Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Prima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Prima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A."

Transcript

1 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Prima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Gentile Cliente, La informiamo che, in data 28 novembre 2014, il Consiglio di Amministrazione di ANIMA SGR S.p.A. ha deliberato talune modifiche regolamentari approvate dalla Banca d Italia in data 16 gennaio Nella successiva seduta del 30 gennaio 2015 il Consiglio di Amministrazione di ANIMA SGR S.p.A. ha deliberato talune ulteriori modifiche che si considerano approvate in via generale dalla Banca d Italia. Le modifiche, di seguito illustrate in dettaglio, sono state pubblicate in data 19 febbraio 2015 sul quotidiano il Sole 24 Ore ed avranno efficacia in data 1 aprile 2015 (decorso il periodo di sospensiva). Le suddette modifiche saranno, altresì, recepite - con la medesima data di efficacia - nel relativo Prospetto. Di seguito, si riporta il testo regolamentare modificato in comparazione con la versione previgente. 2. Proventi, risultati della gestione e modalità di ripartizione 2.2 Determinazione e distribuzione dei proventi del Fondo Anima Star Italia Alto Potenziale Classe YD 1.1. I proventi oggetto di distribuzione sono costituiti dalla somma algebrica delle componenti positive e negative del reddito di esercizio. Le componenti positive sono costituite dai proventi da investimenti maturati nel periodo di riferimento sugli strumenti finanziari e su qualsiasi altra attività finanziaria nonché i depositi. Le componenti negative sono invece rappresentate dagli oneri finanziari, dagli oneri di gestione e dall imposta sostitutiva a debito dell esercizio. 2. Proventi, risultati della gestione e modalità di ripartizione 2.2 Determinazione e distribuzione dei proventi del Fondo Anima Star Italia Alto Potenziale Classe YD 1.1.La SGR può distribuire ai Partecipanti fino al 100% dei proventi conseguiti, con cadenza semestrale, in proporzione al numero di quote possedute da ciascun Partecipante ai sensi dei punti successivi. I proventi oggetto di distribuzione sono costituiti dalla somma algebrica delle componenti positive e negative del reddito di esercizio. Le componenti positive sono costituite dai proventi da investimenti maturati nel periodo di riferimento sugli strumenti finanziari e su qualsiasi altra attività finanziaria nonché i depositi. Le componenti negative sono invece rappresentate dagli oneri finanziari, dagli oneri di gestione e dall imposta sostitutiva a debito dell esercizio. 1 di 11

2 I proventi oggetto di distribuzione sono riconducibili alla somma algebrica delle seguenti voci della sezione reddituale del rendiconto del Fondo redatto in relazione al periodo di riferimento: A1.1 Interessi e altri proventi su titoli di debito quotati; A1.2 Dividendi e altri proventi su titoli di capitale quotati; A1.3 Proventi su parti di OICR quotati; B1.1 Interessi ed altri proventi su titoli di debito non quotati; B1.2 Dividendi e altri proventi su titoli di capitale non quotati; B1.3 Proventi su parti di OICR non quotati; F1. Proventi da operazioni pronti contro termine e assimilati; I1. Interessi attivi su disponibilità liquide; I2. Altri ricavi; L1. Imposta sostitutiva a carico dell esercizio; L3. Altre imposte; G. Oneri finanziari; H. Oneri di gestione In tale ipotesi, l eventuale distribuzione non costituisce il risultato effettivo di gestione del Fondo nel periodo di riferimento, in quanto non vengono presi in considerazione gli utili/perdite da realizzo, né le minusvalenze/plusvalenze. La SGR può distribuire ai Partecipanti fino al 100% dei proventi conseguiti, con cadenza semestrale, in proporzione al numero di quote possedute da ciascun Partecipante ai sensi del paragrafo 1.2. È inoltre facoltà del Consiglio di Amministrazione della SGR deliberare la distribuzione degli utili netti da realizzo e plusvalenze su strumenti finanziari fino al 100%, rilevati nei Rendiconti di gestione. I proventi oggetto di distribuzione sono riconducibili alla somma algebrica, se positiva, delle seguenti voci della sezione reddituale del rendiconto del FondoRendiconto di periodo redatto in relazione al periodo di riferimento: A1.1 Interessi e altri proventi su titoli di debito quotatiproventi da investimenti su strumenti finanziari quotati; A1.2 Dividendi e altri proventi su titoli di capitale quotati; A1.3 Proventi su parti di OICR quotati; B1.1 Interessi ed altri proventi su titoli di debito non quotati Proventi da investimenti su strumenti finanziari non quotati; B1.2 Dividendi e altri proventi su titoli di capitale non quotati; B1.3 Proventi su parti di OICR non quotati; F1. Proventi da operazioni pronti contro termine e assimilati; I1. Interessi attivi su disponibilità liquide; I2. Altri ricavi; L1. Imposta sostitutiva a carico dell esercizio; L3. Altre imposte; G. Oneri finanziari; H. Oneri di gestione In tale ipotesi, l eventuale distribuzione non costituisce il risultato effettivo di gestione del Fondo nel periodo di riferimento, in quanto non vengono presiprese in considerazione tutte le voci del conto economico, in particolare gli utili/perdite da realizzo, né e le minusvalenze/plusvalenze. La SGR può distribuire ai Partecipanti fino al 100% dei proventi conseguiti, con cadenza semestrale, in proporzione al numero di quote possedute da ciascun Partecipante ai sensi del paragrafo 1.2. È inoltre facoltà del Consiglio di Amministrazione della SGR deliberare la distribuzione fino al 100% degli utili netti da realizzo e delle plusvalenze su strumenti finanziari fino al 100%, rilevati neiin ciascun RendicontiRendiconto di gestioneperiodo. 2 di 11

3 Più precisamente, per utili netti da realizzo e plusvalenze su strumenti finanziari si intende la somma algebrica delle seguenti voci, se positive, della sezione reddituale del Rendiconto di gestione del Fondo: - A2.1 Utile da realizzo su titoli di debito quotati; - A2.2 Utile da realizzo su titoli di capitale quotati; - A2.3 Utile da realizzo su parti di OICR quotati; - A3.2 Plusvalenze su titoli di capitale quotati; - A3.3 Plusvalenze su parti di OICR quotati; - A4. Risultati realizzati sulle operazioni di copertura di strumenti finanziari quotati; - B2.1 Utili da realizzo su titoli di debito non quotati; - B2.2 Utile da realizzo su titoli di capitale non quotati; - B2.3 Utile da realizzo su parti di OICR non quotati; - B3.2 Plusvalenze su titoli di capitale non quotati; - B3.3 Plusvalenze su parti di OICR non quotati; - B4. Risultati realizzati sulle operazioni di copertura di strumenti finanziari non quotati; - C1. Risultati realizzati sulle operazioni non di copertura su strumenti finanziari derivati. Anche in tale ipotesi, l eventuale distribuzione non costituisce il risultato effettivo di gestione del Fondo nel periodo di riferimento, in quanto non vengono prese in considerazione né le perdite da realizzo, né le minusvalenze e le plusvalenze relative ai titoli di debito. Pertanto, la distribuzione di proventi ed utili netti da realizzo su strumenti finanziari potrebbe anche essere superiore al risultato medesimo, rappresentando in tale caso, un rimborso parziale del valore delle quote. La distribuzione di detti ricavi non comporterà in alcun caso un rimborso automatico di un determinato numero di quote o di frazione di esse, ma avverrà sempre come diminuzione del valore unitario delle stesse. Più precisamente, per utili netti da realizzo e plusvalenze su strumenti finanziari si intende la somma algebrica delle seguenti voci, se positive, della sezione reddituale deldi ciascun Rendiconto di gestione del Fondoperiodo: - A2.1 Utile da realizzo su titoli di debito strumenti finanziari quotati; - A2.2 Utile da realizzo su titoli di capitale quotati; - A2.3 Utile da realizzo su parti di OICR quotati; - A3.2 Plusvalenze su titoli di capitale quotati; - A3.3 Plusvalenze su parti di OICR quotati; - A3. Plusvalenze su strumenti finanziari quotati; - A4. Risultati realizzati sulle operazioni di copertura di strumenti finanziari quotati; - B2.1 Utili da realizzo su titoli di debitostrumenti finanziari non quotati; - B2.2 Utile da realizzo su titoli di capitale non quotati; - B2.3 Utile da realizzo su parti di OICR non quotati; - B3.2 Plusvalenze su titoli di capitale non quotati; - B3.3 Plusvalenze su parti di OICR non quotati; - B3. Plusvalenze su strumenti finanziari non quotati; - B4. Risultati realizzati sulle operazioni di copertura di strumenti finanziari non quotati; - C1. RisultatiRisultato realizzati sulledelle operazioni in strumenti finanziari derivati non di copertura su strumenti finanziari derivati. Anche in tale ipotesi, l eventuale distribuzione non costituisce il risultato effettivo di gestione del Fondo nel periodo di riferimento, in quanto non vengono prese in considerazione tutte le voci del conto economico, in particolare né le perdite da realizzo, née le minusvalenze e le plusvalenze relative ai titoli di debito. Pertanto, la distribuzione di proventi, ed utili netti da realizzo e plusvalenze su strumenti finanziari come sopra descritta potrebbe anche essere superiore al risultato medesimo, rappresentando in tale caso, un rimborso parziale del valore delle quote. La distribuzione di detti ricavi non comporterà in alcun caso un rimborso automatico di un determinato numero di quote o di frazione di esse, ma avverrà sempre come diminuzione del valore unitario delle stesse. 3 di 11

4 Il ricavo spettante a ciascuna quota, che potrebbe anche essere superiore all incremento registrato dal valore unitario della quota stessa nel periodo cui si riferisce il rendiconto di gestione, sarà determinato dividendo l ammontare posto in distribuzione per il numero delle quote in circolazione alla data determinata dal Consiglio di Amministrazione della SGR in occasione dell approvazione del rendiconto: la quota calcolata in tale data sarà, pertanto, excedola. 1.2 Si considerano aventi diritto alla distribuzione dei proventi di cui al punto 1.1 i Partecipanti esistenti il giorno precedente a quello della quotazione excedola. 1.3 L ammontare dei proventi conseguiti a tutto il 30 giugno e il 31 dicembre di ogni anno, spettante ad ogni quota, nonché la data di inizio della distribuzione vengono indicati nella relazione di accompagnamento del rendiconto di gestione, redatta entro 60 giorni dalla fine di ogni esercizio dall organo amministrativo della SGR e pubblicati sulle fonti indicate nella Scheda Identificativa. In ogni caso la data stabilita non può essere posteriore al trentesimo giorno successivo alla data di approvazione del rendiconto di gestione. 1.4 La distribuzione dei proventi avviene a mezzo del Depositario in proporzione al numero di quote possedute da ciascun Partecipante. Qualora il Sottoscrittore abbia richiesto l emissione del certificato di partecipazione, il pagamento dei proventi è subordinato alla presentazione al Depositario, anche tramite il collocatore, delle cedole e, in caso di certificato nominativo, dell intero certificato e delle relative cedole. I proventi sono corrisposti in numerario o secondo le diverse modalità di pagamento indicate dal Partecipante, che dovrà in tal caso corrispondere le relative spese. Gli importi distribuiti sono arrotondati per difetto al centesimo di euro e le eventuali frazioni di ricavi non corrisposte vengono ricomprese nel patrimonio del Fondo. Il ricavo spettante a ciascuna quota, che potrebbe anche essere superiore all incremento registrato dal valore unitario della quota stessa nel periodo cui si riferisce il rendiconto di gestione Rendiconto di periodo, sarà determinato dividendo l ammontare posto in distribuzione per il numero delle quote in circolazione alla data determinata dal Consiglio di Amministrazione della SGR in occasione dell approvazione del rendiconto: la quota calcolata in tale data sarà, pertanto, ex-cedola. 1.2 Si considerano aventi diritto alla distribuzione dei proventi di cui al punto 1.1 i Partecipanti esistenti il giorno precedente a quello della quotazione excedola. 1.3 L ammontare dei proventi conseguiti a tutto il 30 giugno e il 31 dicembre di ogni anno, spettante ad ogni quota, nonché la data di inizio della distribuzione vengono indicati nella relazione di accompagnamento del rendiconto di gestione Rendiconto di periodo, redatta entro 60 giorni dalla fine di ogni esercizio dall organo amministrativo della SGR e pubblicati sulle fonti indicate nella Scheda Identificativa. In ogni caso la data stabilita non può essere posteriore al trentesimo giorno successivo alla data di approvazione del rendiconto di gestione Rendiconto di periodo. 1.4 La distribuzione dei proventi avviene a mezzo del Depositario in proporzione al numero di quote possedute da ciascun Partecipante. Qualora il Sottoscrittore abbia richiesto l emissione del certificato di partecipazione, il pagamento dei proventi è subordinato alla presentazione al Depositario, anche tramite il collocatore, delle cedole e, in caso di certificato nominativo, dell intero certificato e delle relative cedole. I proventi sono corrisposti in numerario o con bonifico bancario sul c/c indicato dal Sottoscrittore o con assegno di traenza, secondo le diverse modalità di pagamento indicate dal a scelta del Partecipante, che dovrà in tal caso corrispondere le relative spese. Qualora il Partecipante richieda la corresponsione dei proventi con invio a domicilio del mezzo di pagamento, ciò avverrà a rischio e spese dello stesso. Gli importi distribuiti sono arrotondati per difetto al centesimo di euro e le eventuali frazioni di ricavi non corrisposte vengono ricomprese nel patrimonio del Fondo. 4 di 11

5 3. Regime delle spese 3. Regime delle spese 3.2 Spese a carico dei Fondi 3.2 Spese a carico dei Fondi Le spese a carico dei Fondi sono rappresentate da: - una commissione di gestione a favore della SGR, calcolata quotidianamente sul valore complessivo netto del Fondo e prelevata dalle disponibilità del Fondo stesso con valuta il primo giorno di valorizzazione successivo alla fine di ogni mese solare nella misura di seguito indicata: Le spese a carico dei Fondi sono rappresentate da: - una commissione di gestione a favore della SGR, calcolata quotidianamente sul valore complessivo netto del Fondo e prelevata dalle disponibilità del Fondo stesso con valuta il primo giorno di valorizzazione successivo alla fine di ogni mese solare nella misura di seguito indicata: Quote Commissione Annuale Commissione Annuale Fondi Linea CLASSE A CLASSE Y Mercati 0,80% 0,35% BT 1,00% 0,36% MLT 1,15% 0,36% Globale 1,15% 0,50% Imprese High 1,70% 0,70% Yield 1,70% 0,70% Emergenti Italia Europa Europa PMI America Asia Globale Paesi Emergenti Quote Fondi Linea Mercati BT MLT Globale Commissione Annuale Commissione Annuale CLASSE A CLASSE Y 0,80% 0,35% 1,00% 0,360,40% 1,15% 0,360,60% 1,15% 0,50% Imprese High 1,70% 0,70% Yield 1,70% 0,70% Emergenti Italia Europa Europa PMI America Asia Globale Paesi Emergenti 5 di 11

6 È previsto un fee cap al compenso della SGR calcolato come segue: - in ciascun giorno di valorizzazione la SGR calcola: - l incidenza percentuale, rispetto al valore complessivo netto del Fondo del medesimo giorno, delle provvigioni di gestione e di incentivo (l Incidenza Commissionale Giornaliera ); - la somma delle Incidenze Commissionali Giornaliere maturate dall inizio dell anno solare (l Incidenza Commissionale Complessiva ). La provvigione di incentivo cessa di maturare, con riferimento all anno solare in corso, qualora l Incidenza Commissionale Complessiva abbia superato il limite del 4%. - esclusivamente per il Fondo Anima Rendimento Assoluto, una provvigione di incentivo pari al 20% della differenza maturata nell anno solare tra l incremento percentuale del valore della quota e l incremento percentuale del valore del parametro di riferimento, relativi al medesimo periodo. La provvigione viene calcolata sul minor ammontare tra il valore complessivo netto medio del Fondo nello stesso periodo e il valore complessivo netto del Fondo disponibile nel giorno di calcolo. Il calcolo della commissione è eseguito quotidianamente, accantonando un rateo che fa riferimento all extraperformance maturata rispetto all ultimo giorno dell anno solare precedente. Ogni giorno, ai fini del calcolo del valore complessivo del Fondo, la SGR accredita al Fondo l accantonamento del giorno precedente e addebita quella del giorno a cui si riferisce il calcolo. Il parametro di riferimento, indicato nella sottostante tabella, viene confrontato al netto degli oneri fiscali vigenti applicabili sui proventi conseguiti dal Fondo (si rettifica la performance del parametro di riferimento in base all aliquota fiscale in vigore): È previsto un fee cap al compenso della SGR calcolato come segue: - in ciascun giorno di valorizzazione la SGR calcola: - l incidenza percentuale, rispetto al valore complessivo netto del Fondo del medesimo giorno, delle provvigioni di gestione e di incentivo (l Incidenza Commissionale Giornaliera ); - la somma delle Incidenze Commissionali Giornaliere maturate dall inizio dell anno solare (l Incidenza Commissionale Complessiva ). La provvigione di incentivo cessa di maturare, con riferimento all anno solare in corso, qualora l Incidenza Commissionale Complessiva abbia superato il limite del 4%. - esclusivamente per il Fondo Fondi MLT Classe Y, Globale Classe Y, Anma Fix Imprese Classe Y e Anima Rendimento Assoluto, una provvigione di incentivo pari al 20% della differenza maturata nell anno solare tra l incremento percentuale del valore della quota e l incremento percentuale del valore del parametro di riferimento, relativi al medesimo periodo. La provvigione viene calcolata sul minor ammontare tra il valore complessivo netto medio del Fondo nello stesso periodo e il valore complessivo netto del Fondo disponibile nel giorno di calcolo. Il calcolo della commissione è eseguito quotidianamente, accantonando un rateo che fa riferimento all extraperformance maturata rispetto all ultimo giorno dell anno solare precedente. Ogni giorno, ai fini del calcolo del valore complessivo del Fondo, la SGR accredita al Fondo l accantonamento del giorno precedente e addebita quella del giorno a cui si riferisce il calcolo. Il parametro di riferimento, indicato per ciascun Fondo nella sottostante tabella, viene confrontato al netto degli oneri fiscali vigenti applicabili sui proventi conseguiti dal Fondo (si rettifica la performance del parametro di riferimento in base all aliquota fiscale in vigore): 6 di 11

7 Fondo Parametro di riferimento Anima 100% EONIA Capitalization 7 Days Rendimento Assoluto Fondo MLT Classe Y Globale Classe Y Imprese Classe Y Anima Rendimento Assoluto Parametro di riferimento 80% JPMorgan GBI EMU 10% BofA Merrill Lynch Euro Large Cap Corporate 10% MTS Italy BOT - ex Bankit 95% JP Morgan GBI Global (in euro) 5% MTS Italy BOT - ex Bankit 80% BofA Merrill Lynch Euro Large Cap Corporate; 20% MTS Italy BOT - ex Bankit 100% EONIA Capitalization 7 Days 7 di 11

8 c) Modalità di funzionamento c) Modalità di funzionamento I. Partecipazione al Fondo I. Partecipazione al Fondo I.1 Previsioni generali I.1 Previsioni generali 14. La partecipazione al Fondo non è consentita ai soggetti nei confronti dei quali, ai sensi della documentazione d offerta, non possono essere offerte o distribuite le quote del Fondo. A tal fine la SGR può: - respingere la richiesta di emissione o trasferimento di quote da o a tali soggetti; - richiedere ai Partecipanti al Fondo, in qualunque momento, di fornire per iscritto, sotto la propria responsabilità, ogni informazione ritenuta necessaria per la verifica della sussistenza dei requisiti previsti per la partecipazione al Fondo; - procedere al rimborso forzoso di tutte le quote detenute da tali soggetti. Il rimborso forzoso delle quote è determinato in base al valore unitario corrente, al netto della commissione di rimborso eventualmente applicabile ai sensi del presente Regolamento. In relazione ad eventuali quote già sottoscritte al momento dell entrata in vigore della presente disposizione, (01/04/2015), il rimborso sarà effettuato senza applicazione della commissione di rimborso. 14. La SGR può consentire eventuali deroghe alle previsioni contenute nel presente Regolamento finalizzate a concedere agevolazioni finanziarie a categorie di soggetti predeterminate quali specificate nel Prospetto Informativo tempo per tempo vigente La SGR può consentire eventuali deroghe alle previsioni contenute nel presente Regolamento finalizzate a concedere agevolazioni finanziarie a categorie di soggetti predeterminate quali specificate nel Prospetto Informativo tempo per tempo vigente. 8 di 11

9 I.2 Modalità di sottoscrizione delle quote I.2 Modalità di sottoscrizione delle quote 4. Il versamento del corrispettivo in euro può avvenire Mediante: - assegno bancario o circolare, non trasferibile ovvero girato con clausola di non trasferibilità, all ordine della SGR e rubricato al Fondo al quale si riferisce la sottoscrizione; - bonifico bancario - alla cui copertura il Sottoscrittore può provvedere anche a mezzo di contanti ovvero con addebito di conto corrente, con carta di credito di società convenzionata disposto a favore della SGR e rubricato al Fondo al quale si riferisce la sottoscrizione; - autorizzazione permanente di addebito sul conto corrente bancario intestato al Sottoscrittore o ad uno dei cointestatari limitatamente ai versamenti unitari successivi al primo effettuati nell ambito di un Piano di Accumulo o di un Investimento Programmato. Gli assegni e gli accrediti derivanti da autorizzazioni permanenti di addebito in conto corrente sono accettati salvo buon fine. 4. Il versamento del corrispettivo in euro può avvenire Mediante: - assegno bancario o circolare, non trasferibile ovvero girato con clausola di non trasferibilità, all ordine della SGR e rubricato al Fondo al quale si riferisce la sottoscrizione; - bonifico bancario - alla cui copertura il Sottoscrittore può provvedere anche a mezzo di contanti ovvero con addebito di conto corrente, ovvero con carta di credito di società convenzionata disposto a favore della SGR e rubricato al Fondo al quale si riferisce la sottoscrizione; - autorizzazione permanente di addebito sul conto corrente bancario intestato al Sottoscrittore o ad uno dei cointestatari limitatamente ai versamenti unitari successivi al primo effettuati nell ambito di un Piano di Accumulo o di un Investimento Programmato. Gli assegni e gli accrediti derivanti da autorizzazioni permanenti di addebito in conto corrente sono accettati salvo buon fine. VI. Rimborso delle quote VI.2 Modalità di rimborso delle quote 1. Il rimborso può alternativamente avvenire a mezzo: - Contante (esclusivamente per richieste di rimborso che non siano inoltrate direttamente alla SGR); - Bonifico a favore dell avente diritto (Sottoscrittore e/o cointestatario); - Assegno circolare o bancario non trasferibile entrambi all ordine dell avente diritto (Sottoscrittore e/o cointestatario). I Partecipanti possono chiedere che il mezzo di pagamento del rimborso sia inviato con plico assicurato, a loro spese, presso il domicilio indicato nella domanda di rimborso. Sull importo rimborsato la SGR trattiene eventuali commissioni, diritti fissi e spese previsti al precedente 3.1. VI. Rimborso delle quote VI.2 Modalità di rimborso delle quote 1. Il rimborso può alternativamente avvenire a mezzo: - Contante (esclusivamente per richieste di rimborso che non siano inoltrate direttamente alla SGR); - Bonifico a favore dell avente diritto (Sottoscrittore e/o cointestatario); - Assegno circolare o bancario non trasferibile entrambi all ordine dell avente diritto (Sottoscrittore e/o cointestatario). I Partecipanti possono chiedere che il mezzo di pagamento del rimborso sia inviato con plico assicurato, a loro spese, presso il domicilio indicato nella domanda di rimborso. Sull importo rimborsato la SGR trattiene eventuali commissioni, diritti fissi e spese previsti al precedente di 11

10 INFORMAZIONI UTILI A tutti i Partecipanti ai Fondi interessati dalle modifiche è consentito, durante il periodo di sospensiva, richiedere il rimborso delle quote senza applicazione delle commissioni di rimborso eventualmente previste dal Regolamento. La SGR fornirà gratuitamente copia del Regolamento ai Partecipanti che ne facciano richiesta. **** Ai sensi dell art. 19, comma 2 del Regolamento Emittenti della Consob, si comunicano di seguito talune informazioni contenute nei KIID che risultano essere variate in occasione dell aggiornamento di cui all art. 17-bis. Fondo Euro Bt Mlt KIID Classi A, Y e I: Il Fondo è stato classificato nella categoria 2 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 0,5% e 2%. Classi A e Y: Il Fondo è stato classificato nella categoria 2 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 0,5% e 2%. Classi A e Y: Il Fondo è stato classificato nella categoria 3 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 2% e 5%. Classe Y: Il Fondo è stato classificato nella categoria 4 in quanto la variabilità dei Globale rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 5% e 10%. Classi A e Y: Grado di scostamento dal benchmark: rilevante. Emergenti Classi A e Y: Grado di scostamento dal benchmark: significativo. rischio di cambio in misura contenuta. Il Fondo è stato classificato nella categoria 4 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 5% e 10%. Altri rischi che rivestono importanza significativa per il Fondo e che non sono adeguatamente rilevati dall Indicatore sintetico. È stato eliminato il Rischio di Liquidità. Europa Classi A e Y: rischio di cambio in misura prevalente. Asia Classi A e Y: Il Fondo è stato classificato nella categoria 6 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 15% e 25%. Paesi Emergenti Classi A e Y: Grado di scostamento dal benchmark: significativo. Il Fondo è stato classificato nella categoria 6 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 15% e 25%. 10 di 11

11 Fondo Anima Rendimento Assoluto KIID Classi A e Y: rischio di cambio in misura significativa. Anima Forza 1 Classe A, B e Y: OICR collegati in misura prevalente. rischio di cambio in misura significativa. Il Fondo è stato classificato nella categoria 2 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 0,5% e 2%. Anima Forza 2 Classi A, B e Y: OICR collegati in misura significativa. Il Fondo è stato classificato nella categoria 3 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 2% e 5%. Anima Forza 3 Classi A, B e Y: OICR collegati in misura contenuta. rischio di cambio in misura significativa. Il Fondo è stato classificato nella categoria 3 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 2% e 5%. Anima Forza 4 Classi A, B e Y: OICR collegati in misura contenuta. rischio di cambio in misura prevalente. Il Fondo è stato classificato nella categoria 4 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 5% e 10%. Anima Forza 5 Classi A, B e Y: OICR collegati in misura significativa. rischio di cambio in misura principale. Il Fondo è stato classificato nella categoria 5 in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 10% e 15%. Si evidenzia, in ultimo, la ridenominazione dell indice MTS Italy Bot - Ex Bankit in FTSE MTS Ex - Bank of Italy BOT, utilizzato nella composizione del Parametro di riferimento di taluni Fondi. 11 di 11

12

Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A. COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Gentile Cliente, La informiamo che,

Dettagli

Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A. COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Gentile Cliente, La informiamo che,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I RENDICONTI DI GESTIONE AL 30 GIUGNO 2007 DEI FONDI ORDINARI QUOTATI BERENICE, TECLA E OLINDA

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I RENDICONTI DI GESTIONE AL 30 GIUGNO 2007 DEI FONDI ORDINARI QUOTATI BERENICE, TECLA E OLINDA COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I RENDICONTI DI GESTIONE AL 30 GIUGNO 2007 DEI FONDI ORDINARI QUOTATI BERENICE, TECLA E OLINDA BERENICE FONDO UFFICI: PREMESSO CHE (I) NON SONO STATI REALIZZATI INVESTIMENTI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATE LE RELAZIONI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2016 DEI FONDI:

COMUNICATO STAMPA APPROVATE LE RELAZIONI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2016 DEI FONDI: COMUNICATO STAMPA APPROVATE LE RELAZIONI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2016 DEI FONDI: OBELISCO IMMOBILIUM 2001 *** OBELISCO Il Consiglio di Amministrazione della InvestiRE SGR S.p.A. ha approvato in data odierna

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) RMJ SOCIETA di GESTIONE del RISPARMIO per azioni Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli Investitori devono disporre in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A. COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Gentile Cliente, La informiamo che,

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE Pagina 1 di 8 PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche del fondo. Informazioni generali sul fondo NOME GESTORE ALTRE

Dettagli

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore-contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche

Dettagli

OLINDA - FONDO SHOPS PRELIOS SGR APPROVA IL RENDICONTO FINALE DI LIQUIDAZIONE DEL FONDO DELIBERATO UN ULTERIORE RIMBORSO DI EURO 18,58 PER QUOTA

OLINDA - FONDO SHOPS PRELIOS SGR APPROVA IL RENDICONTO FINALE DI LIQUIDAZIONE DEL FONDO DELIBERATO UN ULTERIORE RIMBORSO DI EURO 18,58 PER QUOTA COMUNICATO STAMPA OLINDA - FONDO SHOPS PRELIOS SGR APPROVA IL RENDICONTO FINALE DI LIQUIDAZIONE DEL FONDO DELIBERATO UN ULTERIORE RIMBORSO DI EURO 18,58 PER QUOTA NAV TOTALE PARI A 19,7 /MLN NAV PRO QUOTA

Dettagli

SISTEMA FONDI CARIGE

SISTEMA FONDI CARIGE SISTEMA FONDI CARIGE PARTE II ILLUSTRAZIONE DEI DATI STORICI DI RISCHIO RENDIMENTO, COSTI E TURNOVER DI PORTAFOGLIO DEI FONDI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI CARIGE CARIGE AZIONARIO ITALIA CARIGE AZIONARIO

Dettagli

Obiettivi e politica d investimento. Profilo di rischio e di rendimento

Obiettivi e politica d investimento. Profilo di rischio e di rendimento INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

IL CDA DI IDEA FIMIT SGR APPROVA LE RELAZIONI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2013 DEI FONDI IMMOBILIARI ALPHA, BETA E DELTA

IL CDA DI IDEA FIMIT SGR APPROVA LE RELAZIONI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2013 DEI FONDI IMMOBILIARI ALPHA, BETA E DELTA Comunicato stampa IL CDA DI IDEA FIMIT SGR APPROVA LE RELAZIONI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2013 DEI FONDI IMMOBILIARI ALPHA, BETA E DELTA FONDO ALPHA o valore unitario della quota: 3.708,185 euro o incremento

Dettagli

SAI MULTI FUND Comparti: LINEA PRUDENTE LINEA DINAMICA LINEA AGGRESSIVA

SAI MULTI FUND Comparti: LINEA PRUDENTE LINEA DINAMICA LINEA AGGRESSIVA SAI A.M. SGR S.p.A. appartenente al gruppo FONDIARIA SAI PARTE II DEL PROSPETTO INFORMATIVO Illustrazione dei dati storici di rischio/rendimento, costi e Turnover di portafoglio dei Fondi/Comparti SAI

Dettagli

Fondo comune di investimento immobiliare chiuso Amundi Soluzione Immobiliare promosso da Amundi SGR S.p.A. e gestito da Amundi RE Italia SGR S.p.A.

Fondo comune di investimento immobiliare chiuso Amundi Soluzione Immobiliare promosso da Amundi SGR S.p.A. e gestito da Amundi RE Italia SGR S.p.A. promosso da Amundi SGR S.p.A. e gestito da Amundi RE Italia SGR S.p.A. Con riferimento al regolamento del Fondo, si rende noto che sono state deliberate talune modifiche connesse alla sostituzione della

Dettagli

IL CDA DI IDEA FIMIT SGR APPROVA LE RELAZIONI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2015 DEI FONDI IMMOBILIARI ALPHA, ATLANTIC 2 BERENICE, BETA E DELTA

IL CDA DI IDEA FIMIT SGR APPROVA LE RELAZIONI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2015 DEI FONDI IMMOBILIARI ALPHA, ATLANTIC 2 BERENICE, BETA E DELTA Comunicato stampa IL CDA DI IDEA FIMIT SGR APPROVA LE RELAZIONI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2015 DEI FONDI IMMOBILIARI ALPHA, ATLANTIC 2 BERENICE, BETA E DELTA FONDO ALPHA o valore unitario della quota: 3.489,112

Dettagli

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE Milano, 26-02-2016 COMUNICATO STAMPA BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE Il Consiglio di Amministrazione di BNP Paribas REIM SGR p.a. ha approvato

Dettagli

Il valore complessivo netto (NAV) del Fondo Alpha è passato da euro al 31 dicembre 2014 a euro al 31 dicembre 2015.

Il valore complessivo netto (NAV) del Fondo Alpha è passato da euro al 31 dicembre 2014 a euro al 31 dicembre 2015. Comunicato stampa IL CDA DI IDEA FIMIT SGR APPROVA LE RELAZIONI DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2015 DEI FONDI IMMOBILIARI ALPHA, ATLANTIC 1, ATLANTIC 2 BERENICE, BETA E DELTA. FONDO ALPHA o valore unitario

Dettagli

Anima Rendimento Assoluto Obbligazionario

Anima Rendimento Assoluto Obbligazionario Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO ESTENSE GRANDE DISTRIBUZIONE

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO ESTENSE GRANDE DISTRIBUZIONE Milano, 26-02-2016 COMUNICATO STAMPA BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO ESTENSE GRANDE DISTRIBUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di BNP Paribas REIM SGR p.a. ha approvato

Dettagli

Anima Rendimento Assoluto Obbligazionario

Anima Rendimento Assoluto Obbligazionario Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE. Profilo Best Funds

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE. Profilo Best Funds PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE Profilo Best Funds La parte "Informazioni Specifiche" del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all'investitore prima della sottoscrizione,

Dettagli

Milano, 30 dicembre Gentile Cliente,

Milano, 30 dicembre Gentile Cliente, Milano, 30 dicembre 2015 Gentile Cliente, Le anticipiamo le modifiche apportate al Regolamento di gestione dei Fondi da Lei sottoscritti approvate dal CDA di ANIMA Sgr dello scorso 21 dicembre e pubblicate

Dettagli

CASTELLO SGR S.p.A. approva la Relazione annuale sulla gestione al 31 dicembre 2015 del Fondo "Valore Immobiliare Globale"

CASTELLO SGR S.p.A. approva la Relazione annuale sulla gestione al 31 dicembre 2015 del Fondo Valore Immobiliare Globale CASTELLO SGR S.p.A. approva la Relazione annuale sulla gestione al 31 dicembre 2015 del Fondo "Valore Immobiliare Globale" Milano, 26 febbraio 2016 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato

Dettagli

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2016 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2016 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE Milano, 28-02-2017 COMUNICATO STAMPA BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2016 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE Il Consiglio di Amministrazione di BNP Paribas REIM SGR p.a. ha approvato

Dettagli

Allegati del bilancio consolidato

Allegati del bilancio consolidato Allegati del bilancio consolidato Allegati Rendiconto finanziario 267 Prospetti di bilancio in euro 268 Conto economico pro forma Intesa - Comit 276 Prospetti di bilancio raffrontati con quelli non riesposti

Dettagli

ENEL: IL CDA DELIBERA UN ACCONTO SUL DIVIDENDO 2011 PARI A 0,10 EURO PER AZIONE, IN PAGAMENTO DAL 24 NOVEMBRE PROSSIMO

ENEL: IL CDA DELIBERA UN ACCONTO SUL DIVIDENDO 2011 PARI A 0,10 EURO PER AZIONE, IN PAGAMENTO DAL 24 NOVEMBRE PROSSIMO ENEL: IL CDA DELIBERA UN ACCONTO SUL DIVIDENDO 2011 PARI A 0,10 EURO PER AZIONE, IN PAGAMENTO DAL 24 NOVEMBRE PROSSIMO Roma, 28 settembre 2011 Il Consiglio di Amministrazione di Enel SpA, presieduto da

Dettagli

DENOMINAZIONE, TIPOLOGIA E DURATA DEL FONDO

DENOMINAZIONE, TIPOLOGIA E DURATA DEL FONDO Modifiche al Regolamento Unico degli OICVM non riservati gestiti da SOFIA SGR S.p.A. Le parti oggetto di modifica sono evidenziate in giallo. TESTO PRECEDENTE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA NUOVA FORMULAZIONE

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI - Key Investor Information Document (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli Investitori devono disporre in relazione a questo

Dettagli

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore-contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche

Dettagli

Arca RR Diversified Bond Fondo comune gestito da Arca Fondi Sgr S.p.A. soggetta all'attività di Direzione e Coordinamento di Arca Holding S.p.A.

Arca RR Diversified Bond Fondo comune gestito da Arca Fondi Sgr S.p.A. soggetta all'attività di Direzione e Coordinamento di Arca Holding S.p.A. INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) : Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

CERTIFICATI DI DEPOSITO A TASSO FISSO (TIPO CEDOLA)

CERTIFICATI DI DEPOSITO A TASSO FISSO (TIPO CEDOLA) CERTIFICATI DI DEPOSITO A TASSO FISSO (TIPO CEDOLA) I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187

Dettagli

Il Sole 24 Ore 7 gennaio 2010 pag. 27

Il Sole 24 Ore 7 gennaio 2010 pag. 27 Il Sole 24 Ore 7 gennaio 2010 pag. 27 Il Sole 24 Ore 22 gennaio 2010 pag. 42 Crédit Agricole Asset Management SGR S.p.A. Si rende noto che la Società dal 1 marzo 2010 adotterà la nuova denominazione di

Dettagli

POPOLARE VITA PREVIDENZA

POPOLARE VITA PREVIDENZA POPOLARE VITA S.p.A. Gruppo Assicurativo Unipol POPOLARE VITA PREVIDENZA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO (PIP) DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE (Tariffa n 537) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con

Dettagli

Parte II del Prospetto Completo. Illustrazione dei dati periodici di rischio-rendimento e costi dei Fondi

Parte II del Prospetto Completo. Illustrazione dei dati periodici di rischio-rendimento e costi dei Fondi Fondi fondi di diritto italiano armonizzati Cash Obbligazioni Euro BT Obbligazioni Euro M/LT Obbligazioni Dollaro M/LT Obbligazioni Emergenti Azioni Europa Dividendo Azioni Italia Azioni Italia PMI Azioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART. 36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N DEL 14 MAGGIO 1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE

COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART. 36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N DEL 14 MAGGIO 1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE COMUNICATO STAMPA AI SENSI DELL ART. 36 DEL REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE UniCredito Immobiliare Uno: Approvata la relazione semestrale al

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

Allegati del bilancio consolidato

Allegati del bilancio consolidato Allegati del bilancio consolidato Allegati Prospetto di raffronto tra il bilancio consolidato al 31 dicembre 1998 e quello al 31 dicembre 1997 Schemi di bilancio espressi in Euro Rendiconto finanziario

Dettagli

Il Rendiconto Finanziario. Inquadramento normativo e OIC n.10

Il Rendiconto Finanziario. Inquadramento normativo e OIC n.10 Il Rendiconto Finanziario Inquadramento normativo e OIC n.10 Art. 2423 c.c. Redazione del bilancio. In vigore fino al 31.12.2015 Gliamministratoridevonoredigereilbilanciodiesercizio, costituito dallo stato

Dettagli

Voluntary disclosure. Calcolo analitico dei redditi di natura finanziaria e semplificazioni per i soggetti delegati. Dott.

Voluntary disclosure. Calcolo analitico dei redditi di natura finanziaria e semplificazioni per i soggetti delegati. Dott. Calcolo analitico dei redditi di natura finanziaria e semplificazioni per i soggetti delegati Dott. Salvatore Sanna REDDITI DI CAPITALE NELLA VOLUNTARY DISCLOSURE Con riferimento al calcolo analitico dei

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Sono tali i soggetti elencati dall art. 32, comma 3, del decreto legge n. 78/2010, ossia:

Sono tali i soggetti elencati dall art. 32, comma 3, del decreto legge n. 78/2010, ossia: Regime fiscale delle imposte sui redditi dei partecipanti Sulla base del quadro normativo delineato dall art. 32 del decreto legge n. 78 del 31 maggio 2010, come da ultimo modificato dalla legge n. 106

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE - BANCA CR FIRENZE -

CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE - BANCA CR FIRENZE - 017-022 CR ok 18-05-2003 22:20 Pagina 17 Bilancio dell Impresa Bilancio dell Impresa 2002 CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE - BANCA CR FIRENZE - Società per Azioni 17 017-022 CR ok 18-05-2003 22:20 Pagina

Dettagli

Documento di Informazione

Documento di Informazione Milano, 19 dicembre 2013 Documento di Informazione relativo alla operazione di fusione per incorporazione del fondo comune di investimento armonizzato di tipo aperto di diritto italiano AcomeA Obbligazionario

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE N. protocollo n. 2011/180987 Modalità di attuazione delle disposizioni contenute nei commi 3-bis, 4, 4-bis e 5 dell articolo 32 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. UniCredito Immobiliare Uno: approvato il rendiconto annuale 2012

COMUNICATO STAMPA. UniCredito Immobiliare Uno: approvato il rendiconto annuale 2012 COMUNICATO STAMPA UniCredito Immobiliare Uno: approvato il rendiconto annuale 2012 Valore complessivo netto del Fondo: Euro 497.074.619 Valore unitario della quota: Euro 3.106,716 Rimborso pro-quota deliberato:

Dettagli

C O N S U L T I N V E S T A S S E T M A N A G E M E N T S. p. A. S o c i e t à d i g e s t i o n e d e l r i s p a r m i o

C O N S U L T I N V E S T A S S E T M A N A G E M E N T S. p. A. S o c i e t à d i g e s t i o n e d e l r i s p a r m i o C O N S U L T I N V E S T A S S E T M A N A G E M E N T S. p. A. S o c i e t à d i g e s t i o n e d e l r i s p a r m i o REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti

Dettagli

Fondo UBI Pramerica Active Duration appartenente al sistema UBI Pramerica (Codice ISIN portatore: IT )

Fondo UBI Pramerica Active Duration appartenente al sistema UBI Pramerica (Codice ISIN portatore: IT ) Informazioni chiave per gli investitori (KIID Key investor information document) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo

Dettagli

BCC VitA S.p.A. Gruppo Cattolica Assicurazioni

BCC VitA S.p.A. Gruppo Cattolica Assicurazioni BCC VitA S.p.A. Gruppo Cattolica Assicurazioni PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 5047 (art. 13 del decreto legislativo

Dettagli

ATTIVITA' % sul totale Valore complessivo

ATTIVITA' % sul totale Valore complessivo Schema di rendiconto dei fondi interni assicurativi Allegato 1 RENDICONTO DEL FONDO INTERNO (comparto) CONSERVATIVO SEZIONE PATRIMONIALE AL 31-12-2012 ATTIVITA' attività attività A. STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A ZERO COUPON BPSA ZERO COUPON

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A ZERO COUPON BPSA ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A ZERO COUPON BPSA ZERO COUPON 15/05/2007 15/11/2009 Codice ISIN IT0004231889 Le presenti Condizioni

Dettagli

AZIMUT SGR SpA FORMULA 1 LOW RISK FORMULA 1 CONSERVATIVE FORMULA 1 BALANCED FORMULA 1 RISK FORMULA 1 HIGH RISK PARTE II DEL PROSPETTO INFORMATIVO

AZIMUT SGR SpA FORMULA 1 LOW RISK FORMULA 1 CONSERVATIVE FORMULA 1 BALANCED FORMULA 1 RISK FORMULA 1 HIGH RISK PARTE II DEL PROSPETTO INFORMATIVO AZIMUT SGR SpA SISTEMA FORMULA 1 FORMULA 1 LOW RISK FORMULA 1 CONSERVATIVE FORMULA 1 BALANCED FORMULA 1 RISK FORMULA 1 HIGH RISK PARTE II DEL PROSPETTO INFORMATIVO ILLUSTRAZIONE DEI DATI STORICI DI RISCHIO/RENDIMENTO,

Dettagli

Sanpaolo Previdenza Aziende Linea Obbligazionaria

Sanpaolo Previdenza Aziende Linea Obbligazionaria Sanpaolo Previdenza Aziende Linea Obbligazionaria Stato Patrimoniale Fase di Accumulo Sanpaolo Previdenza Aziende Linea Obbligazionaria 2013 2012 10 Investimenti 7.531.656 6.850.936 a) Depositi bancari

Dettagli

INFORMAZIONI SU COSTI, SCONTI, REGIME FISCALE

INFORMAZIONI SU COSTI, SCONTI, REGIME FISCALE INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

IAS 7: RENDICONTO FINANZIARIO

IAS 7: RENDICONTO FINANZIARIO IAS 7: RENDICONTO FINANZIARIO Alessio Iannucci Organismo Italiano di Contabilità (OIC) Alessio Iannucci, Organismo Italiano di Contabilità (OIC) Roma 23 gennaio 2009 Agenda Considerazioni introduttive

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia gestiti da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

Sistema Mediolanum Fondi Italia gestiti da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Parte seconda del prospetto Illustrazione dei dati periodici di rischio-rendimento e costi dei Fondi Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati

Dettagli

Sistema Fondi PRIMA. Regolamento di gestione dei Fondi appartenenti al Sistema PRIMA FONDI LINEA MERCATI

Sistema Fondi PRIMA. Regolamento di gestione dei Fondi appartenenti al Sistema PRIMA FONDI LINEA MERCATI Sistema Fondi PRIMA Regolamento di gestione dei Fondi appartenenti al Sistema PRIMA FONDI LINEA MERCATI Fondi armonizzati: PRIMA Fix Monetario PRIMA Fix Obbligazionario BT PRIMA Fix Obbligazionario MLT

Dettagli

I fondi non istituzionali e la tassazione per trasparenza

I fondi non istituzionali e la tassazione per trasparenza I fondi non istituzionali e la Direttore Settore Fiscale 1 Sommario Il regime di tassazione dei fondi non istituzionali Il regime di tassazione per «trasparenza» degli investitori non istituzionali residenti

Dettagli

Il presente Regolamento si compone di tre parti: a) Scheda Identificativa; b) Caratteristiche del Prodotto; c) Modalità di Funzionamento.

Il presente Regolamento si compone di tre parti: a) Scheda Identificativa; b) Caratteristiche del Prodotto; c) Modalità di Funzionamento. Fondi AMUNDI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo amministrativo della SGR che, dopo averne verificato la conformità rispetto alle disposizioni vigenti, ha accertato la sussistenza delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO - REALE LINEA OBBLIGAZIONARIA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO - REALE LINEA OBBLIGAZIONARIA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO - REALE LINEA OBBLIGAZIONARIA Aspetti generali Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, separata e autonoma dalle altre attività della Società Reale

Dettagli

Regolamento di gestione Regolamento di gestione del Fondo comune di investimento mobiliare aperto

Regolamento di gestione Regolamento di gestione del Fondo comune di investimento mobiliare aperto Regolamento di gestione Regolamento di gestione del Fondo comune di investimento mobiliare aperto Il presente Regolamento è valido a decorrere dal 3 novembre 2014 FONDO Linea SOLUZIONI Anima Traguardo

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE -30 GIUGNO 2016-

RELAZIONE SEMESTRALE -30 GIUGNO 2016- RELAZIONE SEMESTRALE -30 GIUGNO 2016- FONDACO SGR S.p.A. 10128 Torino Corso Vittorio Emanuele II, 71 Tel. 011 2309029 Telefax 011 2309030 Capitale Sociale 5.000.000,00 i. v. - Codice fiscale e iscrizione

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria art. 8 Imposta sostitutiva sul risultato di gestione degli organismi di investimento collettivo del risparmio.

Servizio di documentazione tributaria art. 8 Imposta sostitutiva sul risultato di gestione degli organismi di investimento collettivo del risparmio. Servizio di documentazione tributaria art. 8 Imposta sostitutiva sul risultato di gestione degli organismi di investimento collettivo del risparmio. Testo: in vigore dal 22/08/2000 1. L'articolo 9 della

Dettagli

Fondi BNL. PARTE II del prospetto informativo. Illustrazione dei dati storici di rischio/rendimento, costi e turnover di portafoglio dei Fondi

Fondi BNL. PARTE II del prospetto informativo. Illustrazione dei dati storici di rischio/rendimento, costi e turnover di portafoglio dei Fondi BNP Paribas Asset Management SGR S.p.A. appartenente al Gruppo BNP Paribas e soggetta all attività di direzione e di coordinamento di BNP Paribas SA - Parigi. Offerta pubblica di quote dei fondi comuni

Dettagli

Comunicato stampa FIDEURAM INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2017

Comunicato stampa FIDEURAM INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2017 Comunicato stampa FIDEURAM INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2017 TOTALE DELLE MASSE AMMINISTRATE RAGGIUNGE IL LIVELLO RECORD DI 202,9 MILIARDI, SUPERANDO PER LA PRIMA

Dettagli

Fondi BNL. PARTE II del prospetto informativo. Illustrazione dei dati storici di rischio/rendimento, costi e turnover di portafoglio dei Fondi

Fondi BNL. PARTE II del prospetto informativo. Illustrazione dei dati storici di rischio/rendimento, costi e turnover di portafoglio dei Fondi BNP Paribas Asset Management SGR S.p.A. appartenente al Gruppo BNP Paribas e soggetta all attività di direzione e di coordinamento di BNP Paribas SA - Parigi. Offerta pubblica di quote dei fondi comuni

Dettagli

FONDO COMUNE D'INVESTIMENTO METROPOLE Euro A (ISIN: FR )

FONDO COMUNE D'INVESTIMENTO METROPOLE Euro A (ISIN: FR ) Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati BCC

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati BCC Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati BCC BCC Monetario BCC Risparmio Obbligazionario BCC Crescita Bilanciato BCC Investimento Azionario

Dettagli

CORSO DI REVISIONE CONTABILE LA REVISIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

CORSO DI REVISIONE CONTABILE LA REVISIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CORSO DI REVISIONE CONTABILE LA REVISIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE ALESSIO SILVESTRI Università di Pisa Articolazione dell intervento nella revisione delle immobilizzazioni finanziarie Preliminary:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. UTILE NETTO STABILE (+0,8% su base annua, nonostante il minor apporto dell utile della gestione non ricorrente)

COMUNICATO STAMPA. UTILE NETTO STABILE (+0,8% su base annua, nonostante il minor apporto dell utile della gestione non ricorrente) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2010 UTILE NETTO STABILE

Dettagli

CONSULTINVEST HIGH YIELD

CONSULTINVEST HIGH YIELD CONSULTINVEST HIGH YIELD FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO OBBLIGAZIONARIO FLESSIBILE AD ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 Nota illustrativa La politica di gestione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 117221 del 12 marzo 2010, e successive

Dettagli

Pioneer Target Controllo & Conto Gestito Accesso graduale e flessibile al risparmio gestito

Pioneer Target Controllo & Conto Gestito Accesso graduale e flessibile al risparmio gestito Luglio 2017 Pioneer Target Controllo & Conto Gestito Accesso graduale e flessibile al risparmio gestito. Il conto gestito 2 Gestione efficiente e dinamica della liquidità in conto corrente Il Conto Gestito

Dettagli

Il Bilancio Consolidato è costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico, dai Prospetti delle Variazioni di Patrimonio Netto e della

Il Bilancio Consolidato è costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico, dai Prospetti delle Variazioni di Patrimonio Netto e della Il Bilancio Consolidato è costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico, dai Prospetti delle Variazioni di Patrimonio Netto e della Redditività Complessiva, dal Rendiconto finanziario e dalla

Dettagli

PARTECIPANTE. Indirizzo (residenza) / Sede. Cognome Nome Data di nascita Comune di nascita Pr/Stato

PARTECIPANTE. Indirizzo (residenza) / Sede. Cognome Nome Data di nascita Comune di nascita Pr/Stato Autorità emittente e Cognome Indirizzo (residenza) Cod. Fiscale Iscritta al n. 85 dell Albo delle società di gestione del risparmio - itale Euro 10.000.000 i.v. -, e Iscrizione nel Reg. Imprese di Milano

Dettagli

Milano, 16 febbraio 2012 Dott. Norberto Arquilla

Milano, 16 febbraio 2012 Dott. Norberto Arquilla Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011, D.L. 216/2011 convertito il 15 febbraio 2012, D.L. 2 del 2012

Dettagli

Schema di rendiconto dei fondi interni assicurativi Allegato 1 RENDICONTO DEL FONDO INTERNO (comparto) CONTROL SEZIONE PATRIMONIALE AL

Schema di rendiconto dei fondi interni assicurativi Allegato 1 RENDICONTO DEL FONDO INTERNO (comparto) CONTROL SEZIONE PATRIMONIALE AL Schema di rendiconto dei fondi interni assicurativi Allegato 1 RENDICONTO DEL FONDO INTERNO (comparto) CONTROL SEZIONE PATRIMONIALE AL 31-12-2015 ATTIVITA' % sul totale Valore complessivo Valore complessivo

Dettagli

Creiamo relazioni di fiducia.

Creiamo relazioni di fiducia. Creiamo relazioni di fiducia. Aletti SGR, con oltre 30 anni di esperienza e 16 miliardi di risparmi gestiti, si colloca tra le principali Società di Gestione del Risparmio in Italia. Offre ai risparmiatori

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO Gruppo Bancario Banco Popolare DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI APPARTENENTI AL SISTEMA GESTIELLE GESTITI DA ALETTI GESTIELLE SGR S.P.A. Il presente

Dettagli

Azimut Holding: Risultati del primo trimestre 2009

Azimut Holding: Risultati del primo trimestre 2009 Azimut Holding: Risultati del primo trimestre 2009 COMUNICATO STAMPA Ricavi consolidati: 55,4 milioni (rispetto a 68,9 milioni nel primo trimestre 2008) Utile netto consolidato: 6,0 milioni (contro 12,8

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CESENA SPA

CASSA DI RISPARMIO DI CESENA SPA CASSA DI RISPARMIO DI CESENA SPA PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI 30 GIUGNO 2016 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO Voci dell'attivo 30/06/2016 31/12/2015 10. Cassa e disponibilità liquide 19.938 20.430 20.

Dettagli

Open Fund Nuova Tirrena Fondo pensione aperto a contribuzione definita

Open Fund Nuova Tirrena Fondo pensione aperto a contribuzione definita Open Fund Nuova Tirrena Fondo pensione aperto a contribuzione definita INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati storici sono aggiornati al 31/12/2006 Ramo 65 (senza rivalutazione annua ) Ramo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di "CASSA DI RISPARMIO DI CESENA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A. 24/01/2007-24/07/2010

Dettagli

Fondi Amundi Cedola A) SCHEDA IDENTIFICATIVA - 1 -

Fondi Amundi Cedola A) SCHEDA IDENTIFICATIVA - 1 - Fondi Amundi Cedola REGOLAMENTO Il presente Regolamento è stato approvato dall organo amministrativo della SGR che, dopo averne verificato la conformità rispetto alle disposizioni vigenti, ha accertato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Raccolta diretta: Euro 338 milioni (-3,3% rispetto al 31.12.2014) Raccolta indiretta: Euro 177 milioni

Dettagli

Informazioni sull andamento della gestione (Informazioni aggiornate al 31 dicembre 2013)

Informazioni sull andamento della gestione (Informazioni aggiornate al 31 dicembre 2013) Sicurezza Informazioni sull andamento della gestione (Informazioni aggiornate al 31 dicembre 2013) Data di avvio dell operatività del comparto: 02/08/2005 Patrimonio netto al 31.12.2013 (in euro): 149.893.039,460

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA CORSO DI ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI (A L) LEZIONE 22 IL BILANCIO BANCARIO 1 IL BILANCIO BANCARIO: LO SCHEMA OBBLIGATORIO DELLO STATO PATRIMONIALE Voci dell attivo Voci del passivo 10 Cassa

Dettagli

CREDEMVITA UNIT FLESSIBILE (ex DI PIU UNIT) (Tariffa 60037)

CREDEMVITA UNIT FLESSIBILE (ex DI PIU UNIT) (Tariffa 60037) CREDEMVITA UNIT FLESSIBILE (ex DI PIU UNIT) (Tariffa 60037) Reggio Emilia, 24 febbraio 2012 Oggetto: aggiornamento dati storici Gentile Cliente, nel presente documento potrà trovare l aggiornamento annuale

Dettagli

Offerta al pubblico di TRIPLO ASSIMOCO. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Triplo Fondo Prudente a premio unico

Offerta al pubblico di TRIPLO ASSIMOCO. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Triplo Fondo Prudente a premio unico Offerta al pubblico di TRIPLO ASSIMOCO Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Triplo Fondo Prudente a premio unico (Mod. VU4SSISFP137A-0716) SCHEDA

Dettagli

Università del Salento Facoltà di Economia Antonio de Viti de Marco ESERCIZI RIEPILOGATIVI PER II ESONERO

Università del Salento Facoltà di Economia Antonio de Viti de Marco ESERCIZI RIEPILOGATIVI PER II ESONERO ESERCIZI RIEPILOGATIVI PER II ESONERO N. 1 In data 31/10/n il Consiglio di Amministrazione della MAXIMA S.P.A. ha deliberato la distribuzione di un acconto sui dividendi nella misura di 150.000,00. Detto

Dettagli

Prospetti contabili Situazione patrimoniale finanziaria consolidata

Prospetti contabili Situazione patrimoniale finanziaria consolidata Prospetti contabili Situazione patrimoniale finanziaria consolidata ATTIVITÀ Note 31 dicembre 2016 di cui verso 31 dicembre 2015 di cui verso (valori in Euro/000) parti correlate parti correlate Attività

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 Raccolta diretta: Euro 303 milioni (+18,4% rispetto al 31.12.2012) Crediti verso clientela: Euro 461

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di credito in conto corrente

INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di credito in conto corrente Cassa Lombarda S.p.A. Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di credito in conto corrente 1. Identità e contatti del finanziatore/intermediario del credito Finanziatore

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) : Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

Schema di rendiconto dei fondi interni assicurativi Allegato 1 RENDICONTO DEL FONDO INTERNO (comparto) SINFONIA_1 SEZIONE PATRIMONIALE AL 31-12-2015

Schema di rendiconto dei fondi interni assicurativi Allegato 1 RENDICONTO DEL FONDO INTERNO (comparto) SINFONIA_1 SEZIONE PATRIMONIALE AL 31-12-2015 Schema di rendiconto dei fondi interni assicurativi Allegato 1 RENDICONTO DEL FONDO INTERNO (comparto) SINFONIA_1 SEZIONE PATRIMONIALE AL 31-12-2015 ATTIVITA' % sul totale Valore complessivo % sul totale

Dettagli

BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A.

BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A. BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A. 30 GIUGNO 2015 1 STATO PATRIMONIALE AL 30 GIUGNO 2015 (importi in euro) Voci dell'attivo 30/06/2015 31/12/2014 10. Cassa e disponibilità liquide 21.333.341

Dettagli

FONDI COMUNI. Ciascun Fondo prevede almeno due categorie di quote definite quote di Classe A e quote di Classe C.

FONDI COMUNI. Ciascun Fondo prevede almeno due categorie di quote definite quote di Classe A e quote di Classe C. REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI APERTI GESTNORD FONDI (trattasi di OICVM aperti non riservati conformi alla Direttiva 2009/65/CE) (in vigore dal 14 aprile 2016) FONDI COMUNI Il

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEL SEMESTRE A 17,5 MLN ( 20,3 MLN NEL 2015)

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEL SEMESTRE A 17,5 MLN ( 20,3 MLN NEL 2015) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 giugno 2016 GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEL SEMESTRE A 17,5 MLN ( 20,3 MLN NEL 2015) Il risultato beneficia del contributo positivo

Dettagli

GRUPPO BANCARIO MEDIOLANUM

GRUPPO BANCARIO MEDIOLANUM COMUNICATO STAMPA GRUPPO BANCARIO MEDIOLANUM Risultati Primi Nove Mesi 2016 UTILE NETTO: Euro 305 milioni MASSE AMMINISTRATE: Euro 74 miliardi RACCOLTA NETTA TOTALE: Euro 4.289 milioni COMMON EQUITY TIER

Dettagli

ATTIVITA' % sul totale

ATTIVITA' % sul totale Schema di rendiconto dei fondi interni assicurativi Allegato 1 RENDICONTO DEL FONDO INTERNO (comparto) CONSERVATIVO SEZIONE PATRIMONIALE AL 31-12-2013 ATTIVITA' attività attività A. STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli