LA GESTIONE DEL LAVORO ASSISTENZIALE INTEGRATO FRA INFERMIERI E OPERATORI SOCIO SANITARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEL LAVORO ASSISTENZIALE INTEGRATO FRA INFERMIERI E OPERATORI SOCIO SANITARI"

Transcript

1 LA GESTIONE DEL LAVORO ASSISTENZIALE INTEGRATO FRA INFERMIERI E OPERATORI SOCIO SANITARI Collegio IPASVI di Pavia 25 maggio 2015 Materiale a cura di Annalisa Pennini

2 Finalità Il corso si pone lo scopo di riflettere sul lavoro assistenziale in collaborazione con le figure di supporto. Verranno analizzate le fonti normative e discussa la loro evoluzione; si affronterà il tema della responsabilità nella pianificazione e nell'attuazione delle attività assistenziali e verranno presentati alcuni metodi e strumenti a supporto dell'integrazione e del lavoro di èquipe. Una parte rilevante del corso sarà dedicata all'analisi di casi clinicoorganizzativi e alla riflessione sulle implicazioni pratiche del lavoro integrato fra infermieri e OSS.

3 Obiettivi del corso - Analizzare la normativa dell'infermiere e dell'oss e discutere la sua applicazione nella pratica - Individuare i principi della responsabilità d'èquipe - Identificare la responsabilità della pianificazione e dell'attuazione delle attività assistenziali - Riconoscere le attività attribuibili all'interno del processo assistenziale - Riflettere sui dubbi e le difficoltà della pratica quotidiana - Analizzare i principi e i criteri per stabilire ove necessario avvalersi dell'opera del personale di supporto - Individuare i modelli organizzativi che supportano il lavoro integrato - Presentare metodi e strumenti per l'integrazione - Analizzare casi clinico-organizzativi per riflettere sulle implicazioni pratiche del lavoro integrato fra infermieri e OSS

4 Contenuti del corso - 1 L'infermiere e l'oss: riflessione sul contenuto del lavoro assistenziale, sul processo, sugli esiti quali correlazioni? L'infermiere: - la questione delle competenze specialistiche - le prospettive di sviluppo futuro - la necessità del lavoro integrato e cooperativo - la necessità della gestione dei processi e della responsabilità di risultato L'OSS: - note normative - i confini di responsabilità - il processo assistenziale e gli ambiti di attività Analisi di un caso clinico-organizzativo di attività integrata fra infermiere e OSS

5 Contenuti del corso - 2 La responsabilità: - positiva e negativa - del singolo, dell'èquipe e dell'organizzazione Pianificare, attuare e valutare le attività assistenziali: - livelli di intervento dell'infermiere e dell'oss - stabilire ove necessario Analisi di un caso clinico-organizzativo sui dubbi e le difficoltà della pratica quotidiana I modelli organizzativi che supportano il lavoro integrato Metodi e strumenti per l'integrazione: piano di lavoro, piano di attività, piano assistenziale, procedure, etc. Analisi di un caso clinico-organizzativo sulla progettazione del lavoro integrato

6 Infermiere e OSS: Riflessione sul contenuto del lavoro assistenziale, sul processo, sugli esiti Quali correlazioni?

7 Alice: Quale via dovrei prendere? Gatto: Dipende da dove vuoi andare Alice: Ma io non so dove andare Gatto: Allora non importa quale via prendere Lewis Carroll

8 Riflessione sul lavoro assistenziale Responsabilità del compito... DI CHI? Responsabilità di processo (e di esito)...

9 Responsabilità del compito Un tempo: Infermiere professionale Infermiere generico Ausiliario socio sanitario OTA Oggi: OSS OSSS

10 Responsabilità del processo e dell'esito Un tempo e oggi Professionista: - abilitato dalla norma - consapevole - competente

11 Esercizio professionale infermieristico nel contesto attuale Funzione esclusiva Ricerca di identità Rapporti con le altre professioni Dominanza medica

12 L'infermiere: - la questione delle competenze specialistiche - le prospettive di sviluppo futuro - la necessità del lavoro integrato e cooperativo - la necessità della gestione dei processi e della responsabilità di risultato

13 L'infermiere: La questione delle competenze specialistiche

14 Il percorso normativo 1. Bozza di accordo sulle competenze infermieristiche Relazione tecnica - Tavolo di lavoro Regioni-Ministero Protocollo Ministero-Regioni-OO.SS. "Cabina di Regia" Comma Legge stabilità

15 Bozza di accordo Stato-Regioni Bozza di Accordo, ai sensi dell'art. 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n ridefinizione, implementazione e approfondimento delle competenze e delle responsabilità professionali dell'infermiere e dell'infermiere pediatrico. - Competenze "nuove o avanzate...? - Super-infermiere...?

16 Bozza di accordo Stato - Regioni Art. 1 - Oggetto: 1. Il presente Accordo [...] definisce le modalità e i percorsi validi su tutto il territorio nazionale per riconoscere e promuovere lo sviluppo delle competenze e delle responsabilità professionali dell'infermiere e dell'infermiere pediatrico al fine di favorire lo sviluppo delle funzioni professionali in correlazione con gli obiettivi di educazione, prevenzione, cura, assistenza e riabilitazione previsti dalla programmazione sanitaria nazionale e regionale. 2. Le esperienze avanzate, già in essere in alcune regioni o aziende, sono ricondotte alle modalità e ai percorsi definiti dal presente accordo.

17 Bozza di accordo Stato - Regioni Art. 2 - Aree di intervento: 1. Sono individuate le seguenti aree di intervento: a) Area cure primarie servizi territoriali/distrettuali b) Area intensiva e dell'emergenza urgenza c) Area medica d) Area chirurgica e) Area neonatologica e pediatrica f) Area salute mentale e dipendenze

18 Comma Legge di stabilità 2014 Ferme restando le competenze dei laureati in medicina e chirurgia in materia di atti complessi e specialistici di prevenzione, diagnosi, cura e terapia, con accordo tra Governo e Regioni, previa concertazione con le rappresentanze scientifiche, professionali e sindacali dei profili sanitari interessati, sono definiti i ruoli, le competenze, le relazioni professionali e le responsabilità individuali e di équipe su compiti, funzioni e obiettivi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, tecniche della riabilitazione e della prevenzione, anche attraverso percorsi formativi complementari. Dall attuazione del presente comma non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

19 Le prospettive di sviluppo futuro: - la necessità del lavoro integrato e cooperativo

20 Le aree di intervento infermieristico su tre assi.

21 Intervento infermieristico collaborativo.

22 Intervento infermieristico, livelli di autonomia e attribuzione di attività.

23 Le prospettive di sviluppo futuro: - la necessità della gestione dei processi e della responsabilità di risultato

24 Responsabilità dell'esito Perchè gli outcome hanno generato così tanto interesse nelle comunità della ricerca infermieristica e dei servizi sanitari nell'ultimo decennio? Doran, 2013

25 Responsabilità dell'esito La risposta sembra essere la responsabilità diretta. Gli outcome sono di moda perchè la responsabilità diretta è diventata una pretesa importante da parte del sistema sanitario e gli outcome rappresentano la prova che si sia agito con responsabilità Doran, 2013

26 Esiti sensibili alle cure infermieristiche Una condizione, un comportamento o una percezione misurabile del paziente o della sua famiglia, concettualizzata come variabile e largamente influenzata da o sensibile alle cure infermieristiche I cambiamenti misurabili nella condizione del paziente, attribuiti alla cura infermieristica ricevuta Palese et Al., 2008

27 Esiti sensibili alle cure infermieristiche Definire quali sono i risultati di un servizio è complesso in particolare quando, nella sua erogazione, sono coinvolti molti operatori di cui si vuole isolare il contributo per comprendere quanto riesce a fare la differenza sui pazienti. Si tratta di una sfida che sta sollecitando da molto tempo diverse popolazioni professionali. Palese et Al., 2008

28 L'OSS: - note normative - i confini di responsabilità - il processo assistenziale e gli ambiti di attività

29 Il profilo dell'oss Accordo della Conferenza Stato - Regioni del 22 febbraio 2001 Svolge attività indirizzata a: soddisfare i bisogni primari della persona, in contesti sociali e sanitari favorire il benessere e l autonomia dell utente

30 Il profilo dell'oss Accordo della Conferenza Stato - Regioni del 22 febbraio 2001 Svolge la sua attività in collaborazione con gli altri operatori professionali preposti all'assistenza sanitaria e a quella sociale, secondo il criterio del lavoro multiprofessionale

31 Il profilo dell'oss Accordo della Conferenza Stato - Regioni del 22 febbraio 2001 Attività: Assistenza diretta ed aiuto domestico alberghiero Intervento igienico-sanitario e di carattere sociale Supporto gestionale, organizzativo e formativo

32 Il profilo dell'oss Accordo della Conferenza Stato - Regioni del 22 febbraio 2001 Attività e competenze: Realizza attività semplici di supporto diagnostico e terapeutico Utilizza strumenti informativi di uso comune per la registrazione di quanto rilevato durante il servizio

33 Il profilo dell'oss Accordo della Conferenza Stato - Regioni del 22 febbraio 2001 Attività e competenze: In sostituzione e appoggio dei famigliari e su indicazione del personale preposto è in grado di: Aiutare per la corretta assunzione dei farmaci prescritti e per il corretto utilizzo di apparecchi medicali di semplice uso Aiutare nella preparazione alle prestazioni sanitarie Osservare, riconoscere e riferire alcuni dei più comuni sintomi di allarme che l'utente può presentare (pallore, sudorazione...) Attuare interventi di primo soccorso Effettuare piccole medicazioni

34 L'aiuto all'assunzione dei farmaci. Infermiere: - garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche - per l espletamento delle funzioni si avvale, ove necessario, dell opera di personale di supporto OSSS: - somministrare per via naturale la terapia prescritta - eseguire la terapia intramuscolare e sottocutanea - sorvegliare le fleboclisi OSS: - in sostituzione e appoggio dei familiari e su indicazione del personale preposto è in grado di aiutare per la corretta assunzione dei farmaci prescritti

35 DGR 18 luglio 2007 n. 8/5101 Regione Lombardia Regolamentazione dei percorsi OSS Allegato A Percorso formativo OSS Profilo professionale e ambito di attività: L'Operatore Socio Sanitario è un operatore di interesse sanitario che, a seguito dell'attestato di qualifica conseguito al termine di specifica formazione professionale, svolge attività indirizzate a soddisfare i bisogni primari della persona in un contesto sia sociale che sanitario e a favorire il benessere e l'autonomia della persona. Tale attività è svolta sia nel settore sociale che in quello sanitario, in servizi di tipo socio-assistenziale e sociosanitario, in ambito ospedaliero, residenziale e domiciliare.

36 DGR 18 luglio 2007 n. 8/5101 Regione Lombardia Regolamentazione dei percorsi OSS Allegato A Percorso formativo OSS Svolge la propria attività in collaborazione con gli altri operatori professionali preposti alla assistenza sanitaria e a quella sociale, secondo il criterio del lavoro multiprofessionale. L'OSS è un operatore di supporto ad alta integrazione socio-sanitaria, opera in base a criteri di bassa discrezionalità e alta riproducibilità ed è affiancabile a diverse figure professionali sia sanitarie che sociali. In ambito sanitario è prevalente l'integrazione con il personale infermieristico all'interno delle èquipes assistenziali.

37 DGR 18 luglio 2007 n. 8/5101 Regione Lombardia Regolamentazione dei percorsi OSS Allegato A Percorso formativo OSS Agisce in base alle competenze acquisite ed in applicazione dei piani di lavoro e dei protocolli operativi predisposti dal personale sanitario e sociale preposto, responsabile del processo assistenziale.

38 DGR 18 luglio 2007 n. 8/5101 Regione Lombardia Regolamentazione dei percorsi OSS Allegato A Percorso formativo OSS Negli ambiti delle attività e delle competenze individuate, l'operatore Socio Sanitario: - Opera in quanto agisce in autonomia rispetto a precisi e circoscritti interventi; - Coopera in quanto svolge solo parte delle attività alle quali concorre con altri professionisti; - Collabora in quanto svolge attività su precise indicazioni dei professionisti.

39 Analisi di un caso clinico-organizzativo di attività integrata fra infermiere e OSS

40 La responsabilità: - positiva e negativa - del singolo, dell'èquipe e dell'organizzazione

41 La responsabilità professionale Ottica positiva Ottica negativa

42 La responsabilità professionale E il carattere o la situazione di colui che è chiamato a rispondere in prima persona di un fatto o di un atto compiuto nell esercizio delle proprie funzioni con piena autonomia decisionale. Da ciò discende l obbligo di esercitare la propria attività professionale con prudenza, perizia, diligenza, cioè con l osservanza di tutte le norme giuridiche, deontologiche e tecniche.

43 Responsabilità di chi? Medico Professioni sanitarie Equipe Struttura Organizzazione

44 Responsabilità e autonomia

45 A proposito di autonomia Autonomia: - deriva dal greco e significa darsi delle regole, impegnarsi, autovincolarsi - sinonimo di comportamento volontario e libero ma "funzionale"

46 Riconoscimento dell'autonomia Da parte di chi? - la singola persona assistita e la sua famiglia; - la comunità sociale dove la professione è inserita; - l'organizzazione (intraprofessionale) dove il singolo professionista è inserito; - altre professioni sanitarie, fra cui spiccano quelle "confinanti" e quella medica.

47 Tre livelli di autonomia 1. Livello "macro": ovvero quello della professione nel suo complesso, come comunità professionale che fa riferimento ad una identità che accomuna. 2. Livello "meso": cioè quello di un gruppo professionale dentro ad un'organizzazione. Il riferimento è la comunità di pratica. 3. Livello "micro": è riferito alle azioni di ogni singolo professionista nel suo intervento nella pratica.

48 Autonomia secondo Berne I tre stati dell'io: Bambino Adulto Genitore

49 A proposito di collaborazione Collaborazione: - Prendere parte attiva - Lavorare insieme con altri - Dare un contributo frequente e sistematico - Parole chiave: cooperazione (operazione fatta insieme), aiuto, contributo, partecipazione attiva ("variamente determinata e valutabile, per lo più limitatamente alla propria competenza").

50 A proposito di collaborazione Tre significati principali: 1. fare insieme, ponendosi sullo stesso piano; 2. sostenere l'azione di qualcuno, ponendosi su un piano di supporto, rispetto alle decisioni; 3. essere sostenuti, ponendosi su un piano decisionale.

51 Collaborazione con chi? - professioni sanitarie - professione medica - operatori socio sanitari - altre professioni non sanitarie

52 Collaborazione perchè? Zwarestein et al. (2009), in una revisione sistematica della Cochrane Collaboration, confermano che la scarsa collaborazione interprofessionale può influenzare negativamente la fornitura di servizi sanitari e di cura della persona. Mentre gli interventi che vengono affrontati in un'ottica multiprofessionale hanno il potenziale di migliorare la pratica, la soddisfazione della persona assistita e l'efficacia e l'efficienza delle cure sanitarie prestate.

53 Multidisciplinarietà - Multidisciplinare - addittivo: è un livello iniziale, elementare di coinvolgimento: le varie discipline mettono a disposizione le loro conoscenze, ma rimangono nei loro confini. Le professioni coinvolte possono operare in sequenza o in parallelo, ma non vi è una "vera" integrazione. - Interdisciplinare - interattivo: è un livello intermedio dove vi è una interazione fra discipline. I collegamenti fra le discipline vengono armonizzati in un insieme coordinato e coerente. - Transdisciplinare olistico: è il livello più alto di integrazione e coinvolgimento, dove vengono superati i confini tradizionali delle discipline. Possono essere integrate anche professioni non sanitarie, per giungere a una dimensione più ampia. (Choi e Pak, 2006)

54 Multidisciplinarietà

55 Pianificare, attuare e valutare le attività assistenziali: - livelli di intervento dell'infermiere e dell'oss - stabilire ove necessario

56 Livelli di intervento e responsabilità... L infermiere ha la responsabilità del caso, ha la responsabilità del progetto L OSS ha la responsabilità del fare, ovvero una responsabilità esecutiva L infermiere ha la responsabilità della progettazione e dell organizzazione del processo assistenziale, all interno del quale si muove e opera l OSS. L infermiere ha il controllo del risultato, della gestione e della definizione degli obiettivi

57 Processo assistenziale e responsabilità L'infermiere: identifica i bisogni di assistenza infermieristica L'OSS: osserva e collabora alla rilevazione dei bisogni e delle condizioni di rischiodanno per l'utente

58 Processo assistenziale e responsabilità L'infermiere: formula i relativi obiettivi, pianifica, gestisce e valuta L'OSS: collabora all'attuazione degli interventi assistenziali L'OSS: valuta per quanto di competenza gli interventi più appropriati da proporre

59 Processo assistenziale e responsabilità L'infermiere: garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnosticoterapeutiche L'OSS: su indicazione: aiutare alla corretta assunzione di farmaci e per l'utilizzo di apparecchi medicali di semplice uso

60 Alcune considerazioni dalla letteratura e dalla prassi - La composizione dello staffing influenza la mortalità, la morbilità, l'incidenza delle complicanze - Gli infermieri passano meno del 30% del loro tempo di lavoro al letto del paziente - Gli outcome sul paziente possono essere influenzati (sensibili) dall'assistenza

61 Raccomandazioni per una dotazione assistenziale sicura Si raccomanda di garantire 220 m totali di assistenza per paziente/gg. E accettabile un rapporto operatori di supporto/totale fino ad un max del 40%, (132 m inf e 88 m per operatori di supporto). Nelle 24 ore: 11 pazienti/infermiere e 16 pazienti/operatore di supporto. Si potranno raggiungere percentuali maggiori del 40% di OSS rispetto ai minuti totali di assistenza purché sia mantenuto il livello minimo dei 132 di assistenza infermieristica e in presenza di modelli organizzativi ad alta integrazione fra infermiere e OSS. Da Raccomandazioni e standard italiani per dotazioni Infermieristiche ospedaliere sicure: esiti di una consensus conference. LXVII Igiene e Sanità Pubblica

62 Cure mancate All'interno delle corrette modalità di attribuzione di attività e funzioni al personale di supporto rappresentano degli outcome negativi le omissioni assistenziali riferite dai pazienti o riportate dai professionisti. (McGowan et al., 2010a; McGowan et al., 2010b) Le sei attività maggiormente omesse: deambulazione/mobilizzazione (84%), nutrizione, valutazione dell'efficacia dei farmaci (83%), l'igiene orale (82%), l'educazione dei pazienti (80%), monitoraggio della glicemia (26%) e il lavaggio delle mani (30%). Tra queste vi sono sicuramente attività attribuibili personale di supporto. (B. J. Kalisch et al. nel 2011)

63 Recuperare tempo per la cura Rapporto a cura del King's College of London e del Sistema Sanitario Nazionale inglese, Istituto per l innovazione ed il miglioramento. Progetto: The Productive Ward - TPW (la linea produttiva): recuperare tempo per la cura Il TPW si basa sui principi del Lean Thinking e ha lo scopo di far fare propri gli aspetti della vita lavorativa che prima erano trascurati dagli infermieri; vuole ridurre le attività che non apportano valore: nel caso della sanità questo potrebbe voler dire restituire agli infermieri più tempo per far si che essi identifichino e soddisfino i bisogni dei pazienti.

64 DELEGA? ATTRIBUZIONE?

65 Delega o attribuzione? La delega come strumento operativo risulta inadeguata a regolare i rapporti tra infermieri e OSS, per i seguenti motivi: - La delega deve essere scritta, effettiva - Deve comportare il reale trasferimento di poteri decisionali al delegato con l impossibilità del delegante di ingerire nell attività dell operatore di supporto - Ogni attività svolta deve essere formalizzata in un atto scritto

66 Un inquietante quesito... L'OSS è la versione moderna dell'infermiere Generico? NO... perchè?

67 Un inquietante quesito... Il generico è una vera e propria figura infermieristica e come tale ha autonomia:... il generico coadiuva l infermiere professionale in tutte le sue attività e su prescrizione del medico provvede direttamente a... DPR 225/74 mansionario dell infermiere generico

68 Ove necessario... Assumere la responsabilità di avvalersi [ ], dell'opera del personale di supporto per l'espletamento delle proprie funzioni, significa: creare i presupposti per farlo in modo opportuno, concretizzando i passaggi sintetizzati nell'acronimo [ ], CCAV (Contestualizzare il profilo, Considerare alcune variabili, Attribuire compiti, Valutare il risultato), mantenendo costante l'attenzione sulle attività (cosa) e sulle circostanze per le quali 'avvalersi' (quando), oltre che sulle modalità (come), per farlo [ ]. M. Vanzetta F. Vallicella (2009)

69 CCAV Contestualizzare il profilo Considerare alcune variabili Attribuire compiti Valutare il risultato

70 Contestualizzare il profilo Analizzare, discutere e condividere alcuni significati del profilo Ad es: realizza attività semplici di supporto diagnosticoterapeutico - Quali attività? - Quali criteri per definirle semplici? Job description? Profilo di ruolo?

71 Considerare alcune variabili L'organizzazione (modello organizzativo, presenza di coordinamento, strumenti come protocolli e procedure, metodologie di pianificazione dell'assistenza) L'infermiere (competenza, responsabilità) L'OSS (conoscenze, abilità, responsabilità) La persona assistita (complessità dei bisogni, integrità capacità cognitive, stabilità clinica, fattori di rischio) Il compito da attribuire (complessità, discrezionalità, rischio connesso)

72 Criteri per decidere l attribuzione di un attività (National Council of State Boards of Nursing) Il giusto compito (condizioni del paziente, complessità del compito, capacità dell operatore e qualità della supervisione da garantire, sicurezza per l utente e per l operatore) Le giuste circostanze (condizioni organizzative) Il giusto operatore (attribuzione compatibile con il profilo, livello di preparazione e di esperienza) Le giuste istruzioni e la buona comunicazione (cosa fare, come, perché, in che tempi, quando chiedere consulenza, feedback, ecc.) La giusta supervisione e valutazione (contesto che richiede flessibilità, scambio ed integrazione e quindi rapporti formativi e di alleanze)

73 Giusto compito - pertinente alla competenza dell'operatore - ad elevata standardizzazione e ripetuto molte volte - con procedura non modificabile - a bassa discrezionalità - non necessitante di un giudizio infermieristico da parte dell'oss - a bassa complessità tecnologica - non invasivo - a basso rischio potenziale - con risultati prevedibili

74 Giuste circostanze - ambiente appropriato - risorse disponibili - livello di supervisione possibile

75 Giusta persona - giusto compito al giusto OSS che lo deve compiere sulla giusta persona assistita

76 Giuste direttive e comunicazione Descrizione chiara e concisa del compito: - tempi e modalità - specifica attività - obiettivi - risultati - complicanze potenziali - risultati attesi - tempi di comunicazione dei risultati

77 Giusta supervisione - appropriato monitoraggio - corretta valutazione - feedback

78 Non sono attribuibili - la valutazione globale dell assistenza infermieristica (identificazione dei bisogni per i quali l operatore collabora); - la valutazione delle condizioni cliniche assistenziali e psicologiche della persona, e dei bisogni educativi; - la definizione del piano assistenziale; - la valutazione dei risultati del processo assistenziale. Coordinamento dei Collegi IPASVI della Regione Veneto

79 La decisione di assegnare attività all'operatore deve essere basata: - Sul principio della tutela della salute, sicurezza e benessere dell'assistito; - sulla consapevolezza dei rispettivi ruoli, cioè che l'operatore socio sanitario è un supporto e non una sostituzione dell'infermiere; - sulla consapevolezza che il nursing è un processo fondato sulla conoscenza e non è solamente un insieme di compiti; - sulla considerazione che un'attività assegnata a un operatore di supporto non può essere, da questi, riassegnato ad un altro operatore; - sul presupporto che ogni attività assegnata deve rispondere a standard assistenziali definiti. Elenco tratto e modificato da: L'infermiere si avvale dell'opera del persona di supporto. IPASVI Regione Emilia Romagna

80 Analisi di un caso clinico-organizzativo sui dubbi e le difficoltà della pratica quotidiana

81 I dubbi e le difficoltà Quali problemi ricorrenti? Quali criticità nella pratica quotidiana? Quali aree di sovrapposizione o conflitto?

82 I modelli organizzativi che supportano il lavoro integrato

83 Modelli di erogazione delle cure infermieristiche Distinzione fra Modelli di erogazione ORIENTATI AL COMPITO Modelli di erogazione ORIENTATI ALL'OBIETTIVO

84 Modelli orientati al compito Motivazioni alla base della scelta di questa tipologia: - consentire un numero elevato di prestazioni con un numero ridotto di risorse; - ottenere un livello minimo standard di assistenza; assegnazione di compiti definiti e possibilità di controllo; - aumentare la produttività.

85 Modelli orientati al compito I limiti di questo approccio: - frammentazione dell'assistenza; - mancata continuità delle informazioni; - eccessiva standardizzazione, intesa come meccanicizzazione; - ridotta personalizzazione; - bassi livelli di responsabilità professionale; - mancato orientamento al risultato; - ridotta modalità di applicazione del problem solving; - mancata visione globale; - bassi livelli complessivi di soddisfazione delle persone assistite; - possibile demotivazione dell'infermiere.

86 Modelli orientati al compito Principali esempi: Modello di assistenza funzionale (Functional Nursing) Modello per settori

87 Modelli orientati all'obiettivo Principali esempi: Modello di assistenza per èquipe (Team Nursing) Modello dell'infermiere referente (Primary nursing) Modello di assistenza centrata sul paziente (Patient focused nursing)

88 Quindi in pratica? E' necessaria una revisione dei modelli assistenziali Il passaggio è da modello per compiti a modelli centrati sull'assistito

89 Metodi e strumenti per l'integrazione: piano di lavoro, piano di attività, piano assistenziale, procedure, etc.

90 Alcuni strumenti... Matrice delle responsabilità Piano delle attività Piano di lavoro Linee guida Protocolli Procedure...

91 La matrice delle responsabilità

92 PIANO DELLE ATTIVITA Strumento organizzativo che riporta l elencazione scritta delle attività, che devono essere espletate al fine di soddisfare i bisogni dei pazienti e garantire il funzionamento delle attività dell U.O. FASCIA ORARIA ATTIVITA OPERATORI

93 PIANO DI LAVORO Strumento organizzativo scritto che evidenzia rispetto ad una particolare tematica di un U.O. l obiettivo generale e gli obiettivi specifici, le azioni tese al raggiungimento degli stessi, le condizioni organizzative nelle quali tali azioni possono realizzarsi e gli indicatori di verifica dei risultati Premessa Definizione di: obiettivi generali sotto-obiettivi risultato azioni necessarie condizioni organizzative indicatori di verifica

94 LINEA GUIDA Strumenti che distillano i risultati della ricerca Raccomandazioni sviluppate in modo sistematico per assistere i clinici e i pazienti nel decidere quali siano le modalità più appropriate in specifiche situazioni cliniche

95 PROTOCOLLO E' uno schema di comportamento predefinito e ottimale, che descrive una successione di azioni motivate che permettono di raggiungere un determinato obiettivo

96 PROCEDURA Ha la finalità di uniformare attività e comportamenti necessariamente poco discrezionali degli operatori E' definita come un modo specificato per svolgere, realizzare un attività E' una successione logica di azioni, espressa in forma scritta, avente lo scopo di eseguire uno specifico processo operativo secondo criteri di correttezza (sequenze più o meno dettagliate e/o più o meno definite rigidamente)

97 Analisi di un caso clinico-organizzativo sulla progettazione del lavoro integrato

98 Bibliografia essenziale - 1 M. Vanzetta, F. Vallicella, L'infermiere e l'oss Criteri guida per avvalersi del personale di supporto, 2009, McGraw-Hill, Milano L. Benci, Le professioni sanitarie (non mediche) Aspetti giuridici, deontologici e medico-legali, 2002, McGraw-Hill, Milano L. Benci, Aspetti giuridici della Professione Infermieristica Elementi di legislazione sanitaria, IV edizione, 2005, McGraw- Hill, Milano M. Vanzetta, L'operatore socio sanitario manuale per la formazione dell'otaa/osa, 2000, McGraw-Hill, Milano G. Pagiusco, M. Padovan, L'integrazione con le figure di supporto, 2002, Libreria Internazionale Cortina, Padova L. Benci, Manuale Giuridico Professionale per l'esercizio del nursing, 2000, McGraw-Hill, Milano

99 Bibliografia essenziale - 2 Barbieri G., Pennini A., Le responsabilità del coordinatore delle professioni sanitarie, McGraw-Hill, Milano, 2011 Barbieri G., Pennini A., Le responsabilità dell'infermiere. Dalla normativa alla pratica, Carocci Faber, Roma, 2007 Calamandrei C., Orlandi C., La dirigenza infermieristica, Milano, McGraw-Hill, 2009, 3a ed. Calamandrei C., Pennini A., La leadership in campo infermieristico, McGraw-Hill, 2006

LA GESTIONE DEL LAVORO ASSISTENZIALE INTEGRATO FRA INFERMIERI E OPERATORI SOCIO SANITARI

LA GESTIONE DEL LAVORO ASSISTENZIALE INTEGRATO FRA INFERMIERI E OPERATORI SOCIO SANITARI LA GESTIONE DEL LAVORO ASSISTENZIALE INTEGRATO FRA INFERMIERI E OPERATORI SOCIO SANITARI Collegio IPASVI di Pavia 16 aprile 2014 Materiale a cura di Annalisa Pennini a.pennini@formatsas.com Finalità e

Dettagli

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Guido, i vorrei che tu e Lapo e io : ruolo, competenze e responsabilità

Dettagli

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica ASL Taranto La figura dell OSS Nasce dall accordo sancito

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM LE FIGURE DI SUPPORTO Personale di supporto previsto dall attuale normativa

Dettagli

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile 1 Il panorama attuale Nelle strutture sanitarie esistono plurime figure professionali: Il coordinatore

Dettagli

INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele

INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. 1 Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele RIEPILOGO PERCORSO LEGISLATIVO INFERMIERE EVOLUZIONE NORMATIVA DELL'O.S.S.

Dettagli

Competenza e Ricerca

Competenza e Ricerca Competenza e Ricerca La ricerca è alla base del progresso infermieristico, dello sviluppo della disciplina e della professione. Metodologia della ricerca come presupposto per l acquisizione di una mentalità

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata L infermiere Dal D.M. 14 Settembre 1994 n, 739: Art. 1: l infermiere è responsabile dell assistenza

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO. Formazione ed Attività

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO. Formazione ed Attività LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO Formazione ed Attività MAPPA CONCETTUALE PROFILO PROFESSIONALE FORMAZIONE CONTESTI OPERATIVI CONTESTO RELAZIONALE ATTIVITÀ COMPETENZE ORGANIZZAZIONE

Dettagli

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni sanitarie

Dettagli

Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega?

Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega? Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega? Pordenone, Marzo 2014 Dott.ssa Catia Cassin Delega In ambito gestionale per delega

Dettagli

PROTOCOLLI, PROCEDURE E PIANI ASSISTENZIALI

PROTOCOLLI, PROCEDURE E PIANI ASSISTENZIALI PROTOCOLLI, PROCEDURE E PIANI ASSISTENZIALI I PDTA e i protocolli nel Dipartimento di area Medica Specialistica Infermiera pediatrica coordinatrice Sabrina Contini PROTOCOLLI, PROCEDURE E PIANI ASSISTENZIALI

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Mattina: 10:00 14:00. Ore totali corso: 1000: di cui 550 d aula e 450 di stage. 2.100,00 euro (con possibilità di pagamento rateizzato)

Mattina: 10:00 14:00. Ore totali corso: 1000: di cui 550 d aula e 450 di stage. 2.100,00 euro (con possibilità di pagamento rateizzato) Titolo: OSS - OPERATORE SOCIO SANITARIO Ente organizzatore: GLOBALFORM Area Tematica: Socio-Sanitaria Destinatari: Il corso è rivolto a DISOCCUPATI ed OCCUPATI con 17 anni compiuti, in possesso di diploma

Dettagli

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale Vito Petrara Principi di riferimento per l assistenza I principi di riferimento

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario. Dopo un lungo e travagliato dibattito. Perché nasce l OSS? Perché nasce l OSS?

L Operatore Socio Sanitario. Dopo un lungo e travagliato dibattito. Perché nasce l OSS? Perché nasce l OSS? posso farlo? Le competenze dell'operatore Socio Sanitario e la collaborazione con l'infermiere L Operatore Socio Sanitario IL PROFILO DELL'OSS: ANALISI DELLE COMPETENZE Dopo un lungo e travagliato dibattito

Dettagli

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso NEGLI ULTIMI ANNI LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA HA ACQUISITO SEMPRE PIÙ LA

Dettagli

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia Integrazione IIPP e personale di supporto Collegio IPASVI Como e Provincia 1 Agenda Le figure di supporto dell assistenza infermieristica in ambito sanitario e sociale: ricognizione storica L ASA e l Operatore

Dettagli

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Conoscere Le funzioni attribuite agli esperti quali componenti della Commissione per la valutazione finale del

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE L Operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, oltre a svolgere tutte le attività tipiche dell Operatore Socio

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 6173 ALLEGATI 617 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO. Organizzazione e gestione dei processi assistenziali ( 4 CFU)

PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO. Organizzazione e gestione dei processi assistenziali ( 4 CFU) Corso di Laurea in Infermieristica PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO Organizzazione e gestione dei processi assistenziali ( 4 CFU) AREA DI APPRENDIMENTO Discipline medico legali, economiche ed infermieristiche

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

JOB DESCRIPTION. DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.)

JOB DESCRIPTION. DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.) Mod. JD SID DSRI Data 05/05/09 Pagina 1 di 6 DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.) Dipendenza gerarchica (Scopo della posizione) organizzative Posizione organizzativa Responsabile delle attività infermieristiche

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. e' individuata la figura professionale dell'operatore

Dettagli

NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI

NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI E.O. Ospedale Galliera LINEE DI ATTIVITA' NEL NUOVO OSPEDALE PER INTENSITA' DI CURE NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI 21 OTTOBRE 2010 a cura di Fernanda Stefani E.O. Ospedale Galliera Filo conduttore del processo

Dettagli

La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico

La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico RIPENSARE LA STERILIZZAZIONE DEI DM: Sfide Organizzative e soluzioni innovative La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico Dr.ssa S. Remafedi Prima Parte s.remafedi@ao-pisa.toscana.it

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri

Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri Il documento una storia complessa che inizia nel 2011 con l attivazione di un tavolo congiunto tra il Ministero della salute e alcune Regioni

Dettagli

Codice Progetto COLUM/1

Codice Progetto COLUM/1 A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 23 Luglio 2014 Legislazione socio sanitaria ed aspetti giuridici della professione

Dettagli

grafico 1 - ruolo e età

grafico 1 - ruolo e età Grazie ai 286 colleghi che hanno dedicato 10 minuti del loro tempo per rispondere al questionario. Un questionario che aveva l'obiettivo di raccogliere la rappresentazione del concetto di responsabilità

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

La Responsabilità Professionale: la documentazione. Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati

La Responsabilità Professionale: la documentazione. Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati La Responsabilità Professionale: la documentazione Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati OTTICA DI SISTEMA NELLA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Estryn-Beharl et al. 2004 e Kaissi et al., 2003 sostengono

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori Legislazione e competenze degli infermieri 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni

Dettagli

Competenze dell' O.S.S.

Competenze dell' O.S.S. Competenze dell' O.S.S. Perché nasce l O.S.S. Con la professionalizzazione ed il percorso formativo universitario c è sta la necessità di una nuova figura sanitaria di supporto all Infermiere maggiormente

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE Il primo testo del Codice Deontologico venne approvato nel febbraio 1999 dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi. Il 17 gennaio 2009 il consiglio Nazionale

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali.

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. (11A04974) IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Provincia di Pavia CORSO DI AGGIORNAMENTO LA GESTIONE DEL LAVORO ASSISTENZIALE INTEGRATO FRA INFERMIERI E OPERATORI SOCIO SANITARI

Provincia di Pavia CORSO DI AGGIORNAMENTO LA GESTIONE DEL LAVORO ASSISTENZIALE INTEGRATO FRA INFERMIERI E OPERATORI SOCIO SANITARI Provincia di Pavia CORSO DI AGGIORNAMENTO LA GESTIONE DEL LAVORO ASSISTENZIALE INTEGRATO FRA INFERMIERI E OPERATORI SOCIO SANITARI Voghera, 26 maggio 2015 Sala Polivalente Maffeo Zonca, Piazza Meardi,angolo

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio Sanitario (OSS) Durata: 1000 ore. Articolazione didattica del Corso

Corso di Formazione per Operatore Socio Sanitario (OSS) Durata: 1000 ore. Articolazione didattica del Corso Corso di Formazione per Operatore Socio Sanitario (OSS) Durata: 1000 ore Articolazione didattica del Corso SOMMARIO Pag. A. Scenario 2 B. Obiettivi 2 C. Requisiti di ammissione 2 D. Materiale didattico

Dettagli

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la

Dettagli

Competenze avanzate e specializzazione professionale: in quale campo? Marina Negri

Competenze avanzate e specializzazione professionale: in quale campo? Marina Negri Competenze avanzate e specializzazione professionale: in quale campo? Marina Negri LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Collegio IPASVI COMO 22 febbraio

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS)

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE Le componenti: DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA: 1. modalità di erogazione dell'assistenza (care

Dettagli

Ruolo dell infermiere nella gestione degli accessi vascolari

Ruolo dell infermiere nella gestione degli accessi vascolari SIN Lombardia BS 15-5- 15 Ruolo dell infermiere nella gestione degli accessi vascolari Carlo Fontana Coordinatore Dialisi Cosa intendiamo per Ruolo Insiemi di modelli di comportamento attesi, aspettative

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale!

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! Timeoutintensiva, N 18, Nurse Science, Ottobre 2011 Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! S. Giammona, S. Egman, M. Ziino Colanino, G. Cappello, R. Lombardo, F.

Dettagli

Integrazione e sinergia tra professioni sanitarie nell interesse dell assistito

Integrazione e sinergia tra professioni sanitarie nell interesse dell assistito Integrazione e sinergia tra professioni sanitarie nell interesse dell assistito IPASVI Lecco 10 ottobre 2015 Barbara Mangiacavalli Contesto nel quale collocare il dibattito sull evoluzione delle competenze

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

IL FARE INCONTRA IL SAPERE

IL FARE INCONTRA IL SAPERE IL FARE INCONTRA IL SAPERE LA FORMAZIONE DELL OSS: IL RUOLO DELLA PORFESSIONE Ischia, 11 settembre 2009 fvallicella 1 Formare l operatore socio-sanitario Obiettivi, metodi e strumenti fvallicella 2 1984

Dettagli

Le competenze: il punto di vista della Federazione IPASVI

Le competenze: il punto di vista della Federazione IPASVI Le competenze: il punto di vista della Federazione IPASVI IPASVI Forli-Cesena 9 ottobre 2015 Barbara Mangiacavalli Contesto nel quale collocare il dibattito sull evoluzione delle competenze - Evoluzione

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale CARTA DEI SERVIZI Pagina 1 di 11 Questa CARTA DEI SERVIZI è una guida,un impegno scritto nei confronti dei cittadini che vengono messi a conoscenza

Dettagli

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Con il presente documento il Comitato di Settore per il Comparto Regioni-Sanità

Dettagli

INFERMIERE E OPERATORE SOCIO SANITARIO: UN INTEGRAZIONE POSSIBILE. Principi di responsabilità nell integrazione professionale

INFERMIERE E OPERATORE SOCIO SANITARIO: UN INTEGRAZIONE POSSIBILE. Principi di responsabilità nell integrazione professionale INFERMIERE E OPERATORE SOCIO SANITARIO: UN INTEGRAZIONE POSSIBILE Principi di responsabilità nell integrazione professionale 1 Perchè parlare di regole all'interno della equipe assistenziale? Per TANTI,

Dettagli

Assistenza Domiciliare e Malattie Rare: attuali e future strategie IPASVI Roma

Assistenza Domiciliare e Malattie Rare: attuali e future strategie IPASVI Roma , 14 maggio 2010 CONFERENZA Associazione G. Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Assistenza Domiciliare e Malattie Rare: attuali e future strategie Il ruolo del professionista infermiere nell

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

Le politiche professionali della FNC IPASVI per lo sviluppo dei servizi territoriali

Le politiche professionali della FNC IPASVI per lo sviluppo dei servizi territoriali Le politiche professionali della FNC IPASVI per lo sviluppo dei servizi territoriali Ipasvi Perugia 10 settembre 2015 Barbara Mangiacavalli Contesto nel quale collocare la riflessione - Evoluzione dell

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI Maggio 1999 I DOVERI DEGLI INFERMIERI SONO I DIRITTI DEI CITTADINI Articolo 1 PREMESSA 1.1. L infermiere è l operatore sanitario che, in possesso del diploma abilitante

Dettagli

LINEE GUIDA. per l inserimento dell OSS nel processo di assistenza infermieristica

LINEE GUIDA. per l inserimento dell OSS nel processo di assistenza infermieristica Collegi IPASVI del Veneto di Vicenza, Verona, Padova, Treviso, Rovigo e Venezia LINEE GUIDA per l inserimento dell OSS nel processo di assistenza infermieristica 1 a edizione: Giugno 2005 ISBN 88-88713-03-4

Dettagli

SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ

SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ Importante non è ciò che facciamo, ma quanto amore mettiamo in ciò che facciamo; bisogna fare piccole cose con grande

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI?

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 400 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp V.Corridori Regione Toscana - Azienda Ospedaliera Universitaria Senese A.Monti Direttore UOC NPI Empoli-Membro gruppo di lavoro Riferimenti nazionali Legge

Dettagli

Il Corso di Preparazione Privato OSS da 1000 ore è rivolto a persone in possesso dei seguenti requisiti:

Il Corso di Preparazione Privato OSS da 1000 ore è rivolto a persone in possesso dei seguenti requisiti: Destinatari. Il Corso di Preparazione Privato OSS da 1000 ore è rivolto a persone in possesso dei seguenti requisiti: tutti coloro che, rispetto all età, abbiano assolto l obbligo scolastico; inoccupati,

Dettagli

Evoluzione dei modelli organizzativi infermieristici

Evoluzione dei modelli organizzativi infermieristici Evoluzione dei modelli organizzativi infermieristici MODELLO TECNICO/ESECUTIVO > modello tayloristico MODELLO PROFESSIONALE> modelli successivi da Pontello G, Il management infermieristico, Masson, 1998,

Dettagli

Corso di Aggiornamento. OSS, Infermieri, Coordinatori: ruoli gestione e integrazione nelle attività assistenziali

Corso di Aggiornamento. OSS, Infermieri, Coordinatori: ruoli gestione e integrazione nelle attività assistenziali LATINA Corso di Aggiornamento SML StudioManagementLoi OSS, Infermieri, Coordinatori: ruoli gestione e integrazione nelle attività assistenziali Formia 21 marzo 2015 Dott. Duilio Loi Obiettivi acquisire

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

MARKETING, COMUNICAZIONE, DEONTOLOGIA: il biglietto da visita del libero professionista

MARKETING, COMUNICAZIONE, DEONTOLOGIA: il biglietto da visita del libero professionista MARKETING, COMUNICAZIONE, DEONTOLOGIA: il biglietto da visita del libero professionista Bologna 24 novembre 2013 Roberta Arbellia Indagine Nursind e Cergas Bocconi ottobre 2013 Infermieri forte orgoglio

Dettagli

LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA

LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA Coordinatore Infermieristico Residenza Sanitaria Riabilitativa e Attività Ambulatoriali

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO

OPERATORE SOCIO SANITARIO DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE LAVORO SETTORE STANDARD FORMATIVI QUALITÀ E ORIENTAMENTO PROFESSIONALE Allegato B) OPERATORE SOCIO SANITARIO DESCRIZIONE Modello descrittivo Profili Professionali

Dettagli

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto L Oss nell Sede di Fermo Antonino Longobardi Mariangela Cococcioni FERMO 20 GIUGNO 2012 L evoluzione del numero

Dettagli

La centralità dell'infermiere. nelle pratiche di cura domiciliare

La centralità dell'infermiere. nelle pratiche di cura domiciliare I luoghi della cura e dell apprendimento dall esperienza Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari La centralità dell'infermiere nelle pratiche di cura domiciliare Biella,

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli