(C.I.G. n )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(C.I.G. n. 0335027904)"

Transcript

1 CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA E DI SUPPORTO PRESSO LA STRUTTURA DENOMINATA HOSPICE SITUATA AL PRESIDIO OSPEDALIERO BEAUREGARD NONCHE PER ATTIVITA INFERMIERISTICA DOMICILIARE DI CURE PALLIATIVE (CIG n ) Azienda USL della Valle d'aosta SC Economato e Provveditorato Ufficio Servizi Alberghieri e logistici - Loc Grand Chemin Saint Christophe - AO 1

2 ART 1 OGGETTO DELL APPALTO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI Definizione L Hospice è un struttura per l assistenza in ricovero temporaneo di pazienti affetti da malattie progressive ed in fase avanzata, a rapida evoluzione e a prognosi infausta, pe i quali ogni terapia finalizzata alla guarigione o alla stabilizzazione della patologia non è possibile o appropriata e, prioritariamente, per i pazienti affetti da patologia neoplastica terminale che necessitano di assistenza palliativa e di supporto Per cura palliativa si intendono una serie di interventi terapeutici ed assistenziali finalizzati alla cura attiva e totale di malati, la cui malattia di base non risponde più a trattamenti specifici Fondamentale è il controllo del dolore e degli altri sintomi ed, in generale, dei problemi psicologici, sociali e spirituali dei malati stessi L obiettivo della cure palliative è il raggiungimento della migliore qualità di vita possibile per i malati e per le loro famiglie Finalità ed obiettivi L hospice è parte integrante della rete di assistenza dei malati terminali: esso è una delle opportunità assistenziali che vengono offerte alla libera scelta del malato e della sua famiglia Funzioni principali dell hospice sono: garantire un ricovero temporaneo per malati per i qualile cure a domicilio non sono possibili i appropriate ottenere un miglior controllo dei sintomi legati alla fase finale della vita, nel caso questo non sia possibile al domicilio fornire un periodo di sollievo alle famiglie nella cura dei pazienti diventare un punto di riferimento per l informazione e il supporto agli utenti garantire formazione continua al personale Epidemologia e fabbisogno in Valle d Aosta Può essere stimato che il 15-25% dei pazienti in cure palliative necessiti di ricovero in Hospice Da una recente analisi dei dati di mortalità per tumore in Valle d Aosta, sono risultati 59 decessi relativi all anno 2006, da cui si ricava una previsione di ricoveri in hpsice/anno Stimando una degenza media di 0 giorni, il fabbisogno potenziale risulta di essere di giornate di degenza/anno ART 2 TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI ED AMBITO Con la presente procedura di gara si intende affidare a società esterna le gestione del servizio di assistenza infermieristica e di supporto presso l Hospice con copertura 24h/24 comprensiva di attività di coordinamento delle risorse esterne in continua collaborazione con il referente infermieristico aziendale della struttura nonche per attivita infermieristica domiciliare di cure palliative L attività necessita di grande integrazione tra la gestione del servizio di assistenza infermieristica e di supporto e la direzione sanitaria, oltre al referente infermieristico dell Hospice in quanto gli obiettivi di assistenza individualizzata gestione delle risorse sia umane che economiche formazione professionale devono essere condivisi da entrambe le funzioni con attività che non possono essere se non di massima collaborazione e di orientamento al raggiungimento dei risultati Pare di tutta evidenza che il tipo di servizio svolto sarà necessariamente monitorato e valutato La gestione del servizio di assistenza infermieristica e di supporto vengono affidati a ditta esterna e devono prevedere le seguenti figure professionali: - Infermieri 2 ore/giorno per 65 giorni 2

3 - Operatori di supporto (operatori socio sanitari) 24 ore/giorno per 65 giorni - Responsabile dell impresa (4 ore/settimana presenza fissa in struttura + reperibilità telefonica 24/24h per 65 giorni) I servizi di natura alberghiera, anch essi affidati a ditta esterna, concernono le seguenti attività: pulizia delle aree comuni e di degenza compresi i letti dei degenti ristorazione per i degenti ed i dipendenti gestione del servizio di lavanderia gestione del servizio ritiro rifiuti e rifiuti sanitari speciali gestione del servizio di trasporto pazienti Tutti i servizi alberghieri hanno del personale a loro dedicato e riferiscono ad un coordinatore di commessa per la ditta fornitrice ed al Responsabile sanitario o al Referente infermieristico dell Hospice per quanto concerne l Azienda USL Per l Azienda USL prestano la propria attività le seguenti figure professionali: medico psicologo fisioterapisti amministrativo collaboratore professionale sanitario esperto infermiere(denominato di seguito referente aziendale) coordinatore (corrispondente a quello della SC di Oncologia) E stata progettata per la Valle d Aosta una struttura residenziale di cure palliative- Hospice presso il Presidio Ospedaliero Beauregard di Aosta Sono stati previsti 7 letti, con un potenziale quindi di 2550 giornate di ricovero/anno, che permettono di ricoverare n 85 pazienti all anno, se si considera una degenza media di 0 giorni ART MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tenuto conto che così come concordato con il Direttore di struttura non è possibile prevedere, in quanto trattasi di attività svolta per la prima volta,l utilizzo dei posti letto, si è proceduto ad individuare soluzioni che potessero garantire meglio l assistenza ai malati, la redditività alla Ditta con maggiore possibilità di garanzia di qualità e la certezza della spesa per l Azienda USL Ciò ha pertanto comportato l esigenza di stabilire che il pagamento delle prestazioni effettuate nell ambito del seguente servizio siano a canone mensile fisso ed invariabile indipendentemente dal numero di pazienti presenti in struttura Sulla base delle necessità di personale sopra evidenziate e tenuto conto del costo del lavoro sulle cooperative del settore socio-sanitario-assistenziale-educativo e di inserimento lavorativo di cui al DM del 24/02/2009 per le società del centro-nord, delle ore necessarie per effettuare le prestazioni richieste (compreso pertanto la richiesta di aumento di personale in caso di presenza di un numero superiore a 15 degenti), dei costi generali e dei costi della sicurezza nonché della redditività dell appalto si è stabilita una base d asta che tiene conto di un canone mensile che garantisca comunque il tipo di servizio richiesto al di là delle presenze importo a base d'asta mensile 5257,56 Importo a base d asta annuale

4 importo triennale a base d'asta ,26 importo totale compreso rinnovo ,52 anni Il personale che effettuerà il servizio presso l Hospice dovrà essere: fornito in quantità adeguate ossia la fornitura del minor numero di operatori al fine di garantire la copertura dei turni e allo stesso tempo contenere il numero di operatori di cui si compone l organico per evitare un elevato turn over possedere preferibile esperienza nell ambito delle cure palliative debitamente documentata frequentare obbligatoriamente un corso di formazione per neo-assunti da svolgere la settimana antecedente l avvio l avvio dell hospice Gli argomenti trattati dal corso sono quelli che consentiranno all operatore di esercitare le competenze previste dal profilo di posto di seguito riportato (illustrazione protocolli, istruzioni operative, procedure, linee guida aziendali) Il corso è a carico dell Impresa appaltatrice formazione obbligatoria nell ambito delle cure palliative, a carico della società appaltatrice, per tutto il personale entro 2 mesi dall avvio dell attività di hospice presso ente formatore indicato dall Azienda USL formazione obbligatoria nell ambito delle cure palliative, a carico della società appaltatrice, entro 2 mesi dall inserimento per il personale che a qualsiasi titolo subentra all organico originario Per quanto concerne la turnistica si forniscono le seguenti indicazioni operative: In Hospice: turni di servizio non inferiori alle 6 ore e non superiori alle 8 ore, fatto salvo la possibilità di svolgere turni di 12 ore nei casi in cui si renda necessario per esigenze dui servizio o per sostituire un operatore per assenza non programmata e non sia stato possibile sostituirlo con un altro operatore In questo caso l assenza deve essere motivata e debitamente documentata Sul territorio: orario variabile e seconda delle esigenze, con presenza in servizio alle 12 ore anche non continuative (compresi i tempi di percorrenza) Sono da prevedersi nell offerta del servizio anche le ore aggiuntive necessarie per le riunioni organizzative I turni mensili devono essere elaborati entro la metà del mese precedente rispetto a quello di riferimento e il quadro turni deve essere presentato al coordinatore/referente il quale lo firma per accettazione al fine di validarlo Qualsiasi modifica sul piano turni deve essere preventivamente concordata con il coordinatore/referente aziendale al quale spetta l autorizzazione Il quadro con le modifiche deve riportare la firma del coordinatore/referente aziendale Al coordinatore/referente aziendale deve essere fornito l elenco nominativo degli operatori che compongono l elenco originario e degli eventuali sostituti All elenco deve essere allegato curriculum formativo-professionale e certificato di iscrizione all albo 1 Gli operatori dell impresa hanno l obbligo di compilare la documentazione aziendale in tutte le sue parti e nel rispetto dei tempi previsti dalle proceduere aziendali 2 Valutazione in itinere degli operatori da parte del coordinatore/referente aziendale e (il coordinatore della SC Oncologia), applicando le modalità di valutazione aziendali (modalità e scheda allegate allegato 1 e 2 ) A tale proposito si sottolinea che le competenze richieste sono quelle previste dai rispettivi profili di posto allegati, fatto salvo l inserimento di competenze aggiuntive che, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa di riferimento (profilo 79/94 per infermiere e provvedimento 22 febbraio del 2001 per l OSS) verranno aggiunte qualora si renderà necessario Si precisa altresì che il giudizio del referente aziendale non può essere messo in discussione dal referente dell impresa La valutazione negativa dell operatore può comportare: l applicazione di penale, la richiesta di sostituzione dell operatore interessato, l allontanamento immediato dell operatore 4 Obbligo di conoscenza ed applicazione delle disposizioni aziendali e delle procedure interne all hospice sia assistenziali sia organizzative 4

5 5 Disponibilità a lavorare in équipe ovvero in collaborazione con altre figure professionali 6 Divieto di uscire dall hospice con la divisa 7 Fornitura di divise soggette ad approvazione da parte aziendale e che consentano la distinzione dei due profili professionali interessati (infermiere e OSS) 8 Divieto di utilizzo del cellulare personale durante l orario di servizio E stata progettata per la Valle d Aosta una struttura residenziale di cure palliative- Hospice presso il Presidio Ospedaliero Beauregard di Aosta Sono stati previsti 7 letti, con un potenziale quindi di 2550 giornate di ricovero/anno, che permettono di ricoverare n 85 pazienti all anno, se si considera una degenza media di 0 giorni Per l effettuazione del presente programma risulta necessario stabilire oltre al numero di professionalità necessarie per l espletamento delle funzioni anche le relative attività Per gli Infermieri Per gli OSS PROFILO POSTO INFERMIERE 1 INTERFACCE E RAPPORTO: Sul piano organizzativo l infermiere che opera presso la SC di Oncologia - Hospice, è collocato come segue: INTERFACCIA A MONTE INTERFACCIA A VALLE RAPPORTO FUNZIONALE Coordinatore infermieristico Responsabile coordinamento personale infermieristico OSS Medici specialisti di reparto Segretaria Medici di altre SC Infermieri di altre SC e del territorio Terapisti della Riabilitazione Assistente Sociale, Assistente Sanitaria Addetti al trasporto pazienti Addette al Trasporto di provette, economato e farmacia Addetti all assistenza privata, volontari Personale del Corso di Laurea in Sc Infermieristica Operatori della squadra esterna di pulizie 2 RUOLO PROFESSIONALE: Collaboratore Professionale Sanitario: personale infermieristico - Infermiere FINALITÀ DEL RUOLO: 5

6 L infermiere è l operatore sanitario che, nel rispetto della normativa vigente (DLGS 5/94, DM 79/94, Legge 42/99, legge 251/2000, legge 4/2006),del codice deontologico, dei diritti e doveri del dipendente (contratto collettivo di lavoro), della conoscenza dei diritti dell utente, della struttura formale dell'azienda, dei servizi che questa offre e delle procedure e regolamenti aziendali: è responsabile dell assistenza infermieristica, pianifica, gestisce e valuta l intervento assistenziale identificando i bisogni di assistenza del pa nel rispetto della sua privacy collabora con l équipe tenendo conto delle competenze specifiche dei vari componenti agisce sia individualmente sia in collaborazione con gli altri operatori sanitari e sociali e di supporto Contribuisce alla formazione del personale di supporto, degli studenti del corso di laurea e concorre direttamente all aggiornamento relativo al proprio profilo professionale e alla ricerca garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostiche terapeutiche educa e coinvolge l utente, la famiglia e le persone di riferimento per una continuità idonea delle cure a domicilio Nello specifico delle cure palliative, ne conosce e applica i principi ispiratori, in particolare impronta tutto l agire professionale allo scopo di ottenere la migliore qualità di vita possibile per i pazienti e i loro famigliari 4 COMPETENZE generali e specialistiche: L infermiere, nell ambito della finalità del ruolo, è il professionista che possiede le competenze e le conoscenze necessarie ad gestire l assistenza in autonomia o in collaborazione con altre figure professionali della persona ricoverata FFUNZZIIONEE:: PREEVVEENZIIONEE // EEDUCCAZZIIONE // IINFFORMAZZIIONEE Possiede le competenze necessarie e agisce per: Individuare, in collaborazione con altri professionisti i rischi psicofisici e sociali connessi alle 1 patologie tumorali per attuare eventuali interventi di supporto (psicologico, assistenziale ) 2 Informare pazienti e famigliari su principi e finalità delle cure palliative Informare la pa sui principali effetti indesiderati delle terapie educandolo, ove possibile, a far fronte a tali effetti FFUNZZIIONEE:: ASSSSIISSTTENZZA Possiede le competenze necessarie e agisce per: 4 Accogliere la persona assistita e la sua famiglia 5 Comunicare con la pa e la sua famiglia utilizzando modalità comunicative verbali e non, anche in relazione al coinvolgimento emotivo che queste tipologie di malattie comportano 6

7 Raccogliere l anamnesi infermieristica registrando sulla cartella i dati significativi per l individuazione dei bisogni di assistenza infermieristica propri delle cure palliative Identificare i bisogni di assistenza infermieristica relativamente a: alla reazione alla malattia, alla qualità della vita percepita all ospedalizzazione, ai vari trattamenti effettuati/previsti all interazione sociale e lavorativa all alterazione della vita affettiva Coinvolgere la persona assistita e il suo caregiver nella formulazione e realizzazione del piano assistenziale, allo scopo di personalizzare le cure Utilizzare scale qualitative e quantitative per la valutazione del dolore acuto e cronico, neoplastico e non (pe amputazione), (scala VAS, scala NRS), dello stato cognitivo (scala di SPMSQ), del grado di indipendenza (Barthel Index), del rischio di lesione da decubito (Indice di Norton) 10 Formulare il piano assistenziale individuale Valutare gli interventi infermieristici attuati e valutare anche quelli che sono stati affidati all operatore di supporto Coinvolgere nella realizzazione del piano assistenziale tutta l équipe multidisciplinare /pe Psicologo, Tecnici della Riabilitazione, Ass Domiciliari) Realizzare gli interventi pianificati e Garantire l applicazione delle prescrizioni diagnostiche e terapeutiche 14 Documentare nella cartella infermieristica l assistenza realizzata Valutare quotidianamente le condizioni generali della pa (parametri vitali, dolore) ed eventualmente attuare gli interventi necessari in autonomia (pe ossigeno terapia tramite occhialini fino a 2 lt/mn se SpO2 in aria ambiente inferiore a 94%, o terapia impostata al bisogno per dolore, febbre, ecc) o su indicazione medica, dopo una rivalutazione della pa Accompagnare e sostenere la pa oncologica e la sua famiglia nella fase terminale della vita: identificare e soddisfare i bisogni di area fisiologica della pa (sintomi, alimentazione, sonno, cura della persona), di area emotiva (rassicurazione, informazioni, non morire da sola), di area sociale (comunicazione con caregiver, supporto per attività pratiche, occupare il proprio tempo); per quanto riguarda la famiglia: bisogno di informazione (per diminuire l ansia e la paura dell ignoto), e di formazione (per insegnare loro a sopperire ai bisogni fisici della pa, a ridurre il dolore) Informare la persona assistita e i caregivers delle opportunità offerte dai servizi territoriali e attivare i servizi necessari ( AssSoc per richiesta UVO per inserimento in microcomunità, inserimento in ADI-Cure Palliative o in Assistenza domiciliare della Lega Tumori) Condividere con l équipe le decisioni assistenziali in coerenza all etica e alla situazione (pe consenso informato, tecniche di rianimazione, eventuale sospensione delle cure o di procedure invasive per non accanimento terapeutico) Garantire un adeguata somministrazione dei farmaci ( incluse premedicazioni, farmaci ad orario e al bisogno) 20 Attuare interventi igienico-assistenziali e di isolamento protettivo quando necessario 21 Monitorare il tono timico della pa e segnalare eventuali modifiche del suo comportamento pro-sociale 7

8 Attuare interventi di ascolto e di rassicurazione per pa e per i familiari, inviando poi le situazioni più critiche ad altri professionisti (medici, psicologo) Riconoscere ed attuare con tempestività ed efficacia le procedure per la prevenzione delle lesioni da decubito (pe mobilizzazione passiva, richiesta di MAD) e se presenti lesioni applicare il protocollo aziendale per il trattamento Riconoscere ed attuare con tempestività ed efficacia le procedure per i rischi di cadute accidentali (pe ambiente sicuro, sbarre al letto) Riconoscere le situazioni cliniche critiche ed intervenire in autonomia o su OM con tempestività ed efficacia con le manovre di BLSD 26 Provvedere alla toilette mortuaria in collaborazione con OSS e/o famigliari FFUNZZIIONEE:: ASSSSIISSTTENZZA Possiede e utilizza conoscenze di aspetti teorici relativi a: 26 Fisiopatologia della fase avanzata delle malattie tumorali Sintomi e manifestazioni cliniche della fase avanzata di malattia, per esempio: dolore dispnea occlusione intestinale delirium cachessia/anoressia ansia/deressione/insonnia deficit neurologici fratture patologiche Reazioni emotive /psicologiche alla malattia e alla morte, per esempio: fasi di avvicinamento alla morte sec Kubler-Ross lutto fisiologico e patologico 29 Bisogni spirituali FFUNZZIIONEE A SSSSIITEENZZA Possiede le competenze necessarie ad allestire il materiale, preparare ed informare il paziente per effettuare i seguenti atti infermieristici e agisce per: 0 Eseguire il prelievo venoso e capillare Somministrare la terapia: orale sottocutanea 1 intradermica intramuscolare topica endovenosa Somministrare ossigeno tramite: occhialini 2 maschera con recevoir maschera di Venturi casco CPAP 8

9 Gestire la cannula e la controcannula della tracheostomia: medicazione, pulizia, tracheoaspirazione 4 Posizionare di SNG Preparazione e somministrazione di NE tramite: 5 SNG, PEG 6 Posizionare di catetere vescicale 7 Eseguire clistere evacuativo e terapeutico 8 Rilevare l ossigenazione tramite il saturimetro 9 Eseguire l Elettrocardiogramma Medicare le ferite (secondo i protocolli aziendali) chirurgiche: pulite infette da decubito neoplastiche Gestire le pompe infusive: per la terapia endovenosa ad orario, per la terapia infusiva o NPT, per la Nutrizione Enterale, per la terapia Peridurale 42 Utilizzare i presidi per la movimentazione carichi, secondo il protocollo aziendale 4 44 Gestire i Cateteri Venosi Centrali: Groshong Porth (con ago Gripper o Huber) Gestire i drenaggi toracici, addominali o altri 45 Gestire protesi e ortesi FUNZZIIONEE:: ASSIISTTENZZA Possiede le competenze necessarie a Allestire il materiale Preparare ed informare il paziente Collaborare col medico ed esegue o collabora per le seguenti procedure terapeutiche e diagnostiche: 46 Posizionamento di CVC (non tunnellizzato) 47 Emotrasfusioni 48 Toracentesi 49 Paracentesi 50 Rachicentesi 51 Medicazioni complesse o curettage 9

10 FFUNZZIIONEE:: ASSSSIISSTTENZZA Possiede le competenze necessarie a: Informare, Preparare Assistere il paziente, seguendo le procedure aziendali di riferimento, all esecuzione di esami strumentali effettuati presso i Servizi Diagnostici FFUNZZIIONEE:: EDUCAZIONE TERAPEUTICA FINALIZZATA ALL AUTOGESTIONE DELLA MALATTIA Possiede le competenze necessarie e agisce per: Identificare con la pa e la sua famiglia le necessità assistenziali e i rischio di complicanze relativi alle attività quotidiane, per esempio: alimentazione mobilizzazione Identificare i bisogni educativi della pa e della sua famiglia Fornire le informazioni su accorgimenti da seguire nella vita quotidiana, sia per paziente, sia per la famiglia anche attraverso i libretti informativi forniti dalla SC al fine di: ottimizzare il controllo del dolore e altri sintomi, prevenire le complicanze Favorire il ruolo attivo e l inserimento del famigliare nel gruppo di cura e favorire il migliore delle risorse della struttura Offrire: ascolto supporto proposte per la soluzione di problemi Favorire l incontro della pa con Associazioni di Volontari, per aiutarla a sostenere e condividere paure e difficoltà dovute alla malattia FFUNZZIIONEE:: ATTIVITA TERRITORIALE Possiede le competenze necessarie e agisce per: Intervenire al domicilio dei pazienti in tutto il territorio regionale, secondo i piani 58 assistenziali concordati o a chiamata Integrarsi nell équipe ADI-Cure Palliative territoriale e collaborare con i servizi domiciliari 59 della Lega Tumori 60 Applicare i protocolli aziendali relativi all assistenza domiciliare FFUNZZIIONEE:: RELAZIONE Riconoscendo la centralità dei rapporti personali fra operatori sanitari e assistiti (paziente/famiglia) nel contesto delle cure palliative, possiede le competenze necessarie e agisce per: 61 Attuare una corretta relazione di aiuto (secondo i principi di Rogers) 62 Favorire momenti di colloquio con paziente e famiglia 6 Comunicare cattive notizie nel modo più adeguato 64 Rispettare valori, scelte e richieste del paziente e della famiglia 10

11 65 Accogliere l espressione di emozioni e sentimenti 66 Assicurare accompagnamento e vicinanza umana al paziente e alla famiglia 67 Accompagnare la famiglia nel momento del decesso e sostenerla nella fase del lutto FFUNZZIIONEE:: LAVORO D EQUIPE Possiede le competenze necessarie e agisce per: 68 Individuare in équipe gli obbiettivi di cura e le strategie assistenziali 69 Mettere in atto per quanto di competenza il programma assistenziale comune Partecipare attivamente a momenti d incontro e scambio strutturati (briefing, riunione 70 d équipe) Mantenere efficaci relazioni interpersonali con collaboratori, colleghi e superiori, 71 attraverso la capacità di integrazione, cooperazione, comprensione, disponibilità verso le esigenze altrui FUNZZIIONEE:: GESTIONE Possiede le competenze necessarie e agisce per: Organizzare la propria attività quotidiana tenendo conto dei servizi aziendali, conoscendone le modalità di attivazione e funzionamento: Servizio trasporto pazienti Servizio trasporto campioni biologici Servizio farmacia Servizio magazzino economale Servizio smaltimento rifiuti-raccolta differenziata Servizio commessi per posta Servizio Lavanolo 72 Servizio mensa per i familiari Servizio necrofori Servizio di Mediazione Interculturale Servizio di Assistenza Integrativa Privata Servizio TAXI Servizio trasporto 118 secondari Servizio Parrucchiere, Manicure e Pedicure Servizio di Ingegneria Clinica Servizio di Assistenza CIC Help-desk Servizio Religioso 7 Applicare e far applicare le procedure per lo smaltimento dei rifiuti e dei rifiuti speciali 74 Conoscere e applicare i protocolli aziendali per la prevenzione delle infezioni ospedaliere 75 Conoscere e applicare il protocollo aziendale sul rischio biologico 76 Applicare e far applicare le procedure di sanificazione, disinfezione e sterilizzazione dei presidi medico-chirurgici 77 Applicare e far applicare le procedure di sanificazione, disinfezione e sterilizzazione degli ambienti (pe pulizie a fondo periodiche) 78 Utilizzare secondo procedura i presidi per la movimentazione carichi 79 Utilizzare la procedura per la richiesta dei presidi antidecubito 80 Utilizzare i Dispositivi per la protezione individuale, come pe guanti, mascherine, camici, calzari, secondo quanto previsto da protocollo aziendale o da procedure di reparto 11

12 81 Rispettare le norme per la prevenzione degli incidenti elettrici 82 Utilizzare antisettici e disinfettanti secondo il protocollo aziendale 8 Conoscere e applicare le procedure e le Istruzioni Operative dell SC e dell Azienza USL, sia quelle esistenti, sia eventualmente le revisioni o quelle nuove Utilizzare e manutere le apparecchiature elettromedicali in uso alla SC: Elettrocardiografo, Defibrillatore Monitor Pompe infusive ev Pompe per analgesia Pompe enterali 84 Aspiratori a parete e portatili Sollevatore Saturimetro Termometro Timpanico Glucometer Bombole per ossigenoterapia Presidi antidecubito Letti elettrici Utilizzare i seguenti applicativi aziendali: Medtrack 85 Oliamm Reqplan Lab track Track-care Conoscere il modello organizzativo della struttura complessa di appartenenza e 86 dell Azienda Individuare le attività e i pazienti da affidare al personale di supporto, per quanto di 87 competenza Supervisionare le attività affidate al personale di supporto, controllando che siano state 88 eseguite, ed eseguite in modo appropriato (pe mobilizzazione passiva nel letto con assunzione di posizioni corrette per prevenire le lesioni da decubito) 89 Individuare aree di criticità nell ambito della propria attività e proporre soluzioni 90 Gestire i conflitti, individuare e favorire la possibilità di chiarimento Gestire le proprie emozioni, anche col supporto del gruppo o rivolgendosi allo specialista 91 (pe psicologo) FUNZZIIONEE:: FORMAZIONE Possiede le competenze necessarie e agisce per: Realizzare attività di guida di tirocinio rivolte a studenti infermieri e ad altre figure 92 professionali 9 Realizzare attività di guida rivolta ad operatori neo-inseriti (infermieri, oss) Aggiornare costantemente le proprie conoscenze partecipando a Corsi di Formazione, 94 organizzati sia dall Azienda USL VdA, sia da altre Aziende/Regioni Condividere le nuove informazioni col proprio gruppo di lavoro per apportare eventuali 95 modifiche FFUNZZIIONEE:: RICERCA 12

13 Possiede le competenze necessarie e agisce per: Partecipare alla messa a punto di tecniche nuove e di protocolli e loro trasmissione all équipe Partecipare ai gruppi di lavoro per l elaborazione di piani assistenziali standard, protocolli e procedure operative e/o organizzative 5 LEGENDA Barthel Index: indice che registra l autonomia nella dieci attività della vita quotidiana, Norton Stotts: identifica il paziente a rischio di lesioni da decubito, SNG: sondino naso gastrico, PEG: gastrostomia endoscopia percutanea, BLSD: basic life support con utilizzo del defibrillatore, CVC: catetere venoso centrale, CVP: catetere venoso periferico, PVC: pressione venosa centrale, Medtrack: programma informatico aziendale per la gestione dell accesso ospedaliero dei cittadini (ricoveri, esami diagnostici), Oliamm: programma informatico per l approvvigionamento dei farmaci, Reqplan: programma informatico per la gestione delle richieste degli esami strumentali radiologici, Track-care: programma informatico per la gestione della cartella clinica elettronica NRS: Scala Numerica del Dolore VAS: Scala Visiva Analogica del dolore 6 BIBLIOGRAFIA DM 14 settembre 1994 n79 Regolamento concernente l individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell infermiere, Codice deontologico infermiere revisionato 2009, L 42/99 Disposizioni in materia di professioni sanitarie L 10 agosto 2000, n251 Disciplina delle Professioni Sanitaria infermieristiche, tecniche della riabilitazione, della prevenzione nonché della professione ostetrica, M Cantarelli Il modello delle prestazioni infermieristiche, Milano: Edizioni Masson,

14 7 STATO DI REVISIONE DEL PROFILO DI POSTO Prossima revisione INTERFACCE E RAPPORTO: PROFILO DI POSTO :OSS Sul piano organizzativo l'oss che opera presso l'sc ONCOLOGIA/HOSPICE è collocato come segue: INTERFACCIA A MONTE INTERFACCIA A VALLE RAPPORTO FUNZIONALE Direttore della SC Coordinatore infermieristico Infermiere Professionale Addetti al trasporto dei pazienti Operatori della squadra esterna di pulizia Servizi logistici 2 RUOLO PROFESSIONALE: Operatore Socio-Sanitario addetto all assistenza: OSS FINALITÀ DEL RUOLO: L OSS è l operatore che, a seguito dell attestato di qualifica conseguito al termine di specifica formazione professionale, svolge attività finalizzata a: Soddisfare i bisogni primari della persona, nell'ambito delle proprie aree di competenza, in un contesto sia sociale che sanitario; Favorire il benessere e l'autonomia dell'utente; Svolgere attività alberghiere, di pulizia e manutenzione di apparecchi e/o presidi utilizzati dai pazienti, dal personale medico o infermieristico per l assistenza al malato 4 COMPETENZE (generali e specialistiche): L OSS COLLABORA CON L INFERMIERE PER ATTI DI ASSISTENZA DELL AMMALATO, ESEGUE SU INDICAZIONE O IN AUTONOMIA ATTIVITÀ ASSISTENZIALI SEMPLICI PER IL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI DELLE PERSONE RICOVERATE COMPETENZE: E POSSIEDE LE SEGUENTI FUNZZIIONEE:: ASSIISTTENZZA Accogliere e orientare il pz e la sua famiglia al momento del ricovero e accompagnarlo 1 nella stanza di degenza, 14

15 2 Preparare il letto, i presidi, e se necessario aiutare a sistemare gli effetti personali 4 5 Fornire alcune informazioni sia al pz, sia ai familiari sull organizzazione del reparto (orario della distribuzione pasti, orario della visita dei parenti, e dei servizi ospedalieri) Utilizzare con le persone ricoverate e la famiglia modalità comunicative verbali e non verbali atte a stabilire una relazione di fiducia Riportare autonomamente all infermiera i dati utili all assistenza in maniera precisa e tempestiva 6 Assicurare la risposta alle chiamate 7 Sostenere e accompagnare il pz e la famiglia in cure palliative 8 Eseguire gli interventi atti a prevenire le cadute accidentali 9 Eseguire gli interventi atti a prevenire le lesione da decubito (prevenzioni talloni, gomiti, mobilizzazione passiva, utilizzo del MAD) PREPARARE IL MATERIALE E ASSISTERE L INFERMIERE DURANTE: ) CATETERISMO VESCICALE 102) CLISTERE EVACUATIVO 10) medicazioni complesse 11 Supportare l infermiere nelle manovre di emergenza Verificare la quantità di cibo o bevande assunte dandone comunicazione all infermiere, utilizzando il diario alimentare Assicurare l alimentazione e l idratazione per via orale quando non attuabile dal paziente in autonomia Rilevare la temperatura timpanica identificando e riferendo all infermiere i valori discordanti dalla normalità Eseguire la rilevazione della saturazione identificando e riferendo all infermiere i valori discordanti dalla normalità 16 Eseguire le medicazioni semplici (applicazione di pomate e fasciature) 17 Eseguire il trasferimento della persona non autonoma dal letto alla barella-carrozzella e viceversa, anche in presenza di drenaggi, cateteri, fleboclisi, ecc utilizzando correttamente i presidi per la movimentazione carichi (come da protocollo aziendale) 18 Assistere la persona durante la deambulazione anche con l utilizzo di ausili 19 Osservare e riconoscere i sintomi più comuni che il paziente in cure palliative può presentare e riferirli spontaneamente all infermiera 20 Assistere il paziente morente e la famiglia nel momento del decesso 15

16 FUNZZIIONEE:: DOMEESTIICO--ALLBERGHIIERA Possiede le competenze necessarie a: Eseguire correttamente le cure igieniche parziali e totali Eseguire la vestizione e la svestizione del pz Eseguire la preparazione dei pz sottoposti ad esami diagnostici o interventistici Effettuare il posizionamento della persona al tavolo o sul letto per l assunzione dei pasti Applicare le misure per la corretta conservazione e controllo del materiale sterile (IOP 0) Controllare le scadenze del materiale sterile e non, negli armadi di servizio Stoccare flebo e farmaci nei rispettivi armadi o in frigo Controllare le scadenze dei farmaci Pulire e controllare i presidi in dotazione (pompe d infusione, supporti per flebo, ecc) Sanificare e riempire i flussometri per ossigenoterapia Assicurare la detersione e il ripristino dei carrelli utilizzati Effettuare pulizie e disinfezione degli arredi e delle attrezzature dell unità di degenza Provvedere al rifacimento del letto libero e/o occupato Provvedere all approvvigionamento della biancheria Provvedere alla raccolta e all allontanamento della biancheria sporca (come da schema allegato) Compilare la scheda del menu giornaliero rispettando le preferenze dei pz e le restrizioni dietetiche Sanificare utensili e ambienti utilizzati per la preparazione e distribuzione del vitto Compilare i moduli per l economato in collaborazione con l infermiere Stoccare e riordinare il materiale economale Provvedere alla toelette mortuaria, in collaborazione con infermiere e/o famiglia Provvedere alla accolta degli effetti personali del paziente deceduto FFUNZIIONEE:: GEESTTIIONEE 16

17 Conoscere ed applicare protocolli, procedure, istruzioni operative, in vigore relativamente a: 401)Pulizia ambienti come da capitolato 402)Trasporto campioni biologici (PAZ 04 rev0del 15/0/2006 Procedura tecnica per il confezionamento ed il trasporto dei campioni biologici, campioni diagnostici e sostanze infettive) 40)Smaltimento dei rifiuti (Protocollo su differenziazione rifiuti PAZ0 rev0 del 0/06/2006) 404)Smaltimento liquidi biologici 405)Sanificazione e disinfezione di presidi medico (Circolare Direzione Area Ospedaliera Prot6057 del 19/01/2007) 406)Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere 407)Linee guida sull utilizzo di antisettici e disinfettanti (Prot 5277 Sc Farmacia) 408)Decontaminazioni delle superfici 409)Igiene delle mani (Direzione Area ospedaliera edizione 200) 4010)Conoscere ed applicare ogni procedura, istruzione operativa o protocollo in uso o modificato dalla struttura Utilizzare i dispositivi individuali di protezione e prevenzione (guanti, camice, mascherina, occhiali) e attuare la procedura prevista in caso di incidente biologico ( Rischio Biologico Flow Chart decisionale per eventi accidentali : Del N 145 dell ) Rispettare le priorità assistenziali e organizzative come da indicazione dell infermiere e/o del Coordinatore Utilizzare e verificare il corretto funzionamento di apparecchiature e presidi (letti elettrici, presidi antidecubito e presidi per la movimentazione del pz) Segnalare all operatore responsabile i guasti della struttura GESTIONE Socio-relazionale: Mantenere efficaci relazioni interpersonali con collaboratori, colleghi e superiori, attraverso la capacità di integrazione, cooperazione, comprensione e disponibilità verso le esigenze altrui FUNZIONE: FORMAZIONE Mantiene aggiornate le proprie competenze attraverso: - La partecipazione a corsi di formazione e/o aggiornamento - La partecipazione alle riunioni informative/formative Effettuare attività di guida per l inserimento di personale nuovo FFUNZZIIONEE:: CCOMPPETTEENZZE SSPEECCIIALLIISSTIICCHE Essere in grado di: 4 8 Assistere il paziente in cure palliative con attenzione alla personalizzazione dell assistenza 17

18 Rispettare valori, scelte e richieste del paziente e della famiglia Favorire la miglior qualità di vita possibile per il paziente e la famiglia Assicurare l accompagnamento e la vicinanza umana al paziente e alla famiglia 5 BIBLIOGRAFIA: Provvedimento 22 febbraio 2001 "Accordo tra il Ministero della sanità, il Ministero per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano per l'individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell'operatore socio-sanitario e per la definizione dell'ordinamento didattico dei corsi di formazione" 6 STATO DI REVISIONE DEL PROFILO DI POSTO Prossima revisione 2010 Si trasmette di seguito l elenco dei beni presenti presso la RSA di Antey che vengono messi a disposizione del personale del servizio per l effettuazione delle attività attribuite con la seguente procedure di gara Tipo Num Cod Cespite Data Reg Descrizione /08/2008 LAVAPADELLE /08/2008 BANCONE /11/2008 BANCONE /11/2008 APPENDIABITI /11/2008 APPENDIABITI /11/2008 FRIGORIFERO /11/2008 PANNELLO SEPARATORE PER ISOLE /11/2008 CASSETTIERA SU RUOTE /11/2008 CASSETTIERA SU RUOTE /11/2008 POLTRONCINA CONFORME AL DL /11/2008 CESTINO GETTACARTA /11/2008 CESTINO GETTACARTA /11/2008 CESTINO GETTACARTA /11/2008 PENSILE /11/2008 PENSILE /11/2008 TOP /11/2008 ACCESSORI PER ARMADI /11/2008 ACCESSORI PER ARMADI /11/2008 ACCESSORI PER ARMADI /11/2008 ACCESSORI PER ARMADI /11/2008 ACCESSORI PER ARMADI /11/2008 ACCESSORI PER ARMADI /11/2008 ACCESSORI PER ARMADI /11/2008 ACCESSORI PER ARMADI /11/2008 ACCESSORI PER ARMADI /11/2008 ACCESSORI PER ARMADI /11/2008 TELEVISORE A COLORI 18

19 /11/2008 TELEVISORE A COLORI /11/2008 TELEVISORE A COLORI /11/2008 TELEVISORE A COLORI /11/2008 TELEVISORE A COLORI /11/2008 TELEVISORE A COLORI /11/2008 TELEVISORE A COLORI /11/2008 TELEVISORE A COLORI /10/2008 VASCA LAVAGGIO /11/2008 MOBILE /12/2008 CARRELLO /12/2008 CARRELLO PER URGENZE /12/2008 CARRELLO SERVITORE /12/2008 CARRELLO PORTARIFIUTI /12/2008 CARRELLO PORTARIFIUTI /12/2008 CARRELLO PER MEDICAZIONE /12/2008 CARRELLO /12/2008 CARRELLO /12/2008 SET DIVISORI /12/2008 SET DIVISORI /12/2008 SET DIVISORI /12/2008 SET DIVISORI /12/2008 BANCONE /12/2008 POLTRONA LETTO /12/2008 POLTRONA LETTO /12/2008 POLTRONA LETTO /12/2008 POLTRONA LETTO Sono inoltre presenti presso l Hospice n7 letti,dotati di materassi di presidi anti decubito ad alta e media efficacia, mod LTC AVANGUARD 800 della ditta Hill-Rom con le seguenti caratteristiche che si prega di voler prendere attentamente in considerazione anche per quanto riguarda la valutazione dei rischi a cui sono sottoposti gli operatori Il letto AvantGuard è costituito da una piattaforma-letto con funzioni ergonomiche e differenziate all avanguardia che rispondono alle esigenze di gestione del rischio : Guarigione del paziente Benessere del paziente Sicurezza del paziente Condizioni lavorative dell operatore Facilità di manutenzione Durante l articolazione, una serie di 5 movimenti coordinati consente al letto di raggiungere la posizione più ergonomica e confortevole, riducendo la necessità di riposizionare il paziente Migliora la postura ad accellera la guarigione dei pazienti: la configurazione EasyChair consente agli operatori di far assumere ai pazienti la posizione seduta premendo un solo tasto, velocemente e senza fatica, promuovendo cosi la riabilitazione La maniglia di autoposizionamento MobiBar offre sostegno al paziente durante la salita e la discesa dal letto, consentendo all operatore di assistere il paziente in maniera totalmente sicura ll design innovativo delle sponde laterali TotalGuard di AvantGuard consente l utilizzo di una vasta gamma di materassi, senza compromettere la sicurezza e offrendo allo stesso tempo la massima protezione al paziente persino in posizione seduta Il riposizionamento del paziente e la distribuzione della pressione vengono semplificate utilizzando il Trendelenburg elettrico La posizione minima di 40 cm del letto AvantGuard facilita la salita e la discesa del paziente dal letto e riduce la gravità delle cadute dal letto 19

20 Il letto AvantGuard è provvisto di due allarmi di sicurezza: Un allarme acustico di freno disinserito avverte il personale se il freno non è inserito quando il letto è collegato alla parete Il paziente può salire e scendere dal letto in tutta sicurezza solo se il freno è completamente inserito Una spia sul pannello comandi avverte gli operatori quando il letto non si trova in posizione minima Il grande pannello comandi sul braccio flessibile è sempre a portata di mano del paziente e dell operatore e contiene simboli grandi e intuitivi Tali beni vengono concessi in uso solo ed esclusivamente per l effettuazione delle attività previste dal seguente contratto ai sensi del Codice Civile ART 4 - MONITORAGGIO DEL SERVIZIO Il personale della ditta aggiudicataria è tenuto ad osservare scrupolosamente le attività previste dal profilo di posto di cui all articolo del presente capitolato tecnico nonché tutte le procedure adottate e da adottarsi in futuro presso l Azienda USL della Valle d Aosta In particolare il personale verrà valutato secondo i criteri riportati negli allegati 1 e 2 del presente capitolato tecnico Eventuali aggiornamenti del profilo di posto dovranno trovare immediata applicazione nello svolgimento dell attività svolta dal personale Concludendo, al fine di garantire giornalmente il costante monitoraggio della presenza del personale impiegato nella commessa, si richiede che da parte dello stesso venga effettuata la timbratura sui mezzi di rilevazione presenze utilizzati dall Azienda USL Per garantire l assistenza infermieristica domiciliare di cure palliative si richiede che l Infermiere sia dotato di automezzo i cui costi di acquisto, manutenzione nonchè tutte le spese ordinarie e straordinarie necessarie al corretto funzionamento e messa in strada dello stesso siano a totale carico della ditta appaltatrice che di tale onere dovrà tenere conto nella propria offerta economica 20

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Agosto 2004. Pagina 1 di 1

Agosto 2004. Pagina 1 di 1 Progetto per la riorganizzazione dell attività di assistenza infermieristica, ostetrica e di supporto nelle Unità Organizzative del Policlinico S. Orsola-Malpighi Gruppo di lavoro P. Taddia L. Angelini

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO-ALTO ADIGE

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO-ALTO ADIGE DEFINIZIONE DEGLI AMBULATORI EXTRAOSPEDALIERI E DEGLI STUDI PROFESSIONALI SANITARI E INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE PER LE QUALI GLI STUDI DEVONO ESSERE AUTORIZZATI Per AMBULATORI

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli