JAMMA.IT Primo Consumo: Lotta alle ludopatie, ieri, oggi e domani In: Politica, Primopiano2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "JAMMA.IT Primo Consumo: Lotta alle ludopatie, ieri, oggi e domani In: Politica, Primopiano2"

Transcript

1 ore 16:45 - mgz TIZIANA SABA PRESENTA "GAME OVER" La dottoressa Tiziana Saba, psicoterapeuta del Centro d'ascolto "Game Over", è intervenuta nel corso della tavola rotonda sulla ludopatia in corso oggi a Roma per elencare i punti forza del nuovo centro d ascolto per la ludopatia. "Il centro d'ascolto Game Over accoglie tutte le chiamate delle persone affette dalla patologia del gioco e le aiuta ad incanalarsi nei corridoi giusti per uscire dal tunnel percorso che porta alla ludopatia". La dottoressa Tiziana Saba, psicoterapeuta del centro d'ascolto 'Game Over', è intervenuta nel corso della tavola rotonda sulla ludopatia in corso oggi a Roma per elencare quelli che sono i punti forza di un centro d'ascolto che si pone in prima fila nella lotta ai problemi di gioco. "Abbiamo fatto una mappatura di tutte le strutture pubbliche in cui viene curata la ludopatia e da tempo osserviamo il fenomeno facendo luce su tutte le sue sfaccettature. "Collaboriamo con diversi enti - ha affermato la dottoressa Saba - e abbiamo lavorato anche per informare e sensibilizzare i gestori delle sale gioco, spesso ci capita, di ricevere telefonate da ludopati che hanno ottenuto il nostro recapito telefonico proprio da coloro che 'offrono' alla clientela il gioco d'azzardo. Per quel che riguarda gli adolescenti, invece - ha concluso la dottoressa - spesso si lasciano coinvolgere sottovalutando il rischio della ludopatia: per questo motivo, abbiamo deciso di intervenire in luoghi come le scuole dove è possibile interagire con loro attraverso sistemi di prevenzione". JAMMA.IT Primo Consumo: Lotta alle ludopatie, ieri, oggi e domani In: Politica, Primopiano2 13 febbraio :26 Nel confronto di oggi alla Galleria Tempi Moderni di Roma su sollecitazione di Primo Consumo e del suo Presidente Avv. Marco Polizzi il centrosinistra con l On.Touadì e l On. Bucci hanno mostrato il loro impegno politico sul tema del Gioco. Come conferma l On. Claudio Bucci n.2 al Senato nel Lazio e referente nazionale del Partito sul Gioco D Azzardo, ecco i punti che vedranno il Partito Socialista Italiano impegnato nel prossimo governo in campo legislativo. 1. Disporre che parte del prelievo fiscale derivante dalle strutture fisiche di gioco (no internet) sia destinato a finanziare gli enti locali che oggi subiscono l impatto fisico e sociale del gioco senza ricevere altro che aggravio per la comunità locale e per le strutture sanitarie che incidono localmente (favorisce il federalismo fiscale); 2. Disporre il divieto di vendite promiscue di Gioco in strutture non appositamente dedicate; oggi la vendita di gratta e vinci è promossa alle Poste, nelle aree di sosta in autostrada e nei supermercati; 3. Adozione di un registro unico nazionale delle persone che chiedono l autoesclusione dai siti di gioco uniformando la disciplina per tutti i concessionari: 4. Introdurre la sanzione per chi consente giochi d azzardo attraverso internet (favorendo in tal modo i collegamenti esteri) in locali pubblici attraverso l installazione di pc o apparecchi idonei allo scopo

2 (Totem). Il decreto Balduzzi pone il divieto ma non la sanzione ; 5. Vietare la pubblicità (come avviene per il tabacco) e destinare parte del prelievo fiscale all introduzione ed al finanziamento di campagne di sensibilizzazione sui rischi derivanti dal gioco d azzardo attraverso la costituzione di un tavolo di confronto con le associazioni ed i servizi impegnati nel settore che ne stabiliscano i criteri ed i modi. 6. Considerato che la condotta di agevolazione del Gioco d azzardo è già disciplinata nel codice penale si può prevedere quale aggravante che La pena è altresì raddoppiata se per agevolare il gioco di azzardo il colpevole abbia prestato il denaro affinchè venisse utilizzato come puntata nel gioco; il colpevole abbia prestato o promesso di prestare il denaro necessario per assolvere ai debiti di gioco contratti. Inoltre può prevedersi una ulteriore circostanza aggravante al reato di usura integrandolo in tal modo: se il denaro è prestato in un luogo pubblico o aperto al pubblico o in circoli privati di qualunque specie in cui si tiene un gioco di azzardo affinchè la somma corrisposta ovvero procurata venga utilizzata come puntata nel gioco o per far si che vengano assolti i debiti di gioco contratti. Lotta alle ludopatie, ieri, oggi, domani Direttore 11 febbraio Comments Si terrà mercoledì 13 febbraio alle ore 15 una tavola rotonda sul tema della ludopatia promosso dall associazione Primo Consumo. L appuntamento é in via Giulia 80 a Roma, presso la Galleria Tempi Moderni. GIOCHI: TAVOLA ROTONDA SU LUDOPATIA Mercoledi, 13 Febbraio :00

3 "La dipendenza dal gioco non è un gioco". Si terrà questo pomeriggio a Roma una tavola rotonda sul tema della ludopatia dal titolo "Lotta alle ludopatie, ieri, oggi e domani". L'iniziativa, promossa da Primo Consumo (Associazione Interattiva Cittadini&Consumatori), mira ad affrontare il problema del gioco patologico incentrando l'argomento sulle risposte della politica al dilagare delle dipendenze da gioco, sulla legislazione regionale e del parlamento per la tutela dei ludopati ed infine sul passaggio di consegne nel centrosinistra. Ad introdurre la conferenza saranno l'avvocato Marco Polizzi, presidente di Primo Consumo e la dottoressa Tiziana Saba, psicoterapeuta del Centro d'ascolto "Game Over". Intereverranno alla discussione l'on. Claudio Bucci (candidato Psi) e l'on. Jean-Léonard Touadi (candidato Pd)./Agicos in collaborazione con L'ASSOCIAZIONE A CONFRONTO CON IL CENTROSINISTRA SUL TEMA DEL GIOCO 22/02/ NEL CONFRONTO DEL ALLA GALLERIA TEMPI MODERNI DI ROMA SU SOLLECITAZIONE DI PRIMO CONSUMO E DEL SUO PRESIDENTE AVV. MARCO POLIZZI IL CENTROSINISTRA CON L ON.TOUADÌ E L ON. BUCCI HA MOSTRATO IL SUO IMPEGNO POLITICO SUL TEMA DEL GIOCO. Come conferma l On. Claudio Bucci n.2 al Senato nel Lazio e referente nazionale del Partito sul Gioco D Azzardo, ecco i punti che vedranno il Partito Socialista Italiano impegnato nel prossimo governo in campo legislativo. 1. Disporre che parte del prelievo fiscale derivante dalle strutture fisiche di gioco (no internet) sia destinato a finanziare gli enti locali che oggi subiscono l impatto fisico e sociale del gioco senza ricevere altro che aggravio per la comunità locale e per le strutture sanitarie che incidono localmente (favorisce il federalismo fiscale); 2. Disporre il divieto di vendite promiscue di Gioco in strutture non appositamente dedicate; oggi la vendita di gratta e vinci è promossa alle Poste, nelle aree di sosta in autostrada e nei supermercati; 3. Adozione di un registro unico nazionale delle persone che chiedono l autoesclusione dai siti di gioco uniformando la disciplina per tutti i concessionari: 4. Introdurre la sanzione per chi consente giochi d azzardo attraverso internet (favorendo in tal modo i collegamenti esteri) in locali pubblici attraverso l installazione di pc o apparecchi idonei allo scopo (Totem). Il decreto Balduzzi pone il divieto ma non la sanzione ; 5. Vietare la pubblicità (come avviene per il tabacco) e destinare parte del prelievo fiscale all introduzione ed al finanziamento di campagne di sensibilizzazione sui rischi derivanti dal gioco d azzardo attraverso la costituzione di un tavolo di confronto con le associazioni ed i servizi impegnati nel settore che ne stabiliscano i criteri ed i modi. 6. Considerato che la condotta di agevolazione del Gioco d azzardo è già disciplinata nel codice penale si può prevedere quale aggravante che La pena è altresì raddoppiata se per agevolare il gioco di azzardo il colpevole abbia prestato il denaro affinchè venisse utilizzato come puntata nel gioco; il colpevole abbia prestato o promesso di prestare il denaro necessario per assolvere ai debiti di gioco contratti. Inoltre può prevedersi una ulteriore circostanza aggravante al reato di usura integrandolo in tal modo: se il denaro è prestato in un luogo pubblico o aperto al pubblico o in circoli privati di qualunque specie in cui si tiene un gioco di azzardo affinchè la somma corrisposta ovvero procurata venga utilizzata come puntata nel gioco o per far si che vengano assolti i debiti di gioco contratti. Roma, LUDOPATIA - I DEBITI CONTRATTI DAI GIOCATORI RICONOSCIUTI DIPENDENTI DAL GIOCO NON SI PAGANO 29/01/ In merito ai debiti contratti dal giocatore d azzardo a cui è stata diagnosticata una dipendenza dal gioco ricordiamo ai cittadini ed ai consumatori che chi è affetto da ludopatia non può essere considerato capace di

4 intendere e di volere perché non comprende il significato delle proprie azioni e non è in grado di controllarle con la conseguenza che non può essere considerato responsabile dei debiti che ne derivano. Il Tribunale di La Spezia conferma questa impostazione e ha annullato un debito perché ha ritenuto l'uomo incapace di intendere e di volere, rendendo giustizia a realtà sociali diventate insostenibili. L Associazione Primoconsumo con la responsabile del Dipartimento Salute Avv. Ersilia Urbano promuove le azioni in difesa dei giocatori affetti da ludopatia ed offre sostegno legale e psicologico ai giocatori ed alle famiglie per affrontare insieme questo difficile percorso. Informazioni disponibili sul sito compilando il modulo richiedi assistenza o chiamando lo sportello del consumatore al numero , dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19. Intervista alla nostra collaboratrice Clotilde Marinacci su Radio24 24/01/ La psicologa e psicoterapeuta Clotilde Marinacci presenta il servizio telefonico di consulto per le ludopatie sostenuto da Primoconsumo. Di seguito ecco l'estratto dalla trasmissione "Si Può Fare" in onda su Radio24: Questo è il link del podcast dell'intera trasmissione dello scorso 20 gennaio: Si è tenuta ieri a Torino la quarta tappa dell workshop itinerante Nel nome della legalità, organizzato da Codere. Una sinergia di importanti contributi per contrastare il gioco illegale e la ludopatia:

5 Colonnello Marco Grazioli- Comando provinciale Guardia di Finanza Torino Il mondo del gioco movimenta cifre rilevanti che coinvolgono tanti attori, dalle istituzioni ai soggetti della filiera, passando per molti consumatori. Voglio elencarli per capire quanto complesso sia il settore: Aams, forze di polizia, consumatori, operatori del settore, SIAE, quest ultimo soggetto da pochissimo interviene sul settore con un accordo con i Monopoli stessi. La normativa è continua e davvero cospicua e impatta a tutti i livelli. Sarebbe opportuno una raccolta più organica delle leggi, un testo unico sarebbe auspicabile per raggiungere un maggior coordinamento sotto il cappello dei Monopoli, questo avviene a Roma con il coordinamento interforze, e si riverbera sulle province ed è la risposta più giusta. Certo sarebbe opportuno ci fosse anche l apporto di concessionari, gestori e del resto della filiera produttiva per un azione più efficace. La Guardia di Finanza ha una competenza generale in campo economico e finanziaria a norma del decreto n.68 del La nostra azione si concentra nella tutela del Monopolio statale sui giochi e si pone il fine di garantire il bilancio nazionale attraverso l imposizione fiscale diretta e inderetta e il Preu; in seconda battuta contribuiamo all odine pubblico contrastando fenomeni di criminalità, movimentazioni anomale di denaro fino al riciclaggio. Un mercato che rispetta le regole garantisce la libera concorrenza e in ultima battuta anche i consumatori. L approccio della Guardia di Finanza è volutamente trasversale, investendo diverse aree tematiche: attività di intelligence, analisi di rischio su diverse situazioni, segnalazioni attraverso il numero 117 (150 mila telefonate l anno di cui una parte riguarda il gioco). Passando ai numeri nell ultimo anno la GDF ha compiuto 450 controlli, 140 nella sola provincia di Torino, di cui il 70% regolari, nel 30 % di irregolarità rientrano anche molte irregolarità amministrative anche lievi. Capitano Filippo Vanni Comando provinciale dell Arma dei Carabinieri di Torino Il ruolo dell arma come forza capillare di controllo sul territorio si esercita in primis con attività di controllo sul mondo del gioco. La nostra attività informativa ci pone in forte contatto con la gente. La cosa che mi ha colpito di più emerge dall analisi del materiale sequestrato illegale: cambiali, anelli da signora, fedi nuziali. Le azioni di tutela del codice penale sulla nicchia di illegalità è minima. È invece il contatto indiretto, con quelli che definiamo i delitti satellite che possono coinvolgere il giocatore a rischio: il reperimento del denaro reso disponibile dalle attività di microcriminalità. Usura, riciclaggio nicchie di denaro incontrollate che cercano di ripulirsi attraverso il gioco, possono essere favorite dalla rete online meno controllata e dalla disomogeneità delle leggi di stati vicini al nostro. L offerta di gioco legale è assai più ampia e attrattiva e la rende di sicuro molto più competitiva di quella illegale. L approccio nuovo al recupero del denaro offerto illegalmente si è rivelato fondamentale ad intaccare l ultima sacca di quel denaro reso disponibile dai proventi illeciti. Lo strumento dell azione penale fa poca paura, mentre la nostra arma più efficace è cattura del patrimonio, possibile con il decreto legislativo n. 135 del 2011, che da poco può agire anche retroattivamente e che non può essere aggirata con l intestazione fittizia di beni che è essa stessa un reato. La persona indagata è investita dell onere della prova e il patrimonio viene confiscato

6 immediatamente. Il concetto della legalità che oggiaggiungi un appuntamento per oggi stiamo esplorando ci vede protagonisti di una faccia della medaglia, dall altra parte ci deve essere un patto etico delle forze economiche che sono coinvolte nel settore. Dott. Marco Martino Vice questore aggiunto Torino Vorrei cominciare con una panoramica sull emersione del gioco illecito qui a Torino: all inizio degli anni 2000 ambienti legati alla ndrangheta riuscivano a guadagnare euro di cagnotta al mese con il solo poker texano che incorreva solo con una contravvenzione. Molti esercizi pubblici negli anni avevano evidenti difficoltà economiche con fornitori da un lato, mentre dall altro erano invece capaci di pagare ingenti multe, che evidentemente non venivano pagate dall esercente. Nel 2007 abbiamo assistito al salto di qualità del gioco illegale con il Poker Texas Holdem. Voglio portare un esempio: nel 2008 l operazione GIOCO DURO ha svelato la pesante infiltrazione della Ndrangheta nel settore delle bische clandestine e abbiamo osservato come spesso le scommesse illegali trovavano un paracadute nel settore legale, che solo se rintracciato poteva essere perseguito, ma che consentiva il riciclo di denaro. La riflessione conclusiva che voglio portare al dibattito è l andamento della raccolta del gioco in Italia: nel 2003 fonte Aams 15 miliardi giocato, che nel 2012 è salita a 88 miliardi. La spesa dei giocatori è al netto delle vincite, ma il giocatore psicologicamente non considera la vincita se non supera di 3, 4 volte la giocata e quindi rigioca. Il volume di gioco è cresciuto a due cifre in un periodo di crisi. Poteva crescere a tre cifre fuori dalla crisi? Fa più fatturato della FIAT che l anno scorso si è fermata a 60 miliardi, la Tav costa 20 miliardi. Senza entrare poi nell universo difficilmente controllabile del Gioco online, che negli USA è vietato, ma che può costituire una nuova opportunità per la criminalità organizzata. Assessore alle politiche sociali e alla salute comune di Torino - ELIDE TISI Innanzitutto ho deciso di intervenire perché ritengo che l azione più forte che il settore può attuare è costituire una rete che marginalizzi i fenomeni illegali e faccia emergere gli aspetti del gioco problematico. Per questo ringrazio Codere di questa opportunità di rafforzare questa attività di rete, ma il mio ruolo qui non può prescindere sulla la tutela della salute dei cittadini, soprattutto delle categorie più fragili e a rischio, come i minori. La riflessione principale che voglio portare alla vostra attenzione è la necessità di far passare un messaggio diverso sugli stili di vita che il gioco utilizza per pubblicizzarsi, non si può veicolare l idea che il progetto di vita sia affidato esclusivamente alla fortuna. Stanno aumentando le richieste ai Sert per il gioco problematico. Dobbiamo interrogarci su quali saranno i costi sociali ed economici e dobbiamo attrezzarci al meglio per la tutela dei minori soprattutto per il gioco in rete e recuperare insieme quella dimensione ludica, forse anche scaramantica che ci apparteneva nel passato per potenziare quei momenti di socializzazione che sono un apporto importante del gioco alla socialità delle persone. Ing.Francesco De Donato direttore Ufficio Regionale Aams della Lombardia Oggi sono qui per sostituire il collega responsabile in Piemonte e lo faccio con piacere perché sono stato per molti anni alla manifattura Tabacchi di Torino. Poi l attività di produzione come sapete è stata privatizzata e nel 2002 siamo diventati l ente unico di legislazione e controllo del settore del

7 gioco. Allora eravamo 1400 unità per contrastare un settore in mano alla criminalità organizzata e completamente privo di regolamentazione. Per anni il settore più critico è stato quello degli apparecchi, ora quello che ci preoccupa di più è la rete internet che non è completamente controllabile, ma possiamo sforzarci il più possibile di contrastare anche questa nuova sfida che può costituire un cono d ombra alla legalità nel gioco. Sen. Andrea Fluttero segr. 13 comm permanente e membro della 14 commissione Considero iniziative come questa di Codere una possibilità cardine per una corretta cultura del gioco in Italia, al fine di prevenire e contrastare fenomeni distorti e negativi insiti in esso, in particolare per ciò che concerne l'aspetto del gioco gestito illegalmente e per individuare e supportare l'eventuale giocatore compulsivo nella sua patologia. Fondamentale è anche l'attenzione che viene rivolta per la tutela dei minori. In un momento di difficoltà economica come quello che stiamo attraversando in questi giorni, sono da plaudire iniziative come la vostra che mirano soprattutto alla qualità del servizio con una attenta azione di formazione del personale e di informazione per l'utenza. Mauro Barisone - Presidente ANCI Piemonte Buongiorno io sono qui per porgere il saluto di 1200 comuni federati nell ANCI Piemonte e insieme voglio ringraziare Codere che ci ha coinvolti e portare forte il plauso alle forze dell ordine che tutelano il gioco pubblico legale in Italia. Il gioco appartiene alla natura umana, noi possiamo e dobbiamo solo costringerlo con le leggi, leggi che ci permettono di educare chi si avvicina al gioco per la prima volta, o aiutare chi ha comportamenti patologici di gioco. Così potremo educare al gioco responsabile davvero, per chi si avvicina al gioco per la prima volta. I comuni e le attività socio assistenziali consorziate vista la crisi possono e devono sforzarsi nelle attività preventive, nell educazione nelle scuole e magari reperire una quota che ora va in vincita ai giocatori per utilizzarlo per studiare e curare le ludopatie. Avv. Massimiliano Pucci - Presidente ASTROTRATTENIMENTO Buongiorno, io rappresento un associazione di gestori che appartiene a Sistema Gioco Italia, l associazione di Confindustria che raccoglie gli attori principali della filiera. Sono contento di essere qui in Piemonte, in cui il Consiglio regionale ha proposto l abolizione totale del gioco. Questa non è una risposta, perché torneremmo davvero ai videopoker e la martingala. La verità è che l illegalità nuoce prima di tutto a noi attori del gioco, perché ci fa perdere quote di mercato importanti che abbiamo rosicchiato con l aiuto di Aams e con la forza imprenditoriale ed economica del settore. Noi ci stiamo sforzando di decidere, di proporre un modello di sviluppo per il settore dei gestori, un settore che ha sostenuto investimenti continui (l ultimo della serie è la messa in sicurezza degli apparecchi) e che molti istituti bancari stanno mettendo in difficoltà chiudendo le possibilità di finanziarsi. L associazione vuole sapere se il settore ha un futuro e questo ce lo può dire solo il governo, la classe politica che spesso ha usato il gioco per battere cassa e poco per proteggere la forza economica di un indotto che conta 120 mila posti di lavoro. Avv. MARCO POLIZZI Presidente Primo Consumo

8 Oggi, con la legalizzazione avvenuta in questo ultimo decennio, il giocatore può scegliere dove giocare, esce dal buio delle bische, questo per i giocatori è sostanziale. Le associazioni dei consumatori, con la legalizzazione, possono controllare il giocatore nei luoghi di gioco e quindi indirettamente il concessionario e teoricamente fornire ai giocatori le giuste indicazioni e correggere le distorsioni a differenza e meglio rispetto a quando il mercato del gioco era solo illegale. Primo Consumo lo fa da anni e in tutto ciò si interessa della tutela della parte più debole insegnando ai giocatori ed ai concessionari il modo di veicolare comportamenti di gioco consapevoli e responsabili; cosa che AAMS sino ad oggi non è riuscita a fare basandosi sul semplice slogan Gioca Responsabile, che non ha mai riempito di contenuti. Adesso confidiamo nel nuovo Direttore Generale di AAMS Luigi Magistro, dal predecessore non siamo riusciti ad avere riscontro ai nostri svariati inviti rivolti a dare contenuto al Gioco Responsabile e ad essere sentiti o a partecipare ai tavoli, vista la nostra esperienza unica, tra le associazioni dei consumatori, a livello nazionale. Con il decreto Balduzzi che prevede l inserimento delle Ludopatie nei L.E.A. (livelli essenziali di assistenza da parte del servizio sanitario) si farà un passo importante per aiutare il giocatore. La filiera deve farsi carico della sua parte, il concessionario in particolare deve superare il capitalismo speculativo (tipico della finanza come ci insegna la cronaca ogni giorno) e autodisciplinarsi con un codice etico, di cui Primo Consumo può essere co-estensore, e fare sistema con chi agisce sul territorio a tutela dei deboli. È necessaria una forte INTEGRAZIONE degli attori coinvolti. Con il sostegno di Codere stiamo realizzato il nostro progetto di educazione e abbiamo avviato da oltre un anno un centro di Ascolto Psicologico assolutamente gratuito - N.verde dal lun. al ven h. 9/13 - per aiutare i giocatori a rischio e i familiari. Il centro attivo da oltre un anno è diventato un collegamento con i SERT, come quello del Piemonte che è stato pionieristico nell attività locale di contrasto al gioco patologico. Siamo come una cerniera tra il giocatore e/o la famiglia e le sue situazioni e i SERT o i gruppi di sostegno locale. Cerchiamo di supplire alla mancanza di una struttura sistemica che tuteli le posizioni deboli. In questo Codere per prima ha risposto tra i Concessionari alla sfida di veicolare un idea di gioco diversa che ha sposato anche nelle sue campagne pubblicitarie con lo slogan non giocare dove capita. ING. MASSIMO RUTA Country Manager Codere Oggi abbiamo avuto il piacere di ascoltare una serie di autorevoli interventi che pezzo dopo pezzo come in un puzzle si sono perfettamente disposti a delineare il quadro del gioco pubblico legale qui a Torino. E quello che posso dire è che la situazione qui non è molto diversa da altri luoghi in cui la mia azienda, Codere ha deciso di offrire gioco, pubblico, legale, come inequivocabilmente racconta il titolo di questo viaggio nella legalità che stiamo compiendo. Tutti gli interventi che avete ascoltato fino ad ora rappresentano esattamente lo spirito che ha animato e continuerà ad animare questi tavoli di confronto aperti sul territorio che hanno visto un forte lavoro preparatorio per incontrare, conoscere e spesso sensibilizzare sui temi del gioco legale. La presenza delle istituzioni, della stampa, la risposta delle diverse realtà sul territorio dimostrano

9 come coesione ed unità di intenti tra tutti i soggetti che a vario titolo devono gestire il gioco pubblico può fornire le risposte più giuste ai fenomeni che ci troviamo ad affrontare. Il mio compito qui è spiegare quante azioni noi concessionari compiamo per offrire gioco, intrattenimento secondo i dettami prescritti dalla legge. Codere è diventata un azienda concessionaria di gioco pubblico nel 2006, un azienda quotata in borsa che ha scelto la sfida del mercato italiano nel pieno rispetto delle regole, spesso stringenti, imposte dal legislatore. Nella sua prima uscita pubblica poche settimane fa, il nuovo n.1 del gioco italiano, Luigi Magistro, ha parlato del ruolo dei concessionari e, mi permetto di citarlo, il concessionario è parte integrante del Sistema e ha proseguito auspicando un miglioramento dei rapporti tra concessionari e l ente regolatore che lui rappresenta. Ha anche indicato la via di questa necessaria evoluzione del rapporto tra Aams e noi che raccogliamo per conto dello Stato l offerta che lo Stato stesso ha deciso sia concesso ai cittadini italiani maggiorenni. Magistro, Fanelli con la loro apertura, con la richiesta di una condivisione di fondo, che abbiamo richiesto in moltissime sedi, ripetutamente, siamo contenti, perché ne condividiamo la necessaria ispirazione: evitare al massimo le conflittualità e gli innumerevoli contenziosi che hanno contraddistinto gli ultimi anni. Questo spirito può portarci al necessario e sospirato testo unico sul e del settore. Siamo consci che questo coinvolge molti ministeri, ma noi siamo pronti a sederci al tavolo per fare la necessaria sintesi e fotografia del settore: diretto e indotto. Il dott. Magistro ha sottolineato con forza e io condivido appieno la necessità che concessionari e monopoli affrontino il futuro valutando di concerto la situazione. Proprio come in questi workshop Codere ha cercato di fare in giro per l Italia in nome del gioco legale. Un arma che tutela tutti, la nostra argomentazione migliore. Noi assolviamo con il giocatore una parte importante della funzione di Garanti della regolamentazione e dicanali distributivi sicuri e protetti riconosciuti ai soli prodotti garantiti dall Aams: sicuri, leciti. Noi ci sentiamo, noi siamo una parte dello Stato e proprio per questo che possiamo con tranquillità essere seduti al fianco degli organi di controllo che svolgono le loro attività sul territorio, perché la loro funzione, le loro iniziative vanno a rafforzare il gioco concessorio, e sono per noi un opportunità cruciale, che ci rafforza nel raccontare quello che ormai siamo diventati, la terza industria del Paese dopo Eni e Fiat, forse la sola che garantisce ancora la crescita occupazionale con , imprese, 9 miliardi di gettito erariale. Siamo venuti qui a Torino, siamo stati a Caserta, Salerno e Vicenza e continueremo il nostro workshop per diffondere comportamenti di gioco responsabili e sostenere trasparenza, sicurezza e legalità con il massimo slancio possibile sul territorio. Vogliamo essere sempre più efficaci nell arginare se presenti fenomeni di distorsione che possono sfociare nella ludopatia o in altre forme di dipendenza. Siamo pronti ad accettare restrizioni nella possibilità di pubblicizzare i prodotti, abbiamo promosso il codice di autodisciplina pubblicitaria del mondo del gaming divulgato da Sistema Gioco Italia di cui facciamo parte. Voglio concludere ricordando uno degli aspetti che ci ha toccati di più in questo confronto con il territorio: conoscere quanti senza scopo di lucro fanno tanto per la propria comunità tutti i giorni e

10 che stiamo aiutando con il progetto Codere per il sociale. Vogliamo che la nostra presenza sia sempre più fattiva e proattiva nelle attività locali per favorire la conoscenza della parte sana del gioco, per arginare i fenomeni malavitosi, illegali e compulsivi legati al gioco stesso. Angela Oliva Account Media Relations e Eventi Giornalista Professionista Nel nome della legalità, workshop sul gioco d azzardo a Torino -Davide Pelanda- 21 settembre Il sito internet di gioco d azzardo organizza, nell ambito di quello che viene chiamato Il gioco responsabile, per lunedì 24 settembre a Torino il workshop itinerante Nel nome della legalità.

11 I lavori si terranno al Lingotto ed inizieranno alle dove si confronteranno i massimi rappresentati degli organi di controllo preposti per il gioco d azzardo quali la Guardia di Finanza, i Carabinieri, la Questura, gli esponenti delle Amministrazioni locali, dei Monopoli di Stato e del presidente di Assotrattenimento Massimiliano Pucci. A moderare l incontro è stato chiamato il giornalista de LA STAMPA, Guido Tiberga. «Il progetto Il gioco responsabile è stato voluto fortemente da Codere spiegano dal sito per potenziare e meglio indirizzare l azione in materia di lotta e prevenzione dei fenomeni di distorsione e per la promozione della sicurezza e della legalità nel gioco per meglio tradursi in interventi concreti e a 360 su clienti, dipendenti e territorio stesso». Il presidente dell associazione Primo Consumo, l avvocato Polizzi, presenterà anche il progetto Game Over, reso operativo e realizzato attraverso il numero verde per i giocatori a rischio con la formazione del personale e l assistenza ai giocatori in tutti gli ambiti del gioco. Durante l incontro saranno presentate anche tutte le attività di Codere nell ambito della promozione del Gioco Responsabile, mentre una parte dell evento sarà dedicata alla presentazione delle iniziativa di solidarietà che Codere ha scelto di condurre a Torino, attività che si inserisce nel più ampio progetto Codere per il sociale realizzato con l Unione dei genitori italiani contro il tumore dei bambini associazione del territorio rappresentata per l occasione dalla dott.ssa Marcella Mondini destinataria del progetto. 20/09/2012 NEL NOME DELLA LEGALITA : a Torino la prossima tappa del workshop Codere CODERE organizza la quarta tappa del suo workshop itinerante "NEL NOME DELLA LEGALITA'" lunedì 24 settembre, nella sala verde del Lingotto a Torino. Inizio dei lavori alle ore Il tavolo di confronto verterà sulle relazioni dei massimi rappresentati degli organi di controllo preposti, Guardia di Finanza, Carabinieri, Questura, esponenti delle Amministrazioni locali, dei Monopoli di Stato e del presidente di Assotrattenimento Massimiliano Pucci. Moderatore dell'incontro il giornalista de LA STAMPA, Guido Tiberga. Una parte importante questa del progetto "IL GIOCO RESPONSABILE", voluto fortemente da Codere, per potenziare e meglio indirizzare l'azione in materia di lotta e prevenzione dei fenomeni di distorsione e per la promozione della sicurezza e della legalità nel gioco per meglio tradursi in interventi concreti e a 360 su clienti, dipendenti e territorio stesso. Durante l'incontro saranno presentate le attività di Codere nell'ambito della promozione del Gioco Responsabile e il supporto portato dall'associazione Primo Consumo, con la presenza del suo presidente, avv. Polizzi, che illustrerà il progetto "Game Over", colto e reso operativo col supporto di Codere e realizzato attraverso il Numero Verde per i giocatori a rischio, con la formazione mirata del personale e con l'assistenza ai giocatori in tutti gli ambienti di gioco, online compreso, di Codere. Una parte dell'evento sarà dedicata alla presentazione delle iniziativa di solidarietà che Codere ha scelto di condurre a Torino, come in tutte le altre città in cui opera, attività che si inserisce nel più ampio progetto "Codere per il sociale" e che prevede l'adozione di un progetto da sostenere mediante attività condotte con i clienti e con gli stessi impiegati delle sale.

12 Codere: la finanza nel nome della legalità 20/07/ (Teleborsa) - Roma, 20 lug - Martedì 24 luglio, presso il Castello di Arechi, nei pressi di Salerno, Codere organizza il terzo incontro sui temi della legalità nel mondo del gioco. Codere è una multinazionale leader nel settore del gioco in Europa e America Latina, quotata alla Borsa di Madrid e coordinerà la tavola rotonda allo scopo di supportare i temi della sicurezza e della legalità nel mondo del gioco. Una parte importante di questo incontro sarà dedicata a "Il Gioco responsabile", per potenziare e meglio indirizzare l'azione in materia di lotta e prevenzione dei fenomeni di distorsione e per la promozione della sicurezza e della legalità nel gioco. Durante l'incontro saranno presentate le attività di Codere nell'ambito della promozione del Gioco Responsabile e il supporto portato dall'associazione Primo Consumo con l'attivazione di un numero verde per i giocatori a rischio. Una parte dell'evento sarà dedicata alla presentazione delle iniziativa di solidarietà che Codere ha scelto di condurre a Salerno: "Il villaggio di Esteban" territorio grazie alla testimonianza del suo responsabile Carlo Noviello. Nel nome della Legalità: Ruta (Codere) "Diffondere comportamenti di gioco responsabili" Scritto da Sm Martedì 24 Luglio :12 Salerno - Al via il convegno Nel nome della Legalità, il Workshop itinerante di Codere che questa mattina ha fatto tappa a Salerno nella splendida cornice del Castello di Arechi. Con la moderazione del giornalista economico Andrea Bassi. Antonio Iannone vice-presidente Consiglio Provinciale ha sottolineato: Il mio vuole essere solo un breve saluto mio e del presidente Cirielli, che come ex Carabiniere è più che mai sensibile ai temi della Legalità e insieme un ringraziamento a Codere per aver scelto Salerno. Una realtà che anche dal punto di vista occupazionale e per le prospettive non può arretrare rispetto alla difesa del gioco lecito. Quello che le amministrazioni chiedono e di cui hanno bisogno è una seria e puntuale regolamentazione del settore per fare in modo che il gioco rimanga diletto sano consapevole, perché crediamo che questo atteggiamento sia il vero antidoto al gioco d azzardo patologico. Ha preso poi la parola il country manager di Codere, Massimo Ruta, che ha detto: Il mio intervento questa mattina ha una funzione molto semplice, quella di ringraziare i presenti, può apparire semplice, le azioni che ognuno dei relatori hanno descritto rappresenta esattamente lo spirito che ha animato e continuerà ad animare questi tavoli di confronto aperti sul territorio che hanno visto un forte lavoro preparatorio per incontrare, conoscere e spesso sensibilizzare sui temi del gioco legale come sottolinea il titolo del workshop stesso e responsabile come vuole essere l offerta di gioco targata Codere. La presenza di istituzioni, della stampa, la risposta delle molte associazioni contattate rafforzano ancora di più la mia convinzione che solo coesione ed unità di intenti tra tutti i soggetti che a vario titolo devono gestire il gioco pubblico può fornire le risposte più giuste ai fenomeni che ci troviamo ad affrontare.

13 La funzione principale di concessionario dello Stato come Codere è quella di essere garante della regolamentazione, con cui i Monopoli, che oggi non sono presenti perché stanno vivendo un importante fase di transizione, ma questo non ci può far dimenticare la loro funzione, in quanto istituzione massima del settore, di disciplina, spesso stringente, che però ha permesso al nostro mondo di istituzionalizzare canali distributivi sicuri e protetti e riconoscendo ai soli prodotti garanti appunto dall Aams quelle connotazioni di responsabilità, liceità e sicurezza, che hanno permesso e continuano a permettere la necessaria e fondamentale emersione dell illegale. Noi ci sentiamo, noi siamo una parte dello Stato e proprio per questo che possiamo con tranquillità essere seduti al fianco degli organi di controllo che svolgono le loro attività sul territorio, perché la loro funzione, le loro iniziative vanno a rafforzare il gioco concessorio, e sono per noi un opportunità cruciale, che ci rafforza nel raccontare quello che ormai siamo diventati, la terza industria del Paese dopo Eni e Fiat, forse la sola che garantisce ancora la crescita occupazionale con , imprese, 9 miliardi di gettito erariale, ma i numeri che sempre più spesso vengono divulgati da taluni in modo spesso distorsivo sono quelli della raccolta come se questi equivalessero al fatturato nero. Quest attenzione non sempre benevola ci ha spinto ad una serie di iniziative, ma necessita anche di contromisure informative che tutelino insieme il settore e i giocatori. In questo spirito nasce il progetto che Codere sta mettendo in campo per diffondere comportamenti di gioco responsabili e sostenere trasparenza, sicurezza e legalità in tutta la sua attività e con il massimo slancio possibile sul territorio. Siamo stati nella vicina Caserta, a Vicenza e poi qui a Salerno dove abbiamo due Gaming Hall perché vogliamo essere sempre più efficaci nell arginare se presenti fenomeni di distorsione che possono sfociare nella ludopatia o in altre forme di dipendenza. Di qui è nata la volontà e la necessità di portare nelle tante città italiane in cui siamo presenti questo workshop itinerante dal naming inequivocabile Nel nome della legalità, punta di diamante di un progetto che coinvolge a 360 l azienda, i prodotti e i clienti e che si declina sia in termini di informazione e comunicazione con la produzione di materiali informativi per il cliente, attraverso la formazione e l aggiornamento costante dei dipendenti; sia con azioni concrete verso il giocatore come vi ha mirabilmente illustrato la dott.ssa Lupelli di Primo Consumo che ci ha supportati con l attività del Numero Verde GAME OVER ( ). Il progetto è naturalmente approdato anche sul nostro portale di gioco online modalità di gioco vista spesso come la sintesi di tutti i mali, ma che conserva la filosofia di valori ed eticità powered by Codere che ha coinvolto in maniera stringente tutte le Società di gestione e i luoghi in cui sono installati apparecchi di proprietà di società partecipate o collegati alla rete di Codere Network. E lo ha fatto con un forte impatto su tutti gli ambienti di gioco, con un format di comunicazione studiato appositamente e aumentando i controlli all ingresso ai nostri luoghi di gioco, tassativamente vietati ai minori. Anche per questo abbiamo promosso il codice di autodisciplina pubblicitaria del mondo del gaming divulgato da Sistema Gioco Italia di cui facciamo parte. Un codice volutamente responsabile nelle sue linee guida, che porterebbe con sé inevitabilmente anche la scelta di testimonials al di sopra delle parti e scientificamente competenti. Proprio convinti della necessità di ciò abbiamo orientato la nostra campagna pubblicitaria a tutti i livelli verso il gioco responsabile (cit. Non giocare dove capita) e verso la valorizzazione del concetto di gioco legale da svolgersi in posti sicuri e riconoscibili. AGICOS VENERDI 27 LUGLIO 2012

14 ore 14:55 - im PRIMO CONSUMO, CONVEGNO SU LUDOPATIE "La dipendenza dal gioco non è un gioco" "La dipendenza dal gioco non è un gioco", è un convegno d'informazione e approfondimento sul gioco patologico. Un progetto dell'associazione Primo Consumo che si terrà a Roma il 6 luglio presso l'aula Magna dell'ospedale Cristo Re, in collaborazione con la Scuola di Specializzazione del Cristo Re e il patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio e della Provincia di Roma. Il convegno - fa sapere Primo Consumo - "vuole essere l'occasione per riflettere sulla situazione del gioco in Italia e sui rischi a esso connessi da un punto di vista sia politico-istituzionale che scientifico. Attraverso l'intervento di politici, rappresentanti delle istituzioni e professori emeriti sarà possibile avere un quadro dettagliato del fenomeno, ormai dilagante, e discutere sull'attuazione di interventi finalizzati alla prevenzione e riduzione dei danni provocati dalla dipendenza da gioco". JAMMA.IT Convegno: La dipendenza dal gioco non è un gioco L'Aula Magna dell ospedale Cristo Re di Roma ha ospitato il convegno La dipendenza dal gioco non è un gioco,progetto dell associazione Primo Consumo e della Scuola di Specializzazione Cristo Re con il patrocinio della Regione Lazio e della Provincia di Roma. Il gioco da sempre sinonimo di divertimento svolge una funzione ad alto impatto sociale. Giocare può però trasformarsi da piacevole passatempo a vero e proprio disturbo psicopatologico. Il convegno ha inteso mettere a fuoco la situazione del gioco d azzardo in Italia ed i rischi ad esso connessi da un punto di vista sia politicoistituzionale sia scientifico, ascoltando i pareri di politici, rappresentanti delle istituzioni e professori emeriti per avere un quadro dettagliato del fenomeno, ormai dilagante, e discutere sull attuazione di interventi finalizzati alla prevenzione e alla riduzione dei danni provocati dalla dipendenza da gioco d azzardo. "La ludopatia ha con molta verosimiglianza delle basi organiche nel sistema nervoso centrale, come risulta dalla sperimentazione. E quindi auspicabile che ricerche future, soprattutto nell'ambito clinico, possano portare ulteriori lumi per curare e possibilmente guarire chi ne soffre" così si è espresso il Prof. Ermanno Manni, professore emerito di fisiologia umana all'università Cattolica. Il presidente di Primo Consumo, avv. Marco Polizzi ha esposto senza mezzi termini il proprio pensiero: E falso e ingannevole far credere che è facile diventar ricchi attraverso il gioco. I consumatori vanno protetti da questo gravoso male Considerando quanto siano potenti i messaggi pubblicitari, e visto il rischio che alcune tipologie di prodotti comportano in merito alle dipendenze, si rende necessario dare al consumatore la possibilità di conoscere ciò che compra in modo più obiettivo possibile: Vinci? No! Tenti solamente la fortuna. La prima regola che proponiamo è la scomparsa dalle pubblicità della parola vincita che dovrà essere considerata un tabù insieme a tutti i suoi sinonimi. Per assurdo anche l'elemento "affidabilità" della fonte: Monopoli di Stato e concessionari dello Stato, offre garanzie tali che il consumatore è meno stimolato ad alzare delle barriere protettive. Sono ormai tante le proposte volte alla gestione del problema, ma manca l efficacia. Quale è stato il successo del Gioco Responsabile? Quale il senso di responsabilità mostrato da AAMS e dalla maggioranza dei Concessionari?

15 AAMS ha dovuto ritirare la propria campagna di comunicazione per le voci di protesta che si sono levate da più parti perché la campagna era smaccatamente irresponsabile verso i giovani. Primo Consumo ha offerto un modo di approcciare al sistema con senso di responsabilità a tutti i concessionari e ad AAMS. Non ci ha ascoltato nessuno. Solo un concessionario ha risposto al nostro appello. AAMS non ha risposto alle nostre sollecitazioni di partecipare ad un tavolo quale unica associazione dei consumatori in Italia che ha attivato un centro di ascolto con psicologi e la partnership scientifica con una scuola di prestigio quale il Cristo Re. Ne prendiamo atto, ha sottolineato, ancora, Polizzi, osservando che da oltre un anno non riusciamo ad interloquire con AAMS malgrado i tentativi. Abbiamo avuto riscontri dai rappresentanti del Governo ma non da AAMS. Aspettiamo! In rappresentanza della presidenza del Consiglio regionale è intervenuto l on. Claudio Bucci: Si è creato un allarme negli ultimi tempi per quanto riguarda il fenomeno del gioco e le risposte da parte delle istituzioni sono arrivate con grave ritardo. Mentre il fenomeno è cresciuto, specie nel Lazio, evidenziando la mancanza di un approccio generale, lasciando qualche rara iniziativa solo a Comune, Provincia o singole circoscrizioni. Il gioco è regolato a livello nazionale e generale, ma esistono situazioni a livello locale che devono essere affrontate, anche in stretto accordo con i concessionari del gioco pubblico che stanno attivando campagne di prevenzione, in particolare per contrastare operatori illegali. La regione Lazio ha definito una proposta di legge mirata soprattutto alla prevenzione oltre che alla cura, attraverso una fitta rete di collaborazioni. Un percorso concreto per dare una risposta a un'esigenza rispetto alla quale la politica non poteva rimanere a guardare. La parlamentare Paola Binetti, Udc, ha sottolineato il clima di grande confusione politica che regna intorno al fenomeno del gioco: nel governo esistono visioni contrastanti sulla materia, come anche ad altri livelli. Stiamo cercando di fare in modo che la dipendenza da gioco venga inserita nei livelli essenziali di assistenza, ma dubito che si possa arrivare a breve a questo risultato. In parlamento, col sostegno del ministro Riccardi, abbiamo deciso di intervenire seriamente nei confronti delle dipendenze legate al gioco, supportati anche dall'azione del ministro della Salute, competente in materia, Renato Balduzzi, chiamato a intervenire per la cura delle dipendenze. In contrapposizione, però il ministero dell'economia è interessato a far cassa sul gioco come anche il ministero dello sviluppo economico che spingere questo settore, perché crea posti di lavoro ed è legato anche alle telecomunicazioni. Il presidente di Assotrattenimento e vicepresidente della Federazione Sistema Gioco Italia, Massimiliano Pucci, ha spiegato: Forse pochi sanno fuori dal settore che in seguito al precedente sisma dell'abruzzo il governo impose un nuovo prodotto di gioco obbligando i concessionari lineari a un esborso diretto immediato e a nuovi investimenti per trovare fondi. Oggi il rischio è quindi quello di ritrovarsi nuovi giochi istituiti dal governo per finanziare questa nuova emergenza con effetto contrario rispetto a quello voluto da chi lancia l'allarme contro il gioco. Deve esserci un approccio razionale e un dialogo tra politica e filiera se si vuole affrontare in modo opportuno il tema del gioco responsabile. -La ludopatia è un problema grave del settore e anche un solo malato di gioco è un problema per le aziende perché chi vende gioco ha bisogno di giocatori sani non malati. Abbiamo bisogno di un modello di sviluppo per guardare al presente, pensando al futuro. Dobbiamo superare i pregiudizi ed eliminare speculazioni e allarmismi inutili rimboccandosi le maniche ed intervenire in maniera concreta. Abbiamo perso troppo tempo e il rischio, soprattutto per chi vende gioco lecito, è che si lasci spazio al gioco illegale e al suo ritorno. Assotrattenimento sta collaborando con Primo Consumo e con il Conagga per attuare un percorso di prevenzione. Le nostre aziende stanno promuovendo programmi di gioco responsabile, distribuendo nelle sale un decalogo per il giocatore responsabile e una pubblicazione cartacea di informazione sulle norme che regolano il gioco. Imma Romano del concessionario Codere ha precisato: E' indispensabile fare delle distinzioni e, quando si parla di gioco, di ludopatia e di prevenzione. E' vero che ci sono ancora oggi degli operatori illegali e questa è una piaga per lo stesso settore oltre che per la comunità. I concessionari che gestiscono il gioco per conto dello Stato operano in modo tutt'altro che improvvisato per una buona

16 fruizione del gioco, anche dal punto di vista della prevenzione. E' vero che tra i concessionari esistono delle differenze e che alcuni mostrano maggiore attenzione di altri. Ma non si può e non si deve demonizzare un intero settore denunciando il problema ludopatia e denunciando che nulla viene fatto. Il concessionario Codere sta investendo molto nello studio e nella prevenzione con programmi di gioco responsabili che stiamo attuando su tutto il territorio e che il gruppo Codere attua da tempo in tutto il mondo, ottenendo peraltro anche un importante riconoscimento da parte dell'onu in Sudamerica. E' importante la vicinanza delle associazioni dei consumatori e del mondo scientifico rispetto al tema del gioco responsabile, ma non per demonizzare il gioco ma per studiare, approfondire, conoscere questa realtà e insieme intervenire in modo concreto per garantire gli strumenti utili ai consumatori per un gioco responsabile. ABSTRACT: LA FAMIGLIA DEL GIOCATORE D`AZZARDO PATOLOGICO Dott.ssa Claudia De Giuli Per ogni persona, la famiglia è uno dei luoghi privilegiati di costruzione del se` e della realtà sociale, uno spazio fisico, relazionale e simbolico in cui dar significato e risignificare giorno dopo giorno le proprie esperienze. Il gioco d`azzardo patologico deve, così, essere affrontato come un problema che coinvolge tutta la famiglia, nucleo sociale nel quale si è sviluppato e si mantiene il sintomo abuso/dipendenza in uno dei suoi membri. Per una terapia del GAP efficace è necessario operare contemporaneamente e in modo combinato su tre fronti quali: un programma individualizzato integrato psico-medico-sociale-educativo che tiene conto tanto dell`esclusività dell essere umano che dell indispensabile lavoro congiunto tra le diverse professionalità e i Servizi pubblici e privati un lavoro sulla sobrietà (intesa come astinenza dal gioco e cambiamento dello stile di vita) un coinvolgimento della famiglia nel programma terapeutico-riabilitativo. L`intervento con la famiglia mira all elaborazione, rimodulazione e potenziamento delle funzioni a cui normalmente assolve ma che a causa del GAP subiscono un alterazione: la funzione normativa, protettiva-affettiva, regolativa, predittiva, rappresentativa, significante, proiettiva, differenziale, fantasmatica, transgenerazionale. Nel contesto GAP i figli dei giocatori sono facilmente esposti allo sviluppo di una serie di disturbi evolutivi sul piano somatico, cognitivo e motivazionale, sia in termini di maggiore fragilità che di maggiore rischio evolutivo in diverse aree della propria salute psicosomatica. La famiglia assiste e si scopre impreparata ad affrontare le diverse fasi dello sviluppo del Gap da parte del congiunto giocatore: fase vincente, perdente, della disperazione, cruciale, critica, di ricostruzione. Mentre un intervento di educazione e sensibilizzazione ai rischi collegati al gioco d`azzardo permetterebbe l`individuazione tempestiva del fenomeno, il riconoscimento dei fattori spia fisici, emotivi e comportamentali e un intervento d`informazione e psico-educativo-motivazionale sul GAP fornirebbe oltre che un supporto la possibilità di lavorare su dinamiche individuali e familiari come la dinamica della co-dipendenza. La co-dipendenza può essere definita come uno stato di sofferenza relazionale, in cui una persona e` influenzata in modo eccessivo dal comportamento dell altro ed al contempo cerca di controllare in modo eccessivo quello stesso comportamento (Monguzzi F. 2006). Il partner/familiare che mette in atto, più o meno consapevolmente, i comportamenti e/o atteggiamenti collegati alla sua co-dipendenza (centratura sul giocatore, sulla relazione, controllo ossessivo, messa da parte di sé) ottiene l effetto diretto o indiretto di sostenere e mantenere la dipendenza del congiunto, invece di combatterla. Risulta così necessaria un analisi del ruolo che il sintomo GAP ha all'interno del sistema famiglia (valenza omeostatica del sintomo). E quindi importante una valutazione diagnostica relazionale: della situazione familiare, delle motivazioni al cambiamento, delle potenzialità espresse dai membri, della possibilità di coinvolgerli attivamente nel programma di trattamento. LE TERAPIE PER IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP): ACCESSIBILITA E FOCUS DEL TRATTAMENTO Dott. Mauro Bruni Nel 1980 l Associazione degli Psichiatri Americani (APA) ha riconosciuto il gioco d azzardo patologico (GAP) come una malattia mentale; è stato altresì classificato tra i disturbi del controllo degli impulsi dal DSM IV. Nonostante sia una delle forme d intrattenimento più antiche, il gioco d azzardo è diventato

17 recentemente un problema di proporzioni rilevanti, del quale solo pochi hanno intuito la reale espansione: nel 2011 l incremento del gioco del poker on-line è stato del 104%. Il gamblig, nelle sue numerose varianti continua ad essere percepito dalla popolazione generale come un normale vizio. In ogni caso al pari di giocatori adeguati, che usano il gioco per divertirsi e socializzare senza che ciò interferisca con la propria vita, sono in aumento quelli che manifestano compulsività ed estrema dipendenza. Il nucleo centrale della patologia sembra rintracciabile nell obbligatorietà dell impulso e quindi nell incapacità di smettere di giocare. Famiglia, amici e lavoro ne sono estremamente influenzati. Nel nostro Paese, il fenomeno si è imposto all attenzione delle istituzioni e degli addetti alla salute. Ciò che si sospetta viene confermato da diversi studi che hanno evidenziato la correlazione tra la proliferazione dei giochi e l incremento del gioco patologico. Sono necessarie forme di intervento che siano in grado di rispondere ad una domanda di salute che non solo è in rapida crescita ma appare in certi casi allarmante (nel gioco on-line si riscontrano tassi di dipendenza maggiori rispetto al gioco tradizionale e un decorso della malattia più rapido). Nonostante l esistenza di terapie specificatamente studiate per queste patologie, solo il 10% dei giocatori patologici richiede un trattamento: la mancanza di terapisti qualificati, i costi e la paura dello stigma sono fattori che influiscono pesantemente. In questo senso, una delle sfide principali è quella di migliorare l accessibilità dei trattamenti psicologici per i giocatori. Molto spesso poi, il giocatore d azzardo giunge alla richiesta d aiuto per tentare di risolvere i problemi che scaturiscono secondariamente dalle perdite economiche, e non perché consapevole di aver sviluppato una dipendenza. Un primo livello di intervento, anche se indiretto, dovrebbe essere di tipo educazionale, attraverso la diffusione di informazioni che possibilmente raggiungano il giocatore nell ambiente in cui si trova. Terapia cognitiva: individua nei processi cognitivi i fattori determinanti nello sviluppo e nel mantenimento dei problemi di gioco. Il giocatore sviluppa una sorta di pensiero magico, attraverso il quale interpreta gli eventi e si illude di poter controllare il caso, nella convinzione di essere capace di predire i risultati del gioco. Il ruolo delle distorsioni cognitive nel gioco patologico (pathological gambling PG) risulta fondamentale nella comprensione del disturbo e nondimeno per il suo trattamento. Ricerche recenti (Fortune, E. E., & Goodie, A. S. 2011) hanno dimostrato che nelle persone che sviluppano una dipendenza da gioco d azzardo sussistono distorsioni cognitive che necessariamente vanno individuate se si vogliono avere buoni risultati nel trattamento. Il pensiero razionale dei giocatori patologici sembra caratterizzato da tutta una serie di distorsioni ed errori del pensiero che portano a valutazioni errate della realtà e influiscono pesantemente sulla condotta, favorendo la prosecuzione del comportamento dannoso. Trattamenti che ottengono un alto tasso di successo sembrano essere quelli che fanno uso della ristrutturazione cognitiva o, in ogni caso, quei metodi che tendono ad indagare direttamente il contenuto del pensiero (per es. thinking-aloud method). Nella terapia di derivazione cognitivocomportamentale il terapeuta cerca di aiutare il paziente portando alla luce le distorsioni attive nel pensiero; può avvalersi di tecniche derivate dal problem solving oltre ad implementare un programma di gestione del rischio di ricadute. Si tratta in genere di approcci terapeutici che tendono a procedere per tappe prefissate; sono diverse le procedure e i protocolli testati che consentono un impostazione particolarmente rigorosa del trattamento. Tecniche che includano l insegnamento di nozioni di matematica o calcolo delle probabilità non hanno sortito alcun effetto. Terapia sistemico-relazionale il programma terapeutico prende in carico i soggetti sotto tutti gli aspetti, partendo dal presupposto che la dipendenza da gioco è interpretata come un disagio derivante da una disfunzione del sistema familiare, in cui tutti i rapporti devono essere analizzati. Per questo anche la famiglia del giocatore viene coinvolta nel processo di cambiamento. Lo scopo non è solo quello di raggiungere l astinenza, ma di risolvere ciò che ha portato all esordio della dipendenza come sintomo funzionale, ad una situazione familiare patologica sottostante. Gruppi di auto-aiuto nel 1957 nasce l associazione dei Gamblers Anonymous, i Giocatori Anonimi (GA), sull esempio degli Anonimi Alcolisti. Essi ritengono che il gioco d azzardo sia una malattia di natura progressiva la quale non può essere curata, ma solo arrestata, attraverso il raggiungimento della totale astinenza. Il recupero si fonda sulla lettura a turno dei dodici passi dell unità, che rappresentano una specie di regolamento dell associazione, e dei dodici passi del recupero, attraverso i quali il giocatore riconosce la propria impotenza di fronte al gioco, si affida ad un Potere più grande di lui, fa un esame della propria vita, riconosce i propri errori e con la meditazione mira a cambiare la propria vita. Sembra che il maggior contributo terapeutico nei gruppi di auto-aiuto sia dato dal forte sentimento di accettazione

18 circolante tra i membri e dal recupero di quel senso di dignità personale che è favorito in un contesto formato da persone con storie simili e problemi comuni. Nelle persone che presentano questa diagnosi sono stati riscontrati alti tassi di depressione, ansia, forti sentimenti di impotenza; qualunque approccio terapeutico si scelga di seguire, questi aspetti non devono passare in secondo piano. Ogni terapia poi, può essere accompagnata da un trattamento farmacologico, soprattutto laddove il gioco d azzardo presenti comorbidità rilevanti. Bibliografia Albano T., Gulimanoska L. (a cura di) (2006), In-dipendenza: un percorso verso l autonomia, Angeli, Milano. Fortune, E. E., & Goodie, A. S. (2011) November 28). Cognitive Distortions as a Component and Treatment Focus of Pathological Gambling: A Review. Psychology of Addictive Behaviors. Calbring P., Smith F. (2008) Randomized Trial of Internet-Delivered Self-Help With Telephone Support for Pathological GamblersJournal of Consulting and Clinical Psychology Copyright 2008 by the American Psychological Association. 2008, Vol. 76, No. 6, Guerreschi, C. (1999) Il gioco d azzardo patologico:quando il gioco diventa una dipendenza. Città di Bolzano. Assessorato dei Servizi Sociali e Sanità. In: Associazioni, Primopiano2 5 luglio :59 Primo Consumo mette a confronto tecnici, politici ed istituzioni sul dilagante fenomeno del gioco d azzardo patologico La dipendenza dal gioco non è un gioco, convegno d informazione ed approfondimento sul gioco d azzardo patologico, progetto dell associazione Primo Consumo a Roma, 6 luglio 2012, Aula Magna, Ospedale Cristo Re, Via delle Calasanziane,25 (zona Pineta Sacchetti), in collaborazione con la Scuola di Specializzazione del Cristo Re ed il patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio e della Provincia di Roma. Il convegno vuole essere l occasione per riflettere sulla situazione del gioco d azzardo in Italia e sui rischi ad esso connessi da un punto di vista sia politico-istituzionale che scientifico. Attraverso l intervento di politici, rappresentanti delle istituzioni e professori emeriti sarà possibile avere un quadro dettagliato del fenomeno, ormai dilagante, e discutere sull attuazione di interventi finalizzati alla prevenzione e riduzione dei danni provocati dalla dipendenza da gioco d azzardo Il gioco, da sempre sinonimo di divertimento svolge una funzione ad alto impatto sociale. Giocare può trasformarsi da piacevole passatempo a vero e proprio disturbo psicopatologico. Già dal 1980 gli studiosi del fenomeno hanno riconosciuto la dipendenza da gioco d azzardo come patologia al pari della dipendenza da sostanze d abuso. Nel 1992 l OMS riconosce nel gioco d azzardo compulsivo una forma morbosa chiaramente identificata e sostiene che in assenza di misure idonee di informazione e prevenzione può rappresentare, a causa della diffusione, un autentica malattia sociale. Il giocatore definito patologico ricerca un coinvolgimento sempre crescente nel gioco d azzardo,

19 manifesta un bisogno di giocare somme di denaro sempre maggiori e sviluppa una progressiva perdita di capacità nel mettere limiti al suo coinvolgimento nel gioco sulla base di un particolare schema comportamentale di rincorsa delle proprie perdite. L inseguimento del denaro perso e il desiderio di rifarsi può condurre nel corso del tempo il giocatore verso un vero e proprio disastro economico che prevede spesso il ricorso a richieste di prestiti, ad usura e menzogne in famiglia e in alcuni casi a comportamenti estremi come azioni illegali o tentativi di suicidio. L Italia si piazza al terzo al posto tra i paesi che giocano di più al mondo: 800 mila sono i dipendenti da gioco d azzardo all interno di un bacino di quasi due milioni di giocatori a rischio che non risparmia pensionati e adolescenti. Crediti ECM All iniziativa sono stati attribuiti n.5 crediti ECM. (Accreditamento regionale n 36474) Per i suddett i crediti e richiesto un contributo di euro 10 che comprende anche l iscrizione facoltativa all Associazione Primo Consumo. html ANSA.IT Arriva film su poker sportivo, ma e'gia' polemica 10 aprile, 18:08 Francesca Fioretti Arriva film su poker sportivo, ma e'gia' polemica10 aprile, 18:08 Francesca Fioretti

20 ROMA - Arriverà il 13 aprile in sale, distribuito da Iris film, 'Poker generation', diretto da Gianluca Mingotto, prima pellicola italiana sul fenomeno del Texas hold'em, il cosiddetto poker sportivo, diventato un fenomeno che coinvolge nel nostro Paese quattro milioni di persone tra programmi tv, tornei on-line ed internazionali, cui si può partecipare con puntate minime. Il film, però, già causa polemiche: il presidente dell'associazione di consumatori Primo consumo, Marco Polizzi, a fine proiezione oggi a Roma ha annunciato: "Pensiamo di scrivere al ministero dei Beni culturali per chiedere il divieto ai minori di 18 anni, come è vietato il gioco d'azzardo. Non entro sul valore cinematografico, ma il film mostra solo vincenti e può essere un messaggio fuorviante, soprattutto per i minori, i più a rischio con il gioco on-line". Ma la pellicola ha già passato il vaglio della commissione censura ed é per tutti. Per Fabrizio Crimi, coproduttore del film e imprenditore con il marchio Betpro.it, specializzato proprio nel gaming online, il film non glorifica assolutamente il gioco d'azzardo: "Noi parliamo specificamente del Texas hold'em, quindi il poker sportivo, che ha molto poco a che fare con il gioco d'azzardo classico, perché richiede grandi capacità e disciplina. E non raccontiamo che la vita dei protagonisti (interpretati da Andrea Montovoli e Piero Cardano) dipende dal poker, ma che è la loro esperienza di vita a farli vincitori". IL GIORNALE.IT ori/ /articolo-id= page=0-comments= Ma è già polemica: alcune associazioni chiedono il divieto ai minori di Cinzia Romani - 11 aprile 2012, 08:00 Commenta Operazione santino per il poker, gioco d'azzardo che ora, in tempi di magra, coinvolge in Italia sempre più persone. Soprattutto da quando il tavolo verde è on line e può giocare, vincere e perdersi chiunque, senza muoversi da casa.

21 Ingrandisci immagine Arriva così sui nostri schermi Poker generation (da venerdì), opera prima di Gianluca Mingotto. E già piovono polemiche: il film - secondo l'associazione consumatori Primo Consumo - andrebbe vietato ai minori, perch incentiverebbe la passione per l'azzardo. Nel cast, la partecipazione «straordinaria» di Francesco Pannofino, ormai noto tra tv e cinema, e di Lina Sastri: i due impersonano i genitori d'una bambina siciliana molto malata, la cui operazione costa talmente tanto che i suoi fratelli (Piero Cardano e Andrea Montovoli) ricorrono al poker per drenare la cifra necessaria. E se Tony veste e pensa da para-mafioso sbruffone (coppola in testa e rosario al collo), Filo è quasi autistico: parla poco e perde spesso. Uniti nell'intento di pagare le cure alla piccola Maria, i due si trasferiscono a Milano in cerca della Dea Bendata: la trovano, la perdono in una villa miliardaria, poi vincono a Malta il più importante torneo di stagione: soldi a palate e felicità. E se Lady Gaga canta Poker face, qui le facce da poker - impenetrabili come muri - si vedono davvero e corrispondono ai veri campioni del settore: ecco la panza e gli occhiali del calabrese Salvatore Bonavena, voilà il giovane MustaphaKanit, grande pokerista ventunenne e magari qui sta il momento felice d'un film troppo trascurato nei dettagli tecnici. La storia s'ispira a quella vera di «Drive On», alias Filippo Candio, player cagliaritano primo qualificato per il tavolo finale del MainEvent delle World Series of Poker e al secondo posto nella money list dei giocatori nazionali. E, certo, le carte volano, gli assi resistono e i manager-boss girano con migliaia di euro legati strette da un elastico, esattamente come nella realtà. L'atmosfera cercata è da Romanzo criminale, versione poker, ovvero tutta rischio e autodistruzione. Ma qui il fine giustifica i mezzi e la prima missione del primo film italiano sul Texas Hold'em è costruire un'immagine positiva del poker. «Parliamo di un fenomeno di massa, per giunta legale, grazie all'intervento d'una regolamentazione statale», spiega il produttore Rocco Crimi, presidente della Gaming VC Corporation e imprenditore del gioco. «Abbiamo raccolto l'appello degli appassionati, che non tolleravano d'essere additati come giocatori d'azzardo», continua il messinese Crimi, fan della «diavolita» Melita Toniolo cui ha regalato un cofanetto da 10 milioni di euro, con i codici di accesso a una poker room. LA STAMPA.IT Poker generation nelle sale il film delle polemiche

22 Arriverà il 13 aprile in circa 100 sale, distribuito da Iris film, Poker generation, diretto da Gianluca Mingotto, prima pellicola italiana sul fenomeno del Texas hold em. Il cosiddetto poker sportivo, diventato un fenomeno che coinvolge nel nostro Paese quattro milioni di persone tra programmi tv, tornei on-line ed internazionali, cui si può partecipare con puntate minime.il film, però, già causa polemiche: il presidente dell associazione di consumatori Primo consumo, Marco Polizzi, a fine proiezione oggi a Roma ha annunciato: «Pensiamo di scrivere al ministero dei Beni culturali per chiedere il divieto ai minori di 18 anni, come è vietato il gioco d azzardo. Non entro sul valore cinematografico, ma il film mostra solo vincenti e può essere un messaggio fuorviante, soprattutto per i minori, i più a rischio con il gioco on-line». Ma la pellicola ha già passato il vaglio della commissione censura. Per Fabrizio Crimi, coproduttore del film e imprenditore con il marchio Betpro.it, specializzato proprio nel gaming on-line, il film non glorifica assolutamente il gioco d azzardo: «Noi parliamo specificamente del Texas hold em, quindi il poker sportivo, che ha molto poco a che fare con il gioco d azzardo classico, perchè richiede grandi capacità e disciplina. E non raccontiamo che la vita dei protagonisti (interpretati da Andrea Montovoli e Piero Cardano) dipende dal poker, ma che è la loro esperienza di vita a farli vincitori». LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO Arriva film su poker, e' polemica 'Primo consumo', pensiamo di chiedere divieto 18 anni (ANSA) - ROMA, 10 APR - Arrivera' il 13 aprile in sale, distribuito da Iris film, Poker generation, diretto da Gianluca Mingotto, prima pellicola italiana sul Texas hold'em un fenomeno che coinvolge in Italia 4 milioni di persone tra programmi tv, tornei online ed internazionali. Il film, pero', gia' causa polemiche: l'associazione di consumatori Primo consumo pensa di chiedere il divieto ai minori di 18 anni. Ma la pellicola ha gia' passato il vaglio della commissione censura ed e' per tutti. MYMOVIES Arriva film su poker, è polemica 'Primo consumo', pensiamo di chiedere divieto 18 anni Home» cinemanews»2012»

23 martedì 10 aprile 2012 di a cura della redazione ROMA, 10 APR - Arriverà il 13 aprile in sale, distribuito da Iris film, Poker generation, diretto da Gianluca Mingotto, prima pellicola italiana sul Texas hold'em un fenomeno che coinvolge in Italia 4 milioni di persone tra programmi tv, tornei online ed internazionali. Il film, pero', già causa polemiche: l'associazione di consumatori Primo consumo pensa di chiedere il divieto ai minori di 18 anni. Ma la pellicola ha già passato il vaglio della commissione censura ed e' per tutti. REPUBBLICA.IT Polemica per il primo film italiano sul poker texano( ) « »

24 E' subito polemica in occasione della presentazione del film di Gianluca Mingotto, il primo titolo dedicato interamente al Texas Hold'em (il cosiddetto poker texano o poker sportivo ) diventato un cult negli ultimi anni. Il presidente dell'associazione di consumatori Primo consumo, Marco Polizzi, a fine proiezione oggi a Roma ha annunciato: "Pensiamo di scrivere al ministero dei Beni culturali per chiedere il divieto ai minori di 18 anni, come è vietato il gioco d'azzardo". Ma la pellicola ha già passato il vaglio della commissione censura ed è per tutti. Per Fabrizio Crimi, coproduttore del film e imprenditore con il marchio Betpro.it, specializzato proprio nel gaming online, il film non glorifica assolutamente il gioco d'azzardo: "Noi parliamo specificamente del Texas hold'em, quindi il poker sportivo, che ha molto poco a che fare con il gioco d'azzardo classico, perchè richiede grandi capacità e disciplina". Di film sul tavolo verde in Italia ce ne sono stati da 'Regalo di Natale' di Pupi Avati a 'Tris di donne e abiti nuziali' con Sergio Castellitto e ora arriva la storia di due fratelli: il più grande, Tony, è un fanatico dei film sulla mala americana, l'altro, Filo, è un genio introverso e scontroso. Insieme dovranno trovare il modo di vincere tanti soldi per pagare le cure alla sorella malata CORRIERE DELLE SERA.IT A_ shtml Arriva film su poker, e' polemica 10 Aprile :31 CULTURA E SPETTACOLO (ANSA) - ROMA - Arrivera' il 13 aprile in sale, distribuito da Iris film, Poker generation, diretto da Gianluca Mingotto, prima pellicola italiana sul Texas hold'em un fenomeno che

25 coinvolge in Italia 4 milioni di persone tra programmi tv, tornei online ed internazionali. Il film, pero', gia' causa polemiche: l'associazione di consumatori Primo consumo pensa di chiedere il divieto ai minori di 18 anni. Ma la pellicola ha gia' passato il vaglio della commissione censura ed e' per tutti. LA STAMPA DEL MEZZOGIORNO va-film-su-poker-sportivo-ma-e-gia-polemica&catid=44:cinema&itemid=102la stampa del mezzogiorno Arriva film su poker sportivo, ma e'gia' polemica MARTEDÌ 10 APRILE :51 A CURA DI REDAZIONE Arriverà il 13 aprile in sale, distribuito da Iris film, 'Poker generation', diretto da Gianluca Mingotto, prima pellicola italiana sul fenomeno del Texas hold'em, il cosiddetto poker sportivo, diventato un fenomeno che coinvolge nel nostro Paese quattro milioni di persone tra programmi tv, tornei on-line ed internazionali, cui si può partecipare con puntate minime. Il film, però, già causa polemiche: il presidente dell'associazione di consumatori Primo consumo, Marco Polizzi, a fine proiezione oggi a Roma ha annunciato: "Pensiamo di scrivere al ministero dei Beni culturali per chiedere il divieto ai minori di 18 anni, come è vietato il gioco d'azzardo. Non entro sul valore cinematografico, ma il film mostra solo vincenti e può essere un messaggio fuorviante, soprattutto per i minori, i più a rischio con il gioco on-line". Ma la pellicola ha già passato il vaglio della commissione censura ed é per tutti. Per Fabrizio Crimi, coproduttore del film e imprenditore con il marchio Betpro.it, specializzato proprio nel gaming online, il film non glorifica assolutamente il gioco d'azzardo: "Noi parliamo specificamente del Texas hold'em, quindi il poker sportivo, che ha molto poco a che fare con il gioco d'azzardo classico,

26 perché richiede grandi capacità e disciplina. E non raccontiamo che la vita dei protagonisti (interpretati da Andrea Montovoli e Piero Cardano) dipende dal poker, ma che è la loro esperienza di vita a farli vincitori".(ansa) FAMIGLIA CRISTIANA.IT Arriva film su poker, e' polemica 'Primo consumo', pensiamo di chiedere divieto 18 anni 10/04/2012 (ANSA) - ROMA, 10 APR - Arrivera' il 13 aprile in sale, distribuito da Iris film, Poker generation, diretto da Gianluca Mingotto, prima pellicola italiana sul Texas hold'em un fenomeno che coinvolge in Italia 4 milioni di persone tra programmi tv, tornei online ed internazionali. Il film, pero', gia' causa polemiche: l'associazione di consumatori Primo consumo pensa di chiedere il divieto ai minori di 18 anni. Ma la pellicola ha gia' passato il vaglio della commissione censura ed e' per tutti html

27 GIOCO NEWS Polizzi (Primo Consumo): "Chiederemo divieto minori 18 anni per Poker generation" Scritto da Mc Martedì 10 Aprile :48 Non si sono fatte attendere troppo le polemiche per il nuovo film sul mondo del texashold em, Poker generation. Il presidente dell associazione di consumatori, Primo consumo, Marco Polizzi, alla fine della proiezione a Roma ha espresso l intenzione da parte dell associazione di chiedere al ministero dei Beni culturali il divieto ai minori di 18 anni, come è vietato il gioco d azzardo. Non entro sul valore cinematografico, ma il film mostra solo vincenti e può essere un messaggio fuorviante, soprattutto per i minori, i più a rischio con il gioco online.

28 30 marzo Ti piace vincere facile?!? Questo è solo uno dei numerosi spot pubblicitari con cui i cittadini convivono quotidianamente spesso senza rendersi conto di quanto è facile iniziare a giocare d azzardo senza più riuscire a smettere. Il paradosso dell Italia stà nel fatto che anche situandosi al primo posto nel mondo come Paese dove le persone giocano il maggior numero di soldi, precisamente oltre 500 euro pro-capite, non riconosce la ludopatia come una malattia; di contrarie vedute è l OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, che a partire dal 1980 riconosce la ludopatia come una patologia. Chi ne è affetto perde la concezione della realtà, arriva a puntare grosse somme di denaro per finire a perderle in pochi minuti iniziando ad indebitarsi o a rubare e continuando a scommettere soldi con la vana speranza che la fortuna giri dalla sua parte; la ludopatia può generare effetti simili riscontrati in chi è affetto da tossicodipendenza come mal di testa, vomito e tremori. Per questo motivol Associazione Primo Consumo in collaborazione con Codere ha attivato il progetto Game Over con l obiettivo di informare e sensibilizzare l opinione pubblica e soprattutto di aiutare sia chi soffre della patologia sia le persone che si trovano a stretto contatto con chi ne è affetto. Il progetto consiste nell attivazione di un numero verde per mettere in contatto chi ne ha bisogno con psicoterapeuti laureati e iscritti all albo che possono fornire un valido strumento di aiuto: è possibile chiamare dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle 13,00 gratuitamente e mantendendo la privacy. Il gioco d azzardo, ossia un gioco basato sul caso e che prevede poste in palio, esiste da tempi antichissimi che risalgono al a.c. consistenti in scommesse sui cavalli e giochi con i dadi; questo ha sempre costituito un occasione di svago e di ritrovo per amici mentre recentemente si stà evolvendo in un gioco solitario attraverso l uso delle numerose slot machine, lotterie, gratta e vinci e tramite internet si può continuare a giocare 24 su 24.

29 Martina Moscatelli RIPRODUZIONE RISERVATA

30

31 JAMMA.IT LudereHumanum Est. Tra giochi, politica e tutela del giocatore MERCOLEDÌ 01 FEBBRAIO :44:40 Alberto Fluvi (PD): La semplificazione passa per l'unificazione del prelievo erariale (Jamma) Si sono aperti oggi a Roma, presso la sala Carroccio del Campidoglio, i lavori della Tavola Rotonda 'LudereHumanum Est' organizzata dalla fondazione Unigioco. Giorgio Ciardi, responsabile Ufficio Sicurezza di Roma Capitale, ha aperto il suo intervento ricordando come l'amministrazione Alemanno sia attenta al problema del gioco eccessivo e di comela stessa abbia deciso già diversi mesi fa di attivare ed individuare interventi specifici. Il nostro obiettivo - ha dichiarato il responsabile dell'ufficio Sicurezza - è quello di dare risposte concrete ad esigenze che al momento sono solo percepite. Purtroppo, come del resto tutti gli enti di carattere amministrativo chiamati ad affrontare il problema, possiamo solo percepire le problematiche, senza averne una precisa conoscenza. Per questo la collaborazione con organismi come Unigioco risultano fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi. Noi possiamo avviare iniziative di carattere amministrativo che si traducono in atti come i regolamenti, da qui le regole su distanze delle attività di gioco da strutture con carattere speciale, ma altra cosa è rispondere alle richieste di quanto sviluppano un vero problema rispetto al suo approccio con il gioco ha detto Ciardi. Quella che si profila è una sfida in termini educativi, e Roma Capitale ha deciso di affrontarla, anche grazie al fatto di poter contare su un valido supporto come quello di Unigioco. Da qui puntiamo ad individuare un modello di intervento al contrasto del gioco patologico.

32 Francesco Tolotti, presidente di Unigioco, ha evidenziato come il passaggio dalla percezione, per altro evidenziata da Ciardi, alla vera e propria conoscenza del problema del gioco eccessivo, sia necessario per arrivare ad una tipologia di intervento capace di dare soluzioni efficaci. Non ci può essere medicina senza l'esatta conoscenza della malattia, in caso contrario si oscilla tra minimizzazione del problema e il rischio di ingigantirlo. "La nostra società - ha dichiarato la professoressa Clementina Gily, dell'università degli Studi di Napoli 'Federico II' - nel gioco ha un punto fermo: il luogo dove si intrecciano realtà e virtuale. Personalmente credo che il mal di gioco si possa curare solo con il gioco, con la capacità di giocare non per ricreare se stessi ma per conoscere, ricercare e trovare una dimensione diversa. Il gioco è la capacità di tenersi in forma, è la capacità di far girare qualcosa nel fulcro della leve, trovando il giusto rapporto, mettendo insieme cose che apparentemente non quadrano. Lo sforzo di creare regole e rispettarle Donato Verrastro, docente all'università degli studi di Salerno durante il suo intervento ha illustrato la ricerca condotta come Osservatorio del Gioco. Le attività di ricerca - ha affermato Verrastro - vengono fuori da riflessioni multidisciplinari. Abbiamo voluto capire come ci si approccia al gioco e le implicazioni etiche legate al gioco - evidenzia Verrastro - hanno contribuito non poco al dibattito e agli attacchi sul gioco. Altro contributo è arrivato dall'attenzione che lo Stato ha dimostrato da un certo periodo di tempo a questa parte sul mercato del gioco. Come ipotizzare percorsi di gestione corretta del fenomeno gioco? "Innanzitutto - ha commentato il docente - attraverso la conoscenza. Allontaniamoci dalla tendenza al dossieraggio. E' comunque un approccio conoscitivo, ma non dobbiamo avere posizioni preconcette. La conoscenza ci avvicina alla verità, il pregiudizio ci allontana. Il mercato del gioco è in continua evoluzione e i cambiamenti vanno inseguiti, il ritmo della gestione del mercato in alcuni fasi è stato anche più lento del processo del cambiamento. Su questo fondamento l'osservatorio nel 2011, in collaborazione con il Sert di Caserta, lavora su una ricerca che riuscisse a percepire il background culturale che influisce sulla scelta di giocare. "Siamo partiti dal campo storico - esplica il docente -, abbiamo fatto riferimento a sociologi e a economisti. Abbiamo selezionato 3100 soggetti, abbiamo somministrato un questionario per capire gli indici di vulnerabilità. La novita della ricerca sta nella sua estrema versatilità. Abbiamo chiesto quante volte si gioca, le emozioni provate, la percezione dell'autocontrollo e l'importo medio delle giocate. Si e chiesto anche quali sono i tre giochi preferiti. Questa indagine é indicativa del grado di informazione dei giocatori e possiamo dire che la maggior parte di loro sono molto informati. Abbiamo chiesto se il gioco è una questione di abilità o di fortuna o di entrambi, etcetc" "Dai dati raccolti - dichiara il dott.verrastro - ne è emerso un contesto che pur legato ai luoghi comuni conserva anche molti profili di razionalità". "Il gioco patologico riguarda una minoranza anche se bisogna evitare e prevenire le patologie, ma il confine del gioco sostanzialemnte, per quanto abbiamo potuto appurare, sostanzialemnte tiene. Il piacere del gioco - prosegue - è

33 percepito come modo per migliorare la proria condizione di vita. Esiste una buona tollerabilità al gioco, anche se il rischio c'è, anche in considerazione del fatto che stanno aumentando le occasioni di gioco. "La ricerca dimostra che va tutelato il gioco sano; il giocatore deve essere sano. Il gioco è davvero cosa troppo seria per essere strillato come unico allarme sociale. La matrice di contesto da cui hanno origine atteggiamenti problematici, é da qui che bisogna partire. Lo Stato e il mondo della cultura possono avere un ruolo importante. Crediamo che sia questa l'unica via percorribile della tutela della fragilità. Proseguono i lavori con la testimonianza di Anna Cipriani, della scuola psicosomatica Cristo Re, collaboratrice progetto Game Over che durante il suo intervento ha dichiarato: "La nostra scuola accoglie psicologi e medici che si approcciano a questa attività. Sappiamo che senza gioco non possiamo vivere. Lo spazio del gioco è dove si collocano tutte le attività del pensiero umano. E' lo spazio della creatività, delle nostre attività culturali. Il gioco è l'attività dedicata alla ricerca del vero sè. Solo nel giocare è possibile comunicare". "L'aspirazione della nostra scuola - conclude Cipriani - è quella di cominciare a pensare a costruire un biglietto di ritorno dall'accesso al gioco come fuga dalla realtà, che di per sè non è negativo. E' lo strumento da mettere a disposizione degli operatori e dei pazienti". "Il settore dei giochi - ha commentato Giuseppe Italia, responsabile politiche sicurezza Comune di Roma è caratterizzato da una incessante attività regolativa e questo ci spinge a confrontarci con tantissime disposizioni, spesso in contraddizione. Ci si muove in questo mondo con difficoltà e sarebbe auspicabile un ordinamento diverso e una legislazione unitaria. Pensiamo ad esempio al decreto sulla stabilizzazione finanziaria del 2011 che ha introdotto l'articolo 24 con 42 commi. Per non parlare delle inziative e le norme di contrasto al gioco illegale o quello minorile. Ma questa normativa ha modificato anche la competenza a irrorare le sanzioni, che dal Prefetto è passata all'ufficio regionale dell'aams. Il divieto rigiarda i giochi pubblici in denaro, la sanzione chi consente l'accesso al gioco. Una sbavatura che abbiamo già provveduto a segnalare". "Altro elemento critico - ha proseguito il responsabile - è la richiesta di un documento di identità per accedere al gioco. Stiamo aspettando anche il decreto interministeriale annunciato sul gioco eccessivo. Sono passati i 60 giorni canonici. La conferenza unificati avrebbe dovuto esrprimere il suo parere e non l'ha fatto, così come l'anci". "Purtroppo, non ci sono ancora linee di diritto per il trattamento del gioco patologico. Da qui è facile capire che fino a quando non ci sarà un sistema, non sarà facile adottare linee di intervento efficaci. Noi stiamo cercando di mettere in atto un monitoraggio per capire il fenomeno. Una possibile soluzione potrebbe essere quella di sottoporre un testo come quello dell'osservatorio di Salerno magari a tutte le scuole. Interventi mirati non per impedire il gioco, ma che aiutino a giocare in maniera corretta. Spesso si sottovaluta il ruolo degli enti locali. L'AAMS - tiene ad evidenziare il dott.italia. è il custode delle regole, ma sta prevaricando il ruolo degli enti locali". "L'articolo 86 - prosegue - viene rilasciato dal sindaco, così il sindaco può sospendere la licenza, ma come abbiamo visto lo può fare anche l'aams. Due autorità che possono fare le stesse cose. Altro caso è poi quello della pubblicità e ancora del rilascio delle licenze per le sale Vlt". "Noi - dichiara in conclusione il dott.italia - abbiamo delineato una serie di interventi, quali: - il monitoraggio del fenomeno, un osservatorio permanente; - l'istituzione di un numero verde; - la prevenzione del fenomeno attraverso l'informazione". "I gestori delle sale giochi - sottolinea Italia - sono i primi sul territorio ed è con loro che bisogna avere il maggior dialogo possibile. Potremmo migliorarne la formazione rispetto ai rischi del gioco". "Nel tavolo tecnico che auspichiamo, - conclude Italia- pensiamo che ci debba essere anche un rappresentante dell'aams".

34 "Il nostro approccio - dichiara l'avvocato Marco Polizzi, presidente dell'associazoneprimoconsumo - parte dal problema gioco patologico. Gli operatori del numero verde fanno da cerniera in un sistema che non esiste. Noi ci occupiamo del problema. Noi mettiamo in contatto il giocatore che manifesta il problema con chi lo può aiutare. Siamo quindi ben felici di entrare nel tavolo tecnico offertoci dal Comune di Roma". Polizzi ha delineato il profilo del progetto Game Over a cui per il momento ha aderito in qualità di operatore di gioco solo la concessionaria Codere. La professoressa Ornella de Rosa, dell'università Studi Salerno, durante il suo intervento ha dichiarato: "Non ha molto senso scandalizzarsi della presenza e delle dimensioni del mercato del gioco. L'offerta di gioco del periodo successivo all'unita di Italia é di gran lunga superiore a quello attuale. Per affrontare la questione oggi dobbiamo conoscere il problema. Lo scopo della ricerca è dimensionare il problema. Possiamo spaventare con tanti dossier, in fondo, stiamo vivendo la politica del dossier, ma questa non è la realtà". "Quello che noi abbiamo analizzato - esplica la professoressa - é la popolazione. Abbiamo certo incontrato giocatori problematici, per capire quando c'è il passaggio alla dipendenza, ma i ragazzi non sono dipendenti dal gioco. Il ragazzo é come una bottiglia vuota. Il suo desiderio é quello di colmare un vuoto. Per colmare quel vuoto sogno di creare una biblioteca studiata in maniera diversa dove vengono coinvolti gli attori, si regalano libri e si impara a diventare protagonisti. Il gioco è un indicatore, se gioca éperche non ha nulla da fare". "Noi - conclude la de Rosa - non possiamo solo pensare di proibire. Quella del gioco in Italia è un'industria importante nel nostro paese e i dati di raccolta lo dimostrano. Settanta miliardi di raccolta, a tanto ammontano le giocate nel 2011, giustificano il fatto di continuare a parlare di intrattenimento? Io non demonizzo il fenomeno ma mi pongo una questione. L'orientamento di tutta la politica negli ultimi 10 anni è stato quello di evitare ogni forma di demonizzazione puntando a far emergere l'illegale. A questo punto quanto di quei 70 miliardi sono frutto dell'emersione dell'illegale e quanto la conseguenza di una offerta aggiuntiva? Con molta probabilità sono entrambe le cose. Lo ha spiegato Alberto Fluvi, capogruppo Pd nella Commissione Finanze alla Camera, nel corso della tavola rotonda "LudereHumanum Est" - Analisi e proposte per una cultura responsabile del gioco, organizzata da Unigioco. Ormai si gioca praticamente su tutto. Io non condanno ma dico però che quando il gioco è visto solo come forma di entrata erariale diventa un problema. Non è passato un solo provvedimento normativo di carattere fiscale senza includere una qualche disposizione sul gioco. L'ultimo in ordine di tempo è la manovra della scorsa estate che prevede entrate dai giochi per circa 1,5 miliardi di euro e che attribuisce, proprio allo scopo di conseguire questo obiettivo, poteri eccessivi al direttore di Aams, ad esempio chiedendo di modificare la tassazione sui giochi. Un dirigente no può sostituirsi al Parlamento. Dubito tra l'altro che si possa arrivare a garantire quei 1,5 miliardi, anche alla luce della recente pronuncia del Tar che ha sospeso l'imposta sulle vincite alle Vlt. C'è il rischio che la noma venga invalidata anche per gli altri giochi. Sono tutti dubbi che avevamo manifestato in Commissione Finanze quando esaminammo il provvedimento. Difficile tuttavia che il governo possa intervenire a breve per dare copertura normativa alla tassa sui giochi. Al momento ci sono problemi più urgenti da affrontare. L'altra soluzione sarebbe quella di annullare il decreto dei Monopoli, ma sarebbe necessario trovare una copertura economica." "Credo che negli ultimi anni ci sia stata molta confusione tra norme e competenze e sarebbe auspicabile un Testo Unico per portare trasparenza e uniformità al settore che oggi si muove in una giungla legislativa. Dobbiamo poi salvaguardare il sistema della concessione, un modello che ha funzionato e che ha dato buoni risultati ma che potrebbe essere messo in discussione in vista di una direttiva europea che potrebbe dare seguito alla consultazione del Libro verde sul mercato del gambling. Si dovrebbe creare un gioco di squadra per difendere la nostra specificità

35 ha detto Fluvi. Il parlamentare del PD ha poi parlato del processo di trasformazione di Aams in Agenzia Fiscale al momento arenatosi al Senato dove il decreto d trasformazione è in fase di esame. La Commissione Finanze della Camera ha già dato il suo parere- ha detto- la trasformazione dell'ente è indispensabile per garantire carattere di snellezza e versatilità ad un organismo chiamato a regolare un settore che si trasforma ed evolve velocemente. Lo Stato ha il dovere di tutelare il giocatore, e il ruolo in questo senso è fondamentale, ma lo può fare in modo efficace solo con una struttura adeguata. Fluvi ha quindi toccato la questione dei poteri delle amministrazioni. Sono di Empoli, una città che ha dimostrato come il Comune possa svolgere una funzione importante in termini di regolamentazione dell'offerta di gioco. Il comune è l'istituzione più vicina ai cittadini e quella che meglio può promuovere la cultura del gioco responsabile. L'onorevole ha quindi toccato la questione della tassazione auspicando una semplificazione. Mi rendo conto che non sarà facile, vista la sovrapposizione normativa e le molte gare di concessione, ma credo che per andare verso una semplificazione dovremmo puntare, nel medio termine, ad una unificazione della tassazione sui giochi. Domani- ha concluso- presenterò una interrogazione parlamentare al ministro delle Finanze nella quale chiedo delucidazioni in merito all'emanazione del decreto interdirigenziale annunciato con il decreto di stabilità e relativo agli interventi di contrasto al gioco compulsivo. Spero di aver una risposta entro i prossimi dieci giorni. GIOCO NEWS.IT Marco Polizzi, 'Primo Consumo': 'Il progetto Game Over realizzato con Codere per puntare sul puro intrattenimento' Scritto da Redazione GiocoNewsMercoledì 01 Febbraio :09 "Il presidente di Primo Consumo, Marco Polizzi, ha partecipato questo pomeriggio ad una tavola rotonda organizzata dalla Fondazione Unigioco sul tema "LudereHumanum Est - Analisi e proposte per una cultura responsabile del gioco", svoltasi a Roma, nella Sala del Carroccio, del Campidoglio, presenti rappresentanti del settore e delle istituzioni che si sono confrontat sul tema del gioco, dai suoi aspetti pedagogici fino a quelli problematici, con l'obiettivo di favorire la convergenza tra ricerca sul territorio, riflessione scientifica e rappresentanza istituzionale, e costruire una concreta proposta di intervento. Nel corso del suo intervento Polizzi ha spiegato tra l'altro il progetto "Game Over", il centro di ascolto psicologico sviluppato da Primo Consumo in partnership con la scuola di specializzazione di psicosomatica del Cristo Re e con Codere società che gestisce sale da gioco in Italia e all'estero e che ha scelto di "puntare sul gioco quale forma di un sano intrattenimento".

36 JAMMA.IT Game Over il primo Centro di ascolto psicologico per i giocatori e i loro familiari In Cronache mercoledì 11 gennaio :10: mila dipendenti da gioco d'azzardo all'interno di un'area di quasi due milioni di giocatori a rischio. Un dato allarmante rivelato dai dati contenuti nel dossier Azzardopoli dell associazione Libera. Un fenomeno che l'associazione Primo Consumo ha da tempo denunciato in tutta la sua reale gravità attivando già nel corso del 2011 il primo Centro di ascolto psicologico Nazionale "Game Over" per giocatori che manifestano problematiche psicologiche di natura ludopatica e per i loro familiari. Il NUMERO VERDE garantisce un servizio anonimo e totalmente gratuito (sia da telefono fisso, sia da cellulare), agevolando l'accesso anche alle persone con disagio economico che possono contattare il Centro per ricevere sostegno psicologico e informazioni. Il progetto prevede l'impegno di un pool di psicologi e psicoterapeuti esperti di problematiche legate al gioco d'azzardo disponibili a rispondere in modo efficace, mirato e personalizzato ai singoli problemi di coloro che telefonano. Il Servizio Game Over è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore Tutte le info su Il percorso di aiuto Il Centro di ascolto eroga tre principali servizi: Sostegno psicologico, informazione e orientamento. Il primo e fondamentale passo compiuto dagli psicologi è accogliere la persona, qualsiasi sia la sua richiesta, bisogno, modalità di presentazione di sé o del problema legato al tema del gioco d azzardo. Si traccia insieme a chi contatta il Centro una sorta di mini piano operativo personalizzato. Tra l accoglienza e la personalizzazione della richiesta si colloca un importante intervento comunicativo da parte dello psicologo che consente di aiutare la persona a ritrovare il giusto approccio al gioco. Primoconsumo E un associazione di consumatori che opera in Italia. A riconoscimento della propria attività nel 2008 con decreto del Presidente della Regione Lazio è stata nominata componente del comitato regionale utenti e consumatori. Il gioco, in particolare quello pubblico, ha suscitato l attenzione e le energie dell associazione che tra le prime, si è dimostrata attiva rispetto alla tutela dei consumatori dai fenomeni distorsivi del gioco. Il progetto Game Over ha già ottenuto il patrocinio della Regione Lazio e della Provincia di Roma ed allo stesso hanno manifestato grande interesse Ministeri e prestigiose Università. Il progetto presentato ufficialmente a Roma il 26 Ottobre 2011, ha visto la partecipazione dei massimi rappresentanti di AAMS (Monopoli di Stato), della Guardia di Finanza, della Questura di Roma, della Regione Lazio e di Roma Capitale. Intervenuti un esponente della Scuola Psicosomatica Cristo Re e un docente della facoltà di Psicologia dell Università La Sapienza di Roma, entrambi nostri partner nel progetto con particolare riferimento alle attività di formazione, studio e ricerca. PRIMOCONSUMO Associazione interattiva cittadini e consumatori Organizzazione senza scopo di lucro iscritta al C.R.U.C. Via Caracciolo, ROMA Tel Fax Sito web: info primoconsumo.it

37 COLORCITY Ludopatia...la dipendenza dal gioco non è un gioco! Scritto da Michele Minnicino In Italia, sono circa 400 mila le persone vittime del craving desiderio morboso che spinge a giocare sempre di più e che può rovinare famiglie intere, mentre sono circa un milione gli italiani che hanno problemi per debiti con il gioco. 'Gioca Sicuro Ti Diverti Di Più' è il consiglio più utile per tentare di prevenire i rischi legati ad una sfrenata voglia di scommettere in cerca di illusori guadagni.codere, società che gestisce sale da gioco in Italia e all estero, ha scelto di far sì che il gioco sia un occasione di intrattenimento e che non generi forme di gioco problematico o di ludopatia nei giocatori. Aiutare i giocatori a rischio fa parte dei doveri insiti nel lavoro delle società concessionarie di giochi e scommesse oltre a rappresentare un adempimento di legge in quanto concessionarie autorizzate dall AAMS. Numero verde Game Over La dipendenza dal gioco non è un gioco Un progetto, fortemente voluto dai vertici dell azienda in Italia, in materia di lotta e prevenzione dei fenomeni ludopatici e di sicurezza nel gioco. Inserito tra le attività di Codere nell ambito della prevenzione dei comportamenti di gioco patologici e sviluppato con il supporto scientifico garantito dall associazione Primo Consumo con l attivazione del Numero Verde 800/ per i giocatori patologici, con la formazione mirata del personale e con l assistenza ai giocatori in tutti gli ambienti di gioco, online compreso, da Codere. Fenomeno spesso sottovalutato Il gioco può rappresentare un piacevole passatempo o un abitudine sociale come navigare in Internet o guardare la televisione. Per alcune persone, tuttavia, il giocare può trasformarsi da semplice evasione a sintomo di un disturbo patologico. Elementi distintivi di tale passaggio sono la frequenza, la durata e l intensità con cui questi comportamenti vengono messi in atto e le conseguenze negative che si ripercuotono sul soggetto in ambito organico, psicologico, finanziario e familiare. Nella maggior parte dei casi né i giocatori stessi né i familiari si rendono conto del passaggio da una condizione ludica ad una più chiaramente patologica. Spesso infatti il problema tende ad essere sottostimato e minimizzato. Primo Consumo, come sottolineato dal presidente Marco Polizzi ha precorso i tempi ed ha dato vita al progetto la dipendenza dal gioco non è un gioco Game Over grazie alla partnership con la scuola di psicoterapia, riconosciuta dal MIUR, del Cristo RE in collaborazione con la dott.ssa Cipriani, nonché alla scuola di formazione diretta dal Prof. Lizzani della Sapienza. Codere e Primoconsumo hanno attivato il primo Centro di ascolto psicologico Nazionale "Game Over" per giocatori che manifestano problematiche psicologiche di natura ludopatica e per i loro familiari. Il numero verde garantisce un servizio anonimo e totalmente gratuito (sia da telefono fisso, sia da cellulare), agevolando l'accesso anche alle persone con disagio economico che possono contattare il Centro per ricevere sostegno psicologico e informazioni. Il Centro di ascolto eroga tre principali servizi: Sostegno psicologico, informazione e orientamento. Il primo e fondamentale passo compiuto dagli psicologi è accogliere la persona, qualsiasi sia la sua richiesta, bisogno, modalità di presentazione di sé o del problema legato al tema del gioco d azzardo. Si traccia insieme a chi contatta il Centro una sorta di mini piano operativo personalizzato. Tra l accoglienza e la personalizzazione della richiesta si colloca un importante intervento comunicativo da parte dello psicologo che consente di aiutare la persona a ritrovare il giusto approccio al gioco.

38 ADNKRONOS 26-OTT-1115:13 SOSTENIBILITA': AL VIA IL PROGETTO PER 'IL GIOCO RESPONSABILE' UN NUMERO VERDE IN AIUTO AI LUDOPATICI (Adnkronos) - A questo proposito, con l'aiuto di Primo Consumo, verra' prodotto materiale illustrativo da affiggere nelle sale e da distribuire ai giocatori. Coderepromuovera' anche la diffusione del numero verde , attivo 5 giorni su 7 dal lunedi' al venerdi' dalle 9 alle 13 per fornire sostegno psicologico, le informazioni e l'orientamento necessario. "Codere ha appoggiato il nostro progetto, aggiunge Marco Polizzi di Primo Consumo, presentato il 24 maggio di quest'anno in una tavola rotonda al ministero dell'economia e delle Finanze. Ed e' grazie a Codere che abbiamo potuto dar vita a questa iniziativa che mette in pratica le norme che il nostro legislatore ha emanato. Vorremmo che diventasse un progetto di tutti i concessionari". Destinatari del progetto sono il portale di gioco on line e tutte le societa' di gestione di cui Coderee' direttamente partecipe, le sale gioco, i bar e tutti gli esercizi commerciali in cui siano istallati apparecchi di proprieta' di societa' partecipate o collegati alla rete Codere Network. (Paf/Col/Adnkronos) GIOCONEWS.IT Mercoledì 26 ottobre :04 I dettagli del progetto realizzato con Primo Consumo Scritto da Ac Roma - Il progetto 'Il gioco responsabile' di Codere - presentato oggi a Roma, in un dibattito che vede la presenza dei Monopoli di Stato, nella persona del direttore strategie e giochi Antonio Tagliaferri - "vuole essere la sintesi delle azioni che l'azienda ha pensato in materia e nello stesso tempo la pianificazione di quelle future con l'obiettivo di trasferire in tutte le attivita' del gruppo quella sicurezza e quella trasparenza che lo identificano in tutti i paesi in cui opera". Il progetto sul gioco responsabile e' stato messo in atto da Codere in partnership con Primo Consumo in seguito all'accordo siglato lo scorso 14 luglio, per affrontare nel modo piu' utile possibile le problematiche che nascono da un non corrente approccio al gioco. Obiettivi della partnership sono il monitoraggio dei fenomeni 'distorti' tanto nel gioco online quanto in quello nelle sale e il supporto garantito al cliente in difficolta'. Su consulenza di Primo Consumo verra' prodotto materiale illustrativo da affliggere in sala e distribuire ai clienti e verra' promosso un numero verde ( ) attivo 5 giorni su 7 per fornire adeguato supporto psicologico e le informazioni e orientamento necessari. Oltre che verso i clienti pero' il progetto Coderecoinvolgera' anche le aziende e i soggetti che operano nel gioco, attraverso la formazione del personale che opera nelle sale da gioco. Inoltre, "in nome della legalita'", verra' allestito un workshop itinerante che tocchera' molte delle citta' dove opera Codere, e una serie di tavole rotonde che vedranno protagonisti dirigenti di Aams e rappresentanti istituzionali in generale oltre alle forze dell'ordine.

39 GIOCONEWS.IT Mercoledì 26 ottobre 2011 Primoconsumo: la relazione integrale sul gioco responsabile Scritto da Redazione GiocoNews Primoconsumo è un'associazione dei consumatori che da anni segue con attenzione il fenomeno dilagante del gioco ed è per questo che nel 2008 gli è stato proposto di entrare a far parte del comitato scientifico della Fondazione Unigioco presieduta da Giorgio Benvenuto. Questa attenzione e partecipazione attiva da parte di un'associazione dei consumatori ha fatto si che il fenomeno del gioco ed in particolare quello pubblico, venisse osservato professionalmente dal lato del consumatore e non solo dal lato del business, come naturalmente fanno gli operatori. Da questa postazione privilegiata abbiamo iniziato ad esaminare le iniziative concrete che a difesa dei consumatori erano state messe in campo dai concessionari e dai Monopoli di stato. Ci siamo accorti che, a parte petizioni di principio e qualche iniziativa non profondamente influente sul fenomeno e con finalità più di studio che di azione, mancavano, insomma, azioni concrete di contatto con i consumatori e con i problemi che questi possono avere approcciando al gioco senza equilibrio ed educazione, Primoconsumo ha pensato ad un approccio sistematico del fenomeno partendo dai disturbi patologici, ma è suo interesse divenire una guida nel sistema nazionale approcciando anche la formazione degli operatori e all'educazione dei giocatori; educazione che parte dall'età minorile. Vorremmo un paese con "Giocatori Sociali Adeguati" (Guareschi) per cui il gioco è un divertente passatempo e i ludopatici ridotti al minimo; oggi i dati degli studi internazionali sono preoccupanti. IL PROGETTO del centro di ASCOLTO GAME OVER - Primo Consumo ha precorso i tempi ed ha dato vita al progetto "la dipendenza dal gioco non è un gioco" Game - Over" e alla partnership con la scuola di psicoterapia, riconosciuta dal MIUR, del Cristo RE di cui ha parlato la dott.ssa Cipriani, nonché a quella sulla formazione di cui ha parlato il Prof. Lizzani della Sapienza. Codere e Primoconsumo hanno attivato il primo Centro di ascolto psicologico Nazionale "Game Over" per giocatori che manifestano problematiche psicologiche di natura ludopatica e per i loro familiari. Il numero verde garantisce un servizio anonimo e totalmente gratuito (sia da telefono fisso, sia da cellulare), agevolando l'accesso anche alle persone con disagio economico che possono contattare il Centro per ricevere sostegno psicologico e informazioni. Il Centro di ascolto eroga tre principali servizi: "Sostegno psicologico","informazione" e "orientamento". Il primo e fondamentale passo compiuto dagli psicologi è accogliere la persona, qualsiasi sia la sua richiesta, bisogno, modalità di presentazione di sé o del problema legato al tema del gioco d'azzardo. Si traccia insieme a chi contatta il Centro una sorta di mini piano operativo personalizzato. Tra l'accoglienza e la personalizzazione della richiesta si colloca un importante intervento comunicativo da parte dello psicologo che consente di aiutare la persona a ritrovare il giusto approccio al gioco. Questo è il primo passo concreto: - per riaffermare il principio che il gioco è un divertimento e non una dipendenza; - per mettere in condizioni i giocatori ed i loro cari di conoscere e riconoscere un disagio; - per fornire ai giocatori ed ai loro cari uno strumento di difesa dalla ludopatia; - per introdurre una misura di prevenzione efficace ed immediata. Impegniamoci insieme per riaffermare il diritto al gioco responsabile e consapevole, informando i giocatori sul fenomeno della ludopatia. Questo impegno costituirà un contributo di solidarietà all'abuso del diritto al gioco ed avrà ancora più valore se in prima linea saremo insieme consumatori, Aams e concessionari per perseguire questa finalità comune. Offriamo un mezzo ed un punto di riferimento ai giocatori in difficoltà per difendersi dalla ludopatia, offriamo un mezzo perché il gioco resti un divertimento piuttosto che una dipendenza. Il contributo di solidarietà che Vi chiediamo è: - mettere a conoscenza i vostri utenti del rischio ludopatia; - informare che è a disposizione dei vostri giocatori e dei loro cari un centro di ascolto a cui potersi rivolgere per individuare e risolvere l'eventuale patologia. La diffusione ed il successo del centro dipende da Codere e da AAMS. Noi probabilmente non abbiamo la forza economica sufficiente per diffondere l'esistenza del Centro, ci proveremo con tutti i concessionari e con AAMS, ma con la popolazione dei giocatori lo dovranno certamente fare Codere nell'ambito del suo mondo del gioco e potrà farlo ancora di più AAMS che può peraltro dare vincolo di indirizzo agli operatori. Noi potremo mettere a disposizione la nostra organizzazione e spingere perché il numero verde che oggi è di Codere possa diventare un numero unico nazionale di AAMS e di tutti gli operatori.

40 IL SISTEMA NORMATIVO E L'EFFICACIA DEL PROGETTO La ludopatia è una dipendenza e il danno ad essa connesso è un danno patrimoniale legato al dissipamento del denaro ma è anche e soprattutto un danno patrimoniale e non patrimoniale legato alla salute. Il diritto al gioco deve essere un diritto al gioco responsabile e consapevole delle conseguenze che potrebbero scaturire da un utilizzo distorto dello stesso. Il diritto alla libertà di autodeterminazione del giocatore non può prescindere dal diritto all'informazione corretta ed espressa. Il diritto all'informazione sulla possibile degenerazione dell'accesso al gioco trova: - il suo fondamento giuridico nei generali principi del nostro ordinamento di solidarietà, correttezza e buona fede e nei principi costituzionali espressi nell'art. 2, 3, 13, 32 Cost., a prescindere da un dato normativo esplicito in tal senso; - il suo riscontro giuridico nelle responsabilità extracontrattuali o contrattuali che deriverebbero dalla sua violazione a carico dello Stato e dei concessionari. Informare il giocatore sul possibile rischio ludopatia e mettere a disposizione del giocatore e dei suoi cari un centro di ascolto a cui potersi rivolgere significa per lo Stato ed i concessionari: - aver rispettato il diritto alla libertà di autodeterminazione del giocatore; - aver adempiuto al dovere di solidarietà, correttezza e buona fede nei suoi confronti; - aver messo il giocatore ed i suoi cari nelle condizioni di fare una scelta consapevole; - aver fatto il possibile per non concorrere al determinarsi della ludopatia e degli eventi dannosi ad essa connessi; - aver dato una risposta concreta all'emersione del fenomeno nell'interesse collettivo; - rendere compatibili sotto il profilo etico-sociale sia le finalità erariali con le finalità sociali del gioco, sia la tutela del consumatore che la protezione dell'ordine sociale. La lealtà nel gioco è una regola imperativa di interesse generale ed un gioco leale è un gioco di cui si conoscono benefici e rischi, non solo economici. Il conseguimento degli obiettivi di tutela del giocatore e di contrasto ai fenomeni di ludopatia connessi all'attività di gioco è imposto dalle seguenti disposizioni normative: - Legge 13 dicembre 2010, n. 220 art. 1 co. 70 con il quale si è disposto che con decreto interdirigenziale del Ministero dell'economia e delle finanze-amministrazione autonoma dei monopoli di Stato e del Ministero della salute sono adottate, d'intesa con la Conferenza unificata, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge, linee d'azione per la prevenzione, il contrasto e il recupero di fenomeni di ludopatia conseguente a gioco compulsivo. - Legge 15 luglio 2011 n. 111, art. 24, comma 23, con il quale si è disposto che il ministero dell'economia e delle finanze - Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, nell'ambito degli ordinari stanziamenti del proprio bilancio, avvii, in via sperimentale, procedure di analisi e verifica dei comportamenti di gioco volti ad introdurre misure di prevenzione dei fenomeni ludopatici. CONCLUSIONI Ecco perché Primoconsumo ha precorso i tempi con un progetto che è nato da oltre un anno. Il progetto il 24 maggio 2011 è stato infatti pubblicamente presentato ad una tavola rotonda in cui era partecipe l'intero arco costituzionale del Ministero dell'economia e finanze, concessionari e AAMS con il suo Direttore Generale Dott. Raffaele Ferrara. Da allora abbiamo avuto importanti manifestazioni di interesse al progetto da più concessionari e pure da AAMS oltre che dalle istituzioni che hanno dato il loro patrocinio. Oggi però siamo qui grazie alla fattiva sensibilità dimostrata da parte di un concessionario di origine Spagnola Codere (siamo Europei e va bene pure così, peraltro in Codere Italia ci sono sensibilità di uomini Italiani!). Senza Codere il progetto non sarebbe potuto entrare nella fase concreta ed essere proposto con tanta maggiore forza a tutti gli operatori del gioco: E' fondamentale che chi mette a bando le concessioni e chi le vince sia tenuto alle azioni concrete e Game Over lo è. Non attendiamo di avere conferma dalle scienze epidemiologiche che un problema ludopatia esiste e con sufficiente grado di attendibilità è collegato anche all'offerta crescente di gioco. Il gioco da divertimento può diventare un vizio, può deprimere la dignità della persona ed essere causa di molte tragedie individuali e familiari. Il centro di ascolto e la conoscenza della sua esistenza, resa possibile dalla pubblicizzazione del servizio all'interno dei locali da gioco, costituisce a beneficio ed a tutela del giocatore, dello Stato e del concessionario: - un'azione ed una misura per la prevenzione, il contrasto e il recupero del fenomeno ludopatico conseguente a gioco compulsivo; - una procedura di analisi e verifica dei comportamenti di gioco volta ad introdurre ed individuare altre misure di prevenzione dei fenomeni ludopatici; - il contributo di solidarietà che Vi chiediamo di adottare e sostenere;

41 - l'informazione che AAMS e concessionari forniscono al giocatore sulla possibilità che un utilizzo sbagliato del gioco provochi una malattia, la ludopatia; - lo strumento virtuoso che AAMS e concessionari mettono a disposizione del giocatore in difficoltà per comprendere la sua patologia e superarla. Non attendiamo i tempi di applicazione delle disposizioni normative descritte che forniscono la cornice, attiviamoci insieme a tutela degli interessi di tutti per completare l'opera. Ci piacerebbe offrire gratuitamente il centro h 24 con l'aiuto di tutti gli operatori, Aams in testa!. 24ORE - GIOCHI&SCOMMESSE CODERE PRESENTA "IL GIOCO RESPONSABILE", 10:42 Mercoledì 26 ott "Non giocare dove capita, scegli il divertimento sicuro". Interventi su clienti, dipendenti e territorio a supporto della sicurezza e della legalità Mercoledì 26 ottobre alle 10,00 Codere presenterà il progetto "Il Gioco Responsabile" presso la sala del Palazzo dell informazione di Piazza Mastai a Roma. Un progetto, fortemente voluto dai vertici dell azienda in Italia, in materia di lotta e prevenzione dei fenomeni ludopatici e di sicurezza nel gioco, che si sostanzierà in interventi a 360 gradi su clienti, dipendenti e territorio anche attraverso una serie di workshop cui parteciperanno vertici dei Monopoli di Stato, gli organi di controllo coinvolti dalle attività del mondo del gioco e referenti scientifici di associazioni e istituti di ricerca. Il workshop itinerante continuerà per tutto il 2012 il suo viaggio in Italia, toccando tutti i temi legati al gioco sicuro e responsabile anche in relazione alle specificità del singolo territorio che, di volta in volta, ospiterà gli appuntamenti di Codere. Moderatore dell incontro il vicedirettore dei Tg1 Gennaro Sangiuliano. Durante l incontro saranno presentate le attività di Codere nell ambito della prevenzione dei comportamenti di gioco patologici e il supporto scientifico portato dall associazione Primo Consumo con l attivazione del Numero Verde per i giocatori patologici, con la formazione mirata del personale e con l assistenza ai giocatori in tutti gli ambienti di gioco, online compreso, di Codere. TGCOM 24/10/2011 CODERE PRESENTA "IL GIOCO RESPONSABILE" Mercoledì 26 ottobre alle 10,00 Codere presenterà il progetto "Il Gioco Responsabile" presso la sala del Palazzo dell informazione di Piazza Mastai a Roma. Un progetto, fortemente voluto dai vertici dell azienda in Italia, in materia di lotta e prevenzione dei fenomeni i ludopatici e di sicurezza nel gioco, che si sostanzierà in interventi a 360 gradi su clienti, dipendenti e territorio anche attraverso una serie di workshop cui parteciperanno vertici dei Monopoli di Stato, gli organi di controllo coinvolti dalle attività del mondo del gioco e referenti scientifici di associazioni e istituti di ricerca. Il workshop itinerante continuerà per tutto il 2012 il suo viaggio in Italia, toccando tutti i temi legati al gioco

42 sicuro e responsabile anche in relazione alle specificità del singolo territorio che, di volta in volta, ospiterà gli appuntamenti di Codere. Moderatore dell incontro il vicedirettore dei Tg1 Gennaro Sangiuliano. Durante l incontro saranno presentate le attività di Codere nell ambito della prevenzione dei comportamenti di gioco patologici e il supporto scientifico portato dall associazione Primo Consumo con l attivazione del Numero Verde per i giocatori patologici, con la formazione mirata del personale e con l assistenza ai giocatori in tutti gli ambienti di gioco, online compreso, di Codere. a cura di AGICOS(Agenzia giornalistica poker e scommesse) ore 11:04 NASCE "GAME OVER", CENTRO DI ASCOLTO Codere e Primo Consumo inaugurano il primo Centro di ascolto psicologico Nazionale "Game Over" per giocatori che manifestano problematiche psicologiche legate al gioco d'azzardo Codere e l'associazione Primo Consumo hanno dato il via al primo Centro di ascolto psicologico Nazionale "Game Over" per giocatori che manifestano problematiche psicologiche da gioco d'azzardo e per i loro familiari. Il servizio, attivo già da metà settembre, si articola attraverso un Numero Verde che consente di offrire un servizio anonimo e totalmente gratuito (sia da telefono fisso, sia da cellulare), agevolando l'accesso anche alle persone con disagio economico che possono contattare il Centro per ricevere i servizi di sostegno psicologico e informazioni, ed attraverso una serie di attività collaterali realizzate nelle sale e sul territorio. Il progetto prevede l'impegno di un pool di psicologi e psicoterapeuti esperti di problematiche legate al gioco d'azzardo condotto con l'obiettivo di rispondere in modo efficace, mirato e personalizzato ai singoli bisogni emersi durante le telefonate. Il Servizio Game Over è attivo 5 giorni su 7, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore Il percorso di aiuto Il Centro di ascolto eroga tre principali servizi: "Sostegno psicologico", "informazione" e "orientamento". Il primo e fondamentale passo compiuto dagli psicologi è accogliere la persona, qualsiasi sia la sua richiesta, bisogno, modalità di presentazione di sé o del problema legato al tema del gioco d'azzardo. Si traccia insieme a chi contatta il Centro una sorta di mini piano operativo personalizzato. Tra l'accoglienza e la personalizzazione della richiesta si colloca un importante intervento comunicativo da parte dello psicologo che consente di aiutare la persona a ritrovare il giusto approccio al gioco. AGICOPS (Agenzia giornalistica poker sportivo) 4 ottobre 2011 "Game Over" : Il primo centro di ascolto contro le ludopatie Scritto da Carolina La MarcaPoker Texano ROMA(Agicops)-L'Associazione Primo Consumo in collaborazione con Codere ha elaborato e reso operativo in queste settimane il progetto "Game Over", un'importante iniziativa nata nell'ambito della lotta alle Ludopatie, ma che presenta anche importanti finalità informative sul mondo del gioco e rivolta direttamente a tutti gli utenti. Il progetto, nelle parole di Marco Polizzi Presidente dell'associazione, : "vede l'istituzione di un numero verde grazie al quale degli psicoterapeuti saranno a disposizione dei giocatori e dei loro familiari per informarli, assisterli, guidarli. Primo Consumo convinta del forte interesse di tutti i concessionari del settore e dei Monopoli di Stato, vuole mettere a loro disposizione questo strumento concreto di rilevante importanza sociale e di monitoraggio e prevenzione del fenomeno ludopatico".

43 Il settore dei giochi in Italia occupa indubbiamente un posto di tutto rilievo nel mercato e sta entrando a far parte delle abitudini degli italiani; unitamente a questo fenomeno ne è sorto un altro, quello delle ludopatie, sul quale più volte è stata richiamata l'attenzione dell'opinione pubblica e che è spesso stato invece trascurato da più parti. Il Centro di ascolto, che è attivo già dal mese di Settembre, ha la finalità di accogliere le segnalazioni e richieste di aiuto di coloro, giocatori e famigliari, che si trovano in una situazione di dipendenza psicologica dal gioco d'azzardo attraverso interventi terapeutici ed informativi. Il servizio è completamente gratuito e la privacy viene garantita dall'accesso anonimo alla struttura ed è attivo 5 giorni su 7, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore Il percorso di aiuto si snoda attraverso alcuni obiettivi fondamentali: "Sostegno Psicologico, Informazione ed Orientamento" adattati alle esigenze di ciascun utente, mediante i quali non solo si aiuta il giocatore ad uscire concretamente dal problema ma si fornisce anche un supporto effettivo per un diverso e più sano approccio al gioco d'azzardo. L'attività del Centro si rivolge anche alle famiglie, spesso duramente colpite sia a livello psicologico che finanziario, dalle problematiche che possono coinvolgere singoli membri. Le ludopatie rappresentano un fenomeno in costante crescita e che spesso coinvolge persone socialmente deboli e che grazie a questa iniziativa possono trovare sostegno ed accoglienza e soprattutto professionalità nell'affrontare un problema dagli elevatissimi costi sociali ed umani. CORRIERE INFORMAZIONE. IT Mercoledì 20 luglio :30 Web Casinò: allarme Primo Consumo Stato e gestori poco attenti al rischio ludopatia "Le invocazioni dei giocatori professionisti che chiedevano i casinò on line made in Italy sono state soddisfatte dalla fame di denaro per rimpinguare le asfittiche casse dello Stato senza alcuna considerazione per i gravi rischi collegati all uso ed abuso di puntate e scommesse" ancora una volta l'associazione Primo Consumo intende denunciare una realtà poco documentata. La ragion di Stato non giustifica i rischi prodotti dal gioco "Alla stregua di vampiri assetati di sangue, nessuna remora ha lambito i modesti ingegni dei governanti, spingendoli ad emulare legalmente le organizzazioni che traggono enormi profitti dai proventi derivanti dal gioco d azzardo illegale" dichiara l'avv. Marco Polizzi, presidente di Primo Consumo. "Nessuno ha ritenuto di doversi leggere i rapporti, davvero allarmanti, sulla crescita delle ludopatie tra i giocatori abituali o, ancor peggio, il drammatico ricorso a prestiti illegali per tentare di recuperare le perdite finendo nella rete degli usurai". Davanti al miraggio di oltre un miliardo e mezzo di euro anche gli appelli di associazioni di consumatori come Primo Consumo, da tempo in prima fila nel denunciare la pericolosa realtà, sono passati del tutto inascoltati. Concessionarie poco attente al fenomeno ludopatico "La distrazione dei concessionari verso il fenomeno ludopatico rimane incomprensibile pur comprendendo la logica economica che prevede guadagni a fronte di investimenti. Le società gestrici dovrebbero fornire una corretta informazione ai giocatori anche sulle controindicazioni prodotte da eccessi e cattive abitudini". Primo Consumo continuerà nel suo lavoro di prevenzione informando i cittadini ed offrendo, se necessario, aiuto psicologico. Giocare può essere anche divertente, farlo con moderazione lo è di più. Michele Minnicino lunedì 03 ottobre :31:01 Nasce Game Over, il centro di ascolto per ludopatici promosso da Codere e Primo Consumo

44 (Jamma) Codere e l associazione Primo Consumo hanno dato il via al primo Centro di ascolto psicologico Nazionale Game Over per giocatori che manifestano problematiche psicologiche da gioco d azzardo e i loro familiari. Il servizio, attivo già da metà settembre, si articola attraverso un NUMERO VERDE che consente di offrire un servizio anonimo e totalmente gratuito (sia da telefono fisso, sia da cellulare), agevolando l accesso anche alle persone con disagio economico che possono contattare il Centro per ricevere i servizi di sostegno psicologico e informazioni, ed attraverso una serie di attività collaterali realizzate nelle sale e sul territorio Il progetto prevede l impegno di un pool di psicologi e psicoterapeuti esperti di problematiche legate al gioco d azzardo condotto con l obiettivo di rispondere in modo efficace, mirato e personalizzato ai singoli bisogni emersi durante le telefonate. Il Servizio Game Over è attivo 5 giorni su 7, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore Il percorso di aiuto Il Centro di ascolto eroga tre principali servizi: Sostegno psicologico, informazione e orientamento. Il primo e fondamentale passo compiuto dagli psicologi è accogliere la persona, qualsiasi sia la sua richiesta, bisogno, modalità di presentazione di sé o del problema legato al tema del gioco d azzardo. Si traccia insieme a chi contatta il Centro una sorta di mini piano operativo personalizzato. Tra l accoglienza e la personalizzazione della richiesta si colloca un importante intervento comunicativo da parte dello psicologo che consente di aiutare la persona a ritrovare il giusto approccio al gioco ( ). JAMMA.IT Lunedì 20 giugno 2011 Ludopatia. Primo Consumo chiama in causa le concessionarie di gioco Il vizio del gioco offusca la mente e crea dipendenza al punto tale da far ripetere nel giro di pochi giorni gesti inconsulti come quello di lasciare ancora in auto i propri figli per affogare nella fobia da videopoker. Ad affermarlo l associazione di consumatori Primo Consumo che torna a ribadire la drammatica escalation del fenomeno, chiedendo una continua e capillare informazione per far conoscere, prevenire, affrontare e curare la dipendenza patologica da gioco. Proprio la mancanza di prevenzione del fenomeno ha spinto Primoconsumo a ideare il progetto: Game Over La dipendenza dal gioco non è un gioco. Il progetto Game Over vede l istituzione di un numero verde grazie al quale degli psicoterapeuti (laureati ed iscritti agli appositi albi professionali) saranno a disposizione dei giocatori e dei loro familiari per informarli, assisterli, guidarli. Guardare alla prevenzione, - sottolinea il presidente di Primo Consumo, avv. Marco Polizzi - con grande attenzione, a differenza di quanto non fanno molti operatori del settore dei giochi, tenuti a farlo anche per la legge di stabilità, che si rendono colpevoli di omissioni di azioni preventive. Primo Consumo convinta del forte interesse di tutti i concessionari del settore e dei Monopoli di Stato, intende mettere a loro disposizione questo strumento concreto di rilevante importanza sociale, di monitoraggio e prevenzione del fenomeno ludopatico.

45

Agicos. Ansa. Affari Italiani. Articolo Tre. Astro. Casinò Italia Web. Coripro Scommesse. Dire. Gioconews. Jamma. Jokonline.

Agicos. Ansa. Affari Italiani. Articolo Tre. Astro. Casinò Italia Web. Coripro Scommesse. Dire. Gioconews. Jamma. Jokonline. NEL NOME DELLA LEGALITA Torino, 25 settembre 2012 1 Hanno scritto di noi: QUOTIDIANI, PERIODICI, AGENZIE, SITI INTERNET: Agicos Ansa Affari Italiani Articolo Tre Astro Casinò Italia Web Coripro Scommesse

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia Protocollo di intesa 1. Premessa terminologica Premesso: a) Che nel dibattito pubblico si è nel tempo consolidata la prassi di utilizzare la dizione

Dettagli

Nel nome della legalità, Colonnello Marco Grazioli- Comando provinciale Guardia di Finanza Torino

Nel nome della legalità, Colonnello Marco Grazioli- Comando provinciale Guardia di Finanza Torino Si è tenuta ieri a Torino la quarta tappa dell workshop itinerante Nel nome della legalità, organizzato da Codere. Una sinergia di importanti contributi per contrastare il gioco illegale e la ludopatia:

Dettagli

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO Un fenomeno in crescita: qualche dato Il rapporto Eurispes 2007 conferma le preoccupazioni sulla diffusione delle conseguenze del gioco sui giovani e riporta dati allarmanti

Dettagli

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI CRIMINALI ANCHE STRANIERE AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA ROMA 08 LUGLIO 2015 PALAZZO SAN

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA EFFETTI DELLA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE CONSEGUENZE DA DIPENDENZA COME USCIRE DA QUESTO FENOMENO QUANTO E DIFFUSO ATTUALMENTE NEL

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Elsa Marcaccini Psicologa psicoterapeuta Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Intervento presentato al Convegno «A che gioco giochiamo», organizzato dal Forum del Volontariato,

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE AI SENSI DELL ARTICOLO 121 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA E DELLA LETTERA N), COMMA 4), ART. 26 DELLO STATUTO DELLA REGIONE CAMPANIA concernente DISPOSIZIONI

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Torino

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Torino INTERVENTO DEL PREFETTO DI TORINO, DOTT. GOFFREDO SOTTILE, AL CONVEGNO BANCHE E SICUREZZA 2005 - SOLUZIONI, STRUMENTI E METODOLOGIE PER UNA NUOVA STRATEGIA DI PROTEZIONE ROMA - 6/7 GIUGNO 2005 Dall angolo

Dettagli

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico.

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 15 28 gennaio 2015 Oggetto : Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Il giorno 28

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

Il gioco: dalla normalità alla patologia

Il gioco: dalla normalità alla patologia Il gioco: dalla normalità alla patologia 1 Zingarelli 2009 GIOCO Ogni attività compiuta da bambini o adulti per svago, divertimento o sviluppo di qualità fisiche o intellettuali All'estrazione del Lotto

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA - ANNO 2011. Disposizioni in materia di gioco d azzardo

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA - ANNO 2011. Disposizioni in materia di gioco d azzardo CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA - ANNO 2011 DISEGNO DI LEGGE, n. Disposizioni in materia di gioco d azzardo D'iniziativa dei consiglieri Mattia Civico, Margherita Cogo, Sara

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Ragionata. Alcol e Droga Quale soluzione?

RASSEGNA STAMPA Ragionata. Alcol e Droga Quale soluzione? RASSEGNA STAMPA Ragionata Alcol e Droga Quale soluzione? -Sala Consiliare Comune di Ceprano- Frosinone, 11 aprile 2014 www.youarefuture.it Patrocini: In Breve Ciociaria Oggi - Articolo dell 11 aprile 2014.

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO Slot-machine, casinò, videopoker e Bingo sono i giochi più a rischio dipendenza Bologna, 13 maggio 2009

Dettagli

Delibera Numero 36 del 31/03/2016

Delibera Numero 36 del 31/03/2016 COMUNE DI FIORANO MODENESE Provincia di Modena Delibera Numero 36 del 31/03/2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : ISTITUZIONE DEL TAVOLO TECNICO PER LA PROGETTAZIONE DI AZIONI PER

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE Descrizione dell iniziativa/progetto ed ambiti operativi di intervento L idea Nel nostro paese la partecipazione alla vita scolastica e sociale in

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

AISM. Associazione Italiana Sclerosi Multipla

AISM. Associazione Italiana Sclerosi Multipla AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla La sclerosi multipla La sclerosi multipla è una malattia cronica del sistema nervoso centrale spesso progressivamente invalidante. Un processo infiammatorio

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo 1. Definizione di gioco d azzardo La presente legge ha per oggetto interventi normativi in materia di gioco d'azzardo e della patologia che

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia Città di Cologno Monzese ORDINE DEL GIORNO APPROVATO NELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30 MARZO Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia IL CONSIGLIO COMUNALE DI COLOGNO MONZESE PREMESSO CHE da oltre

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

Servizio Sociale e Prevenzione GAP

Servizio Sociale e Prevenzione GAP 28 ottobre 2014 L azzardo non e un gioco Servizio Sociale e Prevenzione GAP Dr.ssa Cristina Bassini Assistente Sociale Sert Cremona Dr.ssa Irene Ronchi - Psicologa Sert Cremona Dipartimento Dipendenze

Dettagli

Le conseguenze della legge regionale ligure n.17/2012 e del regolamento comunale di Genova sul gioco legale

Le conseguenze della legge regionale ligure n.17/2012 e del regolamento comunale di Genova sul gioco legale CONFINDUSTRIA SISTEMA GIOCO ITALIA FIEPeT Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici di Genova, aderente a Confesercenti Federazione Italiana Tabaccai della provincia di Genova CONFERENZA STAMPA

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

AUTISMO. GIOVEDI CONVEGNO CON ESPERTI A CONFRONTO BINETTI: VOGLIAMO OFFRIRE UNO SPAZIO DI CONCILIAZIONE.

AUTISMO. GIOVEDI CONVEGNO CON ESPERTI A CONFRONTO BINETTI: VOGLIAMO OFFRIRE UNO SPAZIO DI CONCILIAZIONE. AUTISMO. GIOVEDI CONVEGNO CON ESPERTI A CONFRONTO BINETTI: VOGLIAMO OFFRIRE UNO SPAZIO DI CONCILIAZIONE. Roma, 1 ottobre L Autismo e i trattamenti esistenti saranno al centro del convegno organizzato dall

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo Convegno ASCOB Roma 18 Luglio 2012 Dott. Franco Fantozzi Direttore Sicurezza e Compliance CODERE ITALIA SpA RICICLAGGIO: LE DIMENSIONI DEL FENOMENO

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G.

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. OGGETTO: Mozione presentata dai gruppi consiliari PD- Partito Democratico Del Bono Sindaco, Civica per Del Bono Sindaco, Al Lavoro con Brescia, Brescia per Passione,

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

RASSEGNA STAMPA REGIONALE

RASSEGNA STAMPA REGIONALE Il volto economico delle mafie. Focus sul nord est 15 aprile 2015, ore 9.00-16.00, Vicenza RASSEGNA STAMPA REGIONALE La Prima Pagina 13 aprile 2015 Vicenza, il volto economico delle mafie Focus sul Nord

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Gruppo Consiliare LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO INDICE Le finalità della Legge... pag. 4 Le squadra... pag. 5 I destinatari...

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 574 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BASSO, SPERANZA, MARIASTELLA BIANCHI, BONAFÈ, BORGHI, BRAGA, CARBONE, CAROCCI, CARRESCIA,

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro

La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro Intervista a Gabriella Sberviglieri, socia fondatrice di EOS onlus, Centro Ascolto e accompagnamento

Dettagli

Data Intervista 07 marzo 2012 Luogo Intervista Bologna Progetto Unioncamere - Giustizia Alternativa

Data Intervista 07 marzo 2012 Luogo Intervista Bologna Progetto Unioncamere - Giustizia Alternativa Consorzio Aaster S.r.l. Intervista Data Intervista 07 marzo 2012 Luogo Intervista Bologna Progetto Unioncamere - Giustizia Alternativa Intervistato Giovanni Prati Alessandro Martini Monica Morelli Ruolo

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Bergamo 2012

Un anno per il sociale in provincia di Bergamo 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Bergamo 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Federazione Friuli V.G LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Venerdì 6 marzo 2009 Sede Regione FVG Via Sabbadini, 31 - UDINE ABSTRACT CONTRIBUTO

Dettagli

Il gioco d azzardo e FISCALITA

Il gioco d azzardo e FISCALITA Il gioco d azzardo e FISCALITA 11 aprile 2013 di Matteo Iori CoNaGGA e Associazione Onlus «Centro Sociale Papa Giovanni XXIII» 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 14,3 Fatturato dei giochi d azzardo negli ultimi

Dettagli

Centro Antiviolenza Catia Doriana Bellini nel comune di Perugia per donne sole o con eventuali figli minori, vittime di violenza o di stalking,

Centro Antiviolenza Catia Doriana Bellini nel comune di Perugia per donne sole o con eventuali figli minori, vittime di violenza o di stalking, Presentazione Apertura centro antiviolenza Catia Doriana Bellini di Perugia Perugia, Palazzo dei Priori - Sala dei Notari Giovedì 6 marzo 2014 ore 17.30 Intervento introduttivo Lorena Pesaresi Assessore

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE Differenze tra gioco sano e patologico: inquadramento diagnostico CONVEGNO: "LUDOPATIA TRA SOCIETA E TERAPIA" Pieve Emanuele, 23 Novembre 2013 Dott.ssa Beatrice Peroni DEFINIZIONE

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani 4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - Il ruolo delle organizzazioni di persone con disabilità nei

Dettagli

1 CONVENGNO SANIMPRESA

1 CONVENGNO SANIMPRESA 1 CONVENGNO SANIMPRESA 29 NOVEMBRE 2006 DALLA NASCITA ALL EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA NEL LAZIO Relazione di Luigi Corazzesi Vice Presidente. L incontro odierno dal titolo: Dalla nascita

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco

Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco MOTIVAZIONI : 2005 1. Carenza di interventi di sviluppo di comunità per i genitori del territorio

Dettagli

Ho l onore di partecipare a questa conferenza, in una sede prestigiosa, assieme a esponenti istituzionali di altri paesi, proprio in un momento storico in cui più intensa e probabilmente proficua è la

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP))

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) P7_TA-PROV(2013)0098 Partite truccate e corruzione nello sport Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) Il Parlamento europeo,

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE 2016

PROPOSTE FORMATIVE 2016 PROPOSTE FORMATIVE 2016 L attività formativa della Scuola IRS di Aggiornamento e Formazione per il Sociale si caratterizza per lo sviluppo di cinque linee di intervento: Formazione alle funzioni di programmazione

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE AMBITO TERRRITORIALE VALLE SERIANA Comuni di Albino, Alzano Lombardo, Aviatico, Casnigo, Cazzano S.A., Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Nembro,

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV)

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) In collaborazione con: Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) L Associazione Tiziana Vive A seguito del recente drammatico episodio di femminicidio che ha sconvolto la

Dettagli

Unione Italiana Sport Per tutti Comitato di Roma

Unione Italiana Sport Per tutti Comitato di Roma Unione Italiana Sport Per tutti Comitato di Roma Lo scopo di questa scheda è fare una sintesi sulle attività e sui progetti svolti negli ultimi anni da questo Comitato nel campo della disabilità mentale.

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF Giovedì 29 settembre 2011, ore 14.30-18.00 Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore, 3- Milano Saluto del Presidente dell Ordine degli Avvocati di

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 UNICO FINE: PROFITTO Situazione attuale: Il contrasto al crimine

Dettagli

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo 2011 2012 fonte: AAMS Raccolta Vincite Spesa giocatori 2 Entrate «nette» Totale 79,9 61,3 18,5 8,8 scommesse

Dettagli