FRUTTO DI PESCO: COMPRENDERE COME CRESCE PER MIGLIORARNE LA QUALITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FRUTTO DI PESCO: COMPRENDERE COME CRESCE PER MIGLIORARNE LA QUALITA"

Transcript

1 FRUTTO DI PESCO: COMPRENDERE COME CRESCE PER MIGLIORARNE LA QUALITA Brunella Morandi, Pasquale Losciale, Luigi Manfrini, Marco Zibordi e Luca Corelli Grappadelli Dipartimento Colture Arboree Università di Bologna La crescita di un frutto è il complesso risultato di eventi biochimici e biofisici che permettono l accumulo di acqua e sostanza secca nei suoi tessuti. Le regole a cui questo meccanismo risponde sono determinate geneticamente e possono variare molto a seconda della specie. Nonostante questo, diversi fattori come lo stato fisiologico dell albero e le condizioni ambientali possono influenzare fortemente la dinamica di accrescimento di un frutto, sia su base giornaliera che stagionale, con ripercussioni significative sulle caratteristiche qualitative alla raccolta. La comprensione di questi meccanismi, e dei vari fattori colturali ed ambientali che li influenzano è quindi fondamentale per indirizzare la gestione del processo produttivo verso l ottenimento dei caratteri quali-quantitativi desiderati. FLUSSI VASCOLARI E TRASPIRAZIONE CUTICOLARE L acqua e gli assimilati vengono traslocati verso il frutto attraverso i flussi di floema e xilema, ma una parte dell acqua importata dal frutto viene persa per traspirazione dalla cuticola. Mentre lo xilema trasporta principalmente acqua e sali minerali, oltre che ormoni ed altre sostanze, il floema è deputato alla traslocazione del carbonio assimilato durante il processo fotosintetico. Questo si presenta sotto forma di carboidrati il cui tipo e la cui quantità possono variare molto a seconda della specie. Melo e pesco, ad esempio, traslocano sia sorbitolo che saccarosio (Moing, 1992; Beruter, 1985), mentre nel floema dell Actinidia troviamo soltanto saccarosio. All interno dei fasci vascolari, floema e xilema si muovono secondo gradienti di potenziale idrico (Münch, 1930; Patrick, 1997); in questo modo, maggiore è la differenze di potenziale idrico tra due punti lungo la via di traslocazione, maggiore sarà la velocità del flusso tra questi due punti. Il tasso di traspirazione di un frutto dipende invece dalla conduttanza di superficie della cuticola, ossia dal suo grado di permeabilità al vapore acqueo, e dalle condizioni ambientali. La conduttanza di superficie della cuticola può variare durante lo sviluppo del frutto ma rimane una caratteristica geneticamente determinata per ogni specie. Al contrario, le fluttuazioni giornaliere di temperatura ed umidità relativa influenzano fortemente la traspirazione nel breve periodo (Lescourret et al., 2001; Wu et al., 2003). All inizio del suo sviluppo, il frutto di pesco è caratterizzato da un altissima conduttanza di superficie, che decresce lungo la stagione, pur mantenendo valori molto alti rispetto ad altre specie 1

2 (Gibert et al., 2005). L alta conduttanza di superficie determina alti tassi di traspirazione, e quindi ingenti perdite idriche durante tutta la stagione. Sia in fase di divisione che di espansione cellulare, l acqua persa da una pesca per traspirazione rappresenta circa il 50-60% dell apporto totale giornaliero di materia fresca. Di questi importi, circa il 30% proviene dal floema, mentre il restante 70% entra per via xilematica (Morandi et al., 2007a) (Tabella 1). IL FRUTTO E LA SUA GIORNATA Recentemente il gruppo di Ecofisiologia del Dipartimento di Colture Arboree dell Università di Bologna ha sviluppato strumenti a basso costo capaci di monitorare in continuo ed in maniera molto precisa le variazioni diametrali di un frutto, anche ad intervalli molto brevi, dell ordine dei minuti (Morandi et al., 2007b) (Figura 1). Questo ha permesso di studiare la dinamica giornaliera di accrescimento della pesca in maniera molto approfondita, determinando come variano i flussi in entrata (floema e xilema) ed in uscita (traspirazione) dal frutto nell arco delle 24 ore. I risultati di queste prove hanno mostrato come, in condizioni fisiologiche, la pesca aumenti di volume a partire dal tardo pomeriggio e durante le ore notturne, mentre si restringa al mattino e nel mezzogiorno. Questo andamento risulta abbastanza simile nelle tre fasi di accrescimento che caratterizzano la stagione del pesco, anche se, durante la divisione cellulare, il restringimento diametrale tipico delle ore centrali della giornata è abbastanza limitato e può essere sostituito da un semplice rallentamento o da un temporaneo arresto nella crescita (Morandi et al., 2007a) (Figura 2). Dal momento che la variazione volumetrica di un frutto è data dal bilancio tra la materia fresca importata e quella persa in un certo intervallo di tempo, lo studio approfondito dei flussi vascolari e della traspirazione del frutto ha permesso di comprendere alcuni tra i meccanismi biofisici alla base del suo accrescimento giornaliero. Si è visto come, specialmente nei mesi caldi che caratterizzano fase III, il graduale aumento mattutino nel tasso di traspirazione della chioma richiami grandi quantità di acqua xilematica verso le foglie, in virtù di gradienti di potenziale idrico all interno dell albero sempre più favorevoli al trasporto di acqua verso di esse, che in questo momento della giornata presentano i valori di potenziale più negativi (McFadyen et al., 1996). Allo stesso tempo anche i frutti iniziano a traspirare, ma l abbassamento nel potenziale di pressione xilematica che ne deriva non è sufficiente a competere con le foglie per l acqua ed il flusso xilematico verso il frutto rimane basso nelle ore del mattino (Figura 2b). A causa di questa limitazione idrica mattutina, l acqua persa dai tessuti del frutto per traspirazione è spesso maggiore della materia fresca importata per via floematica e xilematica. Questo determina un bilancio negativo e quindi il restringimento diametrale del frutto tipico delle ore centrali della giornata (Figura 2b). Alcune specie, tra cui il melo (Lang, 1990), mostrano addirittura un retroflusso di acqua xilematica dai 2

3 frutti verso le foglie, a causa dei fortissimi gradienti di potenziale idrico che si vengono a creare tra questi due organi durante le ore più calde della giornata. Prove eseguite su pesche e nettarine, anche in ambienti diversi, non hanno tuttavia mai evidenziato l esistenza di questo fenomeno nel pesco. I carboidrati che si rendono disponibili grazie al processo foto sintetico in corso vengono traslocati per via floematica verso i frutti. Questo trasporto sembra essere favorito proprio dal restringimento del frutto che garantisce il mantenimento di un potenziale idrico sufficientemente basso da creare un gradiente tra i tessuti floematici ed i tessuti sink. Il mantenimento di questo gradiente può permettere che almeno una parte dello scaricamento floematico avvenga per flusso di massa, cioè attraverso un meccanismo passivo (Patrick, 1997). I dati raccolti supportano questa ipotesi e mostrano come durante la fase centrale della giornata, caratterizzata dal restringimento dei tessuti e da bassi potenziali di pressione del frutto, il flusso floematico verso il frutto inizii progressivamente ad aumentare, pur continuando a tassi inferiori anche durante il resto della giornata (Figura 2). Alla luce di quest ipotesi, il restringimento diametrale dei tessuti durante la fase centrale della giornata, assume un ruolo molto positivo nei confronti della qualità finale del prodotto, in quanto permette al frutto di aumentare la sua forza come sink nei confronti degli assimilati disponibili (Morandi et al., 2007a). Nel pomeriggio, gli elevati VPD atmosferici inducono una progressiva chiusura stomatica nelle foglie per proteggerle da eccessive perdite idriche. I tessuti fogliari possono così reidratarsi ed aumentare il loro potenziale idrico, che si porta velocemente a valori molto meno negativi rispetto al mezzogiorno (McFadyen et al., 1996). In questo modo le foglie perdono progressivamente la loro capacità di richiamare acqua verso se stesse e diventano competitori meno forti nei confronti dei frutti. Allo stesso tempo, i frutti continuano a perdere molta acqua dall epidermide, in quanto, a differenza delle foglie, non possono controllare il loro tasso di traspirazione (Gibert et al., 2005). Queste perdite idriche, unite agli assimilati osmoticamente attivi scaricati nelle ore precedenti per via floematica favoriscono il mantenimento di bassi valori di potenziale di pressione nel pomeriggio. In questo modo nello xilema si creano i gradienti di potenziale idrico necessari perché il frutto sia in grado di richiamare acqua verso i suoi tessuti e reidratarsi. Durante il pomeriggio quindi, il flusso xilematico verso il frutto aumenta progressivamente, permettendogli dapprima di recuperare le sue dimensioni iniziali e successivamente di accrescersi in volume (Figura 2) (Morandi et al., 2007a). Questa veloce reidratazione dei tessuti delle ore pomeridiane favorisce un innalzamento del potenziale di pressione che determina un progressivo riequilibrio dei gradienti di potenziale idrico nello xilema. In questo modo i flussi idrici verso i tessuti del frutto diminuiscono gradualmente d intensità durante la notte. Il calo nel tasso di traspirazione tipico delle ore serali e 3

4 notturne fa si tuttavia che il bilancio dei flussi in entrata verso il frutto rimanga positivo e che quindi il frutto continui ad accrescersi anche durante queste ore (Figura 2). Studi effettuati sia su pesche che su nettarine hanno mostrato come la strategia di accrescimento descritta non differisca tra le diverse varietà considerate (Morandi et al., 2007a). In generale, essa si basa su alti tassi di traspirazione dell epidermide che permettono al frutto di abbassare il suo potenziale idrico e quindi di richiamare acqua e sostanza secca da xilema e floema (Patrick, 1997) (Figura 3). Questo determina uno spostamento di ingenti volumi idrici dall albero al frutto e dal frutto all atmosfera che sembrano essere alla base degli alti tassi di crescita tipici di questa specie. Non dimentichiamo che una pesca nelle ultime settimane del suo accrescimento può guadagnare anche 4-5 grammi di sostanza fresca al giorno, quantità non banale se paragonata ai 2 grammi della mela o ai grammi del kiwi, frutti la cui conduttanza di superficie risulta molto bassa nelle fasi finali del loro sviluppo. L EFFETTO DEL MICROCLIMA Il ruolo positivo della traspirazione nell accrescimento della pesca è stato dimostrato da alcune prove che hanno messo a confronto i flussi vascolari di frutti in condizioni di ridotta traspirazione a quelli di frutti controllo. I dati hanno mostrato come l abbassamento nel tasso di traspirazione del frutto determini una graduale riduzione del flusso floematico durante le ore centrali della giornata, che nel giro di qualche giorno si ripercuote sul tasso di crescita giornaliero del frutto stesso (Morandi et al., 2010a) Un risultato di questo tipo suggerisce diverse opportunità per ottimizzare il processo di accrescimento e migliorare la qualità dei frutti alla raccolta. Una gestione colturale capace di modificare il microclima del frutteto in modo da favorire la traspirazione dei frutti potrebbe infatti aumentare la forza dei frutti come sink favorendo la traslocazione dei flussi vascolari verso di essi, ed aumentando la loro capacità competitiva nei confronti dei sink vegetativi. Buone pratiche di potatura verde e/o l applicazione di teli riflettenti, ad esempio, oltre che migliorare la distribuzione della luce all interno della chioma favorendo il processo foto sintetico (Fiori et al., 2003), portano ad un leggero aumento del VPD nel microclima del frutteto. Questo promuove la traslocazione floematica e xilematica verso i frutti che traspirando di più durante le ore centrali della giornata sono in gradi di abbassare maggiormente il loro potenziale idrico (Morandi et al., 2010b). Il confronto tra i flussi vascolari verso frutti su teli di tipo Extenday, in condizioni controllo e sotto rete ombreggiante al 40% (Figura 4) ha messo in evidenza come effettivamente esistano relazioni positive tra il tasso di traspirazione dei frutti e la quantità di materia fresca che 4

5 questi riescono ad importare rispettivamente da floema e xilema. Tali relazioni permangono anche all interno dello stesso trattamento, suggerendo che le variazioni del flusso floematico nelle piante su Extenday o sotto rete ombreggiante non dipendono soltanto da un effetto del trattamento sulla fotosintesi, ma da un effetto sulla forza del frutto come sink, capace di modificare il tasso di crescita dei frutti stessi (Figura 5). Questi trattamenti hanno mostrato un notevole impatto anche sulle caratteristiche qualitative dei frutti alla raccolta (Costa et al., 2003). Nella prova effettuata, l utilizzo di Extenday ha portato alla produzione di frutti con una maggior percentuale di sostanza secca, mentre dalle piante ombreggiate si sono raccolti frutti generalmente più piccoli e meno dolci che, anche se lasciati più a lungo sulla pianta, hanno mostrato minor contenuto in sostanza secca (Tabella 2). Non bisogna però dimenticare che l effetto positivo della traspirazione sull accrescimento della pesca prescinde da una buona disponibilità idrica a livello di albero e da condizioni ambientali che non possono essere portate all estremo. In caso di stress idrico o di VPD troppo elevati infatti, l acqua persa dal frutto per traspirazione potrebbe non essere efficacemente recuperata per via xilematica; allo stesso modo, si potrebbero avere riduzioni nel tasso fotosintetico della chioma con conseguente diminuzione degli assimilati disponibili e ripercussioni negative sul tasso di crescita del frutto stesso. La relazione tra VPD medio giornaliero e tasso di accrescimento del frutto mostrata in figura 6 conferma quanto detto, mostrando come nel caso di studio specifico, le condizioni ottimali di accrescimento del frutto si raggiungano con valori medi di VPD di circa 1.2 kpa. Valori superiori a questa soglia porterebbero invece ad un effetto negativo sul tasso di crescita del frutto. L EFFETTO DEL CARICO PRODUTTIVO Oltre che dall ambiente esterno, il meccanismo di crescita del frutto può risultare fortemente influenzato anche dallo stato fisiologico dell albero, che può variare a seconda del carico produttivo, della presenza o meno di patologie, dello stato idrico. Studi effettuati su piante con diverso carico produttivo hanno messo in luce come questo fattore influenzi fortemente i flussi vascolari e di traspirazione da e verso i frutti e quindi il loro tasso di crescita. E noto come le condizioni di competizione per gli assimilati tipiche di piante non diradate, riducano il tasso di accrescimento dei frutti durante la stagione, determinando lo sviluppo di frutti di volume inferiore. Inoltre, l alta richiesta di assimilati da parte dei sink riproduttivi porta ad uno spostamento nell equilibrio vegeto-produttivo dell albero con la formazione di chiome meno dense e più areate. Tali condizioni modificano fortemente il tasso di traspirazione specifico dei frutti (Morandi et al., 2009). Infatti, frutti più piccoli espongono all atmosfera una superficie maggiore 5

6 per unità di massa di tessuto, risultando quindi più soggetti alle perdite idriche. Questo, unito ad una minor umidità relativa nel microclima della chioma, porta ad un aumento della disidratazione dei tessuti e ad un conseguente abbassamento del loro potenziale di pressione che a partire dal mattino e durante il pomeriggio risulta inferiore a quello di frutti di piante diradate commercialmente o fortemente diradate (Figura 7). L abbassamento nel loro potenziale di pressione rende i frutti di piante non diradate più forti nel richiamare acqua xilematica durante le ore pomeridiane. I risultati ottenuti mostrano infatti come questo flusso sia, a livello specifico, molto maggiore verso i frutti di piante cariche rispetto a quelli di piante controllo e fortemente diradate (Figura 8). Nonostante questo, su base giornaliera, l acqua richiamata per via xilematica non riesce a compensare le forti perdite idriche per traspirazione ed i frutti di piante molto cariche presentano un bilancio xilema traspirazione negativo. D altra parte, le forti condizioni di competizione, diminuiscono la quantità di assimilati disponibili per singolo frutto, e quindi il flusso floematico giornaliero verso i frutti di piante cariche. Questa differenza appare evidente soprattutto durante le ore pomeridiane, quando una maggior quantità di assimilati si rende disponibile, in virtù della fotosintesi avvenuta durante la prima fase della giornata (Figura 8). La diminuzione nella quantità di assimilati disponibili, unita ad un bilancio giornaliero negativo tra flusso xilematico e traspirazione, sono quindi i principali responsabili della ben nota riduzione di crescita tipica dei frutti di piante molto cariche. I dati presentati mostrano però come i frutti di queste piante siano in grado, almeno per un breve periodo durante le ore centrali della giornata, di essere sink più forti nei confronti del flusso floematico (Figura 8). Questa differenza può essere attribuita al loro più basso potenziale di pressione che potrebbe aver generato un gradiente floema-frutto molto favorevole alla traslocazione e/o allo scaricamento degli assimilati verso questi frutti. CONCLUSIONI Dai numerosi studi effettuati risulta evidente come il frutto di pesco abbia evoluto un meccanismo di crescita profondamente diverso rispetto ad altre specie quali il melo, l Actinidia o la vite. Tale meccanismo si basa su ingenti quantità d acqua che passando dal frutto all atmosfera permettono un abbassamento del potenziale idrico del frutto stesso e gli danno la possibilità di richiamare ingenti volumi di materia fresca dal floema e dallo xilema. La comprensione di questo meccanismo, anche a livello sub-giornaliero, crea le basi per una gestione colturale consapevole e orientata verso l ottenimento di un prodotto con caratteristiche ben precise. A questo proposito emergono nuovi ed interessanti spunti per migliorare la qualità dei frutti attraverso una modifica oculata del microclima frutteto. Questa può essere ottenuta orientando la potatura invernale ed estiva verso il buon arieggiamento e la buona illuminazione della chioma, preferendo reti antigrandine chiare, adottando 6

7 teli riflettenti e/o associando questi ultimi alle protezioni antigrandine. Una corretta gestione del microclima deve tuttavia sempre tener conto della situazione idrica del frutteto. BIBLIOGRAFIA Berüter J Sugar accumulation and changes in the activities of related enzymes during development of the apple fruit. Journal of Plant Physiology. 121: Costa G., Corelli Grappadelli L., Noferini M., Fiori G Use of light reflective mulch to affect yield and fruit quality. Acta Horticulturae. 610: Fiori G., Bucchi F., Corelli Grappadelli L., Costa G Effect of reflecting mulch on gas exchange and peach fruit quality [Prunus persica (L.) Batsch]. Proceedings of VI Giornate Scientifiche SOI (Italy). 1: Gibert C., Lescourret F., Génard M., Vercambre G., Pérez Pastor A Modelling the effect of fruit growth on surface conductance to water vapour diffusion. Annals of Botany. 95: Lang, A Xylem, Phloem and Transpiration flows in developing apple fruits. Journal of Experimental Botany 41(227): Lescourret F., Génard M., Habib R., Fishman S Variation in surface conductance to water vapour diffusion in peach fruit and its effects on fruit growth assessed by a simulation model. Tree Physiology. 21: Jones HG, Higgs KH Surface conductance and water balance of developing apple (Malus Pumila Mill.) fruits. Journal of Experimental Botany. 33: McFadyen L.M., Hutton R.J., Barlow, E.W.R Effects of crop load in fruit water relations and crop load in peach. Journal of Horticultural Science. 71(3): Moing A., Carbonne F., Rashad M.H., Gaudillère J.P Carbon fluxes in mature peach leaves. Plant Physiology. 100: Morandi B., Rieger M.W., Corelli Grappadelli L. 2007a. Vascular flows and transpiration affect peach (Prunus persica Batsch.) fruit daily growth. Journal of Experimental Botany 58(14): Morandi B., Manfrini L., Zibordi M., Noferini M., Fiori G., Corelli Grappadelli L. 2007b. A lowcost device for accurate and continuous measurement of fruit growth. Hortscience. 42(6): Morandi B., Corelli Grappadelli L Source and sink limitations in vascular flows in peach fruit. Journal of Horticultural Science and Biotechnology. ISAFRUIT Special Issue: Morandi B., Manfrini L., Losciale P., Zibordi M., Corelli Grappadelli L. 2010a. The positive effect of skin transpiration in peach fruit growth. Journal of Plant Physiology. In press. 7

8 Morandi B., P Losciale, L. Manfrini, M. Zibordi, L. Corelli Grappadelli. 2010b. Variations in the orchard environmental conditions affect vascular and transpiration flows to/from peach fruit. Acta Horticulturae. In press. Münch E Die Stoffbewegungen in der Pflquanze. Gustav Fischer, Jena. Patrick JW Phloem unloading : Sieve Element Unloading and Post-Sieve Element Transport. Annual Review of Plant Physiology Plant Molecular Biology 48: Legende Figura 1: Fruttometro, strumento sviluppato dal gruppo di Ecofisiologia del Dipartimento di Colture Arboree dell Università di Bologna, per la misura accurata ed in continuo della variazione diametrale di un frutto. Figura 2: Andamento giornaliero del tasso di crescita relativo (RGR) e dei flussi di traspirazione, floema, xilema da e verso il frutto (cv. Red Gold) durante le fasi I e III. I dati riportati rappresentano la media di almeno 6 frutti e sono stati raccolti ad intervalli di 15 minuti. Figura 3: rappresentazione schematica del meccanismo di accrescimento del frutto di pesco: condizioni microclimatiche favorevoli al mantenimento di un buon tasso di traspirazione dell epidermide, permettono al frutto di abbassare il suo potenziale idrico e quindi di richiamare acqua e sostanza secca da xilema e floema. Figura 4: condizionamento del microclima del frutteto attraverso l adozione di teli riflettenti di tipo Extenday e di reti ombreggianti al 40%. Figura 5: Relazione tra tasso di traspirazione specifico (g g -1 gg -1 ) e flussi di floema (a,b) e xilema (c,d) (g g -1 gg -1 ) da/verso frutti delle cv. Red Gold (a,c) e Alice-col (b,d) su teli riflettenti (Extenday ) (quadrati bianchi), in condizioni controllo (quadrati neri) e sotto teli ombreggianti al 40% (triangoli neri). La prova è stata eseguita durante fase III. Ogni punto rappresenta la media (±ES) di almeno 5 frutti. Figura 6: Relazione tra la media giornaliera nel deficit di pressione di vapore dell atmosfera (VPD) e tasso di crescita giornaliero (AGR) di frutti della cultivar Red Gold in condizioni controllo, durante fase III. Ogni punto rappresenta la media (±ES) di almeno 6 frutti. 8

9 Figura 7: Andamento giornaliero del potenziale di pressione xilematica di frutti su piante non diradate (ND), diradate commercialmente (CTRL) e fortemente diradate (FD). Ogni punto rappresenta la media (±ES) di 4 frutti. Figura 8: Andamento giornaliero del tasso di crescita relativo (RGR) (a) e dei flussi di floema (b) xilema (c) e traspirazione (d) da e verso frutti (cv. Red Gold) di piante non diradate (ND), diradate commercialmente (CTRL) e fortemente diradate (FD), durante fase III. I dati riportati rappresentano la media di almeno 4 frutti e sono stati raccolti ad intervalli di 15 minuti. Le lettere indicano il risultato del confronto statistico tra i trattamenti, effettuato ad intervalli orari mediante analisi ANOVA (P<0.05). 9

10 Tabelle Tabella. 1. Tasso di crescita giornaliero (RGR) e flussi di traspirazione, floema e xilema da e verso frutti delle cvs. Red Gold e Redhaven, durante le fasi I e III. I valori riportati costituiscono la media (±ES) di 6 frutti di circa 4 g in fase I e 100 g in fase III. (g frutto-1 d-1) RGR Traspirazione Floema Xilema FASE I 0.56 ± ± ± ±0.08 (cv. Red Gold) FASE I 0.87 ± ± ± ±0.17 (cv. RedHaven) FASE III 3.6 ± ± ± ±0.47 (cv. Red Gold) FASE III (cv. RedHaven) 3.6 ± ± ± ±

11 Tabella 2: Peso medio (PM), durezza della polpa, contenuto in solidi solubili ( Brix) e percentuale di sostanza secca (%SS) di frutti raccolti a maturazione commerciale ((1 raccolta) su piante sottoposte ai seguenti trattamenti: telo riflettente (Extenday ), condizioni controllo (Ctrl) e rete ombreggiante al 40% (Ombra). Sulle piante ombreggiate è stata effettuata una seconda raccolta a distanza di circa 15 giorni dalla prima per permettere ai frutti di questo trattaento di raggiungere un grado di maturazione omogeneo agli altri trattamenti, in quanto questi frutti presentavano un ritardo di maturazione al momento della 1 raccolta. I valori riportati costituiscono la media (±ES) di 20 frutti. TRT PM (g) Durezza Brix %SS Extenday 166 a 3.43 b a a (1 raccolta) Ctrl 159 a 3.49 b a b (1 raccolta) Ombra 136 b 4.81 a b c (1 raccolta) Ombra 159 a 2.66 c b c (2 raccolta) ** ** ** ** 1 = confronto delle medie tra colonne effettuato mediante test SNK; **: P<

12 FIGURA 1 12

13 FIGURA 2 13

14 FIGURA 3 14

15 FIGURA 4 15

16 FIGURA 5 16

17 FIGURA 6 17

18 FIGURA 7 18

19 FIGURA 8 19

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

ASSORBIMENTO E TRASPORTO DI ACQUA

ASSORBIMENTO E TRASPORTO DI ACQUA ASSORBIMENTO E TRASPORTO DI ACQUA DIFFUSIONE: setto permeabile OSMOSI: setto semi-permeabile 1 ATMOSFERA sostegno evaporazione fotosintesi 1-5% FOGLIE FUSTO RADICE TERRENO ACQUA 2 IL PERCORSO DELL ACQUA

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono L autunno è una stagione con caratteristiche sue proprie, non è soltanto un periodo di passaggio tra le calde giornate estive e i primi geli invernali.

Dettagli

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018)

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Centro Trasferimento Tecnologico MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Stefano Pedò Franco Michelotti Riva del Garda - 26 febbraio 2016 Premesse Premessa La riorganizzazione

Dettagli

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale A G E A Agenzia per le erogazioni in agricoltura Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale Associazione Produttori Olivicoli C.N.O. aderente al Finanziato

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

PROGETTO ORIF: OSSIGENAZIONE E RISPARMIO IDRICO

PROGETTO ORIF: OSSIGENAZIONE E RISPARMIO IDRICO P.S.R. 2007-2013 MISURA 124 Dgr n. 745 del 15/03/2010 PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo, alimentare e

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline

Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline Daniele Demaria 1, Giuseppe Monge 1, Alessandro Bevilacqua 1, Graziano Vittone 1, Guglielmo Costa 2 1 CReSO Consorzio

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Ψ ATMOSFERA < Ψ SUOLO

Ψ ATMOSFERA < Ψ SUOLO Ψ ATMOSFERA < Ψ SUOLO 3 Questa differenza è la forza trainante dell H 2 0 da Suolo alla pianta all atmosfera 2 3 TAPPE principali nella traslocazione dell H 2 0 1 1. Trasporto centripeto, a breve distanza:

Dettagli

Finalmente una soluzione semplice e affidabile per il dirado di melo e pero: Brevis per ottimizzare il tuo profitto grazie a produzioni di qualità.

Finalmente una soluzione semplice e affidabile per il dirado di melo e pero: Brevis per ottimizzare il tuo profitto grazie a produzioni di qualità. Finalmente una soluzione semplice e affidabile per il dirado di melo e pero: Brevis per ottimizzare il tuo profitto grazie a produzioni di qualità. Scheda tecnica N. registrazione n. 16084 del 16/05/2014

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE MULTIRISCHIO: FINO AL 65% DELLA SPESA PARAMETRATA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Valutazioni agronomiche dei film per pacciamatura in Mater-Bi: otto anni di sperimentazione (2002-2009)

Valutazioni agronomiche dei film per pacciamatura in Mater-Bi: otto anni di sperimentazione (2002-2009) CONVEGNO I MATERIALI BIODEGRADABILI IN AGRICOLTURA Valutazioni agronomiche dei film per pacciamatura in Mater-Bi: otto anni di sperimentazione (22-29) Galileo Magnani Ferruccio Filippi Dipartimento di

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE ELABORATO

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

CARBOSSILAZIONE/OSSIGENAZIONE

CARBOSSILAZIONE/OSSIGENAZIONE CARBOSSILAZIONE/OSSIGENAZIONE COSA SUCCEDE SE LA TEMPERATURA AUMENTA? LEGGE DI HENRY: a T costante, la quantità di un gas che si scioglie in un dato liquido è proporzionale alla pressione parziale del

Dettagli

DATI METEO INDICI CLIMATICI

DATI METEO INDICI CLIMATICI DATI METEO I dati meteo utilizzati nelle elaborazioni sono quelli derivanti dalla rete regionale di stazioni meteo dell Osservatorio Meteo Idrologico della Regione Liguria (OMIRL) www.arpal.gov.it. Questi

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica Workshop Rafforzare la competitività delle PMI: opportunità in Europa Investire nello sviluppo sostenibile: la cogenerazione ing. Giuseppe Starace Università del Salento LECCE (I) Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Dipartimento di Scienze Agrarie e degli Alimenti

Dipartimento di Scienze Agrarie e degli Alimenti Dipartimento di Scienze Agrarie e degli Alimenti Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia via Amerndola, 2 Pad. Besta - 42100 Reggio Emilia - Italy CONTRATTO DI RICERCA/CONSULENZA TRA L UNIVERSITÀ

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura.

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. La, pianta, tramite le sue parti verdi, è un sensore recettivo

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali FISIOLOGIA VEGETALE Gli ormoni vegetali Lo sviluppo delle piante in tutte le sue varie fasi (crescita, fioritura, fruttificazione, formazione e caduta delle foglie) è regolato dall integrazione di stimoli

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE CONGIUNTURALE - I SEMESTRE

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

LA PREREFRIGERAZIONE DEGLI ORTOFRUTTICOLI

LA PREREFRIGERAZIONE DEGLI ORTOFRUTTICOLI LA PREREFRIGERAZIONE DEGLI ORTOFRUTTICOLI La prerefrigerazione È un insieme di tecniche volte ad ottenere un rapido abbassamento delle temperature nei prodotti prima della conservazione e/o del trasporto

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 869 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 29 maggio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Lo scorso 28 maggio l Istat ha rilasciato

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 Progetto Europeo AIR-BOX AUTOMOTIVE 2014 AIR-BOX (gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 APPARATO AIR-BOX per la riduzione dei NOx e del CO2 e per l incremento delle prestazioni del motore

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

RAPPORTI ACQUA-PIANTA EVAPOTRASPIRAZIONE

RAPPORTI ACQUA-PIANTA EVAPOTRASPIRAZIONE Dipartimento di Agraria - Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Alimentari (L26) - - Corso integrato Agronomia e colture erbacee e arboree industriali - - Modulo Agronomia e colture erbacee industriali

Dettagli

Bilancio del carbonio in ecosistemi frutticoli

Bilancio del carbonio in ecosistemi frutticoli Bilancio del carbonio in ecosistemi frutticoli Prof. Paolo Inglese Dipartimento di Colture Arboree, Università degli Studi di Palermo Flussi di carbonio in un frutteto Carbonio accumulato (fotosintesi,compost)

Dettagli

La pressione atmosferica e i venti

La pressione atmosferica e i venti La pressione atmosferica e i venti Come ogni materia sottoposta all attrazione terrestre anche l atmosfera ha un peso Pressione = rapporto fra il peso dell aria e la superficie su cui agisce A livello

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Perdite stimate di energia causate da inadeguato isolamento

Perdite stimate di energia causate da inadeguato isolamento Isolamenti, termo cappotto e case di legno L isolamento dell involucro Isolare in maniera ottimale un edificio consente un risparmio dei consumi di energia dal 40 fino ed oltre il 70%. Investire nel miglioramento

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea

Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea Prof Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università degli Studi di Verona Obiettivi Trasporto e distribuzione

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Come scegliere un sistema di illuminazione stradale fotovoltaico

Come scegliere un sistema di illuminazione stradale fotovoltaico Come scegliere un sistema di illuminazione stradale fotovoltaico Guida e consigli tecnici per l esatto posizionamento del lampione e dell installazione tecnica e programmazione Concetti fondamentali Il

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

Psicologia dell invecchiamento

Psicologia dell invecchiamento Psicologia dell invecchiamento La definizione più accreditata di invecchiamento in termini psicologici si riferisce ai processi legati ai cambiamenti psichici che si verificano dopo la maturità Il concetto

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti teorici e applicativi della potatura delle piante da frutto Relatore: dott. agr. Salvatore Gaudio Data: 12 febbraio 2011 Aspetti teorici ed applicativi della potatura

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni.

Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni. Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni. Quali sono le aspettative delle imprese, come le imprese riconoscono e valorizzano la qualità dell'offerta: l'esperienza

Dettagli

ELIMINAZIONE PONTI TERMICI E RISCHIO MUFFA

ELIMINAZIONE PONTI TERMICI E RISCHIO MUFFA ISOLAMENTO A CAPPOTTO Scheda: L&C-TS 02 Lime&Cork TECHNIC SCHOOL è un iniziativa aziendale di informazione tecnica rivolta alla diffusione di una cultura dell edilizia di qualità. L isolamento a cappotto

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

Prove di confronto tra ibridi di anguria e melone realizzate in Sardegna nel 2011

Prove di confronto tra ibridi di anguria e melone realizzate in Sardegna nel 2011 Prove di confronto tra ibridi di anguria e melone realizzate in Sardegna nel 2011 Atti del convegno: Il melone e l anguria nel comparto orticolo regionale San Nicolò d Arcidano, 24 febrraio 2012 A cura

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Fabbisogno energetico e sue componenti

Fabbisogno energetico e sue componenti Fabbisogno energetico e sue componenti WHO (1985) come: l apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

Greenover: sistemi per pareti verdi

Greenover: sistemi per pareti verdi Natura e Architettura Greenover: sistemi per pareti verdi Facciate ventilate e facciate verdi: Principi base d i funzionamento e sistemi applicativi finalizzati al controllo acustico e termico Lucca 26

Dettagli

Giochi delle Scienze Sperimentali 2013

Giochi delle Scienze Sperimentali 2013 Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali Giochi delle Scienze Sperimentali 2013 A - Ascensori In un albergo vi sono quattro ascensori, che si spostano tra i diversi piani. I grafici visualizzano

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Micorriza, un valore aggiunto per la produzione di piantine da seme di carciofo

Micorriza, un valore aggiunto per la produzione di piantine da seme di carciofo Micorriza, un valore aggiunto per la produzione di piantine da seme di carciofo Angela Campanelli, Claudia Ruta, Anna Tagarelli, Irene Morone- Fortunato Università degli Studi di Bari Facoltà di Agraria

Dettagli

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE I documenti di www.mistermanager.it Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE Le Ripetute sono una delle forme di allenamento che caratterizzano i corridori più evoluti, in quanto partono

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Groundbreaking Innovative Financing of Training in a European Dimension. Sintesi del Documento Modello finale GIFTED Maggio 2013

Groundbreaking Innovative Financing of Training in a European Dimension. Sintesi del Documento Modello finale GIFTED Maggio 2013 Groundbreaking Innovative Financing of Training in a European Dimension Sintesi del Documento Modello finale GIFTED Maggio 2013 N. Riferimento Progetto 517624-LLP-1-2011-1-AT-GRUNDTVIG-GMP Workpackage

Dettagli

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA Gruppo di lavoro Davide Neri (prof. Arboricoltura Università Politecnica delle Marche) Alberto Minelli (prof. Parchi e giardini Università di Bologna) Stefano Api (geometra

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Il pirodiserbo in frutti-viticultura:

Il pirodiserbo in frutti-viticultura: Il pirodiserbo in frutti-viticultura: l innovazione tecnologica per favorire la sostenibilità ambientale. www.pirodiserbo.it La nuova Organizzazione Comune di Mercato per il settore ortofrutticolo (Reg.

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI G. Papadakis, P. Tsamis, S. Kyritsis Department of Agricultural Engineering, Agricultural University of Athens, Greece Data: 13 gennaio

Dettagli