Capitolo 10 Z I finanziamenti «diretti» alle imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 10 Z I finanziamenti «diretti» alle imprese"

Transcript

1 Edizioni Simone - Vol. 38/3 Compendio di tecnica bancaria Capitolo 10 Z I finanziamenti «diretti» alle imprese Sommario Z 1. Strumenti di finanziamento diretto a breve termine, a titolo di capitale di credito Forma alternativa ed innovativa di finanziamento: il crowdfunding L accettazione bancaria La polizza di credito commerciale Le cambiali finanziarie I certificati di investimento 1. Strumenti di finanziamento diretto a breve termine, a titolo di capitale di credito La gestione dei processi produttivi si caratterizza per la costante presenza di fabbisogni finanziari. Queste occorrenze di fondi derivano dalla necessità dell impresa: di mantenere in essere la sua organizzazione; di fronteggiare il divario esistente fra i tempi ed i ritmi di realizzazione dei ricavi rispetto ai tempi e ai ritmi di sostenimento dei costi. Il modello di finanziamento tradizionale delle imprese in Italia, in particolare delle piccole e medie imprese, si caratterizza per i seguenti profili: a) quoziente di indebitamento relativamente elevato; b) brevità della scadenza del passivo; c) ampio ricorso alla prassi del pluriaffidamento (o fido multiplo); d) debolezza del ruolo del mercato dei capitali nel sostenere lo sviluppo. L esigenza di diversificare le fonti di finanziamento, così da ridurre la dipendenza dell impresa da alcune di queste e dalle condizioni congiunturali dei relativi mercati può trovare risposta nell utilizzo di strumenti di finanziamento che consentono di accedere direttamente alla raccolta delle risorse presso i risparmiatori o gli investitori istituzionali, nonché presso imprese in temporaneo surplus di tesoreria. Questi finanziamenti pongono in diretto contatto il datore di fondi (operatore in surplus finanziario, in cerca di un impiego redditizio del suo risparmio) ed il prenditore (operatore in deficit, tipicamente impresa in cerca di fondi per sostenere la propria crescita ed il proprio sviluppo), ma richiedono comunque l intervento della banca come erogatrice di specifici servizi (es.: garanzia dell obbligazione contratta dal debitore, ricerca della controparte sul mercato secondario, collocamento dei titoli emessi ecc.).

2 328 Z Capitolo 10 Accettazione bancaria (AB), polizza di credito commerciale (PC), cambiale finanziaria (CF) e certificati di investimento (CI) sono gli strumenti «diretti» che in diversi momenti congiunturali del mercato, in diversi contesti istituzionali e con diffusione differente sono stati utilizzati in Italia per reperire risorse finanziarie senza ricorrere alla banca. 2. Forma alternativa ed innovativa di finanziamento: il crowdfunding Già ampiamente sperimentato con successo negli Stati Uniti, il crowdfunding si sta configurando, anche in Italia, come una forma di finanziamento alternativa a quelle tradizionali. I fattori che hanno permesso la sua diffusione sono evidentemente da collegare al momento di recessione che stiamo vivendo, alle difficoltà che gli Istituti di credito incontrano nel concedere crediti sia ai singoli individui che alle aziende. Ma che cos è il crowdfunding? Letteralmente significa finanziamento (funding) dalla folla (crowd), ovvero un finanziamento dal basso ad opera di un folto gruppo di persone che, ritenendo interessante il progetto, decidono di mettere a disposizione degli ideatori i propri soldi al fine di raggiungere un target prefissato. Tali persone, quindi, diventano investitori privati con un impegno monetario che può essere anche minimo e in assenza di rischio, in quanto ciascun investitore si impegna con una promessa di pagamento senza alcun versamento. Se il target viene raggiunto, il progetto può partire e ciascun investitore versa quanto promesso, altrimenti non versa nulla. Generalmente le risorse finanziare sono fornite in forma di donazione o in cambio di prodotti/servizi futuri oppure di riconoscimenti di varia natura. Il crowdfunding si rivolge ad un bacino di potenziali finanziatori molto ampio, in quanto i canali di comunicazione utilizzati sono quelli del web, in cui le persone, spinte da interessi comuni, formano dei network che hanno internamente un elevato livello di affinità. 3. L accettazione bancaria Secondo una definizione unanimamente condivisa per accettazione bancaria (AB) si intende una tratta emessa da una persona (fisica o giuridica) a carico di una banca contenente l ordine di pagare una determinata somma ad una certa scadenza all ordine del traente. La banca, in virtù di un accordo preesistente con l imprenditore-traente, appone sul titolo la propria firma per accettazione assumendo in tal modo la veste di obbligato principale secondo le norme della legge cambiaria. Dal canto suo il traente si impegna a fornire alla banca i fondi con valuta utile per l estinzione dell accettazione. In virtù dell apposizione della firma di accettazione da parte della banca, la tratta assume la veste di un documento rappresentativo di credito facilmente liquidabile (certez-

3 I finanziamenti «diretti» alle imprese Z 329 za del rimborso) e quindi negoziabile su un «mercato secondario», divenendo di fatto uno strumento finanziario idoneo a soddisfare le esigenze dei potenziali investitori. Il titolo, una volta emesso dall impresa traente e accettato dalla banca trattaria, viene ceduto dall impresa traente contro un corrispettivo a terzi allo scopo di ottenere un finanziamento diretto a breve termine ad un costo che si colloca intorno al livello dei tassi negoziati con la migliore clientela. A livello istituzionale, l accettazione bancaria è un titolo di credito letterale, autonomo, astratto, all ordine e, se regolarmente bollata fin dall origine, avente la forza di titolo esecutivo. Il collocamento delle AB presso il pubblico può avvenire in due modi: direttamente, quando è l impresa stessa che provvede al collocamento presso gli investitori finali (compagnie di assicurazione, fondi comuni di investimento, enti previdenziali, risparmiatori privati, imprese con surplus di liquidità in attesa di investimento); indirettamente, quando il collocamento è effettuato tramite un intermediario specializzato (generalmente una società finanziaria) il quale coordina l operazione, incaricandosi di trovare la necessaria contropartita. La seconda soluzione ovvero l intervento di un intermediario specializzato è quella che ricorre con maggiore frequenza nella pratica operativa. I soggetti che intervengono nell operazione sono i seguenti: il traente: si tratta di un impresa che, a fronte di fabbisogni di liquidità di breve periodo, si avvale dello strumento in forma alternativa al credito bancario, con l obiettivo di sostenere un minor onere complessivo; la banca, che non ritenendo di erogare un credito per cassa (o più spesso essendo impedita a farlo per aver superato limiti oggettivi «interni» o fissati dall organo di vigilanza), utilizza lo strumento per soddisfare in modo indiretto i fabbisogni finanziari della propria clientela; uno o più investitori (privati o istituzionali) che trovano conveniente investire i propri surplus di liquidità in attività a breve termine, a rischio limitato e liquidabili anche prima della scadenza; gli intermediari che con la loro attività agevolano l incontro fra domanda e offerta potenziali (mercato secondario). La negoziazione dell AB avviene esclusivamente mediante girata «piena» cui si accompagna la clausola «senza garanzia»; nel caso di insolvenza del debitore principale ciò impedisce l esercizio dell azione cambiaria di regresso nei confronti degli eventuali giranti e contribuisce ad elevare il livello di liquidità dello strumento. Gli aspetti contrattuali del credito di accettazione si articolano essenzialmente su tre punti: 1) la banca concede una apertura di credito, utilizzabile attraverso l accettazione di cambiali tratte, aventi un determinato importo, una determinata scadenza e per un importo complessivo della o delle operazioni;

4 330 Z Capitolo 10 2) l impresa traente si impegna a pagare una commissione stabilita in un importo percentuale dell importo globale delle cambiali accettate e a fornire la provvista prima della scadenza delle tratte; 3) l impresa traente si impegna, altresì, a fornire alla banca i propri bilanci, copia di tutte le deliberazioni dell assemblea straordinaria e di tutte quelle informazioni che potranno essere ragionevolmente richieste di tempo in tempo. Sotto il profilo tecnico le AB devono rispondere ai seguenti requisiti: la durata non può eccedere i 12 mesi; l emittente deve essere un imprenditore commerciale, ai sensi dell art del codice civile; l accettante deve essere una banca di cui al TUB; la girata può essere fatta esclusivamente con la clausola «senza garanzia» o altre equivalenti e porta l effetto di qualificare come unico obbligato cambiario principale la banca accettante. In presenza dei citati requisiti la legge consente che le cambiali fruiscano di un imposta di bollo ridotta allo 0,1 del loro valore nominale. Il costo dell AB per l impresa traente è determinato dall insieme delle seguenti componenti: 1) la commissione di accettazione a favore della banca accettante; 2) la commissione di collocamento che deve essere riconosciuta all intermediario che si impegna per il collocamento dell accettazione sul mercato secondario; 3) il tasso di interesse applicato per attualizzare il valore nominale dell accettazione, quale remunerazione da corrispondere all investitore; 4) l imposta di bollo nella misura agevolata dello 0,1 per mille. L AB rappresenta: per l impresa traente, una fonte di copertura del suo fabbisogno finanziario alternativa al credito bancario a breve; per la banca accettante, un tipico credito di firma, oltre che una fonte di reddito pari al corrispettivo delle commissioni percepite; per l eventuale intermediario che provvede al collocamento del titolo, una fonte di reddito, pari alle commissioni percepite, oltre che un occasione per istituire nuovi rapporti di carattere finanziario e di consulenza; per l investitore, uno strumento alternativo, remunerativo e di sicuro impiego delle proprie disponibilità a breve termine. 4. La polizza di credito commerciale La polizza di credito commerciale (PC) è un documento di riconoscimento di debito rilasciato da un impresa che manifesta un fabbisogno di fondi a breve a favore di un altra impresa, la quale, trovandosi, per contro, in posizione eccedentaria, desidera

5 I finanziamenti «diretti» alle imprese Z 331 impiegare temporaneamente la propria liquidità. Tale documento è trasferibile e può quindi circolare liberamente legittimando al rimborso i portatori che acquistano il documento via via fino all ultimo portatore. Bisogna peraltro sottolineare che la PC non è, a differenza dell AB, un titolo di credito, ma un semplice titolo improprio (art c.c.) che accerta l esistenza del debito di un determinato soggetto. Pertanto, la PC può circolare solo se accompagnata da una o più lettere di cessione che attestino l avvenuto trasferimento del credito. L operazione è comunemente assistita dalla fideiussione di una banca, che si impegna ad onorare la polizza alla scadenza nei confronti del soggetto in grado di dimostrare quando lo strumento sia stato messo in circolazione di essere l ultimo cessionario del credito, per effetto di una serie ininterrotta di atti di cessione. La cessione avviene con la clausola pro-soluto (latino: «che si ha per pagato»), senza cioè la garanzia del cedente circa il puntuale adempimento dell obbligazione. Nella pratica, la PC si compone di tre distinti documenti: 1) la lettera di riconoscimento di debito, con la quale l impresa debitrice si impegna a rimborsare a scadenza, a chi risulterà cessionario, l ammontare previsto e a rinunciare a sollevare qualsiasi eccezione non prevista esplicitamente nella lettera. Tale lettera contiene, inoltre, l indicazione che il pagamento sarà effettuato presso una banca all uopo indicata, alla scadenza fissata e l ammontare dell interesse praticato; 2) la lettera di fideiussione bancaria, con la quale la banca che interviene nell operazione garantisce, a chi risulta cessionario, il pagamento della somma indicata nella lettera di riconoscimento di debito e rinuncia ad apporre qualsiasi eccezione esplicitamente non prevista; 3) la lettera di cessione pro-soluto (o, eventualmente, le lettere), con cui viene ceduto il credito ed ogni altro diritto ad esso connesso. I primi due documenti sono essenziali per realizzare l operazione di raccolta di fondi, mentre il terzo si rende necessario ogni qualvolta il credito sia oggetto di successive negoziazioni sul mercato. Al verificarsi di quest ultima ipotesi, i tre documenti sopradescritti circolano congiuntamente. Sotto il profilo giuridico, la PC trova la sua base normativa nell art del codice civile che disciplina la «promessa di pagamento e la ricognizione di debito». Essa è una promessa unilaterale con cui si può provare l esistenza di un credito, ma non è riconducibile alla categoria dei titoli di credito, non essendo possibile individuare in essa le caratteristiche della letteralità, dell autonomia e dell incorporazione, che sono invece proprie dei titoli di credito. Il costo totale sostenuto dall emittente per l operazione di raccolta di fondi tramite PC è formato dai seguenti elementi: 1) il tasso di interesse riconosciuto alla società creditrice. Tale tasso deve essere coerente con il profilo di rischio dell investimento;

6 332 Z Capitolo 10 2) la commissione richiesta dalla banca per il rilascio della fideiussione, la cui misura riflette la valutazione di rischio del soggetto debitore; 3) la commissione di negoziazione eventualmente riconosciuta all intermediario per il collocamento della PC sul mercato; 4) le imposte di bollo e di registro. Le operazioni di raccolta fondi effettuate tramite PC possono essere vantaggiose per tutti i soggetti che vi partecipano. L impresa che rilascia la polizza può, infatti, ottenere credito a prezzi più contenuti rispetto ai tassi praticati dalle banche; l investitore riesce a spuntare una remunerazione competitiva rispetto a quella fornita dalle altre possibili forme di impiego a breve; la banca percepisce una commissione per la fideiussione rilasciata ed opera una diversificazione dei propri servizi a favore della clientela. Le società che ricorrono alla emissione di PC sono in genere primarie imprese industriali o holding di gruppo, nonché società finanziarie partecipate da banche estere con filiali in Italia; gli acquirenti sono invece solitamente investitori istituzionali, soprattutto fondi comuni di investimento e società finanziarie. 5. Le cambiali finanziarie Le cambiali finanziarie sono titoli di credito all ordine emessi in serie e, come previsto dal D.L. 83/2012, conv. in L. 134/2012, hanno una scadenza non inferiore a un mese e non superiore a trentasei mesi dalla data di emissione e la cui accessibilità è stata estesa alle imprese non quotate. Esse sono equiparate alla cambiale ordinaria e si qualificano come una promessa incondizionata di pagamento per un importo pari alla somma indicata sul titolo che dovrà riportare la dicitura «cambiale finanziaria», la promessa incondizionata di pagare una somma determinata, la scadenza, il luogo di pagamento, la data e il luogo dell emissione, il nome del prenditore e la sottoscrizione dell emittente. Possono emettere le cambiali finanziarie le società di capitali, le società cooperative e le mutue assicuratrici diverse dalle banche e dalle microimprese con organico inferire a 10 persone e fatturato annuale inferiore a 2 milioni di euro. Possono essere emesse anche dalle medie imprese con meno di 250 dipendenti e con fatturato non superiore a 50 milioni di euro o con totale di bilancio annuale non superiore a 43 milioni di euro, e anche dalle piccole imprese con meno di 50 dipendenti e con fatturato o bilancio annuale che non sia superiore a 10 milioni di euro. Oggi, può procedere con l emissione di titoli solo l azienda che risulti dotata dei requisiti di professionalità previsti dalla L. 30 aprile 1999, n. 130 a seguito di valutazione di un agenzia di rating. Ma le PMI non quotate in Borsa difficilmente hanno un agenzia che ne valuti la classe di rischio (uno dei tipici ostacoli che impediscono alle PMI di accedere ai mercati finanziari). Ecco perché il D.L. 83/2012, conv. in L. 134/2012 ha previsto che possa-

7 I finanziamenti «diretti» alle imprese Z 333 no emettere cambiali finanziarie ed obbligazioni le PMI che, in mancanza di rating, si dotino dei seguenti requisiti: 1) l emissione deve essere assistita da uno sponsor (banche, imprese di investimento, SGR, società di gestione armonizzate, SICAV e intermediari finanziari) che supporti l impresa nell emissione e nel collocamento, ed eventualmente segua l ammissione a quotazione dei titoli; 2) l ultimo bilancio della società deve essere certificato da un revisore contabile (o società) iscritta nel registro. Le cambiali finanziarie devono essere emesse in favore di investitori professionali che non sono direttamente o indirettamente soci della società che le ha emesse; 3) cambiali e obbligazioni devono circolare solo fra investitori qualificati, così come definiti all art. 100 del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modificazioni. Questi ultimi non possono essere soci della società emittente, né direttamente né indirettamente, neanche per tramite di società fiduciaria o interposta persona. Successivamente, sulla disciplina delle cambiali finanziarie è intervenuto il D.L. 179/2012, conv. in L. 221/2012, che ha ulteriormente semplificato l accesso alle stesse da parte di società non quotate. È stata abrogata, infatti, la previsione che obbligava lo sponsor che assisteva la società finanziaria nell emissione delle cambiali finanziarie a detenere nel proprio portafoglio, fino alla naturale scadenza, una quota minima di titoli emessi. 6. I certificati di investimento La delibera CICR del 3 marzo 1994 affianca alla cambiale finanziaria un altro strumento di raccolta del risparmio presso il pubblico: il certificato di investimento (CI). La sua disciplina appare però tuttora alquanto lacunosa; ciò dipende dal fatto che, mentre la CF nasce per volontà del legislatore e con un assetto normativo completo, il CI trova la sua fonte normativa in un atto di natura regolamentare che non contiene indicazioni esaustive in merito agli aspetti fondamentali del titolo. Non è specificata, anzitutto, l esatta definizione del trattamento fiscale a cui è assoggettato; manca poi la «qualificazione» del titolo; infine non si dice nulla in merito alla sua eventuale qualità di «titolo di credito», che non è espressamente affermata. Sui CI devono essere chiaramente indicati: la denominazione, l oggetto e la sede dell impresa emittente, con l indicazione dell ufficio del registro delle imprese presso la quale è iscritta; il capitale sociale dell impresa versato ed esistente al momento dell emissione; il valore nominale di ciascun certificato; gli elementi necessari per la determinazione della remunerazione del prestito; le modalità di rimborso e, ove emessi in serie, l ammontare dell emissione di cui il certificato fa parte; se l emittente non è quotato, l identità del garante e l ammontare della garanzia.

8 334 Z Capitolo 10 Il problema preliminare, allora, risiede nel distinguere i certificati di investimento dalle cambiali finanziarie. Sotto il profilo tecnico i CI si differenziano dalle CF anzitutto per la scadenza: mentre queste ultime rappresentano una forma di raccolta a breve termine (da 3 a 12 mesi), i CI rappresentano una forma di raccolta a medio o a lungo termine (superiore ai 12 mesi). Oltre alla durata, i CI presentano altre due specifiche caratteristiche che li rendono sostanzialmente diversi dalle CF. In primo luogo mentre le CF sono esclusivamente titoli di credito all ordine, i CI possono essere emessi sia all ordine che al portatore. Altra differenza attiene alle caratteristiche proprie del titolo, nel senso che mentre le CF sono titoli di massa in serie, i CI possono essere emessi non in serie. Concludendo, possiamo definire i CI come quei titoli emessi anche al portatore, che rappresentano un indebitamento a medio-lungo termine di un impresa, in relazione ad un operazione collettiva di finanziamento.

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese Le novità del Decreto Sviluppo Marco Capra 7 dicembre 2012 Confindustria Alto Milanese Legnano Le novità del

Dettagli

CAMBIALE FINANZIARIA

CAMBIALE FINANZIARIA CAMBIALE FINANZIARIA DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE La cambiale finanziaria è un titolo di credito all'ordine emesso in serie ed avente scadenza dalla data di emissione. Essa è equiparata ad ogni effetto

Dettagli

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire Capitolo Primo 1. L ACCETTAZIONE BANCARIA A) Definizione Gli strumenti di mercato monetario L accettazione bancaria si sostanzia in una cambiale tratta con la quale un impresa (traente) ordina ad una banca

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012)

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) Dott. Gianluca Cristofori L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) 1 Profili civilistici relativi all emissione di titoli di debito

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

Libera Università Maria SS. Assunta

Libera Università Maria SS. Assunta Libera Università Maria SS. Assunta Corso di Economia e Gestione delle Imprese La gestione finanziaria 1 Definizione Alla funzione finanziaria è affidato il complesso di decisioni ed operazioni volte a

Dettagli

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario Commercial Paper Definizione e presentazione dello strumento finanziario L accensione di una commercial paper ( polizza di credito commerciale) consente ad un impresa di ottenere un finanziamento da un

Dettagli

COMMERCIAL PAPER (POLIZZA DI CREDITO COMMERCIALE)

COMMERCIAL PAPER (POLIZZA DI CREDITO COMMERCIALE) COMMERCIAL PAPER (POLIZZA DI CREDITO COMMERCIALE) DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE La polizza di credito identifica una particolare operazione che si concretizza mediante la circolazione di un complesso di

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Via di Campo Marzio, 46-00186

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 6 ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

PARTE 5: Risparmio, investimento e

PARTE 5: Risparmio, investimento e : Risparmio, investimento e relazioni finanziarie L esistenza di soggetti con un eccesso di spesa sul reddito, ovvero con un eccesso di risparmio sull investimento determina trasferimenti di fondi da chi

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

Garanzia confidi_sezione breve termine

Garanzia confidi_sezione breve termine Garanzia confidi_sezione breve termine Scheda prodotto DESCRIZIONE PRODOTTO CapitaleSviluppo attraverso il servizio di accesso alla garanzia dei confidi offre alle imprese un importante strumento atto

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INTERMEDIARI E IMPRESA-UNA NUOVA FORMA DI FINANZIAMENTO: IL «MINI BOND» MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI NUNZIA MELACCIO Commissione Banche e Intermediari

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Step Up / Step Up Amotizing

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Step Up / Step Up Amotizing MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA L azienda può finanziare lo svolgimento della propria attività produttiva mediante: a) CAPITALE PROPRIO: si tratta di mezzi finanziari apportati dal proprietario o dai soci;

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Chi siamo PEP&CFC appartiene al Gruppo Dafisa Holdings Capital Finance Group Limited, ed è stata istituita quale società specializzata nella consulenza in materia finanziaria

Dettagli

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE Definizione È una forma di finanziamento basata sulla presentazione all incasso, da parte dell impresa, di crediti in scadenza aventi o meno natura cambiaria e

Dettagli

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti Capitolo XV La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti La funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire e ad impiegare

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Promemoria. Trattamento fiscale dei prestiti consorziali, riconoscimenti di debito, cambiali e sottopartecipazioni (29.10.1992)

Promemoria. Trattamento fiscale dei prestiti consorziali, riconoscimenti di debito, cambiali e sottopartecipazioni (29.10.1992) AMMINISTRAZIONE FEDERALE DELLE CONTRIBUZIONI Divisione principale tasse di bollo e imposta preventiva I N D I C E Promemoria Trattamento fiscale dei prestiti consorziali, riconoscimenti di debito, cambiali

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI 1 LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI OPERAZIONI A BREVE TERMINE - rapporto di conto corrente - operazioni

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Leonardo Frigiolini - AD Unicasim SpA Piazza De Ferrari, 2 - Genova info@unicasim.it

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

verifiche di ingresso

verifiche di ingresso 114 PARTE TERZA erifiche di ingresso ed esercizi riepilogativi ERIICHE DI INGRESSO NOTA BENE: 1 2 3 Il diverso grado di difficoltà degli esercizi è così contrassegnato: livello di difficoltà basso livello

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta a direzione e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 INDICE Documento di Sintesi. Pag. 2 Regolamento del prestito obbligazionario..

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor

La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor PARADIGMA Srl Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Milano,10 e 11 ottobre 2012 Indice L iter parlamentare

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 Le anticipazioni di tesoreria (art. 222 Tuel) Controparte: istituto tesoriere Limiti: 3/12 delle entrate correnti

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE

Dettagli

La pianificazione dell equilibrio finanziario

La pianificazione dell equilibrio finanziario La pianificazione dell equilibrio finanziario Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L ottimizzazione della gestione delle fonti di finanziamento richiede l analisi di una metodologia di calcolo del

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/11/2009 24/11/2012, Codice Isin IT0004549686 Le presenti Condizioni

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONFIDI IMPRESE TOSCANE Società Cooperativa di garanzia collettiva dei fidi

Dettagli

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Milano 18 dicembre 2013 Mini-bond Meeting Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Giancarlo Giudici Politecnico di Milano School of Management giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI 1 LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI La Legge 130/1999 ha introdotto in Italia la disciplina della cartolarizzazione dei crediti bancari, più nota come securitization, mutuandola dal sistema bancario

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY 28 NOVEMBRE e 12 DICEMBRE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDE GENERALI Che cos è il Btp day? Il BTP-day è una iniziativa che ha l obiettivo di agevolare temporaneamente i

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. Banca

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie Depositi e Titoli di Stato Le attività finanziarie Il primo degli elementi che compongono il sistema finanziario è rappresentato

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di investimento e di pagamento I servizi di investimento Prodotti che soddisfano le esigenze di investimento della clientela Raccolta diretta (raccolta

Dettagli

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi DFA Studio Legale Associato In materia di «titoli di credito» possiamo considerare due macro aree: Paesi di Common

Dettagli

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Aletti & C. Banca di Investimento Mobiliare S.p.A., in forma breve Banca Aletti & C. S.p.A. - Sede legale in via Roncaglia, 12 Milano Capitale Sociale interamente versato pari ad Euro 121.163.538,96 Registro

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Cos'è. Questi servizi riguardano:

Cos'è. Questi servizi riguardano: UBI FACTOR Cos'è Il factoring è una combinazione di servizi finanziari e di gestione del credito che consentono ad una società di rafforzare sotto il profilo qualitativo e di valorizzare sotto quello finanziario

Dettagli