Boltiere Oggi Notiziario Comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Boltiere Oggi Notiziario Comunale"

Transcript

1 Anno 1 - n 2 Maggio 2010 Boltiere Oggi Notiziario Comunale Meglio la cultura del fare Cari concittadini, mi rivolgo a tutti voi con caloroso affetto, perché mi rendo conto che serve una forte collaborazione reciproca, utile per risollevare questo nostro amato paese. Ad un anno dal nostro insediamento, e grazie alla vostra fiducia, posso affermare che il morale, l esperienza, le motivazioni per il conseguimento degli obiettivi che ci siamo prefissati non sono mai venuti meno. Anzi, la convinzione cresce di giorno in giorno, di mese in mese, consapevole che il primo anno è, e rimarrà, il periodo più insidioso, per vari motivi, ma è anche quello che determinerà la traccia, il solco più qualificante per il risultato complessivo del nostro mandato. Tutti comprendiamo le difficoltà economiche e finanziarie, le stringenti forzature che affliggono gli Enti che si trovano fuori dal Patto di Stabilità. Per questo motivo abbiamo l obbligo di non sprecare il poco tempo a disposizione e porre, di contro, le basi migliori e più sagge per facilitare il percorso amministrativo dei prossimi quattro anni. No ad interventi momentanei, demagogici, con l unico scopo di apparire, sì invece a una precisa pianificazione, ad obiettivi strategici e lungimiranti. Il voto delle Elezioni Regionali del 27 e 28 marzo ha manifestato inequivocabilmente il vostro pensiero, e di questo ve ne siamo grati e ci congratuliamo con voi. Il nostro pensiero politico, rispetto alle elezioni comunali del 2009, è stato premiato con l aumento sostanziale dei voti, e questo significa che il vostro consenso è andato sempre più consolidandosi, a scapito delle forze politiche di sinistra. In questo anno amministrativo, non ritenendomi un politico per i miei trascorsi, come ben sapete, mi sto sempre più rendendo conto che dovremo purtroppo convivere non con una opposizione dentro e fuori il consiglio comunale, ma con una contrapposizione di parte, aprioristica. Purtroppo, perchè la contrapposizione è facile, non richiede grossi sforzi, né particolari provviste di buona volontà e nemmeno speciali energie intellettuali. Questo mi rammarica, perché viene a mancare uno stimolo utile e necessario per il benessere sociale. I messaggi che i nostri contrapposti inviano alla popolazione ne sono una testimonianza! Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer divideva i beni della vita umana in tre classi: ciò che uno è, ciò che uno ha, ciò che uno rappresenta. A proposito del bene di ciò che uno ha, recitava che un buon patrimonio, saggiamente amministrato, è la garanzia migliore per poter sviluppare in pace - senza le beghe e la piccineria tipiche dei professori di filosofia - le proprie qualità intellettuali e morali, e acquisire una vera cultura, libera e priva di pesantezze accademiche. Continua affermando ed è questa cultura, e la sua fonte, la vera creatività artistica ed intellettuale che meritatamente devono essere baciate dalla gloria, spesso usurpata dalla moda e da un successo effimero. Il mondo è affollato di impostori e di vanitosi che seducono le masse ignoranti, ottenendone il plauso. Cari amici, a voi la conclusione. Noi non vi deluderemo: compatibilmente con i tempi che la burocrazia pubblica ci impone, a differenza del privato, continueremo come sempre: concreti ed operativi, nel rispetto delle regole! Il sindaco, Osvaldo Palazzini Che fatica capire gli interventi della minoranza SOMMARIO Il Sindaco : serietà e responsabilità a pag. 3 Dai sacrifici parte la svolta a pag. 4 Sistemata la piazzola ecologica a pag. 7 Polizia Locale: una squadra operativa a pag. 8 Biblioteca: collegamento Wi-fi gratuito a pag. 9

2 2 Maggio 2010 Boltiere Oggi Amministrazione Comunale Sindaco Osvaldo Palazzini Riceve : il sabato dalle 9.00 alle su appuntamento Vice Sindaco Italo Maurizio Testa Deleghe: Sicurezza, Sport, Personale Riceve: Giovedì , Sabato Assessore Renato Cavalleri Deleghe: Lavori Pubblici, Edilizia Privata, Urbanistica, Infrastrutture Orari Ricevimento: Sabato Assessore Fabrizio Locatelli Deleghe: Ambiente, Ecologia e Cura del Territorio Orari Ricevimento: Lunedì e Venerdì su appuntamento Assessore Franco Vanoli Deleghe: Cultura, Politiche Giovanili, Comunicazione, Sistemi informativi Riceve: da Lunedì a Sabato su appuntamento Orari Apertura Uffici Comunali Uffici : Servizi alla Persona - Anagrafe - Protocollo Da Lunedì a Sabato Giovedì Ufficio Tecnico Lunedì e Venerdì Giovedì Sabato Polizia Locale Lunedì - Mercoledì - Sabato Giovedì Ragioneria e Tributi Da Lunedì a Sabato Giovedì Biblioteca Da Lunedì a Venerdì Sabato Boltiere Oggi Notiziario Comunale Quadrimestrale di informazione Maggio Anno 1 n 2 Autorizzazione : Tribunale di Bergamo n 33 del 20/07/2005 Sede della direzione e redazione: Comune di Boltiere Via Don G. Carminati, 2 Direttore Responsabile: Osvaldo Palazzini Redazione: Tiziano Piazza Fotografie: pag : Franco Vanoli pag Aprile : Amneris Guarnerio Impaginazione e grafica: Franco Vanoli Assessorato Comunicazione Stampa: Algigraf srl - Brusaporto Informazioni, Eventi, Novità e Concerti NONNI VIGILI Il Comune di Boltiere, cerca volontari per il servizio di sorveglianza in prossimità delle scuole, nel momento di entrata ed uscita degli studenti, da svolgere in collaborazione con l Associazione volontari San Martino di Boltiere. I richiedenti dovranno presentare apposita domanda presso il Comando di Polizia Locale di Boltiere. ISCRIZIONI SERVIZI SCOLASTICI A.S Si comunica che entro il 12 giugno 2010 è necessario effettuare le iscrizioni per i seguenti servizi: SERVIZIO MENSA SCOLASTICA nuove iscrizioni al servizio mensa disdetta del servizio mensa richiesta rimborso credito residuo richiesta di agevolazione tariffaria anno scolastico 2010/2011 SERVIZIO PRE-POST SCUOLA SCUOLA PRIMARIA nuove iscrizioni al servizio rinnovi adesione Per ulteriori informazioni rivolgersi all Ufficio Servizi alla Persona del Comune di Boltiere Giugno - Coro Le Due Valli in concerto Mercoledì 2 Giugno, alle ore presso il centro civico Aldo Moro si terrà il concerto del coro Le Due Valli di Alzano Lombardo. Il coro Le Due Valli di Alzano Lombardo nasce nel 1970 sotto la direzione del maestro Giuseppe Pialorsi, svolgendo attività concertistica fino al Dal gennaio 2007 la direzione è passata al Maestro Aurelio Monzio Compagnoni, con il quale il Coro ha iniziato a rinnovare il proprio repertorio dando vita ad un progetto di ricerca corale che si attua attraverso il reperimento di melodie popolari del territorio lombardo, in particolare quello bergamasco, riadattadole al proprio organico vocale. Il materiale musicale raccolto, per lo più inedito, viene così rielaborato, armonizzato ed interpretato attraverso una personale matrice stilistica. 5 Giugno - Dal Gospel al Jazz Il Corpo Musicale S. Giorgio di Boltiere e il coro Gospel Group in concerto: l originalità di una banda-orchestra ed il fascino del gospel in due serate coinvolgenti, il 29 Maggio 2010 a Pozzo d Adda (Mi) alle ore e il 5 Giugno a Boltiere alle ore

3 Boltiere Oggi Maggio Serve serietà e responsabilità Presta l orecchio a tutti, la tua voce a qualcuno, senti le idee di tutti ma pensa a modo tuo W. Shakespeare Governare un paese, anche se piccolo come il nostro, non è facile. Non si può improvvisare, ma invece garantire una gestione oculata e rigorosa, attenta alle esigenze e alle risorse a disposizione, alla situazione attuale e a quella che ci prefiggiamo, al programma elettorale. Sarà una banalità per molti, ma occorre ricordare che i primi soldi guadagnati sono quelli risparmiati ed è proprio da qui che abbiamo iniziato il nostro percorso amministrativo. Il primo tassello importante è stata l assunzione del nuovo Segretario Generale, in convenzione con il Comune di Lallio, la Dott.ssa Carla Bucci: è figura di grande professionalità, scrupolosa e attenta. Quindi, la riconferma per tutta la durata del mandato di tutti i responsabili dei servizi comunali, quale segno di fiducia di questa amministrazione al personale in servizio, che ringraziamo sentitamente. L unico avvicendamento ha riguardato il responsabile della Polizia Comunale, che si è trasferito a Ponte S.Pietro; a lui è subentrato il nuovo comandante Manolo Peroni, mentre si è assistito all inserimento del nuovo agente Walter Maffi, che ha ulteriormente potenziato il presidio e l azione di ricerca della sicurezza nel paese di Boltiere. E un ringraziamento particolare ad alcuni consiglieri che si adoperano con grande impegno nel settore dei servizi sociali: Andrea Ciocca, Mimmo Donati, Claudio Ferri. Brevemente, poi, desidero fare una riflessione sulla gestione finanziaria, per aiutarvi a capire perché sia doveroso intervenire tempestivamente su strategie di risparmio. La chiusura finanziaria del 2010, infatti, che ha come obiettivo quello di rimanere dentro i parametri del Patto di Stabilità, necessita di un disavanzo zero. Considerando le proiezioni del 2009 tra entrate e spese correnti, avremmo chiuso l anno in corso con un passivo di circa euro. Per recuperare questo passivo, abbiamo deciso di invertire il trend di crescita delle spese per circa euro ed operato con strategie di risparmio su ogni capitolo del bilancio, rintracciando un tesoretto di circa euro. Questo ci consente di rimanere scoperti di soli euro. Somma, peraltro, che viene recuperata attingendo dal bacino degli oneri di urbanizzazione, con una previsione di rientro biennale. E chiaro che non abbiamo molto spazio di manovra e quindi la gestione finanziaria dovrà essere comunque corretta ed oculata, attenta agli sprechi, parsimoniosa nella spesa, garante nell espletamento dei servizi indispensabili, corretta nella forma, incisiva nella sostanza. Ciò nonostante, l attività del Comune ha continuato a produrre e (come vi dicevo nell introduzione), stante la situazione ereditata e quella che vogliamo esercitare, ha sviluppato una scrupolosa pianificazione, determinante per i prossimi anni. Ed ecco cosa bolle in pentola. Si sta ultimando il Centro Diurno Integrato: l unico ostacolo, che verrà presto superato, riguarda l affidamento dell incarico per la gestione, che prevede una gara pubblica: questo non lo decidiamo noi, ma le norme e le regole, supportate da documenti elaborati da autorevoli studi di avvocati e dal Segretario Generale. La palestra, poi, dopo una fitta concertazione, ha trovato il suo sblocco, con un accordo bonario con l impresa realizzatrice: siamo in attesa di avere il cantiere libero, per ultimare i lavori. Il progetto della tangenziale Ovest è partito con l avvio delle procedure degli espropri: è questo il massimo che possiamo operare per il A giugno, poi, verrà approvata la convenzione con una nuova impresa per il nuovo servizio di raccolta differenziata dei rifiuti. I settori Istruzione e Servizi Sociali, tanto presi di mira dalla contrapposizione, nella sostanza non hanno avuto nessun ridimensionamento, a salvaguardia dei servizi indispensabili, del benessere di tutti i nostri ragazzi, a supporto dei numerosi casi di disagio presenti nella nostra comunità. A tal proposito, è opportuno fare alcune sottolineature su certe opinioni manifestate dai soliti noti, che stiamo cercando di sfumare, cercando un doveroso rimedio. Ci si preoccupa, per esempio, di non soccorrere chi ha bisogno, di non aiutare chi ha problemi di occupazione. Poi, però, ci si accorge, ad esempio con l insediamento di nuove attività commerciali, previo nostro accordo per garantire posti di lavoro ai residenti, che questo tipo di occupazione non è ideale, perché si deve lavorare il sabato e una domenica al mese; e, di contro, si desidera il part-time. Ebbene, non lamentiamoci allora se, per comodità o pigrizia, lasciamo posti di lavoro agli extracomunitari! Un altra tendenza: per mancanza di lavoro o in presenza di disagi comprensibili, si guarda al Municipio e si pensa che le casse pubbliche siano una sorta di pozzo di San Patrizio, pensando di aver trovato il modo, senza darsi tanto da fare, di campare alle spalle della collettività. Attenti. I Servizi Sociali, anche se contenuti, devono essere erogati a coloro che ne hanno pienamente i diritti, a coloro che si prodigano, anche a quelli che, in silenzio, magari soffrono o patiscono il peggior disagio. Questa amministrazione comunale ha il diritto ed il dovere di essere garantista ed affidabile nelle scelte, perché sono sicuro che voi che ci avete eletto desiderate questo e non una società di assistiti o di assistenzialisti a prescindere. Il sindaco, Osvaldo Palazzini

4 4 Maggio 2010 Boltiere Oggi Dai sacrifici parte la svolta Un bilancio di previsione difficile, ma il 2010 è l anno di passaggio verso un sistema d amministrare più moderno e sostenibile Preparare il Bilancio di Previsione per l anno in corso è stato veramente difficile! Alla situazione disastrosa ereditata dalla precedente amministrazione comunale si è difatti sommato il pesante effetto della crisi economica che ha interessato l intero sistema economico mondiale e che, per il nostro Comune, ha significato soprattutto un pesante ridimensionamento delle entrate connesse all attività edilizia privata. I margini di manovra sono stati fin dal principio assai limitati. Innanzitutto, abbiamo dovuto invertire la tendenza, consolidatasi soprattutto nell ultimo quinquennio, ad un continuo aumento delle spese, poiché questo non era assolutamente sostenuto da un adeguato incremento delle entrate. In realtà, dobbiamo rilevare che la qualità della spesa esplosa per la responsabilità della precedente amministrazione era drammaticamente scadente (si spendeva molto e con risultati perlopiù deludenti); il malumore popolare che originava dagli scarsi risultati di ciò che veniva fatto induceva chi aveva il bastone del comando a cercare soluzione ancora in nuove iniziative, alcune volte dal sospetto sapore clientelare e populistico, che si traducevano tuttavia solo in nuovi incrementi di spesa, generando così una spirale perversa e pericolosissima che, alimentata come era dal facile ricorso all indebitamento, ha finito inevitabilmente per trascinarci nello sforamento degli equilibri del Patto di Stabilità. Appurato che ciò non era ancora sufficiente a far quadrare i conti, abbiamo dovuto in seconda battuta ridurre ulteriormente le previsioni di spesa per il corrente anno. Un po tutti gli ambiti della spesa comunale sono stati rivisti al ribasso: dalle spese di manutenzione (per il verde, i parchi, la pubblica illuminazione, le strade,...) a quelle di funzionamento degli uffici (consumi di energia, contratti di manutenzione, consulenze, collaborazioni,...); dai trasferimenti alle società sportive, culturali e di volontariato alle indennità per Sindaco, Assessori e Consiglieri,... e così via. In totale, si sono sforbiciate spese per circa euro e questo ha consentito di limitare lo sbilancio tra entrate e uscite ordinarie a soli (sic!) euro. Nonostante questa poderosa manovra, tuttavia, lo sbilancio purtroppo esiste ancora ed è evidentemente significativo: per quest anno ci è consentito di coprirlo con l utilizzo degli oneri derivanti dalle urbanizzazioni edilizie (che in una situazione di normalità dovrebbero invece servire per costruire o provvedere alla manutenzione di strade, arredi urbani, spazi pubblici, ecc.), ma per il prossimo anno, se la normativa non dovesse subire modifiche, ciò non ci sarà ulteriormente concesso e dovremo in un futuro prossimo operare quindi per un suo completo riassorbimento. A proposito della riduzione della spesa corrente, è necessario fare qualche ulteriore considerazione: innanzitutto, questa riduzione non ha interessato in egual misura tutti i settori di intervento dell attività comunale, ma si è invece concentrata soprattutto su alcuni ambiti: non ha riguardato per esempio, se non marginalmente, tutto il settore delle spese per l assistenza sociale agli anziani e alle persone in difficoltà, non sono stati ridotti i piani di assistenza scolastica e prescolastica, non sono diminuite le spese per la sicurezza e la vigilanza notturna come quelle per la messa in sicurezza delle strutture collettive,... In secondo luogo, va ricordato che ridurre la spesa non significa automaticamente ridurre i servizi: in quest ottica, uno degli impegni più gravosi che l attuale amministrazione si è assunta è proprio quello di migliorare la qualità dei servizi che si acquistano a fronte di costi sempre più contenuti. Infine, siamo stati costretti a recepire nella programmazione economica sottostante alle previsioni finanziare del bilancio 2010 i pesanti effetti sanzionatori derivati dallo sforamento dei vincoli del Patto di Stabilità. Questo ha fortemente limitato da un lato la possibilità di intervenire sul Programma Pluriennale delle Opere Pubbliche, che può essere così finanziato solamente dagli introiti delle urbanizzazioni edilizie (peraltro già pesantemente utilizzati per coprire il disavanzo della spesa corrente), dall altro ci ha ostacolato nell opera di ridefinizione dei servizi comunali: non sarà possibile infatti per quest anno né esternalizzare parte dei servizi comunali non strategici, né prevedere nuove posizioni organizzative interne per gestirli al meglio. Il 2010 sarà sicuramente un anno difficile e di transizione, ma, se sapremo essere maturi e responsabili, potrà essere anche l anno della svolta, del passaggio verso un sistema d amministrare più moderno e sostenibile. Non ci sono solo ombre; oggi c è soprattutto la possibilità di gettare delle solide fondamenta per il futuro del nostro Comune: è necessario saper superare la logica del giorno per giorno e della rincorsa al facile consenso; è opportuno traguardare l obiettivo di un miglioramento della situazione attuale su tempi mediolunghi, nei quali si misura realmente la capacità di sviluppo di una società e la legittimazione a condurla di chi la governa. Delegato al bilancio Massimo Lena

5 Boltiere Oggi Maggio 2010 Analisi della spesa corrente per intervento Analisi della spesa corrente per settore previsione 2010 previsione 2010 Personale ,72 Amministrazione generale ,77 Acquisto di beni ,00 Polizia locale ,71 Prestazione di servizi ,91 Istruzione pubblica ,05 Utilizzo di beni di terzi 2.900,00 Cultura ,24 Trasferimenti ,00 Settore sportivo e ricreativo ,64 Interessi passivi su mutui ,78 Viabilità e trasporti ,31 Imposte e tasse ,55 Urbanistica e gestione del territorio ,10 Oneri straordinari 5.000,00 Settore sociale ,20 Fondo di riserva 9.977,06 totale ,02 Analisi della spesa corrente per settore Amministrazione generale Polizia locale Istruzione pubblica Cultura Settore sportivo e ricreativo Viabilità e trasporti Urbanistica e gestione del territorio Settore sociale totale ,02 Analisi della spesa corrente per intervento Personale Acquisto di beni Prestazione di servizi Utilizzo di beni di terzi Trasferimenti Interessi passivi su mutui Imposte e tasse Oneri straordinari Fondo di riserva Azioni condivise per vivacizzare il commercio Boltiere in prima linea per valorizzare il commercio. Merito della nostra adesione al distretto del commercio, un idea che nasce da una direttiva della Regione Lombardia che ha lo scopo di creare delle comunità allargate, fatte di Comuni limitrofi e, quindi, di territori omogenei. Il concetto che sta alla base è che, unendo più persone e più Comuni, si possano trovare idee, iniziative, manifestazioni, eventi e sinergie, con lo scopo di promuovere e incrementare, o quantomeno mantenere vivi, i negozi di vicinato che, come tutti sappiamo, stanno soffrendo o sono in affanno. Naturalmente, questo progetto è subito stato fatto nostro e ben 8 dei nostri commercianti boltieresi si sono visti riconoscere un contributo a fondo perduto dalla Regione Lombardia di euro, a fronte di un preventivo di spesa complessivo a loro carico di euro. Quindi, non un opera di beneficenza, ma la sicurezza di vedere quasi euro investiti sul territorio di Boltiere ed una mano tesa con lungimiranza dalla Regione Lombardia, in favore di quegli operatori che, appunto, sul territorio credono nel loro lavoro e investono risorse e mezzi per mantenere vivi luoghi che, oltre alla vendita, promuovono anche occasioni di incontro. I negozi di vicinato, appunto, che si caratterizzano per una forte ricaduta sociale, quali luoghi di aggregazione. Questo bando, inoltre, è stata l occasione per trovare dei momenti di approfondimento, formazione e aggiornamento con i commercianti di Boltiere, che hanno capito la necessità di fare gruppo, dando la percezione, oltremodo fattiva, di voler vedere crescere Boltiere e con esso il proprio lavoro. Si sta quindi pensando, amministrazione e commercianti insieme, ad iniziative nuove ed originali, che vedano la piazza di Boltiere animarsi almeno per una domenica al mese; si sta quindi pensando alla formazione di un gruppo organizzato di commercianti, che abbia un responsabile ed una struttura che faccia propri i problemi della categoria e li discuta con l amministrazione comunale; si sta quindi pensando ad organizzare iniziative comuni, per cercare di riportare la gente nel centro del paese, lungo le strade e nelle piazze, perchè dobbiamo essere convinti che far vivere i negozi di quartiere vuol dire far vivere il paese stesso. Certo, è un cammino lungo ed impegnativo, ma qualche passo abbiamo già cominciato a farlo.tutti ci immaginiamo una Boltiere diversa, più vivibile, più funzionale, con una sua piazza, una vera piazza, degna di questo nome, non più tagliata in due dal traffico. Quindi, appoggio chiaro e deciso alla costruzione della tanto attesa tangenziale, che alleggerirebbe notevolmente il traffico in attraversamento del paese, a vantaggio proprio del commercio e della qualità della vita dei suoi abitantiquesto è un sogno che speriamo di vedere presto realizzato. Il nostro obiettivo, per ora, è quello di mettere tutti un mattoncino, per far crescere i nostri negozi, per farli vivere, per farli ridiventare attraenti e luminosi. Delegato al commercio Giovanni Poletti

6 6 Maggio 2010 Boltiere Oggi Un impianto fotovoltaico al centro civico Aldo Moro Boltiere ha deciso di valorizzare l ambiente, ma soprattutto di investire in interventi che puntano al risparmio energetico, alla qualità e all eco-compatibilità degli edifici. Come? Grazie alla scelta strategica di valorizzare e promuovere l energia rinnovabile nel settore pubblico. L amministrazione comunale, infatti, si è impegnata a realizzare un impianto fotovoltaico (cioè impianto di produzione di energia elettrica mediante conversione diretta delle radiazioni solari tramite l effetto fotovoltaico) sul tetto dell edificio Biblioteca e Centro civico <Aldo Moro>. Un grande passo, significativo e determinante, che qualifica l amministrazione comunale, da anni impegnata nella tutela e nella salvaguardia dell ambiente, così come si evince dalla partecipazione attiva di Boltiere al piano d azione locale Agenda 21 Dalmine-Zingonia, che ha scelto la ditta CEV di Verona come partner del progetto <1000 tetti>, per il risparmio energetico e l utilizzo di energie rinnovabili sul territorio comunale (adesione effettuata nello scorso mese di aprile). Per la precisione, il Comune di Boltiere ha siglato un accordo con la ditta System Tollinger di Fara Gera d Adda, per la realizzazione di impianto fotovoltaico sul tetto dell edificio Biblioteca e Centro civico <Aldo Moro>, per una superficie di 100 metri quadrati, che consente di ridurre i consumi energetici, di produrre energia verde, di promuovere la tutela ambientale. Il tutto a costo zero, senza spese o oneri per il Comune di Boltiere. Insomma, un impianto <chiavi in mano>. Tutti uniti contro la zanzara tigre Fastidiosa, e a volte pericolosa, la zanzara tigre. Infatti, tramite puntura, l aedes albopictus può trasmettere la chikungunya, una malattia virale con febbre alta. Che fare? Già l amministrazione comunale ha predisposto un piano comunale di contenimento della zanzara tigre, in altre parole la sua offensiva per la prossima estate Nello specifico, interventi di disinfestazione antilarvale, che toccheranno tombinature e caditoie stradali presenti sul territorio comunale; e interventi di disinfestazione adulticida di tutte le siepi, i cespugli, i prati e la vegetazione comunale fino ai 2 metri di altezza. Questi gli estremi dell accordo. Da una parte, si riconosce alla società System Tollinger l uso esclusivo del tetto per la durata di 20 anni. Sarà essa a sostenere le spese di progettazione, realizzazione, installazione dell impianto. E sarà suo interesse provvedere alla buona manutenzione dell impianto, perché incassa gli incentivi erogati dal gestore del servizio elettrico (GSE) e gestisce e vende tutta l energia prodotta. Dall altra, si stabilisce che l impianto fotovoltaico è di proprietà del Comune di Boltiere, che può consumare l energia prodotta per il proprio fabbisogno. Inoltre, il 15% dei kwh prodotti dall impianto in un anno verrà riconosciuto dal Comune alla ditta System Tollinger attraverso un versamento a titolo di consuntivo, a cadenza annuale. Nel prossimo futuro, alla luce dei bandi che verranno proposti a livello nazionale e regionale, l amministrazione comunale pensa di installare impianti fotovoltaici anche su altri edifici pubblici, come il Municipio, le scuole elementari e medie, la palestra, il CDI, la scuola materna e l asilo nido. Per giungere preparati a questi interventi, è necessario predisporre un <audit>, cioè una diagnosi energetica, per analizzare le condizioni degli edifici comunali, il loro involucro edilizio, i sistemi elettrici, di condizionamento e raffrescamento, da un punto di vista energetico, così da valutare gli interventi da attuare. L assessore all Ecologia, Fabrizio Locatelli Ma per vincere questa guerra alla zanzara, soprattutto in un territorio agricolo come il nostro, bisogna puntare sulla prevenzione e su una serie di trattamenti in piena sinergia con i cittadini. I siti a rischio di infestazione nelle aree pubbliche sono infatti solo il 10/20% del totale. Il rimanente 80/90% delle zone a rischio è di proprietà privata. E necessario quindi che i cittadini mettano in atto misure di prevenzione e di trattamento nelle aree di loro competenza. Diversi i consigli utili: non abbandonare oggetti e contenitori che possono raccogliere acqua piovana; procedere, ogni 3/4 giorni, al regolare svuotamento dei contenitori situati nelle proprie aree private (la larva, infatti, si sviluppa in 5/6 giorni); coprire i contenitori inamovibili con reti zanzariere a maglia stretta o coperchio a tenuta; mettere nei vasi portafiori dei cimiteri ed in generale in tutti i sottovasi situati all aperto dei fili di rame puro, che risultano tossici per le larve di zanzara; tenere sgombri i cortili e le aree aperte da erbacce, sterpi e rifiuti di ogni genere, ed eventualmente recintarli in modo da impedire lo scarico di immondizie; e anche introdurre nelle fontane e nei laghetti ornamentali un numero adeguato di pesci larvivori come ad esempio i pesci rossi. In particolare, proprio per chi coltiva degli orti nelle campagne di Boltiere, il Comune invita i cittadini a privilegiare l annaffiatura diretta, sistemare tutti i contenitori e altri materiali (teli di plastica) in modo da evitare la formazione di raccolte d acqua piovana, chiudere con coperchi gli eventuali serbatoi d acqua. Per informazioni, telefonare all Ufficio Tecnico:

7 Boltiere Oggi Maggio Sistemata la stazione ecologica Migliora la sua funzionalità la piattaforma ecologica di Boltiere, che si apre in Piazzale Donatori del Sangue. Per ottimizzare il sistema integrato della raccolta differenziata dei rifiuti, ma soprattutto per potenziare l impianto, alla luce dell espansione residenziale in atto e dello sviluppo di nuovi insediamenti artigianali e industriali, l amministrazione comunale ha realizzato l ampliamento della piattaforma ecologica, mediante l aumento degli spazi di stoccaggio e di manovra. I lavori sono ormai conclusi. Già la piattaforma ecologica era una struttura <integrata>, in grado di eseguire tutte le fasi del conferimento: dalla raccolta allo stoccaggio, dalla selezione allo smaltimento dei rifiuti riciclabili. Ma l ampliamento ha permesso di potenziare e migliorare ulteriormente le operazioni di scarico dei rifiuti portati dai cittadini.i lavori, iniziati alcuni mesi fa, si sono intensificati proprio ad inizio della primavera, ed ormai sono giunti al loro compimento. Innanzitutto, l ampliamento dell area dell <eco-stazione>, che ora si allarga su circa mq, e la riorganizzazione degli accesi di scarico, mediante nuove rampe e passerelle rialzate. Quindi, la realizzazione di un area coperta, per lo stoccaggio di materiale speciale. A seguire, la sistemazione del locale-custode. Ne è scaturita una struttura più funzionale, moderna e attrezzata, dove, d ora in poi, sarà facile entrare e uscire con auto e camion; e dove sarà possibile smaltire tutti i tipi di rifiuti. Evidenti i vantaggi, a livello di organizzazione della raccolta, ma soprattutto di riduzione dei costi di conferimento. I lavori, che hanno impegnato le casse comunali per una spesa di circa euro, mancano ora soltanto di un intervento, che si prevede di realizzare in questo mese di maggio: l installazione del nuovo impianto di illuminazione. Nei prossimi mesi, poi, scatterà l altra novità dell intervento. Per una maggiore trasparenza del conferimento dei rifiuti e per ottenere un economicità della gestione, verrà realizzato un nuovo sistema di regolamentazione dell accesso all <eco-stazione>: la struttura, infatti, dotata di sbarra, sarà accessibile soltanto ai residenti di Boltiere e alle aziende operanti sul territorio comunale, mediante l utilizzo di una tessera magnetica, un <badge> appunto, che verrà distribuito ad ogni nucleo famigliare o azienda di Boltiere. L obiettivo è quello di regolamentare e controllare l ingresso nella stazione ecologica. Soprattutto di quelle persone che scaricano rifiuti ingombranti. Non solo i cittadini, ma anche, e soprattutto, le aziende, in un ottica di ottimizzazione del conferimento dei rifiuti e di una più efficace selezione. L assessore all Ecologia, Fabrizio Locatelli Guerra alle cacche dei cani Per una maggior pulizia di strade e marciapiedi, contro i <ricordini> lasciati per strada dagli <amici dell uomo>, a favore dell igiene e del decoro civico. Così, il Comune di Boltiere ricorda ai cittadini che esiste un regolamento della polizia locale che, agli articoli 54 e 82, disciplina la tenuta e la circolazione dei cani, in modo da prevenire, o addirittura reprimere, comportamenti che si traducono in fatti dannosi e pericolosi per l igiene e la sicurezza pubblica. Nello specifico, i possessori di cani sono ritenuti responsabili degli imbrattamenti procurati dagli <amici a quattro zampe> e devono adottare ogni misura cautelativa per evitare che sporchino il suolo pubblico. In particolare, nelle vie, nelle piazze, nei parchi e nei giardini, ove è consentito l accesso degli animali, devono provvedere immediatamente alla pulizia e all asportazione degli escrementi, pena una sanzione amministrativa da 30 a 100 euro. In che modo? Portando con sé o munendosi di <apposita attrezzatura>, per l immediata rimozione delle deiezioni. Il regolamento, poi, regola la tenuta dei cani per le strade, che devono passeggiare al guinzaglio e muniti di museruola. Inoltre, è rimarcato il divieto di accesso dei cani negli esercizi pubblici e nei locali dove si somministrano bevande. L assessore all Ecologia, Fabrizio Locatelli Molto funzionale la nuova sala giunta E un bel vedere. Ora proprio possiamo dire che gli uffici di rappresentanza amministrativa del Comune di Boltiere sono quasi a posto. Certo, mancano gli uffici per gli assessori, ma la nuova sala giunta realizzata nello scorso inverno alle spalle della sala consiliare, accorciandola con ampia e luminosa vetrata, offre un bell effetto a chi vi accede. Un tavolo spazioso, con nuove sedie; una dote di arredi che è funzionale anche per gli uffici, ma soprattutto per i singoli assessorati; una nuova postazione multimediale, che arricchisce l ambiente. Tutto il necessario per una sala giunta che, se dovesse servire, si presta benissimo per diventare anche sala per incontri e riunioni. Senza dimenticare il nuovo video-proiettore, estremamente necessario per garantire fluidità, e informazioni utili, ai lavori del consiglio comunale.

8 8 Maggio 2010 Boltiere Oggi Polizia locale in prima linea, con successo Tempo di bilanci per il Corpo di Polizia Locale di Boltiere. A quattro mesi dall insediamento del nuovo comandante, Manolo Peroni, che proveniva dal vicino Comune di Verdellino, e dall ingresso nella <squadra> del nuovo agente di polizia Walter Maffi, proveniente da Romano di Lombardia, che porta a tre il numero degli agenti in servizio nel Comune di Boltiere, il Corpo di Polizia Locale di Boltiere ha recentemente presentato il bilancio dell attività svolta durante il primo trimestre, che evidenziano aspetti interessanti della più ampia realtà sociale del territorio boltierese. Una conferma. Il Corpo di Polizia Locale è cresciuto molto, e non solo in termini numerici. L organico effettivo è passato da 3 a 4 agenti e ciò ha consentito di estendere il servizio di vigilanza anche al sabato pomeriggio ed in orario serale e notturno. La maggiore presenza sul territorio, poi, ha consentito di raggiungere ottimi risultati operativi. Per esempio, sono stati effettuati quattro servizi serali di vigilanza e controllo del territorio e altrettanti servizi antiprostituzione. Sono stati sventati due furti, in collaborazione con i Carabinieri di Zingonia, presso ditte di Boltiere. Quindi, tre servizi notturni, coordinati con i Carabinieri, per il controllo di cittadini irregolari, con arresti, espulsioni e sequestri di sostanze stupefacenti>. Ma c è di più. Ed è la seconda conferma. Sono stati effettuati servizi di controllo della velocità con dispositivo Telelaser nelle vie centrali del paese, e controlli presso i parchi pubblici e centri sportivi; un servizio in borghese con auto-civetta, per attività di contrasto al traffico e al consumo di sostanze stupefacenti; alcuni servizi di pattugliamento in orario serale e notturno per prevenire e contrastare furti in abitazioni, atti vandalici e attività criminali in generale ed identificare persone sospette; ed interventi di educazione stradale presso le scuole medie per il conseguimento del patentino per ciclomotori. Forte, poi, la visibilità sul territorio, con una presenza costante dei nostri quattro agenti. Ed è la terza conferma. E ficcante il grado di intervento nelle diverse situazioni che si sono venute a creare, in merito alla sicurezza urbana, alle devianze, alle illegalità e alle difficoltà sociali, a dimostrazione di una presenza della Polizia Locale che ha avuto la caratteristica della <prossimità>, cioè della vicinanza con i cittadini. Ecco, infine, alcuni numeri che meglio illustrano l attività svolta nel primo trimestre del Ben 243 verbali contestati per violazioni al Codice della Strada; 20 verbali per violazione all ordinanza antiprostituzione; 8 patenti di guida ritirate; 9 carte di circolazione ritirate; 8 sequestri amministrativi di veicoli; 9 fermi amministrativi di veicoli effettuati; 30 veicoli rimossi; 5 incidenti stradali rilevati. Inoltre, due persone denunciate penalmente; 18 cittadini stranieri controllati e identificati; 3 sgomberi immediati di campi nomadi abusivi. L assessore alla Sicurezza, Maurizio Testa Una squadra operativa La scelta di rafforzare il Corpo di Polizia Locale era quasi obbligata. Soprattutto per un Comune come Boltiere che ha al suo interno un area a forte rischio come il quartiere di Zingonia. Una nuova strategia, ben apprezzata dalla cittadinanza, dettata dalla volontà di garantire vigilanza, copertura oraria del servizio e massimo controllo del territorio. Un comandante e tre agenti, non sono male per Boltiere, che conta poco più di abitanti. E tanti i servizi che vede coinvolta la nuova <task force> della sicurezza municipale. Infatti, oltre al compito di polizia locale e polizia stradale, la <squadra> si occupa di attività edilizia, produttiva, commerciale, giudiziaria, ambientale e amministrativa, con il fine di prevenire e reprimere comportamenti illeciti. Quattro agenti in strada, per rendere ancora più ficcante l azione di controllo e prevenzione sul territorio, per contrastare la micro-criminalità, che tracima dalla vicina Zingonia, e per prevenire altre forme di disagio sociale, come il teppismo giovanile, l abbandono abusivo dei rifiuti e gli atti di vandalismo contro l arredo pubblico. Ma i numeri crescono, le azioni di controllo si intensificano e all orizzonte ci sono interessanti novità. Quali? Per esempio, l affidamento ad una ditta specializzata dell incarico di provvedere all ampliamento ed al ripristino dell impianto di videosorveglianza esistente ed all installazione di telecamere con software di lettura targhe, nonché all installazione di una telecamera di sorveglianza e PC sull auto della Polizia Locale. Infine, a seguito di una fattiva collaborazione fra gli assessorati alla Sicurezza e alla Comunicazione (nella persona dell assessore Franco Vanoli), si è provveduto a dotare gli agenti della Polizia Locale di telefoni cellulari di ultima generazione con servizio di recapito immediato e ad introdurre un numero di Pronto Intervento per contattare direttamente la pattuglia di Polizia Locale in servizio. L assessore alla Sicurezza, Maurizio Testa - Numero pronto intervento:

9 Boltiere Oggi Maggio Collegamento Internet Wi-fi gratuito in Biblioteca Importante novità nell erogazione del servizio di connettività Internet fornito dalla Biblioteca. E stata attivata, in via sperimentale, la nuova connessione Wi- Fi, cioè internet senza fili, grazie alla quale ogni utente potrà connettersi utilizzando il proprio computer portatile e navigare in sede. Questo servizio è pensato per facilitare l utilizzo della Biblioteca come luogo di studio e ricerca di documentazione da parte degli studenti e per fornire un più semplice accesso ad Internet da parte dei cittadini, soprattutto coloro che non dispongono della conessione adsl nella propria abitazione. Ora anche nel Comune di Boltiere, perché è compito della pubblica amministrazione stare sempre al passo con i tempi e con le tecnologie che evolvono. Ormai è indispensabile avere a disposizione un collegamento internet, sia per attività di ricerca, sia per poter comunicare con chi sta lontano. Ma la novità importante del nuovo servizio sperimentale è la sua completa gratuità. In pratica, con il proprio computer portatile o con il proprio Per ora il servizio è stato attivato solo all interno dei locali della Biblioteca, ma prossimamente, dopo la prima fase di sperimentazione iniziale, il servizio sarà attivato anche all esterno.per l attivazione del servizio è stato predisposto un hardware specifico, un Hot-Spot access point, con relativo software dedicato per la registrazione degli utenti (per un controllo della loro navigazione) e un apposito sistema di web filtering. Wi-fi Zone A breve, ne sarà aggiunta una esclusivamente per l accesso al portale MediaLibrary. Sempre nel campo delle innovazioni è in fase di progettazione un altra idea, fortemente voluta dall assessorato alla Cultura e Comunicazione, le Video Mostre. Tutti in Biblioteca, poi, gli amanti di Topolino, il mitico personaggio di Walt Disney. L assessorato alla Cultura ha deciso di abbonarsi al settimanale Topolino, ormai da 50 anni nelle case degli Italiani (prima uscita Aprile 1949). Ebbene, già da mesi è possibile trovarlo sullo scaffale delle riviste in prestito. L idea è venuta proprio prendendo spunto dal mondo universitario, dove, in diversi atenei sia europei che italiani, l utilizzo di reti pubbliche senza fili per la connessione ad Internet è una realtà ormai affermata. smart-phone sarà possibile accedere ad internet, in tutta libertà e sicurezza. Per chi non disponesse di un computer portatile proprio, la Biblioteca dispone gia di tre postazioni fisse per la navigazione. Si segnala, infine, nell ambito della storia e degli archivi comunali, un nuovo sito molto interessante, dove poter trovare notizie, foto, mappe storiche dei paesi appartenenti all area di Dalmine, nella quale ricade il Comune di Boltiere: L assessore alla Cultura, Franco Vanoli 25 Aprile L Italia è libera. Nutrita la partecipazione popolare alla ricorrenza del 25 Aprile. Segno evidente che c è ancora il senso di appartenenza ad una nazione libera e democratica, dove ogni cittadino può agire ed esprimere il suo credo liberamente, nel rispetto altrui e delle leggi vigenti. Molto apprezzata l iniziativa Cantando la libertà, svoltasi il 21 aprile, presso il centro civico Aldo Moro : concerto della Corale Polifonica di Boltiere, lettura di poesie di Salvatore Quasimodo da parte dell attrice Anna Micalef Orlandi e lettura delle poesie di Gigi Medolago. E tanta gente alla festa del 25 Aprile, che ha vissuto momenti toccanti nella deposizione delle corone d alloro ai Monumenti ai Caduti: in Piazza Libertà e al Cimitero. L assessore alla Cultura, Franco Vanoli

10 10 Maggio 2010 Boltiere Oggi Centro prelievi Avis: il Comune risolve il problema Si farà su un terreno di proprietà comunale, davanti al Policlinico San Marco di Zingonia, il centro prelievi dell Avis provinciale di Bergamo. Ad annunciarlo, nel marzo scorso, è stato il sindaco Osvaldo Palazzini, intervenuto all assemblea annuale dell Avis, presso la Fiera di Bergamo, su invito dello stesso presidente avisino <made in Bergamo> Oscar Bianchi. Dunque, il vecchio progetto del <Polo della Solidarietà>, dentro il quale per la precedente amministrazione avrebbe dovuto trovare spazio il centro prelievi, è ormai solo un lontano ricordo. Al nostro insediamento non abbiamo più trovato gli euro (rintracciati nell ambito della convenzione stipulata con gli attuatori del Piano Integrato di Intervento <Otufo>, impegnato in corso Europa, a Zingonia, per la costruzione di un centro commerciale, ndr) necessari alla realizzazione del centro prelievi Avis e della nuova sede della Croce Bianca di Boltiere. Circa la metà delle risorse <accantonate> per le due opere era stata dilapidata dalla vecchia amministrazione in interventi sulla viabilità in paese, che avevano un chiaro sapore propagandistico ed elettoralistico. Ci siamo ritrovati nelle casse comunali euro, con in più il problema che la spesa per la realizzazione delle due opere era lievitata a euro. Logico, quindi, un nostro dietro-front e la rinuncia al <Polo della Solidarietà>. Ma attenti, cari boltieresi e, in particolare, volontari avisini e volontari del soccorso. Per soddisfare le esigenze della Croce Bianca, che necessita di maggiori spazi per i suoi oltre 120 volontari e per il ricovero dei suoi mezzi, abbiamo deciso, di comune accordo con l associazione, di ampliare l attuale sede, in Piazzale Donatori di Sangue. Una bella notizia. Mantenendola in questo posto, e quindi nel centro del paese, i suoi volontari potranno infatti continuare a mantenere vivo lo stretto legame che hanno ora con la popolazione e che perderebbero con un trasferimento a Zingonia. Per il nuovo centro prelievi dell Avis provinciale, invece, nessun problema. Si farà. Intanto, il Comune di Boltiere restituisce all Avis provinciale i euro che erano stati versati come contributo per la realizzazione del <Polo della Solidarietà> e il suo utilizzo per un periodo di vent anni. Inoltre, come già riferito al presidente dell Avis provinciale Oscar Bianchi, il Comune di Boltiere metterà a disposizione della stessa Avis l area (in comodato d uso) che si trova in corso Europa, sulla quale doveva essere realizzato il <Polo della Solidarietà>. E l Avis provinciale provvederà poi da sola a realizzare il centro prelievi di cui necessita. Vorrei sottolineare che tutta l operazione è stata ampiamente condivisa dai vertici dell Avis provinciale di Bergamo. Una soluzione che va nella direzione di rafforzare la presenza del centro prelievi, da più di dieci anni attivo a Zingonia. L assessore ai Lavori Pubblici, Renato Cavalleri Ultime dal centro diurno integrato Nuova palestra comunale Proseguono i lavori di completamento delle opere di urbanizzazione necessarie a rendere funzionale il centro diurno integrato e le vie circostanti. Come da progetto iniziale, sono già stati ultimati i marciapiedi sul lato est e ovest di via Buonarroti, e sono stati realizzati trenta parcheggi che si aggiungono ai ventidue già esistenti nel piano sottostante il centro diurno integrato. Questo intervento permetterà, una volta terminata l opera, di facilitare il parcheggio delle auto e alleggerire la viabilità sulla vicina piazza. Per rendere più agevole e al coperto il percorso pedonale verso il centro diurno, poi, si sta realizzando un porticato sulla parte del nuovo marciapiede di via Ronchetti e via Buonarroti e, per completare l intervento, è stata realizzata la rampa di accesso pedonale che conduce alla palestra, ai parcheggi interrati e ai piani superiori della struttura. E stata infine allargata la sede stradale, per rendere più agevole la circolazione delle auto verso il centro storico e verso via Buonarroti. Dopo che lo scorso autunno, per propria scelta, la ditta appaltatrice della palestra ha deciso di non proseguire con i lavori che ancora restavano per completare l opera, l amministrazione comunale si è adoperata per trovare una soluzione che permettesse di prendere in carico il cantiere e, di conseguenza, proseguire con i mancanti lavori di completamento. In questa direzione, e per raggiungere l obiettivo di cui sopra, abbiamo lavorato in questi ultimi mesi, coadiuvati dagli uffici comunali e dalla direzione lavori. Lo scopo finale, non ancora raggiunto, rimane quello di sottoscrivere un accordo transativo che porti il Comune di Boltiere ad avere la piena disponibilità del cantiere e poter, di conseguenza, ultimare l opera, per renderla disponibile alla cittadinanza e, in particolare, alle società sportive. In sintesi, i lavori da ultimare, oltre ad alcune opere di finitura della struttura, riguardano l impianto elettrico, la fornitura e la posa dei corpi illuminanti, la formazione della pavimentazione dell area agonistica, i supporti per i tabelloni del basket, le tribune per gli spettatori, l arredamento degli spogliatoi, la sistemazione di tutta l area esterna e la recinzione sul fronte palestra. L assessore ai Lavori Pubblici, Renato Cavalleri L assessore ai Lavori Pubblici, Renato Cavalleri

11 Boltiere Oggi Maggio Cari concittadini A quasi un anno dall inizio del mandato amministrativo possiamo confermare d aver ereditato dalla gestione del ex Sindaco Testa una situazione gravemente compromessa da una incredibile serie di pasticci amministrativi e da una sostanziale incapacità ad elaborare una progettualità in grado di individuare soluzioni anche parziali ai seri problemi di sicurezza e vivibilità che da tempo affliggono ormai il nostro territorio. Il Comune era molto simile ad un vascello in procinto d affondare per le gravi falle nello scafo (debiti, spesa corrente, contenzioso legale e tributario) e per l assenza di un comandante ed di un equipaggio in grado di allontanarlo dagli scogli (sicurezza e traffico) e dal conseguente pericolo di naufragio. A questo punto diventava necessario innanzitutto salvare la nave, rattoppare le falle per evitare che lo scafo imbarcasse troppa acqua: questo è stato il nostro primo impegno una volta insediati ed è per tutto il corrente anno la nostra più consapevole priorità: in quest ottica vanno letti i rilevantissimi tagli alla spesa corrente e la più generale riorganizzazione degli uffici e dei servizi comunali. Sono questi dei passaggi dolorosi, forse impopolari, sicuramente irrinunciabili: sono infine il riflesso positivo al dovere che l Amministratore pubblico dovrebbe avere di gestirsi con la saggezza di un buon padre di famiglia. Molto lavoro rimane in verità ancora da fare ma la rotta verso un attracco sicuro è stata tracciata ed intrapresa; lo scafo fortunatamente ha retto e la nave può giungere in porto per essere definitivamente riparata : sarà questa, fuor di metafora, la fase due del nostro ruolino di marcia che verosimilmente ci impegnerà per tutto il 2011 e per parte del Il rigoroso e responsabile controllo della spesa corrente sarà quindi affiancato da una verifica delle Entrate Tributarie per riportarle in linea con la crescita di valore del patrimonio edilizio in questi anni consolidatosi. A questo punto con un imbarcazione ormai in grado di reggere la navigazione, solida e governabile potremo finalmente riprendere il largo e dedicarci alla progettazione e alla realizzazione di quelle opere a lungo attese e in grado di ridisegnare il volto del nostro Paese. La posizione della Lista di Minoranza Vivi Boltiere è stata, rispetto a quanto sopra esposto, di totale chiusura: nessuna assunzione di responsabilità per il passato, nessuna disponibilità ad elaborare congiuntamente alla Maggioranza una necessaria strategia di uscita dalla crisi; solo una sterile, ripetitiva ed irresponsabile polemica basata sugli effetti dei tagli alla spesa corrente resi peraltro necessari dall obbiettivo ineludibile del rientro nei parametri del Patto di Stabilità che proprio la loro condotta dissennata e ottusa aveva portato a sforare. Vale per loro la pillola di saggezza contenuta in un antico detto cinese che ammonisce : Quando il saggio indica la Luna gli stolti guardano il dito. Massimo Lena Capogruppo PDL Palazzini Sindaco Cari cittadini di Boltiere, la Lista Civica VIVIBOLTIERE sperava di trovare uno spazio democratico in Consiglio Comunale: purtroppo tale speranza si è dimostrata vana. È stato più volte chiesto di istituire alcune commissioni (PGT, cultura, sociale, bilancio), anche allo scopo di alleggerire il lavoro del Consiglio e di mettere a confronto la parte politica con quella associazionistica. Purtroppo però la Giunta non è dello stesso avviso: fino a oggi non ha fatto altro che ridurre il numero dei membri delle commissioni esistenti, e, quindi, anche di quelli appartenenti alla società civile. In tema di trasparenza e partecipazione, è un ottimo esempio di come predicare bene e razzolare male. Molte energie vengono profuse dalla maggioranza per avanzare pretestuose critiche circa lo sforamento dal Patto di Stabilità, esse, però, appaiono piuttosto un comodo espediente per giustificare tagli inopportuni alla scuola, ai servizi alla persona e all ambiente. Il Patto, che è stato pensato dallo Stato centrale per limitare gli investimenti e ridurre così l indebitamento dei comuni, costringe gli stessi enti a spendere solo quanto è contenuto nelle proprie casse, senza poter ricorrere a mutui o finanziamenti altri. Nel contempo, lo Stato ha fortemente limitato le risorse una volta destinate ai comuni, riducendo ulteriormente le entrate e le relative spese a favore dei cittadini. Stando così le cose, si comprende il motivo per cui molti comuni hanno sforato il Patto, e le ragioni che hanno portato più di 500 sindaci lombardi a denunciare pubblicamente la rigidità di uno strumento che impedisce loro un amministrazione equilibrata e rispondente alle esigenze dei cittadini. Ovviamente, il nostro Sindaco, sempre pronto a denunciare (a parole) il proprio impegno per i boltieresi, si è guardato bene dal partecipare a un iniziativa, non connotata politicamente, volta a difendere l autonomia locale. A tal proposito, sovente viene ripetuto che la causa dell indebitamento è la nuova palestra. Tale opera, promossa dalla giunta precedente, come da programma elettorale ampiamente condiviso dalla cittadinanza attraverso il voto del 2004, è stata la risposta alle necessità di un paese in forte sviluppo demografico e con una crescente domanda di spazi per le attività sportive e non. Inoltre, giova sottolineare che il Patto di Stabilità è stato introdotto solo nel 2008 e dunque a opera già avviata. In conclusione, ci sentiamo profondamente delusi e amareggiati ogni volta che ci confrontiamo con la maggioranza, che ha ormai trasformato il Consiglio Comunale come atto dovuto consapevole della prevalenza numerica, considerandoci con sufficienza nonostante gli sforzi profusi a collaborare per il bene di tutta la cittadinanza. Armida Forlani Capogruppo Lista civica VIVIBOLTIERE

12 Comune di Boltiere 150 Unità d Italia 2 Giugno 2010 FESTA DELLA REPUBBLICA Centro Civico Aldo Moro ore Siete tutti invitati al concerto del coro Le Due Valli di Alzano Lombardo NASCITA SOCIALE Venerdì 28 Maggio 2010 Ore L Amministrazione Comunale incontra i diciottenni presso il Municipio A seguire pizza in compagnia. Si ringrazia per la collaborazione il Ristorante Pizzeria al Cantinone di Boltiere. CAMMINATA DELLE ASSOCIAZIONI Mercoledì 2 Giugno 2010 Ore 9.00 Marcia non competitiva che si svolgerà nelle vie del paese con premi e riconoscimenti ai partecipanti organizzata dalla Consulta delle Associazioni di Boltiere

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni:

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni: NOInet è una cooperativa di Comunità che nasce dal presupposto che internet è un bene comune a cui tutti possano accedere ad un costo accessibile con standard qualitativi elevati. Per questo con NOInet

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli