Facoltà di Ingegneria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facoltà di Ingegneria"

Transcript

1 Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Informatica Tesi di laurea in Linguaggi per il Web Sviluppo software di un sistema per la web-based learning: gestione della personalizzazione e dell adattatività in base alle conoscenze possedute ed acquisite dal discente. Relatore: Prof. Marco Temperini Candidato: Umberto Griffo A/A 2007/2008

2 INDICE GENERALE Introduzione L E-Learning L architettura funzionale 2.1 La configurazione dei corsi Componenti didattiche Stili di apprendimento nelle componenti didattiche Il problema della configurazione dei corsi Descrizione del sistema L architettura software 3.1 Metodologia di sviluppo Il framework software Aspetti teorici Struttura del framework Aspetti implementativi Esempio d uso Strutture dati Data Base File XML Codice PHP 4.1 Organizzazione dei file Descrizione scripts Manuale utente 5.1 Installazione Funzionalità per tipologia d utente Amministratore Teacher Learner Simulazione di sperimentazione della configurazione dei corsi Conclusioni e sviluppi futuri Bibliografia Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 2

3 Introduzione 18 dicembre 2008 [TESI DI LAUREA IN LINGUAGGI PER IL WEB] Il progetto alla base di questa tesi inizia con la realizzazione di un infrastruttura in grado di migliorare le caratteristiche di qualità di un applicazione software web-based preesistente, che ha lo scopo di personalizzare l insegnamento impartito ad un discente anche in base al suo stile di apprendimento o Learning Style. Con questo termine si vogliono indicare le caratteristiche cognitive, stimolative, ed il comportamento psicologico che servono come indicatori più o meno stabili di come gli studenti percepiscono, interagiscono e rispondono ad un ambiente di apprendimento. Come citato da Naser-Nich Manocher [9], Il learning style è definito come le fondamenta di base dell individuo, particolari esperienze di vita passate e le esigenze dell ambiente attuale che enfatizzano alcune abilità piuttosto che altre. Esistono molte teorie su questo argomento, ma tratteremo solo il modello adottato dal sistema, ovvero quello di Felder e Silverman[1,2,3]. Il modello prevede quattro dimensioni per dare una misura dei sensi del discente: 1. Comprensione: a) Global, coloro che amano fare grandi salti di contenuti, e non perdere mai di vista gli obiettivi del corso che intendono seguire. b) Sequential, lineari e sequenziali, amano l ordine logico di presentazione dei contenuti didattici. 2. Processazione: a) Active, prediligono la sperimentazione pratica e il lavoro di gruppo. b) Reflective, molto riflessivi e solitari nello studio, amano i sommari e le continue revisioni dei concetti appena studiati. 3. Percezione: a) Sensing, preferiscono analizzare prima gli esercizi svolti e poi la teoria su cui si basano. b) Intuitive, sono soliti studiare la teoria e poi analizzare gli eventuali esempi. 4. Input: a) Visual, preferiscono figure, grafici, diagrammi e dimostrazioni; b) Verbal discorsivi, prediligono la lettura e le esposizioni orali. Per poter valutare la tipologia degli stili di apprendimento si utilizza un questionario di 44 domande a risposta multipla denominato Index of Learning Styles, il quale restituisce la tipologia di learning style dello studente per ciascuna dimensione e il peso con il quale questo dovrebbe Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 3

4 appartenere a tale dimensione. La prima parte del progetto è nata dopo un accurata analisi del sistema, che non soddisfaceva nessuna delle seguenti qualità interne ed esterne: Qualità interne: Riusabilità: è la capacità del programma di essere riutilizzato, in tutto o nella sua interezza, per ulteriori applicazioni. Una buona riusabilità dei programmi consente di beneficiare degli sforzi già compiuti per svilupparli, permettendo di concentrarsi su aspetti più innovativi; Modularità: strutturazione del programma in moduli indipendenti e cooperanti; Estendibilità: adattabilità a successive modifiche dei requisiti; Leggibilità: chiarezza di esposizione del funzionamento del programma; Portabilità: facilità di trasferimento in ambiti diversi da quelli previsti. Si riferisce alla possibilità di utilizzare il software in ambienti hardware e software diversi da quelli per i quali è stato sviluppato; Completezza ed efficacia della documentazione: chiarezza dei documenti di sviluppo e progetto che si accompagnano al programma codificato; Qualità esterne: Robustezza: capacità del programma di operare anche in condizioni non previste in fase di progettazione; Usabilità: semplicità di interazione con l utente finale; un architettura che facilita il rispetto delle caratteristiche sopra elencate è conosciuta come P.A.C. (Presentation-Abstraction-Control)[4]. Adottando questa metodologia siamo riusciti ad implementare un software con un codice ben strutturato, predisposto all aggiunta di funzionalità innovative con il minimo sforzo. Al fine di rafforzare ulteriormente l infrastruttura del sistema, è stato affiancato al Pattern P.A.C. un framework software sperimentale per lo sviluppo di siti web dinamici scritti in PHP, che intende rendere il più semplice possibile l implementazione e la manutenzione di grosse applicazioni web-based. Gli aspetti teorici ed implementativi del framework software vengono descritti nel terzo capitolo, che si conclude con un tutorial utile a tutti gli sviluppatori che intendono utilizzarlo nei propri progetti. Dopo l ingegnerizzazione del sistema sono state aggiunte delle nuove funzionalità. Il sistema di e-learnig preesistente permetteva al docente di configurare un corso da impartire, il cui materiale didattico veniva mostrato allo studente in base al suo learning style. Lo stile di apprendimento assegnato al discente rimaneva inalterato per tutta la durata del corso e questo non è sempre corretto, perché per sua natura il learning style è un indicatore non necessariamente stabile nel tempo ed inoltre, essendo valutato con un test, approfondito ma necessariamente limitato, anche la sua determinazione Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 4

5 iniziale potrebbe non essere corretta. In questo caso il discente visualizzerebbe del materiale didattico inadeguato al suo stile di apprendimento. Inoltre lo studente durante la fruizione del corso acquisisce delle conoscenze che possono cambiare continuamente. Il sistema preesistente non permetteva la personalizzazione del corso in base alle conoscenze acquisite dal discente. Si è allora pensato a come offrire al docente possibilità di: personalizzare i corsi erogati in base alle conoscenze iniziali e intermedie degli studenti, che acquisiscono durante il percorso formativo; adattare automaticamente i contenuti dei corsi in base ai learning style dello studente, che a differenza del vecchio sistema, vengono modificati in base all esito dei questionari compilati durante l apprendimento. Le due problematiche e le rispettive soluzioni verranno trattate nel primo paragrafo del secondo capitolo, intitolato il problema della configurazione dei corsi. Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 5

6 1 L E-Learning Per e-learning si intende la possibilità di apprendere sfruttando la rete internet e la diffusione di informazioni a distanza. L'e-learning non è limitato alla formazione scolastica, ma è rivolto anche: alla formazione aziendale(specialmente per le organizzazioni con una pluralità di sedi), all insegnamento per adulti(vm 18) e quello on-demand / just in time, cioè livelli di istruzione cui è possibile accedere attraverso la rete, non necessariamente in modo informale e non qualificante, per colmare piccole lacune su aree circoscritte sul momento. Tutti i sistemi di e-learning devono prevedere i seguenti elementi essenziali [10,11]: l utilizzo della connessione in rete per la fruizione dei materiali didattici e lo sviluppo di attività formative basate su una tecnologia specifica, detta "piattaforma tecnologica" (Learning Management System, LMS); l impiego del personal computer (eventualmente integrato da altre interfacce e dispositivi) come strumento principale per la partecipazione al percorso di apprendimento; un alto grado di indipendenza del percorso didattico da vincoli di presenza fisica o di orario specifico; il monitoraggio continuo del livello di apprendimento, sia attraverso il tracciamento del percorso che attraverso frequenti momenti di valutazione e autovalutazione; la valorizzazione di: - multimedialità (effettiva integrazione tra diversi media per favorire una migliore comprensione dei contenuti); - interattività con i materiali (per favorire percorsi di studio personalizzati e di ottimizzare l'apprendimento); - interazione umana (con i docenti/tutor e con gli altri studenti - per favorire, tramite le tecnologie di comunicazione in rete, la creazione di contesti collettivi di apprendimento). Molto spesso, per lo più erroneamente, l 'e-learning viene identificato con qualsiasi tipo di formazione erogata tramite l'utilizzo di tecnologie informatiche, formazione che è comunemente conosciuta come FAD (Formazione a distanza) e che spazia dalla fruizione di corsi per corrispondenza su materiale cartaceo (prima generazione), all'utilizzo di tecnologie audiovisive(seconda generazione), fino alle più recenti strutture di teleconferenza satellitare. In realtà la componente Internet e/o web e la presenza di una tecnologia specifica come l'lms distingue l'e-learning da altre versioni di formazione a distanza. L'e-learning rappresenta la terza generazione (o evoluzione) della formazione a distanza. Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 6

7 Non solo, nell'e-learning prendono parte al processo formativo una serie di figure e di servizi che sono la spina dorsale della metodologia didattica: il tutor e la comunità di pratica, che permettano un reale e fattivo processo di apprendimento: spesso soprattutto per quanto riguarda la formazione aziendale questa componente viene sacrificata. L'e-learning può inserirsi in processi formativi definiti "misti" (o blended learning) in cui la componente online si affianca alla formazione di stampo tradizionale (interventi in aula, supporto telefonico, workshop, seminari ecc.). Recentemente è stato utilizzato anche il termine web learning [11], che accentua l'aspetto "reticolare" dell'apprendimento, piuttosto che quello, ormai scontato, della componente "elettronica" o "virtuale". L'e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agli utenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi in qualsiasi momento e in ogni luogo in cui esista una connessione online. Questa caratteristica, unita alla tipologia di progettazione dei materiali didattici, portano a definire alcune forme di e-learning come "soluzioni di insegnamento centrato sullo studente". Un componente base dell'e-learning è la piattaforma tecnologica (Learning Management Systemo LMS) che gestisce la distribuzione e la fruizione della formazione. Si tratta infatti di un sistema gestionale che eventualmente integrando anche aspetti di standard per l e-learning, quale ad esempio lo SCORM, permette di tracciare la frequenza ai corsi e le attività formative dell'utente (accesso ai contenuti, tempo di fruizione, risultati dei momenti valutativi,...). Tutte le informazioni sui corsi e gli utenti restano indicizzate nel database della piattaforma. Siccome LMS è un applicazione web-based l'utente può accedere alla propria offerta formativa effettivamente da qualsiasi computer collegato a Internet, generalmente senza la necessità di scaricare software ad hoc dal lato del client, e a volte perfino senza necessariamente consentire attraverso il proprio browser il deposito e la memorizzazione di cookies. L'utente è insomma in questo caso totalmente delocalizzato e in virtù di ciò più semplice risulta il suo accesso al proprio percorso formativo modellizzato sul server, anywhere/anytime, da qualsiasi luogo in qualsiasi momento. Alcuni sistemi e applicazioni per la didattica via web prevedono la gestione di una classe virtuale (o ambiente collaborativo). Questa è una metodologia didattica che permette (soprattutto in modo sincrono) di trasferire sul web attività interattive e sociali che solitamente vengono svolte in classe: si tratta infatti di strumenti che favoriscono la comunicazione immediata tramite chat, lavagne condivise (interactive whiteboards) e videoconferenza e così via. I software di ambiente collaborativo possono gestire anche l'apprendimento asincrono (che non necessita la presenza degli utenti nello stesso momento): forum di discussione, document repository, accesso ai materiali didattici o a materiali di supporto. Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 7

8 2 L architettura funzionale Lo scopo del sistema è di offrire: all insegnante un servizio che permetta di configurare un corso da impartire, in modo che si adatti agli stili di apprendimento e alle conoscenze possedute ed acquisite dal discente; allo studente un corso plasmato sulle sue conoscenze e sul suo modo di apprendere. Gli aspetti chiave sono: la definizione dell insegnamento, la gestione del materiale didattico, la generazione e l autocorrezione dei test, la creazione e personalizzazione dei corsi. Il professore definisce gli obiettivi dell insegnamento e tramite il sistema può curare il materiale didattico. Per gli studenti che si iscrivono ad una materia viene data la possibilità di effettuare un test iniziale con il quale vengono individuate le conoscenze possedute. Il professore, a questo punto, potrà visualizzare tali conoscenze e configurare un corso personalizzato. I corsi consistono in lezioni strutturate in più pagine Web, contenenti materiale didattico, e in test. Questi ultimi servono a individuare il metodo di apprendimento e a tracciare le conoscenze acquisite dello studente, in modo da poter riconfigurare il corso. 2.1 La configurazione dei corsi Lo scopo principale in questa sezione è quello di presentare gli aspetti funzionali della configurazione e adattamento di un corso. I punti salienti sono: - definire le componenti didattiche o learning components che compongono ciascun corso personalizzato; - definire quali sono gli elementi delle componenti didattiche che consentono la personalizzazione del corso in base agli stili di apprendimento o learning style del discente; - definire il problema della configurazione dei corsi, che è la costruzione di un corso personalizzata sulle conoscenze e preferenze del discente; Componenti didattiche Il materiale didattico messo a disposizione dello studente è costituito da componenti didattiche, memorizzate in documenti XML con una precisa struttura. Una componente didattica o learning component (LC) è l elemento base di un corso individuale. Contiene le informazioni che specificano quali sono le conoscenze necessarie per studiare gli argomenti della componente (Required Knowledge, RK) e le conoscenze che si acquisiranno con lo studio della componente didattica in esame (Aquired Knowledge, AK). Altre informazioni sono: l index e l effort. Il primo è una sorta di titolo che permette di denominare in breve la singola componente, mentre l effort è una misura(abbastanza informale) dello sforzo necessario allo studio e comprensione della componente. Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 8

9 La parte web ne specifica il contenuto in termini di materiale didattico impartito tramite le lezioni del corso personalizzato. Inoltre, contiene una parte in cui possono essere specificate le domande riguardanti gli argomenti spiegati nel materiale didattico (web). Queste ultime verranno proposte allo studente durante le fasi dei test connesse alla fruizione del corso. Ogni componente didattica è legata alle altre mediante le conoscenze richieste per la comprensione degli argomenti trattai e quelle acquisite con lo studio, pertanto risulta fondamentale la scelta delle RK e delle AK, che sono insiemi di Knowledge Items (KI). I KI sono le parole chiave che rappresentano i singoli concetti spiegati o richiesti per la fruizione di una componente didattica. Altri due insiemi di Knowledge Items che rivestono importanza fondamentale nel sistema complessivo di configurazione dei corsi sono la Target Knowledge e la Starting Knowledge. La Target Knowledge (TK) è un insieme di Knowledge Items che rappresenta una descrizione della conoscenza che il discente dovrebbe possedere al termine di un corso. In pratica le TK sono le conoscenze di arrivo da qui il termine target che letteralmente significa obiettivo. La Starting Knowledge (SK) indica l insieme di KI che denota la conoscenza già posseduta dal discente.le SK si contrappongono alle TK perché rappresentano le conoscenze di partenza da qui il termine starting. Durante la fruizione di un corso le conoscenze del discente possono aumentare, quindi le SK rappresentano solo lo stato iniziale di quello che verrà definito come stato cognitivo dello studente (definito nel dettaglio nel paragrafo 2.1.2) Le componenti didattiche comprendono anche elementi che consentono la personalizzazione del corso in base agli stili di apprendimento dello studente (verrà discusso nel prossimo paragrafo di questa sezione). Il materiale didattico viene erogato in funzione di questi ultimi, facendo visualizzare al discente le parti della componente didattica che sono state create appositamente per lui, nella maniera più adatta Stili di apprendimento nelle componenti didattiche Lo stile d'apprendimento o learning style (LS) di un discente è un'indicazione, più o meno stabile nel tempo, di come il discente reagisce o interagisce con l'ambiente di apprendimento e percepisce le informazioni disponibili nei contenuti didattici. La gestione dei LS è inclusa nel sistema per la configurazione di un corso adottando il modello di Felder-Silverman [1,2,3]. Questo modello prevede quattro dimensioni per dare una misura dei sensi del discente: 5. Comprensione: c) Global, coloro che amano fare grandi salti di contenuti, ed avere sempre chiaro il task da raggiungere. Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 9

10 d) Sequential, lineari e sequenziali, amano l ordine logico di presentazione dei contenuti didattici. 6. Processazione: c) Active, prediligono la sperimentazione pratica e il lavoro di gruppo. d) Reflective, molto riflessivi e solitari nello studio, amano i sommari e le continue revisioni dei concetti appena studiati. 7. Percezione: c) Sensing, preferiscono analizzare prima gli esercizi svolti e poi la teoria su cui si basano. d) Intuitive, sono soliti studiare la teoria e poi analizzare gli eventuali esempi. 8. Input: c) Visual, moto schematici ed evidenziano i concetti chiave, molto concettuali anche nei contenuti; d) Verbal discorsivi, prediligono la lettura e le esposizioni orali. Nel sistema il LS è una tupla <(cat 1, val 1 ), (cat 2, val 2 ) (cat 3, val 3 ), (cat 4, val 4 )> dove cat i (i=1,..,4) è una delle attitudini definite precedentemente, e val i (i=1,..,4) è il valore associato a cat i (un numero reale compreso tra [0..11]). Il materiale didattico (come accennato nel paragrafo precedente) è presentato in quattro diverse versioni, per rappresentare le dimensioni di percezione e input. Ora possiamo completare la descrizione di una componente didattica nel nostro sistema: in Tab.1 viene mostrata la struttura dati XML che rappresenta un LC. Gli insiemi di AK e di RK sono visibili; l'elemento index è il titolo della componente didattica; l effort è una misura informale dello sforzo necessario allo studio e comprensione della componente; gli elementi web sono quattro, ciascuno contiene il materiale didattico relativo ad una versione del Learning Style. In particolare sono stati assegnati dei pesi (attributi degli elementi web, chiamati vis/ver/sen/int) per precisare come il materiale si concili con le dimensioni del learning style. Tali pesi sono usati per determinare la versione da rendere visibile al discente (che è più vicina al suo LS). Inoltre sono usati per determinare come il LS del discente dovrebbe essere modificato in base ai risultati dei test. A tale riguardo adottiamo le seguenti considerazioni sperimentali: 1. risultati del test possono dipendere dall'efficacia del materiale didattico che è stato presentato; 2. Sbagliare una domanda del test potrebbe indicare che il materiale didattico era inadeguato, significando che è stato selezionato in base ad una inappropriata valutazione del LS; quindi l attuale valutazione del LS può essere indebolita, diminuendo il valore dei pesi; invece rispondere correttamente ad una domanda del test potrebbe indicare l adeguatezza del materiale didattico, che è stato scelto in base ad una valutazione corretta dell attuale LS ed in questo caso Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 10

11 possiamo rafforzarla aumentando il valore dei relativi pesi. I prossimi quattro elementi della componente didattica contengono le annotazioni riguardanti le quattro attitudini rimanenti nelle dimensioni di comprensione (global/sequential) e processazione (active/reflective). Infine, un LC può contenere una sequenza di domande: ogni domanda può essere di uno dei quattro tipi (truth- con risposta vero / falso, multi - con risposta a scelta multipla, light-completion dove una frase deve essere completata selezionando una delle le risposte predefinite, completion - come la precedente ma con risposte di tipo aperto). Ogni domanda può avere un elemento <word> contenente i ki che si suppongono essere acquisiti avendo risposto correttamente. <?xml version="1.0"?> <component id="id2"> <rk> file.binari</rk> <ak> file.binari.lettura.fread file.binari.scrittura.fwrite</ak> <index>binary File Input/Output</index> <effort>20</effort> <web int="3" vis="7"> content...</web> <web2 int="3" ver="3"> content...</web2> <web3 sen="6" vis="7"> content...</web3> <web4 sen="5" ver="7"> content...</web4> <active> comments and suggestions for an active-oriented learner </active> <reflective>... for a reflective-oriented... </reflective> <sequential> notes about the component material, dedicated to a sequential learner </sequential> <global> notes about the component material, supposed to be read before of a lesson by a global learner </global> <question type="..." qid="question id">... question data... <word>assessed kitem</word></question> </component> Tab.1 Rappresentazione dei dati di una componente didattica Il problema della configurazione dei corsi Il sistema consente agli insegnanti di definire i corsi, in cui gli studenti possono iscriversi e avere il loro percorso di studio configurato in base allo stile di apprendimento e alle conoscenze che acquisiranno studiando il materiale didattico. Queste due caratteristiche del discente vengono modellate nello Student Model (SM) o modello dello studente. Lo SM è composto dal Cognitive State (CS) o Stato cognitivo e dalla misura dei Learning Styles (LS) del discente. L adattamento del corso si basa sulla conoscenza degli elementi della SM. Il CS è l'insieme di KI posseduti dallo studente, e un primo tipo di adattamento si svolge costruendo il corso basandosi sul CS iniziale, costituito dagli Starting Knowledge, ovvero le conoscenze di partenza. Successivamente, quando un corso è configurato, può essere fruito via web browser: il discente accedendo al sistema può visualizzare le componenti didattiche del corso, suddivise in lezioni opportunamente dimensionate. E qui che si mette in azione l adattamento: il materiale didattico di un LC è presentato basandosi sugli stili di apprendimento del discente, selezionando quello più adatto, che viene decorato dal LC. Il CS e i LS possono cambiare durante la personalizzazione del corso, e lo student model può essere aggiornato di conseguenza. Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 11

12 Lo student model viene aggiornato sulla base dei questionari disponibili ad ogni fine lezione (costruiti automaticamente selezionando le domande più importanti del LC): il CS può crescere quando le risposte al test mostrano che alcuni ki sono ora posseduti dal discente; Il LS può variare in base a come lo studente ha risposto alle domande presentate per quella versione del contenuto didattico, e quale effetto tale materiale didattico ha prodotto. Una possibile risposta all aggiornamento del CS è la ri-configurazione (ri-pianificazione) del corso: abbiamo lasciato questa funzione disponibile, ma non automatica, nel sistema. D'altro canto, l aggiornamento dei LS ha conseguenze immediate sul corso, in quanto le componenti didattiche verranno visualizzate secondo la versione aggiornata dei LS. Ora vediamo esempi di sessioni utente, il modo in cui lo SM viene aggiornato e il corso viene adattato. Lo schema funzionale è raffigurato nella Fig. 1. Lo Student Model viene inizializzato: 1) il CS tramite un questionario iniziale, dove vengono individuati gli Starting Knowledgle del discente; 2) il LS dai risultati del questionario di Felder-Soloman, disponibile on-line all'indirizzo L'insegnante è in grado di gestire le componenti didattiche di un corso ( modifica / creazione / importazione) e le operazioni di configurazione. La Fig. 2 mostra la finestra di configurazione visualizzata dal docente: la zona superiore contiene la definizione del CS iniziale, ovvero gli Starting Knowledge; la zona inferiore contiene i Target Knowledge del corso. Entrambi possono essere maneggiati dall insegnante. L avvio del processo di configurazione potrebbe avvenire automaticamente, ma abbiamo deciso di farlo avviare al volere del docente (premendo il tasto di configurazione presente nell interfaccia), in modo che possa prima modificare gli starting e target knowledge, e definire un valore medio dell effort per ciascuna lezione (l effort per una lezione è la somma degli effort di ogni componente didattica che fa parte della lezione). Dopo la configurazione il corso diventa disponibile per il discente, che può seguire le varie lezioni di cui è composto. Alla conclusione di ogni lezione lo studente può svolgere un questionario (costruito selezionando casualmente domande estrapolate dalle componenti didattiche relative alla lezione). Nella Fig.3 viene mostrato cosa viene fatto visualizzare allo studente: il discente vede la lista dei learning components contenuti nella lezione e (se lo studente è di tipo global) verranno visualizzati eventuali consigli per aiutarlo ad orientarsi nella lezione. Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 12

13 Fig. 1. Schema funzionale del sistema. Fig. 2. Schermata di creazione automatica del corso. Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 13

14 Fig. 3. Visualizzazione della lezione per uno studente di tipo global. Quando lo studente seleziona una componente didattica di una lezione, gli viene fatta visualizzare la versione adatta dei contenuti ed eventuali annotazioni relative alle sue attitudini active o reflective; Infine se il discente ha un attitudine di tipo sequential gli verrà mostrata un ulteriore annotazione (vedi Fig.3 lato sinistro). Dopo aver svolto il test specifico della lezione, i risultati vengono indicati come in figura (lato destro): per ogni domanda se la risposta non è corretta o è stata omessa, viene mostrato un collegamento (libro aperto) che permette la visualizzazione della componente didattica da cui è stata estratta la domanda. Viene anche mostrato anche un secondo collegamento (libro aperto nella colonna adiacente) che permette invece la visualizzazione della stessa LC ma con una versione del materiale didattico alternativa. Tale versione alternativa è definita come la seconda versione più vicina al LS del discente attuale, calcolata come distanza euclidea. Inoltre per ogni domanda se la risposta è corretta, viene aggiornato il CS aggiungendo il KI che si suppone aver acquisito, avendo risposto correttamente. Fig. 4. Lato sinistro: visualizzazione del LC: viene indicata la versione dei contenuti(intutitive-visual version) e vengono mostrati eventuali consigli per lo studente che ha attitudini di tipo active e sequential. Lato destro: mostra i risultati di un questionario. Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 14

15 2.2 Descrizione del sistema Il sistema prevede tre tipologie di utenti: amministratore (admin), professore (teacher) e studente (learner). L'amministratore ha il compito di gestire i dati; il professore cura il materiale didattico e coordina i corsi; lo studente fruisce del materiale didattico. In questo paragrafo verranno presentate le funzionalità di ogni utente mediante l'utilizzo di schemi. Vengono evidenziati i problemi affrontati nell ingegnerizzazione del sistema preesistente e la loro risoluzione. È da notare come negli schemi che seguono al fianco di ogni opzione vengono utilizzati i simboli di: inserimento/ modifica/visualizzazione/cancellazione dati dal Data base e dai file.xml, per indicare che gli effetti saranno visibili rispettivamente nel Data Base o nel documento XML. Di seguito è riportata la legenda dei simboli utilizzati per le figure. La Fig.5 mostra i compiti dell amministratore. Questo può visualizzare gli studenti registrati e ha la possibilità di modificare le loro password o eliminarli. Può inserire e gestire i dati dei professori. Un altro suo compito è quello di gestire i corsi, potendo eliminare quelli esistenti,aggiungerne dei nuovi e assegnarli ai teacher. L operazione di assegnazione era poco intuitiva perché per selezionare il docente bisognava scrivere il suo nome e identificativo in una textbox, informazioni difficilmente reperibili dall amministratore. Si è intervenuti aggiungendo un menù a tendina contenente solo i nomi dei docenti iscritti che possono essere assegnati ad un corso. La seconda tipologia d utenza è il learner che rappresentata gli studenti destinatari dei contenuti didattici.la Fig.6 mostra le funzioni che il sistema offre allo studente. Ingegneria Informatica Università La Sapienza Roma Polo di Latina 15

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO Istruzioni per l accesso e il completamento dei corsi TRIO per gli utenti di un Web Learning Group 06 novembre 2013 Servizio A TRIO Versione Destinatari: referenti e utenti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP Questo breve manuale ha lo scopo di mostrare la procedura con la quale interfacciare la piattaforma di web conferencing GoToMeeting e la tua piattaforma E-Learning Docebo. Questo interfacciamento consente

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi ENDNOTE WEB EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi EndNote Web consente di: importare informazioni

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Piattaforma e-learning certificata SCORM 2004 A te la scelta... DynDevice LCMS fa parte della Suite di Applicazioni Web DynDevice ECM, un prodotto Mega Italia Media. PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Basata

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Università degli Studi di Genova Versione 1 Come gestire i file in Moodle 2 Nella precedente versione di Aulaweb, basata sul software Moodle 1.9, tutti i file

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli