- in ottica Through Life Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- in ottica Through Life Management"

Transcript

1 Progetto di Ricerca «PUP» «Processo Unico di Procurement della Difesa» - in ottica Through Life Management Obiettivi e situazione dal punto di vista dell Industria Conferenza sulla SGD-G-018 (NIILS) Corso IASD Seminario Difesa & Industria CASD - 8 Maggio

2 NIILS: SGD-G-018 Una Normativa del 2008 di cui non si vede ancora l applicazione Documenti che compongono la NIILS Normativa di Processo: Parte 1 Descrizione Generale Parte 2 Processo Parte 3 Modello Dati Specifica Informatica del PCSDB-SI Linee Guida per l Implementazione 2

3 Approvazione NIILS 2008 Emissione NIILS Acculturamento 2009 Industria il susseguirsi delle iniziative SGD & Consorzio CALS per diffondere la NIILS e promuoverne l applicazione Presentazioni & attività Didattiche con CEFLI, presso Accademie, Master, ISSMI, IASD Workshop sulle Normative internazionali NATO & ASD Sviluppo Progetto «Case Study» 3/2011-7/2012 Workshop sulle Tech Pub in Normativa ASD 1000D Workshop sui risultati dei 3 Case Studies Approvazione Progetto di Ricerca «PUP» Conclusione Progetto Case Study & avvio PNR evento SGD/CASD 8/ / /2012 Approvazione Contratto 1^ Fase PUP Dal Progetto Case Study al Progetto «Procurement Unico» 3/2013 Progetto Corporate Finmeccanica: «Engineering Processes for NIILS» Workshop sulla NIILS con La Communnity IE4EC di Finmeccanica

4 NIILS & Processo di Acquisizione Perché la NIILS trova difficoltà ad essere applicata? Tratta questioni secondarie? NO! Tratta di Prestazioni e di Costi molto significativi sul Ciclo di Vita. Offre metodologie discutibili? NO! Sono in linea con i metodi e le Norme internazionali. Tratta questioni che sono già ben gestite? NO! Non sembra, visto l inefficienza dei sistemi acquisiti. 4

5 NIILS & Processo di Acquisizione Perché la NIILS trova difficoltà ad essere applicata? È una direttiva complicata e forse scritta male? Forse SI, ma anche perché tratta di un PROCESSO complesso qual è l ILS, che: deve essere contestuale alla Definizione dei Requisiti di Capability e di Programma (EO) ed alle Fasi di Definizione del Progetto (ROP & CT)), nonché ben controllato in Fase di Sviluppo (Contrattuale). tratta Prestazioni difficili da «misurare» e quindi da «validare», se non in Fase di Esercizio. Tratta molte informazioni fisiche e funzionali del Podotto e del processo di progettazione ed è relazionato con molti processi. 5

6 Progetto Case Study: lesson learned La NIILS esprime la sua potenzialità nel guidare il Processo ILS in un contesto di progettazione di Sistema e così, i Case Study hanno indotto ad evidenziare le carenze nelle Acquisizioni, in termini di: strutturazione e classificazione dei Requisiti Requisiti di efficienza e di supportabilità del Sistema Primario Requisiti per il Sistema di Supporto Logistico Obiettivi operativi e di efficienza per il Sistema Operativo, Requisiti di Programma Obiettivi strategici per l informatizzazione del processo di Acquisizione Gestione dei Rischi di Programma Pianificazione dei Design Review rispetto alle tematiche qualificanti. 6

7 Il Progetto «Processo Unico di Procurement» Dal progetto «Case Study» sorge evidente la necessità di direttive di indirizzo metodologico per armonizzare gli approcci tecnici e gestionali nelle Acquisizioni di Sistemi complessi, al fine di: Allineare l AD alle politiche NATO ed internazionali; Intraprendere percorsi di efficientamento dei processi tecnici e gestionali, adottando metodologie unificate ed abilitanti per una forte informatizzazione nella cooperazione tra i diversi Stakeholders Adottare una forte strategia TLM ed i conseguenti metodi di System Engineering e di Project Management, fin dalla fase della definizione dell Esigenza Operativa 7

8 Il Progetto «Processo Unico di Procurement» È orientato alla definizione delle metodologie di System Engineering (SE) e di Project Management PjM), che devono sottendere alla esecuzione del Processo di Acquisizione di Sistemi Complessi per garantire una valida strategia Through Life Management (TLM) La visione strategica dei processi che devono essere integrati in ottica TLM viene offerta dalla ISO 15288, fatta propria dalla NATO, con la AAP 48 Si orienta alle Fasi di «Pianificazione (definizione ed analisi della Esigenza Operativa» e di «Ricerca (sviluppo del requisito Operativo ROP/ROD e del Capitolato Tecnico CT» per integrarsi poi con la NIILS 8

9 Obiettivo & Strategie del Progetto Definire e realizzare un Processo Unico di Procurement della Difesa: che supporti le attività di Acquisizione, a beneficio sia dell area Tec./Amm. che dell area Operativa dell AD (Process-oriented) a carattere interforze, per patrimonizzare le sinergie (Unico) strategicamente orientato al Through Life Management del Sistema Operativo, gestito nel suo complesso, in ogni Fase del Ciclo di Vita (TLM-oriented), secondo la metodologia NIILS; incentrato sul Project Management ed il System Engineering (PJM-oriented); supportato da adeguate soluzioni informatiche basate sul Modello Dati integrato di Prodotto (PCSDB-oriented) 9

10 Altri elementi qualificanti la strategia Project Management incentrato sul System Engineering ed orientato al Life Cycle del Sistema in acquisizione; SOW e WBS correlate all architettura del Sistema Primario e strutturate in modo standard per meglio garantire la gestione dei Costi; tecniche MBSE (Model Based System Engineering) ed MDAF (Architettura Framework standard Difesa) per l Analisi dei Requisiti e lo sviluppo delle architetture Funzionali del Sistema linguaggi metodologie Sviluppo dei Requisiti 10

11 Visione di Project Management: Sistema Operativo & Ciclo di Vita - Con centralità del System Engineering - PIANIFICAZIONE Analisi Missione - Definizione Esigenza PIANIFICAZI ONE Valutazione della Esigenza PREFATTIBIL ITA FATTIBILI TA DEFINIZIONE del PROGETTO STIPULA CONTRATTO PIANIFICAZIONE Avvio del PCSDB Formalizzazione EO RICERCA Formalizzazione ROI Formalizzazione ROP Formalizzazione ROD Formalizzazione CT PROGETTO DI SISTEMA (SE) SVILUPPO SVILUPPO DETTAGLI O VERIFICA TECNICA VERIFIC A OPERATI VA PRODUZIO NE IMPIEGO & SUPPOR TO RADIAZIO NE Contract Review Program Review SE Review (Preliminare) SE Review (i-esimo) SVILUPPO E PRODUZIONE Development Review (i-esimo) Development Review (Finale) Avvio Produzione Reviews di Produzione ESERCIZIO Avvio Gestione Configurazione dell installato SE Review (Finale) Cert. Omologazione Dichiarazione Idoneità Servizio GC Service Reviews FRACAS 11 11

12 Tematiche cui è orientato il PUP Tematiche coperte dallaniils Docente: Ing. Roberto Carmassi

13 Scenario Operativo Functional BaseLine Vista Prestazionale Scenario Loistico Processo di Acquisizione: sub-processi e Dati qualificanti Production Design ERP (PLM/PDM/EDM) IETP IPL/IPC Gest. Config. GCE Integrare Processi e Dati LSA Costruire la Base Dati di Prodotto efficiente Federare per supportare i Sistemi il IT Product Life-cycle Management Tematiche PUP FRACAS FASE OPERATIVA R & M FMECA RCM LORA LCC 13

14 System Design & Project Management - Analisi e classificazione dei Requisiti - Di Programma Operativi Requisiti Utente System design Di Prodotto Requirements Analysis Scenario Operativo Scenario Logistico Functionali Achitectural Modellization System Design & Functional allocation Products Development Non Functionali: - Standards - Trasportabilità - Interoperatività - Safety - Security Costi Rischi Tempi Politiche: TLM; IT CALS; ILS Esterni: - Legislativi - Etici - Partnership 14

15 Progetto PUP: Elementi primari per l impianto del Processo Con il 1 Lotto si è evidenziata la necessità impostare ed adottare opportune Metodologie abilitanti, che supportino l architettura del Processo stesso per le attività di: System Engineering, Requirement Analisys, Project Management, Program Planning Integrato/Program Scheduling Integrato, Cost structuring/cost allocation/cost Accaunting; garantendo informazioni formalmente definite, strutturate e relazionate. 15

16 Progetto PUP: Proposte per la «Metodologia» La Metodologia che pensiamo debba essere alla base del Processo di Procurement si sostanzia nella adozione integrata delle metodologie seguenti: Model Based System Engineering (MBSE) incentrata sulla adozione della architettura MDAF e quindi delle Direttive: SMD-NEC-001/002/003/004); PjM basato su Work Breakdown Structure (WBS/SOW) secondo la MIL-STD 881; Cost Structuring: basato sulla adozione di WBS Product-oriented riconducibili a standard per le diverse famiglie di Sistemi della Difesa (MIL-STD-881, ASD 1000D, NAVSEA, etc.) 16

17 Nuova Metodologia: valenza strategica del MBSE Un recente Report della INCOSE (International Council on System Engineering) rileva che il System Engineering sta evolvendo da una metodologia «Document-centric» ad una stategia Model-centric. L idea consiste nell affrontare la progettazione dei Sistemi complessi cercando di rappresentarli da diverse prospettive (Viste) mediante soluzioni di Modellazione che ne garantiscano la coerenza. La NIILS ha affrontato ed implementato questa strategia nell impianto del Processo e del Modello Dati di Prodotto. Ora si deve completare il disegno, andando ad indirizzare e catturare le attività dell Ingegneria di Sistema e del Program Management, adottando le metodologie attualmente considerate più consone. 17

18 Nuova Metodologia: valenza strategica del MBSE/MDAF L applicazione della strategia MBSE alla definizione, analisi e sviluppo dei Requisiti operativo/funzionali del Sistema Operativo, trova sostegno ed indirizzo nelle Direttive AD, emesse per l adozione della Strategia NAF della NATO, e cioè: SMD-NEC-001:Linee di indirizzo di Modelling & Simulation per lo sviluppo dei Sistemi C4ISTAR della Difesa SMD-NEC-002: Metodologia e Framework Architetturale del Ministero della Difesa (MDAF) per lo sviluppo e la descrizione di architetture C4ISTAR e NEC SMD-NEC-003: La Governance per lo sviluppo dei sistemi C4ISTAR della Difesa SMD-NEC-004: Linee d indirizzo per lo sviluppo della Defence Information Infrastructure (DII) Nazionale Quelle evidenziate in rosso vengono prese a riferimento per lo sviluppo di tutti i Sistemi Complessi e contestualizzate con le direttive SMD-L-001 e SGD-G

19 EO ROP Valut.azione della EO 1 Step Valut. EO 2 Step Valut. EO n.mo Step Sviluppo Requisiti OP/FUNZ con MBSE Definizione Architetture Funzionali Allocazione tracciamento dei Rquisiti e Definizione Architetture Fisiche & la Vista Prestazional e (NIILS) Sviluppo Requisiti di Programma con WBS Sviluppo Requisiti di Programma con Integrated Master Plan (IMP) Sviluppo Requisiti di Programma con Integrated Master Schedule (IMS) Sviluppo architettura Costi 19

20 Progettazione di Sistema - Allocazione e tracciabilità dei Requisiti - Solo l impiego di metodologie formali ed una gestione integrata delle informazione di progetto garantiscono tutti gli Stakeholders e rendono oggettivi i Test User requirements Functional requirements Design specifications Satisfies Satisfies Tests Tests Tests Operational Validation Acceptance tests Design Verification Functional tests Unit tests Standards 20

21 Centralità della WBS nella MIL STD 881-C Partendo dalla strutturazione dei requisiti è possibile identificare un elemento di WBS che ne identifichi l oggetto di acquisizione e che può far riferimento ad un breackdown standard per tipologie di Prodotti. Quindi ricollegandosi a quanto sopra esposto anche ad una View dell MDAF o se ben strutturato ad un elemento primario del modello SysML. Ad ogni elemento di WBS deve essere univocamente relazionato un elemento dello Statement Of Work (SOW) che ha l obiettivo di definire in modo chiaro, univoco e di far comprendere l intero scopo dell elemento di WBS (es. progettazione, produzione). Ad ogni elemento del SOW andrà poi collegato il relativo Integrated Master Plan (IMP) e Integrated Master Schedule (IMS) che permettono di identificare le pianificazioni relative, gli elementi ed i momenti di controllo, milestone etc. Gli ulteriori elementi che vanno descritti e collegati alla figura di cui sopra sono la Cost Breackdown Structure (CBS) e Organizational Breackdown Structure (OBS) la cui integrazione rispetto l elemento di WBS permette una identificazione dettagliata del Costo Totale in funzione di un Fornitore identificato. - Consorzio CALS-ITALIA 21

22 Fine GRAZIE 22

23 Fase 3: Case Study 23

24 Fase 3: Case Study 24

25 Il PUP:Processo Unico di Procurement 25

26 Il PUP:Processo Unico di Procurement 26

DIRIGENTE Ing. Antonino BONASERA V REPARTO - INNOVAZIONE TECNOLOGICA

DIRIGENTE Ing. Antonino BONASERA V REPARTO - INNOVAZIONE TECNOLOGICA CIISE 2014 CONFERENZA INCOSE ITALIA SU SYSTEMS ENGINEERING ROMA 24-25 NOVEMBRE 2014 DIRIGENTE Ing. Antonino BONASERA V REPARTO - INNOVAZIONE TECNOLOGICA 3 UFFICIO - CODIFICAZIONE, ASSICURAZIONE QUALITA,

Dettagli

La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018

La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018 Centro per la Formazione Logistica Interforze La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018 Genesi, Generalità, Applicazioni Roma - CASD 8 maggio 2014- Mauro PERGOLESI Agenda

Dettagli

La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018

La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018 Centro per la Formazione Logistica Interforze La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018 Cenni sulla Gestione di Configurazione Roma - Casd 8 maggio 2014- Mauro PERGOLESI

Dettagli

Ingegneria dei sistemi (System Engineering ESA, Systems Engineering - NASA) Appunti schematici

Ingegneria dei sistemi (System Engineering ESA, Systems Engineering - NASA) Appunti schematici Ingegneria dei sistemi (System Engineering ESA, Systems Engineering - NASA) Appunti schematici Riferimenti Testo di riferimento: NASA Systems Engineering Handbook (NASA-SEH) Utili anche i documenti di

Dettagli

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Pillole l di Project Management Lunedì 21 febbraio c/o Relais Santa Croce Via Ghibellina, 87 a Firenze Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Dott. Ing. Luigi De Laura

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018 I case studies

La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018 I case studies Centro per la Formazione Logistica Interforze La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018 I case studies Roma - CASD 8 maggio 2014 - Mauro PERGOLESI Agenda Aree di analisi

Dettagli

Master Universitario di II Livello in Post Graduate Programme in

Master Universitario di II Livello in Post Graduate Programme in Master Universitario di II Livello in Post Graduate Programme in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) Building Information Modelling & Management nelle Costruzioni e nelle Infrastrutture

Dettagli

SUPPORTO TECNICO E GESTIONALE

SUPPORTO TECNICO E GESTIONALE SUPPORTO TECNICO E GESTIONALE PER TITOLO LE IMPRESE COVER TITLE PROFILO Descrizione Polaris aggrega know-how e professionalità degli azionisti Rina e Ansaldo Energia mettendo a disposizione delle imprese

Dettagli

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance Il controllo di progetto come strumento di IT Governance ing. Giorgio Beghini 20 febbraio 2003 - Vicenza OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax:049-88

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Software Embedded Integration Testing Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Chi siamo Skytechnology è una società di ingegneria che opera nell area dei sistemi embedded aiutando i propri Clienti

Dettagli

a.a 2012/2013 X MODULO Logistica e gestione delle scorte

a.a 2012/2013 X MODULO Logistica e gestione delle scorte a.a 2012/2013 X MODULO Logistica e gestione delle scorte Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che nella Pubblica Amministrazione.

Dettagli

Funzionario Specialista Tecnico (A3/F4) Posizione Organizzativa - Capo Sala Modelli Matematici e Simulazione Presso il Rep. C4 e Sicurezza dello SMM

Funzionario Specialista Tecnico (A3/F4) Posizione Organizzativa - Capo Sala Modelli Matematici e Simulazione Presso il Rep. C4 e Sicurezza dello SMM INFORMAZIONI PERSONALI Nome Loiarro Mario Data di nascita 05/10/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Funzionario Specialista Tecnico (A3/F4) Posizione Organizzativa

Dettagli

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management 10-dic-2008 Osservatorio P 3 MO Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management Oscar Pepino Consigliere Esecutivo Reply S.p.A. 2 Sommario Gruppo Reply - scenario

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ROSSI - VICENZA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTI ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DIPARTIMENTO DI MECCANICA MATERIA CLASSE INDIRIZZO LOGISTICA 5ALL LOGISTICA

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita Processi software Anno accademico 2009/10 Ingegneria del mod. A Tullio Vardanega, tullio.vardanega@math.unipd.it SCD IS Definizioni Ciclo di vita Copre l evoluzione di un prodotto dal concepimento al ritiro

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

"FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT" Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore 19:00

FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore 19:00 Organizzazione scientifica a cura di AIIC in collaborazione con l'ordine degli ingegneri della provincia di Cagliari "FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT" Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore

Dettagli

GUFPI-ISMA. Evoluzione delle Linee Guida: l utilizzo contrattuale dei Function Points. Roberto Meli

GUFPI-ISMA. Evoluzione delle Linee Guida: l utilizzo contrattuale dei Function Points. Roberto Meli GUFPI-ISMA Evoluzione delle Linee Guida: l utilizzo contrattuale dei Function Points Roberto Meli Coordinatore Consiglio Direttivo GUFPI-ISMA 2 Perché era necessario intervenire? I contratti per il software

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Capacità Tecnologiche per l Homeland Security: la piattaforma G8 e le infrastrutture critiche Milano, 5 Febbraio 2010

Capacità Tecnologiche per l Homeland Security: la piattaforma G8 e le infrastrutture critiche Milano, 5 Febbraio 2010 Capacità Tecnologiche per l Homeland Security: la piattaforma G8 e le infrastrutture critiche Milano, 5 Febbraio 2010 Ing. Francesco Vinelli Ingegneria Grandi Sistemi 2009 SELEX Sistemi Integrati Confidential

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

Modellazione e Simulazione per la progettazione dei Grandi Sistemi

Modellazione e Simulazione per la progettazione dei Grandi Sistemi Modellazione e Simulazione per la progettazione dei Grandi Sistemi AUTORI: Brig. Gen. Lorenzo De Lisi, Ten. Col. Angelo Assorati, Guerino Giancola, Maria Brusco, Mabel Mussini, Silvio Di Paolo, Marco Picollo,

Dettagli

L INCOSE. La progettazione dei Sistemi Complessi mediante Model Based System Engineering

L INCOSE. La progettazione dei Sistemi Complessi mediante Model Based System Engineering AZIENDA DEL MESE La progettazione dei Sistemi Complessi mediante Model Based System Engineering L applicazione dell MBSE è in grado di fornire sostanziali benefici rispetto al comune approccio documentale,

Dettagli

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3 Domanda: 1 In un gruppo di progetto si ha uno stato di crisi allorché Esiste una situazione di conflitto in cui non riescono ad essere utili e durature logiche di win-win Esiste una situazione di conflitto

Dettagli

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al.

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello Code and fix Processo parte III Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello iniziale Iterazione di due passi scrittura del codice correzione degli errori Problemi: dopo una serie di cambiamenti, la

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Lezioni di Fondamenti di Design Management

Lezioni di Fondamenti di Design Management Lezioni di Fondamenti di Design Management a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico II email: corrado.lostorto@unina.it

Dettagli

05.06.2015 ORDINE DI SERVIZIO n. 19/15 SISTEMI INFORMATIVI

05.06.2015 ORDINE DI SERVIZIO n. 19/15 SISTEMI INFORMATIVI SISTEMI INFORMATIVI Nell ambito della realizzazione del Piano Industriale del Gruppo, Sistemi Informativi è uno dei principali partner di riferimento delle funzioni di business e, di concerto con il Marketing

Dettagli

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it Modelli di Processo Il Modello del Processo Il modello del processo stabilisce i principi di base su cui si fonda lo sviluppo del software (e a cui è dovuto il successo o l insuccesso) Non esiste un unico

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Il punto di vista dell OEM sulla norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale dei veicoli: la sfida dell integrazione nei processi aziendali Marco Bellotti Functional Safety Manager Contenuti

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies Per un responsabile dei servizi IT è fondamentale disporre

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE DELLA WORK BREAKDOWN STRUCTURE (WBS)

ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE DELLA WORK BREAKDOWN STRUCTURE (WBS) Pagina: 1 di 12 ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE DELLA WORK BREAKDOWN Pagina: 2 di 12 INDICE 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Definizioni e Acronimi... 3 4. Documenti Applicabili e di

Dettagli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli Il Capability Maturity Model Il Capability Maturity Model CMM Il SW-CMM (SW - Capability Maturity Model) definisce un modello dei processi di sviluppo del software e un insieme di regole per il loro miglioramento.

Dettagli

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard Quality gate Nei punti chiave del processo di sviluppo del software, viene integrato un insieme di quality gate per monitorare la qualità del prodotto intermedio prima che quest ultimo possa passare al

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

I sistemi ERP. sistemi ERP 1

I sistemi ERP. sistemi ERP 1 I sistemi ERP sistemi ERP 1 Il portafoglio applicativo delle industrie manifatturiere Pianificazione delle operazioni Analisi strategica, pianificazione annuale, programmazione operativa, scheduling Esecuzione

Dettagli

Laurea Magistrale di Ingegneria Gestionale

Laurea Magistrale di Ingegneria Gestionale Laurea Magistrale di Ingegneria Gestionale Insegnamento al II anno di Progettazione e Sviluppo di Sistemi e Processi Insegnanti: proff. Sandro Barone (la progettazione industriale), Gualtiero Fantoni (il

Dettagli

Clarity: interprete delle esigenze del business verso Ict. Patrizia Manieri Responsabile PMO Mauro Masella PMO

Clarity: interprete delle esigenze del business verso Ict. Patrizia Manieri Responsabile PMO Mauro Masella PMO Clarity: interprete delle esigenze del business verso Ict Patrizia Manieri Responsabile PMO Mauro Masella PMO Agenda GRUPPO api La gestione dei servizi ICT nel GRUPPO api Il processo di Demand Management

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Lezione Fasi di Attivazione e Pianificazione di un Evento

Lezione Fasi di Attivazione e Pianificazione di un Evento Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Fasi di Attivazione e di un Evento a.a. 2012/13 Dott. Mario Liguori 2. Attivazione Fase 2 Attivazione 2. Analisi di fattibilità

Dettagli

1. L Ingegneria del Software

1. L Ingegneria del Software 1. L Ingegneria del Software Obiettivi della lezione: Definire cosa si intende per Ingegneria del Software Discutere i concetti di prodotto software e di processo software Spiegare il concetto di visibilità

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

figure professionali software

figure professionali software Responsabilità del Program Manager Valuta la fattibilità tecnica delle opportunità di mercato connesse al programma; organizza la realizzazione del software in forma di progetti ed accorpa più progetti

Dettagli

Perché siamo qui? È un occasione per riflettere sullo stato della nostra professione

Perché siamo qui? È un occasione per riflettere sullo stato della nostra professione Perché siamo qui? È un occasione per riflettere sullo stato della nostra professione La terza edizione del PMBOK Fotografia dello stato dell arte (260 fotografi + 11) La versione italiana diventa un valido

Dettagli

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione INNOVAZIONE ED EFFICIENZA DEI PROCESSI DI BUSINESS DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA MANIFATTURIERA Efrem Frigeni ERP Division Manager Brain System Srl

Dettagli

Classificazione Nuovo Esame PMP

Classificazione Nuovo Esame PMP Notizie sul nuovo esame PMP a partire dal Agosto 0 Classificazione Nuovo Esame PMP Questo è il link al documento del PMI: Crosswalk Between Current and New PMP Classifications del PMI Di seguito trovi

Dettagli

...best solutions for great ski resorts SERENO.IT SKI RESORT SOLUTIONS

...best solutions for great ski resorts SERENO.IT SKI RESORT SOLUTIONS ...best solutions for great ski resorts SERENO.IT SKI RESORT SOLUTIONS Project Management Introduction: L industria del Turismo del 21 Secolo si è trasformata in una macchina complessa costituita da un

Dettagli

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 PROT. 5585/2015 Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 ARCA S.p.a. Organigramma Presidenza Relazioni Istituzionali e Comunicazione Segreteria Generale e Affari Societari Program Management e Internal

Dettagli

Componenti, ruolo e integrazione dei sistemi per le aziende industriali che operano per commessa

Componenti, ruolo e integrazione dei sistemi per le aziende industriali che operano per commessa Componenti, ruolo e integrazione dei sistemi per le aziende industriali che operano per commessa Paolo Borriello Presales Leader Applications Midsize Market Safe Harbor Statement The following is intended

Dettagli

Riprendere il controllo dell iniziativa e della piattaforma ERP

Riprendere il controllo dell iniziativa e della piattaforma ERP INVITO AL WORKSHOP ERP Governance Riprendere il controllo dell iniziativa e della piattaforma ERP Lunedì 12 gennaio 2015, ore 17.00 Bologna Business School - Villa Guastavillani, Via degli Scalini 18 -

Dettagli

Lezione 1: Cosa è il Systems Engineering

Lezione 1: Cosa è il Systems Engineering Corso di Ingegneria dei Sistemi ( Systems Engineering ) Lezione 1: Cosa è il Systems Engineering Dr. ing. Marco Lisi May 08 All rights reserved 2008, Marco Lisi Page 1 Indice Etimologia della parola sistema

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015

INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE Il Project Management è una competenza manageriale di base, trasversale a tutti i settori. Anche in Italia si sta affermando

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Security Summit 2011. itsmf Italia. Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia

Security Summit 2011. itsmf Italia. Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia Security Summit 2011 itsmf Italia Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia è un Associazione senza fini di lucro, costituita per promuovere lo scambio di esperienze ed informazioni sulla gestione dei Servizi

Dettagli

Il PMI e il PMI -Northern Italy Chapter Branch Toscana ed Umbria

Il PMI e il PMI -Northern Italy Chapter Branch Toscana ed Umbria Il PMI e il PMI -Northern Italy Chapter Branch Toscana ed Umbria PMI-NIC - Tutti i diritti riservati PMI Project Management Institute Sito www.pmi.org E riconosciuto a livello internazionale come l ente

Dettagli

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Maurizio Coluccia Agenda BNL - BNP Paribas: IT Convergence Projects Il programma Il progetto Aurelia Il perimetro del progetto e le interfacce

Dettagli

Security Summit 2011 Milano

<Insert Picture Here> Security Summit 2011 Milano Security Summit 2011 Milano Information Life Cycle: il governo della sicurezza nell intero ciclo di vita delle informazioni Jonathan Brera, KPMG Advisory S.p.A. I servizi di Security

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Cardinis. Cardinis. Progetti.Comunicazione.Innovazione. CARDINIS. Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie

Cardinis. Cardinis. Progetti.Comunicazione.Innovazione. CARDINIS. Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie CARDINIS Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax: 049-88 95 780 e-mail: ost@ost.it web: www.ost.it 1 Nome e Logo

Dettagli

PROGETTO BLUEMED WP4 ECONOMIC ASSESSMENT. CBA e What if Analysis Charging scheme SPECIFICHE TECNICHE V1.0

PROGETTO BLUEMED WP4 ECONOMIC ASSESSMENT. CBA e What if Analysis Charging scheme SPECIFICHE TECNICHE V1.0 PROGETTO BLUEMED WP4 ECONOMIC ASSESSMENT CBA e What if Analysis Charging scheme SPECIFICHE TECNICHE V1.0 Indice: 1 ENAV S.p.A.... 3 2 Il quadro di regolamentazione in ambito europeo... 3 3 Il progetto

Dettagli

AICA - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico. Certificazioni informatiche europee

AICA - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico. Certificazioni informatiche europee - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico Certificazioni informatiche europee Milano, 6 ottobre 2003 1 AICA Profilo istituzionale Ente senza fini di lucro, fondato nel 1961 Missione:

Dettagli

La Certificazione ELA in Italia con AILOG

La Certificazione ELA in Italia con AILOG La Certificazione ELA in Italia con AILOG 1 La Certificazione ELA è un attestato delle capacità professionali riconosciuto a livello europeo è basata su STANDARD DI COMPETENZA stabiliti centralmente dall

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni aeronautiche

Dettagli

Project Management Project Management

Project Management Project Management Obiettivi Il corso è specificatamente creato per l ottenimento della certificazione PMPc e presuppone delle conoscenze di gestione dei progetti sia teoriche che pratiche. E strutturato per permettere ai

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

Presentazione del Master

Presentazione del Master Master Executive in Gestione della Manutenzione Industriale Presentazione del Master Sergio Cavalieri Marco Garetti La Value Proposition Valorizzare l aspetto gestionale nei processi e servizi di manutenzione

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale Dirigere con successo un impresa del settore edile Corso executive di alta formazione in gestione aziendale ITALSOFT GROUP per la formazione degli imprenditori del settore edile Il settore dell edilizia

Dettagli

Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi FORUM PA 2012

Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi FORUM PA 2012 Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? FORUM PA 2012 Roma, venerdì 18 maggio 2012 MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi Contenuti Contesto di riferimento

Dettagli

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Fasi del ciclo di vita overview Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Modularità Individuazione più agevole delle componenti riutilizzabili Ciclo di vita Esaustività Certezza di coprire tutte

Dettagli

Gli strumenti di simulazione per lo sviluppo di sistemi elettronici automotive

Gli strumenti di simulazione per lo sviluppo di sistemi elettronici automotive 18 aprile 2012 Gli strumenti di simulazione per lo sviluppo di sistemi elettronici automotive Andrea Delmastro R&D Manager La normativa ISO 26262 Road vehicles Functional Safety Soddisfare esigenze per

Dettagli

Il ruolo delle ESCo: Energy Service Company.

Il ruolo delle ESCo: Energy Service Company. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO EFFICIENZA ENERGETICA. OPPURTUNITÀ PER IMPRESE E PROFESSIONISTI. Il ruolo delle ESCo: Energy Service Company. Claudio G. Ferrari Presidente Federesco 9 GIUGNO

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PROCESSO. Technip Italy, Dicembre 2008 Maggio 2009

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PROCESSO. Technip Italy, Dicembre 2008 Maggio 2009 CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PROCESSO Technip Italy, Dicembre 2008 Maggio 2009 Introduzione Il corso di specializzazione è rivolto ad un massimo di 15 laureati

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies IT Management Diploma of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Lo Standard EUCIP per lo sviluppo e il monitoraggio delle competenze e delle professionalità ICT

Lo Standard EUCIP per lo sviluppo e il monitoraggio delle competenze e delle professionalità ICT Ordine Ingegneri Genova Lo Standard EUCIP per lo sviluppo e il monitoraggio delle competenze e delle professionalità ICT Roberto Bellini Genova 9 Dicembre 2008 Indice Lo Standard EUCIP Cosa intendiamo

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

Preparazione alla Certificazione PMP (Project Management Professional)

Preparazione alla Certificazione PMP (Project Management Professional) Industrial Management School Preparazione alla Certificazione PMP (Project Management Professional) - Ripercorrere le tematiche del PMBOK per acquisire le competenze necessarie e prepararsi all esame di

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Dalla storia antica ai tempi moderni

Dalla storia antica ai tempi moderni Dalla storia antica ai tempi moderni Il termine project management oggi ampiamente diffuso nel mondo dell ICT (Information and Communication Technologies) fa, da sempre, riferimento alla organizzazione

Dettagli

Gestione. di progetto. Gestione di progetto. IS 2011 - Ingegneria del Software 1. Contenuti. Fondamenti. Criticità. Gestione dei rischi 1

Gestione. di progetto. Gestione di progetto. IS 2011 - Ingegneria del Software 1. Contenuti. Fondamenti. Criticità. Gestione dei rischi 1 Contenuti Gestione di progetto Ruoli professionali Pianificazione di progetto Ingegneria del Software Stima dei costi di progetto V. Ambriola, G.A. Cignoni, C. Montangero, L. Semini Seminario: rischi di

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

3. SOFTWARE MANAGEMENT

3. SOFTWARE MANAGEMENT 3. SOFTWARE MANAGEMENT Introdurre caratteristiche e problematiche della direzione di progetto software (software management) Discutere la pianificazione di un progetto e la temporizzazione (scheduling)

Dettagli

Caratteristiche e funzionalità dei sistemi ERP per le Pmi

Caratteristiche e funzionalità dei sistemi ERP per le Pmi ERP: UN MALE NECESSARIO O UN VANTAGGIO PER IL BUSINESS? Caratteristiche e funzionalità dei sistemi ERP per le Pmi Roberto Panizzolo Università di Padova Dipartimento di Innovazione Meccanica e Gestionale

Dettagli

a.a. 2014/2015 XI MODULO Logistica e gestione delle scorte

a.a. 2014/2015 XI MODULO Logistica e gestione delle scorte a.a. 2014/2015 XI MODULO Logistica e gestione delle scorte Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che nella Pubblica

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 9559 - Esperto nell integrazione dei sistemi qualità, sicurezza, ambiente (HSE)

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 9559 - Esperto nell integrazione dei sistemi qualità, sicurezza, ambiente (HSE) CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 99 - Esperto nell integrazione dei sistemi qualità, sicurezza, ambiente (HSE) Dati principali - Corso ID: 99 - Esperto nell integrazione dei sistemi qualità, sicurezza,

Dettagli

Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader

Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader Certificazione ISO 27001: l'esperienza IBM Certificazione ISO 27001: l'esperienza IBM Il caso di IBM BCRS Perchè certificarsi Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli