La FUSIONE delle società. Corso di Formazione Professionale per Dottori Commercialisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La FUSIONE delle società. Corso di Formazione Professionale per Dottori Commercialisti"

Transcript

1 La FUSIONE delle società Corso di Formazione Professionale per Dottori Commercialisti

2

3

4 Definizione La Fusione èun operazione straordinaria di aggregazione mediante la quale due o più società perdono la loro individualità per dare vita ad un soggetto economico e giuridico di maggiori dimensioni.

5 Scopo della Fusione migliorare l equilibrio economico e quindi l efficienza produttiva; ridurre i costi d amministrazione, di produzione e di vendita; migliorare l efficienza concorrenziale sul mercato; migliorare il reperimento delle fonti di finanziamento.

6 Tipologie di Fusione fusioni per concentrazione (o proprie): quando le società coinvolte si estinguono senza liquidazione dando vita ad un soggetto economico e giuridico di nuova costituzione fusioni per incorporazione: la società incorporante procede ad un aumento di capitale sociale, le cui azioni/quote saranno assegnate ai soci della società incorporata, a fronte di azioni o quote dagli stessi possedute. La fusione per incorporazione può essere diretta o inversa (nel caso di partecipazioni societarie)

7 Tipologie di Fusione Fusione orizzontale = èquella che coinvolge due o più aziende operanti in una medesima linea di affari o, comunque, nell ambito di attività produttive analoghe. Fusione verticale = é quella in cui l acquirente o incorporante si integra a monte o a valle del processo produttivo. Fusione conglomerale = è, invece, quella in cui sono coinvolte due o più aziende operanti in settori non correlati.

8 Differenze in base al natura giuridica A seconda del tipo di società che partecipano alla fusione, si possono distinguere due diverse forme di fusione: fusione omogenea, tra società dello stesso tipo, ad esempio tra società di capitali o tra società di persone; fusione eterogenea, tra società non dello stesso tipo e, quindi, tra società di capitali e società di persone.

9 Disciplina delle operazioni di fusione Le operazioni di fusione sono state disciplinate in modo organico dal : D.Lgs. 22/1991 in attuazione delle Direttive 78/855/Cee e 82/891/Cee. La riforma del diritto societario (D.Lgs. 6/2003) ha comunque apportato modifiche rilevanti disciplinando aspetti in passato trascurati

10 Innovazioni legislative Il Legislatore ha apportato le seguenti innovazioni: èconsentita la partecipazione alla fusione anche a società sottoposte a procedure concorsuali (art. 2501, comma 2, c.c.); è stata disciplinata la fusione a seguito di acquisizione con indebitamento (art bis, c.c.); in sede di approvazione del progetto di fusione èstata introdotta una limitata facoltà di modificare il progetto di fusione (art. 2502, comma 2, c.c.);

11 Innovazioni legislative (continua) le fusioni per incorporazione di società controllate con almeno il 90% di capitale posseduto possono essere deliberate dall'organo amministrativo (art bis, co. 2, c.c.); è stato disciplinato il primo bilancio successivo alla fusione (art bis, c.c.); è accelerato il procedimento di fusione, se non partecipano società il cui capitale èrappresentato da azioni (art quater, c.c.);

12 Leveraged buy Out Il leveraged buy out si delinea come l attività di acquisizione del controllo di una società prevalentemente finanziata da indebitamento, il cui piano di remunerazione e rimborso si fonda sui flussi finanziari generati dall'azienda acquisita.

13 Leveraged buy Out L operazione di Leveraged Buy Out si realizza nei seguenti quattro passaggi: 1. Individuazione da parte di uno o più soggetti interessati al controllo della società target, di una società veicolo, cd. newco, costituita appositamente o giàesistente ed operativa; 2. Reperimento da parte della newco, delle risorse finanziarie mediante accordi con gli istituti di credito/finanziamento; 3. Costituzione delle garanzie in favore dell istituto di credito/finanziamento; 4. Acquisizione delle partecipazioni sociale della società target e conseguente fusione per incorporazione tra la newco e la società target.

14 Leveraged buy Out nella riforma societaria La giurisprudenza ha sempre propeso per l illiceità del leveraged buy out in quanto ritenuto posto in essere in violazione del divieto, di cui all art del c.c., di accordare prestiti e fornire garanzie per l acquisto di azioni proprie. Tuttavia, gli operatori hanno spesso posto in essere tali operazioni, tanto da suggerire al Legislatore di riconoscere e disciplinare la «fusione a seguito di acquisizione con indebitamento». Ora, in forza dell art bis C.C., il Leveraged buy out non comporta più la violazione del diritto di acquisto, a condizione che siano rispettati gli specifici adempimenti previsti in detto articolo.

15 Natura Giuridica Teoria modificativa: la fusione modifica i contratti sociali delle societàpartecipanti che di conseguenza non si estinguono e non si creano nuove società (si da luogo ad una riunificazione oggettiva dei patrimoni sociali). Teoria estintiva: considera la fusione come un fenomeno estintivo-costitutivo di tipo successorio (successione universale). Il Legislatore comunitario all'art. 2 della Direttiva 82/891 Cee e all'art. 3 della Direttiva 78/885/Cee stabilisce che la fusione e la scissione comportano uno scioglimento senza liquidazione della societàfusa.

16 Riforma societaria L'indicazione prevista nella legge delega di «semplificare e precisare il procedimento» delle fusioni ha trovato un limite nei vincoli comunitari, ed il Legislatore italiano ha dovuto stabilire comportamenti diversificati, a seconda che la società abbia o meno il capitale rappresentato da azioni: 1) nelle fusioni in cui partecipano società con capitale rappresentato da azioni sono stati sfruttati tutti i margini di discrezionalità (pag. 6 punto 3.1 monografia Ł slide successiva Ł); 2) nelle fusioni in cui non partecipano società il cui capitale è rappresentato da azioni (alle quali non si applica la Direttiva 78/855/Cee) si sono previste una serie di deroghe al modello di derivazione comunitaria.

17 Riforma societaria (continua) Nelle fusioni in cui partecipano società con capitale rappresentato da azioni: eliminando l'attuale previsione secondo cui la partecipazione alla fusione non èconsentita alle società sottoposte a procedure concorsuali (art. 2501, comma 1, c.c.); consentendo la possibilità di modificare il progetto di fusione in sede di approvazione della fusione stessa (art. 2502, comma 2, c.c.); cercando di coniugare l'esigenza di celerità del procedimento di fusione e quella di tutela dei creditori della società(art. 2503, commi 1, 2 e 3, c.c.).

18 Il procedimento Il procedimento per mezzo del quale si compie l'operazione di fusione ècaratterizzato da alcune fasi fondamentali. "Fotografia" delle situazioni patrimoniali delle società interessate (perizia di stima delle eventuali soc di persone) Redazione e deposito del Progetto di Fusione (entro 120gg dalla situazione patrimoniale) Relazione dell'organo amministrativo ed, eventualmente, degli esperti. Decisione di fusione e deposito/iscrizione della stessa Atto di fusione (per atto pubblico )

19 Le fasi del procedimento 1. fase preliminare: è la fase in cui si instaurano rapporti e contatti fra gli organi amministrativi e nella quale si producono i documenti necessari per avviare il procedimento (situazioni patrimoniali ed eventuali valutazioni patrimoniali, progetto di fusione, relazioni di amministratori ed esperti); 2. fase pubblicitaria interna: èla fase in cui si esegue il deposito presso la sede sociale dei documenti predisposti in precedenza;;

20 Le fasi del procedimento 3. fase deliberativa: è la fase in cui l'assemblea prende la decisione di approvare l'operazione di fusione, sulla base della documentazione di cui ha avuto conoscenza; 4. fase pubblicitaria esterna: è la fase in cui i documenti predisposti (progetto di fusione, delibere di fusione) restano depositati presso il Registro delle Imprese.

21 Le fasi del procedimento 5. fase delle opposizioni: fase in cui si rende effettivo il diritto di opposizione dei creditori sociali che ritengono di venire pregiudicati dalla fusione; 6. fase attuativa: dopo il decorso dei tempi previsti dal c.c., si procede con l atto di fusione mediante atto pubblico.

22 Il progetto di fusione Il progetto di fusione èdisciplinato dall'art ter, c.c. e si compone di otto punti: 1. Tipo, denominazione o ragione sociale, la sede delle societàpartecipati alla fusione; 2. Atto costitutivo della nuova società risultante dalla fusione o di quella incorporante, con le eventuali modificazioni derivanti dalla fusione; 3. Rapporto di concambio delle azioni o delle quote; 4. Modalità di assegnazione delle azioni o delle quote della societàche risulta dalla fusione o di quella incorporante;

23 Il progetto di fusione 5. la data dalla quale tali azioni o quote partecipano agli utili; 6. la data a decorrere dalla quale le operazioni delle società partecipanti alla fusione sono imputate al bilancio della societàche risulta dalla fusione o di quella incorporante; 7. trattamenti riservati a particolari categorie di soci e ai possessori di titoli diversi dalle azioni 8. vantaggi particolari eventualmente proposti a favore dei soggetti cui compete l'amministrazione delle società partecipanti alla fusione;

24 La competenza dell organo Amministrativo La redazione del progetto di fusione non èaltro che un adempimento propedeutico che compete in via esclusiva agli amministratori. Tale scelta del Legislatore si giustifica nel fatto che la fusione si configura anche come un «atto di gestione» dell'impresa finalizzato ad ottimizzare le capacità produttive della società. Tali considerazioni discendono dalla lettura dell'art bis, c.c., il quale dispone che: «la gestione dell'impresa spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per l'attuazione dell'oggetto sociale».

25 Pubblicità L art ter, commi 3 e 4, c.c. stabilisce che il «progetto di fusione» venga «depositato per l'iscrizione nel registro delle imprese del luogo ove hanno sede le società partecipanti alla fusione». Il deposito va effettuato mediante invio telematico del modello S2 Tra l'iscrizione del progetto e la data fissata per la «decisione in ordine alla fusione» devono intercorrere «almeno 30 giorni».

26 Situazione Patrimoniale Il Legislatore ha imposto agli amministratori delle società partecipanti alla fusione la redazione della situazione patrimoniale delle società stesse, quale strumento informativo a tutela dei soci e dei terzi creditori.

27 CRITERI PER LA REDAZIONE DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE 1) Criteri di funzionamento aziendale: la situazione patrimoniale redatta segue i principi analoghi a quelli di formazione del bilancio annuale; 2) Valori economici di fusione: la situazione patrimoniale deve contenere dati sufficienti per permettere ai soci delle società fuse di calcolare da sé il rapporto di cambio e, quindi, di valutare eventuali vantaggi e pregiudizi dell'operazione di fusione stessa.

28 NATURA DEI VALORI La situazione patrimoniale deve essere redatta «con l'osservanza delle norme sul bilancio d'esercizio» (art quater, c.c.)

29 Epoca di riferimento L'art quater, c.c., stabilisce che la situazione patrimoniale deve essere «riferita ad una data non anteriore di oltre 120 giorni al giorno in cui il progetto di fusione è depositato nella sede della società».

30 Alternatività alla redazione La situazione patrimoniale «può essere sostituita dal bilancio dell'ultimo esercizio, se questo è stato chiuso non oltre sei mesi prima del giorno del deposito»del progetto di fusione.

31 Relazione dell'organo amministrativo Oltre al progetto di fusione e alla situazione patrimoniale, è necessaria la relazione dell'organo amministrativo ex art quinques, c.c.. Ha lo scopo di illustrare ai soci la consistenza effettiva dei patrimoni delle societàche partecipano alla fusione. Deve contenere: informazioni di tipo giuridico (riguardanti gli aspetti operativi e la tempistica); informazioni di tipo economico (relative agli aspetti operativi ed eventuali svantaggi/vantaggi) informazioni relative al rapporto di cambio.

32 Relazione dell'organo amministrativo L art quinques, c.c.. stabilisce che la relazione deve illustrare e giustificare, sotto il profilo giuridico ed economico, il progetto di fusione ed in particolare il rapporto di cambio delle azioni o delle quote.

33 Relazione degli esperti Essendo la determinazione del rapporto di concambio l'aspetto più delicato e complesso della fusione, il Legislatore ha disposto che uno o più esperti debbano «redigere una relazione sulla congruità del rapporto di cambio delle azioni o delle quote». Tale relazione deve contenere i metodi (patrimoniale, reddituale, finanziario omisto) utilizzati per la determinazione del rapporto di cambio proposto e i valori risultanti dall'applicazione di ciascuno di essi, nonché le eventuali difficoltà di valutazione.

34 Art.2506-ter comma 4 Relazione degli esperti (casi di esclusione) «non ènecessaria la relazione degli esperti sulla congruità del rapporto di cambio, ai sensi dell'art quinquies codice civile allorché tutti i soci delle società partecipanti alla fusione vi abbiano rinunciato e di ciò si faccia constare nei relativi verbali assembleari, ferma restando l'eventuale applicabilità dell'art. 2343, Codice civile» Essendo una norma posta a tutela dei soci, se esiste il consenso unanime dei soci e dei possessori di strumenti finanziari che danno diritto di voto non ènecessaria la relazione degli esperti.

35 PERIZIA DI STIMA In ipotesi di fusione eterogenea dove partecipa una società di persone e l'incorporante o la società risultante dalla fusione è una società di capitali, risulta necessario redigere la relazione giurata di stima ai sensi dell'art o 2465c.c. a seconda che la società risultante dalla trasformazione sia rispettivamente una società per azioni o in accomandita per azioni ovvero una società a responsabilitàlimitata.

36 FUSIONI CUI NON PARTECIPANO SOCIETÀ A BASE AZIONARIA L'articolo 2505-quater del c.c.. prevede semplificazioni in caso di fusione cui non partecipano SpA, SApA e società cooperative per azioni. E' inoltre possibile derogare, con il consenso di tutti i soci delle società partecipanti alla fusione, le disposizioni di cui all'articolo 2501-sexies. Sono ridotti alla metà i termini dei seguenti adempimenti: il termine di 30 giorni decorrente tra l'iscrizione del progetto di fusione e la decisione dei soci in ordine alla fusione; il termine di 30 giorni durante i quali i documenti devono rimanere depositati presso la sede delle societàrisultanti dalla fusione; il termine di 60 giorni decorrente dall'iscrizione nel R.I. della delibera di fusione, decorsi i quali la fusione può essere attuata.

37 DEPOSITO DEGLI ATTI L obbligo di deposito, disciplinato dall'art septies c.c., riguarda taluni atti e documenti quale condizione per la regolare approvazione dell'operazione di fusione. La norma stabilisce che sia indispensabile eseguire il deposito per poter procedere alla deliberazione assembleare dell'operazione di fusione. Atti da depositare ex art septies c.c.: Progetto di Fusione; Relazione dell organo amministrativo; Relazione degli Esperti; Situazioni patrimoniali delle societàpartecipanti Bilanci degli ultimi tre esercizi

38 DECISIONE RELATIVAMENTE ALLA FUSIONE La fusione deve essere approvata dai soci di ciascuna società. Il Legislatore ha concesso possibilità di modificare il progetto di fusione in sede di approvazione assembleare purché siano «solo modifiche che non incidono sui diritti dei soci o dei terzi». La decisione di fusione è presa: nelle società di persone con il consenso della maggioranza dei soci determinata secondo la parte attribuita a ciascuno negli utili; nelle società di capitali: si applicano le norme previste per la modificazione dell'atto costitutivo e dello statuto, di conseguenza i quorum deliberativi variano a seconda della tipologia di società.

39 ATTO DI FUSIONE Il procedimento di fusione si conclude con la redazione di un unico documento e cioècon l'atto di fusione. L'art del c.c., infatti, stabilisce che la fusione debba «risultare da atto pubblico». L'atto di fusione deve essere depositato per l iscrizione, a cura del notaio o dei soggetti cui compete l'amministrazione della società risultante dalla fusione o di quella incorporante (ex art c.c.) entro 30 giorni nell'ufficio R.I. dei luoghi ove hanno sede le società che partecipano all'operazione.

40 L OPPOSIZIONE DEI CREDITORI L'art c.c. legittima i creditori delle società partecipanti alla fusione a farvi opposizione nel termine di decadenza di 60 giorni dall'ultima delle iscrizioni nel Registro imprese delle deliberazioni delle società che vi partecipano.

41 EFFETTI DELLA FUSIONE Gli effetti della fusione si producono di regola a partire dall'ultima iscrizione dell'atto di fusione nel Registro delle imprese. L' art bis, co. 2, c.c., prevede però la possibilità di postdatare ovvero retrodatare gli effetti della fusione. La postdatazione degli effetti è possibile solo in caso di fusione per incorporazione. La retrodatazione èammissibile sia per la data di partecipazione agli utili delle azioni/quote assegnate alle società estinte, sia per la data a partire dalla quale le operazioni delle società estinte sono imputate al bilancio dell'incorporante ovvero della società beneficiaria della fusione.

42 INVALIDITA DELLA FUSIONE Dopo che èstata eseguita l'ultima delle iscrizioni nel Registro Imprese non può più essere pronunciata l'invalidità della fusione (ex art quater c.c.). In ogni caso, al socio o al terzo danneggiati dalla fusione spetta il diritto al risarcimento del danno subìto.

43 FUSIONE CON PROCEDIMENTO AGEVOLATO L art quater prevede specifiche semplificazioni per le cd. «fusioni anomale»: fusioni in cui la società incorporante possiede tutte le azioni o le quote della societàincorporata. Le semplificazioni previste sono relative al «progetto di fusione», alla «relazione degli amministratori» e alla «relazione degli esperti».

44 FUSIONE CON PROCEDIMENTO AGEVOLATO (continua) Nel progetto di fusione non devono risultare: il rapporto di concambio delle azioni o quote, nonché l'eventuale conguaglio in denaro (art ter, comma 1, n. 3, c.c.); la modalitàdi assegnazione delle azioni o delle quote della societàche risulta dalla fusione o di quella incorporante (art ter, comma 1, n. 4, c.c.); la data dalla quale tali azioni o quote partecipano agli utili (art ter, comma 1, n. 5, c.c.).

45 FUSIONE CON PROCEDIMENTO AGEVOLATO (continua) Non ènecessario predisporre: la relazione dell'organo amministrativo delle società partecipati alla fusione (ex art quinquies, c.c.); la relazione degli esperti sulla congruitàdel rapporto di cambio delle azioni o quote (ex art sexies, c.c.).

46 Il procedimento - SCHEMA Adempimento Soggetto obbligato Termine Articolo Pubblicazione sulla G.U. dell'a vviso agli obbligazionisti. Almeno 90 giorni prima della iscrizione del progetto di fusione nel registro delle imprese 2503-bis Deposito del progetto di fusione per l'iscrizione nel registro delle imprese. amministra- Organo tivo Almeno 30 giorni prima della data fissata per la decisione in ordine alla fusione (derogabile) 2501-ter Redazione situazione patrimoniale Organo amministrativo Non più di 120 giorni dal giorno del deposito del progetto di fusione presso la sede sociale. Sostituzione con il bilancio di esercizio, se questo è stato chiuso non oltre sei mesi prima del giorno del deposito sopra indicato 2501-quater Redazione dell'organo relazione Organo amministrativo amministrativo quinquies Richiesta di nomina degli esperti Organo amministrativo 2501-sexies Deposito dei documenti presso la sede delle società partecipanti alla fusione Convocazione delle assemblee Decisione di fusione Deposito ed iscrizione nel registro delle imprese della decisione di fusione. Opposizione dei creditori Atto di fusione. Deposito ed iscrizione Efficacia della fusione Organo amministrativo Organo amministrativo Assemblea Almeno 30 giorni prima della data fissata per la decisione di fusione (derogabile) Almeno 30 giorni dopo l'inscrizione del progetto di fusione al registro delle imprese (derogabile) septies 2502 Notaio Entro 30 giorni dalla delibera 2502-bis 2436 Creditori Notaio o amministratori Entro 60 giorni d all'u ltima delle iscrizioni di cui all'a rt bis (derogabile) 2503 Entro 30 giorni dalla stipula 2504 Dall'u ltima delle iscrizioni previste dall'a rticolo bis.

47 Il presente lavoro non deve essere inteso quale opera dell ingegno del suo autore, se non per la parte tabellare (Le scritture contabili), per la sintesi schematica, per alcune dissertazioni e forse per la veste grafica (nella misura in cui fosse riuscito a ben amalgamare quanto la legislazione, la dottrina, la prassi e la giurisprudenza hanno prodotto in materia). Ragioni di esaustività, di organicità e di rigorosità, hanno suggerito di non avventurarsi nella realizzazione di un opera apposita ma di avvalersi del meglio già esistente al fine di fornire ai corsisti uno strumento che consenta loro di avvicinarsi all istituto in rassegna con l intensità di cui sono capaci o che vogliono imprimere alla loro formazione. E stato quindi fatto un collage di opere di vari autori, ricorrendo a manuali, codici e banche dati, sia pure con alcune integrazioni da parte dell autore della monografia e del Praticante che vi ha collaborato. Queste le opere utilizzate (alle quali, unitamente alle segnalazioni bibliografiche in appendice, si fa rinvio per ogni opportuno approfondimento): La Parte generale e quella fiscale sono state tratte dall opera Il manuale delle operazioni starordinarie edita da Ipsoa Editore Srl, a firma di Giovanni CREMONA, Paolo MONARCA e Nicola TARANTINO e dall opera Operazioni straordinarie edita da IlSole24Ore, a firma di bruno FRIZZERA. La Dottrina e la Prassi sono state attinte dalle banche dati de Il Sole 24 Ore Laserdata e della IPSOA Big Unico mentre la Giurisprudenza, oltre che dall opera e dalle banche dati citate, è stata attinta da ricerche su Internet. La legislazione, le correlazioni tributarie e parte della giurisprudenza sono state attinte, oltre che dalle opere e banche citate, da Codice Civile a cura di Gian Vito Califano, edizioni MAGGIOLI EDITORE. Sono stati inoltre consultati: F. Remigio, I quaderni della pratica professionale del Dottore Commercialista edito su sito Web; Enciclopedia Legale di Selezione. Alcuni dei testi riepilogati nella parte riservata alle segnalazioni bibliografiche.

La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati

La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati Seconda Parte La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati indicati nell' articolo 2501-septies. Si

Dettagli

Capo X - Della trasformazione, della fusione e della scissione (artt. 2498-2506quater)

Capo X - Della trasformazione, della fusione e della scissione (artt. 2498-2506quater) Capo X - Della trasformazione, della fusione e della scissione (artt. 2498-2506quater) Art. 2499. Limiti alla trasformazione. Può farsi luogo alla trasformazione anche in pendenza di procedura concorsuale,

Dettagli

Scissione societaria: novità e semplificazioni. A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano

Scissione societaria: novità e semplificazioni. A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 45 12.02.2013 Scissione societaria: novità e semplificazioni Dallo scorso 18 agosto 2012 è entrato in vigore il D. Lgs. 123 del 22 giugno 2012

Dettagli

LA FUSIONE E LA SCISSIONE DELLE SOCIETA Le novità della riforma

LA FUSIONE E LA SCISSIONE DELLE SOCIETA Le novità della riforma LA FUSIONE E LA SCISSIONE DELLE SOCIETA Le novità della riforma di Claudio Venturi Sommario: - 1. LA FUSIONE DELLE SOCIETA. 1.1. L evoluzione della normativa Premessa. 1.2. Il concetto di fusione e la

Dettagli

gli amministratori della società soggetta ad attività di direzione e coordinamento

gli amministratori della società soggetta ad attività di direzione e coordinamento Iscrizione in apposita sezione dei soggetti che esercitano attività di direzione e coordinamento e dei soggetti che vi sono sottoposti, e relativa cessazione (2497 bis c.c.) gli amministratori della società

Dettagli

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA IX COMMISSIONE INCONTRO DI STUDIO LE OPERAZIONI STRAORDINARIE NEL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA IX COMMISSIONE INCONTRO DI STUDIO LE OPERAZIONI STRAORDINARIE NEL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA IX COMMISSIONE INCONTRO DI STUDIO LE OPERAZIONI STRAORDINARIE NEL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO ROMA, 24 26 OTTOBRE 2011 LE FUSIONI ENDOGRUPPO di Luciano Panzani 1. Le

Dettagli

Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014)

Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014) Prova pratica n. 18 Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014) La fuzione per incorporazione di società partecipata al 100%. Il candidato

Dettagli

Rilevanza legale dei documenti sul web, rivoluzione per fusioni e scissioni

Rilevanza legale dei documenti sul web, rivoluzione per fusioni e scissioni Rilevanza legale dei documenti sul web, rivoluzione per fusioni e scissioni OPERAZIONI STRAORDINARIE Oggetto : RILEVANZA LEGALE DEI DOCUMENTI SUL WEB Norme e prassi : D.LGS. 123/2012; ART. 2501-TER, 2501-QUATER,

Dettagli

INDICE. Prefazione di Giovanni Lo Cascio... Presentazione... Gli Autori... Art. 2498 c.c. Continuità dei rapporti giuridici... 1

INDICE. Prefazione di Giovanni Lo Cascio... Presentazione... Gli Autori... Art. 2498 c.c. Continuità dei rapporti giuridici... 1 INDICE Prefazione di Giovanni Lo Cascio.......................... Presentazione...................................... Gli Autori....................................... V VII IX Art. 2498 c.c. Continuità

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

LA RIFORMA DELLE SOCIETA DI CAPITALI

LA RIFORMA DELLE SOCIETA DI CAPITALI LA RIFORMA DELLE SOCIETA DI CAPITALI ORIENTAMENTI DEL NOTARIATO MILANESE MASSIME ELABORATE DALLA COMMISSIONE SOCIETÀ DEL CONSIGLIO NOTARILE DI MILANO GLI ESPERTI notaio Luigi Augusto Miserocchi (Presidente

Dettagli

Progetto di FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETA

Progetto di FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETA Progetto di FUSIONE PER INCORPORAZIONE ai sensi e per gli effetti dell art. 2501-ter c.c. DELLA SOCIETA Società: Effelle Ricerche S.r.l. Sede legale: Milano (MI), via F. Casati 1/A Capitale sociale: 10.000

Dettagli

Fusione transfrontaliera tra società di capitali (Decreto Legislativo 30 maggio 2008, n. 108)

Fusione transfrontaliera tra società di capitali (Decreto Legislativo 30 maggio 2008, n. 108) Fusione transfrontaliera tra società di capitali (Decreto Legislativo 30 maggio 2008, n. 108) Adempimenti presso il Registro delle imprese 1) Iscrizione progetto comune di fusione transfrontaliera (della

Dettagli

La fusione transfrontaliera

La fusione transfrontaliera La fusione transfrontaliera Avv. Pietro Cavasola CMS Adonnino Ascoli & Cavasola Scamoni Convegno su «Le operazioni di fusione» Roma, 14 maggio 2013 Auditorium Antonianum 14 maggio 2013 Indice della presentazione

Dettagli

1. Dopo il Capo VIII del Titolo V del Libro V del codice civile è aggiunto il seguente: "CAPO IX. DIREZIONE E COORDINAMENTO DI SOCIETA.

1. Dopo il Capo VIII del Titolo V del Libro V del codice civile è aggiunto il seguente: CAPO IX. DIREZIONE E COORDINAMENTO DI SOCIETA. 2489. (Poteri, obblighi e responsabilità dei liquidatori). Salvo diversa disposizione statutaria, ovvero adottata in sede di nomina, i liquidatori hanno il potere di compiere tutti gli atti utili per la

Dettagli

PARTE TERZA 11. AUTORIZZAZIONE DI ACQUISTO DA PARTE DELLA SOCIETA DI BENI DI PROMOTORI, FONDATORI, SOCI E AMMINISTRATORI

PARTE TERZA 11. AUTORIZZAZIONE DI ACQUISTO DA PARTE DELLA SOCIETA DI BENI DI PROMOTORI, FONDATORI, SOCI E AMMINISTRATORI PARTE TERZA 10. DEPOSITO DELLO STATUTO AGGIORNATO Riferimenti legislativi: art. 2436 C.C.; Termini: nessuno; Obbligati: un componente dell organo amministrativo; S2 (quadri A, B e 20), per richiedere il

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Lecco. Commissione materia. Societarie e tributaria. La fusione

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Lecco. Commissione materia. Societarie e tributaria. La fusione Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Lecco Commissione materia Societarie e tributaria La fusione 1 La fusione ex art. 2501 c.c. e seguenti 1 Premessa 3 1.1 La fusione. 3 1.2

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1 REGISTRO DELLE IMPRESE STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1/2006 febbraio 2006 www.an.camcom.it 1 2 INDICE PREMESSA... 3 1. SOCIETA PER AZIONI: STRUMENTI FINANZIARI... 3 1.1

Dettagli

FUSIONI E SCISSIONI: IMPORTANTI NOVITÀ

FUSIONI E SCISSIONI: IMPORTANTI NOVITÀ Gennaio 2013 FUSIONI E SCISSIONI: IMPORTANTI NOVITÀ Il 18 agosto 2012 è entrato in vigore il D.Lgs. 22 giugno 2012, n. 123 ( Attuazione della direttiva 2009/109/CE, che modifica le direttive 77/91/CEE,

Dettagli

Le operazioni straordinarie come strumenti per lo sviluppo delle aziende Le Fusioni

Le operazioni straordinarie come strumenti per lo sviluppo delle aziende Le Fusioni Le operazioni straordinarie come strumenti per lo sviluppo delle aziende Le Fusioni Corso di Tecnica professionale La Fusione Ititt Istituto mediante il quale due o più aziende, prima indipendenti, si

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO. Il bilancio delle società di capitali

PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO. Il bilancio delle società di capitali PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO Il bilancio delle società di capitali - Composizione del bilancio (stato patrimoniale, conto economico,

Dettagli

LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE

LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. L iscrizione della società nel Registro delle imprese. 2. L iscrizione

Dettagli

Le operazioni straordinarie (1): Trasformazioni e fusioni a cura di Stefano Ricci Luca Trabattoni Alessandro Calvi

Le operazioni straordinarie (1): Trasformazioni e fusioni a cura di Stefano Ricci Luca Trabattoni Alessandro Calvi Genova, 10 Febbraio 2015 Le operazioni straordinarie (1): Trasformazioni e fusioni a cura di Stefano Ricci Luca Trabattoni Alessandro Calvi Corso di preparazione alla professione di dottore commercialista

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE

SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE LIBRO V DEL LAVORO TITOLO V DELLE SOCIETA' CAPO V SOCIETÀ PER AZIONI (modificato dall'art. 1, del D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, recante

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie

LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie A cura di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Scheda riassuntiva delle scadenze. 3. Alcune osservazioni.

Dettagli

RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI CAPITALI. a cura di Andrea Silla e Flavia Silla

RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI CAPITALI. a cura di Andrea Silla e Flavia Silla a cura di Andrea Silla e Flavia Silla Generalità L istituto del recesso nasce nelle società di capitali per equilibrare la possibilità di modificare da parte della maggioranza dei soci alcune essenziali

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CASSA DI RISPARMIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA S.P.A.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CASSA DI RISPARMIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA S.P.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CASSA DI RISPARMIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA S.P.A. BANCA POPOLARE DI LANCIANO E SULMONA S.P.A. E BANCA POPOLARE DI APRILIA S.P.A, IN BANCA POPOLARE DELL EMILIA

Dettagli

IL LEVERAGED BUY OUT Le novità introdotte dalla riforma del diritto societario

IL LEVERAGED BUY OUT Le novità introdotte dalla riforma del diritto societario IL LEVERAGED BUY OUT Le novità introdotte dalla riforma del diritto societario di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Il concetto di leveraged buy out. 3. Il leveraged buy out prima dell entrata

Dettagli

Mergers & Acquisitions

Mergers & Acquisitions A12 343 Maurizio d Albora Ezio Tartaglia M&A Mergers & Acquisitions fusioni & acquisizioni a cura dello Studio Carnelutti Napoli Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

Le Società Cooperative

Le Società Cooperative Sebastiano Di Diego Le Società Cooperative Disciplina civilistica Profili patrimoniali Obblighi contabili Trattamento fiscale Operazioni straordinarie ; Su Cd-Rom 115 formule di statuti e schemi di atti

Dettagli

I PRINCIPALI ASPETTI CIVILISTICI DELLA FUSIONE

I PRINCIPALI ASPETTI CIVILISTICI DELLA FUSIONE Corso di Ragioneria Applicata- 14 novembre 2009 LA FUSIONE - PARTE CIVILISTICA E FISCALE La fusione è un operazione che si sostanzia nell unificazione di due o più società in una sola, con il trasferimento

Dettagli

omissione della relazione degli esperti e della relazione dell'organo amministrativo, senza rapporto di cambio e senza alcun conguaglio in denaro; -

omissione della relazione degli esperti e della relazione dell'organo amministrativo, senza rapporto di cambio e senza alcun conguaglio in denaro; - Repertorio numero 51660 Raccolta numero 23525 ATTO DI FUSIONE REPUBBLICA ITALIANA Bergamo, 30 (trenta) settembre 2015 (duemilaquindici). Nel mio studio in via Divisione Julia n.7. Con me Armando Santus,

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE NELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO

LA TRASFORMAZIONE NELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO LA TRASFORMAZIONE NELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Limiti alla trasformazione. 3. L atto di trasformazione. 4. Le singole sub-fattispecie. 4.1. La trasformazione

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

LO SCIOGLIMENTO E LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETA DI CAPITALI

LO SCIOGLIMENTO E LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETA DI CAPITALI LO SCIOGLIMENTO E LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Le cause di scioglimento. 2.1. La normativa attuale. 2.2. La nuova normativa. 2.2.1. La liquidazione

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

IL PATTO DI FAMIGLIA E IL FAMILY BUY OUT

IL PATTO DI FAMIGLIA E IL FAMILY BUY OUT S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PASSAGGIO GENERAZIONALE. ASPETTI PSICOLOGICI, CIVILISTICI, FINANZIARI E FISCALI IL PATTO DI FAMIGLIA E IL FAMILY BUY OUT DARIO SCARPA 10 Dicembre 2012 - Sala

Dettagli

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB.

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB. ALLEGATQ" c...al 'ierbale DEL 1 7 FEB. 1014 $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, PREMESSA La presente relazione ha lo scopo

Dettagli

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE Approfondimenti connessi alla predisposizione delle modifiche statutarie necessarie in seguito alla riforma del Codice, introdotta dal D.Lgs. 17/1/2003

Dettagli

di Euro 0,52 (zero virgola cinquantadue) cadauna, pari ad un

di Euro 0,52 (zero virgola cinquantadue) cadauna, pari ad un VERBALE DI ASSEMBLEA STRAORDINARIA DELLA "MONRIF SPA" con sede in Bologna --------------- N. 58.652 di rep.not. Matrice n. 19.996 REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di mercoledì

Dettagli

LE OPERAZIONI DI LEVERAGE BUY OUT: CARATTERISTICHE, OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO ED IMPLICAZIONI FINANZIARIE

LE OPERAZIONI DI LEVERAGE BUY OUT: CARATTERISTICHE, OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO ED IMPLICAZIONI FINANZIARIE LE OPERAZIONI DI LEVERAGE BUY OUT: CARATTERISTICHE, OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO ED IMPLICAZIONI FINANZIARIE a cura Giuseppe Demauro L espressione Leveraged buy out (LBO) la cui traduzione significa acquisizione

Dettagli

SOCIETÀ DI CAPITALI Caratteristiche La fase costitutiva

SOCIETÀ DI CAPITALI Caratteristiche La fase costitutiva SOCIETÀ DI CAPITALI Società per azioni (S.p.A.) Società a responsabilità limitata (S.r.l.) Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) Società in accomandita per azioni (S.a.p.A.) Società

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE Il profilo economico aziendale

LA TRASFORMAZIONE Il profilo economico aziendale LA TRASFORMAZIONE Il profilo economico aziendale Con la trasformazione si attua il cambiamento del tipo o dello scopo della società od ente, senza che questo determini l estinzione di un soggetto e la

Dettagli

IL MANUALE DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. Cfr. OIC 4 par. 4.2. 28

IL MANUALE DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. Cfr. OIC 4 par. 4.2. 28 3.3 Il bilancio di fusione Le valutazioni del capitale economico delle società partecipanti alla fusione saranno illustrate nella relazione dell organo amministrativo e saranno oggetto del parere di congruità

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. Sommario

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. Sommario NORMATIVA DI RIFERIMENTO Sommario Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modificazioni... 2 Art. 127-quinquies (Maggiorazione del voto)... 2 Regolamento di attuazione del decreto legislativo

Dettagli

ARCOLA PETROLIFERA S.R.L.,

ARCOLA PETROLIFERA S.R.L., N. 13692 di repertorio N. 6656 di raccolta VERBALE DELL'ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL GIORNO 5 febbraio 2014 DELLA SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA "ARCOLA PETRO- LIFERA S.R.L." REPUBBLICA ITALIANA Il

Dettagli

Genova, 24/02/2015 OPERAZIONI SUL CAPITALE. Aumento di capitale. Relatrice: Francesca De Gregori

Genova, 24/02/2015 OPERAZIONI SUL CAPITALE. Aumento di capitale. Relatrice: Francesca De Gregori Genova, 24/02/2015 OPERAZIONI SUL CAPITALE Aumento di capitale Relatrice: Francesca De Gregori 1 AUMENTO DI CAPITALE NORME DI RIFERIMENTO: SPA: articoli 2438-2444 SRL: articoli 2481-2481-ter PRINCIPIO

Dettagli

Capitolo 8 Z Fusioni, scissioni e trasformazioni bancarie

Capitolo 8 Z Fusioni, scissioni e trasformazioni bancarie Edizioni Simone - Vol. 35 Compendio di Diritto bancario Capitolo 8 Z Fusioni, scissioni e trasformazioni bancarie Sommario Z 1. Introduzione. - 2. La fusione delle imprese bancarie. - 3. La scissione delle

Dettagli

START UP INNOVATIVA REQUISITI

START UP INNOVATIVA REQUISITI Il decreto legge n. 179/12 (convertito con legge n. 221/12) istituisce e disciplina una nuova tipologia di impresa: la start-up innovativa, il cui oggetto, esclusivo o prevalente, è lo sviluppo, la produzione

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

BILANCIO 2014 : GUIDA ALLA PROCEDURA PER L'APPROVAZIONE

BILANCIO 2014 : GUIDA ALLA PROCEDURA PER L'APPROVAZIONE BILANCIO 2014 : GUIDA ALLA PROCEDURA PER L'APPROVAZIONE a cura di Celeste Vivenzi Le modalità di approvazione del bilancio sono diverse a seconda del tipo si società interessate : S.P.A. e S.A.P.A : si

Dettagli

IL GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO (G.E.I.E.)

IL GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO (G.E.I.E.) IL GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO (G.E.I.E.) Sommario: - 1. Riferimenti legislativi. - 2. Definizione del GEIE. - 3. Le condizioni e le modalità di costituzione. - 4. Gli organi del GEIE. - 5. Iscrizione

Dettagli

2 caso Presentazione da parte del legale rappresentante o da altri soggetti

2 caso Presentazione da parte del legale rappresentante o da altri soggetti PREDISPOSIZIONE BILANCI ED ELENCHI SOCI APRILE 2015 FORMATO PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO Versione tassonomia XBRL Secondo quanto previsto dal DPCM 10.12.2008 art. 5, la tassonomia da utilizzare per la

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

La fusione semplificata per incorporazione di società controllata e gli interessi esterni

La fusione semplificata per incorporazione di società controllata e gli interessi esterni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE, GIURIDICHE E POLITICHE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA La fusione semplificata per incorporazione di società controllata e

Dettagli

Il conferimento. Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008

Il conferimento. Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008 Il conferimento Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008 1 Agenda 21 febbraio: Aspetti generali, legali e valutativi 22 febbraio: Aspetti contabili e fiscali 2 Indice

Dettagli

N. 96098 di rep. N. 31905 di racc. ATTO DI FUSIONE REPUBBLICA ITALIANA 29/04/2013

N. 96098 di rep. N. 31905 di racc. ATTO DI FUSIONE REPUBBLICA ITALIANA 29/04/2013 N. 96098 di rep. N. 31905 di racc. Il ventinove aprile duemilatredici In Brescia, Via Cefalonia n. 74. ATTO DI FUSIONE REPUBBLICA ITALIANA 29/04/2013 Avanti a me dr. Giovanni Battista Calini, notaio in

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - nell anno 2008 ha avuto luogo un incontro tra le principali aziende di servizi provinciali con lo scopo di esplorare la volontà e possibilità di dar vita, stante le

Dettagli

OPERAZIONI STRAORDINARIE IN TEMPO DI CRISI

OPERAZIONI STRAORDINARIE IN TEMPO DI CRISI OPERAZIONI STRAORDINARIE IN TEMPO DI CRISI di Giuseppe Iervolino Notaio in Nocera Inferiore Via Garibaldi, 28. Tel. 081/5179533 Fax 081/5179434 E-mail giervolino@notariato.it Capire SE le operazioni straordinarie

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezioni 5 6 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 La

Dettagli

Art. 7 Norme in tema di societa' costituite all'estero 1. Dopo il capo X del titolo V del libro V del codice civile e' aggiunto il seguente:

Art. 7 Norme in tema di societa' costituite all'estero 1. Dopo il capo X del titolo V del libro V del codice civile e' aggiunto il seguente: Decreto legislativo 17 gennaio 2003 n. 6 (Pubblicato sul supplemento ordinario n. 8/L alla "Gazzetta Ufficiale" del 22 gennaio 2003 n. 17) RIFORMA ORGANICA DELLA DISCIPLINA DELLE SOCIETA' DI CAPITALI E

Dettagli

Orientamento imprenditoriale

Orientamento imprenditoriale Orientamento imprenditoriale Tipologie di società Esistono due grandi tipologie di società a scopi di lucro. Esse sono la società di persone e la società di capitali. La differenza fra le due società consta

Dettagli

Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013

Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013 NUOVO STATUTO SOCIETA VALORE IMMOBILIARE Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013 Art. 1) DENOMINAZIONE SOCIALE 1. Ai sensi dell'art. 2463 cod. civ. e dell art. 84 della Legge 27 dicembre

Dettagli

3) Relazione sull'attività del Comitato per la Remunerazione; deliberazioni

3) Relazione sull'attività del Comitato per la Remunerazione; deliberazioni N. 60001 di repertorio N. 13076 di raccolta VERBALE DI CONSIGLIO REPUBBLICA ITALIANA L'anno 2008 (duemilaotto), il giorno 16 (sedici) del mese di aprile, alle ore 16,01 (sedici e minuti uno). 16 aprile

Dettagli

CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE D AZIENDA

CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE D AZIENDA INDICE CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE D AZIENDA di Fabio Giommoni 1. Lineamenti caratteristici della cessione d azienda...pag. 21 1.1 La nozione di azienda...pag. 21 1.1.1 La teoria unitaria...pag. 21 1.1.2

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Lecco. Commissione materia. Societarie e tributaria.

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Lecco. Commissione materia. Societarie e tributaria. Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Lecco Commissione materia Societarie e tributaria La trasformazione La trasformazione 1 Aspetto civilistico 1 1.1 Caratteristiche essenziali

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 50 La fusione a seguito di acquisizione con indebitamento (Merger leveraged buy-out)

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 50 La fusione a seguito di acquisizione con indebitamento (Merger leveraged buy-out) DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 50 La fusione a seguito di acquisizione con indebitamento (Merger leveraged buy-out) giugno 2005 LA FUSIONE A SEGUITO DI ACQUISIZIONE CON INDEBITAMENTO (MERGER LEVERAGED

Dettagli

Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari

Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

Il corrispettivo incassato deve essere confrontato con il costo fiscalmente riconosciuto al fine di determinare l'eventuale plusvalenza imponibile.

Il corrispettivo incassato deve essere confrontato con il costo fiscalmente riconosciuto al fine di determinare l'eventuale plusvalenza imponibile. Cessione quote societarie e determinazione della plusvalenza Pratica Fiscale e Professionale, 46 / 2014, p. 39 CESSIONE QUOTE SOCIETARIE Cessione quote societarie e determinazione della plusvalenza Rizzi

Dettagli

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC LA LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI: ASPETTI DI INTERESSE Avv. Cristina BAUCO Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC Diretta 17 ottobre 2011 SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI Disciplina

Dettagli

Le semplificazioni in materia di documentazione nella fusione e nella scissione

Le semplificazioni in materia di documentazione nella fusione e nella scissione CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 101-2013/I Le semplificazioni in materia di documentazione nella fusione e nella scissione Approvato dalla Commissione Studi d Impresa il 19 febbraio 2013 Sommario:

Dettagli

Definizione: La trasformazione è una modifica della forma giuridica di una società.

Definizione: La trasformazione è una modifica della forma giuridica di una società. LA TRASFORMAZIONE Definizione: La trasformazione è una modifica della forma giuridica di una società. Rimangono immutati però gli aspetti sostanziali: - attività; - soggetto economico; - rapporti con i

Dettagli

La costituzione della società per azioni

La costituzione della società per azioni La costituzione della società per azioni La formazione dell'atto costitutivo La società per azioni può essere costituita da più persone (attraverso un contratto) o anche da una sola persona (mediamente

Dettagli

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A.

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. Società a responsabilità limitata 1 S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. A seguito della riforma organica del diritto societario (D. Lgs. 6/2003) si differenzia

Dettagli

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE VII LE AZIONI PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 NOZIONI E CARATTERI. --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE Evento organizzato da R LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE con la collaborazione di e la sponsorizzazione di Materiale didattico non vendibile riservato

Dettagli

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS.

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. 58/1998 PARTE STRAORDINARIA Signori Azionisti, il Consiglio di Amministrazione di Astaldi S.p.A.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA DEL 29 MARZO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA DEL 29 MARZO ASSITECA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA DEL 29 MARZO 2016 PARTE ORDINARIA Parte ordinaria: 1. Conferma in carica del

Dettagli

STATUTO FONDO BANCHE ASSICURAZIONI

STATUTO FONDO BANCHE ASSICURAZIONI STATUTO FONDO BANCHE ASSICURAZIONI STATUTO Articolo 1 Costituzione 1.- A seguito dell'accordo interconfederale del giorno 8 gennaio 2008, sottoscritto tra: ABI (con sede in Piazza del Gesù, 49 00186 ROMA,

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa

I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa 1 PREMESSA La regolamentazione della successione nell impresa rappresenta da tempo una problematica ricca di interesse ed ha, per questo,

Dettagli

2501-septies. Deposito di atti

2501-septies. Deposito di atti 2501-septies Deposito di atti Devono restare depositati in copia nella sede delle società partecipanti alla fusione, durante i trenta giorni che precedono la decisione in ordine alla fusione, salvo che

Dettagli

PROGETTO DI SCISSIONE PARZIALE DELLA SOCIETÀ POSTEMOBILE S.P.A. A FAVORE DELLA SOCIETÀ POSTE ITALIANE S.P.A.

PROGETTO DI SCISSIONE PARZIALE DELLA SOCIETÀ POSTEMOBILE S.P.A. A FAVORE DELLA SOCIETÀ POSTE ITALIANE S.P.A. PROGETTO DI SCISSIONE PARZIALE DELLA SOCIETÀ POSTEMOBILE S.P.A. A FAVORE DELLA SOCIETÀ POSTE ITALIANE S.P.A. Il Consiglio di Amministrazione di Poste Italiane S.p.A. (di seguito anche "Poste Italiane"

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE 1 Operazione di natura straordinaria modificazione della forma giuridica senza che consiste nella -mutamento del soggetto

Dettagli

Adempimenti e procedure

Adempimenti e procedure Aempimenti e proceure Fusioni i società: semplificazioni e aempimenti pratici i Roberto Moro Visconti * Il D.Lgs. n.123/12 (in G.U. n.180 el 3 agosto 2012) ha previsto una serie i semplificazioni proceurali

Dettagli

* * * * * ivi. Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Brembo Performance S.p.A.

* * * * * ivi. Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Brembo Performance S.p.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETÀ CONTROLLATA AL 100% BREMBO PERFORMANCE S.P.A. NELLA SOCIETÀ CONTROLLANTE BREMBO S.P.A. AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2501-TER E 2505 del codice civile * *

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

INDICE. Sezione I Disposizioni generali

INDICE. Sezione I Disposizioni generali INDICE Evoluzione normativa societaria... Presentazione... pag. V XV D.Lgs. 17 gennaio 2003 n. 6. Riforma organica della disciplina delle società di capitali e società cooperative, in attuazione della

Dettagli

RELAZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di IMMOBILIARE FINANZIARIA INDUSTRIALE PEDEMONTANA S.P.A.

RELAZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di IMMOBILIARE FINANZIARIA INDUSTRIALE PEDEMONTANA S.P.A. RELAZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di IMMOBILIARE FINANZIARIA INDUSTRIALE PEDEMONTANA S.P.A. in SETTENTRIONALE TRASPORTI S.P.A. redatto ai sensi dell art. 2501-quinquies

Dettagli

La costituzione della società per azioni

La costituzione della società per azioni N. 251 del 14.09.2012 Le Daily News A cura di Fabio Graziani La costituzione della società per azioni Il procedimento costitutivo della s.p.a. configura una c.d. fattispecie complessa, ovvero gli effetti

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano Trasformazione di associazione sportiva dilettantistica in società di capitali In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa.

Dettagli

Il bilancio d esercizio, redazione, approvazione e deposito

Il bilancio d esercizio, redazione, approvazione e deposito Focus di pratica professionale di Viviana Grippo e Luigi Scappini Il bilancio d esercizio, redazione, approvazione e deposito Premessa Il bilancio d esercizio costituisce il documento con il quale la società

Dettagli

DIRITTO COMMERCIALE GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI

DIRITTO COMMERCIALE GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI DIRITTO COMMERCIALE GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI La disciplina che riguarda le modalità e le condizioni di emissione e circolazione, i diritti che essi attribuiscono e le eventuali conseguenze

Dettagli

LA DESTINAZIONE DEL RISULTATO DELL ESERCIZIO 2014

LA DESTINAZIONE DEL RISULTATO DELL ESERCIZIO 2014 INFORMATIVA N. 141 13 MAGGIO 2015 BILANCIO LA DESTINAZIONE DEL RISULTATO DELL ESERCIZIO 2014 Artt. 2430, 2432, 2433, 2482-bis e 2482-ter, C.c. Principio contabile OIC n. 28 Con la chiusura del bilancio

Dettagli