Trasferimento da via Pirelli 39

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trasferimento da via Pirelli 39"

Transcript

1 BERNINA 12 PIRELLI 39 Milano, 6 febbraio 2015

2 Milano Indice 1. Le motivazioni del trasferimento 2. Le caratteristiche dell edificio di via Bernina 12 Localizzazione Trasporto pubblico locale Caratteristiche dell edificio Parcheggi 3. La distribuzione delle DC in via Bernina12 Il piano terra aperto al pubblico 4. La Gestione Code 5. La chiusura degli Uffici Pubblici

3 1. Le motivazioni del trasferimento La situazione dell edificio di via Pirelli 39 Con la delibera n 28 del 16/07/2013 il Consiglio Comunale, evidenziava la necessità di individuare ed acquisire al patrimonio comunale tramite permuta un immobile nel quale trasferire, in tempi brevi, i circa 800 dipendenti di Via Pirelli 39, in considerazione della critica situazione strutturale e manutentiva, verificata l indisponibilità immediata di altri immobili di analoga capienza e funzionalità. Accertata l assenza di interesse del mercato ad effettuare operazioni di permuta (in quanto l unica presentata è stata dichiarata inammissibile), sono stati inseriti nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche i lavori per la riqualificazione dell immobile di via Pirelli 39. Il progetto definitivo della riqualificazione di via Pirelli è stato approvato con deliberazione di Giunta Comunale n del 29 novembre Oggi è in corso la progettazione esecutiva da parte di MM SpA in collaborazione con la DC Tecnica per il successivo avvio della procedura di evidenza pubblica per l affidamento dei lavori.

4 1. Le motivazioni del trasferimento La situazione dell edificio di via Pirelli 39 Nelle more della conclusione delle procedure per la progettazione e l affidamento dei lavori di riqualificazione, si è reso necessario individuare una sede temporanea dove ospitare gli uffici ed i servizi insediati attualmente in via Pirelli, per rispondere all esigenza di garantire ai dipendenti dell Amministrazione di lavorare in condizioni di sicurezza e salute adeguate alla normativa vigente in materia. Tale necessità emerge dalla situazione manutentiva complessiva dell immobile, che durante le ultime stagioni invernali ha causato e sta tutt ora causando numerosi guasti, con prolungata sospensione del servizio di riscaldamento e conseguente esercizio dell edificio ai limiti di legge. La presenza di amianto sulle tubazioni così come lane minerali nei controsoffitti obbliga ad intervenire in caso di guasti con estrema cautela e con misure di sicurezza che allungano notevolmente i tempi di fuori servizio degli impianti e gravano sui costi di manutenzione. Pertanto è stato predisposto un bando di evidenza pubblica per la ricerca di un immobile in locazione da utilizzare in via temporanea. L immobile individuato è quello situato in via Bernina 12 proposto da BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy SGR Spa.

5 2. Le caratteristiche dell edificio di via Bernina 12 La localizzazione L edificio di via Bernina 12 si trova nel quadrante nord della città di Milano, in prossimità della circonvallazione esterna all altezza di viale Jenner. È servito dal trasporto pubblico locale dalla linea MM3 fermata Maciachini e dal Passante Ferroviario fermata Lancetti. L edificio si trova a circa 1,5 km in linea d aria dall attuale sede di via Pirelli 39.

6 2. Le caratteristiche dell edificio di via Bernina 12 Il trasporto pubblico locale Fermata linee Stelvio minuti (200m) Fermata MM Maciachini 6 minuti (500m) Fermata Passante Lancetti 6 minuti (500m) Fermata linee Farini minuti (400m) Linee Passante - Lancetti 500 M SARONNO-MILANO-LODI MARIANO COMENSE-MILANO 1 KM VARESE-GALLARATE-MILANO-TREVIGLIO NOVARA-MILANO-TREVIGLIO PAVIA-MILANO

7 2. Le caratteristiche dell edificio di via Bernina 12 Le nuove stazioni di Bike Sharing previste Per la nuova sede di via Bernina è stata programmata la stazione 307 in via Piazzi. Al fine di favorire lo scambio intermodale, sono state programmate una stazione presso la fermata del Passante Ferroviario Lancetti ed una presso la stazione MM 3 Maciachini. A supporto della rete ed in particolar modo della 307 verrà eventualmente proposta anche la stazione 257 Valtellina Aprica. 256 LANCETTI 30 Stalli 307 BERNINA 36 Stalli 257 Valtellina 24 Stalli 258 MACIACHINI 36 Stalli 160 Zara Le stazioni programmate fanno riferimento alla fase 3 del Progetto da attuare entro EXPO Esistenti Programmate 196 Lagosta

8 2. Le caratteristiche dell edificio di via Bernina 12 Caratteristiche dell edificio Il complesso di Via Bernina 12 è il risultato del recupero di un area in precedenza a destinazione industriale e direzionale. Il comparto è stato completamente ridefinito attraverso la riorganizzazione degli edifici, uno integralmente riqualificato e l altro demolito e ricostruito in sostituzione del preesistente capannone industriale. La riqualificazione ha riguardato gli aspetti di risanamento complessivo, di comfort interno, di immagine architettonica, di razionalizzazione del consumo energetico (Classe energetica B). All interno gli spazi sono realizzati con l attenzione di un ufficio contemporaneo, e nel rispetto completo di tutti gli elementi normativi e di qualità del lavoro. Il complesso ha ottenuto la certificazione ambientale LEED GOLD. Vista edificio B Vista interna edificio A

9 2. Le caratteristiche dell edificio di via Bernina 12 Caratteristiche dell edificio Il trasferimento nella nuova sede comporterà una riduzione degli spazi da circa mq a mq. La distribuzione degli spazi utilizza al meglio le caratteristiche degli spazi esistenti con la volontà di garantire la migliore accessibilità a tutti. È presente un piano interrato per spazi di servizio e deposito, raggiungibile con scale e ascensori. Gli spazi esterni ospitano un parcheggio nell area pilotis dell edificio B e sono presenti zone a verde nelle aree pertinenziali del complesso. Immagini edificio A

10 2. Le caratteristiche dell edificio di via Bernina 12 I parcheggi previsti Il nuovo complesso disporrà di posti auto all esterno del complesso, in un area comunale con ingresso da Via Bernina, che verrà attrezzata entro il secondo semestre 2015.

11 3. La distribuzione delle DC in via Bernina 12 Le nuove sedi previste La riqualificazione di Via Pirelli 39 coinvolge i dipendenti dell Area Territorio, che saranno trasferiti principalmente nella nuova sede di Via Bernina 12 e marginalmente nelle sedi di: Via Cenisio, Via Edolo e via Pirelli 30. BERNINA VIA EDOLO Ufficio Ascensori Ufficio Demolizioni d'ufficio - Ufficio Fognatura Privata VIA CENISIO Servizio Certificati Urbanistici VIA PIRELLI 39 VIA PIRELLI 30 Settore Pianificazione Urbanistica Generale

12 3. La distribuzione delle DC in via Bernina 12 Via Piazzi Edificio B Edificio A DC Tecnica DC OO PP e Centrale Unica Appalti DC Sviluppo del Territorio Settore Gare e OO PP

13 3. La distribuzione delle DC in via Bernina 12 Edificio A Piano Terra Assetto indicativo Sala d attesa Area Break Servizi Igienici Uffici Protocollo ingresso Servizio AMSA SUE Interventi Ed. Maggiori SUE Interventi Ed. Minori Visure Sale per Commissione Paesaggio interfaccia pubblico Ufficio rilascio Ufficio Relazioni con il Pubblico Portineria / Accoglienza

14 4. Gestione Code Nell atrio di ingresso sarà presente un servizio di accoglienza che potrà fornire le consuete informazioni all utenza. Non sarà previsto un sistema di controllo accessi tramite tornello, di conseguenza l utenza non sarà soggetta a procedure di registrazione.

15 4. Gestione Code La nuova organizzazione logistica trasferisce gli sportelli aperti al pubblico al piano terra dell edificio, i rispettivi flussi di coda saranno gestiti da un sistema informatizzato. Come rappresentato nella slide precedente al piano terra saranno istallati 3 monitor di sala, uno nell atrio di ingresso e due nelle sale di attesa. Nell atrio di ingresso in prossimità del monitor di sala sarà presente una stazione di prenotazione non assistita (totem), a cui l utenza esperta potrà accedere liberamente per l erogazione dei ticket e sarà presente una seconda stazione di prenotazione presidiata dal servizio di accoglienza.

16 5. La chiusura degli uffici al pubblico Il trasloco degli uffici relativi all area Sviluppo del Territorio di via Pirelli39,inizieràil23febbraioesiconcluderàil23aprile. 23 febbraio 22 aprile Il trasloco prevedrà lo spostamento progressivo dei settori e dei servizi, limitando il più possibile la chiusura degli uffici. Il periodo di trasloco di un singolo servizio è commisurato al numero di personale impiegato e alla quantità di pratiche da spostare.

17 5. La chiusura degli uffici al pubblico Sul sito istituzionale verrà pubblicato il cronoprogramma di dettaglio sui trasferimenti dei settori/servizi con i relativi tempi di chiusura al pubblico, così come verranno apposti cartelli illustrativi/informativi presso al sede di via G.B. Pirelli 39.

18 5. La chiusura degli uffici al pubblico 1. Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree 21 febbraio 12 marzo 2. Protocollo Direzione Centrale Sviluppo del Territorio 27 febbraio 9 marzo 3. Servizio Pianificazione Urbanistica Attuativa e Strategica 3 marzo 19 marzo Le date indicate si riferiscono all ultimo giorno di apertura di via Pirelli 39 e al primo di apertura in via Bernina

19 5. La chiusura degli uffici al pubblico 4. UCREDIL Servizio Monitoraggio - SUE 13 marzo 27 marzo 5. Ufficio Fognatura Privata (EDOLO) Servizio Monitoraggio - SUE 13 marzo 27 marzo 6. Servizio Interventi Edilizi Maggiori - SUE 13 marzo 2 aprile Le date indicate si riferiscono all ultimo giorno di apertura di via Pirelli 39 e al primo di apertura in via Bernina

20 5. La chiusura degli uffici al pubblico 7. Protocollo SUE Rilascio Visure Servizio Monitoraggio - SUE 18 marzo 2 aprile 8. Servizio Interventi Edilizi Minori - SUE 18 marzo 10 aprile 9. Ufficio Relazioni Con il Pubblico -SUE 24 marzo 2 aprile Le date indicate si riferiscono all ultimo giorno di apertura di via Pirelli 39 e al primo di apertura in via Bernina

21 5. La chiusura degli uffici al pubblico 10. Settore Bonifiche 27 marzo 14 aprile 11. Ufficio Progetto Stralcio - Servizio Interventi di Recupero Urbano - SUE 27 marzo 13 aprile 12. Ufficio Ascensori Ufficio Demolizioni d Ufficio (EDOLO) Servizio Monitoraggio -SUE 27 marzo 10 aprile Le date indicate si riferiscono all ultimo giorno di apertura di via Pirelli 39 e al primo di apertura in via Bernina

22 5. La chiusura degli uffici al pubblico 13. Servizio Interventi di Recupero Urbano - SUE 27 marzo 13 aprile 14. Servizio Convenzionamenti - SUE 31 marzo 15 aprile 15. Servizio Interventi in Attuazione Strumenti Urbanistici (SIASU) - SUE 7 aprile 23 aprile Le date indicate si riferiscono all ultimo giorno di apertura di via Pirelli 39 e al primo di apertura in via Bernina

23 Milano 5. La chiusura degli uffici al pubblico 16. Ufficio Tutela del Paesaggio - SUE 3 aprile 20 aprile 17. Servizio Certificati Urbanistici Gli uffici saranno trasferiti in via Cenisio2/4, indicativamente per la fine di giugno Le date indicate si riferiscono all ultimo giorno di apertura di via Pirelli 39 e al primo di apertura in via Bernina

BERNINA 12 PIRELLI 39

BERNINA 12 PIRELLI 39 BERNINA 12 PIRELLI 39 Milano, 6 febbraio 2015 Idi Indice 1. Le motivazioni del trasferimento 2. Le caratteristiche dell edificio di via Bernina 12 Localizzazione Trasporto pubblico locale Caratteristiche

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO DE TERRITORIO - APERTURA DEGLI UFFICI IN VIA BERNINA n. 12

DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO DE TERRITORIO - APERTURA DEGLI UFFICI IN VIA BERNINA n. 12 DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO DE TERRITORIO - APERTURA DEGLI UFFICI IN VIA BERNINA n. 12 Le attività di trasloco dei diversi Settori, Servizi ed Uffici dalla sede di Via Pirelli alla nuova sede di Via Bernina

Dettagli

UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75% DELL OFFERTA DI UFFICI E OGGI DI BASSA QUALITÀ

UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75% DELL OFFERTA DI UFFICI E OGGI DI BASSA QUALITÀ Nasce l Osservatorio sull offerta di immobili a uso uffici 1 Rapporto CRESME- II semestre 2014 Monitorati oltre 4.500 annunci per vendita e affitto UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75%

Dettagli

Milano Via Besozzi Via Caianello

Milano Via Besozzi Via Caianello Milano Via Besozzi Via Caianello Marzo 2012 i n f o @ d d - i m m o b i l i. c o m w w w. d d - i m m o b i l i. c o m 01 Milano, Via Besozzi Via Caianello Caratteristiche principali Proprietà: Terreno

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

2 EDIFICIO in VALPERGA

2 EDIFICIO in VALPERGA 2 EDIFICIO in VALPERGA Per ulteriori approfondimenti e programmazione sopralluoghi (Tel. 011.861.2447-2494-2402-2620) UBICAZIONE Il complesso immobiliare dista 50 km da Torino ed è ubicato nel comparto

Dettagli

PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova

PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova Palazzo di proprietà e sede sociale in Genova Via Assarotti 17A 1 Sede sociale in Genova via Assarotti 17/A Capitale sociale uro 5.460.000,00 La

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità Dipartimento XII Innovazione e Impresa Servizio II POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità M05 Documento Normativo PROVINCIATTIVA s.p.a. DICEMBRE 2011 Introduzione Il

Dettagli

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia Il programma SPQR prevede la razionalizzazione del patrimonio immobiliare BNL a Roma

Dettagli

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT 01 IVIO GENERALE PATRIMONIO Sistema di Gestione per la qualità Analisi giuridica Analisi giuridica Titolo e contratto di provenienza Pesi e Servitù gravanti Contratti o concessioni correlate Terreno Immobile

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo

Dettagli

SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER. "Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città"

SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER. Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città UNA MANIFESTAZIONE DI IN CONTEMPORANEA CON SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER "Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città" ASTER ASTER èla società regionale che, dal

Dettagli

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE L ospedale è costituito da quattro ali parallele collegate tra di loro da un corridoio centrale di raccordo e da una piccola palazzina, unita dal corridoio

Dettagli

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Area Pianificazione urbana, Tutela ambientale e Casa Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Servizio Housing sociale e Piani di Zona Servizio Patrimonio ed Inventari Servizio Casa

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

PREZZO DI VENDITA 1.400.000,00 (eurounmilionequattrocentomila/00).

PREZZO DI VENDITA 1.400.000,00 (eurounmilionequattrocentomila/00). Complesso in vendita nel Comune di Assago MQ L area ricopre una superficie di Mq 4.125. L edificio esistente ricopre una superficie lorda complessiva (SLP) di Mq 802,00; di cui Mq 436,00 per il piano primo

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Modalità di attuazione degli interventi edilizi Gli interventi edilizi devono

Dettagli

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000 Milano (MI) PII Montecity Rogoredo Scala 1:20.000 Inquadramento territoriale Il Programma Integrato d Intervento interessa un area di circa 1.100.000 mq, collocata nel settore sud est di Milano, attualmente

Dettagli

Tecnopolo Tiburtino - Complesso Technology. OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Acquisto e locazione. Via A. Olivetti, 24-26 00131 Roma

Tecnopolo Tiburtino - Complesso Technology. OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Acquisto e locazione. Via A. Olivetti, 24-26 00131 Roma OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Acquisto e locazione Via A. Olivetti, 24-26 00131 Roma 1 INDICE Introduzione..4 Ubicazione e accessibilità.5 Caratteristiche principali...6 Opportunità di investimento.7 Servizi..8

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

Domus Aventino. La tua residenza nel cuore di Roma. www.domusaventino.it

Domus Aventino. La tua residenza nel cuore di Roma. www.domusaventino.it Domus Aventino. La tua residenza nel cuore di Roma. www.domusaventino.it Aventino: la vita al centro della Storia. Vivere sul colle Aventino significa essere nel cuore della Storia. Le antiche famiglie

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Allegato A COMUNE DI TREVISO PROTOCOLLO DI INTESA tra Comune di Treviso e Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., Trenitalia S.p.A., FS Logistica S.p.A., FS Sistemi Urbani

Dettagli

Edison Park Center. A quality location to grow your business

Edison Park Center. A quality location to grow your business Edison Park Center A quality location to grow your business Edison Park Center La base del vostro Business Più di 20.000m 2 di uffici in locazione, tagli da 700m 2 a 12000m 2 (Classe A) Progettato dal

Dettagli

NUOV O A V A S TA T Z A IONE A V A V ROMA TIBURTINA

NUOV O A V A S TA T Z A IONE A V A V ROMA TIBURTINA NUOVA STAZIONE AV ROMA TIBURTINA L Alta Velocità italiana Malpen sa L avvento del trasporto AV-AC in Italia segna un nuovo paradigma per la mobilità sul nostro territorio. Dal13 dicembre 2009, 1000 km

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

Nota Informativa_Viale Mazzini

Nota Informativa_Viale Mazzini GRUPPORIGAMONTI REAL ESTATE Nota Informativa_Viale Mazzini ROMA / Vendita COD. 02VE1292 Rigamonti Real Estate: International Advisor rigamontirealestate.com viale Giuseppe Mazzini L immobile è ubicato

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l 2015 MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 LE OPERE ESSENZIALI (FONDI STATALI EXPO) PRIVATI PREVISTI COMUNI PROVINCIA REGIONE INTERVENTI

Dettagli

DOCUMENTAZIONE ILLUSTRATIVA. Complesso Immobiliare PORTA MARGHERA

DOCUMENTAZIONE ILLUSTRATIVA. Complesso Immobiliare PORTA MARGHERA DOCUMENTAZIONE ILLUSTRATIVA Complesso Immobiliare PORTA MARGHERA AGENDA Descrizione generale Localizzazione Collegamenti Il Progetto Sezioni Dati Metrici Riferimenti DESCRIZIONE GENERALE Prospettiva SpA

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 4/E Roma, 04 gennaio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza Giuridica Art. 1 della legge n. 449 del 1997 Piano Casa Possibilità di fruire della detrazione del 36 per cento

Dettagli

IL POLO del DIGITALE APPLICATO di AREZZO

IL POLO del DIGITALE APPLICATO di AREZZO IL POLO del DIGITALE APPLICATO di AREZZO Progetto arch. Mirko Tamburi L idea di creare un Polo Digitale ad Arezzo nasce dalla volontà di mettere in sinergia le imprese che si occupano di informatica (hardware,

Dettagli

Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio (ai sensi dell art. 18 del Regolamento Edilizio)

Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio (ai sensi dell art. 18 del Regolamento Edilizio) COMUNE DI FERRARA Città patrimonio dell Umanità Marca da Bollo PG Allo Sportello Unico per l Edilizia PR Ufficio Ricezione Data di arrivo Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA TRA FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DELLA STAZIONE FERROVIARIA E DELLO

Dettagli

Piano delle misure finalizzate alla razionalizzazione e riqualificazione delle sedi provinciali ad uso uffici

Piano delle misure finalizzate alla razionalizzazione e riqualificazione delle sedi provinciali ad uso uffici Provincia di Ravenna Settore Bilancio, Programmazione Finanziaria e Politiche Sociali Settore Lavori Pubblici Servizio Informatica Piano delle misure finalizzate alla razionalizzazione e riqualificazione

Dettagli

Piano nazionale per le città - FIRENZE

Piano nazionale per le città - FIRENZE Housing sociale Piagge Piano di Recupero Manifattura Tabacchi Recupero area ferroviaria Leopolda Nuovo Teatro dell Opera Piano Urbanistico Leopolda Piazza Giardino Viale Rosselli - Nuovo Teatro dell Opera

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a

COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a Progettista Committente Progetto Sede operativa: Via Massimo d'azeglio, 23 25128 Brescia T. +39

Dettagli

progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target

progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target miglioramento della sicurezza 2.01.01 rotatoria XXV Aprile: approvazione progetto esecutivo entro il 30/4/2015, avvio dei lavori

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

IL DE/REGOLAMENTO EDILIZIO DI FIRENZE: LE REGOLE PER ABUSARE?

IL DE/REGOLAMENTO EDILIZIO DI FIRENZE: LE REGOLE PER ABUSARE? Comitati dei Cittadini Firenze - comitatideicittadini@email.it Comitato Ex Panificio Militare coexpami@libero.it www.coexpami.it IL DE/REGOLAMENTO EDILIZIO DI FIRENZE: LE REGOLE PER ABUSARE? Firenze, 28

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione LOMBARDIA

Guida al PIANO CASA della Regione LOMBARDIA Guida al PIANO CASA della Regione LOMBARDIA (aggiornata a gennaio 2013) SOMMARIO INTRODUZIONE....pag. 3 IL PIANO CASA IN LOMBARDIA...... pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico..... pag. 6

Dettagli

Comune della Spezia Servizio Partecipazioni Comunali

Comune della Spezia Servizio Partecipazioni Comunali Comune della Spezia Servizio Partecipazioni Comunali MONITORAGGIO PRINCIPALI STANDARD QUALITA (DELIBERA CIVIT N.88 DEL 2010) ATC ESERCIZIO S.P.A. DIMENSIONI SOTTODIMENSIONI INDICATORE Accessibilità Accessibilità

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

comune di montevarchi - provincia di arezzo approvazione Del.C.C. n.44 del 27.04.2011 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

comune di montevarchi - provincia di arezzo approvazione Del.C.C. n.44 del 27.04.2011 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE comune di montevarchi - provincia di arezzo approvazione Del.C.C. n.44 del 27.04.2011 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI BENEFICI DA APPLICARE AGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO 2015-2016-2017 PIANO ANNUALE E TRIENNALE DELLE OPERE

RELAZIONE BILANCIO 2015-2016-2017 PIANO ANNUALE E TRIENNALE DELLE OPERE RELAZIONE BILANCIO 2015-2016-2017 PIANO ANNUALE E TRIENNALE DELLE OPERE La Sapienza dispone di un patrimonio immobiliare considerevole, dal punto di vista non solo della sua vastità ma anche e soprattutto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGRAMMA INNOVATIVO IN AMBITO URBANO CONTRATTI DI QUARTIERE II (INTERVENTO ERP) RELAZIONE ILLUSTRATIVA PREMESSA La Regione Puglia con Deliberazione di G.R. n 99/00 ha localizzato nel Comune di Maglie

Dettagli

Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti

Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti Osservatorio Assolombarda e Camera di commercio - Osmi Borsa Immobiliare Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti Grazie ai prezzi più bassi e a una maggiore presenza di immobili di pregio

Dettagli

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO Regolamento Comunale per l edilizia sostenibile finalizzato alla graduazione degli incentivi (Approvato con delibera di

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-225 del 30/06/2015

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-225 del 30/06/2015 118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-225 del 30/06/2015 DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA PROPOSTA PRESENTATA DALLA SOGEGROSS S.P.A.,

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO. Intervento di recupero della Cascina del Parroco 1. QUADRO CONOSCITIVO

SCHEDA INTERVENTO. Intervento di recupero della Cascina del Parroco 1. QUADRO CONOSCITIVO SCHEDA INTERVENTO OPRE8 Intervento di recupero della Cascina del Parroco 1. QUADRO CONOSCITIVO 1.1 QUADRO CONOSCITIVO GENERALE E OBIETTIVI DELL INTERVENTO Localizzazione dell intervento L intervento di

Dettagli

IL QUADRO GENERALE ATTUALE DEGLI INTERVENTI EDILIZI ASSISTITI DA «DETRAZIONE» FISCALE

IL QUADRO GENERALE ATTUALE DEGLI INTERVENTI EDILIZI ASSISTITI DA «DETRAZIONE» FISCALE IL QUADRO GENERALE ATTUALE DEGLI INTERVENTI EDILIZI ASSISTITI DA «DETRAZIONE» FISCALE Interventi di ristrutturazione edilizia Interventi tesi al risparmio energetico Legge istitutiva: L. 27 dicembre 1997

Dettagli

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana L.R. 23 marzo 2010, n. 6. Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. Pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 26 marzo 2010, n. 14. ***********************

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/288 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA

BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA CITTÀ DEL SOLE È UN INNOVATIVO PROGETTO URBANO ED ARCHITETTONICO NATO CON L INTENTO DI CREARE UN LUOGO CAPACE DI CONCILIARE LA MISURA E LA VIVIBILITÀ DI QUARTIERE CON I CANONI

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI UN BENE IMMOBILIARE DI PROPRIETA REGIONALE. Comune di Cagliari - Magazzino in via Caprera, 8

STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI UN BENE IMMOBILIARE DI PROPRIETA REGIONALE. Comune di Cagliari - Magazzino in via Caprera, 8 STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI UN BENE IMMOBILIARE DI PROPRIETA REGIONALE Comune di Cagliari - Magazzino in via Caprera, 8 Ottobre 2007 Pagina 1 di 15 Contenuto della stima. Capo 1 1.1 Introduzione

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Milano. Mazzini

Contratti di Quartiere II - Milano. Mazzini Contratti di Quartiere II - Milano 32 Mazzini Quartiere Mazzini Quartiere Mazzini 33 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione Partecipata Contratti

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

Comune di VICCHIO (FI) Scheda progetto esercizio 2011 Servizio: Urbanistica-Edilizia-Ambiente

Comune di VICCHIO (FI) Scheda progetto esercizio 2011 Servizio: Urbanistica-Edilizia-Ambiente Linea di indirizzo: Linee di mandato amministrativo Relazione previsionale e programmatica Triennio 0/0 Responsabile del progetto: Arch. Riccardo Sforzi N. Nome Progetto: Smaltimento del carico pregresso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DI AREE PER STANDARD URBANISTICI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DI AREE PER STANDARD URBANISTICI COMUNE DI BARDONECCHIA Provincia di Torino CAP. 10052 UFFICIO TECNICO EDIIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DI AREE PER STANDARD URBANISTICI Maggio 2010 Approvato con deliberazione

Dettagli

LEED COME STRUMENTO DI PROJECT MANAGEMENT: LE RIPERCUSSIONI SUI COSTI

LEED COME STRUMENTO DI PROJECT MANAGEMENT: LE RIPERCUSSIONI SUI COSTI LEED COME STRUMENTO DI PROJECT MANAGEMENT: LE RIPERCUSSIONI SUI COSTI Silvio A. Manfredini, ingegnere, senior partner Open Project Marco Orlandini, architetto, senior partner Open Project Andrea Bozzini,

Dettagli

R E S I D E N Z E VILLA NOBI LI

R E S I D E N Z E VILLA NOBI LI R E S I D E N Z E VILLA NOBI LI RONCO BRIANTINO (MB) IL B O R G O R IN A SCE www.residenzevillanobili.it IL PROGETTO PRINCIPALI CARATTERISTICHE CAPITOLATO. Il Progetto di Recupero Villa Nobili e di tutti

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 23 marzo 2010, n. 766

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 23 marzo 2010, n. 766 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 64 del 12-04-2010 10917 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 23 marzo 2010, n. 766 Ridefinizione dei limiti di costo per gli interventi di edilizia residenziale

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006

SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006 Comune di Follonica SETTORE LAVORI PUBBLICI il Comune di follonica è certificato ISO 14.001/96 SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità Anna Maria Pozzo Direttore tecnico di Federcasa Premessa L efficienza energetica é una esigenza e una opportunità che va anche

Dettagli

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA PROTOCOLLO GENERALE COMUNICAZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA N DEL Al COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA Sportello Unico per l edilizia COMUNICAZIONE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Dettagli

COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA

COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA ARTICOLO 1 Oggetto delle norme e campo d applicazione. Le norme riguardano

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

Doc. 2bis OFFERTA TECNICA MXPT2LINK-UP MALPENSA COLLEGAMENTO FERROVIARIO T1-T2 NUOVA STAZIONE (LOTTO 1) AEROPORTO DI MILANO MALPENSA

Doc. 2bis OFFERTA TECNICA MXPT2LINK-UP MALPENSA COLLEGAMENTO FERROVIARIO T1-T2 NUOVA STAZIONE (LOTTO 1) AEROPORTO DI MILANO MALPENSA Doc. 2bis OFFERTA TECNICA MXPT2LINK-UP MALPENSA COLLEGAMENTO FERROVIARIO T1-T2 NUOVA STAZIONE (LOTTO 1) AEROPORTO DI MILANO MALPENSA 1 Rif.to ELEMENTI di VALUTAZIONE 1 GARANZIA DESCRIZIONE OFFERTA Il Concorrente

Dettagli

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma)

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma) ATTIVITA PROFESSIONALE PREZZI (*esclusi: IVA e CNPAIA 4%, diritti di segreteria P.A.- COMPUTO-METRICI, CAPITOLATI, CONTRATTI, DIREZIONE LAVORI, N.O. VINCOLI, PROGETTO STRUTTURALE, RELAZIONE GEOLOGICA,

Dettagli

DICHIARAZIONE ASSEVERATA

DICHIARAZIONE ASSEVERATA III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente STD 10.09.03 (agg. 03/2014) DICHIARAZIONE ASSEVERATA DA ALLEGARE ALLA COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI E DOMANDA DI CERTIFICATO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO INDAGINE DI MERCATO PER LA RICERCA DI UN IMMOBILE AD USO UFFICI IN MILANO

AVVISO PUBBLICO INDAGINE DI MERCATO PER LA RICERCA DI UN IMMOBILE AD USO UFFICI IN MILANO Area Edilizia e Valorizzazione del Patrimonio Settore Edilizia Istituzionale e Patrimonio Atti prov.li 97668/2012/6.6/2011/10 AVVISO PUBBLICO INDAGINE DI MERCATO PER LA RICERCA DI UN IMMOBILE AD USO UFFICI

Dettagli

Mensile d informazione 1 0, 0 0

Mensile d informazione 1 0, 0 0 2011-2012 Mensile d informazione Vent uno anni N. 1 / 2 2011 A N N O XXI 1 0, 0 0 Aut. TRIB. di ROMA 618 / 90 del 25-10-90 Tariffa ROC - Poste Ital. Spa - Sped. in Abb. Postale - Dl. 353 / 2003 Art.1 comma

Dettagli