzatore, gratta e vinci e bingo), anche degli skill games, tra cui il poker. Per ciò che riguarda il gioco telematico, i dati attualmente a disposizione, ancorché complessi e di difficile reperimento, indicano comunque che la raccolta complessiva dei giochi via internet in Italia è passata dai 40 milioni di euro del 2003 ai milioni del 2007, ossia il 2,5% del movimento complessivo del comparto pubblico (42,2 miliardi) ed esattamente il doppio di quanto incassato da tutti e quattro i casinò della Penisola. Rispetto al 2006 la crescita è stata del 31%. 86

87 Il mercato. L analisi economica Oggi l'industria del gioco risulta essere un elemento economico di estrema importanza per il nostro Paese e per la nostra cultura. E' quanto ha dichiarato il prof. Gian Maria Fara, presidente dell'eurispes, alla Camera. Fara ha concluso il suo concetto aggiungendo: "Il rapporto oggi presentato è il risultato di un profondo processo di evoluzione che però presenta ancora elementi di criticità come il sommerso". Sono ben 35 milioni gli italiani coinvolti nell'industria del gioco, con una spesa complessiva, negli ultimi sei anni, di 194 miliardi di euro. Le cifre parlano da sole, oggi il mercato dei giochi grazie alla spinta dell'online ha raggiunto proporzioni tali da essere considerata una vera e propria industria in piena espansione che giorno dopo giorno conquista sempre più seguaci. Fara ha affermato, come si legge su Jamma, che l'indagine oggi presentata è la naturale continuazione del rapporto pubblicato nel 2000 sul quale si è basato il lavoro della politica e del legislatore. Nessuno aveva mai dedicato a questo settore una così attenta considerazione. Il 2009 è stato l'anno della consacrazione per questo nuovo mercato dei giochi ed il fenomeno continuerà a crescere anche nel 2010 fino a toccare i 58 miliardi di euro raccolti. La raccolta complessiva dei giochi in Italia nei primi nove mesi del 2009 ha superato i 39 miliardi di euro (+14,4% rispetto ai primi nove mesi del 2008), con un valore medio di raccolta mensile di 4,3 miliardi di euro e punte massime di 4,5 miliardi di euro registrati nei mesi di gennaio e marzo. 87

88 Questi dati confermano e rafforzano ulteriormente il trend in crescita registrato nel corso degli ultimi sei anni. Tale crescita non ha però interessato in maniera omogenea tutte le diverse tipologie di giochi, essendo viceversa il risultato del bilanciamento tra due diverse dinamiche: da una parte la minore raccolta dei giochi a base ippica (da da 1,79 a 1,5 miliardi di euro, -16%), del bingo (da 1,2 a 1 miliardo di euro, -13,9%) e del lotto (da 4,4 a 4,2 miliardi di euro, -4,5%), per i quali si conferma il ridimensionamento dei volumi di raccolta registrato negli ultimi anni, dall altra maggiore raccolta del Superenalotto (da 1,4 a 2,5 miliardi di euro, +77,1%), degli apparecchi da intrattenimento (da 15,8 a 17,9 miliardi di euro, +13,4%), dei giochi a base sportiva ( da 2,7 a 3 miliardi di euro, +9%), delle lotterie (da 6,8 a 7 miliardi di euro, +3,8%) e il successo dei giochi di abilità a distanza e poker online, la cui raccolta ha già superato i 1,7 miliardi di euro, surclassando sia i giochi a base ippica, sia il bingo. L ulteriore crescita della raccolta dei giochi pubblici e scommesse sportive on-line, l introduzione delle Videolotterie, la riorganizzazione e l offerta di nuovi prodotti di gioco all interno dei settori che negli ultimi anni hanno registrato un ridimensionamento della raccolta (ippica, bingo), rappresentano le leve strategiche di sviluppo del settore dei giochi nell immediato futuro. Qualora tali cambiamenti dovessero generare i risultati attesi, il trend di crescita del settore dei giochi pubblici e scommesse registrato negli ultimi anni potrebbe proseguire, secondo l Eurispes, anche nel 2010, con una raccolta stimata di 58 miliardi di euro (di cui il 49% nel primo semestre). 88

89 In base alle più recenti stime sull andamento dell economia italiana, che indicano per il 2010 un Prodotto interno lordo nominale di miliardi di euro, la raccolta complessiva dei giochi stimata per l anno 2010 risulterebbe quindi essere pari al 3,7% del Pil. Negli ultimi cinque anni in Italia si è registrato un incremento senza precedenti del gioco lecito, al punto che il settore si colloca al quinto posto nella scala economica del Paese, addirittura al secondo posto se si analizzano i dati disaggregati delle singole imprese (non conteggiando, cioè, quelli relativi ai gruppi aziendali). Gran parte del merito di questa straordinaria performance va attribuito alla raccolta degli apparecchi da intrattenimento (le slot), che guidano la classifica con il 44,3% del totale. Al secondo posto si piazza il gratta e vinci, con una quota di mercato del 19,2% e un incremento percentuale del 100,4%. La lotteria istantanea, rivitalizzata dalla versione telematica e soprattutto dall emissione di ben cinque nuovi tagliandi di gioco tra cui il megamiliardario da 10 euro, ha fatto affluire nelle casse pubbliche una contribuzione di oltre 1,5 miliardi di euro. 89

90 A livello mondiale l Italia guida la classifica della spesa procapite per il gioco legale. Se nel 2001 ogni Italiano adulto ha investito in gioco 271 euro (contro i 128 dei cittadini Usa, i 230 degli Spagnoli e i 151 degli Inglesi), nel 2006 i nostri connazionali hanno destinato a questa categoria di consumo una cifra vicina ai 620 euro a testa (elaborazioni Agipronews). La spesa calcolata secondo lo studio, per l'anno 2010 pro-capite sarà di euro (nel 2009 la spesa pro-capite per maggiorenni è stata pari a euro). Ciò, se da un lato attutisce il valore assoluto della quota che ogni cittadino adulto ha riservato al gioco, portando il dato di cui sopra a un più contenuto 433 euro, tuttavia conferma il primato su scala mondiale della spesa pro-capite. Il trend è in costante aumento da oltre dieci anni con tassi di crescita che corrispondono simmetricamente all incremento dell offerta pubblica. Lo Stato ha sempre motivato la sua politica di ampliamento con «esigenze di allargamento e razionalizzazione delle reti di raccolta, maggior concorrenza, contrasto all`evasione e all`elusione tramite il miglioramento della normativa e contrasto al gioco illegale» 90

91 Costi sociali, economici e relazionali Non esistono a livello nazionale statistiche ufficiali sui costi prodotti dal Sistema Azzardo, né dati certi sull entità delle patologie e sul numero dei soggetti coinvolti, sebbene nel nostro Paese il tema stia guadagnando sempre più l interesse della comunità scientifica e accademica proprio a causa delle dimensioni che il fenomeno ha assunto nell ultimo periodo. Vi sono tuttavia vari indicatori, provenienti dall osservazione e dallo studio delle dinamiche socio-economiche, che consentono con sufficiente attendibilità, un analisi comparativa dei vari aspetti che incrociano la problematica. Recenti ricerche effettuate da Eurisko ed Eurispes sul fenomeno hanno evidenziato che gli scommettitori sono oltre 30 milioni, l`80% della popolazione adulta (dati Eurisko). Di questi, 9,1 milioni giocano almeno una volta la settimana; 13,5 milioni giocano al lotto almeno una volta l anno; 13,2 milioni al superenalotto; 12,1 milioni acquistano tagliandi di gratta e vinci; 6,7 i biglietti delle varie lotterie nazionali. Il profilo del giocatore medio indica una leggera prevalenza del sesso maschile (52% dei giocatori), un livello di istruzione medio basso (il 28% ha la licenza media superiore, il 41% la licenza media inferiore) e una collocazione geografica superiore nelle aree del centro sud (sud e isole 38%; centro 20%). Per quanto riguarda l attività lavorativa, la trasversalità si fa più forte: operai 19%, impiegati 16%, professionisti 21% (dati Eurispes). 91

92 Maurizio Fiasco, sociologo e consulente della Consulta nazionale antiusura, pone l accento su alcune contraddizioni del fenomeno. «L Italia afferma da un lato conserva una tradizionale propensione a risparmiare sui consumi; dall altro costituisce il secondo mercato mondiale, subito dopo quello americano, del gioco d azzardo legale in termini assoluti. Da ciò ne consegue un dualismo sociale assai curioso: a) per la propensione ai giochi, siamo molto vicini alle società del Terzo Mondo; b) per i patrimoni familiari superiamo abbondantemente paesi come la Francia, la Gran Bretagna e la stessa Spagna che, tra i paesi latini, ha anticipato un modello capillare di diffusione di sale da gioco e da scommesse». «Una parte della popolazione continua Fiasco coglie le opportunità di un benessere diffuso nei distretti industriali della piccola-media impresa e nelle province delle attività sommerse o dei servizi destinati alla vendita. Un altra parte, anch essa molto estesa, impegna invece reddito familiare (che spesso è reddito di sussistenza) in lotterie, scommesse, lotto e superenalotto, dissipando, secondo stime ufficiose, il 10-13% dei salari e degli stipendi anche nelle mega-sale del Bingo, non a caso istallate nei quartieri più densamente abitati o frequentati per acquisti». «L inflazione del gioco d azzardo in Italia è l effetto di politiche pubbliche combinate con la sopravvivenza di gravi disuguaglianze di condizione sociale e di opportunità. In altri termini, l azzardo di massa non sarebbe esploso se le province che crescono a ritmi asiatici non coesistessero con altre dove perdura la recessione e se nel territorio nazionale non si riproducessero quei dualismi che portano ad escludere dal benessere più di una famiglia su otto. Gli effetti del gioco di massa sono ancora quelli, tradizionali, di una tassa sulla povertà». 92

93 «Secondo un indagine Doxa del 1998 anno in cui fu introdotta la seconda estrazione del Lotto, quella del mercoledì, insieme con le due estrazioni iperboliche del Superenalotto impegnavano reddito di sussistenza il 56% degli strati sociali medio-bassi, il 47% dei più poveri, il 66% dei disoccupati. Insomma, il gioco di massa appare socialmente iniquo per un fenomeno circolare che genera dipendenza in una condizione di depressione sociale, schiaccia interi strati di popolazione nella costante autosvalutazione delle opportunità che potrebbero offrirsi nella vita quotidiana». Sotto il profilo macroeconomico, Fiasco sostiene che «il gioco di massa rappresenta un clamoroso autogol economico, perché da un lato sottrae risorse al mondo produttivo e dall altro fornisce un gettito minimo rispetto a quello assicurato da altre tipologie di attività. 93

94 Lo scenario futuro in Italia e nel mondo Come si evince dai dati illustrati la voce principale, in termini di raccolta di gettito erariale, è costituita dagli apparecchi automatici. La prossima evoluzione dello specifico comparto riguarda le cosiddette VLT (video-lottery), in pratica macchine con software gestito da remoto, contrariamente a quanto avviene nelle slot oggi in circolazione, la cui programmazione è effettuata attraverso una scheda-madre inserita nel corpo della macchina. Mediante tale tecnologia sarà possibile, ad esempio, collegare in rete tutte le macchinette al fine di poter offrire al consumatore una vincita superiore a quella attualmente consentita, attraverso la formula del jackpot. La stessa metodologia è prevista per il bingo, che sarà di tipo interconnesso, cioè con collegamenti multisala, e telematico. E pleonastico affermare che, a seguito di tali accorgimenti, si prospetta un ulteriore notevole impennata della raccolta. Per il gioco telematico si prevede che la raccolta possa triplicare entro il 2012, raggiungendo il tetto dei tre miliardi, corrispondenti a circa il 5% del totale di mercato. Anche a livello mondiale, il gambling via web cresce molto più velocemente del gioco fisico. Circa il 25% del movimento telematico proviene dai Paesi europei; le previsioni parlano di un market share tra il 40 e il 45% nel Tra le tipologie di giochi più diffusi sul web figurano le scommesse (l anno scorso una scommessa su tre ha viaggiato sulla rete), le lotterie istantanee e i giochi di abilità. 94

95 In particolare il poker, grazie alla versione americana del texas hold`em, risulta essere il game a più alto tasso di crescita. Nei prossimi due anni si prevede un business da circa 40 miliardi. In Italia è stato recentemente varato il decreto direttoriale dei Monopoli con il quale vengono introdotti i giochi di abilità a distanza. Secondo le previsioni del ministero dell`economia, la fase di start-up di questi giochi dovrebbe far registrare un fatturato complessivo di 400milioni di euro, con un utenza stimata in 200mila nuovi giocatori e una spesa pro-capite di 2mila euro l`anno. Diverse le stime dei player internazionali, che quantificano in poco meno di un miliardo di euro la raccolta dal mercato italiano già dal primo anno. Con 61 miliardi di euro incassati nel 2010 (+12% rispetto al 2009), il settore del gambling in Italia ha fatto registrare una crescita impressionante, che sarà ancora più grande in questo 2011, durante il quale gli analisti parlano di una previsione di 80 miliardi di euro di introiti. Tra le novità, che renderanno possibile questa nuova crescita, c'è quella del cash game poker, il cui decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 3 febbraio 2011 porterà significativi sviluppi. Il decreto, che riporta la "disciplina dei giochi di abilità nonché dei giochi di sorte a quota fissa e dei giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo con partecipazione a distanza", regola l'esercizio della tipologia dei giochi di abilità a distanza con vincita in denaro e, insieme a questi, l'esercizio dei "giochi di sorte a quota fissa a distanza con vincita in denaro, con esclusione del gioco del lotto e dei suoi giochi complementari" e i "giochi di carte a distanza con vincita in denaro, organizzati in forma diversa dal torneo". Si apre quindi la nuova era del gioco online. Il provvedimento rappresenta solo il primo di una serie di atti che porteranno un vero e proprio cambiamento sul panorama nazionale del gioco pubblico. 95

96 Per la gioia di giocatori e addetti ai lavori la pubblicazione dell atteso provvedimento relativo alla Legge Comunitaria comporterà ulteriori disposizioni per il mercato del gioco online. Un altro passo verso una nuova era del mercato di nostro interesse. Dopo l`ultimo orientamento della Corte di giustizia europea con l`ormai famosa sentenza Placanica, e a seguito del bando Bersani, che hanno permesso agli operatori internazionali di giochi online e fisici di entrare nel mercato italiano, tutta l attenzione si rivolge al nostro Paese e al suo ruolo nella liberalizzazione del comparto. Uno studio della GBGC (Global Gaming and Betting Consultants), pubblicato all interno della ricerca condotta dall Istituto Svizzero di Diritto Comparato per conto della Commissione Europea sul mercato dei giochi nei Paesi membri, fornisce uno scenario di assoluta rilevanza in materia di gioco telematico. Nel 2012 la raccolta via internet toccherà i 10,3 miliardi di euro (+52,5%). Secondo i dati, internet rimarrà in termini assoluti lo strumento maggiormente utilizzato per il remote gaming, ma anche gli altri canali sono destinati a un futuro più che roseo. Il gioco tramite telefonia mobile e tv interattiva potrebbe raggiungere, sempre nel 2012, un volume complessivo annuo superiore a 5,8 miliardi di euro nei paesi membri dell Ue. In particolare il gaming tramite cellulare potrebbe conoscere la crescita maggiore in termini percentuali (da 0,78 a 3,51 miliardi nel periodo 2003/2012: +350%), tallonato dalla tv interattiva (da 0,32 a 1,37 miliardi di euro, +315,6%). 96

97 Le previsioni, ovviamente, presentano un margine d incertezza dovuto sia allo sviluppo delle singole tecnologie sia alle scelte che gli operatori vorranno fare in termini di offerta al pubblico. Il gioco a distanza relativo alla telefonia mobile (il cosiddetto mgaming ) ha delle potenzialità legate all offerta di giochi tradizionali (lotterie, giochi da sala e scommesse) e di giochi specificamente pensati per questo tipo di supporto, grazie anche alle applicazioni Java: software semplici, leggeri ed accattivanti che stanno già conoscendo un incredibile successo soprattutto nei paesi comunitari dell est. La Tv interattiva (itv) si pone come il mezzo per eccellenza con cui offrire giochi legati agli avvenimenti sportivi: l interfaccia medium scommettitore permette infatti di puntare in diretta, mentre si segue l evento nel relax di casa propria, con l ausilio di un semplice telecomando. Significativo in tal senso il dato di crescita dei ricavi della itv in Europa, passati dagli 1,6 miliardi di euro nel 2002 ai 6,6 miliardi del 2004, secondo una ricerca effettuata dall istituto specializzato Forrester. Internet dovrebbe restare, nelle previsioni degli esperti, il mezzo principale con cui in Europa si continuerà a scommettere a distanza; lo sviluppo sarà dato principalmente dalla crescita dell accesso alla rete nei diversi stati membri. L Italia è uno dei paesi in cui maggiori potrebbero essere i margini di sviluppo: nel nostro paese, infatti, il web raggiunge poco più del 30% delle case contro il 70% di Danimarca, Svezia e Islanda e una percentuale tra il 50% e il 60% in Norvegia, Olanda, Germania e Regno Unito (statistiche Eurostat). Dati che spiccano nel significato del mercato sono l abbassamento dell età anagrafica del target dei consumatori: la ricerca di Human Highway ha evidenziato come l età media del 97

98 web gambler, per l 80% acquirente di prodotti quali scommesse sportive e lotterie istantanee, si situi tra i 24 e i 44 anni (con punte crescenti di consumatori minorenni), contro le precedenti rilevazioni sul gioco fisico di solo tre anni fa, dove la media anagrafica era di una quindicina d anni superiore. Inoltre è da osservare la propensione sempre maggiore all uso del computer sul luogo di lavoro: ciò lascia prevedere che i benefici di un simile modello di mercato ricadranno esclusivamente nelle casse dello Stato, degli operatori telefonici e di quelli del gaming on line. Parallelamente si dovrà registrare un calo nella produttività del lavoro d ufficio. Di seguito le tabelle che illustrano quello che abbiamo detto fin ora sull industria del gioco in Italia degli ultimi anni. 98

99 I dati del settore ippico riportano una notevole crescita tra il 2008 e 2009 e una situazione stabile nel raffronto

100 Le statistiche relative al numero di conti di gioco che hanno effettuato almeno una giocata per ciascun mese negli ultimi due anni. 100

101 Nel 2010 sono stati movimentati quasi 4,4 milioni di conti di gioco (rispetto ai 2,9 nel 2009, +51,4%). Tale valore non corrisponde al numero di giocatori unici, in quanto lo stesso giocatore può aprire conti di gioco presso più concessionari. 101

102 Di seguito è riportata la graduatoria dei giochi a distanza in base alla raccolta nell intero 2010, corredata della percentuale rispetto al totale e della percentuale cumulata dei primi n giochi. 102

103 L andamento mensile a partire dal A dicembre, la raccolta media giornaliera ha sfiorato gli 8,6 milioni di euro. 103

104 104

105 CAPITOLO III IL GIOCO ONLINE L industria del settore online Il gioco d'azzardo esiste letteralmente da migliaia di anni e probabilmente esisterà sempre. È insito nella natura umana giocare, rischiare e sperare di vincere grandi somme. Questo ha assunto numerose forme nel corso della storia, dalle scommesse su chi avrebbe vinto una guerra o una battaglia a quelle su chi avrebbe catturato per primo una preda. Successivamente si diffuse il gioco dei dadi e altre forme di gioco relativamente primitive che hanno consentito all'uomo di dare sfogo alla propria propensione al rischio, seguite dal gioco delle carte, dalla roulette, dalle scommesse sportive e tutte quelle altre varianti oggi disponibili. Tutti questi giochi hanno una caratteristica in comune: venivano praticati in un luogo specifico, da un gruppo di persone che si potevano vedere, ascoltare ed avere l avversario di fronte per percepirne alcuni segnali. I casinò infatti erano e, spesso sono, un luogo di lusso in cui si respira un'atmosfera affascinante ed esclusiva. Tutto è cambiato con l'avvento della tecnologia e di una piccola innovazione chiamata Internet che ha modificato la nostra vita in numerosi modi e in quasi tutti i suoi aspetti. Il gioco, ovviamente, non fa eccezione. Il gioco d'azzardo in rete ha preso rapidamente campo e oggi è una delle industrie più floride 105

106 del mondo, con miliardi di fatturato annuo con cifre sono in continua crescita. Se da una parte il settore del gioco d'azzardo online ha recentemente attraversato una crisi in seguito alla legge che vieta il gioco d'azzardo negli Stati Uniti, dall'altra la storia ci insegna che sopravvive sempre e non è mai possibile contenerlo a lungo. Agli inizi vi erano Antigua e Barbuda. Era il 1994 e questa piccola isola era il catalizzatore dell'industria del gioco online. Quello stesso anno Antigua approvò la legge che la rese una giurisdizione legale, consentendole di vendere licenze per il gioco d'azzardo. Non solo è stata la patria del gioco online, ma persino oggi, la maggior parte delle società di settore risiedono nel paese per poter utilizzare la loro licenza. Alla luce delle nuove opportunità, e persino prima dell'apertura del primo casinò virtuale, venne prodotto un software per giochi aleatori. Microgaming, una società di software con sede nell'isola di Man, sviluppò la prima piattaforma per casinò online interamente operativa, che aprì la strada ai numerosi siti di gioco online che seguirono. CryptoLogic, una società di software di sicurezza online, sviluppò il sistema necessario per rendere le transazioni via Internet sicure ed efficienti. Nasce così InterCasino, il primo casinò online lanciato nel Tuttavia il lancio del gioco d'azzardo online non fu semplice. Gli ostacoli incontrati lungo il percorso del suo sviluppo sono stati innumerevoli, per la maggior parte correlati alla legalità dell'industria in generale. Molti erano contrari all'idea stessa del gioco d'azzardo online. 106

107 Il più fervido oppositore fu il Senatore Jon Kyl dell'arizona, che tentò più volte di impedire ai cittadini americani il gioco online promuovendo campagne mirate. A metà degli anni Novanta quindi il World Wide Web rivoluziona il mondo del gioco d'azzardo. L'evoluzione della tecnologia consente di giocare ovunque e in qualsiasi momento. Il primo casinò online offriva 18 giochi diversi e accesso online alla Lotteria Nazionale Indiana. I redditi delle industrie di gioco d'azzardo nel 1997 si attestarono a 1 miliardo di dollari, con 600 milioni di dollari solo per gli Stati Uniti. I redditi triplicarono nel 2001 con oltre 3 miliardi di dollari a livello mondiale per triplicare nuovamente entro il 2004 raggiungendo quota 8,2 miliardi fino a superare i 15 miliardi di dollari di reddito nel E difficile credere che un industria iniziata alla fine degli anni 90 con la legalizzazione del gioco d azzardo online in un piccolo paese caraibico sia arrivata a questi livelli. Il gioco d azzardo online stava andando alla grande finché l amministrazione U.S.A. di Bush non decise di distruggere il settore proibendo ogni attività nel Paese con grande delusione di molte compagnie quotate in varie borse straniere. Superati quei giorni, il settore online si è fortemente impegnato a recuperare il tempo perso ed i ricavi sfumati. Global Betting e Gaming Consultants hanno mostrato al pubblico le loro statistiche sottolineando che il mercato del gioco d azzardo online è cresciuto del 12% solamente nello scorso anno: questo dato fa del gioco online il business che cresce più rapidamente di tutti nel mondo. Nel 2010 il mercato italiano ha registrato un aumento del 28%, grazie soprattutto all introduzione dei giochi di abilità in aggiunta ai Casinò games e al Poker online legale. 107

108 Secondo i dati resi noti dall Amministrazione Autonoma Monopoli di Stato (AAMS), il mercato dei giochi online italiano sta riscontrando tassi di crescita costanti, sia per quanto riguarda i giocatori, che per il volume d affari e la raccolta totale. Tra i vari giochi, il Poker online legale è quello che ha contribuito di più a consolidare il trend positivo del mercato, rappresentando da solo il 65% del fatturato totale del settore italiano del Per fare alcune cifre, basti pensare che il fatturato dei soli giochi di abilità nel 2010 è aumentato del 34% rispetto all anno precedente, toccando i 3,1 miliardi di euro di raccolta totale, contro i 2,35 miliardi del Sostanziale anche la crescita del mercato delle scommesse sportive online, che ha registrato un +11% rispetto all anno precedente. Infine, i ricavi del Bingo online, regolamentato dall AAMS nel dicembre del 2009, nel primo anno di attività hanno toccato quota 146,1 milioni di euro, che secondo gli analisti del settore sarebbero destinati ad aumentare. I dati AAMS evidenziano come il boom registrato da giochi di abilità, scommesse sportive e bingo online nel 2010 sia la dimostrazione della grande popolarità di questi 3 prodotti, che da soli rappresentano il 96% del fatturato del gioco online del 2010 e conquistano sempre più scommettitori attratti dalla possibilità di giocare via web. 108

109 La larga diffusione di internet ha creato la tempesta perfetta per il gioco d azzardo sul web e continua ad essere il mezzo preferito per differenti forme di intrattenimento. L accesso sempre più diffuso alle connessioni a banda larga hanno dato agli sviluppatori software una base per puntare all eccellenza. I giochi sono sempre più interessanti, le connessioni più sicure, gli scommettitori accedono istantaneamente alle informazioni e alle reti più frequentemente ed in maniera più intelligente. I governi stanno recependo il potenziale di questa industria in termini di entrate fiscali e di posti di lavoro connessi alle infrastrutture di questo settore. L analista di Gaming Steve Schwartz ha commentato: Un gran numero di Paesi hanno legalizzato una qualche forma di gioco d azzardo online e questo numero continuerà ad aumentare nei prossimi dieci anni. I risultati delle ricerche di Global Betting indicano che il mercato settore online del gioco è di circa 29,3 miliardi di dollari. Andando nel dettaglio delle statistiche, il 41% dei quasi 30 miliardi di dollari viene dalle scommesse sportive. I casinò online e le sale virtuali di poker fatturano il 46% ed il bingo online ha incassato nel 2010 la rispettabile cifra di 1,3 miliardi di dollari. La ricerca di Global Betting prevede che le scommesse online nel 2014 supereranno i 40 miliardi di dollari. Si pensa che i progressi legislativi in materia di apertura dei mercati nazionali dei giochi alla concorrenza di Paesi come Belgio, Danimarca, Grecia e Spagna avranno un'influenza positiva sullo sviluppo di questo settore. A stimolare ulteriormente la crescita sono anche gli sviluppi tecnologici, che hanno consentito di sbarcare sui dispositivi mobili. 109

110 H2 Gambling Capital ha annunciato che comunicherà i risultati finali dello studio nel corso del 2011, contemporaneamente con le previsioni per il periodo compreso tra il 2011 e il Con l introduzione del cash game il mercato del poker online nel 2011 cambierà radicalmente e arriverà a toccare i 6 miliardi di euro l anno contro gli attuali 3 miliardi giocati nel Infatti fino ad oggi, nella modalità a torneo si gioca a poker online versando solo una quota di iscrizione e poi si scommettono fiches virtuali. Nella modalità cash game, invece, l intera partita di poker online sarà giocata con denaro vero che il giocatore scommetterà in ogni fase di gioco e quindi i rischi di perdite come anche gli importi delle vincite aumenteranno in modo esponenziale. Il maggior numero di giocate nella modalità cash game provocherà di conseguenza una diminuzione del volume di gioco nei tornei di poker online. Ma anche il buy in dei tornei di poker online dal 2011 sarà innalzato dagli attuali 100 euro a 250 euro massimi. Quindi oltre ai giochi di casino online anche per il settore del poker online si attende un vero e proprio boom nell anno Per quanto riguarda l introduzione delle slot machines online invece si dovrà attendere la primavera prossima per sapere la data precisa dell introduzione nei casino online. Intanto si potrà giocare a roulette, blackjack, baccarat e a tutti i giochi da tavolo anche se le slot machines rappresentano tra il 50 ed il 60% degli introiti dei casino online. 110

111 La decisione di non introdurre subito le slot machines nei casinò online è dovuta all inevitabile spietata concorrenza che ci sarebbe con le videolottery legali lanciate proprio nel Le slot machines online avranno da parte loro il grande vantaggio di poter offrire il 90% di percentuale di pay out contro il solo 80% delle VLT. Le videolottery dal canto loro che sono state introdotte nell estate 2010 stanno riscuotendo abbastanza successo e hanno già pagato ricchi jackpot, ma sarà l anno 2011, secondo gli operatori del settore, quello che dimostrerà davvero quanto possono valere. 111

112 Il Mobile Sembra chiaro che siamo arrivati ad un punto di non ritorno, in cui viviamo in un mondo guidato da strumenti elettronici, che in ogni momento della giornata danno risposte sempre più efficienti alle nostre esigenze. L industria della telefonia ha ricevuto un forte impulso verso l innovazione e una costante crescita dall arrivo sul mercato dell iphone. I giochi sulle piattaforme mobile hanno sempre attratto l attenzione dei consumatori, ma nonostante cio le caratteristiche audio visive di certe applicazioni hanno frenato questo mercato. Tutti quei giochi, inclusi quelli dei casinó, si sono evoluti con l arrivo delle console portatili di nuova generazione, dall iphone al Blackberry, passando per vari tipi di smartphones e PDA. Di colpo divenne possibile giocare su apparecchi mobile grazie ad applicazioni da scaricare, tramite accesso istantaneo o grazie a programmi terzi. Con apparecchiature sempre più minuscole e tecnologicamente avanzate, il mondo delle applicazioni si indirizza sempre più verso il concetto di mobilità che é resa possibile da una buona connessione internet. Avrete sicuramente notato come si sia sviluppata una sorta di guerra dei negozi online di applicazioni. 112

113 All inizio del 2010 varie aziende leader nel settore tecnologico hanno presentato i loro ultimi prodotti, tra i quali gli ultimi prototipi che ci si aspetta rivoluzioneranno il mercato delle applicazioni per il settore del gioco d azzardo. Prendiamo ad esempio Samsung (uno dei più quotati). Samsung ha annunciato la creazione del proprio negozio di applicazioni online che si occuperà di televisione ad alta definizione HD e lettori Bluray. Presto saremo in grado di utilizzare le nostre televisioni a schermo piatto non solo per navigare su internet, cosa che succede già, ma anche come piattaforma di gioco. Lo standard mobile DTV é già stato approvato negli Stati Uniti lo scorso Ottobre. Adesso é possibile giocare a poker sull iphone, ma immaginiamo la differenza che ci sarebbe a giocare su un grande schermo. Per non menzionare il confort di giocare alla video roulette o al video poker direttamente dal vostro divano di casa. A tale proposito Betfair e Yahoo! hanno unito le proprie forze per sviluppare una piattaforma TV che usi applicazioni pensate specificamente per i fan delle scommesse sportive. L azienda GTECH G2 introdurrà presto un gioco di scommesse virtuali sulle corse di cavalli altamente innovativo. Intel continua a lavorare alla creazione di una serie di applicazioni per i computer portatili che permetta di combinare gioco d azzardo con le varie piattaforme di social networks e negozi online. Ovviamente esistono anche apparecchi come l Apple tablet o slate. Il tablet, un interfaccia basata su operazioni touch screen, si dice sará ancora più popolare dell iphone per l industria del gioco d azzardo mobile. Ancora prima del suo debutto il New York Times lo ha già nominato l apparecchio che cambia il gioco. Critiche recenti dal mondo dell high-tech dicono che questo apparecchio sia più mirato agli uomini d affari ed ai professionisti che ad altri. E siamo certi che le piattaforme touch- 113

114 screen possano aggiungere un certo realismo all esperienza del gioco. Un altro fattore che contribuisce al successo del mobile é l offerta di connessioni mobili, che ha anche implicazioni su sicurezza e velocità di accesso. É possibile giocare sui nostri cellulari grazie al bluetooth e ai raggi infrarossi, e ad una velocità considerevole grazie agli apparecchi di terza generazione 3G. E poi c é il Wi-Fi, fulcro delle ultime tendenze innovative. Innanzitutto questo tipo di connessione sta diventando sempre piu sicura e diffusa. Contribuirà di certo al successo di molti giochi da casinó in versione mobile. Ci si aspetta molto anche dall uscita sul mercato di Bluetooth 3.0, apparecchi che saranno presentati alla fine dell anno e che dovrebbero cooperare con reti wireless. Altra tecnologia di rivoluzione del mondo delle connessioni è sicuramente la possibilità che hanno gli smartphones della Palm, delle linee Pre e Pixi, che sono capaci di creare una connessione personale 3G Wi-Fi could per utenti/giocatori. Inoltre è stato presentano il Flash Player 10 con la possibilità di connettersi ad altri apparecchi mobili ed a computer portatili. I giocatori di oggi vogliono giocare on demand, vogliono poter scaricare i giochi ed averne accesso istantaneamente su piattaforme mobili. Quindi per i fornitori di giochi da casino é necessario raggiungere un ricco portafoglio di versioni di giochi popolari, come il blackjack, poker, e slot machines, da dirottare direttamente ai clienti. I giochi basati sulla suspance, rischio ed intrattenimento associate al gioco d azzardo, non devono solo presentare una grafiche accattivante, ma devono anche essere intuitive e premettere al giocatore di operare variazioni e personalizzazioni. 114

115 Con l appoggio delle funzionalità dei nuovi apparecchi mobile, le applicazioni da gioco innovative offriranno la possibilità di caricare personalmente dati, arricchendo così il gioco con immagini webcam scelte dal giocatore. I giochi forniscono statistiche ed analisi sicuramente utili ai player che tengono alla strategia e vogliono migliorarla come per gli appassionati delle scommesse sportive. I pagamenti sono un altro fattore cruciale per gli utenti di apparecchi mobili, che vogliono poter gestire online i propri conti. Dal punto di vista pratico sembrerebbe che la modalità di gioco gratuità abbia bisogno di ulteriori miglioramenti secondo molti utenti, e che l utilizzo di base dati e di connessioni wireless permetta di dare una risposta a queste richieste in modo da ricreare un esperienza che sia il più vicino possibile alla realtà Infine é importante che i giocatori abbiano sempre qualcosa da scoprire, da esplorare. L introduzione dei sistemi informatici e lo sviluppo degli open systems dovrebbero presto dotare i giocatori di strumenti che permetteranno loro di modificare i giochi in tempo reale, facendone dei veri e propri moderatori. Il famigerato tablet della Apple è dotato tanto di Webcam quanto di 3G, il che lo rende un apparecchio davvero appetibile soprattutto se consideriamo il ruolo importante che giocano i social networks. Che si tratti di hardware o di software, di connessioni o di capacità proprie, i giochi per la telefonia portatile entrano in una nuova era d innovazione che potrebbe creare nuove opportunità per sottosettori dell industria, ma anche per i produttori di telefonia. In parole povere, il nuovo decennio porterà una ventata di aria fresca per la mobilità. Tutto dipende dalle applicazioni e ovviamente dalla propensione dei giocatori. 115

116 Il leader mondiale dello sviluppo di software del gioco d`azzardo, Microgaming, ha sviluppato un interessante applicazione di Poker online che sarà premiata all`ice Totally Gaming conference al Earl`s Court. Questa applicazione di poker altamente interattiva, sarà pronta per il gioco real money per gli operatori supportati da Microgaming e partirà dal primo quadrimestre del Questa nuova applicazione è compatibile con più sistemi operativi adesso disponibili per il mercato degli smartphone. Tra i sistemi operativi supportati non poteva mancare Android v2.2 fornito con il famoso Smartphone HTC Desire e tutti i nuovi tablet Samsung Galaxy e ovviamente ios 4.2 di Apple. Tutti questi dispositivi permettono un esperienza di gioco fantastica e realistica per i giocatori di poker. Queste ricche caratteristiche sono permesse da animazioni molto ben curate, con una eccellente selezione audio, il tutto unito a una grafica per giochi di poker online più alla moda. Microgaming punta a trarre il massimo potenziale da questo nuovo mercato emergente del poker mobile. La tecnologia adesso è realmente disponibile per dare le migliori esperienze possibili. Con le nuove applicazioni mobile, i giocatori di poker saranno capaci di assicurarsi e gustarsi una realistica Las Vegas con animazioni 3D e tutti i migliori giochi di poker in modalità flash ovunque essi vogliano. Mentre il fondatore di Apple, Steve Jobs, ed il CEO di Google hanno bandito le applicazioni del gioco d azzardo rispettivamente nell Apple Store e nell Android Market, gli sviluppatori di software continuano a creare applicazioni per il poker su mobile. Adesso due marchi in più stanno pubblicizzando nuove applicazioni mobile di poker, che consentono ai giocatori di scommettere soldi veri. 116

117 L austriaca Bwin, che potrebbe fondersi con Party Gaming, ha lanciato quella che stanno salutando come la prima applicazione di gioco d azzardo, pensata per iphone, che permette ai giocatori di scommettere con soldi reali. Anche se questa applicazione può attualmente essere solo acquistata nell Apple Store da utenti austriaci o inglesi, Bwin sta pianificando in un futuro prossimo di lanciare l applicazione nel resto di Europa. La Microgaming software ha dichiarato che la sua applicazione di poker con soldi reali sviluppata per Android permetterà di accedere a tutte le stanze di poker virtuale della rete di Microgaming. Lydia Melton, responsabile poker della Microgaming, ha dichiarato: Fino ad oggi, gli esperti di questa industria hanno solo immaginato la possibilità di giocare a poker su dispositivi mobili. La tecnologia è pronta, il software è pronto e noi crediamo che lo siano anche i giocatori. Il futuro è qui. C è molta eccitazione intorno a questa release. Anche se il mobile gaming ha dimostrato di essere un industria in costante crescita negli ultimi anni, i progressi nell utilizzare denaro reale nelle puntate sugli smartphone, specialmente per il poker, sono stati limitati dalle obiezioni legali e morali in alcune regioni e dalla confusione in altre. Inoltre il poker su mobile ha delle implicazioni tecnologiche più complesse, perchè viene trasferita una maggior quantità di dati e proteggere le applicazioni prevenendo che si bari richiede una maggiore difficoltà. Ad aggravare la situazione troviamo l Apple Store, che ha a lungo vietato le applicazioni sul gioco d azzardo, e recentemente anche Google ha dichiarato che il gioco con soldi veri non è permesso nell Android Market. Nonostante tutti questi ostacoli, ci si aspetta che altre stanze virtuali e reti di poker si aggiungano al mercato del gioco d azzardo. 117

118 Il mercato ha un potenziale di profitto troppo grande per essere ignorato. 118

119 Descrizione del giocatore medio del casinò online Gli approcci ai casinò online fra uomini e donne tendono ad essere diverse. Le donne giocano più frequentemente e più a lungo spendendo però meno denaro rispetto agli uomini. Da parte loro, gli uomini giocano meno frequentemente, per periodi più brevi investendo cifre di denaro assai maggiori rispetto a quelle investite dalle donne. La cosa più importante che si aspettano i frequentatori dei siti web dei casinò su Internet, è quella di ottenere implicazioni di carattere finanziario o di sicurezza (un attraente sistema di bonus, una varietà di giochi, una vasta gamma di metodi di deposito, la solida reputazione del sito di un determinato casinò), fattori che sono risultati essere più importanti dell ambiente del sito stesso, quali gli effetti sonori, licenza o musica. E emerso che la cosa più importante in assoluto per i giocatori d azzardo dei casinò online è rappresentata dai bonus. Basandoci sul sondaggio effettuato dalla ecogra, possiamo elencare alcune delle motivazioni più popolari per le quali la gente frequenta i giochi dei casinò online: Relax Eccitazione Distrazione Finanze Fuga Socializzazione Ecco cosa i proprietari dei siti di casinò devono tenere in considerazione nel momento in cui iniziano questa attività, progettando la loro campagna di marketing promozionale. Queste motivazioni possono spiegare meglio perché il business dei casinò online è così redditizio ed attrattivo per gli investitori. Oggigiorno il processo di lancio del sito di un redditizio casinò online diventa molto più semplice rispetto a quello di un casinò 119

120 tradizionale. Le avanzate tecnologie Internet, unite ad un software per giochi da casinò professionale ed un pannello amministrativo multifunzionale, rappresentano la chiave del successo per questo tipo di business basato su Internet. Il Texas Hold em Poker Generalmente, quando si parla di casinò, gioco d azzardo e carte, la prima cosa che balza alla mente di tutti sono i 4 assi messi insieme. Il classico punto riconosciuto universalmente come vincita sicura(anche se poi nelle regole del gioco non è il punto più alto del poker) nel gioco simbolo della storia dell azzardo: il POKER. Poker è una parola inglese che significa attizzatoio, lo strumento che si usa per attizzare il fuoco e ravvivare la fiamma nel camino. Alcuni vogliono invece collegare il termine poker alla parola poke, termine gergale che in America, Australia e Sudafrica vuol dire "tasca o portafogli", e per estensione, gli spiccioli che si è soliti portare addosso. Insomma, già l'etimologia indurrebbe a pensare ad un gioco in cui si scommette ciò che si ha addosso. 120

121 Sembra,che nella Cina del 969 d.c. uno degli ultimi imperatori della dinastia cinese dei Song, abbia passato la notte di capodanno giocando a carte con sua moglie. Giochi di carte molto simili all attuale poker erano di sicuro già presenti sia in Egitto che in Persia.Infatti, da alcuni ritrovamenti archeologici, si deduce che in Egitto, intorno al secolo, fosse presente un gioco di carte basato sui segni. La prima sicura testimonianza è del 1829 e si trova nelle memorie di viaggio di un avventuriero inglese, George Cowell, reduce da un lungo soggiorno nei territori del West americano. Qui il gioco viene descritto con precisione e appare già provvisto delle regole che lo caratterizzano anche oggi: ogni giocatore riceveva 5 carte, c'era la scommessa sulla combinazione vincente, secondo una graduatoria di combinazioni che è molto simile a quella attuale. Nel 1858 si ha un prima codificazione delle regole del gioco, con un Regolamento che precisa combinazioni e puntate. Successivamente vennero aumentate le combinazioni e ci fu una lunga discussione sul loro valore e sulla loro gerarchia. Nel 1871 il gioco cominciò a diffondersi in Europa: Robert Schenk, ambasciatore americano in Gran Bretagna, presentò il gioco alla Regina Vittoria durante un ricevimento. Il gioco suscitò grande entusiasmo e fu redatto un regolamento scritto, ad uso del divertimento della nobiltà inglese. In seguito il Poker è divenuto celebre in tutto il mondo ed è entrato a far parte della cultura e del costume ludico di persone di ogni classe sociale. Ma ci sono altre teorie sull origine del poker, tra queste ne elenchiamo alcune. 121

122 Le origini persiane I sostenitori di questa genesi individuano come progenitore del poker, un gioco in voga nella Persia del XIV secolo: As- Nas sarebbe il suo nome. Tale gioco prevedeva l'uso di 20 carte e veniva svolto da quattro giocatori. Le combinazioni previste erano: coppia, tris e colore. Le origini francesi Un'altra corrente di pensiero individua l'antenato del poker in un gioco francese del XVIII secolo che si chiamava Poque, e che si diffuse in seguito anche in America lungo il Missisipi. Il Poque si giocava con 20 carte di un mazzo francese: dieci, assi, donne, re, jack. Il nome del gioco del poker deriva dal francese pocher, che significa ingannare l'avversario, cioè bluffare. Quando poi l'america acquistò i territori francesi della Louisiana il nome si trasformò in Poker. Ben presto il Poker divenne il gioco più famoso e conosciuto del West americano, soppiantando la voga di altri giochi di scommessa molto popolari, fra cui il Faraone. Le origini tedesche Una scuola minore sostiene invece che all'origine del Poker ci sia un gioco tedesco, molto diffuso nel XVII secolo in Germania. Il gioco si chiamava Poken, che in tedesco vuol dire bluff, ossia l'elemento caratteristico del Poker. Le ondate migratorie di migliaia di tedeschi in America nella seconda metà del '700, avrebbero portato con sé questo gioco, poi rapidamente evolutosi nel Poker. 122

123 Le origini italiane Un altra teoria comincia a farsi strada e che colloca la genesi del poker nel nostro paese. Secondo alcuni, infatti, sarebbe un evoluzione dello Zarro, un gioco di carte dell'epoca rinascimentale, che aveva raggiunto una tale diffusione, soprattutto nella Milano sforzesca, da indurre il duca Francesco Sforza a proibirlo con un editto del La proibizione non fu certo un limite per gli accaniti giocatori, anzi il gioco si diffuse per tutto il XVI secolo, arrivando anche in Francia e poi, attraverso mercenari, in America, dove però avrebbe cambiato nome e in parte anche le regole. Texas hold em Il Poker Texas Hold em (in italiano hold em si traduce con tienile, riferito alle carte) è la più famosa variante del classico e longevo Poker. Le prime partite furono giocate a Robstown, una città del Texas, regione madre di questo particolare gioco di carte. Oggi uno dei giochi più popolari al mondo, il poker alla texana negli anni è entrato a pieno merito nei migliori casinò di Las Vegas grazie a giocatori d azzardo come Doyle Brunson, nome che ha fatto e tutt ora fa la storia del poker alla texana. L unica struttura, che inizialmente dava la possibilità di giocarci, era il Nugget, Casino di Las Vegas che, per via della sua collocazione e delle pessime condizioni dei locali, fu presto abbandonata dai giocatori professionisti. Questi nel 1969, furono invitati a giocare al Dune Casino, e data l inesperienza della maggior parte dei giocatori, fu un vero vantaggio per i più esperti. Nello stesso anno Tom Moore inserì il primo torneo di Poker della storia alla Gambling Fraternity Convention, torneo che comprendeva diversi tipi di giochi, tra cui anche il Texas hold em. Nel 1970 Benny e Jack Binion acquistarono i diritti di questo torneo rinominandolo WSOP(World Series Of Poker) e lo 123

124 trasferirono all Horseshoe di Las Vegas, Casino di loro proprietà. Dopo il primo anno, Tom Thackrey, di professione giornalista, suggerì di giocare il torneo principale nella forma del No limit Texas hold em. Da allora è la variante giocata nel Main Event. Questo evento, dopo aver visto solo 8 partecipanti nel 1972, ebbe una crescita esponenziale, e nel 1982 si superarono le 100 iscrizioni, per poi raddoppiare nel L importazione in Europa di questo tipo di poker venne attribuita a Terry Rogers e Liam Flood, due bookmakers che, dopo aver intrapreso un viaggio a Las Vegas, lanciarono questo gioco nel nostro continente dove poi, nel 2004, fu istituito l EPT (European Poker Tour). Importantissimo, per la sua diffusione in tutto il mondo, fu l avvento del poker on-line (primo sito dedicato al Texas hold em nel 1998) e l utilizzo della telecamera nel tavolo per le carte coperte; gli spettatori furono così in grado di vedere le carte in mano ai giocatori e di seguirne azioni e tattiche, rendendo così il gioco ancora più entusiasmante. Per quanto riguarda l Italia il primo sito autorizzato per giocare on-line il poker alla texana, dopo una prima fase di sperimentazione gratuita che ha visto oltre 14 milioni di iscrizioni, è stato Gioco Digitale. Successivamente sono nati tantissimi siti di poker in Italia fino a suscitare un vero e proprio boom. Un esempio su tutti è Pokerstars.it, che ha inaugurato nel Giugno 2009 la più grande serie di tornei di poker live in Italia, ossia l Italian Poker Tour (IPT). Secondo uno studio recente realizzato in collaborazione con la Federazione Italiana Gioco Poker, sono più di 15 milioni, gli italiani tra i 14 e 64 anni che hanno giocato a poker almeno una volta. Il 70% dei giocatori sono maschi. 124

125 Il 95% ha dichiarato di aver giocato a casa tra famiglia e amici; piccola, ma in crescita, la percentuale dei giocatori che si reca ai circoli oppure ai tavoli di poker nei casinò. Esistono attualmente sul mercato un certo numero di compagnie specializzate nello sviluppo di software altamente sofisticati per il gioco online. Ad esempio, una delle compagnie più prestigiose è la PartyGaming, che ha in proprietà e gestione PartyPoker. Un altro operatore in questo campo è 888 Holdings, che opera su una rete altamente frequentata. Quando si parla di software per il gioco virtuale, dobbiamo anche menzionare Cryptologic, riconosciuto come il pioniere nell'ambito dell'industria del gioco in rapida espansione. Insieme alle sale da poker online, questa azienda fornisce software per numerosi casinò virtuali. La lista delle altre aziende che sviluppano software per il gioco è molto lunga ed in continua trasformazione. Quattro miliardi e mezzo in due anni. La partenza fisiologicamente lenta (ma non troppo) nel settembre del 2008, poi il decollo: 2,3 miliardi nel 2009, 2 miliardi nei primi otto mesi del 2010 (secondo le stime a fine anno si sono superate la quota di 3 miliardi), sono i numeri con cui il poker online italiano si presenta al suo secondo compleanno, dati che riporta l'agenzia Agiprnews. Il mese più ricco e quello in cui l'asticella si ferma sui 297 milioni raccolti, è gennaio 2010, e sono oltre 290 i milioni giocati a marzo dell anno scorso Dall'esordio, il 2 settembre 2008, il poker ha rivoluzionato l'intero settore dell'online regalando un approccio più "spigliato" al gioco, virato però sul versante dell'abilità e del ragionamento più che sul puro azzardo. La dimostrazione è data dal fatto che i giocatori di poker online non sono 'sovrapponibili', se non in minima parte, al bacino d'utenza di altri giochi. Secondo l'ultima edizione della ricerca 125

126 in Italy, prodotta da Doxa e Human Highway con il patrocinio di Aams, il poker online, con 1,7 milioni di utenti italiani, è il gioco più popolare su internet. Nella sua versione online, principalmente nella versione Texas Hold'em, da settembre 2008 ha registrato una crescita praticamente continua. Questa crescita è benefica per lo Stato, che percepisce il 3% della raccolta: 70 milioni incassati lo scorso anno, 90 milioni per il Senza contare l'apporto del cash game, al momento fermo a Bruxelles, che potrebbe partire nei prossimi mesi del I tornei cash (il giocatore si siede al tavolo e gioca i propri soldi, formula differente da quella del torneo) sono ormai dietro l'angolo, in attesa che si chiuda il percorso regolamentare in onda tra Piazza Mastai (Aams) e Bruxelles. Due anni fa il primo torneo, giocato su Gioco Digitale (che nel frattempo si è fusa con Bwin ed ha assunto il nome GD Poker per la propria piattaforma). In realtà il 2 settembre del 2008 furono quattro i tornei, per un montepremi complessivo di 216 euro. A partire dalle 17:01 furono premiati i primi sedici giocatori, mentre il primo vincitore fu il giocatore con il nickname , che spendendo un euro ne vinse 8,64 euro, superando altri 26 giocatori. Ma il poker italiano vola con una sola ala: all'offerta di gioco online, regolamentata e con raccolta canalizzata nei circuiti dei concessionari, manca il supporto dei tornei dal vivo. Al momento gli eventi live vengono organizzati nei quattro casinò italiani e nelle sale 'di confine', con innumerevoli appuntamenti, organizzati anche da marchi 'made in italy', nelle sale slovene o maltesi. Eppure fino a qualche tempo fa, in assenza di una regolamentazione specifica, esisteva un florido sottobosco di circoli dedicati al gioco dal vivo, capace di organizzare circa

127 mila tornei in un anno, con volumi di gioco superiori a 400 milioni di euro. Un mercato che, considerato non solo gli addetti alla sala, ma anche tutte il resto del personale necessario per gestire una club, garantiva lavoro a circa 12 mila persone. Lo stop è arrivato a settembre del 2009 in una circolare del Ministero dell'interno: nessuna deroga e stop "fino all'entrata in vigore della nuova normativa in materia" all'attività dei circoli di poker nei quali vengono organizzati tornei dal vivo. Si è in attesa di un regolamento, previsto dalla Legge Comunitaria 2009, redatto dai ministeri dell'interno e dell'economia, in cui verranno determinati "l'importo massimo della quota di partecipazione", ma anche "l'impossibilità per gli organizzatori di prevedere più tornei nella stessa giornata e nella stessa località". L'organizzazione sarà riservata soltanto ai soggetti titolari di concessione e non più, quindi, ai circoli ricreativi o alle associazioni. In realtà, come si legge su Agicoscommesse, la raccolta ha subito un impercettibile calo, pari allo 0,5%, rispetto ai 288,5 milioni giocati a Gennaio dello scorso anno. Una piccolissima perdita che non preoccupa ma che anzi conferma la stabilità di tutto il settore del poker online italiano. Ottimo il dato delle giocate giornaliere che a Gennaio 2011 è stato di circa 9,3 milioni di euro. Ma vediamo, nel dettaglio, i bilanci degli operatori del poker online "made in Italy". 127

128 (*) dati in milioni di euro Pokerstars.it è l'unico l'operatore del mercato che a Gennaio 2011 ha fatto registrare un saldo positivo degno di nota, con un incremento del 38,6%, rispetto allo stesso mese del Anche Lottomatica tra i grandi operatori fa segnare un aumento del 2,7%. In salita anche Cogetech con il 40% e PartyPoker.it con il 17,4%. Gli altri operatori invece fanno segnare quasi tutti un dato negativo. Pokerstars ha sicuramente sfruttato il recente lancio degli"home Games" che hanno portato la raccolta ad un valore davvero importante, una cifra record per l'operatore italiano di circa 70 milioni di euro. Comunque in testa con 80 milioni, nonostante il lieve calo, Microgame si conferma sempre leader di mercato grazie anche all'apporto dei concessionari del circuito People's Network. Le due aziende leader di Gennaio, Pokerstars e Microgame, hanno inglobato oltre il 52% delle giocate complessive effettuate sui tavoli verdi virtuali. Se ai due operatori aggiungiamo anche le quote di mercato di Gioco Digitale/bwin e Lottomatica/Totosì, i 4 128

129 provider insieme valgono quasi l'80% del totale del mercato. Questi i dati dei principali operatori del mercato online italiano: Quote Mercato Online In definitiva possiamo senz'altro affermare che il 2011 è cominciato cosi come si era chiuso il 2010, con un mercato solido e sempre in costante crescita. Le previsioni per il continuo di questo nuovo anno sono davvero ottime, basta pensare all'imminente arrivo degli altri operatori pronti ad entrare nel circuito italiano non appena il cash game sarà lanciato sulle poker rooms italiane. 129

130 Le Videolottery (VLT) Mi sembra doveroso accennare ad un argomento molto discusso in questi tempi, e che sembra dover sovvertire tutte le dinamiche dell industria del gioco. Il new business generato da questi apparecchi di ultima generazione, hanno portato con sé una serie di problematiche e discussioni, soprattutto all interno delle case da gioco, e su come sarebbe stato opportuno affrontare l imminente rivoluzione dell offerta gioco. La VideoLottery, o VLT, è definibile come un terminale internet multigioco touch screen, basato sulla tecnologia avanzata dell'interconnessione ad un sistema di controllo centrale in grado di prevedere il cumulo di jackpot tra le macchine in rete, senza che queste abbiano al proprio interno la scheda di gioco. Questi apparecchi, già previsti dalla Legge Finanziaria 2006 e presenti in molti paesi nel mondo (Svezia, Canada, Stati Uniti, Israele e Islanda), sono in grado di offrire, oltre a differenti tipologie di giochi, anche servizi di pubblica utilità. Con un espressione inglese di carattere tecnico, vengono definiti Video lottery terminal o più comunemente vlt, e dopo il successo ottenuto dalle new slot, (le macchinette che comunemente troviamo in molti bar) stanno per entrare nel vissuto di molti giocatori italiani. Praticamente sconosciuti al grande pubblico, questi apparecchi sono stati progettati negli Stati Uniti intorno alla metà degli anni 80, ed il nostro Governo, attraverso il decreto legge sugli adempimenti comunitari in materia di giochi (DL25 settembre n.149 coordinato con la legge di conversione 19 novembre 2008 n. 184), ne ha sancito l avvio della sperimentazione. 130

131 Recita il testo di legge: al fine di promuovere il completamento della disciplina in materia di apparecchi per il gioco lecito, di cui all articolo 110, comma 6, (lettera b), del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, entro novanta giorni dalla data di conversione del presente decreto, con decreto del Ministro dell economia e delle finanze... sono dettate le disposizioni occorrenti per disciplinare...la sperimentazione degli apparecchi di cui al predetto articolo 110, comma 6, (lettera b), nonché la sperimentazione della raccolta del gioco praticato mediante i medesimi apparecchi. Per dirla con le parole degli esperti Una vlt è un apparecchio normalmente basato su una tecnologia in grado di garantire elevate caratteristiche di sicurezza e operante solo in presenza di connessione di rete attiva. In pratica parliamo di veri e propri computer caratterizzati dalla connessione in rete: rispetto alle attuali macchine presenti nei bar, che hanno un proprio software interno e una connessione alla rete Aams, che 131

132 ne controlla essenzialmente l attività di raccolta, le vlt vivono grazie a una centrale di controllo esterna, attraverso cui possono svolgere tutte le loro funzioni principali. Insomma, il software di questi apparecchi non è dentro la macchina, come nelle new slot, bensì fuori. La diretta connessione in rete, già sperimentata con le slot di nuova generazione (che possono funzionare solo in presenza di un collegamento alla rete dei Monopoli di Stato aams.it e di Sogei, sogei.it ), anche per questi apparecchi diventa una conditio sine qua non, un fattore che, al di là delle prestazioni, ne aumenta all ennesima potenza, sicurezza e controlli. L altra grande differenza tra le new slot e le vlt, risiede nelle attività di gioco che propongono. Le prime, infatti, sono limitate a un unico meccanismo di gioco e sono tarate per erogare una vincita massima equivalente a 100 euro a fronte di una partita del costo di un euro. Per le vlt la questione cambia notevolmente, almeno stando a quanto offre il mercato internazionale, visto che l Italia deve ancora approntare un proprio regolamento: in primo luogo una vlt può essere utilizzata per giochi numerici (come il Lotto e il SuperEnalotto), quindi per giochi basati solo sulla casualità, anche se qualcuno sostiene che, data la loro versatilità, possano consentire anche attività come il Texas Hold em on-line. In secondo luogo, possono essere usate anche per le scommesse a quota a fissa su eventi quali corse virtuali di cavalli o auto. «L esperienza sul mercato internazionale (dichiara Luca Contiello, amministratore delegato di GMatica (gmatica.it), azienda presente sul panorama italiano degli apparecchi da intrattenimento) indica che una vlt incassa fino al 30-40% più di una classica awp, se opportunamente gestito in termini di contenuti di gioco e di innovazione continua degli stessi». Una conferma sulla resa di questi apparecchi giunge da una ricerca recentemente pubblicata dalla Sapar (associazione del 132

133 settore automatico), nella quale si legge che la raccolta media delle macchine di nuova introduzione sarà superiore a quella delle attuali awp, così come dimostrano i casi di vlt esistenti nel nord America e nel nord Europa. Chi pensa a un facile sdoganamento di questi prodotti da gioco nei bar, dovrà comunque fare i conti con alcuni fattori non trascurabili: per funzionare al massimo regime questi apparecchi avranno bisogno di una veloce connessione Adsl, ancora assente da molti esercizi pubblici italiani, il numero delle macchine sarà fortemente contingentato, anche perché la normativa non prevede una completa sostituzione delle attuali new slot, bensì un completamento dell offerta di gioco Il numero delle vlt potrebbe quindi attestarsi intorno alle mila unità, un numero oscillante tra il 6,3 e il 9,5% del totale delle new slot presenti in Italia (315 mila macchine). Almeno per il momento, e in assenza di un regolamento attuativo delle norme riguardanti le vlt, è difficile prevedere se verrà disposto un luogo per eccellenza che costituisca il principale terreno di coltura del mercato di questi apparecchi, così come la fitta rete dei bar lo è stata in questi anni per le new slot. Il legislatore non ha previsto alcuna esclusione di sorta, fattore che, in prospettiva, potrebbe vedere inseriti anche gli esercizi pubblici nel novero delle strutture adatte ad accogliere al proprio interno i nuovi apparecchi da gioco. 133

134 Alcune considerazioni Anno 2011: Parlare del passato e ripercorrere le tappe attraverso le quali in pochi anni si è fatta nascere e crescere una industria che oggi frutta all erario 9,9 miliardi di euro l anno (garantendo all economia nazionale occupazione stabile ed ingenti investimenti nel comparto), sarebbe naturale e fisiologico per qualsiasi settore industriale, ma non per il gioco lecito. L industria del gioco può, a stento, permettersi di guardare al presente, ma vive sopratutto di futuro, concependo una propria dinamica di sviluppo e di confronto con un mercato dall impressionante dinamismo e velocità di progresso. Bruciare le tappe dovrebbe essere considerato un pregio anche se, molto spesso, diventa vitale fermarsi a spiegare come funziona il contingente assetto operativo- tecnico - amministrativo fiscale. L unico mercato in controtendenza che ha fatto crescere le percentuali delle sue quote di mercato, ed uno dei pochi settori che sviluppa il campo della ricerca attraverso ingenti risorse finanziare, è proprio il settore del gioco d azzardo. È importante, per chi fa parte di questo contesto, essere costantemente sul pezzo, come si dice in termini giornalistici, ed essere altamente modellabile per poter convertire i propri assetti a seconda dell esigenza di mercato. I trend, a livello internazionale, si allineano tutti secondo una logica di crescita dell indotto generato dal gioco in senso ampio del termine, con una propensione dello sviluppo delle nuove tecnologie e con un declino delle strutture di gioco tradizionali, intese come case da gioco. 134

135 L Italia segue pedestremente questo format che si sta palesando a livello globale, senza, a mio avviso, intravedere in questo potenziale un fulcro fondamentale. Sfruttare questo settore per generare una sinergia con il comparto turistico. Siamo famosi in tutto il mondo per la bellezza della nostra terra, per le nostre ricchezze culturali, artistiche e per il nostro inestimabile patrimonio storico. Ogni forma di business deve essere transitoria in funzione di quest industria nazionale. La propensione al gioco resta il fattore determinante, che permette di fare progetti, previsioni e che permette alle aziende di rischiare in investimenti spesso considerevoli. Ma il mio intento è quello di osservare più da vicino come vivono il cambiamento in atto le case da gioco, aziende che oltre ad essere luoghi di perdizione e divertimento, hanno sempre rappresentato una forma di culla culturale ed artistica nella storia del Paese. Nell immaginario comune, che negli ultimi anni è cambiato sostanzialmente, le case da gioco erano le location ideali per un ceto sociale altolocato, per la borghesia che amava sia l aspetto ludico della serata, ma apprezzava con cognizione di causa anche l aspetto emotivo- educativo che veniva offerto. Oggi è tutto diverso, con un immagine che viene percepita di modernità, prettamente legata ad una concezione morbosa del danaro, esente da qualsiasi valore etico e morale. È questo che è necessario e doveroso trasformare e riportare all origine. Devo ammettere che osservando i dati fino ad ora analizzati e sui quali abbiamo posto riflessioni, non è affatto rassicurante il futuro che sembra tracciato sul cammino di queste aziende, ma credo (e spero) che non tutto sia perduto. 135

136 136

137 CAPITOLO IV I CASINÓ La parola "casinò" è così definita dal Concise Oxford Dictionary : "locale o edificio pubblico dedito all'intrattenimento, specialmente ai giochi d'azzardo", essa deriva da una parola italiana che significa "piccola casa", e si riferiva in origine ad una villa o ad una residenza, creata per scopi di puro piacere e svago. Nel corso dei secoli e più precisamente nel XIX secolo, il "casinò" cominciò ad espandersi in strutture pubbliche più vaste, nelle quali avevano luogo altre attività, compresi i giochi d'azzardo e gli sport. La storia moderna dei casinò iniziò in Europa. Negli Stati Uniti venne conosciuto grazie agli immigranti che esportarono questa attività dall'europa, e con il susseguirsi del tempo, questi luoghi divennero sempre più abituali, si iniziò a giocare d'azzardo nelle barche sui fiumi Mississippi o Ohio, diventando così un evento di gran fascino che attirò sempre più persone di un certo rango ad avvicinarsi al gioco. Nelle grosse città come New York o Chicago, il casinò iniziò ad attirare una clientele raffinata, i cui membri si potevano permettere di perdere grandi somme di denaro, da generare così un grande business. Da li sono nati i miti di Las Vegas, Atlantic City, e Monte Carlo, che furono i centri di gioco più importanti del XX secolo. Oggi Macao ha sorpassato Las Vegas, diventando il maggiore centro al mondo per il gioco d'azzardo, anche se nel 2007 era 137

138 stato progettato a Manchester la creazione(poi non andato in porto) del primo mega-casino, segno inequivocabile che l'europa sta cercando di portare questo grande business alle sue origini. Con l'avvento di internet è nata la possibilità di giocare direttamente da casa, e possiamo dire(come esplicato nel capitolo precedente) che questo sarà il futuro dei casinò. I casinò italiani sono al 7 posto della speciale classifica resa nota dall European Casinò Association. Al primo posto per incassi c è la Francia, che anche grazie ai suoi 197 Casinò ha raccolto 2,4 miliardi di euro ovvero il 28,1% del totale. Al secondo posto c è la Gran Bretagna con introiti per 884 milioni. Sul podio anche la Germania che conquista il terzo posto con 724 milioni di euro di incassi. Nella top Five anche Svizzera e Grecia rispettivamente con 655 e 648 milioni di euro. Come sopracitato i 4 Casinò italiani occupano il 7 Posto, un risultato davvero ottimo se si considera che tutte le nazioni che precedono l Italia in classifica hanno molti più casinò nel loro territorio. Ad esempio la Svezia che ha 4 case da gioco come l Italia è solo in 14 posizione mentre la Francia che è prima ha ben 197 casino. Ad oggi in Europa sono operativi 931 Casinò in totale. Considerato che gli incassi sono stati pari a oltre 8,4 miliardi di euro, la raccolta media si attesta a 9 milioni di euro l anno per ciascun Casinò. 138

139 La nazione che in assoluto conta il maggior numero di casinò è la Repubblica Ceca con 220 ma con 112 milioni di euro è solo in 15 posizione per incassi. Per quanto riguarda i giochi di Casinò la Francia subisce il fascino delle slot machines, mentre in Gran Bretagna si punta di più sui tavoli verdi ossia roulette e giochi di carte. Nei Casinò Italiani le slot machines raccolgono il 53,8% del totale, mentre sui tavoli verdi sono stati puntati il restante 47,2%. 139

140 I Casinò italiani. (Crisi di un modello) Cenni storici Il primo casinò ad aprire i battenti in Italia fu il Casinò di Sanremo, nel lontano 1905 e da allora sono stati aperti altre 3 case da gioco sul suolo nazionale. A seguire in ordine cronologico troviamo il Campione d Italia, costruito nel 1917 dall architetto Americo Marazzi, in una cittadina della provincia di Como. Successivamente aprirono il Casinò de la Vallee, o più comunemente detto Saint Vincent, nel 1957, e il Casinò di Venezia che apri nel 1959, usando la sede del palazzo rinascimentale Ca Vendramin Calergi. Come si nota, da un punto di vista prettamente geografico, i casinò italiani sono tutti collocati al nord Italia. Una motivazione logistica non di poco conto, poiché la principale intenzione di una casa da gioco è quella di importare il turismo estero. Le cittadine dove si erigono questi, infatti, sono prettamente turistiche e fornite di strutture e servizi in grado di sostenere un flusso di turismo elevato. Nell Ottocento Sanremo divenne capitale del turismo climatico. Sino ad allora le località della Costa Azzurra erano meta di turisti stranieri attratti dalla dolcezza del clima, molto simile a quello della nostra Riviera; per questo motivo nel la contessa Adele Bianchi Roverizio cominciò a pubblicizzare le bellezze sanremesi e nell inverno ospitò nella sua villa il barone russo Boris d Uxkull che, ben presto, esportò il nome di Sanremo nelle regioni del centro Europa. Iniziò così la costruzione di grandi alberghi. Con il passare degli anni lo sviluppo del turismo invernale favorì l incremento demografico e il benessere economico che resero Sanremo una moderna città 140

141 cosmopolita, con colonie di stranieri inglesi, russi, francesi e tedeschi. Il Casinò Municipale di Sanremo fu inaugurato il 12 Gennaio del 1905, di rimpetto alla Chiesa Russa, grazie al finanziamento del banchiere Bartolomeo Asquasciati, che nel 1898 prestò al Comune di Sanremo di lire. L edificio in stile Liberty fu progettato dall'architetto francese Eugene Ferret. Per la realizzazione dell attuale immobile furono presentati ben sette progetti, ma la costruzione fu affidata appunto a Ferret, che si attenne alla linea liberty, allora tanto in voga in Francia. Il Ferret fu anche il primo gestore della vera e propria attività di gioco in virtù del contratto del 5 novembre La convenzione venne approvata dalla Prefettura di Imperia e servì come premessa basilare per successive concessioni a contratto stagionale, salvo rare e temporanee interruzioni. Nel 1927, normalizzando una situazione di tolleranza che durava da anni, al fine, tra l altro, di far fronte alla concorrenza dalla vicina Costa Azzurra, con RDL 22 dicembre 1927 n «Provvedimento in favore del Comune di Sanremo» convertito nella legge 27 dicembre 1928 n. 3125, il Comune di Sanremo fu autorizzato, eccezionalmente, ad esercitare i giochi d azzardo, per consentire la sistemazione del bilancio comunale e rendere possibile l esecuzione di importanti opere pubbliche. Il Casinò nasceva come Kursaal, il locale era destinato a spettacoli teatrali, concerti, ristorazione e ritrovo degli stranieri. La sera del 12 gennaio 1905 il Casinò di Sanremo spalancò per la prima volta i battenti delle sue sale, alcune intonate al rosso e all oro, rilucenti di specchi come garçonnières, altre arredate con tavoli e divani di vimini, piante, fiori, gabbie di uccelli. Pianoforte a coda nel mezzo del salone, luci soffuse, tendaggi tirati. 141

142 Alle 22 di quella notte, mentre fiches e sabot cominciavano a scivolare sul tappeto verde, nel Giardino d Inverno iniziava la rappresentazione dell opera lirica Lakme di Delibes diretta dal maestro Giannini. Così l azienda sanremese del gioco prendeva a funzionare, ed ebbe inizio la grande avventura dei ficheurs. La cultura è sempre stata di casa al Casinò di Sanremo; allestimento di manifestazioni d arte, di spettacoli, di mondanità e soprattutto di cultura, appunto, tanto che negli anni trenta verrà proclamata «capitale europea della cultura», ciò anche per i famosi Lunedì letterari ripresi e tutt ora vivi, anche se divenuti Martedì letterari. Personaggi internazionali, come re Faruk d'egitto e l'attore Vittorio De Sica, contribuirono ad accrescere la fama del Casinò a livello mondiale, giocando cifre da capogiro, facevano parte di quella categoria di giocatori definiti "professionisti" dalla cronaca, amanti del vincere o del perdere, perché in realtà il Casinò è il grande brivido delle scommesse. Nel 1951 il Casinò ospitò per la prima volta il "Festival della Canzone Italiana", più comunemente detto Festival di Sanremo fino al 1976 quando fu trasferito al Teatro Ariston in Corso Matteotti. Nel 1921 il Sindaco del Comune di Saint Vincent, Elia Page, chiese al Sotto Prefetto di Aosta, di poter aprire un tavolo di roulette per i mesi estivi. Questi acconsenti, ricordandogli le responsabilità connesse al mantenimento dell ordine pubblico nel Comune. In quella stessa estate nel salone del Kursaal si iniziò a sviluppare il gioco d azzardo, e nel settembre successivo l amministrazione 142

143 riuscì a pagare interamente gli ingenti debiti contratti per i lavori al canale della montagna. Il 6 novembre del 1945, lo stesso Sindaco scrisse al Ministero degli Interni, per chiedere la concessione per l esercizio di tutti i giochi d azzardo in forma esclusiva, per il territorio della valle d Aosta per un periodo di anni 15. Per le questioni politiche che in quel contesto storico si succedettero a Roma, non ricevendo risposta, il primo cittadino fece una richiesta analoga al Presidente del Consiglio della Regione Federico Chabod. Nonostante la legge italiana proibisse espressamente il gioco d azzardo e in attesa dello statuto speciale del 1948, il Presidente della Regione emanò in data 3 Aprile 1946 il decreto di apertura del casinò de la Vallee. Ca' Vendramin Calergi è la sede del Casinò Municipale di Venezia ed è sicuramente una tra le più belle case da gioco del mondo. Situata sul Canal Grande, è il primo grande palazzo del Rinascimento veneziano. Fu fatto erigere nel 1481 su progetto di Mauro Codussi e la sua costruzione fu portata a termine nel Ca Vendramin Calergi è costituita da un pianterreno, con accesso acqueo dal Canal Grande, dal piano nobile, caratterizzato da un ampio salone centrale e da tre sale minori decorate secondo lo stile rinascimentale e il gusto dei proprietari che si sono succeduti nella gestione del palazzo. Sul Canal Grande si affaccia uno dei rari giardini con vista e con accesso diretto sulla principale via d acqua veneziana. Il palazzo Ca' Vendramin Calergi divenne sede del Casinò Municipale di Venezia dal Particolarmente belle sono la Sala dei Cuori d'oro, che ospita il 143

144 gioco del Trente-Quarante e la Sala Regia, dove oggi si gioca lo Chemin de Fer. Da non dimenticare la sede estiva dello stesso casinò, che si affaccia su canale Marconi, che sostituisce la sede centrale nei mesi più caldi. Il Campione d Italia, realizzato nel 1917 in pieno conflitto mondiale, su progetto dell'architetto Americo Marazzi di Lugano, rispondeva al segreto proposito di fare spionaggio sfruttando l'extraterritorialità e l'atmosfera per agganciare nelle sue sale sfavillanti di luci e di belle donne, personaggi dell'alta burocrazia statale. Le facciate principali dell'edificio sono due: una verso il lago e l'altra verso Lugano; non dimentichiamo che a quell'epoca non esisteva l'odierna grande piazza parcheggio che ha notevolmente mutato l'ubicazione di allora. L'incarico della decorazione interna viene affidato al pittore Girolamo Romeo. Si possono definire affascinanti le immagini dell'arredo e delle prime sale da gioco, così come quelle del ristorante che rievocano nostalgiche sensazioni di quella straordinaria epoca passata alla storia con il nome di "Belle epoque". Per effetto di un decreto relativo alle case da gioco, il 19 luglio 1919 dopo appena due anni dall'apertura, il Casinò è costretto a chiudere i battenti e sarà riaperto solo il 2 marzo del Istituzionalizzato negli anni trenta, oggi il Casinò è diventato un potente motore economico della città, ma anche un luogo attrezzato per la cultura e gli eventi mondani, poiché ospita Vip e intellettuali, star internazionali, sfilate di moda e concerti che vanno dalla musica leggera, al jazz, al rock. 144

145 Qui sono nati i Premi di giornalismo e di critica letteraria e il Premio Maschera d'argento collegato al mondo dello spettacolo. La situazione ad oggi delle strutture vecchio stile Mi viene in mente una metafora molto banale, ma secondo me molto esplicativa, che rappresenta in modo chiaro e semplice la situazione delle case da gioco ai giorni nostri. Possiamo benissimo paragonare le case da gioco ad un piccolo venditore al dettaglio nel settore degli alimentari che si trova tutti i giorni a competere (ovviamente indirettamente) con la grande distribuzione di catene nazionali ed internazionali nel medesimo settore. La grande distribuzione ha la forza di offrire al cliente un ampia scelta di prodotti dalle più svariate provenienze, un agglomerato di vari prodotti merceologici, che permette di trovare tutto il necessario in un unico luogo, ed essere sotto casa, ma soprattutto a prezzi notevolmente bassi. Con questa forza commerciale il venditore al dettaglio non può competere, in termini di quantità e di prezzi, e non può giocare su logiche di mercato quali comunicazione e promozione poiché le disponibilità finanziare non sono comparabili. L unica leva sulla quale può essere superiore e quindi ritagliarsi un fetta di mercato(spesso più che sufficiente) che gli permetta di generare dell extraprofitto è sicuramente la QUALITÁ. Su questo concetto, che ritengo essere il fulcro centrale sul quale le aziende del settore da noi preso in considerazione dovrebbero porre l accento, è necessario fare un analisi attenta, soprattutto in questo momento delicato nel quale è in gioco il futuro e la sopravvivenza del mercato case da gioco. 145

146 Il casinò è forse l unico luogo dove può trovare risposta la consistente domanda del consumatore italiano, il quale, costretto da restrizioni normative, alimenta il floridissimo mercato delle case da gioco trans-frontaliere, provocando una migrazione di capitali di assoluto rilievo. Ovunque, nel mondo, il casinò rappresenta la location istituzionale del gioco, dove meglio sono rappresentate e soddisfatte le diverse necessità legate a questa particolare attività: dal controllo dei giocatori (sia nel senso dell identità che del comportamento) al monitoraggio dei flussi finanziari, all equità e sicurezza del prodotto offerto, alla professionalità degli operatori di settore. Una moderna casa da gioco deve però saper ospitare un`ampia ed aggiornata gamma di giochi, proporre forme di intrattenimento per segmenti diversi di consumatori, attraverso un palinsesto di eventi variegato. Sotto questo profilo, il casinò saprà offrire non solo il prodotto gioco, ma proporrà utili modelli di aggregazione rispetto alle dinamiche sociali dell`intrattenimento e, più in generale, ad una moderna percezione del concetto di tempo libero e di leisure. Non dimentichiamo che il giocatore, soggetto che assume varie forme caratteriali e varie necessità specifiche, vive il gioco come una sua e imprescindibile forma di svago, che deve e vuole vivere come il suo immaginario dipinge. Questo sta a significare un aspettativa che si genera ed una conseguente valutazione/giudizio (soggettivo e quindi indiscutibile) di quello che l offerta impone. Inoltre è da considerare tutto l aspetto che si crea intorno al singolo fattore gioco, che include accoglienza, ambiente, impiegati, ospitalità, ristorazione, svago, privacy, disponibilità e 146

147 tutta una serie di fattori che, anche inconsciamente, influiscono sul giudizio finale. Ma andiamo ad analizzare l aspetto economico che si manifesta ad oggi nei casinò italiani. Alcuni dati Ci troviamo oggi, anche a seguito della crisi che ha investito il mondo, di fronte ad un panorama critico per i casinò, che vedono le loro casse svuotarsi e quelle dello Stato lievitare esponenzialmente. I quattro casinò italiani hanno mediamente perso dal 4 al 12 per cento di utili nel 2010, e dati aggiornati ad oggi mostrano come in alcuni ci sia una lieve ripresa e come in altri (vedi Casino di Sanremo) si stia continuamente perdendo percentuali d incassi sino al 16/17%. Come abbiamo fino ad ora mostrato, sono agevolati dal fisco altri reparti del settore che vanno ad aumentare più semplicemente e con meno sprechi le casse dello stato. Ma in tempi non troppo lontani, diciamo fino al 2000, le case da gioco italiane erano tra le più celebri al mondo per un semplice fattore. Univano gioco, svago ed emozioni ad un elemento intrinseco del nostro paese: la Cultura. Erano unici e tipici luoghi di coesistenza delle necessità atte a soddisfare l animo umano nei suoi molteplici aspetti, inclusi quelli trasgressivi e quelli ludici, basti pensare che al Teatro dell Opera del Casinò di Sanremo, venivano presentate le prime assolute degli spettacoli dei più grandi drammaturghi italiani, opere di fama internazionale. 147

148 Non ho avuto la fortuna di vedere con i miei occhi quegli anni, ma dai racconti di chi era presente nelle sale, si percepisce la favola che si viveva presso queste strutture. Analizziamo i dati di cui disponiamo per trarne indicazioni fondamentali. 148

149 Osserviamo le tabelle che definiscono chiaramente la situazione ed il trend che stanno vivendo le 4 case da gioco italiane. 149

150 150

151 151

152 152

153 Nella prima immagine è ben chiaro il trend degli ultimi 5 anni, che vede un ascesa vertiginosa sino al 2007 con incrementi sostanziali e considerevoli, e il declino che inizia dal 2008 (anno in cui si sente il gravoso peso della crisi mondiale) per continuare fino ai giorni nostri. Notiamo come dal 2005 al 2007 il comparto intero abbia avuto un aumento d incassi che si aggira sui 34,46 milioni di euro, e come dal 2008 al 2010 si registri una perdita di 71,46 milioni di euro. Il che significa che rispetto al 2005 si sono persi 37,41 milioni di euro. L unica delle 4 aziende che ha trattenuto l emorragia, ed anzi nel 2008 è andata in controtendenza, è stata la casa da gioco di Campione, che ha fatto registrare aumenti tra e una leggerissima perdita tra Chi invece sembra aver patito più di tutte le altre è sicuramente il casinò valdostano, che in termini di cifre perde quasi il 20% in 2 anni. Ma nonostante ciò recupera nell ultimo anno fiscale appena conclusosi, con ben 4 punti percentuali. 153

154 Venezia subisce una forte recessione nel periodo , con una perdita superiore all 11%, e con un trend negativo in continuazione che riconosce un 16% nel periodo Ma Venezia nonostante tutto ha l introito più alto in assoluto delle aziende italiane del settore. Il dato preoccupante è registrato da Sanremo che, in quantitativo di introiti e in perdita percentuale, risulta essere il fanalino di coda delle 4 case da gioco. Il Casino di Sanremo ha perso in 3 anni il 20,9%, che si traduce in 18 milioni di euro. Nelle tre tabelle successive sono evidenziati gli introiti, divisi per i singoli giochi e per i singoli mesi, dal 2008 al Sono dati molto utili, che delineano in modo specifico e approfondito quello che sta succedendo, in termini di cifre, all interno delle case da gioco, ma ancora più approfonditamente per ogni singolo gioco. Reputo opportuno analizzare in maniera approfondita questi numeri, che possono dare spunti sulle iniziative da prendere, tenendo a mente sia il confronto tra le 4 case da gioco, per comprendere a cosa si debbano queste cifre così discordanti in termini quantitativi, sia secondo un criterio di mercato italiano. Un dato assolutamente inquietante, e dato dal 30/40 che è sceso in tutte la aziende dal 2008 al 2010, ma che a Venezia perde addirittura 3,9 milioni di euro, mentre per le altre case da gioco registra una variazione di qualche centinai di migliaia di euro. Ciò che potrebbe essere una delle maggiori cause della recessione di Sanremo, è data dalla costante perdita in cifre sostanziose della roulette francese, che in 3 anni registra un meno 6 milioni, mentre le altre aziende italiane mantengono un ricavo pressoché costante. 154

155 Altra analisi sull oscillazione dei ricavi in base al mese dimostra come il ricavo medio mensile sia sceso in due anni di circa 1,5 milioni per tutte le imprese, ma ancora più allarmante è come si siano drasticamente contratti, soprattutto per la casa da gioco sanremese, i ricavi dei mesi estivi che generalmente visualizzavano un picco verso l alto. Sempre per il casinò ligure si osserva una crescita che rimane fissa per il mese di aprile(in concomitanza con l Ept ). Un altro dato che mi lascia perplesso è relativo alle presenze. Questo elemento fa capire una volta per tutte, che non è il quantitativo dei clienti che determina il bilancio aziendale, ma la qualità di questi. Sanremo, incomprensibilmente( ma probabilmente a causa di una irregolarità che si manifesta per i sanremesi che entrano nella casa da gioco) ricopre il secondo posto per presenze nella classifica delle case da gioco italiane, e per assurdo è all ultimo posto per introiti. Altra considerazione va fatta sui prodotti gioco che rendono di più nelle aziende che vedono come elemento trainante dell indotto le slot machines. Esse superano abbondantemente il 50% di tutto quello che a fine anno viene incassato. 155

156 Le slot sono seguite a ruota dalle roulette francesi e roulette americane, che rimangono il simbolo dei casinò e che rimangono all apice del fascino del mondo dell azzardo. Come fanalino di coda troviamo il 30/40, il poker caraibico, e dato impressionante che spaventa molto gli esperti di settore è il calo drastico registrato dallo chemin de fer. Lo chemin de fer è il gioco che in termini di mance e di cagnotta, è sempre stato il più redditizio dell intera offerta delle case da gioco. Per quello che posso aver capito di questo gioco di carte, lo chemin presuppone una capacità finanziaria non indifferente, e per questa ragione è auto-selezionante nei confronti dei partecipanti. È da sempre altamente elitario, e riconduceva ad un target qualitativamnete molto elevato, che ha permesso una storica ricorrenza di gare spalmate sul calendario di tutto l anno. 156

L ITALIA IN GIOCO SINTESI DEL RAPPORTO DI RICERCA

L ITALIA IN GIOCO SINTESI DEL RAPPORTO DI RICERCA L ITALIA IN GIOCO SINTESI DEL RAPPORTO DI RICERCA [CAPITOLO 1] GIOCHI LEGALI IN ITALIA Nel 2008 il mercato dei giochi ha sfiorato i 47,5 miliardi di euro e la previsione per la fine del 2010 è che possa

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 29 luglio 2014 n.126 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visti l articolo 2, comma 10 e l articolo 10, comma 3, della Legge 25 luglio

Dettagli

9 marzo 2016. Tassazione giochi

9 marzo 2016. Tassazione giochi Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Nota a cura di Paola Serra Tassazione giochi 9 marzo 2016 Introduzione La tassazione dei giochi ha subito profondi cambiamenti nel tempo, rispondendo alle mutate

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL GIOCO A DISTANZA AL 31 MARZO 2009. ANALISI DEI DATI

COMUNICATO STAMPA IL GIOCO A DISTANZA AL 31 MARZO 2009. ANALISI DEI DATI Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato UFFICIO STAMPA COMUNICATO STAMPA IL GIOCO A DISTANZA AL 31 MARZO 29. ANALISI DEI DATI Presentiamo in queste pagine

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM L obiettivo dell overview è quello di fornire agli operatori un quadro d insieme sui principali cambiamenti avvenuti nel settore dei viaggi d

Dettagli

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Il gioco online in Italia Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Titolo, Le nuove Capri frontiere 8-9 ottobre del mercato consumer, Capri 8 ottobre 2009 Il gioco

Dettagli

iche nel mese di Luglio 2010

iche nel mese di Luglio 2010 Andamento dellle e scommesse e ippiche iche nel mese di Luglio 21 721 Approfondimenti statistici L andamento delle scommesse ippiche nel mese di luglio non sembra discostarsi rispetto al trend dei mesi

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Formazione sul GAP ed indirizzi regionali Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Direzione Generale per la Tutela della Salute U.O.D. «Interventi sociosanitari» 1 NORMATIVA STATALE

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Coordinamento Ippodromi

Coordinamento Ippodromi Il presente documento elaborato dall Associazione Coordinamento Ippodromi Si articola in due parti: 1)STORIA, VALORI, ED ECONOMIA DELL IPPICA ITALIANA. 2)INTERVENTI E PROPOSTE PER USCIRE DALLA CRISI. PARTE

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

MG Strategic Limited cura ed affianca le aziende sviluppando, con soluzioni tecnologiche all avanguardia, le migliori strategie volte

MG Strategic Limited cura ed affianca le aziende sviluppando, con soluzioni tecnologiche all avanguardia, le migliori strategie volte Per una qualsiasi azienda che sceglie di ampliare il proprio raggio d azione, oggi diventa sempre più necessario affermarsi nei mercati internazionali attraverso l arduo percorso di un vasto processo di

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2. 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2. 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2. 2.1 Erario...

1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2. 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2. 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2. 2.1 Erario... 1 DEFINIZIONI ECONOMICHE... 2 1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2 2 RIPARTIZIONE TRA I DIVERSI SOGGETTI DEL PRELIEVO / RACCOLTA

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 UNICO FINE: PROFITTO Situazione attuale: Il contrasto al crimine

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014)

Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014) 25 giugno 2015 Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014) Valori in Milioni di euro 90.000 RACCOLTA TUTTI I GIOCHI 90.000 RIPARTIZIONE RACCOLTA 80.000 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 Raccolta

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Lo schema di Conto giudiziale riporterà le seguenti espressioni per le motivazioni indicate:

Lo schema di Conto giudiziale riporterà le seguenti espressioni per le motivazioni indicate: NOTA ILLUSTRATIVA PER LA COMPILAZIONE DEI CONTI GIUDIZIALI RELATIVI ALLA GESTIONE DEI SEGUENTI GIOCHI: - GIOCHI DI ABILITA A DISTANZA NONCHE DEI GIOCHI DI SORTE A QUOTA FISSA E DEI GIOCHI DI CARTE ORGANIZZATI

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT

ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT ELABORAZIONE DATI A CURA DEL CENTRO STUDI AUTOMAT INDICE DEL DOCUMENTO AUDIZIONE DR. MAGISTRO ALLA COMMISSIONE FINANZE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI...2 SCENARIO

Dettagli

L Austria segue la via italiana

L Austria segue la via italiana L Austria segue la via italiana U n paio d anni di lavoro a ritmi serrati sono serviti al governo austriaco per rinnovare, in maniera sostanziale, la legge del 1989. e il risultato finale è in linea con

Dettagli

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte SCHEDA D INFORMAZIONE N 3: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte Parlare della riforma dell imposizione delle imprese significa anche affrontare i timori relativi

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE Il volume, edito dalla FIGC con la collaborazione di AREL e PwC, rappresenta la fotografia più aggiornata sullo stato del

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa I comportamenti in evoluzione dei clienti assicurativi Milano, 11 ottobre 2012 Uno scenario complesso La grande depressione

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

Dalla crisi (per guardare oltre) alla politica del credito

Dalla crisi (per guardare oltre) alla politica del credito Dalla crisi (per guardare oltre) foto Ti-Press / Francesca Agosta Il tema Congiuntura L analisi alla politica del credito Le banche ticinesi tra struttura e congiuntura a cura dell Associazione Bancaria

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3732 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore SERENA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 GENNAIO 1999 Istituzione di una

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013 CITTADINANZATTIVA Onlus Via Cereate, 6-00183 - Roma C.F.: 80436250585 P.I. : 02142701008 NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013 L Associazione Cittadinanzattiva Onlus predispone un bilancio

Dettagli

La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole

Dettagli

Cina: nuove misure di legge in materia di investimenti esteri nel settore immobiliare

Cina: nuove misure di legge in materia di investimenti esteri nel settore immobiliare Cina: nuove misure di legge in materia di investimenti esteri nel settore immobiliare with the support of a company participated by Corriere Asia Publishing Ltd. www.corriereasia.com quaderni e approfondimenti

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract Comunicato stampa IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 211 VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria delle famiglie italiane, da sempre caratterizzata da un

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione III trimestre 214 Rapporto in sintesi Secondo l ultimo Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione, in diversi Paesi l inflazione attesa dai

Dettagli

Il sistema congressuale riminese nel 2010

Il sistema congressuale riminese nel 2010 UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Polo di Rimini OSSERVATORIO CONGRESSUALE DELLA PROVINCIA DI RIMINI Il sistema congressuale riminese nel 2010 Ricerca promossa e finanziata da: 1. LA DOMANDA CONGRESSUALE ATTRAVERSO

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE di Avv. Elena Marangoni e-mail info@elenamarangoni.com Le aziende devono guardare alla Proprietà Intellettuale

Dettagli

QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE

QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE SISTEMI OPERATIVI QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE Venezia, settembre 1997 INDICE SINTESI DEI CONTENUTI 0 PREMESSA 1 IL PORTO DI CHIOGGIA OGGI E DOMANI 1.1 LE INFRASTRUTTURE E LE

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA

SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA Invio Codice di Condotta ai fornitori Ricaduta sul territorio: il 62% dei fornitori ha sede nel distretto della Concia di Arzignano 54% Circa il 54% dei fornitori è dotato di

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO GERMANIA IL MERCATO TURISTICO Superficie: 357.021 kmq Popolazione: 83.251. Densità: 230 ab/kmq Lingua: Tedesco Religione: Protestanti, Cattolici Capitale: Berlino Forma istituzionale: Repubblica Federale

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori SpA, riunitosi oggi, ha approvato i risultati consolidati relativi ai primi tre mesi dell anno.

Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori SpA, riunitosi oggi, ha approvato i risultati consolidati relativi ai primi tre mesi dell anno. Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo. Ricavi a 18,79 milioni di euro L Ebitda migliora di 1,02 milioni, a -0,91 milioni di euro Milano 14

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione IV trimestre 213 Rapporto in sintesi I consumatori continuano a pensare che l inflazione salirà oltre i livelli attuali, sia nel breve (un anno) che

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Informazioni stampa MAN SE. Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record. Monaco di Baviera, 14.02.2012

Informazioni stampa MAN SE. Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record. Monaco di Baviera, 14.02.2012 MAN SE Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record Fatturato: 16,5 miliardi di Euro (anno precedente: 14,7 miliardi di ) Ordini pervenuti: 17,1 miliardi di Euro (15,1 miliardi di ) Reddito

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARIO PEPE (PD)

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARIO PEPE (PD) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5318 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MARIO PEPE (PD) Disposizioni concernenti l erogazione di prestiti d onore e agevolazioni

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

C.C.N.L. delle Case da Gioco Considerazioni sullo stato del settore

C.C.N.L. delle Case da Gioco Considerazioni sullo stato del settore C.C.N.L. delle Case da Gioco Considerazioni sullo stato del settore Il gioco pubblico (fonte AGIPRONEWS), registra l ennesimo record di incassi attestandosi per il 2010 ad una chiusura di 61 miliardi di

Dettagli

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4 INDICE Introduzione: uno strumento completo 3 Il comparto delle costruzioni 4 Le aziende del comparto dell involucro edilizio 6 SERRAMENTISTI 7 COSTRUTTORI DI FACCIATE 9 L andamento del mercato 2011 SERRAMENTISTI

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

SE LA BCE FOSSE LA FED

SE LA BCE FOSSE LA FED 38 i dossier www.freefoundation.com SE LA BCE FOSSE LA FED (seconda puntata) quantitative easing in salsa europea? 15 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 Le mosse della Bce Grazie Draghi!

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook GIUGNO 2012 Nielsen Economic and Media Outlook NIELSEN ECONOMIC AND MEDIA OUTLOOK BROCHURE Maggio 2012 GIUGNO 2012 Scenario macro economico Tendenze nel mondo media Andamento dell advertising in Italia

Dettagli

Solida redditività operativa Maggior utile netto

Solida redditività operativa Maggior utile netto Esercizio 2009 Fa stato il testo orale Solida redditività operativa Maggior utile netto Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della conferenza stampa annuale del

Dettagli

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA -

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA - Camera dei Deputati IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Indagine conoscitiva sull assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche AUDIZIONE DI

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari)

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari) IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO Intervento a Urbanpromo 2012 di Mario Breglia (Presidente di Scenari Immobiliari) OTTOBRE 2012 1 1. Introduzione Il termine social housing è difficile

Dettagli

La costanza nel mutamento

La costanza nel mutamento Atel Holding SA Bahnhofquai 12, CH-4601 Olten Fa testo quanto verbalmente espresso. 24 aprile 2008 Assemblea generale ordinaria di Atel Holding SA del 24 aprile 2008 La costanza nel mutamento Dr. Rainer

Dettagli

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Convegno Nazionale dei Gruppi Agenti di Fondiaria e Sai Roma, 12 13 ottobre 2012 Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Fabio Orsi, IAMA Consulting Uno scenario complesso La grande

Dettagli