UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO RELAZIONE SULL ATTIVITA DELL UFFICIO DI SUPPORTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO ANNO 2011 a cura dell Ufficio di supporto del Sistema Bibliotecario di Ateneo dott.ssa Chiara Zara Novara, giugno 2012

2 Indice Abstract p Attività svolte secondo le funzioni definite dalla CAB (22/06/2006) p Altre attività p Obiettivi futuri e ipotesi di sviluppo p. 7 Abstract In questa relazione viene presentato un consuntivo dell attività svolta dall Ufficio di supporto del Sistema Bibliotecario durante il Come già rilevato nelle relazioni elaborate negli anni precedenti, la CAB nella seduta del 22 giugno 2006 ha indicato una serie di funzioni proprie dell Ufficio. La relazione presenta quindi prima di tutto il lavoro svolto seguendo l elenco di tali funzioni e fornendo alcune considerazioni generali sull andamento delle attività durante l anno considerato. Prosegue poi con l illustrazione di tutte le attività che sono state realizzate nello stesso periodo ma che non possono essere direttamente ricondotte ai punti precedenti. La relazione si conclude con una riflessione su una serie di obiettivi e una possibile linea di sviluppo delle attività per il futuro. 2

3 1. Attività svolte secondo le funzioni definite dalla CAB (22/06/2006) Queste sono le attività svolte dall Ufficio durante il 2011 in relazione alle funzioni definite dalla CAB (seduta del 22 giugno 2006). 1.1 Gestione rapporti tra il Sistema Bibliotecario di Ateneo / la Commissione di Ateneo per le Biblioteche e gli uffici dell Amministrazione dell Ateneo La collaborazione con gli altri Uffici dell Ateneo si è ormai consolidata e riguarda la gestione di attività attinenti il Sistema Bibliotecario e relative all attuazione delle deliberazioni della Commissione Biblioteche. Pur essendo coinvolti vari uffici dell Ateneo, la collaborazione è stata più continuativa e costante con: - l Ufficio Bilancio per le procedure amministrative e contabili necessarie alle acquisizioni e ai rinnovi degli abbonamenti delle risorse elettroniche; - l Ufficio Economato, per le procedure relative ai rinnovi di alcune forniture di servizi (es. software statistico SimonLib e contratto CSI Piemonte); - l Ufficio del personale, per l organizzazione dei corsi di formazione per il personale delle Biblioteche; - l Ufficio Servizi agli studenti e progetti per la didattica, per la corrispondenza relativa alla gestione del progetto di servizio civile Porte aperte in biblioteca e dei volontari; - l Ufficio legale per le procedure relative alle nomine e alle sostituzioni di componenti della Commissione Biblioteche Rapporti SBA-CRUI, SBA-Regione Piemonte, ecc. I rapporti fra il Sistema Bibliotecario ed altri enti e istituzioni esterni sono stati condotti con le modalità già avviate negli anni scorsi. Anche in questo caso si tratta sostanzialmente della gestione di corrispondenza per attività attinenti il Sistema Bibliotecario e per le necessità di attuazione delle decisioni della Commissione Biblioteche. In particolare l Ufficio ha provveduto a mantenere i contatti con: - la Segreteria CARE e la Segreteria CRUI per la gestione di alcuni contratti di banche dati e risorse elettroniche (rispettivamente contratto Elsevier e contratto per l accesso alle banca dati Scopus); - il Comune di Vercelli per la gestione dei volontari di servizio civile in relazione al progetto Porte aperte in biblioteca ; - il CSI Piemonte per comunicazioni riguardanti SBN-Adabas e SBN-web. 1.3 Rapporti CAB-Cilea (punto di raccordo per corrispondenza, pratiche contabili e amministrative) Il settore di attività relativo alla gestione delle risorse elettroniche cofinanziate, e quindi alla gestione dei rapporti non solo con il Cilea ma anche con tutti gli altri fornitori coinvolti, continua ad essere preponderante, in particolare negli ultimi mesi dell anno. Le attività svolte sono quelle già definite negli anni scorsi, e più precisamente: - gestione della corrispondenza con il Cilea e gli altri fornitori - acquisizioni e rinnovi degli abbonamenti delle risorse elettroniche cofinanziate: 3

4 richiesta e raccolta dei preventivi presso il Cilea e presso altri fornitori, controllo delle condizioni e dei costi, controllo delle scadenze e richiesta rinvii, gestione dei buoni d ordine, collaborazione con l Ufficio Bilancio e l Economato per le procedure amministrative e contabili necessarie; - gestione del tabellone delle risorse elettroniche: aggiornamento periodico dei dati, monitoraggio della spesa e delle variazioni rispetto alle previsioni iniziali, elaborazione di proposte per la ripartizione delle quote a carico delle singole biblioteche; - elaborazione della previsione di bilancio per il 2012 con l utilizzo dell applicativo Web Monitor per l inserimento online dei dati; - verifica dei malfunzionamenti e dei temporanei problemi di accesso alle risorse elettroniche, inoltro al Cilea e agli altri fornitori delle segnalazioni provenienti dalle singole biblioteche; - gestione dei trial di risorse elettroniche; - partecipazione alle attività del Comitato degli utenti della Cilea Digital Library Gestione di un settore licenze che raccolga, diffonda e verifichi il rispetto di quanto previsto dalle licenze sottoscritte dal Magnifico Rettore in merito alle banche dati cofinanziate dall Ateneo L Ufficio ha continuato l aggiornamento dell archivio delle licenze, fornendo informazioni sulle clausole e le condizioni contrattuali secondo le necessità delle Biblioteche e della CAB Gestione di un settore statistiche che periodicamente raccolga i dati inviati dal Cilea e a fine anno supporti la Commissione nella redazione della Relazione Annuale, statistiche riguardanti la qualità e la produttività dei servizi bibliotecari, raccordo per indagini di customer satisfaction Anche nel 2011 le attività comprese in questo settore hanno avuto uno sviluppo significativo e hanno impegnato l Ufficio per una parte considerevole di tempo. Sono state portate avanti attività già avviate negli anni precedenti quali: - compilazione della tabella ministeriale annuale sulle biblioteche su richiesta dell Ufficio Statistiche dell Ateneo; - raccolta ed elaborazione dei dati di utilizzo delle risorse elettroniche; - redazione della relazione annuale sulle statistiche d uso delle risorse elettroniche (anche per il 2011 una versione ridotta di questa relazione è stata allegata alla relazione del primo semestre sull andamento del progetto di finanziamento della Compagnia di San Paolo); - raccolta dati statistici relativi allo SBA; - collaborazione alla raccolta dei dati sulle biblioteche (servizi, spese, patrimonio bibliografico, ecc.); - fornitura di dati statistici su richiesta di altri uffici dell Ateneo. L Ufficio ha inoltre proseguito l utilizzo del software statistico SimonLib per l inserimento dei dati relativi al Sistema Bibliotecario e alle risorse elettroniche. Inoltre sono stati compilati i questionari inviati dal gruppo CARE Indagine E-book 2011 e Indagine e-book Reader

5 Nel corso del 2011 l Ufficio ha poi svolto la funzione di referente di Ateneo per la rilevazione dei dati statistici della Terza indagine nazionale GIM Si è quindi occupato in particolare della compilazione del questionario relativo allo SBA, ha collaborato con le Biblioteche per la raccolta e l inserimento dei dati del questionario relativo a queste ultime, ha mantenuto i necessari contatti con i responsabili dell indagine nazionale. A completamento delle attività previste nel punto 1.5, nel 2011 è stata infine attuata un indagine di customer satisfaction relativa all utilizzo e al gradimento da parte degli studenti delle risorse elettroniche cofinanziate. In collaborazione con i colleghi della Biblioteca di Scienze MFN e con alcuni volontari del Servizio Civile, l Ufficio ha progettato e realizzato un questionario che è stato poi distribuito presso tutte le Biblioteche dello SBA. L Ufficio ha inoltre iniziato l elaborazione dei dati forniti con i questionari e la redazione di una relazione illustrativa dei risultati ottenuti Gestione di un settore riguardante il personale di biblioteca e la formazione, in attuazione di quanto deliberato dalla Commissione in materia L Ufficio ha svolto anche nel 2011 alcune attività a supporto dell organizzazione del corso di formazione per il personale delle Biblioteche Da RICA a REICAT: continuità e innovazione". In particolare ha collaborato alla raccolta delle preferenze sugli argomenti da trattare e sulle modalità di svolgimento del corso Gestione di un settore che curi le convenzioni con altri atenei/enti per la gestione dei servizi bibliotecari sul territorio. In questo settore l attività dell Ufficio non è ancora a livello ottimale anche se ha avuto un certo sviluppo rispetto agli anni precedenti. L Ufficio ha infatti collaborato in generale alla discussione del progetto di cooperazione con l Università di Torino sul software gestionale e le risorse elettroniche e della bozza di "Convenzione per la reciprocità dei servizi bibliotecari. L Ufficio ha inoltre provveduto a mantenere la collaborazione con la sezione piemontese dell Associazione italiana Biblioteche, in particolare nell ambito dell organizzazione del seminario Pubblicazioni ad Accesso Aperto: modelli economici alternativi, sostenibilità e vantaggi per i fruitori" (Vercelli, 28 ottobre 2011) Gestione di un settore di raccordo per le funzioni di reperimento fondi e bandi europei riguardanti le biblioteche Questo settore continua ad essere poco sviluppato e viene messo in secondo piano dalla necessità di seguire altre attività di maggiore urgenza e di ordinaria amministrazione. L Ufficio ha provveduto alla stesura delle relazioni semestrali sull andamento del progetto di finanziamento delle risorse elettroniche della Compagnia di San Paolo Funzioni di segreteria della CAB: verbali, protocollo atti, smistamento corrispondenza, gestione ordini sui fondi della Commissione L Ufficio ha svolto le funzioni di segreteria della CAB secondo le modalità già avviate negli anni precedenti. Ha quindi continuato le seguenti attività: prenotazione della sala per le 5

6 riunioni della Commissione, collaborazione alla stesura dell ordine del giorno, partecipazione attiva alle riunioni, redazione e invio agli uffici dell Ateneo competenti dei verbali e degli estratti, protocollo di atti e documenti. Come per gli anni precedenti, non vi sono state attività attinenti alla gestione di ordini in quanto la CAB non ha avuto fondi appositi. 2. Altre attività Anche nel 2011 il lavoro dell Ufficio non si è esaurito nelle attività riconducibili ai settori finora analizzati e previsti a suo tempo dalla Commissione Biblioteche. Altre attività si stanno consolidando e acquistano sempre più importanza in un ottica di sviluppo e di miglioramento del Sistema Bibliotecario nel suo complesso. Queste attività, svolte dall ufficio in autonomia o in collaborazione con i colleghi delle Biblioteche, possono essere ricondotte a due settori fondamentali: - supporto al miglioramento e allo sviluppo dei servizi agli utenti - comunicazione e promozione del patrimonio documentario e dei servizi. 2.1 Open Access L Ufficio ha proseguito la partecipazione alle iniziative del gruppo di lavoro sul tema dell Open Access. 1 In particolare ha collaborato alle seguenti attività: - partecipazione alle riunioni del gruppo di lavoro; - stesura della relazione finale sull organizzazione e i risultati del seminario 2010 "Accesso aperto alla letteratura scientifica: esperienze, opportunità, prospettive"; - articolo proposto a Biblioteche Oggi sul questionario Indagine sulla costituzione di un Archivio istituzionale di Ateneo per la libera diffusione dei risultati scientifici. Conoscenza, utilizzo, gradimento (distribuito nel corso del 2010); - elaborazione della proposta di inserimento nel nuovo Statuto dell Ateneo della clausola sull open access secondo le raccomandazioni del gruppo di lavoro della CRUI; - progettazione e realizzazione della newsletter UpOA News ; - organizzazione del seminario Pubblicazioni ad Accesso Aperto: modelli economici alternativi, sostenibilità e vantaggi per i fruitori", in occasione della Settimana internazionale dell Open Access (28 ottobre 2011); - elaborazione dell intervento al seminario sopra citato dal titolo Tra modelli economici (in)sostenibili ed esperienze di Open Access: situazione attuale e prospettive del Sistema Bibliotecario dell'università del Piemonte Orientale ; - inizio dello studio per la definizione di soluzioni per la valorizzazione e la consultabilità delle tesi di dottorato. 2.2 Progetto di servizio civile Durante il 2011 nelle Biblioteche dello SBA hanno prestato servizio 6 volontari del Servizio civile nazionale in relazione al progetto Porte aperte in biblioteca. Alcuni volontari (in particolare i giovani in servizio presso la Biblioteca di Medicina e di Scienze MFN) hanno inoltre collaborato ad alcune attività promosse dall Ufficio nel corso dell anno. 1 Il gruppo di lavoro sul tema dell Open Access, costituitosi ad aprile 2010 con l approvazione della CAB, è composto da 6 bibliotecari: Silvia Bello, Laura Buffa, Lara Moretta, Rosa Romeo, Luca Tenconi, Chiara Zara. 6

7 L Ufficio ha quindi svolto nuovamente il ruolo di punto di raccordo con il Comune di Vercelli per la raccolta e il controllo della documentazione mensile dei volontari e per l invio delle comunicazioni a questi ultimi e ai colleghi operatori locali di progetto. L Ufficio ha poi collaborato alle seguenti attività: - organizzazione della giornata di formazione per i volontari su argomenti di interesse comune a tutte le Biblioteche, tenutasi a Vercelli il 9 febbraio 2011; - elaborazione del modulo La comunicazione e la pubblicizzazione dei servizi (strumenti cartacei e online, corsi, ecc.) per la giornata di formazione citata; - stesura di una parte del rendiconto finale del progetto. L Ufficio ha inoltre partecipato alle riunioni periodiche di monitoraggio del progetto, organizzate dal Comune di Vercelli e dagli uffici dell Ateneo. 2.3 Comunicazione e promozione Nell ambito di questo settore l Ufficio ha proseguito attività già avviate negli anni precedenti e ha realizzato nuove iniziative. Si possono quindi ricordare le seguenti attività: - aggiornamento delle pagine web dello SBA, in particolare della sezione SBA News (per l inserimento periodico di notizie e comunicazioni riguardanti il Sistema Bibliotecario nel suo complesso: eventi, riunioni CAB, giorni di chiusura delle Biblioteche, trial, ecc.) - revisione di alcune sezioni del sito SBA (in particolare Risorse elettroniche e Servizio civile nazionale ); - progettazione e realizzazione di brochure informative sui servizi offerti dalle Biblioteche e sulle risorse elettroniche (in collaborazione con i colleghi della Biblioteca di Scienze MFN e con alcuni volontari SCN): Guida alle risorse elettroniche, SBA Attività e servizi, SBA Attività e servizi per la ricerca (in occasione della Notte dei ricercatori, 23 settembre 2011); - revisione del testo relativo allo SBA per la guida studenti su richiesta dell Ufficio Orientamento. L ufficio ha infine collaborato con le colleghe della Biblioteca di Medicina per realizzazione delle iniziative in occasione della Notte dei ricercatori. la 3. Obiettivi futuri e ipotesi di sviluppo In linea generale l attività dell Ufficio si è svolta nel corso del 2011 da una parte secondo linee di continuità con gli anni precedenti e dall altra con iniziative di sviluppo e di approfondimento. Alcuni dei settori a suo tempo individuati dalla CAB sono ormai consolidati e sono da ritenersi, in modo ancora più deciso, funzioni ordinarie dell Ufficio. Questo vale naturalmente per la gestione delle risorse elettroniche cofinanziate, così come per la funzione di segreteria della CAB, ma ormai anche la raccolta e l elaborazione di dati statistici stanno assumendo un peso sempre maggiore nell ambito delle attività dell Ufficio. Permane anche per il futuro l esigenza di ottimizzare le funzioni di routine al fine di poter impiegare il tempo rimanente per potenziare il più possibile le attività più innovative e finora non compiutamente attuate. Tenuto conto delle attuali risorse dell Ufficio, è comunque inevitabile che alcune attività non possano essere condotte con quel livello di approfondimento che sarebbe auspicabile e che è evidente in altre realtà interne ed esterne all Ateneo. L esperienza degli ultimi anni induce però a ritenere preferibile cercare di porre in atto nuove iniziative anche in modo non ottimale piuttosto che rinunciarci del tutto. 7

8 A questo proposito si è rivelata particolarmente significativa la collaborazione sia con altri colleghi delle Biblioteche (per le attività del gruppo di lavoro sull open access, ad esempio, ma anche per la realizzazione del questionario di gradimento delle risorse elettroniche) sia con alcuni giovani volontari del servizio civile nazionale. Solo con questa collaborazione, infatti, è possibile portare avanti delle attività complesse e innovative oltre che dare un senso più compiuto all espressione Sistema Bibliotecario. L attività dell Ufficio si è finora realizzata più nell ambito interno all Ateneo, con uno sviluppo anche della collaborazione con altri uffici dell Amministrazione oltre che ovviamente con le Biblioteche. Pur non essendo del tutto assenti (si veda ad esempio la collaborazione con l AIB), hanno invece avuto un peso minore le iniziative di collaborazione e cooperazione con altri enti e associazioni esterni. Nonostante i significativi progressi, anche in Ateneo la visibilità del Sistema Bibliotecario non ha ancora raggiunto un livello soddisfacente e quindi anche su questo fronte, come su altri già individuati, le possibilità di miglioramento presentano margini decisamente ampi e interessanti. Gli obiettivi individuati nella precedente relazione sono stati raggiunti solo parzialmente ed alcuni di questi vanno quindi ribaditi. Rispetto agli obiettivi che erano stati indicati nella relazione 2010, è stata certamente conseguita una maggiore sistematicità della collaborazione con altri Uffici dell Ateneo, è stata potenziata la raccolta di dati statistici, sono state avviate indagini di customer satisfaction secondo quanto previsto nel punto 1.5. Nel corso del 2011 inoltre l Ufficio ha cercato di sviluppare in modo particolare nuove attività legate alla comunicazione e alla promozione dei servizi e quindi rivolte in particolare agli studenti (ad esempio le brochure informative ma anche il questionario sulle risorse elettroniche). Alla luce di queste considerazioni si possono quindi proporre delle linee di sviluppo delle attività dell Ufficio secondo queste priorità (naturalmente fatte salve le attività ordinarie sopra evidenziate): - maggiore attenzione verso le attività più direttamente a supporto dei servizi agli utenti: comunicazione e promozione dei servizi attraverso il sito Web o altri strumenti, indagini qualitative e quantitative sul gradimento e l utilizzo dei servizi da parte delle diverse tipologie di utenti - potenziamento dell attività di analisi e valutazione delle risorse elettroniche al fine di una migliore programmazione delle sottoscrizioni - maggiori iniziative volte ad accrescere il peso e la visibilità del Sistema Bibliotecario (e quindi anche delle Biblioteche) nel contesto dell Ateneo - prosecuzione della collaborazione con le attività di gruppi di lavoro dello SBA, primo fra tutti quello sull Open Access la cui esperienza continua a dimostrarsi decisamente proficua e significativa - rafforzamento e ampliamento delle relazioni esterne dello SBA e della cooperazione con altre istituzioni ed enti sul territorio - approfondimento dell attività di raccolta di bandi e verifica della possibilità di presentazione di progetti di finanziamento. Sul piano organizzativo il 2011 non ha visto cambiamenti nell assetto dell Ufficio. Il nuovo Statuto dell Ateneo, all art. 23, ha ribadito l istituzione di un Sistema Bibliotecario di Ateneo per assicurare il coordinamento tra le Biblioteche ai fini dell accrescimento, della conservazione, della miglior fruizione, del trattamento e diffusione del patrimonio librario e documentale dell Università, in formato sia cartaceo sia elettronico. Inoltre ha previsto che con Regolamento Generale d Ateneo vengono definiti tipologia, modalità costitutive e 8

9 organizzative del sistema bibliotecario d Ateneo, nonché la composizione della Commissione d Ateneo per le Biblioteche. Se, come è ipotizzabile, dovrà essere rivisto di conseguenza anche il regolamento di funzionamento della CAB, potrebbe essere quella l occasione per un ripensamento e una precisazione del ruolo, delle funzioni e dei settori di attività dell Ufficio sulla base del lavoro finora svolto e dell esperienza di questi ultimi anni. Tutto ciò innanzitutto al fine della crescita e dell evoluzione dello SBA al servizio dei bisogni e delle aspettative di studenti e docenti. Se infatti nel 2006 la CAB aveva definito a priori le attività dell Ufficio, oggi la Commissione, nel limite delle sue competenze e attribuzioni, potrebbe affrontare nuovamente questa questione con maggiore consapevolezza e profondità, sulla base dell esperienza accumulata, dei progressi fatti, delle esigenze rilevate ma anche delle criticità e della sempre maggior complessità dei compiti istituzionali. Naturalmente tutto ciò non potrebbe prescindere da una visione globale e strategica del ruolo che il Sistema Bibliotecario potrà e vorrà assumere nel contesto degli obiettivi e delle finalità indicati dagli organi di governo dell Ateneo. 9

Obiettivi 2011 Biblioteca di Ateneo. Valutazione finale. 27 marzo 2012. Maurizio di Girolamo

Obiettivi 2011 Biblioteca di Ateneo. Valutazione finale. 27 marzo 2012. Maurizio di Girolamo Obiettivi 2011 Biblioteca di Ateneo Valutazione finale 27 marzo 2012 Maurizio di Girolamo con la collaborazione di Annalisa Bardelli, Federica De Toffol, Giovanna Geppert, Luisanna Saccenti, Ilaria Moroni,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca U.R.S.T. - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI SERVIZIO PER L AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI Prot.: 1216 Roma, 8/8/2003 Ai Rettori delle Università LORO

Dettagli

Biblioteca di Economia e Management Corso Unione Sovietica 281 bis 10134 Torino. tel. 011/6704986 fax. 011/6706131. direzione.biblioecon@unito.

Biblioteca di Economia e Management Corso Unione Sovietica 281 bis 10134 Torino. tel. 011/6704986 fax. 011/6706131. direzione.biblioecon@unito. BIBLIOTECA DI ECONOMIA E MANAGEMENT PIANO DI SVILUPPO TRIENNALE DELLE ATTIVITÀ 2013 2016 Premessa La è il riferimento per tutti i servizi bibliotecari necessari per la ricerca e l'insegnamento nei settori

Dettagli

REGOLAMENTO DI BIBLIOTECA

REGOLAMENTO DI BIBLIOTECA REGOLAMENTO DI BIBLIOTECA Emanato con D.R. n. 437 del 07/11/2012. Art.1 (La Biblioteca) 1. La Biblioteca è un sistema coordinato di Servizi, istituzionalmente preposto a garantire supporto alla ricerca,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001 PRESENTAZIONE TITOLO PRIMO: Finalità del servizio TITOLO SECONDO: Direzione, personale e

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE E GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI SU BANDI COMPETITIVI

PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE E GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI SU BANDI COMPETITIVI PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE E GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI SU BANDI COMPETITIVI Venezia, gennaio 2013 Il presente documento definisce i processi di presentazione e gestione dei progetti finanziati

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF)

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) tra i Comuni di: Bagno a Ripoli, Barberino Val d Elsa, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Figline Valdarno,

Dettagli

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da PROTOCOLLO D'INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA COLLABORAZIONE IN AMBITO STATISTICO L'Istituto nazionale di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO per la creazione

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ;

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ; REGIONE PIEMONTE BU32 13/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 35-1688 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa annuale tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico regionale

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale ALLEGATO N. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca NOTE OPERATIVE SULL ISTRUZIONE DOMICILIARE Come noto il servizio d Istruzione Domiciliare continua ad essere regolato dal Vademecum

Dettagli

Linee Guida Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio Roma, 11.02.2014

Linee Guida Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio Roma, 11.02.2014 LINEE GUIDA 1 per le valutazioni pre- attivazione dei Corsi di Studio da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale 30 gennaio 2013

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE PREMESSO: - che la Regione Piemonte, in base a quanto previsto all'art. 77 della Legge Regionale 26 aprile 2000, n. 44, modificata ed integrata dalla Legge Regionale 15 marzo 2001,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI REGOLAMENTO Art. 1 - Istituzione del Centro Il presente Regolamento concerne le attribuzioni, la gestione e il funzionamento del Centro di

Dettagli

OBIETTIVI OPERATIVI 2014

OBIETTIVI OPERATIVI 2014 OPERATIVI 1 Sviluppare politiche di incentivazione e di supporto all'autofinanziamento e all'incremento della produzione scientifica 2 Migliorare l'organizzazione di servizi volti a promuovere la 1.Definire

Dettagli

CENTRO DI ATENEO DI DOCUMENTAZIONE REGOLAMENTO INTERNO

CENTRO DI ATENEO DI DOCUMENTAZIONE REGOLAMENTO INTERNO CENTRO DI ATENEO DI DOCUMENTAZIONE REGOLAMENTO INTERNO ART. 1 FINALITÀ ISTITUZIONALI Il (C.A.D.) coordina le strutture bibliotecarie dell Ateneo e i servizi informativi e documentali, gestisce le risorse

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO L'Università degli Studi di Perugia, per assolvere i propri fini primari quali la ricerca scientifica, il

Dettagli

Le biblioteche in Piemonte tra innovazione e trasformazione. OCP Osservatorio Culturale del Piemonte

Le biblioteche in Piemonte tra innovazione e trasformazione. OCP Osservatorio Culturale del Piemonte Le biblioteche in Piemonte tra innovazione e trasformazione Le biblioteche in Piemonte tra innovazione e trasformazione I contenuti di seguito presentati sono una sintesi delle evidenze e riflessioni emerse

Dettagli

Regolamento per il fondo di Ateneo per la ricerca scientifica

Regolamento per il fondo di Ateneo per la ricerca scientifica Regolamento per il fondo di Ateneo per la ricerca scientifica La gestione del fondo di Ateneo per la ricerca scientifica dei ricercatori e docenti strutturati si articola in quattro parti: la prima riguarda

Dettagli

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA Prot. n. 1226 IL RETTORE VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; VISTO il decreto rettorale n. 987 del 26 gennaio 2012; VISTA la delibera del Senato

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Riunione n. 27 Data: 30 marzo 2009 Ora: 10.30 Sede: del Consiglio del Rettorato Approvazione verbale Data: 29 aprile 2009

Riunione n. 27 Data: 30 marzo 2009 Ora: 10.30 Sede: del Consiglio del Rettorato Approvazione verbale Data: 29 aprile 2009 Riunione n. 27 Data: 30 marzo 2009 Ora: 10.30 Sede: del Consiglio del Rettorato Approvazione verbale Data: 29 aprile 2009 Componenti: Segretario verbalizzante: Prof. Vincenzo Naso (Presidente) Prof. Giuseppe

Dettagli

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI PARELLA Provincia di Torino ********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 35 Del 15/10/2014 Oggetto: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

AVVISO CONTENENTE LE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AVVISO CONTENENTE LE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE D.R. n. 95 del 22 marzo 2011 (modificato con D.R N. 106 del 25 marzo 2011) Il Progetto speciale Ricerca di Eccellenza - Ricercatori si propone di facilitare l'avvio, la prosecuzione o il completamento

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura

PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura LIBRIAMOCI 2015 (-2018) PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura PREMESSA La presente proposta progettuale è stata elaborata come risposta all invito

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Complessità (a cura del Dirigente - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1. Priorità (a cura dell'assessore - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1

Complessità (a cura del Dirigente - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1. Priorità (a cura dell'assessore - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1 SCHEDA OBIETTIVO - 1 : Semplificazione delle procedure di assunzione del personale Supporto alle politiche assunzionali Il processo assunzionale deve soddisfare i bisogni occupazionali dei Settori, siano

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009)

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA STRUTTURA PER L INTEGRAZIONE DEGLI STUDENTI DISABILI CARTA DEI SERVIZI (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) Art.1 - Principi e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI L'Università degli Studi del Molise, in conformità a quanto disposto

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecnologie Alimentari Classe: LM70 Sede: Potenza Indicare chi

Dettagli

Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Ferrara Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Definizioni Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

Importante, nella legge, è anche l attenzione alla valutazione degli esiti delle attività professionali dei dirigenti e dei docenti: la

Importante, nella legge, è anche l attenzione alla valutazione degli esiti delle attività professionali dei dirigenti e dei docenti: la VERBALE N. Il giorno 1 settembre dell anno 2015 (duemilaquindici), alle ore 8.30, presso la sala riunioni della sede di viale Italia 409, Sesto S.Giovanni (Mi), sotto la Presidenza del Dirigente Scolastico,

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA E COLLABORAZIONE NELL AMBITO DEI CONTROLLI SUL TERZO SETTORE PREMESSE

PROTOCOLLO DI INTESA E COLLABORAZIONE NELL AMBITO DEI CONTROLLI SUL TERZO SETTORE PREMESSE Prot. 27396 PROTOCOLLO DI INTESA E COLLABORAZIONE NELL AMBITO DEI CONTROLLI SUL TERZO SETTORE tra Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Liguria, rappresentata dal Direttore Regionale, Alberta

Dettagli

REGOLAMENTO. Servizio Biblioteca Facoltà di Agraria. Università degli Studi di Parma

REGOLAMENTO. Servizio Biblioteca Facoltà di Agraria. Università degli Studi di Parma REGOLAMENTO Servizio Biblioteca Facoltà di Agraria Università degli Studi di Parma Art. 1 La Biblioteca Facoltà di Agraria (in futuro Biblioteca Scienze degli Alimenti) si configura come Servizio di Biblioteca

Dettagli

BANDO A TEMA RESTAURO BENI MOBILI

BANDO A TEMA RESTAURO BENI MOBILI BANDO A TEMA RESTAURO BENI MOBILI Emanato ai sensi dell art. 2 let. d) del Regolamento per il perseguimento delle finalità istituzionali ed in attuazione del Documento Programmatico Previsionale 2014.

Dettagli

IL RUOLO DEL MANAGER DIDATTICO. Bruno Boniolo

IL RUOLO DEL MANAGER DIDATTICO. Bruno Boniolo IL RUOLO DEL MANAGER DIDATTICO Bruno Boniolo LE FINALITA DELLA RIFORMA Creare un sistema di studi articolato su più livelli (laurea, laurea specialistica, master, scuole di specializzazione,corsi di perfezionamento,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Ingegneria industriale afferisce alla Classe

Dettagli

Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario 2006/2008 ATTIVITÀ SVOLTA E PROSPETTIVE

Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario 2006/2008 ATTIVITÀ SVOLTA E PROSPETTIVE Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario 2006/2008 ATTIVITÀ SVOLTA E PROSPETTIVE IL RUOLO DELL OSSERVATORIO L. R. n. 33/04: la Regione avvia la riforma del sistema del diritto allo

Dettagli

SUPPORTO ALLE UNIVERSITÀ CAMPANE

SUPPORTO ALLE UNIVERSITÀ CAMPANE COMMISSIONE PER LA DIFFUSIONE E LA GESTIONE DEL SISTEMA QUALITÀ DELLA RICERCA SCIENTIFICA DELLA REGIONE CAMPANIA PROGETTO PER IL SUPPORTO ALLE UNIVERSITÀ CAMPANE NEL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE QUALITÀ

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

DGR n. 39-9947 del 14.7.2003

DGR n. 39-9947 del 14.7.2003 DGR n. 39-9947 del 14.7.2003 Individuazione della funzione di Coordinamento Regionale delle donazioni e dei prelievi. Nomina del Coordinatore Regionale delle donazioni e dei prelievi. Consolidamento funzioni

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : Storia e Civiltà Europee Classe : LM 84 Sede: Potenza, Dipartimento di Scienze Umane Primo anno accademico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

Policy di Ateneo per l accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Policy di Ateneo per l accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Policy di Ateneo per l accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Definizioni Per Università o Ateneo si intende l Università degli Studi di Trieste. Per

Dettagli

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati)

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) Doc.: PQ13 Rev.: 1 Data: 05/05/09 Pag.: 1 di 6 Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

per la progettazione e realizzazione di un sistema informativo unificato tra le biblioteche del Lazio meridionale

per la progettazione e realizzazione di un sistema informativo unificato tra le biblioteche del Lazio meridionale Protocollo d intesa fra La Provincia di Frosinone, l Università degli Studi di Cassino, l Associazione Intercomunale Biblioteche Valle del Sacco, l Associazione Bibliotecaria Intercomunale Valle dei Santi,

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

Verbale del Consiglio di Dipartimento 12 febbraio 2015

Verbale del Consiglio di Dipartimento 12 febbraio 2015 DIPARTIMENTO di GIURISPRUDENZA Verbale del Consiglio di Dipartimento 12 febbraio 2015 Il giorno giovedì 12 febbraio 2015, alle ore 11.00, presso la Sala del Consiglio, sita in via Ostiense 163, I piano,

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005)

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005) REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005) ART 1 - Istituzione dell Albo delle Associazioni Studentesche 1. Il Presente Regolamento disciplina le modalità di iscrizione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE Art. 1 Riferimenti Normativi L articolo 21 del Regolamento didattico dell Università degli

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

Prestito interbibliotecario da lunedì a venerdì 9.00 13.00 martedì e giovedì 15.00 17.00

Prestito interbibliotecario da lunedì a venerdì 9.00 13.00 martedì e giovedì 15.00 17.00 1.Principi generali La Carta dei Servizi individua tutti i servizi che il Sistema Bibliotecario di Ateneo si impegna a fornire all'utenza, ne definisce le modalità di erogazione e le norme che regolano

Dettagli

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida 13 novembre 2014 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Servizi bibliotecari di Ateneo: Carta dei servizi

Servizi bibliotecari di Ateneo: Carta dei servizi Servizi bibliotecari di Ateneo: Carta dei servizi La Carta dei servizi La Carta dei servizi precisa ciò che gli utenti possono attendersi dai Servizi bibliotecari dell Università di Bergamo e le attese

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Emanato con D.R. n. 83 del 27 febbraio 2008 Entrata in vigore 13 marzo 2008 INDICE TITOLO I - CAMPO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI n. 990 dell 1 ottobre 2015 IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 567 del 10 ottobre 1996 e successive modificazioni che

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO N.B. La presente stesura aggiorna la precedente edizione del 15 aprile 1996 rendendola omogenea al nuovo statuto Animp

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA REGOLAMENTO CENTRO DI SICUREZZA STRADALE (DISS) (Centro Universitario ai sensi dell art.6 del Regolamento per l Istituzione ed il funzionamento dei Centri Universitari,

Dettagli

Vademecum per i tirocini

Vademecum per i tirocini Vademecum per i tirocini CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN SCIENZE PEDAGOGICHE Approvato dal Consiglio di Dipartimento del 19 maggio 2015 PRESENTAZIONE E

Dettagli

Protocollo di Intesa

Protocollo di Intesa Protocollo di Intesa tra Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (di seguito denominato INPS), E Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) per la valorizzazione

Dettagli

CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING

CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno a cura dell U.O.C. Gestione Affari Generali 1 STRUMENTI DI LAVORO

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO

PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO SERVIZIO RICERCA PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO Bando per la presentazione delle richieste di finanziamento Anno 2015 FINALITÀ Lo scopo principale del finanziamento di Progetti di ricerca di Ateneo (PRAT)

Dettagli