Il numero d identificazione delle imprese (IDI)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il numero d identificazione delle imprese (IDI)"

Transcript

1 Il numero d identificazione delle imprese (IDI) Un introduzione

2 L obiettivo e le finalità dell IDI Identificazione univoca delle imprese Riduzione progressive della molteplicità di identificatori delle imprese esistenti a livello amministrativo Sgravio amministrativo per le imprese (B2G) Semplificazione delle procedure amministrative (G2G) Semplificazione dei contatti d affari tra le imprese (B2B) Premessa per il governo elettronico Esigenze internazionali 2

3 Le esigenze di base e il piano generale (1) Gli ambienti economici e l amministrazione pubblica hanno bisogno di un identificatore unitario. La soluzione deve essere semplice, efficiente e applicabile su vasta scala, e non deve gravare ulteriormente sulle imprese. Il sistema IDI si basa per lo più su strutture e procedure amministrative già esistenti. L IDI e il registro IDI servono unicamente a identificare le imprese e non assolvono altri compiti (p. es. registro di commercio). Nel registro IDI sono iscritti unicamente i dati necessari all identificazione delle imprese. Non sono registrati altre informazioni. 3

4 Le esigenze di base e il piano generale (2) Il concetto di impresa è inteso in senso lato al fine di garantire una vasta applicazione dell IDI Di massima, l IDI è accessibile e utilizzabile pubblicamente. Un attenzione particolare è riservata alla protezione dei dati. Il progetto deve rimanere snello. Si auspica una soluzione semplice, estensibile e di rapida introduzione (introduzione e ampliamento a tappe). L IDI può portare notevoli benefici se introdotto su vasta scala e utilizzato con rigore. La cooperazione garantisce il successo. 4

5 L approccio Il registro delle imprese e degli stabilimenti (RIS) dell UST è utilizzato quale registro di riferimento. L IDI è attribuito a tutte le imprese iscritte nel RIS (circa unità IDI, tra cui anche le unità attive registrate nei 28 registri di commercio cantonali e nel registro IVA). Creazione di un registro IDI fisicamente indipendente dal RIS con un record minimo di caratteristiche identificative. Attribuzione progressiva dell IDI e suo aggiornamento attraverso le varie unità amministrative (servizi IDI). 5

6 Le fonti dei dati per il registro IDI In linea di principio nel RIS sono iscritte tutte le imprese e le aziende (stabilimenti) ubicate in Svizzera. Di fatto, il RIS contiene tutte le imprese figuranti anche nei registri di riferimento (registro del commercio, registro IVA, ecc.). Universo di base fonte D Universo di base fonte A Universo di base fonte C Universo di base fonte B Universo Grundgesamtheit RISBUR di base Registro IDI Attualmente vi sono ancora alcune lacune riguardanti le piccole imprese (p. es. lavoratori indipendenti). La copertura integrale della popolazione di imprese ai sensi dalla LIDI potrà essere raggiunta collegando al RIS altre fonti di dati (p. es. casse di compensazione AVS). 6

7 Il concetto IDI L IDI identifica le imprese (= unità IDI) EntID IDI Il n. RIS identifica gli stabilimenti. Il n. RIS verrà mantenuto e non potrà essere sostituito dall IDI. N. RIS Registro RIS Registro IDI Assicurare continuità e flessibilità Utilizzare gli strumenti di provata efficacia Assicurare benefici a lungo termine Rendere possibile un futuro ampliamento 7

8 L IDI (numero d identificazione delle imprese) IDI: C H E P Codice Paese ISO Cifra di controllo* L IDI nel raffronto con altri numeri d identificazione: Numeri d identificazione IDI Nuovo numero AVS N. del registro di commercio Tipo di codice Paese secondo ISO ISO Alpha-3 ISO numerico ISO Alpha-2 Numero di 9 cifre e Codice Paese CHE 756 CH Esempio CHE CH

9 Il numero amministrativo Numero amministrativo A D M P Prefisso di 3 cifre A/N Numero di 9 cifre con cifra di controllo Il numero amministrativo ha un altro prefisso ma la stessa struttura dell IDI. Viene attribuito anch esso un unica volta. Definizione: Il numero amministrativo è un numero iscritto nel registro IDI che serve a identificare le unità che non sono considerate unità IDI ma che devono essere identificate da determinati uffici amministrativi (p. es. casse di compensazione AVS) per l adempimento dei loro compiti. I numeri amministrativi e la caratteristiche relative iscritte nel registro IDI non sono pubblicamente accessibili. 9

10 Le unità IDI (art. 3 cpv.1 lett. c) 1. Unità del registro di commercio 2. Unità dell Amministrazione federale delle contribuzioni (in particolare persone soggette all IVA) 3. Lavoratori indipendenti e professioni liberali 4. Società semplici quali studi associati 5. Imprese straniere operanti in Svizzera 6. Aziende agricole e forestali 7. Unità dell Amministrazione pubblica 8. Istituzioni che svolgono compiti di diritto pubblico 9. Associazioni e fondazioni che versano contributi AVS 10

11 I servizi IDI (art. 3 cpv. 1 lett. d) Unità amministrative di Confederazione, Cantoni e Comuni nonché enti di diritto pubblico e istituzioni private con compiti di diritto pubblico, che gestiscono raccolte di dati sulle unità IDI in considerazione della loro attività economica. 11

12 I compiti dei servizi IDI (art. 5 cpv. 1 e art. 9 cpv. 1) Riconoscere l IDI quale identificatore Gestire l IDI nella raccolta di dati Utilizzare l IDI nello scambio di dati tra di loro e con le unità IDI Notificare i dati di nuove unità IDI Notificare qualsiasi modifica o rettifica dei dati delle unità esistenti (incl. cessazione dell attività) I servizi IDI coprono un ruolo determinante nell attribuzione dell IDI e nell aggiornamento dei dati del registro IDI 12

13 I generi di servizi IDI Servizi IDI con obblighi estesi Servizi che intrattengono contatti frequenti con le unità IDI e che sono di centrale importanza per l aggiornamento del registro IDI Devono ottemperare a tutti gli obblighi previsti Termine per l introduzione: tre o cinque anni Servizi IDI con obblighi ridotti Devono unicamente riconoscere l IDI quale identificatore Quali servizi IDI con obblighi ridotti possono essere presi in considerazione i servizi amministrativi che intrattengono radi contatti con le unità IDI e le cui raccolte di dati contengono soltanto poche registrazioni relative alle unità IDI e non sono rilevanti per l aggiornamento del registro IDI 13

14 Il contenuto del registro IDI Caratteristiche di base: IDI, status dell iscrizione nel registro IDI e complemento IDI Nome, ditta o designazione e indirizzo Status dell iscrizione nel registro di commercio Status dell iscrizione nel registro IVA con inizio e fine dell assoggettamento Caratteristiche addizionali: Dati per la distinzione più precisa dell unità IDI, in particolare designazione dettagliata dell unità IDI e informazioni sull attività economica Caratteristiche del sistema: Dati tecnico-organizzativo necessari per la gestione del registro IDI, in particolare la data d iscrizione nel registro 14

15 Ruoli nel sistema IDI I servizi IDI gestiscono i propri registri IDI, car. di base e car. addizionali ricerca consultazione notifica mutazione Registro IDI Car. di base Car. addizionali Notificare nuove imprese Notificare mutazioni Unità IDI (imprese) UST / Registro IDI Verificare/convalidare l IDI Attribuire l IDI Comunicare l IDI Esercizio del sistema Vasto pubblico Dati pubblici ricerca consultazione 15

16 I flussi di notifica: nuova unità IDI Registro IDI RIS Servizio IDI Verifica e notifica di nuove unità IDI Imprese 1. Notifica nuova unità IDI Nome Indirizzo in secondi IDI (numero) 2. Attribuzione IDI Registro IDI Car. di base Car. addizionali 3. IDI definitivo, registrazione completa 1.1 Controllo automatico di un ev. doppia iscrizione 1.2 Attribuzione IDI con status d iscrizione provvisorio 3.1 Verifica manuale integrazione codice NOGA 3.2 Registrazione IDI con status definitivo 3.3 Registrazione completa 3.4 Conferma registrazione 16

17 Il registro IDI quale riferimento per un identificazione univoca e universale delle imprese I servizi IDI espletano le attività amministrative di base in tale contesto emettono autorizzazioni, certificati, ecc. IDI il numero unico e univoco d identificazione delle imprese Per l IDI esaminano le notifiche delle unità IDI gestiscono i propri registri e identificano le imprese mediante l IDI Il registro IDI dell UST quale riferimento d identificazione univoca attribuisce l IDI in modo unico, univoco e centralmente coordinato integra e gestisce i dati necessari all identificazione delle imprese informa i servizi IDI e pubblica l IDI archivia l IDI, le relative caratteristiche e le fonti di dati (servizi IDI) Unità IDI e terzi possono utilizzare l IDI (qualora la sua pubblicazione sia autorizzata) impiegano l IDI per identificare le imprese (importazione, esportazione e commercio) creano OID per lo scambio di dati internazionale offrono informazioni sulla solvibilità delle imprese e molto altro ancora 17

18 Lo scadenzario dell IDI Entrata in vigore prevista per la legge IDI: 1 gennaio Termini per l introduzione - 3 anni per i registri rilevanti - 5 anni per i servizi IDI (amministrazione in generale) Apr Mai Jun Jul Aug Sep Okt Nov Dez Jan Feb Mrz Apr Mai Jun Jul Aug Sep Okt Nov Dez Jan Feb Mrz Apr Mai Jun Jul Aug Sep Okt Nov Dez Consultazione Redazione Messaggio CF Parlamento 1 gennaio 2011 Entrata in vigore Realizzazione: introduzione a partire dal Apr Mai Jun Jul Aug Sep Okt Nov Dez Jan Feb Mrz Apr Mai Jun Jul Aug Sep Okt Nov Dez Jan Feb Mrz Apr Mai Jun Jul Aug Sep Okt Nov Dez UST Piano generale e documentazione Analisi preliminare, piano IT Realizzazione Test sistema Preparaz. Preparazione piano IT migrazione produzione 18

19 I benefici dell IDI (1) Scambio di dati semplificato e con ridotto rischio di errori all interno dell amministrazione cantonale e con i Comuni tra i Cantoni all interno della Confederazione tra Confederazione e Cantoni Riduzione dell onere di registrazione registrazione unica (p. es. nel caso di trasferimenti) semplificazione dei processi (assenza di doppioni) eliminazione di registrazioni plurime 19

20 I benefici dell IDI (2) L IDI è una premessa per molti progetti di governo elettronico lo scambio automatico di dati Riduzione dell onere delle imprese l impresa può utilizzare sempre lo stesso numero per identificarsi nei contatti con i servizi amministrativi le imprese ricevono meno spesso richieste d informazioni analoghe, poiché i dati possono essere scambiati all interno dell amministrazione (nella misura di quanto concesso) 20

21 Conclusioni Sebbene l introduzione dell IDI sia legata in un primo momento a un certo dispendio iniziale è rilevante per lo spazio economico svizzero; prime analisi sui costi e sui benefici hanno confermato un ritorno di massima di benefici diretti; costituisce una premessa indispensabile per numerose applicazioni di governo elettronico grazie alle vaste possibilità d impiego dell IDI (economia, amministrazione) 21

22 Ulteriori informazioni: 22

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali 1. Premessa... 1 2. Basi legali... 2 3. Il sistema d informazione per

Dettagli

1.06 Stato al 1 gennaio 2010

1.06 Stato al 1 gennaio 2010 1.06 Stato al 1 gennaio 2010 Armonizzazione dei registri I dati personali indicati sul nuovo certificato AVS sono corretti? Il nuovo certificato AVS 1 Con l introduzione del nuovo numero di assicurato

Dettagli

Investite nel vostro tempo/

Investite nel vostro tempo/ Servizi online Previdenza professionale Investite nel vostro tempo/ Con i servizi online di AXA ottimizzate il vostro onere amministrativo all interno della vostra soluzione della cassa pensione. Informatevi

Dettagli

Sage Start Configurazione dei dati di base Guida. Dalla versione 2015 09.10.2015

Sage Start Configurazione dei dati di base Guida. Dalla versione 2015 09.10.2015 Sage Start Configurazione dei dati di base Guida Dalla versione 2015 09.10.2015 Sommario 1.0 Gestione dei dati di base 3 1.1 Scheda Indirizzo 3 1.2 Scheda Logo 3 1.3 Scheda Generale 4 1.4 Scheda Clienti

Dettagli

Legge federale sull assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale sull assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale sull assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) (Nuovo numero d assicurato dell AVS) Modifica del 23 giugno 2006 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il

Dettagli

Ordinanza sul sistema informatico per il Servizio veterinario pubblico (OSISVet)

Ordinanza sul sistema informatico per il Servizio veterinario pubblico (OSISVet) Ordinanza sul sistema informatico per il Servizio veterinario pubblico (OSISVet) del Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 54a della legge del 1 luglio 1966 1 sulle epizoozie (LFE), decreta:

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO ANTINCENDIO

REGOLAMENTO ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Procedura di riconoscimento 22.09.2010

Dettagli

Offerta di formazione 2014

Offerta di formazione 2014 Offerta di formazione 2014 Contenuto Prima verifica secondo la NIBT 8 Autorizzazione per elettricista di fabbrica ai sensi dell art. 13 OIBT 10 Titolari di autorizzazioni ai sensi dell art. 14 o 15 OIBT

Dettagli

Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria

Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria (OCFIF) 742.120 del 4 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 1 capoverso

Dettagli

del 22 giugno 1998 (Stato 1 gennaio 2008)

del 22 giugno 1998 (Stato 1 gennaio 2008) Ordinanza sul «Fondo di garanzia LPP» (OFG) 831.432.1 del 22 giugno 1998 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 56 capoversi 3 e 4, 59 capoverso 2 e 97 capoverso 1 della

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Ordinanza sul registro delle carte per l odocronografo

Ordinanza sul registro delle carte per l odocronografo Ordinanza sul registro delle carte per l odocronografo (ORECO) 822.223 del 29 marzo 2006 (Stato 9 maggio 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 56 e 106 della legge federale del 19 dicembre

Dettagli

persona in formazione è stipulato dall azienda o organizzazione di riferimento. Art. 9 Ubicazione della formazione di base ad impostazione aziendale

persona in formazione è stipulato dall azienda o organizzazione di riferimento. Art. 9 Ubicazione della formazione di base ad impostazione aziendale Promemoria 19 Reti di aziende formatrici Cos è una rete di aziende formatrici? Una rete di aziende formatrici è un unione di aziende che, non sono in grado o preferiscono non dover offrire una formazione

Dettagli

Ordinanza concernente il sistema AUPER automatizzato di registrazione delle persone

Ordinanza concernente il sistema AUPER automatizzato di registrazione delle persone Ordinanza concernente il sistema AUPER automatizzato di registrazione delle persone (Ordinanza AUPER) 142.315 del 18 novembre 1992 (Stato 23 maggio 2006) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo

Dettagli

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004)

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) Ordinanza sulla maturità professionale 412.103.1 del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) L Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (Ufficio federale), visto l articolo

Dettagli

Contratto. di partecipazione al programma «Generatori di calore mobili» fra. Fondazione

Contratto. di partecipazione al programma «Generatori di calore mobili» fra. Fondazione Contratto di partecipazione al programma «Generatori di calore mobili» fra Fondazione per la protezione del clima e la compensazione di CO2 KliK Freiestrasse 167 8032 Zurigo Fondazione e... Partecipante......

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008)

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) Legge federale sulla politica regionale 901.0 del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il

Dettagli

Settore Formazione e Lavoro Servizio Occupazione Disabili. SOTTOCOMITATO DISABILI 16 aprile 2013

Settore Formazione e Lavoro Servizio Occupazione Disabili. SOTTOCOMITATO DISABILI 16 aprile 2013 Settore Formazione e Lavoro Servizio Occupazione Disabili SOTTOCOMITATO DISABILI 16 aprile 2013 PROGETTO DI GESTIONE INFORMATIZZATA DEGLI ESONERI (PROGETTO MAV) L art. 5 della legge 68/99 disciplina l

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Modulo gestione antiriciclaggio. Soggetti coinvolti

Modulo gestione antiriciclaggio. Soggetti coinvolti Modulo gestione antiriciclaggio Il modulo consente la completa gestione di tutti gli adempimenti previsti per i liberi professionisti dalla normativa vigente in materia di antiriciclaggio. In particolare

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

Trasmettere i dati secondo i destinatari. Il futuro si chiama Swissdec rapido, semplice e sicuro.

Trasmettere i dati secondo i destinatari. Il futuro si chiama Swissdec rapido, semplice e sicuro. Calcoli il suo risparmio Quanto tempo investe attualmente per la dichiarazione dei salari? E quanto può risparmiare? Lo scopra subito! Attività / Dichiarazione di salario effettivo annuale in ore Fattore

Dettagli

RIEPILOGO NOVITA ISTRUZIONI OPERATIVE GESTORI. (Febbraio 2015)

RIEPILOGO NOVITA ISTRUZIONI OPERATIVE GESTORI. (Febbraio 2015) ART. 51 L. 99/2009 OBBLIGO DI COMUNICAZIONE DEI PREZZI DEI CARBURANTI A FINI DI PUBBLICAZIONE RIEPILOGO NOVITA ISTRUZIONI OPERATIVE GESTORI (Febbraio 2015) Con riferimento alle istruzioni tecniche impartite

Dettagli

Impianti sprinkler LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTI- NCENDIO. 01.06.2011 / 10001-11it

Impianti sprinkler LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTI- NCENDIO. 01.06.2011 / 10001-11it Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio LINEE GUIDA PER ISTRUZIONE ANTI-

Dettagli

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente (Ordinanza sull agricoltura biologica) Modifica del 29 ottobre 2014 Il Consiglio federale

Dettagli

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Pag. 1 di 9 Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Interventi sul software RE V. REDAZIONE VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA

IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA GIUGNO 2014 IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA Stop alle fatture su carta! A decorrere dal 6 giugno scatta l obbligo per i fornitori della PA Centrale di fatturare con modalità elettroniche.

Dettagli

Ordinanza sulle epizoozie

Ordinanza sulle epizoozie Ordinanza sulle epizoozie (OFE) Modifica del 23 novembre 2005 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 27 giugno 1995 1 sulle epizoozie è modificata come segue: Sostituzione di termini

Dettagli

Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero

Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero (Ordinanza sull istruzione degli Svizzeri all estero, OISE) 418.01 del 29 giugno 1988 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio

Dettagli

Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (LPP) (Finanziamento degli istituti di previdenza

Dettagli

Indice FAQ. attualizzata 07.01.2015/ci

Indice FAQ. attualizzata 07.01.2015/ci Indice FAQ 1. Come si può contattare il settore Riconoscimento?... 2 2. Il riconoscimento di un titolo estero è obbligatorio?... 2 3. Qual è la durata di validità dell attestato o della decisione di riconoscimento?...

Dettagli

Il fascicolo aziendale

Il fascicolo aziendale Il campo tiene banco Indice Perché il fascicolo? Cenni normativi A chi rivolgersi Il contenuto L aggiornamento I controlli Perché il fascicolo? Ogni azienda che si presenta alla Pubblica Amministrazione

Dettagli

SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro.

SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro. SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro. Milano, 6 febbraio 2009 SEPA Credit Transfer: BIC, IBAN e Allineamento Elettronico Archivi IBAN Servizi di Amministrazione

Dettagli

Regolamento della legge sull informazione e sulla trasparenza dello Stato (RLIT)

Regolamento della legge sull informazione e sulla trasparenza dello Stato (RLIT) 1.6.3.1.1 Regolamento della legge sull informazione e sulla trasparenza dello Stato (R (del 5 settembre 2012) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Scopo e oggetto Campo di applicazione

Dettagli

Istruzioni per gli utenti di una contabilità salariale certificata Swissdec

Istruzioni per gli utenti di una contabilità salariale certificata Swissdec Istruzioni per gli utenti di una contabilità salariale certificata Swissdec La contabilità salariale certificata Swissdec permette di effettuare la notifica dei dati salariali in modo semplice e rapido.

Dettagli

Ingresso e soggiorno in Europa

Ingresso e soggiorno in Europa Ingresso e soggiorno in Europa CH-4501 Soletta Dornacherstrasse 28A Casella postale 246 Telefono 032 346 18 18 Telefax 032 346 18 02 info@ch-go.ch www.ch-go.ch Indice Introduzione... 3 1. Entrata in Europa...

Dettagli

Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif)

Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif) Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif) Modifica del Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 22 giugno 2005 sul traffico di rifiuti è modificata come segue: Art. 2 cpv. 1, 2 lett. b

Dettagli

Matrimonio in Svizzera

Matrimonio in Svizzera Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto privato Ufficio federale dello stato civile UFSC Processo UFSC Operazione «Matrimonio» Matrimonio

Dettagli

www.altrapsicologia.com A cura di Emiliano Guarinon e Igor Graziato www.elezionienpap.it

www.altrapsicologia.com A cura di Emiliano Guarinon e Igor Graziato www.elezionienpap.it www.altrapsicologia.com A cura di Emiliano Guarinon e Igor Graziato www.elezionienpap.it TUTORIAL per emettere con facilità la tua fattura elettronica nel REGIME DEI MINIMI www.elezionienpap.it Per prima

Dettagli

Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro.

Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro. Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro. Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro. Inizio

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione e l indennità per insolvenza

Ordinanza sull assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione e l indennità per insolvenza Ordinanza sull assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione e l indennità per insolvenza (Ordinanza sull assicurazione contro la disoccupazione, OADI) Modifica del 24 novembre 1999 Il Consiglio

Dettagli

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali 4.3.3.1.2. Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali (SUP-LA) del 10 giugno 1999 1. Statuto La formazione in linguistica applicata di livello

Dettagli

Legge federale sulla protezione dell ambiente

Legge federale sulla protezione dell ambiente Decisioni del Consiglio degli Stati del 25.11.2014 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 19.5.2015 Legge federale sulla protezione dell ambiente (, LPAmb) e-parl 27.08.2015 14:51 Modifica

Dettagli

Gestione Clienti / Associati

Gestione Clienti / Associati Manuale Operativo Gestione Clienti / Associati UR1307136000 Wolters Kluwer Italia s.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma

Dettagli

del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013)

del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sugli assegni familiari (OAFami) 836.21 del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 3, 13 capoverso 4, 21b capoverso 1, 21e e 27

Dettagli

Ordinanza sul sistema di trattamento dei dati concernenti le prestazioni di sicurezza private

Ordinanza sul sistema di trattamento dei dati concernenti le prestazioni di sicurezza private Ordinanza sul sistema di trattamento dei dati concernenti le prestazioni di sicurezza private (ODPSP) del 12 agosto 2015 Il Consiglio federale Svizzero, visto l articolo 57h capoverso 3 della legge federale

Dettagli

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV)

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) 4.3.3.1.5. Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) del 10 giugno 1999 1. Statuto Le scuole universitarie d arti visive 1 e d arti applicate (SUAAV) rientrano nella

Dettagli

02 PAESI CEE. Le aziende che distaccano lavoratori nei Paesi CEE non necessitano di alcuna specifica autorizzazione da parte del Ministero del lavoro.

02 PAESI CEE. Le aziende che distaccano lavoratori nei Paesi CEE non necessitano di alcuna specifica autorizzazione da parte del Ministero del lavoro. 02 PAESI CEE 2.1 DISTACCO 2.1.1 Adempimenti Le aziende che distaccano lavoratori nei Paesi CEE non necessitano di alcuna specifica autorizzazione da parte del Ministero del lavoro. E sufficiente richiedere

Dettagli

919.117.71 Ordinanza sui sistemi d informazione nel campo dell agricoltura

919.117.71 Ordinanza sui sistemi d informazione nel campo dell agricoltura Ordinanza sui sistemi d informazione nel campo dell agricoltura (OSIAgr) del 23 ottobre 2013 (Stato 1 luglio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 165c capoverso 3 lettera d, 165g, 177

Dettagli

Tuttavia, le direttive federali non vietano che le notifiche siano effettuate con procedure diverse rispetto a quella online.

Tuttavia, le direttive federali non vietano che le notifiche siano effettuate con procedure diverse rispetto a quella online. Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione della Conferenza stampa Padroncini e distaccati, una situazione da correggere 26 luglio 2013 Fa stato il discorso orale Pagina 1

Dettagli

Manuale Inoltro dei dati tramite sedex

Manuale Inoltro dei dati tramite sedex Manuale Inoltro dei dati tramite sedex Versione V1.1 Giugno 2015 1 Indice 1. Introduzione 3 2. Informazioni generali 3 2.1 A chi è rivolto questo manuale? 3 2.2 Cosa non viene trattato nel presente manuale?

Dettagli

Obiettivi strategici 2016 2020 del Consiglio federale per la fondazione Pro Helvetia

Obiettivi strategici 2016 2020 del Consiglio federale per la fondazione Pro Helvetia Obiettivi strategici 2016 2020 del Consiglio federale per la fondazione Pro Helvetia 1 Situazione iniziale 1.1 Basi Pro Helvetia è una fondazione di diritto pubblico dotata di personalità giuridica e contabilità

Dettagli

Tariffa Comune 7 2012 2016

Tariffa Comune 7 2012 2016 ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa SSA Società Svizzera degli Autori SUISA Cooperativa degli autori ed editori di opere musicali SUISSIMAGE

Dettagli

Fattura Elettronica. Flusso dati

Fattura Elettronica. Flusso dati Fattura Elettronica Flusso dati Operatori economici * Intermediari SdI Intermediario della P.A. Amministrazione degli operatori economici (Sistema di Interscambio) (Applicativo SICOGE) Fase di emissione

Dettagli

Regolamento della previdenza della Tellco fondazione di libero passaggio

Regolamento della previdenza della Tellco fondazione di libero passaggio Regolamento della previdenza della Tellco fondazione di libero passaggio valevoli dal 06.06.2011 Tellco fondazione di libero passaggio Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6413 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

11.1.3.2. Pubblicato nel BU 2008, 212. Oggetto. Scopo. Organi. Competenza. serie I/2008 1

11.1.3.2. Pubblicato nel BU 2008, 212. Oggetto. Scopo. Organi. Competenza. serie I/2008 1 11.1.3.2 Convenzione intercantonale sulla sorveglianza, l autorizzazione e la ripartizione dei proventi delle lotterie e delle scommesse gestite sul piano intercantonale o su tutto il territorio della

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

Legge n 40 del 2 Aprile 2007 art. 9. DLG 7/2007 decreto Bersani Convertito in legge 2/04/2007

Legge n 40 del 2 Aprile 2007 art. 9. DLG 7/2007 decreto Bersani Convertito in legge 2/04/2007 COMUNICAZIONE UNICA Legge n 40 del 2 Aprile 2007 art. 9 DLG 7/2007 decreto Bersani Convertito in legge 2/04/2007 Legge n. 40 del 2 Aprile 2007 art. 9 Per via telematica Vale per R.I, Inps, Inail e A.E.

Dettagli

Pagina 1 di 5 DATI SOCIETA / DITTA INDIVIDUALE DATI LEGALE RAPPRESENTANTE / TITOLARE DENOMINAZIONE/RAGIONE SOCIALE FORMA GIURIDICA

Pagina 1 di 5 DATI SOCIETA / DITTA INDIVIDUALE DATI LEGALE RAPPRESENTANTE / TITOLARE DENOMINAZIONE/RAGIONE SOCIALE FORMA GIURIDICA REGISTRAZIONE AL SISTEMA PER LA GESTIONE DEL FONDO PFU PER I VEICOLI FINE VITA Con Decreto n. 82/2011, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha regolamentato la gestione dei

Dettagli

Condizioni Generali (CGA)

Condizioni Generali (CGA) Condizioni Generali (CGA) Assicurazione contro gli infortuni secondo la legge federale del 20.3.1981 (LAINF) Edizione 08.2006 8000612 10.09 WGR 067 I Sommario L assicurazione contro gli infortuni secondo

Dettagli

Roma, 25/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 113

Roma, 25/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 113 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 25/07/2013 Circolare

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA {

FATTURA ELETTRONICA { FATTURA ELETTRONICA { NORMATIVA La Finanziaria 2008 ha stabilito che la fatturazione nei confronti dell Amministrazione dello stato debba avvenire esclusivamente in maniera elettronica Il DM 5 aprile 2013

Dettagli

Legge federale sulla protezione dell ambiente

Legge federale sulla protezione dell ambiente Legge federale sulla protezione dell ambiente (Legge sulla protezione dell ambiente, LPAmb) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR

Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi:

Dettagli

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA 1. PREMESSA Vademecum Versione RV_01_10/03/09 1.1 Generalità Il presente vademecum intende supportare le aziende svizzere che

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Età pensionabile Per quanto riguarda l età pensionabile AVS, non sono necessarie modifiche per l anno 2015.

Età pensionabile Per quanto riguarda l età pensionabile AVS, non sono necessarie modifiche per l anno 2015. Personale Fine anno 2014 Operazioni di chiusura 2014 Raccomandazione: archiviazione certificato di salario via PDF Una volta stampati i certificati di salario consigliamo di archiviarli anche nel proprio

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI

Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI Dematerializzazione dell iter autorizzativo ed esecutivo relativo ai mandati di pagamento disposti nell ambito delle procedure concorsuali presso le sezioni fallimentari

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione malattie

Ordinanza sull assicurazione malattie Ordinanza sull assicurazione malattie (OAMal) Modifica del 29 aprile 2015 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 27 giugno 1995 1 sull assicurazione malattie è modificata come segue:

Dettagli

Legge federale sull organizzazione dell azienda delle telecomunicazioni della Confederazione

Legge federale sull organizzazione dell azienda delle telecomunicazioni della Confederazione Legge federale sull organizzazione dell azienda delle telecomunicazioni della Confederazione (Legge sull azienda delle telecomunicazioni, LATC) 784.11 del 30 aprile 1997 (Stato 3 ottobre 2000) L Assemblea

Dettagli

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione (Legge sulla CPC) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 34 quater e 85 numeri 1 e 3 della Costituzione

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 49 12.03.2014 LUL: richiesta di stampa laser online Semplificata la richiesta di stampa laser del Libro Unico del Lavoro Categoria:

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

Nota sulla fornitura dei dati conformemente agli standard salariali CH con imposta alla fonte

Nota sulla fornitura dei dati conformemente agli standard salariali CH con imposta alla fonte Informazione del 4 marzo 2015 Nota sulla fornitura dei dati conformemente agli standard salariali CH con imposta alla fonte Gentili signore ed egregi signori, Con l'introduzione degli standard salariali

Dettagli

Sage Start Acquisizione di collaboratori Guida. Dalla versione 2015 09.10.2015

Sage Start Acquisizione di collaboratori Guida. Dalla versione 2015 09.10.2015 Sage Start Acquisizione di collaboratori Guida Dalla versione 2015 09.10.2015 Sommario 1.0 Anagrafica personale 3 2.0 Dati personali 4 2.1 Scheda Dati personali 5 2.2 Scheda Attività 7 2.3 Scheda Salario

Dettagli

del 25 novembre 1996 (Stato 5 dicembre 2006)

del 25 novembre 1996 (Stato 5 dicembre 2006) Ordinanza sulla qualifica degli specialisti della sicurezza sul lavoro 822.116 del 25 novembre 1996 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 83 capoverso 2 della legge federale

Dettagli

TAXeNEWS. Ticino. Novità in ambito legale e delle assicurazioni sociali

TAXeNEWS. Ticino. Novità in ambito legale e delle assicurazioni sociali Novità in ambito legale e delle assicurazioni sociali TAXeNEWS Ticino Questo bollettino informativo redatto in lingua italiana dal nostro ufficio di Lugano è indirizzato alla clientela domiciliata in Ticino

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006 Allegato 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006 1. GENERALITÀ Ciascun depositario autorizzato o altro soggetto senza impianto

Dettagli

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI AL SERVIZIO DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI GESTITO DALLA BANCA D ITALIA Documento per la consultazione e analisi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione News per i Clienti dello studio del 6 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Legge federale concernente i musei e le collezioni della Confederazione

Legge federale concernente i musei e le collezioni della Confederazione Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale concernente i musei e le collezioni della Confederazione (, LMC) del 12 giugno 2009 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 ISTITUTO PROFESSIONALE per i SERVIZI ALBERGHIERI e della RISTORAZIONE Gestione della documentazione del Sistema Qualità PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 Documento preparato da Responsabile Sistema

Dettagli

Ordinanza sulle finanze della Confederazione

Ordinanza sulle finanze della Confederazione Ordinanza sulle finanze della Confederazione (OFC) Modifica del 5 dicembre 2008 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 5 aprile 2006 1 sulle finanze della Confederazione è modificata

Dettagli

SIN. Guida alla compilazione delle domande di ristrutturazione e riconversione vigneti Campagna 2012/2013 Manuale utente

SIN. Guida alla compilazione delle domande di ristrutturazione e riconversione vigneti Campagna 2012/2013 Manuale utente Guida alla compilazione delle domande di ristrutturazione e riconversione vigneti Campagna 2012/2013 Manuale utente 05 dicembre 2012 2-26 Controllo delle modifiche Edizione Pubblicato Motivo della revisione

Dettagli

MODULO B La contabilità generale: costituzione, acquisti e vendite

MODULO B La contabilità generale: costituzione, acquisti e vendite MODULO B La contabilità generale: costituzione, acquisti e vendite LEZIONE 7 La costituzione delle imprese individuali pag. 30 Comunicazione unica d impresa LEZ. 7 pag. 30 Questo testo sostituisce la parte

Dettagli

MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16)

MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16) MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16) I CONTRIBUTI NON DEVONO RIGUARDARE L ATTIVITA ORDINARIA DEL SOGGETTO PROPONENTE. Per attività ordinaria a titolo esemplificativo

Dettagli

Modello previdenziale 2017 Maggiori informazioni sul calcolatore comparativo

Modello previdenziale 2017 Maggiori informazioni sul calcolatore comparativo Cassa pensione di Credit Suisse Group (Svizzera) Modello previdenziale 2017 Maggiori informazioni sul calcolatore comparativo Dal 1 gennaio 2017 la Cassa pensione di Credit Suisse Group (Svizzera) introdurrà

Dettagli

C O M U N E DI TORTORETO (Provincia di Teramo) SCHEMA CONTRATTO

C O M U N E DI TORTORETO (Provincia di Teramo) SCHEMA CONTRATTO C O M U N E DI TORTORETO (Provincia di Teramo) SCHEMA CONTRATTO Il presente schema contiene le norme e le condizioni che regolano l incarico relativo alle prestazioni di Coordinamento per la sicurezza

Dettagli

Ordinanza concernente l organizzazione degli acquisti pubblici dell Amministrazione federale

Ordinanza concernente l organizzazione degli acquisti pubblici dell Amministrazione federale Ordinanza concernente l organizzazione degli acquisti pubblici dell Amministrazione federale (OOAPub) Modifica del 18 novembre 2015 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 24 ottobre 2012

Dettagli

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) 418.01 del 28 novembre 2014 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti

Dettagli

Direttive sulla gestione degli atti nell AVS/AI/IPG/PC/AF/AFam (DGA)

Direttive sulla gestione degli atti nell AVS/AI/IPG/PC/AF/AFam (DGA) Direttive sulla gestione degli atti nell AVS/AI/IPG/PC/AF/AFam (DGA) Valide dal 1 gennaio 2011 318.107.10 i DGA 11.10 2 Osservazioni preliminari La presente versione è una nuova edizione ed entra in vigore

Dettagli

Legge federale sulle professioni mediche universitarie

Legge federale sulle professioni mediche universitarie Decisioni del Consiglio degli Stati del 27.11.2014 Decisioni del Consiglio nazionale del 5.3.2015 Legge federale sulle professioni mediche universitarie (, LPMed) Modifica del 20 marzo 2015 L Assemblea

Dettagli