Saronno #cambiapasso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Saronno #cambiapasso"

Transcript

1 SARONNO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE DI CANDIDATO SINDACO DELLE LISTE Saronno #cambiapasso 1

2 I MIEI VALORI E GLI IMPEGNI CHE ASSUMO CON LA CITTÀ Mi presento Sono Francesco Licata, ho 37 anni, sono sposato con Laura ed ho un figlio. Il Liceo Scientifico Grassi è stata la scuola che ho frequentato e in cui mi sono diplomato. Conseguita la maturità scientifica, mi sono iscritto all Università Cattolica di Milano dove mi sono laureato in economia e commercio. Oggi lavoro in una grande azienda italiana operante nel settore servizi alle imprese e mi occupo di analisi e ricerche di mercato, di studio dei comportamenti di acquisto dei consumatori e di osservazione sia delle dinamiche evolutive dei mercati sia dei trend demografici Sono sommelier per hobby, ma tre sono le mie grandi passioni: la mia famiglia, i viaggi e lo sport. La prima è la mia linfa vitale; viaggiare invece mi piace perché amo conoscere gli altri e credo nel confronto come mezzo per imparare. Dello sport infine mi ha sempre entusiasmato la capacità naturale di aggregare ed unire le persone, di farci conoscere le nostre potenzialità e di porci di fronte ai nostri limiti, spingendoci ad accettarli, ma anche a superarli. Oltre a ciò, credo nel volontariato come momento per condividere il proprio tempo con altri e dedicarsi a chi ha bisogno. Penso però che questa sia e debba rimanere un attività disinteressata di cui non occorre fare pubblicità, per cui non approfondisco. Penso che la politica stia nelle nostre azioni quotidiane, nelle nostre scelte e nel governo della nostra vita e si concretizzi nei partiti successivamente e solo per chi ne voglia far parte. Ho sempre sposato concetti di giustizia sociale e di equità, mi piace guardare le cose con gli occhi di chi ha di meno, perché sono convinto che la società progredisce, noi progrediamo, se stiamo minimamente bene tutti. Credo immensamente nel merito, una cosa che non si trasmette per asse ereditario e non può essere regalata da nessuno. Il merito si conquista con la fatica ed il sacrificio ed ai blocchi di partenza è giusto trovarsi sulla stessa linea. Mi sono avvicinato alla politica attiva solo negli ultimi anni, aderendo al Partito Democratico con sempre maggiore convinzione: prima da simpatizzante e poi da iscritto, ho finito per ricoprire incarichi di maggior responsabilità e due anni fa sono stato eletto Segretario del Circolo di Saronno. È stata un esperienza impegnativa, ma gratificante, che mi ha portato a prendere in considerazione la proposta di candidarmi a sindaco con serietà, disponibilità ed entusiasmo. Perché fare il Sindaco? Questa la prima domanda che mi hanno rivolto in tanti e la risposta che mi è uscita di getto è molto semplice, ma non scontata né banale: mi piace la mia città, mi piace Saronno e credo in lei. Lo dico senza se e senza ma: non vorrei abitare da un'altra parte. Penso che soprattutto nei momenti difficili come questi in cui viviamo non si possa rimanere seduti a guardare. Che le cose stiano in un certo modo non 2

3 vuol dire che debbano andare sempre nella stessa maniera. Io preferisco provare a cambiare piuttosto che lamentarmi, preferisco rimboccarmi le maniche, visto che non perdonerei mai a me stesso il fatto di non averci nemmeno provato. Questo è il senso dell impegno mio e della Coalizione che mi sostiene: rimboccarci le maniche e perseguire il bene comune, perché la società migliora se migliorano le condizioni di tutti, non solo di alcuni. Le idee forti Democrazia e partecipazione, a furia di passare di bocca in bocca, rischiano di risuonare come parole vuote. Ma non è così, non deve essere così. Per noi continuano a rappresentare valori fondanti che, oggi più che mai, non possono essere dati per scontati. Senza un saldo riferimento ad un sistema di valori non è possibile vivere consapevolmente nel presente e dare un senso al proprio futuro. Tanto meno è possibile governare bene una città! Contro fanatismi ed integralismi non resta che rafforzare l impegno per la laicità e la libertà di pensiero, sostanza della democrazia. Laicità intesa come predisposizione mentale e culturale all'apertura e al confronto libero da pregiudizi verso il mondo esterno, come condizione necessaria per garantire equità e pari opportunità a tutti i cittadini, indipendentemente dal loro credo politico o religioso e dai propri legittimi stili di vita. La promozione dei diritti e delle pari opportunità è infatti un altro punto forte della nostra proposta politica, perché il rispetto per le persone è un valore che va perseguito con coraggio contro luoghi comuni, pregiudizi e discriminazioni. Siamo altresì convinti, però, che i diritti diventano strumenti di democrazia, giusti riconoscimenti di aspirazioni individuali, se si fondano anche sui doveri di solidarietà. Vogliamo sviluppare l'idea di una democrazia che non vive di soli diritti, ma pure di doveri morali, di rispetto delle regole, di fiducia nel futuro. Sono i doveri che accanto ai diritti esprimono il legame politico fra cittadini e favoriscono il senso di appartenenza ad una comunità, indispensabile per far uscire la società dalla crisi in cui si trova. Non da solo, ma in squadra Professionalità, competenza, disponibilità a spendersi per la città saranno le caratteristiche che cercherò nelle persone a cui chiederò di far squadra con me e a cui conferirò incarichi. Una buona squadra, contraddistinta da pluralità di conoscenze, capace di operare con un metodo di lavoro efficiente e responsabilità condivise: solo questi elementi infatti ci consentiranno di affrontare serenamente la realtà complessa che la nostra città ed il suo comprensorio presentano. Lotta alla corruzione e impegno alla massima trasparenza completano il quadro della buona politica che abbiamo in mente e vogliamo attuare: quella degli onesti, della persone per bene che la città si merita. Le nostre priorità Se questa è la spinta ideale che ci muove, i nostri obiettivi per il prossimo quinquennio sono legati allo sviluppo delle potenzialità di Saronno. In primis l attenzione per i nostri cittadini, dal presente dei meno giovani al futuro dei giovani. 3

4 I meno giovani, gli anziani, e le famiglie che di loro si prendono cura, devono fruire di tutti i servizi alla persona di cui Saronno ha sempre vantato un eccellenza! I giovani, che io non vedo disillusi, perché la voglia di lottare e di cambiare le cose e di non arrendersi i giovani ce l hanno, devono trovare nell Ente un facilitatore, un alleato, un coordinatore degli spunti che arrivano dalla loro iniziativa. Quindi massima visibilità e massimo credito a idee ed eventi attivati da loro, largo alla loro creatività. Inoltre, particolare attenzione alla pratica sportiva, intesa sia come promozione della stessa in quanto portatrice di sani stili di vita, sia come efficienza delle strutture in cui questa si svolge, luoghi che devono fruire della giusta considerazione e corretta manutenzione. Da ultimo, l impegno verso quei servizi che garantiscono incontro tra domande ed offerte nel mondo giovanile, quali la biblioteca, l Informagiovani, l Informalavoro. Garantiremo il rispetto e la cura della nostra città. Nei prossimi anni, in funzione di come verranno governati i processi di riqualificazione delle aree dismesse, ci giochiamo la sfida decisiva per l immagine che Saronno assumerà nei prossimi 50 anni. Ruolo dell Ente Locale sarà quello di garantire innanzitutto l interesse pubblico in un corretto mix con l interesse privato. Siamo contrari all eccessivo sviluppo edilizio, così come siamo contrari a lasciare le nostre aree, che costituiscono porzione importante del territorio, all incuria ed al degrado. Vogliamo che queste si integrino in maniera armonica con il resto di Saronno andandone a migliorare l aspetto. Intendiamo per cura della città anche il decoro urbano, la pulizia, la corretta illuminazione ed il coinvolgimento nella vita sociale di tutte le zone del territorio, perché tutti questi elementi sono per noi requisiti fondamentali per generare sicurezza. Sicurezza che si ottiene con una città in ordine e con una cultura diffusa della legalità improntata al rispetto delle persone e delle cose, oltre che con un efficace collaborazione tra l Ente Locale e gli organi preposti alle funzioni di ordine pubblico (questura, prefettura). Saronno non è una città in mano a bande di malviventi, come qualcuno vorrebbe far credere. Ha però al suo interno delle aree critiche (ad esempio la stazione), che devono essere meglio presidiate fino alla risoluzione del problema. Tra le nostre priorità non può infine mancare la scuola, cemento per la costruzione di una società giusta e solidale, spazio in cui si rimuovono le barriere e si creano le pari opportunità, oltre che luogo dove si costruisce il futuro dei cittadini. L Ente collaborerà con la scuola per potenziare percorsi di prevenzione al disagio e di educazione alla legalità ed investirà nelle infrastrutture scolastiche. Tutto quello che potrà essere destinato a questo capitolo sarà destinato, senza lesinare un euro. Immagino la mia Saronno a colori. Immagino la mia città con gambe forti e robuste che inizia a correre e cambiare passo. Per questo vi chiedo di credere in me, di credere in noi 4

5 INDICE GOVERNARE LA CITTÀ IN TEMPO DI CRISI, NUTRIRE LA PROGETTUALITÀ pg. 6 PIÙ UNITI, PIÙ SICURI pg. 11 UNA CITTÀ DA VIVERE pg. 14 A SARONNO LA SCUOLA CONTA, SARONNO CONTA SULLA SCUOLA pg. 17 SVILUPPARE IL TERRITORIO, PROTEGGERE L AMBIENTE pg. 21 UN WELFARE DI COMUNITÀ pg. 25 UNA COMUNICAZIONE AMICA DEI CITTADINI pg 29 MIGLIORI SERVIZI AL CITTADINO pg 29 STRUMENTI CONCRETI PER LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI pg 32 5

6 GOVERNARE LA CITTÀ IN TEMPO DI CRISI, NUTRIRE LA PROGETTUALITÀ risorse economiche, commercio, attività produttive, società partecipate, sviluppo Parliamoci chiaro: nel 2010 abbiamo trovato il Comune con entrate inferiori alle spese e le società controllate in perdita. Abbiamo quindi intrapreso un percorso di revisione ed eliminazione dei costi relativi a spese non essenziali e di riduzione della spesa relativa alle risorse umane in ragione del blocco delle assunzioni, mettendo in atto un processo di riorganizzazione che ha consentito, a risorse diminuite, di mantenere tutti i servizi storicamente erogati. Oggi i conti del Comune e soprattutto delle sue partecipate sono in ordine. Tuttavia gli equilibri degli Enti Locali dipendono sempre di più dalla disastrata situazione del debito pubblico nazionale e dall instabilità del mondo che ci circonda. La necessità di ridurre il debito per salvare il Paese ha portato lo Stato ad accollare sempre di più parte del proprio debito ai Comuni, in due modi: anzitutto trattenendo una parte dei soldi che ogni anno veniva distribuita ai Comuni stessi, in secondo luogo imponendo ad ogni Comune di risparmiare una somma utilizzabile esclusivamente per pagare anticipatamente parte del debito pubblico, attraverso l imposizione del patto di Stabilità. Alla nostra città nel periodo sono stati tagliati 6,5 milioni di euro. A parziale compensazione di tali tagli sono state istituite dal Governo prima l IMU e poi la TASI, per tentare di far quadrare i conti dei Comuni. Attraverso questa via lo Stato da un lato ha ridotto i trasferimenti a favore dei Comuni, ma dall altro li ha obbligati a chiedere un maggior contributo direttamente ai cittadini, portando di fatto ad un aumento della pressione fiscale che va a ridurre stipendi e pensioni. È evidente a tutti la difficoltà sempre maggiore che i Comuni incontrano a far quadrare i propri bilanci, stretti tra riduzione dei servizi e aumento delle tasse locali e delle tariffe, senza più alcun trasferimento dallo Stato. Le risorse scarse impongono ripensamenti ed innovazioni Pur nelle gravi difficoltà legate a tale situazione è necessario trovare soluzioni che ci permettano di mantenere viva la nostra città. Il Comune di Saronno, come la maggior parte degli Enti Locali, dovrà ricorrere ad un operazione che, superando la razionalizzazione dei costi, innesti un percorso di coraggiosa revisione strutturale della spesa, per poter continuare a finanziare sia i servizi che i costi correnti (i servizi alla persona e la solidarietà alle famiglie in difficoltà, le attività educative e scolastiche, le attività culturali, giovanili e sportive, le spese delle utenze e dell organizzazione della azienda comune ), sia le spese per gli investimenti ordinari più urgenti. Probabilmente non sarà possibile, nel breve periodo, ridurre la tassazione locale (IMU-TASI), a meno di decisioni legislative e di modifiche sul federalismo fiscale ad oggi rimasto incompiuto. Ciò ci costringerebbe infatti a tagliare pezzi della nostra città (scuole, asili nidi, biblioteca, teatro, cultura, centri giovani, servizi sociali, sport, sostegno alle famiglie ), oppure a ricorrere all uso spregiudicato degli oneri di urbanizzazione legati a nuove edificazioni, cementificando ulteriormente il poco territorio verde che ci è rimasto, mentre è opportuno che tali entrate rimangano a finanziare i nuovi investimenti. 6

7 Dobbiamo confidare che una più generale ripresa economica ed una modifica del nostro sistema fiscale portino nuove risorse alla nostra città. In tale caso, non appena sarà possibile, porremo la massima attenzione all alleggerimento della tassazione locale per famiglie ed imprese. Conciliare costi e qualità della vita e dei servizi senza aumentare la pressione tributaria Le modalità e soprattutto i valori e le sensibilità che guidano le scelte economiche fanno emergere le diversità tra le diverse proposte politiche. Noi abbiamo individuato alcune direzioni fondamentali per condurre le scelte che ci competono: Contenere al massimo i costi della politica, posto che riteniamo corretto che chi si occupa della comunità percepisca i rimborsi previsti e che il Comune di Saronno non ha previsto nessun benefit per i propri Amministratori Lavorare per l equità: cercare di ridurre attraverso l istituzione di fondi di solidarietà dedicati e lo sviluppo di ulteriori collaborazioni con il privato sociale ed il terzo settore la sempre maggiore distanza tra chi, pur con la crisi, sta molto bene e chi invece non ce la fa più, è diventato più povero, ai limiti della capacità di sopravvivere Combattere il furto del nostro futuro: attraverso il completamento della banca dati per l attività di accertamento della situazione reddituale e patrimoniale dei contribuenti, contrasteremo il danno che l evasione e l elusione delle tasse e dei tributi locali procura alla collettività, sia in termini di aumento della pressione tributaria per chi onestamente continua a pagare, sia di riduzione dei servizi non più sostenuti da idonee entrate Garantire il buon uso dei soldi dei cittadini, attraverso una gestione sobria e la massima efficienza della macchina comunale, perché solo un organizzazione dei servizi innovata ed attenta e l introduzione del controllo di gestione e della contabilità analitica possono generare la riduzione dei costi ed il miglioramento delle performance Mantenere i servizi di qualità storicamente erogati dal nostro comune a parità di tassazione Valorizzare le competenze e le risorse umane, attraverso una maggiore integrazione delle società partecipate o di emanazione comunale con la progettualità e le esigenze del Comune, in una sorta di holding che, tramite un percorso di revisione delle strategie, ripensamento dei ruoli, razionalizzazione dei costi, sviluppo di sinergie per i rapporti con i fornitori, massimizzi i benefici e riduca i costi, fatte salve le continue modifiche normative in atto in tema di società controllate, di società strumentali e di controllo analogo Valorizzare la ricchezza degli edifici storici e le risorse patrimoniali, attraverso la revisione dell utilizzo del patrimonio immobiliare comunale, al fine di identificare gli immobili strategici (perseguendo una riduzione dei costi di gestione) e gli immobili alienabili, per ricavarne risorse da investire in nuove opere pubbliche Promuovere forme di collaborazione e sinergie con altri Enti Locali, per il miglioramento dei servizi e la riduzione dei costi di gestione attraverso la cogestione di servizi (consorzi di servizi, gruppi di acquisto ) per rideterminare modelli nati in tempi in cui le risorse non mancavano e attraverso l ampliamento della compagine societaria delle società partecipate comunali, per i servizi strumentali gestiti direttamente in favore dei soci. 7

8 La sfida è comunque prima di tutto culturale: la nostra società deve tornare a rivalutare i concetti di bene comune e di solidarietà. La partita degli investimenti Sul fronte degli investimenti la partita non è meno difficile, in funzione della difficoltà di reperimento delle fonti di finanziamento per la realizzazione di nuove opere pubbliche o di interventi di manutenzione straordinaria. Il Comune di Saronno è molto al di sotto dei limiti di indebitamento imposti dalla normativa, ma non di meno, a causa del rispetto del patto di stabilità imposto dallo Stato, il ricorso ai mutui non è facilmente percorribile, in funzione del fatto che la possibilità di sostenere i rimborsi è legata alla disponibilità di nuove risorse per la spesa corrente. Ciò nonostante, di fronte a importanti necessità della città, valuteremo attentamente la possibilità di ricorrere a questa forma di finanziamento, compatibilmente con la capacità di rimborso delle rate da parte del Comune. Gli investimenti dovranno essere rivolti principalmente ai settori che consideriamo prioritari: sicurezza degli edifici pubblici; manutenzione degli stabili comunali (scuole in primis); manutenzione della città (abbattimento barriere architettoniche, marciapiedi e strade); efficientamento energetico che consenta risparmi strutturali di risorse di parte corrente. Per quanto attiene agli investimenti dedicati allo sviluppo, priorità altrettanto importante per la nostra città, le risorse dovranno essere trovate anche attraverso la partecipazione a bandi per l assegnazione di fondi nazionali o europei, l attivazione di percorsi di autofinanziamento con la razionalizzazione del patrimonio immobiliare comunale, lo sviluppo di progetti finanziati da soggetti privati che riscontrino nella nostra città interessanti opportunità di investimento ed il ricorso alla promozione dell iniziativa del credito di imposta per favorire erogazioni liberali a sostegno della cultura e di progetti di recupero di immobili (vedi Art Bonus). A tale proposito sarà sempre più importante la capacità di presentare al meglio l immagine della nostra città per rendere Saronno attrattiva agli investitori. Ascoltare per ben amministrare È fondamentale per un amministratore saper ascoltare la voce dei propri cittadini, discutere e confrontarsi sui problemi della città e su come risolverli. È maturo il tempo in cui promuovere la partecipazione e la condivisione delle scelte da attuare con priorità attraverso percorsi di democrazia partecipata che incentivino la presenza diretta e valorizzino l azione propositiva del cittadino nel governo della città attraverso l attuazione di uno strumento operativo chiaro: il bilancio partecipativo. Proprio perché ogni spesa comunale nasce da un prelievo sui propri cittadini, la più rilevante novità del bilancio partecipativo sta nel conferire ai cittadini stessi la possibilità di decidere come spendere una quota predefinita delle risorse riservate agli investimenti, scegliendo tra i diversi bisogni presenti sul territorio quelli che ritengono prioritari, e tra diversi progetti proposti quelli che meglio rispondono alle necessità della città, oppure ipotizzando nuove progettualità. Per un nuovo sviluppo della città La città che vogliamo realizzare non contempla solo una vita subalterna alla metropoli milanese ma sa trovare una propria identità, caratterizzandosi e divenendo essa stessa un polo di attrazione. La realtà di Saronno va rilanciata in un contesto comprensoriale vasto che sappia sfruttarne le tradizioni, le peculiarità 8

9 e i punti di forza, tra cui: la centralità della città come polo del sistema del trasporto ferroviario regionale; il centro storico pedonale e commerciale; la ricchezza rappresentata dalla presenza delle aree industriali dismesse, occasione unica ed irripetibile per dare un volto nuovo alla città, se vogliamo realizzare un tessuto economico vitale, che sappia conciliare le esigenze anche logistiche delle attività imprenditoriali con quelle dell ambiente e della qualità della vita dei cittadini. Tali obiettivi ben si inseriscono in continuità con quanto previsto dal nuovo Piano di Governo del Territorio, approvato dall Amministrazione Porro, che prevede la realizzazione di alcuni progetti che costituiscono anche per il futuro la base di lavoro, qualsiasi sia l Amministrazione che governerà Saronno nei prossimi anni. Ci riferiamo, solo a titolo di esempio: ai progetti per il riuso di Palazzo Visconti; alla realizzazione del grande Parco sull area ex Isotta Fraschini; alla definizione di spazi per i giovani e per le associazioni; alla migliore tutela delle aree agricole rimaste, dei giardini pubblici e del Parco Lura; al rilancio del Centro Storico con il suo centro commerciale naturale e il recupero delle vecchie corti e degli edifici dismessi; alla ricerca di nuovi spazi da dedicare alle attività produttive ed al lavoro; all attenzione alla mobilità dolce e alla lotta all inquinamento. Fare rete con le associazioni di categoria e gli imprenditori locali, sviluppare azioni di marketing territoriale e creare occasioni per favorire l occupazione Il lavoro non si crea per decreto, ma con nuove opportunità e scelte strategiche. La possibilità dell Ente Locale nel condizionare il mercato del lavoro è sicuramente limitata e residuale rispetto alla gestione di meccanismi che regolamentano la domanda e l offerta di occupazione. Al Comune spetta la funzione di promuovere lo sviluppo della città, dare gli indirizzi, essere fautore di iniziative, essere facilitatore di opportunità per attrarre nuovi investimenti e realizzare interventi strutturali, al fine di produrre ricadute concrete sul tessuto economico e sociale della città. Questo significa sia valorizzare la ricchezza e le opportunità esistenti con idonee azioni di marketing territoriale, sia pensare a specifiche agevolazioni per l insediamento di nuove attività, specie da parte di società ad elevato contenuto tecnologico e/o creativo, con particolare attenzione all imprenditoria giovanile. Soprattutto significa costruire reti per lo sviluppo attraverso il potenziamento del dialogo e la realizzazione di un effettiva collaborazione tra tutte le parti attive del territorio, i singoli imprenditori e le associazioni di categoria, identificati come interlocutori privilegiati con cui definire progetti, linee guida, temi trainanti e obiettivi comuni di lungo termine e con cui sviluppare azioni capaci di attrarre investimenti e potenziare i vantaggi competitivi della città. Crediamo che i prossimi anni saranno cruciali per la città e che questa sia l unica chiave per imprimere una svolta a Saronno: avere il coraggio insieme, nel rispetto dei reciproci ruoli, di esprimere nuove progettualità, creare curiosità, lanciare segnali di ottimismo, recuperare posizioni di svantaggio rispetto ad altri Comuni e valorizzare le eccellenze della città. Le proposte concrete A tal fine riteniamo di dover agire in più direzioni: migliorare l efficienza della macchina comunale, che deve essere in grado di garantire risposte e tempi certi alle richieste degli imprenditori e potenziare lo sportello unico per le attività produttive con riduzione della burocrazia e dei tempi per l avvio di nuove attività 9

10 caratterizzare spazi, già individuati nel PGT, per l insediamento di nuove attività produttive (soprattutto green economy, attività artigianali, terziario avanzato, incubatori di imprese per start up e co-working), promuovendo nel contempo la capacità del territorio di competere nell economia globale attraverso le proprie reti di trasporto, infrastrutture, sistemi scolastici e di formazione, relazioni sociali sviluppare il progetto Saronno Urban Center - Family Friendly Zone già avviato, per la valorizzazione del centro commerciale naturale, sfruttando le possibilità offerte ai distretti urbani del commercio e ai distretti dell attrattività territoriale come forma di creazione di valore e di ricchezza per la città oltre che a difesa del commercio tradizionale nella competizione con i grandi centri commerciali. Sostenere l apertura dei pubblici esercizi, dei locali di ristorazione anche negli orari serali affinché, accanto ad opportune iniziative di animazione ed intrattenimento, la città possa riappropriarsi di alcune aree oggi sottoposte al degrado e contrastare fenomeni di microcriminalità riqualificare l attuale area del mercato (sicurezza ed interventi dei mezzi di emergenza, servizi agli utenti, accessibilità sia degli operatori che degli abitanti in loco; sicurezza sottopassaggio ) affrontando di concerto con le FNM la trasformazione delle aree dell ex deposito, per una migliore logistica distributiva coordinare un progetto di marketing territoriale teso a valorizzare i nostri tesori cittadini: il Santuario della Beata Vergine dei Miracoli ed il suo museo; il Santuario del Beato Padre Luigi Maria Monti, con la cripta ed il museo; la chiesa di S. Francesco; il Museo dell Industria e del Lavoro; il Museo Giuseppe Gianetti (ceramiche e porcellane); il Teatro Giuditta Pasta, anche in abbinamento a percorsi con il sistema della ricettività e dello shopping riconoscere nell arte, la cultura, la formazione, l intrattenimento educativo, lo sport e la socialità motori di cambiamento e di sviluppo per promuovere la città, attraverso il recupero e la valorizzazione del patrimonio di proprietà comunale (Palazzo Visconti, Villa Gianetti, impianti sportivi, Parco Lura) e attraverso il recupero e riuso delle aree dismesse, sempre per rafforzare il ruolo della città quale polo di attrazione. 10

11 PIÙ UNITI, PIÙ SICURI Riappropriarsi della città, essere più uniti e quindi più sicuri Per perseguire l obiettivo della legalità e della sicurezza urbana è necessario mettere in campo una pluralità di interventi, in continuità con quanto fatto negli ultimi cinque anni dall Amministrazione Porro, ma anche attraverso misure nuove e adeguate alla mutata realtà cittadina e territoriale, quali ad esempio: - politiche sociali a favore dei soggetti a rischio di devianza, politiche di mediazione culturale e sociale anche in collaborazione con associazioni di volontariato - promozione di percorsi formativi presso le scuole per diffondere la cultura della prevenzione e della legalità - miglioramento continuo dei servizi di Polizia Locale e di sorveglianza sul territorio - collaborazione con privati e associazioni di volontariato per migliorare la sorveglianza nei quartieri e nei luoghi sensibili - interventi di riqualificazione urbana al fine di combattere l incuria, l abbandono e il degrado e politiche di promozione di attività di animazione sociale in zone a rischio Tutti questi interventi per la legalità necessitano di una pre-condizione di base: l assoluta onestà degli amministratori, in cui gli elettori possano rispecchiarsi e verificare nei fatti ciò che viene proclamato e richiesto a tutti i cittadini. Gli amministratori hanno a che fare continuamente con i grandi interessi, ma devono porre al centro del loro lavoro un unico obiettivo: fare il bene della collettività in modo totalmente disinteressato. E noi questa garanzia ci sentiamo di darla. A ciascuno dei nostri eletti o nominati chiederemo trasparenza, sobrietà, sacrificio del loro tempo senza alcuna premialità (né auto di servizio, né telefono aziendale ). Daremo anche attuazione rigorosa alle norme previste nel nuovo codice di comportamento dei dipendenti del Comune e delle aziende pubbliche in materia di prevenzione della corruzione ed alle leggi sulla trasparenza e sui conflitti di interesse nell amministrazione. Le proposte concrete Tra gli strumenti a disposizione dell Ente Locale per perseguire la sicurezza urbana vi è certamente la Polizia Locale, la quale svolge funzioni di supporto alla tutela dell ordine pubblico attuato in via principale dalle Forze dell Ordine nazionali, attraverso le indicazioni impartite dal Prefetto competente per territorio. Per prima cosa intendiamo adottare tutte le possibili modifiche organizzative atte a sgravare la Polizia Locale da compiti burocratici e da attività che in questo momento non sono prioritarie, per poter così concentrare gli sforzi del servizio nei compiti di vigilanza in città. Dal 2010 ad oggi la Polizia Locale di Saronno ha visto diminuire il proprio organico a causa di uscite per pensionamento, uscite che, così come per gli altri Servizi del Comune, non sono state compensate da nuove assunzioni. È giunto il momento di invertire tale tendenza, nella consapevolezza che la situazione di Saronno per quanto attiene la sicurezza dei suoi cittadini e di quanti la frequentano per lavoro, per studio o per altro è divenuta più critica. Compatibilmente con i vincoli di bilancio intendiamo pertanto procedere al potenziamento della Polizia Locale attraverso nuove assunzioni, utilizzando in via prioritaria le nuove unità in compiti di vigilanza nelle zone della città e negli orari più critici dal punto di vista dell ordine pubblico, a cominciare dalla zona della stazione ferroviaria nelle ore serali. 11

12 Osserviamo poi come il pur encomiabile lavoro delle Forze dell Ordine a Saronno non sia sufficiente rispetto alle necessità contingenti della città e dei suoi abitanti. Intendiamo pertanto portare in modo continuativo le necessità dei saronnesi all attenzione di tutti i livelli istituzionali competenti, a partire dal Sig. Prefetto, al fine di ottenere una presenza delle Forze dell Ordine a Saronno continuativa e adeguata alla serietà e alla complessità della situazione, per tutto il tempo che si renderà necessario. Entro i limiti della capacità finanziarie del Comune, nel prossimo quinquennio intendiamo investire - nell adeguamento dei mezzi in dotazione alla Polizia Locale: palmari, ricetrasmittenti e altro, al fine di migliorare l efficienza del Corpo - nel potenziamento della centrale operativa della Polizia Locale, una volta che la sede della stessa sarà trasferita nell ex-palazzo del Tribunale, dato che i locali attualmente occupati dalla PL pongono dei limiti insormontabili - in nuove tecnologie che permettano di allargare e migliorare la sorveglianza sul territorio; a questo proposito ricordiamo che il riscatto delle rete di illuminazione pubblica dall attuale gestore, processo già avviato dall Amministrazione Porro, oltre a permettere il miglioramento dell illuminazione stradale in alcune zone dove oggi essa è insufficiente, consentirà l installazione sulla rete stessa di videocamere collegate ad una centrale di sorveglianza operativa, grazie alla trasformazione dell attuale sistema di alimentazione. La complessità del problema della sicurezza, unita alla limitatezza delle risorse disponibili, comporta la necessità di coinvolgere i privati cittadini, singoli e/o riuniti in associazioni, nella sorveglianza del territorio. A questo proposito, ci poniamo l obiettivo di allargare anche al resto della città l esperienza di Controllo del Vicinato che, fino ad ora introdotta a livello sperimentale e con buoni risultati in Via Mazzolari, Via Plinio, Via Marone e nella parte centrale di Via Miola, attualmente coinvolge circa 60 famiglie. Ci proponiamo inoltre di coinvolgere associazioni cittadine e volontari nella sorveglianza di scuole, parchi cittadini, centri sportivi e altri luoghi sensibili. Al fine di perseguire la sicurezza urbana, rivestono un ruolo fondamentale anche le azioni volte a prevenire e contrastare il degrado urbano. Il Consiglio Comunale di Saronno ha recentemente approvato alcune modifiche al Regolamento Edilizio che introducono misure concrete atte a obbligare i proprietari di aree ed immobili privati abbandonate o in disuso, a provvedere alla custodia, alla manutenzione e al decoro delle loro proprietà, anche al fine di evitare fenomeni di degrado urbano, occupazioni abusive, nonché situazioni di pericolo per l ordine pubblico, l integrità fisica della popolazione e la sicurezza urbana (art. 80 bis). Ci impegneremo a fondo affinché le nuove norme introdotte nel Regolamento Edilizio trovino piena ed effettiva attuazione. Intendiamo promuovere la collaborazione tra le guardie giurate private e la Polizia Locale, in conformità alla Legge Regionale n. 66/2015, per la quale le guardie giurate svolgono attività sussidiarie di mera vigilanza e priva di autonomia, finalizzata unicamente ad attivare gli organi di PL e/o le forze di polizia dello Stato. Va inoltre perseguita una maggiore collaborazione con le Ferrovie Nord, al fine di garantire maggiori controlli e piena agibilità per gli utenti e tutti i cittadini in zona stazione ferroviaria. È necessario altresì monitorare il fenomeno del vagabondaggio (persone senza fissa dimora) ponendo in essere strumenti: 12

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

5 fondata sul lavoro

5 fondata sul lavoro 5 fondata sul lavoro In Italia abbiamo 700 mila disoccupati tra i 15-24enni, e 4 milioni 355 mila ragazzi che non studiano, non lavorano, non sono in formazione (c.d. NEET), in grossa parte alimentati

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli