Saronno #cambiapasso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Saronno #cambiapasso"

Transcript

1 SARONNO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE DI CANDIDATO SINDACO DELLE LISTE Saronno #cambiapasso 1

2 I MIEI VALORI E GLI IMPEGNI CHE ASSUMO CON LA CITTÀ Mi presento Sono Francesco Licata, ho 37 anni, sono sposato con Laura ed ho un figlio. Il Liceo Scientifico Grassi è stata la scuola che ho frequentato e in cui mi sono diplomato. Conseguita la maturità scientifica, mi sono iscritto all Università Cattolica di Milano dove mi sono laureato in economia e commercio. Oggi lavoro in una grande azienda italiana operante nel settore servizi alle imprese e mi occupo di analisi e ricerche di mercato, di studio dei comportamenti di acquisto dei consumatori e di osservazione sia delle dinamiche evolutive dei mercati sia dei trend demografici Sono sommelier per hobby, ma tre sono le mie grandi passioni: la mia famiglia, i viaggi e lo sport. La prima è la mia linfa vitale; viaggiare invece mi piace perché amo conoscere gli altri e credo nel confronto come mezzo per imparare. Dello sport infine mi ha sempre entusiasmato la capacità naturale di aggregare ed unire le persone, di farci conoscere le nostre potenzialità e di porci di fronte ai nostri limiti, spingendoci ad accettarli, ma anche a superarli. Oltre a ciò, credo nel volontariato come momento per condividere il proprio tempo con altri e dedicarsi a chi ha bisogno. Penso però che questa sia e debba rimanere un attività disinteressata di cui non occorre fare pubblicità, per cui non approfondisco. Penso che la politica stia nelle nostre azioni quotidiane, nelle nostre scelte e nel governo della nostra vita e si concretizzi nei partiti successivamente e solo per chi ne voglia far parte. Ho sempre sposato concetti di giustizia sociale e di equità, mi piace guardare le cose con gli occhi di chi ha di meno, perché sono convinto che la società progredisce, noi progrediamo, se stiamo minimamente bene tutti. Credo immensamente nel merito, una cosa che non si trasmette per asse ereditario e non può essere regalata da nessuno. Il merito si conquista con la fatica ed il sacrificio ed ai blocchi di partenza è giusto trovarsi sulla stessa linea. Mi sono avvicinato alla politica attiva solo negli ultimi anni, aderendo al Partito Democratico con sempre maggiore convinzione: prima da simpatizzante e poi da iscritto, ho finito per ricoprire incarichi di maggior responsabilità e due anni fa sono stato eletto Segretario del Circolo di Saronno. È stata un esperienza impegnativa, ma gratificante, che mi ha portato a prendere in considerazione la proposta di candidarmi a sindaco con serietà, disponibilità ed entusiasmo. Perché fare il Sindaco? Questa la prima domanda che mi hanno rivolto in tanti e la risposta che mi è uscita di getto è molto semplice, ma non scontata né banale: mi piace la mia città, mi piace Saronno e credo in lei. Lo dico senza se e senza ma: non vorrei abitare da un'altra parte. Penso che soprattutto nei momenti difficili come questi in cui viviamo non si possa rimanere seduti a guardare. Che le cose stiano in un certo modo non 2

3 vuol dire che debbano andare sempre nella stessa maniera. Io preferisco provare a cambiare piuttosto che lamentarmi, preferisco rimboccarmi le maniche, visto che non perdonerei mai a me stesso il fatto di non averci nemmeno provato. Questo è il senso dell impegno mio e della Coalizione che mi sostiene: rimboccarci le maniche e perseguire il bene comune, perché la società migliora se migliorano le condizioni di tutti, non solo di alcuni. Le idee forti Democrazia e partecipazione, a furia di passare di bocca in bocca, rischiano di risuonare come parole vuote. Ma non è così, non deve essere così. Per noi continuano a rappresentare valori fondanti che, oggi più che mai, non possono essere dati per scontati. Senza un saldo riferimento ad un sistema di valori non è possibile vivere consapevolmente nel presente e dare un senso al proprio futuro. Tanto meno è possibile governare bene una città! Contro fanatismi ed integralismi non resta che rafforzare l impegno per la laicità e la libertà di pensiero, sostanza della democrazia. Laicità intesa come predisposizione mentale e culturale all'apertura e al confronto libero da pregiudizi verso il mondo esterno, come condizione necessaria per garantire equità e pari opportunità a tutti i cittadini, indipendentemente dal loro credo politico o religioso e dai propri legittimi stili di vita. La promozione dei diritti e delle pari opportunità è infatti un altro punto forte della nostra proposta politica, perché il rispetto per le persone è un valore che va perseguito con coraggio contro luoghi comuni, pregiudizi e discriminazioni. Siamo altresì convinti, però, che i diritti diventano strumenti di democrazia, giusti riconoscimenti di aspirazioni individuali, se si fondano anche sui doveri di solidarietà. Vogliamo sviluppare l'idea di una democrazia che non vive di soli diritti, ma pure di doveri morali, di rispetto delle regole, di fiducia nel futuro. Sono i doveri che accanto ai diritti esprimono il legame politico fra cittadini e favoriscono il senso di appartenenza ad una comunità, indispensabile per far uscire la società dalla crisi in cui si trova. Non da solo, ma in squadra Professionalità, competenza, disponibilità a spendersi per la città saranno le caratteristiche che cercherò nelle persone a cui chiederò di far squadra con me e a cui conferirò incarichi. Una buona squadra, contraddistinta da pluralità di conoscenze, capace di operare con un metodo di lavoro efficiente e responsabilità condivise: solo questi elementi infatti ci consentiranno di affrontare serenamente la realtà complessa che la nostra città ed il suo comprensorio presentano. Lotta alla corruzione e impegno alla massima trasparenza completano il quadro della buona politica che abbiamo in mente e vogliamo attuare: quella degli onesti, della persone per bene che la città si merita. Le nostre priorità Se questa è la spinta ideale che ci muove, i nostri obiettivi per il prossimo quinquennio sono legati allo sviluppo delle potenzialità di Saronno. In primis l attenzione per i nostri cittadini, dal presente dei meno giovani al futuro dei giovani. 3

4 I meno giovani, gli anziani, e le famiglie che di loro si prendono cura, devono fruire di tutti i servizi alla persona di cui Saronno ha sempre vantato un eccellenza! I giovani, che io non vedo disillusi, perché la voglia di lottare e di cambiare le cose e di non arrendersi i giovani ce l hanno, devono trovare nell Ente un facilitatore, un alleato, un coordinatore degli spunti che arrivano dalla loro iniziativa. Quindi massima visibilità e massimo credito a idee ed eventi attivati da loro, largo alla loro creatività. Inoltre, particolare attenzione alla pratica sportiva, intesa sia come promozione della stessa in quanto portatrice di sani stili di vita, sia come efficienza delle strutture in cui questa si svolge, luoghi che devono fruire della giusta considerazione e corretta manutenzione. Da ultimo, l impegno verso quei servizi che garantiscono incontro tra domande ed offerte nel mondo giovanile, quali la biblioteca, l Informagiovani, l Informalavoro. Garantiremo il rispetto e la cura della nostra città. Nei prossimi anni, in funzione di come verranno governati i processi di riqualificazione delle aree dismesse, ci giochiamo la sfida decisiva per l immagine che Saronno assumerà nei prossimi 50 anni. Ruolo dell Ente Locale sarà quello di garantire innanzitutto l interesse pubblico in un corretto mix con l interesse privato. Siamo contrari all eccessivo sviluppo edilizio, così come siamo contrari a lasciare le nostre aree, che costituiscono porzione importante del territorio, all incuria ed al degrado. Vogliamo che queste si integrino in maniera armonica con il resto di Saronno andandone a migliorare l aspetto. Intendiamo per cura della città anche il decoro urbano, la pulizia, la corretta illuminazione ed il coinvolgimento nella vita sociale di tutte le zone del territorio, perché tutti questi elementi sono per noi requisiti fondamentali per generare sicurezza. Sicurezza che si ottiene con una città in ordine e con una cultura diffusa della legalità improntata al rispetto delle persone e delle cose, oltre che con un efficace collaborazione tra l Ente Locale e gli organi preposti alle funzioni di ordine pubblico (questura, prefettura). Saronno non è una città in mano a bande di malviventi, come qualcuno vorrebbe far credere. Ha però al suo interno delle aree critiche (ad esempio la stazione), che devono essere meglio presidiate fino alla risoluzione del problema. Tra le nostre priorità non può infine mancare la scuola, cemento per la costruzione di una società giusta e solidale, spazio in cui si rimuovono le barriere e si creano le pari opportunità, oltre che luogo dove si costruisce il futuro dei cittadini. L Ente collaborerà con la scuola per potenziare percorsi di prevenzione al disagio e di educazione alla legalità ed investirà nelle infrastrutture scolastiche. Tutto quello che potrà essere destinato a questo capitolo sarà destinato, senza lesinare un euro. Immagino la mia Saronno a colori. Immagino la mia città con gambe forti e robuste che inizia a correre e cambiare passo. Per questo vi chiedo di credere in me, di credere in noi 4

5 INDICE GOVERNARE LA CITTÀ IN TEMPO DI CRISI, NUTRIRE LA PROGETTUALITÀ pg. 6 PIÙ UNITI, PIÙ SICURI pg. 11 UNA CITTÀ DA VIVERE pg. 14 A SARONNO LA SCUOLA CONTA, SARONNO CONTA SULLA SCUOLA pg. 17 SVILUPPARE IL TERRITORIO, PROTEGGERE L AMBIENTE pg. 21 UN WELFARE DI COMUNITÀ pg. 25 UNA COMUNICAZIONE AMICA DEI CITTADINI pg 29 MIGLIORI SERVIZI AL CITTADINO pg 29 STRUMENTI CONCRETI PER LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI pg 32 5

6 GOVERNARE LA CITTÀ IN TEMPO DI CRISI, NUTRIRE LA PROGETTUALITÀ risorse economiche, commercio, attività produttive, società partecipate, sviluppo Parliamoci chiaro: nel 2010 abbiamo trovato il Comune con entrate inferiori alle spese e le società controllate in perdita. Abbiamo quindi intrapreso un percorso di revisione ed eliminazione dei costi relativi a spese non essenziali e di riduzione della spesa relativa alle risorse umane in ragione del blocco delle assunzioni, mettendo in atto un processo di riorganizzazione che ha consentito, a risorse diminuite, di mantenere tutti i servizi storicamente erogati. Oggi i conti del Comune e soprattutto delle sue partecipate sono in ordine. Tuttavia gli equilibri degli Enti Locali dipendono sempre di più dalla disastrata situazione del debito pubblico nazionale e dall instabilità del mondo che ci circonda. La necessità di ridurre il debito per salvare il Paese ha portato lo Stato ad accollare sempre di più parte del proprio debito ai Comuni, in due modi: anzitutto trattenendo una parte dei soldi che ogni anno veniva distribuita ai Comuni stessi, in secondo luogo imponendo ad ogni Comune di risparmiare una somma utilizzabile esclusivamente per pagare anticipatamente parte del debito pubblico, attraverso l imposizione del patto di Stabilità. Alla nostra città nel periodo sono stati tagliati 6,5 milioni di euro. A parziale compensazione di tali tagli sono state istituite dal Governo prima l IMU e poi la TASI, per tentare di far quadrare i conti dei Comuni. Attraverso questa via lo Stato da un lato ha ridotto i trasferimenti a favore dei Comuni, ma dall altro li ha obbligati a chiedere un maggior contributo direttamente ai cittadini, portando di fatto ad un aumento della pressione fiscale che va a ridurre stipendi e pensioni. È evidente a tutti la difficoltà sempre maggiore che i Comuni incontrano a far quadrare i propri bilanci, stretti tra riduzione dei servizi e aumento delle tasse locali e delle tariffe, senza più alcun trasferimento dallo Stato. Le risorse scarse impongono ripensamenti ed innovazioni Pur nelle gravi difficoltà legate a tale situazione è necessario trovare soluzioni che ci permettano di mantenere viva la nostra città. Il Comune di Saronno, come la maggior parte degli Enti Locali, dovrà ricorrere ad un operazione che, superando la razionalizzazione dei costi, innesti un percorso di coraggiosa revisione strutturale della spesa, per poter continuare a finanziare sia i servizi che i costi correnti (i servizi alla persona e la solidarietà alle famiglie in difficoltà, le attività educative e scolastiche, le attività culturali, giovanili e sportive, le spese delle utenze e dell organizzazione della azienda comune ), sia le spese per gli investimenti ordinari più urgenti. Probabilmente non sarà possibile, nel breve periodo, ridurre la tassazione locale (IMU-TASI), a meno di decisioni legislative e di modifiche sul federalismo fiscale ad oggi rimasto incompiuto. Ciò ci costringerebbe infatti a tagliare pezzi della nostra città (scuole, asili nidi, biblioteca, teatro, cultura, centri giovani, servizi sociali, sport, sostegno alle famiglie ), oppure a ricorrere all uso spregiudicato degli oneri di urbanizzazione legati a nuove edificazioni, cementificando ulteriormente il poco territorio verde che ci è rimasto, mentre è opportuno che tali entrate rimangano a finanziare i nuovi investimenti. 6

7 Dobbiamo confidare che una più generale ripresa economica ed una modifica del nostro sistema fiscale portino nuove risorse alla nostra città. In tale caso, non appena sarà possibile, porremo la massima attenzione all alleggerimento della tassazione locale per famiglie ed imprese. Conciliare costi e qualità della vita e dei servizi senza aumentare la pressione tributaria Le modalità e soprattutto i valori e le sensibilità che guidano le scelte economiche fanno emergere le diversità tra le diverse proposte politiche. Noi abbiamo individuato alcune direzioni fondamentali per condurre le scelte che ci competono: Contenere al massimo i costi della politica, posto che riteniamo corretto che chi si occupa della comunità percepisca i rimborsi previsti e che il Comune di Saronno non ha previsto nessun benefit per i propri Amministratori Lavorare per l equità: cercare di ridurre attraverso l istituzione di fondi di solidarietà dedicati e lo sviluppo di ulteriori collaborazioni con il privato sociale ed il terzo settore la sempre maggiore distanza tra chi, pur con la crisi, sta molto bene e chi invece non ce la fa più, è diventato più povero, ai limiti della capacità di sopravvivere Combattere il furto del nostro futuro: attraverso il completamento della banca dati per l attività di accertamento della situazione reddituale e patrimoniale dei contribuenti, contrasteremo il danno che l evasione e l elusione delle tasse e dei tributi locali procura alla collettività, sia in termini di aumento della pressione tributaria per chi onestamente continua a pagare, sia di riduzione dei servizi non più sostenuti da idonee entrate Garantire il buon uso dei soldi dei cittadini, attraverso una gestione sobria e la massima efficienza della macchina comunale, perché solo un organizzazione dei servizi innovata ed attenta e l introduzione del controllo di gestione e della contabilità analitica possono generare la riduzione dei costi ed il miglioramento delle performance Mantenere i servizi di qualità storicamente erogati dal nostro comune a parità di tassazione Valorizzare le competenze e le risorse umane, attraverso una maggiore integrazione delle società partecipate o di emanazione comunale con la progettualità e le esigenze del Comune, in una sorta di holding che, tramite un percorso di revisione delle strategie, ripensamento dei ruoli, razionalizzazione dei costi, sviluppo di sinergie per i rapporti con i fornitori, massimizzi i benefici e riduca i costi, fatte salve le continue modifiche normative in atto in tema di società controllate, di società strumentali e di controllo analogo Valorizzare la ricchezza degli edifici storici e le risorse patrimoniali, attraverso la revisione dell utilizzo del patrimonio immobiliare comunale, al fine di identificare gli immobili strategici (perseguendo una riduzione dei costi di gestione) e gli immobili alienabili, per ricavarne risorse da investire in nuove opere pubbliche Promuovere forme di collaborazione e sinergie con altri Enti Locali, per il miglioramento dei servizi e la riduzione dei costi di gestione attraverso la cogestione di servizi (consorzi di servizi, gruppi di acquisto ) per rideterminare modelli nati in tempi in cui le risorse non mancavano e attraverso l ampliamento della compagine societaria delle società partecipate comunali, per i servizi strumentali gestiti direttamente in favore dei soci. 7

8 La sfida è comunque prima di tutto culturale: la nostra società deve tornare a rivalutare i concetti di bene comune e di solidarietà. La partita degli investimenti Sul fronte degli investimenti la partita non è meno difficile, in funzione della difficoltà di reperimento delle fonti di finanziamento per la realizzazione di nuove opere pubbliche o di interventi di manutenzione straordinaria. Il Comune di Saronno è molto al di sotto dei limiti di indebitamento imposti dalla normativa, ma non di meno, a causa del rispetto del patto di stabilità imposto dallo Stato, il ricorso ai mutui non è facilmente percorribile, in funzione del fatto che la possibilità di sostenere i rimborsi è legata alla disponibilità di nuove risorse per la spesa corrente. Ciò nonostante, di fronte a importanti necessità della città, valuteremo attentamente la possibilità di ricorrere a questa forma di finanziamento, compatibilmente con la capacità di rimborso delle rate da parte del Comune. Gli investimenti dovranno essere rivolti principalmente ai settori che consideriamo prioritari: sicurezza degli edifici pubblici; manutenzione degli stabili comunali (scuole in primis); manutenzione della città (abbattimento barriere architettoniche, marciapiedi e strade); efficientamento energetico che consenta risparmi strutturali di risorse di parte corrente. Per quanto attiene agli investimenti dedicati allo sviluppo, priorità altrettanto importante per la nostra città, le risorse dovranno essere trovate anche attraverso la partecipazione a bandi per l assegnazione di fondi nazionali o europei, l attivazione di percorsi di autofinanziamento con la razionalizzazione del patrimonio immobiliare comunale, lo sviluppo di progetti finanziati da soggetti privati che riscontrino nella nostra città interessanti opportunità di investimento ed il ricorso alla promozione dell iniziativa del credito di imposta per favorire erogazioni liberali a sostegno della cultura e di progetti di recupero di immobili (vedi Art Bonus). A tale proposito sarà sempre più importante la capacità di presentare al meglio l immagine della nostra città per rendere Saronno attrattiva agli investitori. Ascoltare per ben amministrare È fondamentale per un amministratore saper ascoltare la voce dei propri cittadini, discutere e confrontarsi sui problemi della città e su come risolverli. È maturo il tempo in cui promuovere la partecipazione e la condivisione delle scelte da attuare con priorità attraverso percorsi di democrazia partecipata che incentivino la presenza diretta e valorizzino l azione propositiva del cittadino nel governo della città attraverso l attuazione di uno strumento operativo chiaro: il bilancio partecipativo. Proprio perché ogni spesa comunale nasce da un prelievo sui propri cittadini, la più rilevante novità del bilancio partecipativo sta nel conferire ai cittadini stessi la possibilità di decidere come spendere una quota predefinita delle risorse riservate agli investimenti, scegliendo tra i diversi bisogni presenti sul territorio quelli che ritengono prioritari, e tra diversi progetti proposti quelli che meglio rispondono alle necessità della città, oppure ipotizzando nuove progettualità. Per un nuovo sviluppo della città La città che vogliamo realizzare non contempla solo una vita subalterna alla metropoli milanese ma sa trovare una propria identità, caratterizzandosi e divenendo essa stessa un polo di attrazione. La realtà di Saronno va rilanciata in un contesto comprensoriale vasto che sappia sfruttarne le tradizioni, le peculiarità 8

9 e i punti di forza, tra cui: la centralità della città come polo del sistema del trasporto ferroviario regionale; il centro storico pedonale e commerciale; la ricchezza rappresentata dalla presenza delle aree industriali dismesse, occasione unica ed irripetibile per dare un volto nuovo alla città, se vogliamo realizzare un tessuto economico vitale, che sappia conciliare le esigenze anche logistiche delle attività imprenditoriali con quelle dell ambiente e della qualità della vita dei cittadini. Tali obiettivi ben si inseriscono in continuità con quanto previsto dal nuovo Piano di Governo del Territorio, approvato dall Amministrazione Porro, che prevede la realizzazione di alcuni progetti che costituiscono anche per il futuro la base di lavoro, qualsiasi sia l Amministrazione che governerà Saronno nei prossimi anni. Ci riferiamo, solo a titolo di esempio: ai progetti per il riuso di Palazzo Visconti; alla realizzazione del grande Parco sull area ex Isotta Fraschini; alla definizione di spazi per i giovani e per le associazioni; alla migliore tutela delle aree agricole rimaste, dei giardini pubblici e del Parco Lura; al rilancio del Centro Storico con il suo centro commerciale naturale e il recupero delle vecchie corti e degli edifici dismessi; alla ricerca di nuovi spazi da dedicare alle attività produttive ed al lavoro; all attenzione alla mobilità dolce e alla lotta all inquinamento. Fare rete con le associazioni di categoria e gli imprenditori locali, sviluppare azioni di marketing territoriale e creare occasioni per favorire l occupazione Il lavoro non si crea per decreto, ma con nuove opportunità e scelte strategiche. La possibilità dell Ente Locale nel condizionare il mercato del lavoro è sicuramente limitata e residuale rispetto alla gestione di meccanismi che regolamentano la domanda e l offerta di occupazione. Al Comune spetta la funzione di promuovere lo sviluppo della città, dare gli indirizzi, essere fautore di iniziative, essere facilitatore di opportunità per attrarre nuovi investimenti e realizzare interventi strutturali, al fine di produrre ricadute concrete sul tessuto economico e sociale della città. Questo significa sia valorizzare la ricchezza e le opportunità esistenti con idonee azioni di marketing territoriale, sia pensare a specifiche agevolazioni per l insediamento di nuove attività, specie da parte di società ad elevato contenuto tecnologico e/o creativo, con particolare attenzione all imprenditoria giovanile. Soprattutto significa costruire reti per lo sviluppo attraverso il potenziamento del dialogo e la realizzazione di un effettiva collaborazione tra tutte le parti attive del territorio, i singoli imprenditori e le associazioni di categoria, identificati come interlocutori privilegiati con cui definire progetti, linee guida, temi trainanti e obiettivi comuni di lungo termine e con cui sviluppare azioni capaci di attrarre investimenti e potenziare i vantaggi competitivi della città. Crediamo che i prossimi anni saranno cruciali per la città e che questa sia l unica chiave per imprimere una svolta a Saronno: avere il coraggio insieme, nel rispetto dei reciproci ruoli, di esprimere nuove progettualità, creare curiosità, lanciare segnali di ottimismo, recuperare posizioni di svantaggio rispetto ad altri Comuni e valorizzare le eccellenze della città. Le proposte concrete A tal fine riteniamo di dover agire in più direzioni: migliorare l efficienza della macchina comunale, che deve essere in grado di garantire risposte e tempi certi alle richieste degli imprenditori e potenziare lo sportello unico per le attività produttive con riduzione della burocrazia e dei tempi per l avvio di nuove attività 9

10 caratterizzare spazi, già individuati nel PGT, per l insediamento di nuove attività produttive (soprattutto green economy, attività artigianali, terziario avanzato, incubatori di imprese per start up e co-working), promuovendo nel contempo la capacità del territorio di competere nell economia globale attraverso le proprie reti di trasporto, infrastrutture, sistemi scolastici e di formazione, relazioni sociali sviluppare il progetto Saronno Urban Center - Family Friendly Zone già avviato, per la valorizzazione del centro commerciale naturale, sfruttando le possibilità offerte ai distretti urbani del commercio e ai distretti dell attrattività territoriale come forma di creazione di valore e di ricchezza per la città oltre che a difesa del commercio tradizionale nella competizione con i grandi centri commerciali. Sostenere l apertura dei pubblici esercizi, dei locali di ristorazione anche negli orari serali affinché, accanto ad opportune iniziative di animazione ed intrattenimento, la città possa riappropriarsi di alcune aree oggi sottoposte al degrado e contrastare fenomeni di microcriminalità riqualificare l attuale area del mercato (sicurezza ed interventi dei mezzi di emergenza, servizi agli utenti, accessibilità sia degli operatori che degli abitanti in loco; sicurezza sottopassaggio ) affrontando di concerto con le FNM la trasformazione delle aree dell ex deposito, per una migliore logistica distributiva coordinare un progetto di marketing territoriale teso a valorizzare i nostri tesori cittadini: il Santuario della Beata Vergine dei Miracoli ed il suo museo; il Santuario del Beato Padre Luigi Maria Monti, con la cripta ed il museo; la chiesa di S. Francesco; il Museo dell Industria e del Lavoro; il Museo Giuseppe Gianetti (ceramiche e porcellane); il Teatro Giuditta Pasta, anche in abbinamento a percorsi con il sistema della ricettività e dello shopping riconoscere nell arte, la cultura, la formazione, l intrattenimento educativo, lo sport e la socialità motori di cambiamento e di sviluppo per promuovere la città, attraverso il recupero e la valorizzazione del patrimonio di proprietà comunale (Palazzo Visconti, Villa Gianetti, impianti sportivi, Parco Lura) e attraverso il recupero e riuso delle aree dismesse, sempre per rafforzare il ruolo della città quale polo di attrazione. 10

11 PIÙ UNITI, PIÙ SICURI Riappropriarsi della città, essere più uniti e quindi più sicuri Per perseguire l obiettivo della legalità e della sicurezza urbana è necessario mettere in campo una pluralità di interventi, in continuità con quanto fatto negli ultimi cinque anni dall Amministrazione Porro, ma anche attraverso misure nuove e adeguate alla mutata realtà cittadina e territoriale, quali ad esempio: - politiche sociali a favore dei soggetti a rischio di devianza, politiche di mediazione culturale e sociale anche in collaborazione con associazioni di volontariato - promozione di percorsi formativi presso le scuole per diffondere la cultura della prevenzione e della legalità - miglioramento continuo dei servizi di Polizia Locale e di sorveglianza sul territorio - collaborazione con privati e associazioni di volontariato per migliorare la sorveglianza nei quartieri e nei luoghi sensibili - interventi di riqualificazione urbana al fine di combattere l incuria, l abbandono e il degrado e politiche di promozione di attività di animazione sociale in zone a rischio Tutti questi interventi per la legalità necessitano di una pre-condizione di base: l assoluta onestà degli amministratori, in cui gli elettori possano rispecchiarsi e verificare nei fatti ciò che viene proclamato e richiesto a tutti i cittadini. Gli amministratori hanno a che fare continuamente con i grandi interessi, ma devono porre al centro del loro lavoro un unico obiettivo: fare il bene della collettività in modo totalmente disinteressato. E noi questa garanzia ci sentiamo di darla. A ciascuno dei nostri eletti o nominati chiederemo trasparenza, sobrietà, sacrificio del loro tempo senza alcuna premialità (né auto di servizio, né telefono aziendale ). Daremo anche attuazione rigorosa alle norme previste nel nuovo codice di comportamento dei dipendenti del Comune e delle aziende pubbliche in materia di prevenzione della corruzione ed alle leggi sulla trasparenza e sui conflitti di interesse nell amministrazione. Le proposte concrete Tra gli strumenti a disposizione dell Ente Locale per perseguire la sicurezza urbana vi è certamente la Polizia Locale, la quale svolge funzioni di supporto alla tutela dell ordine pubblico attuato in via principale dalle Forze dell Ordine nazionali, attraverso le indicazioni impartite dal Prefetto competente per territorio. Per prima cosa intendiamo adottare tutte le possibili modifiche organizzative atte a sgravare la Polizia Locale da compiti burocratici e da attività che in questo momento non sono prioritarie, per poter così concentrare gli sforzi del servizio nei compiti di vigilanza in città. Dal 2010 ad oggi la Polizia Locale di Saronno ha visto diminuire il proprio organico a causa di uscite per pensionamento, uscite che, così come per gli altri Servizi del Comune, non sono state compensate da nuove assunzioni. È giunto il momento di invertire tale tendenza, nella consapevolezza che la situazione di Saronno per quanto attiene la sicurezza dei suoi cittadini e di quanti la frequentano per lavoro, per studio o per altro è divenuta più critica. Compatibilmente con i vincoli di bilancio intendiamo pertanto procedere al potenziamento della Polizia Locale attraverso nuove assunzioni, utilizzando in via prioritaria le nuove unità in compiti di vigilanza nelle zone della città e negli orari più critici dal punto di vista dell ordine pubblico, a cominciare dalla zona della stazione ferroviaria nelle ore serali. 11

12 Osserviamo poi come il pur encomiabile lavoro delle Forze dell Ordine a Saronno non sia sufficiente rispetto alle necessità contingenti della città e dei suoi abitanti. Intendiamo pertanto portare in modo continuativo le necessità dei saronnesi all attenzione di tutti i livelli istituzionali competenti, a partire dal Sig. Prefetto, al fine di ottenere una presenza delle Forze dell Ordine a Saronno continuativa e adeguata alla serietà e alla complessità della situazione, per tutto il tempo che si renderà necessario. Entro i limiti della capacità finanziarie del Comune, nel prossimo quinquennio intendiamo investire - nell adeguamento dei mezzi in dotazione alla Polizia Locale: palmari, ricetrasmittenti e altro, al fine di migliorare l efficienza del Corpo - nel potenziamento della centrale operativa della Polizia Locale, una volta che la sede della stessa sarà trasferita nell ex-palazzo del Tribunale, dato che i locali attualmente occupati dalla PL pongono dei limiti insormontabili - in nuove tecnologie che permettano di allargare e migliorare la sorveglianza sul territorio; a questo proposito ricordiamo che il riscatto delle rete di illuminazione pubblica dall attuale gestore, processo già avviato dall Amministrazione Porro, oltre a permettere il miglioramento dell illuminazione stradale in alcune zone dove oggi essa è insufficiente, consentirà l installazione sulla rete stessa di videocamere collegate ad una centrale di sorveglianza operativa, grazie alla trasformazione dell attuale sistema di alimentazione. La complessità del problema della sicurezza, unita alla limitatezza delle risorse disponibili, comporta la necessità di coinvolgere i privati cittadini, singoli e/o riuniti in associazioni, nella sorveglianza del territorio. A questo proposito, ci poniamo l obiettivo di allargare anche al resto della città l esperienza di Controllo del Vicinato che, fino ad ora introdotta a livello sperimentale e con buoni risultati in Via Mazzolari, Via Plinio, Via Marone e nella parte centrale di Via Miola, attualmente coinvolge circa 60 famiglie. Ci proponiamo inoltre di coinvolgere associazioni cittadine e volontari nella sorveglianza di scuole, parchi cittadini, centri sportivi e altri luoghi sensibili. Al fine di perseguire la sicurezza urbana, rivestono un ruolo fondamentale anche le azioni volte a prevenire e contrastare il degrado urbano. Il Consiglio Comunale di Saronno ha recentemente approvato alcune modifiche al Regolamento Edilizio che introducono misure concrete atte a obbligare i proprietari di aree ed immobili privati abbandonate o in disuso, a provvedere alla custodia, alla manutenzione e al decoro delle loro proprietà, anche al fine di evitare fenomeni di degrado urbano, occupazioni abusive, nonché situazioni di pericolo per l ordine pubblico, l integrità fisica della popolazione e la sicurezza urbana (art. 80 bis). Ci impegneremo a fondo affinché le nuove norme introdotte nel Regolamento Edilizio trovino piena ed effettiva attuazione. Intendiamo promuovere la collaborazione tra le guardie giurate private e la Polizia Locale, in conformità alla Legge Regionale n. 66/2015, per la quale le guardie giurate svolgono attività sussidiarie di mera vigilanza e priva di autonomia, finalizzata unicamente ad attivare gli organi di PL e/o le forze di polizia dello Stato. Va inoltre perseguita una maggiore collaborazione con le Ferrovie Nord, al fine di garantire maggiori controlli e piena agibilità per gli utenti e tutti i cittadini in zona stazione ferroviaria. È necessario altresì monitorare il fenomeno del vagabondaggio (persone senza fissa dimora) ponendo in essere strumenti: 12

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 CANDIDATO SINDACO Patrizia Sbardolini CANDIDATI CONSIGLIERI Luca Felappi Raffaella Zanardini Serafino Frassi Luisa Manella Davide Morgera Alessandra Frassi

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI L AMMINISTRAZION E SEMPLICE E PARTECIPATA LA CITTA CHE SI MUOVE LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA PER IL TEMPO LIBERO LA CITTA CHE GUARDA AL FUTURO:

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione La lista civica Libertà e Partecipazione, con il programma di seguito riportato, propone un cambiamento del concetto di politica adottato in passato,

Dettagli

Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza

Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza COMUNE DI VALENZA ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E RINNOVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 31-05-2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DELLA LISTA N. 1: Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza Cerchio

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI ELEZIONI AMMINISTRATIVE 26-27 MAGGIO 2013 COMUNE DI ORBASSANO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI Il cittadino sarà al centro dell attività amministrativa dei Socialisti:

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono:

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono: SOLIDARIETA La nostra scuola pone come elemento fondante della sua azione formativa lo sviluppo di condizioni di esercizio attivo del diritto-dovere di cittadinanza, coinvolgendo, in questo, tutte le componenti

Dettagli

Programma amministrativo TRASPARENZA & SERVIZIO

Programma amministrativo TRASPARENZA & SERVIZIO Programma amministrativo 2012 2017 TRASPARENZA & SERVIZIO 1 INDICE 1. Premessa 2. La struttura dell Amministrazione Comunale 3. La cura del territorio: pianificazione, ambiente, sviluppo 4. Il sociale:

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Proposte di Cristina Messa La nostra università, nata 15 anni fa, ha bisogno di proseguire nel percorso di crescita,

Dettagli

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation Progetto per la realizzazione di un Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation 1 1. Introduzione Il sistema socio-economico Empolese Valdelsa si caratterizza

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA VIGNATE SI CAMBIA

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA VIGNATE SI CAMBIA PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA VIGNATE SI CAMBIA Vignate Elezioni Amministrative 25 maggio 2014 PREMESSA Vignate SI Cambia non è solo il nome più o meno originale della lista con cui ci presenteremo

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

SINTESI DEL PROGRAMMA #IoScelgoClaudio #Castelfranco2015

SINTESI DEL PROGRAMMA #IoScelgoClaudio #Castelfranco2015 Primarie Castelfranco Veneto Claudio Beltramello Sindaco #Castelfranco2015 SINTESI DEL PROGRAMMA #IoScelgoClaudio #Castelfranco2015 È ora di ripartire Castelfranco Veneto ha urgente necessità di un rilancio:

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

6 le risorse per. la buona scuola, pubbliche e private

6 le risorse per. la buona scuola, pubbliche e private 6 le risorse per la buona scuola, pubbliche e private Un disegno ambizioso come quello che abbiamo descritto non è a costo zero. Sappiamo bene che l istruzione è un investimento strategico, e uno Stato

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1

Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1 Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1 Dal 15 settembre al 15 novembre si è svolta una grande consultazione pubblica sul documento del Governo la buona scuola in cui si delineano le linee programmatiche

Dettagli

DIRE IL VERO, FARE SUL SERIO. L IMPEGNO CHE SERVE PER CAMBIARE DAVVERO.

DIRE IL VERO, FARE SUL SERIO. L IMPEGNO CHE SERVE PER CAMBIARE DAVVERO. PROGRAMMA ELETTORALE DEL CANDIDATO SINDACO LORELLA PERETTI E LISTE: PD PER ARZIGNANO, LISTA CIVICA PERETTI SINDACO, NOSTRARZIGNANO E ARZIGNANO AL CENTRO DIRE IL VERO, FARE SUL SERIO. L IMPEGNO CHE SERVE

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 Leggi attentamente le seguenti affermazioni e indica il grado di accordo con ciascuna

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto.

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto. PROGRAMMARE IL 2011 Come ben sappiamo gli ultimi giorni dell anno sono giorni di bilancio: di fronte al conto economico della vita dovremmo valutare gli Attivi e i Passivi e quindi comprendere se l annata

Dettagli

#davvero PROGRAMMA www.tuasaronno.it

#davvero PROGRAMMA www.tuasaronno.it insieme si può fare #davvero AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA #davvero Tu@saronno Tu@Saronno nasce all inizio del 2009 come vera realtà civica e ha come unico riferimento ideologico la Costituzione della

Dettagli

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO Siamo giovani rom, sinti e non rom, italiani e stranieri. Molti di noi vengono da una storia di disagio, soprusi ed esclusione, ma non ci siamo fermati e non ci fermeremo.

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA

ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA COMUNE DI POLIA Provincia di Vibo Valentia Piazza Dott. Pasquale Pizzonia Tel/fax 0963.321091 comunepolia@libero.it comune@comune.polia.vv.it www.comune.polia.vv.it ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE

Dettagli

Indirizzo Economico Aziendale

Indirizzo Economico Aziendale Indirizzo Economico Aziendale esperienze professionalizzanti L istituto in breve la sua storia L istituto d Istruzione Superiore L. da Vinci di Umbertide è l unico, nel vasto territorio dell Alta Umbria,

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Progetto NuovisPazzi Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Luogo: Padiglione Lavanderia, Ex O.P. Antonini di Limbiate ( Loc. Mombello) Premessa: Non

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DELLA CITTA DI AGRIGENTO

RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DELLA CITTA DI AGRIGENTO RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DELLA CITTA DI AGRIGENTO COMUNE DI AGRIGENTO - PROVINCIA REGIONALE DI AGRIGENTO - PROCURA DELLA REPUBBLICA C/O TRIBUNALE ORDINARIO DI AGRIGENTO - QUESTURA

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA Via Notarbartolo 21/A Dopo aver festeggiato i vent anni, il progetto di adozione della città, partendo dalla consapevolezza di abbracciare, con la sua forza educativa,

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia

Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A.Gramsci Via Motrassino, 10 Scuola dell Infanzia H.C.Andersen Via Buozzi di fronte al Liceo Juvarra Scuola dell Infanzia G.Rodari via

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PIANO PROGRAMMATICO DI INTERVENTI FINANZIARI PER LA SCUOLA (Art. 1, comma 3, della legge 28 marzo 2003, n.53) I principi innovatori della legge per la definizione delle norme generali dell istruzione e

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO PUNTO DI INCONTRO E SPAZIO DI ASCOLTO 1. Premessa 1.1 - Il percorso fatto nella scuola e nel rione Esquilino L Associazione Genitori Scuola Di Donato nasce

Dettagli

Programma Elettorale

Programma Elettorale ELEZIONI COMUNALI 2014 CASTRI DI LECCE Programma Elettorale Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell'esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell'amicizia, perché

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

NOTA SU LA BUONA SCUOLA

NOTA SU LA BUONA SCUOLA NOTA SU LA BUONA SCUOLA Roma, 23 ottobre 2014 Il documento presenta aspetti prevalentemente di tipo politico e amministrativo prefigurando una "Buona scuola" come una scuola bene amministrata, e organizzando

Dettagli

PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALE IN QUARTIERI PERIFERICI

PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALE IN QUARTIERI PERIFERICI PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALE IN QUARTIERI PERIFERICI Sportelli, servizi di prossimità, portierato sociale e volontariato nei quartieri più periferici della città di Torino Un esperienza diretta di aiuto

Dettagli

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009 Secondo noi amministrare una città vuol dire: PENSARE AI BISOGNI DI TUTTI AGIRE IN MODO TRASPARENTE INTRECCIARE RAGIONAMENTI DIVERSI IN UNA SINTESI COMUNE PORSI OBIETTIVI DI BENESSERE SOCIALE LAVORARE

Dettagli

IL bello di crescere

IL bello di crescere IL bello di crescere Zeta6a 8-11-2004 10:54 Pagina 1 L Associazione In.Famigliaia Costituita nel 1997 da un gruppo di genitori e di professionisti dell educazione, si propone di offrire un aiuto concreto

Dettagli

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri E un resoconto ampio quello che attiene ai cinque anni (2009-2013) della prima amministrazione guidata da Paolo Lucchi, così come è dettagliato il

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin

Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin Al nostro Paese serve una BUONA SCUOLA Perché è l unica risposta alla nuova

Dettagli

Elezioni 2013 - MANIFESTO - 10 punti per ricominciare

Elezioni 2013 - MANIFESTO - 10 punti per ricominciare Elezioni 2013 - MANIFESTO - 10 punti per ricominciare In vista delle Elezioni 2013 e della prossima Legislatura, Cittadinanzattiva abbraccia con convinzione la prospettiva europea. L Europa chiede, allo

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE TRA L ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI, con sede legale in Roma, Via dei Prefetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO L Istituto Comprensivo Statale Tommaso Grossi realizza, sin dall anno scolastico 1990/1991, interventi specifici tesi all alfabetizzazione e all integrazione

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Candidato Sindaco Danilo D Agliano Programma amministrativo Sommario

Candidato Sindaco Danilo D Agliano Programma amministrativo Sommario Candidato Sindaco Danilo D Agliano Programma amministrativo Sommario Il coraggio di cambiare Programma amministrativo... 1 Premessa... 1 Cambiare con... 3 1. I principi ispiratori... 3 2. Bilancio... 3

Dettagli

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte La domanda iniziale La signora M.B. si è avvicinata

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE

PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI LA SCUOLA: Concorre alla formazione dell uomo e del cittadino secondo i principi stabiliti dalla Costituzione. Rispetta e valorizza le diversità individuali, sociali e culturali.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore UN VERO E PROPRIO CIVIL ACT: GLI OBIETTIVI Per realizzare il cambiamento economico, sociale, culturale, istituzionale di cui il Paese ha bisogno, è necessario

Dettagli

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE CGIL SPI TORINO TORINO TORINO I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE Nel corso degli ultimi anni la fase di contrattazione con i Comuni sulle loro politiche di bilancio, è andata incontro a molte difficoltà.

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova

Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova 1 Percorso di aggiornamento e formazione per assistenti sociali Mantova 3 aprile 2013 Secondo modulo- secondo

Dettagli