BIMESTRALE - SPEDIZIONE IN A.P. - ART. 2 COMMA 20/C - LEGGE 662/96 - D.C.I. UD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIMESTRALE - SPEDIZIONE IN A.P. - ART. 2 COMMA 20/C - LEGGE 662/96 - D.C.I. UD"

Transcript

1 Tavagnacco Agosto-Settembre 2001 Anno II - Numero 2 periodico d informazione & dibattito BIMESTRALE - SPEDIZIONE IN A.P. - ART. 2 COMMA 20/C - LEGGE 662/96 - D.C.I. UD Tavagnacco in Serie A INDICE La 1ª squadra femminile Serie B, anno 2000/2001, U.P.C. Tavagnacco. Èstata per me una grande soddisfazione poter consegnare con una semplice cerimonia il sigillo del Comune ai dirigenti, ai tecnici, alle atlete della UPC Tavagnacco, quale segno di riconoscenza del Comune per il risultato ottenuto, per la capacità, continuità, ed entusiasmo con cui hanno saputo conquistarsi un posto nella massima divisione nazionale del calcio femminile. E questo prima di tutto un avvenimento sportivo, ma essendo stato ottenuto in uno sport che è ancora fortemente privilegio maschile è anche un segno dei passi positivi compiuti anche nella nostra comunità rispetto alle pari opportunità fra uomini e donne. Ma il significato di questo risultato può essere ancora più ampio per il nostro Comune, ed in questo modo voglio leggerlo. Un risultato di eccellenza ottenuto in uno sport, infatti, assomiglia molto all eccellenza che più di una impresa presente ed attiva a Tavagnacco ha già o sta per conquistare nel suo settore specifico di attività. Questi risultati sono altrettante occasioni dunque per far conoscere Tavagnacco, il suo territorio e la sua comunità, la sua operosità e la sua qualità di vita. pag. 2-3 Le opere pubbliche pag. 4-8 Il Cormor per tutti pag. 9, 16 Lo sport pag. 10 Informazioni sull ICI pag Dalla scuola pag. 15 Dai Gruppi Consiliari Sono veicoli che possono trasformarsi in altrettante occasioni di nuove relazioni, di nuove opportunità e di nuove sfide positive e non fini a sé stesse. Come dietro alle nostre atlete c è un numeroso vivaio di altre ragazze che praticano il calcio od altri sport, dietro ad un azienda leader c è spesso una rete di altre imprese che collaborano o la spinta a raggiungere quegli stessi traguardi. Un insegnamento positivo in sé per ognuno di noi a far bene per meritare nella comunità. Oggi questa possibilità di una squadra di Tavagnacco di poter gareggiare in Italia con altre città ben più note del nostro Comune spero venga colta anche dalle imprese locali e da tutti per quello che è, e cioè un occasione di far conoscere un paese ed una regione e quanto di meglio sappiamo fare ed offrire. Per questo la mia Amministrazione seguirà con attenzione il futuro della squadra, augurandole i migliori successi, e si adopererà per quanto nelle sue possibilità per sostenerla. Il Sindaco cav. Valerio Frezza 1

2 Il punto sulle opere pubbliche Nel settore delle opere pubbliche in questi ultimi anni vi è stato ed è tutt ora in corso un dinamismo particolare che, nonostante la complessità delle procedure che rallentano l attuazione dei progetti, ha portato un fiorire di iniziative e di cantieri in tutte le frazioni con interventi rivolti a migliorare la viabilità, potenziare le infrastrutture ed i servizi, costruire o adeguare le strutture scolastiche e sportive, a ristrutturare e/o recuperare il patrimonio immobiliare comunale, a migliorare l aspetto ed il decoro dei centri storici con interventi di recupero ed arredo urbano, a cui si aggiunge un corposo programma di manutenzioni ai fini di preservare le opere realizzate. In questi primi due anni sono stati completati quasi tutti gli interventi ideati nelle precedenti legislature ma definiti e realizzati nel secondo semestre 1999 e soprattutto nel corso del A queste si aggiungono le numerose opere programmate per l anno 2000 alcune delle quali già ultimate, altre in corso di realizzazione, altre ancora in attesa di finanziamento e quelle programmate per il 2001 gran parte delle quali è in fase di appalto. Nel 2000 e in questo primo semestre del 2001 si sono conclusi numerosi cantieri, molti dei quali interessando viabilità ed infrastrutture, hanno creato - nonostante la buona programmazione indirizzata soprattutto ad evitare l accavallarsi di più interventi in una stessa zona - inevitabili disagi al transito ed ai collegamenti. Fondamentale sotto questo aspetto è stato l operato degli uffici (lavori pubblici, manutenzioni e vigilanza) di cui posso apprezzare quotidianamente l operato e che nel limite del possibile sono sempre venuti incontro alle esigenze dei singoli cittadini. Per rendere meglio l idea di cosa sia stato fatto in questi primi due anni di governo è utile proporre un riepilogo delle opere eseguite raggruppate per settori di intervento. INTERVENTI SULLA VIABILITA Manutenzioni stradali Rifacimento manti d asfalto e segnaletica. I lavori hanno interessato : le vie S. Daniele - Chiavris - Feletto e Verdi a Colugna le vie Colugna e Cormor a Feletto la via Prà d Attimis ad Adegliacco e Madonnina a Tavagnacco Costo degli interventi Lire Marciapiedi Il progranmma d intervento ha interessato per lotti tutte le frazioni Feletto : via Cotonificio e Manzoni (lavori ultimati)- via Udine(lavori in corso) Branco : vie Roma e Leopardi ( lavori quasi ultimati) Tavagnacco : via Marconi (lavori quasi ultimati) Adegliacco - Cavalicco - Molin Nuovo: via Centrale e Dante (lavori ultimati) - via Molin Nuovo (lavori in corso) Colugna : vie S. Daniele e Battisti (lavori ultimati) costo complessivo degli interventi Lire Parcheggi lavori conclusi per il parcheggio di via Monti a Branco (n. 30 posti auto) e di via S. Antonio a Feletto (n. 54 posti auto). Lavori non appaltati in quanto la gara è andata deserta per il parcheggio di via Madonnina a Tavagnacco (n. 6 posti auto) Con la realizzazione del parcheggio di via S. Antonio il centro di Feletto è ora servito da oltre 300 posti auto che rappresentano sicuramente un sostegno importante anche per le attività commerciali. Costo complessivo degli interventi Lire INTERVENTI DI ARREDO URBANO Sono volti a riqualificare in particolare i centri storici (opere stradali - pavimentazioni - opere a verde - arredi) Lavori conclusi - Feletto : sistemazione Piazza - incrocio Ferri - via Fermi ( tra via Micca e via G. Cesare) ed arredo urbano parco Peep Lavori in fase di ultimazione - Feletto in via Fermi (tra via G. Cesare e via Buonarroti) e Tavagnacco in via Trieste Lavori in corso a Feletto in vicolo Canova ed a Tavagnacco in via Matteotti. Costo complessivo degli interventi Lire RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PATRIMONIO IMMOBILIARE Sostanzialmente riguarda due interventi nella frazione di Tavagnacco quali la ristrutturazione della ex scuola elementare (i cui lavori sono stati per diversi mesi interrotti a seguito di rescissione del contratto con l impresa aggiudicataria e di recente riappaltati) e la ristrutturazione e recupero statico dell immobile casa ex Bernardino in via Matteotti i cui lavori sono stati ultimati e per il quale si sta valutando la possibilità di vendita. Costo complessivo degli interventi lire INFRASTRUTTURE Fognature E stata data attuazione al lotto di fognature interessando le seguenti vie : 10 lotto - lavori conclusi - vie IV novembre- Menotti- Mameli-Pisacane-Micca-XXIV maggio(1 stralcio)- Fermi a Feletto e via Moisesso a Colugna 2

3 Dai Gruppi Consiliari Prospettive per Tavagnacco. Amministrare il futuro È stato approvato il Bilancio consultivo 2000 del nostro comune e già si scatenano le polemiche fra maggioranza ed alcuni gruppi di minoranza sul balletto di cifre e su come si governa un comune. Il parere di Rifondazione Comunista così come espresso in sede di votazione di bilancio, non è di sterile polemica sul balletto di cifre o su parametri finanziari (facilmente individuabili in ogni comune), bensì riteniamo che sia giunto il momento che questo nostro comune non pensi solo ad opere pubbliche costose ed appariscenti che richiedono sempre una elevata manutenzione, ma inizi veramente una politica di servizio alle persone, alla cittadinanza tutta e di tutte le età. Rifondazione Comunista da sempre ritiene fondamentale per un amministrazione comunale operare perché il Comune sia la sede dove i cittadini trovano risposte ed indicazioni per risolvere problemi di rapporto con la pubblica amministrazione e la burocrazia, incontro con le occasioni di lavoro nelle aziende del territorio comunale, consultazione ed approfondimento delle leggi normative e fiscali, punto di aggregazione sociale e culturale. In una frase il Comune al servizio del cittadino e non viceversa. In questa direzione sono stati approvati diversi ordini del giorno che impegnavano Sindaco e Giunta ad operare per realizzazioni di servizi al cittadino in sintonia con l evoluzione dei tempi e delle moderne tecnologie, ed anche per un diverso, più informato, aperto e disponibile rapporto del politico e dell amministrativo verso al popolazione. In un mondo che cambia rapidamente (molte volte non in meglio) chi resta indietro rischia l emarginazione mentre il disagio diventa il nuovo problema sociale. In un Comune come il nostro dove apparentemente i problemi di reddito dovrebbero essere residuali, si scontano sacche di povertà e difficoltà di famiglie, nonché problemi di forte disagio giovanile che unitamente ai problemi dell invecchiamento e della salute della popolazione dovrebbero impegnare gli amministratori tutti in un approfondimento su come il nostro territorio su questo versante risponde a tali tematiche. Rifondazione Comunista impegna tutta la sua attività per far sì che ci sia l attenzione dovuta da parte degli amministratori auspicando che si passi finalmente alla qualità dei servizi al cittadino così come promesso nella richiesta di voto alle elezioni comunali! Gianfranco Balzano Consigliere Comunale di Rifondazione Comunista L opinione dei cittadini vale zero! All Assemblea pubblica del 17 maggio, convocata dal Comitato di Frazione per Tavagnacco, sono intervenuti numerosissimi cittadini, tanto che la sala del CIS li conteneva a fatica. In rappresentanza dell Amministrazione comunale erano presenti il Sindaco Frezza, il Vicesindaco e Assessore all Urbanistica Vicario e l Assessore ai Lavori Pubblici Di Piazza. L Assessore Di Piazza ha illustrato i cantieri aperti nel paese di Tavagnacco (Viale Trieste, Via Marconi e via Matteotti). Non appena Di Piazza ha accennato a Via Marconi, si sono sollevate le proteste degli intervenuti, che hanno sottolineato le condizioni di pericolo prodotte dal restringimento di carreggiata, oltre alla necessità di continua manutenzione delle aiuole-bara. Sindaco e Assessori hanno spiegato di aver ricevuto un esplicita richiesta dei residenti per la sistemazione di un parcheggio fuori casa, ma i cittadini presenti all assemblea hanno immediatamente contestato, sottolineando che l allora Sindaco Urbano aveva parlato di pista ciclabile e niente altro! (Mio umile consiglio: Sindaco e Assessori, passino di là a verificare quanto pericolosa sia Via Marconi per i ragazzini che rientrano da scuola in bici e per contare quante auto siano parcheggiate fra i numerosi stalli vuoti!). Per quanto riguarda Via L. Da Vinci, una residente ha fatto notare come il manto stradale sia in condizioni pessime da anni: gli enormi platani costituiscono un pericolo in occasione di piogge e temporali e la caduta di foglie sul manto stradale é una continua minaccia per chi transita. Per quanto riguarda via Matteotti, Di Piazza ha illustrato l ipotesi dei marciapiedi su ambo i lati e del senso unico (dalla Piazza dell Ancona fino a Via Branco compresa). Tenuto conto che durante la serata Sindaco e Assessori hanno ripetuto innumerevoli volte che le scelte dell Amministrazione attuale tengono conto in primis della volontà dei cittadini, ho fatto notare come contro l istituzione del senso unico in Via Matteotti si siano mobilitati la quasi totalità dei residenti, presentando ben 3 petizioni all attenzione dell Amministrazione. Alla mia obiezione (e a quella di tutti coloro che hanno firmato!!!) l Assessore Di Piazza ha risposto che il senso unico è una questione di abitudine e che viene spesso demonizzato senza motivo. A mio parere il senso unico segnerà il progressivo isolamento della via dal resto del paese, oltre a mettere in ginocchio le poche attività commerciali che ancora sopravvivono. Non solo: l Amministrazione ha prospettato l apertura di nuovi negozi nella ristrutturata ex casa Bernardino Dulcis in fundo, quando la discussione ha cominciato ad animarsi, riportandosi sulla questione di Via Marconi, pur in presenza di mani alzate in segno di voler intervenire, il Signor Sindaco si è alzato ed ha abbandonato l aula, brontolando per la poca educazione degli intervenuti. Raffaella Zoratti Capogruppo Lega Nord 15

4 Ricerca sul lavoro femminile L assessorato alle pari opportunità del Comune ha avviato un progetto sulla condizione di lavoro delle donne, che sarà attuato in collaborazione con l Università degli studi di Udine e potrà usufruire del finanziamento della regione Friuli - Venezia Giulia. L iniziativa prevede la realizzazione di una indagine conoscitiva sugli ambienti di lavoro, alla luce delle dinamiche in atto nel mercato e del diffondersi di una nuova organizzazione imprenditoriale. Una prima fase del progetto consiste nell individuare un campione di 120 imprese, rappresentativo delle ben ditte presenti sul territorio comunale, alle quali sottoporre un questionario per rilevare l attuale situazione della forza lavoro con riferimento alla componete femminile e il bisogno future, considerando l atteggiamento nei confronti delle donne lavoratici. Una seconda parte prevede di contattare direttamente le donne residenti nel Comune, con interviste a campione, al fine di conoscere le loro esperienze lavorative, raccogliere eventuali problematiche, aspettative, motivazioni e nuove disponibilità. Partendo da queste conoscenze, sarà possibile progettare interventi formativi espressamente definiti per le donne, sia verso quelle già occupate per eventualmente riqualificarsi e migliorare la propria professionalità e posizione all interno dell azienda - sia a quelle in cerca di nuova occupazione per le quali si potranno avviare percorsi formativi rispondenti alla reali esigenze espresse dalle imprese. Si vorrebbe raggiungere anche le donne che dopo essersi dedicate all famiglia e alla crescita dei figli desiderano reinserirsi al lavoro, ma necessitano di preparazione adeguata e riqualificazione. L obbiettivo finale del progetto tenderà infatti a facilitare e a migliorare la qualità del lavoro femminile attraverso la creazione di un Centro di Orientamento e Formazione in grado di gestire e monitorare le eventuali problematiche e i vari interessi culturali emersi allo studio. L indagine vuole anche verificare alcuni aspetti cruciali del lavoro femminile, come ad esempio se le donne abbiano eguali opportunità di inserimento degli uomini e pari occasioni di carriera, o se invece pesi ancora il preconcetto culturale che le relega a ruoli subalterni; se al donna riesca a conciliare gli impegni di lavoro con la cura della casa e la crescita dei figli; quali servizi sociali per la famiglia: asili nido, scuola a tempo pieno, orari dei negozi. Questi ed altri temi, alla luce dei dati emersi dalla ricerca, saranno occasione di confronto con la popolazione per affrontare la questione femminile sempre ancora attuale. Chiara Comuzzo In collegamento al progetto suesposto, si ricorda che presso il Centro di Ascolto e Consulenza delle donne, è presente un servizio di orientamento al lavoro, che aiuta la persona a chiarire le proprie capacità e attitudini professionali, a raccogliere le proprie esperienze e orientarsi verso un lavoro a lei congeniale. Tel Spazio alla pubblicità A partire dal prossimo numero è prevista la possibilità di pubblicare su Tavagnacco: periodico di informazione e dibattito redazionali e inserti pubblicitari a pagamento. A coloro che fossero interessati ricordiamo che le copie del periodico distribuite gratuitamente a tutte le famiglie del territorio comunale sono Criteri per la concessione di spazi pubblicitari sul periodico Tavagnacco ed i suoi allegati: (estratto dalla Delibera di Giunta Comunale n. 92 del 26/03/2001) Gli spazi pubblicitari non potranno superare la misura del 25% dello spazio disponibile nel periodico; Sono ammesse solo le pubblicità compatibili con le finalità istituzionali dell ente; L adesione e la pubblicazione di eventuali offerte di sponsorizzazione è rimessa alla discrezionale ed insindacabile approvazione del Comune; In caso di richieste superiori agli spazi disponibili, hanno priorità le seguenti categorie di potenziali concessionari; Esercenti pubblici e società private con sede nel Comune di Tavagnacco; Esercenti pubblici e società private di altri comuni. Le concessioni avverranno nell ordine precedentemente stabilito per categoria e, all interno delle due categorie, in ordine cronologico di richiesta, salva diversa motivata decisione del Comune; La cura della grafica dell annuncio è a carico dell azienda richiedente; Ogni pagina del periodico Tavagnacco potrà contenere una sola inserzione, posto che non potranno essere utilizzate la prima e l ultima pagina; Per ogni numero del periodico Tavagnacco ed eventuali suoi allegati la quota di contribuzione per uno spazio pubblicitario su una pagina è stabilito in: Lit = (dimensione cm. 19x27) Lit = (dimensione cm. 19x13,5) Lit = (dimensione cm. 13,5x8,5) Le quote dovranno essere versate anticipatamente al Comune di Tavagnacco. Indirizzare le richieste a: Comune di Tavagnacco, Ufficio Segreteria, Fax oppure 14

5 11 lotto - lavori conclusi - vie Cornappo-S.Fosca-Ribis-Centrale-della Chiesa-Poliziano-Petrarca-Nievo- S.Gottardo ad Adegliacco 12 lotto - lavori conclusi al 90% - vie Dalmazia-Dolomiti-S.Paolo-Toti e XXIV maggio (2 stralcio) a Feletto costo complessivo degli interventi lire Illuminazione pubblica Conclusi i lavori del 5 lotto che ha interessato la frazione di Colugna per un importo complessivo di lire INTERVENTI SU STRUTTURE SPORTIVE Sono stati ultimati i lavori di ristrutturazione del Polisportivo di Feletto, di illuminazione dei campi sportivi di Colugna-Adegliacco e Branco, di costruzione degli spogliatoi e copertura tribune del Comunale di Tavagnacco. Costo complessivo lire PISTE CICLABILI E stata data attuazione al primo stralcio del piano generale delle piste ciclabili approvato unitamente a quello del traffico e della viabilità. Sono già ultimati i lavori di recupero del tracciato della strada di Brisions che collega Colugna a Feletto (via Latisana) Sono in fase di ultimazione i lavori di collegamento Feletto/Colugna lungo la viabilità principale ed in corso di esecuzione quelli di recupero del tracciato della strada dei Prati Lunghi all interno dell area del Cormor che permetterà il collegamento tra il Parco del Cormor e la provinciale osovana. Costo complessivo degli interventi lire INTERVENTI SU STRUTTURE SCOLASTICHE E in avanzata attuazione il programma di adeguamento impiantistico ed abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici scolastici che, sulla base degli obblighi imposti dalla legge 265/99, deve essere portato a compimento entro il In questi due anni sono stati ultimati gli interventi che hanno interessato le scuole materne di Feletto e Colugna e la scuola elementare di Adegliacco. Sono stati recentemente appaltati ed in corso di esecuzione i lavori presso la scuola elementare di Colugna ed Adegliacco (manutenzioni straordinarie). Costo complessivo degli interventi lire Sono stati sospesi i lavori di adeguamento della scuola materna di Adegliacco in quanto è in corso la progettazione (consegna progetto definitivo entro settembre ed appalti entro la fine dell anno) della nuova scuola materna il cui costo è stato stimato in lire (1.500 mil. a mutuo e 500 mil. contributo regionale). La priorità di questo intervento e la necessità di non accendere ulteriori mutui, ha richiesto la devoluzione a favore di quest opera di mutui già previsti per altri interventi la cui esecuzione è stata rinviata al Si tratta della sistemazione dell area esterna al centro sociale di Cavalicco, della realizzazione del parcheggio di Adegliacco, di una parte del completamento degli arredi della piazza di Feletto, del 2 stralcio del 3 lotto di manutenzioni stradali e 4 lotto di marciapiedi. In questi ultimi due mesi sono stati inoltre appaltati quasi tutti gli interventi inseriti nel programma delle opere dell anno 2001 ed alcuni riferiti ad esercizi precedenti a cui non era stato possibile dar corso in quanto le gare d appalto erano andate deserte o per altri impedimenti sorti in corso d opera. In particolare i seguenti lavori, per un importo complessivo pari a L : Realizzazione marciapiedi comunali (via Molin Nuovo). Manutenzione straordinaria strade comunali (via Trento, via Bolzano, via Ribis, via Volturno). Manutenzione straordinaria scuola materna di Feletto Umberto. Adeguamento antincendio scuole elementare e media di Feletto Umberto. Manutenzione straordinaria palestra di Feletto Umberto. Manutenzione straordinaria campi sportivi di Adegliacco, Feletto Umberto e Colugna. Ristrutturazione dell edificio denominato Ex scuola elementare di Tavagnacco. Sistemazione della vecchia sede municipale. Sistemazione della copertura della scuola elementare di Adegliacco. Abbattimento barriere architettoniche Scuola Elementare di Colugna. Manutenzione straordinaria degli spogliatoi dei campi sportivi di Adegliacco, Branco e Tavagnacco. Completamento della viabilità e sistemazione arredo urbano nel centro di Feletto Umberto. Certi interventi hanno sicuramente provocato opinione e dibattito e su di essi si è sentito e letto tutto ed il contrario di tutto ed ognuno probabilmente si è fatto una propria idea. Ritengo però innegabile che un programma di opere come quello affrontato in questo Comune negli ultimi anni non può arrivare a compimento se non è sorretto da una programmazione seria e da una visione completa delle cose da fare, accompagnato da una flessibilità necessaria a comprendere le priorità emergenti che si possono presentare e che inevitabilmente possono richiedere modifiche ai programmi. Questo non è sinonimo di confusione ma capacità, quando non vi sono impedimenti o vincoli normativi, di tramutare in realtà esigenze che possono provenire da ogni settore della nostra comunità. Eugenio Di Piazza Assessore ai lavori pubblici 3

6 Il Cormor per tutti Presto il passeggio pubblico (il giro ciclabile tra il verde), gli sport salutari, il sedersi lungo antichi percorsi in riva al Cormor all aria aperta non sarà solo possibile nel Parco pubblico del Cormor, noto agli Udinesi, tra lo stadio e la Fiera. Infatti grazie all iniziativa progettuale ed ad un vero e proprio programma di opere messo in essere dal Comune di Tavagnacco con contributo finanziario della Provincia di Udine, l antica Strada Consorziale dei Prati Lunghi, già pista ciclabile in esercizio lungo il Cormor in Comune di Udine, sarà recuperata, senza soluzione di continuità, anche nel territorio di Tavagnacco. I ciclisti e le passeggiate, tra nuovi filari di alberi e boschi, potranno proseguire a nord, sotto il ponte idraulico che contiene il canale Ledra e che sovrapassa il torrente Cormor, fino a Colugna e oltre tra i campi agricoli di Brisions fino al confine con il Comune di Pagnacco, presso la discarica di Brisions. L Assessorato all Ambiente del Comune di Tavagnacco si accinge ad intraprendere una complessa sequenza di interventi di risanamento e riqualificazione ambientale, attesi da anni dai cittadini, mirati al recupero del paesaggio storico della Valle del Cormor connesso con il verde pubblico urbano e le attrezzature per il tempo libero, lo svago, la didattica all aperto. Un vero e proprio piano delle attuazioni del progetto di parco urbano elaborato dall Architetto Roberto Pirzio-Biroli, approvato dalla Provincia di Udine nel 1997, con precise priorità di intervento individuate nelle aree più degradate di periferia dei centri abitati a ridosso del torrente Cormor. La complessività degli interventi è data proprio dal fatto che la localizzazione strategica degli stessi tratta sia la riqualificazione urbana delle aree periferiche di Colugna, Feletto, Branco e Tavagnacco e sia il restauro ambientale e storico-idrogeomorfologico del territorio del Cormor, con il recupero della sentieristica e viabilità rurale di interesse storico paesaggistico, migliorandone la fruibilità per gli agricoltori e al tempo stesso per il passeggio e la ciclabilità pubblica. Si tratta infatti di realizzare un sistema urbano del verde di connessione, tra centro e periferia, tra centri abitati e Valle del Cormor, inteso come insieme di aree con valore ambientale e paesistico di importanza strategica per l equilibrio ecologico delle aree urbanizzate, nonché come insieme di spazi e di infrastrutture destinati o recuperabili per le attività ricreative, culturali e sportive e del tempo libero in genere, funzionalmente integrati in un tessuto unitario e continuo. Un sistema di connesioni, di percorsi quindi, oggi degradati o in disuso, che attivino la ciclabilità e la fruizione pubblica e di conseguenza l interesse dei cittadini alla conoscenza e conservazione del paesaggio storico, tra le piazze e il verde pubblico di Colugna e di Feletto, ma anche di Tavagnacco e gli ambiti naturalistici-golenali lungo il torrente Cormor. Ed è proprio sulla base di questi obiettivi e di questa strategia attuativa del Parco Urbano in Comune di Tavagnacco e di conseguenza della realizzazione graduale del Parco intercomunale del Cormor, a partire da Tavagnacco, che si intende procedere per stralci di opere. Gli stralci di opere ora finanziate dalla stessa Provincia riguardano il recupero della Strada Consorziale di Longaris da Colugna al sottopasso in corrispondenza dell Osovana, ovvero via Milano, nonché il recupero e trasformazione, ricostruzione del tracciato storico, della Strada Consorziale dei Prati Lunghi dal confine con il Comune di Udine presso il ponte canale Ledra alla Strada del Cormor con l attraversamento di Via Colugna, fino al confine con il Comune di Pagnacco in località Brisions presso il rilevato dell incompiuta ferrovia Udine-Fontanabona-Colloredo-Buja. Ambedue i percorsi di interesse storicopaesaggistico, protetti e separati dalla viabilità automobilistica che anticamente collegavano i centri abitati dei Rizzi e del Cotonificio Udinese (ancora usati negli anni 50), alla periferia di Udine, con Tavagnacco e Pagnacco a nord di Udine, lungo la Valle del Cormor, saranno trasformati in pista ciclabile e pedonale con accessibilità anche da parte dei mezzi agricoli. Il recupero della Strada Consorziale di Longaris è stato appena completato mentre prossimo è il completamento dei lavori della Strada Consorziale dei Prati Lunghi e della Strada di Brisions. Ma il progetto definitivo ed esecutivo complessivo di questo risanamento ambientale con ristrutturazione e valorizzazione della viabilità rurale finalizzata all uso agro-ciclo-turistico-escursionistico, di cui si è attuato lo stralcio di Longaris e parte di Brisions nel quadro delle opere previste dal ParcoUrbano lungo la Valle del Cormor, riguarderà anche la qualificazione urbana, con nuovi arredi arborei, di Via Cormor e dell incrocio con Via Manzoni e la viabilità fino a Via Vittorio Veneto, a Feletto Umberto. Mentre lo stesso progetto definitivo ed esecutivo complessivo, di risanamento dell ambiente degradato dalla discarica abusiva in località Brisions, lungo il Cormor con il recupero e trasformazione in percorso ciclo-pedonale, aperto esclusivamente ai mezzi meccanici agricoli, della Strada Consorziale dei Prati Lunghi e della Strada Consorziale di Brisions, com- 4

7 Le Giornate sono alla 5ª edizione vedì e venerdì e mercoledì e siamo presente su Internet all indirizzo Telefonicamente rispondiamo allo e via ci potete contattare ad Vi aspettiamo numerosi anche solo per una partita a scacchi, siamo infatti dotati di quattro scacchiere complete di cronometri da gara, o solo per passare qualche ora in compagnia. Un gruppo partecipante alle Giornate. L Osservatorio Giovani del Comune di Tavagnacco è una realtà esistente ormai da diversi anni e vede sempre più svilupparsi con attività che coinvolgono un pubblico giovane ma non solo. Nella vasta programmazione che si è appena conclusa ricordiamo la 5ª edizione delle Giornate di Sport Cultura e Solidarietà. Un connubio fra diverse discipline sportive come basket, pallavolo, atletica ma anche appuntamenti di teatro con la compagnia dei Matiammazzo, incontri di scacchi, conferenze sul tema del giornalismo giovanile e sulla multimedialità ed ancora una serata dedicata alla musica ed alla poesia attraverso Emozioni Rock Music Festival. Accanto a tutte queste attività che hanno visto coinvolti i ragazzi delle scuole medie ed elementari del Comune di Tavagnacco e i giovani del Liceo Marinelli di Udine va ricordato che si è concluso il secondo corso di informatica per adulti e che, visto il successo riscosso, verrà riproposto in autunno. Verranno introdotte alcune migliorie e già si pensa di dare una continuazione ai corsi di base con uno avanzato dedicato maggiormente alla multimedialità ed a Internet. Sempre attivo è il laboratorio multimediale che offre oltre alla navigazione in Rete anche la possibilità di digitalizzare immagini o di realizzare piccoli filmati da inserire su supporti digitali. In fase di sperimentazione è, invece, il gruppo fotografico, che si prepara alla realizzazione di alcuni interessanti progetti e che è soprattutto alla ricerca di nuova linfa e talenti che abbiano voglia di mettersi in gioco per provare le proprie capacità tecniche ed artistiche. In programma, sempre per il prossimo autunno, troviamo un corso di fotografia nella tradizione di quelli passati ma con alcune novità che lo renderanno simile ad un laboratorio che già si annuncia molto interessante. Dove potete trovarci? L Osservatorio Giovani ha sede in Branco di Tavagnacco in via S. Francesco 41. Siamo aperti dal lunedì al venerdì nei seguenti orari: lunedì 20 22, martedì, giosmissione radiofonica realizzata dalla classe quinta con Onde Furlane e sponsorizzate dal Comune di Tavagnacco per la valorizzazione della lingua friulana. Il Corriere della bellezza, un giornale realizzato dagli alunni di classe quinta che ha vinto un premio giornalistico del Corriere della sera facendo conoscere la storia e la bellezza dell antica chiesetta di Cavalicco. Questo prezioso monumento del Comune di Tavagnacco verrà così inserito nel sito Internet F.A.I. come bene comune ambientale. La scuola inoltre ha ricevuto in premio una enciclopedia multimediale in otto CD. Il libro animato La frutticoltura e i suoi prodotti realizzato dalle classi 3ª 4ª 5ª ha vinto il primo premio per le classi del secondo ciclo elementare del Concorso organizzato dall Associazione coltivatori diretti e ha fatto guadagnare un bel numero di libri nuovissimi per la biblioteca della scuola. La soddisfazione degli alunni è stata grande nell essere stati protagonisti di tante attività e progetti, nel notare l interesse dei genitori e degli ospiti della mostra, nel veder riconosciuti, con i premi ricevuti, il loro impegno, la creatività e l interesse per le problematiche dell ambiente della cultura e della tradizione del loro paese. 13

8 Dalla scuola SEMPRE PIÚ INTENSI I RAPPORTI FRA SCUOLA E TERRITORIO Il bilancio dell anno scolastico che coinvolge l istituto comprensivo di Tavagnacco ed il Comune è estremamente positivo; molte sono state le attività realizzate in collaborazione. Il Progetto Ambiente ha interessato i docenti, che hanno partecipato ad un corso finalizzato alle conoscenze necessarie per la salvaguardia del territorio ed ha fornito loro spunti per alcune attività didattiche. I prodotti degli alunni saranno esposti in una mostra presso l Auditorium di Feletto e stampati con il contributo del Comune. La giornata di Sport, cultura e solidarietà ha anche quest anno, unito gli studenti dell istituto Comprensivo. In collaborazione con l Osservatorio Giovani, per festeggiare la fine dell anno scolastico, è stata organizzata una caccia al tesoro per rinforzare il percorso educativo svolto nell ambito della solidarietà. Il gioco ha visto coinvolti anche alcuni commercianti che svolgono l attività nel Il film Mandi, realizzato dalle Scuole elementari di Tavagnacco centro di Feletto. All interno del progetto Strada amica, la Polizia Urbana del Comune di Tavagnacco ha collaborato con gli insegnanti per instillare nei bambini una conoscenza delle regole del traffico che diventi parte del integrante del loro modo di vivere. La classe V della Scuola Elementare di Adegliacco in visita a Radio Onde Furlane. Le scuole dell Istituto Comprensivo di Tavagnacco, pur conservando il proprio ruolo specifico e primario dell educazione-istruzione dei ragazzi, fondendo fantasia e tecnologia diventano sempre più visibili aprendosi al territorio. Chiunque percorra la via Battisti di Colugna può godere del murale realizzato dai bambini della Scuola dell Infanzia, che ad uno sguardo attento, lancia un messaggio importante: Ognuno di noi rappresenta una parte speciale, che acquista maggior valore insieme agli altri. Giocare per imparare a nutrirsi bene? Si può! Digita e scoprirai il modo progettato dagli alunni della scuola elementare di Colugna. Nella mostra allestita nei locali della scuola elementare di Adegliacco, i lavori realizzati dagli alunni informano i visitatori sui progetti che hanno guidato l attività scolastica. Questi sono solo alcuni esempi di quella che si può definire la fucina di progettualità ed attuazione dell Istituto Comprensivo di Tavagnacco, che ha sfruttato la verticalizzazione (scuola dell Infanzia-Elementare-Media) mantenendo differenze e peculiarità per stabilire una linea di continuità. Le insegnanti referenti del Progetto Continuità ADEGLIACCO: VISITANDO LA MOSTRA SCOPRO, CONOSCO, IMPARO COSÌ Il murales di Colugna. I ragazzi della scuola elementare di Adegliacco hanno concluso un hanno scolastico di grande impegno e ricco di esperienze. I lavori e i risultati scaturiti dai diversi Progetti didattici (come quello dell ambiente e dell intercultura) sono stati esposti in una Mostra finale aperta al pubblico. I ragazzi stessi hanno fatto da guida ai visitatori spiegando tra l altro alcuni elaborati piuttosto impegnativi e di particolare importanza: il CD intitolato Partî e rivâ, emigrazion intai nestris paîs frutto di una ricerca e di una tra- 12

9 Tutti contrari alla diga sul Cormor A nche alla luce dei progetti qui descritti per la valorizzazione e l utilizzo dell area del Cormor, ancora più inspiegabile è apparsa la notizia quasi un fulmine a ciel sereno di un progetto, con relativi fondi statali per realizzarlo, per la messa in sicurezza del torrente Cormor che consiste nella costruzione di uno sbarramento artificiale a nord di Colugna finalizzato a trattenere fino a 3 milioni di metri cubi d acqua, duplicato da un analogo intervento, questo per 2 milioni di metri cubi di capacità, nel Comune di Pagnacco, in località Fontanabona. Si tratta di un intervento che può snaturare l area, impedire il recupero permanente della stessa, ostacolare le attività agricole. E, soprattutto, di un intenzione mai presentata ufficialmente ai Comuni coinvolti, tantomeno alle popolazioni. Per questo, lo scorso 18 aprile il Consiglio comunale di Tavagnacco ha approvato all unanimità un Ordine del giorno che pubblichiamo integralmente, ma che ancora, a tre mesi di distanza, non ha avuto risposte positive dalla Regione. L Amministrazione Comunale di Tavagnacco Venuta a conoscenza dai media della decisione della Amministrazione Regionale di voler realizzare nell alveo del torrente Cormor degli sbarramenti atti a formare bacini artificiali aventi lo scopo di calmierare le portate a valle degli sbarramenti in occasione di eventi meteorologici consistenti. Fatta salva la sensibilità di questa Amministrazione nei confronti delle popolazioni a rischio di esondazione e la coerente disponibilità a valutare interventi nel proprio territorio atti alla messa in sicurezza del torrente Cormor. Carreggiata strada consortile longaris. Il Consiglio Comunale Rilevando la mancata e dovuta informazione preventiva e il coinvolgimento di tutti i Comuni interessati, fa voti affinché l Amministrazione Regionale predisponga un piano integrato del bacino del Cormor quale elemento fondamentale per l individuazione degli interventi a salvaguardia dei Comuni rivieraschi e insieme alle amministrazioni interessate riesamini le soluzioni progettuali sin qui perseguite illustrando in particolare a questo e a tutti i Comuni rivieraschi: Il percorso progettuale, sotto il profilo tecnico-economico, che ha portato all ipotesi attuale scartando altri tipi di intervento che interessino l intero percorso del Torrente; Quali siano le tecniche costruttive-funzionali, le condizioni ed i relativi costi di esercizio dell opera, atte a garantire l incolumità della popolazione sia da danni accidentali all opera statica sia quelli derivanti dall inquinamento del materiale di riporto che ristagna dopo gli eventi meteorologici; Quali siano le azioni di salvaguardia del territorio destinato all invaso anche in considerazione delle azioni di qualificazione che codesta Amministrazione Comunale ha tuttora in atto e sta progettando con altri Comuni e la Provincia; Quali siano le politiche ambientali mirate e risolutive che parallelamente saranno mese in atto dall Amministrazione Regionale, al fine di evitare il ricorso ad interventi di risanamento di questa portata. Il Presidente pone ai voti l ordine del giorno predisposto dai capigruppo che viene approvato all unanimità. prenderà anche il raccordo a nord con la futura pista ciclabile che il Comune di Pagnacco, realizzerà con contributo della Provincia, sull indotto dell incompiuta ferrovia Udine-Buja, per il tratto fino al Castello di Fontanabona, nonché il raccordo a Sud con la pista ciclabile, sulla stessa antica Strada Consorziale, nel Parco Pubblico del Cormor in Comune di Udine; quest ultimo raccordo viabilistico ciclo-pedonale verrà realizzato recuperando l attuale sentiero e carrareccia impropriamente denominata in catasto Strada vicinale del Ponte Cormor. In corso di lavori è previsto, per quest opera di recupero, anche il restauro del bosco ripariale della ripa destra del torrente Cormor, mediante intervento di ripulitura delle specie arbustive invadenti e successivo rinfoltimento con le specie forestali tipiche del querco-carpineto. Chiara Comuzzo Assessore all ambiente 5

10 I conti in tasca al Comune Il Consiglio Comunale di Tavagnacco ha approvato nei primi giorni di luglio il rendiconto alla gestione dell'esercizio In questa seduta si è parlato dell'avanzo di amministrazione, dato estremamente importante e rappresentativo del "risparmio" che l'amministrazione comunale ha realizzato nel corso del 2000 e sono state individuate, in linea di massima, le modalità di utilizzo di queste risorse di carattere straordinario. I risultati contabili evidenziano infatti un "risparmio" di L , dei quali L derivano dalle gestioni degli anni passati (1999 e precedenti) e L dall'esercizio Parte di queste risorse ha, sin d'ora, per legge, una destinazione vincolata, nel senso che potrà essere utilizzata solo per spese aventi una particolare natura, mentre la differenza, pari a circa 500 milioni, è a destinazione libera. Al raggiungimento di tale risultato hanno concorso da un lato le maggiori entrate e dall'altro le minori spese. Per quanto riguarda le entrate, particolare importanza assumono le entrate tributarie che, complessivamente, sono state pari a L derivanti principalmente da ICI per L , dalla tassa rifiuti per L , dall'addizionale comunale all'irpef per L e dall'imposta di pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni per L Per quanto riguarda l'ici, la scelta dell'amministrazione è stata quella di esonerare dal pagamento dell'imposta una consistente percentuale dei proprietari della prima casa, mantenendo al minimo del 4 per mille l'aliquota sulle abitazioni principali e sui terreni agricoli ed elevando la detrazione sulla prima casa fino a L Si evidenzia che ad oggi solo pochi comuni in tutta Italia, meno di duecento su ottomila, hanno mantenuto l'aliquota sulla prima casa al minimo di legge. Si è stabilito invece l'applicazione di un'aliquota del 6 per mille per gli altri fabbricati e per i terreni edificabili. Una considerazione va fatta sull'aumento tariffario della Tarsu (tassa sullo smaltimento rifiuti solidi urbani) che nell'anno 2000 è stato del 25% rispetto al 1997, portando a L la tariffa al metro quadro per le abitazioni. Tale incremento è principalmente motivato dall'aumento del costo sostenuto dall'amministrazione per il servizio. Basti pensare che il solo costo del servizio di raccolta e smaltimento è stato di L , a cui si aggiungono gli altri oneri indiretti, quali gli ammortamenti dei beni ed i costi del personale. La copertura del costo globale del servizio a carico della cittadinanza consente di avvicinarsi in maniera graduale all'obbligo di copertura integrale dei costi del servizio imposto dal legislatore e che ci permetterà la trasformazione della tassa in tariffa. Le entrate cosiddette "extratributarie", ossia quelle derivanti da erogazione di servizi istituzionali e di servizi a domanda individuale, sono state complessivamente di L Di poco rilievo sono stati i proventi dei beni patrimoniali dell'ente (L da fitti e concessioni) e poco significativi in rapporto alla dimensione dell'attività dell'ente le entrate di L da interessi attivi sul conto corrente bancario di tesoreria. I costi della gestione corrente sono stati complessivamente di L , dei quali L riguardano il personale, L l'acquisto di beni e le prestazioni di servizi, L i contributi e trasferimenti ai privati (soprattutto nel settore assistenziale), L le rate di ammortamento dei mutui. La dimensione delle spese, rapportabile a quella di un'azienda privata di medie dimensioni, deve essere analizzata anche in funzione della "capacità di spesa" raggiunta e dalla struttura. Essa risulta particolarmente elevata nella nostra realtà operativa, tanto che delle somme messe a disposizione degli uffici per la gestione delle spese correnti, ne sono state impegnate ed utilizzate oltre il 97%. Per quanto riguarda invece il settore degli investimenti, nel corso del 2000, oltre all'avanzamento di opere iniziate negli anni precedenti, ne sono state programmate di nuove per complessivi L , finanziate per il 70% con mutui per il 18% con contributi regionali e per il 12% con oneri di urbanizzazione. L'ente nell'anno 2000 ha conseguito i massimi obiettivi previsti nel "Patto di Stabilità ", quale concorso delle autonomie locali al raggiungimento degli obblighi comunitari alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica. In poche parole, il rispetto del massimo obiettivo del patto di stabilità, comporterà per l'ente il beneficio della riduzione di un punto percentuale dei tassi di interesse sui mutui accesi con la Cassa DDPP (il principale istituto di finanziamento dei Comuni), che tradotto in termini monetari, significa un risparmio annuo veramente consistente per il nostro comune. I risultati del conto consuntivo 2000, evidenziano un comune strutturalmente sano, che sta operando in maniera dinamica, offrendo molti servizi alla collettività e che negli ultimi anni ha investito molto nel settore delle opere pubbliche, per garantire ai cittadini migliori servizi ed una conseguente elevazione del livello qualitativo di vita. Tutti questi lavori e queste opere hanno sicuramente provocato qualche disagio alla viabilità e alla cittadinanza. Il tutto è stato però pensato e realizzato per migliorare il nostro Comune, per evitare che lo stesso diventi un dormitorio, per renderlo vivo. Ci pare che i risultati siano incoraggianti. Antonino Nazzi 6

11 Tassa rifiuti 2000 Costi, recupero dell evasione e raccolta differenziata. Nello scorso mese di febbraio, l esattoria ha recapitato ai cittadini del Comune di Tavagnacco le cartelle per il pagamento della tassa di smaltimento dei rifiuti per l anno 2000; alcuni hanno lamentato, anche intervenendo presso gli uffici, l eccessivo costo rispetto all anno precedente (1999). L Amministrazione ha forse mancato per non aver dato, nelle forme più idonee, tutte le opportune informazioni relativamente a questa tassa. Quindi, pur se in ritardo, riteniamo opportuno fornire oggi ogni utile spiegazioni in merito. Va preliminarmente osservato che, la così detta Tassa sulle immondizie, costituisce il corrispettivo che ogni famiglia paga per il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, compreso, verde e ramaglie, ingombranti, differenziata, ecc. Nel passato una parte del costo veniva coperto dalle imposte generali versate dai cittadini per il funzionamento del Comune. Nuove leggi statali hanno però imposto che il costo del servizio debba essere coperto da una specifica tassa, fino alla totale copertura della spesa. Quindi, se da un lato vi è il preciso obbligo di legge in base al quale la tassa per i rifiuti non deve mai superare il costo del servizio, dall altro però vi è l altrettanto preciso obbligo di legge che impone di coprire il costo del servizio sostenuto dal Comune con la tassa. Nel Comune di Tavagnacco, a seguito di gara d appalto a livello comunitario, il servizio è stato affidato, nel 1997, alla Ditta SNUA di Pordenone ad un prezzo di circa unmiliardoecinquecentomilioni ( =) annui. Quindi, a partire dal bilancio 1998, il costo del servizio passa da meno di un miliardo a un miliardo e cinquecentomilioni. Rispetto al precedente contratto, che risale al 1994, il costo del servizio aumentava così di oltre il 30%, sia a causa del progressivo aumento della quantità dei rifiuti prodotti, ma soprattutto, per il continuo aumento dei costi per lo smaltimento in discarica. Tali costi sono divenuti sempre più pesanti e le amministrazioni comunali non hanno alcuna possibilità di incidere su di essi. L importo della tassa sullo smaltimento dei rifiuti per il nostro, come per tutti gli altri Comuni, non rappresenta una scelta, ma diventa sempre di più una semplice operazione matematica in base alla quale il costo del servizio, diviso per i metri quadrati di superficie imponibile (perché questa è ancora la base di calcolo), ci dà la tariffa per metro quadrato, che attualmente per le civili abitazioni è di L =. Sembrerebbe quindi tutto lineare e semplice se non fosse che, anche per attutire l impatto del aumentare dei costi, l Amministrazione ha cercato di intervenire per individuare tutte le superfici non dichiarate, o a causa di evasione vera e propria o per imprecise informazioni fornite dal Comune, recuperando così circa un miliardo di lire relativamente alle annate Questa entrata straordinaria è stata poi utilizzata per applicare tariffe ridotte negli anni 1998 e 1999, anni nei quali i cittadini hanno pagato una tariffa che corrisponde a meno della metà del costo del servizio e precisamente L. 715.= e L. 851.= al metro quadrato anziché L =. Naturalmente, esaurito questo beneficio contingente, che aveva lo scopo di restituire all intera collettività e interamente le somme incassate in via straordinaria a seguito dell accertamento, a partire dall anno 2000 si è ritornati alla tariffa normale di L = che è quella necessaria e sufficiente a coprire il costo del servizio reso. Tale tariffa è assolutamente in linea con quelle applicate in ogni altro Comune, dove gli introiti sono sufficienti a coprire i costi, a fronte di un servizio che viene giudicato buono. Per ultimo, pare opportuno spendere alcune parole sulla raccolta differenziata. Indipendentemente dagli obblighi imposti ai Comuni da parte del legislatore nazionale, gli sforzi compiuti dall Amministrazione di Tavagnacco verso la raccolta differenziata, sono finalizzati al contenimento dei costi in un prossimo futuro, tenuto conto del fatto che differenziare significa soprattutto riutilizzare una parte dei rifiuti, limitando quelli che vanno in discarica ma significa soprattutto andare incontro a un interesse più generale e più nobile della collettività che è l interesse alla salute e alla qualità della vita. E una dimostrazione di civiltà e di responsabilità da parte della nostra generazione, nei confronti di quelle future. Per rendere la raccolta differenziata in prospettiva anche un fattore di minor spesa, infine, il Comune si è attivato, insieme ai comuni di Trieste, Udine e San Giovanni al Natisone, coinvolgendo inoltre alcune Province e la Regione, per un Contratto di programma finalizzato proprio al riuso e al riutilizzo economico dei rifiuti. 11

12 Si può autoliquidare l ICI Una possibilità per i cittadini entro il 31 ottobre: autoliquidare l ici evasa degli anni L amministrazione comunale ha approvato nella seduta consiliare del 21/05/2001 un ordine del giorno riguardante le operazioni di recupero dell evasione ICI degli anni , quale proseguio dell attività iniziata precedentemente sulle annualità di imposta In tale atto di indirizzo è prevista una operazione di carattere transitorio e straordinario, che consiste nella possibilità offerta ai contribuenti di calcolare in maniera autonoma l ICI evasa delle tre annualità indicate ( ) e di pagare in autoliquidazione la maggiore imposta dovuta con gli interessi maturati, senza applicazione di sanzioni. Questa è una procedura assolutamente facoltativa da parte del contribuente e si pone in alternativa alle operazioni di recupero ordinarie, consistenti nell emissione di un avviso di accertamento da parte del comune e nell obbligo di pagamento da parte del contribuente entro i termini indicati nell atto stesso. Questa operazione risponde ad un espressa volontà dell amministrazione di offrire un incentivo ai cittadini perché provvedano a regolarizzare la posizione contributiva nel modo più semplice e rapido possibile, senza far gravare su di loro i costi di un ordinaria procedura di accertamento tributario. Il vantaggio immediato per i cittadini è senz altro l esonero dal pagamento delle sanzioni. Queste ultime, infatti, incidono in maniera pesante sul totale delle somma da versare, arrivando talvolta al 70% dell imposta evasa. Si ricorda, tuttavia, che tale disposizione è transitoria, essendo fissato quale termine ultimo per il pagamento in autoliquidazione, il 31 ottobre Decorso suddetto termine, infatti, gli uffici procederanno al recupero dell imposta evasa secondo le ordinarie procedure. Gli uffici comunali si sono attivati per collaborare con i cittadini nella determinazione dell importo da versare. Sono in distribuzione i modelli per il calcolo dell imposta evasa e degli interessi ed i bollettini di versamento (bollettini blu). Chi intende avvalersi di questa procedura, dovrà restituire al comune (presso l ufficio protocollo) la comunicazione e la copia della ricevuta di versamento. Per ogni informazione l Ufficio Tributi del comune è a disposizione nei seguenti orari: lun-mer e mar. gio. ven , tel /323. Alcune informazioni sugli accertamenti dell ICI per gli anni A seguito delle operazioni di accertamento tributario riguardanti l imposta comunale sugli immobili (ICI), riferite alle annualità sulle aree e sui fabbricati, sono stati notificati numerosi avvisi di accertamento e di liquidazione. Alcuni contribuenti hanno ricevuto, in un successivo momento, un atto di rettifica degli avvisi stessi, dove venivano parzialmente corretti gli importi accertati ed eventualmente anche le sanzioni e gli interessi applicati. Gli uffici comunali hanno riscontrato da parte dei contribuenti destinatari degli accertamenti alcune perplessità e dubbi. Si ritiene pertanto di fornire in estrema sintesi i chiarimenti alle domande che più frequentemente sono state sottoposte: L ufficio incaricato al ricevimento del pubblico e a fornire delucidazioni sugli accertamenti è l Ufficio Censimento Immobili, situato al primo piano della ex sede municipale (Piazza Indipendenza 1 a Feletto). L ordinario termine di pagamento delle somme accertate e riportate sui singoli avvisi di accertamento è di 90 giorni. Esso decorre dalla data della notifica dell atto di accertamento o di liquidazione. Qualora nell avviso siano previste le sanzioni ridotte a un quarto, i termini di versamento con le sanzioni ridotte, sono di 60 giorni dalla notifica dell avviso di accertamento. I termini per proporre un eventuale ricorso contro il Comune presso la Commissione Tributaria Provinciale di Udine sono di 60 giorni dalla notifica dell avviso stesso. L eventuale ricorso non sospende il pagamento delle somme accertate, a meno che la sospensione del pagamento sia espressamente richiesta da ricorrente al giudice tributario e quest ultimo, con proprio atto, accolga tale richiesta, in attesa dell esito del ricorso. Qualora il contribuente riceva un atto di rettifica dell avviso precedentemente notificato, i termini di pagamento (60 o 90 giorni) ricominciano a decorrere dalla data del ricevimento dell atto di rettifica. Tenuto conto che ad alcuni contribuenti sono stati recentemente notificati gli avvisi di accertamento o gli atti di rettifica degli avvisi, è possibile che i 60 o 90 giorni rientrino nel cosiddetto periodo di sospensione per ferie. I termini di pagamento non sono infatti calcolati durante il periodo dal 01/08 al 15/09 e ricominciano a decorrere dal 16/09 dell anno in corso. Gli uffici invitano i contribuenti a rispettare i termini sopra indicati, in quanto, decorsi gli stessi, essi dovranno predisporre i ruoli coattivi, iscrivendo a ruolo tutti coloro che non risultano aver effettuato il pagamento. 10

13 Una convenzione per i cittadini Con il mese di luglio è diventata operativa una convenzione tra il Comune di Tavagnacco e la sezione di Feletto dell Associazione Nazionale Carabinieri che prevede un servizio di pubblico interesse per la sorveglianza e la custodia su beni, edifici ed aree comunali, nonché lo svolgimento di compiti di assistenza viabilistica. Si è così concluso positivamente un approfondito lavoro che ha riguardato anche i Comuni di Reana e di Pagnacco, ai quali l esperienza che si avvia nel nostro Comune sarà progressivamente estesa se avrà buon esito, e che ha visto anche il coinvolgimento del Comitato provinciale per la sicurezza e l ordine pubblico, per definire al meglio sia sul piano della legittimità che su quello della operatività concreta il ruolo che l associazionismo e il volontariato qualificato può assumere su questi temi. Il servizio previsto dalla convenzione riguarda diversi aspetti. La sorveglianza e la custodia su beni, edifici aree o luoghi del territorio comunale individuati come sensibili dall Amministrazione comunale con lo scopo di un azione preventiva a garanzia del rispetto delle regole di civile convivenza, e per assicurare alla comunità la corretta fruizione del patrimonio e delle aree pubbliche. Tali spazi sono le aree verdi ed i parchi pubblici, l area del parco del Cormor, l area delle piazze di Feletto e Molin Nuovo, le aree delle palestre, degli impianti sportivi e dei plessi scolastici, le aree cimiteriali e degli edifici di culto. Inoltre il servizio può comprendere la vigilanza all esterno delle scuole all entrata e all uscita, e in occasione di cerimonie, manifestazioni sportive e festeggiamenti per l assistenza viabilistica ai fini della sicurezza delle persone. I volontari dell Associazione Carabinieri (che raccoglie sia persone in quiescenza che chi ha prestato servizio militare a vario titolo nell Arma) che saranno comunque riconoscibili essendo dotati del bracciale e del berretto dell Associazione, non hanno compiti che restano propri ed esclusivi dei diversi Corpi di polizia (Polizia Comunale, Carabinieri o Polizia di Stato in particolare). La loro funzione, che viene esercitata sulla base di indicazioni e di prescrizioni operative fornite dall Amministrazione comunale per il tramite della Polizia comunale, sarà quella di intervenire, d iniziativa o su segnalazione, prendendo nota di danni arrecati al patrimonio, di situazioni di pericolo, richiamando l attenzione delle persone al rispetto dei comportamenti prescritti da regolamenti ed ordinanze, segnalando alle autorità competenti fatti e situazioni che richiedano interventi urgenti. L attività avverrà sulla base di programmi quindicinali, seguita da rapporti scritti alla Polizia comunale. Questa iniziativa è stata voluta ritenendo di dare uno strumento in più alla nostra comunità per poter fruire liberamente e con sicurezza di aree del territorio comunali che sono di tutti, nelle quali il Comune spende soldi pubblici per nuovi arredi, per manutenzioni, per giochi e servizi che troppo spesso sono oggetto di vandalismo. Per dare qualche cifra di riferimento nel solo 1999 il Comune ha speso 45 milioni per riparare danni e alcune aree hanno richiesto ulteriori spese non strettamente necessarie per garantire protezione. Un ulteriore passaggio quindi per dare qualità alla convivenza civile nella nostra comunità, intervenendo nell ambito dei poteri del Comune su un terreno delicato come quello della sicurezza. Inoltre l attività volontaria dell Associazione, avvenendo in stretta sintonia con la Polizia comunale, consentirà a quest ultima, alla Stazione dei Carabinieri ed alle altre forze di polizia di meglio dedicarsi ai propri diversi compiti d istituto. Questa attività sperimentale, che ci si augura venga compresa e coadiuvata dai cittadini e abbia continuità, si è resa possibile in particolare grazie alla disponibilità ed alla volontà dimostrata, in rappresentanza di tutti gli associati, dal cav. Amedeo Picci e dal sig. Francesco Galfano che si sono succeduti nel corso della preparazione di questo progetto alla Presidenza della sezione di Feletto, ed al lavoro di coordinamento del Comandante della nostra Polizia comunale dott. Mauro Floreancig. Elia Mioni Assessore alla sanità e assistenza 7

14 Torna il mercato di Feletto Da alcune settimane i commercianti ambulanti hanno ripreso a dar vita al mercato di Feletto nella sua sede appropriata di piazza Libertà e delle vie Udine e Feruglio. E il segno più evidente che i lavori di ristrutturazione della piazza e delle vie adiacenti stanno ormai per finire e che una delle più significative opere pubbliche del Comune, voluta dalla passata Amministrazione di Stefano Urbano e portata a compimento dalla Giunta attuale, sta cominciando a dare i suoi frutti. E naturale che attorno a quest opera vi siano state discussioni e polemiche, su aspetti generali o di mero dettaglio, perché senza esagerare questo intervento è di carattere strutturale nel tessuto di Feletto e del Comune, e va letto considerando l intera evoluzione del territorio. E un intervento che si propone di ridare identità, baricentro e qualità al Comune, essendo necessario un riequilibrio rispetto alla veloce ristrutturazione dell area che si affaccia all ex strada Pontebbana dove la presenza di sempre più qualificate strutture commerciali, di attività industriali, artigianali e di servizi, rischia di annullare le frazioni anche dal punto di vista delle attività oltrechè delle abitudini degli abitanti del Comune. Da questo punto di vista la scelta operata dalle due Amministrazioni citate costituisce non solo un forte intervento progettuale, finanziario e tecnico ma realizza un punto fermo nella struttura urbana, destinato a segnare il futuro. Ciò è determinato dalla qualità dell intervento come idea, come rispetto ed integrazione dell area verde della villa Tinin, come materiali utilizzati, ma è anche determinato dal fatto che non si tratta di un intervento isolato. Lo dimostrano la realizzazione di numerose aree di parcheggio ben distribuite, ultima in fase di finale realizzazione quella di via S. Antonio, che possono consentire una veloce turnazione dei posti sosta nella piazza vera e propria e consentono distanze brevi, agevolmente percorribili a piedi, fra l auto e qualsiasi esercizio commerciale o ufficio nel centro di Feletto. Lo dimostrano, inoltre, le intenzioni di recuperare per quanto possibile anche la dimensione storica del centro presente in più di una ristrutturazione e recupero edilizio attuato dai privati, rispetto alle quali il Comune ha sollecitato l utilizzo di contributi regionali. Lo dimostra la stessa realizzazione del nuovo Municipio e il completamento di questo disegno è alle porte con l avvio, per ora solo amministrativo ma ormai alla partenza, del recupero dell area ex Mesaglio che allargherà il perimetro di un centro urbano rinnovato, in cui aree verdi, parcheggi, residenze e servizi saranno presenti in modo equilibrato. Non stupisce quindi che fra i cittadini vi sia dibattito, poiché sta cambiando concretamente e fortemente il volto di Feletto e del Comune, e si tratta di accompagnare il suo assestamento definitivo. Di questo contesto fanno parte sia i confronti sui sensi unici, che le osservazioni su aspetti non pienamente soddisfacenti del nuovo arredo, le ristrutturazioni di alcune attività commerciali, la ricerca di nuove opportunità e sedi per questo o quel servizio pubblico. Ciò che conta nel prossimo futuro è che la decisione politica ed amministrativa di questo intervento strutturale sia ancora vissuta dai cittadini come un fatto che li riguarda e li coinvolge, come uno scenario vivo nel quale ed attorno al quale si dispiega la vita economica, sociale e culturale della comunità. Non si tratta solo degli eventi sportivi, associativi e del tempo libero che in queste settimane animano la piazza, ma si tratta di un senso civico che va conquistato e che può assumere tante forme. Dal richiamo al mezzo pesante che inopportunamente transita dove non dovrebbe danneggiando il selciato, all attenzione ad un corretto parcheggio, da una libertà e tranquillità di fruizione delle aree verdi per anziani e bambini prevenendo vandalismi o inciviltà, alla partecipazione ad un lavoro di manutenzione che si annuncia costante e necessario e per il quale la forma migliore può essere quella di modi di collaborazione fra il Comune ed i privati (cittadini, associazioni o imprese che siano). La piazza oggi è più che mai il luogo dei cittadini per eccellenza. 8

15 Memorial per Irene ed Adriano Afine maggio la palestra di Adegliacco ha ospitato un meeting di pallavolo femminile che non è stato solo un avvenimento sportivo coinvolgente, come altri che si sono svolti nel Comune recentemente. Questo 1 meeting internazionale, che ha visto un triangolare fra licei di Villaco, Nova Gorica e Udine oltre a diversi altri incontri che hanno visto impegnate le ragazze della A.S. Kennedy di Adegliacco, aveva un motivo in più, profondamente legato alla società, alle persone che la animano, allo sport come fatto non solo tecnico o agonistico ma anche come occasione di incontro, impegno sociale, relazione umana. Con questo impegnativo appuntamento infatti la società ha voluto di nuovo testimoniare l affetto e la stima profondi che Irene Baldissera e Adriano Ribis hanno lasciato come loro ricordo. Due improvvise tragedie che hanno segnato le famiglie ma anche la società che è stata tanta parte delle loro vite. Ed è per questo, come ha scritto il Presidente Livio La Naia che ha guidato l associazione Un momento della premiazione. fino alla realizzazione di questo meeting, che sono stati i genitori di Irene, Serena e Marco, e la moglie di Adriano, Fausta, i primi ed i più convinti ad insistere sulla necessità di proseguire il cammino avviato più di trent anni fa dalla Kennedy. I risultati delle giornate, la partecipazione di pubblico, gli aspetti sportivi, il nuovo logo dell associazione hanno dato loro ragione e daranno certamente continuità. Il nuovo regolamento per il servizio di trasporto scolastico Il Consiglio Comunale nella seduta del 25 luglio ha approvato un nuovo Regolamento comunale che disciplina l utilizzo degli scuolabus. Molte le novità introdotte nel servizio di trasporto scolastico, rivolto a tutti gli alunni di scuola media e a quelli della scuola elementare residenti in frazioni prive di struttura scolastica, tutte finalizzate a garantire una maggior sicurezza ai bambini ed alle famiglie. Ecco le principali novità: - I genitori dovranno accompagnare e riprendere il figlio, personalmente o con altra persona di età idonea appositamente delegata, alla fermata indicata e nell orario stabilito. In casi di necessità, gli alunni della quarta e quinta elementare e delle scuole medie, preventivamente autorizzati, in considerazione del loro maggior grado di maturità ed autonomia, potranno essere lasciati alle fermate senza che sia richiesta la presenza del genitore o di altra persona autorizzata. - Viene istituito un servizio di accompagnamento degli alunni sugli autobus. Gli accompagnatori avranno funzioni di sorveglianza sui mezzi di trasporto e di cura delle operazioni di salita e discesa. In particolare, accerteranno la presenza degli adulti autorizzati alla fermata stabilita nel momento in cui riconsegnano il minore al genitore o ad altro adulto. - I percorsi, le fermate e gli orari saranno stabiliti dalla Giunta Comunale, tenendo presente la sicurezza e le condizioni di viabilità e saranno trasmessi alle famiglie. - Sarà necessario iscriversi al servizio e verrà rilasciato un tesserino di identificazione. Prima dell'inizio dell'anno scolastico l'ufficio Istruzione del Comune trasmetterà alle famiglie un estratto del nuovo regolamento e i moduli per l'iscrizione al servizio, che potranno essere riconsegnati all'istituto comprensivo nei primi giorni di scuola. Inizialmente, fino al perfezionamento delle iscrizioni e al rilascio delle tessere di riconoscimento, il servizio, che viene svolto gratuitamente, proseguirà secondo le modalità dello scorso anno. 9

16 UPC Tavagnacco l avventura continua Quando, cinque anni fa, all interno della UPC Tavagnacco nasceva un settore giovanile femminile nessuno si sarebbe mai sognato lo conferma l attuale Presidente Vincenzo Picheo il risultato raggiunto alla fine di questo campionato che proietta la squadra nella massima serie nazionale. Un risultato frutto di fortunate casualità, ma merito delle atlete e del vivaio che si è formato con una sessantina di ragazze, e della passione di chi ha cominciato a crederci trascinando gli altri, come della serietà e competenza delle figure tecniche, primo fra tutti l allenatore Nello Marano, giovane insegnante di educazione fisica di Udine che ha seguito esclusivamente il settore femminile, e degli altri validi tecnici. Nel torneo la squadra ha vinto il proprio girone alla grande, pareggiando una sola partita e vincendo tutti gli altri scontri all andata come al ritorno. Poi ai play off l UPC Tavagnacco ha eliminato il Venezia, il Segrate Milano ed ha perso col Como, ha poi battuto il Perugia guadagnandosi così la meritata serie A. A dimostrazione ulteriore delle potenzialità espresse Nicoletta Bedin, una delle punte della squadra, ha vinto con più di 20 reti la classifica dei cannonieri, dando altro lustro alla stagione insieme ad un altra delle attaccanti, Sara Di Filippo, che ha portato anche i colori della nazionale under 20. Ora è il momento degli onori ma anche degli oneri avverte Picheo perché se è vero che Tavagnacco si potrà confrontare con le squadre di Cagliari, Sassari, Palermo, Pisa, Torino o Como, è altrettanto vero che le risorse economiche necessarie sono ben superiori a quelle disponibili, ed ora la società ha poco tempo davanti a sé per affrontare positivamente i primi adempimenti formali, fra cui l iscrizione al campionato, che rappresentano anche precisi costi. Trasferte in tutta la penisola e non più solo nel nordest; ancora maggior attenzione agli aspetti sanitari ed a quelli delle dotazioni; rimborsi alle calciatrici che, dilettanti, lavorano ma devono potersi allenare al meglio. Non basta quindi la struttura consolidata della società. Serve un sostegno economico attraverso le sponsorizzazioni che Tavagnacco - Periodico di informazione e dibattito registrato presso il Tribunale di Udine al n 5 del 5/2/96. Editore: Comune di Tavagnacco Redazione: P.za Indipendenza 1, Tel Dir. Resp.: Elia Mioni Indirizzo Web: dia tranquillità per poter affrontare la prossima stagione e tutte le novità che questa comporterà. Alcune ipotesi non hanno dato i risultati sperati, ma, ci conferma il Presidente, sarà cercata fino all ultimo ogni soluzione in grado di far continuare l avventura dell UPC Tavagnacco e delle sue calciatrici, convinti che questa squadra ed i risultati che saprà ancora meritare siano un opportunità di immagine per diversi settori economici sia comunali che regionali, e non solo un investimento per passione. Anche il Comune si è attivato non solo preparandosi alle possibili maggiori spese sugli aspetti di propria competenza, ma verificando altre possibilità presso la Camera di Commercio. La Regione potrà inoltre intervenire grazie ad una norma che sostiene tutte le squadre regionali che raggiungano la massima serie nella loro specialità. Proprio questi giorni saranno quindi decisivi per sapere se e come questa splendida avventura continuerà. CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI ESTIVI ORGANIZZATI DALL ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ CULTURALI Lunedì 6 agosto ore Parco campo sportivo - Tavagnacco Proiezione del film Ti presento i miei Lunedì 13 agosto ore Parco area Peep via Buonarroti - Feletto Umberto Proiezione del film per bambini La Strada per El Dorado Mercoledì 22 agosto ore Parco area Peep via Buonarroti - Feletto Umberto Animazione con il Ludobus Giovedì 30 agosto ore Parco area Peep via Buonarroti - Feletto Umberto Spettacolo di Burattini Il panettiere, il diavolo e altre storie, con la Compagnia La Calle De Los Titeres di Buenos Aires In caso di maltempo le manifestazioni si terranno presso l Auditorium comunale di Feletto Umberto Per ogni ulteriore informazione, Tel /

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

IL CASO DI MISANO GERA D ADDA. venerdì 25 ottobre 13

IL CASO DI MISANO GERA D ADDA. venerdì 25 ottobre 13 IL CASO DI MISANO GERA D ADDA CHE COS E IL BILANCIO COMUNALE Strumento di pianificazione e gestione economica e finanziaria dei Comuni. In esso vengono dettagliate tutte le entrate e le spese dell'ente

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI ORZIVECCHI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE

Dettagli

Bilancio per il cittadino

Bilancio per il cittadino Bilancio il cittadino Comune di Marano Vicentino 1 informa informa 1 BILANCIO CONSUNTIVO 2008 DEL COMUNE DI VICENTINO Spiegare in modo semplice e capibile a tutti i cittadini il Bilancio Comunale non è

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del ACCESSIBILITÀ a SACILE Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012 PARTE ENTRATA E 00160 000 2012 IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 7.603,02 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 53.301,95 E 00191 000 2009 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

AMPLIAMENTO CAMPOSANTO

AMPLIAMENTO CAMPOSANTO AMPLIAMENTO CAMPOSANTO FATTO Importo lavori: 250.785,74 Realizzati: n 80 loculi e n 10 cappelline. METANIZZAZIONE FRAZIONE TENNA FATTO In pochi mesi realizzata la metanizzazione della frazione Tenna. RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012 PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE Data avvio Proposta : 21/09/2012 Illustrano l argomento OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL PIANO ANNUALE COMUNALE PER

Dettagli

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Si veda foglio firme PRESENTI ORDINE DEL GIORNO 1) Insediamento della Consulta

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI)

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI) COMUNE DI VALERA FRATTA PROVINCIA DI LODI P.zza Vittoria, 6 Tel. 0371.99000 Fax 0371.99348 c.a.p. 26859 E-mail: comunevalerafratta@virgilio.it RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. E istituito, in tutto il

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative Il Bilancio 2012 Le risorse e le principali iniziative Lelio De Santis Assessore al Bilancio Massimo Cialente Sindaco I perché di un bilancio quasi alla fine dell anno Il Bilancio di previsione per il

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

COMUNE di ACI CASTELLO Libero Consorzio di Catania

COMUNE di ACI CASTELLO Libero Consorzio di Catania COMUNE di ACI CASTELLO Libero Consorzio di Catania Regolamento per l erogazione del servizio di mensa scolastica. 1 Indice Art. 1 Art. 2 Oggetto del Regolamento e finalità del servizio Destinatari del

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO SCOLASTICO REGOLAMENTO COMUNALE n. 7 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO SCOLASTICO SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO ART 1. OGGETTO 1. La presente normativa definisce le modalità di erogazione del servizio di trasporto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni RELAZIONE INDICE Premessa Struttura del Piano Obiettivi del Piano Allegato A Premessa Il linguaggio pubblicitario e commerciale, se da una parte è da

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE Avanzo di amministrazione 1.000.00 Entrate tributarie (titolo I) 63.778.705,00 Entrate da trasferimenti (titolo II) 15.725.005,58 Entrate extratributarie (titolo III)

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

"In Testa ai miei pensieri"

In Testa ai miei pensieri "In Testa ai miei pensieri" Documento tecnico e proposte operative per l adolescenza a Bologna documento cittadino Premessa Il presente documento è il frutto del confronto che si è avviato all interno

Dettagli

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 61.562,42 61.562,42 61.562,42 di cui: VINCOLATO 61.562,42 NON VINCOLATO 61.562,42

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 113 OGGETTO: SERVIZIO MENSA A.S. 2013/2014. INDIRIZZI PER ESENZIONI E RECUPERO DEBITI PREGRESSI 29.10.2013

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 20/05/1988, N. 034 Norme per la prevenzione dei rischi da valanga. da Art. 1 ad Art. 22 Art. 1 Finalita' della legge 1. La presente

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico COMUNE DI BASTIA UMBRA Prov. (PG) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 170.096,84 170.096,84 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti - Fondo Ammortamento

Dettagli

Comune di Roccavione

Comune di Roccavione Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO Avanzo di Amministrazione 473.546,34 473.546,34 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti 90.000,00 90.000,00 Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 383.546,34

Dettagli

Analisi degli investimenti settore 1 - amministrazione generale stanziamento impegni pagamenti % di realizzazione

Analisi degli investimenti settore 1 - amministrazione generale stanziamento impegni pagamenti % di realizzazione Analisi degli investimenti settore 1 - amministrazione generale Segreteria manutenzione straordinaria palazzo municipale 8.000,00 8.000,00 2.500,00 100% acquisto mobili,macchine,attrezzature ecc 13.000,00

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Ecosistema bambino 2009 dati comunali anni 2006-2007 - 2008 2 parte METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE Il ogni anno propone il progetto agli Istituti

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTI SCOLASTICI

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTI SCOLASTICI COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTI SCOLASTICI Approvato con deliberazione consiliare n. 87 del 30.09.2010 * * * * * ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il

Dettagli

Comune di Roccavione

Comune di Roccavione Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO Avanzo di Amministrazione 152.989,91 148.585,09 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 152.989,91 148.585,09 Entrate

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013 COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013 Assessore Sergio Parolini Dirigente Dott.ssa MariaGrazia Margonari Responsabile Dott.ssa Tiziana Rossi 1 Nella stesura del bilancio di previsione

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

All. A1 alla delibera di Giunta n. 78 del 13 marzo 2009

All. A1 alla delibera di Giunta n. 78 del 13 marzo 2009 L.R. 75/97 Presentazione progetto anno 2009 DENOMINAZIONE SOGGETTO RICHIEDENTE indirizzo città c.a.p. prov. telefoni fax e-mail cod. fisc. sito web part. IVA Forma giuridica del richiedente (ente locale,

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2010

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2010 Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 55-315 del 28 aprile 2010 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno

Dettagli

Premessa CIRCOLARE N. 32. Roma, 31 OTTOBRE 2012

Premessa CIRCOLARE N. 32. Roma, 31 OTTOBRE 2012 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER LA FINANZA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI UFFICIO XI CIRCOLARE N. 32 Prot. N. 0088259

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014 Oggetto: Piano straordinario di edilizia scolastica Iscol@: avvio dell asse di Interventi di messa in sicurezza e manutenzione programmata degli edifici scolastici. Il Presidente, nell illustrare la proposta

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO, - STRUMENTO di GESTIONE - STRUMENTO di PROGRAMMAZIONE delle RISORSE di una ORGANIZZAZIONE Bilancio preventivo 1) Strumento per determinare bisogni

Dettagli

Delibera n.5 del 28.04.2014 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - COMPONENTI IMU E TASI INDIRIZZI

Delibera n.5 del 28.04.2014 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - COMPONENTI IMU E TASI INDIRIZZI Delibera n.5 del 28.04.2014 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - COMPONENTI IMU E TASI INDIRIZZI Sentita la relazione del responsabile del servizio finanziario che espone le componenti della IUC, precisandone

Dettagli

Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente.

Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente. Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente. PREMESSA A seguito del progetto di educazione ambientale promosso da Aprica

Dettagli

RELAZIONE RELAZIONE COMMENTATA DELLE UPB ISCRITTE NEL BILANCIO PREVENTIVO GESTIONALE PROGRAMMA OPERATIVO ANNO 2015

RELAZIONE RELAZIONE COMMENTATA DELLE UPB ISCRITTE NEL BILANCIO PREVENTIVO GESTIONALE PROGRAMMA OPERATIVO ANNO 2015 RELAZIONE RELAZIONE COMMENTATA DELLE UPB ISCRITTE NEL BILANCIO PREVENTIVO GESTIONALE PROGRAMMA OPERATIVO ANNO 2015 ENTRATA 1 AVANZO FINANZIARIO PRESUNTO ALLA CHIUSURA DELL ESERCIZIO 2014 Lo schema di distribuzione

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia UFFICIO SEGRETERIA SCUOLA - Via San Polo,1 42030 VIANO (RE) Regolamento Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano Approvato

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 192 DEL 29 LUGLIO 1993 MODIFICATO

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

ELENCO CAPITOLI USCITA

ELENCO CAPITOLI USCITA ELENCO CAPITOLI USCITA DESCRIZIONE 2010 2011 Indennità a Sindaco, Assessori e Consiglieri Indennità missione e rimborso spese per amministratori Rimborso datori di lavoro permessi amm.ri 18.400,00 18.400,00

Dettagli

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori comune di trieste area educazione università ricerca cultura e sport servizi educativi integrati e politiche giovanili ufficio qualità dei servizi, formazione pedagogica e partecipazione Progetto Spazi

Dettagli

RISULTATI del questionario d inchiesta sulla soddisfazione degli espositori ESPOPROFESSIONI 2012. agosto 2012. www.espoprofessioni.

RISULTATI del questionario d inchiesta sulla soddisfazione degli espositori ESPOPROFESSIONI 2012. agosto 2012. www.espoprofessioni. Comitato d organizzazione Espoprofessioni 2012 c/o Divisione della formazione professionale cp 367, 6932 Breganzona (Lugano) ESPOPROFESSIONI 2012 RISULTATI del questionario d inchiesta sulla soddisfazione

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO SCUOLE DELL OBBLIGO E MATERNA

REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO SCUOLE DELL OBBLIGO E MATERNA COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO SCUOLE DELL OBBLIGO E MATERNA Approvato con delibera del C.C. n 39 nella seduta del 22.09.2005 Ripubblicato all albo pretorio dal 11.11.05

Dettagli

PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità

PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità Programma delle attività finalizzate alla celebrazione della Giornata Regionale sulla Legalità Finalità L iniziativa promossa dalla Regione Abruzzo è finalizzata

Dettagli

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. ) FORMULARIO C - Scuola primaria Hanno partecipato alla rilevazione 5.944 istituzioni scolastiche tra istituti comprensivi e circoli didattici, per la maggior

Dettagli

Comune di SOMMA VESUVIANA ELENCO DEI RESIDUI ATTIVI ESERCIZIO 2014 ESERCIZIO DI PROVENIENZA 1992

Comune di SOMMA VESUVIANA ELENCO DEI RESIDUI ATTIVI ESERCIZIO 2014 ESERCIZIO DI PROVENIENZA 1992 ESERCIZIO DI PROVENIENZA 1992 30/04/2015 Pag. 1 D E S C R I Z I O N E Insussistenze Maggiori da ENTRATE EXTRATRIBUTARIE 3.02.3063 FITTI REALI DI FABBRICATI 387,34 387,34 TOTALE CATEGORIA 02 387,34 387,34

Dettagli

COMUNE DI MONTIANO. Relazione di Giunta al Rendiconto 2013

COMUNE DI MONTIANO. Relazione di Giunta al Rendiconto 2013 COMUNE DI MONTIANO Relazione di Giunta al Rendiconto 2013 PARTE 1 Aprile 2014 - Introduzione 2 - Quadro previsioni definitive B. P. 2013.....6 - Quadro confronto entrate correnti 2012-2013..7 - Quadro

Dettagli

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile . Comune di Casamarciano Regione Campania Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile Questionario conoscitivo ed analisi percettiva della qualità dell ambiente e della situazione socio-economica nel Comune

Dettagli

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo 1. I risultati della partecipazione Nell arco dei due giorni della Fiera di S. Giuseppe hanno preso parte alle attività di partecipazione 86 persone,

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania)

COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania) COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania) Allegato alla delibera della Giunta Municipale n. 41 del 20.05.2015 OGGETTO: Relazione illustrativa dei dati consuntivi dell esercizio finanziario 2014 Atteso che

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 PROSPETTO DATI S I O P E D.M. 23 dicembre 2009 Incassi 2013 per codici gestionali Pagamenti 2013 per codici gestionali Disponibilità liquide 2013 INCASSI PER CODICI

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia.

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Oggetto: Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Il Presidente della Regione anche a seguito di diversi incontri e manifestazioni di protesta dei contribuenti regionali,

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 24-05-1985 REGIONE LAZIO Norme in favore dei rom.

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 24-05-1985 REGIONE LAZIO Norme in favore dei rom. LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 24-05-1985 REGIONE LAZIO Norme in favore dei rom. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 16 del 10 giugno 1985 Il Consiglio regionale ha approvato. Il Presidente della

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

FOCUS sul bilancio del Comune di Venezia

FOCUS sul bilancio del Comune di Venezia FOCUS sul bilancio del Comune di Venezia Incontro Teatro Toniolo Lunedì, 2 marzo 2015 1 Entrate da alienazioni patrimoniali Anno Accertamenti Incassi competenze+residui 2009 163.001.756,91 84.210.206,27

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Il Bilancio del Comune spiegato in 15 punti

Il Bilancio del Comune spiegato in 15 punti Il Bilancio del Comune spiegato in 15 punti 1. Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è lo strumento con il quale il Comune programma le attività e i servizi dell ente per l anno successivo. Al

Dettagli

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO PROVENTI CONCESSIONI EDILIZIE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO MONETIZZAZIONI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: ALIENAZIONI

Dettagli

Comune di Mango. VARIAZIONI Ultimo esercizio

Comune di Mango. VARIAZIONI Ultimo esercizio Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO Avanzo di Amministrazione + Fondo Pluriennale Vincolato iscritto in Entrata di cui: 65.000,00 39.448,06 - Fondi Vincolati 8.418,25 - Finanziamento Investimenti - Fondo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 - PARTE ENTRATA

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 - PARTE ENTRATA CAP codice voce econ Descrizione della tipologia di entrata da inserire nelle risorse ASSESTATO 2014 PREVISIONE 2015 0 0000000 Avanzo di amministrazione 50.200,00 50.000,00 Titolo 1 ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia PROTOCOLLO D INTESA TRA Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia, con sede in Trieste,

Dettagli